Impatti per tutta la vita della perdita di identità

Il 1 luglio, mi è stato chiesto di parlare nell'ambito di un panel di webinar per il Transforming Children's Care Webinar Series #4: Il diritto all'identità del bambino nell'accoglienza eterofamiliare. Abbiamo avuto un fantastico panel di esperti, moderato da Maud de Boer-Buquicchio, presidente di Protezione dell'identità del bambino (CHIP), e ospitato dal Rete di assistenza migliore in collaborazione con CHIP.

Mi è stato chiesto di parlare del impatti permanenti della perdita di identità. Quindi ho condiviso la mia storia e alcune dichiarazioni di altri adottati per evidenziare la nostra esperienza.

La mia storia

 Io sono uno di questi bambini che non ha protetto la mia identità. I bambini come me, crescono. Non restiamo bambini per sempre e possiamo avere opinioni e pensieri sulle strutture, i processi, le politiche e le legislazioni che hanno un impatto su di noi e creano le nostre vite. Sono onorato di essere chiamato a rappresentare solo un piccolo gruppo di noi con esperienza vissuta, che il forum rappresenta come "bambini provenienti da opzioni di accoglienza eterofamiliare".

Sono stato adottato dal Vietnam durante la guerra nel 1973. La guerra è finita nell'aprile 1975. Mio padre adottivo è volato nel paese mentre era ancora in guerra e mi ha portato via quando ero un bambino di 5 mesi. I miei documenti avrebbero dovuto seguire ma non sono mai arrivati e la mia adozione non è stata finalizzata.

Ho vissuto per quasi 17 anni in Australia senza identità. Era lo scherzo di famiglia che facevo la spia perfetta perché non esistevo. Ero profondamente consapevole di non esistere e di non avere scartoffie: mi faceva sentire insicura, insignificante, invisibile.

Gli effetti pratici di non avere documenti di identità per 17 anni sono stati che non potevo richiedere un passaporto e viaggiare al di fuori dell'Australia, non potevo ottenere la mia patente di guida, non potevo richiedere nulla come un conto bancario e, cosa più importante, ho non è stato seguito da quando è arrivato nel paese da alcuna autorità di assistenza all'infanzia né dall'agenzia di adozione. 

Alla fine, quando avevo 16 anni, volevo ottenere la mia patente di guida, così i miei genitori adottivi furono finalmente spinti ad agire. Hanno affrontato di nuovo il processo di adozione, questa volta attraverso lo Stato, non un'agenzia privata, e la mia adozione è stata formalizzata poco prima che compissi 17 anni.

Mi è stata data una nuova identità australiana. Non afferma la mia identità vietnamita, riconosce solo il paese in cui sono nato, il Vietnam.

Attraverso questo processo di adozione internazionale in ritardo di 17 anni, c'è stato un controllo ufficiale per i miei documenti di identità in Vietnam? O un assegno per confermare la mia adottabilità o rinuncia? Queste domande rimangono per me senza risposta. Certamente non mi sono mai state offerte altre opzioni come avere un aiuto per cercare le mie origini in Vietnam.. Mi è stato solo detto che essere adottata era LA soluzione per poter esistere e avere una sorta di identità. 

Tra i 20 ei 30 anni, ho passato più di un decennio a cercare di ottenere i miei documenti d'identità e di adozione dal Vietnam. Tramite la mia rete ICAV, mi sono imbattuto in un ex poliziotto che aveva aiutato alcuni altri adottati vietnamiti. In qualche modo ha trovato quello che sembra essere un certificato di nascita vietnamita, ha scattato una foto sfocata e me l'ha inviata.

Quando sono andato in Vietnam nel 2019, sono andato nel luogo in cui si diceva fosse conservato quel documento, solo per sentirmi raccontare la solita storia: un'alluvione o un disastro naturale ha distrutto TUTTI i documenti di quell'intero anno. Non hanno niente per me. Ho visitato l'ospedale dove apparentemente sono nato, solo per sentirmi dire che non potevo accedere al file di mia madre senza il suo permesso – che circolo vizioso! Ho visitato il distretto della stazione di polizia dove si trova il timbro sul certificato di nascita, solo per sentirmi anche dire che non mi avrebbero aiutato. Ho chiesto aiuto durante la mia visita all'autorità centrale del Vietnam e mi è stato detto di compilare un modulo tramite il sito Web — che è in vietnamita, che non posso leggere o scrivere. Ci sono così tante barriere per poter accedere la mia identità. La lingua è ENORME!

Da allora ho fatto alcuni test del DNA e mi sono fatto aiutare dai genealogisti, ma neanche questo ha avuto molto successo. 

Questa lotta per trovare la nostra identità è molto comune per un adottato internazionale come me ed è decisamente peggiore per quelli di noi che sono stati adottati da un paese lacerato dalla guerra o pieno di crisi. Nella fretta di aiutare a "salvare" i bambini come me, i processi vengono aggirati o accelerati e le informazioni vitali vengono perse.

La nostra Comunità ICAV

Sentendomi isolato per la maggior parte della mia infanzia, a metà degli anni '20 ho fondato la nostra rete internazionale ICAV che fornisce supporto tra pari agli adottati internazionali come me che lottano proprio come me. Ma io sono solo una voce tra centinaia di migliaia in tutto il mondo, quindi è importante che tu ascolti più della mia voce! 

Ho chiesto alla comunità dell'ICAV di condividere con voi quali sono gli impatti della perdita di identità per tutta la vita. Condividerò con voi solo 8 delle 50 risposte per evidenziare alcune delle loro esperienze:

Mille grazie a quegli adottati che hanno voluto condividere!

All'interno della nostra comunità ICAV, potremmo scriverne alcuni libri sugli impatti permanenti della perdita di identità, molti lo hanno già fatto. Ci sono così tante altre complessità di cui non ho parlato, come i gemelli che vengono intenzionalmente separati per l'adozione (non viene detto loro che sono gemelli e gli strati extra di impatto per loro della perdita di identità); Adottati di seconda generazione (figli di adottati) e il loro mancato accesso legislativo alla loro identità ereditata; ecc. Spero che il mio breve intervento abbia aiutato ad espandere la tua mente dall'esperienza teorica all'esperienza vissuta che parla così forte dell'importanza dei diritti di identità per comunità come la mia.

Puoi guardare il webinar completo qui.

Dalla Thailandia senza identità

di Lisa Kininger, adottato dalla Thailandia negli Stati Uniti.

La prima foto di Lisa

Mi chiamo Lisa e sono un'adozione internazionale. Grazie ai miei meravigliosi genitori, mi hanno regalato una vita meravigliosa di cui sarò per sempre grato. Ci sono solo informazioni minime sulla mia vera identità. Quello che so non è abbastanza per scoprire chi ero e da dove venivo. Anche se sono sempre felice di chi sono diventata e della mia bellissima famiglia, sono sempre stata curiosa della mia vera identità, come lo sarebbe chiunque altro. Ho provato di tutto, dalle telefonate e dalle e-mail ai viaggi in Thailandia più di una volta, cercando impotenti. Così, quando ho compiuto 18 anni, ho deciso di iniziare il mio viaggio di ricerca.

Avevo contattato il medico thailandese e sua moglie, da cui ero stato adottato. Non erano interessati ad aiutarmi, ma mi hanno spiegato che hanno dato in adozione 40 bambini non biologici. Avrebbero fatto firmare i loro cuochi e le cameriere come falsi genitori biologici. In effetti, mi hanno anche detto che hanno inventato il mio nome di nascita "Malai" e la data di nascita 20 dicembre 1972. Mi hanno detto di non contattare le persone sul mio certificato di nascita perché mi avrebbero mentito e avrebbero preso i miei soldi. Con solo le persone sul mio certificato di nascita da contattare, l'ho fatto disperatamente nella speranza di trovare maggiori informazioni. Alla fine mi sono imbattuto nel test del DNA e l'ho usato a mio vantaggio. 

La mia storia inizia con mio padre che è un elettricista aeronautico come Sr. Master Sergeant nell'aeronautica americana. I miei genitori si sono sposati e sono stati di stanza a Utapao, in Thailandia, nel 1974-1975. Non erano in grado di avere figli propri ed erano in procinto di adottare negli Stati Uniti, ma hanno dovuto metterlo in attesa perché di stanza in Thailandia. 

Un giorno mia madre andò a Bangkok per fare la spesa al commissariato di base. Ha finito per parlare con una donna dei prezzi della carne e la donna aveva detto di aver appena adottato una bambina thailandese. La donna ha detto di conoscere un'altra bambina thailandese che era in adozione. Mia madre ha detto che le sarebbe piaciuto, ma sfortunatamente sarebbero partiti presto per tornare negli Stati Uniti, quindi non ci sarebbe stato tempo. Durante il check out al negozio, la stessa signora si è avvicinata a mia madre con un numero di telefono. Il numero di telefono era della bambina thailandese in adozione. Mia madre ha deciso di chiamare. Ha parlato con una donna che ha detto che purtroppo era già adottata. Purtroppo, mia madre ha riattaccato il telefono. Poi all'improvviso, attraverso l'altoparlante del negozio, hanno annunciato il nome di mia madre. Hanno detto che c'era una telefonata per lei. Dall'altra parte di quella linea c'era una signora che chiedeva a mia madre di parlare di sé e di mio padre. La signora ha detto che non sapeva cosa le fosse preso, ma sentiva il bisogno di chiamare. La signora ha detto di aver avuto una bambina thailandese a casa sua che era molto malata. Voleva che mia madre vedesse subito la bambina. Quindi, la signora ha mandato un'auto a prendere mia madre al negozio di Bangkok.

Mia madre è arrivata a casa. Le persone a casa erano un medico tailandese e sua moglie americana (questa era la signora al telefono con cui ho parlato quando ho iniziato la mia ricerca, che sono passati anni). Hanno spiegato a mia madre che la bambina era molto malata, pesava solo 13 chili ed è stata salvata dalla giungla. Le hanno anche detto che il fratello di 5 anni della bambina è morto di malnutrizione e che la bambina sarebbe stata la prossima. Quella bambina ero io. 

Presto mia madre poté incontrarmi per la prima volta. Mi ha messo in grembo e ho iniziato a giocare con il suo orologio. Fu allora che la gente decise che era la partita perfetta. Tuttavia avevano anche una coppia olandese che sarebbe venuta a trovarmi la mattina. Se la coppia olandese non mi voleva, allora ero di mia madre. Così, hanno sistemato mia madre in una suite d'albergo che il dottore aveva organizzato. 

Questo avvenne durante la guerra del Vietnam nel 1974 e quando mia madre chiamò mio padre per spiegare dov'era e cosa stava succedendo, mio padre si preoccupò molto perché era pericoloso per i civili essere fuori dalla base. Fortunatamente, la mattina dopo la coppia olandese voleva un maschio e io potevo andare a casa con i miei genitori! Il passo successivo per mio padre è stato farmi adottare in Thailandia. I genitori adottivi dovevano avere una certa età per adottare in Thailandia ei miei genitori erano troppo giovani. Il dottore thailandese voleva che mio padre mentisse sulla sua età e corrompesse il consolato con una bottiglia di whisky. Mio padre non voleva fare una cosa del genere perché era nell'aeronautica americana e poteva finire in guai seri. Il medico thailandese ha poi dovuto contattare la mia "madre biologica" per firmare un modulo di rilascio per i miei nuovi genitori per riportarmi negli Stati Uniti. Il dottore ha organizzato una visita con mio padre e mia madre bio in un ristorante fuori Bangkok. Il dottore spiegò a mio padre che veniva dal sud e che mio padre doveva pagarle le spese di viaggio. Quando si sono incontrati al ristorante, il dottore e mia madre bio parlavano solo tailandese; ha firmato e se n'è andata. Mio padre non aveva idea di cosa si dicesse. 

Siamo partiti felici per gli Stati Uniti e ho avuto un'infanzia fantastica. Ho avuto il privilegio di vedere e vivere in diverse parti del mondo, grazie a mio padre che prestava servizio nell'aeronautica americana. Durante tutta la mia infanzia, ho sempre avuto il desiderio di cercare la mia famiglia biologica e di trovare la verità su me stessa. Mi sono ricordato di quello che il medico thailandese e la moglie mi hanno detto che era di evitare di contattare le persone sul mio certificato di nascita perché avrebbero mentito e avrebbero preso i miei soldi. Ho rischiato e non li ho ascoltati. Ho deciso che la mia unica scelta era trovare le persone sul mio certificato di nascita, quindi le ho contattate. All'inizio avevano detto di sì, sono la mia famiglia. Hanno continuato a chiedere se fossi Mali o Malai. Allora ho detto che ero Malai ma ho chiesto chi fosse il Mali? Mi hanno detto che il Mali era mia sorella. Hanno detto di richiamare il giorno dopo perché conoscevano qualcuno che parlava inglese. Così ho fatto e poi mi hanno detto che non erano la mia famiglia, ma sapevano della mia famiglia perché erano vicini di casa una volta. Mi dissero il cognome e dissero che avevo una sorella maggiore che era morta in un incidente d'auto e la famiglia si era trasferita. Mi hanno chiesto di richiamare tra due settimane e mi avrebbero aiutato a cercare di trovare questa famiglia. Alla fine non sono riusciti a trovarli.

Di conseguenza, ho assunto un investigatore privato in Thailandia per trovarli e l'investigatore ha avuto successo. Questa famiglia ha riconosciuto che facevo parte della loro famiglia e che la mia famiglia immediata è morta ma è riuscita a trovare mia zia, mio zio e i miei cugini. Sono stato in grado di ricevere le loro foto e sono stati in grado di finire la storia su di me e conoscevano il dottore tailandese, quindi ci ho creduto. 

Questo accadeva nei primi anni 2000 prima che il test del DNA fosse ben noto. Ho preso l'iniziativa di fare il mio primo viaggio in Thailandia per incontrarli. Ho dato loro dei soldi perché erano poveri. Mia zia ha avuto un ictus, quindi le ho comprato una sedia a rotelle, medicine e cibo. Ho aperto un conto bancario internazionale in modo che potessero prelevare denaro quando necessario. Mi scrivevano persino chiedendomi più soldi nel corso degli anni e dicevano che mia zia sarebbe morta se non avessi pagato per la sua trasfusione di sangue.

Ho deciso di fare un test del DNA con il figlio delle mie ultime sorelle ei risultati hanno mostrato che non c'era alcuna relazione tra questa famiglia e me. Purtroppo ho smesso di cercare per un po'. Alla fine, con il passare del tempo, ho contattato di nuovo le persone sul mio certificato di nascita e mi hanno detto che forse sono la loro, dopotutto. Quindi ho fatto un test del DNA con la madre biologica sul mio certificato di nascita (questo è stato quando ho prenotato il mio secondo viaggio in Thailandia con la mia famiglia). Sfortunatamente due giorni prima di partire per la Thailandia, i risultati hanno rivelato che non ero imparentato con lei. Siamo comunque andati in viaggio e l'abbiamo incontrata. Quando l'ho incontrata di persona, mi ha detto che il medico l'ha pagata per firmare come mia madre biologica e che è stata lei al ristorante che ha conosciuto mio padre adottivo. 

Da allora, ho fatto test del DNA con la famiglia di suo marito e senza fortuna. Sfortunatamente, ho fatto innumerevoli test del DNA solo per trovare cugini dal 3° al 4° e sono stati adottati anche loro, quindi nessun aiuto neanche lì. La parte difficile della mia ricerca è che la mia identità in Thailandia è falsa. La mia vera identità sembra essere stata cancellata dall'esistenza.

È stata una sfida per tutta la mia vita, voler conoscere la verità ma essere costantemente mentito senza alcuna spiegazione sul perché. Non so quanti anni ho, il mio vero nome o da dove vengo. Tutti quelli che conoscono un po' di verità RIFIUTANO di aiutarmi o dirmi qualcosa. Ho una bellissima famiglia con tre figli grandi e sono felicemente sposato, ma mi piacerebbe condividere con i miei figli e un giorno, i miei nipoti, la mia famiglia biologica.

Attraverso il mio viaggio, mi relaziono con i sentimenti e le emozioni degli altri adottati e quindi ho dedicato il mio tempo ad aiutare altri adottati a trovare le loro famiglie biologiche per 20 anni. Sono un investigatore privato per adottati. Capisco entrambi i lati della storia e posso entrare in empatia. Anche se non ho trovato la fine della mia storia, trovo gioia nell'aiutare gli altri nel loro viaggio e ho anche trovato quello che stavo cercando attraverso il viaggio stesso.

Lisa può essere contattata al lkininger@live.com

Nome

ti do un nome

ti chiamo mia mamma

Ti aspetti che ti raggiunga

Ti aspetti che chiami

Il titolo che ti do

È uno che non hai guadagnato?

Non mi hai partorito

Non eri il primo

Sono così arrabbiato con te

Non sono il tuo mini-me

Non sono il bambino che volevi

Ma faccio finta di essere

Il mio cuore infuria contro di te

Come un uragano contro gli alberi

Hai oltrepassato i miei confini

Tagliandomi in ginocchio

Mi hai abbandonato e

Oh come pungono le tue parole 

No, non sei mia madre

Sei la donna che mi ha cresciuto

Giochiamo a questo gioco

La mia mossa, poi la tua

Ping pong il nostro rapporto

Avanti e indietro, avanti e indietro

Sconosciuti, io e te

Conoscenti al meglio

Ma tu credi che siamo più vicini

Ogni conversazione come un test

Quindi balliamo con molta attenzione

Intorno agli elefanti nella stanza

Paura di toccarli

Paura che si muovano

Divento ansioso e nervoso

Ogni volta che ci incontriamo

La maschera che indosso intorno a te

Mi fa sentire sei piedi di profondità

Tu dici "ti amo"

Ma non sono sicuro che tu lo faccia

Alla domanda su cosa ami di me

Hai risposto "Beh, so che ti amo". 

Affogo nelle tue aspettative

Critichi ogni mia mossa

Dici: "Tieni a cuore la tua famiglia". 

Come se fosse qualcosa che devo dimostrare

Non sai chi sono adesso

Ed è come se fossimo estraniati

Perché più si parla di niente

Più vedo quanto sono cambiato

Non ti chiamo più mamma

Perché non ti comporti più così

Il nome che ti do è il tuo nome

Quello che ti è stato dato quando sei nato

 
Da anonimo

trovare l'amore

Denny entrò in biblioteca e io lo salutai al banco di circolazione. Immediatamente, ho sentito che era la mia anima gemella. Più tardi, ho scoperto che sentiva la stessa cosa. Aveva visitato alcune altre volte, e poi era scomparso per alcuni mesi. In quel periodo, ho iniziato a imparare a volare da solo. Ho lavorato rigorosamente in biblioteca, esplorato Oahu, timidamente iniziato a uscire con Tinder e un giorno ci siamo incontrati in una palestra, sulle scale di tutti i posti. Mi ha dato il suo numero. Il giorno successivo, ci siamo incontrati in un negozio di alimentari naturali e siamo andati insieme verso la costa per vedere l'oceano di notte. Abbiamo fissato un cielo pieno di stelle, guardato con stupore le nuvole fluttuanti e abbiamo scoperto quanto siamo simili l'uno all'altro. C'era una facilità e una familiarità con lui che non avevo mai provato prima. La pensiamo allo stesso modo, gli dissi, sbalordito.

Siamo sulla stessa onda, Egli ha detto.

Iniziare una relazione è stato terrificante per me in quanto adottato all'estero, filippino-americano a causa del mio passato.

Ieri sera mi ha detto che voleva invecchiare con me. Gli ho detto che ho paura e lui mi ha chiesto perché.

Questa domanda mi ha fatto pensare, pensare davvero.

Un momento di scoperta di sé

La risposta a questa domanda, lasciami alla scoperta di me stesso. Mi sono reso conto che da bambino avevo perso la prima persona che avessi mai amato e che era mio fratello. Mi stava danneggiando e deve avermi spezzato il cuore un miliardo di volte, finché non mi sono trasferita a 18 anni. E solo all'inizio dei 30 anni, ho iniziato a guarire con la terapia. Per tutto questo tempo, sono stato estremamente assorbito dal lavoro personale, dall'arte, dagli sbocchi creativi, dagli studi accademici e dalla spiritualità, evitando fondamentalmente le relazioni perché in fondo avevo così paura di essere vicino a qualcuno. Questo perché avevo paura di perdere ciò che amo di più.

Ho scavato più a fondo e alla fine sono arrivato a una conclusione.

Non ho mai pensato che qualcuno potesse mai amarmi, Ho detto.

La mia paura di innamorarmi

Questa paura, mi resi conto, proveniva dal trauma che avevo vissuto nella mia prima infanzia. Ho sentito che questo dipendeva dal fatto di essermi sentito abbandonato dall'essere rimasto orfano da bambino. Quei sentimenti mi hanno seguito nei miei primi anni di vita in un orfanotrofio. Si è aggrappato a me attraverso la mia adozione e il trasferimento nel Midwest, e in seguito, dal momento che mio fratello maggiore, anch'egli adottato dalle Filippine, aveva un PTSD estremo. E anche se lo amavo profondamente, mi ha provocato e traumatizzato fino all'età di 18 anni.

Iniziare una relazione è impegnativo, ma le parole di speranza di Denny sono state il seme di un nuovo inizio, alimentando una nuova sensazione che posso essere amata nonostante la mia rottura. Sta innaffiando la speranza di non essere solo come una volta. E in questo presente in costante riformazione, sto credendo di più in me stesso. Sono più forte e più sano. E ho trovato ciò che conta di più, il rapporto e l'amore che ho con me stesso, perché alla luce dell'amore mi ritrovo ogni giorno di più.

Superare le sfide

Anche se è incredibile, per superare le mie difficoltà, devo andare al mio ritmo. Devo rimanere indipendente e concentrarmi sui miei sogni. Devo darmi spazio per elaborare e fare le cose che devo fare per rimanere sotto controllo con le mie stranezze e le mie esigenze personali. Sono ancora deciso a diventare un bibliotecario. Sono anche deciso a diventare uno scrittore e a continuare i miei viaggi, collezionando bellissime foto e artefatti della mia spiritualità insolita e meditazioni lungo la strada.

A 33 anni, sono in ritardo e tutto quello che posso dire è che provare è meglio che non provarci affatto. Per essere fiduciosi, è meglio non avere alcuna speranza.

Per mantenere vivi i tuoi sogni, è meglio che vivere una vita priva di essi.

L'amore esiste, in una miriade di forme, nonostante le difficoltà di ieri. E quello che ho imparato in questo viaggio di una vita, è che anche se potresti non credere più nell'amore, questo amore crederà ancora in te.

Domanda di discussione

Hai avuto un'esperienza di successo con "innamorarsi?" Hai avuto delle difficoltà derivanti da un passato difficile o dall'essere un adottato, e come le hai superate?

 

Trasformare la negatività in positività con il buddismo

La sala di meditazione del Garchen Institute nella Chino Valley era colorata in modo brillante con rossi reali, gialli canarino, verdi lussureggianti e blu profondi. I ringraziamenti buddisti adornavano le pareti. Al centro del pavimento c'era uno splendido mandala che conteneva oggetti sacri e offerte. Candele brillanti e statue di Buddha erano allineate sul davanti. I lama riverenti sedevano nella parte anteriore destra, recitando i tradizionali mantra tibetani. Mi sono seduto nell'angolo opposto, dietro il mandala, vicino all'isola, nascosto alla vista dei lama. In questo spazio di meditazione, ho ricevuto il mio potenziamento Vajrakalaya. In questo spazio ho pronunciato i miei voti di Bodhisattva.

Perché lo stavo facendo, chiedi?

Alla luce della tempesta del mese di sensibilizzazione sull'adozione e delle lotte dentro di me come adottata, ero qui per purificare il mio cuore e la mia mente.

Il Buddismo Vajrakilaya e Vajrayana

In questo Ritiro di Vajrakilaya Drupchen, in genere ho capito che l'empowerment è stato progettato in modo da vincere gli oscuramenti nel mio cuore e nella mia mente, per cancellare il “veleni” che tendono ad aggregarsi dentro di me nel mondo materiale, che annebbiano la natura pura originale di ognuno di noi – che è amore e compassione. Secondo il sito web di Garchen, Vajrakilaya è una manifestazione irata di Vajrasattva, il Buddha della Purificazione. Pertanto, la pratica in questo ritiro Vajrakilaya si concentra sulla rimozione di intensi ostacoli interni ed esterni alla pace, alla felicità e all'illuminazione.

Il Vajrakilaya è una parte del Buddismo Vajrayana e questi insegnamenti esprimono che la fonte della sofferenza è l'attaccamento a se stessi dell'io che non esiste. L'obiettivo altruistico in queste pratiche è coltivare Bodhicitta o compassione illuminata dentro di noi, che è anche la natura del Buddha. Questa coltivazione della compassione è l'antidoto che può dissipare ogni sofferenza da noi stessi e dagli altri. Quindi, il Vajrakilaya è come un veicolo che coltiva la compassione dentro di noi, e ad un ritmo accelerato.

Il mio potere

Ecco un video di me che riceve l'empowerment. Entro nella fase video a sinistra alle 7:12:16 circa. E ad essere onesti, non avevo idea di cosa stessi facendo.

Garchen Rinpoche prima ha applicato uno scettro alla sommità del mio capo e ha cantato. Ho camminato verso il prossimo lama. In un secondo, mi è stato ordinato di allungare la mano sinistra. Questo lama ha improvvisamente versato del vino nel mio palmo. In quel momento, mi sono sentito davvero sorpreso, perché semplicemente non me lo aspettavo.

Mi avvicinai al lama successivo, con la mano ancora tesa. Successivamente, questo lama ha gettato un seme rotondo di media grandezza nel liquido nel mio palmo, e ora, la totale perplessità è scesa su di me. Mi fermai, chiedendomi cosa avrei dovuto fare. Ho fatto qualche altro passo. "Bevi", mi ha detto questo lama, quindi senza esitazione, ho praticamente sbattuto il contenuto nella mia bocca. Con il vino e il seme in bocca, la mia lingua roteò intorno agli oggetti e ingoiai il liquido. Mi fermai davanti al lama con il cesto d'uva.

Oh no. Cosa dovrei fare adesso? Ho pensato.

Questo lama mi ha fatto prendere un chicco d'uva, così ho preso un chicco d'uva. Non sapendo nemmeno cosa dovevo fare con quest'uva, me la sono buttata in bocca all'istante, che credo fosse il seme della longevità. L'ultimo lama aveva un mezzo sorriso guardandomi. Sembrava che poi si ricordasse di darmi un braccialetto, e poi tornai al mio posto il più graziosamente possibile.

Ho ingoiato il seme del potenziamento quando ho trovato il mio posto, cercando di non soffocare o fare una smorfia. Dopo di che, ho iniziato a recitare le preghiere.

Fare delle pause

Il drubchen è una delle pratiche yidam o dietetiche più potenti che includono la recita continua di mantra per aiutare ad innaffiare il seme potenziato piantato all'interno. Di solito dura dai 7 ai 10 giorni di pratica ininterrotta, e per questo ritiro sono stati 8 giorni. Diversi giorni di drubchen equivalgono ad anni di ritiro solitario. È praticato per creare un ambiente trascendente per il sorgere della divinità e per distruggere le forze dentro di noi che stanno contrastando la nostra compassione. Nella sala di meditazione, c'era una miscela di rituali sacri tra cui trombe, danze e incensi bruciati per stimolare i sensi.

Per questo ritiro, non ero lì continuamente. Gli alloggi per gli ospiti del centro erano tutti prenotati per questo drubchen, quindi stare fuori sede ha lasciato il posto al pendolarismo e alle pause. Questo si è rivelato molto buono per me.

Conoscendo me stesso, tendo a spingermi troppo forte a volte. La maggior parte delle nuove pratiche per me deve essere al mio ritmo, così posso immergermi delicatamente.

Nelle mie pause, ho soggiornato in un hotel nelle vicinanze. Ho ascoltato il feed Youtube in diretta che l'istituto ha mostrato durante le sessioni di drubchen, meditando in hotel. Lì, ho praticato Vipassana anche la meditazione.

Ero al centro ad allenarmi quasi tutti i giorni. Sono salito in macchina la mattina presto e sono tornato al tramonto. Tuttavia, ho sentito il bisogno di essere graduale per questo. Sapevo che la prossima volta sarei stato più preparato e più disciplinato.

Lavorare efficacemente con le energie negative

Mi guardo indietro in questo video e ammetto che rido tra me e me. Da adulto adottato con lotte interne, ho preso molto sul serio la mia vita e i miei pensieri. Ma ultimamente ho praticato il buddismo per scrollarmi di dosso la mia serietà mortale ed espellere le mie energie negative e le mie oscurazioni, che mi hanno tenuto bloccato nelle abitudini e nelle afflizioni per così tanto tempo.

Spero di essere più leggero e più controllato con quello che ho dentro di me, che include rabbia dell'adottato, di cui Lynelle scrive in un post sul blog.

Facendo queste pratiche, faccio uno sforzo personale per controllare e, successivamente, trasformo le mie emozioni più negative in pensieri, sentimenti e azioni positivi.

L'obiettivo in queste pratiche è di gestire praticamente la mia vita e le mie energie in modo più efficace, in modo che io possa essere utile nella società di oggi.

Stephanie prende i voti del Bodhisattva al Garchen Institute nella Chino Valley, in Arizona

Cosa sta per succedere?

Andrò a vedere Amma, una famosa santa dell'abbraccio, la prossima settimana nel nord della California! Parteciperò a questo Ritiro nell'area della baia con il mio amico, con altre foto ed esperienze da condividere presto.

Grazie per aver letto tutti!

 

La ragazza che piange

Come fallisce il governo coreano

Sono stato di stanza in Corea per otto anni e ho fatto più di una dozzina di viaggi in Corea da quando sono partito nel 2007. Durante la mia ultima visita a Itaewon, mi sono imbattuto in una piccola statua in bronzo di una ragazza seduta su una sedia, accanto a un sedia, situata all'incrocio semaforico più vicino alla base militare statunitense. Ho letto l'iscrizione sulla targa e ho appreso che la statua di una giovane ragazza che indossa un tradizionale hanbok con i pugni chiusi commemora le circa 200.000 ragazze e donne che furono costrette a prostituirsi per servire i giapponesi durante la seconda guerra mondiale.

Attualmente, ci sono 40 statue di donne di conforto erette dentro e fuori la Corea del Sud, situate negli Stati Uniti, in Canada, in Australia e in Cina. La statua è un ricordo visibile dell'aberrante dolore e della sofferenza che i giapponesi hanno causato a così tante vite. Si ritiene che tre quarti di tutte le donne di conforto siano già morte e quelle che sono sopravvissute abbiano raccontato indicibili resoconti di torture.

Negli ultimi anni, molte donne di conforto sono state esplicite e hanno chiesto scuse e riparazione per ciò che hanno sopportato. Nel 1994, il governo giapponese ha istituito un fondo pubblico chiamato Fondo per le donne asiatiche (AWF) per fornire un risarcimento ai paesi in cui i giapponesi avevano occupato durante la guerra e ridotto in schiavitù le donne per lo sfruttamento sessuale. Negli ultimi anni, i cittadini coreani hanno protestato pubblicamente contro il governo giapponese per aver nascosto questa grave violazione sotto il tappeto. Il governo giapponese non ha mai ufficialmente riconosciuto né chiesto scusa per lo sfruttamento delle donne in questo modo.

Il monumento originale alle ex "donne di conforto" che servivano come schiave del sesso per i soldati giapponesi durante la seconda guerra mondiale - si trova nel distretto di Itaewon e di fronte all'ambasciata giapponese a Seoul

I giapponesi potrebbero imparare a fare la cosa giusta dai loro alleati della seconda guerra mondiale. Il governo tedesco si è scusato per le sue atrocità durante la seconda guerra mondiale e ha eretto un Memoriale per gli ebrei assassinati d'Europa a Berlino. Il governo degli Stati Uniti si è scusato cinque volte con i giapponesi americani per il loro coinvolgimento nel radunare i cittadini e mandarli nei campi di internamento. Inoltre, la Camera e il Senato degli Stati Uniti si sono scusati per le loro malefatte con i propri cittadini, scusandosi per la schiavitù e le leggi Jim Crow che imponevano la segregazione negli Stati Uniti.

Tuttavia, questa storia non finisce con i giapponesi. Sono d'accordo che le donne di conforto meritano sia scuse che riparazione per il loro dolore e sofferenza. Credo che questa sia la cosa giusta da fare. Ma voglio sottolineare l'ipocrisia del governo coreano poiché usa la stessa tattica e verbosità del governo giapponese su come affronta anche la questione dei 200.000 bambini sfollati per adozione internazionale. La società coreana ignora che gli adottati soffrono di traumi da adozione e di danni morali. Molti dei miei compagni adottati ricordano di essere stati costretti su un aereo e mandati tra le braccia di estranei. Il danno psicologico per molti adottati va oltre quell'esperienza e lo studio del Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti stima che la percentuale di persone adottate viste in contesti di salute mentale rientri nell'intervallo da 5 a 12%, o da 2,5 a 6 volte la percentuale di adottati. bambini nella popolazione generale.

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista online di Pediatrics, le persone adottate hanno quasi quattro volte più probabilità di tentare il suicidio. L'Istituto per gli studi sulla famiglia ha appreso attraverso i loro studi che gli adottati hanno maggiori probabilità di avere difficoltà a scuola e hanno quattro volte più probabilità di ripetere un anno e tre volte più probabilità di essere espulsi da scuola. I risultati rosei promossi dai gruppi a favore dell'adozione negli Stati Uniti e altrove sono molto fuorvianti. I media ignorano in gran parte le storie di adozione che riguardano la morte, lo stupro, l'abuso e l'abbandono. Numerosi adottati hanno sopportato vite orribili, non dissimili da quelle delle donne di conforto.

Come le comfort women, gli adottati vengono ignorati dallo stesso governo che ha causato il dolore e la sofferenza iniziali. Gli adottati chiedono onestà quando le loro storie vengono condivise. Chiedono onestà e trasparenza. È statisticamente impossibile che tutti gli adottati siano stati abbandonati e lasciati alle porte di ogni stazione di polizia di Seoul.

Gli adottati hanno preso in mano la situazione e sono diventati videografi, condividendo le loro storie e mostrando i difetti nei dischi e nelle storie che sono state loro raccontate. La verità potrebbe essere che i registri dei bambini sono stati scambiati alla nascita o scambiati con altri bambini che avevano storie più favorevoli.

Gli adottati stanno parlando e vogliono che gli venga detta la verità anche se ciò significa che non c'è nulla nei nostri file. I programmi del governo che forniscono assistenza agli adottati sono in gran parte gestiti da cittadini coreani e hanno poco o nessun contributo da parte degli adottati. Come può il più grande stakeholder non avere voce nella progettazione dei programmi che dovrebbero sostenerlo? Non ha senso per il governo coreano assumere adottati coreani per sostenere altri adottati coreani?

La burocrazia e le bugie non si fermano qui. Numerose famiglie coreane sono state esplicite perché sono state loro date bugie e il girovagare quando chiedono di trovare i loro figli inviati all'estero. Inoltre, le organizzazioni che presumibilmente forniscono supporto agli adottati coreani sono in gran parte sorde e non motivate a fornire assistenza. Ho incontrato un adottato coreano a cui è stata diagnosticata un'insufficienza epatica e quando si è presentato per assistenza, gli è stato dato poco o niente ed è morto di una morte lenta e dolorosa.

Purtroppo non è un caso isolato. Gli adottati bloccati e deportati in Corea hanno contattato il governo coreano per risorse e supporto. Sono stati accolti con una pletora di richieste dal governo coreano per ottenere assistenza. Gli individui con possibili difficoltà di apprendimento o precedenti esperienze educative formali dovevano superare le lezioni di lingua coreana per ricevere benefici. I benefici dati non erano sufficienti per questi adottati per soddisfare i loro bisogni primari. Questi adottati si sono poi rivolti ai loro coetanei adottati per pagare beni di prima necessità come cibo e vestiti. Lo so per esperienza diretta.

Ho incontrato un adottato poco prima della sua morte e ho lavorato con organizzazioni guidate da adottati che raccolgono fondi per sostenere gli adottati deportati in crisi in Corea. Ho anche incontrato degli adottati che hanno eretto la statua in memoria dell'adottato assassinato Hyunsu O'Callaghan. La realtà è che il vero lavoro per gli adottati viene ancora dai compagni adottati.

3 NOV 15 L'articolo di Herold coreano affermava: “Kang Tae-in, un rappresentante di un gruppo di famiglie naturali coreane, ha affermato che non è vero che la maggior parte dei genitori naturali non vuole essere trovata. Ha detto che molti membri del suo gruppo hanno cercato di cercare i loro figli, solo per essere insultati e mentiti dalle agenzie di adozione”.

Il governo coreano impone restrizioni che rendono difficile per gli adottati trovare le loro famiglie biologiche. Gli adottanti sono stati costretti a risolvere i problemi da soli. Un gruppo di adottati coreani si è riunito per avviare un'organizzazione non governativa (ONG) chiamata 325KAMRA, in gran parte finanziata da Thomas Park Clement, un adottato coreano inviato in America. 325KAMRA è stata costituita perché non esisteva un database consolidato del DNA ampiamente disponibile per gli adottati coreani in tutto il mondo per cercare le loro famiglie biologiche. Ci sono circa 150.000+ adottati coreani in America e 50.000+ adottati coreani in Europa - molti di loro desiderano trovare una famiglia biologica in Corea.

La polizia sudcoreana ha un database separato che è stato avviato nel 2004 ed è stato utilizzato in gran parte per le persone scomparse. Gli adottati possono accedere a questo ma solo se i loro documenti di adozione affermano che non sono stati abbandonati dai loro genitori. Secondo un articolo del 2013, questo database della polizia conteneva 24.764 campioni di “persone scomparse (principalmente persone con disabilità intellettiva nelle istituzioni) mentre solo 1.732 familiari di persone scomparse avevano registrato il loro DNA in questo database. A partire dal 2013, dal 2004 si sono verificati solo 236 casi di ricongiungimento (minori di 14 anni (110 casi) e disabili (112 casi)).

325Kamra ha avuto un enorme successo rispetto al sistema chiuso stabilito in Corea.

A partire da novembre 2018, 325KAMRA ha consentito a 70 adottati di essere ricollegati alle famiglie biologiche attraverso corrispondenze di DNA, genealogia genetica e lavoro di indagine sul DNA. Inoltre, ci sono state almeno 100 corrispondenze per chiudere i familiari utilizzando test del DNA autosomico. Ciò significa che 170 adottati coreani hanno trovato una famiglia biologica attraverso l'uso di test del DNA autosomico negli ultimi tre anni. Questo è 72% di ciò che il database della polizia coreana ha prodotto in oltre un decennio. Ad oggi, Thomas Park Clement e 325Kamra hanno distribuito oltre 4.700 kit di DNA agli adottati coreani, principalmente negli Stati Uniti, in Europa e in Corea.

3 NOV 15 L'articolo di Herold coreano afferma: “Secondo la legge, si può accedere ai propri atti di nascita senza il permesso dei genitori naturali solo se il genitore naturale è morto o non può essere trovato, o l'adottato ha una condizione medica o altro motivo per così."

Personalmente penso che il governo coreano debba essere ricordato dei propri obblighi. Dovremmo usare le stesse tattiche che sono state usate dal governo coreano contro i giapponesi. Dovremmo erigere statue di ogni donna di conforto per ricordare loro che anche un altro gruppo di individui viene trascurato.

Consiglio di erigere una statua di una ragazza più giovane accovacciata a terra nel suo hanbok che piange. La ragazza piange perché è stata allontanata con la forza dalla sua terra d'origine ed esportata in un paese straniero tramite adozione internazionale. È una ragazza perché una percentuale maggiore di adottati inviati dalla Corea sono femmine.

Se non ci pronunciamo, il governo coreano continuerà a ridurre il sostegno promesso agli adottati. Ad oggi, il governo coreano ha già tagliato le spese operative che hanno finanziato i programmi adottati – programmi come il programma di scambio di viaggi che ha facilitato il tornare in patria per gli adottati. Ciò che è necessario correggere sono anche le lacune nel sistema legale coreano. Ad esempio, la legge sulle adozioni del 2012 dà agli adottati il diritto di richiedere i propri atti di nascita, ma la stessa richiesta non può essere concessa ai genitori biologici che desiderano effettuare la ricerca.

La Corea può essere un faro per altri paesi coinvolti nell'adozione internazionale, ma c'è ancora molto lavoro da compiere. Richiederà agli adottati di parlare e presentare una petizione al governo coreano per apportare cambiamenti reali. Prego che possiamo farlo prima che tutti i nostri genitori muoiano.

Letture di approfondimento (articoli citati):

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4475346/
https://www.theatlantic.com/health/archive/2015/10/the-adoption-paradox/409495/
http://crimemagazine.com/adoptees-who-kill-examining-psychological-societal-and-criminal-justice-ramifications-adopted-child
https://www.medscape.com/viewarticle/810625
https://www.economist.com/united-states/2017/06/24/adoptions-in-america-are-declining
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4009388/
http://koreajoongangdaily.joins.com/news/article/article.aspx?aid=3042845
Sii tenace: come recuperare la tua identità
http://www.koreaherald.com/view.php?ud=20151103001182

 

 

Cosa perdono gli adottati nell'adozione internazionale

Di solito vado in punta di piedi intorno all'adozione e non dico mai il UN parola perché le persone semplicemente non rispondono bene a "rabbia dell'adottato“. Ma durante il mese di novembre, ritengo opportuno esprimere i miei sentimenti su ciò per cui ho rabbia, nell'adozione internazionale.

Odio che le nostre identità originali vengano ignorate e vengano cancellate come se non avessero importanza! Non ho mai visto i miei documenti di identità perché si sono "persi" durante il trasporto e nessuno nel governo del mio paese adottivo, né la mia famiglia adottiva, hanno pensato di andare in capo al mondo per localizzarli. Forse pensavano che non sarebbe stato importante perché mi è stata data una "nuova" vita e una famiglia - ed è tutto ciò di cui avrei mai avuto bisogno?!

Odio che perdiamo la nostra cultura di nascita, la lingua, la religione, il patrimonio, i costumi, i parenti, la comunità e il paese. Odio che questi importanti aspetti della nostra identità vengano ignorati e negati. Come se non importassero perché si presume che ciò che ho guadagnato materialmente dal mio paese adottivo compensi tutte le perdite?!

Odio dover sopportare il razzismo e l'isolamento nella mia comunità mentre crescevo da bambino. La vergogna di sembrare non bianco, l'odio interiore che ho sviluppato di conseguenza perché non mi vedevo rispecchiato da nessuna parte. La frase della mia famiglia adottiva, "Ti amiamo come uno di noi” ha mostrato quanto poco comprendessero gli impatti dell'adozione internazionale. Non riuscivano a riconoscere che il mio viaggio era diverso dal loro né capivano il profondo impatto che questo avrebbe avuto su di me.

Odio che le persone diano per scontato che tutte le case adottive siano fantastiche e quando veniamo collocati in case adottive non molto positive, nessuno ci controlla, nessuno ci difende, spesso la nostra storia non viene creduta e/o invalidata, e nessuno ci dà un posto sicuro in cui essere nutriti, rispettati o curati. Da bambino mi sentivo così vulnerabile e solo. È stata una terribile sensazione travolgente che mi ha lasciato per anni in reazioni di lotta o fuga, con cicatrici da indossare per il resto della mia vita.

Odio che viviamo in un'epoca in cui le scuse del governo sembrano essere l'ultimo accessorio di moda, ma tuttavia per coloro adottati con mezzi illegali o discutibili, noi adottati all'estero non arriveremo mai alla chiusura. Una vera scusa significherebbe in primo luogo riconoscere il torto, poi un impegno permanente a fare ammenda, inclusa la fornitura di un compenso finanziario per riflettere il dolore che portiamo per sempre, insieme ai supporti necessari per aiutarci a ripristinare il nostro benessere mentale; e infine apportare le modifiche necessarie per non ripetere mai più gli stessi errori.

Odio che alcuni dei miei amici adottati negli Stati Uniti stiano vivendo una vita sventrata perché sono stati deportati nel loro paese di nascita come beni comuni, spediti dentro e fuori con facilità, trattati come se non avessero alcun valore reale e certamente senza scelta. Nella maggior parte dei casi, sono stati collocati in case adottive molto dannose e le loro vite sono andate fuori controllo. L'adozione non dovrebbe riguardare? "permanenza“?! Questa settimana nei titoli delle notizie, an adottato internazionale in Australia deve essere rimpatriato nelle Isole Cook. È immorale e non etico adottare un bambino da un paese all'altro quando è opportuno, senza alcuna scelta propria, e poi essere rimandato nel paese di nascita perché non riescono a essere all'altezza di essere una storia di successo di adozione!

Odio che migliaia di miei amici adottati all'estero negli Stati Uniti vivano ogni giorno nella paura perché non hanno ancora ricevuto la cittadinanza automatica. Spesso non hanno sicurezza sociale e non possono lasciare il paese per paura di essere prelevati dai funzionari dell'immigrazione. L'adozione non è destinata a fornire un? famiglia per sempre... e permanenza in una casa e in un paese?!

Sento questa rabbia oggi perché è novembre e in tutto il mondo, molti usano questo mese per celebrare adozione e promuovere la sensibilizzazione. Per me, non celebro questi aspetti dell'adozione, mi fanno giustamente arrabbiare e ancora di più, quando vedo la mia esperienza replicata nella vita di molti in tutto il mondo.

In ICAV, crediamo nella promozione della consapevolezza degli impatti dell'adozione internazionale TUTTO l'anno, non solo a novembre.

Spero che dopo aver letto questo, sarete tutti giustamente arrabbiati per le cose degli adottati internazionali PERDERE a causa della nostra adozione.

Il mio obiettivo è incoraggiare gli adottati a trasformare quella giusta rabbia in un'energia appropriata:

  • educare la comunità più ampia e migliorare una comprensione più profonda delle complessità coinvolte nell'adozione internazionale;
  • spingere per i tanto necessari cambiamenti sociali, politici, legali ed economici che causano la disuguaglianza e lasciano molte delle nostre famiglie con poca scelta;
  • per aiutare a prevenire le adozioni ove necessario, sostenendo iniziative di ricongiungimento familiare e sostenendo questo nei nostri paesi di nascita;
  • e se l'adozione deve essere l'ultima risorsa, per contribuire a migliorare il modo in cui conduciamo l'adozione internazionale, ad esempio cambiandola dal nostro plenaria sistema a semplice adozioni; e sostenere Tutti membri della triade durante il viaggio di tutta la vita.

Riconosco anche che ci sono molte altre emozioni e pensieri meno spaventosi di cui possiamo parlare nell'adozione internazionale, ma all'ICAV mi piace sensibilizzare su questioni che normalmente non vengono trasmesse.

Ci sono molti che parlano dei lati positivi dell'adozione… ma non molti che condividono apertamente gli aspetti meno positivi. Parlando, miro a bilanciare le discussioni sull'adozione internazionale e transrazziale.

I diritti del bambino

I diritti del bambino
Le verità non dette
Le parole che si dicono
Sono tutti nella sua testa

Ma perché sono diverso?
Si sente piangere
Ma a sei anni
Non riesce a capire perché

Perché i suoi occhi non sono blu?
Come sua madre o suo padre
Perché le loro mani sono così leggere?
E lei è più buia della notte

lei si tiene stretta
Quindi non si spaventa
Del "bianco" che ha nell'occhio della mente
Il riflesso che combatte

Oh come vorrebbe
Che lei era la stessa
E la frase "Sei così fortunato"
Era solo un gioco

I diritti del bambino
Così persa in se stessa
Guarda il sorriso di sua madre
E continua a comporre

nella lotta
La lotta da vedere
Essere ascoltato,
Per deliziare la notte

Invece di
Ok si!
È un oh, NO!
Si è arresa
E non vale la pena combattere

Perché ero troppo scuro
Per poter restare
Tra le braccia di mia madre
Ed è stato regalato

Adozione che vedi
È così molto crudele
Ti perseguita costantemente
E non gioca secondo la regola

Il bambino che guarda
Al bel sorriso di sua madre
E poi al naso ebreo di suo padre
Poi sente il suo ed è tutto bloccato e chiuso

Ma perché ha chiesto?
Perché non abbino?
Neanche vicino
Non nelle dita delle mani o dei piedi

Eppure le autorità hanno scelto
Il mio destino il mio percorso
La mia vita
E tutto il mio cuore

All'età di sei anni quel giorno ho chiesto
E le risposte
Ha fatto diventare il mio cuore tutto buio
E freddo con tristezza

Le risposte mi hanno dato notizie
Che non ero abbastanza per restare
Ma abbastanza fortunato da
essere dato via

La mia pelle color caffè
Semplicemente non si adattava

Eppure ogni giorno sorriderò
dietro i denti stretti
Sorridi a un mondo
è semplicemente una prova
Di perdita di speranza, rifiuto e negazione

Negazione dell'esistenza del mio valore
e persistenza

continuerò a cercare
Per una ragione
Per non arrendersi
E scegli di amare, ridere e continuare a respirare

Mio bellissimo figlio
Tutta bionda e occhi azzurri
Mi ha fatto la mia domanda
Mamma perché sei diversa?

E ho dovuto ascoltare
Al mio cuore spezzarsi nel tempo
Mentre la mia storia si svolge
E cerco di spiegare

Perché i miei genitori sono bianchi?
Ancora e ancora
E le due mamme che ho adesso
Invece di uno solo
Ho due nonne delle tue due mamme?

Oh fanculo la confusione
Per quando avrai sei anni
Tutto è così reale
Ai diritti del bambino
È un grosso problema

E ora sto in piedi
a 43
Ancora deluso
Al mio albero genealogico

Dove lo metto
Cosa faccio
Con la conoscenza
proprio non lo farei

Quindi dico
Abbasso l'adozione
E avanti con il supporto
I diritti del bambino
Per favore non abortire

Le tue idee che una madre
Può essere supportato
Per stare in piedi con il suo bambino
Quindi vengono trasportati

Lontano da una vita piena
Di confusione e dolore
Una vita di "avrebbero potuto essere" ombre
E pioggia costante

Vorrei non riuscire a vedere la differenza tra
Mia madre e mio padre
E perché oh perché?
Semplicemente non mi adattavo

I diritti del bambino
non negherò mai
Il bisogno di essere ascoltati
Visto e osservato

Nella tua ricerca di informazioni
Se ora potessi vedere
Quel giovane di sei anni
Tienila stretta in modo che veda

È amata così com'è
Nonostante si sia perso
È amata così com'è
E il suo cuore potrebbe scongelarsi

Dal dolore che ha avuto
Per la passeggiata a venire
Per trovare il suo posto
Dove si può cantare la sua canzone

Per quelli che ora mi conoscono
Stai vicino al mio cuore
So di essere sgargiante e fiammeggiante
E privato e duro

Con la mia lingua
Che può farti a pezzi
Con la mia rabbia e il mio dolore
Per favore non guizzare

Dai diritti del bambino
non negherò mai
La verità prima di tutto
Verrà in superficie e piangerà

I diritti del bambino
E a tutti i vostri cuori
Vi amo tutti teneramente
Ma sono io da dove devo iniziare

Scritto da CVerite il 12 luglio 2018
un adottato transrazziale con sede nel Regno Unito

Caro Straniero

Una lettera che ho scritto al mio padre adottivo

L'ultima volta che ho chiamato a casa, mio padre adottivo mi ha chiesto di venire a trovarmi. Ho parlato con mia sorella biologica che è cresciuta con me e mi ha detto che l'ultima volta che è stata a casa, il nostro padre adottivo si è scusato con lei. Immagino che farà lo stesso quando tornerò a casa. A differenza di mia sorella, non posso accettare le sue scuse vuote e permettergli di vivere la sua vita come se nulla fosse accaduto. Voglio affrontare i maggiori torti che mi ha fatto, cose che ho sempre voluto sollevare ma che non ho mai avuto il coraggio di fare, fino ad ora.

Caro Straniero

Potresti essere ferito o turbato dal fatto che ti ho chiamato "straniero". Non è fatto intenzionalmente per evocare rabbia, risentimento o animosità. Tuttavia, uso questo termine di proposito. Per me sei un estraneo. Abbiamo avuto contatti minimi durante i 30 anni in cui sono stato da solo. Mi rifiuto di chiamarti padre perché sono un padre e conosco le gioie e i dolori dell'essere padre. Non ti meriti quel titolo. Non hai fatto nulla per costruire questa relazione e io non so nulla della tua vita. Come padre, ho messo al primo posto i bisogni dei miei figli, ho dato loro ogni opportunità di crescere e prosperare e li ho amati incondizionatamente. Sono loro padre e tutti quelli che conoscono i miei figli conoscono anche me.

La tua richiesta di espiazione?
Immagino che chiederai perdono. So che vuoi l'espiazione in cambio di un semplice "Mi dispiace". Come può una sola frase essere una riparazione per i torti che hai commesso, nel corso di molti anni? Non posso darti questo. C'è un detto che si può perdonare ma non dimenticare mai. Così è come mi sento. Quando scrivo di te e di quello che hai fatto – questo non è scagliarsi contro di te, non è fatto per screditarti, non è stato fatto per metterti in imbarazzo … è semplicemente la mia terapia su come vivere il trauma e il dolore che hai instillato in me come un bambino vulnerabile. Questo è ricordare solo una minima parte delle cose che hai fatto a me e mia sorella.

sei tossico ed ecco i motivi per cui so che sei tossico:

  1. Non sei riuscito a fornirmi affermazione e sicurezza
    Nella tua mente quello che hai fatto è stato un amore duro. Ho vissuto tutta la mia vita pensando di essere un fallito, non degno. Questo fallimento e rifiuto percepiti derivano dal tuo rifiuto tossico di fornirmi la giusta dose di sicurezza e affermazione durante i miei anni formativi. Mi sono picchiato abbastanza e non ho più bisogno di conferme da parte tua. So di essere un buon essere umano. So di essere abbastanza intelligente. La lunga lista di successi nella mia vita mi dà questa affermazione – non tu.
  2. Sei stato eccessivamente critico
    Hai disapprovato tutto quello che ho fatto. Non l'ho fatto bene, abbastanza velocemente, o l'ho fatto in modo errato. Hai criticato tutto. Credevi che dovessi imparare a fare le cose correttamente, ma questo mi ha reso un duro critico interiore, al punto che è diventato paralizzante. Mi ci è voluto molto tempo per smettere di essere eccessivamente critico con me stesso. Ricordi la volta che mi hai spinto la faccia in un mucchio di purè di patate perché non riuscivo a pronunciare la parola sugo? Perché è stato difficile per te capire che imparare una nuova lingua da bambino di quattro anni e mezzo era difficile? È stato più frustrante per me che per te.
  3. Mi hai sempre preso in giro
    Mi hai sempre chiamato "stupido" e "fiocco". Hai costantemente scherzato su di me e hai affermato che le mie azioni mi avrebbero condotto a una vita criminale. Non so perché un genitore dovrebbe dire cose così dannose. Non è mai stato divertente per me. Le tue parole sono state offensive.
  4. Hai costantemente giustificato le tue azioni e hai cercato di capire che ero io il problema
    Hai distorto il comportamento normale per renderlo sbagliato, per adattarlo ai tuoi pensieri e alle tue convinzioni. Ricordo tutte le volte che mi hai fatto leggere le scritture bibliche e mi hai dato lezioni sul perché le mie azioni erano sbagliate. Ero un ragazzo dannatamente bravo e non avevo ossa cattive o cattive nel mio corpo. Eppure, ai tuoi occhi, fare uno spuntino era rubare. Guardare la TV era malvagio. Ascoltare musica era malvagio. Come hai fatto ad avere una logica così contorta per due bambini piccoli affidati alle tue cure? Pensavi anche che fosse normale che altri bambini facessero le stesse cose che tu hai negato a noi.
  5. Non mi hai mai permesso di esprimere emozioni
    Se ho espresso un'opinione diversa, l'hai chiamata "rimpiazzamento" e spesso hai misurato una qualche forma di punizione. Non hai mai considerato i miei sentimenti o il modo in cui percepivo il mondo o la situazione. Ancora più dolorosi erano gli schiaffi che dovevo sopportare da tua moglie ogni volta che percepiva che stavo rispondendo. Ho dovuto sopprimere le cose che volevo condividere con te come mio genitore. Il bullismo che ho sopportato durante tutto il liceo e il razzismo che ho sentito dalla comunità in cui ho vissuto. Ho soppresso queste cose perché non volevi affrontare questi problemi. Quando si verificava il razzismo, il tuo consiglio era di "ignorarlo!"
  6. Hai usato il senso di colpa per manipolare
     Ricordo la lettera che hai condiviso con me che è stata scritta da Philip. Diceva che ero un bambino indisciplinato perché non mi sedevo fermo e ascoltavo le sue istruzioni. È incredibile per me che tu abbia preferito ricevere istruzioni da un uomo che non ha mai avuto figli suoi. Hai usato quella lettera per giustificare quello che hai fatto e hai usato manipolazioni come quella lettera per farmi sentire vergogna, colpevole e inutile. Hai usato le parole e la tua religione per farmi sentire in colpa per essere un bambino.
  7. Hai anteposto i tuoi bisogni e desideri ai miei
    Le tue priorità riguardavano sempre le attività che gestivi. Volevo fare sport, ma non mi era permesso partecipare. I boy scout e molte altre cose a cui volevo partecipare erano sempre accantonate. Ero visto solo come lavoro da schiavo e non mi era mai permesso di perseguire cose che mi interessavano.
  8. Non hai mai stabilito confini sani
    Non avevo spazi sicuri per essere la mia persona. La mia stanza era aperta per l'ispezione in qualsiasi momento. Le "trappole" che sono state tese per sorprendermi a fare qualcosa di "sbagliato" che qualsiasi altro genitore avrebbe ritenuto normale erano il tuo modo di dimostrare che ero un bambino cattivo. Le tattiche utilizzate erano le stesse tattiche usate dai nazisti per intrappolare e catturare gli ebrei durante la seconda guerra mondiale. Sentivi che ogni aspetto della mia vita era aperto al ridicolo e che non avevo un posto sicuro in cui prosperare. Ho sempre avuto paura da bambino. Ho vissuto nel timore di rappresaglie e non ho mai avuto alcuna privacy. Non sono mai stati fissati confini sani.
  9. Ci hai reso responsabili della tua stessa felicità
    Tua moglie mi ha costretto a pulire i bagni. Sono stato costretto a pulire la tua sporcizia. Mi è stato chiesto di massaggiare i piedi, la schiena e le spalle di tua moglie a sua completa disposizione. Mi è stato detto che le mie azioni erano le ragioni per cui eri infelice e infelice, perché non riuscivo a fare niente. Da bambino, non è mai stata mia responsabilità rendere felici te o tua moglie.
  10. Eri un maniaco del controllo
    Sono stato punito per aver giocato con altri bambini in palestra mentre tu giocavi a basket. Sono stato sgridato. Mi è stato detto di stare fermo e guardare la partita. Non mi era permesso avere un'opinione. Mi è stato detto: "I bambini dovevano essere visti e non ascoltati". Quando volevo una bibita, mi costringevi a bere latte ad ogni pasto. La maggior parte degli asiatici è intollerante al lattosio, ma a te non importava. Ci hai costretto a bere litri e litri di latte.
  11. Mi hai derubato della mia infanzia
    Quando mai mi è stato permesso di avere amici a casa? Quando mi è stato permesso di stare a casa dei miei amici? Dove erano i viaggi a Disneyland oi posti dove i bambini vogliono andare? Mi hai detto di crescere ed essere un adulto quando ero solo un bambino. Al mio dodicesimo compleanno, mi hai detto che "non ero più in grado di mangiare fuori dal menu dei bambini" e che dovevo iniziare a comportarmi come un adulto. Tutta la mia infanzia è stata piena di ricordi di alzarsi presto la mattina e andare al lavoro. Ballando il fieno sotto il caldo sole estivo fino allo sfinimento. Essere coperti dalla testa ai piedi di polvere sporca e lasciati fare la doccia solo una volta alla settimana. Dov'era l'infanzia spensierata e senza preoccupazioni? non ne avevo.
  12. Non sei mai stato il mio avvocato
    Un avvocato è una persona che sostiene o raccomanda pubblicamente una particolare causa o politica. Quello che ricordo è che mi hai minacciato. Hai affermato di avere una buona reputazione nella comunità e nessuno crederebbe a una persona come me. Hai detto queste cose quando ho minacciato di esporre le cose crudeli che hai fatto a me e a mia sorella. Quando volevo andare al college, in effetti mi hai detto di trovare un modo per farlo da solo. Non avevi alcun interesse a rendermi una persona migliore. Non sei mai stato presente a nessun traguardo o data importante della mia vita adulta. Non sei mai stato presente al mio matrimonio, alla nascita dei miei figli, alla laurea, al giuramento da ufficiale e alle dozzine di altre importanti pietre miliari della mia vita. Posso contare da una parte il numero di volte che mi hai chiamato nei trent'anni di età adulta. Il vero motivo per cui non hai mai chiamato è che non te ne importava.
  13. Ti mancava l'empatia
    La parola empatia significa che una persona ha la capacità di comprendere e condividere i sentimenti di un'altra. Quando il bullo mi ha scritto in faccia con un pennarello indelebile, cosa hai fatto per assicurarti che non fossi vittima di bullismo? Sono stato vittima di bullismo a causa della mia razza. Sono stato vittima di bullismo per tutto il liceo. Mi sedevo da solo ad ogni pasto nella sala da pranzo. Hai sempre pensato che fossi io il colpevole, che in qualche modo ho commesso un reato. In effetti, hai detto ad altri che sospettavi fossi drogato. Con quali soldi ho comprato la droga? Come avrei potuto procurarmi la droga quando ero isolato a scuola? Sei sempre stato pronto ad assumere il peggio di me. Se ci odiavi così tanto, perché hai adottato?

Riconosci che il tuo comportamento è stato emotivamente offensivo
Puoi riconoscere che hai urlato, chiamato per nome e sminuito? Questo di per sé non è un abuso emotivo. Il tuo tentativo di controllarmi usando l'emozione è comunque la definizione di abuso emotivo. La tua convinzione di saperlo meglio, le tue minacce, insulti, vergogna e critiche hanno danneggiato il mio spirito. Hai anche parlato di me ad altri familiari e vicini in modo negativo per distruggere la mia credibilità e isolarmi dall'essere in grado di raccontare la mia versione della storia. Questo è abuso. Hai permesso a tua moglie di fare continuamente giochi mentali con me e mia sorella: controllare se guardavamo la tv, aggiustare il contenitore del gelato per vedere se ne mangiavamo, la mancanza di privacy, il mettere i fratelli uno contro l'altro un altro. Questo era un abuso emotivo.

Riconosci che le tue azioni sono state fisicamente abusive
Mi hai fatto intenzionalmente avere paura di te. Sentivo che dovevo evitare certi argomenti e stavo camminando sulle uova a causa della tua rabbia. Credevi di avere l'autorità per essere offensivo. Nonostante il tuo esempio di gentilezza, gentilezza e comprensione simile a Cristo, hai scelto di mantenere la mentalità di "risparmiare la verga e viziare il bambino". In effetti, hai fatto riferimento a questo numerose volte quando hai esercitato punizioni corporali su di me e mia sorella. Spesso ci negavi il cibo quando eravamo “cattivi”. Hai usato tecniche di contenimento fisico per pizzicarci e afferrarci per il collo. Il tuo telaio prepotente che è di 6 piedi e quattro pollici era intimidatorio da solo, ma hai sentito il bisogno di usare la forza fisica su di noi frustando, sculacciando usando cinture e cinghie di rasoio. Ci hai incolpato per il tuo comportamento violento. Siamo stati puniti per ogni infrazione minore. Ho sofferto di ipoglicemia e uno dei sintomi è la fame estrema. Non capivo cosa stesse attraversando il mio corpo, ma quando ho mangiato un biscotto per aumentare la glicemia, l'hai considerato un furto. Più tardi, avrei mangiato interi pacchetti di biscotti e avrei gettato l'involucro nel bosco per evitare il ridicolo di essere un "ladro e peccatore" ai tuoi occhi. Infine, il pestaggio che mi hai dato davanti al tester del latte non era giustificato. Era imbarazzante. La tua violenza non è MAI stata giustificata.

Riconosci che mi hai trascurato (noi)
So che credi di volermi bene al meglio delle tue capacità, ma per me questo è il più lontano dalla verità. Hai rifiutato le cure mediche per me e mi hai fatto soffrire in numerose occasioni. Quando ho avuto l'appendicite, hai inventato una storia secondo cui avevo mal di stomaco per aver mangiato le mele dall'albero. Mangiare frutta da un albero in genere non induce vomito e forti dolori addominali, in cui una persona deve essere curva quando tenta di camminare. Hai ignorato la mia salute e mi ha portato a rimanere in ospedale per una settimana con antibiotici per via endovenosa. Quando ho preso la tigna, hai permesso al fungo di diffondersi tra le mie braccia, busto e glutei. È stato "trattato" da mia nonna spalmando un detergente forte sulla mia pelle. La tigna e il detergente hanno lasciato cicatrici sulla mia pelle. Inoltre, ti sei rifiutato di fornirmi vestiti e guanti sufficienti. Ho dovuto lavorare all'aperto a temperature sotto lo zero del Minnesota senza guanti e abbigliamento adeguato. Ho profonde fessure alle mani e le scarpe strette mi hanno causato dolore ai piedi. Quando il piede di un ragazzo fuoriesce dai fori indossati sulle dita dei piedi non è causato dalla negligenza del bambino! Succede perché il bambino ha superato le sue scarpe ed è negligenza da parte tua come genitore. Un bambino non dovrebbe dover chiedere l'elemosina per ricevere guanti per lavorare all'aperto né sopportare ferite sulla pelle perché non sono stati forniti guanti.

Riconoscere di aver rifiutato un bambino per la crescita personale e la realizzazione di sé
Non mi hai mai incoraggiato né circondato di positività. Non mi hai permesso di perseguire cose che mi interessavano. La musica che ascoltavo era "musica del diavolo". Non credo che molte persone chiamerebbero Madonna, The Commodores e Tiffany come "musica del diavolo". Gewirth osserva che “cercare una buona vita umana è cercare l'autorealizzazione”. Puoi onestamente dire che hai fornito una buona vita o infanzia a me e alla mia sorella biologica?

Riconosci che non c'è stata reciprocità
Quando i tuoi genitori avevano bisogno di cose, mandavo i soldi a casa. Ho fatto lo stesso per la madre di tua moglie. Mi hai mai chiesto se avevo bisogno di qualcosa? Quando sei stato ricoverato, sono volato a casa per assicurarmi che stessi bene. Non sei mai volato a casa per stare con me quando ho subito numerosi interventi chirurgici nella mia vita. Quando le persone importanti della tua vita passavano, ho fatto ogni sforzo per volare a casa per mostrare supporto. Ti sei perso tutti i punti importanti della mia vita. Soprattutto non hai mai ricambiato l'amore che ti ho dato da bambino. Ho lavorato duramente per condividere la mia vita. Ho viaggiato per vederti. Ho inviato numerose lettere e telefonate. Non hai. Ci siamo allontanati nel corso degli anni e non ti conosco affatto. Siamo diventati dei perfetti sconosciuti.

Riconosci che hai mentito
Le persone violente non si fermeranno davanti a nulla per assicurarsi di essere viste come la persona "bella". Lo fanno in modo da non dover ammettere le cose cattive che hanno fatto. Da bambino, ho visto la tua disponibilità ad aiutare gli altri. Eri disposto a toglierti la maglietta per aiutare chiunque. Mi stupisce che tu non abbia avuto lo stesso riguardo per me. Ora capisco perché. Hai mentito su di me. Mi hai dipinto come un mostro. Hai dato mezze verità su quello che hai fatto e le ragioni per cui hai fatto queste cose orribili. Ti sei convinto a credere alle tue bugie. Perché una persona dovrebbe dire cose del genere se ama qualcuno? È perché dovevi nascondere questa bugia agli altri.

Riconosci che il tuo fervore religioso è stato distruttivo
“La maggior parte delle principali religioni del nostro mondo presumono ciascuna che sia solo la loro fede la “verità assoluta” e rifiutano di ammettere che quelle tradizioni possano essere errate. Invece, scoprono modi per forzare le informazioni contrastanti ad adattarsi alla loro stessa dottrina”.
Tu, come molti altri aderenti religiosi, non hai problemi a capire l'irrazionalità delle altre religioni, eppure non sei stato in grado di applicare la stessa logica quando sei arrivato alla tua fede. La tua venerata Bibbia ha centinaia di versi in cui istruisce letteralmente le persone a uccidere bambini disobbedienti, uccidere donne disobbedienti, commettere genocidi, sottomettere e mettere a tacere le donne e ridurre in schiavitù le persone. Se uno commettesse uno dei reati oggi, verrebbe commesso, incarcerato e ritenuto malvagio. Hai usato questi messaggi per intrometterti, torturare e ferire me e mia sorella. Hai usato le tue scritture per soggiogare, giustificare la disuguaglianza e per controllare. Non posso credere in una fede così malvagia. Hai vissuto questo male invece dell'amore e dell'accettazione menzionati anche nelle stesse scritture.

È troppo tardi per scusarsi
Hai avuto una vita intera per offrirmi un ramoscello d'ulivo. Hai avuto la possibilità di visitare me e la mia famiglia. Hai avuto la tua occasione per chiamarmi. Non hai fatto nessuno sforzo per far parte della mia vita. È stato detto che “la nostra vita è la somma di tutte le decisioni che prendiamo ogni giorno, e quelle decisioni sono determinate dalle nostre priorità”. Detto questo, non sono mai stata una priorità per te. Da bambino ero ferito dalla tua mancanza di empatia. Da giovane adulto sono rimasto ferito dalla tua mancanza di interazione. Non mi aspettavo che mi facessi la tua priorità, speravo, tuttavia, che tu fossi lì quando avevo bisogno di te. Non è stato così e ho imparato che non ho bisogno di una persona che mi è stata estranea per tutta la vita. Il meglio che possiamo essere è... a parte.

A proposito di Jayme

Un'immagine vale 1000 parole

Il fardello di una madre di Jonas Haid

A volte incontro adulti adottati all'estero che hanno un talento straordinario nel catturare l'esperienza dell'adozione internazionale in un mezzo più potente delle parole.

mi piacerebbe che ti incontrassi Jonas Haid, un adottato sudcoreano cresciuto in Germania. Ecco il suo viaggio di vita insieme all'opera d'arte che crea che dice molto più delle parole! Insieme alla sua esperienza personale e alla sua arte, fornisce una potente testimonianza dell'impatto che la rinuncia e l'adozione hanno sulle nostre vite.

Grazie Jonas per essere disposto a condividere con noi!

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%