25 anni nei Paesi Bassi

di Jowan Kooijman, adottato dalla Corea del Sud nei Paesi Bassi. di Jowan sito web fornisce altre poesie e scritti sull'adozione.

Giovan

Una giornata con doppi sentimenti di smarrimento e solitudine

25 anni in Olanda

Corea vs Olanda
Venticinque anni fa sono venuto al mondo con nove settimane di anticipo.
Ho impiegato molto tempo per crescere.
Dovevo sopravvivere, così potevo vivere e respirare.
Era il bozzolo che era carino, ma si è rotto presto.
È la mia base che è stata disturbata all'inizio e ciò che non poteva esserlo.
Venticinque anni fa ho avuto una nuova casa, ma lì non mi sono mai sentito a casa.
Era la mia identità che non conoscevo più.
Improvvisamente ero un olandese e il mio nome non era più Joon-Hwan, ma Jowan.
È stata l'educazione che ha sostituito la natura e tutto ciò che non sapevo, dovevo imparare.

Il cambiamento (regolazione)
Il trasferimento avvenuto in passato è sistematicamente cambiato molto.
Anche adesso, a distanza di anni, è ancora tangibile ma soprattutto visibile.
È il mio io più giovane che ha lottato per assimilarmi perché ho dovuto lasciare presto il mio posto e lottare per prendere il mio posto.
Perché se ti aggiusti, perdi delle cose.
Perdere qualcosa dice qualcosa sulla distanza e sull'adattamento, che non è sempre sicuro. La perdita consiste nel lasciare andare ciò che ami e chi ami.

Venticinque
Venticinque anni fa, poco prima di Natale, venni nei Paesi Bassi.
Abbracciato con amore e ricevuto come un dono prezioso.
Adesso a venticinque anni di distanza posso concedermi la vita perché conosco anche l'altra parte e non è sempre stato facile.
Il duro lavoro e la disciplina erano i principi fondamentali per andare avanti.
Ho anche imparato a dare valore alle piccole cose, perché le piccole cose possono fare una grande differenza.

Una veglia per Christian Hall, 1 anno dopo

Il 30 dicembre 2021, dalle 19:00 alle 21:00 CST, ci siamo riuniti nell'applicazione dei social media, Clubhouse per partecipare a una veglia online, creata e guidata dall'adottato vietnamita Adam Chau. L'evento è stato organizzato in collaborazione con la famiglia di Christian Hall che ha creato le veglie fisiche di persona in varie città degli Stati Uniti. Lo scopo delle veglie era quello di onorare la vita di Christian, sensibilizzare e riunire le comunità colpite in solidarietà per cercare Giustizia per Christian Hall. Puoi leggere i loro ultimi articoli qui e qui.

Alcuni ospiti adottati sono stati invitati a condividere i nostri pensieri per la veglia online: Kev Minh Allen (Vietnamita americana adottata), Lynelle Long (Adottato australiano vietnamita), Kayla Zheng (adottato cinese americano), Lee Herrick (Coreano americano adottato).

Condivido con voi ciò di cui ho parlato in onore di Christian Hall.

Mi chiamo Lynelle Long, sono la fondatrice di Intercountry Adoptee Voices (ICAV). Vorrei ringraziare Adam Chau per aver organizzato questo evento online oggi in onore di Christian. Grazie Nicole, la cugina di Christian che è alla nostra chiamata, per averci permesso di partecipare a questa veglia. Mi dispiace tanto per la perdita della tua famiglia! È un privilegio poter parlare. Sono una persona con un'esperienza vissuta di adozione internazionale e, come Christian Hall, sono di origine cinese … tranne che sono nato in Vietnam e adottato in Australia, mentre lui è nato in Cina e adottato negli Stati Uniti.

Il filo conduttore che mi unisce a Christian Hall è che entrambi abbiamo vissuto l'abbandono da bambini. Non importa che età abbiamo, per un adottato, la perdita della nostra prima famiglia come abbandono/rinuncia è un'esperienza cruda e dolorosamente traumatica. Rimane con noi per tutta la vita sotto forma di sensazioni corporee e si attiva facilmente. Quando ciò accade, queste sensazioni inondano il nostro corpo come paura, panico, ansia.

Peggio ancora è che quando il nostro abbandono avviene da bambini, non abbiamo sviluppato un linguaggio come modo per comprendere la nostra esperienza. Rimaniamo semplicemente con i sentimenti pre-verbali (sensazioni corporee). Mi ci sono voluti più di 20 anni prima di leggere il primo libro, The Primal Wound di Nancy Verrier, che ha cambiato la mia vita in termini di comprensione dell'impatto che l'abbandono e l'adozione hanno avuto su di me. Quel libro è stato il primo ad aiutare a dare parole all'esperienza che avevo provato fino a quel momento, come un'esperienza del tutto somatica, come sensazioni sgradevoli nel mio corpo, che non avevo capito, da cui avevo passato la vita scappando ogni volta sono riemersi.

L'altro filo conduttore che mi unisce a Christian Hall è che entrambi abbiamo sperimentato ideazioni e tentativi suicidi. Per lui, significava tragicamente la fine della sua vita da parte degli agenti di polizia che non capivano i suoi traumi. Per me, dopo numerosi tentativi falliti e finire al pronto soccorso, ha significato un lungo processo di risveglio al trauma che avevo vissuto. Più di 20 anni dopo, ho trascorso la maggior parte di questo tempo ad aiutare a risvegliare la nostra società su cosa sia veramente l'adozione per noi, la persona adottata.

Essere adottati non ci lascia mai. Potremmo provare a scappare e fingere che non abbia alcun impatto, ma nel profondo del nostro nucleo, il nostro abbandono collega quasi ogni aspetto del nostro essere - soprattutto, come ci connettiamo o meno con gli altri intorno a noi e con noi stessi. Al centro, gli adottati internazionali sperimentano la perdita di identità, razza e cultura. A meno che non abbiamo intorno a noi supporti che ci comprendano e ci aiutino a superare presto il trauma dell'abbandono, inciampiamo nel buio, completamente inconsapevoli di come il nostro abbandono ci colpisce. Molti adottati lo chiamano "essere nella nebbia" fino a quando non ci svegliamo. Oggi, decenni dopo che Nancy Verrier ha scritto per la prima volta il suo fantastico libro, ora ne abbiamo molti, molti libri scritti da adottati chi sono gli esperti della nostra esperienza vissuta. Questi libri sono una testimonianza scritta delle complessità che viviamo attraverso l'adozione e dell'impatto che hanno su di noi.

Negli ultimi 2 mesi, ho lavorato con altri per parlare degli impatti dell'abbandono e del trauma dell'adozione e del collegamento diretto al rischio di suicidio. Riconosco che la famiglia di Christian non collega la sua tragica morte al suicidio, ma sospetto che i suoi sentimenti di abbandono siano stati innescati quando eventi chiave lo hanno portato a trovarsi sul ponte quel giorno. Spero che più famiglie adottive si istruiscano sulle complessità in cui viviamo come persone che si disconnettono dalle nostre origini tramite l'adozione internazionale. Siamo quasi 2 milioni in tutto il mondo e stiamo parlando in massa per aiutare il mondo a capire che non è un'esperienza di arcobaleni e unicorni. Abbiamo bisogno di supporto permanente da professionisti formati in materia di trauma e adozione. Solo in America ci sono centinaia di migliaia di adottati internazionali: l'America rimane il più grande paese ricevente al mondo. Troppi stanno lottando emotivamente ogni giorno, eppure negli Stati Uniti non esiste ancora un servizio di consulenza nazionale gratuito per gli adottati internazionali e le loro famiglie. Inoltre, negli Stati Uniti non esiste un centro nazionale di supporto post-adozione finanziato per aiutare gli adottati internazionali a crescere fino all'età adulta e oltre. Non è un enorme difetto il fatto che il più grande importatore di bambini al mondo non disponga di un sostegno permanente interamente finanziato, equo e liberamente accessibile? come può l'America aspettarsi risultati positivi per i bambini che sono tra i più vulnerabili se non finanziamo ciò che sai di cui hanno bisogno?

Non ho mai conosciuto Christian personalmente. L'ho scoperto solo attraverso la sua morte. Vorrei averlo conosciuto. Dai molti adottati internazionali con cui mi connetto, so che guadagniamo così tanto emotivamente dall'essere connessi ad altri proprio come noi. Essere in contatto con i nostri coetanei aiuta a ridurre quei sentimenti di isolamento, ci aiuta a capire che non siamo gli unici a vivere la vita in questo modo, ci aiuta a connetterci a fonti di supporto e convalida che sappiamo ha funzionato. Vorrei che Christian avesse incontrato la nostra comunità. Non saprò mai se avrebbe fatto la differenza che lui non fosse lì quel giorno su quel ponte. Come adottato, sospetto che Christian molto probabilmente volesse aiuto quel giorno, un aiuto per alleviare la sua anima addolorata, non la morte. 

Inoltre, prendiamoci un momento per ricordare la sua famiglia biologica in Cina. Se hanno mai avuto davvero una scelta nella sua rinuncia, probabilmente non lo sapremo mai, ma dalla mia conoscenza in questo campo, molto probabilmente non è così. L'adozione di Christian fu probabilmente il risultato del L'era della politica 1-Children in Cina dove migliaia di famiglie sono state costrette ad abbandonare i propri figli, molti dei quali sono finiti all'estero adottati come cristiani. Per favore, prenditi un momento per considerare che, attraverso l'adozione, la sua famiglia biologica non ha nemmeno il diritto di sapere che è morto. 

La parodia dell'adozione è che il trauma è vissuto da tutti nella triade (l'adottato, la famiglia adottiva, la famiglia biologica) ma i traumi continuano a non essere riconosciuti e non sono supportati sia nei nostri paesi adottivi che in quelli di nascita. Dobbiamo fare di meglio per prevenire l'inutile separazione delle famiglie e, dove è necessaria l'adozione, garantire che le famiglie intraprendano un'educazione all'adozione, conoscendone appieno le complessità e avendo accesso gratuito equo per tutta la vita ai supporti professionali necessari.

Il mio enorme ringraziamento alla sua famiglia allargata e immediata per essere stata coraggiosa e essersi aperta attraverso tutto questo trauma e aver permesso queste veglie in cui la sua vita e la sua morte possono essere onorate per il bene più grande. Onoro il dolore e la perdita che hanno vissuto e li ringrazio immensamente per aver permesso alla nostra comunità internazionale di adottati di unirsi a loro per sostenerli.

Grazie.

Se desideri sostenere la famiglia di Christian e la loro spinta per la giustizia, firma la petizione qui.

Se desideri comprendere meglio le complessità coinvolte nell'adozione internazionale vissuta dagli adottati, il nostro Risorsa video è un ottimo punto di partenza. Non sarebbe fantastico creare una risorsa come questa per aiutare a educare i primi soccorritori a comprendere meglio le crisi di salute mentale che vivono gli adottati.

Adozione: non un'impostazione predefinita

di Maria Cardaras, adottato dalla Grecia negli USA.

Il diritto legale all'aborto negli Stati Uniti pende ancora una volta precariamente sul precipizio verso il grande baratro oscuro. E ancora una volta, poiché questi dibattiti si intersecano e spesso sono accoppiati, l'adozione è tornata al punto di ebollizione nei circoli dei social media, sui giornali e in televisione. Questo perché il giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti Amy Coney Barrett, madre di sette figli, due dei quali adottati da Haiti, si è fatta strada nella questione dell'adozione mentre ascoltava un caso del Mississippi sull'aborto. Ha chiesto se “l'adozione piuttosto che l'aborto 'allevierebbe il peso della genitorialità'”. In questa domanda sembra aver rivelato pienamente la sua mano. È anche riuscita a suscitare grandi passioni nella comunità degli adottati, in lungo e in largo, per l'adozione stessa e il nostro rispetto per essa.

L'aborto è un'opzione legale per le donne e dovrebbe rimanere tale. Ma l'adozione non è un'impostazione predefinita per l'aborto. Né dovrebbe essere considerato come un'alternativa automatica, sicura e risolutiva a qualsiasi domanda su come assumersi la responsabilità per un bambino. Abbiamo bisogno di aggiustare in modo permanente ciò che affligge la pratica e la narrativa dell'adozione, che sembra essere molto.

La realtà è che l'adozione ha effettivamente danneggiato milioni di bambini per decenni perché i bambini sono stati trattati come merci ed esperimenti. Abbiamo infantilizzato i genitori naturali. Li abbiamo viziati in alcuni casi. E abbiamo deciso che l'establishment bianco, che lavora e gestisce la vita dei bambini nelle organizzazioni e negli ambienti istituzionali di tutto il mondo, che interessano numerose comunità etniche, razziali e indigene, sappia meglio. Non lo fanno.

Sappiamo; noi, la grande, vasta diaspora di adottati, me compreso, sappiamo che la vita dei bambini e il loro futuro sono ancora compromessi e maltrattati senza pensare sia al bambino che alla madre naturale. La madre è spesso resa "incapace". I bambini mancano di arbitrio. E quanto a coloro che credono che l'adozione sia sempre un gesto disinteressato, una soluzione a un problema indotta dall'amore, non hanno una chiara comprensione delle ripercussioni e delle conseguenze della decisione di rinunciare a un bambino. Grazie alla scrittrice Gabrielle Glaser e al suo libro rivoluzionario, bambino americano, per aver portato il lato nefasto dell'adozione, attraverso una storia straziante, dall'oscurità e dalla vergogna, alla luce del giorno. Quel libro e quell'autore hanno cambiato il discorso e dobbiamo continuare a parlare. 

“Oggi è solo un giorno in tutti i giorni che mai saranno. Ma quello che accadrà in tutti gli altri giorni che mai verranno può dipendere da quello che farai oggi". Questa citazione iconica di Ernest Hemingway da Per chi suona la campana mi taglia sul vivo mentre considero la mia stessa madre naturale adolescente proprio nel momento in cui ha preso la decisione che avrebbe cambiato per sempre la sua giovane vita e la mia. Con mano su carta e penna, mi ha firmato via, sia per incoraggiamento o forza o resa emotiva e puro esaurimento, non le è mai stata data la possibilità né alcuna conversazione onesta e aperta sulla sua scelta e quali potrebbero essere le conseguenze indesiderate della sua decisione.

Gli adottati hanno sentito più e più volte sia l'argomento "hai avuto una bella vita" sia il sentimento allegro "sei stato così fortunato". Entrambi questi possono essere veri per molti di noi, ma non hanno nulla a che fare con una madre che prende la decisione profonda e dolorosa di consegnare la sua carne e il suo sangue a degli estranei. E non hanno niente a che fare con un bambino adottato che cresce fino a diventare un adulto adottato e si sente in vari gradi, per ragioni diverse e in momenti diversi, separato dal proprio passato, per quanto breve possa essere stato, e di cui meritano di conoscere appieno. Da chi veniamo e perché è di vitale importanza e necessario per la nostra crescita, sviluppo e benessere psicologico a lungo termine.

Sono stato uno dei 4.000 adottati di origine greca che sono stati esportati dal nostro paese di origine tra il 1948 e il 1970. Alcuni di noi erano adozioni motivate politicamente. Alcune erano adozioni legali. Molti sono stati fatti per procura. Alcuni di noi erano bambini rubati. Alcuni di noi sono stati venduti e mercificati da medici, avvocati e sacerdoti che hanno agito da intermediari. Alcuni sono stati separati dai fratelli. Alcuni di noi sono stati strappati da gemelli e gemelli identici. Tutti noi siamo stati presi dalle nostre madri. Alcuni di noi sono stati presi da entrambi i genitori.

Nessuno ha mai pensato a noi, fino ad ora; su cosa ci è successo, perché ci è successo e cosa sentiamo e pensiamo a riguardo. Grazie a Gonda Van Steen e al suo libro Adozione, memoria e guerra fredda in Grecia: Kid pro Quo? per averci portato fuori dall'ombra. Questo libro sta creando increspature che si trasformeranno in onde di cambiamento in Grecia e forse per tutte le adozioni internazionali. 

Rispetto alle comunità di adottati provenienti da Cina, Corea del Sud, Vietnam, Guatemala e altri paesi del mondo, siamo stati tra le prime (probabilmente anche le primissime) e più antiche comunità etniche che fornivano bambini, in massa, a coppie senza figli; agli ebrei dopo la guerra, che non riuscivano a trovare bambini ebrei dopo l'Olocausto, ai greci che volevano bambini greci e ai non greci, che sapevano che c'era un eccesso di bambini in Grecia, dopo due guerre, da prendere.

Siamo un piccolo gruppo, ma ora un gruppo potente che sta invecchiando e sta diventando più vocale e mobilitato per quello che ci è successo. Nella maggior parte dei nostri casi, i nostri genitori adottivi sono morti. E ora il tempo sta finendo per noi; per le riunioni, per incontrare i genitori naturali e i familiari che si sono ricordati di noi, che ci hanno amato, a cui siamo mancati, che si sono ricordati di quello che è successo e possono raccontare le nostre storie. Cerchiamo giustizia riparativa in tutte le questioni di identità, il che significa accesso facile e aperto ai nostri certificati di nascita, a tutti i nostri registri, alle nostre storie personali e vogliamo che la nostra cittadinanza, nel nostro caso, in Grecia, venga ripristinata perché ci è stata tolta.

Anche noi siamo stati spogliati dalle nostre madri, dal loro abbraccio dopo essere usciti dal pozzo del loro essere, sotto i loro cuori, completamente dipendenti da loro per la vita stessa. E in un atto di crudeltà, siamo stati letteralmente strappati dai loro seni, spesso subito dopo la nascita, che sono stati riempiti con il latte caldo e dolce che è stato pensato e creato individualmente per ognuno di noi. Siamo stati svezzati troppo presto. Avremmo dovuto essere svezzati? E se sì, come?

Dopo settimane in cui ho parlato pubblicamente di adozione, e in televisione e nelle interviste stampate, scrivendone anche in Grecia, ho avuto modo di pensare a CJ, il mio bellissimo, amorevole e travagliato golden retriever. La "capisco". La capisco fino in fondo. È una delle mie migliori amiche e una compagna costante. Era ed è emotiva, era difficile da capire, ed è stata una lotta far crescere il mio cucciolo nel cane adulto più calmo e pacifico che è oggi.

L'ho scelta da una cucciolata di nove. Quando l'ho incontrata, era piccola, adorabile e grassoccia, come tendono ad essere i bambini dorati. Una palla di pelo, di poche settimane, ruzzolava su gambe tozze e minuscole, lottando come i suoi fratelli e sorelle per raggiungere i capezzoli della mamma. Avevano bisogno della loro madre. Avevano bisogno di lei per il sostentamento. Avevano bisogno che lei insegnasse loro il bene dal male mentre li portava in giro per la collottola, un ringhio basso e rimbombante quando uscivano dalla linea, uno schiocco contro di loro per zittire quando c'erano troppi piagnucolii e guaiti e pianto. Era lì per loro fino a quando non c'era più, tolta ai suoi cuccioli dopo appena cinque settimane.

CJ è stata svezzata troppo presto e ci sono voluti mesi per rimetterla a posto. Era incorreggibile. Difficile. Ostinato. Chiedi a chiunque abbia provato a lavorare con lei. Quando è stato svezzato questo cucciolo, mi ha chiesto uno dei migliori addestratori del nord della California? A cinque settimane, ho risposto. Troppo presto disse, scuotendo la testa. Non c'era da meravigliarsi che avesse lottato. Il nostro precedente golden, Sedona, è stato svezzato dopo tre mesi. Che differenza di disposizione e di fiducia!

Inoltre, mi viene in mente come trattiamo i cuccioli. Per coloro che adottano cani di razza, otteniamo i loro documenti. Sappiamo chi sono la loro madre e il loro padre. Conosciamo le loro disposizioni e se erano "campioni". Conosciamo il canile da cui provengono e le condizioni del canile. Conosciamo l'allevatore. In effetti, c'è una lunga intervista e discussione con loro. Ti intervistano sulla casa e poi c'è un questionario per sapere se sarai idoneo. Per un cane. Lo stesso vale per quegli animali che provengono dai rifugi. C'è un lungo processo e a volte il cane viene a "testare" la casa e altri animali con cui possono convivere. Se non funziona, non c'è posizionamento. Il punto è che c'è un'enorme considerazione per l'animale.

Non vedi che gestiamo la separazione degli animali dalle loro madri meglio di quanto facciamo con i bambini umani e le loro madri umane? I neonati tendono a essere immediatamente stanati dalla persona che li ha creati, dalla persona che li ha portati, nutriti prima ancora che posassero gli occhi su di loro, li tenesse? Com'è crudele togliere alla madre un piccolo essere umano che possa nutrire e coccolare teneramente la propria prole fino a quando ea meno che non ci sia una soluzione informata e non costretta, che viene dalla madre stessa, che può rendersi conto che deve fare qualcos'altro. E poi prepararlo, preparare il bambino per questo e consigliare a quel bambino mentre cresce da dove vengono, come sono nati e perché sono stati affidati a nuovi genitori. E non sarebbe fantastico se i genitori naturali fossero pienamente coinvolti in questo processo per dare al bambino le migliori possibilità di vita e di crescita per capire perché la loro vita è stata alterata? Questo non deve creare confusione e dobbiamo impiegare più tempo di quello che facciamo per risolvere il problema, lo stigma e spesso il dolore causato dall'adozione.

Ho spiegato, più e più volte, che la mia famiglia adottiva (che era meravigliosa tra l'altro) e la mia famiglia naturale non si escludono a vicenda. Sono separati, ma il continuum l'uno con l'altro ha compreso la mia identità, che non è ancora completamente formata, e io sono sulla sessantina. Lo saprò mai? Inoltre, ho appena saputo che mia madre biologica è morta l'anno scorso dopo che l'ho cercata per tutta la vita, desiderando una riunione di qualche tipo, principalmente solo per parlare, per ottenere risposte, per vedere per la prima volta da chi vengo e per finalmente conosci qualcuno che mi somiglia. La mia tristezza per questo è reale e non può essere sopravvalutata.

Lei, la mia madre naturale, merita la mia attenzione e cura, anche se non può vedermi o sentirmi. Mai. Come mai? Perché nel suo nome devo difendere quelle altre madri che verranno dopo di lei. L'aborto non poteva essere un'opzione per lei. L'adozione era la sua unica alternativa e poiché lo era, aveva bisogno di cure. Aveva bisogno di amore. Aveva bisogno di sostegno e di un posto dove lei e il suo bambino potessero capirlo. Alla fine, potrebbe aver preso la stessa decisione, ma la sua decisione potrebbe aver coinvolto gli estranei a cui stava andando il suo bambino. Non meritava di essere allontanata dalla sua prole in un momento critico in cui la sua prole aveva più bisogno di lei e in ogni modo.

Nel caso di mia madre, si è vergognata al punto da cambiare nome e identità. E quando sono nato, nessuno poteva sopportare di avere a che fare con una madre adolescente e suo figlio che era "esogamo”, nato al di fuori del matrimonio. Non sarebbe stata in grado di gestirlo, le dissero, e così lo stato avrebbe fatto, tranne che non lo fece.

La risposta a tante adozioni, come la mia, è stata quella di emarginare a vita la madre naturale, e di mandare via i bambini; spogliati della loro cultura, della loro lingua, della loro religione, delle loro identità e, in migliaia di casi, della loro razza. Questo è successo a milioni di noi. E le madri naturali e i loro figli non stanno necessariamente meglio per questo.

Quando si tratta di adozione, gli assistenti sociali, gli avvocati, i medici e coloro che gestiscono le agenzie che si occupano di madri e bambini hanno bisogno di prendere indicazioni da coloro che hanno vissuto l'esperienza e ne hanno gestito le conseguenze. Non è giusto che le dichiarazioni sull'adozione vengano dall'alto e dal basso a noi, i grandi non lavati. Ne abbiamo abbastanza di quelle persone "ben intenzionate" che vogliono prendere decisioni per noi perché si sentono meglio riguardo alla "risolvere un problema", di cui non sanno assolutamente nulla. L'adozione porta ancora uno stigma. Dobbiamo sia adattare la narrativa sull'adozione sia parlare delle persone che lo sono, in modo diverso.  

Come mai?

Perché quel giorno sarà solo un giorno in tutti i giorni che saranno mai. Ma cosa accadrà in tutti gli altri giorni che verranno, dipende da cosa faremo in quel giorno. Le vite di tante madri e dei loro figli meritano la saggezza di quel sentimento e il rispetto di un'opportunità combattiva per prendere decisioni che non nuocciono.

Mary Cardaras è una produttrice di documentari, scrittrice e an Professore Associato in Comunicazione presso la California State University, Baia Orientale. È una greca orgogliosa, una sostenitrice degli adottati e degli adottati che lotta per la giustizia riparatrice universale dell'identità per tutti gli adottati in tutto il mondo e per quei bambini nati attraverso donazioni di sperma anonime. È l'autrice di Strappato alla radice. Il suo prossimo libro, Voci dei bambini perduti della Grecia: storie orali di adozione internazionale, 1948-1964 sarà pubblicato da Anthem Press nel 2022.   

Un viaggio nella ridefinizione della mia identità

di Maya Fleischmann, un adottato transrazziale nato a Hong Kong, adottato in una famiglia adottiva russa ebrea. Autore del libro di fantasia Alla ricerca di Ching Ha, un romanzo.

“Più conosci te stesso, più chiarezza c'è. La conoscenza di sé non ha fine: non si arriva a un risultato, non si arriva a una conclusione. È un fiume infinito».

Jiddu Krishnamurti

Il viaggio alla scoperta di sé

Questa ricerca per scoprire chi siamo veramente sono è la materia di cui sono fatti i romanzi e i film. Sebbene la nostra percezione di sé si trasformi con il tempo, gli eventi, le impostazioni sociali e fisiche che alterano la nostra connessione con persone, gruppi e luoghi diversi, le fondamenta su cui costruiamo la nostra identità rimangono le stesse (sebbene la percezione degli eventi storici possa cambiare) . Come adottato interculturale, i miei inizi sconosciuti sono stati un fondamento instabile nelle esplorazioni della mia identità.

Chi sono? Nel 1972, sono stato adottato da una coppia di espatriati ebrei russi che vivevano a Hong Kong. Avevo tre, o forse quattro anni (i miei genitori adottivi mi avevano detto entrambe le età, quindi vado dal mio falso certificato di nascita che è stato rilasciato quattro anni dopo la mia data di nascita, anch'esso riportato sullo stesso certificato). Sono cresciuto in una famiglia che osservava le tradizioni ebraiche e le festività cinesi e russe, come il capodanno cinese, la Pasqua e il Natale russi. Abbiamo anche celebrato le festività, come il Santo Stefano e il compleanno della regina, che erano osservate dalla mia scuola britannica e dall'allora colonia della corona britannica di Hong Kong. I ricordi dei miei anni prima delle quattro sono una macchia confusa di incubi e sogni, ricordi e fantasie. Non sono più sicuro di quale sia quale, motivo per cui ho scritto Trovare Ching Ha, il mio romanzo su una ragazza cinese che viene adottata da una coppia ebrea russa, come finzione. 

Da dove vengo?

Ricordo di aver fatto questa domanda ai miei genitori una, forse due volte, nella loro vita. Ricordo il modo in cui mi guardavano, gli occhi grandi, i denti che affondavano nelle labbra, le dita che giocherellavano con lo sporco immaginario sotto le unghie, e loro distoglievano lo sguardo. Evocava un imbarazzo e un'angoscia, come se li avessi sorpresi a fare sesso, il fatto di non affrontare di nuovo l'argomento dei miei antenati cinesi con loro. Non ho chiesto, e non mi hanno mai detto, cosa o se sapevano del mio passato. 

Sebbene il mio background multiculturale sia stato un inizio di conversazione per tutto il tempo che posso ricordare; la mia mancanza di fondamento, e le mie insicurezze sulle mie origini sconosciute, mi rendevano difficile rispondere alle domande e ai commenti che incontravo. Sono sempre stato sconcertato dalle percezioni e dai giudizi espressi dalle persone che negavano i miei inizi, la mia storia, la mia vita. "Oh, non sei ebreo se non sei stato bat mitzvah." "Tu non sei veramente Cinese se non parli cinese.” "La storia russa dei tuoi genitori adottivi non è la tua eredità, perché loro non sono tuoi vero genitori." "Non sei una ragazzina fortunata ad essere stata adottata?" "Chi sa qual è il tuo background?" E ogni commento sulla mia identità mi veniva fatto con nonchalance, come se mi stessero consigliando una voce di menu: “Oh, non ordinare la zuppa. Non ti piacerà".

Crescere con tutte queste dichiarazioni mi ha fatto interrogare sulla mia identità o sulla sua mancanza. Se non avevo diritto alla mia eredità cinese perché ne ero stato adottato, e non avevo diritto a partecipare a nessuna proprietà della storia dei miei genitori perché non ci sono nato, allora chi ero esattamente? Dove appartenevo? Anche l'identità britannica (anche se Hong Kong British) che ho abbracciato di più da bambino, è scomparsa nel 1997 durante il passaggio di Hong Kong dalla Gran Bretagna alla Cina. 

In tenera età, la risposta è stata per me rinnegare il mio background cinese. Notavo sempre di più la mia faccia cinese nella sinagoga, e nei circoli sociali pieni di occidentali, o alle feste dove tutti quelli che mi somigliavano servivano da mangiare o lavavano i piatti. E, con questa consapevolezza, è arrivata la seccatura e la vergogna di essere cinese, non adattandosi al paese della mia nascita, né alla casa della mia nuova famiglia. Anche da adulto, ho evitato le organizzazioni basate sulla mia etnia, per timore che mi chiedessero "come puoi essere nato e cresciuto a Hong Kong, essere cinese e non parlare cantonese?" Invece, mi sono unito a gruppi e ho fatto amicizia sulla base di interessi comuni come leggere, scrivere o essere genitori. 

Man mano che la base dell'esperienza nella vita cresceva, mi sentivo più a mio agio nel mio senso di sé, così come nel soggetto del mio sé mancante. Insieme a Trovare Ching Ha, Ho faticato a trasmettere come Ching Ha si fosse assimilata alle diverse culture della sua nuova vita. Scrivere questo mi ha fatto capire che la mia vergogna infantile e il dubbio su me stessa, i fattori scatenanti di emozioni non identificabili e la mia angoscia nel trovare un'identità nel mosaico delle culture, erano reali e stimolanti. Scrivere il romanzo mi ha aiutato a dare un senso alle mie emozioni crescendo e a venire a patti con alcune di queste complessità. 

Chi sono oggi?

Sono sulla cinquantina adesso. La sensazione di non essere radicata è svanita. Ho creato una storia familiare con mio marito e i miei figli. La mia famiglia feng-shui è intrisa di tradizioni e storie della cultura russa e cinese, delle tradizioni ebraiche e di una spolverata di intuizioni buddiste e stoiche per buona misura. Tuttavia, in una cultura piena di conversazioni controverse sulla razza, dove i confini sono così chiaramente definiti, anche quando ci sono molte persone di razza mista, mi ritrovo ancora a interrogarmi sul mio passato, specialmente quando compilo moduli medici che chiedono informazioni sulla storia familiare. Quindi, una settimana fa, ho deciso di fare un test del DNA. Forse posso conoscere il mio corredo genetico e raccogliere informazioni sulle condizioni mediche attuali e future, o ottenere conferma che sono cinese 100%. In definitiva, il mio profondo desiderio è trovare qualcuno, o qualcosa, che possa placare il sogno e la voce che si chiede se c'è qualcuno che mi sta cercando.

Se tra due settimane i risultati del DNA non rivelano nulla di nuovo, non sarò troppo deluso perché ho trovato familiarità nelle domande senza risposta. Anche se non ci sarà nessuno a raccontarmi la storia delle mie origini, il mio viaggio alla scoperta di me stesso continuerà, perché sono lo scrittore per il resto della mia storia. 

Dalla stesura di questo articolo, Maya ha ricevuto i risultati del suo DNA. Clicca qui per leggere il suo post sul blog e scoprire cosa ha scoperto: https://findingchingha.com/blog/finding-family/

Nata e cresciuta a Hong Kong, Maya Fleischmann è una scrittrice freelance e autrice di Trovare Ching Ha e Se dai un minuto a una mamma. Le sue recensioni di libri sono pubblicate su riviste di settore, come Foreword Magazine, Publishers Weekly, BookPage e Audiofile Magazine. Le sue storie e i suoi articoli sono apparsi su riviste e libri di viaggio e culturali, tra cui Peril e Zuppa di pollo per l'anima della mamma lavoratrice. Puoi scoprire di più su Maya su mayafleischmann.com e findchingha.com. Trovare Ching Ha: Un romanzo, è disponibile in paperback e ebook su Amazon, Mela, Barnes and Noble e Kobo e altre importanti librerie.

Conoscere le proprie origini è un privilegio!

Per conoscere i tuoi genitori, fratelli, zii, zie e nonni...

Per conoscere la tua storia medica; se tua madre è morta di cancro, tuo padre ha sofferto di problemi cardiaci, se tua nonna ha avuto il diabete...

Per sapere a chi assomigli, da dove vengono i tuoi tratti, se il tuo viso allo specchio è il riflesso di qualcun altro..

Per conoscere la tua storia di nascita, data, ora, stagione dell'anno, in quale ospedale sei nato...

Per conoscere il proprio paese di nascita, cultura, patrimonio, lingua, costumi, religione...

Essere circondati da persone che ti assomigliano razzialmente...

Conoscere le proprie origini è un privilegio!

Queste sono le cose che non do per scontate perché non ne ho avute durante la crescita. Sono nato in un paese, adottato in un altro, da una famiglia di razza diversa. Sono un'adottato transrazziale internazionale. Ho passato una parte enorme della mia vita chiedendomi, cercando, cercando di conoscere le mie origini.

Nella mia comunità di adottati internazionali, conoscere le proprie origini è sicuramente un privilegio!

Impatti per tutta la vita della perdita di identità

Il 1 luglio, mi è stato chiesto di parlare nell'ambito di un panel di webinar per il Transforming Children's Care Webinar Series #4: Il diritto all'identità del bambino nell'accoglienza eterofamiliare. Abbiamo avuto un fantastico panel di esperti, moderato da Maud de Boer-Buquicchio, presidente di Protezione dell'identità del bambino (CHIP), e ospitato dal Rete di assistenza migliore in collaborazione con CHIP.

Mi è stato chiesto di parlare del impatti permanenti della perdita di identità. Quindi ho condiviso la mia storia e alcune dichiarazioni di altri adottati per evidenziare la nostra esperienza.

La mia storia

 Io sono uno di questi bambini che non ha protetto la mia identità. I bambini come me, crescono. Non restiamo bambini per sempre e possiamo avere opinioni e pensieri sulle strutture, i processi, le politiche e le legislazioni che hanno un impatto su di noi e creano le nostre vite. Sono onorato di essere chiamato a rappresentare solo un piccolo gruppo di noi con esperienza vissuta, che il forum rappresenta come "bambini provenienti da opzioni di accoglienza eterofamiliare".

Sono stato adottato dal Vietnam durante la guerra nel 1973. La guerra è finita nell'aprile 1975. Mio padre adottivo è volato nel paese mentre era ancora in guerra e mi ha portato via quando ero un bambino di 5 mesi. I miei documenti avrebbero dovuto seguire ma non sono mai arrivati e la mia adozione non è stata finalizzata.

Ho vissuto per quasi 17 anni in Australia senza identità. Era lo scherzo di famiglia che facevo la spia perfetta perché non esistevo. Ero profondamente consapevole di non esistere e di non avere scartoffie: mi faceva sentire insicura, insignificante, invisibile.

Gli effetti pratici di non avere documenti di identità per 17 anni sono stati che non potevo richiedere un passaporto e viaggiare al di fuori dell'Australia, non potevo ottenere la mia patente di guida, non potevo richiedere nulla come un conto bancario e, cosa più importante, ho non è stato seguito da quando è arrivato nel paese da alcuna autorità di assistenza all'infanzia né dall'agenzia di adozione. 

Alla fine, quando avevo 16 anni, volevo ottenere la mia patente di guida, così i miei genitori adottivi furono finalmente spinti ad agire. Hanno affrontato di nuovo il processo di adozione, questa volta attraverso lo Stato, non un'agenzia privata, e la mia adozione è stata formalizzata poco prima che compissi 17 anni.

Mi è stata data una nuova identità australiana. Non afferma la mia identità vietnamita, riconosce solo il paese in cui sono nato, il Vietnam.

Attraverso questo processo di adozione internazionale in ritardo di 17 anni, c'è stato un controllo ufficiale per i miei documenti di identità in Vietnam? O un assegno per confermare la mia adottabilità o rinuncia? Queste domande rimangono per me senza risposta. Certamente non mi sono mai state offerte altre opzioni come avere un aiuto per cercare le mie origini in Vietnam.. Mi è stato solo detto che essere adottata era LA soluzione per poter esistere e avere una sorta di identità. 

Tra i 20 ei 30 anni, ho passato più di un decennio a cercare di ottenere i miei documenti d'identità e di adozione dal Vietnam. Tramite la mia rete ICAV, mi sono imbattuto in un ex poliziotto che aveva aiutato alcuni altri adottati vietnamiti. In qualche modo ha trovato quello che sembra essere un certificato di nascita vietnamita, ha scattato una foto sfocata e me l'ha inviata.

Quando sono andato in Vietnam nel 2019, sono andato nel luogo in cui si diceva fosse conservato quel documento, solo per sentirmi raccontare la solita storia: un'alluvione o un disastro naturale ha distrutto TUTTI i documenti di quell'intero anno. Non hanno niente per me. Ho visitato l'ospedale dove apparentemente sono nato, solo per sentirmi dire che non potevo accedere al file di mia madre senza il suo permesso – che circolo vizioso! Ho visitato il distretto della stazione di polizia dove si trova il timbro sul certificato di nascita, solo per sentirmi anche dire che non mi avrebbero aiutato. Ho chiesto aiuto durante la mia visita all'autorità centrale del Vietnam e mi è stato detto di compilare un modulo tramite il sito Web — che è in vietnamita, che non posso leggere o scrivere. Ci sono così tante barriere per poter accedere la mia identità. La lingua è ENORME!

Da allora ho fatto alcuni test del DNA e mi sono fatto aiutare dai genealogisti, ma neanche questo ha avuto molto successo. 

Questa lotta per trovare la nostra identità è molto comune per un adottato internazionale come me ed è decisamente peggiore per quelli di noi che sono stati adottati da un paese lacerato dalla guerra o pieno di crisi. Nella fretta di aiutare a "salvare" i bambini come me, i processi vengono aggirati o accelerati e le informazioni vitali vengono perse.

La nostra Comunità ICAV

Sentendomi isolato per la maggior parte della mia infanzia, a metà degli anni '20 ho fondato la nostra rete internazionale ICAV che fornisce supporto tra pari agli adottati internazionali come me che lottano proprio come me. Ma io sono solo una voce tra centinaia di migliaia in tutto il mondo, quindi è importante che tu ascolti più della mia voce! 

Ho chiesto alla comunità dell'ICAV di condividere con voi quali sono gli impatti della perdita di identità per tutta la vita. Condividerò con voi solo 8 delle 50 risposte per evidenziare alcune delle loro esperienze:

Mille grazie a quegli adottati che hanno voluto condividere!

All'interno della nostra comunità ICAV, potremmo scriverne alcuni libri sugli impatti permanenti della perdita di identità, molti lo hanno già fatto. Ci sono così tante altre complessità di cui non ho parlato, come i gemelli che vengono intenzionalmente separati per l'adozione (non viene detto loro che sono gemelli e gli strati extra di impatto per loro della perdita di identità); Adottati di seconda generazione (figli di adottati) e il loro mancato accesso legislativo alla loro identità ereditata; ecc. Spero che il mio breve intervento abbia aiutato ad espandere la tua mente dall'esperienza teorica all'esperienza vissuta che parla così forte dell'importanza dei diritti di identità per comunità come la mia.

Puoi guardare il webinar completo qui.

dualità

di Dilsah de Rham adottato dallo Sri Lanka alla Svizzera.

Doppia faccia

Inchiostro, Acquerelli, Pastello

Si tratta anche del dilemma delle dualità nella vita affrontate dagli adottati in generale. La sensazione dell'incoscienza cieca - i sentimenti tristi e sopraffatti quando non siamo consapevoli, la consapevolezza della nostra identità, il sentirsi tra le culture bianche e biologiche a cui apparteniamo come adottati all'estero.

1TP3Caratteristiche dell'opera
#adopteeartista
#artista
#artforsalebyartista
#artworkstudio
1TP3artista indiano
#ink#pastello#acquarello
#dualità#faccia
#processo di verniciatura
#pitturaedecorare
#paint
#emozione#cry#eye#chiudi
#pittura
#queerart
#dilsahlasoluzione

In memoria di Seid Visin

Di Mark Hagland, Adottato internazionale sudcoreano cresciuto negli USA, co-fondatore di Prospettive di adozione transrazziale (un gruppo di genitori adottivi per imparare dall'esperienza vissuta), e autore di Viaggio straordinario: il percorso permanente dell'adottato transrazziale

Cosa stiamo imparando

Nei giorni scorsi, da quando, il 4 giugno, è trapelata la notizia che il ventenne Seid Visin si era suicidato, la stampa italiana ed europea hanno pubblicato articoli e trasmettere segmenti sulla sua morte, con una buona dose di incredulità e confusione. Ci sono una serie di ragioni per la confusione, alcune delle quali giornalistiche - domande sulla dichiarazione che aveva apparentemente fatto un paio di anni fa al suo terapeuta, rispetto a ciò che potrebbe essere successo nella sua vita più di recente - ma soprattutto, a causa delle dichiarazioni rilasciate dai suoi genitori Walter e Maddalena.

Walter e Maddalena adottarono Seid all'età di sette anni; è cresciuto nella loro casa a Nocera Inferiore, un sobborgo di Napoli. Posso capire che sono profondamente confusi da quello che è successo; ma mi è anche chiaro che, nonostante le loro buone intenzioni, non hanno alcuna comprensione della sua angoscia per il razzismo che ha continuato a sperimentare. Ho appena visto un'intervista con un programma televisivo italiano chiamato "Approfondimento Focus", in cui continuavano a ripetere quanto fosse felice, come i suoi recenti problemi psicologici fossero collegati al blocco COVID, che incolpavano della sua recente depressione e come non aveva alcun interesse per il suo background etiope. Hanno anche ripetutamente negato che il razzismo avesse qualcosa a che fare con il disagio emotivo del figlio.

Quest'ultima serie di dichiarazioni da parte dei genitori di Seid mi ha davvero colpito in molti modi diversi, soprattutto visti gli stralci del testo di quella lettera al suo terapeuta di (apparentemente) un paio di anni fa, che sono stati rilasciati. Per questo, il Corriere della Sera ha ottenuto una lettera che Seid Visin ha scritto al suo terapeuta due anni fa, e Rolling Stone Italia l'ha pubblicata. In esso, Seid ha scritto che: "Ovunque io vada, ovunque io sia, sento il peso degli sguardi scettici, prevenuti, disgustati e spaventati delle persone sulle mie spalle come un macigno". Scriveva che si vergognava “di essere nero, come se avessi paura di essere scambiato per un immigrato, come se dovessi dimostrare a chi non mi conosceva, che ero come loro, che ero italiano, bianco." Questa sensazione lo portava a fare “scherzi di cattivo gusto su neri e immigrati (…) come a sottolineare che non ero uno di loro. Ma era paura. La paura dell'odio che ho visto negli occhi della gente verso gli immigrati”.

Come ha scritto un giornalista sportivo su Le Parisien, “La sua morte ha suscitato grande emozione in Italia. Nel 2019 il giovane ha fatto notare il razzismo di cui era vittima, scrivendo un post sui social in cui esprimeva il suo disagio. "Alcuni mesi fa sono riuscito a trovare un lavoro, che ho dovuto lasciare perché troppe persone, per lo più anziane, si sono rifiutate di essere servite da me", ha detto. Mi hanno anche accusato del fatto che molti giovani italiani non riuscivano a trovare lavoro. I genitori adottivi della vittima, però, hanno voluto fornire dettagli. 'Il gesto di Seid non deriva da episodi di razzismo', hanno detto alla stampa italiana”.

Ecco il testo della lettera; la sua data esatta non è certa, e c'è confusione su quando sia stato scritto - o molto recentemente, o circa due anni fa - ma in ogni caso, eccolo qui:

“Non sono un immigrato, ma sono stato adottato da bambino. Ricordo che tutti mi amavano. Ovunque andassi, tutti si rivolgevano a me con gioia, rispetto e curiosità. Ora, quell'atmosfera di pace idilliaca sembra molto lontana. Sembra misticamente. tutto era invertito. Adesso, ovunque io vada, sento sulle spalle il peso di sguardi scettici, disgustati e spaventati. Ero riuscita a trovare un lavoro che dovevo lasciare perché troppe persone, soprattutto anziani, si rifiutavano di essere accuditi da me. E come se non mi bastasse, mi accusavano di essere responsabile di molti giovani italiani (bianchi) che non trovavano lavoro. Dopo questa esperienza, qualcosa è cambiato dentro di me. Come se mi vergognassi di essere nero, come se avessi paura che qualcuno mi scambiasse per un immigrato. Come se dovesse dimostrare a persone che non sapeva di essere come loro, di essere italiano.

Ho persino fatto battute sgradevoli su neri e immigrati, come per sottolineare che non ero uno di loro. L'unica cosa che spiegava il mio comportamento era la paura. La paura dell'odio che vedeva negli occhi della gente verso gli immigrati. La paura del disprezzo che ho provato sulla bocca delle persone, anche dei miei parenti, che malinconicamente invocavano Mussolini e il 'capitano Salvini'. Non voglio implorare compassione o pietà. Voglio solo ricordare a me stessa il disagio e la sofferenza che sto vivendo. Sono una goccia d'acqua accanto all'oceano di sofferenza che sta vivendo chi preferisce morire per continuare a vivere nella miseria e nell'inferno. Quelle persone che rischiano la vita, e quelle che l'hanno già persa, solo per curiosare in giro, per assaporare quella che chiamiamo semplicemente 'vita'”.

Un paio di note molto importanti qui. In primo luogo, è abbastanza significativo che Seid faccia esplicito riferimento non a Mussolini, ma anche a Matteo Salvini, ex vicepresidente del Consiglio e ancora attuale senatore al Parlamento italiano, che è segretario della Lega Nord, che è un diritto -ala razzista, partito politico xenofobo, i cui sostenitori sono praticamente l'equivalente dei sostenitori di Donald Trump negli Stati Uniti. Negli ultimi quindici anni in Italia c'è stata una massiccia ondata di espressioni di razzismo e xenofobia in Italia, e la xenofobia razzista è esplosa negli ultimi anni, in particolare perché molte migliaia di neri africani sono entrati in Italia come rifugiati di guerra , conflitti e povertà in Africa. In secondo luogo, nella lettera di cui sopra, ha chiarito in modo estremamente chiaro che era profondamente angosciato dal razzismo che stava vivendo.

È interessante notare che sua madre Maddalena, in quell'intervista trasmessa sul programma "Approfondimento Focus", continuava a sottolineare che Seid era stato recentemente depresso a causa dell'isolamento imposto a lui e ad altri durante il lockdown di questa primavera. Ovviamente, raramente c'è una sola causa di suicidio. Seid avrebbe potuto certamente essere depresso durante il blocco nazionale in Italia questa primavera. Ma ciò non nega assolutamente la sua estrema angoscia per la sua esperienza vissuta di razzismo.

Riflettendo su tutto questo, vedo una situazione tragicamente classica per un giovane adulto transrazziale, adottato all'estero, un giovane che era razzialmente e socialmente isolato, che stava vivendo un continuo razzismo e i cui genitori, da quello che possiamo dire, negavano il razzismo che stava vivendo e il disagio che stava vivendo a causa di esso.

Un'altra tragica perdita dell'ennesima vita di adottati transrazziali internazionali.

Condivido un post di La Repubblica, con un link a un selfie-video (che da allora è stato rimosso, quindi posto questo uno invece) in cui Seid si diverte a ballare.

Possa il ricordo di Seid e della sua vita essere una benedizione.

Risorse correlate

Pagina commemorativa dell'ICAV

Leggi il contributo di Mark Hagland all'altro post di ICAV: Possiamo ignorare o negare che esiste il razzismo per gli adottanti del colore?

Dobbiamo parlare del suicidio degli adottati, ora

Dal tokenismo alla giustizia sociale

di Marie Gardom, adottato dalla Malesia nel Regno Unito.

Mi è diventato sempre più chiaro che non solo la diversità da sola non funziona, ma in realtà è una tattica utilizzata per immunizzare le organizzazioni contro l'accusa di razzismo o emarginazione. Qui nel Regno Unito, i politici conservatori che guidano le politiche più anti-immigrazione sono persone di colore. Non rappresentano i gruppi da cui provengono, invece si rannicchiano al potere recitando i vecchi tropi Tory, forse struggendosi di appartenere al gruppo da cui sono sempre stati al di fuori, e sempre lo saranno perché hanno scelto un intollerante nel gruppo. 

Lo vediamo più e più volte, un singolo gruppo di minoranza è rappresentato e additato come un esempio del perché non c'è razzismo/ablismo/sessismo ecc. Convenientemente fanno proselitismo la voce dello status quo con passione e convinzione inebriante. Quando il gruppo dominante è accusato di iniquità, si tira fuori uno o due di detto gruppo di minoranza come un modo per negare l'accusa e tornare a prendere decisioni a svantaggio delle minoranze.
Nel corso dei decenni una crescente consapevolezza e richiesta di rappresentanza ha portato organizzazioni, Hollywood e governi a creare un'illusione di diversità senza inclusione, senza affrontare in modo significativo le dinamiche di potere dei gruppi di maggioranza e delle gerarchie sociali, in modo che il potere rimanga saldamente nelle stesse mani. Siamo spesso rappresentati come un gruppo omogeneo se c'è una persona di colore, o un uomo bianco gay, una casella potrebbe essere stata barrata ma non è stata raggiunta una rappresentazione significativa.

Lo vedo nel modo in cui noi adottati lavoriamo come sostenitori. C'è una consapevolezza nella società, ma una mancanza di conforto con l'idea che gli adottati siano gli esperti. In quanto tale, c'è una performance di inclusione, gli adottati sono spesso in prima linea nelle campagne promozionali per l'adozione se sposano quanto sia bello. Anche se parlano della complessità delle nostre esperienze rimangono voci di conforto per chi vede nell'adozione un bene e l'unico modo per risolvere le crisi familiari in cui un bambino ha bisogno di sostegno.

Ho notato che raramente sono invitato a dare la mia opinione in materia di politiche o buone pratiche all'interno di organizzazioni che potrebbero riformarla. E quando lo sono, il conforto del gruppo di maggioranza è stato notevolmente favorito. La rappresentazione non ci dà potere se siamo in inferiorità numerica, sul territorio di qualcun altro e in fondo alla gerarchia. Credo che questo sia in gran parte inconscio, ma sempre sfruttato. Quelli nella maggioranza raramente devono considerare i fattori che creano equità di potere o più regolarmente iniquità.  

Gli adottati hanno pochissima rappresentanza in tutto il mondo. Nel solo Regno Unito, non c'è un solo gruppo guidato dagli adottati, che copra l'ampia gamma di esperienze degli adottati qui. Invece siamo disparati gruppi di mutuo soccorso non finanziati che cercano di aiutarsi l'un l'altro e noi stessi come possiamo. Ho osservato i modi frequenti in cui molti adottati si esauriscono nel difendere. Essendo stati invitati a conferenze ed eventi politici, molti sono scomparsi dalla vista a causa della natura traumatica di quegli eventi. Sono traumatici perché come minoranza le nostre voci sono svalutate, negate, discusse e spesso messe a tacere in modo aggressivo. Questo gruppo è in gran parte lì a quei tavoli perché siamo così vulnerabili e quindi bisognosi di cambiamento, la nostra comunità ha alti livelli di suicidio, depressione, dipendenza e altro ancora. 

Se ho intenzione di continuare il mio lavoro di avvocato, devo impostare me stesso e gli altri adottati per il successo in questi spazi in cui possiamo trovarci a sopportare pericolosi livelli di stress. Quindi penso che sia importante dare un nome alle dinamiche di potere in gioco in modo da poter essere sicuri di poter affrontare questi problemi nel modo in cui stabiliamo i nostri confini e avere il linguaggio per nominare i problemi quando si verificano. Quindi ho creato una semplice infografica che nomina le dinamiche di potere e offre soluzioni per coloro che sono sinceramente interessati alla giustizia sociale.

Vedi l'altro post recente di Marie in ICAV: Dalla carità alla giustizia

Affrontare la perdita del suicidio dell'adozione

di Lina Vanegas adottato dalla Colombia negli USA, RSU.

Opere di Adriana Alvarez

Ho perso due persone nella mia vita per suicidio, il padre dei miei figli che era anche il mio ex marito e mia madre. Il padre dei miei figli è stato adottato e mia madre è stata colpita dall'adozione perché ha perso me per l'adozione. Entrambi purtroppo corrispondono alle statistiche. Gli adottati hanno quattro volte più probabilità di tentare il suicidio. Direi che le mamme (prime madri, madri originali, mamme naturali) hanno anche alti tassi di tentativi di suicidio.

Sono un adottato transrazziale e internazionale che è stato adottato da Bogotà, in Colombia e ho vissuto la maggior parte della mia vita nel Michigan negli Stati Uniti. La perdita per suicidio è una morte come nessun'altra. Non è come un incidente d'auto, un infarto o un cancro in cui c'è una chiara spiegazione di come qualcuno è morto. Le persone che muoiono per suicidio stanno lottando immensamente. Non c'è chiusura con questa morte. Anche il suicidio è fortemente stigmatizzato, la gente non ne vuole parlare e molti giudicano la morte. La perdita per suicidio per noi adottati è ulteriormente aggravata e amplificata con tutta la perdita e il dolore che abbiamo già sperimentato e può innescare molti dei problemi di cui soffriamo in relazione all'adozione. 

Se stai leggendo questo e hai perso qualcuno per suicidio, voglio che tu sappia che non sei solo e che mi dispiace molto che tu stia vivendo questa perdita orrendamente dolorosa. Voglio anche che tu sappia che non è colpa tua. Non c'è niente che avresti potuto fare o avresti dovuto fare. La persona che è morta soffriva tanto. Potresti anche leggere questo e essere rimasto scioccato dalla morte della persona perché non avevi idea che stesse soffrendo e forse sembravano felici e come se tutto andasse bene. Non è ancora colpa tua. Per favore, non incolpare te stesso e non trattenere alcun senso di colpa. È estremamente doloroso sapere o apprendere che la persona amata stava soffrendo così tanto.

Una cosa che ho imparato è che alcuni giorni sono più difficili di altri. Mi ha aiutato a sapere che posso spezzare le mie giornate e posso prenderle momento per momento, minuto per minuto o ora per ora o un giorno alla volta come dice il famoso slogan degli Alcolisti Anonimi (AA). Il primo anno per me è stato completamente sfocato. Sembrava trascinarsi per sempre e avevo fretta di lasciarmi tutto alle spalle perché era così doloroso e difficile. Onestamente, non riesco a ricordare molto perché ero molto scioccato. Per favore, sii paziente, gentile e gentile con te stesso se hai subito una perdita suicida. La perdita per suicidio è una perdita così dolorosa e che cambia la vita. Il primo anno di perdita è stato davvero difficile perché tutto diventa un primo senza di loro. 

Alcuni dei giorni più difficili per me sono il compleanno della persona, l'anniversario della sua morte e le vacanze. Ho imparato a sedermi con le mie emozioni e a sentirle. Mi concedo il permesso di piangere e piangere se questo è ciò che deve accadere. Se qualcosa era troppo difficile, allora creavo una nuova tradizione o decidevo di non farlo. Poi ci sono momenti in cui crollo semplicemente perché qualcosa mi ha fatto scattare e sono tornato a sentire il mio dolore. Il dolore è un viaggio, fluisce e rifluisce. Non è lineare e non c'è una data di scadenza. Per favore, non permettere a nessuno di dirti diversamente o di spingerti a superarlo o a guarire in un certo lasso di tempo. Tutti soffriamo in modo diverso e il dolore non è un'esperienza unica. 

Opera di Nicholas Down

È stato un vero viaggio per me trovare modi per farcela e iniziare a guarire. La perdita per suicidio ha davvero cambiato il modo in cui ho visto la vita. Ora vedo che la vita è breve e fugace e che ogni giorno non è promesso. Ho scelto di usare la perdita di mia madre come slancio per aiutarmi a vivere la mia vita in onore di lei. Mi sforzo di trasformare il mio dolore in uno scopo, un percorso e potere. Ci sono stati molti modi che ho trovato per aiutarmi a farcela e che voglio condividere con voi.

Per me, sedermi con i miei sentimenti e sentirli veramente è stato molto utile. Piangere, urlare e letteralmente perdere il fiato, singhiozzare e avere quel profondo pianto dell'anima ha aiutato il mio dolore e il mio lutto. Anche per me la terapia è stata fondamentale. È davvero utile avere uno spazio sicuro e non giudicante che sia solo per me. È importante trovare un terapeuta che lavori esclusivamente con i traumi e idealmente qualcuno che sia competente per l'adozione. Molti terapeuti onestamente non hanno studiato l'adozione, quindi è difficile per loro capirci veramente.

Sono un avido lettore e per me leggere e ricercare mi ha dato risposte e mi ha aiutato a capire. Mi sono buttato nella lettura e nella ricerca del suicidio. Per me era importante capire il suicidio in modo da poter dare un senso alle cose. Ho letto molto di altri sopravvissuti alla perdita di suicidio, il che è stato davvero essenziale perché potevo relazionarmi con quello che stavano dicendo e potevo imparare come hanno affrontato e guarito. L'altro gruppo che era davvero importante leggere e ascoltare era quello dei sopravvissuti al tentativo di suicidio. Mi ha aiutato ad essere in grado di acquisire una comprensione più profonda del suicidio e delle lotte per la salute mentale. Mi ha anche dato un'idea di come posso aiutare le persone che soffrono di idee suicide.

 Mi sono unito a un gruppo di supporto al lutto e a un gruppo di supporto per le vittime di suicidio. Entrambi questi gruppi mi hanno permesso di connettermi con altre persone che stavano vivendo le mie stesse cose e non avevo bisogno di spiegarmi. Ho fatto amicizia, ho pianto, ho riso ma soprattutto ho capito che non ero solo e mi sono sentito visto, ascoltato e convalidato. Frequento anche un gruppo di adozione che è stato utile perché molti adottati hanno anche a che fare con la perdita dei suicidi. È stato utile parlare con altri adottati della perdita per suicidio. Puoi cercare un gruppo online e l'accessibilità dovrebbe essere più semplice ora che la maggior parte dei gruppi viene eseguita virtualmente. 

Anche partecipare a eventi come le passeggiate che raccolgono fondi per la prevenzione del suicidio o partecipare alla Giornata internazionale della perdita dei sopravvissuti al suicidio che si tiene a novembre è molto utile. Ancora una volta, sono stato in grado di rendermi conto che non sono solo e mi sono sentito parte di un pezzo più grande. È stimolante vedere che vengono raccolti fondi per aiutare a prevenire il suicidio, finanziare la ricerca e anche catartico. 

Anche movimenti come la corsa, la bicicletta, la camminata e lo yoga mi hanno aiutato a farcela perché sono uno sbocco in cui posso liberare e incanalare le mie emozioni. La meditazione è stata fantastica perché mi ha permesso di rallentare ed essere presente nel mio corpo. Il diario e la scrittura sono stati il mio sbocco creativo per elaborare e affrontare la perdita suicida. Anche assicurarmi di seguire una dieta equilibrata e di dormire a sufficienza è stato davvero utile. Il pezzo per la cura di sé è davvero importante e avrà un aspetto diverso per tutti. Per favore, fai qualcosa per te che ti piace fare. 

I social media sono anche un ottimo modo per entrare in contatto con altri sopravvissuti a un suicidio. Ci sono molti gruppi e organizzazioni a cui puoi unirti. Ci sono anche molti blog, podcast e articoli su problemi di salute mentale che discutono di suicidio che sono grandi risorse. 

Sono passati quasi 7 anni dalla mia prima perdita suicida e poco più di 2 dalla morte di mia madre, quindi è stato un periodo di tempo decente e non un lungo periodo di tempo. Sono in un luogo in cui voglio condividere la mia storia, sia che si tratti di uno contro uno, di un gruppo o attraverso la scrittura. Questo non è qualcosa che avrei potuto fare all'inizio perché era così doloroso e stavo ancora elaborando tutto. Ora scopro che condividere la mia storia mi ha davvero aiutato a far fronte e ad essere in grado di aiutare gli altri.

Ho fatto uno sforzo per incorporare le persone che si sono perse nella mia vita quotidiana. Ho acquistato ornamenti in loro onore per il mio albero di Natale, ho incorniciato loro foto per la mia casa, acquisto regolarmente fiori in onore di mia madre, accendo candele e preparo il loro cibo preferito durante le vacanze o in qualsiasi altro momento. Sto pensando di farmi un tatuaggio in onore di mia madre in modo che sia sempre simbolicamente lì con me. È stato rassicurante per me incorporarli nella mia vita quotidiana. Alcune altre idee a cui ho pensato sono, piantare un albero o una pianta per la persona, puoi mettere loro un posto a tavola, puoi comprare o creare qualche tipo di arte che possa essere in suo onore, puoi comprare o fare una sciarpa o qualcosa da indossare che li simbolizzi. 

Voglio che ricordi che il suicidio della persona amata non è colpa tua. Non sei il solo a perdere qualcuno per suicidio.

Per favore, abbi cura di te e ricorda che ci sono risorse per aiutarti a farcela. Sii gentile e gentile con te stesso.

Altre risorse sul suicidio degli adottati

Affrontare il suicidio dell'adottato
Pagina commemorativa dell'ICAV
Giornata della memoria degli adottati
È una settimana nera per gli adottati in Europa

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%