Adottivi presso la Commissione speciale dell'Aia

Next week on 4-8 July, the 104 signatory countries of the Convention of 29 May 1993 on Protection of Children and Co-operation in Respect of Intercountry Adoption will gather online together at the Special Commission meeting to discuss Post Adoption e Illicit / Illegal Adoption matters. It is a significant event that happens usually every 5 years and this marks the first time there will be broad representation of intercountry adoptees attending as Observers. Historically since 2005, International Korean Adoptee Association (IKAA), the network representing Korean adoptee interests has been the only adoptee organisation to attend. In 2015, Brazil Baby Affair (BBA) was the second adoptee led organisation to attend with IKAA. Due to COVID, this current Special Commission meeting was postponed and over the past years, I can proudly say I have helped to spread the knowledge amongst adoptee led organisations of HOW to apply and encouraged lived experience organisations like KUMFA (the Korean mothers organisation) to represent themselves. This year, we proudly have 6 adoptee led organisations representing themselves and their communities. We have progressed!

Back in 2015, I wrote the blog titled Why is it Important to have Intercountry Adoptee Voices on this website. Many times over the years I have advocated about the importance of our voices being included at the highest levels of government discussions. So I say again, our voices are immensely important at these highest levels of adoption policy, practice and legislation discussions.

Some critics might say we change nothing in intercountry adoption by attending these meetings, however, I would like to suggest that merely seeing us represent our adult selves in numbers, helps governments and authorities realise a few key points:

  • We grow up! We don’t remain perpetual children.
  • We want to have a say in what happens to future children like ourselves.
  • We help keep them focused on “who” we really are! We are not nameless numbers and statistics. We are alive people with real feelings, thoughts and a myriad of experiences. Their decisions MATTER and impact us for life and our future generations!
  • We help them learn the lessons from the past to make things better for the future and remedy the historic wrongs.
  • We are the experts of our lived experience and they can leverage from our input to gain insights to do their roles better and improve the way vulnerable children are looked after.

One of the advantages of the framework of the Hague Convention, is that it creates opportunities like the upcoming Special Commission where adoptees can have visibility and access to the power structures and authorities who define and create intercountry adoption. Domestic adoptees lack this framework at a global scale and are disadvantaged in having opportunities that bring them together to access information and people which is important in advocacy work.

I’m really proud of our team of 8 who are representing ICAV at this year’s meeting. I have ensured we cover a range of adoptive and birth countries because it’s so important to have this diversity in experiences. Yes, there’s still room for improvement, but I’ve been limited by people’s availability and other commitments given we all do this work as volunteers. We are not paid as government or most NGO participants at this upcoming meeting. We get involved because we are passionate about trying to improve things for our communities! Equipping ourselves with knowledge on the power structures that define our experience is essential.

Huge thanks to these adoptees who are volunteering 4 days/nights of their time and effort to represent our global community!

  • Abby Forero Hilty (adopted to the USA, currently in Canada, born in Colombia; Author of Colombian adoptee anthology Decoding Our Origins, Co-founder of Colombian Raíces; ICAV International Representative)
  • Ama Asha Bolton (adopted to the USA, born in India, President of People for Ethical Adoption Reform PEAR; ICAV USA Representative)
  • Colin Cadier (adopted to France, born in Brazil, President of La Voix Des Adoptes LVDA)
  • Jeannie Glienna (adopted to the USA, born in the Philippines, Co-founder of Adotta Kwento Kwento)
  • Judith Alexis Augustine Craig (adopted to Canada, born in Haiti; Co-founder of Adult Adoptee Network Ontario)
  • Kayla Zheng (adopted to the USA, born in China; ICAV USA Representative)
  • Luda Merino (adopted to Spain, born in Russia)
  • Myself, Lynelle Long (adopted to Australia, born in Vietnam; Founder of ICAV)

We represent ourselves together with our adoptee colleagues who represent their own adoptee led organisations as Observers:

I’m not expecting great changes or monumental happenings at this upcoming meeting, but it’s the connections we make that matter whether that be between ourselves as adoptees and/or with the various government and NGO organisations represented. Change in this space takes decades but I hope for the small connections that grow over time that accumulate and become a positive influence.

The next few posts will be sharing some of the key messages some of our team put together in preparation for this Hague Special Commission meeting on Post Adoption Support and what the community via these leaders, wish to share. Stay tuned!

Perdonare e andare avanti

My adoptive aunt passed away two days ago and when the grief of this additional news struck, I took space to mourn, and while embracing more of life’s inexplicable changes, I discovered a new and unexpected change in my heart.

In this time, I’ve been home a lot, staying comfy and quiet in Aina Haina, not wanting to go out. I didn’t know this would happen or that my anger would ever subside. But I came to find myself able to forgive in the end, and let bygones be bygones.

I know when my heart changed.

It happened after I’d been doubling up on my therapy for weeks, and specifically, at the moment when I was sitting in a pew, at a new church a few Sundays ago. This is when it happened.

It was probably the most hilarious and beautiful Sunday mass I’d ever been too, in this chapel, with glass windows that reached this vaulted ceiling, overlooking the ocean, on the beach. This guy came in with beach trunks, and no shirt, and every time the musical accompaniment played, he’d stand up and read really loudly out of the bible without being prompted to do this. My seriousness broke into a giddy smile watching this. I started taking photos of him on my phone like a tourist, and that’s when I just felt better.

Understanding dawned on me. Life. Love. Heartbreak. Dissapointment. Loss. Hope. Resiliency. Ke Akua. God. People. Acceptance. This story of my life, where I never got my family, I was never born with culture. But I always knew the values of the world we live in today. Why values are the only thing that keeps us all alive. And I talked to my therapist after that and I told her, I was ready now.

Ready to forgive it all.

It’s Sunday evening. I’m ready for tomorrow too.

I spent all day today reading student poetry and replying to their writings. Outside, it is dark. I can hear the cars passing by my window. And inside me, I feel okay with my adoptee relations and all that’s happened. Inside, I don’t hold resentment.

After reviewing my students’ poetry, I visited a favorite beach of mine and took a photo of the water. After that, I went and got some poké at a nearby food store. I snacked on the poké at the side of my house, overlooking the water as the sun was setting. My kitty was next to the window beside me, watching me through the screen.

For a while, I’ve been questioning what what kind of genre my life is. I used to believe my life was a dark dystopian horror where I was a victim to unfortunate events. That my life was littered with raw, dark situations and characters. It was just today, where I realized, my life is not a horror genre! It’s in fact, been a coming of age story all along.

In the end, I live a quiet life on Oahu. I live humble, alone on my own, in a quiet side of the island. I have my kitty and I’m spending my summer teaching students how to write, watching movies at home, visiting a few of my favorite places each week. I started a new Instagram that I hope might make some new connections.

Even though I get bored at times, I know that the worst is over.

I’m happy to not be in love. I’ve been living my dream of living next to the ocean. I’m reaching a newfound conclusion with life and how my adoptive relations all turned out. I don’t feel the need to block anyone anymore, and these days. I am ready to be authentic and have healthy relations universally, with the boundaries from my commitment to healing and overcoming everyday. And I’m ready to learn more about native cultures and Hawaii, and teach today’s multicultural youth on how to be their own voice in this world.

Now , these days, I’m mostly just wanting to have my own home where it’s affordable to live.

And that’ll be a whole new adventure.

Read Desiree’s previous blog: Adoption can be a Psychological Prison e seguila a Weebly o Instagram @starwoodletters.

Due motivi per rimanere in fiore

di Roxas-Chua, adottato dalle Filippine negli USA; autore, artista.

Per molte persone adottate l'adozione è traumatica. Non sono così lineare nella mia condivisione della storia perché non posso rimanere a lungo a respirare quell'atmosfera. Scelgo scrittura, calligrafia e arte per lavorare sulla mia storia. Poiché non ho avuto una buona nascita, mi piacerebbe avere la possibilità di avere una buona morte. Sono su un percorso che ricostruisce da forme mozzate e pezzi invisibili. È un percorso in cui costruisci dalle tue illuminazioni trovate. È un posto in cui sono un neonato, un ragazzo e un uomo che accadono tutti allo stesso tempo. Scrivere e fare arte non sono facili anche se sembra che lo sia. Ecco le verità raccontate in due astrazioni, due lividi quando i miei sensi proiettano una posizione del dolore all'interno del corpo. Non c'è bisogno di mettere in discussione le storie di persone adottate o abbandonate da bambini quando non si adattano alle narrazioni di benessere della società e dei media. Ti chiedo di ascoltare, vedere e sederti con me quando ti apro il mio corpo.

Ascoltando Piccole Cose di Ida – https://youtu.be/pmrsYPypQ

Vedi il blog precedente di Roxas-Chua: Se la luna potesse essere la mia madre natale adesso

Per di più da Roxas-Chua, guarda il loro podcast Caro qualcuno da qualche parte e prenota Dire il tuo nome tre volte sott'acqua.

Un Adottivo condivide la terapia EMDR

di Gabriela Paulsen, adopted from Romania to Denmark.

EMDR Therapy Changed My Life!

Eye Movement Desensitization and Reprocessing (EMDR) therapy for me, involved the therapist moving 2 fingers in front of my head so the eyes are moving side to side, while I was thinking about a trauma event. The stimuli can also be something I hold in my hand which is vibrating or it can be tapping done by the therapist. The eye movements help the brain to take up the trauma and reprocess it again, so it does not disturb me in daily life. During the eye movements, I sometimes had different reactions such as crying or maybe some body sensations like getting hot or fast breathing because my body experiences the trauma event again. There can many kind of different reactions and the tricky part is that I had no idea how I would react until I tried it!

In my case, I wanted to work with a trauma I had from my time in Romania as an orphan, I think it was from the orphanage, but I am not completely sure as it could also be a memory from my time in hospital.

My trauma was a memory I only got when I was sleeping and when the trauma was about to occur it felt like I might pass out and loose control. In that moment I knew that I would relive the trauma event again. I experienced the nightmare quite often as a teenager. The last time it happened, was around 10 years ago, just before I turned 17-18 years old. The trauma event felt extremely real. I was very scared and after I woke up, I was completely paralysed with fear. I had always thought this was something real, so when my therapist recommended EMDR therapy for me, I said yes and we started to work with this trauma. I only have my nightmare to work from, so it was not much. I had absolutely no idea whether I would react or not and it was actually quite difficult to think about such an old memory during the eye movements!

Session 1
On my first session of EMDR, it took a while before I started to react. I started to sit as if paralysed, I could only look straight forward and talked more slowly because it felt like I was put into a hypnotic state of mind. I then started to remember more of the trauma and I starting to breath faster even though it felt like I was holding my breath. My body was definitely starting to prepare for the trauma event memories and I felt very alert.

After that session, my brain continued to work with the trauma, which is expected. I could feel it because I was very alert, I was scared of being in a dark room and of some gloves I had because they are a symbol of a hand. During a work day, there was a potentially dangerous situation of a woman who was very threatening towards one of my colleagues, who reacted with aggression. I got extremely tense because of that and I was breathing like hell because I was ready to fight. It was a huge and shocking reaction I had and I couldn’t talk properly because of my breathing, so I had to take 5 minutes break to calm myself.

Session 2
I had problems getting my mind to go back into the trauma so my therapist and I had a short break from the eye movements to relax and help me get back into it. After a while I started to react with the paralysed / hypnotic state of mind and quick breathing but within myself, it felt silent and it appears like I am not breathing. After a while, I wanted to move my arm but directly afterwards I regretted this because I immediately felt like I did something wrong. Later, I started to remember more, it was like a part of me was revisiting the traumatic event. It was very interesting to explore because I got new information about my trauma. After going deeper and deeper into the trauma my breathing got faster and faster and suddenly I felt like I was about to break down into tears. I continued for a few minutes more and then I stopped doing the eye movements because I got very sad, I was crying and then my breathing was changing to be very big and deep, from within my stomach. I could feel my bones in my back so much from the heavy breathing. During this, I experienced the most insane feelings inside of me whilst my tears were running freely.

I didn’t understand at the time what happened because my brain was in the present and yet my body was reliving the trauma I had experienced. It was very hard to feel the trauma again. I thought that I must have looked like a person getting raped or tortured. It was a completely insane experience and afterwards I felt very confused about what happened and I asked my therapist to explain it to me.

Afterwards, I was extremely tired and my whole body felt very heavy. My muscles in my arms felt like they had lifted something way too heavy! I was also very alert and the rest of the day and the next 3-4 days, I was in this stressful state of mind. I would feel suddenly deep sorrow and tiredness several times a day without knowing why. It was literally like something was hurting inside me several times a day and like something wanted to come out of my body but I was with family, so I worked very hard to not break down and at the same time, I felt like I couldn’t get the emotions out either. It was very confusing. I also started to not like high noises and I felt scared if there where many people too close around me, like when I was on public transport. I usually do not have such problems. I was still scared of darkness and sometimes I got scared without knowing why. One of the times I was scared I was thinking about the woman who had caused my trauma.

I felt like I didn’t want to sleep after I have my nightmare about my trauma, because I was so scared!

Session 3
After 3 weeks, I was going to do EMDR again and I was very nervous and exciting about what would happened. The night before therapy I had a very short nightmare again which had not happened for around 10 years! This time, it was like I was further in the trauma event as compared to in the past, I had only ever dreamed as if I was at the beginning. In the nightmare some people were about to do something that I definitely didn’t like and I was thinking “stop”, so the nightmare ended extremely short. It felt like a few seconds but it was enough for me to feel again how I actually felt during the trauma event from years past. The next day, I was very stressed and actually scared.

During EMDR therapy session after this, I felt like my eyes were working against me, not wanting to participate. So I talked with my therapist about how I had completely closed down because of the nightmare. I didn’t have huge reactions during that session nor the next 2 sessions. In the last EMDR session, I could nearly get the image of the trauma event in my mind and I no longer felt scared – it was as if the trauma no longer affected me as powerfully as before. Between the sessions, I have felt very bad mentally but one day, it was like gone completely and I felt much happier, more relaxed and not as chronically tense. I also stopped having problems sleeping in a dark room – in the past, a completely dark room signalled that the re-lived trauma would occur.

In the past and prior to doing EMDR therapy, I would get anxiety from the outside getting dark, or having many people around me and high noises. Now all of these things are no longer a problem so I feel like I can go on living as myself once again. My friends have also told me that I seem more relaxed and most importantly, I feel a huge difference in my life!

I can highly recommend EMDR therapy for adoptees especially when it comes to trauma that the body remembers. I feel like I have healed my body and let out a terrible experience. Before EMDR therapy, I didn’t understand that my body was reliving such huge trauma all the time and how much it was impacting me.

risorse

Trovare la giusta terapia da adottante

Screening for an adoption competent therapist

Il trauma inerente alla rinuncia e all'adozione

Abbiamo ancora molta strada da fare per raggiungere il grande pubblico ed educarlo sul trauma intrinseco e sulle perdite dovute alla rinuncia e all'adozione. Per aiutare con questo, sto cercando di connettermi in spazi che non sono specifici dell'adozione e condividere il nostro messaggio.

Ho recentemente inviato il nostro Video per professionisti a un'organizzazione Stella che fornisce cure mediche per il disturbo post traumatico da stress (PTSD) chiamato Blocco del ganglio stellato (SGB). Chissà, forse potrebbe essere efficace per alcuni adottati? Il nostro trauma da abbandono spesso non ha un linguaggio perché ci è successo da bambini piccoli o neonati, quindi sono costantemente alla ricerca di nuovi trattamenti o opzioni che possano aiutare a dare sollievo al campo minato emotivo in corso che vivono molti adottati. SGB lavora sulla premessa di smorzare la nostra risposta di lotta/fuga che risulta da un trauma in corso.

Il capo psicologo di Stella, La dottoressa Shauna Springer e il capo delle partnership, Valerie Groth, hanno entrambi chattato con me e guardato i nostri video. Fino ad allora, entrambi come clinici non avevano idea dei traumi inerenti alla rinuncia e all'adozione. Sono ispirati a unirsi a me per aiutare a educare il pubblico, quindi ecco la breve intervista al podcast di 30 minuti che hanno condotto per facilitare questo. Clicca sull'immagine per ascoltare il podcast.

Se conosci già i traumi inerenti all'adozione, nulla in questo sarà nuovo, ma se desideri un podcast che aiuti gli altri a capire dal punto di vista del primo studente, forse potresti considerare di condividerlo con loro.

Abbiamo anche il nostro elenco compilato di risorse come punto di partenza per chi è interessato a saperne di più sulla connessione tra trauma e adozione da esperti di tutto il mondo.

Cosa c'è in un nome?

di Stephanie Dong Hee Kim, adottato dalla Corea del Sud nei Paesi Bassi.

Un nome è solo "ma" un nome?

Il significato delle parole e del linguaggio è molto più di una raccolta di lettere, segni o suoni.

Parole e suoni hanno un significato, questi sono simboli, riflettono sentimenti e pensieri. Un nome esprime la tua identità: chi sei, da dove vieni e chi e dove appartieni (a)?

Domande che non hanno una risposta ovvia per molti adottati e per ogni persona che sta cercando entrambi o uno dei loro genitori naturali.

Sono stata concepita e cresciuta fino a diventare un essere umano nel grembo di mia madre coreana, come quarta figlia della famiglia Kim (김), ei miei genitori mi hanno chiamato Dong-Hee (동희) dopo la mia nascita.

Sono stato adottato da una famiglia olandese e ho avuto un nuovo nome e anche un nuovo cognome. Ultimamente, per me questo ha iniziato a sembrare come "sovrascrivere" la mia identità e non mi sento più senang per questo.

Mi vedo sempre più come una donna coreana cresciuta nei Paesi Bassi e di nazionalità olandese. La mia identità coreana è il mio background e costituisce una parte importante di ciò che sono, anche se non sono cresciuto in quella cultura.

C'è una leggera differenza tra come mi sento riguardo al mio nome e come mi sento per il mio cognome.

Sono grato che i miei genitori adottivi non mi abbiano mai portato via 동희 e abbiano appena aggiunto Stephanie in modo che la mia vita qui fosse più facile. Al giorno d'oggi è ancora più facile avere un nome occidentale, dal momento che la discriminazione non è scomparsa nel corso degli anni.

Sento sempre di più che la mia parentela e il mio background coreano sono dove voglio che il mio cognome si riferisca, sono orgoglioso di essere un membro della famiglia 김.

Sento meno legame con il cognome olandese, perché non condivido alcuna storia familiare culturale e biologica con questo nome e le persone che lo portano. Inoltre, non ci sono mai stati molti contatti o legami con nessuno di quei membri della famiglia, a parte il mio padre adottivo ei miei fratelli.

Ecco perché ho deciso di abituarmi a cosa vuol dire farmi conoscere con i miei nomi coreani, a cominciare dai social. Solo per sperimentare cosa mi fa, se mi fa sentire più me stesso e al suo posto.

Vorrei che le persone iniziassero a sentirsi a proprio agio nel chiamarmi con uno dei miei nomi. Penso che mi aiuterà a capire quali nomi mi ricordano di più chi sono veramente, mi fanno sentire a casa. Forse è uno di loro, forse sono entrambi. Sto bene con tutti i risultati.

È in qualche modo scomodo per me perché mi sembra di togliermi una giacca e con ciò sono un po' esposto e vulnerabile.

Ma va bene, dal momento che mi identifico con i miei nomi olandesi da più di 42 anni.

Questo è stato originariamente pubblicato su Instagram e redatto per la pubblicazione su ICAV.

risorse

Cosa c'è in un nome? Identità, rispetto, proprietà?

Il mio viaggio di adozione

di Anna Grundström, adottato dall'Indonesia alla Svezia.

Non molto tempo fa pensavo alla mia adozione non come un viaggio, ma una meta. Sono finito dove sono finito, ed era chiaro fin dall'inizio che non ci sarebbero mai state risposte al perché. Le mie domande sono passate in secondo piano e sono rimaste lì per anni, osservando una corsa a cui non mi legavo, i miei inizi.

Circa due anni fa, in qualche modo sono passato dal sedile posteriore al sedile del conducente e ho messo entrambe le mani sul volante. Anche se non c'erano ancora risposte alle mie domande, mi sono reso conto che potevo ancora farle.

Sono arrivato a capire che chiedere non significa sempre ottenere una risposta sbagliata o giusta, o addirittura una risposta, in cambio. Chiedere significa riconoscere me stesso, i miei pensieri e sentimenti. Dare il permesso di chiedersi ad alta voce, di essere sconvolti, arrabbiati e frustrati. Per riconoscere la perdita di cose, luoghi e persone. E a volte ci sono risposte, così sottili che quasi mi mancano: come notare come mi lamento quando il sole sorge per la prima volta al mattino, o come un particolare senso di desiderio mi pervade la schiena quando inalo un profumo casuale.

C'è qualcosa nel riconoscere la perdita del nostro passato come adottati, nominarlo, incarnarlo, anche se non sappiamo perché o come. Da qualche parte all'interno del nostro corpo lo sappiamo. Da qualche parte nel corpo è tutto ancora lì. Festeggiare, soffrire e accettare: fa tutto parte del mio viaggio di adozione.

Anna offre laboratori creativi e di movimento guidato per gli adottati: dai un'occhiata a lei sito web per vedere cosa sta succedendo!

Esperienza vissuta di razzismo nell'adozione internazionale transrazziale

Una settimana fa, uno straordinario gruppo di 6 adottati transrazziali internazionali ha condiviso con me le loro esperienze di razzismo, cresciuti in un paese in cui la maggioranza razziale non riflette il colore della loro pelle e l'aspetto esteriore.

Il webinar si concentra sulle esperienze australiane perché abbiamo fornito questo forum durante l'orario lavorativo per i professionisti dell'adozione e dell'affido australiani. Secondo la mia esperienza, il collegamento con migliaia di adottati internazionali in tutto il mondo attraverso l'ICAV, il razzismo e il modo in cui lo soffriamo e lo viviamo, è un fenomeno condiviso a livello globale, indipendentemente dal paese di adozione.

Ascolta le esperienze condivise qui alla registrazione del nostro webinar panel:

Timecode per chi vuole arrivare alle parti rilevanti:

00:00:00 – 00:03:13 Introduzione e perché discutiamo di razzismo
00:03:27 – 00:04:30 Benvenuti nel paese
00:04:35 – 00:08:20 Introduzione del panel di adozione
00:08:20 – 00:41:14 Che aspetto ha il razzismo e i suoi impatti
00:41:15 – 01:09:47 Suggerimenti su come possiamo essere supportati meglio
01:09:56 – 01:23:14 Domande e risposte con il pubblico
01:23:15 – 01:26:02 Grazie e riepilogo dei punti chiave

risorse

Il nostro ultimo documento prospettico ICAV su Razzismo
Il nostro consigliato Risorse per la gara
ICAV Risorsa video include discussioni su razza e razzismo
Supporti post-adozione

Cultura Pop e Gente di Colore

di Benjamin Kelleher, nato in Brasile di origini africane e adottato in Australia.

La cultura pop e la sete di TV americanizzata e la visione dei media hanno mascherato, diluito o interferito con il processo di adozione transrazziale che si collega alla loro storia biologica?

Ciò che ha acceso il mio interrogatorio sul colosso dei media è stato il recente passaggio di una data importante nella mia stessa eredità. 13 maggio 2022 ha segnato il 134° anniversario del giorno in cui il Brasile ha ufficialmente abolito la schiavitù. Essendo un afro-brasiliano adottato dall'estero, puoi immaginare il mio interesse per il movimento per i diritti civili, il movimento Black Lives Matter (BLM) e qualsiasi argomento che copra la storia moderna della grande diaspora africana e questa data in particolare.

Ma potresti chiedere, perché la mia domanda iniziale? Ebbene, quello che alcuni potrebbero non sapere, è il fatto che mentre le stime variano da fonte a fonte, circa 40% degli africani sono stati rimossi e ricollocati con la forza ai nuovi mondi durante la tratta degli schiavi transatlantica finito in Brasile al contrario del 10% ricevuto dagli Stati Uniti. Un altro fatto è che mentre la Gran Bretagna ha messo fuori legge la schiavitù nel 1807, gli Stati Uniti nel 1865, il Brasile è stato ufficialmente l'ultimo del mondo occidentale ad abolire la schiavitù nel 1888. Quindi, in sostanza, mentre il presidente Lincoln stava liberando gli schiavi negli Stati Uniti, il Brasile ha avuto altri 23 anni di tagli economici, sulle spalle degli africani.

Con la morte di George Floyd e il movimento BLM che ha colpito TV, telefoni e qualsiasi cosa con uno schermo nel 2020, la difficile situazione dell'uomo di colore è stata nuovamente portata nella visione del mondo e un punto di discussione per molti in tutto il mondo. Molti hanno nuovamente guardato agli Stati Uniti con le sopracciglia alzate per quanto riguarda il trattamento istituzionalizzato delle persone di colore (POC). Nel corso dell'anno successivo il movimento BLM ha preso forma in molti paesi. Quello su cui certamente non ricordo di aver visto alcun rapporto, era il fatto che nel 2021, secondo il Washington Post, 56% della popolazione brasiliana erano neri ma costituivano 79% di morti per mano della polizia nello stesso anno. Il 2021 ha visto anche 67% della popolazione carceraria indicati come neri.

Essendo stato adottato in Australia, a volte sono alquanto perplesso che possiamo avere una tale pletora di film, libri, documentari, blog e podcast che alimenteranno il bisogno di conoscenza su questo argomento quando si parla specificamente della storia americana. Tuttavia, per trovare lo stesso livello di informazioni su paesi come il Brasile, o anche la storia australiana di come abbiamo trattato i nostri indigeni e POC, bisogna essere disposti a scavare un po' di più e lavorare sulle gambe.

Parlando da una prospettiva di adozione transrazziale, posso vedere come ciò non influirebbe in modo significativo sui miei coetanei di carnagione anglosassone. Tuttavia, per quelli di noi, che a volte possono aver lottato o trovato difficile stabilire connessioni con la nostra storia biologica e in una certa misura l'identità, questo sembra costituire un altro ostacolo sulla strada delle complessità che possono essere l'esperienza vissuta dell'adozione internazionale.

Quindi, ancora una volta, concludo il mio sfogo chiedendo, stiamo perdendo un maggiore senso della storia mondiale e restringendo il nostro campo di vista quando si tratta della storia di una moltitudine di etnie e POC nel tentativo di continuare a divorare la cultura pop americana attraverso i media e come sottoprodotto, sono le viste storiche?

Puoi seguire Benjamin @ Insta su il_tranquillo_adottato o controlla la sua breve intervista un giro Risorsa video.

risorse

Africa ridotta in schiavitù

Compleanni di adozione

di Maars, portato dalle Filippine al Canada. Puoi seguire Maars @BlackSheepMaars

I compleanni sono difficili per un adottato.

È un ricordo del giorno in cui mi è stata data la vita. È un promemoria di ciò che una madre e un padre potevano solo sognare per me.

Tuttavia, in adozione, quei sogni sono di breve durata e qualcun altro ne sogna uno nuovo per me, ma non è mai garantito. Non tutti i sogni portano la stessa intenzione e amore e questo è vero in molti modi per me che ho perso i miei genitori naturali.

Ma ora sogno per me stesso, e sono io che mi reclamo.

Mentre rifletto oggi, quali sono stati 34 anni, piango ancora quel bambino con quel sorriso, quanto non sapeva sarebbe stato davanti a lei. Quanta perdita e dolore avrebbe dovuto superare con il passare degli anni e la perdita di tutto ciò con cui era nata.

Avrei voluto salvarla. Avrei voluto salvarla da tutti i momenti dolorosi che avrebbe dovuto affrontare e avrei potuto tenerla stretta per ogni volta che si lamentava per i suoi genitori naturali. Vorrei poterle garantire che un giorno avrebbe ritrovato tutti i suoi pezzi e che sarebbe arrivato con un diverso tipo di dolore. Vorrei sapere come essere lì per lei.

Oggi auguro a lei e a me stesso che la piccola Maars e io continuiamo a curare le ferite a cui non ha più bisogno di aggrapparsi. Mi auguro che possa trovare pace e felicità nel presente.

Alcune cose non le supero mai, altre troveranno sempre il modo di emergere. Alcune cose guariranno nel tempo.

Buon compleanno piccola Maars, stiamo andando bene!

Dai un'occhiata a un recente blog di Maars: Tanta perdita nell'adozione

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%