Come salvare e aiutare veramente un bambino

di Jessica Davis, USA adoptive mother to Uganda daughter returned to biological family, founder of Kugatta.

Around Christmas and the new year, I get to see my formerly adopted daughter and her family and each time, I am reminded of everything that was almost lost. I see them together, happy and thriving and I’m reminded just how powerful investing into the lives of others can be.

As someone who has participated in and witnessed the negative impacts of intercountry adoption as well as running a nonprofit that helps families that have been separated from their loved one via this practice, I can tell you that it has caused an incredible amount of harm. Most Ugandan families are misled or coerced into separating from their child. It’s usually when a family is going through a difficult time that they are approached about placing their child in an orphanage temporarily (while they get back on their feet) only to never see their child again. After the separation the family’s well-being and livelihood are never improved and the trauma from being separated is insurmountable. The harm inflicted on the adoptee from being placed in an orphanage, separated from their family, culture and country causes irreparable damage and the heartbreak inflicted on the family members that were misled is overbearing.

On paper we believed Namata needed to be adopted but those papers were filled with lies. The kind of lies that are in most intercountry adoption paperwork. Lies that incite heightened emotions causing prospective adoptive parents to unknowingly (and sometimes knowingly) destroy a family that should have never been separated in the first place. Each time I get to see Namata and her family I see what truly stepping alongside a family in need looks like. Taking Namata away from her family didn’t help anyone. Keeping them together has helped in every way imaginable.

So many people say they adopt internationally to help a child in need but we must be willing to go beyond this. When you learn that 4 out 5 children living in orphanages have families they could go home to, why isn’t our first action to try and reunite or support a family? Can you imagine if our churches were asking for family support donations and not donations for orphanages? Can you imagine the impact? I can because I have seen it. I have also seen the devastation of an unwillingness to listen and change in this regard.

If you truly care about vulnerable children in developing countries you will do the hard work to ensure vulnerable children get to grow up in the family they were born into. If you want to invest into the lives of families that are vulnerable to being unnecessarily separated please consider donating to organisations that are committed to preserving families. I started Kugatta with my colleague in Uganda for this very reason.

I am not saying all adoption is bad or wrong but I WILL say the intercountry adoption system is causing vastly more harm than it is helping. We need to constantly be asking ourselves if the “good” we are doing is actually causing harm and when we realize it is, stop and change what we are doing. When we know better, we do better.

Namata and her mother gave me permission to share these pictures. They are just as passionate as I am to spread the message of family preservation. Their story is a powerful representation of this. As with all things, I don’t want to sensationalise reunification anymore than I want to see adoption sensationalised. Once a family has been ripped apart the trauma inflicted cannot be removed. Yes there can be healing and yes much of what was lost can be restored but the scars from what happened in the past remain.

Reunification is an important and necessary step in the right direction but it is not always possible and it’s certainly not always easy or “beautiful” and it is always complex. I run a registered 501 c3 nonprofit that works to reconnect, preserve and empower families and adoptees in and from Uganda . If you are interested in donating towards the work we do please follow the link qui to do so.

Essere adottato

di Marcella Moslow nato in Colombia e adottato negli Stati Uniti; terapista del trauma

Le pesanti realtà che gli adottati devono affrontare sono sbalorditive e complesse. I vuoti che portiamo con noi sono enormi e non importa quanto amore riceviamo, spesso sembra che non sia abbastanza. La connessione e la sintonizzazione che cerchiamo, la cultura a cui abbiamo diritto, l'attaccamento per cui eravamo cablati ci vengono strappati, lasciando dietro di noi profonde ferite. Questo è devastante per il sistema di un individuo e porta nelle generazioni future. Siamo alle prese con la realtà che non solo ci è successo qualcosa, ma siamo anche stati privati di così tanto di ciò di cui avevamo bisogno. Il trauma può essere entrambi: ciò che ci accade e ciò che non ci accade.

Segui Marcella su Insta @marcellamoslow

Il suo nuovo podcast può essere trovato @adopteesdishpodcast

Adottato da 32 anni e ora GRATIS!

di Lynelle Long, Vietnamese ex-adoptee raised in Australia, Founder of ICAV

I can officially now say, “I WAS adopted” as in, it is of the past. Now, my identity changes once again and I am no longer legally plenary adopted. I am my own person having made a clear and cognitive adult age decision that I want to be legally free of the people who looked after me since 5 months old. Mostly, I wanted to be legally recognised as my biological mother’s child and for the truth to be on my birth certificate and flowing into all my identity documents for the future. This also impacts my children and their future generations to ensure they do not have to live the lie of adoption either, but are entitled to their genetic truth of whom they are born to, multi generationally.

The biggest lie of plenary adoption is that we are “as if born to our adoptive parents”. My Australian birth certificate reflects this lie. I grew tired of the untruths of adoption so I decided to take matters into my own hands and empower myself. Nine months later, on 13 December 2022, I was officially discharged from my adoption order which had been made when I was 17 years old. Previous to this, I had been flown into Australia by my adoptive father at the age of 5 months old in December 1973 and the family kept me with them for 17 years without legally completing my adoption. So technically, I was legally under the care of the Lutheran Victorian adoption agency and Immigration Minister’s care as my guardians until my adoption got completed in April 1990. These institutions however didn’t seem to followup on me nor did they create a State Ward file on me. It is still a mystery to this day how I was barely followed up on, given they knew quite clearly that my adoption had not been finalised.

My case is very unusual in that most adoptive parents want to quickly complete the adoption so they can be officially regarded as the child’s “legal guardians”. I have no idea why my adoptive parents took so long and what baffles me is how they managed to pass as my “parents” at schools, hospitals, or any places where there should be a question around “who is this child’s parents” when they had nothing formal on paper to prove their “parenthood”. It’s quite obvious I can’t be their “born to” child when I am Asian and they are white caucasians. We look nothing alike and they raised me in rural areas where I was often the only non-white, non-Aboriginal looking person.

So as this year closes, I can celebrate that my year of 2022 has been a year of empowerment in so many ways. On November 2022, I was also recognised for my years of suffering by being offered the maximum compensation, counselling and a direct personal response under the Royal Commission for Institutional Sexual Abuse Redress Scheme by the two entities responsible for me – the Lutheran Church (the Victorian adoption agency) and the Department of Home Affairs (Australian Immigration). The past 5 years I’ve spent talking to countless lawyers, trying to find a way to hold institutions accountable for my placement with a family who should never have received any vulnerable child. Finally, in some small way, I am able to hold these institutions somewhat accountable and be granted a face to face meeting as a direct personal response via the Redress Scheme. What I want them to recognise is the significant responsibility they hold to keep children safe. It is still hard to fathom how any country can allow children in with parents who look nothing like them, clearly having no biological connections, no paperwork, yet not take all precautions to ensure these children are not being trafficked. I am yet to finish with that larger issue of being highly suspicious that my adoption was an illegal one, if not highly illicit. Our governments need to be on higher alert, looking out for all signs of trafficking in children and ensuring that these children are followed up on and that they have indeed been relinquished by their parents before being allowed into another country with people who are nothing alike.

My case in the Redress Scheme also highlights the many failings of the child protection system that is supposed to protect vulnerable children like me. If I’d been adopted by the family as they should have done, I would never have been allowed this compensation or acknowledgement through the Redress Scheme. It is a significant failing of the system that those who are deemed legally “adopted” are not considered to be under “institutional care” when these very institutions are the ones who place us and deem our adoptive families eligible to care for us. io wrote about this some years ago when I was frustrated that I hadn’t been able to participate in the Royal Commission for Institutional Sexual Abuse. Thankfully, a kind lawyer and fellow sufferer as a former foster child, Peter Kelso was the one who gave me free legal advice and indicated the way through the Royal Commission labyrinth. He helped me understand my true legal status as “not adopted” at the time of my sexual abuse and it is this truth that helped my case for redress via the free legal services of Knowmore. So it’s a bitter sweet outcome for me as I know of too many fellow adoptees who have suffered sexual abuse at the hands of their adoptive families. Most will never receive any sense of recognition for their suffering and the pathway to hold individuals criminally accountable is also tough if not impossible, depending on the country and laws. In most other countries except Australia, the statute of limitations prevents most victims of sexual abuse from seeking justice. I know from personal experience that it can take survivors 40 plus years to get to the stage of being strong enough to take this route of fighting for justice. More so for an adoptee who lives their life being expected to be “grateful” for adoption and being afraid of further abandonment and rejection should they speak their truth. For some, they never ever talk about their truth as the trauma is just too great and they are busy just surviving. I know of others where the abuse played a major role in their decision to suicide.

I am 2 years into the midst of criminal proceedings against my adoptive family. Next year begins the court contested hearings and who knows what the outcome of that will be nor how long it will go for. I talk about this only to encourage other victims to empower themselves, fight for that inner child who had no-one to protect them! For me, this is what it is all about. I spent years in therapy talking about how none of the adults in my life protected me and even after I exposed the abuse, none of those in professions where child protection is part of their training and industry standard, offered to help me report the perpetrators or take any action to hold them accountable. I finally realised the only one who would ever stand up for myself, was myself. Yes, it has meant I end the relationship with that family, but what type of relationship was it anyway? They were more interested in keeping things quiet and protecting themselves then protecting or creating a safe space for me. I eventually realised I could no longer continue to live the multiple lies both adoption and sexual abuse within that family required. Eventually, I had to chose to live my truth which ultimately meant holding them responsible for the life they’d chosen and created for themselves and me.

I hope one day to also hold institutions accountable for the illegal and illicit aspects of my adoption and once I’m done with that, then I’ll feel like I’ve truly liberated myself from adoption.

Until then, I continue to fight with the rest of my community for this last truth of mine. So many of us should never have been separated from our people, country, culture, language. We lose so much and there is absolutely no guarantee we get placed with families who love, nurture, and uphold us and our original identities. 

The legal concept of adozione plenaria is truly an outdated mode of care for a vulnerable child and its premise and legal concept needs to be heavily scrutinised in an era of human and child’s rights awareness. I agree there will always be the need to care for vulnerable children, children who can’t be with their families, but it is time we walk into future learning from the harms of the past and making it better for the children in the future. My lifelong goal is always for this because adoptees are the ones who spend so many of our years having no voice, having no independent people checking up on us. Adopted children are so vulnerable! Too often the assumption is made that adoption is a great benefit for us and this oversight impedes a serious deep dive into the risks to our well being and safety. In my case and too many others, it isn’t until we are well into our 40s and onwards that we find our critical thinking voices and allow ourselves to say what we truly know without fear of rejection and abandonment. Plenary adoption needs to be outlawed and semplice adozione should only be a temporary solution for a temporary problem. Any form of adoption should always be the choice of the adoptee to have their adoption undone and allowed to return to be legally connected to their original families, if that is what they want.

May we continue to bring awareness and much needed change to our world so that vulnerable children will be given a better chance in the future and to empower our community of adoptee survivors!

I wish for all in my community that 2023 will be a year of empowerment, truth and justice!

risorse

Discharge / Annulment / Undoing your Adoption

In Australia, each State and Territory has its own process to discharge:
VIC, QLD, NSW, WA, SA
This process includes costs that vary between States. All Australian intercountry adoptees can seek the Bursary amount of $500 from our ICAFSS Small Grants and Bursaries to contribute to the costs of their discharge. Domestic adoptees might also access Small Grants and Bursaries via their local equivalent Relationships Australia program too.

Adoptee Rights Australia has extra info on Discharging your Adoption and what it means legally, plus a quick run down on the main points of difference between the States of Australia

Australian domestic adoptee, Katrina Kelly has a FB group Adoption Reversal for adoptees needing help with their adoption discharge

Australian domestic adoptee, Darryl Nelson has a book about annulling his adoption in QLD: A timeline of the injustice of adoption law. He also participated in an SBS Insight program with this article: How I rediscovered my birth family and annulled my adoption

Australian domestic adoptee, William Hammersley’s Last Wish: Give me back my true identity, says adopted man

Danimarca intercountry adoptee Netra Sommer: Annullare la mia adozione

Danimarca e Olanda: 3 Ethiopian Adoptions Annulled – a wake up call

UK adoptee activist Paul Rabz’s FB group for Adoption Annulment Group for Adoptee Activists (note, in the UK it’s legally not possible yet to annul your adoption as an adoptee)

Stati Uniti d'America

Adoptees United: Examining the Right to end your own Adoption (seminario web)

Can you Reverse an Adoption? Reversing an Adoption: Adopted child returned to birth parents (historically, legislation in countries to discharge / reverse an adoption was included to allow adoptive parents the right to undo the adoption if they felt it wasn’t working out)

HCCH – Hague Intercountry Adoption Convention : information collected from Central Authorities to summarise countries that allow annulment and revocation of adoption

Plenary and Simple Adoption

Adoption law should be reformed to give children legal connections to both of their families – here’s why

Sexual Abuse in Adoption

Lifelong impacts of Abuse in Adoption (Chamila)

L'eredità e gli effetti degli abusi nell'adozione (3 part series)

Rotto

Venduto tramite adozione al mercato nero zingaro in Grecia

ti taglia in profondità

Aspettative di gratitudine nell'adozione

Cura di sé e guarigione

Ricerca: Child Sexual Abuse by Caretakers

Sexual Abuse Support

Professional Support: Relationships Australia – Child Sexual Abuse Counselling

Peer Support: Me Too Survivor Healing

Sexual Abuse Lawsuits

USA: Sexual Abuse Lawsuits – Your Legal Questions Answered (parts 1 – 3, podcast)

Disabilità di navigazione e condizioni mediche rare come adottato internazionale

Webinar, documento prospettico e risorse

Il 23 novembre, l'ICAV ha tenuto un webinar con 6 straordinari relatori che hanno condiviso l'esperienza vissuta come adottati internazionali con disabilità e condizioni mediche rare.

Ci è voluto del tempo per modificare questo webinar e spero che ti prendi il tempo per ascoltarlo. Gli adottati con disabilità e condizioni mediche sono spesso invisibili nella comunità di adottati internazionali e il nostro obiettivo era elevarli e contribuire a sensibilizzare sulle complessità extra che sperimentano.

Codice temporale video webinar

Per coloro che hanno poco tempo, ho fornito a codice orario così puoi vedere esattamente le parti che desideri ascoltare.

00:00:25 Benvenuta – Lynelle Long

00:03:51 Riconoscimento del Paese – Mallika Macleod

00:05:15 Introduzione dei relatori

00:05:31 Maddy Ullmann

00:07:07 Wes Liu

00:09:32 Farnad Darnell

00:11:08 Emma Pham

00:12:07 Daniel N Prezzo

00:13:19 Mallika Macleod

00:15:19 La definizione mutevole di disabilità – Farnad Darnell

00:17:58 Riformulare come possono essere visti gli adottati con disabilità – Mallika Macleod

00:20:39 Elaborazione della vergogna e della rottura spesso associate all'adozione e alla convivenza con la disabilità - Wes Liu

00:23:34 Affrontare le reazioni e le aspettative delle persone – Maddy Ullman

00:28:44 Senso di appartenenza e come è stato influenzato - Emma Pham

00:30:14 Navigare nel sistema sanitario – Daniel N Price

00:31:58 Cosa ha aiutato a venire a patti con la convivenza con la disabilità – Mallika Macleod

00:35:58 In che modo la disabilità potrebbe aggiungere qualche ulteriore complessità alla riunione - Maddy Ullman

00:39:44 Le dinamiche tra genitori adottivi e ciò che è ideale – Wes Liu

00:42:48 Prevenire il rischio di suicidio – Daniel N Price

00:44:26 Bambini inviati all'estero tramite adozioni internazionali a causa della loro disabilità – Farnad Darnell

00:47:09 Cosa devono considerare le persone quando iniziano ad adottare un bambino con disabilità con "buone intenzioni" - Emma Pham

00:50:13 Come è cambiata nel tempo l'esperienza di sentirsi isolati – Wes Liu

00:53:25 Il ruolo della genetica nelle sue condizioni – Maddy Ullman

00:56:35 Cosa ha funzionato quando si affrontavano sfide occupazionali – Mallika Macleod

00:59:11 Diventare autosufficienti e indipendenti – Emma Pham

01:02:42 Suggerimenti per i genitori adottivi – Daniel N Price

01:03:48 Suggerimenti per i professionisti dell'adozione per preparare meglio i genitori adottivi – Farnad Darnell

01:06:20 In che modo le famiglie adottive possono discutere al meglio se la disabilità sia stata la ragione dell'abbandono – Farnad Darnell

Riepilogo dei messaggi chiave del webinar

Clic qui per un documento pdf che delinea i messaggi chiave di ciascun relatore e il timecode del video webinar corrispondente.

Documento Prospettico ICAV

Per coloro che vogliono approfondire ed esplorare ulteriormente questo argomento, abbiamo anche compilato il nostro ultimo Documento Prospettico ICAV che puoi leggere qui. È una raccolta di prospettive di esperienze vissute che offrono una visione rara delle vite di una dozzina di adottati internazionali che vivono con disabilità e condizioni mediche rare. Insieme, queste risorse del webinar e del documento prospettico colmano un'enorme lacuna nella conoscenza di questo sottoinsieme all'interno della comunità internazionale di adottati. Spero che questo istighi l'inizio di ulteriori discussioni e forum progettati per aiutare a sensibilizzare e creare migliori supporti per e all'interno della comunità.

Voglio richiamare l'attenzione sul fatto che, all'interno della condivisione approfondita del nostro documento di prospettiva e del webinar, coloro che hanno contribuito hanno reso numerosi menzioni dell'elevato rischio di suicidio, depressione e isolamento. Dobbiamo fare di più per supportare meglio i nostri compagni adottati che sono i più vulnerabili che vivono con disabilità e condizioni mediche.

Fotografia per gentile concessione di Maddy Ullman e Wes Liu

Se disponi di risorse aggiuntive che possono aiutarti a costruire su ciò che abbiamo iniziato, per favore contattare ICAV o aggiungi il tuo commento a questo post, così posso continuare a far crescere questo elenco qui sotto.

Risorse addizionali

Malattia rara

#Rareis : Incontra Daniel N Price – sostenitore delle malattie rare e adottato all'estero

Con Amore Agosto (adottato internazionale August Rocha, un uomo trans disabile con una malattia rara)

Odissee diagnostiche con August Roche (disabile adottato transnazionale con malattia rara)

Once Upon a Gene – Adozione internazionale di una malattia rara con Josh e Monica Poynter (podcast)

#Rareis: la casa per sempre di Nora – un adottante domestico affetto da una malattia rara

Il podcast sui disturbi rari

Raro in Comune (documentario sulle persone affette da malattie rare)

Internazionale Malattie Rare

Enola : una domanda di Intelligenza medica uno che aiuta a diagnosticare le Malattie Rare, usufruirne gratuitamente

One Rare – Giovani adulti colpiti da malattie rare e passaggio all'età adulta

Rete di ricerca clinica sulle malattie rare

Geni globali: alleati nelle malattie rare

Disabilità

Adottati con disabilità (gruppo FB)

Adottati internazionali con disabilità (gruppo FB)

Adottato neurodivergente (Pagina FB dell'adottato internazionale Jodi Gibson Moore)

Tutti abbiamo il potere – Marusha Rowe (sostenitrice della paralisi cerebrale e adottata internazionale)

Violenza, abuso, abbandono e sfruttamento degli adottati con disabilità : Commissione reale australiana per la disabilità presentata dall'ICAV

Invisibilità(e) Sessione Cinque (video, guidato dall'adottata domestica Nicole Rademacher che intervista gli artisti adottati Anu Annam, Jessica Oler e Caleb Yee esplorando come la loro arte si collega alla loro disabilità)

Un manuale sulla disabilità: recupero, immaginazione, creazione di cambiamento (Registrazione della conferenza, novembre 2022)

Non fissato – condividere le storie di coloro che vivono con malattie croniche e disabilità

Cronicamente capace – per persone in cerca di lavoro con malattie croniche e disabilità

Transizioni di cura - Neurologia infantile (aiutandoti a passare dall'assistenza pediatrica a quella per adulti)

La serie del caregiver (video, per genitori adottivi)

Cantami una storia (Storie e canzoni per bambini bisognosi)

DNA spartiacque (supporto e guida per aiutare coloro a comprendere i loro risultati del DNA)

Sfida del film sulla disabilità di Easterseals (cambiando il modo in cui il mondo vede e definisce la disabilità)

Ripristino della mia cittadinanza coreana

di Stephanie Don Hee Kim, adottato dalla Corea del Sud nei Paesi Bassi.

Domanda per il ripristino della cittadinanza coreana

Oltre a ripristinare legalmente il mio cognome di nascita, ho speso parecchie energie per completare la mia domanda per il ripristino della mia cittadinanza coreana.

Il governo coreano consente la doppia cittadinanza dal 2011, principalmente per gli adottati. Era obbligatorio presentare la domanda in loco in Corea presso l'ufficio immigrazione di Seoul. Si pensa che questo sia stato un grosso ostacolo per molti adottati, dal momento che viaggiare in Corea non è economico né molto facile da organizzare.

Dal 2021 la procedura è cambiata e ora è consentito presentare la domanda presso l'Ambasciata coreana nel Paese di cui si è cittadini. Un compagno coreano adottato lo ha fatto per la prima volta l'anno scorso e molti altri hanno seguito il suo esempio.

Non è una strada facile da percorrere, ma almeno il governo coreano ci concede questa opportunità. Si spera che sarà un primo passo per garantire e sostenere i diritti degli adottati: il diritto di bilanciare sia i nostri diritti di nascita che i diritti che abbiamo acquisito come persona adottata nei paesi che ci hanno nutrito.

Sono molto grato per il sostegno dei miei buoni amici e compagni di adozione e anche per la pazienza e l'aiuto del mio traduttore. Mi sento fortunato e grato per la mia fantastica famiglia coreana che mi ha accettato come uno di loro, nonostante il mio strano comportamento europeo e le mie abitudini sconosciute. Mi hanno sostenuto nel mio viaggio per far fluire più forte il mio sangue coreano.

E soprattutto, sono così felice con il mio #ncym 'blije ei' (mi dispiace, non riesco a pensare a una corretta traduzione in inglese) Willem, che non mi giudica né dubita mai dei miei sentimenti, desideri e desideri. Che salta con me sugli aeroplani per incontrare la mia famiglia e si gode il cibo della mia patria.

Sarà sicuramente una strada rocciosa da percorrere, poiché ci saranno senza dubbio molti più ostacoli burocratici lungo il percorso.

Spero di poter essere reinserito nell'anagrafe di famiglia di mia mamma, 4° in fila dopo le mie 3 sorelle e sopra il nostro fratello-Benjamin. Se tutto va bene, vedere il mio nome inserito nel suo registro guarirà un po' di senso di colpa e rimpianto nel cuore di mia madre.

Mi sembra strano che probabilmente riceverò la mia cittadinanza coreana prima che il governo olandese mi permetta di cambiare il mio cognome. C'è sempre qualche sistema burocratico che ne supera un altro, giusto?

Dolore in adozione

di Cosette Eisenhauer adottato dalla Cina negli Stati Uniti, co-fondatore di Navigare nell'adozione

Il dolore è un concetto strano. Mi aspetto di addolorare le persone che conosco, la famiglia e gli amici che sono morti. Quelle volte ha senso addolorarsi per la perdita di una persona cara. Li conosco e li ho amati. Sono in grado di addolorare una persona che ho incontrato, una persona che ha avuto un impatto sulla mia vita per un motivo o per l'altro. Le persone si addolorano anche quando ci sono eventi tragici, molte volte questo deriva dal conoscere i loro nomi e volti.

Il lutto per i miei genitori biologici e per la vita che avrei potuto avere in Cina è uno strano tipo di dolore. Persone in lutto che non ho mai incontrato e una vita che non ho mai avuto è un tipo di dolore confuso. Non c'è persona da guardare, non c'è nome che si associ al dolore. Poi c'è il dolore e l'intorpidimento quando si tratta di addolorarsi per informazioni che non conosco. Il dolore in generale come adottato all'estero è un concetto strano, è una parola strana.

C'è sempre stato un vuoto nel mio cuore per la mia famiglia biologica. Un mio sogno era quello di avere la mia famiglia biologica al mio matrimonio e man mano che il giorno si avvicina, diventa più reale la comprensione che probabilmente non realizzerò quel sogno. Il dolore è stato così reale, è stato sopraffatto. A volte il dolore che ho arriva e non mi rendo nemmeno conto che sia dolore fino a quando non sto lottando in quel momento. È lo stesso concetto di lutto per qualcuno che conosco personalmente, non c'è nome, né volto per queste persone. Non ho mai conosciuto la loro voce o il loro stile di vita. Sta addolorando qualcuno che non ho mai incontrato.

Ho imparato che va bene soffrire, sono un essere umano. Ogni singola persona ha perso qualcuno che conosce e ha attraversato il processo del lutto. Le persone soffrono in modi diversi. Non paragono il modo in cui soffro con il modo in cui qualcun altro soffre. Non c'è una tempistica su quando dovrei smettere di soffrire. Potrei pensare di aver finito, e poi ricomincia.

Puoi seguire Cosette su:
Instagram: https://www.instagram.com/_c.eisenhauer_/ LinkedIn: https://www.linkedin.com/in/cosette-e-76a352185/ Navigazione adozione Sito web: https://www.navigatingadoption.org/home

La conferma che siamo nati come adottati

di Hollie McGinnis born in South Korea, adopted to the USA, Founder of Also Known As (AKA), Assistant Professor of Social Work at Virginia Commonwealth University

Like many adoptees, the only pictures I had of my birth growing up were the ones of me when I entered the orphanage around the age of two that convinced my parents I was to be their daughter and photos of my arrival to the U.S. when I was three. And so, I felt as a child I had fallen out of the sky on a Boeing 747, walking, talking, and potty-trained.

Being born was foreign. I had no evidence of it happening to me, no one to be my mirror to remind me, except when I peered into a mirror and saw a face that looked foreign to me because it didn’t match the faces of those I called my family, peering back.

It has been a long journey to know ~ and accept and love ~ that face, this body, who held all the knowing of my birth. The terrain of my face I carry from my mother and father, and my ancestors in Korea. Yet, the laugh lines, the crows feet, are all imprinted from a life filled with love from my family and friends in America.

After I first met my Umma, my Korean mom, she gave the above picture of me (on the left) as an infant that she had carried with her to my foster Dad, who was the director of my orphanage, who sent it to me. I remember my Mom Eva Marie McGinnis and I both shocked to see me as an infant with my curly hair! She too had been denied any evidence of my infancy.

Later, when I saw my Umma again, she told me she had curled it and had taken this photo of me. She laughed heartily about taking the photo and it was clear that it brought back a happy memory for her. I tried to imagine the moment captured in this photo: my Umma taking the time to curl an infant’s hair (I must have been wriggling the whole time!), the clothes she picked, finding a place to pose me. All gestures felt so familiar, memories of my Mom helping me sweep my hair up, hunt for a beautiful dress, find a place for me to pose (see junior prom photo below).

Integration is a path to wholeness, and yet for so many adoptees this is not possible because there is no opportunity to find birth family, no photo, no memory to trigger the mind to imagine and make meaning. And so we are left with a vague sense of knowing, of course, right, I have a blood lineage, I was born. But we are only left with the aging features of our faces and bodies as witness that we were birthed into this world like the rest of humanity, yet are prevented from having any truthful information about it.

So my wish on my birthday, is for all adopted persons to have access to information about their origins so that they can have the affirmation of their birth and humanity. And I invite anyone who feels disconnected from their origins, to know you carry them in your body. Your ability to look in the mirror and see your mother and father with the love, compassion, and tenderness you would look at a baby picture is the photo you have been always looking for.

You can connect to Hollee at Insta @hollee.mcginnis

risorse

Read Hollee’s previous share at ICAV from 2014 on Identità

Other articles written by Hollee McGinnis

I pensieri di un adottato su Haaland vs Bracken

di Patrizio Amstrong adottato dalla Corea del Sud negli Stati Uniti, Adoptee Speaker, Podcaster e Community Facilitator, Co-Host of the Janchi Show, co-fondatore di Asiatici adottati dell'Indiana

Oggi la Corte Suprema esaminerà il caso di Haaland contro Bracken.

Cosa c'è in gioco?

Il Legge indiana sul benessere dei bambini (ICWA) e potenzialmente, altre protezioni federali per le tribù indigene.

Secondo il New York Times:

“La legge è stata redatta per rispondere a più di un secolo di bambini nativi allontanati con la forza dalle case tribali dagli assistenti sociali, mandati in collegi governativi e missionari e poi collocati in case cristiane bianche.

L'obiettivo del ricongiungimento della legge - collocare i bambini nativi nelle famiglie tribali - è stato a lungo un gold standard, secondo i brief firmati da più di due dozzine di organizzazioni di assistenza all'infanzia.

Costruire la connessione di un bambino nativo con la famiglia allargata, il patrimonio culturale e la comunità attraverso il collocamento tribale, hanno affermato, è inerente alla definizione di "migliore interesse del bambino" e un fattore stabilizzante critico quando il bambino esce o invecchia fuori dall'affidamento. "

👇🏼

I Brackeen stanno combattendo questa legge perché nel 2015 hanno allevato, poi adottato, un bambino navajo e loro, insieme ad altre famiglie, credono che dovrebbe essere più facile adottare bambini indigeni.

Lo afferma la difesa “la legge discrimina i bambini nativi americani così come le famiglie non native che vogliono adottarli perché determina gli alloggi in base alla razza”. 🫠🫠🫠

☝🏼 Non mi sfugge che questo caso venga discusso a novembre, che è sia il mese nazionale di sensibilizzazione sull'adozione sia il mese del patrimonio dei nativi americani.

✌🏼 Questo caso è maggiormente indicativo dei problemi sistemici che opprimono le comunità indigene e invalidano le esperienze degli adottati.

I bianchi che vogliono adottare devono capire questo semplice fatto:

NON HAI DIRITTO AL FIGLIO DI QUALCUN ALTRO.

Soprattutto un figlio della maggioranza globale.

⭐️ Affidarci o adottarci non ti rende automaticamente una brava persona.

⭐️ Affidarci o adottarci non ci “salva” da niente.

⭐️Credere di avere il diritto di adottare o affidare il figlio di chiunque è la definizione di privilegio.

Se i Brackeen e i loro co-querelanti hanno dedicato così tanto tempo, energia e impegno a sostenere le famiglie e le comunità indigene mentre cercano di ribaltare la legge costituzionale, chissà quante famiglie avrebbero potuto essere preservate?

A tal proposito, perché non stiamo lavorando attivamente per preservare le famiglie?

🧐 Questa è la domanda di questo mese: perché non la conservazione della famiglia?

Puoi seguire Patrick su Insta: @patrickintheworld o su LinkedIn @Patrick Armstrong

risorse

La Corte Suprema ascolta il caso che sfida chi può adottare bambini indigeni

Ascolta dal vivo: La Corte Suprema ascolta i casi sulla legge sull'adozione intesi a proteggere le famiglie dei nativi americani

Sfidare l'Indian Child Welfare Act

In che modo il caso SCOTUS di una coppia evangelica potrebbe influenzare i bambini nativi americani

La Corte Suprema deciderà il futuro dell'Indian Child Welfare Act

di Jena Martin articolo che esamina le differenze e le somiglianze tra l'ICWA e la Convenzione dell'Aia sull'adozione internazionale

Considerazioni di un adottato sulla dichiarazione congiunta delle Nazioni Unite sulle adozioni illegali internazionali

Resilienza di CHIARA

Il 29 settembre 2022, il Nazioni Unite (ONU) ha pubblicato un comunicato stampa dal titolo: Le adozioni illegali internazionali vanno prevenute ed eliminate: esperti Onu che fornisce un Dichiarazione congiunta dai Comitati delle Nazioni Unite. Sebbene la maggioranza in tutto il mondo non avrebbe potuto anticipare questa affermazione, non era una novità per me perché nostra coalizione Voci contro l'adozione illegale (VAIA) aveva parlato con le Nazioni Unite per garantire che il nostro contributo fosse incluso. So che anche altri esperti di adozioni internazionali illegali in tutto il mondo hanno dato il loro contributo.

La dichiarazione congiunta delle Nazioni Unite ha creato per me una giornata di sentimenti contrastanti. Per molti di noi, me compreso, vittime delle pratiche passate e attuali che costituiscono pratiche illegali e illecite nelle adozioni internazionali, abbiamo parlato, gridato ai quattro venti, chiedendo attenzione, aiuto e sostegno. Ma di solito senza successo. La maggior parte dei governi di tutto il mondo ha continuato a chiudere un occhio sulla realtà secondo cui alcune delle nostre adozioni sono state discutibili e altre addirittura illegali con procedimenti giudiziari contro i colpevoli. Come una madre adottiva e feroce sostenitrice, Desiree Smolin ha essenzialmente affermato nel suo post su Facebook, perché le Nazioni Unite hanno impiegato così tanto tempo visti i decenni di tratta e pratiche illecite? Perché così tante famiglie e adottati sono stati lasciati a subire gli stessi impatti quando si sapeva che accadeva da così tanti decenni?

Così, il 29 settembre, ho sentito che le nostre voci erano state finalmente ascoltate e convalidate, che qualcuno al potere ci stava ascoltando. Grazie a quelli delle Nazioni Unite che hanno lavorato instancabilmente per far sì che ciò accadesse. Mi è sembrato un po' giustificante ma, allo stesso tempo, la realtà di questo mondo schiaccia la speranza perché so che la dichiarazione delle Nazioni Unite non eserciterà alcuna vera pressione sui governi di tutto il mondo affinché agiscano nel nostro migliore interesse, figuriamoci aiutarci in ogni senso pratico.

Personalmente mi sono sentito così potenziato dalla Dichiarazione congiunta delle Nazioni Unite che ho scritto un'altra lettera al nostro leader qui in Australia, il Primo Ministro. Nella mia lettera, chiedo ancora una volta al governo australiano di fare qualcosa per aiutare coloro che sono colpiti invece del silenzio mortale che abbiamo vissuto nei 25 anni che ho passato a difendere i nostri diritti e bisogni.

Avere un letto della mia lunga lettera il che evidenzia le molte volte che ho tentato di sollevare la questione al nostro governo australiano, chiedendo sostegno alle vittime. Devo ancora avere alcuna risposta dal Primo Ministro australiano. Immagino che la ripresa economica post-COVID del Paese, le attuali inondazioni che hanno colpito l'Australia tutto l'anno e le altre questioni a priorità più alta come la violenza domestica in famiglia riceveranno prima la sua attenzione rispetto alla mia lunga lettera su un argomento che ha un impatto solo alcuni dei 20.000 di noi adottati all'estero. Semplicemente non ci classifichiamo lì per importanza e, a meno che non sia stato il loro figlio o la loro figlia ad essere colpito, non c'è motivo per cui il nostro governo australiano si preoccuperebbe abbastanza da agire.

Alcuni mi hanno chiesto quale sarebbe stato l'impatto di questa dichiarazione congiunta delle Nazioni Unite. Penso davvero che il miglior risultato potrebbe essere che gli Stati (i governi) si rendano conto dei rischi che corrono nel continuare a condurre e facilitare l'adozione internazionale con tutte le sue insidie nella salvaguardia dei diritti umani degli adottati internazionali. Quando consideriamo le cause legali combattute in tutto il mondo da vari adottati internazionali e la rivoluzione nel risveglio che possiamo lottare per i nostri diritti, metterei in guardia qualsiasi governo dal partecipare all'adozione internazionale. I percorsi legali vengono lentamente ma inesorabilmente trovati dagli adottati di tutto il mondo. I governi devono rendersi conto che se continuano come hanno fatto in passato, ci sarà un momento della resa dei conti in cui gli abusi ai nostri diritti umani saranno finalmente riconosciuti e le ingiustizie dovranno essere risarcite.

Nei Paesi Bassi, la lotta per i diritti dell'adottato è guidata dall'adottato brasiliano Patrick Noordoven che ha vinto il diritto al risarcimento a causa della sua adozione illegale nei Paesi Bassi. Dilani Butink ha anche vinto la sua udienza in tribunale per il suo caso di adozione illegale dallo Sri Lanka. Anche Bibi Hasenaar è menzionato come titolare di rivendicazioni di responsabilità in questo rapporto congiunto. Purtroppo, entrambi i casi di Noordoven e Butink sono ancora oggetto di appello da parte dello Stato olandese che dispone di fondi e tempo illimitati, il che evidenzia lo squilibrio di potere e la continua vittimizzazione che devono affrontare gli adottati. Sam van den Haak ha anche inviato una lettera allo Stato olandese sulla sua e su altri 20 adottati dello Sri Lanka i cui file di adozione contengono errori che hanno causato danni emotivi.

In Svezia, Carlos Andrés Queupán Huenchumil ha presentato ricorso per riportare il suo nome a quello originale, essendo stato adottato illegalmente dal Cile. In Francia l'a gruppo di adottati maliani stanno intraprendendo un'azione legale contro l'agenzia di adozione per il suo ruolo nelle loro adozioni illegali. In Nuova Zelanda, Maori adottato Bev Reweti ha organizzato un'azione collettiva contro lo Stato per essere stato sfollato e adottato dal loro Maori whānau. In Corea del Sud, adottato e avvocato internazionale coreano-danese Peter Regal Möller e la sua organizzazione Gruppo danese per i diritti coreani hanno presentato appena sotto 300 casi al coreano Commissione per la verità e la riconciliazione cercando di conoscere la verità sulle loro identità che sono state falsificate per essere adottate all'estero. Peter parla apertamente delle cause legali contro le agenzie Holt e KSS che arriveranno in futuro. Conosco anche altri adottati internazionali che non hanno ancora pubblicato articoli sui media ma che stanno procedendo nelle prime fasi delle loro cause legali contro Stati ed enti per le loro adozioni illegali.

Lo slancio sta crescendo in tutto il mondo man mano che gli adottati diventano più consapevoli delle violazioni dei diritti umani che hanno vissuto e che sono state agevolate dall'adozione internazionale.

Non sono solo gli adottati a intraprendere azioni legali. Alcuni genitori incredibilmente coraggiosi sono e hanno anche agito. Recentemente in Francia, genitori adottivi Véronique e Jean-Noël Piaser che ha adottato un bambino dallo Sri Lanka ha presentato una denuncia nel 2021 per la frode che ha comportato il furto del loro bambino a sua madre in Sri Lanka. Negli Stati Uniti, i genitori adottivi Adam e Jessica Davis hanno avuto successo nell'aiutare il governo degli Stati Uniti a sporgere denuncia contro l'agenzia di adozione Consulenti per le adozioni europee (EAC) per il suo ruolo nella frode e nella corruzione delle loro e molte altre adozioni.

In un punto di riferimento prima, Entrambi genitori adottivi e genitori biologici di adottati guatemaltechi-belgi Mariela SR Coline Fanon si stanno costituendo parte civile in Belgio come vittime della tratta di esseri umani. Il caso è attualmente oggetto di indagine giudiziaria. Questa non è la prima volta che i genitori biologici combattono per i loro diritti nell'adozione internazionale. Nel 2020, padre biologico del Guatemala, Gustavo Tobar Farjardo vinto al Corte Interamericana dei Diritti Umani che gli fossero restituiti i figli che erano stati adottati da famiglie separate in America.

Quindi, in definitiva, credo che la Dichiarazione congiunta delle Nazioni Unite agisca in due modi: in primo luogo, va in qualche modo a convalidare i traumi che alcuni vivono nelle nostre adozioni e incoraggia gli adottati internazionali e le famiglie di tutto il mondo a alzarsi in piedi e chiedere azione e rivendicazione legale delle nostre verità ; e, in secondo luogo, chiarisce agli Stati i rischi che corrono se continuano nelle loro attuali pratiche di adozione internazionale.

Personalmente sarei lieto e festeggerei se i paesi adottanti valutassero il rischio di partecipare all'adozione internazionale come troppo alto per continuare in futuro. Abbiamo passato da tempo il tempo di essere ciechi al pratiche coloniali e danni dell'adozione internazionale. Dobbiamo fare di più per aiutare tutti i paesi a diventare più consapevoli della responsabilità che hanno nei confronti dei propri figli nati. Ricorda che alcuni dei nostri maggiori paesi di provenienza delle adozioni internazionali sono i nostri più ricchi: Cina, Corea del Sud e Stati Uniti. È tempo di superare la semplice soluzione che l'adozione internazionale fornisce ai paesi che non desiderano prendersi cura dei propri e sfidare i paesi a capire che c'è un costo intrinseco se ignorano i propri figli mettendoli da parte, quando fa comodo. Gli adottati internazionali crescono, diventiamo ben istruiti, siamo autorizzati dalla mentalità occidentale a chiedere che i nostri diritti siano rispettati e le ingiustizie non vengano più ignorate.

La Dichiarazione delle Nazioni Unite è attesa da tempo visti i decenni di generazioni di noi che sono influenzate da adozioni illegali e illecite. Mi rallegro che siamo stati ascoltati al più alto livello internazionale, ma sono abbastanza certo che gli Stati non si faranno avanti per affrontare questo problema in alcun modo pratico. So che rimarranno in silenzio il più a lungo possibile, sperando che passi e intanto, come in Olanda, lo faranno continuare nel loro commercio di bambini ma in modo leggermente diverso, nonostante la direzione un'indagine completa; perché è quello che fanno i paesi. Sono un pragmatico e continuerò a sensibilizzare e spingere per il cambiamento tanto necessario, perché so che nonostante la dichiarazione congiunta delle Nazioni Unite, siamo ancora all'inizio. Ci vorrà un enorme movimento di massa da parte delle persone colpite per convincere i governi ad agire a nostro sostegno perché per troppo tempo sono stati in grado di farla franca facendo poco o niente. Ad un certo punto, il costo per i governi e gli enti partecipanti di fare poco, supererà il costo per fermare la pratica.

Credo nella sua forma attuale e praticata sotto il Convenzione dell'Aia del 1993, i governi non sono in grado di prevenire e fermare il pratiche illegali e illecite ovvero traffico che include violazioni dei diritti umani nelle adozioni internazionali. Pertanto deve essere fermato. La dichiarazione congiunta delle Nazioni Unite è semplicemente un riflesso di dove siamo oggi. Le vittime non hanno più bisogno di supplicare per essere ascoltate, SIAMO stati ascoltati al più alto livello internazionale. Quello che stiamo aspettando ora sono risposte appropriate da parte dei governi e delle organizzazioni di facilitazione, che potrebbero richiedere molto tempo.

risorse

I governi finalmente riconoscono pratiche di adozione illecite e illegali

Suggerimenti vissuti per risposte alle adozioni illecite

Esperienza vissuta di adozione illegale e illecita (seminario web)

Fermare completamente le adozioni internazionali perché gli abusi non possono mai essere esclusi

Insopportabile come il ministro tratta le vittime dell'adozione

Il caso delle moratorie sulle adozioni internazionali

Riciclaggio di minori: come il sistema delle adozioni internazionali legittima e incentiva la pratica dell'acquisto, del sequestro e del furto di bambini

False narrazioni: pratiche illecite nelle adozioni transnazionali colombiane

Irregolarità nelle adozioni transnazionali e nelle appropriazioni minorili: sfide per le pratiche di riparazione

Da Orphan Trains a Babylifts: traffico coloniale, costruzione di un impero e ingegneria sociale

Principio della doppia sussidiarietà e diritto all'identità

Adozioni internazionali e diritto all'identità

Sfruttamento dell'adozione internazionale: verso una comprensione e un'azione comuni

Una domanda per le agenzie di adozione

di Cameron Lee, adottato dalla Corea del Sud negli USA, terapeuta e fondatore di Terapia riscattata

Cosa autorizza un'agenzia di adozione a continuare a operare? Il numero di bambini collocati al mese? La quantità più bassa di discontinuità di adozione all'anno? Le credenziali del regista? La loro apparizione in una produzione mediatica esclusiva?

Se faticano a incorporare una vasta gamma di testimonianze degli adottati nel modo in cui forniscono efficacemente servizi di assistenza all'infanzia, comprese iniziative per mantenere intatte le famiglie, cosa stanno facendo dentro e verso le nostre comunità?

Una domanda che i genitori adottivi possono porre è: “In che modo le testimonianze di adulti adottati hanno cambiato le tue procedure operative standard negli ultimi cinque anni? Puoi mostrare almeno tre esempi di come il tuo programma è cambiato o si è evoluto sulla base della ricerca e della letteratura guidate dagli adottati?"

A meno che non siano disposti a mostrarvi il loro contributo ai bacini curativi del servizio che affermano di fornire, va bene chiedersi quante persone e famiglie siano state trattenute dall'accesso alle loro strutture di acqua viva.

In altre parole, mostraci il cuore della tua agenzia. Se c'è un'abbondanza di non adottati che parlano e insegnano, ci deve essere qualcos'altro che ci mostri che stai lavorando nel migliore interesse dell'adottato, non solo all'età in cui è "adottabile", ma per tutta la durata della nostra vita.

Vogliamo collaborare con te! Ma per favore, riduci al minimo l'idea che il nostro attivismo sia dannoso per gli affari. La voce dell'adottato non dovrebbe essere una minaccia per coloro desiderosi di imparare a servire meglio gli adottati. Molti di noi vogliono aiutarti a realizzare le tue promesse. Grazie per averci ascoltato in questo modo e per averlo reso una "migliore pratica" di solidarietà.

Leggi l'altro blog di Cameron su ICAV, Il Papa che fa vergognare le persone ad adottare bambini

Italiano
%%piè di pagina%%