La disumanizzazione di un adottato

di Kayla Zheng adottato dalla Cina negli Stati Uniti.

Sarei così audace nel dire che la stragrande maggioranza, se non tutte, le adozioni sono l'atto egoistico di coloro che vogliono o hanno già adottato. Il risultato dell'adozione lascia l'adottato in uno stato perpetuo di disumanizzazione. Se guardiamo alla parola disumanizzazione definita dall'Oxford Dictionary, significa “il processo di privazione di una persona o di un gruppo di qualità umane positive”. Per il pubblico e gli individui che non sono esperti in adozione, il complesso industriale dell'adozione e le sue pratiche, questo può essere piuttosto confuso e la rappresentazione dell'adozione e degli adottati è stata, per la maggior parte, un colpo di scena sensazionale glamour o una forma di sviluppo del personaggio. Eppure, qui sta uno dei tanti modi in cui gli adottati, sia sullo schermo che fuori, vengono disumanizzati e descritti come privi di qualsiasi pensiero o esperienza critica. 

L'adozione, come rappresentata dai social media e dai film, mostra costantemente i genitori adottivi (spesso bianchi) come coppie filantropiche disinteressate le cui uniche intenzioni sono di adorare e riversare amore su un bambino povero (che sono spesso BIPOC), spingendo sempre la narrativa del bianco salvatori. La bontà coerente e intrinseca e la natura altruistica della bianchezza spostano di default sia il potere che le dinamiche razziali a favore della bianchezza e il dipendente, che ha bisogno di essere salvato, è impotente senza l'onnipotente e consapevole bianchezza conferita al figlio di colore. Quando questi modelli di adozione diventano rappresentativi e possono essere consumati dalla società, disumanizza l'adottato per essere semplicemente un burattino senza attributi positivi intrinseci di per sé. Ogni potenziale è legato e associato alle persone che li hanno adottati, lasciando l'adottato come un guscio vuoto usato per restringere i riflettori sui genitori adottivi. Attraverso il cinema e la TV, l'adozione è lo spogliamento di un adottato (di nuovo, prevalentemente BIPOC), l'illuminazione dei genitori adottivi (e, ancora, prevalentemente bianchi), come può la società vederci come esseri umani quando viviamo nell'ombra di coloro chi ci ha adottato? Come possiamo essere visti con un potenziale intrinseco, con i successi dei nostri antenati che scorre nel nostro sangue e sogni che riflettono il nostro vero io quando ci viene costantemente mostrato che non siamo nulla senza adozione? Che non siamo niente senza bianchezza?

Nella continua rappresentazione cinematografica e televisiva dell'adozione e degli adottati, gli adottati sono sempre messi l'uno contro l'altro. Quando pensi ad alcuni dei tuoi film o personaggi preferiti che sono adottati, chi sono? Sono Loki, Frodo Baggins, Black Widow, Batman, The Joker, Lord Voldemort? Il paradosso del fascino e dell'indifferenza della società per gli orfani è distruttivo, la domanda di adottati (e quindi di adozione) è binaria e costringe gli adottati a soddisfare il duplice desiderio di salvare adottati/orfani e di maltrattare un adottato/orfano. La perdita della connessione biologica e della perdita di identità è fantasticata per creare una trama più contestualizzata. La necessità dell'adozione per contribuire al trauma e alla fantasia per la formazione del carattere è molto ricercata. Questa è la doppia disumanizzazione degli adottati attraverso il cinema e la tv.

Il pericolo con i retroscena artificiali e deboli è che incarta gli adottati e gli orfani in forme ristrette e aggrava lo stigma e le aspettative che circondano la nostra esistenza. Questo ruolo forzato di cattivo o eroe non fornisce un'esperienza realistica di incorporazione coesa di rabbia montana, dolore gravoso, gioia trasudante e amore. Ciò che Hollywood e i media progettano di adottati/orfani “cattivi” o “buoni” li limita e li spoglia della loro individualità, autonomia e umanità. L'adottato "danneggiato e distrutto" o l'orfano "vincitore ed eroe" sono ruoli imprecisi e sono una realtà debole che è lontana dalla vita sfumata che un'adottato/orfano vive che richiede un fardello troppo pesante da portare. Il cinema e la TV spogliano la nostra umanità e gli adottati non hanno il privilegio di esistere come noi stessi. Siamo solo per il consumo e lo spazio limitato fornitoci nei tropi binari romanticizza il nostro trauma, limita le nostre capacità e ci riduce per adattarsi al palato di un consumatore. Non apparteniamo mai a noi stessi. Se non possiamo avere la proprietà sulle nostre storie e vite, siamo anche in grado di essere pienamente umani? 

Nella mia esperienza, la più grande forma di disumanizzazione si verifica per un adottato all'interno della chiesa. Cresciuto in un ambiente tutto bianco e fortemente coinvolto in una chiesa bianca che predicava il cristianesimo bianco, ho dovuto sopravvivere in un ecosistema di bianchezza che richiedeva gratitudine ai buoni cristiani bianchi che mi hanno salvato dalla grande, cattiva, pagana Cina comunista. Mi ritroverei, più di una volta, a essere portato in giro in segno di bontà cristiana e bianca. Di come "il Signore opera in modi miracolosi" e mi ha dato "l'opportunità e il privilegio di essere adottato da una famiglia cristiana in un paese cristiano dove ho imparato a conoscere Cristo". Ciò che mi diceva forte e chiaro era che la Cina era irredimibile a meno che non fosse sotto il potere della chiesa cristiana bianca o attraverso l'adozione da parte dei bianchi. In altre parole, non possedevo un potenziale intrinseco e tratti positivi senza che l'uomo bianco mi liberasse e mi fornisse l'accesso al successo sotto la guida del cristianesimo bianco. 

La disumanizzazione è continuata, poiché nei miei primi anni durante le conferenze venivo portato di fronte a una congregazione o fatto salire sul palco accanto ai miei genitori adottivi, e discutevano di come l'adozione fosse un bel regalo che ha toccato la loro vita. Altre volte, i leader dei giovani discutevano apertamente di come la mia adozione sia una metafora di come i cristiani vengono "adottati" nella famiglia di Cristo. E come la mia adozione mi ha dato un nuovo padre – abbiamo un nuovo padre attraverso Gesù! Diverse varianti e versioni di questi scenari hanno afflitto la mia giovinezza e hanno ulteriormente banalizzato la mia esistenza in una metafora di cui altri potrebbero beneficiare. Nessuno si è mai chiesto se l'adozione fosse un dono per me, se essere portato via dalla mia patria abbia toccato la mia vita in un modo bello o no, o essere stato sradicato due volte prima dei tre anni con un gruppo di sconosciuti bianchi mi abbia giovato o potesse sostituire un senso di famiglia per me.

Avere la tua storia raccontata attraverso una lente bianca come persona di colore che protegge l'uomo bianco mentre diminuisce la tua autonomia e le sfaccettate complessità della tua esistenza, è una delle lamentele più disumanizzanti che possono capitare. L'adozione attraverso i media mainstream e la chiesa mi ha dato poco spazio per sentirmi umano, ma invece ha fatto sentire ogni spazio come una pubblicità su cui gli altri potevano proiettare il loro valore, a proprio vantaggio. I vincitori hanno il privilegio di scrivere la storia o parlarne sul palco. I perdenti, quelli a cui non viene data la stessa possibilità di raccontare la propria storia, quelli che vengono comprati... sono disumanizzati. 

Gli articoli più popolari di Kayla: Decolonizzare Mosè & Conseguenze di Atlanta

Perché gli Intercountry Adoptees vogliono conoscere le loro origini?

Il desiderio di conoscere le mie origini è un bisogno umano innato e fondamentale (e giusto).

Il mio bisogno di conoscere le mie origini è simile al tuo bisogno di respirare l'aria che ti tiene in vita.

respiro d'aria di Tim Kakandar

Sappiamo che le nostre origini sono importanti solo quando non le abbiamo o non vi accediamo. Per chi come me, questa è la nostra esperienza quotidiana vissuta!

Come adottato all'estero, vivo tutta la mia vita cercando di scoprire da chi vengo e perché sono stato abbandonato/rubato.

È davvero difficile sapere come andare avanti nella vita se non so come e perché mi sono trovata in questa situazione innaturale. 

La mia vita non è iniziata con l'adozione! Ho una storia genetica, generazioni di persone prima di me che hanno contribuito a quello che sono.

Non possiamo fingere in questo mondo di adozione e formazione familiare che la genetica non abbia importanza, lo fa – in modo significativo; Non sono una tabula rasa su cui imprimere; ci sono conseguenze a questa pretesa e si vede nelle statistiche del nostro tassi più elevati di suicidi tra i giovani adottati!

Una delle esperienze più condivise tra gli adottati con cui mi connetto è il tema del "sentirsi soli", "come un alieno" e tuttavia gli esseri umani non sono fatti per essere isolati. Siamo esseri sociali che desiderano la connessione.

La separazione dalle mie origini naturali e la conoscenza di queste, mi ha lasciato disconnesso e perso in modo fondamentale.

La mia vita è stata spesa cercando di riconnettermi, prima con il mio io interiore, poi con il sé esteriore e con coloro che mi circondano, alla ricerca di un senso di appartenenza.

Come adottato, mi possono essere date tutte le cose materiali del mondo, ma non ha riparato il buco che sente la mia anima, quando non ha nessun posto e nessuno a cui appartenere, naturalmente.

La mia famiglia sostitutiva non equivaleva a un naturale senso di appartenenza.

Ho cercato le mie origini perché i miei sentimenti innati e l'esperienza di isolamento e perdita mi hanno spinto a scoprire da dove vengo e a dare un senso a come sono arrivato qui.

Questo è stato condiviso da Lynelle Long al webinar del 1 luglio: Il diritto del bambino all'identità nell'accoglienza eterofamiliare.

Una contabilità da un adottato

di Maria Cardara, adottato dalla Grecia negli USA; Professore Associato e Presidente del Dipartimento di Comunicazione presso la California State University East Bay.

Sono stati due anni incredibili ma, soprattutto, proprio nell'anno di una pandemia globale. È stato in quest'anno che ho trovato la mia voce come adottato. Sembrava che le stelle fossero allineate. Pensato per essere in questo momento, in questo spazio. Ho trovato persone, o forse sono loro che mi hanno trovato, che mi hanno portato alla mia comunità di compagni adottati, madri naturali, attivisti e sostenitori.

Tutto è iniziato dopo la morte di mia madre adottiva nel 2018. (Mio padre era morto 18 anni prima). La sua morte è stato uno dei momenti più tristi della mia vita. Di nuovo a sinistra, mi sono sentito. Lei e io eravamo cresciuti così vicini nel corso degli anni e avevamo trascorso molto tempo insieme, ma la sua partenza mi ha anche fornito lo spazio di cui avevo bisogno per considerare la vita davanti a lei. E lì era una vita prima di lei, per quanto breve possa essere stata. Anche il mio piccolo io aveva un passato. È stato sepolto, però. Oscurato. In molti modi, cancellato.

Che importava? Come potrebbe importare?

La mia adozione, che avevo messo da parte, era stata al centro e al centro di tutta la mia crescita da bambino e da adolescente. Non l'ho messo lì. Tutti gli altri l'hanno messo lì. Un'etichetta. Un tag. La mia identità è stata imposta. A volte mi ha stigmatizzato. E sicuramente mi ha reso un estraneo che guardava a una vita che ho vissuto, ma che non potevo veramente rivendicare. Come il mio. Da dove vengo in realtà.

Cosa mi ha portato fino ad oggi e qual è il motivo per cui ora posso scriverne?

Nel 2018, ho voluto avvicinarmi alle mie radici come adottato di origine greca. Mi sono iscritto a lezioni di lingua greca in una chiesa a Oakland, in California. Andavo a lezione tornando a casa a Sonoma ogni lunedì sera venendo dall'università dove insegnavo. Quelle lezioni mi hanno ricollegato alla mia cultura. È stata una gioia assoluta ascoltare la lingua, imparare a parlarla e divertirsi nella sua complessità con i miei compagni studenti tutti, almeno parzialmente greci, ma completamente greci nel loro amore per essa.

È stato durante questa lezione che mi è stato chiesto, από ου αι? Di dove sei? μαι α, potrei affermare con orgoglio con certezza. Sono un greco. α ? α. Sono nato ad Atene. οθετήθηκα. Sono stato adottato. io sono adottato. Come la recita di un mantra. Queste due cose mi identificano e sono le uniche due cose che so per certo, come ho notato prima nel mio scritto.

La mia compagna di classe, Kathy, ha detto: "Ho una cugina adottata, Mary, anche lei greca". Mi sono subito incuriosito. C'era qualcun altro che veniva da dov'ero io e che era marchiato come me?!

Adottato.

"Ha una storia incredibile, Mary", ha detto Kathy. “Devi incontrarla e, infatti, lo farai. Sta venendo a trovarci e la porterò in classe". Kathy mi ha raccontato la storia quel giorno e con ogni frase che ha pronunciato i miei occhi si sono allargati e ho continuato a ripetere le parole: No. Stai scherzando? Dio mio. Dio mio. Dio mio. Che cosa? Quella è incredibile!

Nel giro di una o due settimane da quando Kathy mi raccontava la sua storia poco plausibile, Dena Poulias venne in classe. Una donna graziosa, bionda, occhi azzurri, timida e tranquilla, è venuta con sua cugina per ascoltare la nostra lezione. Voleva partecipare, le ha chiesto l'insegnante? No, ha esitato. Era lì solo per ascoltarci e per incontrarci.  

Dopo la lezione mi sono presentata in modo più completo e le ho detto che avevo sentito la sua storia. Sono uno scrittore, dissi a Dena. Sarei onorato di scrivere la tua storia. Mi ha detto che desiderava scrivere la sua storia da anni, ma non ci era riuscita. Non era una scrittrice, disse. Le ho dato il mio numero e il mio indirizzo email. Penso di averla contattata una volta, ma non era pronta. La sua è stata una storia pesante e dolorosa. Non poteva essere successo, ho cercato di convincermi.

Settimane dopo, Dena ha scritto e ha detto che era pronta a parlare. Decise che voleva che raccontassi la sua storia e così nel corso di circa un anno, a intervalli di due giorni qui, una settimana là, il mese successivo avremmo parlato. Be', lei parlava e c'erano così tante cose che non riusciva a ricordare con esattezza. Ma suo marito era il suo ricordo. Così era sua cugina, Kathy. E sua sorella. E sua madre e suo padre. La storia, a differenza di qualsiasi altra cosa che avessi mai scritto, scorreva fuori da me. Sono un giornalista e quindi ho scritto notizie e documentari. Questo era diverso. Saggistica letteraria. Ricreavo scene e dialoghi raccontatimi da fonti in prima persona. Era di portata visiva. Molti che hanno letto le anteprime hanno detto che era cinematografico. Qualunque cosa fosse, era tutto vero. Dena, finalmente, stava raccontando la sua storia a qualcuno e sono stato ispirato dal fatto che finalmente l'abbia fatta uscire fuori.

Nel corso della scrittura, avevo bisogno di alcune informazioni importanti. Stavo per coinvolgere una rispettata organizzazione greca in alcune scandalose pratiche di adozione negli anni '50. Anche curiosare da solo sui social media e fare domande ha portato alcuni commenti online piuttosto odiosi. Quando ho contattato l'organizzazione stessa, prevedibilmente ha negato qualsiasi azione sbagliata. Il presidente ha letteralmente detto: "Non ho idea di cosa tu stia parlando". Vieni a dare un'occhiata ai nostri file a Washington, DC, disse. "Non abbiamo niente del genere e nessuna storia del genere."

Inserisci un Gonda Van Steen, uno dei più eminenti studiosi del mondo in studi greci moderni. Nella mia ricerca, mi ero imbattuta nel suo nuovo libro intitolato Adozione, memoria e guerra fredda Grecia: Kid Pro Quo? Le ho scritto di punto in bianco, mi sono presentato, le ho detto che ero un giornalista e le ho chiesto di questa particolare organizzazione. Lei lo sapeva? Era coinvolto nel commercio e, in alcuni casi, nella "vendita" di bambini?

L'organizzazione era effettivamente coinvolti in queste pratiche di adozione non etiche. Faceva sicuramente parte della storia di Dena. Gonda aveva detto, nel corso delle nostre conversazioni, che la storia che stavo scrivendo suonava terribilmente familiare. Infatti, Dena Poulias compare alle pagine 202 e 203 del suo libro ed era uno dei casi che aveva seguito e raccontato. Ha detto che era stata una delle storie più "commoventi" che aveva incontrato. Gonda ha iniziato a riempirmi la testa di storia e a contestualizzare la mia adozione.

ho continuato a scrivere.

All'inizio del 2021, più o meno quando ho finito la storia di Dena, ho letto un altro incredibile libro sull'adozione chiamato bambino americano, scritto dalla brillante autrice di best-seller, Gabrielle Glaser. Non riuscivo a metterlo giù e sono rimasto trafitto da un'altra incredibile, incredibile storia di adozione simile a quella di Dena. Questo libro è incentrato sulle adozioni domestiche, che sono state altrettanto orribili quanto ciò che stava accadendo sulla scena internazionale. La scrittura di Glaser mi ha spezzato il cuore e in qualche modo l'ha svegliato.

Ho deciso, dopo aver consultato Gonda, di raccogliere storie di adottati nati in Grecia e di metterle in un'antologia. Questo gruppo di adottati, "i bambini perduti della Grecia", non era mai stato sentito prima! Durante le conversazioni sull'avvicinamento agli autori, Gonda ha suggerito, sai, Mary, dovresti contattare Gabrielle Glaser e chiederle se avrebbe scritto The Forward. Da un lato, ho pensato che fosse un'idea folle. Voglio dire, giusto. Gabrielle Glaser?! Veramente? Poi ho pensato, beh, perché no? Le scrissi come avevo scritto a Gonda. Freddo. Ma lei era lì. Lei rispose. Era adorabile. E oggi siamo amici. Il suo libro mi ha anche fatto rivalutare l'adozione stessa. Compreso il mio.

Come ho spiegato in un recente forum online sull'adozione, mi sono sentito come il Leone che ha trovato il suo coraggio, lo Spaventapasseri, che ha trovato il suo cervello e l'Uomo di latta che ha trovato il suo cuore tutto in una volta. Dena mi ha dato coraggio. Gonda mi ha fatto pensare a quello che è successo a me ea migliaia come me. E Gabrielle mi ha aiutato a sentire il battito del mio cuore.

Attraverso di loro ho trovato la mia strada per Greg Luce e Lynelle Long e Shawna Hodgson e così tanti altri troppi da nominare. Ora sto con loro e con i nostri alleati, parlando e scrivendo e sostenendo i diritti degli adottati.

È così che sono arrivato a questo punto. Ma perché scrivo qui e ora?

La condivisione della mia storia di adozione ha suscitato sentimenti e pensieri in altri A proposito di me. Si chiedono. Perché e come mi sento come mi sento? Perché non ho condiviso prima? I miei sentimenti li rendono tristi. Pensavano che fossi felice. Semplicemente non capiscono. E tu sai cosa? Potrebbero mai. Comprendere. E va bene. Non posso e non voglio difendere i miei sentimenti, che sono reali, per quanto estranei e irragionevoli possano sembrare agli altri.

Non ho pensieri sul fatto che avrei dovuto essere adottato o meno. Non ho pensieri sul fatto che la mia vita in Grecia sarebbe stata migliore. Non biasimo nessuno per quello che mi è successo e per come è successo. Non posso tornare indietro e rimettermi in gioco con le persone che stavano facendo quello che stavano facendo. So che stavano prendendo decisioni che pensavano, in quel momento, fossero nel mio interesse.

Non si sono resi conto che mia madre naturale stava soffrendo. Che aveva una famiglia, che l'aveva abbandonata perché era una madre adolescente e nubile. È stata messa da parte ed è stata relegata senza importanza nella storia della mia vita. Come può essere? Io e lei una volta eravamo una cosa sola. Le era stato promesso da un delegato che nessuno l'avrebbe "disturbata" mai più. Si è mai ripresa dalla vergogna che le è stata imposta? E dalla nostra separazione? Aveva bisogno di sostegno e amore per prendere una decisione sobria riguardo al suo bambino, alla sua stessa carne e sangue. Non mi importa se aveva 14 o 24 anni. Aveva bisogno di aiuto.  

La regina Frederika di Grecia ha iniziato una casa trovatello ad Atene 1955

Ho appreso di recente il numero che mi è stato assegnato quando sono stato collocato nella Casa dei trovatelli di Atene l'11 gennaio 1955. È 44488. Ciò significa che migliaia di bambini sono venuti prima di me, tutti relegati ai numeri. Il numero, per quanto freddo, può sbloccare alcune informazioni che desidero e di cui ho bisogno. Ho controllato alcune vecchie lettere dell'agenzia di servizi sociali che si occupava del mio caso. Una lettera dice che ci sono due persone elencate sui giornali quando sono entrato in quell'orfanotrofio. Una madre e un padre. Ho il suo nome. voglio il suo. Chi sono? Da dove vengo? E cosa è successo? Fondamentale per l'integrità di ogni persona è la conoscenza del proprio passato.

Pensa a questo. Se non sei stato adottato, crescendo hai ascoltato la tua storia, forse ancora e ancora. È stato dolce e sentimentale mentre ascoltavi la storia della tua nascita e dei tuoi primi giorni. Sei stato concepito in una certa serie di circostanze. Sei nato in una certa serie di circostanze. I tuoi genitori ricordano quel giorno. Ti raccontano di quel giorno, cosa hai fatto, cosa hanno fatto loro, come eri, quanto pesavi, com'era quando ti hanno portato a casa, che tipo di bambino eri. Insomma, hai avuto una storia che le persone hanno condiviso con te. La mia storia è iniziata nel momento in cui sono entrato tra le braccia di un'altra famiglia che non era la mia. C'era qualcosa, per quanto breve, prima, e io non lo so. Questo è il punto.           

Sono stata collocata con meravigliosi genitori adottivi e in una grande e amorevole famiglia greco-americana. Non ho perso la mia lingua o la mia cultura. I miei genitori erano incredibilmente affettuosi e non posso descrivere la profondità del mio amore per loro e per i miei nonni. Apprezzo la vita che mi hanno dato. Apprezzo la mia famiglia e i miei amici. Ero un bambino felice e un adulto ancora più felice. Chi mi conosce probabilmente descriverebbe il mio amore per la vita e le risate e il mio livello di impegno per le cose e le persone a cui tengo.

MA questo non ha niente, niente a che fare con quello che è successo prima. Queste sono due cose separate. Gli adottati che conosco si sforzano di diventare esseri umani completi. Ciò significa che avevano un passato e hanno bisogno di conoscerlo appieno. Meritano atti di adozione aperti, certificati di nascita originali e cittadinanza di origine, se lo vogliono. Gli adottati hanno diritto a questi e anche noi abbiamo diritto ai nostri sentimenti e pensieri sulla nostra vita. Come ha spiegato di recente un'adottato, incontrare un genitore naturale ti consente di tagliare il cordone ombelicale emotivo. Invitiamo gli altri a fare domande perché si preoccupano di capirci, ma per favore non metterci sulla difensiva. Non dobbiamo spiegare. Siamo stanchi di spiegare. Stiamo solo pensando alle nostre esperienze personali, che sono tutte diverse.  

bramo la connessione. Connessione profonda e inconfondibile con gli altri. Lo sai quando lo provi con un altro essere umano. Forse lo senti così completamente che ti sembra di conoscerli da tutta la vita o in un'altra vita. Sai di cosa sto parlando. Per me, quella connessione è quasi qualcosa di divino. Corro verso la luce e tengo quella fiammella come un fiore prezioso e fragile. me ne occupo io. Coltivalo. Amo sentirmi come se appartenessi e a volte quella sensazione, così bella, è sfuggente nella mente e nel cuore di un adottato.

Anche questo adottato è gay. Quindi, ci sono due punti di differenza che ho dovuto navigare.

Sto con la stessa donna da quasi 30 anni. Circa quindici anni fa ho adottato i suoi figli da un precedente matrimonio. Non c'è un modo semplice per dirlo, ma il padre li ha abbandonati quando erano piccoli. Sono stato un genitore con lei da quando i ragazzi avevano 2 e 3 anni. Non avrebbero potuto essere più "i miei figli". I nostri amici hanno riconosciuto il mio posto nelle loro vite, ovviamente, ma c'erano altri che non avrebbero mai potuto e non l'hanno mai fatto.

Il mio compagno era il "vero" genitore. Quelli erano i "suoi" ragazzi, non miei, mai miei agli occhi di alcuni. Non facevo parte della loro famiglia, ma semplicemente un estraneo. Questo è stato incredibilmente doloroso. In effetti, proprio di recente i ragazzi (ora uomini) sono stati presentati come suoi figli mentre io ero proprio lì.

Che significato ha l'adozione? No, sono serio. Diavolo, non lo so nemmeno io e sono stato adottato e l'ho adottato!

Ho potuto ristabilire la mia cittadinanza greca anni fa e ne sono felice, grato.

Poter ottenerlo è stata l'eccezione alla regola, ho imparato. È stata, per molti versi, un'esperienza umiliante cercare di dimostrare più e più volte chi ero, dove sono nato ea chi. C'era il problema di un certificato di nascita alterato, cosa che non sarebbe mai dovuta accadere e di certo non ha aiutato, ma questa è un'altra storia.

Il mio partner è completamente greco (americano). I bambini sono completamente greci (americani). La mia compagna ha ottenuto la cittadinanza greca tramite i suoi genitori (nati in Grecia) e volevamo che anche i ragazzi avessero la cittadinanza greca nel caso in cui, in futuro, volessero un giorno lavorare in Grecia o all'interno dell'UE. Sarebbe stata una battaglia in salita per dimostrare la connessione greca attraverso i loro nonni materni e poi anche attraverso il loro padre greco e i suoi genitori, con i quali non sono più in contatto. Ma aspetta! Ero il loro genitore legale e anch'io nato greco. Un cittadino! Potrebbero ottenere la cittadinanza tramite me, un genitore legale. Non potrebbero? Facile, no? Ma tieni duro!

Questo non doveva essere. Poiché non ero un genitore naturale, in mancanza di quella connessione biologica, non era permesso. Le persone ottengono la cittadinanza greca attraverso genitori e nonni. Ad altri viene concessa la cittadinanza greca perché sono studiosi famosi o attori o autori, senza alcun legame biologico con la gente del paese. Ma io, un adottato di origine greca, che per caso ha adottato due ragazzi greco-americani, non ho potuto stabilire la cittadinanza per i miei figli. Sono meno miei figli perché non siamo biologicamente imparentati? Non sono affatto miei figli?

Adozione.

Vedi perché ci sentiamo come ci sentiamo. È complicato e spesso significa poco agli occhi di alcuni. Rimane uno stigma. C'è discriminazione. Ancora.

Il sangue non è acqua. Ti piace la compagnia di alcune famiglie quasi come un ospite d'onore, ma spesso non come un membro in buona fede. Sei fuori da qualcun altro, ma non completamente loro.

Non biasimo nessuno. Non sono arrabbiato. Ma questa è la mia realtà. Possiedo tutto e mi va bene. Devo essere. Ma per tutti gli amici e la famiglia degli adottati, vi preghiamo di comprendere che non solo abbiamo diritto a tutti i nostri record. Abbiamo anche diritto alle nostre esperienze e ai nostri sentimenti. Non riflettono su di te. Non riguardano te. Prendiamoli. Possediamo la nostra causa. E per favore, prova ad ascoltare prima. 

A proposito di Mary

Mary ha conseguito un dottorato di ricerca. in Public and International Affairs ed è Professore Associato e Presidente del Dipartimento di Comunicazione dove insegna Comunicazione Politica, Giornalismo e Film documentario alla California State University, East Bay. Mary sta attualmente compilando un'antologia di storie di adottati greci e ha 13 collaboratori per la raccolta con il titolo provvisorio "Voices of the Lost Children of Greece", che sarà pubblicata da Inno stampa nel 2022. Se desideri partecipare, contatta Maria.

Per altri articoli di Mary, leggi Riportateli indietro e Esigere ciò che ci appartiene: la nostra identità greca.

Implicazioni dell'espansione della politica del figlio unico in Cina

di Hannah, adottato dalla Cina al Canada.

Provincia di Guizhou: "Gli esseri umani hanno una sola terra, dobbiamo controllare la crescita della popolazione!" (Adam Secolo)

Nato in Cina

Sono nato in Cina. Questo è tutto, fine della storia delle origini. Questo è tutto quello che so. Probabilmente sono nato nella provincia di Jiangsu, ma anche questo non è certo. La prima testimonianza nota della mia esistenza è una visita medica quando si stima che avessi 20 giorni. Molti dei miei amici sanno dove sono nati, in quale ospedale, in che giorno, alcuni sanno anche il tempo fino al secondo e quanto tempo ci è voluto. Non so niente di tutto questo. Sanno chi era presente al momento della loro nascita, quali membri della famiglia hanno incontrato per primi. Non so niente di tutto questo. La mia data di nascita legale è stimata da quando sono stato trovato, non ho un registro di nascita originale. Il mio nome mi è stato dato dai funzionari dell'orfanotrofio. Non so come mi chiamassi o se i miei genitori biologici si fossero presi la briga di darmi un nome. Il record di dove sono stato trovato e quando sono stato perso o dimenticato. Mia madre (adottiva) ha scritto in un album di ritagli in quale contea è stato detto che sono stato trovato. Non ci sono registrazioni, non ho un certificato di abbandono come fanno alcuni adottati cinesi e non ho un annuncio di ritrovamento registrato. Per molti intenti e scopi, la mia vita è iniziata quando sono stato adottato da una coppia canadese bianca quando avevo meno di un anno. Sono uno delle migliaia di bambini cinesi adottati da stranieri dopo che la Cina ha aperto le sue porte all'adozione internazionale nel 1991.

Come la maggior parte degli adottati cinesi, sono stato adottato all'ombra della politica del figlio unico, introdotta per la prima volta nel 1979. La politica del figlio unico (il nome non ufficiale per la politica di restrizione alle nascite) dettava che alle coppie fosse permesso avere un solo figlio. Ci sono state eccezioni per le famiglie rurali e le minoranze etniche, ma la politica è stata attuata e applicata in modo diseguale in tutto il paese, con diversi livelli di violenza. La preferenza culturale per i figli maschi è ben pubblicizzata e si ritiene che sia la ragione per cui la maggior parte delle adozioni cinesi nell'ambito della politica del figlio unico erano femmine. È ampiamente noto e accettato tra la comunità degli adottati cinesi, la maggior parte di noi nati femmine, che siamo stati abbandonati (o rubati) a causa del nostro sesso alla nascita.

Le modifiche alle restrizioni sulle nascite in Cina

Il 31 maggio 2021, ho controllato le notizie e ho visto un articolo CBC che ha detto che la Cina aveva allentato le sue restrizioni alla nascita e ora avrebbe permesso alle coppie di avere fino a tre figli, invece dei due precedenti, che sono stati implementati nel 2016. Ricordo di aver letto un articolo di notizie simile nel 2015 quando è stato annunciato che la Cina stava rilassando il La politica del figlio unico per la prima volta da decenni per consentire due figli per coppia. All'epoca, non ci pensavo molto, ero felice che le restrizioni fossero state allentate e triste che stessero ancora controllando i diritti riproduttivi. Eppure, questa mattina, quando ho visto la notizia, mi sono sentito molto più forte. Forse è perché durante la pandemia, ho fatto uno sforzo per connettermi alla comunità degli adottati, unendomi ai gruppi Facebook online, gestiti da adottati per adottati. Ho iniziato a provare a (ri)imparare il mandarino, che avevo dimenticato da tempo, nonostante avessi preso lezioni di mandarino quando ero piccola. Forse è a causa dei riflettori puntati sul razzismo anti-nero e anti-asiatico a causa delle molteplici uccisioni di polizia di alto profilo di persone di colore, l'aumento dei crimini di odio asiatici a causa della retorica razzista sull'origine della pandemia, che mi ha costretto per esaminare più da vicino la mia identità razziale e culturale come adottato canadese, transrazziale, cinese, internazionale. Ma forse più di tutto, è perché ho due sorelle, anch'esse adottate dalla Cina, cosa che fino ad ora non era consentita in Cina per la maggior parte delle famiglie.  

Emozioni confuse

Per molte ragioni, leggere l'articolo sulla nuova politica rilassata della Cina, mi ha dato molti altri sentimenti contrastanti. Ancora una volta, la felicità per una politica rilassata e la tristezza e la delusione per il continuo controllo dei corpi delle donne e dei diritti riproduttivi. Ma questa volta è arrivato con un altro sentimento: rabbia. Sono arrabbiato. Sembra uno schiaffo in faccia per tutti gli adottati cinesi e le loro famiglie biologiche che sono state (forzatamente) separate in base alla politica del figlio unico. Sembra che non sia stato per niente, anche più di prima. Qual è stato il motivo per cui i miei genitori biologici mi hanno abbandonato (se è quello che è successo) se avessero solo cambiato la politica in seguito? Che senso ha creare la politica quando il tasso di natalità era già in calo, come avviene quando le donne hanno un maggiore accesso all'istruzione, alla carriera e ai contraccettivi, e ora vogliono aumentare di nuovo il tasso di natalità? Qual è stato lo scopo di spogliarmi del mio nome, del mio compleanno, della mia cultura, quando la forza trainante del mio abbandono è stata (semi-)invertita? Se ora alle coppie cinesi è permesso avere tre figli (lo stesso numero di me e delle mie sorelle), allora qual era il senso della politica che ha spinto migliaia di bambini, per lo più ragazze, ad essere abbandonati, abortiti e trafficati?

Emozioni miste di KwangHo Shin

Ora la politica è stata cambiata e allora? Sono ancora un cinese adottato, vivo a migliaia di chilometri dal mio paese di nascita, senza un modo semplice per collegarmi a parenti di sangue viventi, a meno che non voglia tentare una ricerca. Sono ancora un cinese adottato che non conosce il mio nome di nascita, compleanno o luogo di nascita. Gli adottati sudcoreani hanno combattuto e hanno fatto pressioni con successo sul governo sudcoreano per il riconoscimento e le riparazioni (limitate). Gli è stato dato un modo per recuperare la cittadinanza sudcoreana e ora possono richiedere il visto F-4 (patrimonio coreano). Durante la pandemia, il governo sudcoreano ha inviato mascherine gratuite agli adottati coreani. La Cina non riconosce la doppia cittadinanza, né fornisce agli adottati un visto speciale che consentirebbe loro un modo più semplice per tornare nel loro paese di nascita. La Cina non riconosce gli adottati internazionali o come le migliaia di bambini adottati a livello internazionale siano state conseguenze dirette della politica del figlio unico. La politica è stata allentata e ora le coppie cinesi possono avere fino a tre figli, come la mia famiglia in Canada. La politica che probabilmente ha guidato la mia adozione è stata allentata, eppure nulla è cambiato per me, e il governo cinese va avanti.

Cosa succede se?

Non mi piace pensare a cosa-se e cosa-potrebbe essere. Non mi piace immaginare come sarebbe potuta essere la mia vita se non fossi mai stata abbandonata (o rubata), se non fossi mai stata adottata, se invece fossi stata adottata da una coppia cinese ecc. Ma questo recente annuncio mi ha costretto a pensare al cosa-se. Nello specifico, "E se la mia famiglia naturale fosse stata in grado di tenermi perché non era limitata dalla politica del figlio unico?" Sono felice e soddisfatto della mia vita attuale. Nonostante i singhiozzi occasionali, le micro aggressioni razziste e le lotte per l'identità, non cambierei nulla. Ciò non significa che non posso e non piangerò la vita che mi è stata tolta a causa della politica del figlio unico. Mi dispiace di non sapere come mi hanno chiamato i miei genitori biologici (se lo hanno fatto). Mi dispiace di non conoscere la data, l'ora e il luogo in cui sono nato. Mi dispiace di non sapere, e forse non lo saprò mai, se assomiglio a qualcuno dei miei parenti biologici. Mi dispiace che probabilmente non conoscerò mai la storia completa dietro la mia adozione. Mi dispiace che come canadese, non mi sentirò mai completamente a mio agio in Cina e che come cinese adottato, non sarò mai visto come completamente canadese. E sono arrabbiato perché il governo cinese può cambiare la politica del figlio unico e andare avanti, mentre io e migliaia di altri ne sopporteremo le conseguenze per il resto delle nostre vite.

La bugia che amiamo

di Jessica Davis, madre adottiva negli USA che ha adottato dall'Uganda e co-fondato Kugatta, un'organizzazione che ricollega le famiglie ugandesi ai loro figli, rimossi tramite adozione internazionale.

La bugia che amiamo. Adozione.

Ho sentito dire che l'adozione è uno dei più grandi atti d'amore, ma è così? Forse ciò che è ed è stata l'adozione per la maggior parte delle persone non è davvero così "grande" come è stato descritto.

Invece di concentrarci sull'immaginario fiabesco della nuova "famiglia per sempre" che viene creata attraverso l'adozione, dovremmo concentrarci su come l'adozione significhi la fine di una famiglia; l'assoluta devastazione del mondo di un bambino con conseguente separazione da tutti e da tutto ciò che gli è familiare. Quando l'attenzione è fuori luogo, non siamo in grado di aiutare veramente il bambino e, di conseguenza, spesso riponiamo su di lui aspettative non realistiche. Aspettative di gratitudine, legame, assimilazione e persino aspettarsi che "passino avanti" dalle loro storie.

Quindi quale motivo è abbastanza accettabile per separare definitivamente una famiglia? Povertà? Se una famiglia è povera va bene prendere il proprio figlio? O non sarebbe più amorevole e più utile investire tempo e risorse nel potenziamento economico della famiglia in modo che possano stare insieme?

Se un bambino ha bisogni medici che la famiglia sta lottando per soddisfare, va bene prendere il loro bambino OPPURE è un atto di amore e decenza umana più grande assistere quella famiglia in modo che possano soddisfare i bisogni del loro bambino e rimanere insieme?

Se una famiglia è caduta in disgrazia, va bene prendere il proprio figlio? OPPURE dovremmo stringerci intorno alla famiglia e aiutarli nei momenti difficili in modo che possano rimanere insieme?

Che dire di un bambino che ha perso entrambi i genitori? Allora va bene adottare il bambino? O sarebbe un atto d'amore più grande assicurarsi prima che il bambino viva con i suoi parenti biologici, la sua famiglia? Perché è meglio creare una nuova famiglia con estranei quando ci sono parenti biologici estesi?

E se un bambino vive in un paese in via di sviluppo? Allora è meglio prendere un figlio dalla propria famiglia per dargli accesso a più “cose” e “opportunità”? Per dare loro una “vita migliore”? È anche possibile vivere una “vita migliore” separati dalla propria famiglia? OPPURE sarebbe un atto d'amore più grande sostenere quella famiglia in modo che il loro bambino possa avere accesso a più cose e opportunità all'interno del proprio paese? Per costruire il futuro di quel paese, investendo e sostenendo quel bambino in modo che possa diventare il meglio che può. In che modo aiuta un paese in via di sviluppo se continuiamo a portare via inutilmente i loro futuri medici, insegnanti, assistenti sociali, dipendenti dei servizi pubblici, ecc.?

Non so molto sull'adozione domestica, ma so molto sull'adozione internazionale e queste sono alcune delle tante ragioni che sento ripetutamente come convalida per la separazione permanente di un bambino dalla famiglia, dai parenti biologici e dal paese di origine.

Ai genitori e alla famiglia allargata non è stata data alcuna opzione (a parte l'adozione) quando cercavano aiuto/assistenza. Che scelta c'è quando c'è solo un'opzione data? Non solo alla maggior parte di queste famiglie non viene data alcuna opzione, ma spesso viene detto che il loro bambino starà "meglio" senza di loro e che tenere il proprio figlio impedisce loro di queste "grandi opportunità". Questa mentalità è sbagliata e dannosa per il loro bambino.

Gran parte della narrativa sull'adozione è costruita attorno alla necessità di "salvare" un bambino impoverito fornendo una "famiglia per sempre" ma 70%-90% di bambini adottati all'estero HANNO FAMIGLIE. Quali altre cose continuiamo a fare in adozione sapendo 4 volte su 5 che stiamo sbagliando?

Alcuni dicono che il più grande atto d'amore è l'adozione, io dico che il più grande atto d'amore è fare tutto ciò che è in proprio potere per tenere unite le famiglie.

Ho intitolato questo post La bugia che amiamo perché sembra che tanti di noi amino l'ADOZIONE (e la fiaba spesso da essa perpetuata) più di quanto amiamo IL BAMBINO stesso. Ciò è dimostrato ogni volta che un bambino viene inutilmente spogliato della sua famiglia e della sua cultura, il tutto mentre noi, come società, incoraggiamo e promuoviamo un tale processo. Questo accade quando prima non siamo disposti a fare il duro compito di porre le domande difficili; quando preferiamo ignorare la realtà a portata di mano e vivere la “favola” che qualche problema è stato risolto adottando un bambino che aveva già una famiglia amorevole.

Un giorno, spero che le cose siano diverse: che sempre più persone capiranno che non c'è una crisi orfana, ma piuttosto c'è un crisi di separazione familiare accade nel nostro mondo e l'adozione non è la risposta, anzi è parte del problema. L'adozione internazionale è diventata un'attività con enormi quantità di denaro da guadagnare e poche o nessuna protezione per i più vulnerabili perché la maggior parte di noi si siede nei nostri comodi primi mondi ed è felice con la favola. L'adozione è davvero la menzogna che amiamo!

Per saperne di più da Jessica, lei e il marito Adam sono stati recentemente intervistati in questo forse Dio podcast : Ogni orfano ha bisogno di essere adottato?.

Guarda l'altro di Jessica articolo all'ICAV e lei Buon problema podcast insieme a Lynelle e Laura come una serie in 3 parti di Leigh Matthews.

Le adozioni finlandesi sono simili a quelle olandesi.

di Sabina Söderlund-Myllyharju, adottato da Taiwan alla Finlandia.
Traduzione di Fiona Chow. Post originale qui in svedese.

Recentemente il mio feed di notizie di Facebook è stato inondato di importanti notizie provenienti da luoghi come Paesi Bassi, Svizzera e Svezia. I Paesi Bassi hanno sospeso tutte le adozioni dall'estero dopo che un'indagine ha rivelato abusi sistematici e adozioni illegali. Un'indagine simile è stata avviata in Svizzera. In Svezia, gli adulti adottati dal Cile, insieme a quelli di altre nazioni, stanno lottando per un'indagine a livello nazionale da attuare il prima possibile. 

Questo accumulo di vapore nel mondo delle adozioni ha iniziato a suscitare sentimenti dentro di me. Da molto tempo osservo una forte opposizione all'adozione da parte di adulti adottati negli ambienti internazionali in cui sono coinvolto sui social media. Ma fermare completamente tutte le adozioni? Mi suonava estraneo. Molti anni fa, la pensavo allo stesso modo, ma da allora mi sono reso conto che questo modo di pensare è un po' troppo radicale. Almeno, non finché ci sono bambini là fuori senza genitori.

L'altra sera, ho ascoltato una discussione in cui un genitore adottivo svedese si è apertamente intrattenuto con i bambini adottati illegalmente che ora chiedono alla Svezia di assumersi la responsabilità. Li ha sostenuti con tutto il cuore, anche se il suo fidanzamento rischia di portare conseguenze negative nella sua stessa vita. Mi ha scaldato il cuore che lei, come genitore adottivo, sia disposta a fare tutto ciò che è in suo potere in modo che i suoi figli in futuro non abbiano bisogno di mettere in discussione il sistema di adozione allo stesso modo dei bambini rubati di oggi.

La mia adozione non è andata come avrebbe dovuto, e questa è stata la fonte di una miriade di emozioni diverse dentro di me. Questi hanno spaziato dalla tristezza di non essere cresciuto con la mia famiglia biologica, alla vera rabbia per un sistema pieno di inadeguatezze. Com'è possibile che io sia stato trasportato da un continente all'altro con l'aiuto di documenti falsificati? Che i colpevoli siano stati ora processati e puniti è ovviamente giusto e giusto, ma perché non c'è mai stato alcun tentativo di riunire me e dozzine di altri bambini con le loro famiglie originali?

Allo stesso tempo, ho provato enormi sensi di colpa anche solo per aver pensato in questo modo, dato che ho avuto una bella vita qui in Finlandia. Chi sono davvero per lamentarmi? In realtà, non si tratta di non essere grati. Sono davvero grato per molte cose, non ultima delle quali ci sono i miei tre figli che stanno crescendo in un paese fantastico come la Finlandia. Tuttavia, sono grato di essere stato separato dalla mia madre biologica? Posso anche smettere di chiedermi perché i miei documenti di identità sono stati falsificati al momento dell'adozione? Sono stato venduto? È questo che voleva davvero mia madre biologica?

Sono passati molti anni dalla mia adozione e all'epoca gli accordi sono stati presi in privato, senza l'aiuto di un'agenzia di adozione, né la protezione che tale agenzia avrebbe fornito. Sono felice che le adozioni finlandesi di oggi siano regolamentate in modo completamente diverso, in modo che possiamo essere certi che le cose siano fatte in modo legale e corretto quando affidiamo i bambini all'adozione internazionale. Questo è il modo in cui è, non è vero? Sicuramente la nostra attenzione è su ciò che è meglio per il bambino, proprio come richiede la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia (UNCRC)? Sicuramente scegliamo di agire senza indugio quando sorgono attività sospette nel campo delle adozioni?

La mia speranza è che gli adottati, i genitori adottivi e gli adottanti possano essere certi che tutti coloro che lavorano con l'adozione in Finlandia siano, con buona coscienza, in grado di dire che tutto funziona come dovrebbe. Spero sinceramente che le agenzie di adozione come Interpedia, Save the Children e la città di Helsinki siano state silenziose per così tanto tempo perché non hanno assolutamente nulla da nascondere. 

Allo stesso tempo, difficilmente posso essere l'unica persona a pensare che un'indagine statale indipendente sia attesa da tempo, anche in un paese come la Finlandia.  

Rivoglio i miei fratelli

di Erika Fonticoli, nato in Colombia adottato in Italia.

Cosa sono i fratelli e le sorelle? Per me, sono piccoli o grandi alleati di tutte o nessuna battaglia. Nel corso della mia vita ho capito che un fratello o una sorella possono essere l'arma vincente contro ogni ostacolo che si presenta e, allo stesso tempo, quella confortante vicinanza che si prova anche quando non c'è battaglia da combattere. Un genitore può fare molto per i propri figli: dare amore, sostegno, protezione, ma ci sono cose che non diremmo mai a un genitore. E... che ne dici di un fratello? Ci sono cose nella mia vita che non ho mai potuto dire a nessuno, e anche se ho avuto un rapporto di amore-odio con mia sorella fin dall'infanzia, non c'è niente di me che lei non sappia.

Nel momento peggiore della mia vita, quando ero così ferito e ho iniziato ad avere paura di fidarmi del mondo, lei era la mano che ho stretto tra mille altre. Siamo due persone totalmente diverse, forse abbiamo in comune solo giocosità e DNA, ma lei rimane comunque la persona da cui mi sento più compresa e supportata. Amo i miei genitori adottivi, amo i miei amici, ma lei, lei è l'altra parte di me. A volte siamo convinti che la forza di una relazione dipenda dalla durata di essa o dalla quantità di esperienze vissute insieme. Già, beh.. Non ho condiviso molti momenti con mia sorella, non è stato un rapporto facile il nostro, ma ogni volta che ne avevo bisogno lei era sempre al mio fianco. Non ho dovuto dire niente o chiedere aiuto, lei lo ha sentito ed è corsa da me.

E i fratelli ritrovati da adulti? Possiamo dire che valgono meno? Sono stato adottato all'età di 5 anni, con mia sorella che aveva 7 anni. Per 24 anni ho creduto di avere solo un'altra versione di me stessa, lei. Poi, durante la ricerca delle mie origini, ho scoperto di avere altri due fratelli, poco più piccoli di me. La mia prima reazione è stata shock, confusione, negazione. Seguirono emozione, sorpresa e gioia. Infine, a queste emozioni si aggiungevano lo smarrimento e la paura di essere rifiutati da esse. Dopotutto, non sapevano nemmeno che esistessimo, io e mia sorella maggiore eravamo estranei per loro. Allora... come potrei presentarmi? Me la sono fatta almeno un centinaio di volte fino a quando, immersa in un ricco brodo di emozioni, ho deciso di buttarmi. Sentivo dentro di me l'irrefrenabile bisogno di conoscerli, di vederli, di parlargli. È stata forse la cosa più assurda che abbia mai vissuto. “Ciao, piacere di conoscerti, sono tua sorella!”, ho scritto loro.

A pensarci adesso mi viene da ridere, eppure all'epoca pensavo che fosse un modo così carino per conoscersi. Mia sorella minore, proprio come temevo, mi ha rifiutato, o forse ha rifiutato l'idea di avere altre due sorelle di cui non aveva mai sentito parlare. I primi mesi con lei sono stati terribili, duri e pieni di emozioni altalenanti, spinti sia dal suo desiderio di avere altre sorelle, sia dalla sua sfiducia nel credere che fosse reale. Non era facile, per lei ero un perfetto sconosciuto eppure aveva l'inspiegabile sensazione di essere legata a me, la sensazione di volermi nella sua vita senza nemmeno sapere chi fossi. Mi rifiutava eppure non poteva non cercarmi, mi guardava come se fossi qualcosa da studiare, perché era scioccata dal fatto che assomigliasse così tanto a qualcun altro che non aveva mai visto per 23 anni .

Con mio fratello è stato completamente diverso, mi ha chiamato subito “sorella”. Abbiamo parlato incessantemente dall'inizio, notti insonni per raccontarci, scoprendo a poco a poco di essere due gocce d'acqua. Era mio fratello dal primo momento. Ma come è possibile? Non lo so. Quando sono partito per incontrarli, diretto dall'altra parte del mondo, mi sembrava tutto così folle. Continuavo a ripetermi: "E se non gli piaccio?", e mi chiedevo come sarebbe stato trovarmi faccia a faccia con loro. La risposta? Per me non è stato un conoscersi per la prima volta, è stato un rivederli. Come quando ti allontani e non vedi la tua famiglia per molto tempo, poi quando torni a casa per vederli di nuovo
ti senti commosso e corri ad abbracciarli. Questo è stato il mio primo momento con loro! Un momento di lacrime, un abbraccio senza fine, seguito da un rapido ritorno giocoso e affettuoso come se la vita non ci avesse mai separati nemmeno per un giorno.

Quindi... valgono meno? Il mio rapporto con loro è meno intenso e autentico di quello con mia sorella, con cui sono cresciuto? No. Pensavo di avere un'altra metà di me, ora mi sento come se ne avessi tre. Ne vedo uno ogni giorno, ascolto costantemente gli altri due per messaggi o videochiamate. Ci sono cose nella mia vita che non posso dire a nessuno, cose che solo i miei tre fratelli sanno, e nei momenti più difficili della mia vita adesso ho tre mani che prenderei senza pensarci. Amo la mia famiglia, i miei genitori adottivi e la mia mamma biologica, ma i miei fratelli sono la parte del mio cuore di cui non potrei vivere senza. Averli nella mia vita mi riempie di gioia, ma averne due così lontani da me scava dentro di me un abisso che spesso si trasforma in un grido di mancanza e nostalgia. Lacrime dietro le quali si nasconde il desiderio di condividere con loro tutti gli anni che ci sono stati tolti, le esperienze ei momenti fraterni che ho vissuto con loro solo venti giorni in Colombia.

Come dicevo prima, secondo me, non importa la durata di una relazione né la quantità di esperienze vissute insieme ma la qualità… detto questo, anche quei rari momenti ci sembrano un sogno ancora irrealizzabile. Nei periodi più importanti e delicati della nostra vita spesso ci sentiamo sopraffatti dall'impotenza e dall'impossibilità di sostenerci a vicenda, perché purtroppo una parola di conforto non sempre basta. Possiamo scriverci, chiamarci, ma niente potrà mai sostituire il calore di un abbraccio quando senti che il tuo cuore sta soffrendo.

Nella fase più dolorosa e traumatica della vita di mia sorella minore, quando ha iniziato ad avere paura del mondo, quando pensava di meritare solo calci e insulti, quando pensava di non avere nessuno, le ho scritto. Le scrivevo ogni giorno, preoccupata e addolorata, e per quanto cercassi di trasmetterle il mio amore e la mia vicinanza, sentivo di non poter fare abbastanza. Mi sentivo impotente e inutile, sentivo che non c'era niente che potessi fare per lei, perché quando mi sentivo schiacciata dalla vita era l'abbraccio di mia sorella maggiore che mi faceva sentire protetta. Ed è quello che la mia sorellina voleva in quel momento, un mio abbraccio, qualcosa di così piccolo e
semplice che non potevo dargliela perché la distanza me lo impediva. E nemmeno nostro fratello perché anche lui è cresciuto lontano, in un'altra famiglia. Non sapevo cosa fare, come potevo aiutarla, era spaventata e ferita. Volevo che venisse a vivere con me, lei e il mio nipotino, così potevo prendermi cura di loro e aiutarli nel momento più difficile della loro vita. L'ho esaminato per mesi, ricerca dopo ricerca, e poi ho scoperto che nonostante il test del DNA avesse riconosciuto che siamo sorelle, il mondo no.

Legalmente, eravamo ancora dei completi estranei, proprio come quando abbiamo parlato per la prima volta.

Vorrei che la legge dia la possibilità ai fratelli separati dall'adozione di essere ricongiunti se questo è il desiderio di entrambi, che la legge ci permetta di godere di quei diritti che solo un vincolo familiare offre. Non abbiamo deciso di separarci, è stato scelto per noi, ma non vogliamo incolpare nessuno per questo. Vorremmo solo avere la possibilità di trascorrere il resto della nostra vita come una famiglia, una famiglia sentimentale e legale a tutti gli effetti. Non deve essere un obbligo per tutti, ma un'opportunità per quei fratelli biologici il cui legame è sopravvissuto. Un'occasione per noi perfetti sconosciuti che, nonostante tutto, ci definiamo famiglia. Forse qualcuno si ritroverà in quello che ho sentito e provo ancora, forse qualcun altro no, ma proprio perché ogni storia è diversa penso che dovrebbe esserci la possibilità di un lieto fine per tutti. Il mio sarebbe riavere i miei fratelli.

L'eredità e gli effetti degli abusi nell'adozione

Parte 2 di una serie di 3 parti sugli abusi sessuali nell'adozione

Quando si verifica un abuso a un bambino da parte delle stesse persone che dovrebbero proteggerlo, si crea una devastante eredità di impatti. Ho vissuto con la mia famiglia adottiva per 19 anni fino a quando non sono partiti per andare all'estero per essere missionari. Fino a quel momento della mia vita, avevo imparato a sopprimere le mie verità e a seppellirle nel profondo del mio corpo.

Come si può mai descrivere l'impatto e l'eredità che ci rimangono come vittime di abusi sessuali all'interno di una famiglia adottiva? Le parole sembrano inadeguate.

Ci si aspetta che il peggior crimine non venga raccontato - Darrell Hammond

Ho visto Darryl Hammond's Cracked Up storia di vita su Netflix: mi ha aiutato a trovare le parole. Consiglio vivamente di guardarlo per coloro che vogliono seriamente comprendere il trauma infantile e l'eredità che lascia. Ho raccontato la sua storia su così tanti livelli: la rabbia verso se stessi per essere stati così vulnerabili, le emozioni contrastanti su queste stesse persone che sono i tuoi genitori che gli altri vedono solo come persone fantastiche e meravigliose, i ricordi di abusi in cui il mio corpo si è sentito violato, mancato di rispetto e usato per i propri scopi, i meccanismi di coping che ho sviluppato per sopravvivere, la scia di devastazione lasciata nelle prime relazioni e scelte perché non sapevo meglio fino a quando non ho ricevuto un aiuto professionale, il tenta di togliermi la vita perché il dolore era così insopportabile, la depressione, l'oscurità che mi avrebbe consumato. Tanti paralleli con la vita che ho vissuto finché non ho trovato aiuto e guarigione. Per fortuna non mi ci sono voluti più di 50 anni, ma ha sicuramente consumato gran parte della mia vita da adulto e continuo ancora ad affrontare gli impatti fino ad oggi. Penso che questa sia la parte che la maggior parte delle persone non capisce quale evidenzia il documentario di Darryl: il nostro trauma non ci lascia mai: ciò che può migliorare è che impariamo a perdonare noi stessi per i nostri meccanismi di sopravvivenza e di coping, e possiamo imparare a riconnetterci e a prenderci cura di noi stessi. È un viaggio di una vita di guarigione e di venire a patti con ciò che ci è stato tolto: la nostra innocenza e il potenziale per vivere la vita senza quelle cicatrici brutali.

Ogni giorno, ogni settimana, ogni anno faccio fatica a comprendere la mia famiglia adottiva. La mia mente d'infanzia non riesce a integrare il fatto che avrebbero potuto essere così crudeli, cattivi, negligenti, meschini, ma tuttavia erano anche i miei salvatori, la mia ancora di salvezza per sopravvivere a una guerra, i miei soccorritori. È la loro tacita aspettativa che io vada avanti con la vita come se non fosse successo nulla che continua a ferire di più. L'ho fatto per molti anni, ma diventa più difficile man mano che invecchio e non riesco più ad accettarlo. Non posso più negare l'impatto emotivo che provo ogni volta che interagisco con loro. È stato così difficile fingere di non farmi del male, non ce la faccio più. Quello che scelgono di vedere è un sopravvissuto forte e resiliente che ha vinto. Sì, questo fa parte di ciò che sono, ma ciò che non vogliono vedere è l'altra metà: il bambino interiore ferito e traumatizzato che vuole essere protetto, amato e nutrito. Ho dovuto imparare a donare a me stesso perché loro non sono stati capaci. Nessun membro della mia famiglia adottiva vuole sapere come sono influenzato o capire la mia lotta. Questo è perché la loro vergogna è più profonda del mio dolore. Questo è ciò di cui nessuno parlerà. Non mi è sfuggito che Darryl Hammond racconta pubblicamente la sua storia dopo che entrambi i suoi genitori sono morti. Riconosco che inconsciamente proteggiamo i nostri genitori se hanno abusato di noi ed è a nostre spese per la salute mentale, farlo. Questa è la triste realtà del trauma infantile inflittoci dai nostri presunti "amorevoli" genitori.

Ho scritto a malapena su questo argomento in oltre 20 anni – in alcuni punti lo cito brevemente ma raramente in modo approfondito. Non è un argomento che amo né è un argomento di cui parlo per far vergognare la mia famiglia. Lo faccio ora, per incoraggiare gli altri che sono torturati dalla vergogna per quello che è successo loro - a parlare, trovare la loro voce e potenziare se stessi. Il primo articolo Ho scritto su questo argomento che ho mantenuto anonimo per la mia vergogna e il desiderio di proteggere la mia famiglia adottiva. Ripenso a quanto sia ridicolo che avrei dovuto mai sentirmi dovevo proteggerli. Come persona adottata, non c'è niente di peggio che essere abbandonato dalla mia prima famiglia e poi non essere protetto dalla mia seconda. I miei strati di perdita e dolore si sono moltiplicati!

Non dimentichiamo mai cosa succede a noi come sopravvissuti agli abusi sessuali, possiamo semplicemente passare dall'odio e dalla rabbia che sono così validi, alla realizzazione che ci danneggia solo se permettiamo che si marciscano o ci feriscano. Per la mia stessa sopravvivenza, devo conviverci e andare avanti – in qualche modo ho imparato a rimanere fedele ai miei bisogni e ad assicurarmi che la mia vita non sia più controllata dalle azioni sconsiderate dei colpevoli molti anni fa, o dalla vergogna e colpa che ora li controlla.

La mia vita sessuale è per sempre offuscata e danneggiata. Non avrò mai una relazione con il mio partner che avrei potuto avere, se non avessi subito interferenze sessuali. Essere abusato in questo modo ha sempre aggravato la mia capacità di fidarmi, di voler essere vicino, di sentirmi al sicuro con persone e figure al potere, distrugge la mia fede in un potere più grande: la mia spiritualità. Non era sorprendente che dopo il Commissione reale sulle risposte istituzionali agli abusi sessuali, il documentario Rivelazione ha rivelato che molti bambini si erano suicidati che gli investigatori hanno attribuito direttamente ad essere stati abusati sessualmente. Non è un segreto che molti di noi che sono stati abusati finiscono per intossicarsi, distruggendosi perché la nostra anima è così danneggiata e ferita. Vogliamo solo che il dolore finisca, vogliamo che qualcuno ci raggiunga e ci aiuti.

Piango per il bambino dentro di me che era così vulnerabile e fiducioso ma è stato così fuorviato e sfruttato dai maschi della mia famiglia adottiva (estesa e immediata). Piango per coloro in tutto il mondo che devono convivere con questo orrendo crimine per noi come bambini innocenti. L'abuso sessuale è una terribile realtà per chiunque, ma averlo fatto all'interno di una famiglia adottiva aggiunge così tanti strati più complessi di traumi che diventano quasi impossibili da svelare e affrontare. Il trauma dell'abbandono in sé e per sé è abbastanza terribile. L'abbandono e poi l'abuso nella famiglia adottiva è solo una distruzione dell'anima. Spero che un giorno le persone smettano di parlare di adozione come se ci salvasse sempre e si rendano conto che l'abuso sessuale, fisico, emotivo è troppo diffuso negli ambienti familiari adottivi. Dobbiamo cambiare questo!

Voglio sottolineare che ho incontrato molti fantastici genitori adottivi e non sono così amareggiato e contorto da etichettarli tutti con questa pennellata, ma voglio risvegliare la nostra società al più grande mito che l'adozione ci salva. Da un luogo di onestà - per quelli di noi che vivono abusi in famiglie adottive, è probabilmente il più grande killer silenzioso di adottati!

Non ho mai parlato quando ero giovane perché mi è stato costantemente detto come fortunato che sono stato da amici e sconosciuti. Non ho mai parlato perché mi hanno fatto sentire una merda nella mia famiglia adottiva, preso di mira, scelto, lo schiavo di famiglia, chiamato con nomi come "tronchi d'albero" o "faccia di scimmia". Ricordo un giovane Matthew, non l'ho mai dimenticato, era raro che fosse gentile con me e poteva percepire cosa stava succedendo. Matthew è stato assunto da mio padre come nostro nuovo bracciante agricolo per dare una mano. Era biondo, occhi azzurri, rispettoso e forte. Ricordo che si oppose al mio padre adottivo chiedendomi perché fosse così duro con me, costringendomi a fare il lavoro che un giovane come lui poteva fare, ma ero una ragazza pubescente. Mio padre si è liberato rapidamente di lui. Non ho mai più sentito o visto Matthew.

Chissà come sta oggi Matthew e se ha trovato un altro lavoro. Mi è dispiaciuto che sia stato a causa mia che ha perso il lavoro, ma fino ad oggi, lo ricordo sempre per essere stato gentile senza implicazioni sessuali e molto rispettoso di me. Aveva mostrato pura preoccupazione per me. Vorrei che avesse denunciato mio padre e i suoi modi. Non sa fino a che punto sia arrivato mio padre con l'abuso e se lo sapesse, probabilmente odierebbe il fatto di non aver fatto qualcosa.

I miei amici in chiesa ea scuola a volte hanno visto come mi trattava mio padre, ma sembra che nessuno abbia riferito nulla. Perché dovrebbero? Mia madre era la preside della scuola, i miei genitori erano entrambi visti come forti cristiani con un background missionario, attivi nella chiesa e nella comunità, guidando i gruppi giovanili, ospitando i vigili del fuoco. Non stavo recitando. Ero un accademico scolastico e di successo. Non ero drogato. Ma mi sono ritirato in me stesso. Ho sempre pensato di essere un introverso fino a quando la mia famiglia adottiva se ne andò mentre io rimasi indietro per iniziare l'anno 12 mentre loro andarono a vivere e lavorare all'estero come missionari.

Ricollegandomi con alcuni della mia famiglia adottiva allargata negli ultimi anni, ho confermato che alcuni avevano dubbi su come venivo trattato fin dall'infanzia. Alcuni mi hanno detto che avrebbero voluto, col senno di poi, di aver fatto di più, di aver riportato i loro sospetti. Come persona adottata, non ho mai sperimentato un genitore protettivo o sicuro. mi dispiace!

In questi giorni ho la resilienza per guardare cose come Rivelazione e Cracked Up. Di solito evito perché sarei un tale relitto guardando tutto ciò che assomigliava molto ai miei traumi. Ho imparato a trasformare la mia agitazione emotiva in qualcosa di costruttivo. Scrivo per condividere con il mondo intero come possiamo proteggere meglio i bambini vulnerabili. Trasformo la tragedia della mia infanzia in un'opportunità per parlare e dare agli altri il potere di fare altrettanto. Sostengo coloro che stanno ancora lottando per trovare la propria voce. Parlo degli argomenti messi a tacere che le persone non vogliono discutere. Parlo per dare speranza ad altri adottati come me, con il messaggio che la tua vita non deve essere distrutta. C'è un modo per guarire e andare avanti. Non dobbiamo vergognarci. Non abbiamo nulla di cui vergognarci! Possiamo parlare anche se non otteniamo giustizia legale. Possiamo aiutare a incoraggiare i nostri compagni di sventura a trovare il loro coraggio e a liberarsi dai loro manti di vergogna. Non è nostro compito, è il sistema e gli adulti che non riescono a proteggere i più vulnerabili!

Parlo per far luce su questa tragedia nascosta degli abusi sessuali all'interno delle famiglie adottive. Non sappiamo nemmeno quali siano i nostri tassi di abuso sessuale perché nessuno li cattura o ricerca se siamo più inclini agli abusi sessuali nelle famiglie adottive rispetto ad altri. Posso solo fare riferimento a ricerche in situazioni simili come affidamento e se le nostre statistiche rispecchiano in qualche modo l'affidamento, allora siamo davvero le vittime silenziose perché non abbiamo nessuno che ci monitora una volta che ci uniamo alla nostra famiglia adottiva. Non abbiamo strade per chiedere aiuto. Siamo totalmente vulnerabili all'interno della nostra famiglia adottiva. Dobbiamo fare di meglio per proteggere i bambini vulnerabili e assicurarci di essere collocati in ambienti migliori di quelli che abbiamo già perso. Bisogna parlare di abuso sessuale in adozione perché questo cambiamento avvenga!

Prossimamente: Parte 3 – Cosa bisogna fare in caso di abuso all'interno delle famiglie adottive

Risorse informate sui traumi

di Lynelle Pulled by the Root intervista sugli abusi sessuali nelle famiglie adottive

L'importanza di includere le persone più colpite nelle discussioni sulle politiche

Sono un'adozione internazionale nata durante la guerra del Vietnam nei primi anni '70, adottata prima della fine della guerra, da una famiglia australiana bianca che aveva i propri figli biologici. La mia esperienza di adozione infantile è stata quella in cui non ho mai veramente capito di essere stato colpito dall'essere adottato: ho assorbito il mantra dell'era che avrei semplicemente "assimilato e adattato" al mio nuovo paese e alla mia famiglia. Ho speso molte energie cercando di fare proprio questo, ma quando ho raggiunto la mia adolescenza, ho iniziato a rendermi conto che le cose non erano esattamente le stesse per me come per i miei coetanei australiani. Mi sembrava di lottare di più nelle relazioni, mi sono sentito sicuramente solo per tutta la vita anche in una cosiddetta "famiglia adottiva amorevole". Non è stato fino alla metà degli anni '20 che sono diventato acutamente consapevole di quanto avevo assorbito il razzismo verso la mia etnia, la mia asiatica. Mi ci è voluto un decennio per esplorare come l'adozione mi abbia influenzato e sono cresciuta attraverso questo viaggio grazie ai molti altri adottati che ho incontrato online e faccia a faccia nella comunità che ho costruito. È stato l'isolamento della mia infanzia che mi ha spinto a creare questa comunità, che ora è una delle più grandi reti di adottati internazionali in tutto il mondo che include adottati di qualsiasi paese di nascita ed è questa comunità che mi ha permesso di crescere, imparare e trovare la mia voce. Oggi, questa rete è una delle più grandi comunità online che incoraggia gli adulti adottati all'estero a parlare a livello governativo (nazionale e internazionale) e a cercare il coinvolgimento nelle discussioni politiche.

Perché essere coinvolti nelle discussioni politiche? E cosa c'è di così importante nell'essere coinvolti? Chiariamo prima cosa si intende per politica. Facendo riferimento al contenuto di Wikipedia sulla "politica", la consideriamo come: un deliberato sistema di principi per guidare le decisioni e raggiungere risultati razionali; una dichiarazione di intenti che aiuta nel processo decisionale; diverso da regole o leggi in cui la politica guida le azioni verso il risultato desiderato mentre la legge obbliga o vieta comportamenti; dovrebbe includere l'esame delle alternative e la scelta tra di esse sulla base dell'impatto che avranno; e si tratta di cercare di massimizzare gli effetti previsti mentre si mira a ridurre al minimo gli effetti indesiderati.

Quando si tratta di adozione internazionale e di come viene condotta in ogni paese di nascita e di adozione, sappiamo tutti che, indipendentemente dal fatto di essere firmatari della Convenzione dell'Aia o della Convenzione sui diritti dell'infanzia, le leggi e le politiche variano da un paese all'altro a causa dei modi in cui l'adozione internazionale è compresa e attuata, sia in teoria che in pratica.

Opera di Lisa Wool-Rim Sjöblom

Al centro di tutto questo, NOI sono i bambini che crescono per diventare adulti e siamo noi che si tratta di adozione internazionale. In teoria, l'adozione internazionale esiste perché presumibilmente ci fornisce a causa delle nostre situazioni vulnerabili in cui non siamo in grado, per qualsiasi motivo, di essere accuditi dai nostri primi genitori. Molti di noi sono destinatari di politiche di adozione internazionale passate e attuali o di una loro mancanza, e in ICAV parliamo apertamente delle insidie e dei problemi noti che l'adozione internazionale crea. Molti dei nostri paesi di nascita considerano l'adozione come una transazione una tantum che implica la consegna legale di noi alle nostre nuove famiglie e paesi per sempre. Tuttavia, sappiamo dalla nostra esperienza vissuta, che l'adozione non è una transazione una tantum - è un viaggio psicologico che dura la nostra vita - per il quale siamo sempre influenzati, nel bene, nel male e in ogni altra sfumatura di esperienza nel mezzo.

All'ICAV parliamo apertamente delle molte complessità dell'adozione internazionale che ci riguardano. Ad esempio, il nostro diritto all'identità originale viene ignorato perché la maggior parte dei paesi adottivi ci rilascia un nuovo certificato di nascita "come se fossi nato a" al momento dell'adozione. La maggior parte dei paesi recide completamente anche il nostro diritto legale alla nostra famiglia di origine attraverso l'uso dell'adozione plenaria (rispetto alla semplice adozione che manterrebbe i legami di parentela). La maggior parte di noi ha un accesso molto limitato o nullo ai nostri documenti di adozione che una volta fornivano (fino alla tecnologia del DNA) la nostra unica capacità di trovare le nostre prime famiglie e le nostre origini. I nostri documenti possono variare dall'essere completamente falsificati al contenere alcuni elementi di verità, ma in troppi casi vengono modificati per farci sembrare più commerciabili per le potenziali famiglie, nascondendo le nostre verità comprese informazioni mediche e storia di fondamentale importanza. Per quegli adottati che sono finiti in adozione internazionale con mezzi illegali o illeciti, c'è una vita di ingiustizie con cui dovremmo convivere, con poco o nessun supporto. Per coloro che finiscono in una famiglia adottiva che non è una buona coppia, finiamo per subire ulteriori strati di traumi. Troppo spesso le persone e i governi dimenticano che il nostro fondamento è l'abbandono / il trauma in utero dell'essere separati dalla nostra madre biologica.

In ICAV, incoraggiamo i nostri membri e leader a cercare modi in cui gli adottati possano essere ascoltati a livello di governo, dove viene creata una politica che costruisce il futuro delle nostre vite. Riteniamo che sia importante per il governo comprendere i modi in cui la politica influisce sulle nostre vite. Senza questa comprensione, come può la politica essere nel nostro "migliore interesse"? Come possono gli adulti che non hanno mai vissuto la nostra esperienza sapere cosa è meglio per noi? Avere voci adottive coinvolte nella politica significa invitarci al tavolo, ascoltare davvero i nostri punti di vista, incorporare ciò che diciamo nella politica e riconoscere che siamo gli esperti della nostra stessa esperienza.

La premessa fondamentale dell'adozione internazionale è quella di dare a un bambino vulnerabile una "famiglia" e un "paese" a cui appartenere. Perché cercare di fare del bene alle persone vulnerabili se non ascolti quanto sia efficace o meno la politica e la pratica? I governi possono comprendere veramente i reali impatti (positivi e negativi) delle loro politiche solo ascoltando coloro che ne sono coinvolti. Nell'adozione internazionale, si tratta dell'adottato, delle prime famiglie e delle famiglie adottive, non delle agenzie di adozione, degli avvocati o di qualsiasi altro intermediario. Senza ascoltare la nostra voce, i governi corrono il rischio di continuare a commettere gli stessi errori che hanno commesso sin dall'inizio.

Uno dei peggiori errori commessi nell'adozione internazionale moderna dai suoi inizi negli anni '50 e '60 (a partire dagli adottati greci, tedeschi e sudcoreani), è non fare abbastanza per frenare gli incentivi monetari nell'adozione internazionale che consentono agli intermediari per trarre vantaggio dalla mancanza di, o per aggirare, politiche e leggi che consentano loro di facilitare e partecipare a pratiche illegali e illecite. Abbiamo generazioni e generazioni di adottati interessati le cui adozioni sono state illecite o addirittura illegali. Non hanno nessuno a cui rivolgersi e certamente hanno ben poca giustizia. Oggi i governi di tutto il mondo dovrebbero essere preoccupati per il crescente slancio di gruppi di prime famiglie e adulti adottati all'estero che hanno già cercato vie legali per intraprendere azioni per i fallimenti del passato.

Ad esempio, le madri di perdita cilene stanno lavorando insieme a Cileni adottati nel mondo (CAW) e hanno chiesto un'indagine sulle loro adozioni degli anni '70 e '80. L'indagine in Cile ha scoperto che un gran numero dei bambini che hanno lasciato il Cile in quel periodo non sono stati volontariamente abbandonati per l'adozione e stanno cercando giustizia.

Allo stesso modo, gli adottati guatemaltechi si sono uniti da tutto il mondo e chiedono un'indagine da parte dei governi guatemalteco e belga. Un caso legale ben noto più recente è quello di un padre biologico che ha vinto alla Corte interamericana dei diritti umani e ha condannato lo Stato del Guatemala per adozione irregolare e utilizzo di procedure illegali. Guarda il video qui .

Un altro esempio è l'adottato brasiliano Patrick Noordoven che è diventato il primo nei Paesi Bassi a vincere una causa legale per il suo diritto all'identità originale. Con questa vittoria, il Ministero della Giustizia olandese sta ora indagando sul ruolo del governo olandese nelle adozioni illegali da Brasile, Colombia, Sri Lanka, Bangladesh e Indonesia! Vedi articolo qui.

Opera di Lisa Wool-Rim Sjöblom

Quando i governi non riescono a rispondere in modo responsabile per i loro ruoli o per i ruoli che i singoli facilitatori hanno svolto, nelle adozioni storiche, a coloro che sono stati colpiti non rimane altra scelta che trovare percorsi legali per chiedere giustizia. Ora abbiamo oltre 70 anni di moderne adozioni internazionali in tutto il mondo con i nostri numeri di adottati in centinaia di migliaia da molti paesi di nascita diversi. L'Asia è di gran lunga il più grande continente di invio di bambini (Peter Selman, HCCH Statistics). Gli adottati in massa hanno raggiunto la maturità quando mettono in discussione la loro identità, come sono cresciuti in un altro paese spesso con genitori di razza dissimile e pensano in modo critico al motivo per cui sono stati allontanati dai loro paesi di nascita. Il nostro movimento di adottati sta crescendo e prendendo slancio. L'ICAV parla spesso della mancanza di un organismo internazionale che ritenga i governi responsabili del loro ruolo svolto nel facilitare o chiudere un occhio sulle pratiche illegali e illecite storiche.

Potrebbe esserci un altro percorso? Se i governi fossero disposti ad ascoltare le persone colpite, per imparare dalle lezioni del passato e garantire che non continuiamo a ripetere gli stessi errori?

Parte della Visione ICAV è: Un mondo in cui gli adottati internazionali esistenti non sono isolati o ignorati, ma supportati dalla comunità, dal governo, dalle organizzazioni e dalla famiglia durante l'intero percorso di adozione.

Questo può essere ottenuto solo se coloro che sono al potere nel governo ci apprezzano e ci coinvolgono. Quando le nostre voci vengono ignorate, il governo agisce in contrasto con il loro obiettivo di agire nel nostro "migliore interesse", invece crea adottivi, prime famiglie e adottati per il fallimento nel peggiore dei casi, o come minimo traumi prevenibili.

Un'altra delle maggiori aree di fallimento delle politiche nell'adozione internazionale in tutto il mondo per qualsiasi governo, è la mancanza di supporti post-adozione completi, equi e per tutta la vita, liberamente finanziati, che siano informati sul trauma e sulla resilienza, con l'inclusione nella fornitura di servizi da parte di coloro che conoscono il viaggio best – adottati, adottivi e prime famiglie. 

Chiunque abbia vissuto l'adozione internazionale sa intimamente che il nostro viaggio è una delle molteplici perdite che si manifestano come traumi e che devono essere sostenute per tutta la vita. Invitando gli adottati, le prime famiglie e le famiglie adottive a condividere le lezioni apprese dall'esperienza vissuta, il governo farà in modo che riducano i rischi di conseguenze indesiderate e diventino più reattivi nel processo decisionale.

Invitandoci a partecipare, ascoltandoci con sincera apertura e rispetto, ascoltando le nostre esperienze e tenendo conto delle lezioni apprese, è così che i governi possono rafforzare i loro risultati e diventare più innovativi ed equilibrati. Non sono le agenzie o gli intermediari che il governo dovrebbe coinvolgere e ascoltare di più, sono gli adottati, le prime e le famiglie adottive! Spero di vedere il giorno in cui saremo ugualmente rappresentati e invitati a essere coinvolti nella politica del governo e nei forum legislativi per l'adozione internazionale! 

Questo articolo è stato inizialmente scritto in risposta a una richiesta di pubblicazione coreana, ma è stato successivamente inedito. La richiesta mi chiedeva di scrivere sull'importanza di includere le voci degli adottati nei forum politici.

Mostra Amore

È stato un lungo dibattito interiore sin da quando sono nato. L'abbandono farà questo a un bambino. È stato il mio nauseante sospetto che la mia vita sia stata uno spreco. Questo sospetto è stato probabilmente impiantato in me non appena i miei genitori naturali si sono allontanati dalla mia presenza. Il fatto che fossi stato affidato alle cure di estranei che non riuscivano a superare l'impressione di essere un estraneo in mezzo a loro non mi è mai sfuggito. Con la mia identità di adottato non ancora pienamente realizzato o consolidato così presto nella vita, c'erano giorni in cui mi sentivo disarmato. Non sapendo cosa si prova veramente ad essere amata dal mio stesso sangue, vorrei solo essere espulsa dall'amore e dalle cure che mi erano state tramandate da coloro che hanno cercato di convincermi di avere a cuore solo i miei migliori interessi. Il risentimento residuo di non sapere se mio padre e mia madre mi amavano e mi volevano con loro ha colorato il modo in cui diffido di me stesso con il sentimento e l'atto di amare qualcuno. Rimango convinto che ci sia qualcosa di sbagliato nel modo in cui amo e nel modo in cui ho cercato l'amore dagli altri. Anche permettere l'amore per me stesso non è mai stata un'aspettativa. L'amore è una cosa che la gente ha sempre detto di avere per me ma che non ha potuto né mostrarmi né spiegarmi perché come si fa a descrivere qualcosa che sembra essere tirato fuori dal nulla a proprio piacimento. Da giovane sono cresciuto con la fastidiosa sensazione di essere stato gettato con un sacco di persone per vivere in un posto casuale con cui non ho condiviso una storia, ma è stato persuaso ogni giorno a rispettare e apprezzare dicendo " Ti amo” ogni volta che toccava a me parlare. Affetto e compagnia si gettarono ai miei piedi con l'ammonimento di prenderli o lasciarli. Ho rispecchiato costumi, aspettative e incentivi all'amore, ma quello che mancava era una comprensione genuina e lucida di cosa significa amare e cosa succede alla tua mente quando decidi di mostrare amore e ricevere amore. In assenza di discussioni e spiegazioni chiave, la mia giovane mente poteva solo stare al gioco e seguire le regole non scritte quando si trattava di legami familiari, cotte precoci e unione di anime. A causa della mia finta esistenza e dell'ignoranza delle mie verità innate, mi comportavo come un tecnico di laboratorio ogni volta che l'atmosfera intorno a me si addolciva e cominciavo a formicolare dappertutto quando i miei occhi si posavano su una ragazza a scuola o di sfuggita. Nella mia testa, avevo tutte le boccette, i tubi e le sostanze chimiche disponibili per inventare una pozione d'amore che potevo cospargere sulla fronte di colui che aveva attirato la mia attenzione in quel momento. La cosa triste e controproducente era, tuttavia, che i miei sentimenti, pensieri, parole e gran parte della mia personalità risiedevano esclusivamente nella mia testa. Questo silenzio autoimposto, mascherato da umiltà e riservatezza, ha avuto l'effetto di strappare simpatia a un potenziale amante. Ho quindi usato questa simpatia per posizionarmi come l'uomo che poteva salvarli dal dolore che altri avevano inflitto, dalle storie di abusi del coniuge/partner e dalle proprie abitudini autodistruttive. Il mio ego si divertiva sempre a giocare al salvatore, esaltato come sempre da ogni affetto reciproco. Egoiste erano queste mosse, anzi, abitudini di coinvolgermi nella vita di una persona in modo da usarle apparentemente per aiutarmi a ricordare a me stesso che sono una brava persona, anche se mi sento allontanarmi dall'ovile dell'umanità ogni anno che passa.

Di Kev Minh

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%