Dove appartengo?

di Charisse Maria Diaz, born as Mary Pike Law, cross cultural adoptee born in Puerto Rico

Pote de leche are Spanish words for “milk bottle”. Where I was born, this is how someone is described when they are too white. Yes, too white. That is what I was called at school when bullied. In my teens, I spent many Sundays sunbathing in the backyard of our home. This was one of the many ways I tried to fit in.

My tendency has been to consider myself a transcultural adoptee and not a transracial adoptee, because my adoptive parents were Caucasian like me. Recently, I realized their looks do not make my experience too different from the experience of any transracial adoptee. I was born in Puerto Rico from an American mother and English father and adopted by a Puerto Rican couple. Puerto Ricans have a mix of Native Taino, European and African genes, our skin colors are as varied as the colors of a rainbow. The most common skin tones go from golden honey to cinnamon. For some, I looked like a little milk-colored ghost.

My adoptive mother told me that an effort was made by the Social Services Department, which oversaw my adoption process, to make the closest match possible. She said the only things that did not “match” with her and my adoptive father were my red hair and my parents’ (actually, my natural father’s) religion. I was supposed to be an Anglican but was going to be raised as a Catholic. This was part of the brief information she gave me about my parents, when she confessed that they were not dead as I had been told at 7 years old. She also admitted that I was not born in Quebec, which they also made me believe. I was born in Ponce, the biggest city on the southern shore of the island. She gave me this information when I was 21 years old.

So, at 21 years of age, I discovered that I was a legitimate Puerto Rican born in the island, and also that my natural father was an English engineer and my natural mother was Canadian. I was happy about the first fact and astonished about the rest. Suddenly, I was half English and half Canadian. At 48 years old I found my original family on my mother’s side. Then I discovered this was a misleading fact about my mother. She was an American who happened to be born in Ontario because my grandfather was working there by that time. I grew up believing I was a Québéquois, after that I spent more than two decades believing that I was half Canadian. All my life I had believed things about myself that were not true.

I learned another extremely important fact about my mother. She was an abstract-expressionist painter, a detail that was hidden by my adoptive family in spite of my obvious artistic talent. I started drawing on walls at 2 years old. My adoptive parents believed that art was to be nothing more than a hobby, it was not a worthy field for an intelligent girl who respected herself and that happened to be their daughter. This did not stop me, anyway. After a bachelor’s degree in Mass Communication and a short career as a copywriter, I became a full-time painter at the age of 30. To discover that my mother was a painter, years later, was mind-blowing.

Identity construction or identity formation is the process in which humans develop a clear and unique view of themselves, of who they are. According to Erik Erikson’s psychosocial stages of development, this process takes place during our teen years, where we explore many aspects of our identities. It concludes at 18 years old, or, as more recent research suggests, in the early twenties. By that age we should have developed a clear vision of the person we are. How was I supposed to reach a conclusion about who I was, when I lacked important information about myself?

My search for my original family started when there was no internet, and it took me more than 20 years to find them. I did not arrive in time to meet my mother. A lifelong smoker, she had died of lung cancer. I connected with my half-siblings, all of them older than me. They were born during her marriage previous to her relationship with my father. Two of them were old enough to remember her pregnancy. They had been enthusiastically waiting for the new baby, just to be told that I was stillborn, news that hurt them so much. Before she passed away, my mother confessed to my siblings that I was relinquished for adoption. Through them, I learned what a difficult choice it was for my mother to let me go.

During my search, well-known discrimination against Latinos in sectors of the American culture gave me an additional motive to fear rejection. I didn’t know I had nothing to worry about. My siblings welcomed me with open arms. Reconnecting with them has been such a heartwarming, comforting, life-changing experience. We are united not only by blood, but also by art, music, literature, and by ideas in common about so many things, including our rejection of racism. It was baffling to learn that my opinions about society and politics are so similar to my natural parents’ points of view, which were different, and sometimes even opposite to my adoptive parents’ beliefs.

My siblings remember my father, their stepfather, fondly. With their help I was able to confirm on the Internet that he had passed away too. His life was a mystery not only to me, but to them too. A few years later, I finally discovered his whereabouts. He lived many years in Australia and was a community broadcasting pioneer. A classical music lover, he helped to establish Sydney-based radio station 2MBS-FM and worked to promote the growth of the public broadcasting sector. His contributions granted him the distinction of being appointed OBE by the British government. My mind was blown away for a second time when I learned that he had dedicated his life to a field related to mass communication, which was my career of choice before painting. My eldest half-brother on his side was the first relative I was able to contact. “Quite a surprise!”, he wrote the day he found out that he had a new sister. Huge surprise, indeed. My father never told anyone about my existence. Now I got to know my half-siblings and other family members on his side too. They are a big family, and I am delighted to keep in touch with them.

My early childhood photo

With each new piece of information about my parents and my heritage, adjustments had to be made to the concept of who I am. To be an international, transcultural, transracial adoptee can be terribly disorienting. We grow up wondering not only about our original families, but also about our cultural roots. We grow up feeling we are different from everyone around us, in so many subtle and not so subtle ways… In my case, feeling I am Puerto Rican, but not completely Puerto Rican. Because I may consider myself a true Boricua (the Taino demonym after the original name of the island, Borikén), but in tourist areas people address me in English, and some are astonished to hear me answer in Spanish. More recently, I have pondered if my reserved nature, my formal demeanor, my cool reactions may be inherited English traits. And getting to know about my parents, even some of my tastes, like what I like to eat and the music I love, has made more sense. But in cultural terms I am not American or British enough to be able to wholly consider myself any of these. Where do I belong, then? And how can I achieve completion of my identity under these conditions? It is a natural human need to belong. Many times I have felt rootless. In limbo.

A great number of international adoptees have been adopted into Anglo-Saxon countries, mostly United States and Australia, and many of them come from places considered developing countries. The international adoptee community, which has found in social media a great tool to communicate, receive and give support, and get organized, encourages transracial and transcultural adoptees to connect with their roots. My case is a rare one, because it is the opposite of the majority. I was adopted from the Anglo-Saxon culture to a Latin American culture. I never imagined that this would put me in a delicate position.

Puerto Rico has a 500-year-old Hispanic culture. I am in love with the Spanish language, with its richness and infinite subtleties. I feel so honored and grateful to have this as my first language. We study the English language starting at first grade of elementary school, because we are a United States’ territory since 1898, as a result of the Spanish-American war. We are United States citizens since 1914. We have an independentist sector and an autonomist sector which are very protective of our culture. Historically, there has been a generalized resistance to learning English. In my case, I seem to have some ability with languages and made a conscious effort to achieve fluency, for practical reasons but also because it is the language of my parents and my ancestors.

In 2019 I traveled to Connecticut to meet my eldest half-brother on my mother’s side. That year, a close friend who knew about my reunion with natural family told me that someone in our circle had criticized the frequency of my social media posts in the English language. Now that I am in touch with my family, I have been posting more content in English, and it seems this makes some people uncomfortable. But the most surprising part is that even a member of my natural family has told me that I am a real Boricua and should be proud of it. I was astonished. Who says I am not proud? I have no doubt that this person had good intentions, but no one can do this for me. Who or what I am is for me to decide. But the point is some people seem to believe that connecting with my Anglo-Saxon roots implies a rejection of Puerto Rican culture or that I consider being Puerto Rican an inferior condition, something not far from racism. Nothing could be farther from the truth! I was born in Puerto Rico and love my culture.

Puerto Rico’s situation is complicated, in consequence my identity issues became complicated. I am aware of our island’s subordinated position to a Caucasian English-speaking country; that this circumstance has caused injustices against our people; that our uniqueness needs to be protected and celebrated. Being aware sometimes makes our lives more difficult, because we understand the deep implications of situations. There was a time when I felt torn by the awareness of my reality: being Puerto Rican and also being linked by my ancestry to two cultures which for centuries dedicated their efforts to Imperialism. I am even related through my father to Admiral Horatio Nelson, a historical character that embodies British imperialism. How to reconcile that to my island’s colonial history and situation? Where I was going to put my loyalty? To feel that I was being judged for reconnecting to my original cultures – something every international adoptee is encouraged to do – did not help me in the task of answering these difficult questions.

Even when they were not perfect and made mistakes, my natural parents were good people with qualities I admire. The more I get to know them, the more I love them. The more I know them, the more I see them in me. If I love them, I cannot reject where they came from, which is also a basic part of who I am. Therefore, I have concluded that I cannot exclude their cultures from my identity construction process.

To connect to these cultures until I feel they are also mine is a process. I am not sure if I will ever achieve this, but I am determined to go through this process without any feelings of guilt. To do so is a duty to myself, to be able to become whole and have a real, or at least a better sense of who I am. And it is not only a duty, it is also my right.

Advocacy dell'adozione internazionale greca

Logo dell'organizzazione, The Eftychia Project for Greek Intercountry Adoptees

Essendo una delle prime coorti di adottati internazionali, la comunità greca di adottati internazionali è rappresentata dallo straordinario lavoro che Linda Carrol Forrest Trottatore fa sotto la sua organizzazione Il progetto Eftychia. Sono stato in contatto con Linda negli ultimi 5 anni e amo quello che ha fatto in advocacy per portare la sua comunità all'attenzione del governo greco. È meraviglioso quando gli adottati si difendono da soli!

Questo è stato uno degli incontri che Linda ha avuto con il governo greco alla fine dell'anno scorso. Ci scusiamo per aver postato così tardi, ma è utile per altri gruppi e leader adottati vedere cosa stanno facendo alcuni leader adottati in tutto il mondo per difendere la loro comunità.

Ecco quello di Linda lettera formale che ha fornito al governo greco durante la sua riunione. Grazie per aver condiviso Linda!

Ottimo lavoro e speriamo che il governo greco si faccia avanti e fornisca supporti, servizi e diritti tanto necessari alla comunità greca di adozione, come richiesto nella lettera di Linda. Questi diritti e richieste devono essere riconosciuti come elementi essenziali di base da cui essere forniti ogni paese da cui veniamo adottati.

Per ulteriori informazioni Advocacy dell'adozione, vedi l'elenco completo di blog di ICAV su alcuni dei lavori che abbiamo svolto in tutto il mondo.

Gypsy condivide su Adoptee Anger

Questa è una serie su Adoptee Anger dall'esperienza vissuta, per aiutare le persone a capire cosa c'è sotto la superficie e perché gli adottati a volte possono sembrare arrabbiati.

di La zingara Whitford, adottato dagli USA all'Australia.

Sono arrabbiato perché sono il prodotto di un'industria da miliardi di dollari distrutta. Perché avevo un cartellino del prezzo e sono stato trattato come un nuovo giocattolo. Perché avrei potuto essere abortito se il sistema sanitario negli Stati Uniti fosse stato migliore, ma invece sono stato venduto al miglior offerente. Perché invece dell'aborto, sono stato comprato da una famiglia bianca che ha preso la mia oscurità e l'ha resa bianca senza alcuna cura o empatia per chi sono veramente o dove dovrei essere. Tutto ciò che avrei dovuto sapere era stato privato del mio nucleo.

Credo che razza, cultura e biologia giochino un ruolo importante in ciò che siamo. Le generazioni prima di noi fanno parte della nostra identità e il fatto di non avere una famiglia biologica ci colpisce a un livello più profondo di quanto la maggior parte delle persone capisca.

Sono arrabbiato perché non sono solo io che vivo come un'adottata transrazziale con genitori adottivi che mi hanno imbiancato al punto che si aspettano che affronti il razzismo perché non riescono a capire come sia realmente. Oppure dicono cose come "Beh, ti abbiamo cresciuto bianco, quindi è quello che sei". O "Beh, saresti potuto rimanere con la tua vera famiglia", tranne per il fatto che non avevano davvero idea della mia famiglia biologica e di mia madre; altra idea se non quella di usare la manipolazione e la collusione che mia madre ha dovuto affrontare prima che i miei genitori adottivi firmassero quell'assegno per comprarmi.

Non siamo tutti indesiderati! Eravamo amati, ma un'industria da miliardi di dollari è intervenuta e ci ha affondato i denti, a sua volta, rompendo quel legame madre e bambino nel nome di $$$.

Sono arrabbiato e rimarrò arrabbiato fino a quando l'industria privata dell'adozione di bambini non sarà morta!

Puoi seguire Gypsy su TikTok @gypseadoptee

Integrazione delle parti in adozione

di Bina Mirjam de Boer, adottato dall'India ai Paesi Bassi, allenatore di adozione presso Bina Coaching. Bina ha scritto questo e lo ha condiviso originariamente su Bina Coaching.

“Un adolescente adottato una volta mi ha detto: “Sento che ci sono due me adolescenti. L'io che è nato ma non è vissuto. E il me che non sono nato, ma ho vissuto la vita che ho oggi". Senza capire stava esprimendo la scissione nel sé che tanti adottati fanno per sopravvivere...”. – Betty Jean Lifton, scrittrice, adottata e sostenitrice della riforma dell'adozione.

Molti adottati si rendono conto ad un certo punto della loro vita che chi sono nel presente non è la stessa persona che erano in passato. Spesso gli adottati non sono stati in grado di costruirsi un'identità o di continuare a vivere prima di essere separati.

A causa della rinuncia, la maggior parte degli adottati si divide in parti e vive in questo modo per sopravvivere. Per poterlo fare, si alienano dal loro sé originale e lasciano il loro corpo. Inoltre, la loro identità originale è stata persa o cancellata dall'adozione.

Questo fa sì che gli adottati provino una sensazione di vuoto intenso o addirittura un bisogno di morte. Si rendono conto che il sé originale che è nato non è vissuto e che l'attuale parte di sopravvivenza che non è nata, sta vivendo la loro vita. Sopravvivono invece di vivere.

Questa coscienza apre il processo di lutto che è sempre stato presente in loro ma che non ha mai avuto un posto.

Il dolore nascosto diventa liquido e guardando questa tristezza, finalmente rivela il sé originale.

Olandese originale

Veel geadopteerden worden zich open een gegeven moment in hun leven bewust dat wie ze in het heden zijn niet dezelfde persoon is anche degene die ze in het verleden waren. Vaak hebben geadopteerden geen identiteit op kunnen bouwen of kunnen doorleven voordat zij zijn afgestaan.

Door afstand zijn de meeste geadopteerden opgesplitst in delen en leven zij vanuit hun overlevingsdeel. Omdit te kunnen doen zijn ze vervreemd van hun oorspronkelijke zelf en hebben zij hun lichaam verlaten. Daarnaast è la porta d'adozione hun oorspronkelijke identiteit verloren gegaan di uitgewist.

Dit maakt dat geadopteerden een gevoel van intense leegte of zelfs een drang naar de dood ervaren. Zij worden zich bewust dat het oorspronkelijke zelf dat geboren is niet heeft geleefd en dat het huidige (overlevings) deel dat niet is geboren is hun leven left. Zij overleven in plaats van leven.

Dit bewustzijn brengt het rouwproces opgang dat altijd al in hun aanwezig was maar nooit een plek mocht hebben.

Het gestolde verdriet wordt vloeibaar en door dit verdriet aan te kijken wordt het oorspronkelijke zelf eindelijk zichtbaar.

Per leggere alcuni degli altri post di Bina:
Bilanciare amore e perdita
Dimentica il tuo passato
Immagina di perdere i tuoi genitori due volte

Conoscere le proprie origini è un privilegio!

Per conoscere i tuoi genitori, fratelli, zii, zie e nonni...

Per conoscere la tua storia medica; se tua madre è morta di cancro, tuo padre ha sofferto di problemi cardiaci, se tua nonna ha avuto il diabete...

Per sapere a chi assomigli, da dove vengono i tuoi tratti, se il tuo viso allo specchio è il riflesso di qualcun altro..

Per conoscere la tua storia di nascita, data, ora, stagione dell'anno, in quale ospedale sei nato...

Per conoscere il proprio paese di nascita, cultura, patrimonio, lingua, costumi, religione...

Essere circondati da persone che ti assomigliano razzialmente...

Conoscere le proprie origini è un privilegio!

Queste sono le cose che non do per scontate perché non ne ho avute durante la crescita. Sono nato in un paese, adottato in un altro, da una famiglia di razza diversa. Sono un'adottato transrazziale internazionale. Ho passato una parte enorme della mia vita chiedendomi, cercando, cercando di conoscere le mie origini.

Nella mia comunità di adottati internazionali, conoscere le proprie origini è sicuramente un privilegio!

Non dirmi di essere grato

di Naomi Mackay adottato dall'India alla Svezia.

Il mio viaggio

Sono stato adottato da una famiglia bianca nel sud della Svezia dal nord dell'India alla fine degli anni '70 e non appena sono arrivato in Svezia, mi è stato detto di smettere di parlare in modo strano e che ora ero svedese. Non abbiamo mai parlato della crescita dell'India. Se ho chiesto, ho ricevuto risposte brevi, quindi una conferenza su quanto sia orribile l'India con crimini, stupri, matrimoni precoci e uccisioni di bambine. Perché questo è tutto ciò che è l'India, giusto? Grazie colonizzazione! Avevo una borsa pronta accanto al mio letto con i vestiti e i gioielli portati dall'India, per ogni evenienza.

Il trauma di crescere in questo modo invitava all'odio per me stesso e ai pensieri suicidi e non posso dirti cosa mi ha fermato, ma gli animali erano i miei migliori amici da cui avrei cercato conforto quando ero giù. Non c'era mai stata una menzione di razza, solo quanto ero fortunato ad essere marrone e le mie sopracciglia e i miei capelli sarebbero stati ridicolizzati al punto che avrei strappato le mie sopracciglia quasi all'estinzione e avrei colorato i miei capelli fino al punto di rottura. Ho sentito parlare di odio razziale, ma dato che sono bianco, perché dovrebbe applicarsi a me? Ero una persona bianca all'interno a cui non piaceva farsi fotografare o guardarsi allo specchio, perché era un ricordo del mio colore. Ero una persona bianca che viveva in un mondo bianco senza beneficiare di ciò che questo significa. Le persone dall'India non sono rappresentate nella moda, nella musica, nei film e nei media mainstream e molti pensano che usando una persona di colore, ci abbiano rappresentato tutti.

Crescere senza nessuno che mi somiglia ha causato molti traumi perché ho trovato molto difficile accettarmi e trovare la mia identità. Non sono stato accettato come bianco, ma questo era ciò con cui mi identificavo. Non sono stato accettato come indiano ma non mi sono identificato come tale. All'inizio dei miei 20 anni, quando ho iniziato a viaggiare di più all'estero, mi sono reso conto di quanto fossi a disagio nella mia stessa pelle e se una persona di colore entrava nella stanza, o qualcuno diceva la parola, lo trovavo a disagio perché mi rendevo conto che anche loro erano parlando di me. Sposterei l'argomento su qualcos'altro quando possibile. Ho iniziato a notare che spesso ero l'unica persona di colore nella maggior parte delle stanze, specialmente negli allenamenti e nelle competizioni equestri che sono stati tutta la mia vita crescendo.

Ho sognato e combattuto per diventare un regista fin da quando ero molto giovane. L'ho perseguito nonostante la mia famiglia che non la vedesse come una professione, all'interno di un college svedese che non mi accettava dove i tutor universitari mi ridevano in faccia più volte, tra enti finanziatori che escludevano gli adottati transrazziali, con registi scozzesi che avrebbero non farmi entrare e ho cancellato le mie credenziali su un database della troupe cinematografica. Ho letto molte dichiarazioni personali di persone svedesi di colore che si sono trasferite in America per avere una possibilità di progredire nel loro campo. Anch'io sono stato accettato lì quando finalmente ho trovato il coraggio di fare domanda per fare un Master in regia presso le loro due più prestigiose università di cinema. Pensi ancora che dovrei essere grato?

I cambiamenti

La prima volta che ho incontrato gli indiani dopo essere stata adottata è stato quando mi sono trasferita in Scozia, avevo 24 anni ed ero così incuriosita e a disagio. Nella mia mentalità mi vedevo ancora bianco e non mettevo in relazione quello che mi stava succedendo riguardo alla razza. Ero cauto con i neri e mi vedevo al di sopra degli asiatici, proprio in un modo che immagino facciano i bianchi ma non riesco a spiegare come o perché. Mi ha tenuto al sicuro, mentalmente. A volte mi manca questo, era più facile da gestire rispetto alla verità.

Nel 2020, sono diventato più attivo nelle attività antirazziste poiché conosco altri che lo hanno fatto e mi sono unito a molti gruppi di social media. C'era un particolare gruppo scozzese dove vivo che mi ha fatto sentire molto a disagio perché mi trovavo di fronte molte persone di colore con voci forti e sicure. Ho trovato il mio senza essere chiuso o soffocato dai bianchi e sono arrivato a realizzare tutto ciò che mi è stato rubato: la mia cultura, le mie convinzioni, la mia voce come persona di colore, la mia dignità, la mia eredità, la mia lingua e la mia radici, la mia identità. Sono stato venduto a scopo di lucro per privilegiare gli altri, ma per il quale non avrei mai sperimentato il privilegio attraverso la fede cristiana con cui sono stato educato. Mi sono sentito così tradito. Quando continuo a sentire dai miei conoscenti e amici bianchi che "ottieni quello che ci metti", ho iniziato a credere di essere solo pigro e senza talento. Non ho preso in considerazione il loro vantaggio e gli ostacoli extra che ho incontrato nel mio viaggio come persona di colore. È molto da accettare e sono COS ARRABBIATO!! Pensi ancora che dovrei essere grato?

(Dis)apprendimento

Quando ho iniziato a togliere il candore che ho ereditato dall'adozione, mi sono reso conto che alcune cose sono più difficili di altre da rimuovere. La mia lingua ha ancora bisogno di essere modificata in qualche modo e mi ritrovo a scusarmi con orrore mentre divento più consapevole. Qualche mese fa mi è stato chiesto perché continuo a usare la parola “colorato”. Non mi è mai venuto in mente che lo stavo dicendo e ho persino rimproverato ad altri in molte occasioni di usarlo. In svedese, “colorato” è “färgad” e scavando più a fondo mi rendo conto che è ancora ampiamente usato nei media e dalle persone nella lingua di tutti i giorni. Dopo aver parlato con diverse persone svedesi e aver osservato i media, mi sono reso conto che non esiste una formulazione alternativa, quindi ho deciso di stabilirla, era ora!

In Svezia, le frasi inglesi sono usate e mai tradotte in quanto lo rendono più appetibile per i bianchi e mette distanza tra la persona e il problema. Ho creato una pagina svedese contro il razzismo perché credo davvero nella creazione dei cambiamenti necessari con un approccio meno interattivo che non dia spazio alla fragilità bianca. C'è così tanto sulla mia educazione che ho bisogno di disfare e disimparare. La maggior parte dei social media svedesi e delle pagine antirazziste che ho trovato finora parlano solo del pregiudizio che devono affrontare gli ebrei poiché è ciò con cui i bianchi si sentono a proprio agio. Questo non è razzismo, è antisemitismo.

Indosso il mio colore/oppressione sulla mia pelle affinché tutti possano vederlo e in nessun momento posso nasconderlo o cambiarlo. Perché tutto questo è importante quando parlo del mio trauma come adottato all'estero? Perché mostra le società razziste molto radicate in cui vengono venduti Black e Brown e il razzismo interno profondamente radicato che crea in noi. Mi odio per essere così, ma odio di più le persone che mi hanno fatto questo. Odio è una parola forte, non cerco scuse per usarla. È abuso mentale, violenza e stupro. Pensi ancora che dovrei essere grato?

Ricostruzione

Ora mi sto ricostruendo come donna indiana. Una persona di colore. Un'adottato transrazziale internazionale e ho scoperto che lo yoga mi sta aiutando a guarire anche se sento che lo sto appropriando culturalmente, so che è la mia cultura e ne ho tutto il diritto. Recentemente ho scoperto di essere nato indù, quindi il mio profondo legame con lo yoga è naturale. Più decolonizzo lo yoga, più decolonizzo me stesso. Gli incidenti più dannosi per il mio processo di guarigione sono stati gli indiani che mi hanno parlato male di non essere cresciuto lì, di non parlare nessuna delle lingue, di conoscere bene la cultura o le religioni, di vestirsi con abiti tradizionali indiani o di cucinare cibi indiani.

Per chi è indiano, sei così fortunato ad avere ciò che mi è stato negato. Sei così fortunato a conoscere gli odori, le radici e l'amore del nostro bel paese. Ho diritto a qualsiasi parte di esso quanto te e mentre sto ancora imparando, sono grato di avere ora persone comprensive nella mia vita che mi aiutano a guarire. Ho il privilegio in quanto il mio accento e le mie ideologie imbiancate si adattano alla vita svedese e le persone cresciute in India hanno il privilegio di non aver vissuto il trauma della perdita della loro intera identità a causa della svenduta, e non sono cresciute con lo stesso livello di razzismo interiorizzato, né vedere parti della cultura in mostra e essere loro vendute. Credo che la mia natura curiosa e il desiderio di imparare sia il motivo per cui sono stato aperto al cambiamento e al (dis)apprendimento. Mi sono istruito sulla storia dei neri e sul trauma del colonialismo.

Andando avanti

Credo che da adulto sia mia responsabilità istruirmi e imparare cosa posso fare per rendere questo mondo sicuro per tutti. Attualmente sto lavorando a un film documentario e a un libro sulla mia vita e il mio viaggio. Riconosco che molti di noi lo stanno facendo. Le nostre esperienze sono uniche e sono le nostre. Abbiamo tutti modi diversi di farcela e ho grossi problemi di fiducia con i bianchi, specialmente i cristiani. Vedo un sacco di centratura bianca nella mia vita quotidiana e genitori adottivi bianchi che parlano di come l'adozione transrazziale li ha colpiti e del trauma che hanno dovuto affrontare. Sto guarendo ogni giorno e scrivere questo è stato un passo avanti.

Ho una domanda per te. Sostieni la tratta di esseri umani? Non c'è un "ma", così come potrei anche chiedere: "Sosteni il razzismo?" C'è solo "Sì" o "No". Se desideri sostenere e aiutare i bambini, dai un'occhiata a cosa puoi fare.

Dalla Thailandia senza identità

di Lisa Kininger, adottato dalla Thailandia negli Stati Uniti.

La prima foto di Lisa

Mi chiamo Lisa e sono un'adozione internazionale. Grazie ai miei meravigliosi genitori, mi hanno regalato una vita meravigliosa di cui sarò per sempre grato. Ci sono solo informazioni minime sulla mia vera identità. Quello che so non è abbastanza per scoprire chi ero e da dove venivo. Anche se sono sempre felice di chi sono diventata e della mia bellissima famiglia, sono sempre stata curiosa della mia vera identità, come lo sarebbe chiunque altro. Ho provato di tutto, dalle telefonate e dalle e-mail ai viaggi in Thailandia più di una volta, cercando impotenti. Così, quando ho compiuto 18 anni, ho deciso di iniziare il mio viaggio di ricerca.

Avevo contattato il medico thailandese e sua moglie, da cui ero stato adottato. Non erano interessati ad aiutarmi, ma mi hanno spiegato che hanno dato in adozione 40 bambini non biologici. Avrebbero fatto firmare i loro cuochi e le cameriere come falsi genitori biologici. In effetti, mi hanno anche detto che hanno inventato il mio nome di nascita "Malai" e la data di nascita 20 dicembre 1972. Mi hanno detto di non contattare le persone sul mio certificato di nascita perché mi avrebbero mentito e avrebbero preso i miei soldi. Con solo le persone sul mio certificato di nascita da contattare, l'ho fatto disperatamente nella speranza di trovare maggiori informazioni. Alla fine mi sono imbattuto nel test del DNA e l'ho usato a mio vantaggio. 

La mia storia inizia con mio padre che è un elettricista aeronautico come Sr. Master Sergeant nell'aeronautica americana. I miei genitori si sono sposati e sono stati di stanza a Utapao, in Thailandia, nel 1974-1975. Non erano in grado di avere figli propri ed erano in procinto di adottare negli Stati Uniti, ma hanno dovuto metterlo in attesa perché di stanza in Thailandia. 

Un giorno mia madre andò a Bangkok per fare la spesa al commissariato di base. Ha finito per parlare con una donna dei prezzi della carne e la donna aveva detto di aver appena adottato una bambina thailandese. La donna ha detto di conoscere un'altra bambina thailandese che era in adozione. Mia madre ha detto che le sarebbe piaciuto, ma sfortunatamente sarebbero partiti presto per tornare negli Stati Uniti, quindi non ci sarebbe stato tempo. Durante il check out al negozio, la stessa signora si è avvicinata a mia madre con un numero di telefono. Il numero di telefono era della bambina thailandese in adozione. Mia madre ha deciso di chiamare. Ha parlato con una donna che ha detto che purtroppo era già adottata. Purtroppo, mia madre ha riattaccato il telefono. Poi all'improvviso, attraverso l'altoparlante del negozio, hanno annunciato il nome di mia madre. Hanno detto che c'era una telefonata per lei. Dall'altra parte di quella linea c'era una signora che chiedeva a mia madre di parlare di sé e di mio padre. La signora ha detto che non sapeva cosa le fosse preso, ma sentiva il bisogno di chiamare. La signora ha detto di aver avuto una bambina thailandese a casa sua che era molto malata. Voleva che mia madre vedesse subito la bambina. Quindi, la signora ha mandato un'auto a prendere mia madre al negozio di Bangkok.

Mia madre è arrivata a casa. Le persone a casa erano un medico tailandese e sua moglie americana (questa era la signora al telefono con cui ho parlato quando ho iniziato la mia ricerca, che sono passati anni). Hanno spiegato a mia madre che la bambina era molto malata, pesava solo 13 chili ed è stata salvata dalla giungla. Le hanno anche detto che il fratello di 5 anni della bambina è morto di malnutrizione e che la bambina sarebbe stata la prossima. Quella bambina ero io. 

Presto mia madre poté incontrarmi per la prima volta. Mi ha messo in grembo e ho iniziato a giocare con il suo orologio. Fu allora che la gente decise che era la partita perfetta. Tuttavia avevano anche una coppia olandese che sarebbe venuta a trovarmi la mattina. Se la coppia olandese non mi voleva, allora ero di mia madre. Così, hanno sistemato mia madre in una suite d'albergo che il dottore aveva organizzato. 

Questo avvenne durante la guerra del Vietnam nel 1974 e quando mia madre chiamò mio padre per spiegare dov'era e cosa stava succedendo, mio padre si preoccupò molto perché era pericoloso per i civili essere fuori dalla base. Fortunatamente, la mattina dopo la coppia olandese voleva un maschio e io potevo andare a casa con i miei genitori! Il passo successivo per mio padre è stato farmi adottare in Thailandia. I genitori adottivi dovevano avere una certa età per adottare in Thailandia ei miei genitori erano troppo giovani. Il dottore thailandese voleva che mio padre mentisse sulla sua età e corrompesse il consolato con una bottiglia di whisky. Mio padre non voleva fare una cosa del genere perché era nell'aeronautica americana e poteva finire in guai seri. Il medico thailandese ha poi dovuto contattare la mia "madre biologica" per firmare un modulo di rilascio per i miei nuovi genitori per riportarmi negli Stati Uniti. Il dottore ha organizzato una visita con mio padre e mia madre bio in un ristorante fuori Bangkok. Il dottore spiegò a mio padre che veniva dal sud e che mio padre doveva pagarle le spese di viaggio. Quando si sono incontrati al ristorante, il dottore e mia madre bio parlavano solo tailandese; ha firmato e se n'è andata. Mio padre non aveva idea di cosa si dicesse. 

Siamo partiti felici per gli Stati Uniti e ho avuto un'infanzia fantastica. Ho avuto il privilegio di vedere e vivere in diverse parti del mondo, grazie a mio padre che prestava servizio nell'aeronautica americana. Durante tutta la mia infanzia, ho sempre avuto il desiderio di cercare la mia famiglia biologica e di trovare la verità su me stessa. Mi sono ricordato di quello che il medico thailandese e la moglie mi hanno detto che era di evitare di contattare le persone sul mio certificato di nascita perché avrebbero mentito e avrebbero preso i miei soldi. Ho rischiato e non li ho ascoltati. Ho deciso che la mia unica scelta era trovare le persone sul mio certificato di nascita, quindi le ho contattate. All'inizio avevano detto di sì, sono la mia famiglia. Hanno continuato a chiedere se fossi Mali o Malai. Allora ho detto che ero Malai ma ho chiesto chi fosse il Mali? Mi hanno detto che il Mali era mia sorella. Hanno detto di richiamare il giorno dopo perché conoscevano qualcuno che parlava inglese. Così ho fatto e poi mi hanno detto che non erano la mia famiglia, ma sapevano della mia famiglia perché erano vicini di casa una volta. Mi dissero il cognome e dissero che avevo una sorella maggiore che era morta in un incidente d'auto e la famiglia si era trasferita. Mi hanno chiesto di richiamare tra due settimane e mi avrebbero aiutato a cercare di trovare questa famiglia. Alla fine non sono riusciti a trovarli.

Di conseguenza, ho assunto un investigatore privato in Thailandia per trovarli e l'investigatore ha avuto successo. Questa famiglia ha riconosciuto che facevo parte della loro famiglia e che la mia famiglia immediata è morta ma è riuscita a trovare mia zia, mio zio e i miei cugini. Sono stato in grado di ricevere le loro foto e sono stati in grado di finire la storia su di me e conoscevano il dottore tailandese, quindi ci ho creduto. 

Questo accadeva nei primi anni 2000 prima che il test del DNA fosse ben noto. Ho preso l'iniziativa di fare il mio primo viaggio in Thailandia per incontrarli. Ho dato loro dei soldi perché erano poveri. Mia zia ha avuto un ictus, quindi le ho comprato una sedia a rotelle, medicine e cibo. Ho aperto un conto bancario internazionale in modo che potessero prelevare denaro quando necessario. Mi scrivevano persino chiedendomi più soldi nel corso degli anni e dicevano che mia zia sarebbe morta se non avessi pagato per la sua trasfusione di sangue.

Ho deciso di fare un test del DNA con il figlio delle mie ultime sorelle ei risultati hanno mostrato che non c'era alcuna relazione tra questa famiglia e me. Purtroppo ho smesso di cercare per un po'. Alla fine, con il passare del tempo, ho contattato di nuovo le persone sul mio certificato di nascita e mi hanno detto che forse sono la loro, dopotutto. Quindi ho fatto un test del DNA con la madre biologica sul mio certificato di nascita (questo è stato quando ho prenotato il mio secondo viaggio in Thailandia con la mia famiglia). Sfortunatamente due giorni prima di partire per la Thailandia, i risultati hanno rivelato che non ero imparentato con lei. Siamo comunque andati in viaggio e l'abbiamo incontrata. Quando l'ho incontrata di persona, mi ha detto che il medico l'ha pagata per firmare come mia madre biologica e che è stata lei al ristorante che ha conosciuto mio padre adottivo. 

Da allora, ho fatto test del DNA con la famiglia di suo marito e senza fortuna. Sfortunatamente, ho fatto innumerevoli test del DNA solo per trovare cugini dal 3° al 4° e sono stati adottati anche loro, quindi nessun aiuto neanche lì. La parte difficile della mia ricerca è che la mia identità in Thailandia è falsa. La mia vera identità sembra essere stata cancellata dall'esistenza.

È stata una sfida per tutta la mia vita, voler conoscere la verità ma essere costantemente mentito senza alcuna spiegazione sul perché. Non so quanti anni ho, il mio vero nome o da dove vengo. Tutti quelli che conoscono un po' di verità RIFIUTANO di aiutarmi o dirmi qualcosa. Ho una bellissima famiglia con tre figli grandi e sono felicemente sposato, ma mi piacerebbe condividere con i miei figli e un giorno, i miei nipoti, la mia famiglia biologica.

Attraverso il mio viaggio, mi relaziono con i sentimenti e le emozioni degli altri adottati e quindi ho dedicato il mio tempo ad aiutare altri adottati a trovare le loro famiglie biologiche per 20 anni. Sono un investigatore privato per adottati. Capisco entrambi i lati della storia e posso entrare in empatia. Anche se non ho trovato la fine della mia storia, trovo gioia nell'aiutare gli altri nel loro viaggio e ho anche trovato quello che stavo cercando attraverso il viaggio stesso.

Lisa può essere contattata al lkininger@live.com

La dualità di essere disabili e adottati

di Erin E. Andy (지현정), adottato dalla Corea del Sud negli Stati Uniti.

Marzo è il mese della consapevolezza della paralisi cerebrale.

Come qualcuno che ha vissuto con questa condizione per tutta la vita, posso dire che è una lotta. Come qualcuno che è un adottato internazionale transrazziale per di più, mi sono sentito in conflitto sulla mia identità.

Ci sono volte in cui le mie membra fanno l'opposto di quello che voglio che facciano. Ci sono state volte in cui ho avuto difficoltà ad alzarmi dal letto quando il mio corpo era troppo affaticato dagli spasmi. Ci sono state volte in cui ho dovuto prendere dosi extra di farmaci per calmarmi in modo da poter funzionare nella mia vita quotidiana. Ci sono più volte di quante vorrei ammettere di essere fissata per il modo in cui il mio corpo si comporta. Sono pienamente consapevole degli sguardi di giudizio che ricevo, il che rende il mio corpo involontariamente ancora più teso. Non posso mai nascondere la mia eccitazione o il mio nervosismo poiché la mia Paralisi Cerebrale tradisce le mie emozioni.

Quando le persone scherzano su "forse dovrei usare una sedia a rotelle invece di camminare", sembra insensibile. Eppure quegli scherzi persistono. A volte può essere difficile vedere le persone deridere quelli di noi che non possono controllare i nostri corpi.

Crescendo con la paralisi cerebrale, è stato abbastanza difficile inserirsi, perché la mia sedia a rotelle e le sue restrizioni mi ricordavano costantemente che ero diversa. Tuttavia, oltre a venire a patti con la mia disabilità, ho dovuto affrontare un altro aspetto della mia identità: essere un'adottato transrazziale internazionale.

All'interno della mia famiglia adottiva, mi sono sentito in qualche modo confortato dal sapere che ero cresciuto con altri fratelli adottati coreani e che avevo un padre di origine giapponese. Tuttavia, uscire con mia madre è stato un duro promemoria che sono stato adottato. Non le assomiglio per niente, e vedere degli estranei che ci guardavano con curiosità ha chiarito che era diverso; che ero diverso. Solo quando la nostra famiglia ha frequentato i campeggi con altre famiglie con bambini adottati mi sono sentito a mio agio. Non ero l'unico ad essere disabile e adottato. Mi sono sentito accettato. Hanno normalizzato la mia esistenza.

Detto questo, è stato difficile, crescendo, accettare che la mia famiglia biologica mi avesse abbandonato. Mi sono chiesto spesso perché. Mi è stato detto che stavano cercando di darmi una vita migliore, ma il dolore e il rifiuto dell'abbandono sono difficili da conciliare con le loro buone intenzioni.

Non ho mai chiesto di essere disabilitato. Ero arrabbiato perché mi hanno abbandonato così facilmente. Non ne ho mai capito il motivo, almeno non per un bel po' di tempo. Sono stata abbandonata all'età di cinque anni, quindi conoscevo la mia famiglia biologica, ma anche così hanno deciso di cedermi all'Holt Adoption Services. Rimasi in una casa famiglia per un po' finché l'agenzia per le adozioni non trovò una famiglia che mi adottasse.

Dopo essere tornato in Corea nel 2014 per una riunione con mia madre biologica e aver visto di nuovo la mia terra natale, sono arrivato a una realizzazione spiacevole: non ho visto quasi nessuno su una sedia a rotelle per le strade di Seoul. Non ho visto nessun altro come me al di fuori del mio gruppo di tour che aveva una disabilità fisica come Cerebral Palsy. Solo quando siamo andati in un orfanotrofio a Ilsan ho visto alcune persone con disabilità fisiche. Ero confuso e alla fine deluso. Dopo essere tornato dalla Corea, negli anni ho visto video e articoli su come vedevano i disabili.

Sarei stato qui negli Stati Uniti se fossi nato prima di tutto e avessi ricevuto l'ossigeno di cui avevo bisogno per evitare questa disabilità? Come sarebbe stata la mia vita se fossi rimasto in Corea? Sarei stato messo in un orfanotrofio mentre crescevo, o sarei stato mandato in un istituto per vivere il resto dei miei giorni nascosto dal mondo esterno? Ancora oggi, rifletto su quale sarebbe stato il mio destino se non fossi stato adottato.

La mia adozione è avvenuta a causa della mia Paralisi Cerebrale, ma la lotta di ciascuno non scoraggia l'altro. Mentre piango ancora la vita che avrebbe potuto essere se non fossi mai stato disabile, so che questa vita è degna di essere vissuta, qui negli Stati Uniti.

Ho un marito amorevole, molti amici provenienti da vari luoghi, famiglie che si prendono cura del mio benessere e forse la cosa più grande, la capacità di prosperare.

Non ho mai chiesto di avere la Paralisi Cerebrale o di essere data in adozione...

Ma, anche così, io sono qui. Io esisto. La mia condizione non è chi sono né dovrebbe definirmi.

Decolonizzare Mosè

di Kayla Zheng, adottato dalla Cina negli Stati Uniti.

Cresciuto in una casa cristiana evangelica bianca, ho imparato la storia di Mosè prima di conoscere la storia di Babbo Natale o del coniglietto pasquale. Il cristianesimo bianco è stato un pilastro fondamentale nei miei anni di crescita. Come Mosè, che rimase orfano e fluttuò lungo il Nilo per essere salvato, adottato e cresciuto dalla figlia del Faraone, poi per crescere e salvare il suo popolo, gli Israeliti, anch'io ora porto questa responsabilità. Dopotutto, ero un orfano, influenzato dalla politica, volato attraverso l'oceano per essere cresciuto da un altro popolo, ed era mio dovere un giorno tornare a casa e salvare il mio popolo, proprio come fece Mosè per il suo.

Mentre ripenso a un periodo doloroso dell'adolescenza, segnato profondamente dalla vergogna, dal senso di colpa, dal cristianesimo bianco e dal salvatore bianco (un'estensione della supremazia bianca), rido anche dell'ironia della storia. In qualità di adottato che difende i diritti degli adottati e l'abolizione del complesso industriale delle adozioni, sono bombardato da richieste di gratitudine per i bravi bianchi che mi hanno salvato. Invece di vedersi negati i diritti umani fondamentali, l'autonomia, il reinserimento forzato, l'acquisto e la vendita; Sono ancora ridotto al silenzio per aver parlato. Mi vergogno di ritenere responsabili le istituzioni sistemiche del razzismo, del capitalismo, dell'imperialismo occidentale, del salvatore bianco e dello sfruttamento delle comunità vulnerabili a beneficio dei bianchi. Bombardato dal messaggio che dovrei essere in debito con l'Occidente per tutto il meglio che mi ha dato: opportunità, istruzione, fuga dalle grinfie della povertà e, soprattutto, la mia possibilità di salvezza e di vivere sotto il sangue di Gesù Cristo! Non sono mai lontano da qualcuno che mi condanna per la mia mancanza di gratitudine, rimproveri di come la mia storia non sia una rappresentazione accurata della loro comprensione dell'adozione e della sua bellezza. Quelli che maledicono il mio nome non sono e non sono mai stati transrazziali, internazionali, transculturali, adottati di colore. 

Apprezzo sempre l'ironia che Moses, come me, sarebbe stato odiato per quello che ha fatto. Il Mosè che è lodato per aver salvato il suo popolo e ammirato da milioni di persone in tutto il mondo sono le stesse persone che condannano me e la mia posizione sull'abolizione. Come mai? Mosè voltò le spalle alla sua famiglia e al popolo adottivi. In effetti, si potrebbe sostenere che Mosè sia responsabile dell'annegamento del suo popolo adottivo nel Mar Rosso. Mosè era visto come un principe, aveva la migliore istruzione che il denaro potesse comprare, nella famiglia più ricca, e aveva opportunità illimitate. Mosè è sfuggito alle grinfie della povertà e della schiavitù, eppure ha dato via tutto, ha voltato le spalle alla sua famiglia adottiva e tutti accettano che abbia fatto la cosa giusta. Moses è salutato come un eroe, le sue azioni sono giustificate e la sua scelta di scegliere l'amore del suo popolo e della sua famiglia rimane indenne. Perché l'amore per la mia gente e la mia famiglia è diverso? 

Poiché ho invecchiato, studiato ed esaminato lo sfruttamento del privilegio, del potere e delle politiche sistemiche oppressive che sono i pilastri nel sostenere il complesso industriale dell'adozione, restituisco un fardello che non è mai stato mio da sopportare. Un'industria multimiliardaria che trae profitto dalla separazione familiare e dalla vendita di bambini al ricco occidente e alle comunità prevalentemente bianche, non provo più un senso di sventura nel portare il mantello di Mosè. Piuttosto, abbraccio e spero di essere il Mosè per la comunità delle adozioni. Non ho alcun desiderio di salvare la mia gente, poiché gli adottati non hanno problemi a esercitare il proprio potere. Il mio obiettivo è liberare gli adottati e rimuovere le barriere affinché gli adottati possano accedere a strumenti per liberarsi. Sì, sarò il tuo Mosè e fornirò un percorso attraverso il mare della colpa, della vergogna, dell'obbligo e molto altro. Sarò il tuo Mosè e guarderò annegare il complesso industriale delle adozioni, con tutti i suoi sostenitori. Sì, sarò il tuo Mosè, ma non il Mosè che ti aspetti che io sia. E quando mi chiederai di guardare indietro alla mia famiglia adottiva e a tutto ciò che l'Occidente mi ha dato nella speranza di farmi vergognare, indicherò le tue scritture e ti mostrerò che Mosè scelse il suo popolo al posto dei profitti. Mosè aveva la sua lealtà verso l'abolizione; Mosè scelse di rinunciare al principato, al potere e allo stile di vita più viziato e a ciò che la maggior parte considererebbe una "vita migliore", per il diritto di reclamare il suo diritto di nascita in famiglia, cultura, razza e identità.

Quindi, quando mi chiederai di essere grato, sorriderò e ti ricorderò che in effetti sei tu che dovresti essere grato, avrei potuto annegarti.

Adottato in Spagna

di Andrea Pelaez Castro adottato dalla Colombia alla Spagna. Andrea ha scritto a tesi di master che indaga sulle adozioni in Spagna con un focus su come prevenire la rottura/fallimento delle adozioni. Puoi seguire il suo blogspot Decostruzione dell'adozione.

ADOZIONE INTERNAZIONALE IN SPAGNA: DESTRUTTURA DI UN ANACRONISMO

Alcuni potrebbero pensare quanto sono fortunato perché non ho perso la mia lingua madre, né le mie sorelle biologiche e il fatto che ci siamo mischiati con i nostri genitori. In questi anni, molte persone hanno osato dirmi che dovremmo ringraziare chiunque sia responsabile di questo mondo che non eravamo per strada a drogarci o prostituirci. Sono stati i miei genitori a mettere quell'idea nel nostro cervello molle in primo luogo. Quelle parole hanno segnato tutta la mia infanzia, ma ho sempre sentito che qualcosa non andava. Non mi sentivo grato per tutte quelle cose che avrei dovuto essere. Al contrario, continuavo a chiedermi perché eravamo in un paese che non era il nostro, perché eravamo trattati in modo diverso dagli altri bambini e perché non potevamo reclamare nostra madre (cosa che abbiamo smesso di fare a causa della punizione che abbiamo ricevuto ). Questa lotta costante tra ciò che avrei dovuto provare e ciò che sentivo si è rivelato essere, è stato il periodo più lungo di odio e bassa autostima che abbia mai sperimentato. Non potevo sopportare la rabbia e la solitudine che accompagnano ciò che mi è stato detto: mia madre ci ha abbandonato perché non ci amava. Ripetuta parola dopo parola come un mantra, ho abbracciato quell'idea per sopravvivere ed essere accettata. Tuttavia, essendo consapevole della situazione che stavo vivendo, alla fine ho raggiunto la svolta quando ho lasciato il nido.

La mia vita stava per cambiare di nuovo grazie alla mia determinazione a conoscere la verità, per quanto spaventosa potesse essere. Nel 2015 ho vissuto un anno a Londra, la mia prima esperienza indipendente che mi ha permesso di pensare alle mie origini e a mia madre. Quando sono tornato in Spagna, il mio paese di adozione, ho deciso di iniziare il mio percorso insieme alla mia carriera professionale di avvocato. Per capire perché mi trattengo così tanti anni e perché i miei genitori non volevano parlare di adozione, ho iniziato i miei studi in diritto di famiglia e infanzia a Barcellona. Ho divorato ogni libro e articolo su adozione, regolazione emotiva, rinuncia, trauma, ADHD, disturbo dell'attaccamento e prime famiglie che mi sono capitate tra le mani. Sono diventata una spugna assorbendo ogni piccola conoscenza che potesse aiutarmi a comprendere questo scambio di bambini che avviene in tutto il mondo. Ho intitolato la mia tesi finale “Adozione in Spagna: valutazione e supporto per prevenire le interruzioni”. Infine, è emerso un pensiero critico sull'adozione per rispondere a tutte le mie domande relative ai miei genitori e al modo in cui sono stato educato.

Quando siamo arrivati a Madrid, in Spagna, dopo il lungo viaggio dalla Colombia, mi sono meravigliato della grande città, della nostra nuova casa e della gentilezza di quegli estranei. Quello che non avrei mai potuto immaginare era la solitudine e la mancanza di accettazione delle persone che avrebbero dovuto prendersi cura di noi. Quello che sto per dire non l'ho mai condiviso prima (a parte la mia famiglia prescelta). I nostri primi dieci anni con i nostri genitori si possono riassumere con una parola: isolamento. Conoscevamo solo dolore fisico ed emotivo, trattati come se fossimo selvaggi o da 'la guerrilla' (membri delle FARC), insulti che usavano chiamarci. Con continue minacce di essere di nuovo abbandonati e ricordandoci i loro rimpianti per l'adozione. L'intero edificio ha sentito i nostri pianti e le nostre urla. L'abbiamo detto ad alcuni adulti, ma tutti hanno guardato dall'altra parte. Questo abuso sui nostri corpi e le nostre menti ci ha lasciato senza speranza e si è sviluppato in un disturbo dell'attaccamento, paura del contatto fisico ma desiderio di qualsiasi tipo di segno d'amore.

Isolamento da George Papadimitriou

Potevamo solo capire cosa stava succedendo essendo giovani adulti. Abbiamo mirato al loro riconoscimento del trauma che hanno causato, cercando di capire perché non hanno cercato aiuto o aiuto psicologico. Tuttavia, ho fatto uno sforzo dopo aver finito e condiviso la mia tesi con loro in modo che potessero capire l'adozione internazionale e gli effetti del legame affettivo rotto in primo luogo. Ma ogni tentativo è stato vano. In quel momento percepii le cause della loro stessa angoscia e del loro dolore, come il lutto incompiuto dell'infertilità o l'assenza di cure e attaccamenti da parte delle proprie famiglie. Sono cresciuti in condizioni di violenza e privazione, quindi questo è l'unico tipo di amore che abbiamo conosciuto da loro. Tuttavia, pur consapevole di ciò, non accettavo del tutto la situazione attuale e mi ostinavo a sistemare la mia famiglia, anelando a un legame che non è mai esistito.

Mentre mi specializzavo in minori, diritto di famiglia e adozioni, ho iniziato a sbucciare il primo strato: la ricerca delle mie origini e di mia madre. A tal fine, il passo principale è stato quello di istruirmi e decostruire il motivo per cui sono finito qui. Sono stato adottato in Spagna dove l'adozione è un costrutto legale che ha lo scopo di proteggere i bambini che non hanno famiglia o quando i loro parenti non possono provvedere a loro, ma ho capito che invece l'adozione è preservare i privilegi e gli interessi degli altri, ereditati da famiglie privilegiate grazie al colonialismo e al cattolicesimo. I primi movimenti di adozione si sono verificati dopo la guerra civile nel 1936-1939, lasciando la parte sconfitta soggiogata sotto una dittatura, che ha governato il paese fino al 1975. Conosciamo tutti questo periodo come il tempo dei "bebes robados" (bambini rubati). Le famiglie avversarie furono sminuite e punite dal governo, mandando uomini e donne in prigione e prendendo ogni bambino che potevano per metterli in case "adatte". Questa impresa è stata possibile grazie alla collaborazione tra la stessa dittatura e la Chiesa cattolica. Il personale ospedaliero e le case di maternità (gestite da suore) erano collegate e istruite per l'iscrizione e la consegna dei bambini, i pagamenti precedenti erano effettuati dal parroco del villaggio o del distretto. Questa vasta rete è andata avanti fino agli anni '90. Le associazioni stimano che 300.000 bambini siano stati rapiti nel 1940-1990 in Spagna dopo che la giustizia è stata servita per la prima volta nel 2018. La maggior parte di quegli adulti e delle loro madri che rivendicavano i propri diritti non erano in grado di conoscere la verità considerando quei crimini erano storici e non c'era nessuno vivo che si assumesse responsabilità né documenti che lo provassero.

Da questa prospettiva e dalla concezione generalizzata della famiglia nucleare (una madre-un padre), ma anche una visione morale ristretta che incoraggia il sessismo e mina la maternità single, l'adozione era ed è stata assimilata alla filiazione biologica. Ho sentito tante volte una frase di persone che vogliono adottare: 'Perché dobbiamo ottenere una valutazione delle nostre capacità di genitori e tuttavia una ragazza di 17 anni non ne ha bisogno per essere incinta?' Ne viene fuori un altro: "E se il bambino ha dei problemi?" E la miniera d'oro: 'Le adozioni internazionali non dovrebbero essere consentite senza restrizioni? Quei bambini hanno bisogno di essere salvati'. Queste affermazioni sono di gente comune, istruita, con risorse economiche e anche emotive. Nonostante questi sentimenti, c'è così tanto da insegnare e imparare sull'adozione e sugli adottati. Le nostre voci e le nostre storie devono essere ascoltate in modo da non essere più rappresentati come "bambini per sempre", il che ci impedisce di riconoscere la nostra esperienza come un viaggio lungo tutta la vita.

Vorrei affrontare e commentare queste frasi:

  • Innanzitutto, i privilegi dei paesi prosperi e la povertà o la mancanza di risorse delle prime famiglie sono la ragione per cui qualcuno può permettersi di crescere un bambino adottato. Pertanto, se i paesi impoveriti potessero ricevere quei fondi stanziati per l'adozione, i bambini potrebbero essere cresciuti dai genitori e rimarrebbero nelle loro comunità. Inoltre, quando un bambino nasce da altri genitori il legame affettivo non cresce magicamente o nelle stesse condizioni di quello biologico perché le sue radici sono dichiarate, quindi i futuri genitori avranno sempre bisogno di imparare da zero cosa deve crescere senza conoscere il nostro inizio.
  • L'adozione nasce da un trauma, considerando la ferita emotiva lasciata e portata dentro di noi, causata dalla privazione della protezione primaria, del nutrimento e dell'affetto di nostra madre e talvolta di chi si prende cura di orfanotrofi/istituti o famiglie affidatarie. Principalmente, il problema non è il bambino, ma l'adulto che vuole adottare pensando a se stesso, a come le cose o gli eventi avrebbero effetto su uno quando lo scopo non è altro che la persona separata dalla sua origine. Non siamo fatti per essere adatti alle famiglie adottive, è pensato per essere il contrario.
  •  Infine, ma non meno importante, l'adozione internazionale è un acquisto velato e corrotto e non abbiamo bisogno di essere salvati dal nostro luogo di nascita. Le nostre famiglie potrebbero avere meno o essere in una crisi temporanea, ma ciò non significa che queste circostanze possano essere utilizzate come vantaggio dalle famiglie privilegiate. È un circolo vizioso ampiamente conosciuto, in cui un bambino può essere preso dalle autorità o rapito dalle organizzazioni. Ci sono storie in cui anche una famiglia povera potrebbe aver ricevuto minacce e/o denaro per rinunciare al proprio figlio in modo che gli altri possano essere nutriti. Insisto, quelle risorse potrebbero essere esattamente gli aiuti necessari, ma i salvatori bianchi e il debito colonialista trovano comunque la loro via d'uscita. È un peso che i nostri paesi continuano a soffrire. Inoltre, l'adozione internazionale crea uno shock psicologico e un dolore. Significa che il nostro dolore e il nostro dolore vengono solo spostati in un altro luogo, che non sono accettati perché quei sentimenti sono stati negati nei nostri paesi adottivi poiché "siamo stati salvati e quindi dobbiamo essere eternamente grati".

In Spagna, e in altri paesi, a volte le persone che si avvicinano all'adozione come un modo per formare una famiglia non si rendono conto e/o non sono nemmeno interessate a decostruire i propri desideri e le conseguenze. Sì, qui si parla di adozione, c'è notizia in TV, ci sono associazioni di genitori adottivi e adottati, ma non basta. Ciò di cui occorre prestare attenzione è la visione critica su questo argomento. Non possiamo più ignorare che questo sistema non protegge i bambini né li salva. Soprattutto l'adozione plenaria, che è il contratto più obsoleto mai esistito. Sì, è un contratto in cui si firma e si paga per dare il proprio nome a un bambino e acquisire diritti su un'altra persona in modo che possa essere cresciuto da qualcun altro e in un altro paese. Detto ciò:

PERCHÉ DOBBIAMO PERDERE LA NOSTRA PRIMA FAMIGLIA PER ESSERE PROTETTI O CRESCE DAGLI ALTRI? PERCHÉ DEVE ESSERE ROTTO IL LEGAME AFFETTIVO? COS'E' QUELLA PAURA CHE CI IMPEDISCE DI RIMANERE CONNESSI CON LE NOSTRE ORIGINI?

IL LEGAME AFFETTIVO

L'adozione internazionale è un successo proprio per questo motivo: le persone hanno paura di perdere qualcuno che non è loro, tanto per cominciare. Che concetto arcaico! Tornando all'assimilazione dell'adozione come filiazione naturale. Il legame affettivo non può crescere se le nostre radici e il nostro passato vengono rifiutati. Esiste ancora un tipo di film all'interno del genere del terrore che parla di questa paura, dove i figli adottivi si ribellano alla famiglia o la prima madre torna a rivendicare ciò che è suo. La paura e il rifiuto non possono essere il seme di nessuna famiglia. Questo è il motivo per cui la mia tesi non era molto apprezzata in quel momento, perché affrontavo un argomento importante e indicavo una paura con cui eravamo nati (non essere accettati). Questo concetto di rottura netta all'interno dell'adozione plenaria è obsoleto e deve essere rimosso dalle nostre comunità. La società potrebbe non essere pronta ad abolire questa cifra a causa di problemi economici, di fertilità e di salute mentale, ma non dovrebbero essere gli adottati a subire le scelte degli altri. L'adozione deve provenire da un luogo di stabilità e di accettazione dei propri limiti, altrimenti le generazioni vengono ferite e si crea angoscia per questioni che non è nostro dovere risolvere o di cui non siamo responsabili.

Ora che ho trovato la mia famiglia e ho compreso le circostanze che mi hanno portato qui, posso iniziare il mio processo di guarigione, che non significa essere statico, ma andare avanti attraverso il dolore e tutti i tipi di dolore. Il livello successivo con cui sto cercando di convivere e che non ho accettato alla fine della mia ricerca è che non c'è alcun legame affettivo o un concetto di famiglia nella mia adozione. Ad un certo punto ho dovuto sopportare il dolore che ne deriva, ma alla fine mi ha liberato. Nelle parole di Lynelle Long, il mio contratto con loro è finito. Leggere quelle parole e relazionarsi con esse in questo momento, è l'inizio di un periodo cruciale della mia vita. Consiglio vivamente ad altri di iniziare la ricerca delle nostre origini, solo una nuova saggezza può essere diffusa in noi stessi, e inoltre non abbiate paura di condividere la vostra storia. Non negare te stesso o le tue ferite. Sono solo un promemoria che siamo ancora vivi e che possiamo guarire insieme.

QUESTA È LA MIA STORIA

Ho 32 anni e sono stata adottata all'età di 7 anni, insieme alle mie due sorelline (5 e 3 anni) da genitori spagnoli nel 1995 in Colombia. La nostra mamma colombiana aveva 20 anni quando nostro padre colombiano morì nel 1993. La sua morte era collegata a un'organizzazione paramilitare/droga. Questo evento ha cambiato tutta la nostra vita. Sono stato in queste fasi di dolore, negazione e odio, ma ora penso di essere nella fase di negoziazione della perdita della mia famiglia, di mia madre e di questa vita completamente diversa che avrei potuto vivere se le cose fossero state distinte, anche solo una cosa. A causa di questa violenza, i membri maschi della famiglia di mio padre furono spazzati via in caso di possibile vendetta. In questo modo, mia madre ha perso il contatto con la sua famiglia, quindi non poteva prendersi cura di noi mentre cercava di provvedere a noi. L'ICBF (l'autorità centrale colombiana che protegge i bambini) è venuta a conoscenza di questa situazione ed è intervenuta. Mia madre colombiana non aveva alcun sostegno economico o emotivo (almeno a nessuno importava abbastanza da cercare il resto della nostra famiglia), quindi ha dovuto prendere una decisione con entrambe le mani legate.

Due anni dopo, ci siamo trasferiti a Madrid, in Spagna. I nostri genitori adottivi erano antiquati non solo nel loro pensiero sull'istruzione, ma anche nella loro intelligenza emotiva. Non si sono davvero immedesimati in noi o hanno accettato il nostro passato e le nostre origini. Di conseguenza non parlerebbero di adozione. Fino a quando non ho lasciato il nido, non ero in grado di pensare alla mia prima madre o alla mia famiglia. Era troppo doloroso e volevo essere accettato con ogni mezzo. Non mi sono mai sentito vicino ai miei genitori adottivi, ma si sono presi cura di noi tre bambini e non abbiamo mai saputo cosa significa essere separati l'uno dall'altro. Nel 2016 ho deciso che era abbastanza e ho iniziato questo viaggio spaventoso. Le mie sorelle non si sono mai sentite preparate a farlo con me, ma sono state al mio fianco guardandomi alle spalle e, come amano dire: questa è come una telenovela (telenovela). Tuttavia, ho fatto le mie ricerche e sono diventato il mio investigatore privato. Avevo solo bisogno della nostra pratica di adozione per ottenere il suo numero identificativo, e con un piccolo aiuto dai contatti in Colombia, l'ho trovata nel 2018. Non ero pronto a prendere contatto all'inizio, ma ho superato questa difficoltà scrivendo una lettera con le mie sorelle. Poi, a dicembre 2020, ho trovato la famiglia di mio padre su Facebook. Mancava un nome di cui mi parlava mia madre, ma era la chiave per sbloccare ciò che mi stava trattenendo dal conoscere veramente la mia famiglia.

Mi rendo conto, soprattutto leggendo le esperienze di altri adottati, quanto sono fortunato. Sono consapevole delle conseguenze dell'adozione, dei suoi traumi e delle sue ferite, delle cicatrici con cui dobbiamo imparare a convivere; la decostruzione delle mie origini e della mia stessa personalità, le necessità e le difese necessarie per sopravvivere. L'intero processo mi ha insegnato qualcosa di più prezioso che non avrei mai potuto immaginare: accettare me stesso e gli altri. Ho sempre avuto con me le mie sorelle, che stanno imparando da questa crescita con la mente aperta, sapendo che non è facile e non sono pronte a vivere le mie stesse fasi, ma sono disposte ad ascoltare e camminare con me come per quanto possono. Riconoscere e capire che questo non era possibile con i nostri genitori è stato il passo più doloroso, ma siamo riusciti a prendere il controllo delle nostre vite e delle nostre scelte. Ora mi sto preparando per questo viaggio, fisicamente ed emotivamente. In questo momento sto leggendo 'Colombia: una concisa storia contemporanea' per conoscere finalmente il mio Paese, che per tanti anni ho ignorato. Grazie alla mia mamma colombiana, ho scoperto di essere davvero nata a Muzo, Boyaca.

La mia città natale, Muzo, Boyaca in Colombia

Versione originale spagnola di questo articolo qui.

Italiano
%%piè di pagina%%