si chiamava maité, su nombre era maité

ramo di mandorlo in fiore in vetro di vincent van gogh

mi è stato detto
di una sorella
non ho mai incontrato
è morta a sedici anni
in un incidente
il suo nome era maité

l'ho sognata
la notte scorsa
morbido, gentile
tutto ciò che sembra
una sorella potrebbe essere
lei era per me
nella notte

ho sentito la sensazione
uno deve sentirsi
quando ne hanno uno simile
come lei
il sentimento non solo
presenza ragazza profumata
è stato un bel sogno

è rimasta con me oggi
nelle mie ore di veglia
l'ho annusata
attraverso le duemila pesetas di
super
ho pompato nella mia macchina

e quando mi preoccupavo per i soldi
mi ha rassicurato
andrà tutto bene
caro fratello
lei disse

mi sono fermato sul ciglio della strada
sulla via di casa
e l'ho scelta
un fiore di campo
che so che amerà
glielo darò
questa sera

si chiamava maité, su nombre era maité
mi boreal interior collection
J. alonso el pocico, españa
(c) j.alonso 2019

Poesie di j.alonso non può essere riprodotto, copiato o distribuito senza il consenso scritto dell'autore.

 

lascia un commento cancella risposta

Italiano
%%piè di pagina%%