Equilibrio mentale e arte

di Jonas Haid, adopted from South Korea to Germany.

Everyone is talking about work life balance.

What about mental balance?

When I finished my B.A. in fashion design I realized that doing artwork and being creative is my favourite tool to take myself out of this world. At the same time I understood that creativity can’t be a part of my future career. Here are the reasons why:

1. I need inspiration to be creative.
2. If I’m in the creative process there is no alternative, if someone criticises my artwork, I take it personal.
3. If there is too much pressure, there is no way to produce an acceptable result. If the result isn’t perfect, I’m not satisfied as an artist

So, right now I’m earning my money as director of online marketing in a big agency. I protect my creativeness to relax and take my mind into other dimensions. So, I love working with data and building digital strategies, and I still think it’s important to love your job, but it’s also important to protect your personal needs and hobbies.

This special artwork is inspired by ICAV (InterCountry Adoptee Voices), a platform for intercountry adoptees to tell the world about their story. Thank you Lynelle Long for investing your time to start this amazing organisation to help other adoptees around the world heal their souls.

The butterflies at not just random, I tried to find some from Korea, China, Vietnam and Indonesia which are also found in Europe and the rest of the world. These represent the various countries that many of ICAVs members were born in.

My message with my artwork for fellow adoptees:

Be strong, be real, be yourself.
No matter how much we’re craving for all the love we missed.
The old chapter is already written.
So take a deep breath an cheer up your confidence because there are so many chances. Just be open minded, inspired and warmed up from the love of your choice, start the first stroke of your own personal story.
You are one of a kind.

#worklife
#mentalhealth
#minimalartwork
#worklifebalance
#inspiration
#creative

Other pieces of art that Jonas has shared at ICAV: Art from the Heart, A Picture is Worth 1000 Words, The Caged Soul Mate.

La disumanizzazione di un adottato

di Kayla Zheng adottato dalla Cina negli Stati Uniti.

I would be so bold to say that the vast majority of, if not all, adoptions are the selfish act of those wanting to, or having already adopted. The result of adoption leaves the adoptee in a perpetual state of dehumanisation. If we look at the word dehumanisation defined by  the Oxford Dictionary, it means “the process of depriving a person or group of positive human qualities.” For the public and individuals who are not well versed in adoption, the adoption industrial complex, and its practices, this can be quite confusing and the representation of adoption and adoptees have, for the most part, been a glamorised sensational plot twist or form of character development. Yet, here lies one of the many ways adoptees, both on-screen and off, are dehumanised and portrayed as void of any critical thought or experience. 

Adoption, as portrayed by social media and film, consistently shows adoptive parents (who are often white) as selfless philanthropic couples whose only intentions are to dote and shower love on a poor child (who are often BIPOC), ever pushing the narrative of white saviours. The consistent and inherent goodness and altruistic nature of whiteness by default shifts both power and racial dynamics in favour of whiteness and the dependent, in need of saving, is helpless without the all-powerful and knowing whiteness bestowed onto the child of colour. When these patterns of adoption become representative and up for societal consumption, it dehumanises the adoptee to be merely a puppet without inherent positive attributes on their own. Any potential is tied and associated to the people who adopted them, leaving the adoptee as a hollow shell used to narrow in the spotlight on the adoptive parents. Through film and TV, adoption is the stripping away of an adoptee (again, predominantly BIPOC), the illumination of adoptive parents (and, again, predominately white), how can society possibly see us as humans when we live in the shadows of those who adopted us? How can we be seen with inherent potential, with the successes of our ancestors running through our blood, and dreams reflecting our truest selves when we are constantly being shown that we are nothing without adoption? That we are nothing without whiteness?

In the continual film and TV portrayal of adoption and adoptees, adoptees are always pitted against one another. When you think of some of your favourite films or characters that are adoptees, who are they? Do they happen to be Loki, Frodo Baggins, Black Widow, Batman, The Joker, Lord Voldemort? The paradox of society’s fascination and indifference for orphans is destructive, the demand for adoptees (and thus, adoption) is binary and forces adoptees to fill the dual desire to save adoptees/orphans and villainize an adoptee/orphan. The loss of biological connection and identity loss is fantasised to create a more contextualised storyline. The need for adoption to contribute trauma and fantasy for character build-up is highly sought after. This is the double dehumanisation of adoptees through film and TV.

The danger with artificial and weak backstories is that it boxes adoptees and orphans into narrow forms and compounds the stigma and expectations surrounding our existence. This forced role of villain or hero does not provide a realistic experience of cohesively incorporating mountainous rage, burdening grief, exuding joy, and love. What Hollywood and the media project of “bad” or “good” adoptees/orphans limits and strips them of their individuality, autonomy, and humanness. The “damaged and broken” adoptee or “overcomer and hero” orphan are roles that are inaccurate and are a weak reality that is far from the nuanced life an adoptee/orphan lives that requires a burden too heavy to carry. Film and TV strips away our humanity and adoptees do not get the privilege to exist as ourselves. We are only for consumption and the limited space provided for us in the binary tropes romanticises our trauma, confines our capabilities, and diminishes us to fit a consumer’s palate. We never belong to ourselves. If we cannot have ownership over our own stories and lives, are we even able to be fully human? 

In my experience, the greatest form of dehumanisation occurs for an adoptee within the church. Growing up in an all-white environment and heavily involved in a white church that preached white Christianity, I had to survive in an ecosystem of whiteness that demanded gratitude to the good white Christians who saved me from big, bad, heathen, communist China. I would find myself, more than once, being paraded around as a token of Christian and white goodness. Of how “the Lord works in miraculous ways” and gave lil ol’ me the “opportunity and privilege to be adopted by a Christian family in a Christian country where I learned about Christ.” What that told me loud and clear was that China was irredeemable unless under the power of the white Christian church or through adoption by whiteness. In other words, I did not possess inherent potential and positive traits without the white man liberating me and providing me access to success under the guidance of white Christianity. 

The dehumanisation continued, as in my early years during conferences I would be brought in front of a congregation or made to stand onstage alongside my adoptive parents, and they would discuss how adoption was a beautiful gift that touched their life. Other times, youth leaders would openly discuss how my adoption is a metaphor for how Christians are “adopted” into the family of Christ. And how my adoption gave me a new father – we have a new father through Jesus! Different variations and versions of these scenarios have plagued my youth and further trivialised my existence into a metaphor that others could benefit from. Not once did anyone question if adoption was a gift to me, if being taken away from my homeland touched my life in a beautiful way or not, or being uprooted twice before the age of three with a group of white strangers benefited me or could replace a sense of family for me.

To have your story told through a white lens as a person of colour that protects the white man while diminishing your autonomy and the multifaceted complexities of your existence, is one of the most dehumanising grievances that can happen. Adoption through mainstream media and the church gave little room for me to feel human but instead made every space feel like an advertisement that others could project their value onto, for their own benefit. Winners have the privilege to write history or speak about it on stage. Losers, those who are not given the same chance to speak their own story, those who are bought…are dehumanised. 

Kayla’s most popular articles: Decolonizzare Mosè & Conseguenze di Atlanta

Le mie realtà di essere adottato dalla Cina

di Xue Hua adottato dalla Cina negli Stati Uniti.

Ciao a tutti! Mi chiamo Xue Hua e sono stato adottato all'età di 1 anno da Hunan, in Cina. Vivo a Indianapolis negli Stati Uniti, dove sono cresciuto. I miei genitori (bianchi americani) hanno avuto 3 figli biologici e poi mi hanno adottato quando il più giovane aveva 7 anni. Circa un anno dopo avermi adottato, abbiamo adottato un'altra ragazza dalla Cina, e poi un'altra circa 3 anni dopo. Quindi siamo una famiglia con un totale di 6 ragazze – 3 biologicamente imparentate e bianche, e 3 adottate e cinesi.

Anche se è stato sicuramente bello avere fratelli che sono anche POC e adottati (che so che molti non hanno), è stato anche abbastanza difficile avere fratelli bianchi. Negli ultimi 2 anni, ci sono state delle gravi ricadute familiari, e da parte mia, molto a causa del modo in cui abbiamo comunicato/non comunicato sulla razza e l'adozione. È difficile perché avevo davvero ammirato le mie sorelle maggiori, e si sono vantate di essere molto "sveglie" e orientate alla giustizia sociale, ma tuttavia si sono ampiamente rifiutate di riconoscere come hanno contribuito alle mie esperienze con il trauma razziale in la nostra famiglia, e questo è stato un grande punto di rottura recente nelle nostre relazioni. Fortunatamente, sebbene mia madre sia abbastanza conservatrice, è stata molto più comprensiva e disposta a guardarsi onestamente.

Un altro tema importante nelle storie di molti adottati è il problema dell'abbandono, a cui non sono estraneo. Oltre ad essere ovviamente dato in adozione e vivere in un orfanotrofio da bambino, mio padre adottivo, a cui ero molto legato, è morto quando avevo 8 anni. Sebbene io e mia madre siamo sempre stati vicini, aveva la tendenza a chiudersi quando il conflitto e lo stress aumentavano, quindi ho trascorso gran parte della mia infanzia (soprattutto dopo la morte di mio padre) sentendomi anche emotivamente abbandonato. Vedo molti altri compagni adottati nei nostri gruppi sui social media che condividono lotte simili!

Una cosa che mi ha aiutato molto durante il mio percorso di adozione è stata diventare amica di altre donne asiatiche. Mentre ci sono momenti in cui mi sento "più/troppo bianco", il più delle volte mi sono sentito molto incluso e accolto. È stato anche un ottimo sfogo per discutere di razza e razzismo con altri adottati che capiscono veramente di cosa sto parlando / vivendo.

Un'altra cosa che è stata utile è scrivere. Di recente ho scritto un pezzo di saggistica creativa personale sull'essere un adottato transrazziale e ha vinto il "migliore" della categoria saggistica nella rivista letteraria e d'arte del mio college! È stato così catartico raccontare la mia storia agli altri ed essere così generosamente riconosciuto per averlo fatto. Consiglio vivamente a tutti gli altri scrittori adottati di condividere la tua storia, sia per uso personale che pubblico!

Essere veramente visto come un adottato filippino

di Arlynn Hope Dunn, adottato dalle Filippine negli USA; presentato al 16a consultazione globale filippina sui servizi di assistenza all'infanzia il 24 settembre 2021.

Mabuhay e buongiorno! Mi chiamo Hope e mi unisco a te da Knoxville, Tennessee, nel sud-est degli Stati Uniti. Ringrazio ICAB per avermi invitato a far parte della Consultazione Globale sull'adozione internazionale. Sono grato di accedere alle risorse post-adozione dell'ICAB, che sono state significative nel mio processo di riconnessione con la mia famiglia d'origine. Sottolineo che la mia storia e la mia riflessione oggi sono mie e non parlo per le esperienze vissute di altri adottati. Spero che tutti coloro che ascoltano le nostre testimonianze oggi siano aperti a varie prospettive sull'adozione poiché ci influenzano nel corso della nostra vita.

I miei inizi

Sono nata a Manila nel dicembre 1983 e nel luglio 1984 sono volata dalle Filippine con la mia assistente sociale, per incontrare i miei genitori adottivi e la sorella di sei anni che è stata adottata dalla Corea. Avevamo una vita suburbana idilliaca e tranquilla, mia madre era una casalinga e mio padre era un geologo, che viaggiava spesso per il paese. La nostra famiglia molto probabilmente si sarebbe trasferita a ovest per ospitare il lavoro di mio padre, ma non abbiamo mai lasciato il Tennessee. Mio padre aveva il diabete giovanile e sviluppò la polmonite e morì tre giorni prima del mio primo compleanno. Mia madre, una sopravvissuta alla poliomielite, che l'ha lasciata senza l'uso del braccio destro, è diventata improvvisamente una madre single di due bambini piccoli senza parenti vicini. Il dolore irrisolto per la perdita di mio padre si è riverberato per anni nella nostra famiglia attraverso il ritiro emotivo di mia sorella, che era molto vicina a nostro padre... e mia sorella. Quanto a me, ho oscillato dal ruolo di comico per assorbire le tensioni tra mia sorella e mia madre all'autoregolazione delle mie emozioni accumulando cibo da bambino e imbottigliando le mie emozioni, per rendermi scarso e piccolo. Mentre sono cresciuto in una casa che ha verbalizzato l'amore, ora riconosco i modelli di abbandono e codipendenza che hanno avuto un impatto sul mio sviluppo. Sono anche cresciuto nell'era dei primi anni '90, dove le norme sociali e i media rafforzavano il daltonismo piuttosto che offrire la razza come un'opportunità per discutere e celebrare la diversità culturale unica. 

A differenza delle grandi comunità filippine in California, c'era poca diversità dove sono cresciuto, poiché la maggior parte della mia scuola e comunità era bianca con alcuni studenti neri. Ero uno dei tre studenti asiatici e siamo stati tutti adottati. Piuttosto che gravitare l'uno verso l'altro, ci siamo appoggiati a diversi gruppi di amici come parte naturale dell'assimilazione. Di noi tre, ero più tranquillo e dolorosamente timido, il che mi rendeva un facile bersaglio di bullismo. All'età di sette anni, sono stato chiamato la parola "N" sullo scuolabus. Mi è stato detto che mia madre mi ha partorito in una risaia. Ironia della sorte, al ritorno dell'anno scolastico in autunno, le ragazze si accalcavano per toccarmi la pelle e chiedermi come facevo a diventare così scuro. A quei tempi, ero così orgoglioso della mia pelle scura e non ho mai imparato a conoscere il colorismo fino a quando non ero un adulto. Alla fine il bullismo è diminuito fino a dopo l'attacco alle torri gemelle dell'11 settembre 2001, quando il razzismo è riapparso e un altro studente mi ha detto di farmi saltare in aria con il resto della mia gente. In risposta, la mia insegnante mi ha fatto abbracciare l'altro studente perché a 17 anni “era solo un ragazzo”. La risposta della mia famiglia è stata di ricordarmi che sono americano come se solo quella fosse una corazza sufficiente per resistere e deviare la violenza verbale. Ho interiorizzato così tanta vergogna di essere diverso, che ho equiparato a meno di, che sono diventato complice della mia stessa cancellazione culturale e del crollo dell'autostima.

Giovani adulti

Da giovane adulto, ho lottato con le pietre miliari che venivano naturalmente ai miei coetanei. Ho fallito la maggior parte delle lezioni al liceo, ma al mio preside piacevo e mi ha permesso di laurearmi in tempo. Ho lasciato il college senza una visione di chi volevo essere entro i 21 anni. Ho concluso una relazione e un fidanzamento di sei anni e non sono riuscito a mantenere un lavoro entro i 23. Ero attivo nella chiesa evangelica ma gli anziani mi hanno detto che il mio la depressione e l'idea suicidaria derivavano dalla mia mancanza di fede. Alla fine, ho acquisito esperienza lavorando con i bambini. Sono tornato al college all'età di 27 anni mentre svolgevo più lavori e sono stato accettato nel programma di assistente di terapia occupazionale, dove ho acquisito strumenti per la salute mentale e in seguito mi sono laureato con lode e ho pronunciato il discorso di laurea.

Come sfogo dal mio intenso programma universitario e lavorativo, mi piaceva andare al cinema da solo e nel 2016 ho visto un film che è stato il catalizzatore per il mio viaggio alla ricerca della mia eredità.  Leone è un film sulla vita reale di Saroo Brierly, cresciuto dai suoi genitori adottivi australiani e alla fine si è riunito con la sua prima madre in India. Mentre Saroo è raccolto tra le braccia della sua prima madre, una diga di emozioni si è spezzata dentro di me, principalmente il senso di colpa per il fatto che in qualche modo avevo smarrito il ricordo della mia prima madre. Qualcosa di profondo dentro di me, risvegliato mentre assistevo a questo tiro alla fune sulle sue emozioni, recitato su uno schermo cinematografico. Ho visto uno specchio che mi illuminava mentre correva interferenza tra due mondi che raramente lo vedevano e le complessità dell'adozione e come è stato lasciato a conciliare questo peso insopportabile da solo.

Rivendicare il mio patrimonio filippino

Ho iniziato il mio viaggio per reclamare la mia eredità filippina attraverso il mio nome. Negli ultimi quattro anni, sono passato dal mio nome adottivo Hope al mio nome di nascita Arlynn, che in gaelico significa "giuramento, impegno". Mi sembra di poter tornare a qualcosa che ora so per certo mi è stato dato dalla mia prima madre. Prima di iniziare formalmente la mia ricerca nella mia storia, l'ho detto a mia sorella, che ha sostenuto la mia decisione. Passarono diversi mesi prima che chiesi a mia madre se conosceva altri dettagli sulla mia famiglia d'origine oltre alla corrispondenza che mi aveva dato in un raccoglitore. Sentivo di dover proteggere i suoi sentimenti come se il fatto di voler sapere improvvisamente della mia prima famiglia l'avrebbe ferita. Mi ha detto che non c'erano altre informazioni. Più tardi, avrei scoperto che era una bugia.

Per tutta la vita, mia madre ha continuato a lottare con il suo uso improprio dei farmaci antidolorifici prescritti. Da bambina, ricordo che mia madre mi faceva notare quali flaconi di medicinali usava nel caso non si fosse svegliata per farmi chiamare la polizia. A volte, dormivo sul pavimento vicino alla sua stanza per assicurarmi che respirasse ancora. Avevo 32 anni quando ha richiesto l'intervento ospedaliero per i sintomi di astinenza, mi ha detto nella sua rabbia che avrebbe voluto lasciarmi nel mio paese di nascita. Mi ha fatto più male che se mi avesse schiaffeggiato perché non si è mai scagliata contro la mia adozione quando ero più giovane. Sono uscito dalla sua stanza sentendomi come se avessi perso un altro genitore.

Alla fine, la casa della mia infanzia è stata venduta e mia madre è andata in una casa di cura per cure a seguito di un'emorragia cerebrale. Mia sorella ed io abbiamo recuperato la cassetta di sicurezza di nostra madre presso la sua banca locale, che a mia insaputa conteneva il mio caso di studio completo. Mia sorella mi ha detto che non avrei mai dovuto saperlo e nostra madre le ha fatto promettere di non dirmelo, quando era più piccola. Mi sono seduto da solo nella mia macchina singhiozzando mentre leggevo il nome del mio primo padre per la prima volta poiché non era elencato sul mio certificato di nascita, al quale ho sempre avuto accesso crescendo. Descriveva in dettaglio come i miei genitori avessero sette figli e cinque di loro morirono durante l'infanzia per malattia. I miei genitori si separarono mentre mio padre rimase con i figli sopravvissuti e mia madre rimase con suo nipote rifiutandosi di riconciliarsi con mio padre non sapendo che era incinta di me. Nel corso del tempo, mia madre ha cominciato a vagare lontano da casa ed è stata istituzionalizzata. Dopo la mia nascita si è allontanata di nuovo da casa e ha scoperto che cantava da sola. Dopo la mia nascita, mi è stato consigliato di essere collocato in un rifugio per bambini temporaneo poiché mia madre non era in grado di prendersi cura di me. Un'impronta viola del pollice al posto di una firma ha indirizzato il suo atto di resa per me alle autorità di assistenza sociale.

Famiglia perduta da tempo

Alla ricerca della famiglia biologica

Grazie alle risorse di ICAB e Facebook, sono stato in grado di localizzare mio fratello e mia sorella sopravvissuti e ho appreso che i miei genitori naturali sono morti. All'inizio del 2021, sono riuscito a trovare i parenti della mia prima madre, inclusa la sua unica sorella sopravvissuta. Sono ancora stupito e grato che i miei fratelli e la mia famiglia allargata mi abbiano abbracciato e io soffro dal desiderio di incontrarli, di essere toccato dalla mia gente. Prima della pandemia avevo l'obiettivo di viaggiare nelle Filippine, ma durante la chiusura dell'economia ho perso due dei miei lavori, la mia salute mentale ha sofferto dell'isolamento di vivere da solo durante il blocco e alla fine ho perso la mia casa e i soldi che è stato cresciuto da amici e famiglia per andare nelle Filippine ha dovuto impedirmi di vivere nella mia macchina, finché non fossi riuscito a stare con gli amici. Dallo scorso novembre ho potuto ottenere un lavoro a tempo pieno e quest'estate ho trovato una terapista, anche lei adottata transrazziale, che ha lavorato con me per elaborare il mio dolore e il senso di colpa del sopravvissuto. sopravvisse a molti dei miei fratelli. Mentre ricostruisco lentamente la mia vita, una rinnovata energia per tornare un giorno nella mia patria per incontrare i miei fratelli mi motiva ulteriormente.

Mentre la mia ricerca per reclamare la mia patria, la mia lingua perduta e i miei fratelli ha portato un profondo dolore, c'è stata un'enorme gioia nel connettermi con le mie nipoti che mi stanno insegnando le frasi Waray Waray e Tagalog. Ho curato i miei social media in modo che gli algoritmi mi attirino verso altri adottati, artisti, scrittori e guaritori filippini. Lo scorso dicembre ho compiuto 37 anni, la stessa età di quando mi ha partorito la mia prima madre. Il giorno del mio compleanno ho potuto incontrare un prete di Baybaylan che ha pregato su di me e sui miei antenati. Durante tutto questo tempo da quando l'ho riscoperta per caso di studio, ho cercato di affrontare il dolore e alla fine ha iniziato a piangere. Abbiamo pianto insieme e quel piccolo gesto gentile mi ha toccato così profondamente perché per la prima volta ho sentito come se qualcuno fosse seduto con me nel mio dolore, ed era così intimo perché Mi sono sentito veramente visto in quel momento e degno di amore. 

Pensieri per i professionisti dell'adozione

Le pratiche del settore delle adozioni sono cambiate drasticamente nel corso degli anni da quando sono stato adottato. Spero che le conversazioni sull'adozione continuino a spostarsi verso gli adottati per includere le nostre storie che illuminino questo ampio continuum di esperienze vissute che indicano non solo le esperienze positive o negative, ma le tengono tutte sotto una lente critica da parte dei professionisti dell'adozione. Spero che i professionisti di questo settore riconoscano e riconoscano il grado in cui il trauma della separazione precoce dei bambini dalle nostre prime madri e il ruolo dell'assimilazione e la perdita dell'associazione culturale influiscono sugli adottati. I futuri genitori sono formati in questo e anche nella consulenza sul lutto? Considera di guardare verso pratiche che assicurino la conservazione della famiglia, se possibile. Se viene concessa l'adozione, come farai a garantire che un bambino abbia le risorse per trovare una comunità se vive in luoghi non culturalmente diversi? Come troveranno la comunità? Un'ultima domanda di riflessione: quando un bambino viene abbandonato dal tuo paese, quali pratiche saranno assicurate per sostenere quell'adottato che vuole tornare nel paese di origine, senza che quella persona si senta un estraneo, un turista o un intruso?

Ho un breve video di un collage di foto che ho creato che attraversa la mia vita da quando ero bambino fino ad oggi.

Grazie mille per aver ascoltato la mia testimonianza.

Maraming Salamat po.

Musica ispirata alle mie origini boliviane di adozione

di Jo R. Helsper adottato dalla Bolivia alla Germania.

Ispirazione per la mia musica

Sono interessato alla musica dal giorno in cui sono stato adottato in Germania. Mi piace dire che sono nato con la musica nel sangue . Ho iniziato a suonare strumenti di musica classica e ho provato molti altri strumenti, come pianoforte, clarinetto, chitarra e così via.

Durante la mia infanzia, abbiamo avuto un incontro semestrale organizzato dai nostri genitori adottivi tedeschi, dove noi adottati boliviani potevamo incontrarci, conoscere le nostre stesse radici e anche così i genitori potevano parlare dei temi dell'adozione. Quando avevo circa 6 o 7 anni, i nostri genitori hanno invitato un gruppo musicale boliviano per il nostro incontro. Quella è stata la prima volta che ho sentito la musica popolare boliviana in concerto. Prima di questo, l'avevo ascoltato solo tramite MC o CD, quindi ero assolutamente affascinato dal canto e dal suonare gli strumenti culturali e quello è stato il momento in cui ho deciso di suonare anche gli strumenti.

Sono assolutamente felice di essere stato adottato in Germania, ma imparare i miei strumenti nativi mi ha fatto sentire come se avessi un legame con la mia terra, da dove vengo, anche se non l'avevo mai vista prima. Così ho continuato a suonare, scrivere e cantare le canzoni della Bolivia.

Quando sono cresciuto ho imparato anche lo spagnolo. Capire il significato delle canzoni era importante anche per me perché cantare da solo non bastava. Volevo anche sapere cosa significavano le canzoni.

La mia ispirazione nella mia musica è il legame con la mia terra in cui sono nato e l'affascinante cultura degli indiani boliviani e delle montagne.

Non ho ancora visitato la Bolivia. Spero che un giorno andrò a visitare il mio vecchio orfanotrofio e la città dove sono nato. Quando suono, è come se fossi più vicino alla Bolivia e posso immaginare come inizia il tramonto sulle montagne e come il vento soffia sui campi. È anche un buon metodo per rilassarsi e dimenticare lo stress a volte.

Ascolta la musica della Bolivia di Jo:

Costruzione della comunità negli spazi per l'adozione e l'adozione

Il modo per sollevare il tuo attivismo

Di Melissa Ramos / Brita Melissa Botnen Søreng adottato da dal Guatemala alla Norvegia.

La manifestante studentesca, poetessa e sostenitrice americana, Eva Maria Lewis, definisce i due termini intercambiabili di influenza sociale e politica come advocacy e attivismo in questo modo, "Essere un attivista è parlare. Essere un avvocato è ascoltaren."

Riferendosi alla forma più attiva rispetto alla forma istituzionale di influenza, l'attivismo sta protestando e si oppone a una causa sociale oa una riforma politica, mentre un avvocato è favorevole o suggestivo. Entrambi con l'intento di educare e sensibilizzare su un particolare argomento ma a volumi e portata diversi. Laddove l'avvocato opera più istituzionalmente all'interno di un sistema, raccogliendo gli attori rilevanti attorno al tavolo decisionale, l'altro utilizza gli spazi pubblici per essere visto e ascoltato con un focus più basato sulla persona. L'approccio dell'attivista individuale è più allineato con la costruzione della comunità poiché gli sforzi basati sull'azione che circondano le questioni di ingiustizia e disuguaglianza sono percepiti come più aggressivi per creare il cambiamento.

Questo articolo è solo una parte della mia prospettiva sulle comunità di adottati e di adozione da una prospettiva locale della Norvegia, ma anche i miei pensieri a livello globale. Avendo contribuito a diversi progetti, piccoli e grandi, nelle comunità guidate da adozioni e adottati in Norvegia e all'estero, ho gradualmente preso coscienza della necessità di una maggiore collettività quando si tratta di advocacy e attivismo sul tema dell'adozione internazionale. A mio avviso, altrettanto importante quanto promuovere casi legali, condividere pubblicamente un retroscena personale ed educare gli ignoranti: concentrarsi sulla comunità stessa come una in una prospettiva a lungo termine può rafforzare ogni compito e ruolo specifico, separatamente e collettivamente. Questa è la mia interpretazione della costruzione della comunità dal punto di vista del lavoro degli adottati internazionali sulla base delle esperienze.

Che cos'è la costruzione di comunità?

Oltre a costruire una presenza comunitaria sui social media e in gruppi chiusi, che costituiscono la maggior parte delle comunità e delle organizzazioni adottate online, la costruzione di comunità nella pratica (e offline) si riferisce ad attività, pratiche e politiche che supportano e promuovono connessioni positive tra gli individui , gruppi, organizzazioni e comunità geografiche e funzionali per definizione (Weil, 1996). Una comunità è fondata su un'identità condivisa ed è lo spazio in cui si incontrano pratiche e politiche per conto di un gruppo di popolazione come i gruppi emarginati come adottati all'estero.

Illustrare, Voci Internazionali Adoptee (ICAV) sembra essere un'entità basata sulla comunità online che si rivolge a organizzazioni ombrello più piccole nonostante non abbia in pratica una funzione operativa fisica definita. Come altre organizzazioni, istituzioni e attori in una società, anche ogni organizzazione guidata da adottati appartiene a un certo livello sociale in base alle dimensioni, alla portata e agli obiettivi dell'organizzazione. Collocare un'organizzazione e un gruppo e comprendere meglio come si relaziona con gli altri, creerà una consapevolezza della disposizione del terreno e della portata del lavoro effettivo.

L'azione comunitaria organizza coloro che sono interessati da decisioni o non decisioni pubbliche o private il cui obiettivo è sfidare le strutture ei processi politici, sociali ed economici esistenti. Per fare ciò, è necessario prima esplorare e spiegare come le realtà di potere influenzino la vita dell'adottato e sviluppare una prospettiva critica dello status quo e delle basi alternative di potere e azione (Bryant, 1972).

Una tendenza in crescita: poiché sempre più persone chiedono che la loro voce sia ascoltata, sostenere una causa è diventata gradualmente la norma. Nell'immagine, una citazione di Amanda Gorman e una foto di Ewa Maria Lewis.

Sulla base delle definizioni di cui sopra sulla costruzione della comunità e sull'azione della comunità, forse dovremmo fare riferimento agli adottati attivi e presenti come attivisti della comunità per creare insieme e portare avanti l'attivismo e la difesa individuale. Non per spostare almeno l'attenzione dall'individualismo e dalla competizione all'impegno politico, alla familiarizzazione sistemica e alla comprensione legale. Forse allora vedremo un impatto reale e risultati tangibili più velocemente sotto uno, non solo costruendo e facendo crescere una comunità, ma una comunità di attivismo e advocacy, vale a dire azione collettiva.

Costruzione della comunità e patrocinio legale

La costruzione della comunità di adozione globale per apportare cambiamenti strutturali è per molti versi ancora molto in via di sviluppo. Con pochi casi legali di adottati (di prima generazione), c'è ancora molto lavoro da fare a livello di comunità e in tutti i paesi. C'è una chiara relazione tra la pratica della comunità e le indicazioni politiche come menzionato, il che significa che la chiave per portare avanti petizioni, archiviare casi legali, fare campagne politiche o cambiare la narrativa o la narrazione esistente sta nel rafforzare, esplorare ed espandere anche le pratiche della comunità, non solo il tattica specifica.

Collettivamente, un attivista della comunità si sforza di raccogliere forze a livello locale affinché le comunità modifichino lo status quo. Intraprende azioni strategiche, individualmente o con altri, come membro e per conto di una comunità. L'apprendimento e lo sviluppo della comunità riguardano la capacità di un gruppo di persone di partecipare e di essere coinvolti in un caso o evento di interesse comune. Lottando per un caso particolare come l'argomento dell'adozione internazionale indipendentemente dall'approccio, ti rendi presto conto che arriva con molte voci forti e una forte presenza scegliendo di impegnarti. Può essere facile perdere di vista i movimenti principali e venire a patti con ciò che rappresenti in un campo e in un ambiente (ancora non familiari) con così tante opinioni, conoscenze e approcci diversi.

Dal punto di vista del rispetto e della scelta di non assumere un ruolo più prominente di quello che ho nelle comunità di cui ho fatto parte, la volontà di abbinare e riunire le persone giuste, portando così gli strumenti necessari ai giusti stakeholder cresciuto naturalmente. Inconsciamente, facendo crescere la comunità e l'ambiente, facevo parte di me stesso. Molto probabilmente hai rappresentanti delle risorse umane, un coach o una figura di mentore responsabile del monitoraggio del tuo sviluppo personale e professionale complessivo nel tuo lavoro quotidiano. Quello che ho trovato mancante quando sono entrato nello spazio per l'adozione e l'adozione è stato qualcuno che ha fatto questo consiglio oltre a consigliare sul tema dell'adozione stessa. In altre parole, contestualizzare le esperienze vissute, le nostre esperienze.

Ricorda che le opinioni e le percezioni generali delle comunità e dell'argomento stesso (da un punto di vista legale, sociale o politico) dal mondo esterno hanno molto valore. Le voci del pubblico dovrebbero essere sfruttate per mappare la conformazione del terreno invece di essere viste come un ostacolo alla comprensione. È quando mappiamo la narrativa pubblica dell'adozione; scopriamo quali sono le sfide reali e cosa comportano queste sfide quando si tratta di diffusione della conoscenza in particolare. Ed è molto necessario, specialmente in uno spazio in cui storie importanti e voci audaci sono facilmente fuorviate, inquadrate erroneamente o addirittura sfruttate.

In Norvegia, importanti adottati hanno iniziato a sfruttare gli spazi pubblici e le scene culturali per far sentire il nostro messaggio, oltre a navigare nel sistema politico e influenzare le politiche. Tutto questo si è basato sul dialogo e sul coinvolgimento con attori rilevanti come ministeri, direzioni, servizi statali per il benessere dell'infanzia e della famiglia, organizzazioni per le adozioni, gruppi di paesi, rappresentanti pubblici e altri interessati al tema dell'adozione internazionale, ecc. Ora, il clima si sta spostando verso gli uffici del difensore civico e le organizzazioni per i temi dell'uguaglianza, dell'immigrazione e del razzismo ugualmente rilevanti per gli adottati e le comunità di adozione nei paesi occidentali. Ecco come rendiamo rilevante l'adozione internazionale e come affrontiamo al meglio temi complessi.

Aree guidate dagli adottati: in Norvegia, gli adottati nazionali e internazionali hanno trovato varie forme di raccolta delle forze per sostenere la responsabilità e per educare il pubblico sull'adozione.

Una comunità globale a lungo termine

Spesso penso tra me e me quanti altri adottati o genitori adottivi/biologici si farebbero avanti se avessero gli strumenti giusti per farlo. Forse basta una spinta nella giusta direzione o un incontro/dialogo con una persona che ha fatto lo stesso. Per gli adottati di prima generazione che non hanno mai avuto modelli di ruolo o qualcuno da rispecchiare; questo non può essere sottovalutato in quanto le adozioni internazionali sono ancora agevolate da e verso molti paesi come Cina, Colombia e India (41% di tutti i paesi di invio essendo asiatici), così come paesi europei come Ucraina e Bulgaria che figurano tra i primi dieci paesi di invio. Il punto è che c'è molto da guadagnare gli uni dagli altri e oltre i confini, come avviene attraverso i forum online. Se non trovi il tuo posto nella comunità in cui vivi, cerca altrove. Cerca adottati dal tuo stesso paese di origine ma in diverse parti del mondo e interagisci con adottati che la pensano allo stesso modo in tutti i paesi di origine. Soprattutto, pensa a ciò che sai sull'argomento e a ciò che puoi portare agli altri, che si tratti della tua esperienza, dell'argomento stesso o della conoscenza del tuo paese di origine. Pensa alla rete che hai costruito e chi potrebbe trarne vantaggio? Qual è il messaggio e chi è il destinatario corretto. È così che cresciamo e creiamo progresso, gente, anche oltre confine!

In uno spazio, abbiamo molto controllo di noi stessi senza cornici o linee guida; questo approccio è della massima importanza per riunire gli attori rilevanti e ottenere risultati. Quello che ti viene chiesto è di mettere da parte il tuo orgoglio. In un terreno sconosciuto, che gran parte delle comunità è per la maggior parte degli adottati (più giovani), i confronti, la gelosia e le insicurezze possono tirare fuori il peggio di una persona poiché questo è l'unico spazio in cui ci si incontra e si entra in contatto con quegli elementi personali che di solito sono intatte nelle interazioni quotidiane. Risultati tangibili al servizio di un intero gruppo si ottengono solo quando si mettono da parte le differenze e si riconosce ogni singola competenza rispetto alla voce della maggioranza che apre la strada.

Cosa c'è di peggio dell'esclusione, dello sfruttamento o di metodi di lavoro non etici direttamente all'interno e dalle comunità guidate dagli adottati? Quando il mondo esterno è quello che è in termini di familiarità con gli adottati internazionali come gruppo, mantenere le comunità il più sicure e pure possibile dovrebbe essere un dato di fatto. Non tutti possono essere completamente aggiornati sul loro paese di origine, sul tema dell'adozione e sui movimenti legali nelle comunità, che non sono previsti. Tuttavia, gli adottati impegnati e attivi di solito si concentrano e si preoccupano in una certa misura di argomenti relativi all'adozione per tutta la vita oltre alle preoccupazioni quotidiane della persona media. E con diverse esperienze e competenze dell'esperienza dell'adottato, l'utopia in senso comunitario sarebbe un'organizzazione più ampia in cui attivisti e sostenitori esperti di gruppi di paesi diversi si concentrano su ciò che sanno fare meglio, che si tratti di questioni legali o politiche. Il punto è che il livello di coinvolgimento e coinvolgimento di ciascun adottato deve essere rispettato, specialmente tra i coetanei, e può essere utilizzato meglio in qualche forma o forma per far crescere una presenza comunitaria a lungo termine.

L'approccio collettivo

È un fatto noto che ovunque in ogni società, le persone sbagliate, non appassionate e inadatte occupano posizioni sbagliate, eppure hanno il potere di decidere le questioni riguardanti la tua e la mia vita e mezzi di sussistenza. Coloro che hanno il potere di controllare le politiche e attuare misure di cui i beneficiari, le vittime o le persone colpite sono spesso più consapevoli, come gli adottati. C'è un motivo per cui ci sono ambasciate e programmi di mentore in settori e industrie specifici o come parte della divulgazione e della profilazione di un'organizzazione. Con questo approccio, sto cercando di dimostrare la necessità di una maggiore collettività nelle comunità di adozione e di adozione, tra e tra tutte le parti interessate come legislatori, burocrati, organizzazioni adottive, famiglie adottive e biologiche, operatori sociali e sanitari, ecc. questa mentalità, tu, come difensore o attivista degli adottati, puoi ancora influenzare i processi decisionali. Per dirla semplicemente: influenzi influenzando gli altri!

Con questo, spero di ispirare gli altri a usare la loro rete a beneficio degli altri e a connettersi con i loro coetanei, che si tratti di un genitore adottivo intraprendente, un attivista adottato o un professionista che lavora per un'entità legata all'adozione. Molti capi circondano il caso dell'adozione internazionale in un modo o nell'altro, e abbiamo bisogno di tutti loro; dobbiamo solo sistematizzarlo. Per aumentare la conoscenza critica e gli atteggiamenti sull'unico caso a cui tutti teniamo.

Per saperne di più su come penso che tu possa far crescere la tua comunità o la tua difesa individuale, contatta melissabrita@gmail.com

Risorsa educativa per professionisti

Giorno di lancio

Sono orgoglioso di lanciare il nostro nuovo sistema educativo guidato dagli adottati risorsa video per professionisti progettato per aiutare medici, insegnanti e professionisti della salute mentale a comprendere meglio la nostra esperienza vissuta come adottati all'estero.

Questo progetto è stato un enorme sforzo negli ultimi 6 mesi in Australia per raccogliere le voci degli adulti adottati internazionali e condividere ciò che vorremmo far sapere ai professionisti dell'istruzione e della salute, in modo che possano supportarci meglio nel nostro complesso percorso di vita.

Nel complesso il nostro progetto includeva un team di produzione di 6 persone, input diretto nelle sceneggiature del film da 18 adottati che hanno fatto l'audizione, riprese di 8 adottati, fornitura di musica da 5 adottati, un team di feedback/revisione di 10 professionisti, supporto alla traduzione da 3 adottati e supporto emotivo durante tutto il progetto ai partecipanti al film di Relationship Matters – Gianna Mazzone. Questa è stata davvero una collaborazione comunitaria!

Non vedo l'ora di sentire feedback su quello che pensi dopo aver dato un'occhiata. Apprezzerei anche che condividessi il collegamento alla risorsa con qualsiasi medico, insegnante e professionista della salute mentale che ritieni possa trarre vantaggio da questa risorsa.

Un enorme ringraziamento ai nostri finanziatori del progetto:

Questioni di relazione che negli ultimi 5 anni terminati a giugno 2021, ha svolto un lavoro incredibile nel fornire alla nostra comunità un servizio di consulenza gratuito basato sulla psicologia della salute mentale per gli adottati internazionali e le nostre famiglie nell'ambito del finanziamento federale ICAFSS servizio (attualmente assegnato a Relazioni Australia per i prossimi 5 anni);

Comitato del NSW per l'adozione e l'assistenza permanente  che riunisce agenzie governative e non governative, gruppi di supporto e individui interessati, coinvolti o interessati dall'adozione e dall'assistenza permanente o aspetti correlati dell'assistenza fuori casa nel Nuovo Galles del Sud (NSW);

e supportato da Dipartimento dei servizi sociali del governo australiano, Autorità centrale australiana per l'adozione internazionale.

Adozione e impatto sui nostri partner

di Brian che è sposato con un'adozione internazionale, che ha vissuto un'adozione internazionale illegale. Abbiamo cambiato i nomi e i luoghi di questa storia per proteggere le identità.

Mi chiamo Brian e sono sposato con un'adozione internazionale. Condivido la mia storia per aiutare le persone a capire quanto sia sensibile e dannosa l'adozione per tutte le persone coinvolte, in particolare per l'adottato.

Raccontare semplicemente la storia dell'adottato non racconta tutta la storia. L'adozione è come la detonazione di una bomba atomica. Le ricadute dell'adozione influiscono negativamente sugli altri che circondano l'adottato.

Come ci siamo conosciuti

Ho conosciuto Melissa nella seconda metà del 1998, nella capitale del suo paese natale. Quando ci siamo incontrati, ero un primo ufficiale (copilota) che pilotava jumbo jet Boeing 747-200. Ho fatto le mie soste nello stesso hotel in cui si trovava Melissa. A quel tempo, era in hotel per essere intervistata da una mischia dei media nella hall dell'hotel. Ero semplicemente curioso di sapere di cosa si trattasse. Due settimane prima, l'avevo vista intervistata in televisione. Ho pensato tra me e me: "Che ragazza dolce, ben parlata e carina. Perché non posso incontrare una come lei". Allora non lo sapevo.

Quindi sapevo che era lì, nella capitale del suo paese natale, per incontrare i suoi genitori biologici. Ma non conoscevo davvero tutti i retroscena dell'adozione di Melissa o le complicazioni e il suo tumulto.

Ho trascorso molti anni volando in tutta l'Asia e rimanendo per periodi di tempo variabili. L'Asia ha così tante culture uniche e ognuna misteriosa. Mi è sempre piaciuto visitare i fumosi templi buddisti, confuciani o taoisti. La mia prima visita in Asia è stata nel 1985 a Hong Kong, dodici anni prima che finisse sotto la falce e martello e il marchio a cinque stelle della Cina comunista. Ho insegnato a Melissa come usare le bacchette.

Detto questo, ero a conoscenza degli affari sporchi, della corruzione ai massimi livelli, dei guadagni e di altre forme di guanxi (关系), dei sorrisi, delle relazioni, del rispetto e di una certa conoscenza delle loro lingue e culture da parte degli stranieri e sapendo che i soldi ottengono le cose fatto. Ad esempio, un visto turistico convertito in un visto di lavoro dal gestore/traduttore di un datore di lavoro.

Melissa e io ci siamo visti nei sei mesi successivi durante i miei soggiorni nella capitale del suo paese natale. A volte potevamo vederci solo per 5 minuti, ma è stato rigenerante e mi ha sostenuto mentre volavo in un'altra parte del mondo. Melissa era sempre nei miei pensieri. Ricordo che le compravo un regalo unico da qualche paese e glielo spedivo per posta. Durante il nostro ultimo incontro, siamo andati al parco dove ho proposto il matrimonio a una scioccata Melissa.

Successivamente, ho iniziato il mio aggiornamento del capitano e l'addestramento di transizione presso Boeing per pilotare nuovi aerei Boeing 747-400. Non ho potuto vedere Melissa e non ho più volato nella capitale del suo paese natale fino a quando non sono diventato Capitano. Non c'era comunque. Era tornata in Australia con i suoi genitori australiani adottivi, John e Jane. 

Alla fine sono riuscito a stare di nuovo con Melissa per continuare la nostra relazione. Ho tentato di arrivare in Australia, ma i nostri piani che abbiamo fatto sono stati frustrati. Quando sono arrivata, sono rimasta scioccata nell'apprendere che Melissa si era trasferita dalla casa dei suoi genitori. Viveva da sola da un po' di tempo. Stava affittando una stanza fredda, umida, sul retro, senza una vera privacy, e tutti i tipi di personaggi sgradevoli in visita, che fumavano e mi sembravano dei drogati. Il padrone di casa di Melissa stava affittando il posto, quindi non sono sicuro che il subaffitto a Melissa fosse legale. Ma questa è la posizione in cui si trovava Melissa. Quando ero a Melbourne, avevo una bella suite in centro. Ho soggiornato lì ogni mese, da allora in poi. Alla fine, tuttavia, ho affittato un appartamento – e sinceramente, era solo un po' meglio di dove era stata lei, ma era il nostro nido ed era comodo per il centro. Avevo anche noleggiato un'auto in modo da poter fare un giro in macchina, visitare i suoi genitori e fare qualunque cosa.

Era un po' sconcertante e riguardava il motivo per cui Melissa se ne andò di casa, ma non ho mai avuto la storia completa.  

Immigrare nel suo Paese adottivo

Qualche tempo dopo il mio arrivo in Australia, ho appreso che le lettere e i pacchi che avevo spedito a Melissa erano stati semplicemente scartati o nascosti da Jane, la madre adottiva di Melissa. Sua sorella minore ne ha recuperati alcuni. Forse Melissa pensava che avessi perso interesse, mentre ero via in altre parti del mondo o quando mi allenavo alla Boeing. Posso assolutamente assicurarti che era sempre nei miei pensieri ed ero ansioso di vederla non appena il mio addestramento fosse completato. Le azioni di Jane sono state ingiuste per entrambi perché hanno lasciato Melissa più vulnerabile.  

Un funzionario dell'immigrazione ha commentato che stavo visitando l'Australia così spesso che avrei dovuto considerare di fare domanda per la residenza permanente, quindi l'ho fatto. Nel luglio 2001, compilando io stesso i documenti e pagando la tassa, mi sono semplicemente fidato del processo perché ero un capitano di un Boeing 747-400, un professionista con un reddito decente, autofinanziato, un ex ufficiale dell'esercito e madrelingua inglese. Pensavo che immigrare in Australia sarebbe stata una passeggiata nel parco. Non fraintendetemi, il Dipartimento dell'Immigrazione è un vero bastardo. Hanno reso la nostra vita un inferno inutilmente. Mi è stato rilasciato un visto per coniuge 820N con divieto di lavoro.

Melissa e io ci siamo sposati il 5 marzo 1997 a Los Angeles. Ho iniziato un contratto con un'altra compagnia aerea, pilotando le versioni precedenti del Boeing 747 come Capitano. Purtroppo ho perso il mio lavoro di Capitano a causa dei giochi sporchi del Dipartimento dell'Immigrazione. Non li perdonerò MAI per questo. Hanno giocato tutti i trucchi sporchi nel loro playbook per vincere. Hanno affermato di aver perso l'intero fascicolo del mio caso (comprese le copie elettroniche?) poco prima di andare al Migration Review Tribunal. Fortunatamente io e il mio agente di migrazione avevamo tutti i documenti e gli invii, in originale o in copia autenticata. Ho finalmente ottenuto la residenza permanente nel 2003 e sono diventata cittadina australiana nel 2005.

Questo è stato un periodo di tempo estremamente stressante sia per Melissa che per me. È stato deliberatamente creato in questo modo, dal Dipartimento dell'Immigrazione. Ho perso la mia carriera. Ho perso la mia dignità. Ho perso il mio reddito. E, credo che, come altre coppie Visa Spouse che abbiamo conosciuto e che non potevano resistere alle stronzate dell'immigrazione, si aspettassero che fallissimo. Quando abbiamo visto quelle coppie separarsi, ci ha fatto preoccupare per il nostro futuro, ma sembrava renderci più resilienti e determinati. Vivevamo in un piccolo appartamento con una camera da letto e guidavamo una vecchia Volvo 244DL. Vivevamo in modo molto frugale. Ho dovuto fare appello al tribunale per il riesame delle migrazioni perché la mia domanda è stata respinta, anche se eravamo legalmente sposati, perché mi mancavano 11 giorni su 12 mesi nel paese e non c'era modo di far loro capire che viaggiare è un grande parte della vita di un capitano di una compagnia aerea internazionale. Erano solo ostruzionisti sanguinari.

Affrontare le dinamiche della famiglia adottiva

Aggiungete a tutto ciò che Melissa ed io eravamo sotto costrizione da sua madre adottiva, Jane. Ricordo telefonate che iniziavano con calma e diventavano polemiche. Melissa sarebbe in lacrime quando ha riattaccato il telefono. L'avrei scoraggiata dal chiamare in futuro, ma Melissa sembrava obbligata. Di solito era la stessa scena quando andava a trovarla. È stato difficile per me starmene seduto lì senza difenderla, ma dovevo farlo. A un certo punto, ho minacciato di intentare una causa se Jane non avesse desistito con il suo bullismo e gli abusi. C'è stato un momento in cui non ero il benvenuto in casa. Mi sedevo fuori, aspettando Melissa nella Volvo. Jane ha sempre avuto una qualche forma di controllo psicologico su Melissa e Melissa sembrava sempre tornare indietro per ulteriori abusi. Quasi un'autoflagellazione. Si sente così bene quando si ferma.

Ho ripreso parzialmente la mia carriera nell'aviazione nel 2006, quando mi è stato offerto un contratto come capitano pilotando un Boeing 737-800 a Hong Kong e poi in Cina. Siamo stati via cinque anni, ma Jane avrebbe chiamato. È persino venuta a trovarci! Anche la Cina non era abbastanza lontana. Quando ho deciso di comprare una casa, ho deciso di comprare una casa nell'Australia occidentale. Sì, è scenografica e amo la mia fotografia, ma è stata una mossa necessaria per togliere Melissa dalle grinfie della madre adottiva. Ma Jane ha già visitato alcune volte. Gli anni da quando Melissa era una tenera ragazza ai giorni nostri sono volati. Ora ha 40 anni, è più forte e tiene testa alla madre adottiva, ma è stata una strada dura, accidentata e in salita.  

Essere solidali e comprensivi non è abbastanza. Trovare il modo per rendere Melissa una persona più forte e avere il coraggio di difendere ciò in cui crede le ha dato un vantaggio che a volte mi taglia. Sento che Melissa non è in grado di andare avanti, verso la normalità. C'è qualcosa che manca. È un conflitto interno. È quasi come una malattia, non la stessa della schizofrenia, ma un po' di distacco dalla realtà, a volte può restare a letto quasi tutto il giorno, non volendo affrontare la giornata o svegliarsi alla sua vita. 

Il razzismo e i suoi impatti

Inoltre, penso che il razzismo innato in Australia abbia avuto una mano nel fatto che Melissa sappia di essere diversa, anche se parla con un naturale accento da ragazza australiana e parla inglese a casa da quando è arrivata in Australia da bambina. La maggior parte dei bianchi non sa distinguere un coreano da un tailandese. E la sua faccia asiatica ha ispirato alcuni razzisti a farsi avanti con "Vai a casa stronza cinese!" Melbourne è casa. L'Australia occidentale è casa. Questo è tutto ciò che ha saputo. Anche quando gli australiani la sentono parlare, non riescono ad andare oltre la faccia asiatica. Il meglio che gli ignoranti possono inventare è "Parli bene l'inglese" invece di affermare correttamente "Parli bene l'inglese" o non dire nulla. Quando lei dice loro che è australiana o di Melbourne o dell'Australia occidentale, gli idioti replicano: "Da dove vieni veramente?" Non possono semplicemente accettare.

Ma c'è di peggio. Durante i cinque anni in cui abbiamo vissuto in Cina, due volte è stata aggredita fisicamente da uomini cinesi perché parlava solo inglese. Anche lì in Cina, non riconoscevano le origini del suo paese di nascita e le chiedevano se fosse giapponese o coreana. Peggio ancora, non riuscivano a convincere la sua adozione. In Cina, dicevano spesso che i cinesi non hanno le lentiggini. Ma in effetti lo fanno. I cinesi sono razzisti quanto gli australiani.

Sento che Melissa non è in una situazione di vittoria. Non è accettata come australiana e non è accettata dal suo paese di nascita. Ciò contribuisce al suo conflitto interno. Ho un accento straniero e ricevo anche commenti discriminatori, ma lo affronto in modo diverso.

Melissa è in conflitto perché ha due coppie di genitori e due versioni di se stessa, nessuna delle due si riconcilia con l'altra. In effetti, ha avuto un test del DNA che non fa che aumentare la confusione. 

Ho trascorso molto tempo a volare in tutta l'Asia, soggiornando per periodi di tempo variabili in tutte le principali capitali. Conosco la realtà dell'Asia, cioè che si verificano affari subdoli, come i suoi documenti falsi. Ricordo che un giorno esaminai i suoi vari documenti di identità e certificato di nascita. Per me, l'informazione sembrava sospetta. Dubiterei del suo nome, data di nascita, dove è nata, ecc. Ma sospettare che queste informazioni siano false ed essere in grado di aiutare Melissa a fare qualsiasi cosa in realtà è molto difficile, perché chi dirà la verità? Saranno i suoi genitori biologici per i quali salvare la faccia è così importante? O i suoi genitori adottivi che probabilmente sapevano che quello che stavano facendo era discutibile? Il traffico di bambini è uno stile di vita ed è risaputo che le figlie non sono apprezzate tanto quanto un figlio nelle culture asiatiche, nemmeno nelle culture occidentali. Sento che Melissa è fortunata che non sia stata semplicemente scartata, lasciata nella spazzatura, annegata o trafficata per uso e abuso da parte di pervertiti. Spesso il trafficante di bambini assicurerà o prometterà falsamente a una madre naturale che il bambino andrà in una buona casa, una coppia senza figli in un'altra città o villaggio. Tutti leggiamo le storie o guardiamo il telegiornale della sera.

Sinceramente, se avessi conosciuto tutte queste complicazioni e la perdita della mia carriera che ho lavorato così duramente per costruire, prima dell'incontro, probabilmente non avrei perseguito una relazione con Melissa per quanto dolce e carina. Ma non avevo una sfera di cristallo, vero? Ho appena resistito.

La mancanza di risposta dell'Australia a un'adozione illegale

Credo che il governo australiano, l'agenzia per le adozioni e i genitori adottivi di Melissa siano stati tutti complici della sua adozione illegale. Non ci sono state indagini approfondite per verificare che tutto fosse autentico. Confronta questo con le rigorose indagini che si sono verificate per farmi diventare un residente permanente australiano e poi un cittadino, eppure ho tutti i tipi di prove di prima classe per dimostrare chi sono. Sembra che il governo australiano abbia deliberatamente chiuso un occhio con l'adozione di Melissa.

Per quanto riguarda la madre adottiva di Melissa, Jane, credo che sia manipolatrice, connivente e abbia i suoi problemi mentali, alcuni dei quali legati all'impossibilità di avere i suoi figli biologici. Ho anche sentito per tutto il tempo che Melissa potrebbe essere stata abusata sessualmente. Suo padre adottivo è un po' senza spina dorsale. Non sembra mai difendere Melissa dagli attacchi e dalle parole cattive di Jane. Anche se non posso provarlo e non ho nulla su cui basarmi, ho i miei sospetti e le mie osservazioni sui comportamenti e le reazioni di Melissa. Una volta Melissa mi ha raccontato una storia, che quando era piccola si avvolgeva i seni per mascherarli. Credo che Jane abbia accelerato tutto.

Sono stati 20 anni di battaglia, per proteggere Melissa dalla madre adottiva. Questo è il motivo per cui viviamo nell'Australia occidentale e non a Melbourne, dove Melissa è cresciuta e dove rimangono i suoi genitori adottivi, anche se si sono separati.

Dopo essere venuta a conoscenza dell'adozione illegale di Melissa e prima di capire davvero lo scontro tra lei e la sua madre adottiva, ho deciso che non avrei portato Melissa nella mia patria. Non volevo separarla dall'unica famiglia che ha conosciuto e anche perché non volevo che cambiasse. Forse è stato un errore. Ritengo anche che sia sbagliato per i genitori adottivi caucasici adottare bambini non caucasici. A mio parere, questo gioca un ruolo importante nell'influenzare l'immagine mentale di sé di un adottato.

Melissa rimane la ragazza più dolce che abbia mai conosciuto e la amo, ma vorrei che non fosse così complicata e conflittuale.

Io sono qui

di Naomi Mackay, adottato dall'India alla Svezia, residente come regista di documentari in Scozia; attualmente producendo il suo libro di memorie e il film. Puoi seguire Naomi su Linktree, Facebook, Instagram.

IO SONO QUI!

Ti passo nel corridoio.
Ti passo per le strade.
Ti passo nei negozi.
Ti passo sulla spiaggia.
Sto accanto a te quando ti lavi i denti.
Sono davanti a te alla fermata dell'autobus.
Sto sul balcone.
Sto dietro di te in coda.
Mi siedo di fronte a te sull'autobus.
Mi siedo di fronte a te nella sala d'attesa.
Mi siedo a un tavolino del caffè.
Mi siedo sull'erba del parco.
Sorrido da sotto i miei capelli.
Sorrido dall'altra parte del bancone.
Sorrido per nascondere le mie lacrime.
Sorrido per farti sentire meglio.
Parlo con chi ne ha bisogno.
Parlo con me stesso.
Ti parlo in coda.
Parlo con il tuo cane mentre la tua faccia è nel tuo telefono.
Ti aspetto sotto la pioggia.
Aspetto l'autobus.
Aspetto, mentre tu lo fai.
Aspetto pazientemente che tu mi veda.
IO SONO QUI!

Ultimamente ho pensato perché per tutta la vita ho parlato nel vuoto, dove altri sono stati ascoltati ma è come se non fossi nemmeno lì. A volte ho un sorriso imbarazzante, spesso mi viene detto "Ottieni quello che ci metti!" Sono inutile, ovviamente non metto niente perché non ottengo niente.

Forse hanno ragione, sono un marmocchio viziato che non lo vede. Forse mi stanno illuminando a gas.

Qualunque sia la verità, sono ancora invisibile, parlo nel vuoto.

Leggi l'altro post ICAV di Naomi: Non dirmi di essere grato

Prosperare in questi tempi mutevoli

Con tutto questo cambiamento imprevedibile, è più importante che mai gestire e conservare la tua energia perché alimenti tutta la tua vita con essa. Hai quattro fonti di energia: fisica, mentale, emotiva e spirituale. Quando veniamo attivati emotivamente, perdiamo molta energia.” – Alice Inoue, autrice premiata a livello nazionale ed esperta di vita

Queste sono le parole del mio tirocinio di ieri mattina all'Hawaii Convention Center. Alice Inoue è stato uno dei nostri oratori pubblici nella nostra presentazione.

Ero stato un giudice temporaneo appena assunto nel settore delle richieste di disoccupazione del Dipartimento del Lavoro per lo Stato delle Hawaii. Quel giorno, mi stavo allenando nell'arte di comunicare con i clienti, specialmente quando sono emotivamente intensificati. Non sapevo che questa formazione sarebbe coincisa con la vita degli adulti adottati e con il pubblico in questo periodo, poiché ho dovuto affrontare i trigger emotivi per tutta la vita.

Ora sembra che i trigger emotivi siano qualcosa con cui tutti abbiamo a che fare su una scala più ampia. Spanning e mescolandosi con la demografia più ampia della società.

Trigger emotivi dei disoccupati

Il Covid-19 sta influenzando tutte le nostre vite in modi visibili e invisibili. La disoccupazione fino ad oggi persiste con oltre 100.000 problemi nello stato delle Hawaii. Sono stato assunto per aiutare ad alleviare alcuni di questi problemi. È un lavoro a tempo pieno.

Un giorno non basta nemmeno per intaccare questa situazione.

Parlo con i clienti al lavoro che stanno lottando in tempi difficili. Può essere difficile poiché come lavoratori governativi stiamo vivendo anche in questi tempi di Covid. È una sfida lavorare con persone emotivamente innescate che sono cadute disoccupate.

Soprattutto essere vulnerabile ai fattori scatenanti come persona che vive anche in questi tempi mutevoli e incerti. Dagli impiegati statali al pubblico, tutti hanno più stress, pressione e ansia che mai. Inoltre, da adulto adottato, mi ritrovo a lavorare con i miei inneschi emotivi insieme a quelli di tutti gli altri.

Quindi, mi sono seduto con il mio amichevole team di giudici che sono stati assunti a giugno e ho ascoltato.

Quello che ho capito per la prima volta era una nozione preconcetta: che i trigger emotivi sono per lo più riservati alle persone con PTSD. Quello che ho imparato dalla presentazione è che i fattori scatenanti si sviluppano anche con le persone con ferite nella loro infanzia.

Trigger emotivi

"Crescendo, abbiamo avuto un dolore che non sapevamo come affrontare", affermava la diapositiva, con la foto di un bambino che piangeva sullo schermo. "Da adulti, veniamo stimolati da esperienze che ricordano quei vecchi sentimenti dolorosi".

Ascoltai e trangugiai il mio caffè.

Nell'ora, ho imparato come i fattori scatenanti non sono solo nella terra degli adulti adottati post-trauma, ma si intrecciano anche ampiamente nell'ambito del terreno sociale del mondo.

Un'altra diapositiva affermava: "(I trigger sono) i luoghi super-reattivi dentro di te che vengono attivati dai comportamenti o dai commenti di qualcun altro".

Il miglior consiglio per affrontare i fattori scatenanti emotivi

"Qualunque cosa ti senta in dovere di fare, non farlo", ha detto Alice Inoue, mentre spiegava la regola d'oro per tutte le situazioni emotivamente scatenanti. “Metti la tua attenzione sui piedi e sulle dita dei piedi. Senti il terreno sotto di te. Togliti dall'esperienza viscerale della minaccia in modo da rispondere piuttosto che reagire consapevolmente".

Più suggerimenti:

  • Crea un "controfatto" o riformula uno scenario di una situazione attuale che potrebbe essere peggiore, così puoi sentirti subito meglio.
  • Controlla ciò su cui hai il controllo: la tua prospettiva, le decisioni e le azioni. Calmati con una tecnica di respirazione “4-7-8”.
  • Applica la logica alle paure irrazionali quando succede qualcosa. E ricorda i 3 Come: Accetta, Adatta e Consenti.

Prosperare con un set di competenze post-adozione

Il mondo sta cambiando ogni giorno a causa del Covid. In questo periodo ho trovato una base non tradizionale nel mondo a causa delle esperienze della mia vita.

In quanto adulto adottato, sono armato di tutta la terapia e del trattamento che ho fatto nel mio passato, fino a dove sono stato educato. Inoltre, posso estendere le mie pratiche a una professione in cui lavoro con un pubblico emotivamente attivato in questo periodo di Covid-19.

È stata come un'epifania, allenarsi su come crescere professionalmente e personalmente come uno. Le mie soluzioni per adottati coincidevano con il servire insieme il pubblico. Così, in questo periodo, ho visto come ciascuno dei nostri fiumi possa un giorno incontrare l'oceano. Durante l'apprendimento, come le sfide della vita possono diventare anche i nostri più grandi strumenti di trasformazione.

“Da ogni crisi e sfida emergono benedizioni”, ha detto Alice Inoue, alla fine della presentazione. "Hai molte benedizioni in arrivo per te."