25 anni nei Paesi Bassi

di Jowan Kooijman, adottato dalla Corea del Sud nei Paesi Bassi. di Jowan sito web fornisce altre poesie e scritti sull'adozione.

Giovan

Una giornata con doppi sentimenti di smarrimento e solitudine

25 anni in Olanda

Corea vs Olanda
Venticinque anni fa sono venuto al mondo con nove settimane di anticipo.
Ho impiegato molto tempo per crescere.
Dovevo sopravvivere, così potevo vivere e respirare.
Era il bozzolo che era carino, ma si è rotto presto.
È la mia base che è stata disturbata all'inizio e ciò che non poteva esserlo.
Venticinque anni fa ho avuto una nuova casa, ma lì non mi sono mai sentito a casa.
Era la mia identità che non conoscevo più.
Improvvisamente ero un olandese e il mio nome non era più Joon-Hwan, ma Jowan.
È stata l'educazione che ha sostituito la natura e tutto ciò che non sapevo, dovevo imparare.

Il cambiamento (regolazione)
Il trasferimento avvenuto in passato è sistematicamente cambiato molto.
Anche adesso, a distanza di anni, è ancora tangibile ma soprattutto visibile.
È il mio io più giovane che ha lottato per assimilarmi perché ho dovuto lasciare presto il mio posto e lottare per prendere il mio posto.
Perché se ti aggiusti, perdi delle cose.
Perdere qualcosa dice qualcosa sulla distanza e sull'adattamento, che non è sempre sicuro. La perdita consiste nel lasciare andare ciò che ami e chi ami.

Venticinque
Venticinque anni fa, poco prima di Natale, venni nei Paesi Bassi.
Abbracciato con amore e ricevuto come un dono prezioso.
Adesso a venticinque anni di distanza posso concedermi la vita perché conosco anche l'altra parte e non è sempre stato facile.
Il duro lavoro e la disciplina erano i principi fondamentali per andare avanti.
Ho anche imparato a dare valore alle piccole cose, perché le piccole cose possono fare una grande differenza.

Una veglia per Christian Hall, 1 anno dopo

Il 30 dicembre 2021, dalle 19:00 alle 21:00 CST, ci siamo riuniti nell'applicazione dei social media, Clubhouse per partecipare a una veglia online, creata e guidata dall'adottato vietnamita Adam Chau. L'evento è stato organizzato in collaborazione con la famiglia di Christian Hall che ha creato le veglie fisiche di persona in varie città degli Stati Uniti. Lo scopo delle veglie era quello di onorare la vita di Christian, sensibilizzare e riunire le comunità colpite in solidarietà per cercare Giustizia per Christian Hall. Puoi leggere i loro ultimi articoli qui e qui.

Alcuni ospiti adottati sono stati invitati a condividere i nostri pensieri per la veglia online: Kev Minh Allen (Vietnamita americana adottata), Lynelle Long (Adottato australiano vietnamita), Kayla Zheng (adottato cinese americano), Lee Herrick (Coreano americano adottato).

Condivido con voi ciò di cui ho parlato in onore di Christian Hall.

Mi chiamo Lynelle Long, sono la fondatrice di Intercountry Adoptee Voices (ICAV). Vorrei ringraziare Adam Chau per aver organizzato questo evento online oggi in onore di Christian. Grazie Nicole, la cugina di Christian che è alla nostra chiamata, per averci permesso di partecipare a questa veglia. Mi dispiace tanto per la perdita della tua famiglia! È un privilegio poter parlare. Sono una persona con un'esperienza vissuta di adozione internazionale e, come Christian Hall, sono di origine cinese … tranne che sono nato in Vietnam e adottato in Australia, mentre lui è nato in Cina e adottato negli Stati Uniti.

Il filo conduttore che mi unisce a Christian Hall è che entrambi abbiamo vissuto l'abbandono da bambini. Non importa che età abbiamo, per un adottato, la perdita della nostra prima famiglia come abbandono/rinuncia è un'esperienza cruda e dolorosamente traumatica. Rimane con noi per tutta la vita sotto forma di sensazioni corporee e si attiva facilmente. Quando ciò accade, queste sensazioni inondano il nostro corpo come paura, panico, ansia.

Peggio ancora è che quando il nostro abbandono avviene da bambini, non abbiamo sviluppato un linguaggio come modo per comprendere la nostra esperienza. Rimaniamo semplicemente con i sentimenti pre-verbali (sensazioni corporee). Mi ci sono voluti più di 20 anni prima di leggere il primo libro, The Primal Wound di Nancy Verrier, che ha cambiato la mia vita in termini di comprensione dell'impatto che l'abbandono e l'adozione hanno avuto su di me. Quel libro è stato il primo ad aiutare a dare parole all'esperienza che avevo provato fino a quel momento, come un'esperienza del tutto somatica, come sensazioni sgradevoli nel mio corpo, che non avevo capito, da cui avevo passato la vita scappando ogni volta sono riemersi.

L'altro filo conduttore che mi unisce a Christian Hall è che entrambi abbiamo sperimentato ideazioni e tentativi suicidi. Per lui, significava tragicamente la fine della sua vita da parte degli agenti di polizia che non capivano i suoi traumi. Per me, dopo numerosi tentativi falliti e finire al pronto soccorso, ha significato un lungo processo di risveglio al trauma che avevo vissuto. Più di 20 anni dopo, ho trascorso la maggior parte di questo tempo ad aiutare a risvegliare la nostra società su cosa sia veramente l'adozione per noi, la persona adottata.

Essere adottati non ci lascia mai. Potremmo provare a scappare e fingere che non abbia alcun impatto, ma nel profondo del nostro nucleo, il nostro abbandono collega quasi ogni aspetto del nostro essere - soprattutto, come ci connettiamo o meno con gli altri intorno a noi e con noi stessi. Al centro, gli adottati internazionali sperimentano la perdita di identità, razza e cultura. A meno che non abbiamo intorno a noi supporti che ci comprendano e ci aiutino a superare presto il trauma dell'abbandono, inciampiamo nel buio, completamente inconsapevoli di come il nostro abbandono ci colpisce. Molti adottati lo chiamano "essere nella nebbia" fino a quando non ci svegliamo. Oggi, decenni dopo che Nancy Verrier ha scritto per la prima volta il suo fantastico libro, ora ne abbiamo molti, molti libri scritti da adottati chi sono gli esperti della nostra esperienza vissuta. Questi libri sono una testimonianza scritta delle complessità che viviamo attraverso l'adozione e dell'impatto che hanno su di noi.

Negli ultimi 2 mesi, ho lavorato con altri per parlare degli impatti dell'abbandono e del trauma dell'adozione e del collegamento diretto al rischio di suicidio. Riconosco che la famiglia di Christian non collega la sua tragica morte al suicidio, ma sospetto che i suoi sentimenti di abbandono siano stati innescati quando eventi chiave lo hanno portato a trovarsi sul ponte quel giorno. Spero che più famiglie adottive si istruiscano sulle complessità in cui viviamo come persone che si disconnettono dalle nostre origini tramite l'adozione internazionale. Siamo quasi 2 milioni in tutto il mondo e stiamo parlando in massa per aiutare il mondo a capire che non è un'esperienza di arcobaleni e unicorni. Abbiamo bisogno di supporto permanente da professionisti formati in materia di trauma e adozione. Solo in America ci sono centinaia di migliaia di adottati internazionali: l'America rimane il più grande paese ricevente al mondo. Troppi stanno lottando emotivamente ogni giorno, eppure negli Stati Uniti non esiste ancora un servizio di consulenza nazionale gratuito per gli adottati internazionali e le loro famiglie. Inoltre, negli Stati Uniti non esiste un centro nazionale di supporto post-adozione finanziato per aiutare gli adottati internazionali a crescere fino all'età adulta e oltre. Non è un enorme difetto il fatto che il più grande importatore di bambini al mondo non disponga di un sostegno permanente interamente finanziato, equo e liberamente accessibile? come può l'America aspettarsi risultati positivi per i bambini che sono tra i più vulnerabili se non finanziamo ciò che sai di cui hanno bisogno?

Non ho mai conosciuto Christian personalmente. L'ho scoperto solo attraverso la sua morte. Vorrei averlo conosciuto. Dai molti adottati internazionali con cui mi connetto, so che guadagniamo così tanto emotivamente dall'essere connessi ad altri proprio come noi. Essere in contatto con i nostri coetanei aiuta a ridurre quei sentimenti di isolamento, ci aiuta a capire che non siamo gli unici a vivere la vita in questo modo, ci aiuta a connetterci a fonti di supporto e convalida che sappiamo ha funzionato. Vorrei che Christian avesse incontrato la nostra comunità. Non saprò mai se avrebbe fatto la differenza che lui non fosse lì quel giorno su quel ponte. Come adottato, sospetto che Christian molto probabilmente volesse aiuto quel giorno, un aiuto per alleviare la sua anima addolorata, non la morte. 

Inoltre, prendiamoci un momento per ricordare la sua famiglia biologica in Cina. Se hanno mai avuto davvero una scelta nella sua rinuncia, probabilmente non lo sapremo mai, ma dalla mia conoscenza in questo campo, molto probabilmente non è così. L'adozione di Christian fu probabilmente il risultato del L'era della politica 1-Children in Cina dove migliaia di famiglie sono state costrette ad abbandonare i propri figli, molti dei quali sono finiti all'estero adottati come cristiani. Per favore, prenditi un momento per considerare che, attraverso l'adozione, la sua famiglia biologica non ha nemmeno il diritto di sapere che è morto. 

La parodia dell'adozione è che il trauma è vissuto da tutti nella triade (l'adottato, la famiglia adottiva, la famiglia biologica) ma i traumi continuano a non essere riconosciuti e non sono supportati sia nei nostri paesi adottivi che in quelli di nascita. Dobbiamo fare di meglio per prevenire l'inutile separazione delle famiglie e, dove è necessaria l'adozione, garantire che le famiglie intraprendano un'educazione all'adozione, conoscendone appieno le complessità e avendo accesso gratuito equo per tutta la vita ai supporti professionali necessari.

Il mio enorme ringraziamento alla sua famiglia allargata e immediata per essere stata coraggiosa e essersi aperta attraverso tutto questo trauma e aver permesso queste veglie in cui la sua vita e la sua morte possono essere onorate per il bene più grande. Onoro il dolore e la perdita che hanno vissuto e li ringrazio immensamente per aver permesso alla nostra comunità internazionale di adottati di unirsi a loro per sostenerli.

Grazie.

Se desideri sostenere la famiglia di Christian e la loro spinta per la giustizia, firma la petizione qui.

Se desideri comprendere meglio le complessità coinvolte nell'adozione internazionale vissuta dagli adottati, il nostro Risorsa video è un ottimo punto di partenza. Non sarebbe fantastico creare una risorsa come questa per aiutare a educare i primi soccorritori a comprendere meglio le crisi di salute mentale che vivono gli adottati.

Adozione: non un'impostazione predefinita

di Maria Cardaras, adottato dalla Grecia negli USA.

Il diritto legale all'aborto negli Stati Uniti pende ancora una volta precariamente sul precipizio verso il grande baratro oscuro. E ancora una volta, poiché questi dibattiti si intersecano e spesso sono accoppiati, l'adozione è tornata al punto di ebollizione nei circoli dei social media, sui giornali e in televisione. Questo perché il giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti Amy Coney Barrett, madre di sette figli, due dei quali adottati da Haiti, si è fatta strada nella questione dell'adozione mentre ascoltava un caso del Mississippi sull'aborto. Ha chiesto se “l'adozione piuttosto che l'aborto 'allevierebbe il peso della genitorialità'”. In questa domanda sembra aver rivelato pienamente la sua mano. È anche riuscita a suscitare grandi passioni nella comunità degli adottati, in lungo e in largo, per l'adozione stessa e il nostro rispetto per essa.

L'aborto è un'opzione legale per le donne e dovrebbe rimanere tale. Ma l'adozione non è un'impostazione predefinita per l'aborto. Né dovrebbe essere considerato come un'alternativa automatica, sicura e risolutiva a qualsiasi domanda su come assumersi la responsabilità per un bambino. Abbiamo bisogno di aggiustare in modo permanente ciò che affligge la pratica e la narrativa dell'adozione, che sembra essere molto.

La realtà è che l'adozione ha effettivamente danneggiato milioni di bambini per decenni perché i bambini sono stati trattati come merci ed esperimenti. Abbiamo infantilizzato i genitori naturali. Li abbiamo viziati in alcuni casi. E abbiamo deciso che l'establishment bianco, che lavora e gestisce la vita dei bambini nelle organizzazioni e negli ambienti istituzionali di tutto il mondo, che interessano numerose comunità etniche, razziali e indigene, sappia meglio. Non lo fanno.

Sappiamo; noi, la grande, vasta diaspora di adottati, me compreso, sappiamo che la vita dei bambini e il loro futuro sono ancora compromessi e maltrattati senza pensare sia al bambino che alla madre naturale. La madre è spesso resa "incapace". I bambini mancano di arbitrio. E quanto a coloro che credono che l'adozione sia sempre un gesto disinteressato, una soluzione a un problema indotta dall'amore, non hanno una chiara comprensione delle ripercussioni e delle conseguenze della decisione di rinunciare a un bambino. Grazie alla scrittrice Gabrielle Glaser e al suo libro rivoluzionario, bambino americano, per aver portato il lato nefasto dell'adozione, attraverso una storia straziante, dall'oscurità e dalla vergogna, alla luce del giorno. Quel libro e quell'autore hanno cambiato il discorso e dobbiamo continuare a parlare. 

“Oggi è solo un giorno in tutti i giorni che mai saranno. Ma quello che accadrà in tutti gli altri giorni che mai verranno può dipendere da quello che farai oggi". Questa citazione iconica di Ernest Hemingway da Per chi suona la campana mi taglia sul vivo mentre considero la mia stessa madre naturale adolescente proprio nel momento in cui ha preso la decisione che avrebbe cambiato per sempre la sua giovane vita e la mia. Con mano su carta e penna, mi ha firmato via, sia per incoraggiamento o forza o resa emotiva e puro esaurimento, non le è mai stata data la possibilità né alcuna conversazione onesta e aperta sulla sua scelta e quali potrebbero essere le conseguenze indesiderate della sua decisione.

Gli adottati hanno sentito più e più volte sia l'argomento "hai avuto una bella vita" sia il sentimento allegro "sei stato così fortunato". Entrambi questi possono essere veri per molti di noi, ma non hanno nulla a che fare con una madre che prende la decisione profonda e dolorosa di consegnare la sua carne e il suo sangue a degli estranei. E non hanno niente a che fare con un bambino adottato che cresce fino a diventare un adulto adottato e si sente in vari gradi, per ragioni diverse e in momenti diversi, separato dal proprio passato, per quanto breve possa essere stato, e di cui meritano di conoscere appieno. Da chi veniamo e perché è di vitale importanza e necessario per la nostra crescita, sviluppo e benessere psicologico a lungo termine.

Sono stato uno dei 4.000 adottati di origine greca che sono stati esportati dal nostro paese di origine tra il 1948 e il 1970. Alcuni di noi erano adozioni motivate politicamente. Alcune erano adozioni legali. Molti sono stati fatti per procura. Alcuni di noi erano bambini rubati. Alcuni di noi sono stati venduti e mercificati da medici, avvocati e sacerdoti che hanno agito da intermediari. Alcuni sono stati separati dai fratelli. Alcuni di noi sono stati strappati da gemelli e gemelli identici. Tutti noi siamo stati presi dalle nostre madri. Alcuni di noi sono stati presi da entrambi i genitori.

Nessuno ha mai pensato a noi, fino ad ora; su cosa ci è successo, perché ci è successo e cosa sentiamo e pensiamo a riguardo. Grazie a Gonda Van Steen e al suo libro Adozione, memoria e guerra fredda in Grecia: Kid pro Quo? per averci portato fuori dall'ombra. Questo libro sta creando increspature che si trasformeranno in onde di cambiamento in Grecia e forse per tutte le adozioni internazionali. 

Rispetto alle comunità di adottati provenienti da Cina, Corea del Sud, Vietnam, Guatemala e altri paesi del mondo, siamo stati tra le prime (probabilmente anche le primissime) e più antiche comunità etniche che fornivano bambini, in massa, a coppie senza figli; agli ebrei dopo la guerra, che non riuscivano a trovare bambini ebrei dopo l'Olocausto, ai greci che volevano bambini greci e ai non greci, che sapevano che c'era un eccesso di bambini in Grecia, dopo due guerre, da prendere.

Siamo un piccolo gruppo, ma ora un gruppo potente che sta invecchiando e sta diventando più vocale e mobilitato per quello che ci è successo. Nella maggior parte dei nostri casi, i nostri genitori adottivi sono morti. E ora il tempo sta finendo per noi; per le riunioni, per incontrare i genitori naturali e i familiari che si sono ricordati di noi, che ci hanno amato, a cui siamo mancati, che si sono ricordati di quello che è successo e possono raccontare le nostre storie. Cerchiamo giustizia riparativa in tutte le questioni di identità, il che significa accesso facile e aperto ai nostri certificati di nascita, a tutti i nostri registri, alle nostre storie personali e vogliamo che la nostra cittadinanza, nel nostro caso, in Grecia, venga ripristinata perché ci è stata tolta.

Anche noi siamo stati spogliati dalle nostre madri, dal loro abbraccio dopo essere usciti dal pozzo del loro essere, sotto i loro cuori, completamente dipendenti da loro per la vita stessa. E in un atto di crudeltà, siamo stati letteralmente strappati dai loro seni, spesso subito dopo la nascita, che sono stati riempiti con il latte caldo e dolce che è stato pensato e creato individualmente per ognuno di noi. Siamo stati svezzati troppo presto. Avremmo dovuto essere svezzati? E se sì, come?

Dopo settimane in cui ho parlato pubblicamente di adozione, e in televisione e nelle interviste stampate, scrivendone anche in Grecia, ho avuto modo di pensare a CJ, il mio bellissimo, amorevole e travagliato golden retriever. La "capisco". La capisco fino in fondo. È una delle mie migliori amiche e una compagna costante. Era ed è emotiva, era difficile da capire, ed è stata una lotta far crescere il mio cucciolo nel cane adulto più calmo e pacifico che è oggi.

L'ho scelta da una cucciolata di nove. Quando l'ho incontrata, era piccola, adorabile e grassoccia, come tendono ad essere i bambini dorati. Una palla di pelo, di poche settimane, ruzzolava su gambe tozze e minuscole, lottando come i suoi fratelli e sorelle per raggiungere i capezzoli della mamma. Avevano bisogno della loro madre. Avevano bisogno di lei per il sostentamento. Avevano bisogno che lei insegnasse loro il bene dal male mentre li portava in giro per la collottola, un ringhio basso e rimbombante quando uscivano dalla linea, uno schiocco contro di loro per zittire quando c'erano troppi piagnucolii e guaiti e pianto. Era lì per loro fino a quando non c'era più, tolta ai suoi cuccioli dopo appena cinque settimane.

CJ è stata svezzata troppo presto e ci sono voluti mesi per rimetterla a posto. Era incorreggibile. Difficile. Ostinato. Chiedi a chiunque abbia provato a lavorare con lei. Quando è stato svezzato questo cucciolo, mi ha chiesto uno dei migliori addestratori del nord della California? A cinque settimane, ho risposto. Troppo presto disse, scuotendo la testa. Non c'era da meravigliarsi che avesse lottato. Il nostro precedente golden, Sedona, è stato svezzato dopo tre mesi. Che differenza di disposizione e di fiducia!

Inoltre, mi viene in mente come trattiamo i cuccioli. Per coloro che adottano cani di razza, otteniamo i loro documenti. Sappiamo chi sono la loro madre e il loro padre. Conosciamo le loro disposizioni e se erano "campioni". Conosciamo il canile da cui provengono e le condizioni del canile. Conosciamo l'allevatore. In effetti, c'è una lunga intervista e discussione con loro. Ti intervistano sulla casa e poi c'è un questionario per sapere se sarai idoneo. Per un cane. Lo stesso vale per quegli animali che provengono dai rifugi. C'è un lungo processo e a volte il cane viene a "testare" la casa e altri animali con cui possono convivere. Se non funziona, non c'è posizionamento. Il punto è che c'è un'enorme considerazione per l'animale.

Non vedi che gestiamo la separazione degli animali dalle loro madri meglio di quanto facciamo con i bambini umani e le loro madri umane? I neonati tendono a essere immediatamente stanati dalla persona che li ha creati, dalla persona che li ha portati, nutriti prima ancora che posassero gli occhi su di loro, li tenesse? Com'è crudele togliere alla madre un piccolo essere umano che possa nutrire e coccolare teneramente la propria prole fino a quando ea meno che non ci sia una soluzione informata e non costretta, che viene dalla madre stessa, che può rendersi conto che deve fare qualcos'altro. E poi prepararlo, preparare il bambino per questo e consigliare a quel bambino mentre cresce da dove vengono, come sono nati e perché sono stati affidati a nuovi genitori. E non sarebbe fantastico se i genitori naturali fossero pienamente coinvolti in questo processo per dare al bambino le migliori possibilità di vita e di crescita per capire perché la loro vita è stata alterata? Questo non deve creare confusione e dobbiamo impiegare più tempo di quello che facciamo per risolvere il problema, lo stigma e spesso il dolore causato dall'adozione.

Ho spiegato, più e più volte, che la mia famiglia adottiva (che era meravigliosa tra l'altro) e la mia famiglia naturale non si escludono a vicenda. Sono separati, ma il continuum l'uno con l'altro ha compreso la mia identità, che non è ancora completamente formata, e io sono sulla sessantina. Lo saprò mai? Inoltre, ho appena saputo che mia madre biologica è morta l'anno scorso dopo che l'ho cercata per tutta la vita, desiderando una riunione di qualche tipo, principalmente solo per parlare, per ottenere risposte, per vedere per la prima volta da chi vengo e per finalmente conosci qualcuno che mi somiglia. La mia tristezza per questo è reale e non può essere sopravvalutata.

Lei, la mia madre naturale, merita la mia attenzione e cura, anche se non può vedermi o sentirmi. Mai. Come mai? Perché nel suo nome devo difendere quelle altre madri che verranno dopo di lei. L'aborto non poteva essere un'opzione per lei. L'adozione era la sua unica alternativa e poiché lo era, aveva bisogno di cure. Aveva bisogno di amore. Aveva bisogno di sostegno e di un posto dove lei e il suo bambino potessero capirlo. Alla fine, potrebbe aver preso la stessa decisione, ma la sua decisione potrebbe aver coinvolto gli estranei a cui stava andando il suo bambino. Non meritava di essere allontanata dalla sua prole in un momento critico in cui la sua prole aveva più bisogno di lei e in ogni modo.

Nel caso di mia madre, si è vergognata al punto da cambiare nome e identità. E quando sono nato, nessuno poteva sopportare di avere a che fare con una madre adolescente e suo figlio che era "esogamo”, nato al di fuori del matrimonio. Non sarebbe stata in grado di gestirlo, le dissero, e così lo stato avrebbe fatto, tranne che non lo fece.

La risposta a tante adozioni, come la mia, è stata quella di emarginare a vita la madre naturale, e di mandare via i bambini; spogliati della loro cultura, della loro lingua, della loro religione, delle loro identità e, in migliaia di casi, della loro razza. Questo è successo a milioni di noi. E le madri naturali e i loro figli non stanno necessariamente meglio per questo.

Quando si tratta di adozione, gli assistenti sociali, gli avvocati, i medici e coloro che gestiscono le agenzie che si occupano di madri e bambini hanno bisogno di prendere indicazioni da coloro che hanno vissuto l'esperienza e ne hanno gestito le conseguenze. Non è giusto che le dichiarazioni sull'adozione vengano dall'alto e dal basso a noi, i grandi non lavati. Ne abbiamo abbastanza di quelle persone "ben intenzionate" che vogliono prendere decisioni per noi perché si sentono meglio riguardo alla "risolvere un problema", di cui non sanno assolutamente nulla. L'adozione porta ancora uno stigma. Dobbiamo sia adattare la narrativa sull'adozione sia parlare delle persone che lo sono, in modo diverso.  

Come mai?

Perché quel giorno sarà solo un giorno in tutti i giorni che saranno mai. Ma cosa accadrà in tutti gli altri giorni che verranno, dipende da cosa faremo in quel giorno. Le vite di tante madri e dei loro figli meritano la saggezza di quel sentimento e il rispetto di un'opportunità combattiva per prendere decisioni che non nuocciono.

Mary Cardaras è una produttrice di documentari, scrittrice e an Professore Associato in Comunicazione presso la California State University, Baia Orientale. È una greca orgogliosa, una sostenitrice degli adottati e degli adottati che lotta per la giustizia riparatrice universale dell'identità per tutti gli adottati in tutto il mondo e per quei bambini nati attraverso donazioni di sperma anonime. È l'autrice di Strappato alla radice. Il suo prossimo libro, Voci dei bambini perduti della Grecia: storie orali di adozione internazionale, 1948-1964 sarà pubblicato da Anthem Press nel 2022.   

La mia prospettiva è importante?

di Dan R Moen, adottato dalle Filippine negli Stati Uniti. Questo è il secondo di un'opera d'arte in 3 parti di Dan che esplora l'essere adottati.

La mia prospettiva è importante?

Una delle cose chiave che mi ha aperto gli occhi è capire cosa è appropriato dire a qualcuno che sta soffrendo o sta soffrendo.

Non siamo riusciti a capirci e a utilizzare gli strumenti per coltivare la vera empatia, non la simpatia. Sfortunatamente, a causa di ciò, conversazioni difficili possono causare alienazione, vittimizzazione o gaslighting nell'individuo. Spesso vogliamo dare consigli o prospettive esterne, ma spesso è ingiustificato quando la persona sta attraversando il dolore in questo momento. Ciò è in gran parte dovuto al fatto che ci è stato insegnato che dare consigli equivale ad aiutare. Gli umani hanno un istinto naturale di voler riparare; l'idea che tutto ciò che non si adatta allo standard deve essere riparato e riparato rapidamente.

Tutto ciò che fa è alienare la persona e farle domandare se ha il diritto di provare emozioni umane. Senza farlo consapevolmente, questo può facilmente sembrare egoistico e si possono proiettare i propri modi di affrontare la vita aspettandosi che la persona in lutto soddisfi lo stesso standard, anche con le migliori intenzioni a cuore.

La chiave per aiutare davvero qualcuno che sta attraversando un lutto o dei problemi è ascoltare davvero e convalidare, convalidare, convalidare. Detto questo, quello sì non significa necessariamente d'accordo con la persona, ma è umanizzare la persona e permetterle di avere un posto dove piangere, sentire e vivere le emozioni necessarie per la crescita.

Sii consapevole di ciò che dici alle persone quando sembrano sopraffatte, affrontano l'ansia o attraversano una perdita. Devo ricordarmelo tutto il tempo. Scivolo anche io. Quello che dici loro può avere un profondo impatto positivo o, sfortunatamente, negativo. Non farlo su te stesso, e soprattutto…. NON dire loro come sentirsi. A volte, rimanere in silenzio, ma essere un ascoltatore attivo, aiuta enormemente l'altra persona e frasi come "grazie per la condivisione. Mi dispiace che tu stia attraversando questo. Per favore fammi sapere se c'è qualcosa che posso fare per aiutarli" li aiuterà e darà loro la sensazione che possono andare da te per il supporto.

Questi sono i motivi per cui noi adottati abbiamo, su una scala molto più ampia, così tanti problemi di salute mentale che purtroppo non vengono diagnosticati, non trattati e invalidati. Quando vediamo che accadono crimini c'è qualcosa di più profondo che non vediamo. I crimini nella società, dal furto all'omicidio, sono sintomi di bisogni più profondi e complessi dell'umanità.

Tieni a mente più cicatrici sono invisibili di quante siano visibili, questo significa che non sai cosa sta passando la persona. Potrebbe esserci molto di più dalla loro storia e dall'esperienza vissuta che potresti non sperimentare mai. Ciò a cui assistiamo quando qualcuno è in lutto può essere radicato in qualcosa di molto più profondo e storico nella propria esperienza vissuta. Allora perché dovremmo confrontare le nostre vite l'una con l'altra? La vita non è una corsa verso il basso, né una corsa verso l'alto. Dobbiamo essere in grado di essere come oggetti di vetro. I bicchieri da vino contengono ciò che possono contenere, i bicchieri da shot contengono ciò che possono contenere e le ciotole da punch possono contenere ciò che possono contenere. Non si può versare la stessa quantità di liquido da una ciotola di punch in un bicchierino; traboccherà. Tuttavia, le persone non sono statiche, possono sopportare la quantità di stress che può contenere un bicchierino e spostarsi lentamente fino a un punchbowl, e poi di nuovo giù.

Di recente ho avuto una conversazione con un mio meraviglioso amico che è indigeno, sulla comunità dei nativi americani e su come pensano di dare consigli:

Gli anziani non danno consigli o prospettive in ogni situazione in cui hanno l'opportunità. Capiscono invece che un giovane vivrà un'esperienza vissuta diversa da un anziano e per avere consigli bisogna scambiarsi fascine di tabacco. Il tabacco è sacro in molte tradizioni e culture dei nativi americani in quanto è una medicina usata per le preghiere, la comunicazione e i messaggi al mondo degli spiriti. Gli anziani daranno fascine di tabacco ai giovani se hanno bisogno di consigli e i giovani daranno tabacco agli anziani se hanno bisogno di consigli. Questo è visto come un dono di offerta. Lo ammiro assolutamente e vorrei che le persone mettessero in pratica questo concetto molto di più: anche in terapia ci sono codici di condotta sul dare consigli ingiustificati. Quando la frase "Cosa ne pensi? Cosa faresti? Hai un consiglio?" è pronunciato, questo è l'invito. Se chiedi: "Posso offrire una prospettiva, un consiglio?" e non lo vogliono. Non darlo. Lascia che la persona in lutto SIA UMANA.

Per la prima opera d'arte di Dan in questa serie, vedi Il lutto per il figlio del passato.
Per ulteriori informazioni su Dan, visita il suo sito web.

Trascorrere il Ringraziamento da solo

Le vacanze sono sempre state un po' fastidiose, almeno per me. E per peggiorare le cose, quest'anno trascorrerò il Ringraziamento da solo, ma sono felice di avere almeno un paio di giorni liberi questa settimana a causa delle vacanze! Ho anche dei nuovi obiettivi con cui occuperò il mio tempo. Ad esempio, spero di iniziare a scattare fotografie locali delle Hawaii. Penso che questo obiettivo sia fantastico perché può motivarmi tre volte:

  1. Il mio obiettivo mi incoraggerebbe a saperne di più sulle bellissime Hawaii.
  2. Mi motiverà a incontrare nuove persone.
  3. Posso anche aggiornare il mio portafoglio.

La vita alle Hawaii come nuovo singolo è stata tranquilla, ma devo ammettere che può essere solitaria. All'inizio è stata più dura, ma in questi giorni ho avuto dei piccoli momenti di gioia nei momenti che passano.

La mia lista di piccole cose che mi portano gioia temporanea (come persona single appena creata alle Hawaii)

  • Ascolto di musica pop bhutanese su Spotify
  • Seduto nel mio posto segreto preferito con vista sull'oceano
  • Diario spazzatura a casa con un film acceso
  • Fare jogging vicino all'autostrada
  • Mangiare pok in qualsiasi momento della giornata
  • Parlando con amici
  • Check-in con i miei gruppi di supporto o laboratori creativi

Il mese prossimo sarà Natale.

Ho pensato a come sarà visitare la mia famiglia adottiva in Arizona in quel periodo. Sono stati anni di allontanamento e non ho ancora incontrato nemmeno una manciata di figli di mio cugino, quindi è decisamente un bene che li incontri quest'anno.

Sarà anche bello non essere soli, e spero di poter scrivere anche sul blog in quel momento.

Ho anche pensato ai miei progetti alle Hawaii. Se dovessi provare a tornare sulla terraferma per vivere e lavorare in un posto più abbordabile. In questo momento il lavoro qui mi fa andare avanti su Oahu, ma è ancora volubile. Mi ha colpito anche un'altra idea: Penso che sarebbe fantastico pianificare un viaggio nelle Filippine con alcuni amici filippini-americani adottati che potrebbero voler esplorare insieme il nostro paese d'origine!

Qualcuno è interessato?

Non c'è molto altro di cui scrivere in questo momento, quindi firmerò. Per favore sentiti libero di trovarmi su Facebook o Instagram se vuoi metterti in contatto!

Desiderio (Someday) di Luke McQueen

di Luke McQueen adottato dalla Corea del Sud negli Stati Uniti. di Luca desiderio (un giorno) è uno dei 6 brani musicali creati da un adottato internazionale per essere presenti in ICAVs Risorsa video per professionisti.

A proposito di me

Alcune persone si chiedono perché ho una risposta così vaga a "Qual è il tuo segno?" Ecco perché. Sono nato da qualche parte in Corea del Sud, probabilmente vicino a Jecheon intorno al 1972. Sono stato in un orfanotrofio a Jecheon per circa 1 anno e sono stato adottato nel 1977 da una famiglia amorevole a Longmont, in Colorado, negli Stati Uniti. Come molti orfani e adottati, non ho idea di quando sia il mio compleanno, quindi qualsiasi segno zodiacale andrà bene. Ma per quanto riguarda l'anno dello zodiaco cinese, o sono un topo, un maiale o un bue.

Il mio viaggio musicale

I miei primi ricordi musicali, amorevolmente catturati dalla mia famiglia su cassetta (i ragazzi vanno avanti e DuckDuckGo), includono un registrazione di canzoni Ho imparato all'orfanotrofio. Intorno ai 6 o 7 anni cantavo regolarmente nella mia chiesa dove mio padre era il pastore e l'ho fatto fino al liceo. Ho imparato un po' di pianoforte classico (più o meno l'estensione della mia formazione formale) intorno agli 8 anni e ho iniziato a comporre dei semplici lavori originali intorno ai 10 o 11 anni. Verso i 12 o 13 anni, mi è stato regalato un sintetizzatore da un amico di famiglia e nel giro di un paio d'anni sono stato in grado di passare a un vero synth (l'Ensoniq SQ80) con i soldi del mio lavoro cartaceo. Ho cercato di impressionare le ragazze ma con scarso successo (in realtà, non tanto però perché non riuscivo a superare le mie insicurezze e l'acne piuttosto grave). In quei giorni ho prodotto alcune creazioni amatoriali di synthpop degli anni '80 (meglio conosciuti come "musica" durante gli anni '80). A proposito, devo riportare alcune di quelle canzoni uno di questi giorni!

Un momento cruciale nella mia vita musicale è arrivato a metà degli anni '80 quando ho partecipato a un concorso per talenti e ho vinto sulla base di una composizione abbastanza semplice. Ho battuto un musicista di grande talento che suonava il "L'intrattenitore.” Questo ha fatto emergere l'intuizione che la musica nuova e creata è molto diversa da alcune delle più complesse musiche suonate/coperte. È stato dopo questo che mi sono impegnato a fare la mia musica, ma ci sarebbero voluti molti anni prima che avessi la maturità per ascoltare gli altri, giudicarmi correttamente e avere una mentalità di apprendimento per essere in grado di modellare una canzone adeguata.

Mi sono unito al coro jazz al liceo e ho finito per scrivere la canzone del diploma di maturità. Era chiamato "I cambiamenti” ed era quasi banale come sembra, ma continua a leggere e vedrai perché! Comunque, per il mio appuntamento del ballo di fine anno, è uscito il mio fidato SQ80 con candele e torta di pantaloni fantasia, e ho cantato a squarciagola. Il mio appuntamento è rifiutato quando le ho chiesto di uscire di nuovo, quindi ti lascio decidere come è andata o cosa significava :).

Quando mi sono diplomato al liceo sono andato in un piccolo Christian College a Lincoln, nell'Illinois, dove mi sono unito a un gruppo musicale e ho anche formato una band cristiana chiamata "Andando 2 Rock U.” E proprio così, il formaggio aumenta! Ci sono stati alcuni momenti di orgoglio per la creazione di canzoni, ma nessuna produzione finita o rifinita di nulla per il pubblico. Ricordo che avevo una canzone che aveva testi cristiani con un'atmosfera Babyface. Onestamente, non sapevo come creare canzoni decenti, ma pensavo di essere molto migliore di quello che ero, quindi non ho preso bene nessuna guida o critica, per quanto ben intenzionata.

Tuttavia, nel 1996, come studente di CU-Boulder, ho fatto un provino per "" di Dave Grusin.Una storia del Westside” con la jazz band CU dove ho avuto un assaggio di artisti di livello mondiale e ho visto possibilità nella musica. [stridio di record] Tuttavia, ho prontamente scelto la sicurezza di una carriera di consulente tecnologico e ho rimandato questo sogno musicale per altri 17 anni. Nel 2013, mi sono trasferito in Corea per cercare la mia famiglia d'origine e ho anche deciso di provare la musica. Da studente, ho seguito un paio di corsi Berklee Online in orchestrazione e improvvisazione jazz per affinare le mie abilità e poi ho iniziato a esibirmi a Seoul in varie band, ho formato la mia band e alla fine sono diventato un artista solista. Per tutto il tempo, ho imparato a suonare dal vivo e a scrivere un sacco di canzoni, alcune delle quali saranno nel mio disco questo novembre. Per sbarcare il lunario, ho svolto vari lavori in una compagnia musicale e mi sono state date altre opportunità di eseguire la mia musica. Una grande opportunità è arrivata nel 2020, quando sono diventato un artista in una compagnia di intrattenimento indipendente a Seoul. È vero quando dicono "non puoi farcela da solo". Quindi faccio umilmente dei passi in avanti, con molto aiuto da amici, musicisti, fan e professionisti del settore, per costruire una carriera duratura come artista solista.

Cosa ha ispirato desiderio (un giorno)?

Anche se ho fatto musica da quando ero alle medie, non ho avuto nessuna canzone che fossi pronta a dire con orgoglio "questa è la mia canzone". Ma finalmente nel 2013, dopo aver visitato la Corea per la prima volta, ho deciso di scrivere una canzone sul desiderio di trovare la mia famiglia naturale, in particolare la mia madre biologica. Non ho ricordi della Corea da bambino, quindi ho immaginato di vagare per le strade da bambino e di provare la sensazione perduta di voler tornare a casa. Ho attinto alla mia crisi di mezza età in cui sentivo che la mia vita era paralizzata e cadeva a pezzi in così tanti modi, nelle mie relazioni e nel lavoro, e quindi la sensazione di fuggire da quella e il desiderio per l'ignoto hanno aiutato a creare i testi. Ho provato variazioni di "oohs" melodici, decidendo il ritornello attuale e la canzone è nata.

Una Sesh Terapia Veloce

Come adottato, sono stato una combinazione di camaleonte, incantatore, artista della fuga e un assassino sotto il tappeto. Da bambino, ero bravo a cercare di far ridere le persone e spesso a cercare di essere divertente, il che credo fosse cercare di nascondere o deviare dalla mia insicurezza e dal disperato bisogno di accettazione. Qualsiasi sentimento negativo è stato evitato, non affrontato e rimasto dormiente per molti anni fino a quando improvvisamente, durante la mezza età, la mia protezione/schermo dal mio passato sconosciuto e dai sentimenti non elaborati è tornata, e non c'era più modo di nascondermi da loro. Ho anche visto come, non affrontando questi problemi, il mio autosabotaggio e la mia natura critica stessero consumando ogni opportunità e possibilità di avere successo nella musica. Sono stato certamente un disastro che ha influenzato molte decisioni, essendo in relazioni sbagliate e prendendo molte decisioni sbagliate per la mia vita. Inoltre, ho avuto una cecità perpetua nei confronti della mia natura egoista, segno dell'immaturità del mio carattere. Fortunatamente, tuttavia, con i veri amici, la mia famiglia amorevole e per la grazia di Dio, sono uscito da tutto questo ambiente un essere umano più forte e più fiducioso. E con la realizzazione della mia natura egoista, sono in grado di trovare meglio la via della compassione, della gentilezza e della pace dalla mia vera natura amorevole. Sebbene sarà continuamente un viaggio di apprendimento, credo di essere più resiliente che mai e ora sono pronto a vivere di nuovo, anche durante questi tempi difficili di virus, paura e blocchi.

La mia prospettiva della canzone è cambiata da quando l'ho scritta?

Dalla scrittura originale della canzone nel 2013, la cosa principale che è cambiata è la mia prospettiva sulla sostanza del desiderio. Prima pensavo che desideravo solo la mia famiglia naturale, ma ora mi rendo conto che quello che provavo era un desiderio ancora più profondo. E nel 2019, questo desiderio di connettersi è stato veramente soddisfatto solo quando mi sono ricollegato con il genitore biologico definitivo, Dio, quando sono diventato di nuovo un seguace di Gesù.

Feedback che ho ricevuto per desiderio (un giorno)

In generale, ho avuto solo feedback positivi, ma proprio come la variegata esperienza degli adottati, è probabilmente più complessa... per molti che non hanno cercato la loro famiglia d'origine, la canzone può suscitare emozioni che hanno rinchiuso per molti anni. Per coloro che hanno trovato famiglie naturali, il desiderio può ancora esistere, poiché le aspettative non realistiche non vengono soddisfatte o peggio. In generale, ho avuto solo feedback positivi, tuttavia capirei completamente un'avversione per desiderio (un giorno) per alcuni adottati che evitano completamente gli argomenti relativi all'adozione. Ho sentito da coloro al di fuori dell'esperienza dell'adozione che questa canzone ricorda loro i propri cari che sono morti o da cui potrebbero essere alienati. Sono fortunato di essere stato in grado di produrre la canzone e di averla ascoltata da molti tra il tuo pubblico. Spero che i testi e la musica tocchino i loro cuori tanto quanto toccano il mio.

Qualche nuova musica relativa alla mia esperienza di adozione?

desiderio (un giorno) è l'unica canzone veramente legata agli adottati che ho scritto. Ho un duetto che ho scritto insieme a un altro adottato che è un poeta meraviglioso e si chiama "The Other Side". Potrei pubblicarlo come singolo in futuro, ma non è ancora pronto per la produzione. Ho anche inserito della musica in un documentario inedito chiamato "la mia umma” ma non sono sicuro che pubblicherò la musica per questo. Tuttavia, ho una canzone che sarà nel mio album di debutto a novembre chiamata "scomparendo” che ho scritto dal punto di vista di una famiglia naturale sperando che il loro figlio adottivo torni a casa, ma con il passare del tempo la prospettiva reale di una riunione diminuisce. Ora che scrivo questo, questo suona certamente deprimente. Hmm, forse è per questo che ho così tante canzoni divertenti e allegre per compensare e bilanciare queste canzoni!

Al momento ho pubblicato un EP di 5 canzoni e pubblicherò il mio album di debutto di 12 canzoni il 23 novembre 2021. Se sei interessato, dai un'occhiata alla mia musica, che è un mix di melodie divertenti, groovy e soul insieme con ballate come desiderio (un giorno).

Quindi forse non ho un "segno" specifico che posso darti, ma invece ti darò una "canzone". spero ti piaccia desiderio (un giorno).

Come trovare Luke McQueen?

Musica ispirata alle mie origini boliviane di adozione

di Jo R. Helsper adottato dalla Bolivia alla Germania.

Ispirazione per la mia musica

Sono interessato alla musica dal giorno in cui sono stato adottato in Germania. Mi piace dire che sono nato con la musica nel sangue . Ho iniziato a suonare strumenti di musica classica e ho provato molti altri strumenti, come pianoforte, clarinetto, chitarra e così via.

Durante la mia infanzia, abbiamo avuto un incontro semestrale organizzato dai nostri genitori adottivi tedeschi, dove noi adottati boliviani potevamo incontrarci, conoscere le nostre stesse radici e anche così i genitori potevano parlare dei temi dell'adozione. Quando avevo circa 6 o 7 anni, i nostri genitori hanno invitato un gruppo musicale boliviano per il nostro incontro. Quella è stata la prima volta che ho sentito la musica popolare boliviana in concerto. Prima di questo, l'avevo ascoltato solo tramite MC o CD, quindi ero assolutamente affascinato dal canto e dal suonare gli strumenti culturali e quello è stato il momento in cui ho deciso di suonare anche gli strumenti.

Sono assolutamente felice di essere stato adottato in Germania, ma imparare i miei strumenti nativi mi ha fatto sentire come se avessi un legame con la mia terra, da dove vengo, anche se non l'avevo mai vista prima. Così ho continuato a suonare, scrivere e cantare le canzoni della Bolivia.

Quando sono cresciuto ho imparato anche lo spagnolo. Capire il significato delle canzoni era importante anche per me perché cantare da solo non bastava. Volevo anche sapere cosa significavano le canzoni.

La mia ispirazione nella mia musica è il legame con la mia terra in cui sono nato e l'affascinante cultura degli indiani boliviani e delle montagne.

Non ho ancora visitato la Bolivia. Spero che un giorno andrò a visitare il mio vecchio orfanotrofio e la città dove sono nato. Quando suono, è come se fossi più vicino alla Bolivia e posso immaginare come inizia il tramonto sulle montagne e come il vento soffia sui campi. È anche un buon metodo per rilassarsi e dimenticare lo stress a volte.

Ascolta la musica della Bolivia di Jo:

dualità

di Dilsah de Rham adottato dallo Sri Lanka alla Svizzera.

Doppia faccia

Inchiostro, Acquerelli, Pastello

Si tratta anche del dilemma delle dualità nella vita affrontate dagli adottati in generale. La sensazione dell'incoscienza cieca - i sentimenti tristi e sopraffatti quando non siamo consapevoli, la consapevolezza della nostra identità, il sentirsi tra le culture bianche e biologiche a cui apparteniamo come adottati all'estero.

1TP3Caratteristiche dell'opera
#adopteeartista
#artista
#artforsalebyartista
#artworkstudio
1TP3artista indiano
#ink#pastello#acquarello
#dualità#faccia
#processo di verniciatura
#pitturaedecorare
#paint
#emozione#cry#eye#chiudi
#pittura
#queerart
#dilsahlasoluzione

Lacrime di trauma

di Christina Soo Ja Massey, ovvero YooNett adottato dalla Corea del Sud negli Stati Uniti.

Opera di CS Massey aka YooNett

Le lacrime del trauma Piango come un orfano indifeso, piango come un adulto per tutta la vita.

Questa opera d'arte si occupa principalmente del disturbo post traumatico da stress. Il trauma di essere abbandonato, lasciato a lottare per la mia Vita, ma non potendo farlo... La paura, le ansie e la disperazione della situazione. Ho cercato di trasmettere come questo trauma persista per tutta la mia vita. Sono venuto dai miei Adopter già profondamente spaventato solo per rivivere la vecchia Esperienza attraverso nuove Cicatrici.

Leggi il blog precedente di Christina Gli adottati hanno bisogno di servizi di salute mentale.

Per altre opere d'arte di Christina, visita YooNett.

Lettera all'agenzia per le adozioni

da Clara, nata in Romania e adottata in Francia.

"In termini molto cinici, un americano mi ha detto: "Ma non capisci, amico, che questo è l'ultimo serbatoio di bambini caucasici nel mondo?"[1]

Caro Carol,

L'anno scorso ho deciso di prendere un appuntamento con la tua agenzia per leggere il mio dossier di adozione. Sono arrivato il giorno dell'appuntamento e tutti sembravano sorpresi di vedermi. Quando ho spiegato perché ero lì, ti hanno chiamato Carol perché non ti sei presentato. Quella sera hai scritto un'e-mail dicendo che ti dispiaceva di aver "dimenticato" il mio appuntamento. Se ne è occupata la tua collega Amelia. Amelia era simpatica, era giovane, non aveva mai lavorato con il mio paese natale. Amelia non ha spiegato come funzionano le adozioni per gli adottanti, per i bambini o per la tua bella agenzia. Come avrei dovuto sapere. Ha letto ad alta voce i pochi documenti che ha visto nel mio fascicolo. Ha fatto una copia di quelli che volevo portare con me. C'è un foglio che non ho chiesto e che vorrei avere. Amelia non è stata in grado di dirmi cosa fosse un "abbandono giudiziario" né come fossero le condizioni di vita all'orfanotrofio, per quanto tempo sono rimasta, o perché sono stata messa lì in primo luogo. Amelia ha deciso di leggermi l'indagine sociale che la tua agenzia ha fatto sui miei genitori adottivi, probabilmente perché le dispiaceva per me. Ha anche sottolineato che mio padre adottivo era: "Tollerante e di mentalità aperta, gli piaceva meditare, è scritto proprio qui". Della mia vita precedente non c'era niente. "Dovresti chiedere ai tuoi genitori adottivi", ha detto. “All'epoca non eravamo così scrupolosi quando archiviavamo le carte”. Quanti bambini sono colpiti da metodi di archiviazione che non erano così "accurati" come lo sono ora? Quando me ne sono andato, ero amareggiato, frustrato e arrabbiato. Ho pensato: "Quelle persone sono responsabili del processo che ha cambiato la mia vita per sempre e non sanno nulla".

Sono arrivato in Francia in aereo

Quest'anno ti ho contattato di nuovo Carol, per chiederti come entrare in contatto con l'intermediario che ha portato i bambini dalla Romania in Francia. Ho un ricordo chiaro di lui da quando è andato in vacanza con la mia famiglia in Francia per diversi anni. Mi hai dato due indirizzi di posta elettronica e mi hai inviato il link di un'associazione di adottati rumeni. Potrebbero aiutarmi a trovare possibili fratelli o sorelle, hai detto. Pensavo che la tua bellissima agenzia aiutasse gli adottati a "trovare le proprie radici". Non era un “tema centrale” per le agenzie di adozione? Voi “invest[ed] sempre di più su […] la ricerca delle proprie origini” e “la tua competenza in questo particolare riguardo [era] ben nota”… Giusto? Ho anche trovato un articolo su questo con grafici belli e colorati in una delle tue riviste. L'associazione di adottati che mi hai presentato in seguito mi ha detto che li hai chiamati per informarti sul processo di ricerca nel mio paese di nascita perché non avevi idea di come procedere da solo. L'unica cosa che ha fatto la tua bellissima agenzia è stata darmi una copia del mio file, che è il minimo indispensabile. In alcuni casi, hai dato agli adottati un file che non conteneva niente o quasi, o con le foto di un altro bambino. Come abbiamo visto l'anno scorso (non tu, visto che non ti sei presentato), lo psicologo che avrebbe dovuto darmi "sostegno" ha semplicemente letto ad alta voce le carte che ho potuto leggere io stesso, ha fatto un complimento sul mio padre adottivo senza conoscerlo e mi ha detto: "Scusa, non c'è altro che possiamo dirti".

Grazie per avermi fatto conoscere l'associazione degli adottati rumeni perché il loro sito Web è davvero un gioiello. Dovresti andare a controllarlo. Ho selezionato alcune sezioni per te[2]. “Dal 1980, il numero di persone dei paesi ricchi che vogliono adottare un bambino è stato dieci volte superiore al numero di bambini adottabili nei paesi poveri”. “Tra il 1990 e il 2000: oltre 30 000 bambini rumeni sono adottati all'estero”. “Le “casa de copii” (letteralmente “case dei bambini”) erano istituzioni statali dove asili nido, alloggio, cibo e cure mediche venivano offerti ai bambini le cui madri o genitori non erano finanziariamente e/o psicologicamente in grado di farlo, per il tempo necessario ai genitori per guarire e riprenderseli”. Interessante. Lo sapevi che una “casa de copii” (l'istituto che ho frequentato) non era un orfanotrofio? “Gli “orfani rumeni” non erano tutti orfani, tutt'altro! Potrebbe essere stato conveniente pensarlo, ma 97% dei bambini aveva una madre che era molto viva e la cui identità era nota e alcuni bambini avevano anche un padre. Più di 50% di madri sono venute a trovare i propri figli. Alcuni su base regolare, altri meno frequentemente e altri solo durante le festività religiose”. Nel 1993, il governo rumeno approva una legge che dice che un bambino che non è stato visitato dai suoi genitori per sei mesi può essere dichiarato “abbandonato” dal tribunale e quindi diventare adottabile. Le madri di solito non avevano mezzi di trasporto e il trucco era spostare il bambino in un orfanotrofio che distava più di 50 km (30 miglia) e lì ce l'avevi. Questa è la legge che è stata usata nel mio caso.

Ero curioso di questa legge del 1993, quindi l'ho cercata. Ho scoperto che per regolare il caos delle adozioni dopo la caduta del regime comunista, una legge richiedeva che gli adottanti lavorassero con un'agenzia autorizzata a trattare le adozioni da parte delle autorità francesi e rumene[3]. Nel 1993, il Congresso degli Stati Uniti stava discutendo il diritto della Romania di ottenere la clausola della nazione più favorita (un accordo commerciale). “Gli Stati Uniti avevano fatto del miglioramento della situazione dei bambini rumeni una condizione per questo accordo commerciale, ed è stato in quel contesto che la Romania ha adottato la cosiddetta “legge sull'abbandono”. […] Nel 1991 si sono avute un numero incredibile di adozioni internazionali, le stime erano più di 10.000. Molti bambini non sono stati adottati dagli orfanotrofi, ma acquistati direttamente da famiglie povere. Nel 1991 è stata adottata una nuova legge che limita le adozioni internazionali ai bambini negli orfanotrofi e negli orfanotrofi. Ma i direttori degli orfanotrofi non darebbero quei bambini perché non erano legalmente adottabili, più spesso i genitori dei bambini sarebbero stati conosciuti e avrebbero fatto visita ai loro figli. A causa di questa limitazione, le adozioni sono diminuite enormemente nel 1992. E così, sotto il travestimento di voler migliorare le condizioni di vita dei bambini istituzionalizzati e disabili, il congresso degli Stati Uniti ha spinto per una legge sull'abbandono, una legge che rendesse i bambini adottabili”.[4]

Queste due leggi, “La legge 11/1990 e la legge 47/1993 sull'abbandono dei minori hanno istituito il quadro giuridico per l'emergere di un mercato dell'adozione internazionale rumeno dopo il 1994. Queste due leggi creano[d] l'offerta – i bambini legalmente dichiarati abbandonati e preparati per l'adozione. Per avere un mercato operativo, è necessario creare la domanda e stabilire i prezzi”.[5]

Quando un bambino è stato abbandonato, il che non era così sistematico come vorresti farmi credere, in quali circostanze i genitori hanno dato il loro consenso? Quando vivi in condizioni di estrema povertà, quando sei fragile, isolato, quando affronti pressioni sociali e familiari a volte opprimenti, puoi davvero prendere una decisione informata? Quando tutti vogliono che tu creda che l'unico modo per assicurarti che tuo figlio sopravviva, è darlo via per sempre, puoi davvero prendere una decisione informata? Quando nessuno ti dice che non vedrai mai più tuo figlio, quando ti viene chiesto di firmare un foglio che non sai nemmeno leggere, quando nessuno ti dice come le nuove leggi potrebbero influenzare te e tuo figlio, quando nessuno, nemmeno le autorità del tuo paese, ti offre un supporto, anche temporaneo, puoi prendere una decisione informata? Quando hai appena partorito un bambino e non hai idea di come ce la farai fino a domani, puoi prendere una decisione informata?

Nel 2007, Roelie Post ha descritto come Holt, un'agenzia americana, è stata incaricata dall'Unicef Romania di aiutare a prevenire gli abbandoni. Ecco come quelle persone affascinanti stavano facendo pressioni sulle giovani madri provenienti da ambienti poveri per rinunciare al loro bambino: “Discutiamo con la madre la possibilità di acconsentire all'adozione subito dopo la nascita. Aspettiamo che passino i 45 giorni obbligatori e poi lei firma. Aspettiamo altri 30 giorni, durante i quali potrebbe cambiare idea, e poi, il file di adozione va al DCP [Dipartimento della protezione dell'infanzia]”.[6] Che bel modo per prevenire gli abbandoni, davvero. Se le tattiche usate nei paesi poveri per far adottare i bambini fossero usate nei paesi più ricchi, la gente sarebbe indignata. Tutti denunceremmo la violazione dei diritti umani fondamentali, dei diritti dei bambini, dei diritti delle donne. Quando sai che la stragrande maggioranza dei bambini veniva mandata in adozione per motivi economici, ti viene da chiederti, Carol. Con solo un po' di aiuto, quanti genitori sarebbero stati in grado di mantenere i propri figli? Solo nel 2009 la povertà non è più stata ritenuta un motivo legittimo per allontanare un bambino dalla propria famiglia.[7] Per quanti decenni questo è stato l'unico motivo utilizzato per rimuovere un bambino dalla sua famiglia? Sono uno di quei bambini a cui è stato detto, "I tuoi genitori erano troppo poveri per allevarti, ecco perché sei stato adottato."

Ho letto la tua bella rivista, Carol, quella del tuo sito web. Ho notato che hai scritto un articolo sulla ricerca delle proprie origini. Ero entusiasta di leggere quello che avevi da dire sull'argomento. Si scopre che in realtà hai un'esperienza molto breve lavorando su quel lato delle adozioni e fino ad ora hai aiutato principalmente gli adottanti. Ma c'era una sezione che ho trovato particolarmente spaventosa.  "Cosa vogliono? Cosa stanno cercando? Si permettono, nei nostri uffici, che è un luogo simbolico, di tornare ad essere il bambino o la bambina che erano una volta e che è stato lasciato sul ciglio della strada”. È questo quello che vedi davanti a te, Carol? Figli? Persone che hanno ancora l'età che avevano quando hanno "passato attraverso" la tua agenzia? Credi che sia venuta fino a Parigi per "consentirmi di essere la bambina che è stata lasciata sul ciglio della strada"?

Il tuo problema Carol, e il problema di tutte quelle persone che vogliono farci credere che l'adozione sia una favola (adottatori, psicologi, "specialisti dell'adozione", o anche il vecchio zio che incontri al matrimonio del tuo migliore amico), è che ti rifiuti di vedere che le persone più colpite dall'adozione non sono più bambini e che hanno le capacità intellettuali per chiedere spiegazioni, per mettere in discussione i processi, le pratiche e l'intero sistema. Rifiuti anche di vedere che siamo assolutamente legittimi nel farlo, perché per diventare figlio di qualcun altro (per le adozioni internazionali), dobbiamo perdere la nostra famiglia naturale (genitori, fratelli, sorelle e l'intera famiglia allargata), noi dobbiamo perdere il nostro paese, la nostra lingua, la nostra cultura, la nostra religione e, soprattutto, perdere la nostra identità. Dato che eravamo l'oggetto della transazione in quel momento (un oggetto passivo, che in nessun momento era d'accordo con esso), capiamo meglio di chiunque altro come ci si sente, a perdere tutte quelle cose e come ci si sente ad essere adottati . Puoi mantenere la tua simpatia.

Quest'anno la tua bella agenzia ha fatto notizia perché adottati da un altro paese, molto lontano dal mio, ti hanno accusato di aver ingannato le loro famiglie naturali per farli adottare in Francia. “Non siamo noi, non sappiamo niente”, hai affermato. Come potrebbe un'agenzia che sembra non sapere mai nulla ottenere la benedizione delle autorità francesi per portare bambini da tutto il mondo nel paese per oltre 40 anni? Questo mi ha incoraggiato a continuare a scavare. Ricordi che c'è un documento che ho dimenticato di chiedere l'anno scorso? Grosso errore, ma non avevo idea di che tipo di persone avessi a che fare in quel momento.

Sei stato difficile da contattare Carol, ho dovuto aspettare più di due mesi prima che tu ricevessi il mio file. Hai fissato un appuntamento telefonico. Quando ho chiesto se pensavi fosse normale che il mio file contenesse così poche informazioni sulla parte rumena del processo, hai inventato una scusa piuttosto schifosa. "Sai, non sappiamo in quali condizioni sono stati creati i file nei paesi di nascita." “Forse i paesi di nascita non hanno chiesto nulla ai genitori, forse nessuno ha chiesto nulla quando il bambino è stato lasciato all'orfanotrofio, forse non sono stati molto precisi”. Eccolo di nuovo, Carol, il tuo motto: "Non siamo noi, non sappiamo niente." Con una nuova piccola aggiunta: "È colpa del paese di nascita".

Se non lo sapevi, se non eri veramente sicuro, perché elaborare le adozioni dalla Romania? L'Unione Europea ha chiesto alla Romania di fermare le adozioni abbastanza a lungo da creare un sistema di protezione dell'infanzia a causa di tutte le pratiche scorrette del passato. E pensi che questo sia successo perché il sistema di adozione in Romania non era fraudolento? Pensi Carol, che la Romania fosse definita un "bazar dei bambini"[8] o un “ex supermercato per adozioni”[9] per nessuna ragione? Theodora Bertzi, ex direttrice del Comitato per le adozioni della Romania ha usato questo termine per riferirsi alle adozioni in Romania, aggiungendo: “I bambini venivano mandati all'estero come pacchi. C'erano un sacco di soldi coinvolti. Erano bianchi e sani e le adozioni venivano elaborate molto rapidamente. I bambini erano diventati oggetti usati per rispondere ai bisogni emotivi degli adulti.[10]” Secondo Yves Denechères, professore francese di storia contemporanea, e Béatrice Scutaru, “Tra il gennaio 1990 e il luglio 1991, […] gli orfanotrofi hanno aperto [ndr] la loro porta ma
il numero di bambini adottabili si è dimostrato insufficiente di fronte all'esplosione
domanda nei paesi ricchi. Molti candidati all'adozione “hanno tentato la fortuna in
Romania". “Così sono entrate in vigore le regole di un mercato di scarsità del dopoguerra: tutto era
in vendita e tutto si poteva comprare” (Trillat, 1993, p.20).
[11]

Il rapporto indirizzato nel marzo 2002 al primo ministro Adrian Năstase quando fu decisa la moratoria sulle adozioni (citata in precedenza), afferma chiaramente che le adozioni fino a quella data erano un mercato. Le parole "mercato delle adozioni” sono usati 6 volte in questo rapporto.[12] E mi dirai, Carol, che la tua bellissima agenzia non ne aveva idea? Bene, una cosa è certa, avete continuato a fare acquisti lì per oltre dieci anni!

Torna alla telefonata. Ti ho chiesto come mai la tua agenzia non sapeva di più delle adozioni che hai elaborato in Romania. Ti sentivi impotente, mi hai detto. “Prova a capire”. “L'intermediario non risponde”. Se era l'unico a sapere cosa stava succedendo, non è un po' preoccupante? "Le persone che lavoravano in Romania all'epoca sono morte, o ora sono vecchie signore". E: “Se ne sapessi di più, te lo direi, ma non posso. Cerca di capire quanto mi sento impotente”. Non sei stato trasportato in un altro paese, non ti è stato detto "quelle persone ora devono essere chiamate "mamma" e "papà", non hai dovuto imparare di nuovo la tua lingua madre per capire che mucchio di carte indecifrabili dici che non dovevi cercare le leggi sulla famiglia, la tutela dei minori e l'abbandono per capire cosa ti era successo, eppure, dal tuo comodo ufficietto, mi dicevi di capire come impotente tu provato. Non pretendo di essere uno psicologo, ma non stavi invertendo i ruoli lì?

Mi hai poi chiesto con voce irritata di cosa volessi parlare esattamente: il mio abbandono? So che sei molto attaccato al concetto di “abbandono” perché dà una base giuridica e una giustificazione morale all'allontanamento dei bambini dai loro paesi di nascita, e all'irrevocabile rottura legale ed emotiva dei legami familiari con i loro genitori naturali (nel caso delle adozioni chiuse, che sono la maggioranza in Francia). La tua bella agenzia si guadagna da vivere grazie agli abbandoni, dopotutto. La stessa parola “abbandono” sta scaricando l'intera responsabilità di quanto accaduto sulle madri naturali che non sono lì a difendersi. Come se avessero una scelta. Così i loro figli non li vogliono più cercare perché pensano di essere stati “abbandonati” da una madre che non li amava e non li voleva nella sua vita. Ma questo non lo sappiamo. Non c'è modo di dimostrarlo. Capita solo che sia davvero conveniente giustificare le adozioni. Se fossimo un po' più onesti, parleremmo di “separazione” perché c'è stata una o più separazioni, scelte o meno.

L'importanza della famiglia allargata durante l'infanzia.

In realtà non c'erano così tanti bambini veramente abbandonati. Quando c'era un abbandono, la coercizione, la manipolazione, la menzogna, il ricatto e altre tattiche spaventose venivano spesso usate per ottenere il bene desiderato: un bambino, il più giovane possibile. Ti ho già detto tutto questo. Agenzie di adozione che hanno ricoperto la carica direttamente in maternità[13], infermiere che si rifiutavano di far partire la giovane madre con il suo bambino o di restituirglielo dopo la nascita, bambini che venivano dichiarati morti subito dopo la nascita per essere poi esportati in adozione[14], direttori di orfanotrofi – o orfanotrofi – che si rifiutavano di far vedere i propri figli alle famiglie[15] (che sono stati collocati lì, non abbandonati), i servizi sociali che hanno spostato i bambini per impedire alle loro famiglie di vederli, e le autorità che hanno tenuto gli orfanotrofi aperti e pieni di bambini appositamente per l'adozione internazionale erano tutte realtà, Carol. In un articolo pubblicato sull'Irish Times nel 2002, Serban Mihailescu, ministro rumeno per l'infanzia, ha dichiarato: "L'effetto delle adozioni straniere è stato "estremamente negativo" e ha incoraggiato i funzionari a mantenere le istituzioni piene di bambini". Il numero dei bambini negli istituti è aumentato perché sempre più stranieri volevano adottare bambini rumeni e sempre più personale negli istituti lavorava come spacciatore e spingeva i bambini per l'adozione internazionale. È come un business, un business da $100 milioni”.[16]

Incolpare solo la Romania sarebbe troppo facile. Senza una domanda così alta, non ci sarebbe stata un'offerta così alta di "orfani" creati artificialmente da "salvare". La pressione affrontata dalle autorità rumene dai maggiori paesi importatori (Stati Uniti, Francia, Spagna, Italia, Israele) è stata enorme e la risposta delle lobby a qualsiasi tentativo di regolare le adozioni è stata feroce. Nel 2002, dopo la decisione della moratoria sulle adozioni internazionali, le agenzie per le adozioni di quei paesi accettavano ancora i fascicoli dei potenziali adottanti e le richieste venivano ancora inviate al Comitato per le adozioni rumeno, sperando che fossero costretti a concederle. Quando sono iniziati i negoziati per l'integrazione della Romania nella NATO, "i funzionari statunitensi […] hanno avvertito il governo rumeno che un divieto continuo potrebbe compromettere l'accettazione della Romania per l'adesione alla NATO".[17] Sai come lo chiamo? Ricatto dell'adozione.

 Vedi, Carol, durante i quasi tre mesi che mi hai chiesto di aspettare per riavere il mio file, mi sono istruita sulle adozioni dalla Romania negli anni '90. E ho solo altre domande ora. Voglio sapere come sono stati contati i sei mesi senza visita della famiglia di un bambino. Chi ha contato i giorni? C'era un registro? C'era una traccia scritta di quelle visite? Qualcuno ha firmato un documento per dimostrare che la visita era avvenuta? L'identità dei visitatori era controllata? Dove sono quei fogli Carol? Voglio spiegazioni chiare su questo “abbandono” perché in questo momento non ho nulla che lo dimostri. E capirai che non mi fido molto di te o della tua agenzia visto quanto avevi e devi ancora guadagnare da tutti quei cosiddetti “abbandoni”.

Qualche settimana dopo, dopo un'altra telefonata inutile, un'altra e-mail, hai finito per accettare di inviarmi i documenti che non ho ricevuto la prima volta. Per e-mail. Finalmente. Benvenuti al 21ns secolo. Ho trovato più incongruenze che ancora una volta non sei riuscito a spiegare. "Non siamo noi, non lo sappiamo". Nel frattempo, ho continuato a lavorare sul fascicolo inviatomi dalle autorità francesi (che contiene documenti che lei sosteneva di non avere) e mi sono reso conto che c'erano documenti di abbandono del tribunale della mia regione natale. Sono riuscito a leggere l'indirizzo dei miei genitori naturali in quel momento. Ho trovato alcune date. Forse questi dettagli non sono veri, o forse non li sto interpretando bene. Ma erano proprio lì dall'inizio, in un documento che né la tua agenzia né i miei genitori si sono mai presi la briga di decifrare e di tradurre perché la verità è che non ti importava. Quello che importava alla tua bellissima agenzia e ai miei genitori era avere un figlio, cancellare la sua identità, seppellire il suo passato. E vissero felici e contenti, con i poveri orfani abbandonati che avevano salvato da una vita di miseria.

 Vedi Carol, nessuno mi ha detto che avere a che fare con te sarebbe stata la parte più impegnativa e snervante dell'intero processo. Immagina com'è per le persone che non hanno abbastanza supporto, tempo, energia o spazio mentale per fare tutto questo. Non posso fare a meno di pensare che tu e la tua agenzia trattiate gli adottati in quel modo apposta perché se fosse più facile, forse più persone inizierebbero a fare domande. Nella rivista della tua agenzia scrivi che hai un “ruolo simbolicamente importante come intermediario tra le famiglie originarie e adottive, come custode delle storie preadottive e adottive dell'adottato”. Questo riassume magnificamente tutte le bugie di cui la tua agenzia ha scritto sul suo "aiuto" nella ricerca delle radici da parte degli adottati. Sei davvero l'intermediario. Ma la famiglia originale non è nemmeno nominata. Viene cancellato, reso invisibile, come se non fossero mai esistiti. Dici di non sapere nulla, il che dimostra che eri incompetente, che stavi guardando dall'altra parte o che non ti sei preoccupato di controllare cosa stava succedendo e in ogni caso è estremamente allarmante. Non si indaga sulla storia pre-adozione prima dell'adozione, e di certo non dopo una volta che l'adottato è maggiorenne. Fai promesse che non puoi e non manterrai per dare legittimità alle tue azioni e lucidare la tua reputazione di agenzia rispettosa della legge e delle persone. Quello che ho imparato da questa esperienza è che rispetti tutti tranne quelli che dici di salvare.

Clara


[1] Bogdan Baltazar, portavoce del governo rumeno, in un'intervista al canale televisivo CBS.

https://selectnews.ro/cristian-burci-patronul-prima-tv-adevarul-intermediat-vanzari-de-copii-din-orfelinate/?fbclid=IwAR3f4CJBtzfHoFFZfUBJ2l34gIfy0ZGKXAU42ndhBWFoJqhfLbUsUniotxg

[2] http://orphelinsderoumanie.org/ladoption-en-roumanie-dans-le-contexte-international-des-annees-1980-1990/

[3] Legge sulle adozioni 11/1990 modificata l'8 luglio 1991.

[4] Roelie Post, Romania For Export Only: la storia non raccontata degli “orfani” rumeni, P. 66

[5] Riorganizzazione del sistema internazionale di adozione e protezione dell'infanzia, marzo 2002, IGIAA (Gruppo indipendente per l'analisi dell'adozione internazionale).

[6] Roelie Post, Romania For Export Only: la storia non raccontata degli “orfani” rumeni  P. 200

[7] “Le direttive sulle misure alternative per la protezione dell'infanzia, approvate dall'ONU nel 2009, vietano di affidare un bambino solo perché i suoi genitori sono poveri. È preferibile invece offrire un sostegno adeguato alla famiglia”. Intervento di Nigel Cantwell, durante una conferenza MAI, 16 ottobre 2018

[8] Articolo del New York Times del 24 marzons 1991, di Kathleen Hunt:

https://www.nytimes.com/1991/03/24/magazine/the-romanian-baby-bazaar.html

«Un giovane ginecologo in un importante ospedale di Bucarest afferma di essere stato avvicinato da tre avvocati separati per tenerli informati di eventuali bambini abbandonati alla nascita. “Mi hanno offerto $100 per ogni bambino che potevo produrre e $200 se lo presentavo già con il consenso della madre per darlo in adozione.””

[9] Articolo di Le Monde del 20 ottobre 2006 di Mirel Bran: https://www.lemonde.fr/a-la-une/article/2006/10/20/roumanie-ex-supermarche-de-l-adoption_825807_3208.html

[10] Articolo di Le Monde del 20 ottobre 2006 di Mirel Bran: https://www.lemonde.fr/a-la-une/article/2006/10/20/roumanie-ex-supermarche-de-l-adoption_825807_3208.html  “La Roumanie était devenue le supermarché des adozioni, s'insurge Theodora Bertzi. Les enfants étaient envoyés comme des colis à l'étranger avec beaucoup d'argent à la clé. Ils étaient blancs et en bonne santé et l'adoption allait très vite. L'enfant était devenu un objet destiné à satisfaire les besoins émotionnels des adultes.

[11] Adozione internazionale di bambini rumeni e
L'ingresso della Romania nell'Unione Europea
(1990-2007), Yves Denechere, Béatrice Scutaru, Eastern Journal of European Studies, Volume 1, Issue 1, giugno 2010

[12] Riorganizzare il sistema internazionale di adozione e protezione dell'infanzia
Marzo 2002, IGIAA (Gruppo Indipendente per l'Analisi delle Adozioni Internazionali)

[13] Roelie Post, Romania For Export Only: la storia non raccontata degli “orfani” rumeni P. 200 « Dopo il tour della maternità, l'Unicef Romania ha guidato Mariela a Holt, una delle più grandi agenzie di adozione degli Stati Uniti, che ha sede nella clinica per la maternità”.

[14] «Nel corso di un anno, all'ospedale di Ploiesti, infermieri e medici avevano detto a 23 madri i cui bambini erano nati prematuri che i loro bambini erano morti, quando in realtà furono messi in incubatrici, ben nutriti ed esportati per sei mesi dopo". Emma Nicholson, eurodeputata e relatrice speciale per il Parlamento europeo (1999-2004) http://orphelinsderoumanie.org/ladoption-en-roumanie-dans-le-contexte-international-des-annees-1980-1990/

[15] Roelie Post, Romania For Export Only: la storia non raccontata degli “orfani” rumeni P. 130.

[16] " Incassare il "salvataggio del bambino", articolo dell'Irish Times pubblicato il 24 maggio 2002

[17] Articolo dell'Irish Times del 2002.

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%