Estratto: Prima lettera a mio padre iraniano

Visita di ritorno nella mia terra natale - Iran, Mashhad

In Svezia, dove sono cresciuto, le persone come me si chiamano adottato. È facile individuare un adottato. Sembra che veniamo da un posto molto lontano, ma non conosciamo la nostra lingua o cultura nativa. Questo crea confusione ovunque andiamo. Crea anche confusione dentro di noi.

Chi siamo noi? Chi sono?

Addoloriamo i nostri traumi in silenzio perché non appena condividiamo la nostra tristezza, ci viene detto che dovremmo essere grati: al nostro nuovo fantastico paese e ai nostri gentili genitori adottivi.

Questo è qualcosa che un bambino biologico svedese non deve mai sentire: che dovrebbero essere grati di vivere in Svezia! Questo crea la sensazione di valere meno rispetto a tutti gli altri; che esistiamo in Svezia in altri termini rispetto ai nostri coetanei; che è condizionale. In molti casi, i nostri genitori adottivi non si sono presi cura di noi. Hanno ignorato i nostri traumi. E non hanno capito il razzismo che tutti noi abbiamo dovuto sopportare, sia da bambini che da adulti. Non eravamo protetti. Eravamo un gioco leale.

Quando vieni adottato a volte ti addolori e pensi a tua madre. Per qualche ragione non pensi molto a tuo padre. Penso che questo sia dovuto al fatto che abbiamo l'impressione che le nostre madri fossero giovani e all'oscuro, forse tossicodipendenti, forse prostitute. E che nostro padre era solo un tizio. La parte con la prostituzione, tra l'altro, fa parte della narrativa che le ragazze adottate vengono consegnate quando sono giovani. “Se fossi rimasto nel tuo paese saresti stato una prostituta, quindi perché non sei grato?!” Riuscite a immaginare cosa ci fa questo messaggio?!

Papà, come la maggior parte degli altri adottati, ho passato del tempo a interrogarmi su mia madre, ma non so se ti ho mai pensato in passato. Ora, penso a te tutto il tempo.

Di Sara

Primo regalo di mio padre iraniano

lascia un commento cancella risposta

Italiano
%%piè di pagina%%