La conferma che siamo nati come adottati

di Hollie McGinnis born in South Korea, adopted to the USA, Founder of Also Known As (AKA), Assistant Professor of Social Work at Virginia Commonwealth University

Like many adoptees, the only pictures I had of my birth growing up were the ones of me when I entered the orphanage around the age of two that convinced my parents I was to be their daughter and photos of my arrival to the U.S. when I was three. And so, I felt as a child I had fallen out of the sky on a Boeing 747, walking, talking, and potty-trained.

Being born was foreign. I had no evidence of it happening to me, no one to be my mirror to remind me, except when I peered into a mirror and saw a face that looked foreign to me because it didn’t match the faces of those I called my family, peering back.

It has been a long journey to know ~ and accept and love ~ that face, this body, who held all the knowing of my birth. The terrain of my face I carry from my mother and father, and my ancestors in Korea. Yet, the laugh lines, the crows feet, are all imprinted from a life filled with love from my family and friends in America.

After I first met my Umma, my Korean mom, she gave the above picture of me (on the left) as an infant that she had carried with her to my foster Dad, who was the director of my orphanage, who sent it to me. I remember my Mom Eva Marie McGinnis and I both shocked to see me as an infant with my curly hair! She too had been denied any evidence of my infancy.

Later, when I saw my Umma again, she told me she had curled it and had taken this photo of me. She laughed heartily about taking the photo and it was clear that it brought back a happy memory for her. I tried to imagine the moment captured in this photo: my Umma taking the time to curl an infant’s hair (I must have been wriggling the whole time!), the clothes she picked, finding a place to pose me. All gestures felt so familiar, memories of my Mom helping me sweep my hair up, hunt for a beautiful dress, find a place for me to pose (see junior prom photo below).

Integration is a path to wholeness, and yet for so many adoptees this is not possible because there is no opportunity to find birth family, no photo, no memory to trigger the mind to imagine and make meaning. And so we are left with a vague sense of knowing, of course, right, I have a blood lineage, I was born. But we are only left with the aging features of our faces and bodies as witness that we were birthed into this world like the rest of humanity, yet are prevented from having any truthful information about it.

So my wish on my birthday, is for all adopted persons to have access to information about their origins so that they can have the affirmation of their birth and humanity. And I invite anyone who feels disconnected from their origins, to know you carry them in your body. Your ability to look in the mirror and see your mother and father with the love, compassion, and tenderness you would look at a baby picture is the photo you have been always looking for.

You can connect to Hollee at Insta @hollee.mcginnis

risorse

Read Hollee’s previous share at ICAV from 2014 on Identità

Other articles written by Hollee McGinnis

I pensieri di un adottato su Haaland vs Bracken

di Patrizio Amstrong adottato dalla Corea del Sud negli Stati Uniti, Adoptee Speaker, Podcaster e Community Facilitator, Co-Host of the Janchi Show, co-fondatore di Asiatici adottati dell'Indiana

Oggi la Corte Suprema esaminerà il caso di Haaland contro Bracken.

Cosa c'è in gioco?

Il Legge indiana sul benessere dei bambini (ICWA) e potenzialmente, altre protezioni federali per le tribù indigene.

Secondo il New York Times:

“La legge è stata redatta per rispondere a più di un secolo di bambini nativi allontanati con la forza dalle case tribali dagli assistenti sociali, mandati in collegi governativi e missionari e poi collocati in case cristiane bianche.

L'obiettivo del ricongiungimento della legge - collocare i bambini nativi nelle famiglie tribali - è stato a lungo un gold standard, secondo i brief firmati da più di due dozzine di organizzazioni di assistenza all'infanzia.

Costruire la connessione di un bambino nativo con la famiglia allargata, il patrimonio culturale e la comunità attraverso il collocamento tribale, hanno affermato, è inerente alla definizione di "migliore interesse del bambino" e un fattore stabilizzante critico quando il bambino esce o invecchia fuori dall'affidamento. "

👇🏼

I Brackeen stanno combattendo questa legge perché nel 2015 hanno allevato, poi adottato, un bambino navajo e loro, insieme ad altre famiglie, credono che dovrebbe essere più facile adottare bambini indigeni.

Lo afferma la difesa “la legge discrimina i bambini nativi americani così come le famiglie non native che vogliono adottarli perché determina gli alloggi in base alla razza”. 🫠🫠🫠

☝🏼 Non mi sfugge che questo caso venga discusso a novembre, che è sia il mese nazionale di sensibilizzazione sull'adozione sia il mese del patrimonio dei nativi americani.

✌🏼 Questo caso è maggiormente indicativo dei problemi sistemici che opprimono le comunità indigene e invalidano le esperienze degli adottati.

I bianchi che vogliono adottare devono capire questo semplice fatto:

NON HAI DIRITTO AL FIGLIO DI QUALCUN ALTRO.

Soprattutto un figlio della maggioranza globale.

⭐️ Affidarci o adottarci non ti rende automaticamente una brava persona.

⭐️ Affidarci o adottarci non ci “salva” da niente.

⭐️Credere di avere il diritto di adottare o affidare il figlio di chiunque è la definizione di privilegio.

Se i Brackeen e i loro co-querelanti hanno dedicato così tanto tempo, energia e impegno a sostenere le famiglie e le comunità indigene mentre cercano di ribaltare la legge costituzionale, chissà quante famiglie avrebbero potuto essere preservate?

A tal proposito, perché non stiamo lavorando attivamente per preservare le famiglie?

🧐 Questa è la domanda di questo mese: perché non la conservazione della famiglia?

Puoi seguire Patrick su Insta: @patrickintheworld o su LinkedIn @Patrick Armstrong

risorse

La Corte Suprema ascolta il caso che sfida chi può adottare bambini indigeni

Ascolta dal vivo: La Corte Suprema ascolta i casi sulla legge sull'adozione intesi a proteggere le famiglie dei nativi americani

Sfidare l'Indian Child Welfare Act

In che modo il caso SCOTUS di una coppia evangelica potrebbe influenzare i bambini nativi americani

La Corte Suprema deciderà il futuro dell'Indian Child Welfare Act

di Jena Martin articolo che esamina le differenze e le somiglianze tra l'ICWA e la Convenzione dell'Aia sull'adozione internazionale

Considerazioni di un adottato sulla dichiarazione congiunta delle Nazioni Unite sulle adozioni illegali internazionali

Resilience by CLAIR

On 29 September 2022, the Nazioni Unite (ONU) published a press release titled: Illegal intercountry adoptions must be prevented and eliminated: UN experts which provides a Joint Statement from the UN Committees. While the majority around the world could not have pre-empted this statement, it was not news to me because our coalition Voci contro l'adozione illegale (VAIA) had been talking with the UN to ensure our input was included. I know other experts in illegal intercountry adoption around the world gave input too.

The UN Joint Statement created for me a day of mixed feelings. For many of us, myself included, who are the victims of the past and current practices that constitute illegal and illicit practices in intercountry adoption, we have been speaking up, shouting from the rooftops, demanding attention, help, and support. But usually to no avail. Most Governments around the world have continued to turn a blind eye to the reality that some of our adoptions have been questionable and some, outright illegal with prosecutions of perpetrators. As one adoptive mother and fierce advocate, Desiree Smolin essentially said on her Facebook post, why has it taken the UN so long given the decades of trafficking and illicit practices? Why have so many families and adoptees been left to suffer the same impacts when it has been known to happen for so many decades?

So on 29 September, I felt our voices have been finally heard and validated – that someone in power was listening to us. Thank you to those at the UN who worked tirelessly to make this happen. It felt a little vindicating but at the same time, the reality of this world crushes hope because I know the statement from the UN is not going to put any true pressure on governments around the world to act in our best interest, let alone help us in any practical sense.

I felt personally so empowered by the UN Joint Statement that I wrote another letter to our leader here in Australia, the Prime Minister. In my letter, I ask the Australian government once again, to please do something to help those who are impacted instead of the deathly silence we’ve experienced in the 25 years I’ve spent advocating for our rights and needs.

Have a read of my lengthy letter which highlights the many times I’ve attempted to raise this issue to our Australian government, asking for supports for the victims. I’m as yet to have any response from the Australian Prime Minister. I imagine that the post-COVID economic recovery of the country, the current floods that have hit Australia all year long, and the other more higher priority issues like domestic family violence will receive his attention first compared to my long letter about a topic that impacts only some of the 20,000 of us intercountry adoptees. We just don’t rank up there in importance and unless it was their son or daughter being impacted, there’s just no reason why our Australian government would care enough to act.

I’ve been asked by a few about what I thought the impact would be of this UN Joint Statement. I truly think the best outcome might be that States (governments) will realise the risks they bear in continuing to conduct and facilitate intercountry adoption with all its pitfalls in safeguarding the human rights of intercountry adoptees. When we consider the legal cases being fought around the world by various intercountry adoptees and the revolution in awakening that we can fight for our rights, I would caution any government against participating in intercountry adoption. Legal pathways are slowly but surely being found by adoptees around the world. Governments must realise that if they continue on as they have in the past, there will be a time of reckoning where the abuses to our human rights will finally be recognised and the injustices need to be compensated.

In the Netherlands, the fight for adoptee rights is led by Brazilian adoptee Patrick Noordoven who won his right to compensation due to his illegal adoption to the Netherlands. Dilani Butink also won her court hearing for her case of an unlawful adoption from Sri Lanka. Bibi Hasenaar is also mentioned as having liability claims in this joint report. Sadly, both Noordoven and Butink’s cases are still being appealed by the Dutch State who have unlimited funds and time which highlights the power imbalance and ongoing victimisation that adoptees face. Sam van den Haak has also sent a letter to the Dutch State about her own and 20 other Sri Lankan adoptees whose adoption files have errors that caused emotional damage.

In Sweden, Carlos Andrés Queupán Huenchumil filed an appeal to change his name back to his original, having been illegally adopted from Chile. In France, a group of Malian adoptees are taking legal action against the adoption agency for its role in their illegal adoptions. In New Zealand, Maori adoptee Bev Reweti has mounted a class action against the State for being displaced and adopted out of their Maori whānau. In South Korea, Korean-Denmark intercountry adoptee and lawyer Peter Regal Möller and his organisation Gruppo danese per i diritti coreani have submitted just under 300 cases to the Korean Truth and Reconciliation Commission seeking to know the truth about their identities that were falsified in order to be intercountry adopted. Peter openly talks about the legal cases against agencies Holt and KSS that are coming in the future. I also know of other intercountry adoptees who haven’t had published media articles yet but who are progressing in the early stages of their legal cases against States and agencies for their illegal adoptions.

The momentum is growing around the world as adoptees become more aware of the human rights abuses they’ve lived that have been facilitated via intercountry adoption.

It’s not just adoptees who are taking legal action. Some incredibly courageous parents are, and have, also taken action. Recently in France, adoptive parents Véronique and Jean-Noël Piaser who adopted a baby from Sri Lanka have filed a complaint in 2021 for the fraud that involved the stealing of their baby from her mother in Sri Lanka. In the USA, adoptive parents Adam and Jessica Davis have been successful in assisting the US government to press charges against the adoption agency European Adoption Consultants (EAC) for its role in fraud and corruption of theirs and many other adoptions.

In a landmark first, both adoptive parents and biological parents of Guatemalan-Belgium adoptee Mariela SR Coline Fanon are taking civil action in Belgium as victims of human trafficking. The case is currently under judicial investigation. This is not the first time biological parents fight for their rights in intercountry adoption. In 2020, biological father from Guatemala, Gustavo Tobar Farjardo won at the Inter-American Court of Human Rights for his sons to be returned to him who had been adopted to separate families in America.

So ultimately, I believe the UN Joint Statement acts two-fold: firstly, it goes some way towards validating the traumas some live in our adoptions and encourages intercountry adoptees and families around the world to stand up and demand action and legal vindication of our truths; and secondly, it makes it clear to States the risks they undertake if they continue on in their current practices of intercountry adoption.

I would personally be glad and celebrate if adopting countries assess the risk of participating in intercountry adoption as too high to continue it into the future. We are long past the time of being blind to the colonial practices and harms of intercountry adoption. We must do more to help all countries become more aware of the responsibility they hold to their own born-to-children. Remember that some of our biggest sending countries in intercountry adoption are our richest – China, South Korea and the USA. It is time we moved past the easy solution intercountry adoption provides to countries who don’t wish to take care of their own and challenge countries to understand there is an inherent cost if they ignore their children by casting them aside, when it suits. Intercountry adoptees do grow up, we become well educated, we are empowered by Western mentality to demand our rights be respected and injustices no longer be ignored.

The UN Statement is long overdue given the decades of generations of us who are impacted by illegal and illicit adoptions. I celebrate that we have been heard at the highest level internationally, but I’m fairly certain that States will not step up to deal with this issue in any practical way. I know they will remain silent for as long as possible, hoping it blows over and meanwhile, as in the Netherlands, they will continue on in their trade of children but in a slightly different way, despite conducting a full investigation; because that’s what countries do. I’m a pragmatist and I will continue to raise awareness and push for much needed change, because I know despite the UN Joint Statement, we are still at the beginning. It will take a huge en-masse movement from impacted people to get governments to act in support of us because for too long, they’ve been able to get away with doing little to nothing. At some point, the cost for governments and participating entities of doing little, will outweigh the cost to stopping the practice.

I believe in its current form and as practiced under the 1993 Hague Convention, governments are unable to prevent and stop the illegal and illicit practices aka trafficking that include human rights abuses in intercountry adoption. Therefore it needs to be stopped. The UN Joint Statement is simply a reflection of where we are at today. Victims no longer need to plead to be heard, we HAVE been heard at the highest level internationally. What we are waiting on now, is for appropriate responses from governments and facilitating organisations — which might be a long time coming.

risorse

Governments finally recognising illicit and illegal adoption practices

Lived experience suggestions for responses to illicit adoptions

Lived experience of illegal and illicit adoption (webinar)

Stop intercountry adoption completely because abuses can never be ruled out

Unbearable how the minister deals with adoption victims

The case for moratoria on intercountry adoption

Child Laundering: How the intercountry adoption system legitimises and incentivises the practice of buying, kidnapping, and stealing children

False Narratives: illicit practices in Colombian transnational adoption

Irregularities in transnational adoptions and child appropriations: challenges for reparation practices

From Orphan Trains to Babylifts: colonial trafficking, empire building and social engineering

Principio della doppia sussidiarietà e diritto all'identità

Intercountry adoption and the Right to Identity

Exploitation of in intercountry adoption: Toward common understanding and action

Una domanda per le agenzie di adozione

di Cameron Lee, adottato dalla Corea del Sud negli USA, terapeuta e fondatore di Terapia riscattata

Cosa autorizza un'agenzia di adozione a continuare a operare? Il numero di bambini collocati al mese? La quantità più bassa di discontinuità di adozione all'anno? Le credenziali del regista? La loro apparizione in una produzione mediatica esclusiva?

Se faticano a incorporare una vasta gamma di testimonianze degli adottati nel modo in cui forniscono efficacemente servizi di assistenza all'infanzia, comprese iniziative per mantenere intatte le famiglie, cosa stanno facendo dentro e verso le nostre comunità?

Una domanda che i genitori adottivi possono porre è: “In che modo le testimonianze di adulti adottati hanno cambiato le tue procedure operative standard negli ultimi cinque anni? Puoi mostrare almeno tre esempi di come il tuo programma è cambiato o si è evoluto sulla base della ricerca e della letteratura guidate dagli adottati?"

A meno che non siano disposti a mostrarvi il loro contributo ai bacini curativi del servizio che affermano di fornire, va bene chiedersi quante persone e famiglie siano state trattenute dall'accesso alle loro strutture di acqua viva.

In altre parole, mostraci il cuore della tua agenzia. Se c'è un'abbondanza di non adottati che parlano e insegnano, ci deve essere qualcos'altro che ci mostri che stai lavorando nel migliore interesse dell'adottato, non solo all'età in cui è "adottabile", ma per tutta la durata della nostra vita.

Vogliamo collaborare con te! Ma per favore, riduci al minimo l'idea che il nostro attivismo sia dannoso per gli affari. La voce dell'adottato non dovrebbe essere una minaccia per coloro desiderosi di imparare a servire meglio gli adottati. Molti di noi vogliono aiutarti a realizzare le tue promesse. Grazie per averci ascoltato in questo modo e per averlo reso una "migliore pratica" di solidarietà.

Leggi l'altro blog di Cameron su ICAV, Il Papa che fa vergognare le persone ad adottare bambini

Mese di sensibilizzazione dell'agente Orange

Sono un prodotto della guerra del Vietnam in cui l'America ha trattato il mio paese natale come un laboratorio chimico con la guerra dei pesticidi. Molte delle mie persone soffrono fino ad oggi a causa del impatti per tutta la vita della decisione di spruzzare migliaia di ettari con il micidiale cocktail chimico. 

Ho assistito a un'alta percentuale di miei compagni vietnamiti adottati soffrire di cancro in età relativamente giovane, una parte dei nostri bambini nati con disabilità, compreso il mio. Non è chiaro se possiamo affermare categoricamente che è causato dall'irrorazione dell'agente arancione, ma sappiamo che si trattava di un contaminante nell'aria che avrebbe avuto un impatto sulle nostre madri con noi mentre in utero e in ambienti a cui potremmo essere stati esposti da bambini.

Per le nuove e più giovani generazioni di adottati vietnamiti, sono nati in un paese che soffre ancora gli effetti della terra e delle acque contaminate dall'agente arancione. Quanti di loro soffrono degli impatti generazionali dell'agente arancione?

Una delle realtà più difficili che ho vissuto visitando gli orfanotrofi del Vietnam è stata l'incontro con i bambini che vivono con loro gravi deformità e disabilità, coloro che non possono essere accuditi nelle case famiglia perché i loro complessi bisogni sono troppo opprimenti.

Il mese di sensibilizzazione dell'Agente Orange mi ricorda i differenziali di potere che precedono l'adozione internazionale. Vedo che i veterani di guerra americani e le loro famiglie possono ottenere prova gratuita per l'esposizione all'agente arancione e riconoscimento degli impatti e supporto per ciò che l'agente Orange ha avuto su di loro, eppure si fa troppo poco per il popolo vietnamita e altri come noi, il danno collaterale.. Adottivi vietnamiti mandati all'estero.

Forse l'americano e altri governi adottanti pensano che sia stato sufficiente per "salvarci" dai loro stessi atti per spazzare via il nostro paese e averci trasportato in aereo nelle loro terre, dove possiamo crescere per imbiancare gli atti di guerra e gli esecutori perché, in fondo, dovremmo essere grati di essere adottati, non è vero?! 

risorse

Operazione Babylift: la prospettiva di un adottato

Operazione Babylift: rapimento di massa?

Intenzioni sbagliate: l'operazione Babylift e le conseguenze dell'azione umanitaria

La controversia sull'operazione Babylift durante la guerra del Vietnam

Operazione Babylift (1975)

Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'adozione illegale internazionale

Suicidio tra adottati

di Hilbrand Westra, nato in Corea del Sud e adottato nei Paesi Bassi, fondatore di Adoptee & Foster Care (AFC) Paesi Bassi

ATTENZIONE AL SUICIDIO TRA GLI ADOTTATI

Cinque volte superiore alla media

Quasi nessuno vuole davvero saperlo, e le persone non ne parlano facilmente, per non parlare dell'attenzione degli adottati quando succede. Solitamente l'attenzione va ai genitori #adottivi e gli adottati sono spesso soli sotto la pioggia.

La scorsa settimana è stato presentato il libro della madre adottiva Rini van Dam #donderdagen in Sneek. Le introduzioni dei relatori si sono giustamente concentrate sull'autore, ovviamente, ma uno degli argomenti per cui è stato creato il libro è stata la morte di Sannison. Un'adottata coreana che ha posto fine alla sua vita prima dei 17 anni e il suo servizio funebre è stato il cinque novembre, il mio compleanno. Aveva appena rotto con un compagno adottato poco prima. Era il 1991, l'anno in cui l'associazione per i coreani adottati, Arierang, tenne il suo primo grande incontro nazionale. L'anno in cui gli amori sono sbocciati e allo stesso tempo sono esplosi. L'anno in cui mi sono reso conto di cosa e dolore e dolore erano in agguato sotto tutti noi.

Due anni dopo, Julia, una coreana adottata dal Belgio che ha lasciato la vita poco prima di compiere 21 anni, è morta e il suo servizio funebre è stato il 5 novembre, il mio compleanno. I suoi genitori adottivi, tuttavia, non volevano adottati al servizio funebre.

Alcuni anni dopo, avrei perso mia sorella, Joo Min, mentre era di stanza come soldato delle Nazioni Unite in Bosnia. Non sappiamo davvero perché abbia scelto di salvare due ragazzi nella loro caduta nelle Alpi francesi italiane quando doveva aver saputo che le sarebbe stato fatale lei stessa.

Ieri mi è tornato in mente quanto sopra. Un confronto doloroso ma forse il più necessario con la mia storia personale per imparare attraverso questa dura strada che non riuscivo più a distogliere lo sguardo dal mio sviluppo interiore. Da allora, ho lavorato duramente per la sofferenza degli adottati in tutto il mondo. Ma invece di lodi e sostegno, ho ricevuto minacce e genitori adottivi arrabbiati sul mio cammino. Alcuni hanno persino minacciato di volermi uccidere. Ma anche gli adottati arrabbiati e gli scienziati di #, soprattutto dai Paesi Bassi, hanno cercato di togliere il mio messaggio dall'aria. Fino a quando la ricerca svedese di Anders Hjern, Frank Lindblad, Bo Vinnerljung è uscita nel 2002 e ha confermato le mie esperienze e sospetti.

Il trauma esistenziale del suicidio mostra una relazione con il processo di lacerazione creato dalla rinuncia e #adoption. Da allora, tali risultati sono emersi in tutto il mondo tranne che nei Paesi Bassi. Ai Paesi Bassi piace ancora indulgere nella storia di Walt Disney e qualsiasi rumore contrario su questo fenomeno viene opportunamente respinto dalla ricerca statistica, che, sebbene accreditata Evidence Based, riesce a respingere convenientemente questo problema.

La scienza preferisce lasciare a se stessi la sofferenza di molti adottati perché ciò che non compare nelle statistiche non esiste secondo il governo e le agenzie di adozione.

Originale in olandese

AANDACHT VOOR #ZELFDODING ONDER #GEADOPTEERDEN

Vijf keer hoger dan gemiddeld

Bijna niemand wil het echt weten, en men spreekt er niet makkelijk over, laat staan dat de geadopteerden de aandacht krijgen als het gebeurt. Meestal gaat de aandach naar de #adoptieouders en staan de geadopteerden vaak alleen in de regen.

Gisteren era de boekuitreiking van het boek #donderdagen van adottatimoeder Rini van Dam in Sneek. De inleidingen van sprekers waren natuurlijk terecht gericht op de schrijfster, maar een van de onderwerpen waarom het boek is ontstaan is de dood van Sannison. Een mede Koreaanse geadopteerde die voor haar 17e een eind maakte aan haar leven en haar rouwdienst was op vijf novembre, mijn verjaardag. Ze aveva kort daarvoor net de prille verkering met een medegeadopteerde uitgemaakt. Era il 1991, het jaar dat vereniging voor geadopteerde Koreanen, Arierang, haar eerste grote landelijke bijeenkomst achter de rug had. Het jaar waar zowel liefdes opbloeiden, maar ook uit elkaar spatten. Het jaar dat ik mij gewaar werd welk en pijn en verdriet onder ons allen schuil ging.

Twee jaar later, overleed Julia, een Koreaanse geadopteerde uit België die net voor haar 21e het leven verliet en haar rouwdienst was op vijf novembre, mijn verjaardag. Haar adoptieouders echter wilden geen geadopteerden bij de rouwdienst.

Enkele jaren più tardi zou ik mijn eigen zus, Joo Min, verliezen terwijl ik gestationeerd era als VN soldaat in Bosnia. Weten niet echt waarom ze verkoos om twee jongens in hun val in de Frans Italiananse Alpen te redden terwijl ze geweten moet hebben dat het haar zelf noodlottig zou worden.

Gisteren werd ik aan het bovenstaande herinnerd. Een pijnlijke, maar wellicht de meest noodzakelijke confrontatie met mijn persoonlijke historie om via deze harde weg te leren dat ik niet langer weg kon kijken van mijn innerlijke ontwikkeling. Sindsdien heb ik mij hard gemaakt voor het leed van geadopteerden over de hele wereld. Maar inplaats van lof e understeuning ontving ik bedreigingen en boze adoptieouders op mijn pad. Sommigen dreigden mij zelfs om te willen brengen. Maar ook boze geadopterden en #wetenschapper, vooral uit Nederland, probeerden mijn boodschap uit de lucht te halen. Totdat het Zweedse onderzoek van Anders Hjern, Frank Lindblad, Bo Vinnerljung nel 2002 è stato scritto in diversi passaggi.

Het existentiële trauma tot zelfdoding laat een relatie zien met het verscheurende proces dat ontstaat door afstand en 1TP4Adoptie. Sindsdien zijn over de hele wereld dergelijke uitkomsten opgedoken behalve in Nederland. Nederland laaft zich nog graag aan het Walt Disney verhaal en elk tegengesteld geluid over dit fenomeen wordt handig weggewerkt door statistisch onderzoek, dat weliswaar Evidence Based geaccrediteerd is, maar dit onderwerp handig weet weg te werken.

De wetenschap laat het lijden van veel geadopteerden liever aan henzelf over want wat niet in de statistieken opduikt bestaat niet volgens de overheid en de hulpverlening.

risorse

ICAV Pagina commemorativa con collegamenti Suicide Awareness e altre risorse su questo argomento

Artisti adottati

In ICAV, ci sforziamo di elevare gli artisti adottati poiché le loro opere spesso possono ritrarre ciò che le parole faticano a trasmettere. Coerentemente con ciò, al recente 9 settembre Serata di acquisizione dell'adozione di K-Box, Ra Chapman ed io volevamo che la serata fosse una celebrazione degli artisti internazionali adottati australiani. Siamo stati in grado di presentare alcuni dei loro lavori in una stampa come ZINE che puoi visualizzare qui:

Altri artisti adottati

Nel corso degli anni abbiamo avuto altri incredibili artisti adottati internazionali che hanno presentato le loro opere all'ICAV. Ecco una raccolta di ciò che è stato condiviso. Clicca sull'immagine e ti porterà al loro blog con le opere d'arte.

Meg alla serata di acquisizione dell'adozione di K-Box

Meg è un'adozione internazionale coreana, cresciuta in Australia e fumettista. Realizza opere in gran parte autobiografiche e di saggistica che sono apparse su The Nib, The Lily, Liminal Magazine, The Comics Journal e antologie tra cui Comic Sans, Dieta costante, discussioni che ci collegano e il vincitore del premio Eisner Drawing Power: storie di violenza sessuale, molestie e sopravvivenza di donne. Ha esposto fumetti, animazione e film a livello internazionale, insegnato creazione di fumetti a studenti universitari, sviluppato e distribuito programmi di fumetti a studenti delle scuole superiori provenienti da ambienti migranti e rifugiati con STARTTS e programmi artistici a studenti delle elementari in Corea. Meg sta attualmente lavorando a un lungo lavoro basato sulle sue esperienze come figlia asiatica di genitori bianchi in Australia, un recente periodo di vita in Corea e una ricerca fallita della madre coreana.

Ha creato l'artwork per il nostro Serata di acquisizione dell'adozione di K-Box materiale promozionale e ZINE:

Meg si è anche presentata come una delle nostre artiste adottate e puoi guardare il video della sua presentazione qui:

Puoi anche visualizzarlo nel formato della versione web per chi preferisce leggere e vedere.

risorse

Scopri di più su Mega
sito web: http://www.megoshea.com
IG: @even.little.meg

Dai un'occhiata al nostro Album di foto, di Ryan e di ebano presentazioni della serata

Prossimamente è il nostro artista adottato ZINE e altri artisti adottati

Ebony alla K-Box Adotta la notte dell'acquisizione

Ebony è un adottato internazionale di origine haitiana cresciuto in Australia. È un'artista di talento il cui corpo di lavoro parla delle complesse questioni che viviamo come adottanti internazionali ed esplorando la nostra identità. 

Come artista contemporaneo australiano con un interesse nell'interrogare concetti di individualità, adozione, sessualità, queerness e identità nera. Ebony attinge alla sua esperienza di vita per informare la creazione dei suoi disegni e forme scultoree espressive, impiegando un assortimento diversificato di materiali per comporre il suo lavoro. Anche la performance è un elemento importante della sua pratica creativa. Nel 2000, Ebony ha creato la personalità drag Koko Mass. Koko ama eseguire canzoni con l'anima ed è un po' tosto che parla sempre ed è onesto sui problemi che devono affrontare nella società. Koko sfida le percezioni a testa alta mentre si diverte anche con il loro pubblico. La pratica di Ebony è audace e politicamente impegnata, rispondendo ai problemi che riguardano le sue comunità con un forte linguaggio visivo che continua a esplorare. Ebony ha completato il suo Master in Arte Contemporanea al Victorian College of the Arts, Melbourne nel 2020. 

Ebony ha contribuito con questa opera d'arte per la nostra ZINE, una rivista stampata che celebrava gli artisti internazionali e transrazziali adottati in Australia, da portare a casa.

Se vivi a Melbourne, puoi vedere altre sue opere d'arte su Chin Chin e vai vai al 125 di Flinders Lane. Il bar è decorato con le sue opere d'arte e il suo video mostrato di seguito, viene proiettato sul vicolo. 

Sta anche partecipando con un gruppo di adottati delle Prime Nazioni australiane il 7 ottobre a Università di Melbourne in una mostra intitolata – Adottato.

Dichiarazione dell'artista di Ebony su questo video:

Trucco Divino, 2019

Il trucco divino è un esempio dei miei disegni che prendono vita, mi mettono all'interno della cornice, mostrano come disegno e poi lo accoppiano con la mia performance di parole. Il disegno è una parte importante della mia pratica; Rispetto la semplice forma di carta e testi.

Mi piace l'immediatezza del disegno; Sento che i miei disegni possono essere spontanei e mi piace disegnare liberamente. Quando disegno, non pianifico il risultato, parto e vedo dove mi porta, lascio che i segni guidino la mia direzione. Il mio lavoro, come Ebony, è personale e onesto. I miei disegni sono un mix di sentimenti, esperienze e momenti specifici della mia vita. Questo video mostra le idee che ho esplorato di recente, unendomi per riempire lo spazio con il mio io nero.

Guarda Il succhiotto d'ebano Trucco Divino:

risorse

Altre opere d'arte di Ebony all'ICAV:
Io sono me
Nato in entrambi i modi

Puoi scoprire di più su Ebony su:
IG: @ebano.hickey.7

Prossimamente è la presentazione di Meg della serata.

Ryan alla serata di acquisizione di K-Box adotta

Venerdì 9 settembre, ho co-ospitato con Ra Chapman (adottato e drammaturgo internazionale coreano) un evento di artisti adottati a Melbourne, Victoria, presso il Teatro Maltese. Questo evento ha seguito l'esibizione dell'incredibile commedia di Ra, K-Box che è la storia di Lucy (un'adozione internazionale coreana) che è un'adozione coreana di oltre 30 anni che porta un po' di umorismo e dure verità a tavola.

Sono stato onorato di essere alla lettura dell'opera teatrale di Ra's l'anno scorso, quando le è stato assegnato il premio 2020 Premio Patrick White per i drammaturghi a Sydney per questo lavoro.

Dopo lo spettacolo, alcuni dei nostri talentuosi artisti internazionali adottati hanno presentato un piccolo segmento di 10 minuti sulle loro opere d'arte.

I prossimi blog ti porteranno un paio di questi artisti adottati nelle loro presentazioni, seguiti da alcune delle opere d'arte che abbiamo catturato per ZINE, una piccola rivista che mostra le loro opere come ricordo da portare a casa della nostra serata.

Per me, il momento clou della serata è stata una lettura di un coreano adottato che è un accademico, uno scrittore e co-conduttore di podcast Sentimenti adottati, Ryan Gustafsson. Ryan è uno scrittore, ricercatore e podcaster. La loro pubblicazione più recente è "Whole Bodies", che appare nell'antologia di Liminal Contro la scomparsa: saggi sulla memoria (Pantera Press, 2022). Ryan è anche co-facilitatore del Rete di ricerca sull'adozione degli adottati coreani (KARN).

La presentazione di Ryan è stata potente, eloquente e toccante e presentata con una tale onestà cruda, ha risuonato nella mia anima poiché ho potuto relazionarmi a così tanto di ciò che hanno condiviso su come possiamo provare per la nostra prima madre.

Ryan Gustafsson e Lynelle Long

Ascolta la lettura di Ryan da un estratto del loro scritto intitolato – Ci siamo conosciuti con nomi diversi.

risorse

Puoi seguire Ryan su:
sito web: http://www.ryangustafsson.com
IG: @crewneckgreen

Dai un'occhiata al nostro Album di foto della sera.

Prossimamente è la presentazione di Ebony della serata.

Italiano
%%piè di pagina%%