Il mio viaggio di adozione

di Anna Grundström, adottato dall'Indonesia alla Svezia.

Non molto tempo fa pensavo alla mia adozione non come un viaggio, ma una meta. Sono finito dove sono finito, ed era chiaro fin dall'inizio che non ci sarebbero mai state risposte al perché. Le mie domande sono passate in secondo piano e sono rimaste lì per anni, osservando una corsa a cui non mi legavo, i miei inizi.

Circa due anni fa, in qualche modo sono passato dal sedile posteriore al sedile del conducente e ho messo entrambe le mani sul volante. Anche se non c'erano ancora risposte alle mie domande, mi sono reso conto che potevo ancora farle.

Sono arrivato a capire che chiedere non significa sempre ottenere una risposta sbagliata o giusta, o addirittura una risposta, in cambio. Chiedere significa riconoscere me stesso, i miei pensieri e sentimenti. Dare il permesso di chiedersi ad alta voce, di essere sconvolti, arrabbiati e frustrati. Per riconoscere la perdita di cose, luoghi e persone. E a volte ci sono risposte, così sottili che quasi mi mancano: come notare come mi lamento quando il sole sorge per la prima volta al mattino, o come un particolare senso di desiderio mi pervade la schiena quando inalo un profumo casuale.

C'è qualcosa nel riconoscere la perdita del nostro passato come adottati, nominarlo, incarnarlo, anche se non sappiamo perché o come. Da qualche parte all'interno del nostro corpo lo sappiamo. Da qualche parte nel corpo è tutto ancora lì. Festeggiare, soffrire e accettare: fa tutto parte del mio viaggio di adozione.

Anna offre laboratori creativi e di movimento guidato per gli adottati: dai un'occhiata a lei sito web per vedere cosa sta succedendo!

Se la luna potesse essere la mia madre ora

di Roxas-Chua, adottato dalle Filippine negli USA; autore, artista.

Ho pensato di condividere questa immagine che si trova sul mio tavolo desktop nel mio studio. L'ho creato una di quelle notti in cui non ero in grado di attingere al cambiamento e al movimento nella mia lotta per l'adozione. Trovo che un equilibrio tra condivisione di storie, lavoro di auto-genitorialità, scrittura contemplativa e disegno mi abbia aiutato a navigare e tradurre il mondo intorno a me. In questo disegno ero accompagnata dalla luna, che in qualche modo mi dava conforto come fa la natura. Spero che vi piaccia. È un'istantanea di tenerezza che cerchiamo da noi stessi e dagli altri. Se la luna può essere la mia madre naturale ora, sto bene con quello. Prenderò qualsiasi sentiero che illumini la notte.

Per ulteriori informazioni su Roxas-Chua, guarda il loro podcast Caro qualcuno da qualche parte e prenota Dire il tuo nome tre volte sott'acqua.

Il giorno della mia adozione è l'anniversario della perdita

di Mary Choi Robinson, adottata dalla Corea del Sud negli Stati Uniti.

Questo è Choi Soon Kyu.

In questa foto ha circa 4 anni ed è recentemente rimasta orfana e malata a causa delle devastazioni della povertà.

Prima che questa foto fosse scattata, aveva una vita precedente ed era la figlia di qualcuno, la figlia di qualcuno con molto probabilmente un nome diverso.

Circa 8 mesi dopo questa foto, il 18 febbraio, verrà consegnata negli Stati Uniti, le sarà data una nuova identità e famiglia; una nuova vita che le è estranea, spaventosa e imposta. Il suo nome verrà cambiato e perderà la sua lingua e cultura in nuove.

Le sue tre identità, le sue tre vite, sono portate da traumi e perdite. Ora sono me e sopravvivo ogni giorno a tutto ciò che ha perso.

Non dirmi di essere grato o grato, o che ogni bambino merita una famiglia e una casa sicure e amorevoli.

Cerca invece di capire che mi porto dietro questo dolore e questa perdita insopportabili ogni giorno. Un dolore che non è peggiore, ma a differenza di altri lutti che non sempre si possono esprimere facilmente. Un dolore di cui non sono sicuro su come piangere e da cui molto probabilmente non mi riprenderò mai, che potrebbe avere conseguenze generazionali.

Certi giorni lotto più di altri, soprattutto quando inaspettatamente preso alla sprovvista dall'adozione.

Quindi oggi non è solo l'anniversario della mia adozione/arrivo negli Stati Uniti, ma anche l'anniversario della mia perdita. Ma sono ancora qui e sto facendo del mio meglio per ottenere il massimo da questa vita, quindi lo celebrerò.

Se desideri leggere di più da Mary, la sua tesi di Master è inclusa in Ricerca ICAV pagina - Vivere una vita parallela: memorie e ricerche di un adottato coreano transnazionale.

L'oceano, mia madre

di Allison Young adottato dalla Corea del Sud negli Stati Uniti.

E in quei giorni in cui andavamo al mare e trovavamo Mi-ja ad aspettare al suo solito posto nell'olle, la nonna recitava detti comuni nella speranza di confortare noi due orfane di madre. “L'oceano è meglio della tua madre naturale," lei disse. Il mare è per sempre.

~ L'isola delle donne di mare di Lisa See

Un anno fa, l'11 settembre, dopo una vita di attesa (e un devastante quasi-incontro nel 2003), ho finalmente incontrato la donna che mi ha portato per 9 mesi e mi ha dato alla luce.

Vorrei dire che è stata una situazione per sempre felici e contenti, che è stata catartica e sono così grata per l'incontro, ma a causa delle sue circostanze, mi è stato detto che non avremmo mai potuto avere una relazione o addirittura un ulteriore contatto. 

Anche se ho compassione, questo mi ha ferito più di quanto potessi permettermi di sentire. All'epoca mi sono permesso un giorno di crollare e poi ho messo via quei sentimenti. Ho avuto 3 bambini in un piccolo appartamento in un altro paese e presto avrei adottato mio figlio. Sapevo che probabilmente sarebbe tornato per me in seguito, perché è così che funzionano il trauma e il dolore.

Essere rifiutato da una figura materna mi ha spezzato il cuore e poi, pochi mesi dopo, essere disprezzato dall'altra mia madre mi ha quasi spezzato.

A volte ci vuole un evento che cambia la vita per capire cos'è l'amore, per vedere chi ti sta davvero amando e chi ti sta buttando giù, mentre lo chiama amore. Ho imparato così tanto in quest'ultimo anno, di gran lunga l'anno più difficile della mia vita. Sto imparando il significato dell'amore di sé, della cura di sé e dei confini. Mi sto prendendo cura di me stessa, decolonizzando la mia mente e il mio corpo e permettendo all'oceano di guarirmi.

Ho cercato un aiuto professionale e sto lavorando con un terapista. Sto apportando cambiamenti alla mia vita in meglio, per il mio futuro e così posso interrompere il ciclo per i miei figli.

Quando guardo i miei 4 bellissimi bambini, spero che sappiano che mentre sono tutt'altro che perfetto, proverò così tanto ad essere un buon ascoltatore - per imparare, crescere e cambiare; per valutare ciò che conta di più per loro e vederli per quello che sono.

(baekjeol bulgul) è un detto che significa "spirito indomito".

Il mio nome di nascita,수은 (Soo Eun), significa "grazia dell'acqua".

Starò bene. E sono sempre grato a coloro che hanno contribuito a tenermi a galla nell'ultimo anno.

Per ulteriori informazioni su Allison, dai un'occhiata ai suoi pensieri Cosa c'è in un nome? Identità, rispetto, proprietà?

Muta forma

di Marie, una figlia persa per adozione dal padre cinese che ha condiviso la sua storia la scorsa settimana: Il peccato dell'amore

Metto la verità su un piedistallo, ma vedo anche come sia una mutaforma, la cui forma cambia a seconda di chi la tiene e del suo stato d'animo. Nei pochi mesi da quando ho trovato mio padre, credo che abbia capito il mio bisogno di verità e abbia cercato di offrirmela. Ma quella verità continua a cambiare poiché il mio arrivo nella sua vita è stato in parti uguali gioioso e traumatico.

Di fronte a me, la figlia perduta che tanto desiderava, anche lui rivive il passato. Un passato che ha soppresso perché era troppo doloroso, solo con i ricordi in una società che cancella i genitori naturali e il loro dolore, come se fosse qualcosa che avessero l'agenzia di prevenire. Non aveva un mentore saggio e nessuna sicurezza attraverso cui elaborare il suo dolore e la sua perdita, non solo di me ma del suo primo amore. Credo che la donna che amava sia morta per lui quando ha firmato i documenti per l'adozione. Pur riconoscendo che probabilmente non aveva scelta, non poteva riconciliare quella donna con la persona che amava eternamente. Quindi, sebbene avesse indizi su dove fosse, non l'ha mai cercata perché il suo amore doveva sicuramente essere andato - l'Agnese che amava non avrebbe potuto dare via la loro bambina; così facendo lo costrinse a firmare anche i documenti di adozione. Ha nascosto quel dolore ed è entrato in una vita in cui la perdita inconsciamente guidava le sue decisioni.

Anni dopo è diventato sonnambulo in un matrimonio. Un'altra gravidanza avrebbe portato il suo impegno verso sua moglie e un altro bambino che questa volta non poteva perdere. Ma Agnes era un'ospite silenziosa nel suo matrimonio e nella sua famiglia: lei non se ne sarebbe mai andata, e nemmeno io.

Da quando sono tornato, la verità si evolve e cambia. Agnes è stata inconsciamente un carnefice, una donna che ha rinunciato alla sua carne e al suo sangue e contemporaneamente vittima di una madre bigotta e controllante che ha alterato il destino di tutti e tre. Con il passare dei mesi dalla nostra riunione, mio padre è stato tormentato dal passato: il senso di colpa, la rabbia, la confusione e la perdita lo hanno afflitto con quella che chiama "immondizia fluttuante improvvisa". Nessuno di noi può chiedere ad Agnes cosa è successo dal suo punto di vista perché è morta nell'ottobre 2016. 4 anni prima che trovassi il suo necrologio e 5 prima che trovassi mio padre e confermassi che era lei. In sua assenza entrambi ci dimeniamo con ciò che sappiamo, cercando di mettere insieme i pezzi del puzzle che per me ha ancora più pezzi mancanti che stanno gradualmente trapelando dai ricordi a cui mio padre accede nei flashback e aumentando l'empatia per mia madre. Fissa, come faccio io, l'unica foto che abbiamo di lei, pubblicata sul suo necrologio. È giovane e sorridente e sebbene i suoi lineamenti individualmente non siano miei, in qualche modo il suo viso riecheggia il mio. Mi sono visto in lei, sapendo chi era non appena ho visto l'immagine.

Mentre si muove attraverso i ricordi ora con una lente alterata di compassione, e forse consapevole di come vedrei mia madre e di come lui vuole che io provi per lei, mio padre ha rivelato ricordi che spostano di nuovo la realtà e la verità. Con l'avvicinarsi del mio compleanno, le rivelazioni sembrano aumentare. Nei suoi ricordi, ora è felice e sorridente il giorno in cui sono nato. Mi hanno chiamato insieme e tutto sembra a posto quando lui la lascia quel giorno. Ma una settimana dopo viene chiamato a firmare i documenti per l'adozione e costretto da un giudice a farlo quando si rifiuta. Non avrebbe mai dato un senso alla decisione e non avrebbe mai più parlato con Agnes per disfare quello che era successo. La sua rabbia e la sua confusione l'avrebbero tenuta a distanza più efficacemente della sua assenza, fino a quando non sono arrivato inviando foto di me stesso in cui lei è sempre presente. Nell'ultima settimana è sembrato che avesse bisogno di condividere nuovi pezzi del puzzle, mentre li rimette insieme da solo. Ora crede di averle fatto un torto.

Nel suo stesso dolore non riusciva a comprendere quale perdita traumatica lei avesse subito. Ieri ha svelato un altro pezzo del puzzle. Quando finalmente cercò Agnes, trovò anche il suo necrologio, così cercò suo fratello, il suo amico, per scoprire come fosse morta. Quello che gli è stato detto lo ha portato a credere che si fosse tolta la vita. Questa notizia ha spostato di nuovo la realtà per me. Pur non sapendo nulla della sua vita, posso solo supporre che perdermi sia stato un evento devastante che ha avuto un impatto per sempre sul suo stato d'animo e sulla sua vita familiare.

Non posso fare a meno di correlare il mese della sua morte con l'anniversario della mia adozione. Sospetto che ogni anno il mio compleanno di agosto possa evocare un dolore silenzioso e forse indugiare fino all'autunno quando due mesi dopo sono tornato a casa con un'altra famiglia e nel giro di pochi mesi, sconosciuto ai miei genitori, in un altro paese. Non so se sapeva quando ho lasciato la madre e il bambino a casa. Non mi è chiaro se sono stato con lei per quei primi due mesi di vita o se vivessi nell'adiacente orfanotrofio affidato alle suore. Inesorabili nella loro visione di ciò che era meglio, le suore hanno mentito a mio padre quando ha viaggiato per sette ore da Taiping per portarmi a casa, dove sua madre aspettava, volendo darmi il benvenuto nella loro famiglia.

Ciò che la Chiesa ha detto a chiunque è in discussione e con Agnes andata via, forse solo i suoi fratelli potrebbero saperlo. È possibile che abbia condiviso qualcosa con la sua seconda figlia o il marito. Mentre penso a mia sorella materna, ora mi chiedo se la mia esistenza possa svelare un mistero anche per lei. Se non ha mai saputo di me, forse la sua perdita ha implicato anche un segreto traumatico perso nella morte e si è aggiunto al suo dolore. Rimango bloccato con ciò che verrà dopo nella mia ricerca – per ora solo felice di far parte della mia famiglia paterna e di tutte le realtà avvincenti di conoscere la famiglia e la cultura senza la quale ho vissuto per quasi 49 anni.

Implicazioni dell'espansione della politica del figlio unico in Cina

di Hannah, adottato dalla Cina al Canada.

Provincia di Guizhou: "Gli esseri umani hanno una sola terra, dobbiamo controllare la crescita della popolazione!" (Adam Secolo)

Nato in Cina

Sono nato in Cina. Questo è tutto, fine della storia delle origini. Questo è tutto quello che so. Probabilmente sono nato nella provincia di Jiangsu, ma anche questo non è certo. La prima testimonianza nota della mia esistenza è una visita medica quando si stima che avessi 20 giorni. Molti dei miei amici sanno dove sono nati, in quale ospedale, in che giorno, alcuni sanno anche il tempo fino al secondo e quanto tempo ci è voluto. Non so niente di tutto questo. Sanno chi era presente al momento della loro nascita, quali membri della famiglia hanno incontrato per primi. Non so niente di tutto questo. La mia data di nascita legale è stimata da quando sono stato trovato, non ho un registro di nascita originale. Il mio nome mi è stato dato dai funzionari dell'orfanotrofio. Non so come mi chiamassi o se i miei genitori biologici si fossero presi la briga di darmi un nome. Il record di dove sono stato trovato e quando sono stato perso o dimenticato. Mia madre (adottiva) ha scritto in un album di ritagli in quale contea è stato detto che sono stato trovato. Non ci sono registrazioni, non ho un certificato di abbandono come fanno alcuni adottati cinesi e non ho un annuncio di ritrovamento registrato. Per molti intenti e scopi, la mia vita è iniziata quando sono stato adottato da una coppia canadese bianca quando avevo meno di un anno. Sono uno delle migliaia di bambini cinesi adottati da stranieri dopo che la Cina ha aperto le sue porte all'adozione internazionale nel 1991.

Come la maggior parte degli adottati cinesi, sono stato adottato all'ombra della politica del figlio unico, introdotta per la prima volta nel 1979. La politica del figlio unico (il nome non ufficiale per la politica di restrizione alle nascite) dettava che alle coppie fosse permesso avere un solo figlio. Ci sono state eccezioni per le famiglie rurali e le minoranze etniche, ma la politica è stata attuata e applicata in modo diseguale in tutto il paese, con diversi livelli di violenza. La preferenza culturale per i figli maschi è ben pubblicizzata e si ritiene che sia la ragione per cui la maggior parte delle adozioni cinesi nell'ambito della politica del figlio unico erano femmine. È ampiamente noto e accettato tra la comunità degli adottati cinesi, la maggior parte di noi nati femmine, che siamo stati abbandonati (o rubati) a causa del nostro sesso alla nascita.

Le modifiche alle restrizioni sulle nascite in Cina

Il 31 maggio 2021, ho controllato le notizie e ho visto un articolo CBC che ha detto che la Cina aveva allentato le sue restrizioni alla nascita e ora avrebbe permesso alle coppie di avere fino a tre figli, invece dei due precedenti, che sono stati implementati nel 2016. Ricordo di aver letto un articolo di notizie simile nel 2015 quando è stato annunciato che la Cina stava rilassando il La politica del figlio unico per la prima volta da decenni per consentire due figli per coppia. All'epoca, non ci pensavo molto, ero felice che le restrizioni fossero state allentate e triste che stessero ancora controllando i diritti riproduttivi. Eppure, questa mattina, quando ho visto la notizia, mi sono sentito molto più forte. Forse è perché durante la pandemia, ho fatto uno sforzo per connettermi alla comunità degli adottati, unendomi ai gruppi Facebook online, gestiti da adottati per adottati. Ho iniziato a provare a (ri)imparare il mandarino, che avevo dimenticato da tempo, nonostante avessi preso lezioni di mandarino quando ero piccola. Forse è a causa dei riflettori puntati sul razzismo anti-nero e anti-asiatico a causa delle molteplici uccisioni di polizia di alto profilo di persone di colore, l'aumento dei crimini di odio asiatici a causa della retorica razzista sull'origine della pandemia, che mi ha costretto per esaminare più da vicino la mia identità razziale e culturale come adottato canadese, transrazziale, cinese, internazionale. Ma forse più di tutto, è perché ho due sorelle, anch'esse adottate dalla Cina, cosa che fino ad ora non era consentita in Cina per la maggior parte delle famiglie.  

Emozioni confuse

Per molte ragioni, leggere l'articolo sulla nuova politica rilassata della Cina, mi ha dato molti altri sentimenti contrastanti. Ancora una volta, la felicità per una politica rilassata e la tristezza e la delusione per il continuo controllo dei corpi delle donne e dei diritti riproduttivi. Ma questa volta è arrivato con un altro sentimento: rabbia. Sono arrabbiato. Sembra uno schiaffo in faccia per tutti gli adottati cinesi e le loro famiglie biologiche che sono state (forzatamente) separate in base alla politica del figlio unico. Sembra che non sia stato per niente, anche più di prima. Qual è stato il motivo per cui i miei genitori biologici mi hanno abbandonato (se è quello che è successo) se avessero solo cambiato la politica in seguito? Che senso ha creare la politica quando il tasso di natalità era già in calo, come avviene quando le donne hanno un maggiore accesso all'istruzione, alla carriera e ai contraccettivi, e ora vogliono aumentare di nuovo il tasso di natalità? Qual è stato lo scopo di spogliarmi del mio nome, del mio compleanno, della mia cultura, quando la forza trainante del mio abbandono è stata (semi-)invertita? Se ora alle coppie cinesi è permesso avere tre figli (lo stesso numero di me e delle mie sorelle), allora qual era il senso della politica che ha spinto migliaia di bambini, per lo più ragazze, ad essere abbandonati, abortiti e trafficati?

Emozioni miste di KwangHo Shin

Ora la politica è stata cambiata e allora? Sono ancora un cinese adottato, vivo a migliaia di chilometri dal mio paese di nascita, senza un modo semplice per collegarmi a parenti di sangue viventi, a meno che non voglia tentare una ricerca. Sono ancora un cinese adottato che non conosce il mio nome di nascita, compleanno o luogo di nascita. Gli adottati sudcoreani hanno combattuto e hanno fatto pressioni con successo sul governo sudcoreano per il riconoscimento e le riparazioni (limitate). Gli è stato dato un modo per recuperare la cittadinanza sudcoreana e ora possono richiedere il visto F-4 (patrimonio coreano). Durante la pandemia, il governo sudcoreano ha inviato mascherine gratuite agli adottati coreani. La Cina non riconosce la doppia cittadinanza, né fornisce agli adottati un visto speciale che consentirebbe loro un modo più semplice per tornare nel loro paese di nascita. La Cina non riconosce gli adottati internazionali o come le migliaia di bambini adottati a livello internazionale siano state conseguenze dirette della politica del figlio unico. La politica è stata allentata e ora le coppie cinesi possono avere fino a tre figli, come la mia famiglia in Canada. La politica che probabilmente ha guidato la mia adozione è stata allentata, eppure nulla è cambiato per me, e il governo cinese va avanti.

Cosa succede se?

Non mi piace pensare a cosa-se e cosa-potrebbe essere. Non mi piace immaginare come sarebbe potuta essere la mia vita se non fossi mai stata abbandonata (o rubata), se non fossi mai stata adottata, se invece fossi stata adottata da una coppia cinese ecc. Ma questo recente annuncio mi ha costretto a pensare al cosa-se. Nello specifico, "E se la mia famiglia naturale fosse stata in grado di tenermi perché non era limitata dalla politica del figlio unico?" Sono felice e soddisfatto della mia vita attuale. Nonostante i singhiozzi occasionali, le micro aggressioni razziste e le lotte per l'identità, non cambierei nulla. Ciò non significa che non posso e non piangerò la vita che mi è stata tolta a causa della politica del figlio unico. Mi dispiace di non sapere come mi hanno chiamato i miei genitori biologici (se lo hanno fatto). Mi dispiace di non conoscere la data, l'ora e il luogo in cui sono nato. Mi dispiace di non sapere, e forse non lo saprò mai, se assomiglio a qualcuno dei miei parenti biologici. Mi dispiace che probabilmente non conoscerò mai la storia completa dietro la mia adozione. Mi dispiace che come canadese, non mi sentirò mai completamente a mio agio in Cina e che come cinese adottato, non sarò mai visto come completamente canadese. E sono arrabbiato perché il governo cinese può cambiare la politica del figlio unico e andare avanti, mentre io e migliaia di altri ne sopporteremo le conseguenze per il resto delle nostre vite.

Il dolore sopportabile di essere adottati

di Kara Bos, nato in Corea del Sud e adottato negli Stati Uniti. Kara è diventata la prima adottata internazionale coreana a combattere legalmente e ad ottenere i diritti di paternità per suo padre coreano.

Quasi un anno fa è stato confermato che ? era mio padre. È la prima volta che condivido pubblicamente il nome di mio padre.

Mentre cammino sotto questi bellissimi fiori di ciliegio e apprezzo la loro bellezza, il mio cuore continua a tentare di riparare dopo essere stato frantumato in un milione di pezzi nel corso di un anno. La conferma nel DNA nel sapere chi era mio padre, ha portato un senso di vittoria quando ero costantemente di fronte all'incertezza e mi dicevano che mi sbagliavo. La continua mancanza di comunicazione, il trattamento disumano e il non permettermi di incontrare mio padre dalla sua famiglia mi hanno spinto a reagire e a rivendicare la mia identità.

Il 12 giugno 2020 ha segnato la data in cui sono stato riconosciuto dalla legge coreana che ? era mio padre, e sono stato aggiunto nel suo registro di famiglia come ?, che avrebbe dovuto essere fatto nel 1981, quando sono nato. Anche questa è stata una vittoria nel rivendicare ciò che era perduto, la giustizia rettificata. Non ero più un orfano, con genitori sconosciuti e nessuna identità. Tuttavia, il mio unico incontro sarà per sempre inciso nella mia memoria e nel mio cuore come un film dell'orrore. Uno pieno di rammarico e cosa succede se... come ho scoperto in seguito, da agosto è stato portato in ospedale e vi è rimasto fino alla sua morte, avvenuta il 3 dicembre 2020 (86 anni).

Se non avessi fatto causa a novembre 2019, ad aprile 2020 non avrei saputo che era mio padre, non l'avrei mai incontrato e non saprei ora che è morto.

Anche se questo cuore spezzato è stato immenso, almeno lo so... è questo che significa essere adottati.

#adoptee #coreanadoptee #reclaimedidentity #origin

Leggi l'altro post di Kara: La brutale agonia della calma dopo la tempesta.

Evacuazione dal Vietnam il 20 aprile

di My Huong Lé, adottato vietnamita cresciuto in Australia, vivendo in Vietnam. Co-fondatore di Vietnam Family Search, un'organizzazione guidata da adottati dedicata ad aiutare a riunire le famiglie in Vietnam.

Il 20 aprile ricorre il 46° anniversario da quando sono stato evacuato su un volo della RAAF in partenza dal Vietnam. Quel giorno ha cambiato il corso della mia vita e i suoi ricordi rimarranno per sempre impressi nella mia mente.

Aprile in generale è un mese significativo per molti adottati vietnamiti in quanto è il mese in cui sono stati evacuati anche oltre 3000 neonati/bambini. Come me, questi bambini sono saliti a bordo di aerei da trasporto militari destinati ad essere adottati da famiglie americane, canadesi, europee e australiane.

I pro ei contro di averlo fatto sono stati discussi. Vorrei dire che non si poteva dire cosa sarebbe stato della mia vita se fossi rimasto, né si poteva dire cosa sarebbe stato della mia vita se fossi stato rimosso. Resta il fatto che sono stato allontanato a 5 anni da una famiglia che conoscevo e collocato in un paese straniero. Questa esperienza è stata molto traumatica e ho perso la mia identità, la lingua, la cultura e tutto ciò che mi era familiare. In Australia ho sperimentato una forma di disagio e difficoltà diversa da quella che avrei vissuto se fossi rimasto.

Fortunatamente, molti che hanno lasciato il Vietnam sono stati adottati in famiglie straniere amorevoli. Non mi è stato concesso questo diritto e sono stato adottato in una famiglia abusiva e disfunzionale. Indipendentemente da quella famiglia che mi ha vestito, nutrito e fornito una buona educazione e sarò sempre loro grato per questo. L'Australia è davvero un paese privilegiato che offre infinite opportunità ed essendo stato rimosso dal Vietnam lacerato dalla guerra come tutti gli adottati ho avuto la possibilità di farmi una vita migliore.

Quello che è successo non posso cambiare, ma quello che ho il potere di cambiare è il mio atteggiamento e il modo in cui reagisco e affronto in tutte le circostanze. So di essere la persona che sono oggi grazie a tutto quello che ho vissuto. Mi ha reso più forte, più indulgente, più comprensivo e più amorevole. Per questo sono grato.

Quello che ho passato è anche in parte ciò che mi ha spinto 17 anni fa a tornare in Vietnam per trovare mia madre naturale e lavorare con bambini orfani e svantaggiati. Senza dubbio la mano di Dio è stata sulla mia vita. Mi ha guidato, protetto, aperto porte e messo delle persone fantastiche nella mia vita. La gratitudine riempie il mio cuore per tutti coloro che hanno avuto un impatto sulla mia vita nel corso degli anni.

In questo mese di anniversario per gli adottati, anche il mio pensiero è molto rivolto alle madri naturali. Molte madri naturali sono tornate negli orfanotrofi per raccogliere i loro figli e se ne erano andate. Questa volta significa una perdita permanente per loro. Ho abbracciato alcune di queste madri e ho visto le loro lacrime. Poiché le lacrime di mia madre sono state asciugate, anch'io spero che queste madri possano riconnettersi con i loro figli.

Leggi l'articolo precedente di My Huong Mia madre.

La solitudine della perdita della madre

di Mila Konomos, adottato dalla Corea del Sud negli Stati Uniti. Poeta, artista, attivista.

Mila con il suo bambino, abbracciando tutto ciò che era perduto per lei da piccola, separata dalla madre.

Sto elaborando molto la solitudine di #MotherLoss ultimamente.

Intellettualmente, so cosa coltivare il dialogo interiore. So di non essere solo. So di avere persone nella mia vita che si prendono cura di me e mi apprezzano.

Ma questa solitudine è più profonda di quella.

Questa solitudine è la solitudine della Madre Perdita.

Mi sento così solo così spesso perché non ho una Madre.

Ho perso la mia prima madre a 5 giorni.

Ho perso mia madre adottiva a 6 mesi.

Sono cresciuto con una madre che non riusciva a vedere il mio trauma. Quindi, non sapeva come amarmi o confortarmi attraverso la perdita, il dolore e il dolore della mia adozione.

Mi sento solo perché sono sempre stato solo nel mio dolore e nel mio dolore.

Mi sento solo perché ho passato la maggior parte della mia vita a piangere da solo.

Mi sento solo perché raramente ho saputo cosa significa non essere soli, non solo fisicamente ma anche emotivamente.

Mi sento così solo così spesso, perché Mother Loss è una perdita che rimane per tutta la vita.

Non c'è modo di sostituire una Madre Perduta.

Nessun altro al mondo può compensare una Madre Perduta.

Una sola Madre mi ha portato nel suo stesso corpo. Il battito del cuore, il respiro e la voce di Only One Mother sono stati ciò che ho sentito per 9 mesi. Il suo profumo, il suo viso erano come il mio.

Di recente ho visto un documentario durante il quale il narratore ha detto: "I bambini pensano di essere parte di chiunque siano dentro".

Questo è profondo nel contesto degli Adopti separati dalle nostre madri quando erano bambini. Dobbiamo aver sperimentato la separazione dalle nostre madri quasi come se fossimo strappati in due, strappati a noi stessi. Divisi violentemente.

Devo permettere a me stesso di soffrire per questa perdita della madre. È eterno. Anche 12 anni dopo la riunione, Mother Loss rimane. Non potrò mai riavere la Madre che ho perso. Non riesco a recuperare gli oltre tre decenni della mia vita in cui sono stato perso, aggravato dalla perdita della lingua, della cultura e della geografia.

C'è un dolore e una solitudine difficili da descrivere quando trovi quello che stavi cercando da tutta la vita eppure ti sfugge ancora tra le dita.

Questo dolore di essere così vicino eppure ancora così lontano.

Come se guardassi da una finestra ma non riuscissi mai a entrare.

Mila con suo figlio e un libro speciale per bambini coreano intitolato "Waiting for Mama".

Per saperne di più su Mila, seguila sul suo sito web, L'imperatrice Han. Il suo ultimo album di poesie Santuario uscirà a maggio 2021.

#adoption #transracialadoptee #adoptionreunion #adoptee #adoptionstrauma #adoptionloss #adopteevoices

Il dolore per la madre dura per sempre

di Melanie Kleintz adottato dal Perù in Germania.

Tra il 24 dicembre 2020 e il 1 gennaio 2021, un totale di 6 adottati dall'Europa si sono tolti la vita, a Settimana nera in Europa per gli adottati. Il numero di casi non denunciati è decisamente più alto. Tutti non riuscivano a chiarire le loro origini, il loro dolore era troppo forte e non trovavano altro modo per rendere sopportabile il dolore.

È così infinitamente triste, doloroso e insopportabile sentirne parlare. Lavoro con genitori adottivi e futuri genitori adottivi da 10 anni e ho tenuto conferenze sull'argomento. Evito anche abbastanza felicemente l'argomento di quanto gli adottati siano vicini alla morte, anche se ne so meglio.

Quante volte negli ultimi anni ho sentito dire che gli adottati dovrebbero essere contenti di essere stati salvati. Negli ultimi mesi una bambina mi ha fatto capire quanto sia importante lavorare con gli adottati, i bambini in affido e il sistema che li circonda. All'esterno tutto sembra così semplice. Il bambino ha nuovi genitori e “è buono“.

Il dolore dei bambini non è permesso dal mondo esterno per tutta la vita. Il dolore per la loro prima “madre” dura tutta la vita. I bambini che conoscono la loro nuova mamma non possono capire il loro dolore. Ieri mio figlio l'ha spiegato bene. Questi bambini hanno un “vuoto nel cuore e anche se ridono, sono sempre tristi”.

C'è ancora molto lavoro educativo da fare con gli adottati traumatizzati e i bambini in affido. Il lavoro di prevenzione e i servizi post adozione sono per me le caratteristiche più importanti!

Se avessi un desiderio, vorrei che ogni adottato potesse chiarire le proprie origini e che nessun ostacolo fosse posto sulla loro strada. I documenti per l'adozione sarebbero stati completi e i genitori adottivi avrebbero sempre offerto supporto in tutto.

Sono così infinitamente triste che questi 6 non abbiano trovato altra via d'uscita e spero solo che gli adottati, i genitori adottivi o altre persone vicine agli adottati, cerchino aiuto e sostegno in una fase iniziale.

Noi adottati possiamo sostenere questo problema all'interno dei nostri gruppi. Il “più caro” della vita ci è stato tolto e chi non capisce quanto ci manca la nostra prima madre, ha bisogno di capire un po' di più il desiderio di chi è stato adottato.

Non possiamo impedire agli adottati di prendere le loro decisioni. L'hanno pianificato. È stata una loro decisione, con la speranza che la loro situazione fosse tollerabile.

Conosco un tedesco adottato che si è tolto la vita a Natale qualche anno fa. Ci è stato detto che è morto e non importa dove è stato detto, tutti i suoi coetanei sapevano che si era suicidato. Tutti sapevano della sua situazione ma nessuno poteva aiutarlo perché non sapevano come.

Sono così orgoglioso dei membri dei miei gruppi. Ci scambiamo idee, impariamo a parlare della propria adozione e ci sosteniamo a vicenda. Negli ultimi mesi del 2020, ho sentito davvero una bella unione nel gruppo. Sensibile e attento! Gli incontri online sono andati allo stesso modo. Vorrei mantenerlo e mantenerlo.

Cari amici adottati, siete persone forti e coraggiose. Non vedo l'ora che arrivi il prossimo incontro che potremo trascorrere insieme.

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%