L'India mi ha abbandonato

di Kris Rao, adottati dall'India negli Stati Uniti, hanno recentemente scoperto la loro adozione come adottati di Late Discovery.

Mi sono imbattuto in un podcast indiano chiamato The Filter Koffee Podcast ospitato da Karthik Nagarajan. Si siede con un ospite e mentre lo descrive, ha una conversazione. “Il tipo che ti rende più ricco. Il tipo che solo il caffè può tirare fuori".



Più di recente, nel gennaio del 2022, si è seduto con Poulomi Pavini Shukla, un avvocato della corte suprema, e ha parlato degli orfani in India. Questo particolare episodio è stato intitolato Perché gli orfani indiani vengono abbandonati due volte?

Senza entrare troppo nei dettagli del podcast, ecco alcuni argomenti chiave su cui sono andati:

  • I diversi schemi che sono stati messi in atto per i bambini bisognosi di assistenza.
    (I regimi governativi in India sono lanciati dal governo per affrontare il benessere sociale ed economico dei suoi cittadini)
  • I soldi/budget destinati agli orfani. Che equivale a meno di 1 rupia al giorno per bambino.
  • Il numero stimato di orfani in India riportato dall'UNICEF.
  • Come vengono gestiti gli orfanotrofi e quanti dovrebbero essere creati in ogni distretto.
  • Cosa succede ai bambini abbandonati e alle loro vite da orfani.
  • Le differenze tra orfani femmine e maschi.

Una delle cose che mi ha colpito è stato il numero stimato di orfani in India. Secondo l'UNICEF, in India ci sono 29,6 milioni di orfani, circa 30 milioni.

E come adottato, come uno di questi cosiddetti orfani sociali, tutto ciò a cui riuscivo a pensare mentre ascoltavo questo podcast era:

Perché l'India ha 30 milioni di orfani in primo luogo?

Cosa sta facendo il mio paese che sta creando questo problema?

Cosa sta facendo il mio paese per impedirlo?

A me sembra che il problema più grande non sia solo che abbiamo 30 milioni di orfani bisognosi di cure, è che abbiamo 60 milioni di genitori che si sono arresi e hanno abbandonato i loro figli. E sta ancora accadendo. Questi numeri sono ancora in crescita.

Dov'è quella conversazione?

È a causa della religione, della casta? Quali altri fattori sono in gioco qui?

E la giustizia riproduttiva?

Sono uno dei milioni di orfani sociali usciti dall'India. E mi porta a chiedermi, è perché la mia esistenza porta “vergogna” sulla mia famiglia il motivo per cui sono orfano? La mia esistenza macchia il cognome?

Il mio concepimento era così problematico agli occhi della società e della cultura indiana che mia madre si sentì in dovere di abbandonarmi?

Una volta ho scritto che l'unico motivo per cui sono stato adottato è perché la società in qualche modo ha deluso mia madre e l'ha costretta a prendere una decisione che non avrebbe dovuto prendere in primo luogo.

Cosa stiamo facendo per cambiarlo?

Dall'ascolto del podcast, capisco che aiutare gli orfani in India è vitale e necessita di attenzione. Avendo vissuto io stesso in India per 11 anni e visitato orfanotrofi, sì, ho capito.

Penso che sia importante prendersi cura di ogni bambino. Ma perché questo include separarli dalle loro famiglie? Perché un bambino dovrebbe perdere tutti i legami legali con i suoi primi genitori biologici e le famiglie (compresi i parenti allargati) per essere semplicemente accudito?

E, soprattutto, cosa stiamo facendo per gli "orfani sociali" che ora sono adulti e desiderano conoscere le loro vere radici? Accesso ai nostri antenati, storia, ecc.

Come possiamo rimuovere questo stigma e tabù che continuo a sentire sull'adozione in India?

Come indicato dal titolo, Poulomi afferma che gli orfani dell'India rimangono orfani due volte. "Una volta per essere orfani dei loro genitori e una volta per essere orfani dello Stato o orfani della legge".

Per gli adottati internazionali come me, sembra che l'India mi abbia abbandonato per la terza volta quando mi ha mandato via per essere un problema di un altro paese.

Le circostanze sfortunate e ingiustificate che mi hanno reso uno degli "orfani sociali" dell'India mi hanno messo sulla strada dell'adozione.

E l'adozione non solo ha tolto le mie scelte, ma ha anche tolto le mie possibilità di trovare le mie radici. 

Per ulteriori informazioni su Kris, dai un'occhiata al loro ultimo blog: Kris condivide l'adozione della rabbia

Segui Kris su:
Kris-404:RootsNotFound
Twitter @adottatoindiano
Instagram @indianlatediscoveryadoptee

Il giorno della mia adozione è l'anniversario della perdita

di Mary Choi Robinson, adottata dalla Corea del Sud negli Stati Uniti.

Questo è Choi Soon Kyu.

In questa foto ha circa 4 anni ed è recentemente rimasta orfana e malata a causa delle devastazioni della povertà.

Prima che questa foto fosse scattata, aveva una vita precedente ed era la figlia di qualcuno, la figlia di qualcuno con molto probabilmente un nome diverso.

Circa 8 mesi dopo questa foto, il 18 febbraio, verrà consegnata negli Stati Uniti, le sarà data una nuova identità e famiglia; una nuova vita che le è estranea, spaventosa e imposta. Il suo nome verrà cambiato e perderà la sua lingua e cultura in nuove.

Le sue tre identità, le sue tre vite, sono portate da traumi e perdite. Ora sono me e sopravvivo ogni giorno a tutto ciò che ha perso.

Non dirmi di essere grato o grato, o che ogni bambino merita una famiglia e una casa sicure e amorevoli.

Cerca invece di capire che mi porto dietro questo dolore e questa perdita insopportabili ogni giorno. Un dolore che non è peggiore, ma a differenza di altri lutti che non sempre si possono esprimere facilmente. Un dolore di cui non sono sicuro su come piangere e da cui molto probabilmente non mi riprenderò mai, che potrebbe avere conseguenze generazionali.

Certi giorni lotto più di altri, soprattutto quando inaspettatamente preso alla sprovvista dall'adozione.

Quindi oggi non è solo l'anniversario della mia adozione/arrivo negli Stati Uniti, ma anche l'anniversario della mia perdita. Ma sono ancora qui e sto facendo del mio meglio per ottenere il massimo da questa vita, quindi lo celebrerò.

Se desideri leggere di più da Mary, la sua tesi di Master è inclusa in Ricerca ICAV pagina - Vivere una vita parallela: memorie e ricerche di un adottato coreano transnazionale.

Comprato e venduto, questa è adozione!

di Lina Vanegas adottato dalla Colombia negli Stati Uniti. Puoi seguire Lina su Instagram @linaleadswithlove o su Twitter @LinaLeadsWLove

Quando si parla di adozione è importante essere onesti e trasparenti ed evitare di ricoprire di zucchero le cose o inserire positività tossica o propaganda di adozione.

La realtà è che molte persone non capiscono veramente l'adozione, cosa comporta, cos'è e gli impatti, il trauma, il dolore e la perdita.

Per scomporlo, sono stato comprato e venduto nel 1976. Ho perso tutto e la mia identità è stata cancellata. Questo è straziante e devastante per me. È difficile avvolgerci la testa. Sinceramente non riesco a capire come sia potuto succedere. La cosa tragica è che io sono uno dei milioni. Sì MILIONI DI S. Ci sono circa 7 milioni di adottati e sfollati e il numero è in crescita. 2 milioni di noi sono adottati all'estero.

Ho appena visto un commento su Facebook ieri sera che elogiava un genitore adottivo bianco per aver condiviso una storia adottiva positiva e hanno anche affermato che abbiamo bisogno di storie di adozione più positive. Se quello che vuoi è positivo, allora l'adozione non è l'argomento da equiparare ad esso. C'è sempre trauma, dolore e perdita con l'adozione, indipendentemente dalle circostanze. Questo è un dato e una garanzia. Quando parliamo di adozione, dobbiamo essere onesti su ciò che comporta. Non è bello, una favola, arcobaleni, confettini e unicorni.

Sono stato comprato e venduto nel 1976. Questa è la mia esperienza vissuta.

Puoi leggere gli altri articoli di Lina condivisi qui su ICAV:
Demistificare la stigmatizzazione di Adoptee Suicide

Giustizia o responsabilità accadono nelle adozioni illecite?

di Jessica Davis, mamma adottiva americana che ha restituito il figlio ugandese alla madre biologica in Uganda. Jessica ha scritto questo post in risposta alla recente dichiarazione "colpevole" del personale che lavora presso l'agenzia di adozioni European Adoption Consultants (Ohio) che ha facilitato l'adozione illecita di adottati ugandesi dalla famiglia Davis. Articolo sui media qui.

Sono passati molti anni da quando abbiamo scoperto l'orribile verità che la bambina che abbiamo adottato dall'Uganda era stata illegalmente separata dalla sua famiglia. Da quando ha riunito Namata con sua madre, ho aspettato una parvenza di giustizia e responsabilità, specialmente quando si trattava di questo particolare individuo.

Oggi, Debra Parris, uno dei criminali coinvolti nel traffico di Namata, ha cambiato la sua dichiarazione di colpevolezza su ogni atto d'accusa federale di cui è stata accusata. Debra ha partecipato volentieri alla tratta di bambini dall'Uganda attraverso l'adozione internazionale. Ha causato danni irreparabili a Namata, sua madre ugandese e ha reso le nostre vite infelici per anni mentre cercavamo di smascherare lei e i suoi co-cospiratori. Ha inflitto enormi quantità di danni a MOLTI bambini vulnerabili dell'Uganda e alle loro famiglie (e ne sono certo in molti altri paesi).

Il solo sentire la sua voce oggi è stato travolgente, figuriamoci sentirla finalmente ammettere la colpa. Dal momento che mi sono reso conto di ciò che è accaduto all'interno della nostra adozione non è stato un caso unico, ho preso l'impegno di non perdere mai l'opportunità di lavorare per cambiare la narrativa quando si tratta di adozione internazionale. Questo momento non sarà diverso.

A coloro che scelgono di credere che quello che è successo a Namata ea sua madre sia il risultato di una sola “mela marcia”, vi prego di smetterla. Lavoro con le famiglie ugandesi da oltre 5 anni e posso dirvi che quello che è successo a Namata e alla sua famiglia non è l'eccezione, piuttosto è la regola nell'adozione internazionale. Ogni famiglia ugandese che ho incontrato, anche le famiglie che hanno utilizzato altre agenzie di adozione, hanno avuto esperienze simili da condividere. Nessuna delle famiglie di origine ha capito veramente l'adozione, tutte stavano attraversando un momento difficile e avevano solo bisogno di sostegno. Quasi tutti pensavano di avere accesso all'istruzione o alle cure mediche per la persona amata. Non sto dicendo che non ci siano eccezioni, ma devo ancora incontrare una famiglia ugandese che abbia veramente capito l'adozione.

Come genitore adottivo, scegliere di guardare dall'altra parte o rimanere in silenzio quando si tratta di queste ingiustizie ti rende parte del problema. Quando ho capito cosa stava succedendo con la nostra agenzia di adozioni, ho subito iniziato a parlare con altri genitori adottivi che li avevano usati anche loro. Mi è stato detto più e più volte che stavo reagendo in modo eccessivo, che questo non poteva essere vero, o che almeno non poteva essere così "cattivo" come sostenevo. Ho la sensazione che anche con questa ammissione di colpa, molte famiglie adottive continueranno a dire che non è vero nella loro situazione (che potrebbe benissimo essere vera) e andranno avanti con le loro vite, come se niente fosse.

Questa agenzia di adozione ha facilitato le adozioni di oltre 30 bambini ugandesi. Oggi Debra Parris ha ammesso di aver corrotto agenti di custodia, cancellieri e giudici in Uganda. Ha ammesso di aver presentato consapevolmente informazioni fraudolente al Dipartimento di Stato degli Stati Uniti nel tentativo di facilitare le adozioni illecite. Assumere che ciò non stesse accadendo in altre adozioni non è solo ingenuo, ma è un grave errore giudiziario.

Quante famiglie naturali e adottati adulti hanno condiviso esperienze simili? Quando inizieremo ad ascoltare? Quando saranno state divise inutilmente abbastanza famiglie finché non saremo disposti a fare qualcosa? Quando saranno importanti per noi la vita e il benessere di questi "orfani" al di là della loro adozione?

Mentre oggi mi sono rallegrato di questo piccolo passo verso la responsabilità per i torti perpetrati contro molti dei bambini e delle famiglie più vulnerabili nel nostro mondo, non ho potuto fare a meno di pensare a tutte le famiglie ugandesi (e famiglie in tutto il mondo) che questo ha successo a. Famiglie che probabilmente non vedranno mai giustizia o riparazioni, per non parlare della persona amata da cui sono state separate. Non ho potuto fare a meno di pensare a tutti gli adottati che sono stati scambiati tra famiglie come carte collezionabili. Adottivi che vengono messi a tacere e ignorati quando parlano delle loro esperienze con l'adozione. Non posso fare a meno di pensare a tutto il danno che è stato inutilmente inflitto agli adottati e alle famiglie naturali perché questo sistema sembra troppo facile da sfruttare e corrompere.

Quando è abbastanza, abbastanza?

Per saperne di più su Jessica e suo marito Adam, guarda la loro intervista con 1MillionHome Amore audace

Per saperne di più su Jessica, leggi i suoi blog:
Adozione: ordinata e ordinata? Non così tanto!
La bugia che amiamo
Non è un'attrazione turistica
Non c'è una crisi orfana, è una crisi di separazione familiare

Gli adottati hanno bisogno di servizi di salute mentale

di Christina Soo Ja Massey, ovvero YooNett adottato dalla Corea del Sud negli Stati Uniti.

Mi sono rasato i capelli per due motivi:
Il prossimo festival scozzese della salute mentale e delle arti nel maggio 2021.
Il mio attuale stato di salute mentale in declino.

Le lacrime del trauma Ho pianto da orfano indifeso in passato, piango da adulto per tutta la mia vita.

Sono un adottante coreano d'oltremare.
L'adozione non è mai stata felice dopo che alcuni potrebbero provare a far credere.

Un senzatetto adottivo coreano all'estero, che racconta di una famiglia adottiva che non discute nulla a che fare con la sua adozione e precedenti precedenti. Perdere un altro adottante coreano d'oltremare attraverso il suicidio. Molti adottati coreani d'oltremare a cui è stato mentito sul loro passato, presente e futuro. Molti soffrono ulteriore negligenza o più abuso di tutte le forme per mano dei loro adottanti.
Considera solo che abbiamo già sperimentato traumi perdendo i genitori naturali in primo luogo.

Negli anni '70 e '80 la Corea è stata accusata di traffico di bambini a causa del numero crescente di bambini coreani inviati all'estero per l'adozione.

L'immagine che i miei adottanti hanno ricevuto dalla Corea era di un bambino con i capelli rasati. Ho sofferto di un'eruzione cutanea sulla testa causata dall'eczema atopico. L'eczema atopico permane per tutta la vita raccontando la storia di ogni aspetto dello stress vissuto dal corpo.
Così fa lo stress post traumatico.

Potresti pensare ad altre persone famose o meno che si sono rasate la testa in uno stato di disagio mentale. Sinead O'Connor, Britney Spears, Amy Winehouse... qualunque sia il loro motivo.

La rasatura della testa è riconosciuta come un sintomo che può manifestarsi in relazione alla malattia mentale, ma non a una specifica forma di malattia mentale. I sofferenti hanno spesso continuato a sperimentare un crollo mentale subito dopo, forse in uno stato di Mania... Un tentativo di riprendere il controllo o un segno di perdita di controllo.

Ci sono numerosi contributi sui social media online di persone che si radono i capelli durante il blocco di questa pandemia di Covid-19.

Abbiamo urgente bisogno di affrontare le carenze nei servizi di salute mentale. Abbiamo bisogno di un ambiente sicuro e dotato di risorse in cui i professionisti della salute mentale possano continuare a lavorare. Migliore accesso a tecnologie avanzate e social media. Più diversità. Terapie più olistiche e personalizzate. Solo per elencarne alcuni.

Finché i problemi di salute mentale continueranno a essere inascoltati e invisibili, c'è poca speranza per ulteriori risorse.

Partecipa e sensibilizza. Grazie.

#salute mentale
#la salute mentale è importante
# malattia mentale
# consapevolezza della malattia mentale
# sopravvissuto
#seeme
#orte
1TP3Crostataesalutementale
1TP3Crostateefestival della salute mentale
#coreano
#asiano
#tedesco
#asianlivesmatter
#internazionale
#adoptee
1TP3Adozione all'estero
#suicidio
#atopiceczema
#orphan
#ptsd
#bpd
#gravedepressione
1TP3 Ideazione suicidaria
1TP3Disturbo di personalità instabile emotivo
#ambivalente attacco
#trustissues
#relazioni difficili
#violenza domestica
#abuso sessuale
#tratta di esseri umani

Ci sono modi migliori e più sostenibili

di Yung Fierens, adottato dalla Corea del Sud al Belgio.

Anni fa, ero uno di quei ragazzi fortunati che potevano attraversare l'Asia con lo zaino da sola per quasi sei mesi. È stato un momento magico in cui ho incontrato molte persone interessanti e simpatiche, ho visto il sole decollare in un tempio ad Angkor Wat e tra le tribù Akha in Laos. Hong Kong, Cina, Laos, Thailandia, Vietnam, Corea, Indonesia, Bhutan, Singapore e Cambogia.

Nell'ultimo paese (Cambogia) che ho visitato, uno dei tanti orfanotrofi dove c'erano decine di bambini in attesa di genitori adottivi, stavo valutando di restare in zona per un po' e di fare volontariato lì. Davo lezioni di lingua in inglese, lezioni di arte, aiutavo a preparare i pasti. Dovrei buttare un pacco di euro sul tavolo per provvedere a vivere e vivere perché ovviamente non puoi vivere con il salario di una simile ONG. Hanno bisogno dei loro soldi per quei ragazzi.

Era quello che pensavo sarebbe successo, era così che pensavo fosse la situazione. Fino a quando gli amici che hanno vissuto e lavorato sulla scena dell'aiuto allo sviluppo e le esperienze di altri backpackers mi hanno aperto gli occhi.

“Questi non sono orfanotrofi ma semplici trappole per turisti. I genitori di quei bambini stanno guadagnando soldi per portare la loro prole durante il giorno al cosiddetto orfanotrofio dove vengono esibiti come scimmie, in modo che i proprietari possano strappare soldi dalle tasche dei turisti ingenui.

I bambini non vengono istruiti nel frattempo e quindi non imparano nulla che possa mai tornare utile in una vita umana. Quando diventano troppo grandi e la carineria è finita, vengono banditi da quelle case e finiscono di nuovo per strada come un mendicante.

E sì, chi vuole può adottare un bambino se si mette sul tavolo abbastanza soldi. Da quando il figlio maggiore di Angelina Jolie è stato adottato/acquistato qui durante le riprese di Tomb Raider, il turismo dell'orfanotrofio è andato a gonfie vele".

Ho quindi abbandonato il progetto e con altri due backpackers ho scelto di sostenere un ragazzo di famiglia povera perché potesse andare a scuola e prendere il diploma. Fu il primo nel suo villaggio ad imparare l'inglese. Il risultato è che non solo abbiamo aiutato 1 giovane con esso, ma ha portato l'intero villaggio fuori dalla miseria. Grazie a lui altri bambini possono andare a scuola, l'economia locale è ripartita e… soprattutto, nessuna madre deve lasciare che il proprio figlio parta per un paese lontano per dargli una vita migliore.

Non mi sento un benefattore, ho raccontato a pochi questa storia e non ne uscirò per raccoglierne ammirazione. Lo sto dicendo per mostrare che ci sono altri modi migliori, più sostenibili e usati in precedenza per dare ai bambini una vita migliore senza doverli rimuovere dall'ambiente circostante.

Originale in olandese

Jaren geleden era ik één van die gelukzakken die bijna een half jaar in haar eentje met de rugzak door Azië kon trekken.

Een magische tijd waarin ik veel boeiende, toffe mensen heb mogen ontmoeten, de zon heb mogen zien opstijgen in een tempel in Angkor Wat e tussen de Akha Tribes in Laos hebben kunnen vertoeven. Hong Kong, Cina, Laos, Thailandia, Vietnam, Corea, Indonesia, Buthan, Signapore e Cambogia.

In dat laatste land heb ik één van de vele weeshuizen bezocht waar tientallen kinderen zaten te wachten op adoptieouders.

Ik overwoog om een tijdje in de streek te blijven en er vrijwilligerswerk te doen. Taallessen Engels, tekenles, helpen met het bereiden van maaltijden…ik zou er wel een pak euro's voor op tafel moeten smijten om in kost en inwoon te voorzien. Vuoi natuurlijk kan je niet op kap van zo'n NGO gaan leven. Die hebben hun centen nodig voor die kindjes.

Dat era wat ik dacht dat er zou gebeuren, dat was hoe ik dacht dat de situazionie was.

Tot vrienden die ter plaatse woonden en werkten in de ontwikkelingshulp én de ervaringen van anderen backpackers me de ogen openden.

“Dit zijn geen weeshuizen maar regelrechte trappole per turisti. De ouders van die kinderen krijgen geld om hun kroost overdag naar dat zogenaamde weeshuis te brengen waar ze as aapjes in de zoo tentoongesteld worden zodat de eigenaars geld uit de zakken van naïeve kloppenkusten . Ze krijgen intussen geen les en leren bijgevolg niets wat ooit van pas kan komen in een mensenleven. Als ze te groot worden en de schattigheid eraf is dan worden ze verbannen uit die tehuizen en belanden ze terug op straat als bedelaar. En ja, wie dat wil kan zo'n kind adopteren als er maar genoeg geld voor op tafel gelegd wordt. Sinds Angelina Jolie haar oudste zoon hier is komen adopteren/ kopen tijdens de filmopnames van Tomb Raider is het weeshuis toerisme geboomd.”

Ik heb het plan dan ook laten varen en heb ervoor gekozen om samen met nog twee andere backpackers waarmee ik in Laos terecht gekomen ben, een jongen uit een arm gezin financieel te ondersteunen zodat die gaannaar e diplomaen . Hij was de eerste van zijn dorp die Engels zou leren. Het resultaat is dat we er niet alleen 1 jongen mee hebben geholpen maar dat die op zijn beurt het hele dorp uit de misérie heeft gehaald. Dankzij hem zijn er later andere kinderen naar school kunnen gaan, is er local economy ontstaan en…hoeft er geen enkele moeder meer haar kind te laten vertrekken naar een ver land om het een beter leven te geven.

Ik voel me geen weldoener, ik heb weinigen dit verhaal verteld en kom er nu niet mee naar buiten om er bewondering mee te oogsten. Ik vertel het om te tonen dat er andere en betere, duurzamere en eerbaardere manieren zijn om kinderen een beter leven te geven zonder ze te moeten weghalen uit hun omgeving.

Dalla Thailandia senza identità

di Lisa Kininger, adottato dalla Thailandia negli Stati Uniti.

La prima foto di Lisa

Mi chiamo Lisa e sono un'adozione internazionale. Grazie ai miei meravigliosi genitori, mi hanno regalato una vita meravigliosa di cui sarò per sempre grato. Ci sono solo informazioni minime sulla mia vera identità. Quello che so non è abbastanza per scoprire chi ero e da dove venivo. Anche se sono sempre felice di chi sono diventata e della mia bellissima famiglia, sono sempre stata curiosa della mia vera identità, come lo sarebbe chiunque altro. Ho provato di tutto, dalle telefonate e dalle e-mail ai viaggi in Thailandia più di una volta, cercando impotenti. Così, quando ho compiuto 18 anni, ho deciso di iniziare il mio viaggio di ricerca.

Avevo contattato il medico thailandese e sua moglie, da cui ero stato adottato. Non erano interessati ad aiutarmi, ma mi hanno spiegato che hanno dato in adozione 40 bambini non biologici. Avrebbero fatto firmare i loro cuochi e le cameriere come falsi genitori biologici. In effetti, mi hanno anche detto che hanno inventato il mio nome di nascita "Malai" e la data di nascita 20 dicembre 1972. Mi hanno detto di non contattare le persone sul mio certificato di nascita perché mi avrebbero mentito e avrebbero preso i miei soldi. Con solo le persone sul mio certificato di nascita da contattare, l'ho fatto disperatamente nella speranza di trovare maggiori informazioni. Alla fine mi sono imbattuto nel test del DNA e l'ho usato a mio vantaggio. 

La mia storia inizia con mio padre che è un elettricista aeronautico come Sr. Master Sergeant nell'aeronautica americana. I miei genitori si sono sposati e sono stati di stanza a Utapao, in Thailandia, nel 1974-1975. Non erano in grado di avere figli propri ed erano in procinto di adottare negli Stati Uniti, ma hanno dovuto metterlo in attesa perché di stanza in Thailandia. 

Un giorno mia madre andò a Bangkok per fare la spesa al commissariato di base. Ha finito per parlare con una donna dei prezzi della carne e la donna aveva detto di aver appena adottato una bambina thailandese. La donna ha detto di conoscere un'altra bambina thailandese che era in adozione. Mia madre ha detto che le sarebbe piaciuto, ma sfortunatamente sarebbero partiti presto per tornare negli Stati Uniti, quindi non ci sarebbe stato tempo. Durante il check out al negozio, la stessa signora si è avvicinata a mia madre con un numero di telefono. Il numero di telefono era della bambina thailandese in adozione. Mia madre ha deciso di chiamare. Ha parlato con una donna che ha detto che purtroppo era già adottata. Purtroppo, mia madre ha riattaccato il telefono. Poi all'improvviso, attraverso l'altoparlante del negozio, hanno annunciato il nome di mia madre. Hanno detto che c'era una telefonata per lei. Dall'altra parte di quella linea c'era una signora che chiedeva a mia madre di parlare di sé e di mio padre. La signora ha detto che non sapeva cosa le fosse preso, ma sentiva il bisogno di chiamare. La signora ha detto di aver avuto una bambina thailandese a casa sua che era molto malata. Voleva che mia madre vedesse subito la bambina. Quindi, la signora ha mandato un'auto a prendere mia madre al negozio di Bangkok.

Mia madre è arrivata a casa. Le persone a casa erano un medico tailandese e sua moglie americana (questa era la signora al telefono con cui ho parlato quando ho iniziato la mia ricerca, che sono passati anni). Hanno spiegato a mia madre che la bambina era molto malata, pesava solo 13 chili ed è stata salvata dalla giungla. Le hanno anche detto che il fratello di 5 anni della bambina è morto di malnutrizione e che la bambina sarebbe stata la prossima. Quella bambina ero io. 

Presto mia madre poté incontrarmi per la prima volta. Mi ha messo in grembo e ho iniziato a giocare con il suo orologio. Fu allora che la gente decise che era la partita perfetta. Tuttavia avevano anche una coppia olandese che sarebbe venuta a trovarmi la mattina. Se la coppia olandese non mi voleva, allora ero di mia madre. Così, hanno sistemato mia madre in una suite d'albergo che il dottore aveva organizzato. 

Questo avvenne durante la guerra del Vietnam nel 1974 e quando mia madre chiamò mio padre per spiegare dov'era e cosa stava succedendo, mio padre si preoccupò molto perché era pericoloso per i civili essere fuori dalla base. Fortunatamente, la mattina dopo la coppia olandese voleva un maschio e io potevo andare a casa con i miei genitori! Il passo successivo per mio padre è stato farmi adottare in Thailandia. I genitori adottivi dovevano avere una certa età per adottare in Thailandia ei miei genitori erano troppo giovani. Il dottore thailandese voleva che mio padre mentisse sulla sua età e corrompesse il consolato con una bottiglia di whisky. Mio padre non voleva fare una cosa del genere perché era nell'aeronautica americana e poteva finire in guai seri. Il medico thailandese ha poi dovuto contattare la mia "madre biologica" per firmare un modulo di rilascio per i miei nuovi genitori per riportarmi negli Stati Uniti. Il dottore ha organizzato una visita con mio padre e mia madre bio in un ristorante fuori Bangkok. Il dottore spiegò a mio padre che veniva dal sud e che mio padre doveva pagarle le spese di viaggio. Quando si sono incontrati al ristorante, il dottore e mia madre bio parlavano solo tailandese; ha firmato e se n'è andata. Mio padre non aveva idea di cosa si dicesse. 

Siamo partiti felici per gli Stati Uniti e ho avuto un'infanzia fantastica. Ho avuto il privilegio di vedere e vivere in diverse parti del mondo, grazie a mio padre che prestava servizio nell'aeronautica americana. Durante tutta la mia infanzia, ho sempre avuto il desiderio di cercare la mia famiglia biologica e di trovare la verità su me stessa. Mi sono ricordato di quello che il medico thailandese e la moglie mi hanno detto che era di evitare di contattare le persone sul mio certificato di nascita perché avrebbero mentito e avrebbero preso i miei soldi. Ho rischiato e non li ho ascoltati. Ho deciso che la mia unica scelta era trovare le persone sul mio certificato di nascita, quindi le ho contattate. All'inizio avevano detto di sì, sono la mia famiglia. Hanno continuato a chiedere se fossi Mali o Malai. Allora ho detto che ero Malai ma ho chiesto chi fosse il Mali? Mi hanno detto che il Mali era mia sorella. Hanno detto di richiamare il giorno dopo perché conoscevano qualcuno che parlava inglese. Così ho fatto e poi mi hanno detto che non erano la mia famiglia, ma sapevano della mia famiglia perché erano vicini di casa una volta. Mi dissero il cognome e dissero che avevo una sorella maggiore che era morta in un incidente d'auto e la famiglia si era trasferita. Mi hanno chiesto di richiamare tra due settimane e mi avrebbero aiutato a cercare di trovare questa famiglia. Alla fine non sono riusciti a trovarli.

Di conseguenza, ho assunto un investigatore privato in Thailandia per trovarli e l'investigatore ha avuto successo. Questa famiglia ha riconosciuto che facevo parte della loro famiglia e che la mia famiglia immediata è morta ma è riuscita a trovare mia zia, mio zio e i miei cugini. Sono stato in grado di ricevere le loro foto e sono stati in grado di finire la storia su di me e conoscevano il dottore tailandese, quindi ci ho creduto. 

Questo accadeva nei primi anni 2000 prima che il test del DNA fosse ben noto. Ho preso l'iniziativa di fare il mio primo viaggio in Thailandia per incontrarli. Ho dato loro dei soldi perché erano poveri. Mia zia ha avuto un ictus, quindi le ho comprato una sedia a rotelle, medicine e cibo. Ho aperto un conto bancario internazionale in modo che potessero prelevare denaro quando necessario. Mi scrivevano persino chiedendomi più soldi nel corso degli anni e dicevano che mia zia sarebbe morta se non avessi pagato per la sua trasfusione di sangue.

Ho deciso di fare un test del DNA con il figlio delle mie ultime sorelle ei risultati hanno mostrato che non c'era alcuna relazione tra questa famiglia e me. Purtroppo ho smesso di cercare per un po'. Alla fine, con il passare del tempo, ho contattato di nuovo le persone sul mio certificato di nascita e mi hanno detto che forse sono la loro, dopotutto. Quindi ho fatto un test del DNA con la madre biologica sul mio certificato di nascita (questo è stato quando ho prenotato il mio secondo viaggio in Thailandia con la mia famiglia). Sfortunatamente due giorni prima di partire per la Thailandia, i risultati hanno rivelato che non ero imparentato con lei. Siamo comunque andati in viaggio e l'abbiamo incontrata. Quando l'ho incontrata di persona, mi ha detto che il medico l'ha pagata per firmare come mia madre biologica e che è stata lei al ristorante che ha conosciuto mio padre adottivo. 

Da allora, ho fatto test del DNA con la famiglia di suo marito e senza fortuna. Sfortunatamente, ho fatto innumerevoli test del DNA solo per trovare cugini dal 3° al 4° e sono stati adottati anche loro, quindi nessun aiuto neanche lì. La parte difficile della mia ricerca è che la mia identità in Thailandia è falsa. La mia vera identità sembra essere stata cancellata dall'esistenza.

È stata una sfida per tutta la mia vita, voler conoscere la verità ma essere costantemente mentito senza alcuna spiegazione sul perché. Non so quanti anni ho, il mio vero nome o da dove vengo. Tutti quelli che conoscono un po' di verità RIFIUTANO di aiutarmi o dirmi qualcosa. Ho una bellissima famiglia con tre figli grandi e sono felicemente sposato, ma mi piacerebbe condividere con i miei figli e un giorno, i miei nipoti, la mia famiglia biologica.

Attraverso il mio viaggio, mi relaziono con i sentimenti e le emozioni degli altri adottati e quindi ho dedicato il mio tempo ad aiutare altri adottati a trovare le loro famiglie biologiche per 20 anni. Sono un investigatore privato per adottati. Capisco entrambi i lati della storia e posso entrare in empatia. Anche se non ho trovato la fine della mia storia, trovo gioia nell'aiutare gli altri nel loro viaggio e ho anche trovato quello che stavo cercando attraverso il viaggio stesso.

Lisa può essere contattata al lkininger@live.com

Le adozioni finlandesi sono simili a quelle olandesi.

di Sabina Söderlund-Myllyharju, adottato da Taiwan alla Finlandia.
Traduzione di Fiona Chow. Post originale qui in svedese.

Recentemente il mio feed di notizie di Facebook è stato inondato di importanti notizie provenienti da luoghi come Paesi Bassi, Svizzera e Svezia. I Paesi Bassi hanno sospeso tutte le adozioni dall'estero dopo che un'indagine ha rivelato abusi sistematici e adozioni illegali. Un'indagine simile è stata avviata in Svizzera. In Svezia, gli adulti adottati dal Cile, insieme a quelli di altre nazioni, stanno lottando per un'indagine a livello nazionale da attuare il prima possibile. 

Questo accumulo di vapore nel mondo delle adozioni ha iniziato a suscitare sentimenti dentro di me. Da molto tempo osservo una forte opposizione all'adozione da parte di adulti adottati negli ambienti internazionali in cui sono coinvolto sui social media. Ma fermare completamente tutte le adozioni? Mi suonava estraneo. Molti anni fa, la pensavo allo stesso modo, ma da allora mi sono reso conto che questo modo di pensare è un po' troppo radicale. Almeno, non finché ci sono bambini là fuori senza genitori.

L'altra sera, ho ascoltato una discussione in cui un genitore adottivo svedese si è apertamente intrattenuto con i bambini adottati illegalmente che ora chiedono alla Svezia di assumersi la responsabilità. Li ha sostenuti con tutto il cuore, anche se il suo fidanzamento rischia di portare conseguenze negative nella sua stessa vita. Mi ha scaldato il cuore che lei, come genitore adottivo, sia disposta a fare tutto ciò che è in suo potere in modo che i suoi figli in futuro non abbiano bisogno di mettere in discussione il sistema di adozione allo stesso modo dei bambini rubati di oggi.

La mia adozione non è andata come avrebbe dovuto, e questa è stata la fonte di una miriade di emozioni diverse dentro di me. Questi hanno spaziato dalla tristezza di non essere cresciuto con la mia famiglia biologica, alla vera rabbia per un sistema pieno di inadeguatezze. Com'è possibile che io sia stato trasportato da un continente all'altro con l'aiuto di documenti falsificati? Che i colpevoli siano stati ora processati e puniti è ovviamente giusto e giusto, ma perché non c'è mai stato alcun tentativo di riunire me e dozzine di altri bambini con le loro famiglie originali?

Allo stesso tempo, ho provato enormi sensi di colpa anche solo per aver pensato in questo modo, dato che ho avuto una bella vita qui in Finlandia. Chi sono davvero per lamentarmi? In realtà, non si tratta di non essere grati. Sono davvero grato per molte cose, non ultima delle quali ci sono i miei tre figli che stanno crescendo in un paese fantastico come la Finlandia. Tuttavia, sono grato di essere stato separato dalla mia madre biologica? Posso anche smettere di chiedermi perché i miei documenti di identità sono stati falsificati al momento dell'adozione? Sono stato venduto? È questo che voleva davvero mia madre biologica?

Sono passati molti anni dalla mia adozione e all'epoca gli accordi sono stati presi in privato, senza l'aiuto di un'agenzia di adozione, né la protezione che tale agenzia avrebbe fornito. Sono felice che le adozioni finlandesi di oggi siano regolamentate in modo completamente diverso, in modo che possiamo essere certi che le cose siano fatte in modo legale e corretto quando affidiamo i bambini all'adozione internazionale. Questo è il modo in cui è, non è vero? Sicuramente la nostra attenzione è su ciò che è meglio per il bambino, proprio come richiede la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia (UNCRC)? Sicuramente scegliamo di agire senza indugio quando sorgono attività sospette nel campo delle adozioni?

La mia speranza è che gli adottati, i genitori adottivi e gli adottanti possano essere certi che tutti coloro che lavorano con l'adozione in Finlandia siano, con buona coscienza, in grado di dire che tutto funziona come dovrebbe. Spero sinceramente che le agenzie di adozione come Interpedia, Save the Children e la città di Helsinki siano state silenziose per così tanto tempo perché non hanno assolutamente nulla da nascondere. 

Allo stesso tempo, difficilmente posso essere l'unica persona a pensare che un'indagine statale indipendente sia attesa da tempo, anche in un paese come la Finlandia.  

Adopté d'Haïti

par Christla Petitberghien adottato d'Haïti in Francia.
versione inglese qui.

Bandiere di Francia e Haiti

Si la réforme de 2013 a certes permis une avancée, je ne pense que cela suffise. Je crois qu'il faut abolir l'adoption plénière qui non seulement prive les personnes adoptées du contact pourtant cruciale avec leur familles naturelles mais aussi efface même leur exist juridiquement. Notre certificat de naissance est déclaré nul et non avenue et est remplacé par un autre document fittif qui déclare que nous sommes nés de nos adoptants. C'est de la falsificazione. Autrement dit,c'est une forme de détournement cognitif qui nie et écrase notre identité biologique première et notre réalité au profit d'une “Fiction” dite légale et pourtant qui est à l'origine de la plupart des discriminas systémiques aux failes nous devons face nous, personnes adoptées, groupe social marginalisé et invisibilisé. Je me demande toujours comment les gens peuvent trouver ça normal de couper et de détruire les liens entre l'enfant et sa famille ? Comment est-ce que nous pouvons trouver cela accettabile ? Pourquoi nous trouvons normal que des individus est à passer leur vie à chercher leur famille ? À vivre dans l'incertitude et la non-information ? À se demander qui si sa famille est toujours en vie ? Ou si nous retrouverons nos pères et mères décédés ? Pourquoi avons-nous tant banaliser la séparation et cherchons même à l'encourager. Nous devrions cesser de croire que pensionati les enfants des familles aux situazioni socio-économique précaires aide l'enfant. Ça ne l'aide pas. Ça ne résout rien si ce n'est créer plus de traumas à cette enfant.

Dans le système de l'adoption, la pauvreté est perçue comme une raison pouvant justifier l'adoption des enfants. Su supponiamo donc que pensioni les enfants de leur famille est une solution à la pauvreté. Alors même que les condition de vie de la famille d'origine ne devraient pas être la raison de toute séparation d'un enfant à ses parent. N'avons-nous pas vu les véhémentes réactions de la popolazione americana et mondiale lorsque Donald Trump avait mis en place une politique de separations entre des familles immigrées et leurs enfants? Combien de personnes étaient scandalisées ? Combien de personnes alertaient sur le fait que séparer un enfant de sa famille en ragion de leur situazione économique est inhumain ? Pourtant, dans le cadre de l'adoption, la même ha scelto se produit. Les mères sont séparées de leurs enfants pour des raisons économiques et sociales au lieu de recevoir le soutien approprié et personne ne s'en offusque. Grâce à l'adoption, cela est rendu accettabile. Riitta Högbacka, chercheuse à l'université de Helsinki a bien rappelé dans son étude sur “l'adoption internationale et la production sociale de l'abandon” que “l'Assemblée générale des Nations unies (2010) a, par exemple, clairement déclaré que la pauvreté ne devrait jamais être la seule justification pour pensioni un enfant à ses parent, pour le placer dans une structure de protection de remplacement ou pour empêcher sa réinsertion, mais qu'elle devrait être considérée comme un signal de laapportercessité un soutien appropriato alla famiglia. Dans la pratique, le manque matériel est un facteur de motivazione des adozioni, et les mères naturelles appauvries n'ont pas reçu d'aide ou de soutien pour garder leur enfant. Le système d'adoption laisse les mères à elles-mêmes et ne les aident pas.” C'est bien vrai, combien d'entre nous, avons retrouvé nos familles dans la même situazione qu'au momento de notre adozione ? Toujours dans la même pauvreté, toujours sans ressources et n'ayant reçu aucune aide? I genitori sont toujours laissés pour compte dans le système de l'adoption. Comme l'a dit Debora L. Spar, la doyenne associata principale della Harvard Business School Harvard School of Business, «Ce sont les États pauvres qui produisent les enfants et les riches qui les consomment. Dans ce processus, les parentes pauvres sont laissés pour compte, n'étant que les fabricants initiaux des enfants d'autres personnes. ».

Arrêtons de penser que les enfants dans les crèches et orphelinats n'ont pas de familles, qu'ils ont été délaissés ou abbandonato parce que ce n'est pas vrai pour la très grande majorité. Beaucoup de personnes prétendent que les familles ont fait le choix de laisser leur enfants. Ce n'est pas vrai. Aucunes n'avaient la capacité de faire un choix authentique réel et authentique. En effet on leur proponi pas d'autres possibilités que l'adoption. Il n'existe pas d'alternatives de award en charge temporaire, d'aider financière, de Structures d'acceuil des mères en situazione difficiles, de soutien face aux manques de ressources. Donc qu'est-ce qu'un choix fait en l'absence d'autres choix ?Ce que nous ne considérons pas dans la rhétorique du supposé libre choix des familles naturelles, c'est le cadre bien précis et contraignant dans lequel la décision de la separazione s'inscrit. De fait, ce que nous écartons de la table, c'est la manière dont le renoncement de l'enfant par une mère et sa famille a été déterminé par des facteurs sociaux, économiques et politiques.les action de la plupart des mères naturelles, loin d'être un choix éclairé et fait en toute liberté sont plus des séparations forcées qu'autre choose. Leur “choix” s'est fait en l'absence de toutes autres alternatives, donc contraint par l'inégalité des condition dans lesquelles elles vivent. De plus,lorsqu'on parle de « consensoment éclairé » en matière d'adoption, il faudrait rappeler que toujours ce consensoment n'est jamais parfaitement éclairé et qu'il y'a toujours une énorme asymétrie d'informations qui lescipent à favoriti consentments des mères naturelles. In effetti, si quelques fois les mères ont été Correctement informées de leur perte de tous droits parentaux sur l'enfant et la rupture permanente avec leur progéniture que cause l'adoption, Certaines informations qui seraient pourtant déterminantes pour la mères decisions leur sont jamais dit. De quoi je parle ? Du traumatisme dévastateur qu'engendre la séparation d'une mère et son enfant tant pour elles-mêmes que pour l'enfant. Les mères ne sont jamais mises au courant des recherches établie sur la séparation, des risques pour l'adopté, des chances d'infertilité secondaire et de développer des troubles psychiques et un stress post-traumatique, de l'importance du lien mère-enf . Comment expliquer que les adoptants sont aujourd'hui dûment informés des effets des traumatismes ( separazione, déraciment et adozione) sur l'enfant adopté alors même que les mères naturelles qui sont poussés à prendre une décision aux décision aux consétrés? On voit donc que le consensoment ne peut dès lors jamais être fait de façon éclairée quand on omet la vérité sur le devenir de l'enfant et sa mère.

Ainsi, nous devons penser les enfants des crèches non comme délaissés mais comme ayant une famille. Ces enfants ont des genitori et sinon toute une famille élargie qui tiennent à eux. Nous devons penser pas à cette famille. Parce que nous n'aiderons véritablement les enfants, nous ne pourrons prévenir les abbandonare qu'en prenant en compte leur famille. Aidons les plutôt à garder leur enfants. Soutenons les financièrement pour qu'ils puissent les élever dignement. Investissons nelle associazioni di conservazione familiare e riunificazione familiare. Investissons nei programmi di autonomia delle famiglie. Travaillons pour réduire toujours plus le nombre d'adoptions.

Buoni propositi andati male

Il lato oscuro del volontariato e dell'adozione

di Kristopher Hinz adottato dallo Sri Lanka in Australia.

Nel quinquennio tra il 2008 e il 2013, gli agricoltori peruviani e boliviani in difficoltà sono stati ancora più sprofondati nella povertà. La domanda occidentale per l'ultimo "superfood" del mondo ha fatto sì che il prezzo medio del loro alimento base, la quinoa, fosse salito alle stelle, e improvvisamente è stato ancora più difficile per questi agricoltori di sussistenza mettere il cibo in tavola (1,2).

Ricchi, borghesi e vegani, sono stati gli hipster bianchi ben intenzionati (che spesso si considerano i consumatori più etici sul mercato) i principali motori di questa catastrofe con il loro gusto insaziabile per il grano sano.

Questo, a quanto pare, era un caso di domanda e offerta andate male, un segmento ricco del mercato che aveva una quota sproporzionata di controllo sui fili dei burattini del capitalismo, che poi inconsapevolmente hanno usato per ampliare la disparità tra il mondo sviluppato e quello in via di sviluppo.

Tuttavia, questo non è un fenomeno nuovo. La "crisi della quinoa" è stata solo l'ultima mania occidentale per scuotere le fondamenta del terzo mondo. Anche un'altra industria piena di buone intenzioni dei giovani è stata recentemente causa di molti disagi negli angoli più poveri del mondo.

Il volontariato offre l'opportunità a studenti universitari o diplomati durante il loro anno sabbatico di viaggiare all'estero e fare volontariato negli orfanotrofi in Africa, Asia e America Latina. Volano a casa con il sorriso sulle labbra e il cuore felice, ma c'è un lato oscuro nel loro attivismo.

Quei bambini che pensano siano così belli nei loro numerosi selfie, che sono già vulnerabili ed emotivamente volubili, sono lasciati con problemi di attaccamento ancora maggiori mentre guardano l'ennesimo modello di ruolo entrare e uscire dalla loro vita dopo alcune settimane di coccole e un paio di giocattoli extra.

È stato dimostrato in modo dimostrabile che molti di questi bambini non sono affatto orfani e sono semplicemente prodotti di "fattorie per bambini" che esistono esclusivamente per volontari e potenziali genitori adottivi bianchi (3,4, 5, 6).

Le giovani madri impantanate nella povertà e alla disperata ricerca di una via d'uscita, mandano i loro figli negli orfanotrofi per avere la possibilità di un'istruzione istituzionalizzata. Questa decisione straziante è resa ancora più stuzzicante dall'offerta di un incentivo finanziario tanto necessario. 

E i fortunati allora? Di chi sono i sorrisi luminosi e gli abbracci desiderosi di convincere i loro ospiti bianchi altruisti e solitari a diventare i loro genitori adottivi?

Ci sono molti che sono davvero fortunati quando finalmente si dirigono verso la loro nuova nazione brillante e sviluppata, con i suoi grandi grattacieli (oi prati puliti di periferia) e i frigoriferi pieni di cibi che non avrebbero mai sognato.

Ma come il commercio della quinoa, semplicemente non c'è abbastanza protezione per quelli in cui è stato creato il punto vendita originale. Come risultato della possibilità di “comprare” semplicemente un bambino senza essere verificati per la loro capacità di essere genitori in forma (come nel caso in Occidente con un rigoroso sistema di affidamento) molti di questi genitori adottivi commettono errori che causano l'identità a lungo termine problemi per i loro amati figli.

Travolti dalla gioia di avere finalmente la famiglia che desideravano, trascurano di permettere ai loro figli di esprimere pienamente tutti i loro sentimenti riguardo alla loro adozione, richiedendo solo di ascoltare pensieri positivi come la gratitudine. Molte adozioni finiscono in lacrime per il bambino, la sua nuova famiglia o entrambi. Molti genitori adottivi abusivi sono gravemente inadatti ad adottare e lo fanno per intenzioni legate allo stato sociale, o semplicemente non sono il tipo di persone che avrebbero dovuto essere genitori per cominciare.

Ma anche nei casi migliori, nessuna adozione, per quanto idilliaca, è mai perfetta per lo stato mentale di un bambino. I migliori genitori continueranno a castigare i loro figli adottivi o si sentiranno feriti quando esprimeranno sentimenti di solitudine o disconnessione con la loro nuova cultura e bramano la comprensione della loro cultura di nascita. Anche i genitori adottivi (anche nella mia esperienza) lo prenderanno come un affronto personale quando il loro bambino esprime frustrazione per gli elementi razzisti della loro cultura adottiva.

Naturalmente, come i vegani, questi bravi genitori hanno fatto un "acquisto" in buona fede e la maggior parte di loro era piena di nient'altro che intenzioni positive. Ma proprio come i vegani, il fatto che il mercato fosse così fortemente distorto a loro favore significava che erano in grado di fare ciò che volevano senza dover considerare come le loro azioni potessero avere un impatto su coloro che sono meno fortunati.

Sia in Oriente che in Occidente, le richieste dei potenziali genitori bianchi per un bambino adottivo sono viste come un diritto indiscusso, mentre i genitori di colore che hanno adottato bambini bianchi sono regolarmente e sgarbatamente avvicinati quando sono in pubblico con loro (7).

Il mercato distorto deve essere riequilibrato a favore del mondo in via di sviluppo. Ciò consentirà un maggiore controllo sui potenziali genitori adottivi in cerca di bambini dal terzo mondo e assicurerà che tali genitori siano adeguatamente informati sulle sfide che il loro bambino dovrà affrontare come adottato interrazziale e internazionale.

Riferimenti:

  1. Blythman, Joanna"I vegani possono sopportare la spiacevole verità sulla quinoa?", Il Guardiano, 2013: https://www.theguardian.com/commentisfree/2013/jan/16/vegans-stomach-unpalatable-truth-quinoa
  1. Lungo, Yu. “Il lato oscuro dei supercibi: aumentare la vulnerabilità degli agricoltori di quinoa in Bolivia” 2018:http://web.colby.edu/st297-global18/2019/01/22/superfoods-dark-side-increasing-vulnerability-of-quinoa-farmers-in-bolivia/#:~:text=The%20rise%20in%20quinoa’s%20market,2011%3B%20Hall%2C%202016)
  1. Immagini del praticante: “Orfani di carta”, 2013: https://www.youtube.com/watch?v=XhIMw0ZT8mc
  1.  Al Jazeera: "Il business degli orfani in Cambogia: persone e potere”, 2012: https://www.youtube.com/watch?v=-hf_snNO9X8
  1. Winkler, Tara. "Perché dobbiamo porre fine all'era degli orfanotrofi”, TedXTalks,2016: https://www.youtube.com/watch?v=L3nPMWkhbMI&t=2s
  1. Zembla, “Frodi di adozione negli allevamenti per bambini” 2017: https://www.youtube.com/watch?v=YSsbRcobbUA
  1. BBC World Service, “Sono stato accusato di aver rapito mio figlio adottivo” 2020:https://www.youtube.com/watch?v=WOL9MAsx8lM

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%