25 anni nei Paesi Bassi

di Jowan Kooijman, adottato dalla Corea del Sud nei Paesi Bassi. di Jowan sito web fornisce altre poesie e scritti sull'adozione.

Giovan

Una giornata con doppi sentimenti di smarrimento e solitudine

25 anni in Olanda

Corea vs Olanda
Venticinque anni fa sono venuto al mondo con nove settimane di anticipo.
Ho impiegato molto tempo per crescere.
Dovevo sopravvivere, così potevo vivere e respirare.
Era il bozzolo che era carino, ma si è rotto presto.
È la mia base che è stata disturbata all'inizio e ciò che non poteva esserlo.
Venticinque anni fa ho avuto una nuova casa, ma lì non mi sono mai sentito a casa.
Era la mia identità che non conoscevo più.
Improvvisamente ero un olandese e il mio nome non era più Joon-Hwan, ma Jowan.
È stata l'educazione che ha sostituito la natura e tutto ciò che non sapevo, dovevo imparare.

Il cambiamento (regolazione)
Il trasferimento avvenuto in passato è sistematicamente cambiato molto.
Anche adesso, a distanza di anni, è ancora tangibile ma soprattutto visibile.
È il mio io più giovane che ha lottato per assimilarmi perché ho dovuto lasciare presto il mio posto e lottare per prendere il mio posto.
Perché se ti aggiusti, perdi delle cose.
Perdere qualcosa dice qualcosa sulla distanza e sull'adattamento, che non è sempre sicuro. La perdita consiste nel lasciare andare ciò che ami e chi ami.

Venticinque
Venticinque anni fa, poco prima di Natale, venni nei Paesi Bassi.
Abbracciato con amore e ricevuto come un dono prezioso.
Adesso a venticinque anni di distanza posso concedermi la vita perché conosco anche l'altra parte e non è sempre stato facile.
Il duro lavoro e la disciplina erano i principi fondamentali per andare avanti.
Ho anche imparato a dare valore alle piccole cose, perché le piccole cose possono fare una grande differenza.

Cosa ho perso quando sono stato adottato

Oggi mi guardo intorno e non ho una famiglia in vista. Ero lacerato alle radici quando sono nato nelle Filippine in condizioni di indigenza nel 1985, sono rimasto orfano alla nascita e adottato nel 1987.

In duplice modo, il mio processo di adozione internazionale aveva sistematicamente cancellato la mia intera eredità e la conoscenza dei miei antenati. Mentre mi legavo permanentemente a persone che non avevano alcun interesse a preservare o mantenere intatta la mia nazionalità e cultura di nascita.

Non so perché ciò sia dovuto accadere durante il processo di adozione.

Perché il passato doveva essere cancellato in modo così efficiente come se non fosse mai esistito.

Perché tutto questo doveva essere cancellato?

Le narrazioni dei miei nonni, le narrazioni dei miei bisnonni, le voci di tutta la carne e il sangue e le ossa che hanno fatto il mio DNA oggi.

Perché le loro storie hanno dovuto lasciarmi?

Era perché ero marrone?

È stato perché sono nato nelle Filippine, che nella storia è sempre stato un paese in via di sviluppo, emarginato con un passato colonizzato?

Era perché ero un bambino vulnerabile che non aveva voce in capitolo o diritti sulla mia stessa vita in quel momento? Era perché i miei ricordi e la mia identità non avevano importanza?

Ho dovuto essere separato dal mio paese di nascita e dalla lingua materna del mio paese di nascita per essere salvato da una famiglia più privilegiata?    

E perché le restanti informazioni biografiche erano così incredibilmente inutili e irrilevanti? E perché ho dovuto aspettare fino all'età di 18 anni per ricevere anche quelle informazioni, quali parti di esse, ho scoperto in seguito da una riunione con la mia madre naturale, non erano nemmeno vere.

Mi sto lamentando perché sono rimasta orfana?

O mi sto lamentando perché c'erano parti di questo processo di adozione che era sistematicamente disumano, inclusa l'adozione di me da una coppia caucasica del Midwest che non aveva mostrato alcun interesse a preservare la mia eredità culturale o a mantenermi in contatto con la lingua del mio paese natale. Come mostra, anche in quella documentazione di adozione, non avevano alcun interesse per la mia eredità.

Non sapevo che se avessi mantenuto questa connessione quando ero un bambino marrone vulnerabile e sostanzialmente acquistato da una famiglia bianca privilegiata, sarei stato in grado di tornare nelle Filippine nella mia età adulta, il mio paese natale, e avrei essere in grado di parlare fluentemente, il che mi avrebbe dato un percorso molto più semplice per rivendicare la mia cittadinanza.

Anche il mio nome di nascita, perché i miei genitori adottivi che non mi hanno mai conosciuto hanno improvvisamente avuto il diritto di cambiare il mio nome di nascita quando mi hanno adottato/acquistato?

Perché erano stati dati loro dei diritti?

Quali diritti mi sono stati sottratti in questo duplice processo?

Dove è andata a finire la mia cittadinanza nel mio paese natale quando sono stata adottata?

Perché tutto questo ha dovuto lasciarmi quando sono stato adottato?

Puoi leggere l'articolo di Stephanie: Sulla strada del recupero, seguila a Weebly o Instagram @starwoodletters.

Una veglia per Christian Hall, 1 anno dopo

Il 30 dicembre 2021, dalle 19:00 alle 21:00 CST, ci siamo riuniti nell'applicazione dei social media, Clubhouse per partecipare a una veglia online, creata e guidata dall'adottato vietnamita Adam Chau. L'evento è stato organizzato in collaborazione con la famiglia di Christian Hall che ha creato le veglie fisiche di persona in varie città degli Stati Uniti. Lo scopo delle veglie era quello di onorare la vita di Christian, sensibilizzare e riunire le comunità colpite in solidarietà per cercare Giustizia per Christian Hall. Puoi leggere i loro ultimi articoli qui e qui.

Alcuni ospiti adottati sono stati invitati a condividere i nostri pensieri per la veglia online: Kev Minh Allen (Vietnamita americana adottata), Lynelle Long (Adottato australiano vietnamita), Kayla Zheng (adottato cinese americano), Lee Herrick (Coreano americano adottato).

Condivido con voi ciò di cui ho parlato in onore di Christian Hall.

Mi chiamo Lynelle Long, sono la fondatrice di Intercountry Adoptee Voices (ICAV). Vorrei ringraziare Adam Chau per aver organizzato questo evento online oggi in onore di Christian. Grazie Nicole, la cugina di Christian che è alla nostra chiamata, per averci permesso di partecipare a questa veglia. Mi dispiace tanto per la perdita della tua famiglia! È un privilegio poter parlare. Sono una persona con un'esperienza vissuta di adozione internazionale e, come Christian Hall, sono di origine cinese … tranne che sono nato in Vietnam e adottato in Australia, mentre lui è nato in Cina e adottato negli Stati Uniti.

Il filo conduttore che mi unisce a Christian Hall è che entrambi abbiamo vissuto l'abbandono da bambini. Non importa che età abbiamo, per un adottato, la perdita della nostra prima famiglia come abbandono/rinuncia è un'esperienza cruda e dolorosamente traumatica. Rimane con noi per tutta la vita sotto forma di sensazioni corporee e si attiva facilmente. Quando ciò accade, queste sensazioni inondano il nostro corpo come paura, panico, ansia.

Peggio ancora è che quando il nostro abbandono avviene da bambini, non abbiamo sviluppato un linguaggio come modo per comprendere la nostra esperienza. Rimaniamo semplicemente con i sentimenti pre-verbali (sensazioni corporee). Mi ci sono voluti più di 20 anni prima di leggere il primo libro, The Primal Wound di Nancy Verrier, che ha cambiato la mia vita in termini di comprensione dell'impatto che l'abbandono e l'adozione hanno avuto su di me. Quel libro è stato il primo ad aiutare a dare parole all'esperienza che avevo provato fino a quel momento, come un'esperienza del tutto somatica, come sensazioni sgradevoli nel mio corpo, che non avevo capito, da cui avevo passato la vita scappando ogni volta sono riemersi.

L'altro filo conduttore che mi unisce a Christian Hall è che entrambi abbiamo sperimentato ideazioni e tentativi suicidi. Per lui, significava tragicamente la fine della sua vita da parte degli agenti di polizia che non capivano i suoi traumi. Per me, dopo numerosi tentativi falliti e finire al pronto soccorso, ha significato un lungo processo di risveglio al trauma che avevo vissuto. Più di 20 anni dopo, ho trascorso la maggior parte di questo tempo ad aiutare a risvegliare la nostra società su cosa sia veramente l'adozione per noi, la persona adottata.

Essere adottati non ci lascia mai. Potremmo provare a scappare e fingere che non abbia alcun impatto, ma nel profondo del nostro nucleo, il nostro abbandono collega quasi ogni aspetto del nostro essere - soprattutto, come ci connettiamo o meno con gli altri intorno a noi e con noi stessi. Al centro, gli adottati internazionali sperimentano la perdita di identità, razza e cultura. A meno che non abbiamo intorno a noi supporti che ci comprendano e ci aiutino a superare presto il trauma dell'abbandono, inciampiamo nel buio, completamente inconsapevoli di come il nostro abbandono ci colpisce. Molti adottati lo chiamano "essere nella nebbia" fino a quando non ci svegliamo. Oggi, decenni dopo che Nancy Verrier ha scritto per la prima volta il suo fantastico libro, ora ne abbiamo molti, molti libri scritti da adottati chi sono gli esperti della nostra esperienza vissuta. Questi libri sono una testimonianza scritta delle complessità che viviamo attraverso l'adozione e dell'impatto che hanno su di noi.

Negli ultimi 2 mesi, ho lavorato con altri per parlare degli impatti dell'abbandono e del trauma dell'adozione e del collegamento diretto al rischio di suicidio. Riconosco che la famiglia di Christian non collega la sua tragica morte al suicidio, ma sospetto che i suoi sentimenti di abbandono siano stati innescati quando eventi chiave lo hanno portato a trovarsi sul ponte quel giorno. Spero che più famiglie adottive si istruiscano sulle complessità in cui viviamo come persone che si disconnettono dalle nostre origini tramite l'adozione internazionale. Siamo quasi 2 milioni in tutto il mondo e stiamo parlando in massa per aiutare il mondo a capire che non è un'esperienza di arcobaleni e unicorni. Abbiamo bisogno di supporto permanente da professionisti formati in materia di trauma e adozione. Solo in America ci sono centinaia di migliaia di adottati internazionali: l'America rimane il più grande paese ricevente al mondo. Troppi stanno lottando emotivamente ogni giorno, eppure negli Stati Uniti non esiste ancora un servizio di consulenza nazionale gratuito per gli adottati internazionali e le loro famiglie. Inoltre, negli Stati Uniti non esiste un centro nazionale di supporto post-adozione finanziato per aiutare gli adottati internazionali a crescere fino all'età adulta e oltre. Non è un enorme difetto il fatto che il più grande importatore di bambini al mondo non disponga di un sostegno permanente interamente finanziato, equo e liberamente accessibile? come può l'America aspettarsi risultati positivi per i bambini che sono tra i più vulnerabili se non finanziamo ciò che sai di cui hanno bisogno?

Non ho mai conosciuto Christian personalmente. L'ho scoperto solo attraverso la sua morte. Vorrei averlo conosciuto. Dai molti adottati internazionali con cui mi connetto, so che guadagniamo così tanto emotivamente dall'essere connessi ad altri proprio come noi. Essere in contatto con i nostri coetanei aiuta a ridurre quei sentimenti di isolamento, ci aiuta a capire che non siamo gli unici a vivere la vita in questo modo, ci aiuta a connetterci a fonti di supporto e convalida che sappiamo ha funzionato. Vorrei che Christian avesse incontrato la nostra comunità. Non saprò mai se avrebbe fatto la differenza che lui non fosse lì quel giorno su quel ponte. Come adottato, sospetto che Christian molto probabilmente volesse aiuto quel giorno, un aiuto per alleviare la sua anima addolorata, non la morte. 

Inoltre, prendiamoci un momento per ricordare la sua famiglia biologica in Cina. Se hanno mai avuto davvero una scelta nella sua rinuncia, probabilmente non lo sapremo mai, ma dalla mia conoscenza in questo campo, molto probabilmente non è così. L'adozione di Christian fu probabilmente il risultato del L'era della politica 1-Children in Cina dove migliaia di famiglie sono state costrette ad abbandonare i propri figli, molti dei quali sono finiti all'estero adottati come cristiani. Per favore, prenditi un momento per considerare che, attraverso l'adozione, la sua famiglia biologica non ha nemmeno il diritto di sapere che è morto. 

La parodia dell'adozione è che il trauma è vissuto da tutti nella triade (l'adottato, la famiglia adottiva, la famiglia biologica) ma i traumi continuano a non essere riconosciuti e non sono supportati sia nei nostri paesi adottivi che in quelli di nascita. Dobbiamo fare di meglio per prevenire l'inutile separazione delle famiglie e, dove è necessaria l'adozione, garantire che le famiglie intraprendano un'educazione all'adozione, conoscendone appieno le complessità e avendo accesso gratuito equo per tutta la vita ai supporti professionali necessari.

Il mio enorme ringraziamento alla sua famiglia allargata e immediata per essere stata coraggiosa e essersi aperta attraverso tutto questo trauma e aver permesso queste veglie in cui la sua vita e la sua morte possono essere onorate per il bene più grande. Onoro il dolore e la perdita che hanno vissuto e li ringrazio immensamente per aver permesso alla nostra comunità internazionale di adottati di unirsi a loro per sostenerli.

Grazie.

Se desideri sostenere la famiglia di Christian e la loro spinta per la giustizia, firma la petizione qui.

Se desideri comprendere meglio le complessità coinvolte nell'adozione internazionale vissuta dagli adottati, il nostro Risorsa video è un ottimo punto di partenza. Non sarebbe fantastico creare una risorsa come questa per aiutare a educare i primi soccorritori a comprendere meglio le crisi di salute mentale che vivono gli adottati.

Adozioni e suicidio a Natale e Capodanno

Natale e Capodanno sono un periodo in cui di solito ci riuniamo come famiglie, festeggiamo e ci ritroviamo. Per alcuni adottati, questo è un periodo dell'anno particolarmente difficile perché non tutti siamo strettamente legati alle nostre famiglie (di nascita o di adozione). Spesso è questo periodo dell'anno che può essere il più difficile perché fa emergere sentimenti dolorosi di non essere strettamente collegati .. a nessuno. Può ricordarci come non "ci adattiamo", come siamo per sempre negli spazi intermedi, o quanto poco siamo capiti dalle stesse persone che ci hanno cresciuto o ci hanno fatto nascere.

Lutto per il figlio del passato di Dan R Moen (adottato filippino)

L'adozione si basa fortemente sulla perdita: la perdita delle nostre origini, la perdita di sapere da chi veniamo e perché, la perdita della nostra cultura e delle tradizioni a cui siamo nati, la perdita delle nostre famiglie allargate. E l'adozione non sempre sostituisce tutto ciò che abbiamo perso. Anche l'adozione è fortemente basata sul trauma: è il trauma che le nostre generazioni hanno attraversato che spesso ci portano ad essere abbandonati per qualsiasi motivo. Oppure può essere il trauma che ha attraversato il nostro Paese, conseguenza di guerre, carestie, disastri naturali, ecc. Noi adottati portiamo queste perdite e traumi dentro di noi, spesso non siamo consapevoli di portarli, finché non facciamo un tuffo profondo nelle nostre origini e riconnetterci ad alcuni dei nostri sentimenti più primordiali di abbandono e dolore.

In questo periodo di Natale e Capodanno, spero che possiamo essere consapevoli dei nostri compagni adottati per i quali questo può essere un periodo dell'anno particolarmente stimolante. L'anno scorso in Europa il team di adottati che sono terapisti presso AFC sapeva almeno 6 adottati dai loro circoli immediati che si sono suicidati tra Natale e Capodanno. Quest'anno, a livello globale chissà quali saranno i nostri numeri, perché abbiamo anche vissuto un altro anno difficile con COVID-19 e questo ha ulteriormente aumentato il senso di isolamento per molti, adottati o meno.

Ho appena finito di partecipare a due eventi importanti quest'anno per aumentare la consapevolezza della connessione tra l'essere adottati e l'esperienza di sentimenti o azioni suicidari. Il primo è stato un webinar con un'esperienza vissuta in cui abbiamo condiviso apertamente. Puoi vederlo qui:

Il secondo, che ha seguito il nostro primo, è stato un evento su Twitter in cui molti di noi hanno condiviso la nostra esperienza vissuta e i pensieri che puoi leggere qui come riassunto sveglia.

Un enorme ringraziamento all'organizzazione sponsor Sopravvissuti Uniti e madre adottiva internazionale Maureen McCauley a Storie della luce del giorno, che ha organizzato questi 2 eventi incredibilmente potenti e tanto necessari.

Volevo condividere le mie risposte alla domanda 4 che ci chiedeva, per i compagni adottati che stanno lottando, cosa direi? La mia risposta è:

Non sei solo! Molti di noi sono stati in quello spazio, so quanto sia difficile trovare una via d'uscita, ma è possibile. Rivolgiti ai tuoi spazi di supporto tra pari: ce ne sono così tanti. Se hai bisogno di aiuto per trovarli, ICAV ha un elenco di organizzazioni guidate da adottati internazionali Intorno al mondo.

Inoltre, non abbiate paura di cercare di trovare un professionista della salute mentale. Può fare un'enorme differenza essere supportati da qualcuno formato per comprendere la nostra esperienza vissuta. Se hai bisogno di aiuto per trovarli, ICAV ha un elenco globale di supporti post adozione come un ottimo punto di partenza.

L'adozione inizia con i traumi e la maggior parte della nostra vita la passiamo a disfare le valigie e a dare un senso alla nostra vita, chi siamo, come siamo arrivati qui. Ma una volta che ci circondiamo di sostegno e ci impegniamo a lavorare su quelle parti dolorose, la nostra vita può cambiare e POSSIAMO trovare guarigione e connessione.

Inizia con noi stessi, ritrovando la connessione con noi stessi – chi siamo nati per essere, non necessariamente chi siamo adottati per essere.

La nostra vita come adottati non deve essere controllata per sempre dai nostri inizi, ma è così importante non negare e ignorare il dolore, ma offrire al tuo bambino ferito interiore uno spazio in cui il suo dolore può essere ascoltato e dove può iniziare la guarigione.

Il mio messaggio per le famiglie adottive e i professionisti che faticano a capire come/perché gli adottati possono sentirsi suicidi, consiglio vivamente di guardare il nostro serie di video che copre i temi universali che ho osservato, riflessi attraverso le storie che molti adottati hanno condiviso con me negli ultimi 20 anni. È COS importante che gli adottati si sentano ascoltati, convalidati e abbiano lo spazio per condividere dai nostri cuori, senza giudizio o aspettativa.

Parte della visione che ho creato e che ho ancora per ICAV rimane molto vera in questo periodo dell'anno:

Un mondo in cui gli adottati internazionali esistenti non sono isolati o ignorati, ma supportati dalla comunità, dal governo, dalle organizzazioni e dalla famiglia durante l'intero percorso di adozione.

Adozione: non un'impostazione predefinita

di Maria Cardaras, adottato dalla Grecia negli USA.

Il diritto legale all'aborto negli Stati Uniti pende ancora una volta precariamente sul precipizio verso il grande baratro oscuro. E ancora una volta, poiché questi dibattiti si intersecano e spesso sono accoppiati, l'adozione è tornata al punto di ebollizione nei circoli dei social media, sui giornali e in televisione. Questo perché il giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti Amy Coney Barrett, madre di sette figli, due dei quali adottati da Haiti, si è fatta strada nella questione dell'adozione mentre ascoltava un caso del Mississippi sull'aborto. Ha chiesto se “l'adozione piuttosto che l'aborto 'allevierebbe il peso della genitorialità'”. In questa domanda sembra aver rivelato pienamente la sua mano. È anche riuscita a suscitare grandi passioni nella comunità degli adottati, in lungo e in largo, per l'adozione stessa e il nostro rispetto per essa.

L'aborto è un'opzione legale per le donne e dovrebbe rimanere tale. Ma l'adozione non è un'impostazione predefinita per l'aborto. Né dovrebbe essere considerato come un'alternativa automatica, sicura e risolutiva a qualsiasi domanda su come assumersi la responsabilità per un bambino. Abbiamo bisogno di aggiustare in modo permanente ciò che affligge la pratica e la narrativa dell'adozione, che sembra essere molto.

La realtà è che l'adozione ha effettivamente danneggiato milioni di bambini per decenni perché i bambini sono stati trattati come merci ed esperimenti. Abbiamo infantilizzato i genitori naturali. Li abbiamo viziati in alcuni casi. E abbiamo deciso che l'establishment bianco, che lavora e gestisce la vita dei bambini nelle organizzazioni e negli ambienti istituzionali di tutto il mondo, che interessano numerose comunità etniche, razziali e indigene, sappia meglio. Non lo fanno.

Sappiamo; noi, la grande, vasta diaspora di adottati, me compreso, sappiamo che la vita dei bambini e il loro futuro sono ancora compromessi e maltrattati senza pensare sia al bambino che alla madre naturale. La madre è spesso resa "incapace". I bambini mancano di arbitrio. E quanto a coloro che credono che l'adozione sia sempre un gesto disinteressato, una soluzione a un problema indotta dall'amore, non hanno una chiara comprensione delle ripercussioni e delle conseguenze della decisione di rinunciare a un bambino. Grazie alla scrittrice Gabrielle Glaser e al suo libro rivoluzionario, bambino americano, per aver portato il lato nefasto dell'adozione, attraverso una storia straziante, dall'oscurità e dalla vergogna, alla luce del giorno. Quel libro e quell'autore hanno cambiato il discorso e dobbiamo continuare a parlare. 

“Oggi è solo un giorno in tutti i giorni che mai saranno. Ma quello che accadrà in tutti gli altri giorni che mai verranno può dipendere da quello che farai oggi". Questa citazione iconica di Ernest Hemingway da Per chi suona la campana mi taglia sul vivo mentre considero la mia stessa madre naturale adolescente proprio nel momento in cui ha preso la decisione che avrebbe cambiato per sempre la sua giovane vita e la mia. Con mano su carta e penna, mi ha firmato via, sia per incoraggiamento o forza o resa emotiva e puro esaurimento, non le è mai stata data la possibilità né alcuna conversazione onesta e aperta sulla sua scelta e quali potrebbero essere le conseguenze indesiderate della sua decisione.

Gli adottati hanno sentito più e più volte sia l'argomento "hai avuto una bella vita" sia il sentimento allegro "sei stato così fortunato". Entrambi questi possono essere veri per molti di noi, ma non hanno nulla a che fare con una madre che prende la decisione profonda e dolorosa di consegnare la sua carne e il suo sangue a degli estranei. E non hanno niente a che fare con un bambino adottato che cresce fino a diventare un adulto adottato e si sente in vari gradi, per ragioni diverse e in momenti diversi, separato dal proprio passato, per quanto breve possa essere stato, e di cui meritano di conoscere appieno. Da chi veniamo e perché è di vitale importanza e necessario per la nostra crescita, sviluppo e benessere psicologico a lungo termine.

Sono stato uno dei 4.000 adottati di origine greca che sono stati esportati dal nostro paese di origine tra il 1948 e il 1970. Alcuni di noi erano adozioni motivate politicamente. Alcune erano adozioni legali. Molti sono stati fatti per procura. Alcuni di noi erano bambini rubati. Alcuni di noi sono stati venduti e mercificati da medici, avvocati e sacerdoti che hanno agito da intermediari. Alcuni sono stati separati dai fratelli. Alcuni di noi sono stati strappati da gemelli e gemelli identici. Tutti noi siamo stati presi dalle nostre madri. Alcuni di noi sono stati presi da entrambi i genitori.

Nessuno ha mai pensato a noi, fino ad ora; su cosa ci è successo, perché ci è successo e cosa sentiamo e pensiamo a riguardo. Grazie a Gonda Van Steen e al suo libro Adozione, memoria e guerra fredda in Grecia: Kid pro Quo? per averci portato fuori dall'ombra. Questo libro sta creando increspature che si trasformeranno in onde di cambiamento in Grecia e forse per tutte le adozioni internazionali. 

Rispetto alle comunità di adottati provenienti da Cina, Corea del Sud, Vietnam, Guatemala e altri paesi del mondo, siamo stati tra le prime (probabilmente anche le primissime) e più antiche comunità etniche che fornivano bambini, in massa, a coppie senza figli; agli ebrei dopo la guerra, che non riuscivano a trovare bambini ebrei dopo l'Olocausto, ai greci che volevano bambini greci e ai non greci, che sapevano che c'era un eccesso di bambini in Grecia, dopo due guerre, da prendere.

Siamo un piccolo gruppo, ma ora un gruppo potente che sta invecchiando e sta diventando più vocale e mobilitato per quello che ci è successo. Nella maggior parte dei nostri casi, i nostri genitori adottivi sono morti. E ora il tempo sta finendo per noi; per le riunioni, per incontrare i genitori naturali e i familiari che si sono ricordati di noi, che ci hanno amato, a cui siamo mancati, che si sono ricordati di quello che è successo e possono raccontare le nostre storie. Cerchiamo giustizia riparativa in tutte le questioni di identità, il che significa accesso facile e aperto ai nostri certificati di nascita, a tutti i nostri registri, alle nostre storie personali e vogliamo che la nostra cittadinanza, nel nostro caso, in Grecia, venga ripristinata perché ci è stata tolta.

Anche noi siamo stati spogliati dalle nostre madri, dal loro abbraccio dopo essere usciti dal pozzo del loro essere, sotto i loro cuori, completamente dipendenti da loro per la vita stessa. E in un atto di crudeltà, siamo stati letteralmente strappati dai loro seni, spesso subito dopo la nascita, che sono stati riempiti con il latte caldo e dolce che è stato pensato e creato individualmente per ognuno di noi. Siamo stati svezzati troppo presto. Avremmo dovuto essere svezzati? E se sì, come?

Dopo settimane in cui ho parlato pubblicamente di adozione, e in televisione e nelle interviste stampate, scrivendone anche in Grecia, ho avuto modo di pensare a CJ, il mio bellissimo, amorevole e travagliato golden retriever. La "capisco". La capisco fino in fondo. È una delle mie migliori amiche e una compagna costante. Era ed è emotiva, era difficile da capire, ed è stata una lotta far crescere il mio cucciolo nel cane adulto più calmo e pacifico che è oggi.

L'ho scelta da una cucciolata di nove. Quando l'ho incontrata, era piccola, adorabile e grassoccia, come tendono ad essere i bambini dorati. Una palla di pelo, di poche settimane, ruzzolava su gambe tozze e minuscole, lottando come i suoi fratelli e sorelle per raggiungere i capezzoli della mamma. Avevano bisogno della loro madre. Avevano bisogno di lei per il sostentamento. Avevano bisogno che lei insegnasse loro il bene dal male mentre li portava in giro per la collottola, un ringhio basso e rimbombante quando uscivano dalla linea, uno schiocco contro di loro per zittire quando c'erano troppi piagnucolii e guaiti e pianto. Era lì per loro fino a quando non c'era più, tolta ai suoi cuccioli dopo appena cinque settimane.

CJ è stata svezzata troppo presto e ci sono voluti mesi per rimetterla a posto. Era incorreggibile. Difficile. Ostinato. Chiedi a chiunque abbia provato a lavorare con lei. Quando è stato svezzato questo cucciolo, mi ha chiesto uno dei migliori addestratori del nord della California? A cinque settimane, ho risposto. Troppo presto disse, scuotendo la testa. Non c'era da meravigliarsi che avesse lottato. Il nostro precedente golden, Sedona, è stato svezzato dopo tre mesi. Che differenza di disposizione e di fiducia!

Inoltre, mi viene in mente come trattiamo i cuccioli. Per coloro che adottano cani di razza, otteniamo i loro documenti. Sappiamo chi sono la loro madre e il loro padre. Conosciamo le loro disposizioni e se erano "campioni". Conosciamo il canile da cui provengono e le condizioni del canile. Conosciamo l'allevatore. In effetti, c'è una lunga intervista e discussione con loro. Ti intervistano sulla casa e poi c'è un questionario per sapere se sarai idoneo. Per un cane. Lo stesso vale per quegli animali che provengono dai rifugi. C'è un lungo processo e a volte il cane viene a "testare" la casa e altri animali con cui possono convivere. Se non funziona, non c'è posizionamento. Il punto è che c'è un'enorme considerazione per l'animale.

Non vedi che gestiamo la separazione degli animali dalle loro madri meglio di quanto facciamo con i bambini umani e le loro madri umane? I neonati tendono a essere immediatamente stanati dalla persona che li ha creati, dalla persona che li ha portati, nutriti prima ancora che posassero gli occhi su di loro, li tenesse? Com'è crudele togliere alla madre un piccolo essere umano che possa nutrire e coccolare teneramente la propria prole fino a quando ea meno che non ci sia una soluzione informata e non costretta, che viene dalla madre stessa, che può rendersi conto che deve fare qualcos'altro. E poi prepararlo, preparare il bambino per questo e consigliare a quel bambino mentre cresce da dove vengono, come sono nati e perché sono stati affidati a nuovi genitori. E non sarebbe fantastico se i genitori naturali fossero pienamente coinvolti in questo processo per dare al bambino le migliori possibilità di vita e di crescita per capire perché la loro vita è stata alterata? Questo non deve creare confusione e dobbiamo impiegare più tempo di quello che facciamo per risolvere il problema, lo stigma e spesso il dolore causato dall'adozione.

Ho spiegato, più e più volte, che la mia famiglia adottiva (che era meravigliosa tra l'altro) e la mia famiglia naturale non si escludono a vicenda. Sono separati, ma il continuum l'uno con l'altro ha compreso la mia identità, che non è ancora completamente formata, e io sono sulla sessantina. Lo saprò mai? Inoltre, ho appena saputo che mia madre biologica è morta l'anno scorso dopo che l'ho cercata per tutta la vita, desiderando una riunione di qualche tipo, principalmente solo per parlare, per ottenere risposte, per vedere per la prima volta da chi vengo e per finalmente conosci qualcuno che mi somiglia. La mia tristezza per questo è reale e non può essere sopravvalutata.

Lei, la mia madre naturale, merita la mia attenzione e cura, anche se non può vedermi o sentirmi. Mai. Come mai? Perché nel suo nome devo difendere quelle altre madri che verranno dopo di lei. L'aborto non poteva essere un'opzione per lei. L'adozione era la sua unica alternativa e poiché lo era, aveva bisogno di cure. Aveva bisogno di amore. Aveva bisogno di sostegno e di un posto dove lei e il suo bambino potessero capirlo. Alla fine, potrebbe aver preso la stessa decisione, ma la sua decisione potrebbe aver coinvolto gli estranei a cui stava andando il suo bambino. Non meritava di essere allontanata dalla sua prole in un momento critico in cui la sua prole aveva più bisogno di lei e in ogni modo.

Nel caso di mia madre, si è vergognata al punto da cambiare nome e identità. E quando sono nato, nessuno poteva sopportare di avere a che fare con una madre adolescente e suo figlio che era "esogamo”, nato al di fuori del matrimonio. Non sarebbe stata in grado di gestirlo, le dissero, e così lo stato avrebbe fatto, tranne che non lo fece.

La risposta a tante adozioni, come la mia, è stata quella di emarginare a vita la madre naturale, e di mandare via i bambini; spogliati della loro cultura, della loro lingua, della loro religione, delle loro identità e, in migliaia di casi, della loro razza. Questo è successo a milioni di noi. E le madri naturali e i loro figli non stanno necessariamente meglio per questo.

Quando si tratta di adozione, gli assistenti sociali, gli avvocati, i medici e coloro che gestiscono le agenzie che si occupano di madri e bambini hanno bisogno di prendere indicazioni da coloro che hanno vissuto l'esperienza e ne hanno gestito le conseguenze. Non è giusto che le dichiarazioni sull'adozione vengano dall'alto e dal basso a noi, i grandi non lavati. Ne abbiamo abbastanza di quelle persone "ben intenzionate" che vogliono prendere decisioni per noi perché si sentono meglio riguardo alla "risolvere un problema", di cui non sanno assolutamente nulla. L'adozione porta ancora uno stigma. Dobbiamo sia adattare la narrativa sull'adozione sia parlare delle persone che lo sono, in modo diverso.  

Come mai?

Perché quel giorno sarà solo un giorno in tutti i giorni che saranno mai. Ma cosa accadrà in tutti gli altri giorni che verranno, dipende da cosa faremo in quel giorno. Le vite di tante madri e dei loro figli meritano la saggezza di quel sentimento e il rispetto di un'opportunità combattiva per prendere decisioni che non nuocciono.

Mary Cardaras è una produttrice di documentari, scrittrice e an Professore Associato in Comunicazione presso la California State University, Baia Orientale. È una greca orgogliosa, una sostenitrice degli adottati e degli adottati che lotta per la giustizia riparatrice universale dell'identità per tutti gli adottati in tutto il mondo e per quei bambini nati attraverso donazioni di sperma anonime. È l'autrice di Strappato alla radice. Il suo prossimo libro, Voci dei bambini perduti della Grecia: storie orali di adozione internazionale, 1948-1964 sarà pubblicato da Anthem Press nel 2022.   

Trascorrere il Ringraziamento da solo

Le vacanze sono sempre state un po' fastidiose, almeno per me. E per peggiorare le cose, quest'anno trascorrerò il Ringraziamento da solo, ma sono felice di avere almeno un paio di giorni liberi questa settimana a causa delle vacanze! Ho anche dei nuovi obiettivi con cui occuperò il mio tempo. Ad esempio, spero di iniziare a scattare fotografie locali delle Hawaii. Penso che questo obiettivo sia fantastico perché può motivarmi tre volte:

  1. Il mio obiettivo mi incoraggerebbe a saperne di più sulle bellissime Hawaii.
  2. Mi motiverà a incontrare nuove persone.
  3. Posso anche aggiornare il mio portafoglio.

La vita alle Hawaii come nuovo singolo è stata tranquilla, ma devo ammettere che può essere solitaria. All'inizio è stata più dura, ma in questi giorni ho avuto dei piccoli momenti di gioia nei momenti che passano.

La mia lista di piccole cose che mi portano gioia temporanea (come persona single appena creata alle Hawaii)

  • Ascolto di musica pop bhutanese su Spotify
  • Seduto nel mio posto segreto preferito con vista sull'oceano
  • Diario spazzatura a casa con un film acceso
  • Fare jogging vicino all'autostrada
  • Mangiare pok in qualsiasi momento della giornata
  • Parlando con amici
  • Check-in con i miei gruppi di supporto o laboratori creativi

Il mese prossimo sarà Natale.

Ho pensato a come sarà visitare la mia famiglia adottiva in Arizona in quel periodo. Sono stati anni di allontanamento e non ho ancora incontrato nemmeno una manciata di figli di mio cugino, quindi è decisamente un bene che li incontri quest'anno.

Sarà anche bello non essere soli, e spero di poter scrivere anche sul blog in quel momento.

Ho anche pensato ai miei progetti alle Hawaii. Se dovessi provare a tornare sulla terraferma per vivere e lavorare in un posto più abbordabile. In questo momento il lavoro qui mi fa andare avanti su Oahu, ma è ancora volubile. Mi ha colpito anche un'altra idea: Penso che sarebbe fantastico pianificare un viaggio nelle Filippine con alcuni amici filippini-americani adottati che potrebbero voler esplorare insieme il nostro paese d'origine!

Qualcuno è interessato?

Non c'è molto altro di cui scrivere in questo momento, quindi firmerò. Per favore sentiti libero di trovarmi su Facebook o Instagram se vuoi metterti in contatto!

Equilibrio mentale e arte

di Jonas Haid, adottato dalla Corea del Sud alla Germania.

Tutti parlano di conciliazione tra lavoro e vita privata.

E l'equilibrio mentale?

Quando ho finito la mia laurea in fashion design ho capito che fare opere d'arte ed essere creativi è il mio strumento preferito per tirarmi fuori da questo mondo. Allo stesso tempo ho capito che la creatività non può far parte della mia futura carriera. Ecco i motivi per cui:

1. Ho bisogno di ispirazione per essere creativo.
2. Se sono nel processo creativo non c'è alternativa, se qualcuno critica la mia opera d'arte, la prendo sul personale.
3. Se c'è troppa pressione, non c'è modo di produrre un risultato accettabile. Se il risultato non è perfetto, non sono soddisfatto come artista

Quindi, in questo momento sto guadagnando i miei soldi come direttore del marketing online in una grande agenzia. Proteggo la mia creatività per rilassarmi e portare la mia mente in altre dimensioni. Quindi, adoro lavorare con i dati e costruire strategie digitali, e continuo a pensare che sia importante amare il proprio lavoro, ma è anche importante proteggere le proprie esigenze e i propri hobby personali.

Questa opera d'arte speciale è ispirata a ICAV (InterCountry Adoptee Voices), una piattaforma per gli adottati internazionali per raccontare al mondo la loro storia. Grazie Lynelle Long per aver investito il tuo tempo per avviare questa straordinaria organizzazione per aiutare altri adottati in tutto il mondo a guarire le loro anime.

Le farfalle non proprio a caso, ho cercato di trovarne alcune provenienti da Corea, Cina, Vietnam e Indonesia che si trovano anche in Europa e nel resto del mondo. Questi rappresentano i vari paesi in cui sono nati molti dei membri dell'ICAV.

Il mio messaggio con la mia opera d'arte per gli altri adottati:

Sii forte, sii reale, sii te stesso.
Non importa quanto desideriamo tutto l'amore che ci è mancato.
Il vecchio capitolo è già scritto.
Quindi fai un respiro profondo e rallegra la tua fiducia perché ci sono così tante possibilità. Sii semplicemente di mentalità aperta, ispirata e riscaldata dall'amore che hai scelto, inizia il primo tratto della tua storia personale.
Sei unico nel tuo genere.

#vita lavorativa
#salute mentale
#minimalartwork
#worklifebalance
#inspiration
#creativo

Altre opere d'arte che Jonas ha condiviso all'ICAV: Arte dal cuore, Un'immagine vale 1000 parole, L'anima gemella in gabbia.

Connettersi con persone di colore non è automatico per gli adottati transrazziali

di Mark Hagland, adottato dalla Corea negli Stati Uniti, co-fondatore di Prospettive di adozione transrazziale (un gruppo FB per futuri genitori e adottivi). Mark originariamente ha scritto questo per il suo gruppo Transracial Adoption Perspectives.

Oggi ho avuto una conversazione telefonica di un'ora assolutamente meravigliosa con una persona di colore (POC) con cui mi sono connesso alcuni mesi fa tramite Facebook. Originariamente ci eravamo collegati in un modo molto "Facebook" - attraverso amici di amici di amici - sai, quel modo di connettersi di Facebook.

Per proteggere la sua privacy, la chiamerò semplicemente "X". X è una donna di razza nera che ha quasi la mia età (ho 60 anni); ci siamo collegati molto fortemente intorno alla giustizia razziale e alle questioni politiche. È un'assoluta delizia. Ci piacerebbe incontrarci di persona un giorno presto (viviamo abbastanza lontano l'uno dall'altro), e abbiamo parlato di una vasta gamma di argomenti, tra cui la giustizia razziale e la politica, ma anche delle nostre esperienze vissute come persone di colore; e ho condiviso con lei alcune delle cose che faccio nel mondo delle adozioni transrazziali. È stata estremamente di supporto e incoraggiante. E questo l'ha spinta a condividere alcune esperienze profondamente personali sul razzismo, il colorismo e le sfide in quanto persona birazziale in particolare.

Condivido questo qui perché voglio condividere il fatto che, crescendo in un bianco quasi totale, ero essenzialmente disabile intellettualmente e culturalmente quando sono entrato nell'età adulta, in termini di connessione con altre persone di colore di tutti i non -razze bianche. Sapevo assolutamente che avevo bisogno di entrare in contatto con un altro POC, ma all'inizio era difficile, perché ero cresciuto in un bianco quasi totale e assolutamente all'interno della cultura bianca, anche se i bianchi non mi avevano mai permesso di "essere" bianco. In altre parole, sapevo solo come connettermi al mio compagno POC in un modo molto "bianco", e si vedeva.

Quindi mi ci sono voluti anni per "irrompere" nella società POC. Nel corso del tempo, sono stato presentato a sempre più persone e ho acquisito fluidità culturale con individui dei vari gruppi razziali non bianchi. Naturalmente, ogni singola persona sulla terra è un individuo; non serve dirlo. Ma la capacità di un adottato transrazziale cresciuto nella bianchezza di uscire dalla bianchezza appresa è tutt'altro che una cosa automatica. In effetti, un giovane adulto adottato transrazziale cresciuto nella bianchezza può inavvertitamente inviare segnali a individui di colore che possono renderli riluttanti a impegnarsi, se uno si presenta come non capendo il compagno POC; ma è come qualsiasi altra cosa nella vita: finché non si hanno certi tipi di esperienze, non si ha la fluidità necessaria per perseguire quelle esperienze.

La mia conversazione di oggi mi ha fatto venire in mente qualcosa. Per diversi anni, ho consigliato in privato e confidenzialmente una particolare mamma bianca transrazziale adottiva. La chiamerò "Y". Lei e suo marito avevano cresciuto due bambini neri, un maschio e una femmina; Chiamerò sua figlia "Z". Y e suo marito hanno cresciuto i loro figli in un bianco quasi totale in una piccola città del Midwest (circa 100.000), e quando Z si è trasferita in una grande città per cercare di integrarsi con altri giovani adulti neri, è stata devastata dal rifiuto che ha vissuto. Era così culturalmente bianca che la gente la prendeva in giro e la respingeva a priori. Ha avuto diversi anni di esperienze dolorose prima di essere in grado di raggiungere un livello in cui era socialmente e culturalmente accettata. Ora sta bene, ma ha avuto diversi anni difficili (motivo per cui sua madre mi aveva contattato per un consiglio).

Uno dei più grandi inciampi che vedo accadere più e più volte nella genitorialità adottiva transrazziale è quello che è successo con "Y" e "Z". I genitori di quella famiglia erano affettuosi e solidali con i loro figli, ma la loro figlia ha sbattuto contro un muro quando ha cercato di penetrare la cultura della nascita da giovane adulta, ed è stata emotivamente devastata dalla non accettazione iniziale e dal licenziamento che ha vissuto. Ma non deve essere così. I genitori bianchi adottivi transrazziali devono preparare i loro figli a cercare di integrarsi con la loro cultura di nascita e anche a diventare abili nell'interazione con persone di colore di tutte le razze. Mi ci è voluto un po', ma sono stato così felice di poter interagire con persone di colore di tutte le razze non bianche e di essere accettato da loro come un compagno POC. E no, non è affatto automatico. Posso dirti che ho avuto innumerevoli esperienze con individui neri, neri/birazziali, latini, nativi e asiatici (est, sud, sud-est), in cui hanno visto e affermato la mia condizione di POC. E voglio che sia assolutamente chiaro che il mio riferimento a questo fatto non è in alcun modo un vanto; invece, è semplicemente la mia segnalazione che è assolutamente possibile per gli adottati transrazziali essere in grado di navigare nella società in modi in cui altre persone di colore li percepiscono come POC e interagiscono di conseguenza.

Alcuni di questi sono un po' sfumati e difficili da spiegare, ma posso assicurarti che ci sono comunicazioni subtestuali in corso tutto il tempo, e c'è un mondo di differenza tra l'interazione con altri POC come POC e l'interazione con altri POC quando loro" ti sto mettendo a debita distanza. Ho sperimentato entrambi e conosco la differenza.

In ogni caso, se tuo figlio di colore non vede specchi quotidiani di se stesso negli adulti e nei bambini della loro razza specifica, nonché negli adulti e nei bambini di tutte le razze non bianche, e se tuo figlio non sta effettivamente interagendo con POC su quotidianamente, sarà molto più difficile per loro iniziare a integrarsi con persone della loro razza di nascita e con persone di tutte le razze non bianche, mentre si avvicinano all'età adulta. Per favore, assicurati assolutamente che la prima età adulta non sia uno shock terribile, come è successo a "Z". Sicuramente ti incolperanno per averli lasciati nei guai in quest'area cruciale. Non costringerli a capire tutto da soli; iniziare a costruire i ponti necessari quando sono bambini piccoli, in modo che le connessioni avvengano in modo fluido e organico e in modo che anche la loro competenza evolva in modo fluido e organico. È un elemento enorme nel loro viaggio permanente e non può essere ignorato. Circondare tuo figlio con media e cultura che li riflettano è essenziale, ma lo è anche aiutare tuo figlio a essere in grado di interagire facilmente e naturalmente con i membri della sua razza e tutte le razze non bianche. Entrambi sono incredibilmente importanti.

In ogni caso, grazie per aver letto e considerato questo.

Per altri articoli che Mark ha condiviso:
Uscire dalla nebbia degli adottati
Possiamo ignorare e negare che esiste il razzismo per gli adottanti del colore?

Per il nuovo libro di Mark:
Viaggio straordinario: il percorso permanente dell'adottato transrazziale

I governi finalmente riconoscono le pratiche di adozione internazionale illecite e illegali

Questo è uno scenario comune, non copre i bambini apertamente rubati dagli ospedali e molti altri modi

Sono un adottato e sono fiducioso

Sono molto emozionato e pieno di speranza dopo aver ascoltato il recente Belgio notizia, che il loro ministro ha annunciato la sua intenzione di chiedere al Parlamento di sospendere tutte le adozioni per i prossimi 2 anni a seguito della loro indagine sulle adozioni internazionali.

Circondato da incredibili leader adottati in tutto il mondo, so quanti sforzi sono stati fatti per ottenere i diritti degli adottati internazionali dove siamo oggi. Notizie come questa non risolvono in alcun modo o risolvono i problemi che affrontiamo, ma sono almeno l'inizio del riconoscimento dei torti commessi, con governi e autorità che si fanno avanti per affrontare la verità di cui abbiamo parlato per decenni. Il riconoscimento è il primo passo di molti!

Il Belgio non è il primo paese adottivo a farlo. I Paesi Bassi hanno annunciato la loro moratoria su tutte le adozioni internazionali all'inizio di quest'anno a febbraio e ha pubblicato il loro rapporto. La Svizzera ha annunciato la sua rapporto dall'indagine sulle pratiche passate relative alle adozioni dello Sri Lanka e sono esortati a fornire riparazione alle vittime. Anche la Svezia ha annunciato la sua intenzione di indagare loro adozioni internazionali illegali. E ieri il ministro belga ha annunciato che le sue raccomandazioni saranno esaminate dal Parlamento. Puoi leggere qui il rapporto completo del gruppo di esperti.

Ma per alcuni paesi abbiamo ancora del lavoro da fare

Sembra che finalmente alcuni governi stiano ascoltando la nostra esperienza vissuta e abbiano deciso di non chiudere più un occhio. Ma anche se questi 4 hanno ascoltato, voglio anche ricordarvi che c'è stato molto lavoro e anni di sforzi fatti in altri paesi che ancora non sono venuti al "tavolo di riconoscimento". In Francia, gli adottati hanno avuto un enorme sostegno nella loro petizione che il parlamento francese conduca un'indagine sulle loro storiche adozioni internazionali. In Danimarca, il adottati dal Cile hanno lavorato con il governo per indagare sulle loro adozioni.

Nel mio paese adottivo, l'Australia, ho parlato e sostenuto per molti anni il sostegno agli adottati e alle famiglie colpite e il riconoscimento degli abusi in Australia. In effetti, è già passato più di un decennio e ricordo che nei miei primi anni rappresentavo gli adottati al NICAAG dove Julia Rollings (mamma adottiva) e io abbiamo presentato questo problema all'inizio del 2008 e abbiamo chiesto che fosse affrontato il problema. Più recentemente, ho anche presentato un piccolo gruppo di 8 adottati colpiti per incontrare i nostri Autorità centrale, DSS nel 2017 chiedendo supporti molto specifici. Tuttavia, fino ad oggi, quegli adottati sono stati ancora ignorati e licenziati. Nonostante ci siano casi molto chiari di attività illegale in cui gli autori sono stati condannati e incarcerati (ad esempio, la coorte di Julie Chu nell'immagine qui sotto da Taiwan), non è stato offerto nulla agli adottati o alle loro famiglie per aiutarli ad affrontare le complessità extra del loro adozioni illegali. È come se questi adottati colpiti non esistessero e l'Australia spera che il problema svanisca mentre devono affrontare questioni molto più importanti, come il COVID-19 o le imminenti elezioni.

È tempo che le autorità di tutto il mondo si facciano avanti e si assumano la responsabilità dei processi e delle strutture che hanno distrutto le nostre vite attraverso l'adozione, nel bene e nel male. 

L'adozione internazionale ha seguito la strada dell'adozione nazionale

Nell'adozione internazionale, stiamo assistendo allo stesso schema in cui, paese dopo paese, i governi riconoscono gli errori nelle loro domestico adozioni. Il Canada apre la strada fornendo compensazione finanziaria alle loro vittime dello Scoop degli anni Sessanta. L'Australia ha già fornito a scuse formali per le donne e i bambini che sono stati colpiti durante l'era dell'adozione forzata, ma a cui non è ancora stata offerta alcuna forma di risarcimento. Anche l'Australia ha appena annunciato il loro compensazione per gli aborigeni indigeni che furono allontanati con la forza e collocati in famiglie bianche sotto la generazione rubata. È interessante che il governo australiano possa riconoscere queste pratiche passate ma non riconosca le somiglianze molto strette con le nostre storiche adozioni internazionali. L'Irlanda come governo ha riconosciuto solo quest'anno i torti e ha fornito a scuse formali alle madri e ai bambini che nelle Case dei Bambini hanno subito adozioni forzate. L'Irlanda è anche esitando a offrire un risarcimento.

E i nostri paesi di nascita?

Pochissimi dei nostri paesi di nascita coinvolti nelle nostre adozioni illecite e illegali hanno intrapreso alcuna azione. Guatemala, Etiopia e Russia sono i principali che mi vengono in mente in cui hanno interrotto tutte le adozioni internazionali a causa di irregolarità, ma anche loro non sono riusciti a fornire agli adottati colpiti servizi o risarcimenti per riconoscere i torti loro arrecati. Alcuni di loro hanno condannato i colpevoli, ma raramente la loro condanna corrisponde alla profondità del loro crimine.

Diamo una rapida panoramica di come gli autori sono stati condannati fino ad oggi:

Il più recente è il prima frase per il politico locale americano coinvolto con le donne dell'isola di Marshall che hanno ricevuto solo 6 anni di reclusione. Lauryn Galindo, leader del giro di adozioni cambogiano, è stata condannata a 18 mesi di carcere, il suo crimine era solo frode sui visti e riciclaggio di denaro. Il Gli autori della truffa dell'adozione samoana sono stati condannati a soli 5 anni di libertà vigilata, per favoreggiamento all'ingresso abusivo di uno straniero. Siamo ancora in attesa della sentenza del autori coinvolti negli schemi ugandesi e polacchi per aver organizzato adozioni attraverso corruzione e frode.

In Vietnam, il capobanda condannato a 4,5 anni per falsificazione di documenti. Taiwan condannato Julie Chu e le sue coorti all'ergastolo per aver ideato un sindacato di esportazione di bambini, ma se l'è cavata con leggerezza dopo aver fatto appello e ha scontato solo 6 anni. In Cina, i trafficanti di bambini che rapiscono e vendono bambini vengono giustiziati. Questa risposta rimane la più dura che abbia mai visto, ma l'ergastolo sembra ragionevole dato che le loro azioni hanno un impatto su di noi per tutta la vita.

Il fatto che la maggior parte degli autori di adozioni internazionali la faccia franca con condanne blande dimostra la mancanza di un quadro giuridico che ci protegga. E nonostante il fatto che pochissimi autori di adozioni internazionali vengano mai catturati, figuriamoci condannati, c'è ancora da chiedersi, dov'è il sostegno per le vittime?

L'americano Trust di restituzione degli adottati samoani è l'UNICO programma di giustizia riparativa in cui mi sono imbattuto, che istituisce un fondo fornito dai perpetratori per facilitare il collegamento con la famiglia di origine e il paese. Ma i fondi forniti sono stati estremamente limitanti considerando quante persone sono colpite e tra gli adottati colpiti, solo uno è stato autorizzato a tornare alla propria famiglia naturale. I governi hanno anche considerato se gli adottati internazionali desiderano essere rimpatriati nel loro paese di nascita?

Quale livello di responsabilità dovrebbero assumersi i governi?

Molti articoli sono stati scritti sui problemi dell'adozione internazionale attraverso le irregolarità nel processarci per l'adozione internazionale, ma la questione più critica a cui i governi devono rispondere è la nostra diritto all'identità.

Un recente rapporto (vedi Sezione 4) di Protezione dell'identità del bambino (CHIP), mette in evidenza il livello di responsabilità degli Stati dovrebbe giocare nell'aiutarci a trovare le nostre identità originali ea cercare un risarcimento.

“L'articolo 8 della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo (CRC) rileva che un bambino ha diritto all'identità, inclusi un nome, una nazionalità e relazioni familiari. Ogni volta che un bambino viene privato di uno di questi elementi, gli Stati hanno l'obbligo di ripristinare rapidamente l'identità del bambino. Al centro di ogni adozione internazionale (ICA) c'è la modifica dell'identità di un bambino data alla nascita”. - PATATA FRITTA

Vorrei chiedere a tutti i governi firmatari di Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo e il Convenzione dell'Aia sull'adozione internazionale, cosa stanno facendo per "ripristinare rapidamente la nostra identità originale”? Tutte queste indagini nei paesi europei sono una parte necessaria del processo per rivedere e approfondire ciò che è successo. Ma.. i provvedimenti presi per fermare le adozioni non forniscono alcuna dolcezza a noi vittime. Ci sono centinaia e migliaia di noi in tutto il mondo. Cosa vogliamo? Tutto quello che devi fare è leggere la nostra raccolta di risposte che ho distribuito a Gruppo di lavoro dell'Aia sulla prevenzione e il contrasto delle pratiche illecite in materia di adozione, poco più di 1 anno fa.

In sintesi, il nostro rapporto spiega cosa vuole la maggior parte di noi. Ognuno di noi ha presentato indipendentemente i propri pensieri senza sapere cosa stesse presentando l'altro. Ecco i primi 3 suggerimenti che abbiamo raccolto:

  • Una modifica alle leggi sull'adozione internazionale per garantire l'esistenza di un quadro giuridico per il quale le pratiche illecite possono essere perseguite. Attualmente non c'è nessuno.
  • Un organismo investigativo indipendente, quindi non ci aspettiamo che i governi e le autorità per le adozioni "indaghino" da soli. Attualmente è quello che succede.
  • Servizi di supporto interamente finanziati per le vittime. Attualmente ci sono enormi lacune nei supporti generali post-adozione per non parlare dei supporti specifici per essere trafficati. Nessun paese al mondo attualmente fornisce alcun tipo di supporto alla tratta per gli adottati o le loro famiglie, sia adottive che naturali, ma soprattutto per le famiglie naturali che raramente hanno voce nell'arena globale.

Osservo i Paesi Bassi che stanno ancora lavorando al loro Centro Nazionale di Competenza potrebbe includere servizi di supporto specifici per le vittime della tratta, così sembra anche dal Belgio rapporto stanno provando. Ma il supporto per le vittime della tratta deve essere completo, non solo un DNA o un servizio di consulenza generale. Nella nostra relazione, elenchiamo per intero ciò che questo supporto deve includere: assistenza legale; Consulenza; aiuto finanziario; gruppi di sostegno per esperienze vissute finanziate; ricerca della famiglia; Test del DNA e servizi di genealogia professionale; supporto di viaggio; lezioni di lingua; servizi di traduzione; servizi di mediazione; sostegno alla cultura e al patrimonio.

Perché l'adozione non può essere una storia da "vissero felici e contenti"?

La gente pensa erroneamente che gli adottati internazionali debbano essere infelici nella loro adozione per voler combattere per la giustizia. Non è vero.

Possiamo essere felici nella nostra vita adottiva e nel nostro paese, ma anche essere infelici con come le nostre adozioni sono state condotte e ci aspettiamo giustamente che tutto sia fatto per ripristinare le nostre identità originali e aiutarci a riconnetterci con le nostre famiglie naturali che ci hanno perso a causa dell'adozione internazionale.

Le nostre voci lottano da decenni per il nostro diritto alle origini, per fare ammenda della nostra identità perduta, per far riconoscere le adozioni internazionali illecite e illegali per quello che sono: la mercificazione dei bambini. Abbiamo bisogno che questo folle sistema si fermi, va avanti da troppo tempo. Non siamo un piccolo numero, le stime variano ma sicuramente siamo nel centinaia di migliaia globalmente e forse qualche milione.

È tempo per la verità e, si spera, a lungo termine, potremmo vedere una giustizia riparatrice e riparatrice per noi e le nostre famiglie. Nel frattempo, io e gli altri leader adottati continuiamo a lavorare sodo per le nostre comunità a livello globale! Avanti e in alto! Spero un giorno di poter scrivere della nostra storia del "vissero felici e contenti", una volta che avremo giustizia e riconoscimento per i torti commessi.

Altre risorse

Campagna di sensibilizzazione all'impatto (video) condotto da Adozioni critiche dall'Europa (CAFE), Belgio

Alla ricerca dell'umanità podcast Separati: l'etica dell'adozione

Patrick Noordoven: Adozione internazionale e diritto all'identità

David Smolin: Il caso della moratoria sulle adozioni internazionali

Per tradurre automaticamente una delle seguenti risorse, apri nel browser Google Chrome.

Olanda

Nessuna nuova adozione dall'estero per il momento
I Paesi Bassi bloccano tutte le adozioni all'estero con effetto immediato
Il ministro Dekker sospende l'adozione internazionale con effetto immediato
L'olandese blocca le adozioni internazionali dopo la scoperta degli abusi
Rapporto olandese (inglese)

Svizzera

Rapporto sulle adozioni internazionali (francese, tedesco, italiano)
Adozioni dallo Sri Lanka: il Consiglio federale si rammarica della negligenza delle autorità
Conferenza stampa del Ministro (Tedesco)
Comunicato stampa dell'organizzazione degli adottati dello Sri Lanka Ritorno alle origini (inglese) in francese
Bambini dello Sri Lanka rapiti adottati in Svizzera

Belgio

Wouter Beke sostiene una pausa per l'adozione generale, ma riceve immediatamente critiche
Il ministro Beke vuole l'interruzione dell'adozione per rivedere a fondo il settore
Il ministro Beke vuole una pausa per l'adozione generale a causa di "errori" e "malcostume": cosa sta succedendo?
Le Fiandre pianificano "almeno 2 anni di pausa" dalle adozioni internazionali
Il rapporto del gruppo di esperti è pronto
Rapporto finale del gruppo di esperti

Conoscere le proprie origini è un privilegio!

Per conoscere i tuoi genitori, fratelli, zii, zie e nonni...

Per conoscere la tua storia medica; se tua madre è morta di cancro, tuo padre ha sofferto di problemi cardiaci, se tua nonna ha avuto il diabete...

Per sapere a chi assomigli, da dove vengono i tuoi tratti, se il tuo viso allo specchio è il riflesso di qualcun altro..

Per conoscere la tua storia di nascita, data, ora, stagione dell'anno, in quale ospedale sei nato...

Per conoscere il proprio paese di nascita, cultura, patrimonio, lingua, costumi, religione...

Essere circondati da persone che ti assomigliano razzialmente...

Conoscere le proprie origini è un privilegio!

Queste sono le cose che non do per scontate perché non ne ho avute durante la crescita. Sono nato in un paese, adottato in un altro, da una famiglia di razza diversa. Sono un'adottato transrazziale internazionale. Ho passato una parte enorme della mia vita chiedendomi, cercando, cercando di conoscere le mie origini.

Nella mia comunità di adottati internazionali, conoscere le proprie origini è sicuramente un privilegio!

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%