Advocacy dell'adozione internazionale greca

Logo dell'organizzazione, The Eftychia Project for Greek Intercountry Adoptees

Essendo una delle prime coorti di adottati internazionali, la comunità greca di adottati internazionali è rappresentata dallo straordinario lavoro che Linda Carrol Forrest Trottatore fa sotto la sua organizzazione Il progetto Eftychia. Sono stato in contatto con Linda negli ultimi 5 anni e amo quello che ha fatto in advocacy per portare la sua comunità all'attenzione del governo greco. È meraviglioso quando gli adottati si difendono da soli!

Questo è stato uno degli incontri che Linda ha avuto con il governo greco alla fine dell'anno scorso. Ci scusiamo per aver postato così tardi, ma è utile per altri gruppi e leader adottati vedere cosa stanno facendo alcuni leader adottati in tutto il mondo per difendere la loro comunità.

Ecco quello di Linda lettera formale che ha fornito al governo greco durante la sua riunione. Grazie per aver condiviso Linda!

Ottimo lavoro e speriamo che il governo greco si faccia avanti e fornisca supporti, servizi e diritti tanto necessari alla comunità greca di adozione, come richiesto nella lettera di Linda. Questi diritti e richieste devono essere riconosciuti come elementi essenziali di base da cui essere forniti ogni paese da cui veniamo adottati.

Per ulteriori informazioni Advocacy dell'adozione, vedi l'elenco completo di blog di ICAV su alcuni dei lavori che abbiamo svolto in tutto il mondo.

Le complessità dell'adozione

di 백현숙 (Baek Hyun Sook) adottato dalla Corea del Sud al Belgio.

Io e i miei fratelli

11 gennaio 1984

Eravamo lì, 38 anni fa! 3 piccoli coreani con uno zaino – dove è stata lanciata la prima pietra, senza ancora rendersi conto che lo zaino sarebbe stato pieno di molte domande, insicurezze e un pasticcio di sentimenti!

Ogni anno di nuovo, intorno al periodo dell'11 gennaio, sono sopraffatta da molte emozioni.

Sto cercando di sentire cosa provavano le mie sorelle allora, come si sentivano gli altri compagni di lutto. A 1 anno non ricordo nulla di tutto questo. Ma posso immaginare quanto questo debba essere stato terrificante e traumatico per gli altri adottati che erano più grandi.

Ma troppo spesso l'adozione è considerata una cosa bella, una felicità, nuove opportunità. E troppo spesso si dimentica cosa questo significhi per gli stessi adottati. Per me, questa è diventata una lunga e difficile ricerca del perché? Chi sono? E ha gravemente danneggiato la mia autostima e fiducia. Posso dire che questo ha avuto un impatto su tutta la mia vita.

Trovare i miei genitori coreani 5 anni fa non ha cambiato nulla. Imparare che i miei genitori non sapevano nulla della nostra adozione e dell'impatto che ha su di loro per il resto della loro vita, mi dà una sensazione ancora più irrequieta. Non solo in termini di storia dell'adozione, ma anche in termini di molti miei coetanei che stanno ancora cercando. La consapevolezza che molti dei miei compagni adottati avevano una storia simile. Rendendoci conto che spesso abbiamo un inizio non così kosher verso l'adozione. Tuttavia, sono anche felice e grata di aver avuto l'opportunità di crescere con le mie 2 sorelle che sono il mio sostegno!

Un'immagine trasmette mille emozioni

di Sara Jones/Yoon Hyun Kyung, adottato dalla Corea del Sud negli Stati Uniti.

Non ho foto di me stesso prima dei 3 anni. Ho alcune foto dopo quell'età scattate all'orfanotrofio. I membri dello staff hanno scattato foto dei bambini da inviare a sponsor o potenziali genitori adottivi. In una delle foto indosso un hanbok coreano ma non sorrido in nessuna delle foto dell'orfanotrofio.

Una delle foto del mio orfanotrofio

Qualche mese fa mi sono imbattuta in una foto (non mia) che mi ha fatto letteralmente sentire come se fossi tornato indietro nel tempo. La foto è stata scattata nel 1954 in un pozzo. Il pozzo ha pareti alte in cemento e un sistema di carrucole. Fusti di metallo arrugginito si trovano nelle vicinanze. Due ragazzini stanno attingendo acqua mentre una bambina è in piedi vicino a loro. La foto del 1954 mi ha aiutato a visualizzare come sarebbe stata la mia vita a Jeonju, in Corea del Sud. 

Ecco cosa vedo quando ho guardato quella foto del 1954: vedo un fratello maggiore, di circa 8 anni, un fratello minore di quasi 6 anni, e la loro sorellina di 2 anni. Sono poveri, ma in realtà non sanno niente di diverso. Vivono con la nonna e il padre in un villaggio rurale della Corea del Sud. Il loro padre è il maggiore di molti figli e alcune delle loro zie e zii sono ancora piuttosto giovani. Stanno tutti lottando per la crisi economica che si è verificata nel loro paese. Il loro padre ha lavorato nel lavoro manuale ed è stato ferito. Così i ragazzi aiutano il padre e vegliano sulla sorellina. La sorellina è abituata a stare vicino ai suoi fratelli. A volte i bambini vanno all'asilo ei ragazzi rubano alla sorellina degli snack extra di mais. I suoi fratelli sono i suoi protettori.

I bambini non sanno che il padre sta prendendo una decisione straziante. Il padre non può più provvedere a loro e pensa che la sua unica scelta sia mandarli al centro di assistenza per i bambini. La bambina non ha idea che sarà separata da suo padre e nemmeno dai suoi fratelli. I bambini inoltre non sanno che presto il padre li porterà a un pozzo e farà loro un tatuaggio sul braccio, usando ago, inchiostro e filo. È preoccupato che non vedrà mai più i suoi figli. Nella foto del 1954, i bambini sono solo fratelli, inviati al pozzo per l'acqua del giorno.

I bambini potrebbero essersi chiesti perché il padre li stesse portando al pozzo il giorno in cui ha fatto loro i tatuaggi. Il figlio maggiore piange mentre suo padre gli fa il tatuaggio. Mentre il padre fa il tatuaggio al figlio maggiore, gli dice: "Tornerò per te". Prima che il padre dia alla sua piccola figlia il suo tatuaggio, l'abbracciò.

Sono passati 3 lunghi anni da quando ho incontrato la mia famiglia natale coreana. La distanza dagli Stati Uniti alla Corea del Sud sembra più lunga e più difficile con la pandemia. La barriera linguistica mi pesa costantemente. Come potrò mai comunicare con loro?  

Alcune cose non hanno bisogno di parole. Come questo momento 3 anni fa della mia famiglia coreana e io al pozzo di Jeonju, dove mio padre ci ha fatto i nostri tatuaggi. Guarda il video qui.

Per ascoltare di più sulla condivisione di Sara, guarda il suo discorso su Ted qui che ha oltre 2 milioni di visualizzazioni
Leggi l'altro post ICAV di Sara La favola dell'adozione

Adottato in Spagna

di Andrea Pelaez Castro adottato dalla Colombia alla Spagna. Andrea ha scritto a tesi di master che indaga sulle adozioni in Spagna con un focus su come prevenire la rottura/fallimento delle adozioni. Puoi seguire il suo blogspot Decostruzione dell'adozione.

ADOZIONE INTERNAZIONALE IN SPAGNA: DESTRUTTURA DI UN ANACRONISMO

Alcuni potrebbero pensare quanto sono fortunato perché non ho perso la mia lingua madre, né le mie sorelle biologiche e il fatto che ci siamo mischiati con i nostri genitori. In questi anni, molte persone hanno osato dirmi che dovremmo ringraziare chiunque sia responsabile di questo mondo che non eravamo per strada a drogarci o prostituirci. Sono stati i miei genitori a mettere quell'idea nel nostro cervello molle in primo luogo. Quelle parole hanno segnato tutta la mia infanzia, ma ho sempre sentito che qualcosa non andava. Non mi sentivo grato per tutte quelle cose che avrei dovuto essere. Al contrario, continuavo a chiedermi perché eravamo in un paese che non era il nostro, perché eravamo trattati in modo diverso dagli altri bambini e perché non potevamo reclamare nostra madre (cosa che abbiamo smesso di fare a causa della punizione che abbiamo ricevuto ). Questa lotta costante tra ciò che avrei dovuto provare e ciò che sentivo si è rivelato essere, è stato il periodo più lungo di odio e bassa autostima che abbia mai sperimentato. Non potevo sopportare la rabbia e la solitudine che accompagnano ciò che mi è stato detto: mia madre ci ha abbandonato perché non ci amava. Ripetuta parola dopo parola come un mantra, ho abbracciato quell'idea per sopravvivere ed essere accettata. Tuttavia, essendo consapevole della situazione che stavo vivendo, alla fine ho raggiunto la svolta quando ho lasciato il nido.

La mia vita stava per cambiare di nuovo grazie alla mia determinazione a conoscere la verità, per quanto spaventosa potesse essere. Nel 2015 ho vissuto un anno a Londra, la mia prima esperienza indipendente che mi ha permesso di pensare alle mie origini e a mia madre. Quando sono tornato in Spagna, il mio paese di adozione, ho deciso di iniziare il mio percorso insieme alla mia carriera professionale di avvocato. Per capire perché mi trattengo così tanti anni e perché i miei genitori non volevano parlare di adozione, ho iniziato i miei studi in diritto di famiglia e infanzia a Barcellona. Ho divorato ogni libro e articolo su adozione, regolazione emotiva, rinuncia, trauma, ADHD, disturbo dell'attaccamento e prime famiglie che mi sono capitate tra le mani. Sono diventata una spugna assorbendo ogni piccola conoscenza che potesse aiutarmi a comprendere questo scambio di bambini che avviene in tutto il mondo. Ho intitolato la mia tesi finale “Adozione in Spagna: valutazione e supporto per prevenire le interruzioni”. Infine, è emerso un pensiero critico sull'adozione per rispondere a tutte le mie domande relative ai miei genitori e al modo in cui sono stato educato.

Quando siamo arrivati a Madrid, in Spagna, dopo il lungo viaggio dalla Colombia, mi sono meravigliato della grande città, della nostra nuova casa e della gentilezza di quegli estranei. Quello che non avrei mai potuto immaginare era la solitudine e la mancanza di accettazione delle persone che avrebbero dovuto prendersi cura di noi. Quello che sto per dire non l'ho mai condiviso prima (a parte la mia famiglia prescelta). I nostri primi dieci anni con i nostri genitori si possono riassumere con una parola: isolamento. Conoscevamo solo dolore fisico ed emotivo, trattati come se fossimo selvaggi o da 'la guerrilla' (membri delle FARC), insulti che usavano chiamarci. Con continue minacce di essere di nuovo abbandonati e ricordandoci i loro rimpianti per l'adozione. L'intero edificio ha sentito i nostri pianti e le nostre urla. L'abbiamo detto ad alcuni adulti, ma tutti hanno guardato dall'altra parte. Questo abuso sui nostri corpi e le nostre menti ci ha lasciato senza speranza e si è sviluppato in un disturbo dell'attaccamento, paura del contatto fisico ma desiderio di qualsiasi tipo di segno d'amore.

Isolamento da George Papadimitriou

Potevamo solo capire cosa stava succedendo essendo giovani adulti. Abbiamo mirato al loro riconoscimento del trauma che hanno causato, cercando di capire perché non hanno cercato aiuto o aiuto psicologico. Tuttavia, ho fatto uno sforzo dopo aver finito e condiviso la mia tesi con loro in modo che potessero capire l'adozione internazionale e gli effetti del legame affettivo rotto in primo luogo. Ma ogni tentativo è stato vano. In quel momento percepii le cause della loro stessa angoscia e del loro dolore, come il lutto incompiuto dell'infertilità o l'assenza di cure e attaccamenti da parte delle proprie famiglie. Sono cresciuti in condizioni di violenza e privazione, quindi questo è l'unico tipo di amore che abbiamo conosciuto da loro. Tuttavia, pur consapevole di ciò, non accettavo del tutto la situazione attuale e mi ostinavo a sistemare la mia famiglia, anelando a un legame che non è mai esistito.

Mentre mi specializzavo in minori, diritto di famiglia e adozioni, ho iniziato a sbucciare il primo strato: la ricerca delle mie origini e di mia madre. A tal fine, il passo principale è stato quello di istruirmi e decostruire il motivo per cui sono finito qui. Sono stato adottato in Spagna dove l'adozione è un costrutto legale che ha lo scopo di proteggere i bambini che non hanno famiglia o quando i loro parenti non possono provvedere a loro, ma ho capito che invece l'adozione è preservare i privilegi e gli interessi degli altri, ereditati da famiglie privilegiate grazie al colonialismo e al cattolicesimo. I primi movimenti di adozione si sono verificati dopo la guerra civile nel 1936-1939, lasciando la parte sconfitta soggiogata sotto una dittatura, che ha governato il paese fino al 1975. Conosciamo tutti questo periodo come il tempo dei "bebes robados" (bambini rubati). Le famiglie avversarie furono sminuite e punite dal governo, mandando uomini e donne in prigione e prendendo ogni bambino che potevano per metterli in case "adatte". Questa impresa è stata possibile grazie alla collaborazione tra la stessa dittatura e la Chiesa cattolica. Il personale ospedaliero e le case di maternità (gestite da suore) erano collegate e istruite per l'iscrizione e la consegna dei bambini, i pagamenti precedenti erano effettuati dal parroco del villaggio o del distretto. Questa vasta rete è andata avanti fino agli anni '90. Le associazioni stimano che 300.000 bambini siano stati rapiti nel 1940-1990 in Spagna dopo che la giustizia è stata servita per la prima volta nel 2018. La maggior parte di quegli adulti e delle loro madri che rivendicavano i propri diritti non erano in grado di conoscere la verità considerando quei crimini erano storici e non c'era nessuno vivo che si assumesse responsabilità né documenti che lo provassero.

Da questa prospettiva e dalla concezione generalizzata della famiglia nucleare (una madre-un padre), ma anche una visione morale ristretta che incoraggia il sessismo e mina la maternità single, l'adozione era ed è stata assimilata alla filiazione biologica. Ho sentito tante volte una frase di persone che vogliono adottare: 'Perché dobbiamo ottenere una valutazione delle nostre capacità di genitori e tuttavia una ragazza di 17 anni non ne ha bisogno per essere incinta?' Ne viene fuori un altro: "E se il bambino ha dei problemi?" E la miniera d'oro: 'Le adozioni internazionali non dovrebbero essere consentite senza restrizioni? Quei bambini hanno bisogno di essere salvati'. Queste affermazioni sono di gente comune, istruita, con risorse economiche e anche emotive. Nonostante questi sentimenti, c'è così tanto da insegnare e imparare sull'adozione e sugli adottati. Le nostre voci e le nostre storie devono essere ascoltate in modo da non essere più rappresentati come "bambini per sempre", il che ci impedisce di riconoscere la nostra esperienza come un viaggio lungo tutta la vita.

Vorrei affrontare e commentare queste frasi:

  • Innanzitutto, i privilegi dei paesi prosperi e la povertà o la mancanza di risorse delle prime famiglie sono la ragione per cui qualcuno può permettersi di crescere un bambino adottato. Pertanto, se i paesi impoveriti potessero ricevere quei fondi stanziati per l'adozione, i bambini potrebbero essere cresciuti dai genitori e rimarrebbero nelle loro comunità. Inoltre, quando un bambino nasce da altri genitori il legame affettivo non cresce magicamente o nelle stesse condizioni di quello biologico perché le sue radici sono dichiarate, quindi i futuri genitori avranno sempre bisogno di imparare da zero cosa deve crescere senza conoscere il nostro inizio.
  • L'adozione nasce da un trauma, considerando la ferita emotiva lasciata e portata dentro di noi, causata dalla privazione della protezione primaria, del nutrimento e dell'affetto di nostra madre e talvolta di chi si prende cura di orfanotrofi/istituti o famiglie affidatarie. Principalmente, il problema non è il bambino, ma l'adulto che vuole adottare pensando a se stesso, a come le cose o gli eventi avrebbero effetto su uno quando lo scopo non è altro che la persona separata dalla sua origine. Non siamo fatti per essere adatti alle famiglie adottive, è pensato per essere il contrario.
  •  Infine, ma non meno importante, l'adozione internazionale è un acquisto velato e corrotto e non abbiamo bisogno di essere salvati dal nostro luogo di nascita. Le nostre famiglie potrebbero avere meno o essere in una crisi temporanea, ma ciò non significa che queste circostanze possano essere utilizzate come vantaggio dalle famiglie privilegiate. È un circolo vizioso ampiamente conosciuto, in cui un bambino può essere preso dalle autorità o rapito dalle organizzazioni. Ci sono storie in cui anche una famiglia povera potrebbe aver ricevuto minacce e/o denaro per rinunciare al proprio figlio in modo che gli altri possano essere nutriti. Insisto, quelle risorse potrebbero essere esattamente gli aiuti necessari, ma i salvatori bianchi e il debito colonialista trovano comunque la loro via d'uscita. È un peso che i nostri paesi continuano a soffrire. Inoltre, l'adozione internazionale crea uno shock psicologico e un dolore. Significa che il nostro dolore e il nostro dolore vengono solo spostati in un altro luogo, che non sono accettati perché quei sentimenti sono stati negati nei nostri paesi adottivi poiché "siamo stati salvati e quindi dobbiamo essere eternamente grati".

In Spagna, e in altri paesi, a volte le persone che si avvicinano all'adozione come un modo per formare una famiglia non si rendono conto e/o non sono nemmeno interessate a decostruire i propri desideri e le conseguenze. Sì, qui si parla di adozione, c'è notizia in TV, ci sono associazioni di genitori adottivi e adottati, ma non basta. Ciò di cui occorre prestare attenzione è la visione critica su questo argomento. Non possiamo più ignorare che questo sistema non protegge i bambini né li salva. Soprattutto l'adozione plenaria, che è il contratto più obsoleto mai esistito. Sì, è un contratto in cui si firma e si paga per dare il proprio nome a un bambino e acquisire diritti su un'altra persona in modo che possa essere cresciuto da qualcun altro e in un altro paese. Detto ciò:

PERCHÉ DOBBIAMO PERDERE LA NOSTRA PRIMA FAMIGLIA PER ESSERE PROTETTI O CRESCE DAGLI ALTRI? PERCHÉ DEVE ESSERE ROTTO IL LEGAME AFFETTIVO? COS'E' QUELLA PAURA CHE CI IMPEDISCE DI RIMANERE CONNESSI CON LE NOSTRE ORIGINI?

IL LEGAME AFFETTIVO

L'adozione internazionale è un successo proprio per questo motivo: le persone hanno paura di perdere qualcuno che non è loro, tanto per cominciare. Che concetto arcaico! Tornando all'assimilazione dell'adozione come filiazione naturale. Il legame affettivo non può crescere se le nostre radici e il nostro passato vengono rifiutati. Esiste ancora un tipo di film all'interno del genere del terrore che parla di questa paura, dove i figli adottivi si ribellano alla famiglia o la prima madre torna a rivendicare ciò che è suo. La paura e il rifiuto non possono essere il seme di nessuna famiglia. Questo è il motivo per cui la mia tesi non era molto apprezzata in quel momento, perché affrontavo un argomento importante e indicavo una paura con cui eravamo nati (non essere accettati). Questo concetto di rottura netta all'interno dell'adozione plenaria è obsoleto e deve essere rimosso dalle nostre comunità. La società potrebbe non essere pronta ad abolire questa cifra a causa di problemi economici, di fertilità e di salute mentale, ma non dovrebbero essere gli adottati a subire le scelte degli altri. L'adozione deve provenire da un luogo di stabilità e di accettazione dei propri limiti, altrimenti le generazioni vengono ferite e si crea angoscia per questioni che non è nostro dovere risolvere o di cui non siamo responsabili.

Ora che ho trovato la mia famiglia e ho compreso le circostanze che mi hanno portato qui, posso iniziare il mio processo di guarigione, che non significa essere statico, ma andare avanti attraverso il dolore e tutti i tipi di dolore. Il livello successivo con cui sto cercando di convivere e che non ho accettato alla fine della mia ricerca è che non c'è alcun legame affettivo o un concetto di famiglia nella mia adozione. Ad un certo punto ho dovuto sopportare il dolore che ne deriva, ma alla fine mi ha liberato. Nelle parole di Lynelle Long, il mio contratto con loro è finito. Leggere quelle parole e relazionarsi con esse in questo momento, è l'inizio di un periodo cruciale della mia vita. Consiglio vivamente ad altri di iniziare la ricerca delle nostre origini, solo una nuova saggezza può essere diffusa in noi stessi, e inoltre non abbiate paura di condividere la vostra storia. Non negare te stesso o le tue ferite. Sono solo un promemoria che siamo ancora vivi e che possiamo guarire insieme.

QUESTA È LA MIA STORIA

Ho 32 anni e sono stata adottata all'età di 7 anni, insieme alle mie due sorelline (5 e 3 anni) da genitori spagnoli nel 1995 in Colombia. La nostra mamma colombiana aveva 20 anni quando nostro padre colombiano morì nel 1993. La sua morte era collegata a un'organizzazione paramilitare/droga. Questo evento ha cambiato tutta la nostra vita. Sono stato in queste fasi di dolore, negazione e odio, ma ora penso di essere nella fase di negoziazione della perdita della mia famiglia, di mia madre e di questa vita completamente diversa che avrei potuto vivere se le cose fossero state distinte, anche solo una cosa. A causa di questa violenza, i membri maschi della famiglia di mio padre furono spazzati via in caso di possibile vendetta. In questo modo, mia madre ha perso il contatto con la sua famiglia, quindi non poteva prendersi cura di noi mentre cercava di provvedere a noi. L'ICBF (l'autorità centrale colombiana che protegge i bambini) è venuta a conoscenza di questa situazione ed è intervenuta. Mia madre colombiana non aveva alcun sostegno economico o emotivo (almeno a nessuno importava abbastanza da cercare il resto della nostra famiglia), quindi ha dovuto prendere una decisione con entrambe le mani legate.

Due anni dopo, ci siamo trasferiti a Madrid, in Spagna. I nostri genitori adottivi erano antiquati non solo nel loro pensiero sull'istruzione, ma anche nella loro intelligenza emotiva. Non si sono davvero immedesimati in noi o hanno accettato il nostro passato e le nostre origini. Di conseguenza non parlerebbero di adozione. Fino a quando non ho lasciato il nido, non ero in grado di pensare alla mia prima madre o alla mia famiglia. Era troppo doloroso e volevo essere accettato con ogni mezzo. Non mi sono mai sentito vicino ai miei genitori adottivi, ma si sono presi cura di noi tre bambini e non abbiamo mai saputo cosa significa essere separati l'uno dall'altro. Nel 2016 ho deciso che era abbastanza e ho iniziato questo viaggio spaventoso. Le mie sorelle non si sono mai sentite preparate a farlo con me, ma sono state al mio fianco guardandomi alle spalle e, come amano dire: questa è come una telenovela (telenovela). Tuttavia, ho fatto le mie ricerche e sono diventato il mio investigatore privato. Avevo solo bisogno della nostra pratica di adozione per ottenere il suo numero identificativo, e con un piccolo aiuto dai contatti in Colombia, l'ho trovata nel 2018. Non ero pronto a prendere contatto all'inizio, ma ho superato questa difficoltà scrivendo una lettera con le mie sorelle. Poi, a dicembre 2020, ho trovato la famiglia di mio padre su Facebook. Mancava un nome di cui mi parlava mia madre, ma era la chiave per sbloccare ciò che mi stava trattenendo dal conoscere veramente la mia famiglia.

Mi rendo conto, soprattutto leggendo le esperienze di altri adottati, quanto sono fortunato. Sono consapevole delle conseguenze dell'adozione, dei suoi traumi e delle sue ferite, delle cicatrici con cui dobbiamo imparare a convivere; la decostruzione delle mie origini e della mia stessa personalità, le necessità e le difese necessarie per sopravvivere. L'intero processo mi ha insegnato qualcosa di più prezioso che non avrei mai potuto immaginare: accettare me stesso e gli altri. Ho sempre avuto con me le mie sorelle, che stanno imparando da questa crescita con la mente aperta, sapendo che non è facile e non sono pronte a vivere le mie stesse fasi, ma sono disposte ad ascoltare e camminare con me come per quanto possono. Riconoscere e capire che questo non era possibile con i nostri genitori è stato il passo più doloroso, ma siamo riusciti a prendere il controllo delle nostre vite e delle nostre scelte. Ora mi sto preparando per questo viaggio, fisicamente ed emotivamente. In questo momento sto leggendo 'Colombia: una concisa storia contemporanea' per conoscere finalmente il mio Paese, che per tanti anni ho ignorato. Grazie alla mia mamma colombiana, ho scoperto di essere davvero nata a Muzo, Boyaca.

La mia città natale, Muzo, Boyaca in Colombia

Versione originale spagnola di questo articolo qui.

Siamo più che Numeri!

di Brenna Kyeong McHugh adottato dalla Corea del Sud negli USA

Di seguito sono riportati i dati e le informazioni documentati dal Ministero della salute e del benessere in Corea.

È impreciso e incompleto in quanto afferma che solo 156.242 neonati, bambini e adolescenti sono stati adottati dal 1953 al 2004. Il numero totale effettivo di adottati dalla Corea dagli anni '50 è stimato in 220.000 o più.

Si stima che nel solo Minnesota ci siano circa 15.000 adottati coreani, me compreso. I numeri sono spaventosi. Nel 1986 sono stati adottati 8.680 bambini, me compreso. Leggi di nuovo quel numero: OTTOMILA SEI CENTOOTTANTA. Questo è solo il numero documentato; è molto probabilmente molto più alto. 8.680 bambini hanno perso le loro famiglie, nomi, identità, lingua e cultura. 8.680 famiglie furono per sempre alterate e distrutte. 8.680 di noi hanno sopportato un trauma irreversibile che continuiamo a elaborare ed elaborare da adulti, garantito, quelli di noi che non hanno perso la vita per suicidio, abuso, dipendenza e altre circostanze.

Secondo i dati della seconda tabella, il motivo principale documentato per le adozioni è stato indicato come Abbandono. Il secondo motivo documentato era Madri non sposate. Hanno elencato solo il numero di bambini maschi che sono stati adottati, ma non il numero di bambine, che tutti possiamo supporre sia molto, molto maggiore.

Questi numeri per ogni anno dall'inizio dell'adozione internazionale dalla Corea sono astronomici. I dati stessi indicano i problemi sistemici che alimentano l'industria delle adozioni, rendendola la bestia che è oggi, tra cui razzismo, supremazia bianca, salvatore, capitalismo, abilismo, povertà, questioni socioeconomiche, politica, ecc.

Durante il mio viaggio come persona adottata, mi sono state raccontate diverse storie sulla prima parte della mia vita. Mi è stato detto per la prima volta che il mio nome Lee Okkyeong (pronunciato Yi Oak Young), mi è stato dato dalla mia famiglia. Più tardi, mi è stato detto che mi era stato dato quando ero in trattamento presso la Eastern Social Welfare Society, l'agenzia per le adozioni. Mi è stato anche detto che la mia data di nascita era una stima. Inizialmente mi è stato detto che mia madre era single e nubile e che mio padre era praticamente un fannullone che ha lasciato mia madre prima di sapere che era incinta di me e che non poteva mantenere un lavoro. Quando avevo 24 anni, l'agenzia per le adozioni mi disse che mia madre e mio padre erano effettivamente sposati.

L'inizio della mia vita è pieno di contraddizioni. Non conosco ancora le mie verità e continuerò a presumere che non lo saprò mai. Essere adottato e cercare di mettere insieme i pezzi del mio passato mi ha dimostrato più e più volte che le persone al potere e il sistema non sono affatto affidabili, e non sono progettate o create per noi - gli emarginati, i poveri e quelli che cercano il cambiamento e la verità.

L'industria delle adozioni mentirà, fabbricherà, utilizzerà, sfrutterà e distruggerà le famiglie per trarne profitto. L'industria delle adozioni non si preoccupa dei bambini; si preoccupa solo del denaro e del controllo e del potere. Mi rendo conto di quanto fossi inconsapevole delle disuguaglianze e delle disuguaglianze nell'adozione quando ero piccola e di come mi abbiano influenzato anche se non riuscivo a comprenderle appieno o a nominarle.

Gli adottati coreani sono più di questi numeri. Siamo più di questi dati e di queste statistiche documentate. Siamo esseri umani. Abbiamo storie e famiglie. Siamo più delle nostre perdite, dolore e trauma. Meritiamo le nostre verità. Più noi adottati condividiamo le nostre storie e torniamo in Corea per cercare e combattere per le nostre verità e famiglie, più il governo e le agenzie di adozione non avranno altra scelta che riconoscere noi e ciò che hanno fatto a noi, ai loro figli.

Un altro giorno senza di te

di Pradeep (Philippe Mignon)
Fondatore Empreintes Vivantes per gli adottati dello Sri Lanka, Belgio

Un altro giorno senza di te.

Ma questo giorno è speciale perché se credo ai miei documenti di adozione, oggi è il tuo compleanno.

E oggi non mi interessa se si sbagliano.

Oggi avresti 69 anni.

Non passa giorno che non pensi a te.

Non passa giorno che non mi manchi.

Non passa giorno per non tornare mai più.

Non passa giorno senza che mi dia speranza.

Ma non passa giorno senza che lo tolga anche a me.

Forse un giorno ci incontreremo di nuovo.

Forse un giorno ti rigirerai.

E quel giorno, ci sarò anch'io, e non ti biasimerò.

Possa tu prenderti cura di te mentre ti trovo.

Ovunque tu sia, qualunque cosa tu faccia, ti amo mamma.

Dimentica il tuo passato

di Bina Mirjam de Boer adottato dall'India ai Paesi Bassi.
Originariamente condiviso su Bina Coaching.

Dimentica il tuo passato!

Mi è stata detta questa frase 5 anni fa oggi, quando ho visitato una delle case dei miei figli per la seconda volta.

La donna che mi ha ricevuto non era interessata alle mie domande sul mio passato e non capiva nemmeno perché volevo vedere il mio file. Non avevo diritti, "Dimentica il tuo passato!", è stato urlato a gran voce! Mi ha lanciato contro la testa le carte che le ho dato con un gesto sdegnoso. Voleva chiudere la visita con questo. Le successive 2,5 ore sono state davvero terribili con molte urla, manipolazioni e discussioni tra me, la moglie, l'interprete e l'assistente sociale.

Questa visita ha finito per darmi più domande. Fortunatamente, grazie ad altri dipendenti, ho finalmente ricevuto risposte dopo 3 anni. Ma la mia identità è ancora sconosciuta.

Le risposte che ho ricevuto hanno portato dolore e tristezza, ma alla fine anche accettazione e rassegnazione su quella parte. Secondo me, non sapere è in definitiva un destino più pesante da portare!

Se hai intenzione di cercare la tua identità di adottato, è importante che ti prepari bene. Capire che è quasi impossibile sapere come andranno a finire le cose! Non puoi immaginare come andrà prima la visita e come reagirai se riceverai informazioni o meno. In India notiamo che ottenere informazioni dipende molto da chi si parla.

Inoltre, c'è la differenza nella cultura. Siamo così devastati che spesso osserviamo il nostro paese natale con occhiali occidentali. Non ci rendiamo conto che le nostre pratiche ei nostri pensieri sono spesso così diversi da quelli del nostro paese natale. A volte ciò significa che non abbiamo compassione ea volte possiamo persino provare disgusto per le tradizioni del nostro paese natale.

I viaggi delle radici spesso ti danno l'illusione di poter trovare le tue radici in un viaggio o in una visita. La realtà è che devi tornare più volte nel tuo paese natale e nella tua casa per ottenere risposte.

Io stesso noto che ogni volta che visito l'India, mi sento più a casa e che è salutare poter visitare il mio passato. Ogni pezzo del puzzle crea più rassegnazione.

I bambini rubati della Cambogia

di Elizabeth Jacobs, nato in Cambogia e adottato negli USA.

Elisabetta da bambina

Vorrei condividere con voi il mio progetto in cui creerò un documentario che seguirà il mio primo viaggio di ritorno in Cambogia dalla mia adozione avvenuta nel 2000. Ora ho ventun anni e sto scoprendo chi sono sono davvero come persona e cosa voglio fare di me stesso. Prima di continuare a crescere ulteriormente nell'adulto che desidero essere, sento il bisogno di fare i conti con il mio passato. Dopo aver rivisitato alcuni documenti e foto della mia adozione, ho scoperto alcune incongruenze che sollevano interrogativi sul mio passato. Spero che tornando in Cambogia potrei cercare la mia identità originale per capire meglio la mia vita prima che fosse americanizzata.

All'inizio, il mio piano per il documentario era mostrare il processo per trovare la mia famiglia cambogiana circa ventuno anni dopo. Il mio intento era quello di concentrarmi su una possibile riunione con qualsiasi membro biologico della mia famiglia e di ripercorrere i passaggi della mia adozione, come visitare l'orfanotrofio da cui sono stato abbandonato e possibilmente visitare la mia madre adottiva e la tata. Tuttavia, durante le indagini sulla mia adozione, ho scoperto molto di più di quanto si sapeva in precedenza.

Mi sento emotivamente pronto e curioso di conoscere la mia adozione, ma così facendo, ho setacciato tutti i documenti e ho trovato alcune nuove informazioni che mi fanno dubitare se sono stato rubato o meno dai miei genitori biologici, forse non legalmente rinunciato come pensavo prima.

Non avendo alcuna informazione sulla mia famiglia biologica, mi chiedo se sono o meno una vittima di Lauren Galindo, la famigerata trafficante di bambini in Cambogia, e della sua rete di reclutatori. Lo schema di Galindo era il seguente: un reclutatore avrebbe fatto amicizia e si sarebbe guadagnato la fiducia dei genitori impoveriti dando loro piccole somme di denaro e promettendo loro che avrebbero portato i loro figli in un orfanotrofio dove sarebbero stati ben curati mentre la famiglia sarebbe tornata i loro piedi. Inoltre avrebbero assicurato ai genitori che i loro figli, una volta cresciuti, li avrebbero sostenuti dall'America. È così che si è svolto il processo nei confronti di molti neonati e bambini piccoli i cui genitori erano troppo poveri per prendersi cura di loro. Invece di restituire questi bambini ai loro genitori, il collegamento ha offerto questi bambini in adozione principalmente a genitori americani in cambio di "tasse di adozione fasulle" per un importo di migliaia di dollari. Le tasse sono state interamente costituite da Galindo in quanto il governo non ha richiesto tasse di adozione.

La mia adozione è stata condotta pochi mesi dopo che il divieto di adozione è stato messo in atto a causa dello scandalo del traffico di bambini di Lauren Galindo. Galindo è stata accusata di riciclaggio di denaro per il quale è stata successivamente incarcerata per 8 mesi e accusata di aver creato un giro di traffico di neonati/bambini in cui i bambini sono stati rubati alle loro famiglie amorevoli e venduti per un profitto.

Ventuno anni dopo, ora sono un adulto pronto a fare le mie scelte e voglio visitare il mio passato e affrontare tutte le questioni irrisolte che sono rimaste nascoste per così tanti anni.

Sento che questo argomento è importante perché riguarda il mio passato e come la mia vita avrebbe potuto essere drasticamente diversa se non fossi mai stata adottata. Ora che mi chiedo se la mia adozione sia stata parte di uno scandalo di traffico di bambini in Cambogia, questo documentario è diventato più di una semplice riunione con il mio paese d'origine. È diventato un diario visivo e un'indagine in tempo reale sulla verità sulla mia adozione. Sto mostrando il mio viaggio al pubblico in modo da poter condividere questa storia molto importante di identità perduta. Ci sono centinaia di adottati come me e penso che sia importante diffondere la consapevolezza su questo scandalo perché potrebbero esserci altri là fuori che credono di essere adottati legalmente, quando in realtà potrebbero avere una famiglia in Cambogia che si sono chiesti per tutti questi anni dove il loro bambino è finito.

Il mio arrivo

Ritengo che questo argomento sia importante e molto rilevante perché la Cambogia ha ancora il divieto di adozioni internazionali a causa dell'enorme quantità di corruzione nel settore delle adozioni. Oggi il governo cambogiano sta lavorando a poco a poco per togliere il divieto, tuttavia, poiché il paese è così povero, potrebbe essere così facile che le cose tornino come erano dove persone senza scrupoli cercano ancora di approfittare dei genitori che hanno bisogno aiutare con i propri figli.

Sono sempre cresciuto con il desiderio di adottare dalla Cambogia, ma non posso farlo con questo divieto. Mi rattrista sapere che ci sono veri orfani in Cambogia in attesa di essere adottati ma non possono perché sono troppi quelli che approfitterebbero del loro abbandono in cambio di un profitto.

Dato che questo documentario è molto personale per me, so che lo troverò impegnativo e sarà un viaggio molto emozionante ma di grande impatto da catturare. È anche possibile che non trovi alcuna informazione sui miei genitori biologici e finisco con ancora più domande di quelle che ho iniziato. L'obiettivo è quindi quello di ottenere quanta più chiarezza possibile sul mio passato. Il risultato è incerto, ma questo non fa che aumentare la suspense che questo documentario catturerà.

Se vuoi sostenermi nella mia ricerca per creare questo documentario, visita la mia raccolta fondi sito web.

Rivoglio i miei fratelli

di Erika Fonticoli, nato in Colombia adottato in Italia.

Cosa sono i fratelli e le sorelle? Per me, sono piccoli o grandi alleati di tutte o nessuna battaglia. Nel corso della mia vita ho capito che un fratello o una sorella possono essere l'arma vincente contro ogni ostacolo che si presenta e, allo stesso tempo, quella confortante vicinanza che si prova anche quando non c'è battaglia da combattere. Un genitore può fare molto per i propri figli: dare amore, sostegno, protezione, ma ci sono cose che non diremmo mai a un genitore. E... che ne dici di un fratello? Ci sono cose nella mia vita che non ho mai potuto dire a nessuno, e anche se ho avuto un rapporto di amore-odio con mia sorella fin dall'infanzia, non c'è niente di me che lei non sappia.

Nel momento peggiore della mia vita, quando ero così ferito e ho iniziato ad avere paura di fidarmi del mondo, lei era la mano che ho stretto tra mille altre. Siamo due persone totalmente diverse, forse abbiamo in comune solo giocosità e DNA, ma lei rimane comunque la persona da cui mi sento più compresa e supportata. Amo i miei genitori adottivi, amo i miei amici, ma lei, lei è l'altra parte di me. A volte siamo convinti che la forza di una relazione dipenda dalla durata di essa o dalla quantità di esperienze vissute insieme. Già, beh.. Non ho condiviso molti momenti con mia sorella, non è stato un rapporto facile il nostro, ma ogni volta che ne avevo bisogno lei era sempre al mio fianco. Non ho dovuto dire niente o chiedere aiuto, lei lo ha sentito ed è corsa da me.

E i fratelli ritrovati da adulti? Possiamo dire che valgono meno? Sono stato adottato all'età di 5 anni, con mia sorella che aveva 7 anni. Per 24 anni ho creduto di avere solo un'altra versione di me stessa, lei. Poi, durante la ricerca delle mie origini, ho scoperto di avere altri due fratelli, poco più piccoli di me. La mia prima reazione è stata shock, confusione, negazione. Seguirono emozione, sorpresa e gioia. Infine, a queste emozioni si aggiungevano lo smarrimento e la paura di essere rifiutati da esse. Dopotutto, non sapevano nemmeno che esistessimo, io e mia sorella maggiore eravamo estranei per loro. Allora... come potrei presentarmi? Me la sono fatta almeno un centinaio di volte fino a quando, immersa in un ricco brodo di emozioni, ho deciso di buttarmi. Sentivo dentro di me l'irrefrenabile bisogno di conoscerli, di vederli, di parlargli. È stata forse la cosa più assurda che abbia mai vissuto. “Ciao, piacere di conoscerti, sono tua sorella!”, ho scritto loro.

A pensarci adesso mi viene da ridere, eppure all'epoca pensavo che fosse un modo così carino per conoscersi. Mia sorella minore, proprio come temevo, mi ha rifiutato, o forse ha rifiutato l'idea di avere altre due sorelle di cui non aveva mai sentito parlare. I primi mesi con lei sono stati terribili, duri e pieni di emozioni altalenanti, spinti sia dal suo desiderio di avere altre sorelle, sia dalla sua sfiducia nel credere che fosse reale. Non era facile, per lei ero un perfetto sconosciuto eppure aveva l'inspiegabile sensazione di essere legata a me, la sensazione di volermi nella sua vita senza nemmeno sapere chi fossi. Mi rifiutava eppure non poteva non cercarmi, mi guardava come se fossi qualcosa da studiare, perché era scioccata dal fatto che assomigliasse così tanto a qualcun altro che non aveva mai visto per 23 anni .

Con mio fratello è stato completamente diverso, mi ha chiamato subito “sorella”. Abbiamo parlato incessantemente dall'inizio, notti insonni per raccontarci, scoprendo a poco a poco di essere due gocce d'acqua. Era mio fratello dal primo momento. Ma come è possibile? Non lo so. Quando sono partito per incontrarli, diretto dall'altra parte del mondo, mi sembrava tutto così folle. Continuavo a ripetermi: "E se non gli piaccio?", e mi chiedevo come sarebbe stato trovarmi faccia a faccia con loro. La risposta? Per me non è stato un conoscersi per la prima volta, è stato un rivederli. Come quando ti allontani e non vedi la tua famiglia per molto tempo, poi quando torni a casa per vederli di nuovo
ti senti commosso e corri ad abbracciarli. Questo è stato il mio primo momento con loro! Un momento di lacrime, un abbraccio senza fine, seguito da un rapido ritorno giocoso e affettuoso come se la vita non ci avesse mai separati nemmeno per un giorno.

Quindi... valgono meno? Il mio rapporto con loro è meno intenso e autentico di quello con mia sorella, con cui sono cresciuto? No. Pensavo di avere un'altra metà di me, ora mi sento come se ne avessi tre. Ne vedo uno ogni giorno, ascolto costantemente gli altri due per messaggi o videochiamate. Ci sono cose nella mia vita che non posso dire a nessuno, cose che solo i miei tre fratelli sanno, e nei momenti più difficili della mia vita adesso ho tre mani che prenderei senza pensarci. Amo la mia famiglia, i miei genitori adottivi e la mia mamma biologica, ma i miei fratelli sono la parte del mio cuore di cui non potrei vivere senza. Averli nella mia vita mi riempie di gioia, ma averne due così lontani da me scava dentro di me un abisso che spesso si trasforma in un grido di mancanza e nostalgia. Lacrime dietro le quali si nasconde il desiderio di condividere con loro tutti gli anni che ci sono stati tolti, le esperienze ei momenti fraterni che ho vissuto con loro solo venti giorni in Colombia.

Come dicevo prima, secondo me, non importa la durata di una relazione né la quantità di esperienze vissute insieme ma la qualità… detto questo, anche quei rari momenti ci sembrano un sogno ancora irrealizzabile. Nei periodi più importanti e delicati della nostra vita spesso ci sentiamo sopraffatti dall'impotenza e dall'impossibilità di sostenerci a vicenda, perché purtroppo una parola di conforto non sempre basta. Possiamo scriverci, chiamarci, ma niente potrà mai sostituire il calore di un abbraccio quando senti che il tuo cuore sta soffrendo.

Nella fase più dolorosa e traumatica della vita di mia sorella minore, quando ha iniziato ad avere paura del mondo, quando pensava di meritare solo calci e insulti, quando pensava di non avere nessuno, le ho scritto. Le scrivevo ogni giorno, preoccupata e addolorata, e per quanto cercassi di trasmetterle il mio amore e la mia vicinanza, sentivo di non poter fare abbastanza. Mi sentivo impotente e inutile, sentivo che non c'era niente che potessi fare per lei, perché quando mi sentivo schiacciata dalla vita era l'abbraccio di mia sorella maggiore che mi faceva sentire protetta. Ed è quello che la mia sorellina voleva in quel momento, un mio abbraccio, qualcosa di così piccolo e
semplice che non potevo dargliela perché la distanza me lo impediva. E nemmeno nostro fratello perché anche lui è cresciuto lontano, in un'altra famiglia. Non sapevo cosa fare, come potevo aiutarla, era spaventata e ferita. Volevo che venisse a vivere con me, lei e il mio nipotino, così potevo prendermi cura di loro e aiutarli nel momento più difficile della loro vita. L'ho esaminato per mesi, ricerca dopo ricerca, e poi ho scoperto che nonostante il test del DNA avesse riconosciuto che siamo sorelle, il mondo no.

Legalmente, eravamo ancora dei completi estranei, proprio come quando abbiamo parlato per la prima volta.

Vorrei che la legge dia la possibilità ai fratelli separati dall'adozione di essere ricongiunti se questo è il desiderio di entrambi, che la legge ci permetta di godere di quei diritti che solo un vincolo familiare offre. Non abbiamo deciso di separarci, è stato scelto per noi, ma non vogliamo incolpare nessuno per questo. Vorremmo solo avere la possibilità di trascorrere il resto della nostra vita come una famiglia, una famiglia sentimentale e legale a tutti gli effetti. Non deve essere un obbligo per tutti, ma un'opportunità per quei fratelli biologici il cui legame è sopravvissuto. Un'occasione per noi perfetti sconosciuti che, nonostante tutto, ci definiamo famiglia. Forse qualcuno si ritroverà in quello che ho sentito e provo ancora, forse qualcun altro no, ma proprio perché ogni storia è diversa penso che dovrebbe esserci la possibilità di un lieto fine per tutti. Il mio sarebbe riavere i miei fratelli.

Ricerca di famiglia boliviana

di Atamhi Cawayu, dottore di ricerca presso l'Università di Gent (Belgio) e l'Università Cattolica boliviana 'San Pablo' (Bolivia). Insieme a Vicente Mollestad e Teresa Norman, corrono Rete di adottati boliviani.

Questo blogpost è stato inizialmente pubblicato sul profilo Facebook di Atamhi e sull'account Instagram @displaced.alteño

Alla ricerca dell'attivismo della prima famiglia e dell'adottato: alcune riflessioni

Nel 1993 sono stato sfollato/adottato in Belgio quando avevo sei mesi. Secondo i miei documenti, sono stato trovato appena nato nella città di El Alto in Bolivia. Da quando avevo vent'anni, ho iniziato a tornare e riconnettermi con la Bolivia. Negli ultimi due anni vivo più in Bolivia che in Belgio e mi considero 'basato in Bolivia'. In tutti questi anni ho cercato di cercare informazioni sul mio passato preadottivo. Da giugno, insieme ad un amico adottivo boliviano, abbiamo iniziato la nostra ricerca qui in Bolivia avviando una grande campagna per renderci visibili.

Riflessione 1: Affissione di manifesti in città

Nel giugno 2020, io e il mio amico abbiamo iniziato a preparare le nostre ricerche per i nostri parenti boliviani disegnando poster e mettendoli in varie strade e quartieri delle città di La Paz e El Alto. Non è la prima volta che mi impegno nella ricerca delle prime famiglie, negli anni passati ho portato a termine le ricerche di altri adottati boliviani, che a volte hanno portato a ricongiungimenti. Tuttavia, la ricerca è impegnativa, soprattutto quando non si hanno nomi, luoghi o qualsiasi cosa che possa portare alle nostre famiglie. 

In Bolivia c'è un'autorità centrale responsabile dell'adozione internazionale, ma non c'è il sostegno di organizzazioni o istituzioni che possano davvero aiutarci. Nei nostri casi, abbiamo informazioni limitate, ma altri adottati hanno il nome completo della madre o i nomi dei membri della famiglia. Anche nei loro casi è spesso un viaggio burocratico per ottenere maggiori informazioni. Inoltre, la maggior parte di noi non conosce la lingua, non ha familiarità con il sistema e non ha sempre il tempo di effettuare ricerche. 

Quando ho iniziato a fare il mio dottorato di ricerca su questo argomento, il mio obiettivo è sempre stato quello di avere non solo una visione migliore del sistema di adozione in Bolivia, ma anche di "craccare" il sistema e capire quali indizi sono necessari per trovare la propria famiglia. Inoltre credo sia importante documentare le storie dei primogenitori e prendere in considerazione le loro esperienze se davvero si vuole fare una valutazione onesta del sistema di adozione. 

Quando preparo i manifesti, realizzo il disegno, pago le stampe, riuscivo a pensare solo a una cosa: noi adulti adottati abbiamo le risorse per iniziare questa ricerca e farlo in modo quasi professionale. I nostri genitori probabilmente non avevano la stessa quantità di risorse, e anche se ce l'avessero, le loro storie erano considerate meno interessanti delle nostre in questo momento.

Riflessione 2: Interagire con i media televisivi

Dopo il nostro primo giro di manifesti, abbiamo ricevuto un messaggio da un giornalista di un canale televisivo boliviano interessato alle nostre storie. Pochi giorni dopo ci hanno intervistato e il giorno dopo è stato trasmesso. Da allora la nostra storia è stata seguita dai media televisivi nazionali in Bolivia e ha ricevuto molta attenzione. I media sono un male necessario. Ha aiutato molto a rendere visibili i nostri casi, ma è difficile controllare le domande. Hanno anche la loro narrativa che vogliono mostrare.

Queste esperienze mi hanno fatto riflettere su diverse cose. Le nostre storie sono state in gran parte inquadrate come "bambini abbandonati" che tornano in Bolivia, dopo essere stati adottati a livello internazionale, tuttavia questa narrativa fa già molte supposizioni sulle nostre madri che ci abbandonano. Durante la lettura della sezione dei commenti (so che non dovrei farlo) una grande parte degli spettatori non ha capito perché dovremmo cercare qualcuno "che non ci cerca". Tuttavia, è molto più complesso... 

Nel mio caso sono stato trovato, ma non so cosa sia successo veramente. È facile presumere di essere stato "abbandonato" da uno dei miei genitori, ma non lo so. Nella mia ricerca sui primi genitori, ho incontrato diversi genitori che non hanno mai dato il proprio figlio in adozione, lo hanno fatto in circostanze vulnerabili, o addirittura sono stati messi sotto pressione da intermediari (e non sto nemmeno parlando di rapimento e adozione illegale). Eppure, in molti casi erano interessati a sapere cosa fosse successo ai loro figli, se erano ancora vivi, se erano finiti bene, ecc. Parte del nostro attivismo è anche parlare di quest'altro lato dell'adozione. Non è sempre una favola come molti pensano. Facciamo parte di un sistema che sfrutta le disuguaglianze globali, sposta i corpi poveri bruni/indigeni dal Sud al Nord e preferisce la genitorialità del Nord del mondo rispetto alla genitorialità del Sud del mondo. 

È irritante che le persone non comprendano la complessità e la violenza che la rinuncia e l'adozione possono comportare. Anche se i nostri genitori volessero cercarci, non sarebbero in grado di trovarci poiché siamo stati trasferiti e sfollati in altri continenti. Quando cerco la mia 'famiglia', è per farmi trovare, così sanno che sono qui in Bolivia e sono disposto a mettermi in contatto con loro. 

Riflessione 3: La violenza dell'adozione internazionale

Nei giorni successivi alla nostra prima intervista, vari canali televisivi boliviani ci hanno chiamato per un'intervista. La nostra storia è stata diffusa a livello nazionale da radio, tv, giornali. Abbiamo cercato di sfruttare questo momento per aprire il dibattito sull'adozione transnazionale.

Durante le interviste abbiamo cercato di ricordare che per noi adottati non c'è assistenza per la ricerca degli adottati. Né nei nostri paesi adottivi, né in Bolivia. Dobbiamo fare quasi tutto da soli, e poi non parlo nemmeno di imparare la lingua, capire i documenti, conoscere la città. Come il mio amico ha menzionato in diverse interviste, "la ricerca è qualcosa di politico". Per me la ricerca è fare qualcosa che non avresti dovuto fare. È aprire storie che dovevano essere nascoste, è fare qualcosa all'interno di un sistema che ha cercato di cancellare tutto dal tuo essere.

Inoltre, un'altra idea dominante è quella di essere fortunati e fortunati quando vengono adottati a livello transnazionale. Uno dei giornalisti mi ha detto “devi essere molto fortunato”, “molte persone qui vorrebbero essere nei tuoi panni”. Nel corso degli anni ho incontrato molte persone, soprattutto qui in Bolivia, che mi hanno detto che dovevo essere stato fortunato ad essere stato salvato dal mio "misero futuro" in Bolivia e ad avere una vita "ricca" in Europa. È come se la gente pensasse che abbiamo "vinto" solo con l'adozione internazionale, ma spesso dimenticano che abbiamo perso molte cose. Considero tutte le opportunità che ho a causa della crescita in Europa come compensazione per tutto quello che ho perso, e ho perso tutto.

Dal mio punto di vista personale, la violenza implicita nell'adozione transnazionale è quella di essere sfollati in modo transcontinentale involontario, completamente separati dai nostri antenati genetici, scollegati dalla nostra comunità, cultura, lingua, nazione, continente e senza alcuna possibilità di ritrovare le nostre famiglie. Per la maggior parte di noi la Bolivia diventerà un paese in cui vivevamo una volta. Inoltre, tutte le nostre precedenti identità vengono cancellate in modo che possiamo rinascere, rinominare, cristianizzare e assimilare con i nostri paesi adottivi. Cresciamo con perfetti estranei che ci si aspetta che amiamo e chiamiamo famiglia. Veniamo portati in una società che non ci vuole, che ci rende razzisti e ci discrimina, senza alcuna comunità che offra riparo o comprensione. Questo cosiddetto sistema di protezione dell'infanzia – principalmente a beneficio dei genitori adottivi occidentali benestanti che vogliono realizzare il loro sogno genitoriale eteronormativo – cancella tutto da noi. Non è la prima volta nella storia coloniale che i sistemi di assistenza all'infanzia vengono utilizzati per modellare, controllare e cancellare l'identità dei bambini indigeni e la maggior parte dei bambini adottati dalla Bolivia ha un background indigeno, sia esso aymara o quechua. L'adozione transnazionale è per me un progetto coloniale in corso di civilizzazione, controllo e gestione dei bambini del Sud del mondo, trasformandoli da cittadini "selvaggi" a cittadini "civili" a beneficio della macchina capitalista del Nord. L'adozione transnazionale non sarebbe stata possibile senza una storia di colonialismo e il suo continuo sguardo coloniale verso i paesi del sud come la Bolivia.

L'esperienza dell'adottato è qualcosa di molto diverso. So che alcuni adottati potrebbero non essere d'accordo su questo e va bene. So anche che altri adottati potrebbero riconoscersi in quello che scrivo. Ogni esperienza è valida. Tuttavia, la mia lotta e il mio attivismo sono strutturali contro un sistema che ha causato molte ingiustizie e non va a vantaggio dei primi genitori e degli adulti adottati. Come mi disse una volta un altro adottato: i nostri genitori forse non avevano le risorse per lottare per i loro diritti, ma noi abbiamo e lotteremo per loro.

Ulteriori letture

L'ultimo documento di ricerca di Atamhi: Dalla ferita primaria a quella coloniale: gli adottati boliviani che rivendicano la narrativa della guarigione

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%