Un Adottivo condivide la terapia EMDR

di Gabriela Paulsen, adopted from Romania to Denmark.

EMDR Therapy Changed My Life!

Eye Movement Desensitization and Reprocessing (EMDR) therapy for me, involved the therapist moving 2 fingers in front of my head so the eyes are moving side to side, while I was thinking about a trauma event. The stimuli can also be something I hold in my hand which is vibrating or it can be tapping done by the therapist. The eye movements help the brain to take up the trauma and reprocess it again, so it does not disturb me in daily life. During the eye movements, I sometimes had different reactions such as crying or maybe some body sensations like getting hot or fast breathing because my body experiences the trauma event again. There can many kind of different reactions and the tricky part is that I had no idea how I would react until I tried it!

In my case, I wanted to work with a trauma I had from my time in Romania as an orphan, I think it was from the orphanage, but I am not completely sure as it could also be a memory from my time in hospital.

My trauma was a memory I only got when I was sleeping and when the trauma was about to occur it felt like I might pass out and loose control. In that moment I knew that I would relive the trauma event again. I experienced the nightmare quite often as a teenager. The last time it happened, was around 10 years ago, just before I turned 17-18 years old. The trauma event felt extremely real. I was very scared and after I woke up, I was completely paralysed with fear. I had always thought this was something real, so when my therapist recommended EMDR therapy for me, I said yes and we started to work with this trauma. I only have my nightmare to work from, so it was not much. I had absolutely no idea whether I would react or not and it was actually quite difficult to think about such an old memory during the eye movements!

Session 1
On my first session of EMDR, it took a while before I started to react. I started to sit as if paralysed, I could only look straight forward and talked more slowly because it felt like I was put into a hypnotic state of mind. I then started to remember more of the trauma and I starting to breath faster even though it felt like I was holding my breath. My body was definitely starting to prepare for the trauma event memories and I felt very alert.

After that session, my brain continued to work with the trauma, which is expected. I could feel it because I was very alert, I was scared of being in a dark room and of some gloves I had because they are a symbol of a hand. During a work day, there was a potentially dangerous situation of a woman who was very threatening towards one of my colleagues, who reacted with aggression. I got extremely tense because of that and I was breathing like hell because I was ready to fight. It was a huge and shocking reaction I had and I couldn’t talk properly because of my breathing, so I had to take 5 minutes break to calm myself.

Session 2
I had problems getting my mind to go back into the trauma so my therapist and I had a short break from the eye movements to relax and help me get back into it. After a while I started to react with the paralysed / hypnotic state of mind and quick breathing but within myself, it felt silent and it appears like I am not breathing. After a while, I wanted to move my arm but directly afterwards I regretted this because I immediately felt like I did something wrong. Later, I started to remember more, it was like a part of me was revisiting the traumatic event. It was very interesting to explore because I got new information about my trauma. After going deeper and deeper into the trauma my breathing got faster and faster and suddenly I felt like I was about to break down into tears. I continued for a few minutes more and then I stopped doing the eye movements because I got very sad, I was crying and then my breathing was changing to be very big and deep, from within my stomach. I could feel my bones in my back so much from the heavy breathing. During this, I experienced the most insane feelings inside of me whilst my tears were running freely.

I didn’t understand at the time what happened because my brain was in the present and yet my body was reliving the trauma I had experienced. It was very hard to feel the trauma again. I thought that I must have looked like a person getting raped or tortured. It was a completely insane experience and afterwards I felt very confused about what happened and I asked my therapist to explain it to me.

Afterwards, I was extremely tired and my whole body felt very heavy. My muscles in my arms felt like they had lifted something way too heavy! I was also very alert and the rest of the day and the next 3-4 days, I was in this stressful state of mind. I would feel suddenly deep sorrow and tiredness several times a day without knowing why. It was literally like something was hurting inside me several times a day and like something wanted to come out of my body but I was with family, so I worked very hard to not break down and at the same time, I felt like I couldn’t get the emotions out either. It was very confusing. I also started to not like high noises and I felt scared if there where many people too close around me, like when I was on public transport. I usually do not have such problems. I was still scared of darkness and sometimes I got scared without knowing why. One of the times I was scared I was thinking about the woman who had caused my trauma.

I felt like I didn’t want to sleep after I have my nightmare about my trauma, because I was so scared!

Session 3
After 3 weeks, I was going to do EMDR again and I was very nervous and exciting about what would happened. The night before therapy I had a very short nightmare again which had not happened for around 10 years! This time, it was like I was further in the trauma event as compared to in the past, I had only ever dreamed as if I was at the beginning. In the nightmare some people were about to do something that I definitely didn’t like and I was thinking “stop”, so the nightmare ended extremely short. It felt like a few seconds but it was enough for me to feel again how I actually felt during the trauma event from years past. The next day, I was very stressed and actually scared.

During EMDR therapy session after this, I felt like my eyes were working against me, not wanting to participate. So I talked with my therapist about how I had completely closed down because of the nightmare. I didn’t have huge reactions during that session nor the next 2 sessions. In the last EMDR session, I could nearly get the image of the trauma event in my mind and I no longer felt scared – it was as if the trauma no longer affected me as powerfully as before. Between the sessions, I have felt very bad mentally but one day, it was like gone completely and I felt much happier, more relaxed and not as chronically tense. I also stopped having problems sleeping in a dark room – in the past, a completely dark room signalled that the re-lived trauma would occur.

In the past and prior to doing EMDR therapy, I would get anxiety from the outside getting dark, or having many people around me and high noises. Now all of these things are no longer a problem so I feel like I can go on living as myself once again. My friends have also told me that I seem more relaxed and most importantly, I feel a huge difference in my life!

I can highly recommend EMDR therapy for adoptees especially when it comes to trauma that the body remembers. I feel like I have healed my body and let out a terrible experience. Before EMDR therapy, I didn’t understand that my body was reliving such huge trauma all the time and how much it was impacting me.

risorse

Trovare la giusta terapia da adottante

Screening for an adoption competent therapist

Il trauma inerente alla rinuncia e all'adozione

Abbiamo ancora molta strada da fare per raggiungere il grande pubblico ed educarlo sul trauma intrinseco e sulle perdite dovute alla rinuncia e all'adozione. Per aiutare con questo, sto cercando di connettermi in spazi che non sono specifici dell'adozione e condividere il nostro messaggio.

Ho recentemente inviato il nostro Video per professionisti a un'organizzazione Stella che fornisce cure mediche per il disturbo post traumatico da stress (PTSD) chiamato Blocco del ganglio stellato (SGB). Chissà, forse potrebbe essere efficace per alcuni adottati? Il nostro trauma da abbandono spesso non ha un linguaggio perché ci è successo da bambini piccoli o neonati, quindi sono costantemente alla ricerca di nuovi trattamenti o opzioni che possano aiutare a dare sollievo al campo minato emotivo in corso che vivono molti adottati. SGB lavora sulla premessa di smorzare la nostra risposta di lotta/fuga che risulta da un trauma in corso.

Il capo psicologo di Stella, La dottoressa Shauna Springer e il capo delle partnership, Valerie Groth, hanno entrambi chattato con me e guardato i nostri video. Fino ad allora, entrambi come clinici non avevano idea dei traumi inerenti alla rinuncia e all'adozione. Sono ispirati a unirsi a me per aiutare a educare il pubblico, quindi ecco la breve intervista al podcast di 30 minuti che hanno condotto per facilitare questo. Clicca sull'immagine per ascoltare il podcast.

Se conosci già i traumi inerenti all'adozione, nulla in questo sarà nuovo, ma se desideri un podcast che aiuti gli altri a capire dal punto di vista del primo studente, forse potresti considerare di condividerlo con loro.

Abbiamo anche il nostro elenco compilato di risorse come punto di partenza per chi è interessato a saperne di più sulla connessione tra trauma e adozione da esperti di tutto il mondo.

Se la luna potesse essere la mia madre ora

di Roxas-Chua, adottato dalle Filippine negli USA; autore, artista.

Ho pensato di condividere questa immagine che si trova sul mio tavolo desktop nel mio studio. L'ho creato una di quelle notti in cui non ero in grado di attingere al cambiamento e al movimento nella mia lotta per l'adozione. Trovo che un equilibrio tra condivisione di storie, lavoro di auto-genitorialità, scrittura contemplativa e disegno mi abbia aiutato a navigare e tradurre il mondo intorno a me. In questo disegno ero accompagnata dalla luna, che in qualche modo mi dava conforto come fa la natura. Spero che vi piaccia. È un'istantanea di tenerezza che cerchiamo da noi stessi e dagli altri. Se la luna può essere la mia madre naturale ora, sto bene con quello. Prenderò qualsiasi sentiero che illumini la notte.

Per ulteriori informazioni su Roxas-Chua, guarda il loro podcast Caro qualcuno da qualche parte e prenota Dire il tuo nome tre volte sott'acqua.

Sue-Yen Bylund sul razzismo

Il 3 aprile 2022, un gruppo di 19 adottati internazionali australiani ha partecipato a una consultazione dell'ICAV per la Commissione australiana per i diritti umani (AHRC) che hanno sviluppato un Carta concettuale per un Quadro nazionale contro il razzismo. Riteniamo che gli adottati internazionali/transrazziali siano sottorappresentati nelle discussioni razziali in quasi tutti i paesi adottivi e volevamo assicurarci di avere voce in capitolo. I prossimi blog saranno una selezione degli input degli adottati che hanno partecipato per dare una visione più sfumata della nostra esperienza vissuta di razzismo e dei nostri pensieri su ciò che deve essere fatto per sostenerci meglio.

di Sue-Yen Bylund, adopted from Vietnam to Australia, ICAV VIC Representative

Racism is here to stay. It is enmeshed in the very fabric of society, at every level. It manifests within us as individuals, at a systemic level pervading our policies and practices, reflected in our interpersonal behaviours and is accumulated and compounded in the base structures of our history, culture and ideology.

In order to mitigate the harm caused by racism we must be actively anti-racist. It is not enough to merely be “not racist”, as this, often results in a passive racism, which is as equally toxic as overt racism. Tolerance is a poor substitute for acceptance. Tolerance offers tokenism and indifference. Acceptance offers a place for all voices, a public validation as individuals and a genuine place at the table to self-determination.

Every person carries their racial biases differently. Acknowledgment of these biases on a personal individual level is important, however being open to listening, validating and accepting the experiences of others takes courage. 

My expectation within this forum, is to offer to an opportunity to broaden the discussion of anti-racism to embrace all forms and manifestations of racism within Australian society today. To offer encouragement to address the complex “grey” zones of racism. Through this broadening a more mature collective and inclusive voice will evolve, which I believe Australia is ready to share with the world.

The foundations of my identity lie amongst the chaos of war time Vietnam 1974. Within the first 3 weeks of my life, I experienced my initiation into the full audio and aromatic reality of war, surrounded by screaming and traumatised children and adults. Racial identity did not protect any of us from the horrors, what we all absorbed would remain forever with us as visceral burdens to tame. War and terror are the greatest levellers in stripping even the bravest to the very foundations of humanity. And then in one swift spin of the planet I would find myself a world away in the eerie quiet and calmness of Perth, Western Australia. This journey would also mark the beginning of a life’s self-education of racial fluidity. Being one heart and soul, but a chameleon of racial identities. Born of one culture, raised in another, looking as though I belong to one group, but in at my core, I belong to another, the duplicity and fluidity is complex and exhausting.

The need to feel safe, accepted, understood and validated seems to be a naturally human pursuit. As an intercountry adoptee the journey is complex and confusing. We slip into the cracks of racial stereotypes offering up apologetically a reason for inclusion or explanation for exclusion. Either way no matter where we are in our communities we are an anomaly. We are constantly offered up as a reminder that a book shouldn’t be judged by its cover and if you care to listen carefully, you will hear the simple request for safety and acceptance.

My childhood cultural identity was shaped through the lens of middle class suburban 1970’s Australia. It was fortunate that the primary school I went to attracted a good proportion of Asian immigrant families. This enabled me, at a young age to observe the “other” type of Asian. The Asian person who spoke the language, ate the food, complied with the Asian cultural norms, while they themselves were carving out the unique existence in post “White Australia Policy” era. It was clear to me from the very beginning that I was an “Asian variant”. I was to experience racial prejudice from all sides. My immediate family comprised of a white Australian adoptive mother, a white Dutch (first generation migrant) adoptive father and their two biological white sons. Straddling my home and school environments I began to acknowledge the fragmented racial identity which was uniquely mine.

I would learn to instinctively navigate the pros and cons of racial profiling expressed by adults and classmates. At times it afforded me a shield to hide behind, at other times it just bewildered me at how ignorant and entitled people could be. 

Teachers would regard me with the marginalising stereotype of female Asian student, this meant that no matter what I did, or didn’t do, I was considered polite, conscientious and studious. This enabled me to glide through my studies relatively smoothly. Where this backfired was when I would be herded together with all the Asian “look-a-likes” to be given special instructions in Chinese/Cambodian/Vietnamese. There were always a few of us that would simply shrug our shoulders, knowing it was too hard to explain to the teachers that English was in fact our only language. 

Classmate interactions were more complex. While they seemed to want to flex their insecurities through bullying behaviours, I suspect they would often leave these bullying interactions more confused and with increased insecurities about themselves. They would corner me and spit out racial slurs “Ching Chong!”, “Go back to where you came from!”, “Asians out!” with the standard accompanying slanted eye gesture. I learnt very early to lean into the bullying. To not turn away in shame or embarrassment, I summoned the  airs of entitlement I learnt from my white Australian family. It was an educational opportunity. I would not show weakness. So armed with a vocabulary not generally associated with a small Asian female of 11 years I would lean in and say with a perfect Aussie twang, “Get f***ed you immature ignorant bigot!” While they processed the response in stunned silence, I was already half down the hall or across the oval. When I think back to those times, I know in my heart I still hold a deep resentment toward those who racially vilified me. The fact I could still name those individuals today shows how deeply it affected me. I built a wall to protect myself, a tough persona that would later in life be softened with self-depreciating humour. 

Humour has become one of the most powerful tools for disarming awkwardness though it should be noted that humour can only be genuinely offered by me (the vilified) otherwise it can have the effect of adding insult or increasing alienation.

Australian society in general is getting better at navigating racially blended families. However, there have been times where an awkward visual double take or racial slur has been reconsidered once formal introductions have concluded. 

For example, my adoptive mother is the personified “white saviour” heroine and therefore in this narrative, I embody the role of a grateful saved soul. There is no place in this narrative version for reality and it only serves to perpetuate the stereotypes. This distilled classification of our relationship as an adoptive mother and daughter has resulted in a chasm of empathy where my experience of racial prejudice and marginalisation cannot be reconciled with my adoptive mother’s version of my lived experience. She cannot/will not acknowledge that I have/do experience any racial prejudice. It’s unfathomable and therefore remains a taboo subject between us. I would suggest a classic case of “colour blindness” which is the most common manifestation of passive racism. Let me strongly suggest that racial “colour blindness” is not a positive construct to build a relationship in. I don’t advocate for a monochrome world. It cancels out important conversations that need to be had to build empathy and understanding. It bypasses the integral act of individual and collective validation.

A typical interaction in a social setting with my white husband, would start with a few awkward glances while people assessed my proficiency in English. Once the conversation has warmed up a little, the question is always asked “How did you two meet each other?” At this point all newbies begin listening in the hope to hear some spectacular Tinder dating app story with me gaining Australian citizenship when we married. Sad to say the story takes an epic sad tone when it is revealed I was a baby from the Viet Nam war. The conversation moves very quickly from one set of stereotypes to another. The chameleon game is afoot. We have now moved into the Viet Nam war genre and to be honest the racial stereotypes are just as nauseating. As the conversation peters out, I am left with a very uncomfortable feeling that I might be the daughter of a B-Grade war romance story of a soldier and prostitute but on the positive side, I have ruled out that I am a “mail order bride” from Asia desperate to get my claws into a rich white “sugar daddy”. Either way, I always leave these gatherings feeling like I have shared way too much about myself, simply to justify my equal status at the table of white Australians. Needless to say, it’s exhausting and incredibly invasive. At times my inner evil chameleon just wants to re-enforce the stereotypes rather than use my life as an education case study. In the end I see curiosity is better than fear and putting examples forward and building knowledge is a slow continuous but necessary journey.

With regards to my children, I am conscious that they physically are racially ambiguous. They could have genetic origins from various backgrounds, but once I stand next to them then it becomes evident their dark features come from me and they are of Asian origins. My daughter has experienced racial slurs from having an Asian looking mother. It wasn’t until she spent her gap year in Viet Nam that she developed her own understanding of her origins. She has in fact spent more time in Viet Nam than me. 

School parent social groups are an interesting micro society and navigating them is a full-time job. In the private school my children attended I had two very distinct social groups that I interacted with. One was a group of Asian looking mothers where I felt like an honouree member. I learnt Asian cultural things and etiquette that I didn’t get elsewhere. I did a lot of listening. The other group were all Anglo-Saxon looking mothers and I was dubbed the “token” Asian (humorous chameleon!) These girlfriends understood how I saw the world. It’s in these situations that I reflect on the sophistication of my chameleon gift and in a positive moment reflect on the bridges I can construct between the groups just through listening and sharing.

There is a niche and powerful position that intercountry adoptees have in the conversation around racism and prejudice. It’s borne from the hybrid and fluid nature of our self-identities. We exist in the space between cultures and races. The triumphal story of our survival is in fact a narrative of weaving together of cultures, racial identity, tolerance and acceptance. Intercountry adoptees must reconcile the disparity between the physical and internal nature of racial identity, because at every turn we are challenging the stereotypes and presumptions. As an Asian in white Australia, we challenge the mainstream colonial stereotypes, as an Asian in Asia, we find ourselves challenging the long-held stereotypes in our birth culture. We belong to both yet neither wholly. 

If I was to consider the future of racism in context of Australia, I would continue to raise the challenge to government and individuals to embrace the complexity. Find the words, create the platforms, lead with optimism. Systemic racism embedded in the policies and practices by government and institutions needs to be constantly questioned and reviewed to ensure it leads in activating change. Structural racism that unpins mainstream think-tanks needs to be shaken loose. It is an uncomfortable and confronting task, but I believe Australia is mature enough to take this task on. Interpersonal racism is very difficult to navigate as an intercountry adoptee, but the freedom to express an alternate reality from the stereotypes is a good platform to build upon. Internalised racism is insipid and so very damaging. We want to move from passive tolerance to active validation of individuals. 

Ongoing political bi-partisan support for research and consultation is an essential investment to engage in effective societal change. A firm commitment to reviewing and evaluating key milestones is required for accountability and integrity.  Educational resources coupled with public awareness and youth engagement are core to developing a more mature future for all Australians.

For more from Sue-Yen, read her Riflessioni sull'ANZAC Day, her contribution to Cosa c'è in un nome? and advocacy with Green’s Senator meeting.

Risorsa

Read ICAVs small collation on Color blindness in Adoption

Quale sarebbe la mia utopia nell'adozione internazionale?

Questo è stato presentato da Lynelle Long al webinar Child Identity Protection (CHIP) venerdì 18 febbraio 2022, l'argomento del webinar era: Rispettare il diritto all'identità del minore nell'adozione internazionale (alle 2:58:01 della registrazione video).

Quello che spero per il futuro è forse solo un'utopia, ma a volte nel pronunciare le parole ad alta voce, le nostre parole possono trovare un'energia con altri che condividono lo stesso desiderio, che possono avviare la piccola ondata di pensieri che diventano un'attività, poi un movimento che ha effetti a catena, che alla fine si trasformano e sfociano in uno tsunami. So che ci sono così tanti nella nostra comunità di adottati che stanno lavorando così duramente affinché questi cambiamenti avvengano. Ciascuno dei nostri sforzi può sembrare piccolo in isolamento, ma insieme, in massa, alla fine effettueremo quel cambiamento a cui stiamo lavorando.

La mia utopia vorrebbe vedere la fine di tutte le adozioni internazionali così come sono attualmente praticate oggi: cancellarle o come minimo, riprogettare Convenzione dell'Aia sull'adozione internazionale per garantire che rispetti il nostro diritto all'identità, alla cultura e alle relazioni familiari... e garantire che esista una legislazione a sostegno dei nostri diritti di adottati e per le nostre famiglie biologiche.

Quando lo facciamo, dobbiamo anche:

  • Rimuovi il denaro dall'essere un incentivo per il profitto e il guadagno.
  • Eliminare il ricorso alle agenzie private, centralizzare l'adozione e ricoprire direttamente la responsabilità e il rischio con il Governo/Stato.
  • Garantire agli adottati il diritto di annullare la loro adozione e senza alcun costo.
  • Garantire i diritti generazionali per i documenti adottati, vale a dire, i nostri figli e i loro figli devono avere accesso ai nostri documenti di adozione e nascita se non lo facciamo durante la nostra vita.
  • Migliorare i supporti pre e post adozione, rendere obbligatorio che questo sia gratuito, informato sui traumi, per tutta la vita e completo; soprattutto, nella sua progettazione, consultare attivamente le competenze dell'esperienza vissuta.
  • Rendilo obbligatorio educare i professionisti del supporto così capiscono l'accresciuto rischio di suicidio e trauma per gli adottati, il razzismo intrinseco che dobbiamo affrontare, i conflitti di identità, ecc.. così tanti problemi che viviamo che necessitano di un supporto formato e informato.
  • Stop alle adozioni private/espatriate e da paesi non dell'Aia.
  • Creare e finanziare un centro legale di competenza nell'adozione internazionale per aiutare le vittime a ritenere responsabili le agenzie e i paesi in cui i loro diritti non sono stati rispettati.
  • Creare e finanziare un organismo indipendente per monitorare e punire i firmatari dell'Aia che non rispettano le proprie responsabilità, per affrontare questioni come la deportazione nel paese adottivo, l'abuso e l'omicidio di bambini da parte della famiglia adottiva. Ci deve essere responsabilità per i responsabili nel collocarci in famiglie o paesi che sono più traumatici di quelli da cui veniamo.
  • Crea e finanzia un'organizzazione internazionale che è istituita per responsabilizzare e aiutare a sostenere le biofamiglie nella ricerca dei loro figli. Incontro così tanti di questi genitori bio che sono privi di potere e non hanno nessun posto a cui rivolgersi.

Ma prima ancora di parlare di adozione come soluzione per un bambino, dobbiamo garantire che l'attenzione e i fondi mettano al primo posto la conservazione della famiglia. Se ciò accadesse, non dovremmo aver bisogno dell'adozione internazionale. Per raggiungere questo obiettivo, dobbiamo aiutare i nostri paesi di nascita a implementare alternative di assistenza sociale come l'affidamento, la tutela, le case-gruppo, la semplice adozione; e assicurarsi che questi siano ben dotati di risorse.

Indipendentemente dal fatto che in futuro avremo o meno l'adozione internazionale, dobbiamo fare i conti con il passato per coloro che ne sono colpiti. Ciò significa che un'indagine storica da parte di un organismo indipendente deve essere condotta sulle pratiche passate; imparare dalle lezioni, garantire giustizia riparativa per le vittime, compreso il risarcimento. Solo allora, quando ciò sarà fatto, dovremmo andare avanti a cercare di re-implementare un nuovo modello di adozione internazionale.

E non dimentichiamo che dobbiamo assicurarci di impollinare in modo incrociato gli apprendimenti dall'adozione internazionale in altri metodi di formazione familiare come la maternità surrogata, per prevenire l'ulteriore mercificazione dei bambini e derubare anche loro delle loro identità.

Queste sono le cose su cui passo la mia vita a lavorare, creare e unirmi all'ondata di persone/comunità che lavorano per spingere per questi cambiamenti tanto necessari. 

Perché ciò avvenga, dobbiamo sfidare i governi e le parti interessate di tutto il mondo a porre la domanda difficile, è l'adozione internazionale la cosa eticamente e moralmente giusta da fare quando sappiamo che possono esistere altre soluzioni per i bambini vulnerabili che rispettino meglio il nostro diritto all'identità, alla cultura e alle relazioni familiari.

Purtroppo, l'utopia non esiste e quindi posso solo concludere che finché non avremo un sistema che difenda i nostri diritti di adozione, non credo che dovremmo condurre l'adozione internazionale nella sua forma attuale. NON è nel miglior interesse del bambino aggiungere strati di traumi che potrebbero essere prevenuti quando ne sapremo di più. Sì, ci saranno sempre bambini che hanno bisogno di sostegno e alternative.. ma non possiamo continuare a ripetere gli errori del passato e chiudere un occhio su quello che stiamo facendo in massa. Dobbiamo fare di meglio e sfidare noi stessi a essere onesti, sinceri, ascoltare le voci di coloro che hanno un impatto maggiore e prestare attenzione alle lezioni che possiamo imparare.

Il giorno della mia adozione è l'anniversario della perdita

di Mary Choi Robinson, adottata dalla Corea del Sud negli Stati Uniti.

Questo è Choi Soon Kyu.

In questa foto ha circa 4 anni ed è recentemente rimasta orfana e malata a causa delle devastazioni della povertà.

Prima che questa foto fosse scattata, aveva una vita precedente ed era la figlia di qualcuno, la figlia di qualcuno con molto probabilmente un nome diverso.

Circa 8 mesi dopo questa foto, il 18 febbraio, verrà consegnata negli Stati Uniti, le sarà data una nuova identità e famiglia; una nuova vita che le è estranea, spaventosa e imposta. Il suo nome verrà cambiato e perderà la sua lingua e cultura in nuove.

Le sue tre identità, le sue tre vite, sono portate da traumi e perdite. Ora sono me e sopravvivo ogni giorno a tutto ciò che ha perso.

Non dirmi di essere grato o grato, o che ogni bambino merita una famiglia e una casa sicure e amorevoli.

Cerca invece di capire che mi porto dietro questo dolore e questa perdita insopportabili ogni giorno. Un dolore che non è peggiore, ma a differenza di altri lutti che non sempre si possono esprimere facilmente. Un dolore di cui non sono sicuro su come piangere e da cui molto probabilmente non mi riprenderò mai, che potrebbe avere conseguenze generazionali.

Certi giorni lotto più di altri, soprattutto quando inaspettatamente preso alla sprovvista dall'adozione.

Quindi oggi non è solo l'anniversario della mia adozione/arrivo negli Stati Uniti, ma anche l'anniversario della mia perdita. Ma sono ancora qui e sto facendo del mio meglio per ottenere il massimo da questa vita, quindi lo celebrerò.

Se desideri leggere di più da Mary, la sua tesi di Master è inclusa in Ricerca ICAV pagina - Vivere una vita parallela: memorie e ricerche di un adottato coreano transnazionale.

Condivisioni anonime su Adoptee Anger

Questa è una serie su Adoptee Anger dall'esperienza vissuta, per aiutare le persone a capire cosa c'è sotto la superficie e perché gli adottati a volte possono sembrare arrabbiati.

di Anonimo, adottato dalla Cina negli Stati Uniti.

Ho provato rabbia come adottato. Per me è successo tra la fine dell'adolescenza e l'inizio dei 20 anni in quel periodo di transizione tra il liceo e l'università. Ero arrabbiato con i miei genitori per avermi adottato e per non aver fatto sforzi per imparare o condividere la mia cultura di nascita, ero arrabbiato con i miei genitori naturali per avermi dato in adozione e per aver avuto un bambino di cui non potevano prendersi cura. Ero arrabbiato per i sistemi più ampi di povertà e disuguaglianza che mettono le persone in situazioni difficili. Ero così arrabbiato con le persone che mi dicevano che ero cinese o asiatico ma non avevo idea di cosa significasse.

Ero arrabbiato con i cinesi che ho incontrato che erano delusi dal fatto che non fossi più "cinese". Mi sono scagliato contro i miei genitori e ho detto loro cose molto offensive sull'adozione. Sfortunatamente, ho anche rivolto gran parte di questa rabbia e tossicità su me stesso e ha influenzato negativamente il modo in cui mi vedevo. Per me, la rabbia riguardava l'essere confrontati con la comprensione che l'adozione non solo mi ha dato una famiglia, ma significava anche che ne avevo una in periferia che forse non avrei mai conosciuto. Mi sentivo uno straniero nel mio stesso corpo, costantemente giudicato per la mia razza ma non rivendicando quell'identità. Non riuscivo a capire come venire a patti con gli effetti della povertà e dei sistemi più ampi che mi hanno portato ad essere adottato.

Ho sentito davvero rabbia come l'inizio del dolore.

Ora la rabbia è svanita e provo una tristezza profonda e complicata quando penso a questi argomenti. Ciò che mi ha aiutato di più è stato raggiungere e connettermi con gli altri adottati. Mi ha aiutato a canalizzare e convalidare i miei sentimenti sull'adozione, vedere più sfumature nel processo e ritrovare molta fiducia in me stesso e autostima.

Dato che sono stato coinvolto con le organizzazioni di adottati, ho trovato conforto, guarigione e gioia. I miei genitori, anche se avremo sempre delle differenze, mi amano e non si sono mai vendicati quando ho detto cose cattive sul processo di adozione o su di loro. Dagli amici intimi e dalla famiglia, sono stato trattato con compassione, amore, comprensione e comunità. Penso che sia ciò di cui ogni persona ha bisogno quando lavora su queste cose grandi e inspiegabili.

Ofir condivide su Adoptee Anger

Questa è una serie su Adoptee Anger dall'esperienza vissuta, per aiutare le persone a capire cosa c'è sotto la superficie e perché gli adottati a volte possono sembrare arrabbiati.

di Ofir Alzate, adottato dalla Colombia negli USA.

Sono un adottato con rabbia. Questo viene tramandato ai nostri figli perché ho tre ragazzi arrabbiati. Ora, da adulto, mi sento come se potessi gestire la rabbia molto meglio – mi allontanerò dal confronto prima che diventi brutto.

Adesso mi fa incazzare perché ricordo che alcune volte la coppia adottiva mi diceva: "Sei sempre così arrabbiato e questo è tutto quello che fai, è voler stare nella tua stanza con la porta chiusa", e ho dovuto aprilo. Come fa qualcuno a non vedere un problema quando è proprio lì in faccia, come quello che cazzo ti aspettavi? Che stavo per saltare su e giù felice perché mi hanno portato via la mia famiglia, il mio paese, e nessuno mi assomiglia e nessuno è del mio stesso colore? Per non parlare del fatto che non sapevo nemmeno cosa stessero dicendo da molto tempo.

Volevo andare a casa! Volevo mia madre! L'ho odiato qui! Non appartengo qui. Mi è stata data la famiglia sbagliata.

Amo i miei 3 ragazzi e i miei 7 nipoti ma sono pronto a lasciarmi tutto alle spalle. Attualmente sto aspettando di sapere del mio passaporto. Anche se era solo una copia, ho ricevuto il mio certificato di nascita che mia madre mi ha inviato insieme al mio certificato di battesimo dalla Colombia. Ho pianto per quasi un'ora buona nella mia stanza. Ho toccato qualcosa che mia madre ha toccato!

Mi sento davvero giù da Natale e ho anche ricevuto la pagella del liceo: le pagelle del 9° e 10° grado. Mi ha spezzato il cuore il fatto che i miei voti fossero così pessimi. Avevo solo una A in palestra. Stavo ricevendo D e F in spagnolo. Ricordo di aver lottato durante i miei anni scolastici. Insieme a tutto il resto, so di avere ADD. Quello è stato sicuramente il peggior errore di tutta la mia vita è stato lasciare la scuola, ma poi di nuovo, non ho avuto il supporto.

Volevo solo andarmene da quella casa, quindi me ne sono andato quando avevo 16 anni e non sono più tornato.

Dio ci benedica tutti!

Andrea condivide su Adoptee Rabbia

Questa è una serie su Adoptee Anger dall'esperienza vissuta, per aiutare le persone a capire cosa c'è sotto la superficie e perché gli adottati a volte possono sembrare arrabbiati.

di Andrea Johnstone, adottato dal Canada all'Inghilterra.

Ero arrabbiato da adolescente! Volevo così disperatamente che mia madre e mio padre adottivi mi vedessero per quello che ero e che soddisfassero i miei bisogni emotivi. Non è mai successo. Ero il bullo della scuola perché ho dovuto imparare a proteggermi da tutti i commenti razziali.

I miei insegnanti di scuola mi dicevano: "Non sei altro che un negro!" Sì, è proprio così, fottuti insegnanti di scuola. Sono stato tirato su per il mio maglione e sbattuto contro il muro da un insegnante di educazione fisica che mi ha detto: "Ti odio Andrea Johnstone!" cmq!! Quindi sì, ero fottutamente arrabbiato. I ragazzi non sono mai stati puniti per il loro comportamento razziale. Gli insegnanti non avevano idea che vivessi in una famiglia molto disfunzionale: madre narcisista con un padre depressivo e passivo. Quindi diavolo sì, ero arrabbiato!

Tuttavia, le cose sono cambiate e sono andato in terapia profonda dopo un tentativo di suicidio. È stato un lungo viaggio di ritorno a se stessi. E ora sono qui a sostenere molti adottati nel Regno Unito. Quindi tutto doveva essere, poiché conosco quel dolore, conosco quella rabbia interiore. Conosco la ferita primaria perché ci sono stato.

Quella rabbia continua ancora a volte a ribollire dentro. Ma ora so come lenire il suo xx e nessun rimpianto. Tutte le mie esperienze di vita sono ciò che sono oggi. Sono una donna dannatamente straordinaria e saggia che ha imparato ad amarsi veramente e a ricordare che ero quella che stavo aspettando. Per dare a me stesso ciò di cui avevo bisogno.

Tutto il guardare fuori di me stesso, l'amore che cercavo con gli uomini, no... Posso avere una relazione sana con qualcuno solo quando ne avrò una prima con me stessa. E lascia che ti dica che ci sono voluti decenni per risolverlo.

Devi scavare a fondo, signore e signori, perché questo viaggio da adottati non è una passeggiata nel parco. xx

Per i compagni adottati che necessitano di supporto professionale, Andrea è una psicoterapeuta nell'area di Bournemouth UK, puoi metterti in contatto con lei su Psicologia oggi Regno Unito.

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%