Ricerca di famiglia boliviana

di Atamhi Cawayu, dottore di ricerca presso l'Università di Gent (Belgio) e l'Università Cattolica boliviana 'San Pablo' (Bolivia). Insieme a Vicente Mollestad e Teresa Norman, corrono Rete di adottati boliviani.

Questo blogpost è stato inizialmente pubblicato sul profilo Facebook di Atamhi e sull'account Instagram @displaced.alteño

Alla ricerca dell'attivismo della prima famiglia e dell'adottato: alcune riflessioni

Nel 1993 sono stato sfollato/adottato in Belgio quando avevo sei mesi. Secondo i miei documenti, sono stato trovato appena nato nella città di El Alto in Bolivia. Da quando avevo vent'anni, ho iniziato a tornare e riconnettermi con la Bolivia. Negli ultimi due anni vivo più in Bolivia che in Belgio e mi considero 'basato in Bolivia'. In tutti questi anni ho cercato di cercare informazioni sul mio passato preadottivo. Da giugno, insieme ad un amico adottivo boliviano, abbiamo iniziato la nostra ricerca qui in Bolivia avviando una grande campagna per renderci visibili.

Riflessione 1: Affissione di manifesti in città

Nel giugno 2020, io e il mio amico abbiamo iniziato a preparare le nostre ricerche per i nostri parenti boliviani disegnando poster e mettendoli in varie strade e quartieri delle città di La Paz e El Alto. Non è la prima volta che mi impegno nella ricerca delle prime famiglie, negli anni passati ho portato a termine le ricerche di altri adottati boliviani, che a volte hanno portato a ricongiungimenti. Tuttavia, la ricerca è impegnativa, soprattutto quando non si hanno nomi, luoghi o qualsiasi cosa che possa portare alle nostre famiglie. 

In Bolivia c'è un'autorità centrale responsabile dell'adozione internazionale, ma non c'è il sostegno di organizzazioni o istituzioni che possano davvero aiutarci. Nei nostri casi, abbiamo informazioni limitate, ma altri adottati hanno il nome completo della madre o i nomi dei membri della famiglia. Anche nei loro casi è spesso un viaggio burocratico per ottenere maggiori informazioni. Inoltre, la maggior parte di noi non conosce la lingua, non ha familiarità con il sistema e non ha sempre il tempo di effettuare ricerche. 

Quando ho iniziato a fare il mio dottorato di ricerca su questo argomento, il mio obiettivo è sempre stato quello di avere non solo una visione migliore del sistema di adozione in Bolivia, ma anche di "craccare" il sistema e capire quali indizi sono necessari per trovare la propria famiglia. Inoltre credo sia importante documentare le storie dei primogenitori e prendere in considerazione le loro esperienze se davvero si vuole fare una valutazione onesta del sistema di adozione. 

Quando preparo i manifesti, realizzo il disegno, pago le stampe, riuscivo a pensare solo a una cosa: noi adulti adottati abbiamo le risorse per iniziare questa ricerca e farlo in modo quasi professionale. I nostri genitori probabilmente non avevano la stessa quantità di risorse, e anche se ce l'avessero, le loro storie erano considerate meno interessanti delle nostre in questo momento.

Riflessione 2: Interagire con i media televisivi

Dopo il nostro primo giro di manifesti, abbiamo ricevuto un messaggio da un giornalista di un canale televisivo boliviano interessato alle nostre storie. Pochi giorni dopo ci hanno intervistato e il giorno dopo è stato trasmesso. Da allora la nostra storia è stata seguita dai media televisivi nazionali in Bolivia e ha ricevuto molta attenzione. I media sono un male necessario. Ha aiutato molto a rendere visibili i nostri casi, ma è difficile controllare le domande. Hanno anche la loro narrativa che vogliono mostrare.

Queste esperienze mi hanno fatto riflettere su diverse cose. Le nostre storie sono state in gran parte inquadrate come "bambini abbandonati" che tornano in Bolivia, dopo essere stati adottati a livello internazionale, tuttavia questa narrativa fa già molte supposizioni sulle nostre madri che ci abbandonano. Durante la lettura della sezione dei commenti (so che non dovrei farlo) una grande parte degli spettatori non ha capito perché dovremmo cercare qualcuno "che non ci cerca". Tuttavia, è molto più complesso... 

Nel mio caso sono stato trovato, ma non so cosa sia successo veramente. È facile presumere di essere stato "abbandonato" da uno dei miei genitori, ma non lo so. Nella mia ricerca sui primi genitori, ho incontrato diversi genitori che non hanno mai dato il proprio figlio in adozione, lo hanno fatto in circostanze vulnerabili, o addirittura sono stati messi sotto pressione da intermediari (e non sto nemmeno parlando di rapimento e adozione illegale). Eppure, in molti casi erano interessati a sapere cosa fosse successo ai loro figli, se erano ancora vivi, se erano finiti bene, ecc. Parte del nostro attivismo è anche parlare di quest'altro lato dell'adozione. Non è sempre una favola come molti pensano. Facciamo parte di un sistema che sfrutta le disuguaglianze globali, sposta i corpi poveri bruni/indigeni dal Sud al Nord e preferisce la genitorialità del Nord del mondo rispetto alla genitorialità del Sud del mondo. 

È irritante che le persone non comprendano la complessità e la violenza che la rinuncia e l'adozione possono comportare. Anche se i nostri genitori volessero cercarci, non sarebbero in grado di trovarci poiché siamo stati trasferiti e sfollati in altri continenti. Quando cerco la mia 'famiglia', è per farmi trovare, così sanno che sono qui in Bolivia e sono disposto a mettermi in contatto con loro. 

Riflessione 3: La violenza dell'adozione internazionale

Nei giorni successivi alla nostra prima intervista, vari canali televisivi boliviani ci hanno chiamato per un'intervista. La nostra storia è stata diffusa a livello nazionale da radio, tv, giornali. Abbiamo cercato di sfruttare questo momento per aprire il dibattito sull'adozione transnazionale.

Durante le interviste abbiamo cercato di ricordare che per noi adottati non c'è assistenza per la ricerca degli adottati. Né nei nostri paesi adottivi, né in Bolivia. Dobbiamo fare quasi tutto da soli, e poi non parlo nemmeno di imparare la lingua, capire i documenti, conoscere la città. Come il mio amico ha menzionato in diverse interviste, "la ricerca è qualcosa di politico". Per me la ricerca è fare qualcosa che non avresti dovuto fare. È aprire storie che dovevano essere nascoste, è fare qualcosa all'interno di un sistema che ha cercato di cancellare tutto dal tuo essere.

Inoltre, un'altra idea dominante è quella di essere fortunati e fortunati quando vengono adottati a livello transnazionale. Uno dei giornalisti mi ha detto “devi essere molto fortunato”, “molte persone qui vorrebbero essere nei tuoi panni”. Nel corso degli anni ho incontrato molte persone, soprattutto qui in Bolivia, che mi hanno detto che dovevo essere stato fortunato ad essere stato salvato dal mio "misero futuro" in Bolivia e ad avere una vita "ricca" in Europa. È come se la gente pensasse che abbiamo "vinto" solo con l'adozione internazionale, ma spesso dimenticano che abbiamo perso molte cose. Considero tutte le opportunità che ho a causa della crescita in Europa come compensazione per tutto quello che ho perso, e ho perso tutto.

Dal mio punto di vista personale, la violenza implicita nell'adozione transnazionale è quella di essere sfollati in modo transcontinentale involontario, completamente separati dai nostri antenati genetici, scollegati dalla nostra comunità, cultura, lingua, nazione, continente e senza alcuna possibilità di ritrovare le nostre famiglie. Per la maggior parte di noi la Bolivia diventerà un paese in cui vivevamo una volta. Inoltre, tutte le nostre precedenti identità vengono cancellate in modo che possiamo rinascere, rinominare, cristianizzare e assimilare con i nostri paesi adottivi. Cresciamo con perfetti estranei che ci si aspetta che amiamo e chiamiamo famiglia. Veniamo portati in una società che non ci vuole, che ci rende razzisti e ci discrimina, senza alcuna comunità che offra riparo o comprensione. Questo cosiddetto sistema di protezione dell'infanzia – principalmente a beneficio dei genitori adottivi occidentali benestanti che vogliono realizzare il loro sogno genitoriale eteronormativo – cancella tutto da noi. Non è la prima volta nella storia coloniale che i sistemi di assistenza all'infanzia vengono utilizzati per modellare, controllare e cancellare l'identità dei bambini indigeni e la maggior parte dei bambini adottati dalla Bolivia ha un background indigeno, sia esso aymara o quechua. L'adozione transnazionale è per me un progetto coloniale in corso di civilizzazione, controllo e gestione dei bambini del Sud del mondo, trasformandoli da cittadini "selvaggi" a cittadini "civili" a beneficio della macchina capitalista del Nord. L'adozione transnazionale non sarebbe stata possibile senza una storia di colonialismo e il suo continuo sguardo coloniale verso i paesi del sud come la Bolivia.

L'esperienza dell'adottato è qualcosa di molto diverso. So che alcuni adottati potrebbero non essere d'accordo su questo e va bene. So anche che altri adottati potrebbero riconoscersi in quello che scrivo. Ogni esperienza è valida. Tuttavia, la mia lotta e il mio attivismo sono strutturali contro un sistema che ha causato molte ingiustizie e non va a vantaggio dei primi genitori e degli adulti adottati. Come mi disse una volta un altro adottato: i nostri genitori forse non avevano le risorse per lottare per i loro diritti, ma noi abbiamo e lotteremo per loro.

Ulteriori letture

L'ultimo documento di ricerca di Atamhi: Dalla ferita primaria a quella coloniale: gli adottati boliviani che rivendicano la narrativa della guarigione

lascia un commento cancella risposta

Italiano
%%piè di pagina%%