Non dirmi di essere grato

di Naomi Mackay adottato dall'India alla Svezia.

Il mio viaggio

Sono stato adottato da una famiglia bianca nel sud della Svezia dal nord dell'India alla fine degli anni '70 e non appena sono arrivato in Svezia, mi è stato detto di smettere di parlare in modo strano e che ora ero svedese. Non abbiamo mai parlato della crescita dell'India. Se ho chiesto, ho ricevuto risposte brevi, quindi una conferenza su quanto sia orribile l'India con crimini, stupri, matrimoni precoci e uccisioni di bambine. Perché questo è tutto ciò che è l'India, giusto? Grazie colonizzazione! Avevo una borsa pronta accanto al mio letto con i vestiti e i gioielli portati dall'India, per ogni evenienza.

Il trauma di crescere in questo modo invitava all'odio per me stesso e ai pensieri suicidi e non posso dirti cosa mi ha fermato, ma gli animali erano i miei migliori amici da cui avrei cercato conforto quando ero giù. Non c'era mai stata una menzione di razza, solo quanto ero fortunato ad essere marrone e le mie sopracciglia e i miei capelli sarebbero stati ridicolizzati al punto che avrei strappato le mie sopracciglia quasi all'estinzione e avrei colorato i miei capelli fino al punto di rottura. Ho sentito parlare di odio razziale, ma dato che sono bianco, perché dovrebbe applicarsi a me? Ero una persona bianca all'interno a cui non piaceva farsi fotografare o guardarsi allo specchio, perché era un ricordo del mio colore. Ero una persona bianca che viveva in un mondo bianco senza beneficiare di ciò che questo significa. Le persone dall'India non sono rappresentate nella moda, nella musica, nei film e nei media mainstream e molti pensano che usando una persona di colore, ci abbiano rappresentato tutti.

Crescere senza nessuno che mi somiglia ha causato molti traumi perché ho trovato molto difficile accettarmi e trovare la mia identità. Non sono stato accettato come bianco, ma questo era ciò con cui mi identificavo. Non sono stato accettato come indiano ma non mi sono identificato come tale. All'inizio dei miei 20 anni, quando ho iniziato a viaggiare di più all'estero, mi sono reso conto di quanto fossi a disagio nella mia stessa pelle e se una persona di colore entrava nella stanza, o qualcuno diceva la parola, lo trovavo a disagio perché mi rendevo conto che anche loro erano parlando di me. Sposterei l'argomento su qualcos'altro quando possibile. Ho iniziato a notare che spesso ero l'unica persona di colore nella maggior parte delle stanze, specialmente negli allenamenti e nelle competizioni equestri che sono stati tutta la mia vita crescendo.

Ho sognato e combattuto per diventare un regista fin da quando ero molto giovane. L'ho perseguito nonostante la mia famiglia che non la vedesse come una professione, all'interno di un college svedese che non mi accettava dove i tutor universitari mi ridevano in faccia più volte, tra enti finanziatori che escludevano gli adottati transrazziali, con registi scozzesi che avrebbero non farmi entrare e ho cancellato le mie credenziali su un database della troupe cinematografica. Ho letto molte dichiarazioni personali di persone svedesi di colore che si sono trasferite in America per avere una possibilità di progredire nel loro campo. Anch'io sono stato accettato lì quando finalmente ho trovato il coraggio di fare domanda per fare un Master in regia presso le loro due più prestigiose università di cinema. Pensi ancora che dovrei essere grato?

I cambiamenti

La prima volta che ho incontrato gli indiani dopo essere stata adottata è stato quando mi sono trasferita in Scozia, avevo 24 anni ed ero così incuriosita e a disagio. Nella mia mentalità mi vedevo ancora bianco e non mettevo in relazione quello che mi stava succedendo riguardo alla razza. Ero cauto con i neri e mi vedevo al di sopra degli asiatici, proprio in un modo che immagino facciano i bianchi ma non riesco a spiegare come o perché. Mi ha tenuto al sicuro, mentalmente. A volte mi manca questo, era più facile da gestire rispetto alla verità.

Nel 2020, sono diventato più attivo nelle attività antirazziste poiché conosco altri che lo hanno fatto e mi sono unito a molti gruppi di social media. C'era un particolare gruppo scozzese dove vivo che mi ha fatto sentire molto a disagio perché mi trovavo di fronte molte persone di colore con voci forti e sicure. Ho trovato il mio senza essere chiuso o soffocato dai bianchi e sono arrivato a realizzare tutto ciò che mi è stato rubato: la mia cultura, le mie convinzioni, la mia voce come persona di colore, la mia dignità, la mia eredità, la mia lingua e la mia radici, la mia identità. Sono stato venduto a scopo di lucro per privilegiare gli altri, ma per il quale non avrei mai sperimentato il privilegio attraverso la fede cristiana con cui sono stato educato. Mi sono sentito così tradito. Quando continuo a sentire dai miei conoscenti e amici bianchi che "ottieni quello che ci metti", ho iniziato a credere di essere solo pigro e senza talento. Non ho preso in considerazione il loro vantaggio e gli ostacoli extra che ho incontrato nel mio viaggio come persona di colore. È molto da accettare e sono COS ARRABBIATO!! Pensi ancora che dovrei essere grato?

(Dis)apprendimento

Quando ho iniziato a togliere il candore che ho ereditato dall'adozione, mi sono reso conto che alcune cose sono più difficili di altre da rimuovere. La mia lingua ha ancora bisogno di essere modificata in qualche modo e mi ritrovo a scusarmi con orrore mentre divento più consapevole. Qualche mese fa mi è stato chiesto perché continuo a usare la parola “colorato”. Non mi è mai venuto in mente che lo stavo dicendo e ho persino rimproverato ad altri in molte occasioni di usarlo. In svedese, “colorato” è “färgad” e scavando più a fondo mi rendo conto che è ancora ampiamente usato nei media e dalle persone nella lingua di tutti i giorni. Dopo aver parlato con diverse persone svedesi e aver osservato i media, mi sono reso conto che non esiste una formulazione alternativa, quindi ho deciso di stabilirla, era ora!

In Svezia, le frasi inglesi sono usate e mai tradotte in quanto lo rendono più appetibile per i bianchi e mette distanza tra la persona e il problema. Ho creato una pagina svedese contro il razzismo perché credo davvero nella creazione dei cambiamenti necessari con un approccio meno interattivo che non dia spazio alla fragilità bianca. C'è così tanto sulla mia educazione che ho bisogno di disfare e disimparare. La maggior parte dei social media svedesi e delle pagine antirazziste che ho trovato finora parlano solo del pregiudizio che devono affrontare gli ebrei poiché è ciò con cui i bianchi si sentono a proprio agio. Questo non è razzismo, è antisemitismo.

Indosso il mio colore/oppressione sulla mia pelle affinché tutti possano vederlo e in nessun momento posso nasconderlo o cambiarlo. Perché tutto questo è importante quando parlo del mio trauma come adottato all'estero? Perché mostra le società razziste molto radicate in cui vengono venduti Black e Brown e il razzismo interno profondamente radicato che crea in noi. Mi odio per essere così, ma odio di più le persone che mi hanno fatto questo. Odio è una parola forte, non cerco scuse per usarla. È abuso mentale, violenza e stupro. Pensi ancora che dovrei essere grato?

Ricostruzione

Ora mi sto ricostruendo come donna indiana. Una persona di colore. Un'adottato transrazziale internazionale e ho scoperto che lo yoga mi sta aiutando a guarire anche se sento che lo sto appropriando culturalmente, so che è la mia cultura e ne ho tutto il diritto. Recentemente ho scoperto di essere nato indù, quindi il mio profondo legame con lo yoga è naturale. Più decolonizzo lo yoga, più decolonizzo me stesso. Gli incidenti più dannosi per il mio processo di guarigione sono stati gli indiani che mi hanno parlato male di non essere cresciuto lì, di non parlare nessuna delle lingue, di conoscere bene la cultura o le religioni, di vestirsi con abiti tradizionali indiani o di cucinare cibi indiani.

Per chi è indiano, sei così fortunato ad avere ciò che mi è stato negato. Sei così fortunato a conoscere gli odori, le radici e l'amore del nostro bel paese. Ho diritto a qualsiasi parte di esso quanto te e mentre sto ancora imparando, sono grato di avere ora persone comprensive nella mia vita che mi aiutano a guarire. Ho il privilegio in quanto il mio accento e le mie ideologie imbiancate si adattano alla vita svedese e le persone cresciute in India hanno il privilegio di non aver vissuto il trauma della perdita della loro intera identità a causa della svenduta, e non sono cresciute con lo stesso livello di razzismo interiorizzato, né vedere parti della cultura in mostra e essere loro vendute. Credo che la mia natura curiosa e il desiderio di imparare sia il motivo per cui sono stato aperto al cambiamento e al (dis)apprendimento. Mi sono istruito sulla storia dei neri e sul trauma del colonialismo.

Andando avanti

Credo che da adulto sia mia responsabilità istruirmi e imparare cosa posso fare per rendere questo mondo sicuro per tutti. Attualmente sto lavorando a un film documentario e a un libro sulla mia vita e il mio viaggio. Riconosco che molti di noi lo stanno facendo. Le nostre esperienze sono uniche e sono le nostre. Abbiamo tutti modi diversi di farcela e ho grossi problemi di fiducia con i bianchi, specialmente i cristiani. Vedo un sacco di centratura bianca nella mia vita quotidiana e genitori adottivi bianchi che parlano di come l'adozione transrazziale li ha colpiti e del trauma che hanno dovuto affrontare. Sto guarendo ogni giorno e scrivere questo è stato un passo avanti.

Ho una domanda per te. Sostieni la tratta di esseri umani? Non c'è un "ma", così come potrei anche chiedere: "Sosteni il razzismo?" C'è solo "Sì" o "No". Se desideri sostenere e aiutare i bambini, dai un'occhiata a cosa puoi fare.

Una risposta a "Don’t Tell Me to be Grateful"

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%