L'adozione può essere una prigione psicologica

How do I start over?

The question echoes in my brain every day here in Hawaii, now totally away from the relations of my former adopted life.

How do I live anew as one person in this world?

I left my adoptee ties that were technically governmentally bonded relations that I had no control over as a Filipino orphaned child circa 1980’s. For me, they had been total strangers and I didn’t have any oversight or support in post-adoption.

As time went on for me, I wasn’t able to have the fortune to get to know my biological family as after my reunion in 2012 in the Philippines, I decided to go my own way once I discovered our language barriers and my inability to confirm any facts on them.

So yes, fast-forward to current times and it is Sunday, and I have relinquished my bond of my adoptive ties for various reasons, and it hasn’t been easy but for me, it was necessary.

This break action has been mental, emotional and physical. Slamming this lever down included making physically strategic distance by moving far, far away on my own to the Pacific islands in 2019, re-establishing dual citizenship to my birth country in the Philippines in 2021, and civilly sending a kindly written email to my adoptive parents this year after my adoptive brother’s jarring and untimely death.

Additionally, the extended adoptive ties I’ve noticed can also naturally deteriorate with time itself after years of peaceful but gently intentional non-communication.

What happens after you’re on this path of annexation, you wonder?

For me, I’ve arrived at an interesting intersection in my adulthood when I’ve sort of returned to a former state of orphanhood with no real station in life, no bonds, all biological history, heritage and economic status obsolete all over again.

Doesn’t sound that appealing, I know! Tell me about it.

The perk is that instead of being a vulnerable child, I am a 36-year-old woman living in Hawaii. I have rights. I am in control of my wellbeing and fate. I have responsibilities. I drive my own car, I pay bills, I have funds; I have a job and I am not helpless.

I can take care of myself. So to me, the biggest perks are in being healthy and reclaiming my life, identity and sovereignty needed over my own needs and wellbeing.

So quickly the adoptee bond can turn into toxic relations if the parents are narcissistic or emotionally or physically abusive.

After the death of my adopted brother, who was also a Filipino American adoptee and died of severe mental issues and alcohol poisoning, I had a stark wake-up call of how these adoptee relations were silently impacting me too.

And I had to make better choices for myself, I would be risking too much if I ignored this.

It is like leaving a psychological prison, I told Lynelle on a weekend in May.

After some reflection, I realized that as a child and having to make structured attachments from being displaced, this legal bond fastens.

And as a displaced, vulnerable child, I think one falls privy to co-dependency, the need for a family structure overrides even the need for safety for his or her own wellbeing, like if abuses arise in this domestic home.

Or other aspects might not nurture the adoptee, like when the child isn’t being culturally nurtured according to their birth country.

Or when the parents or family members are financially and socially acceptable as to meeting criteria of adoption, but possess narcissistic personalities which is also detrimental to the child’s personal, emotional, psychological and cultural development.

A child stays glued and psychologically devoted to their family ties through development stages and on past adulthood because the need for foundational attachments is paramount to one’s psychological upbringing and success.

And if these ties are in any way bad for the adoptee early on, I think these relations that were once saving can quickly turn into a psychological prison because you are truly bound to these social ties until you’re strong enough to realize that you have a choice.

And you Potere break out of this bond, this governmentally established bond, although possibly later on as an adult. And, with some finesse.

As an adult adoptee, from my experience adoptive ties that develop healthily or dysfunctionally, after a certain amount of time both types transitions into permanence to that adoptee. Adoptive ties mesh and fuse just the same as biological ties, once you’ve gone so long in the developmental process.

This adoptive relation is totally amazing when it’s good, like any good relationship.

The spin is that when there are issues plaguing the adoptive unit, which can be subtle, interplaying with the personality and culture of the adoptive relations, these issues can go totally disguised, unreported, and it can be toxic and the affects can last a lifetime.

From experience, I see that it is because the adoptee child is vulnerable and doesn’t know how to report issues in the relations, because the option isn’t even granted to them.

No one is really there to give or tell the adoptee child that they have these rights or options. When it comes to post-adoption, there isn’t much infrastructure.

Sadly, if dynamics are not supportive to the adoptee, in time, it can cost an adoptee the cultural bonds to their own birth country or the loss of their native language.

It can cost an adoptee their sanity and mental health.

It can cost an adoptee their self-esteem, which all bleeds and returns into the social sea of their placement or back out into other countries.

And, it can cost an adoptee their life.

On the upside, if the placement is good, it can save a person’s life as well! And it can allow this adoptee happiness and joy forevermore.

Each side of the coin both instills an adoptee’s human value and the toll the placement takes on every child who becomes an adult in society is also expensive, leading to exponential advantage and success in society, or potential burnouts.

For me, my adoptive placement was costly in the end. However, I was still able to survive, work and live. I was materialistically taken care of, thankfully.

I honestly think much was due to my own faith, offbeat imagination and whatever blind luck I was born with that all carried me through this.

Overall, this has been a total trip and my journey has been very far from embodying the traditional fairy tale adoption story.

So now, it’s time to do the hard work, an adoptee mentor messaged me today. But I can do it, we all can do it! It just takes good choices and regular upkeep.

Nearing the end of this post, I will share to my adoptee community that we have a choice especially once we’re of legal age. I’m sort of a wildflower in general, and a late bloomer, so I’m coming out of the fog and becoming aware now in my mid-thirties.

Yes, we have a lot to rear ourselves depending on the economic status we find ourselves in without our adoptee ties. But like other adoptee peer support has shared, you should not do this kind of thing by yourself. You can have support structures the whole time in this.

And yes, it is terrifying, because you will have to rebuild your sense of identity when leaving toxic family relations. As yes, it can be like rebuilding your identity all over again from when you leave them and start anew, as a now a self-made, sovereign person.

From a Hawaiian private school I work at now, I have come to find that cultural identity building begins in the present and it is built upon values, history, education and the wisdom of the past. Now that I have found a home in Hawaii, maybe I can learn more about it.

I will also be working on weekly goals that I hope to share to the community as I continue on this never-ending journey.

In conclusion, if you are in a good adoptive family, God bless your fortune and I have so much love and happiness for you! However, if you are needing to split away from the ties, like if your adoption wasn’t that healthy, then please know it isn’t impossible.

Professional and peer support is here for you, every day on your way to freedom. You can create your own sovereignty, it will just take work.

Read Desiree’s earlier post at ICAV: Cosa ho perso quando sono stato adottato and follow her at Weebly o Instagram @starwoodletters.

Antologia adottiva etiope

di Aselefech Evans, adottato dall'Etiopia negli Stati Uniti.

Sono così entusiasta di condividere con tutti voi la copertina del nostro libro, "I leoni che ruggiscono lontano da casa”, un'antologia di etiopi adottati della diaspora, cresciuti negli Stati Uniti, Canada, Australia, Belgio, Francia, Svezia e Paesi Bassi. La copertina è del famoso artista etiope, Nahosenay Negussie.

Questo libro è un lavoro d'amore che ci ha messo sei anni per essere prodotto. Queste storie sono sacre e sfidano la narrativa tradizionale sull'adozione.

Prima di dedicarmi al lavoro contro il razzismo, il mio lavoro riguardava le intersezioni tra il benessere dei bambini e le adozioni transnazionali. Ho iniziato questo lavoro a 17 anni, parlando con psicologi e assistenti sociali, spingendo le agenzie a comprendere la complessità dell'allontanamento dei bambini dalle loro prime famiglie.

La National Association of Black Social Workers considerava l'adozione transrazziale una forma di genocidio culturale e tutti noi dobbiamo comprendere l'importanza della conservazione della famiglia.

Mi considero un conservazionista della famiglia politicizzato, che crede radicalmente che l'adozione transrazziale sia radicata nella perdita, nel trauma razziale e nel dolore. Ho lavorato in Etiopia sulla conservazione della famiglia, chiedendo la responsabilità del sistema che avrebbe comportato l'accesso ai documenti di nascita e la ricerca della famiglia. Era ed è un'opera che cambia la vita, perché la giustizia non sembra tangibile. Tanto danno è stato fatto.

Molti di noi sono bambini rubati, che hanno perso così tanto. Anche se mi asterrò dall'aggiungere qui le mie opinioni politiche sull'adozione transrazziale e internazionale (puoi leggere le mie opinioni quando avrai il libro), come le persone indigene, noi adottati siamo privati della nostra cultura, lingua e storia e costretti ad assimilare nella cultura dominata dai bianchi.

Gli etiopi non sono persone omogenee. Ci sono 86 gruppi etnici con storie, culture e lignaggi ancestrali diversi, anche se il colonialismo ti dirà il contrario. "Hanno cercato di seppellirci, ma non sapevano che eravamo semi". .

Questo libro è potente per molte ragioni e integra magnificamente le prospettive degli adottati etiopi, che vanno dagli 8 agli oltre 50 anni.

Rendo la mia più profonda gratitudine agli adottati coreani, alle cui spalle mi appoggio, in quanto sono stati il primo gruppo di attivisti, a denunciare l'adozione internazionale per il suo imperialismo, dominio e corruzione.

I leoni che ruggiscono lontano da casa” ti sfiderà nel miglior modo possibile. Restate sintonizzati per la data di uscita e intanto godetevi questa bellissima copertina.

Voglio anche ringraziare i miei co-editori Kasaye e Maureen: questo libro non sarebbe stato possibile senza di voi. Grazie per aver creduto in questo libro e per essere rimasto fedele alla nostra visione.

Puoi leggere di più da Aselefech sul suo sito web Figlia etioamericana.

Trovare la forza nell'ora più buia

Mio fratello, adottato 2 anni prima del mio arrivo nella nostra casa adottiva, è morto senzatetto e malato di mente nelle Filippine la scorsa settimana. Era un filippino americano adottato da un paese all'altro, proprio come me.

Non sappiamo cosa sia successo. Era coinvolto in cattive compagnie. Ho la sensazione che la morte sia stata assistita. La negligenza era coinvolta. È stato a Mindanao, in una zona rurale, dove è pericoloso per gli americani viaggiare, ho sentito dire. Se scoprono che sei americano, accadono veri rapimenti. Non potevo andare a vedere se fosse vero. L'unica persona che informava era una signora che era una brutta notizia fin dall'inizio. Gli chiedeva sempre soldi. Perseguitare mio fratello per impossessarsi della mia madre adottiva. E lei è stata parte di questa morte, fotografando mio fratello giorni prima che morisse senzatetto per sospetto avvelenamento da alcol.

La notizia mi ha colpito e il processo del lutto è stato reale e straziante. Ho avuto difficoltà a dare la notizia ai miei colleghi. Il primo giorno di ritorno al lavoro, ho pianto nell'ultima ora.

Quello che voglio scrivere è quello che ho imparato dalla mia vita e dal mondo di adozione filippino americana. Questa vita non è mai stata facile. Non è stato divertente. Non mi sono mai sentito a mio agio con la mia famiglia bianca adottiva. E avevo un fratello malato di mente che era del mio paese natale, marrone come me, e solo due anni più grande di me, e lo amavo con tutto il cuore.

Tuttavia, non è mai stato sano. È stato offensivo con me crescendo. Era malato di mente e il suo abuso è cresciuto fino al punto in cui lo ha inflitto a se stesso. E ha cercato di coinvolgere anche me con quello, quindi ho dovuto avere dei limiti. Ho aspettato che guarisse. Pensavo che l'avrebbe fatto, ma è solo peggiorato. E mi ha fatto sentire peggio con il passare degli anni, portando questo dolore. Non sapendo dove metterlo, chi incolpare, perché era lì.

Dopo tutto, voglio dire che arriva il momento in cui devi solo scegliere. Dove invece di reagire come hai fatto prima, alzi lo sguardo e fai un nuovo respiro perché è diventato tutto troppo. Noti nuovi dettagli tra le nuvole e ti rendi conto che stai ancora scalciando e non puoi continuare ad avere gli stessi pensieri o le stesse abitudini. Senti un cambiamento. Vedi la necessità di affrontare le avversità e vuoi invece sorridere nella sua brutta faccia. Vedi la necessità di darti lo spazio per essere il vero te stesso. Perché non si torna indietro.

Ho passato così tanti anni a nascondermi nel dolore e nel trauma del mio passato e credo di scrivere questo perché quei tempi sono finiti.

Tutto quello che so è che da qui sarò forte.

Onoro la mia esperienza di adozione filippino americana con riverenza. Non mi vergognerò mai di quello che ho passato. Non mi vergognerò della mia sofferenza, che mi sono sorpresa a provare oggi, intorno ai miei colleghi. Non porterò più nemmeno il peso del dolore di mio fratello, che avevo. amerò me stesso. mi perdonerò. Sarò gentile con me stesso. Non sarò più così duro con me stesso, come prima.

Per tutto questo tempo mi sono portato dietro i fardelli di una vita che non ho mai avuto. Mi sono aggrappato al dolore di un amore che non sono mai riuscito a trattenere.

Di una famiglia che non ho mai conosciuto.

Ma mio fratello è morto, l'unica persona al mondo che probabilmente io abbia mai amato. L'unica persona in cui ho visto essere una vera famiglia. E qualcosa è cambiato in me.

Respiro, scrivendo questo. Sono vivo, scrivo questo.

Sono qui nel presente. Sono sopravvissuto a tutta questa merda incasinata. Essere orfano da bambino nelle Filippine. Dovendo attraversare la vita americana mi è stato dato, perché è così che il biscotto si sbriciola. Ci viene dato ciò di cui abbiamo a che fare e tu devi affrontarlo. Devi adattarti. E a volte nell'età adulta, impari l'importanza di essere gentile con te stesso e gli altri nel processo perché il benessere fa parte della propria sopravvivenza.

Dopo tutto questo, sento un senso palpabile di risoluzione nelle ossa del mio essere. È essere forti. È amare ciò che ho in questo mondo oggi. Ed è non arrendersi.

La mia decisione è di continuare a lavorare. Per vivere una vita sana. Per essere autentico. Per vivere vero. Sono ancora qui in questo mondo. E sono solo, ma ce l'ho fatta con le mie facoltà intatte.

Non mi sono fatto molti amici in questo percorso ma sono stato severo nel lavorare sodo, rivolgendomi a un mondo di arte, biblioteche e scuole per uno sfogo.

Conduco una vita di forza riservata. Ho sviluppato la mia espressione dei media creativi, selvaggia nel mio stesso intelletto e nelle mie imprese.

E sto appena iniziando in questo mondo anche a 36 anni.

Non so se qualcuno si riferirà a questo blog, ma se qualcuno lo fa, sappi solo che non mi arrenderò mai e non voglio che tu ti arrenda mai. Perché ho avuto la fortuna di ascoltare le storie di pochi di voi e di averne incontrati alcuni a Natale, ed è stato qualcosa di cui fare tesoro. E tu sei così vitale in questo mondo, lo sei davvero.

Crederò in te e nell'amore come quando ero più giovane e non mi fermerò mai. Proprio nel modo in cui credevo in Dio come quando ero più giovane e non ho mai smesso. Non smetterò di credere nella razza umana. Non smetterò di lavorare per uno scopo più alto perché è quello che mi fa alzare la mattina.

Sono qui oggi per dire che il dolore, le prove e le lotte serviranno a uno scopo nel tempo.

C'è una ragione per vivere e la troverai.

Nell'ora più buia troverai la forza.

O la forza ti troverà.

Leggi il precedente blog di Desiree su ICAV: Cosa ho perso quando sono stato adottato

Un omaggio e un'eredità a mia madre dello Sri Lanka

di Nimal van Oort, adottato dallo Sri Lanka nei Paesi Bassi. Fondatore di Fondazione NONA.

Circa diciotto anni fa, mio fratello gemello Djoeri ed io ricevemmo un messaggio dallo Sri Lanka che avrebbe cambiato le nostre vite per sempre. Per molto tempo stavamo cercando nostra madre in Sri Lanka, ma il messaggio ci diceva che nostra madre era tristemente morta molti anni prima.

La causa della sua morte ci ha reso tristi e addirittura furiosi. È stata violentata più volte ed è stata abbandonata dalla famiglia e dall'ambiente perché presumibilmente – essendo stata violentata – sarebbe diventata una disgrazia per la comunità. A causa di ciò e della mancanza di protezione e assistenza medica, è morta all'età di 21 anni.

Ad essere onesti, in quel momento non vedevo davvero la vita. Il nostro sogno più grande di incontrarla non si sarebbe mai avverato e sapendo che nostra madre aveva subito così tante ingiustizie, non sapevo davvero cosa fare.

Allora sono andato in Sri Lanka per poter essere sulla sua tomba. Lungo la strada – durante i miei primi giorni in Sri Lanka – ho visto tante ragazze che mi hanno fatto pensare a mia madre. Poiché anche loro sono state vittime di abusi sessuali, sono state abbandonate da tutti nonostante la loro giovane età. Queste ragazze non avevano nessuno.

Quando ero sulla tomba di mia madre e mia nonna mi ha raccontato della vita breve ma difficile di sua figlia, ho capito che forse non sarei più in grado di aiutare mia madre, ma l'avrei fatto per suo amore e come tributo a lei , inizierei a cercare di aiutare le ragazze di oggi.

Una volta tornato in Olanda ho iniziato a prepararmi per questo e ho creato la Fondazione NONA. Onestamente, nessuno si fidava dei miei piani. Tutti mi hanno detto che sarebbe impossibile fare qualcosa dai Paesi Bassi per le ragazze e le donne dello Sri Lanka che non hanno alcun valore per la società locale. Soprattutto, ero troppo giovane, inesperto e non abbastanza istruito per realizzare la mia visione.

Sì, ho sicuramente avuto una visione, o in realtà un sogno. Vorrei che queste ragazze e donne di oggi non dovessero mai sperimentare ciò che mia madre e molte altre donne hanno passato. Volevo che avessero la possibilità di un'esistenza umana.

Un premio reale dal vicesindaco di Amsterdam. Nimal è stato nominato il premio "Cavaliere nell'Ordine di Orange-Nassau" per il suo lavoro nella Fondazione NONA (2020).

Oggi, 18 anni dopo, siamo stati effettivamente in grado di aiutare oltre 1900 ragazze con strutture di accoglienza, assistenza, istruzione e responsabilizzazione. Renderli sicuri di sé e indipendenti rimane il nostro principale punto di partenza. Sono anche molto onorato di aver ricevuto a Premio Reale nel 2020 per questo lavoro e che anche in Sri Lanka siamo presi sul serio ad alto livello.

Quello di cui sono più orgoglioso è che siamo stati davvero in grado di aiutare molte ragazze e donne a ritrovare la passione per la vita e ora sono tornate nel mezzo della società. La maggior parte di loro ora ha una bella famiglia e un bel lavoro. Siamo una grande famiglia in cui tutti sono uguali: dalle ragazze e dalle donne che aiutiamo, al consiglio di amministrazione, dalla donna delle pulizie al presidente. Siamo una squadra con la stessa missione: rendere la vita di queste ragazze e donne meno rischiosa e più significativa; una vita con libertà, giustizia ed essere trattato come un essere umano.

Il mese scorso una ragazza che aveva un disperato bisogno del nostro aiuto nel 2011 è stata nominata insegnante da noi. Non è bellissimo?

Domenica 10 aprile celebreremo il NONA-Day al Pakhuis de Zwijger ad Amsterdam. In questo giorno condivideremo di più sul nostro lavoro in Sri Lanka, su ciò che abbiamo fatto, ma anche sui nostri progetti in corso e sui progetti futuri. Ci sono anche relatori ospiti stimolanti e vari spettacoli di canto e danza. Ci sarà anche un altro delizioso buffet cingalese-indiano. Vi invito personalmente a partecipare a questo, davvero tutti sono i benvenuti e potete iscrivervi a www.nonadag.com.

E se non puoi partecipare alla celebrazione del NONA Day, ma potresti voler contribuire alla nostra organizzazione in qualsiasi modo, contattaci perché potremmo davvero usare il tuo aiuto.

Molti ringraziamenti speciali ai miei fedeli membri del consiglio Djoeri, Ad, Dhilani, Shivanie, Hartini e Varishna che si sono offerti completamente volontari per la nostra organizzazione per molti anni.

JD condivide su Adoptee Rabbia

Questa è una serie su Adoptee Anger dall'esperienza vissuta, per aiutare le persone a capire cosa c'è sotto la superficie e perché gli adottati a volte possono sembrare arrabbiati.

di JD Glienna, adottato dalle Filippine negli Stati Uniti. JD è co-fondatore di Adopteekwentokwento, un canale Youtube che condivide le voci degli adottati filippini.

Di tanto in tanto mi arrabbio. Sono arrabbiato per tutte le bugie che devo vagliare per arrivare alla verità. Sono arrabbiato perché il sistema mi ha dato dei genitori violenti. Sono arrabbiato per il fatto che non ci sia stato alcun processo per proteggermi o educarli al miglioramento. Sono arrabbiato perché devo costantemente elaborare i brutti ricordi. Sono arrabbiato perché ascolto le bugie di quanto sia stata brava una mamma, o commenti come "Questo è il mio bambino" quando dannatamente bene erano bugie. Sono arrabbiato perché un bambino doveva essere il pugile per le insicurezze di qualcun altro.

Potrei non essere sempre arrabbiato, ma di tanto in tanto bolle. Sono arrabbiato perché alcuni vogliono una trama invece di assumersi la responsabilità. Sono arrabbiato per il fatto che gli adottati siano l'ultima parte della triade da considerare dietro l'agenda dei genitori adottivi, il sistema di governo e poi la madre naturale. Sono arrabbiato per la mancanza di supporto per gli adottati in fase di adozione. Sono arrabbiato per coloro che sperimentano che sono una bugia per qualcuno e che devono rimanere una bugia. Sono arrabbiato per tutti gli adottati che vogliono far parte di una famiglia, adottati o biologici e vengono costantemente rifiutati.

Puoi seguire JD
@lakad.co
@Adottateekwentokwento

Gypsy condivide su Adoptee Anger

Questa è una serie su Adoptee Anger dall'esperienza vissuta, per aiutare le persone a capire cosa c'è sotto la superficie e perché gli adottati a volte possono sembrare arrabbiati.

di La zingara Whitford, adottato dagli USA all'Australia.

Sono arrabbiato perché sono il prodotto di un'industria da miliardi di dollari distrutta. Perché avevo un cartellino del prezzo e sono stato trattato come un nuovo giocattolo. Perché avrei potuto essere abortito se il sistema sanitario negli Stati Uniti fosse stato migliore, ma invece sono stato venduto al miglior offerente. Perché invece dell'aborto, sono stato comprato da una famiglia bianca che ha preso la mia oscurità e l'ha resa bianca senza alcuna cura o empatia per chi sono veramente o dove dovrei essere. Tutto ciò che avrei dovuto sapere era stato privato del mio nucleo.

Credo che razza, cultura e biologia giochino un ruolo importante in ciò che siamo. Le generazioni prima di noi fanno parte della nostra identità e il fatto di non avere una famiglia biologica ci colpisce a un livello più profondo di quanto la maggior parte delle persone capisca.

Sono arrabbiato perché non sono solo io che vivo come un'adottata transrazziale con genitori adottivi che mi hanno imbiancato al punto che si aspettano che affronti il razzismo perché non riescono a capire come sia realmente. Oppure dicono cose come "Beh, ti abbiamo cresciuto bianco, quindi è quello che sei". O "Beh, saresti potuto rimanere con la tua vera famiglia", tranne per il fatto che non avevano davvero idea della mia famiglia biologica e di mia madre; altra idea se non quella di usare la manipolazione e la collusione che mia madre ha dovuto affrontare prima che i miei genitori adottivi firmassero quell'assegno per comprarmi.

Non siamo tutti indesiderati! Eravamo amati, ma un'industria da miliardi di dollari è intervenuta e ci ha affondato i denti, a sua volta, rompendo quel legame madre e bambino nel nome di $$$.

Sono arrabbiato e rimarrò arrabbiato fino a quando l'industria privata dell'adozione di bambini non sarà morta!

Puoi seguire Gypsy su TikTok @gypseadoptee

Cosa succede dopo la riunione?

di Matteo Pellegrino, adottato dalla Corea del Sud negli USA, compositore, musicista, oboista. Puoi seguire Matteo a Youtube o Instagram @compotatoser.

Il mio omma ed io nel corso degli anni nel luogo in cui ci siamo incontrati per la prima volta. Torniamo qui ogni volta.

Se la ricerca della nascita di un adottato fosse una favola, allora il ricongiungimento sarebbe il "felici e contenti". Per quanto riguarda le ricerche sulla nascita degli adottati, sono statisticamente molto fortunato. Probabilmente meno di 5% (e questa è una stima alta) di tutte le ricerche di nascita per adozione hanno un risultato positivo quanto il mio. Sono stato riunito con la mia famiglia per 3 anni interi ormai e, a volte, se ci penso troppo a lungo, è completamente sbalorditivo perché sembra ancora ieri che stavo vedendo la faccia di mia madre per la prima volta.

L'adozione è un'esperienza complessa e sfaccettata. Si estende molto oltre e molto più in profondità del semplice "sei stato adottato". Il numero di persone colpite dall'adozione non è limitato all'adottato. C'è la madre naturale, le famiglie, le generazioni di parenti e la società al di fuori della famiglia. Nel mio caso è un dolore silenzioso che mia madre ha dovuto tenere per sé per 24 anni, mia nonna che sapeva che ero stata mandata via e piangeva ogni volta che vedeva al telegiornale una storia di ricongiungimenti familiari, mia zia che piangeva dopo l'incontro me perché lei "avrebbe dovuto essere lì per prendersi cura di me". Sono anche tutte le difficoltà che dobbiamo ancora affrontare insieme dopo il ricongiungimento. Come possiamo superare una barriera linguistica e gestire le pressioni e le aspettative dell'apprendimento per comunicare tra loro? Come affrontiamo le nostre differenze culturali di fronte alla vergogna che proviamo? E come possiamo provare ad andare avanti sapendo che questa relazione è stata forgiata e continuerà ad evolversi per il resto della nostra vita?

La nonna a capotavola, come dovrebbe essere. Lei è decisamente al comando.

Questa è la mia storia, quindi sento che è mia responsabilità presentarla candidamente. Non solo il bellissimo "lieto fine", ma anche il complicato, disordinato e a volte doloroso "per sempre" del ricongiungimento: imparare a essere madre e figlio, imparare a essere una famiglia, dopo oltre 20 anni di distanza. Non è facile, è molto lavoro, ma alla fine sono molto fortunato.

Dai un'occhiata al recente Storia dell'adozione transrazziale raccontata attraverso la musica e la danza, per il quale Matthew ha composto la musica, intitolato Cara madre:

Adozioni e suicidio a Natale e Capodanno

Natale e Capodanno sono un periodo in cui di solito ci riuniamo come famiglie, festeggiamo e ci ritroviamo. Per alcuni adottati, questo è un periodo dell'anno particolarmente difficile perché non tutti siamo strettamente legati alle nostre famiglie (di nascita o di adozione). Spesso è questo periodo dell'anno che può essere il più difficile perché fa emergere sentimenti dolorosi di non essere strettamente collegati .. a nessuno. Può ricordarci come non "ci adattiamo", come siamo per sempre negli spazi intermedi, o quanto poco siamo capiti dalle stesse persone che ci hanno cresciuto o ci hanno fatto nascere.

Lutto per il figlio del passato di Dan R Moen (adottato filippino)

L'adozione si basa fortemente sulla perdita: la perdita delle nostre origini, la perdita di sapere da chi veniamo e perché, la perdita della nostra cultura e delle tradizioni a cui siamo nati, la perdita delle nostre famiglie allargate. E l'adozione non sempre sostituisce tutto ciò che abbiamo perso. Anche l'adozione è fortemente basata sul trauma: è il trauma che le nostre generazioni hanno attraversato che spesso ci portano ad essere abbandonati per qualsiasi motivo. Oppure può essere il trauma che ha attraversato il nostro Paese, conseguenza di guerre, carestie, disastri naturali, ecc. Noi adottati portiamo queste perdite e traumi dentro di noi, spesso non siamo consapevoli di portarli, finché non facciamo un tuffo profondo nelle nostre origini e riconnetterci ad alcuni dei nostri sentimenti più primordiali di abbandono e dolore.

In questo periodo di Natale e Capodanno, spero che possiamo essere consapevoli dei nostri compagni adottati per i quali questo può essere un periodo dell'anno particolarmente stimolante. L'anno scorso in Europa il team di adottati che sono terapisti presso AFC sapeva almeno 6 adottati dai loro circoli immediati che si sono suicidati tra Natale e Capodanno. Quest'anno, a livello globale chissà quali saranno i nostri numeri, perché abbiamo anche vissuto un altro anno difficile con COVID-19 e questo ha ulteriormente aumentato il senso di isolamento per molti, adottati o meno.

Ho appena finito di partecipare a due eventi importanti quest'anno per aumentare la consapevolezza della connessione tra l'essere adottati e l'esperienza di sentimenti o azioni suicidari. Il primo è stato un webinar con un'esperienza vissuta in cui abbiamo condiviso apertamente. Puoi vederlo qui:

Il secondo, che ha seguito il nostro primo, è stato un evento su Twitter in cui molti di noi hanno condiviso la nostra esperienza vissuta e i pensieri che puoi leggere qui come riassunto sveglia.

Un enorme ringraziamento all'organizzazione sponsor Sopravvissuti Uniti e madre adottiva internazionale Maureen McCauley a Storie della luce del giorno, che ha organizzato questi 2 eventi incredibilmente potenti e tanto necessari.

Volevo condividere le mie risposte alla domanda 4 che ci chiedeva, per i compagni adottati che stanno lottando, cosa direi? La mia risposta è:

Non sei solo! Molti di noi sono stati in quello spazio, so quanto sia difficile trovare una via d'uscita, ma è possibile. Rivolgiti ai tuoi spazi di supporto tra pari: ce ne sono così tanti. Se hai bisogno di aiuto per trovarli, ICAV ha un elenco di organizzazioni guidate da adottati internazionali Intorno al mondo.

Inoltre, non abbiate paura di cercare di trovare un professionista della salute mentale. Può fare un'enorme differenza essere supportati da qualcuno formato per comprendere la nostra esperienza vissuta. Se hai bisogno di aiuto per trovarli, ICAV ha un elenco globale di supporti post adozione come un ottimo punto di partenza.

L'adozione inizia con i traumi e la maggior parte della nostra vita la passiamo a disfare le valigie e a dare un senso alla nostra vita, chi siamo, come siamo arrivati qui. Ma una volta che ci circondiamo di sostegno e ci impegniamo a lavorare su quelle parti dolorose, la nostra vita può cambiare e POSSIAMO trovare guarigione e connessione.

Inizia con noi stessi, ritrovando la connessione con noi stessi – chi siamo nati per essere, non necessariamente chi siamo adottati per essere.

La nostra vita come adottati non deve essere controllata per sempre dai nostri inizi, ma è così importante non negare e ignorare il dolore, ma offrire al tuo bambino ferito interiore uno spazio in cui il suo dolore può essere ascoltato e dove può iniziare la guarigione.

Il mio messaggio per le famiglie adottive e i professionisti che faticano a capire come/perché gli adottati possono sentirsi suicidi, consiglio vivamente di guardare il nostro serie di video che copre i temi universali che ho osservato, riflessi attraverso le storie che molti adottati hanno condiviso con me negli ultimi 20 anni. È COS importante che gli adottati si sentano ascoltati, convalidati e abbiano lo spazio per condividere dai nostri cuori, senza giudizio o aspettativa.

Parte della visione che ho creato e che ho ancora per ICAV rimane molto vera in questo periodo dell'anno:

Un mondo in cui gli adottati internazionali esistenti non sono isolati o ignorati, ma supportati dalla comunità, dal governo, dalle organizzazioni e dalla famiglia durante l'intero percorso di adozione.

Definizione di casa

di Jess Schnitzer, adottato dalla Cina negli Stati Uniti.

Attualmente sono uno studente del primo anno presso l'Università di Washington, Seattle e ho finito con il corso “Questioni contemporanee di americani asiatici e americani delle isole del Pacifico“. È stata una lezione illuminante, soprattutto alla fine in cui il mio docente ha parlato di questioni asiatiche adottate.

Per il progetto finale della classe, alla classe è stata data un'opzione per creare un progetto creativo e riflessivo, ed essendo uno dei pochi AAPIA adottati in classe, ho scelto il mio sul mio viaggio personale come adottato.

Ho pensato di condividere nel caso in cui altri possano riguardare le storie di cui ho discusso. Se qualcun altro è al college in questo momento, consiglierei assolutamente di seguire un corso di Asian American Studies o American Ethnic Studies. Questo corso mi ha fatto sentire ancora più connesso alla mia identità e al mio background asiatico-americano. Grazie per avermi dato una community in cui condividerlo!

Definizione di casa di Jess Schnitzer

Cosa ci vorrebbe per scegliere di farmi da genitore?

di Cam Lee Piccolo, adottato dalla Corea del Sud negli Stati Uniti, terapista presso TerapiaRiscattato.

Non tutti i bambini possono fare questa domanda prima di diventare adottati. E non tutte le future mamme hanno la possibilità di rispondere.

So che ci sono così tanti tipi di circostanze rappresentate nella nostra comunità, anche mentre stai leggendo questo e mentre contribuisci a questa comunità di adozione molto speciale a cui apparteniamo.

Questa domanda è sorta per me mentre mi chiedevo di mia madre di recente, ed è stata portata ulteriormente in superficie mentre guardavo alcuni clip da Il bambino del karate.

Gli adottanti sperimentano una perdita di scelta e di voce quando si tratta di una tale decisione, di fare da genitore al bambino o di rinunciare all'adozione... e TROPPI adottanti respingono i sentimenti dei loro figli a riguardo. Troppi.

Permettere. Figli. addolorarsi.

Non dire agli adottati che stanno facendo un grosso problema con una cosa così piccola. Chiedi perché le agenzie di adozione e i mediatori di potere all'interno di quelle istituzioni hanno fatto una tale fortuna interrompendo queste sacre relazioni.

Per favore lasciaci addolorarlo. E permettici di chiederci: "E se?" Anche se la risposta è irrisolvibile, quel qualcuno è qui per ascoltarla con noi, per riconoscerne il peso.

Perché di certo non dovevamo portarlo da soli. Possa il nostro messaggio reciproco essere: "Non devi".

#adoption #adoptionstory #adoptionjourney #adoptivefamily #trauma #traumarecovery #traumainformed #traumatherapy #transracialadoption #transracial #koreanadoptee #koreanadoptees #internationaladoption #adoptionblog #identity #resilience #adopteevoices #adopteerights #therapeutic #counselingpsychology #mentalhealthawareness #adoptionawareness #therapyredeemed

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%