Cosa c'è in un nome? Identità, rispetto, proprietà?

Risultato immagine per cosa c'è in un nome

Molti forum di potenziali genitori adottivi discutono se sia una buona idea cambiare i nostri nomi originali al momento dell'adozione. Abbiamo pensato di fornirti le nostre opinioni, da adulti, con il senno di poi del nostro viaggio di una vita come persone adottate all'estero per aiutarti a informarti su come ci sentiamo su questo problema.

Ecco una raccolta delle nostre risposte, condivise in nessun ordine particolare, dal nostro gruppo facebook ICAV dove abbiamo avuto questa discussione. Speriamo che sia utile.

La mia opinione è che i nostri nomi non dovrebbero essere cambiati a meno che non vogliamo che vengano cambiati. La mia mamma adottiva ha cambiato il mio semplicemente perché era quello che voleva, ma per me il mio nome originale è quello con cui risuonano davvero ed è la mia identità. In adozione ci usano come sostituti per farci propri e non solo per prenderci cura di noi perché un'altra famiglia non può o non vuole farlo.

Per quanto riguarda i documenti, penso che ci debba essere una legislazione in vigore che dichiari che abbiamo il diritto di accedere ai nostri documenti di nascita e di riceverli liberamente. La maggior parte delle volte non possiamo nemmeno andare a chiederli ai tribunali perché è necessario conoscere alcuni dettagli come la contea ecc. I genitori adottivi hanno e possono negarlo a un adottato. È la nostra storia e abbiamo tutto il diritto di sapere chi siamo e non dovremmo essere costretti a modellare la famiglia di un'altra persona.

Per me è semplicemente immorale, soprattutto considerando che alcuni di noi sono stati effettivamente trafficati e non si sono arresi. Tale era il mio caso. Il governo ha mentito e quando c'erano abbastanza informazioni per trovarmi nell'orfanotrofio, ero già adottato e ai membri della mia famiglia bio è stata negata la custodia entro quel tempo anche a causa dell'espressione di mia madre di volermi adottare. Hanno mentito sulle cartelle cliniche e hanno mentito sulle informazioni di mio padre biologico semplicemente per guadagnare più soldi per la federazione.

I genitori adottivi dovrebbero essere in grado di cambiare il nostro nome, ma solo se possono dimostrare che c'è una minaccia immediata per noi nel mantenere il nostro nome di nascita.

Микайла Трапезникова adottato dalla Russia in America

Abbiamo perso abbastanza. Siamo persone prima di entrare nelle loro famiglie, indipendentemente dal fatto che a loro piacciano o meno i nostri nomi, è il nostro. Anche se è "solo" il nome di un orfanotrofio.

MKR adottato dall'Asia all'America

Avrei preferito che avessero mantenuto il mio nome, ma poi di nuovo, l'orfanotrofio mi chiamava con il mio secondo nome, "Manuel", che ho sempre pensato fosse strano. Ma quando ho trovato mia madre, mi ha chiamato per nome "Antonio" e ha avuto più senso. Comunque, ora il mio nome è Daniel, che non ha nulla a che fare con quello vero.

La mia famiglia d'origine dice anche Tonio, abbreviazione di Antonio. In Perù questo nome è molto comune ma in Canada non così tanto. Sento che fa parte di dove vengo. È anche il nome di mio padre. Ho sempre saputo il mio vero nome, vorrei solo tenerlo. L'intera cosa. Alla fine lo cambierò con il mio vero nome. È solo frustrante dover superare la procedura legale per tutte le cose che devo fare per riconnettermi con la mia cultura.

È molto triste perché si aggiunge a tutte le cose di cui sono stato privato quando sono stato adottato. È la mia identità. Sento anche che crescere senza parlare la mia lingua è stato crudele. Avrei voluto essere cresciuto un po' parlandolo così non ho sprecato il picco di plasticità del mio cervello quando ero un bambino e ho dovuto impararlo da adulto.

In Canada, è sempre stato importante imparare l'inglese se sei francese ed entrambe queste lingue sono più facili da imparare o immergersi. Anche lo spagnolo peruviano è diverso dagli altri spagnoli, quindi anche se conosco quello centroamericano e sudamericano, non lo so voglio imparare cose messicane e realizzare che non è la stessa cosa.

Sento che l'adozione fuori dal paese è sbagliata. Cambiare nome o no, non restituisce ciò che perdiamo venendo privati della nostra cultura. Vorrei avere ancora il mio nome ma, ripeto, vorrei non essere adottata e vorrei ancora di più crescere in Perù con la mia famiglia.

Ho avuto questa crisi di identità in cui né il mio vero nome sembrava come me né il mio nome legale. È strano da dire, ma è stato molto confuso per me. Ne ho sofferto, non essendo in grado di identificarmi con questi nomi. Non significava niente per me. È come se fossi nel mezzo e da nessuna parte, allo stesso tempo. Questo è per me essere adottato. È assimilazione. Mi ha portato via il senso di me stesso.

Daniel Walsh adottato dal Perù in Canada

Onestamente, non vorrei il mio nome coreano. Dopo aver scoperto che mia madre naturale non mi ha nemmeno chiamato e che l'ostetrica lo ha fatto, ho pensato di sbarazzarmi anche di loro come secondo nome. Non mi piace che mi venga chiesto tutto il dannato tempo sul "perché questo e quello", quindi almeno avere un nome dal suono "inglese" mi ha aiutato a non dover continuamente farmi domande tutto il tempo. Ma sono solo io. Odio essere chiesto e dover spiegare per la miliardesima volta.

Gemma adottata dalla Corea del Sud in Australia

Molte persone pensano che i nomi non contino. Ma proprio come nelle tribù, sapevano dove appartenevi dal nome tribale associato. Quindi cambiare i nostri nomi originali significa che stai cancellando la nostra identità. 

Mi chiamavo Angela da piccola, nata da mia madre, dalle mie radici, dalla mia storia, dalla mia identità. Sono stata ribattezzata Maria, alla quale non mi sono mai sentito legato. Maria era una persona che conoscevo e che è stata portata in un'altra famiglia e i miei ricordi non vanno oltre i giorni in cui ricordo di aver fatto parte di una nuova famiglia. Se avessero mantenuto il mio nome e lo avessero aggiunto, magari con un secondo nome se non ne avessi uno, sarebbe stato accettabile, mi avrebbe dato una sorta di conforto che sono reale e non solo un bambino a caso che aveva bisogno di essere ricercato a causa delle circostanze in cui si trovava mia madre naturale in quel momento. Un nome/cognome aggiunto viene in secondo piano rispetto a chi ero già, non ci rinnoviamo dopo essere stati adottati. Siamo umani, non un essere immacolato che scende da qualche pianeta.

Siamo lo stesso bambino e quello che diventiamo dopo l'adozione non ridefinisce la nostra identità, ma semplicemente la nasconde e la cancella sulla carta. Non dobbiamo essere reclamati come un cucciolo che ha due padroni in una vita. Non siamo animali per cui inventi nomi. Siamo già qualcuno prima di dover essere di qualcun altro.

La chiave per "amare" questo bambino che devi avere perché ci sono così tanti bambini là fuori che hanno bisogno del tuo "aiuto" - non è cambiare chi sono, o sostituire il loro inizio con uno che li attribuisce / li rivendica come tuoi . È prendere il bambino che è già qualcuno e costruire da quello, capire che nessun cambio di nome, nessuna informazione cancellata dal suo vero certificato di nascita farà sembrare che tu li abbia fatti nascere in questo mondo. Niente risolverà ciò che è rotto dentro di te, o qualunque vuoto tu stia cercando di riempire, cambiando/falsificando la nostra identità. 

Il tuo potere di cambiare l'identità di un bambino sulla carta è qualcosa su cui devi guardarti dentro e pensare se è veramente a beneficio e il meglio per il bambino che ha perso/perde i suoi legami biologici e tutto ciò che ne consegue; o se serve a te e alle tue esigenze.

Maria Hernandez adottata dalle Filippine al Canada

Il mio nome è mio. Lo odiavo e volevo cambiarlo. E poi quando mi sono sposata, la gente si chiedeva perché diavolo non l'avessi cambiata. È mio. È cresciuto su di me. Sì, mi collega a una madre naturale di cui non mi interessa, ma è il mio nome. Nessuno può pronunciarlo, ma è il mio nome. Ho pensato di aggiungere il cognome di mio padre naturale al mio, ma forse in futuro. Mi è rimasto così poco delle mie radici. Lasciami qualcosa.

Marisa Smith adottata dal Regno Unito con origini britanniche/native americane in America

Non andare lì. Questo è il nostro nome di famiglia e cambiarlo ci spoglia della nostra identità e dei legami familiari. Anche le coppie sposate non hanno sempre gli stessi cognomi. Gli adottanti vogliono solo che li "abbinamo" in modo che possano fingere che siamo loro. 

Per gli adottati i cui nomi sono stati cambiati, tornare ai nostri nomi di nascita dovrebbe essere facile come tornare al cognome da nubile dopo un divorzio. Nessun costo, nessun problema, basta presentarlo ai tribunali e sei di nuovo al tuo nome. È solo un'altra area in cui gli adottati non hanno scelta o diritto di acconsentire.

Jodi Gibson adottata dall'Irlanda in America

Una delle prime cose che impariamo a scrivere da bambini è il nostro nome. Questo è ciò che ci identifica come individuo, è la somma collettiva della nostra personalità unica e del nostro lignaggio tenuti insieme dalle parole: il nostro nome e cognome. Quindi, quando veniamo adottati, non dovremmo perdere il diritto a chi siamo nati. Voglio suggerire rispettosamente che la maggior parte dei genitori adottivi cambia i nostri nomi a causa di un'accettazione non riconosciuta del patriarcato e del colonialismo che predominano alla base dell'adozione. Spero che i genitori di quest'epoca si interroghino più profondamente sul motivo per cui sentono il bisogno di cambiare il nostro nome.

Ovviamente è conveniente non dover spiegare a mezzo mondo perché il nostro nome non è lo stesso di nostro padre o nostra madre o come "apparteniamo" a loro, ma come possiamo sviluppare autostima, fiducia e orgoglio nella nostra identità se non ci è permesso il nostro nome? Il nostro nome è un'espressione di chi siamo e tutti meritiamo di vivere la nostra verità. La cosa più importante che dobbiamo sviluppare mentre percorriamo la vita, è la nostra relazione con noi stessi e il nostro nome è parte integrante del nostro senso di sé.

Mi è stato dato un nome anglo dai miei genitori adottivi con il mio nome vietnamita nel mezzo. All'età di 17 anni, mi è stata data una scelta se volevo mantenere il mio nome vietnamita come nome legale. Ho scelto in quel momento di mantenere il nome come avevano scelto i miei genitori perché in quella fase della mia vita odiavo tutto ciò che era asiatico e avevo assorbito la negatività e il razzismo che ho vissuto nel mio paese adottivo. Dopo aver lavorato molto su me stesso anni dopo, per trovare la mia vera identità e reclamare il mio io asiatico con la mia mentalità caucasica, ora sono orgoglioso di dove sono nato e vorrei che la mia esperienza di famiglia adottiva fosse stata diversa. Senza dubbio se mi avessero insegnato la mia eredità e i miei inizi con un senso di rispetto e orgoglio, sarei stato orgoglioso di possedere il mio nome vietnamita. Mi avrebbe aiutato a sviluppare un senso più forte e positivo di chi sono piuttosto che le complicazioni inutili che ho dovuto affrontare da adulto molto più anziano.

D'altra parte, non c'è dubbio che le persone in Australia avrebbero avuto difficoltà a pronunciare il mio nome vietnamita considerando che sono cresciuto in regioni rurali molto remote, ma metto in dubbio qualsiasi genitore adottivo che intenda crescere il proprio figlio in aree senza specchi razziali; la mia generazione di adottati internazionali ha sicuramente visto che questo si aggiunge alle nostre complessità in modo negativo. Ora che vivo in una Sydney multiculturale e molto dominata dagli asiatici, il mio nome originale non sarebbe stato un problema se fossi stato cresciuto in un posto come questo.

Vong Ung Thanh aka Lynelle Long adottato dal Vietnam in Australia

Ho fatto questa domanda a un gruppo di adottati per il nostro bambino che abbiamo adottato. Alcuni hanno detto che non avrebbero voluto un nome coreano crescendo perché si distinguevano già troppo e il nome avrebbe peggiorato le cose. Altri vorrebbero averne tenuto una parte (io sono in questo campo).

Abbiamo mantenuto il suo nome di nascita dato dalla madre naturale, ma abbiamo cambiato la romanizzazione. Ho consigliato ad altri genitori adottivi di conservare almeno una parte del nome.

Allison Young adottata dalla Corea del Sud in America e genitore adottivo

Per molto tempo non ho saputo che mia madre naturale mi avesse davvero chiamato. Vorrei che fosse il mio secondo nome e ora se dovessi passare attraverso il processo di modifica, sarebbe lungo e costoso. 

È una domanda difficile perché ho periodi in cui non mi piace il mio nome perché beh, non è il mio primo.

Non conosco un adottato che non tenti almeno di trovare le proprie radici. Scoprire che i tuoi genitori adottivi ti hanno dato un nuovo nome può essere difficile da digerire, specialmente quando lo scopri più tardi nella vita. Può anche aumentare il divario interno che un adottato può già sentire.

Lina adottata dal Brasile alla Germania

Il momento oi momenti in cui ti viene dato un nome, o altera un nome (tramite matrimonio, divorzio, famiglie miste, immigrazione o scelta tramite Deed Poll, ecc.), Sono tutti indicatori nella linea temporale della vita di un individuo. Ci sono sempre molte cose da considerare, tuttavia, l'inclusione e la continuità dei nomi (ovunque si trovino ad es. primo / medio / sillabato ecc.) , o famiglia sposata. Nulla è nascosto ed è solo lasciato all'individuo il nome con cui vorrebbe essere conosciuto, che può cambiare man mano che crescono, che è naturalmente quello che facciamo spesso (adottato o meno, nomi di bambini e versioni di nomi di adulti).

Il problema per me sarebbe quello di fornire una scelta all'adottato, non di togliergliela. E per non creare la cancellazione dell'identità. In questo modo si crea un'ambiguità identitaria che è così dannosa. La scelta dà potere quando tante parti della nostra vita in quanto adottati riguardano il sentirsi impotenti ed emarginati. I miei cinque centesimi valgono.

Sue Bylund adottata dal Vietnam in Australia

Non vorrei il mio nome indiano. In parte amo solo l'unicità e l'ambiguità del mio nome attuale, ma ho SEMPRE odiato il mio nome indiano. Penso che da bambino credessi davvero che quel nome rappresentasse una parte brutta di me. Quella brutta, sconosciuta parte confusa. Poi con come non sono indiano, non lo vorrei!! MA dall'altro lato mi chiedo come mi sentirei davvero connesso se non avessi avuto l'opportunità di separarmi completamente dalla parte indiana di me.

Anonymous adottato dall'India all'America

Cosa c'è in un nome? Per gli adottati, connessione e disconnessione. La maggior parte degli adottati ha poco altro da fare se non il nome di nascita: il loro legame con l'umanità. Quando le famiglie adottive cambiano il nome di un bambino, spesso in uno che rimuove la rilevanza etnica e la storia familiare di nascita, il nuovo nome è un taglio primordiale.  

Nel mio caso, tuttavia, le persone violente che mi hanno adottato hanno deriso incessantemente il mio nome di nascita. Quando finalmente sono sfuggito all'inferno della mia infanzia da adolescente, ho scelto un nuovo nome che simboleggiava potentemente la mia nuova vita. Alla fine ho cambiato il mio nome legalmente.
 
Il mio consiglio come adottato è di mantenere e onorare il nome di nascita del bambino adottato; usa un soprannome se necessario. In questo modo, il legame con l'identità centrale del bambino viene preservato e non negato.

Jesse Lassandro adottato dalla Spagna in America

In molti casi il nostro nome è l'unico dono che nostra madre ci fa e il nostro unico legame con lei, la famiglia e la cultura. Se non è stato dato da lei è ancora parte della nostra storia.
Il nostro nome è importante e ignorarlo è significativo, invia un messaggio su chi e cosa è importante. È il primo segno che il comfort dei genitori (e in alcuni casi dei bianchi) è più importante del nostro e dobbiamo colludere con questo o affrontare il loro dolore e la loro resistenza se vogliamo rivendicare quel nome o qualsiasi parte della nostra identità biologica: è un pesante fardello per un adottato.

Se devi cambiare un nome asiatico o africano per il comfort di una comunità bianca, non sei pronto per un bambino transrazziale e tutta la sua complessità, non sei pronto a difenderli e celebrare la loro alterità invece di cercare di mascherarla. Non regalare a un bambino un senso di vergogna nella sua cultura, invece coltiva la fiducia e la sicurezza in chi sono e le abilità per difendere se stessi. Impara queste abilità da solo, se non l'hai già fatto. Se scegli di cancellare l'identità di tuo figlio, fallisci a questo primo ostacolo. Quindi preparati per una dura corsa una volta che tuo figlio cercherà di trovare le sue radici senza il tuo aiuto perché ti sei dimostrato incapace di essere di supporto.

Anche i cambi di nome giocano un ruolo cruciale nell'anonimizzazione in modo che la famiglia biologica non possa cercarci. Non importa quanto sia ben argomentato il caso dei genitori per il cambio di nome: è una presa di potere, il che significa che toglie potere agli altri. Non posso esprimere quanto sia pesante l'onere della ricerca, spetta interamente all'adottato a causa dei molti modi in cui le famiglie naturali vengono private del potere e si vergognano per dissuaderle dal cercare. Non dovrei cercare, voglio essere trovato.

Gardom adottato dalla Malesia nel Regno Unito

I futuri genitori adottivi stanno contribuendo a una situazione in cui potremmo ritrovarci con un enorme elenco di nomi. Può essere molto confuso e non aiuta l'identità. Ho 5-6 diverse opzioni di cognome (e altro, se consideri la sillabazione di uno di questi). Ora, questo è esacerbato dal fatto che i singalesi dello Sri Lanka hanno tipicamente due diversi tipi di cognomi e possono usare entrambi e che io sono sposato. Ma essere sposati e cambiare nome non è insolito in molti paesi.

Inoltre, avere due cognomi non è del tutto insolito poiché anche le culture spagnole e latinoamericane usano spesso due nomi (e forse ci sono anche altri paesi che seguono un tale sistema).

Ho tre nomi di battesimo poiché mia madre me ne ha dati due e i miei genitori adottivi hanno mantenuto il mio nome di nascita come secondo nome, ma mi hanno dato un nuovo nome. Quindi questi sono tre nomi dati. È semplicemente psicologicamente difficile avere così tanti nomi diversi. Quante persone hanno 9 nomi diversi? Non voglio nemmeno calcolare quante combinazioni sono!

Anonymous adottato dallo Sri Lanka all'Australia

Penso che questo sia molto personale per i singoli adottati e non c'è modo che un genitore adottivo possa sapere quale preferirebbe il bambino. Spesso devono prendere la decisione migliore possibile in base a ciò che ritengono sia meglio. Il senno di poi è sempre 20/20.

Non credo che avrei voluto crescere con il mio nome coreano e avere a che fare COSTANTEMENTE con persone che lo pronunciavano male e lo pronunciavano male e dovevo scriverlo per le persone ovunque io vada. Uff. Il solo pensarci mi stanca. LOL! Ma anche io non ero molto in contatto con il mio essere coreano da bambino.

Penso che oggi sarebbe carino averlo come secondo nome così potrei avere questo piccolo promemoria. Anche io e mio marito abbiamo adottato dalla Corea. Nostro figlio ha 9 anni e abbiamo scelto di cambiargli il nome. Per prima cosa, il suo nome coreano è stato facilmente trasformato in una provocazione crudele in America e abbiamo pensato che lo avrebbe reso un bersaglio per il bullismo. Gli abbiamo sempre detto, tuttavia, che lo aiuteremo a cambiarlo di nuovo se vorrà farlo. Sa che stiamo bene con qualsiasi cosa voglia fare. In realtà gli abbiamo dato un secondo nome che condivide con mio marito, che è bianco. Molte famiglie adottive che conosco mantengono il secondo nome coreano in modo che possano decidere in seguito di usare il secondo nome se lo desiderano. Penso che sia una grande cosa.

Anonymous adottato dalla Corea del Sud in America

Il mio nome iraniano Susan mi è stato dato in un orfanotrofio, probabilmente un posto orribile in cui aver trascorso del tempo. Sono felice di averlo tenuto come secondo nome perché altrimenti mi sarebbe sembrato che i miei genitori adottivi svedesi stessero attivamente cercando di cancellare le mie origini. Mi hanno dato il nome Sarah, che funziona in tutto il mondo. Sarah è comune anche in Iran, il che è fantastico ora che ho trovato la mia famiglia naturale.

Sono felice di non avere un nome scandinavo che nessuno all'estero può pronunciare. Solleverebbe così tante domande ovunque io vada. Con un nome come Sarah ci sono meno domande. Trovando la mia famiglia d'origine, ho scoperto che ho una sorella maggiore di nome Susan, quindi ora sono ancora più felice che non mi sia stato dato questo nome.

Quindi il mio consiglio è:
1) non cancellare il nome dell'orfanotrofio;
2) dai a tuo figlio un nome internazionale;
3) se possibile, dai al bambino un nome che funzioni nel suo paese d'origine; e
4) se al bambino è stato dato un nome dal genitore biologico e se il bambino è abbastanza grande per rispondere a quel nome, NON PUOI in nessun caso cambiarlo.

Sarah Mårtensson adottata dall'Iran alla Svezia

Cosa c'è in un nome? Si scopre, molto.

Come adottati coreani, il recupero delle nostre origini attraverso l'adozione dei nostri nomi coreani è pieno di complicazioni.

Di recente ho iniziato a usare il mio nome coreano, Joon Ae, ma solo sui social media. Con rispetto, i miei amici hanno chiesto se dovrebbero iniziare a chiamarmi Joon Ae.

La mia risposta è stata: non ancora.

Come molti altri adottati transrazziali e transnazionali adulti, cambiare il mio nome è una domanda con cui sto litigando, una domanda specifica per gli adottati come: vuoi trovare i tuoi genitori biologici? (Indicatore: se non hai una relazione intima e di fiducia con un adottato, se l'adottato non l'ha tirato fuori da solo, o se non sei un adottato tu stesso, allora non chiedere quest'ultimo.)

Ciò che le persone non adottate dovrebbero capire è quanto siano difficili queste domande per gli adottati, quanto possano essere complicate, stratificate e angoscianti, come una domanda porti a un'altra domanda porti a un'altra domanda, tutte dure e tutte evocanti il nostro trauma , svelando chi siamo, chi pensiamo di essere, chi vogliamo essere, chi avremmo potuto essere. Tutti potenzialmente implicano anni di lavoro e molti risultati inaspettati ed emotivamente brutali.

Per leggere il resto, clicca qui per il saggio completo di Joon Ae.

Joon Ae è stato adottato dalla Corea del Sud negli Stati Uniti.

4 Risponde a “What’s in a Name? Identity, Respect, Ownership?”

  1. Per me come Adottato Locale è il cognome a cui non mi riferisco (il mio nome è rimasto lo stesso) Sono infuriato che il mio certificato di nascita originale sia stato cancellato e la mia identità cancellata, mi ci sono voluti 59 anni e una scoperta del DNA della mia adozione per trovare la verità. L'identità è il fondamento più importante per qualsiasi essere umano, è la ragione per cui ti alzi la mattina, costruiamo la nostra identità su chi crediamo di essere, l'atto di adozione è progettato per trasmettere la proprietà del bambino poi dell'adulto, è progettato per recidere e cancellare l'identità. L'atto di adozione è arcaico e deve essere relegato al passato. L'atto di adozione incoraggia il traffico di bambini, stabilisce che i bambini adottati complicano quando un bambino è vittima della tratta, non diverso dal destinatario di beni rubati

lascia un commento cancella risposta

Italiano
%%piè di pagina%%