La dualità di essere disabili e adottati

di Erin E. Andy (지현정), adottato dalla Corea del Sud negli Stati Uniti.

Marzo è il mese della consapevolezza della paralisi cerebrale.

Come qualcuno che ha vissuto con questa condizione per tutta la vita, posso dire che è una lotta. Come qualcuno che è un adottato internazionale transrazziale per di più, mi sono sentito in conflitto sulla mia identità.

Ci sono volte in cui le mie membra fanno l'opposto di quello che voglio che facciano. Ci sono state volte in cui ho avuto difficoltà ad alzarmi dal letto quando il mio corpo era troppo affaticato dagli spasmi. Ci sono state volte in cui ho dovuto prendere dosi extra di farmaci per calmarmi in modo da poter funzionare nella mia vita quotidiana. Ci sono più volte di quante vorrei ammettere di essere fissata per il modo in cui il mio corpo si comporta. Sono pienamente consapevole degli sguardi di giudizio che ricevo, il che rende il mio corpo involontariamente ancora più teso. Non posso mai nascondere la mia eccitazione o il mio nervosismo poiché la mia Paralisi Cerebrale tradisce le mie emozioni.

Quando le persone scherzano su "forse dovrei usare una sedia a rotelle invece di camminare", sembra insensibile. Eppure quegli scherzi persistono. A volte può essere difficile vedere le persone deridere quelli di noi che non possono controllare i nostri corpi.

Crescendo con la paralisi cerebrale, è stato abbastanza difficile inserirsi, perché la mia sedia a rotelle e le sue restrizioni mi ricordavano costantemente che ero diversa. Tuttavia, oltre a venire a patti con la mia disabilità, ho dovuto affrontare un altro aspetto della mia identità: essere un'adottato transrazziale internazionale.

All'interno della mia famiglia adottiva, mi sono sentito in qualche modo confortato dal sapere che ero cresciuto con altri fratelli adottati coreani e che avevo un padre di origine giapponese. Tuttavia, uscire con mia madre è stato un duro promemoria che sono stato adottato. Non le assomiglio per niente, e vedere degli estranei che ci guardavano con curiosità ha chiarito che era diverso; che ero diverso. Solo quando la nostra famiglia ha frequentato i campeggi con altre famiglie con bambini adottati mi sono sentito a mio agio. Non ero l'unico ad essere disabile e adottato. Mi sono sentito accettato. Hanno normalizzato la mia esistenza.

Detto questo, è stato difficile, crescendo, accettare che la mia famiglia biologica mi avesse abbandonato. Mi sono chiesto spesso perché. Mi è stato detto che stavano cercando di darmi una vita migliore, ma il dolore e il rifiuto dell'abbandono sono difficili da conciliare con le loro buone intenzioni.

Non ho mai chiesto di essere disabilitato. Ero arrabbiato perché mi hanno abbandonato così facilmente. Non ne ho mai capito il motivo, almeno non per un bel po' di tempo. Sono stata abbandonata all'età di cinque anni, quindi conoscevo la mia famiglia biologica, ma anche così hanno deciso di cedermi all'Holt Adoption Services. Rimasi in una casa famiglia per un po' finché l'agenzia per le adozioni non trovò una famiglia che mi adottasse.

Dopo essere tornato in Corea nel 2014 per una riunione con mia madre biologica e aver visto di nuovo la mia terra natale, sono arrivato a una realizzazione spiacevole: non ho visto quasi nessuno su una sedia a rotelle per le strade di Seoul. Non ho visto nessun altro come me al di fuori del mio gruppo di tour che aveva una disabilità fisica come Cerebral Palsy. Solo quando siamo andati in un orfanotrofio a Ilsan ho visto alcune persone con disabilità fisiche. Ero confuso e alla fine deluso. Dopo essere tornato dalla Corea, negli anni ho visto video e articoli su come vedevano i disabili.

Sarei stato qui negli Stati Uniti se fossi nato prima di tutto e avessi ricevuto l'ossigeno di cui avevo bisogno per evitare questa disabilità? Come sarebbe stata la mia vita se fossi rimasto in Corea? Sarei stato messo in un orfanotrofio mentre crescevo, o sarei stato mandato in un istituto per vivere il resto dei miei giorni nascosto dal mondo esterno? Ancora oggi, rifletto su quale sarebbe stato il mio destino se non fossi stato adottato.

La mia adozione è avvenuta a causa della mia Paralisi Cerebrale, ma la lotta di ciascuno non scoraggia l'altro. Mentre piango ancora la vita che avrebbe potuto essere se non fossi mai stato disabile, so che questa vita è degna di essere vissuta, qui negli Stati Uniti.

Ho un marito amorevole, molti amici provenienti da vari luoghi, famiglie che si prendono cura del mio benessere e forse la cosa più grande, la capacità di prosperare.

Non ho mai chiesto di avere la Paralisi Cerebrale o di essere data in adozione...

Ma, anche così, io sono qui. Io esisto. La mia condizione non è chi sono né dovrebbe definirmi.

Una risposta a "The Duality of being Disabled and Adopted"

lascia un commento

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%