Adotta la rabbia

Schermata 09-07-2016 alle 7.13.15 am.png
citazione di Joan Chittister

Stavo scrivendo a una mamma adottiva su come noi adottati esprimiamo la rabbia e mi ha ricordato quanto le persone siano spaventate, in generale, da quella "rabbia dell'adottato". Allo scopo di creare una maggiore comprensione di questa emozione fraintesa e temuta, ho pensato di scrivere sul perché la rabbia è una componente valida nel percorso di un adottato e su come le persone possono supportare un adottato in mezzo alla rabbia. Non parlo a nome di tutti gli adottati, ma condivido la mia esperienza.

Non ricordo di essere stato consapevole della mia rabbia legata al mio abbandono fino a quando non ho raggiunto i 20 anni. Ricordo di essermi sentito arrabbiato da adolescente, ma all'epoca la mia rabbia sembrava il risultato di sentirmi confuso riguardo al mio posto nel mondo, di sentirmi come se non fossi adatto, che le persone mi prendessero in giro per il mio aspetto e per essere trattato in modo diverso nella mia famiglia adottiva. So che se qualcuno si fosse avvicinato a me durante quegli anni dell'adolescenza e avesse parlato di adozione o abbandono, l'avrei messo da parte dicendo che non aveva nulla a che fare con come mi sentivo. Ero un adolescente che non aveva idea dei problemi che stavano alla base dei miei sentimenti. La mia famiglia adottiva non ha cercato di cercare problemi diversi dai normali problemi adolescenziali - gli è stato detto che l'amore dovrebbe essere sufficiente - un'era in cui l'adozione e l'abbandono non erano capiti.

Ero l'adottato adolescente che non si è mai ribellato apertamente. Personalità? Direi che è stata la mia paura del rifiuto che ha creato la mia spinta ad "adattarmi" e il mio desiderio di "accettazione" che mi ha spinto ad avere successo a scuola. Il mio sfogo emotivo era la musica. Suonavo il pianoforte tutto il tempo e ricordo che mia sorella adottiva mi ha chiesto di smettere di battere il pianoforte così forte e con rabbia. Guardando indietro, mi rendo conto ora che era il mio unico sfogo e segno di rabbia profondamente radicata e, soprattutto, tristezza. Sicuramente mi sentivo come se non avessi nessuno che mi parlasse di quei sentimenti, per iniziare quelle conversazioni, e forse ero così escluso dal fidarmi di qualcuno istintivamente che non potevo vederli anche se erano di fronte a me. Sono cresciuto con altri bambini a scuola e in chiesa, anch'essi adottati a livello domestico, ma non ricordo alcuna conversazione sui bambini "adottivi", tranne per aver sentito per caso che stavano causando un sacco di problemi ai loro genitori.

Da adulto adottato, conosco personalmente parecchi adottati internazionali che sono cresciuti ribellandosi e facendosi drogare, alcol e sesso. Sono tutte dipendenze in una certa misura che aiutano a seppellire i nostri sentimenti perché sono così opprimenti. Posso capire perfettamente perché ci rivolgiamo a questi comfort e cosa li sta guidando. Per gli adottati, sono i nostri profondi sentimenti di dolore per essere stati abbandonati. Le domande persistenti nella nostra psiche sul perché ci siamo arresi? Le persone sono così accecate dai miti fiabeschi dell'adozione di "famiglia per sempre" e "l'amore è abbastanza" che non vedono i segni così ovvi per un adottato come me. Puoi trattarci come una famiglia per sempre e l'amore è abbastanza, ma NOI non ci sentiamo così. Non per molto tempo. Per i bambini come me, che sembravano ben educati, le nostre lotte passano inosservate, solo per manifestarsi più tardi nella prima età adulta come depressione profonda e tentativi di suicidio o altri sintomi nascosti. Forse i genitori dovrebbero considerarsi fortunati se hanno un figlio che sta recitando - almeno il bambino adottato sta cercando di dirti che c'è qualcosa con cui stanno lottando - è la loro richiesta di aiuto. Per quanto riguarda gli adottati come me, d'altra parte, i miei genitori non avevano idea della profondità delle mie lotte e per qualche ragione sconosciuta sono ancora viva per scriverne. Per quegli adottati che riescono a tagliare definitivamente quei sentimenti ponendo fine a tutto, dico che è una terribile riflessione sulla nostra società nei modi in cui perpetuiamo i miti dell'adozione, non riuscendo a sostenere e offrire l'aiuto e l'accettazione che stanno cercando prima che sia troppo tardi! I miei genitori certamente non si sono mai resi conto che avevo problemi di fondo profondamente radicati che avrebbero potuto beneficiare di un'assistenza guidata. Ho guardato all'esterno come il bambino modello, sempre conforme, che si comportava bene a scuola, nonostante fosse stato beccato per un negozio di sollevamento nella mia prima adolescenza.

La realtà è che la rabbia è una normale risposta emotiva ai nostri straordinari inizi di perdita, distacco, disconnessione, rottura dei nostri legami con la madre che ci ha portato, perdita del nostro patrimonio genetico, sentimenti di non appartenenza alla nostra terra e al nostro ambiente adottivi, sentimenti di spostamento , confusione su dove ci adattiamo esattamente e perché è così difficile lottare con tutti questi sentimenti che nessun altro sembra avere, per non parlare di relazionarsi. A meno che le persone che ci circondano e più vicine a noi non capiscano questa rabbia e non abbiano interesse a "sentire" di cosa tratta questa rabbia, penso che come adottati continuiamo a intensificare i nostri comportamenti nell'esprimere la rabbia in modi poveri e disfunzionali che sabotano ulteriormente le nostre capacità sviluppare relazioni che altrimenti potrebbero essere di supporto.

Un giorno, durante la terapia, mi resi conto che in realtà farmi del male era la mia rabbia rivolta verso l'interno. Gli adottati che mettono in atto la loro rabbia la stanno mostrando, quelli di noi che sono perfezionisti e cercano di conformarsi la rivolgeranno verso l'interno se non c'è un modo appropriato per esprimerla. Quindi, come possiamo aiutare al meglio un adottato con rabbia? Innanzitutto e soprattutto abbiamo bisogno di qualcuno che ci ascolti e accetti che abbiamo un vero motivo valido per provare rabbia. Questo significa non aver paura di sentire la rabbia dell'adottato. Non allontanare il problema dall'adottato e fallo su di te. Conosco molte persone che hanno paura di sentire/vedere/essere su ciò che percepiscono come il destinatario della rabbia – se è così, ti incoraggio a leggere The Dance of Anger di Harriet Lerner. Bloccando il bisogno innato dell'adottato di esprimere quella rabbia, bloccherai anche il suo bisogno di esprimere la sua innata tristezza per la perdita e la disconnessione.

Secondo, non reagire alla rabbia espressa in modo negativo. Se lo fai, questo dà l'impressione che la nostra rabbia sia sbagliata. No, ciò che è sbagliato non è l'emozione e le valide ragioni per questo, ma il modo in cui trasformiamo quell'energia di rabbia sugli altri o su noi stessi. Ciò di cui abbiamo bisogno quando esprimiamo rabbia è qualcuno che convalidi e confermi che la nostra rabbia è ok e che alla base di essa c'è il nostro dolore e la tristezza per essere stati abbandonati.

Terzo, una volta che permetti alla rabbia di esistere, potresti essere sorpreso di vederla trasformarsi in lacrime di cruda tristezza, dolore e dolore. Questo è quando abbiamo bisogno di una bella coccola di accettazione che offra conforto e dimostri che stai condividendo il nostro dolore con noi.

Come adottati, se riceviamo costantemente il messaggio apertamente o segretamente che la nostra rabbia non va bene, ci stai riflettendo che non va bene essere chi siamo. Siamo il risultato di un inizio terribile, quindi naturalmente la nostra psiche deve risolverlo e trovare un modo per guarire. Se blocchi la rabbia, l'adottato non raggiungerà mai l'altra estremità dello spettro di guarigione perché la rabbia è la nostra emozione secondaria alla tristezza. Se abbiamo troppa paura di esprimere la nostra tristezza, la esprimiamo come rabbia. Se non puoi sentire la nostra rabbia, non sarai in grado di sentire la nostra tristezza. Se non riusciamo mai ad esprimere la nostra tristezza e il nostro dolore, non riusciremo mai a risolvere i nostri inizi.

Il messaggio che sto cercando di trasmettere è per favore non aver paura della nostra rabbia o cercare di impedirne l'espressione. Una volta che la nostra rabbia viene ascoltata, non saremo così esplosivi o reattivi. È come stappare una bottiglia di vino, se lasci uscire la rabbia, il vino diventa bello e si addolcisce. Ora non sto dicendo che dobbiamo solo sfogare la nostra rabbia una volta, no, a volte abbiamo bisogno di più volte per esprimere questa rabbia ed essere "ascoltati" e ascoltati. Nella mia esperienza, il potere di guarigione per me è venuto dall'essere in grado di raccontare la mia storia in cinquanta modi diversi a cinquanta pubblici diversi. Era la conferma di cui avevo bisogno. Avere persone che vengono da me ed empatizzano e danno quella comprensione che ho sempre cercato. Dopo un po' di conferme da parte delle persone, ho imparato che i miei sentimenti erano ok e che non dovevo scappare da loro. Ho imparato che era bello ascoltare la mia rabbia interiore, ma il trucco era trovare un metodo appropriato per incanalare l'energia e trasformarla in qualcosa di utile per noi stessi. Per me, era creare una rete di supporto per altri adottati che stavano lottando come me. Per altri, potrebbe essere uno sfogo artistico, musica, scrittura, qualsiasi cosa ci permetta di esprimere la rabbia e la tristezza in modo sano e sicuro.

Quanto sopra è scritto specificamente per la rabbia dell'adottato basata solo sulla ferita di abbandono iniziale. Se un adottato viene ulteriormente ferito, maltrattato, razzista oltre al suo abbandono, allora ovviamente la rabbia viene aggravata da questi fattori causali aggiuntivi. Inoltre, non sto sostenendo la violenza che è la rabbia manifestata nei confronti degli altri o giustificando un'adottato che ferisce intenzionalmente gli altri a causa della loro "rabbia". Sto semplicemente scrivendo di un argomento molto frainteso specifico per l'adozione internazionale e spero di condividere alcune informazioni sul motivo per cui mostriamo rabbia, da dove proviene e come potresti aiutarci a risolverlo in modo sano.

Il mio desiderio è vivere in un mondo in cui la rabbia di un adottato sarà ascoltata per quello che è, cioè invece di etichettarci e respingerci perché le persone hanno paura della forza dell'emozione, invece ci abbraccerebbero e confermerebbero che abbiamo ogni motivo per sentirsi triste e arrabbiato. Se la nostra rabbia viene accolta, ci consentirai di guarire noi stessi rimanendo fedeli ai nostri sentimenti e di iniziare a connetterci veramente a te e condividere i nostri bisogni più profondi abbracciando chi siamo nel nostro nucleo più profondo.

6 Risponde a “Adoptee Anger”

  1. maryleesdream – Questo sono io, subito dopo che sono stato affidato alla mia famiglia adottiva. Sono stato con mia madre in ospedale per 5 giorni, poi in una casa adottiva per 3 settimane. Questa era la mia terza casa e mia madre in 1 mese. Sembro felice?
    iwishiwasadopted ha detto:

    Mi sento allo stesso modo. La mia famiglia non vuole avere niente a che fare con me perché sono arrabbiata. Sono anche una mite 52enne sposata madre di 4 figli. Sono davvero così spaventosa? Non capisco. Abbiamo il diritto di essere arrabbiati, abbiamo perso tutto.

  2. Davvero ben detto. Non credo che tutti noi ci comportiamo con rabbia, ma hai ragione, molto. Ho agito con tristezza, disparità per essere accettato. Ho dato tutto ciò che avevo per ottenere un sentimento di amicizia o attenzione da qualcuno: i miei effetti personali, il mio corpo.

    Sono uscito di casa a 15 anni.

    La perdita di connessione fisica ed emotiva con la propria madre è profonda. Siamo troppo giovani per capire in quel momento… ma certamente è portato con noi in un senso profondo e toccante.

    Ho incontrato la mia madre naturale. L'ho vista spesso negli ultimi 20 anni circa. Era assolutamente orribile con me. L'ho guardata disperatamente con soggezione perché facevo parte di qualcuno... che somigliavo a qualcuno... volevo che lei mi amasse. Purtroppo, non era capace di amare. Le ho dato tutto me stesso. Soldi, tempo, lacrime e poi un funerale.

    Morì a 54 anni per una storia di abuso di alcol.

    Rifiutato di nuovo. A volte semplicemente non appartieni mai.

  3. Sono la madre di un adottato arrabbiato. Capisco nella misura in cui posso, ma sento che la rabbia dovrebbe essere una fase, non un modo di vivere. Anch'io ho vissuto una perdita che sembra un abbandono sulla via della morte: mio fratello, la mia matrigna, mia cognata e diversi nonni, oltre a 2 aborti spontanei prima dei 30 anni. 20 anni dopo potrei ancora essere arrabbiato ma la rabbia è un fase del dolore, da attraversare, non un posto dove vivere.

    1. Lynn, senza mancare di rispetto, il dolore che hai provato per aver perso una persona cara non è lo stesso di un adottato. Per non dire che neanche il dolore è peggio. Solo diverso e non dovrebbe essere confrontato. Il dolore causato dalla morte è socialmente accettabile. Anche quando una persona non ha nessuno che la sostenga dopo la morte di una persona cara, siamo cresciuti in una società che dice che va bene addolorarsi per la morte. Ci sono molte risorse online ecc. o strumenti per aiutarti. Gli adottati, tuttavia, ricevono il messaggio da ogni canale che l'adozione è positiva e che a noi non viene dato alcun aiuto per il lutto. Quando vengono menzionati aspetti negativi, sono considerati piccoli e brevi. L'adozione è permanente e non può mai essere cambiata. La persona non si conosce mai senza il trauma della separazione. Come può questo non influenzare lo sviluppo del cervello? La ricerca mostra che il trauma precoce colpisce il cervello di un bambino. Molte cose possono scatenarsi, in particolare se sei un adottato da un paese all'altro e potresti subire razzismo. Le microaggressioni fanno parte della vita quotidiana e il solo camminare per strada può ricordarci che siamo stati adottati e che siamo diversi, non apparteniamo, siamo stati "ceduti" ecc. se non viviamo in un'area culturalmente diversificata. Non sto dicendo che gli adottati dovrebbero ferire gli altri, ma non credo che nessuno abbia il diritto di porre limiti ai sentimenti di qualcun altro. Gli adottati hanno bisogno di modi sani per esprimere la rabbia, come ha scritto Lynelle in questo articolo, e anche di convalida e compassione. In effetti, tutti in questo mondo hanno bisogno di queste cose! Confrontare la propria esperienza come non adottato che affronta un dolore non correlato all'adozione con un adottato e giudicare l'adottato problematico è una delle ragioni per cui gli adottati hanno difficoltà a guarire. Siamo considerati il problema e non riceviamo compassione.

  4. Grazie Brooke! L'hai detto bene. Anche Lynn .. il tuo commento "la rabbia è una fase del dolore" un posto dove passare ma non vivere .. Penso che sia lì che io e Brooke stiamo cercando di aiutare le persone a capire che l'adozione non è una fase .. è una viaggio lungo tutta la vita che è imposto agli adottati e quindi con tutte le sue intrinseche perdite (molte delle quali riusciamo a comprendere appieno solo nelle nostre fasi di vita molto più antiche), i sentimenti di rabbia e tristezza possono a volte essere una costante. E per me, sicuramente i miei sentimenti di rabbia ora a 40 anni sono molto diversi dalla rabbia che provavo a 20 anni. Ora la mia rabbia riguarda molto di più il quadro generale dell'adozione internazionale: i poteri strutturali che creano disuguaglianza e provocano la separazione delle famiglie per cominciare. I governi che chiudono un occhio sulle pratiche illecite. Quindi, rispetto alla rabbia che provavo a metà degli anni '20, che era a un livello più personale e individuale, è diversa dalla rabbia che provo ora. Ora, sento migliaia di esperienze di vita di adottati internazionali e provo una rabbia diversa perché ora è un'esperienza collettiva di dolore, perdita, sofferenza – e quindi sì, la rabbia è ancora più convalidata. Oggi mi arrabbio per gli adottati che vengono deportati nella loro terra natale dopo oltre 40 anni; Oggi mi arrabbio per gli adottati che vengono uccisi o feriti e rimpatriati dalle loro famiglie adottive; mentre a 20 anni ero arrabbiato solo a causa della mia famiglia adottiva e dell'esperienza di vita personale. Quindi la mia rabbia e tristezza nell'adozione non è sicuramente una fase.. più gli adottati si connettono e condividono, più mi rendo conto che la rabbia è un'emozione salutare perché ci motiva a fare i cambiamenti e a spingere per eliminare i problemi che hanno causato molti per diventare "orfani" o fabbricati orfani per cominciare. Vedo la moltitudine di organizzazioni guidate dagli adottati che vengono create in tutto il mondo come un'espressione della nostra rabbia e tristezza. Se come dici tu la rabbia dovrebbe essere solo una fase, allora la nostra fase o fase di rabbia come collettivo si dissiperà solo quando l'adozione internazionale verrà modificata in modo che non siamo più una merce e quando le pratiche illecite verranno fermate e sarà data giustizia a coloro che sono stati costretti a vivere l'esperienza.

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%