Considerazioni di un adottato sulla dichiarazione congiunta delle Nazioni Unite sulle adozioni illegali internazionali

Resilience by CLAIR

On 29 September 2022, the Nazioni Unite (ONU) published a press release titled: Illegal intercountry adoptions must be prevented and eliminated: UN experts which provides a Joint Statement from the UN Committees. While the majority around the world could not have pre-empted this statement, it was not news to me because our coalition Voci contro l'adozione illegale (VAIA) had been talking with the UN to ensure our input was included. I know other experts in illegal intercountry adoption around the world gave input too.

The UN Joint Statement created for me a day of mixed feelings. For many of us, myself included, who are the victims of the past and current practices that constitute illegal and illicit practices in intercountry adoption, we have been speaking up, shouting from the rooftops, demanding attention, help, and support. But usually to no avail. Most Governments around the world have continued to turn a blind eye to the reality that some of our adoptions have been questionable and some, outright illegal with prosecutions of perpetrators. As one adoptive mother and fierce advocate, Desiree Smolin essentially said on her Facebook post, why has it taken the UN so long given the decades of trafficking and illicit practices? Why have so many families and adoptees been left to suffer the same impacts when it has been known to happen for so many decades?

So on 29 September, I felt our voices have been finally heard and validated – that someone in power was listening to us. Thank you to those at the UN who worked tirelessly to make this happen. It felt a little vindicating but at the same time, the reality of this world crushes hope because I know the statement from the UN is not going to put any true pressure on governments around the world to act in our best interest, let alone help us in any practical sense.

I felt personally so empowered by the UN Joint Statement that I wrote another letter to our leader here in Australia, the Prime Minister. In my letter, I ask the Australian government once again, to please do something to help those who are impacted instead of the deathly silence we’ve experienced in the 25 years I’ve spent advocating for our rights and needs.

Have a read of my lengthy letter which highlights the many times I’ve attempted to raise this issue to our Australian government, asking for supports for the victims. I’m as yet to have any response from the Australian Prime Minister. I imagine that the post-COVID economic recovery of the country, the current floods that have hit Australia all year long, and the other more higher priority issues like domestic family violence will receive his attention first compared to my long letter about a topic that impacts only some of the 20,000 of us intercountry adoptees. We just don’t rank up there in importance and unless it was their son or daughter being impacted, there’s just no reason why our Australian government would care enough to act.

I’ve been asked by a few about what I thought the impact would be of this UN Joint Statement. I truly think the best outcome might be that States (governments) will realise the risks they bear in continuing to conduct and facilitate intercountry adoption with all its pitfalls in safeguarding the human rights of intercountry adoptees. When we consider the legal cases being fought around the world by various intercountry adoptees and the revolution in awakening that we can fight for our rights, I would caution any government against participating in intercountry adoption. Legal pathways are slowly but surely being found by adoptees around the world. Governments must realise that if they continue on as they have in the past, there will be a time of reckoning where the abuses to our human rights will finally be recognised and the injustices need to be compensated.

In the Netherlands, the fight for adoptee rights is led by Brazilian adoptee Patrick Noordoven who won his right to compensation due to his illegal adoption to the Netherlands. Dilani Butink also won her court hearing for her case of an unlawful adoption from Sri Lanka. Bibi Hasenaar is also mentioned as having liability claims in this joint report. Sadly, both Noordoven and Butink’s cases are still being appealed by the Dutch State who have unlimited funds and time which highlights the power imbalance and ongoing victimisation that adoptees face. Sam van den Haak has also sent a letter to the Dutch State about her own and 20 other Sri Lankan adoptees whose adoption files have errors that caused emotional damage.

In Sweden, Carlos Andrés Queupán Huenchumil filed an appeal to change his name back to his original, having been illegally adopted from Chile. In France, a group of Malian adoptees are taking legal action against the adoption agency for its role in their illegal adoptions. In New Zealand, Maori adoptee Bev Reweti has mounted a class action against the State for being displaced and adopted out of their Maori whānau. In South Korea, Korean-Denmark intercountry adoptee and lawyer Peter Regal Möller and his organisation Gruppo danese per i diritti coreani have submitted just under 300 cases to the Korean Truth and Reconciliation Commission seeking to know the truth about their identities that were falsified in order to be intercountry adopted. Peter openly talks about the legal cases against agencies Holt and KSS that are coming in the future. I also know of other intercountry adoptees who haven’t had published media articles yet but who are progressing in the early stages of their legal cases against States and agencies for their illegal adoptions.

The momentum is growing around the world as adoptees become more aware of the human rights abuses they’ve lived that have been facilitated via intercountry adoption.

It’s not just adoptees who are taking legal action. Some incredibly courageous parents are, and have, also taken action. Recently in France, adoptive parents Véronique and Jean-Noël Piaser who adopted a baby from Sri Lanka have filed a complaint in 2021 for the fraud that involved the stealing of their baby from her mother in Sri Lanka. In the USA, adoptive parents Adam and Jessica Davis have been successful in assisting the US government to press charges against the adoption agency European Adoption Consultants (EAC) for its role in fraud and corruption of theirs and many other adoptions.

In a landmark first, both adoptive parents and biological parents of Guatemalan-Belgium adoptee Mariela SR Coline Fanon are taking civil action in Belgium as victims of human trafficking. The case is currently under judicial investigation. This is not the first time biological parents fight for their rights in intercountry adoption. In 2020, biological father from Guatemala, Gustavo Tobar Farjardo won at the Inter-American Court of Human Rights for his sons to be returned to him who had been adopted to separate families in America.

So ultimately, I believe the UN Joint Statement acts two-fold: firstly, it goes some way towards validating the traumas some live in our adoptions and encourages intercountry adoptees and families around the world to stand up and demand action and legal vindication of our truths; and secondly, it makes it clear to States the risks they undertake if they continue on in their current practices of intercountry adoption.

I would personally be glad and celebrate if adopting countries assess the risk of participating in intercountry adoption as too high to continue it into the future. We are long past the time of being blind to the colonial practices and harms of intercountry adoption. We must do more to help all countries become more aware of the responsibility they hold to their own born-to-children. Remember that some of our biggest sending countries in intercountry adoption are our richest – China, South Korea and the USA. It is time we moved past the easy solution intercountry adoption provides to countries who don’t wish to take care of their own and challenge countries to understand there is an inherent cost if they ignore their children by casting them aside, when it suits. Intercountry adoptees do grow up, we become well educated, we are empowered by Western mentality to demand our rights be respected and injustices no longer be ignored.

The UN Statement is long overdue given the decades of generations of us who are impacted by illegal and illicit adoptions. I celebrate that we have been heard at the highest level internationally, but I’m fairly certain that States will not step up to deal with this issue in any practical way. I know they will remain silent for as long as possible, hoping it blows over and meanwhile, as in the Netherlands, they will continue on in their trade of children but in a slightly different way, despite conducting a full investigation; because that’s what countries do. I’m a pragmatist and I will continue to raise awareness and push for much needed change, because I know despite the UN Joint Statement, we are still at the beginning. It will take a huge en-masse movement from impacted people to get governments to act in support of us because for too long, they’ve been able to get away with doing little to nothing. At some point, the cost for governments and participating entities of doing little, will outweigh the cost to stopping the practice.

I believe in its current form and as practiced under the 1993 Hague Convention, governments are unable to prevent and stop the illegal and illicit practices aka trafficking that include human rights abuses in intercountry adoption. Therefore it needs to be stopped. The UN Joint Statement is simply a reflection of where we are at today. Victims no longer need to plead to be heard, we HAVE been heard at the highest level internationally. What we are waiting on now, is for appropriate responses from governments and facilitating organisations — which might be a long time coming.

risorse

Governments finally recognising illicit and illegal adoption practices

Lived experience suggestions for responses to illicit adoptions

Lived experience of illegal and illicit adoption (webinar)

Stop intercountry adoption completely because abuses can never be ruled out

Unbearable how the minister deals with adoption victims

The case for moratoria on intercountry adoption

Child Laundering: How the intercountry adoption system legitimises and incentivises the practice of buying, kidnapping, and stealing children

False Narratives: illicit practices in Colombian transnational adoption

Irregularities in transnational adoptions and child appropriations: challenges for reparation practices

From Orphan Trains to Babylifts: colonial trafficking, empire building and social engineering

Principio della doppia sussidiarietà e diritto all'identità

Intercountry adoption and the Right to Identity

Exploitation of in intercountry adoption: Toward common understanding and action

Artisti adottati

In ICAV, ci sforziamo di elevare gli artisti adottati poiché le loro opere spesso possono ritrarre ciò che le parole faticano a trasmettere. Coerentemente con ciò, al recente 9 settembre Serata di acquisizione dell'adozione di K-Box, Ra Chapman ed io volevamo che la serata fosse una celebrazione degli artisti internazionali adottati australiani. Siamo stati in grado di presentare alcuni dei loro lavori in una stampa come ZINE che puoi visualizzare qui:

Altri artisti adottati

Nel corso degli anni abbiamo avuto altri incredibili artisti adottati internazionali che hanno presentato le loro opere all'ICAV. Ecco una raccolta di ciò che è stato condiviso. Clicca sull'immagine e ti porterà al loro blog con le opere d'arte.

Meg alla serata di acquisizione dell'adozione di K-Box

Meg è un'adozione internazionale coreana, cresciuta in Australia e fumettista. Realizza opere in gran parte autobiografiche e di saggistica che sono apparse su The Nib, The Lily, Liminal Magazine, The Comics Journal e antologie tra cui Comic Sans, Dieta costante, discussioni che ci collegano e il vincitore del premio Eisner Drawing Power: storie di violenza sessuale, molestie e sopravvivenza di donne. Ha esposto fumetti, animazione e film a livello internazionale, insegnato creazione di fumetti a studenti universitari, sviluppato e distribuito programmi di fumetti a studenti delle scuole superiori provenienti da ambienti migranti e rifugiati con STARTTS e programmi artistici a studenti delle elementari in Corea. Meg sta attualmente lavorando a un lungo lavoro basato sulle sue esperienze come figlia asiatica di genitori bianchi in Australia, un recente periodo di vita in Corea e una ricerca fallita della madre coreana.

Ha creato l'artwork per il nostro Serata di acquisizione dell'adozione di K-Box materiale promozionale e ZINE:

Meg si è anche presentata come una delle nostre artiste adottate e puoi guardare il video della sua presentazione qui:

Puoi anche visualizzarlo nel formato della versione web per chi preferisce leggere e vedere.

risorse

Scopri di più su Mega
sito web: http://www.megoshea.com
IG: @even.little.meg

Dai un'occhiata al nostro Album di foto, di Ryan e di ebano presentazioni della serata

Prossimamente è il nostro artista adottato ZINE e altri artisti adottati

Ebony alla K-Box Adotta la notte dell'acquisizione

Ebony è un adottato internazionale di origine haitiana cresciuto in Australia. È un'artista di talento il cui corpo di lavoro parla delle complesse questioni che viviamo come adottanti internazionali ed esplorando la nostra identità. 

Come artista contemporaneo australiano con un interesse nell'interrogare concetti di individualità, adozione, sessualità, queerness e identità nera. Ebony attinge alla sua esperienza di vita per informare la creazione dei suoi disegni e forme scultoree espressive, impiegando un assortimento diversificato di materiali per comporre il suo lavoro. Anche la performance è un elemento importante della sua pratica creativa. Nel 2000, Ebony ha creato la personalità drag Koko Mass. Koko ama eseguire canzoni con l'anima ed è un po' tosto che parla sempre ed è onesto sui problemi che devono affrontare nella società. Koko sfida le percezioni a testa alta mentre si diverte anche con il loro pubblico. La pratica di Ebony è audace e politicamente impegnata, rispondendo ai problemi che riguardano le sue comunità con un forte linguaggio visivo che continua a esplorare. Ebony ha completato il suo Master in Arte Contemporanea al Victorian College of the Arts, Melbourne nel 2020. 

Ebony ha contribuito con questa opera d'arte per la nostra ZINE, una rivista stampata che celebrava gli artisti internazionali e transrazziali adottati in Australia, da portare a casa.

Se vivi a Melbourne, puoi vedere altre sue opere d'arte su Chin Chin e vai vai al 125 di Flinders Lane. Il bar è decorato con le sue opere d'arte e il suo video mostrato di seguito, viene proiettato sul vicolo. 

Sta anche partecipando con un gruppo di adottati delle Prime Nazioni australiane il 7 ottobre a Università di Melbourne in una mostra intitolata – Adottato.

Dichiarazione dell'artista di Ebony su questo video:

Trucco Divino, 2019

Il trucco divino è un esempio dei miei disegni che prendono vita, mi mettono all'interno della cornice, mostrano come disegno e poi lo accoppiano con la mia performance di parole. Il disegno è una parte importante della mia pratica; Rispetto la semplice forma di carta e testi.

Mi piace l'immediatezza del disegno; Sento che i miei disegni possono essere spontanei e mi piace disegnare liberamente. Quando disegno, non pianifico il risultato, parto e vedo dove mi porta, lascio che i segni guidino la mia direzione. Il mio lavoro, come Ebony, è personale e onesto. I miei disegni sono un mix di sentimenti, esperienze e momenti specifici della mia vita. Questo video mostra le idee che ho esplorato di recente, unendomi per riempire lo spazio con il mio io nero.

Guarda Il succhiotto d'ebano Trucco Divino:

risorse

Altre opere d'arte di Ebony all'ICAV:
Io sono me
Nato in entrambi i modi

Puoi scoprire di più su Ebony su:
IG: @ebano.hickey.7

Prossimamente è la presentazione di Meg della serata.

Recensione adottata di K-Box Play di Ra Chapman

di Kayla Curtis, adottato coreano cresciuto in Australia, assistente sociale e consulente specializzato in adozione.

Voglio condividere alcune riflessioni dall'andare al K-Box Serata di acquisizione dell'adozione alla Maltea e vedere il K-Box di Ra Chapman suonare a Melbourne, in Australia, il 9 settembre.

Personalmente, provo un'eccitazione nel vedere K-Box perché ha catturato così tanto della mia esperienza di adozione personale con chiarezza emotiva e di confronto. I miei commenti a Ra in seguito sono stati: “Potevano essere i miei genitori su quel palco, il set era la casa della mia famiglia e la sceneggiatura era molto vicina alle conversazioni che ho avuto con la mia famiglia nel corso degli anni. Grazie per aver fatto luce su alcuni di ciò che dobbiamo affrontare e incluso alcuni dei problemi scomodi e affrontabili che sono così nascosti e invisibili agli altri, in particolare alle nostre famiglie”.  

K-Box è scritto e diretto da Ra Chapman, un'adottata della Corea del Sud, attualmente residente a Melbourne. Questo spettacolo è unico nel suo genere ed è il primo a far luce sulle complessità e le sfumature dell'esperienza dell'adozione internazionale in Australia e ad avere un adottato internazionale come protagonista principale. Ra ha scritto la commedia sulla base della sua e di altri adottati hanno vissuto esperienze di adozione. Il feedback degli adottati che hanno visto lo spettacolo venerdì sera è stato che il ritratto dell'esperienza dell'adottato non era solo riconoscibile, ma una rappresentazione provocatoria e veritiera delle proprie esperienze di adozione.

Lo spettacolo parlava di un'adottata coreana di oltre 30 anni che navigava nelle relazioni con la madre e il padre adottivi e riguardava anche il suo viaggio per comprendere l'impatto che l'adozione ha avuto nella sua vita: come ha influenzato la sua identità, il suo modello di lavoro interno e senso di sé e connessione con i suoi genitori adottivi. Ha toccato molti dei temi centrali dell'adozione, tra cui identità, appartenenza, perdita e dolore, razza, l'impatto dell'adozione per tutta la vita, razzismo, stereotipi, attaccamento, appartenenza, privilegio bianco/lavaggio bianco, "pericoli di storie singole", famiglia e come parliamo di problemi di adozione e come affrontiamo queste difficili discussioni con le nostre famiglie. Ciò che lo spettacolo ha fatto bene è esplorare l'impatto sull'adottato e sulle relazioni familiari quando queste questioni fondamentali non vengono comprese, convalidate, esplorate o supportate. Come è normale per molti adottati che iniziano a esplorare e prestare attenzione a questi problemi, può esserci un effetto destabilizzante sulle relazioni familiari quando la narrativa della "fiaba" dell'adozione o della "felice adozione" inizia a sgretolarsi. 

Da sinistra a destra: Jeffrey Liu, Ra Chapman, Susanna Qian

Per tutti i professionisti che lavorano nell'area dell'adozione, questo gioco è una grande risorsa, fornendo una visione profonda e preziosa delle dinamiche, delle relazioni, delle esperienze interrazziali e delle sfide che gli adottati internazionali devono affrontare all'interno della loro esperienza di adozione e delle famiglie adottive. Naturalmente, questo è stato realizzato in modo estremamente intelligente con la commedia utilizzando la commedia / satira, nonché monologhi e simbolismo emotivamente intensi e belli, accompagnati da una recitazione eccezionale da un cast intimo di quattro interpreti. 

È stato consegnato e ricevuto in modo potente, lasciando molti adottati che hanno partecipato sentendosi emotivi e instabili, ma anche connessi, visti e supportati. Allo stesso modo, può anche lasciare i genitori adottivi insicuri, confrontati e curiosi riguardo al loro ruolo nell'adozione del loro bambino. Alla fine, penso che riunisca tutti: adottati e genitori, aprendo possibilità su come possiamo collaborare attorno all'esperienza di adozione e fare meglio per il viaggio dell'adottato.

Dopo lo spettacolo, ho apprezzato i discorsi emotivi e le altre esibizioni degli adottati che condividevano il loro lavoro creativo e i loro progetti. Inoltre, la serata ha menzionato altri entusiasmanti progetti guidati dagli adottati e lavori creativi in fase di sviluppo che seguirò da vicino con anticipazione.  

L'aspetto principale per me della serata è stato il modo straordinario in cui gli adottati sono stati in grado di riunirsi attraverso questo evento, che penso mette in evidenza il potere di guarigione collettivo per gli adottati quando sono circondati dalla comunità, elevando la voce dell'adottato in modo sicuro e supportato e sentendosi un senso di forte appartenenza attraverso l'essere visti e ascoltati. È bello sapere che la comunità di adottati australiani sta andando forte!

Spero che possiamo continuare ad avere discussioni aperte e accolte insieme come comunità in modo che tutti possiamo beneficiare dell'apprendimento da coloro che hanno esperienze vissute, in particolare dagli adottati.

Carissima Ra, per favore, conosci il potente impatto che hai avuto e in che modo il tuo lavoro creativo sta aiutando a plasmare tutto il nostro apprendimento e a potenziare meglio la comunità di adozione in Australia.

Incoraggio tutti a vedere Il gioco di Ra Chapman K-Box proiezione solo fino al 18 settembre; genitori adottivi, adottati, professionisti dell'adozione e la comunità in generale.

Dai un'occhiata al nostro Album di foto dalla sera.

Il 9 settembre K-Box adotta la notte dell'acquisizione al Malthouse l'evento ci è stato presentato con orgoglio da Teatro Maltese, sostenuto da Relazioni Australia Piccole sovvenzioni per i servizi di supporto alla famiglia e all'adozione internazionale (ICAFSS)., InterCountry Adoptee Voices (ICAV), Servizi sociali internazionali (ISS) Australiae ospitato dalle nostre meravigliose organizzazioni guidate dagli adottati e gruppi basati sulla comunità - ICAV guidato da Lynelle Long e Ra Chapman da Rete degli adottati coreani in Australia (KAIAN).

Prossimamente sul blog di ICAV c'è alcune delle performance di Adoptee Artist dal nostro Prendere il controllo della Malthouse Night e opere d'arte dal ZINO rivista distribuita in occasione dell'evento.

Ra Chapman e alcuni degli adottati coreani presenti alla serata
Foto di Lynelle Long

risorse

Profondo rimpianto o grande amore? Il gioco Adoptee mostra il desiderio di connessione

K-Box: Interrogare la classe media australiana con uno sfolgorante stile comico

Una vita è stata vissuta prima dell'adozione

Adoro davvero il messaggio che Meseret condivide come un altro anziano adottato internazionale nel nostro serie di video. Fornisce un messaggio per i futuri genitori di essere rispettosi delle esperienze e della vita prima che un bambino torni a casa nella nuova famiglia adottiva e nel paese. Ci ricorda quanto sia difficile aspettarsi che un adottato si “fidi” della loro nuova famiglia, soprattutto quando la lingua è una barriera. Ci aiuta a essere realistici su ciò di cui ha bisogno una famiglia quando intraprende adozioni in età avanzata.

Clicca sull'immagine di Meseret per ascoltarne la condivisione.

Meseret

risorse

Trauma di transizione per gli anziani adottati

The Walk: una storia vera di Meseret Cohen

Abbracciare la terapia come adottivo

di Oleg Lougheed, adottato dalla Russia negli USA. Fondatore di Superare le probabilità.

Ricordo la prima volta che andai in terapia.

me ne vergognavo.

Non mi è piaciuto ogni suo aspetto.

Lo vedevo come un segno di debolezza.

Tra tutte le cose che non vedevo l'ora, questa era in fondo alla mia lista.

Ricordo il viaggio in macchina.

"Perché devo andare qui?"

"Non ho bisogno di questo."

"Questo è stupido."

Ad ogni osservazione, diventavo sempre più arrabbiato.

Ricordo di essere uscito dall'auto.

Non una sola parola, le braccia conserte, correndo davanti ai miei genitori frustrati.

"Ben arrivato!" disse l'addetto alla reception.

non ho risposto.

«Attraverso le doppie porte a destra, per favore.»

Quando ho aperto le doppie porte, i miei occhi li hanno immediatamente incontrati.

Una stanza piena di bambini molto più piccoli di me.

Ho scansionato l'intera stanza.

Tutti stavano facendo qualcosa.

Alcuni stavano mettendo insieme enigmi.

Altri stavano disegnando.

«Questo non fa per me», sussurrai.

Mi sono fatto strada verso il posto.

Il posto che mi è diventato fin troppo familiare nel corso della mia vita.

L'angolo della stanza.

Rimasi seduto in silenzio, aspettando che l'orologio suonasse le 20:00.

"Come va?" chiese il terapeuta di turno.

Nessuna risposta.

Ci sono volute settimane prima che dicessi le mie prime parole.

Ricordo di essermi seduto in un angolo della stanza quando il terapeuta si è avvicinato a me.

Non potevo più trattenerlo. Sono crollato.

Trattenendo le lacrime, le ho detto tutto.

Le ho detto quanto mi mancava la mia famiglia natale.

Le ho detto che ero vittima di bullismo a scuola.

Le ho parlato delle lotte a casa.

Ho sentito un enorme sollievo con ogni parola pronunciata.

Sfortunatamente, questa è stata una delle ultime sessioni.

Tornai a ciò che sapevo meglio, il silenzio.

Non è stato fino a 10 anni fa, ho pronunciato la parola "terapia" ad alta voce.

Ero una matricola al college.

Avevo bisogno di qualcuno con cui parlare.

Il passato era nella mia mente.

Sono andato direttamente al dipartimento di consulenza/salute mentale.

Non me ne vergognavo più.

Ricordo la passeggiata.

La sensazione di potenziamento ad ogni passo che facevo.

Ho accettato la terapia nella mia vita, alle mie condizioni.

Andare alle sessioni mi ha aiutato moltissimo.

Mi hanno aiutato a elaborare e riformulare molte delle mie esperienze traumatiche passate.

Mi hanno aiutato a incuriosirmi sull'argomento e sulle storie in cui ho scelto di credere.

Le storie che lo vedono come un segno di debolezza, non di forza.

Le storie della terapia come qualcosa di cui dovrei vergognarmi.

La curiosità mi ha aiutato a cambiare molte di queste narrazioni.

La curiosità mi ha aiutato ad abbracciare la terapia come parte della mia identità, parte della mia vita.

Per ulteriori informazioni su Oleg, leggi il suo ultimo blog Adottare Paura e Vulnerabilità
Seguilo su Facebook, Instagram e LinkedIn @overcomingodds

I soldi non compensano mai quello che ho perso come canadese delle Prime Nazioni

di Jen Etherington, nato come canadese delle Prime Nazioni e adottato da una famiglia australiana.

Sembra il pagamenti finali per lo scoop anni Sessanta ha iniziato a uscire. Ho sentimenti contrastanti su questo e sul processo.

Sento un senso di perdita di cultura, famiglia e paese. Non sto dicendo che non sono grato per i miei genitori adottivi e per tutto ciò che la vita mi ha dato qui in Australia, ma non significa nemmeno che non provo il senso di perdita per tutto il resto.

I miei genitori bio sono morti quando avevo 9 anni e quella speranza di incontrarli era svanita per sempre. Il mio partner ed io stiamo attualmente ascoltando Harry Potter e io piango perché posso relazionarmi con la perdita dei suoi genitori e come si sente, oltre al desiderio di conoscerli. Le persone da casa in Canada mi raccontano storie su di loro e sono così felice e così triste allo stesso tempo.

Vedo post di cugini bio su diversi eventi e tradizioni culturali e sono triste di non conoscere la mia cultura. Le persone qui in Australia si eccitano quando dico loro che sono canadese delle Prime Nazioni e chiedo della mia cultura e non ho niente per loro.

I miei genitori bio non avevano più figli perché non volevano che venissero portati via (o almeno così credo). Ho sempre sperato di avere un fratello perduto da tempo là fuori.

Sento un grande senso di perdita per il mio ultimo aborto spontaneo perché quella è stata la mia ultima possibilità di sperimentare una connessione biologica.

Ad ogni modo, il pagamento è stato di $25.000 e so che ci sono persone là fuori in cui questa somma di denaro aiuterà e farà la differenza, ma mi sento anche come se fosse una specie di denaro nascosto. Non credo sia molto per quello che è successo a così tanti di noi.

Ulteriori letture

$25.000 transazione per i sopravvissuti Scoop degli anni Sessanta, uno “Schiaffo in faccia”

Dove appartengo?

di Charisse Maria Diaz, born as Mary Pike Law, cross cultural adoptee born in Puerto Rico

Pote de leche are Spanish words for “milk bottle”. Where I was born, this is how someone is described when they are too white. Yes, too white. That is what I was called at school when bullied. In my teens, I spent many Sundays sunbathing in the backyard of our home. This was one of the many ways I tried to fit in.

My tendency has been to consider myself a transcultural adoptee and not a transracial adoptee, because my adoptive parents were Caucasian like me. Recently, I realized their looks do not make my experience too different from the experience of any transracial adoptee. I was born in Puerto Rico from an American mother and English father and adopted by a Puerto Rican couple. Puerto Ricans have a mix of Native Taino, European and African genes, our skin colors are as varied as the colors of a rainbow. The most common skin tones go from golden honey to cinnamon. For some, I looked like a little milk-colored ghost.

My adoptive mother told me that an effort was made by the Social Services Department, which oversaw my adoption process, to make the closest match possible. She said the only things that did not “match” with her and my adoptive father were my red hair and my parents’ (actually, my natural father’s) religion. I was supposed to be an Anglican but was going to be raised as a Catholic. This was part of the brief information she gave me about my parents, when she confessed that they were not dead as I had been told at 7 years old. She also admitted that I was not born in Quebec, which they also made me believe. I was born in Ponce, the biggest city on the southern shore of the island. She gave me this information when I was 21 years old.

So, at 21 years of age, I discovered that I was a legitimate Puerto Rican born in the island, and also that my natural father was an English engineer and my natural mother was Canadian. I was happy about the first fact and astonished about the rest. Suddenly, I was half English and half Canadian. At 48 years old I found my original family on my mother’s side. Then I discovered this was a misleading fact about my mother. She was an American who happened to be born in Ontario because my grandfather was working there by that time. I grew up believing I was a Québéquois, after that I spent more than two decades believing that I was half Canadian. All my life I had believed things about myself that were not true.

I learned another extremely important fact about my mother. She was an abstract-expressionist painter, a detail that was hidden by my adoptive family in spite of my obvious artistic talent. I started drawing on walls at 2 years old. My adoptive parents believed that art was to be nothing more than a hobby, it was not a worthy field for an intelligent girl who respected herself and that happened to be their daughter. This did not stop me, anyway. After a bachelor’s degree in Mass Communication and a short career as a copywriter, I became a full-time painter at the age of 30. To discover that my mother was a painter, years later, was mind-blowing.

Identity construction or identity formation is the process in which humans develop a clear and unique view of themselves, of who they are. According to Erik Erikson’s psychosocial stages of development, this process takes place during our teen years, where we explore many aspects of our identities. It concludes at 18 years old, or, as more recent research suggests, in the early twenties. By that age we should have developed a clear vision of the person we are. How was I supposed to reach a conclusion about who I was, when I lacked important information about myself?

My search for my original family started when there was no internet, and it took me more than 20 years to find them. I did not arrive in time to meet my mother. A lifelong smoker, she had died of lung cancer. I connected with my half-siblings, all of them older than me. They were born during her marriage previous to her relationship with my father. Two of them were old enough to remember her pregnancy. They had been enthusiastically waiting for the new baby, just to be told that I was stillborn, news that hurt them so much. Before she passed away, my mother confessed to my siblings that I was relinquished for adoption. Through them, I learned what a difficult choice it was for my mother to let me go.

During my search, well-known discrimination against Latinos in sectors of the American culture gave me an additional motive to fear rejection. I didn’t know I had nothing to worry about. My siblings welcomed me with open arms. Reconnecting with them has been such a heartwarming, comforting, life-changing experience. We are united not only by blood, but also by art, music, literature, and by ideas in common about so many things, including our rejection of racism. It was baffling to learn that my opinions about society and politics are so similar to my natural parents’ points of view, which were different, and sometimes even opposite to my adoptive parents’ beliefs.

My siblings remember my father, their stepfather, fondly. With their help I was able to confirm on the Internet that he had passed away too. His life was a mystery not only to me, but to them too. A few years later, I finally discovered his whereabouts. He lived many years in Australia and was a community broadcasting pioneer. A classical music lover, he helped to establish Sydney-based radio station 2MBS-FM and worked to promote the growth of the public broadcasting sector. His contributions granted him the distinction of being appointed OBE by the British government. My mind was blown away for a second time when I learned that he had dedicated his life to a field related to mass communication, which was my career of choice before painting. My eldest half-brother on his side was the first relative I was able to contact. “Quite a surprise!”, he wrote the day he found out that he had a new sister. Huge surprise, indeed. My father never told anyone about my existence. Now I got to know my half-siblings and other family members on his side too. They are a big family, and I am delighted to keep in touch with them.

My early childhood photo

With each new piece of information about my parents and my heritage, adjustments had to be made to the concept of who I am. To be an international, transcultural, transracial adoptee can be terribly disorienting. We grow up wondering not only about our original families, but also about our cultural roots. We grow up feeling we are different from everyone around us, in so many subtle and not so subtle ways… In my case, feeling I am Puerto Rican, but not completely Puerto Rican. Because I may consider myself a true Boricua (the Taino demonym after the original name of the island, Borikén), but in tourist areas people address me in English, and some are astonished to hear me answer in Spanish. More recently, I have pondered if my reserved nature, my formal demeanor, my cool reactions may be inherited English traits. And getting to know about my parents, even some of my tastes, like what I like to eat and the music I love, has made more sense. But in cultural terms I am not American or British enough to be able to wholly consider myself any of these. Where do I belong, then? And how can I achieve completion of my identity under these conditions? It is a natural human need to belong. Many times I have felt rootless. In limbo.

A great number of international adoptees have been adopted into Anglo-Saxon countries, mostly United States and Australia, and many of them come from places considered developing countries. The international adoptee community, which has found in social media a great tool to communicate, receive and give support, and get organized, encourages transracial and transcultural adoptees to connect with their roots. My case is a rare one, because it is the opposite of the majority. I was adopted from the Anglo-Saxon culture to a Latin American culture. I never imagined that this would put me in a delicate position.

Puerto Rico has a 500-year-old Hispanic culture. I am in love with the Spanish language, with its richness and infinite subtleties. I feel so honored and grateful to have this as my first language. We study the English language starting at first grade of elementary school, because we are a United States’ territory since 1898, as a result of the Spanish-American war. We are United States citizens since 1914. We have an independentist sector and an autonomist sector which are very protective of our culture. Historically, there has been a generalized resistance to learning English. In my case, I seem to have some ability with languages and made a conscious effort to achieve fluency, for practical reasons but also because it is the language of my parents and my ancestors.

In 2019 I traveled to Connecticut to meet my eldest half-brother on my mother’s side. That year, a close friend who knew about my reunion with natural family told me that someone in our circle had criticized the frequency of my social media posts in the English language. Now that I am in touch with my family, I have been posting more content in English, and it seems this makes some people uncomfortable. But the most surprising part is that even a member of my natural family has told me that I am a real Boricua and should be proud of it. I was astonished. Who says I am not proud? I have no doubt that this person had good intentions, but no one can do this for me. Who or what I am is for me to decide. But the point is some people seem to believe that connecting with my Anglo-Saxon roots implies a rejection of Puerto Rican culture or that I consider being Puerto Rican an inferior condition, something not far from racism. Nothing could be farther from the truth! I was born in Puerto Rico and love my culture.

Puerto Rico’s situation is complicated, in consequence my identity issues became complicated. I am aware of our island’s subordinated position to a Caucasian English-speaking country; that this circumstance has caused injustices against our people; that our uniqueness needs to be protected and celebrated. Being aware sometimes makes our lives more difficult, because we understand the deep implications of situations. There was a time when I felt torn by the awareness of my reality: being Puerto Rican and also being linked by my ancestry to two cultures which for centuries dedicated their efforts to Imperialism. I am even related through my father to Admiral Horatio Nelson, a historical character that embodies British imperialism. How to reconcile that to my island’s colonial history and situation? Where I was going to put my loyalty? To feel that I was being judged for reconnecting to my original cultures – something every international adoptee is encouraged to do – did not help me in the task of answering these difficult questions.

Even when they were not perfect and made mistakes, my natural parents were good people with qualities I admire. The more I get to know them, the more I love them. The more I know them, the more I see them in me. If I love them, I cannot reject where they came from, which is also a basic part of who I am. Therefore, I have concluded that I cannot exclude their cultures from my identity construction process.

To connect to these cultures until I feel they are also mine is a process. I am not sure if I will ever achieve this, but I am determined to go through this process without any feelings of guilt. To do so is a duty to myself, to be able to become whole and have a real, or at least a better sense of who I am. And it is not only a duty, it is also my right.

Ricerca e Riunione nell'adozione internazionale

Ricerca e riunione: impatti e risultati

Nel 2016, l'ICAV ha compilato la prima risorsa al mondo di voci sulla nostra esperienza vissuta condividendo gli alti e bassi della ricerca e dei ricongiungimenti, specifici dell'adozione internazionale. Nessuna risorsa del genere esisteva prima e tuttavia, in quanto adottati, una delle nostre più grandi sfide nel corso della nostra vita, è contemplare se vogliamo cercare, cosa è coinvolto e capire come farlo. Volevo fornire un modo per rispondere a queste domande, quindi ho chiesto agli adottati dell'ICAV di condividere le loro esperienze, concentrandomi sulle lezioni apprese dopo aver guardato indietro con il senno di poi. Ho anche chiesto loro di condividere ciò che le autorità e le organizzazioni potrebbero fare per sostenerci meglio nel nostro processo di ricerca e ricongiungimento. Ho pubblicato il nostro documento prospettico in inglese e francese ed è finito per essere un documento di 101 pagine (libro) che copre le esperienze degli adottati da 14 paesi di nascita, adottato in 10 paesi adottivi.

Dato che uno degli argomenti centrali di discussione alla recente Commissione speciale dell'Aia è il supporto post adozione, ho ritenuto opportuno condividere nuovamente il nostro documento e fornire un riepilogo di ciò che cattura per coloro che non hanno il tempo di leggere il 101 pagine ea beneficio delle autorità centrali e delle organizzazioni post-adozione per imparare dalle nostre esperienze.

Riepilogo dei temi chiave da "Ricerca e riunione: impatti e risultati" di InterCountry Adoptee Voices (ICAV) 2016

Problemi e sfide affrontate utilizzando i servizi di tracciamento:

  • La necessità di una consulenza specializzata è un tema ricorrente nella maggior parte delle storie, in particolare per preparare gli adottati al primo incontro, fornito da qualcuno che ha capito ed è specializzato nell'adozione internazionale
  • Le ricerche sono spesso condotte attraverso siti di social network che possono lasciare gli adottati vulnerabili e non adeguatamente supportati per impegnarsi con le famiglie di nascita
  • Problemi e barriere della privacy
  • La necessità di accedere ai documenti di nascita per aiutare con la riconnessione delle nascite
  • Diversi casi hanno menzionato problemi con passaporto e visti
  • L'agenzia di adozione non rivelerebbe informazioni identificative sulla loro famiglia natale a causa della privacy
  • Trasparenza dei servizi e dove accedervi
  • Presupposto che i documenti di nascita siano accurati, nonostante la corruzione
  • Il senso di "ricostruire la tua storia"
  • Sfida a mantenere una relazione con la famiglia natale a causa di barriere linguistiche e culturali
  • Hai bisogno di leggi e processi più standardizzati che le agenzie di adozione devono seguire quando gli adottati cercano le loro informazioni
  • Leggi approvate per consentire agli adottati l'accesso ai loro file
  • È necessario un maggiore supporto per gli adottati nella consulenza e nella traduzione durante la ricerca
  • Servizio di consulenza facilitato che ha assistito nel processo di ricerca e ricongiungimento dall'inizio alla fine
  • Elenco degli adottati come mentori che hanno seguito il processo
  • Le storie di ricerche degli adottati e la loro riconciliazione di tali ricerche fornirebbero supporto emotivo ad altri adottati che pensano di iniziare la propria ricerca

Suggerimenti per un migliore supporto per gli adulti adottati durante la ricerca di famiglie nate:

  • La documentazione è la chiave e l'adozione aperta è il modo migliore per fornire supporto
  • La necessità di interattivo gruppi di supporto e per sapere dove trovarli
  • Un'istruzione completa per i genitori adottivi per aiutarli a gestire i problemi per tutta la vita degli adottati e una consulenza economica per tutte le parti nel processo di adozione, e in particolare per avere accesso a questo supporto indipendentemente dalla fase del processo di adozione
  • Avere un assistente sociale che "controlla" le persone che vengono adottate per tutta la vita
  • Mantenimento di una banca dati per consentire di condurre la ricerca con accesso ad altre banche dati come nascite, adozioni, decessi e matrimoni in ogni paese
  • Alcuni adottati vogliono che le famiglie adottive abbiano una formazione obbligatoria che li aiuti a gestire le problematiche degli adottati fino all'età di 18 anni – educazione alla lingua, storia della cultura, l'importanza di avere tutti i documenti, il valore di fare visite regolari insieme al paese di origine
  • Includere il test del DNA dell'adottato fatto, S o N nel file di adozione

Citazioni chiave degli adottati sulla loro esperienza di riunificazione:

“L'adozione è un viaggio lungo una vita e ancora oggi ho nuove rivelazioni della mia adozione. L'impatto "generale" è stato di un profondo potenziamento che è nato da una grande angoscia".

“Anche se ho avuto una sessione con un ottimo psicologo prima della mia riunione, sento ancora che c'era molto di più di cui avrei dovuto essere informato. Vorrei essere stato indirizzato ad altri adottati disposti a condividere la loro esperienza del loro ricongiungimento con suggerimenti, consigli e supporto.

"È stato devastante per me rendermi conto che la mia famiglia natale è fondamentalmente estranea e se volevo una relazione con loro, avrei dovuto sacrificare la vita che ho costruito dopo che mi hanno rifiutato e alterare nuovamente l'identità che ho lottato per sviluppare, solo per adattarsi alle loro aspettative”.

“I maggiori ostacoli per la ricerca e il ricongiungimento nella mia esperienza hanno incluso:

Essere un "turista" nel mio paese di nascita. Ho trovato sorprendentemente difficile e difficile che persone della stessa nazionalità presupponessero che fossi uno di loro e poi dovessero spiegare la mia situazione di adozione.

Dopo il ricongiungimento, vale a dire, affrontare le conseguenze dell'apertura della porta al passato: è irreversibile! Avrei dovuto essere più preparato e supportato meglio per gli aspetti e le conseguenze del dopo ricongiungimento”.

“Ci sono voluti molti anni per venire a patti correttamente e per capire la mia adozione dopo il ricongiungimento. Ha indubbiamente influenzato in meglio la mia identità e il corso della mia vita. La mia adozione è diventata qualcosa che ho imparato ad apprezzare ed evolvere con. Imparare che la mia vita sarebbe dovuta finire prima ancora che io nascessi, mi ha reso incredibilmente grato e motivato a fare qualcosa con la mia vita.

“Le prime ferite quando si è separati dalle madri sono esacerbate dal mistero delle domande senza risposta”.

Per leggere il Documento Prospettico ICAV completo: Ricerca e riunione – Impatti e risultati in inglese o francese, guarda la nostra collezione di Documenti prospettici.

Italiano
%%piè di pagina%%