Kris condivide su Adoptee Anger

Questa è una serie su Adoptee Anger dall'esperienza vissuta, per aiutare le persone a capire cosa c'è sotto la superficie e perché gli adottati a volte possono sembrare arrabbiati.

di Kris Rao, adottati dall'India negli Stati Uniti, hanno recentemente scoperto la loro adozione come adottati di Late Discovery.

Nel 2019, all'età di 34 anni, ho saputo di essere stata adottata. Da allora, ho acquisito una familiarità folle con il ciclo del lutto. In modo non lineare, ho sperimentato incessantemente tutte le emozioni associate al dolore. Di tutte le emozioni, la rabbia, tuttavia, è diventata l'unica emozione costante quando penso all'adozione.

Nel caso della mia esperienza, come adozione di una scoperta tardiva, sono arrabbiato per essere stato mentito per 34 anni. Mi sento ingannato. Imbrogliato. Imbrogliato. Qualunque sia la parola che mi viene in mente per descriverlo, alla fine per 34 anni sono stato manipolato nel credere di essere qualcuno che non sono. Manipolato in estranei credenti dove i miei parenti biologici e genetici. L'identità che mi è stata data non sembrava mai adattarsi alla persona che sapevo di essere, e mi sentivo come il pazzo per i miei pensieri.

Il problema della rabbia, però, è che viene percepita come un'emozione negativa. Per tutta la vita, crescendo, mi è stato insegnato a controllarlo. Per non lasciare che abbia la meglio su di me. Anche adesso, mentre scrivo per condividere la mia esperienza ed esprimere le mie opinioni sull'adozione di oggi, c'è chi mi dice di non essere così arrabbiato. Quella rabbia non è una buona cosa.

Per un bel po' dopo aver scoperto la verità, ho lottato con la rabbia. In un gruppo di adottati per la scoperta tardiva, una volta ho posto una domanda sulla rabbia. Più di 90% ha affermato di essere ancora arrabbiato o di lottare con la rabbia. Le risposte più utili sono state quelle che dicevano che andava bene essere arrabbiati. Un adottato ha persino risposto a qualcosa che ho scritto e ha detto che si trattava di una "rabbia giusta". E avevano ragione. La mia rabbia è giusta e giustificata per la mia esperienza. Va bene essere arrabbiati. Va bene sentirlo.

Come ha scritto Faith G. Harper nel suo libro Sfoggia la tua rabbia: usare la scienza per comprendere la frustrazione, la rabbia e il perdono:

"Se provare rabbia va bene, puoi essere arrabbiato e continuare a stare bene."

Guardando indietro, penso di aver lottato con la rabbia perché ho confuso i miei pensieri sulla rabbia con il modo in cui la gestiamo e agiamo di conseguenza. Non c'è niente di sbagliato nell'emozione stessa. La rabbia è una reazione normale a qualsiasi situazione negativa, ed è il modo in cui la affrontiamo che determina una reazione positiva o negativa. E questa è la cosa fondamentale, “La rabbia è una risposta a un'emozione più profonda. È un'emozione secondaria, nel senso che è reattiva. Non solo alle situazioni che incontriamo, ma anche ad altre emozioni".

Le emozioni negative vanno bene fintanto che le esprimiamo in modo sano.

Sono sempre stato frustrato crescendo per come sono stato cresciuto. Frustrato di non riuscire a capire perché mi sono sempre sentito diverso. Quella frustrazione si è trasformata in rabbia subito dopo aver scoperto di essere stata adottata. Sono arrabbiato perché mi hanno mentito. Sono arrabbiato per tutti gli abusi che ho subito e per essere stato spinto a credere che fosse per il mio bene. E mi addoloro per questo. È un sacco di negatività da affrontare tutto in una volta. Quando ho saputo di essere stata adottata, sono rimasta ferita. C'era dolore per quello che sembrava un enorme atto di tradimento. Quella ferita diventerebbe anche rabbia. Più cercavo di non provare tutte queste “emozioni negative”, più sentivo di diventare “negativo”.

Mark Manson ha scritto quanto segue sulle emozioni negative nel suo libro La sottile arte di non fregarsene:

“Il desiderio di un'esperienza più positiva è di per sé un'esperienza negativa. E, paradossalmente, l'accettazione della propria esperienza negativa è essa stessa un'esperienza positiva».

“Questa è una totale sciocchezza. Quindi ti darò un minuto per svelare il tuo cervello e forse leggerlo di nuovo: volere un'esperienza positiva è un'esperienza negativa; accettare l'esperienza negativa è un'esperienza positiva. È ciò che il filosofo Alan Watts chiamava "la legge all'indietro": l'idea che più perseguiti sentendoti sempre meglio, meno soddisfatto diventi, poiché perseguire qualcosa non fa che rafforzare il fatto che ti manca nel primo luogo."

È stato un sacco di lavoro, ma sto imparando a riformulare me stesso e come vedo la mia rabbia. Sto imparando ad accettare semplicemente ciò che è e ad usarlo per elaborare il mio dolore, il mio trauma. Accettare le esperienze negative della mia adozione. Permettendo a me stesso di sentire la mia rabbia, e non esserlo.

Mi sono imbattuto in questa citazione qualche tempo fa e mi è rimasta impressa riguardo al mio dolore.
"Nessuno nota la tua tristezza finché non si trasforma in rabbia, e poi sei la persona cattiva."

Non conosco le sue origini, ma sembra accurato. Semmai, voglio che la gente sappia che la mia rabbia non riguarda chi sono io come adottato. Non si tratta nemmeno di chi sono io come adozione di una scoperta tardiva. Riguarda ciò che provo come adottante.

Ancora più importante, vedo la mia rabbia come uno strumento, perché non solo mi ha permesso di stabilire e mantenere i limiti necessari per proteggermi, ma è ciò che mi spinge a scrivere per il cambiamento, condividere la mia esperienza e ripristinare tutto ciò che è stato portato via da me. Ho imparato a usare la mia rabbia per sostenere il cambiamento, per condividere la mia esperienza e la mia verità impenitente. Condivido la realtà dell'adozione scrivendo esattamente quello che provo e come lo sto affrontando.

La mia rabbia riguarda la richiesta di responsabilità da parte di coloro che non vogliono essere ritenuti responsabili. Si tratta di bonifica.

In un saggio sulla rabbia, Brian Wong ha scritto quanto segue:
"Sebbene la rabbia potrebbe non essere l'emozione più praticamente utile da avere in tutti i casi, la sua produttività epistemica e motivazionale la rende il candidato ideale per guidare le vittime verso richieste di risarcimento o riparazione appropriate. È la rabbia verso la perdita di ciò che conta che consente alle vittime di individuare le componenti più importanti del loro processo riparativo – ovviamente, potremmo non pensare che il restauro sia intrinsecamente più prezioso, ma questa critica non coglie il punto. La rabbia può svolgere un ruolo cruciale nel recupero dei beni perduti”.

Molto semplicemente, ecco cos'è la rabbia. Cosa può essere. 

Guarire dai miei traumi passati per me non significa lasciar andare il mio dolore o la mia rabbia. È così che lo gestisco e come utilizzo quella rabbia. Si tratta di usare la mia rabbia per un'esperienza positiva.

La rabbia come reazione a un'esperienza negativa può fornirci l'energia per il cambiamento. Può essere usato per aiutarci a mantenerci al sicuro e darci il coraggio di riprenderci ciò che abbiamo perso. E questa è una buona cosa!

Per ulteriori informazioni da Kris, segui su:
Kris-404:RootsNotFound
Twitter @adottatoindiano
Instagram @indianlatediscoveryadoptee

Condivisioni anonime su Adoptee Anger

Questa è una serie su Adoptee Anger dall'esperienza vissuta, per aiutare le persone a capire cosa c'è sotto la superficie e perché gli adottati a volte possono sembrare arrabbiati.

di Anonimo, adottato dalla Cina negli Stati Uniti.

Ho provato rabbia come adottato. Per me è successo tra la fine dell'adolescenza e l'inizio dei 20 anni in quel periodo di transizione tra il liceo e l'università. Ero arrabbiato con i miei genitori per avermi adottato e per non aver fatto sforzi per imparare o condividere la mia cultura di nascita, ero arrabbiato con i miei genitori naturali per avermi dato in adozione e per aver avuto un bambino di cui non potevano prendersi cura. Ero arrabbiato per i sistemi più ampi di povertà e disuguaglianza che mettono le persone in situazioni difficili. Ero così arrabbiato con le persone che mi dicevano che ero cinese o asiatico ma non avevo idea di cosa significasse.

Ero arrabbiato con i cinesi che ho incontrato che erano delusi dal fatto che non fossi più "cinese". Mi sono scagliato contro i miei genitori e ho detto loro cose molto offensive sull'adozione. Sfortunatamente, ho anche rivolto gran parte di questa rabbia e tossicità su me stesso e ha influenzato negativamente il modo in cui mi vedevo. Per me, la rabbia riguardava l'essere confrontati con la comprensione che l'adozione non solo mi ha dato una famiglia, ma significava anche che ne avevo una in periferia che forse non avrei mai conosciuto. Mi sentivo uno straniero nel mio stesso corpo, costantemente giudicato per la mia razza ma non rivendicando quell'identità. Non riuscivo a capire come venire a patti con gli effetti della povertà e dei sistemi più ampi che mi hanno portato ad essere adottato.

Ho sentito davvero rabbia come l'inizio del dolore.

Ora la rabbia è svanita e provo una tristezza profonda e complicata quando penso a questi argomenti. Ciò che mi ha aiutato di più è stato raggiungere e connettermi con gli altri adottati. Mi ha aiutato a canalizzare e convalidare i miei sentimenti sull'adozione, vedere più sfumature nel processo e ritrovare molta fiducia in me stesso e autostima.

Dato che sono stato coinvolto con le organizzazioni di adottati, ho trovato conforto, guarigione e gioia. I miei genitori, anche se avremo sempre delle differenze, mi amano e non si sono mai vendicati quando ho detto cose cattive sul processo di adozione o su di loro. Dagli amici intimi e dalla famiglia, sono stato trattato con compassione, amore, comprensione e comunità. Penso che sia ciò di cui ogni persona ha bisogno quando lavora su queste cose grandi e inspiegabili.

Kyleigh condivide su Adoptee Rabbia

Questa è una serie su Adoptee Anger dall'esperienza vissuta, per aiutare le persone a capire cosa c'è sotto la superficie e perché gli adottati a volte possono sembrare arrabbiati.

di Kyleigh Elisa, adottato dalla Colombia negli Stati Uniti.

Adotta la rabbia di Kyleigh Elisa

Sono arrabbiato di sicuro. Sento che la mia rabbia va e viene. Ad esempio, alcuni giorni sono pronto a scoppiare e altri, è una lenta bruciatura nel profondo.

Quando un terapeuta mi ha dato per la prima volta il permesso di arrabbiarmi per la mia adozione circa un decennio fa, è stato come un vulcano che è eruttato dentro di me e non sono riuscito a fermarlo per mesi. Allora si trattava più di sentirsi sempre inaccettabili. Sentendomi come se odiassi il modo in cui ero diverso in un mare di bianchi. Che nessuno vicino abbia mai veramente riconosciuto il dolore dentro di me dovuto all'adozione. Che mi è stato fatto sentire come se fossi una merce esotica, mentre mi è stato anche detto: "No, sei proprio come noi. Sei solo il nostro Kyleigh”. Mi sento come se fosse una specie di gaslighting non intenzionale che cercava di farmi sentire accettato, ma ha avuto l'effetto opposto.

Da allora ho sfogato la mia rabbia più regolarmente e non bevo per attutire il dolore come una volta. Sono decisamente ancora arrabbiato e odio essere adottato. Odio il colonialismo. Odio la supremazia bianca. Odio il patriarcato. Ho paura delle organizzazioni religiose che permettono alle persone di giustificare tutto. Credo che tutte queste cose contribuiscano al motivo per cui siamo tutti adottati.

Rabbia fluttuante di Kyleigh Elisa

Comincio solo a pensarci e la rabbia cresce. È un percorso di pensiero che devo sforzarmi di interrompere perché non mi aiuta. Mentre penso che sia bello essere consapevoli che le cose esistono, non posso nemmeno permettere che deteriorino la mia salute mentale. Quindi faccio ricerche e cerco di restituire qualcosa alla nostra comunità e partecipo alle organizzazioni di adozione – questo mi ricorda che non sono solo.

Ricordare che non sono solo aiuta molto. Anche fare passi graduali per recuperare pezzi della mia cultura che mi sono stati portati via aiuta. È spaventoso mentre cerco di recuperare ciò che è stato perso, e questo a volte è sconvolgente, ma alla fine raccolgo i frutti accettando ogni piccolo pezzo di nuovo a me, poiché spetta a me giustamente tenerlo.

JD condivide su Adoptee Rabbia

Questa è una serie su Adoptee Anger dall'esperienza vissuta, per aiutare le persone a capire cosa c'è sotto la superficie e perché gli adottati a volte possono sembrare arrabbiati.

di JD Glienna, adottato dalle Filippine negli Stati Uniti. JD è co-fondatore di Adopteekwentokwento, un canale Youtube che condivide le voci degli adottati filippini.

Di tanto in tanto mi arrabbio. Sono arrabbiato per tutte le bugie che devo vagliare per arrivare alla verità. Sono arrabbiato perché il sistema mi ha dato dei genitori violenti. Sono arrabbiato per il fatto che non ci sia stato alcun processo per proteggermi o educarli al miglioramento. Sono arrabbiato perché devo costantemente elaborare i brutti ricordi. Sono arrabbiato perché ascolto le bugie di quanto sia stata brava una mamma, o commenti come "Questo è il mio bambino" quando dannatamente bene erano bugie. Sono arrabbiato perché un bambino doveva essere il pugile per le insicurezze di qualcun altro.

Potrei non essere sempre arrabbiato, ma di tanto in tanto bolle. Sono arrabbiato perché alcuni vogliono una trama invece di assumersi la responsabilità. Sono arrabbiato per il fatto che gli adottati siano l'ultima parte della triade da considerare dietro l'agenda dei genitori adottivi, il sistema di governo e poi la madre naturale. Sono arrabbiato per la mancanza di supporto per gli adottati in fase di adozione. Sono arrabbiato per coloro che sperimentano che sono una bugia per qualcuno e che devono rimanere una bugia. Sono arrabbiato per tutti gli adottati che vogliono far parte di una famiglia, adottati o biologici e vengono costantemente rifiutati.

Puoi seguire JD
@lakad.co
@Adottateekwentokwento

Gypsy condivide su Adoptee Anger

Questa è una serie su Adoptee Anger dall'esperienza vissuta, per aiutare le persone a capire cosa c'è sotto la superficie e perché gli adottati a volte possono sembrare arrabbiati.

di La zingara Whitford, adottato dagli USA all'Australia.

Sono arrabbiato perché sono il prodotto di un'industria da miliardi di dollari distrutta. Perché avevo un cartellino del prezzo e sono stato trattato come un nuovo giocattolo. Perché avrei potuto essere abortito se il sistema sanitario negli Stati Uniti fosse stato migliore, ma invece sono stato venduto al miglior offerente. Perché invece dell'aborto, sono stato comprato da una famiglia bianca che ha preso la mia oscurità e l'ha resa bianca senza alcuna cura o empatia per chi sono veramente o dove dovrei essere. Tutto ciò che avrei dovuto sapere era stato privato del mio nucleo.

Credo che razza, cultura e biologia giochino un ruolo importante in ciò che siamo. Le generazioni prima di noi fanno parte della nostra identità e il fatto di non avere una famiglia biologica ci colpisce a un livello più profondo di quanto la maggior parte delle persone capisca.

Sono arrabbiato perché non sono solo io che vivo come un'adottata transrazziale con genitori adottivi che mi hanno imbiancato al punto che si aspettano che affronti il razzismo perché non riescono a capire come sia realmente. Oppure dicono cose come "Beh, ti abbiamo cresciuto bianco, quindi è quello che sei". O "Beh, saresti potuto rimanere con la tua vera famiglia", tranne per il fatto che non avevano davvero idea della mia famiglia biologica e di mia madre; altra idea se non quella di usare la manipolazione e la collusione che mia madre ha dovuto affrontare prima che i miei genitori adottivi firmassero quell'assegno per comprarmi.

Non siamo tutti indesiderati! Eravamo amati, ma un'industria da miliardi di dollari è intervenuta e ci ha affondato i denti, a sua volta, rompendo quel legame madre e bambino nel nome di $$$.

Sono arrabbiato e rimarrò arrabbiato fino a quando l'industria privata dell'adozione di bambini non sarà morta!

Puoi seguire Gypsy su TikTok @gypseadoptee

Ande condivide su Adoptee Rabbia

di Ande Stanley, nato nel Regno Unito e adottato negli Stati Uniti.

Questa è una serie su Adoptee Anger dall'esperienza vissuta, per aiutare le persone a capire cosa c'è sotto la superficie e perché gli adottati a volte possono sembrare arrabbiati.

Sono mai stato un adottato arrabbiato? Sì. Sono ancora. Il mio terapeuta dice che la rabbia è una risposta normale all'essere mentito e manipolato. Ma io sono un'adottata della scoperta tardiva. Non posso dire come mi sentirei se l'avessi saputo da sempre. Penso che ci sarebbe stata ancora un po' di rabbia perché tutte le bugie che ho scoperto erano state raccontate sulla mia adozione dalle mie famiglie di origine.

Credo anche che ci sia una giusta rabbia che è appropriata quando si tratta di adozione. Vorrei che le mie famiglie fossero disposte a provare almeno a guardare i miei sentimenti attraverso il mio obiettivo, invece di combattere così duramente per mantenere le proprie narrazioni. Ci si aspetta che io veda il loro, ma si rifiutano persino di provare a vedere il mio.

Puoi leggere di più da Ande su I dossier di adozione blog e Spotify podcast.

Andrea condivide su Adoptee Rabbia

Questa è una serie su Adoptee Anger dall'esperienza vissuta, per aiutare le persone a capire cosa c'è sotto la superficie e perché gli adottati a volte possono sembrare arrabbiati.

di Andrea Johnstone, adottato dal Canada all'Inghilterra.

Ero arrabbiato da adolescente! Volevo così disperatamente che mia madre e mio padre adottivi mi vedessero per quello che ero e che soddisfassero i miei bisogni emotivi. Non è mai successo. Ero il bullo della scuola perché ho dovuto imparare a proteggermi da tutti i commenti razziali.

I miei insegnanti di scuola mi dicevano: "Non sei altro che un negro!" Sì, è proprio così, fottuti insegnanti di scuola. Sono stato tirato su per il mio maglione e sbattuto contro il muro da un insegnante di educazione fisica che mi ha detto: "Ti odio Andrea Johnstone!" cmq!! Quindi sì, ero fottutamente arrabbiato. I ragazzi non sono mai stati puniti per il loro comportamento razziale. Gli insegnanti non avevano idea che vivessi in una famiglia molto disfunzionale: madre narcisista con un padre depressivo e passivo. Quindi diavolo sì, ero arrabbiato!

Tuttavia, le cose sono cambiate e sono andato in terapia profonda dopo un tentativo di suicidio. È stato un lungo viaggio di ritorno a se stessi. E ora sono qui a sostenere molti adottati nel Regno Unito. Quindi tutto doveva essere, poiché conosco quel dolore, conosco quella rabbia interiore. Conosco la ferita primaria perché ci sono stato.

Quella rabbia continua ancora a volte a ribollire dentro. Ma ora so come lenire il suo xx e nessun rimpianto. Tutte le mie esperienze di vita sono ciò che sono oggi. Sono una donna dannatamente straordinaria e saggia che ha imparato ad amarsi veramente e a ricordare che ero quella che stavo aspettando. Per dare a me stesso ciò di cui avevo bisogno.

Tutto il guardare fuori di me stesso, l'amore che cercavo con gli uomini, no... Posso avere una relazione sana con qualcuno solo quando ne avrò una prima con me stessa. E lascia che ti dica che ci sono voluti decenni per risolverlo.

Devi scavare a fondo, signore e signori, perché questo viaggio da adottati non è una passeggiata nel parco. xx

Per i compagni adottati che necessitano di supporto professionale, Andrea è una psicoterapeuta nell'area di Bournemouth UK, puoi metterti in contatto con lei su Psicologia oggi Regno Unito.

Adotta la rabbia

citazione di Joan Chittister

Stavo scrivendo a una mamma adottiva su come noi adottati esprimiamo la rabbia e mi ha ricordato quanto le persone siano spaventate, in generale, da quella "rabbia dell'adottato". Allo scopo di creare una maggiore comprensione di questa emozione fraintesa e temuta, ho pensato di scrivere sul perché la rabbia è una componente valida nel percorso di un adottato e su come le persone possono supportare un adottato in mezzo alla rabbia. Non parlo a nome di tutti gli adottati, ma condivido la mia esperienza.

Non ricordo di essere stato consapevole della mia rabbia legata al mio abbandono fino a quando non ho raggiunto i 20 anni. Ricordo di essermi sentito arrabbiato da adolescente, ma all'epoca la mia rabbia sembrava il risultato di sentirmi confuso riguardo al mio posto nel mondo, di sentirmi come se non fossi adatto, che le persone mi prendessero in giro per il mio aspetto e per essere trattato in modo diverso nella mia famiglia adottiva. So che se qualcuno si fosse avvicinato a me durante quegli anni dell'adolescenza e avesse parlato di adozione o abbandono, l'avrei messo da parte dicendo che non aveva nulla a che fare con come mi sentivo. Ero un adolescente che non aveva idea dei problemi che stavano alla base dei miei sentimenti. La mia famiglia adottiva non ha cercato di cercare problemi diversi dai normali problemi adolescenziali - gli è stato detto che l'amore dovrebbe essere sufficiente - un'era in cui l'adozione e l'abbandono non erano capiti.

Ero l'adottato adolescente che non si è mai ribellato apertamente. Personalità? Direi che è stata la mia paura del rifiuto che ha creato la mia spinta ad "adattarmi" e il mio desiderio di "accettazione" che mi ha spinto ad avere successo a scuola. Il mio sfogo emotivo era la musica. Suonavo il pianoforte tutto il tempo e ricordo che mia sorella adottiva mi ha chiesto di smettere di battere il pianoforte così forte e con rabbia. Guardando indietro, mi rendo conto ora che era il mio unico sfogo e segno di rabbia profondamente radicata e, soprattutto, tristezza. Sicuramente mi sentivo come se non avessi nessuno che mi parlasse di quei sentimenti, per iniziare quelle conversazioni, e forse ero così escluso dal fidarmi di qualcuno istintivamente che non potevo vederli anche se erano di fronte a me. Sono cresciuto con altri bambini a scuola e in chiesa, anch'essi adottati a livello domestico, ma non ricordo alcuna conversazione sui bambini "adottivi", tranne per aver sentito per caso che stavano causando un sacco di problemi ai loro genitori.

Da adulto adottato, conosco personalmente parecchi adottati internazionali che sono cresciuti ribellandosi e facendosi drogare, alcol e sesso. Sono tutte dipendenze in una certa misura che aiutano a seppellire i nostri sentimenti perché sono così opprimenti. Posso capire perfettamente perché ci rivolgiamo a questi comfort e cosa li sta guidando. Per gli adottati, sono i nostri profondi sentimenti di dolore per essere stati abbandonati. Le domande persistenti nella nostra psiche sul perché ci siamo arresi? Le persone sono così accecate dai miti fiabeschi dell'adozione di "famiglia per sempre" e "l'amore è abbastanza" che non vedono i segni così ovvi per un adottato come me. Puoi trattarci come una famiglia per sempre e l'amore è abbastanza, ma NOI non ci sentiamo così. Non per molto tempo. Per i bambini come me, che sembravano ben educati, le nostre lotte passano inosservate, solo per manifestarsi più tardi nella prima età adulta come depressione profonda e tentativi di suicidio o altri sintomi nascosti. Forse i genitori dovrebbero considerarsi fortunati se hanno un figlio che sta recitando - almeno il bambino adottato sta cercando di dirti che c'è qualcosa con cui stanno lottando - è la loro richiesta di aiuto. Per quanto riguarda gli adottati come me, d'altra parte, i miei genitori non avevano idea della profondità delle mie lotte e per qualche ragione sconosciuta sono ancora viva per scriverne. Per quegli adottati che riescono a tagliare definitivamente quei sentimenti ponendo fine a tutto, dico che è una terribile riflessione sulla nostra società nei modi in cui perpetuiamo i miti dell'adozione, non riuscendo a sostenere e offrire l'aiuto e l'accettazione che stanno cercando prima che sia troppo tardi! I miei genitori certamente non si sono mai resi conto che avevo problemi di fondo profondamente radicati che avrebbero potuto beneficiare di un'assistenza guidata. Ho guardato all'esterno come il bambino modello, sempre conforme, che si comportava bene a scuola, nonostante fosse stato beccato per un negozio di sollevamento nella mia prima adolescenza.

La realtà è che la rabbia è una normale risposta emotiva ai nostri straordinari inizi di perdita, distacco, disconnessione, rottura dei nostri legami con la madre che ci ha portato, perdita del nostro patrimonio genetico, sentimenti di non appartenenza alla nostra terra e al nostro ambiente adottivi, sentimenti di spostamento , confusione su dove ci adattiamo esattamente e perché è così difficile lottare con tutti questi sentimenti che nessun altro sembra avere, per non parlare di relazionarsi. A meno che le persone che ci circondano e più vicine a noi non capiscano questa rabbia e non abbiano interesse a "sentire" di cosa tratta questa rabbia, penso che come adottati continuiamo a intensificare i nostri comportamenti nell'esprimere la rabbia in modi poveri e disfunzionali che sabotano ulteriormente le nostre capacità sviluppare relazioni che altrimenti potrebbero essere di supporto.

Un giorno, durante la terapia, mi resi conto che in realtà farmi del male era la mia rabbia rivolta verso l'interno. Gli adottati che mettono in atto la loro rabbia la stanno mostrando, quelli di noi che sono perfezionisti e cercano di conformarsi la rivolgeranno verso l'interno se non c'è un modo appropriato per esprimerla. Quindi, come possiamo aiutare al meglio un adottato con rabbia? Innanzitutto e soprattutto abbiamo bisogno di qualcuno che ci ascolti e accetti che abbiamo un vero motivo valido per provare rabbia. Questo significa non aver paura di sentire la rabbia dell'adottato. Non allontanare il problema dall'adottato e fallo su di te. Conosco molte persone che hanno paura di sentire/vedere/essere su ciò che percepiscono come il destinatario della rabbia – se è così, ti incoraggio a leggere The Dance of Anger di Harriet Lerner. Bloccando il bisogno innato dell'adottato di esprimere quella rabbia, bloccherai anche il suo bisogno di esprimere la sua innata tristezza per la perdita e la disconnessione.

Secondo, non reagire alla rabbia espressa in modo negativo. Se lo fai, questo dà l'impressione che la nostra rabbia sia sbagliata. No, ciò che è sbagliato non è l'emozione e le valide ragioni per questo, ma il modo in cui trasformiamo quell'energia di rabbia sugli altri o su noi stessi. Ciò di cui abbiamo bisogno quando esprimiamo rabbia è qualcuno che convalidi e confermi che la nostra rabbia è ok e che alla base di essa c'è il nostro dolore e la tristezza per essere stati abbandonati.

Terzo, una volta che permetti alla rabbia di esistere, potresti essere sorpreso di vederla trasformarsi in lacrime di cruda tristezza, dolore e dolore. Questo è quando abbiamo bisogno di una bella coccola di accettazione che offra conforto e dimostri che stai condividendo il nostro dolore con noi.

Come adottati, se riceviamo costantemente il messaggio apertamente o segretamente che la nostra rabbia non va bene, ci stai riflettendo che non va bene essere chi siamo. Siamo il risultato di un inizio terribile, quindi naturalmente la nostra psiche deve risolverlo e trovare un modo per guarire. Se blocchi la rabbia, l'adottato non raggiungerà mai l'altra estremità dello spettro di guarigione perché la rabbia è la nostra emozione secondaria alla tristezza. Se abbiamo troppa paura di esprimere la nostra tristezza, la esprimiamo come rabbia. Se non puoi sentire la nostra rabbia, non sarai in grado di sentire la nostra tristezza. Se non riusciamo mai ad esprimere la nostra tristezza e il nostro dolore, non riusciremo mai a risolvere i nostri inizi.

Il messaggio che sto cercando di trasmettere è per favore non aver paura della nostra rabbia o cercare di impedirne l'espressione. Una volta che la nostra rabbia viene ascoltata, non saremo così esplosivi o reattivi. È come stappare una bottiglia di vino, se lasci uscire la rabbia, il vino diventa bello e si addolcisce. Ora non sto dicendo che dobbiamo solo sfogare la nostra rabbia una volta, no, a volte abbiamo bisogno di più volte per esprimere questa rabbia ed essere "ascoltati" e ascoltati. Nella mia esperienza, il potere di guarigione per me è venuto dall'essere in grado di raccontare la mia storia in cinquanta modi diversi a cinquanta pubblici diversi. Era la conferma di cui avevo bisogno. Avere persone che vengono da me ed empatizzano e danno quella comprensione che ho sempre cercato. Dopo un po' di conferme da parte delle persone, ho imparato che i miei sentimenti erano ok e che non dovevo scappare da loro. Ho imparato che era bello ascoltare la mia rabbia interiore, ma il trucco era trovare un metodo appropriato per incanalare l'energia e trasformarla in qualcosa di utile per noi stessi. Per me, era creare una rete di supporto per altri adottati che stavano lottando come me. Per altri, potrebbe essere uno sfogo artistico, musica, scrittura, qualsiasi cosa ci permetta di esprimere la rabbia e la tristezza in modo sano e sicuro.

Quanto sopra è scritto specificamente per la rabbia dell'adottato basata solo sulla ferita di abbandono iniziale. Se un adottato viene ulteriormente ferito, maltrattato, razzista oltre al suo abbandono, allora ovviamente la rabbia viene aggravata da questi fattori causali aggiuntivi. Inoltre, non sto sostenendo la violenza che è la rabbia manifestata nei confronti degli altri o giustificando un'adottato che ferisce intenzionalmente gli altri a causa della loro "rabbia". Sto semplicemente scrivendo di un argomento molto frainteso specifico per l'adozione internazionale e spero di condividere alcune informazioni sul motivo per cui mostriamo rabbia, da dove proviene e come potresti aiutarci a risolverlo in modo sano.

Il mio desiderio è vivere in un mondo in cui la rabbia di un adottato sarà ascoltata per quello che è, cioè invece di etichettarci e respingerci perché le persone hanno paura della forza dell'emozione, invece ci abbraccerebbero e confermerebbero che abbiamo ogni motivo per sentirsi triste e arrabbiato. Se la nostra rabbia viene accolta, ci consentirai di guarire noi stessi rimanendo fedeli ai nostri sentimenti e di iniziare a connetterci veramente a te e condividere i nostri bisogni più profondi abbracciando chi siamo nel nostro nucleo più profondo.

Italiano
%%piè di pagina%%