Solo

di Debbie Nahid nato in Iran, adottato nel Regno Unito.

Debbie da bambina in spiaggia nel Suffolk

Sono nata nel 1968. Mia madre aveva nascosto la sua gravidanza per otto mesi quando si era imbarcata su un aereo in Medio Oriente diretto a Londra. Al suo arrivo, ha visitato un medico in una clinica di Harley Street e ha chiesto aiuto per partorire di nascosto. Il dottore ha contattato un'agenzia di adozioni privata che ha accettato di affidarmi a una famiglia adottiva in Inghilterra in modo che potesse tornare in patria e sfuggire alla minaccia di un delitto d'onore. Se la sua famiglia avesse scoperto che era incinta di me, saremmo stati uccisi per proteggere il loro onore e la loro reputazione.

Abbiamo passato dieci giorni insieme in ospedale prima che venissi rimosso e dato in affidamento temporaneo. Mia madre aveva firmato tutti i documenti pertinenti ma aveva nominato un padre sul mio certificato di nascita ed è stato questo che ha impedito la mia adozione in famiglia. A due mesi sono stato affidato alle cure di un'altra madre affidataria che era stata ritenuta inadatta dai servizi sociali e che desiderava disperatamente un bambino tutto suo.

Sono stato portato su un treno per il Suffolk e cresciuto in una comunità rurale di bianchi inglesi. Mia madre era una donna single che non aveva una famiglia allargata o un partner che la sostenesse. Non le somigliavo; Avevo folti capelli neri, occhi castano scuro e un'abbronzatura sulla pelle che non sbiadiva mai. Mi sentivo un emarginato non solo nella mia città ma anche a casa mia.

Mia madre si è rifiutata di dirmi la verità sulla mia nascita e sono stata cresciuta credendo che fosse la mia madre biologica. Ha anche affermato che mio padre era originario dell'Iran e che apparentemente era morto prima che io nascessi. Non aveva una fotografia di lui o di me da neonato. Ricordo di averla interrogata molte volte, ma non ha voluto discutere di come sono arrivato a essere in questo mondo.

Sono cresciuta sentendomi estremamente sola e isolata, non solo per la mia differenza fisica, ma anche per la sua incapacità di essere aperta sulla mia esistenza. Gli assistenti sociali visitavano regolarmente la nostra casa, ma non mi è mai stato detto che ero il motivo di queste visite; Pensavo che fossero solo amichevoli quando hanno chiesto degli abusi razziali che stavo vivendo a scuola. Mia madre mi diceva che gli assistenti sociali erano persone cattive che volevano distruggerle la vita e io le credevo.

Quando mi avvicinavo ai sedici anni ho scoperto la verità. Una notte mia madre mi ha svegliato per dirmi che non ero la sua vera figlia, ma non mi ha spiegato come sono arrivata lì per stare con lei. In quel momento, tutto il mio mondo si è congelato davanti a me. Mi sentivo vuoto e spaventato. Non sapevo chi fossi e avevo bisogno di scoprirlo. Mi disse che il nome con cui ero conosciuta da sedici anni non era ufficialmente il mio.

Un assistente sociale è venuto a spiegare che avevo sempre un nome diverso, un nome straniero e che ero "straniero". Non mi è stata fornita alcuna consulenza o supporto durante questo periodo e questo mi ha preparato per una vita di problemi di salute mentale. Non credo che capirai mai come ci si sente a scoprire che non sei la persona che pensavi di essere. Tutti e tutto diventa una bugia.

Ho iniziato a scappare di casa e ogni volta che lo facevo venivo prelevato dalla polizia e riportato nel posto da cui stavo scappando. Alla fine sono arrivato a Londra dove ho trovato l'agenzia di adozioni e ho incontrato la donna che ha aiutato mia madre naturale. Tuttavia, non voleva aiutarmi e insisteva che dovessi abbandonare qualsiasi idea di ricerca perché avrei messo in pericolo la vita di mia madre poiché la minaccia di un delitto d'onore era davvero reale. Ha anche detto che mia madre era "andata avanti". Ero senza nessuno a cui rivolgermi e nessun posto dove andare.

Non c'è aiuto per un adottato internazionale, che è essenzialmente quello che ero: nessun assistente sociale utile, nessun accesso ai registri e nessun intermediario. L'unico modo in cui sono riuscito a rintracciare la mia famiglia d'origine era viaggiare per andare alla loro ricerca, che all'epoca era in una regione estremamente pericolosa, poiché una guerra e poi un'invasione hanno ostacolato i miei sforzi ma non mi hanno fermato dal perseguire la verità.

Ho trovato mia madre naturale quando avevo ventiquattro anni. Era sposata e aveva quattro figli. Avevo paura che mi avrebbe rifiutato di nuovo, ma non lo fece. Voleva incontrarmi. Non sapevo che il mio arrivo avrebbe scatenato la sua vergogna e il suo senso di colpa per aver avuto un figlio fuori dal matrimonio in una società musulmana. A quel tempo, ero sopraffatta dai miei sentimenti e sembrava un rifiuto quando lei insisteva nel fingere che fossi qualcun altro. È stato profondamente sconvolgente per me aver trovato la mia madre naturale dopo anni di ricerche per poi dover fingere di essere qualcun altro. Sembrava un'altra bugia.

Per la prima volta nella mia vita, ero nella stessa casa di mia madre biologica e del mio fratellastro. Ho visto somiglianze e manierismi; Ho visto una somiglianza fisica che ci univa tutti, eppure erano estranei che avevano un'educazione diversa dalla mia. Sono cresciuti in una cultura diversa da quella in cui sono cresciuto io. Non si trattava solo di colore, non si trattava solo di razza, si trattava di un'identità culturale a cui ho trovato difficile partecipare perché era così non mi è familiare. potrei avere apparso come loro, ma la mia mentalità era completamente estranea alla loro. Mia madre naturale era una donna cresciuta in una società restrittiva e questo le impediva di riconoscermi apertamente perché temeva le conseguenze.

Sfortunatamente, non ho avuto abbastanza tempo per conoscerla perché è morta abbastanza improvvisamente e quando ho ricevuto la notizia era troppo tardi: era già stata sepolta. Ho passato gli anni che seguirono cercando di costruire una relazione con i miei fratellastri e cercando di raggiungere i parenti di mia madre biologica che non volevano costruire alcun rapporto con me. Volevano mantenere segreta la mia identità per proteggere l'onore della loro famiglia, il che significava rifiutare la mia esistenza.

Debbie alla tomba di sua madre

Penso che la mia vita sarebbe andata diversamente se avessi saputo sempre la verità sulla mia adozione perché non sarebbe stato un tale shock. Allora non sapevo di essere stato guidato da un trauma e di vivere un'esistenza traumatica. Cercavo persone oneste ma ho trovato solo persone ingannevoli. Avevo diritto alla verità perché è la mia storia, la mia biologia e il mio codice genetico. Dal momento in cui sono nato fino ad ora, tutti quelli che potevano darmi informazioni hanno fatto del loro meglio per nascondermele, usando la minaccia di un delitto d'onore come giustificazione.

Ora sono una donna adulta con figli miei e sto cercando la verità sull'identità del mio padre biologico, quindi la mia storia continua...

Questo articolo è stato pubblicato anche su Come essere adottati.

lascia un commento

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%