Adottivi presso la Commissione speciale dell'Aia

Next week on 4-8 July, the 104 signatory countries of the Convention of 29 May 1993 on Protection of Children and Co-operation in Respect of Intercountry Adoption will gather online together at the Special Commission meeting to discuss Post Adoption e Illicit / Illegal Adoption matters. It is a significant event that happens usually every 5 years and this marks the first time there will be broad representation of intercountry adoptees attending as Observers. Historically since 2005, International Korean Adoptee Association (IKAA), the network representing Korean adoptee interests has been the only adoptee organisation to attend. In 2015, Brazil Baby Affair (BBA) was the second adoptee led organisation to attend with IKAA. Due to COVID, this current Special Commission meeting was postponed and over the past years, I can proudly say I have helped to spread the knowledge amongst adoptee led organisations of HOW to apply and encouraged lived experience organisations like KUMFA (the Korean mothers organisation) to represent themselves. This year, we proudly have 6 adoptee led organisations representing themselves and their communities. We have progressed!

Back in 2015, I wrote the blog titled Why is it Important to have Intercountry Adoptee Voices on this website. Many times over the years I have advocated about the importance of our voices being included at the highest levels of government discussions. So I say again, our voices are immensely important at these highest levels of adoption policy, practice and legislation discussions.

Some critics might say we change nothing in intercountry adoption by attending these meetings, however, I would like to suggest that merely seeing us represent our adult selves in numbers, helps governments and authorities realise a few key points:

  • We grow up! We don’t remain perpetual children.
  • We want to have a say in what happens to future children like ourselves.
  • We help keep them focused on “who” we really are! We are not nameless numbers and statistics. We are alive people with real feelings, thoughts and a myriad of experiences. Their decisions MATTER and impact us for life and our future generations!
  • We help them learn the lessons from the past to make things better for the future and remedy the historic wrongs.
  • We are the experts of our lived experience and they can leverage from our input to gain insights to do their roles better and improve the way vulnerable children are looked after.

One of the advantages of the framework of the Hague Convention, is that it creates opportunities like the upcoming Special Commission where adoptees can have visibility and access to the power structures and authorities who define and create intercountry adoption. Domestic adoptees lack this framework at a global scale and are disadvantaged in having opportunities that bring them together to access information and people which is important in advocacy work.

I’m really proud of our team of 8 who are representing ICAV at this year’s meeting. I have ensured we cover a range of adoptive and birth countries because it’s so important to have this diversity in experiences. Yes, there’s still room for improvement, but I’ve been limited by people’s availability and other commitments given we all do this work as volunteers. We are not paid as government or most NGO participants at this upcoming meeting. We get involved because we are passionate about trying to improve things for our communities! Equipping ourselves with knowledge on the power structures that define our experience is essential.

Huge thanks to these adoptees who are volunteering 4 days/nights of their time and effort to represent our global community!

  • Abby Forero Hilty (adopted to the USA, currently in Canada, born in Colombia; Author of Colombian adoptee anthology Decoding Our Origins, Co-founder of Colombian Raíces; ICAV International Representative)
  • Ama Asha Bolton (adopted to the USA, born in India, President of People for Ethical Adoption Reform PEAR; ICAV USA Representative)
  • Colin Cadier (adopted to France, born in Brazil, President of La Voix Des Adoptes LVDA)
  • Jeannie Glienna (adopted to the USA, born in the Philippines, Co-founder of Adotta Kwento Kwento)
  • Judith Alexis Augustine Craig (adopted to Canada, born in Haiti; Co-founder of Adult Adoptee Network Ontario)
  • Kayla Zheng (adopted to the USA, born in China; ICAV USA Representative)
  • Luda Merino (adopted to Spain, born in Russia)
  • Myself, Lynelle Long (adopted to Australia, born in Vietnam; Founder of ICAV)

We represent ourselves together with our adoptee colleagues who represent their own adoptee led organisations as Observers:

I’m not expecting great changes or monumental happenings at this upcoming meeting, but it’s the connections we make that matter whether that be between ourselves as adoptees and/or with the various government and NGO organisations represented. Change in this space takes decades but I hope for the small connections that grow over time that accumulate and become a positive influence.

The next few posts will be sharing some of the key messages some of our team put together in preparation for this Hague Special Commission meeting on Post Adoption Support and what the community via these leaders, wish to share. Stay tuned!

Perdonare e andare avanti

My adoptive aunt passed away two days ago and when the grief of this additional news struck, I took space to mourn, and while embracing more of life’s inexplicable changes, I discovered a new and unexpected change in my heart.

In this time, I’ve been home a lot, staying comfy and quiet in Aina Haina, not wanting to go out. I didn’t know this would happen or that my anger would ever subside. But I came to find myself able to forgive in the end, and let bygones be bygones.

I know when my heart changed.

It happened after I’d been doubling up on my therapy for weeks, and specifically, at the moment when I was sitting in a pew, at a new church a few Sundays ago. This is when it happened.

It was probably the most hilarious and beautiful Sunday mass I’d ever been too, in this chapel, with glass windows that reached this vaulted ceiling, overlooking the ocean, on the beach. This guy came in with beach trunks, and no shirt, and every time the musical accompaniment played, he’d stand up and read really loudly out of the bible without being prompted to do this. My seriousness broke into a giddy smile watching this. I started taking photos of him on my phone like a tourist, and that’s when I just felt better.

Understanding dawned on me. Life. Love. Heartbreak. Dissapointment. Loss. Hope. Resiliency. Ke Akua. God. People. Acceptance. This story of my life, where I never got my family, I was never born with culture. But I always knew the values of the world we live in today. Why values are the only thing that keeps us all alive. And I talked to my therapist after that and I told her, I was ready now.

Ready to forgive it all.

It’s Sunday evening. I’m ready for tomorrow too.

I spent all day today reading student poetry and replying to their writings. Outside, it is dark. I can hear the cars passing by my window. And inside me, I feel okay with my adoptee relations and all that’s happened. Inside, I don’t hold resentment.

After reviewing my students’ poetry, I visited a favorite beach of mine and took a photo of the water. After that, I went and got some poké at a nearby food store. I snacked on the poké at the side of my house, overlooking the water as the sun was setting. My kitty was next to the window beside me, watching me through the screen.

For a while, I’ve been questioning what what kind of genre my life is. I used to believe my life was a dark dystopian horror where I was a victim to unfortunate events. That my life was littered with raw, dark situations and characters. It was just today, where I realized, my life is not a horror genre! It’s in fact, been a coming of age story all along.

In the end, I live a quiet life on Oahu. I live humble, alone on my own, in a quiet side of the island. I have my kitty and I’m spending my summer teaching students how to write, watching movies at home, visiting a few of my favorite places each week. I started a new Instagram that I hope might make some new connections.

Even though I get bored at times, I know that the worst is over.

I’m happy to not be in love. I’ve been living my dream of living next to the ocean. I’m reaching a newfound conclusion with life and how my adoptive relations all turned out. I don’t feel the need to block anyone anymore, and these days. I am ready to be authentic and have healthy relations universally, with the boundaries from my commitment to healing and overcoming everyday. And I’m ready to learn more about native cultures and Hawaii, and teach today’s multicultural youth on how to be their own voice in this world.

Now , these days, I’m mostly just wanting to have my own home where it’s affordable to live.

And that’ll be a whole new adventure.

Read Desiree’s previous blog: Adoption can be a Psychological Prison e seguila a Weebly o Instagram @starwoodletters.

Due motivi per rimanere in fiore

di Roxas-Chua, adottato dalle Filippine negli USA; autore, artista.

Per molte persone adottate l'adozione è traumatica. Non sono così lineare nella mia condivisione della storia perché non posso rimanere a lungo a respirare quell'atmosfera. Scelgo scrittura, calligrafia e arte per lavorare sulla mia storia. Poiché non ho avuto una buona nascita, mi piacerebbe avere la possibilità di avere una buona morte. Sono su un percorso che ricostruisce da forme mozzate e pezzi invisibili. È un percorso in cui costruisci dalle tue illuminazioni trovate. È un posto in cui sono un neonato, un ragazzo e un uomo che accadono tutti allo stesso tempo. Scrivere e fare arte non sono facili anche se sembra che lo sia. Ecco le verità raccontate in due astrazioni, due lividi quando i miei sensi proiettano una posizione del dolore all'interno del corpo. Non c'è bisogno di mettere in discussione le storie di persone adottate o abbandonate da bambini quando non si adattano alle narrazioni di benessere della società e dei media. Ti chiedo di ascoltare, vedere e sederti con me quando ti apro il mio corpo.

Ascoltando Piccole Cose di Ida – https://youtu.be/pmrsYPypQ

Vedi il blog precedente di Roxas-Chua: Se la luna potesse essere la mia madre natale adesso

Per di più da Roxas-Chua, guarda il loro podcast Caro qualcuno da qualche parte e prenota Dire il tuo nome tre volte sott'acqua.

Il trauma inerente alla rinuncia e all'adozione

Abbiamo ancora molta strada da fare per raggiungere il grande pubblico ed educarlo sul trauma intrinseco e sulle perdite dovute alla rinuncia e all'adozione. Per aiutare con questo, sto cercando di connettermi in spazi che non sono specifici dell'adozione e condividere il nostro messaggio.

Ho recentemente inviato il nostro Video per professionisti a un'organizzazione Stella che fornisce cure mediche per il disturbo post traumatico da stress (PTSD) chiamato Blocco del ganglio stellato (SGB). Chissà, forse potrebbe essere efficace per alcuni adottati? Il nostro trauma da abbandono spesso non ha un linguaggio perché ci è successo da bambini piccoli o neonati, quindi sono costantemente alla ricerca di nuovi trattamenti o opzioni che possano aiutare a dare sollievo al campo minato emotivo in corso che vivono molti adottati. SGB lavora sulla premessa di smorzare la nostra risposta di lotta/fuga che risulta da un trauma in corso.

Il capo psicologo di Stella, La dottoressa Shauna Springer e il capo delle partnership, Valerie Groth, hanno entrambi chattato con me e guardato i nostri video. Fino ad allora, entrambi come clinici non avevano idea dei traumi inerenti alla rinuncia e all'adozione. Sono ispirati a unirsi a me per aiutare a educare il pubblico, quindi ecco la breve intervista al podcast di 30 minuti che hanno condotto per facilitare questo. Clicca sull'immagine per ascoltare il podcast.

Se conosci già i traumi inerenti all'adozione, nulla in questo sarà nuovo, ma se desideri un podcast che aiuti gli altri a capire dal punto di vista del primo studente, forse potresti considerare di condividerlo con loro.

Abbiamo anche il nostro elenco compilato di risorse come punto di partenza per chi è interessato a saperne di più sulla connessione tra trauma e adozione da esperti di tutto il mondo.

Il mio viaggio di adozione

di Anna Grundström, adottato dall'Indonesia alla Svezia.

Non molto tempo fa pensavo alla mia adozione non come un viaggio, ma una meta. Sono finito dove sono finito, ed era chiaro fin dall'inizio che non ci sarebbero mai state risposte al perché. Le mie domande sono passate in secondo piano e sono rimaste lì per anni, osservando una corsa a cui non mi legavo, i miei inizi.

Circa due anni fa, in qualche modo sono passato dal sedile posteriore al sedile del conducente e ho messo entrambe le mani sul volante. Anche se non c'erano ancora risposte alle mie domande, mi sono reso conto che potevo ancora farle.

Sono arrivato a capire che chiedere non significa sempre ottenere una risposta sbagliata o giusta, o addirittura una risposta, in cambio. Chiedere significa riconoscere me stesso, i miei pensieri e sentimenti. Dare il permesso di chiedersi ad alta voce, di essere sconvolti, arrabbiati e frustrati. Per riconoscere la perdita di cose, luoghi e persone. E a volte ci sono risposte, così sottili che quasi mi mancano: come notare come mi lamento quando il sole sorge per la prima volta al mattino, o come un particolare senso di desiderio mi pervade la schiena quando inalo un profumo casuale.

C'è qualcosa nel riconoscere la perdita del nostro passato come adottati, nominarlo, incarnarlo, anche se non sappiamo perché o come. Da qualche parte all'interno del nostro corpo lo sappiamo. Da qualche parte nel corpo è tutto ancora lì. Festeggiare, soffrire e accettare: fa tutto parte del mio viaggio di adozione.

Anna offre laboratori creativi e di movimento guidato per gli adottati: dai un'occhiata a lei sito web per vedere cosa sta succedendo!

Compleanni di adozione

di Maars, portato dalle Filippine al Canada. Puoi seguire Maars @BlackSheepMaars

I compleanni sono difficili per un adottato.

È un ricordo del giorno in cui mi è stata data la vita. È un promemoria di ciò che una madre e un padre potevano solo sognare per me.

Tuttavia, in adozione, quei sogni sono di breve durata e qualcun altro ne sogna uno nuovo per me, ma non è mai garantito. Non tutti i sogni portano la stessa intenzione e amore e questo è vero in molti modi per me che ho perso i miei genitori naturali.

Ma ora sogno per me stesso, e sono io che mi reclamo.

Mentre rifletto oggi, quali sono stati 34 anni, piango ancora quel bambino con quel sorriso, quanto non sapeva sarebbe stato davanti a lei. Quanta perdita e dolore avrebbe dovuto superare con il passare degli anni e la perdita di tutto ciò con cui era nata.

Avrei voluto salvarla. Avrei voluto salvarla da tutti i momenti dolorosi che avrebbe dovuto affrontare e avrei potuto tenerla stretta per ogni volta che si lamentava per i suoi genitori naturali. Vorrei poterle garantire che un giorno avrebbe ritrovato tutti i suoi pezzi e che sarebbe arrivato con un diverso tipo di dolore. Vorrei sapere come essere lì per lei.

Oggi auguro a lei e a me stesso che la piccola Maars e io continuiamo a curare le ferite a cui non ha più bisogno di aggrapparsi. Mi auguro che possa trovare pace e felicità nel presente.

Alcune cose non le supero mai, altre troveranno sempre il modo di emergere. Alcune cose guariranno nel tempo.

Buon compleanno piccola Maars, stiamo andando bene!

Dai un'occhiata a un recente blog di Maars: Tanta perdita nell'adozione

Se la luna potesse essere la mia madre ora

di Roxas-Chua, adottato dalle Filippine negli USA; autore, artista.

Ho pensato di condividere questa immagine che si trova sul mio tavolo desktop nel mio studio. L'ho creato una di quelle notti in cui non ero in grado di attingere al cambiamento e al movimento nella mia lotta per l'adozione. Trovo che un equilibrio tra condivisione di storie, lavoro di auto-genitorialità, scrittura contemplativa e disegno mi abbia aiutato a navigare e tradurre il mondo intorno a me. In questo disegno ero accompagnata dalla luna, che in qualche modo mi dava conforto come fa la natura. Spero che vi piaccia. È un'istantanea di tenerezza che cerchiamo da noi stessi e dagli altri. Se la luna può essere la mia madre naturale ora, sto bene con quello. Prenderò qualsiasi sentiero che illumini la notte.

Per ulteriori informazioni su Roxas-Chua, guarda il loro podcast Caro qualcuno da qualche parte e prenota Dire il tuo nome tre volte sott'acqua.

America: hai reso difficile essere orgoglioso di essere asiatico-americano

by Mary Choi Robinson, adopted from South Korea to the USA

As I sit down to my laptop it is May 2, the second day of Asian American and Pacific Islander (AAPI) Heritage Awareness Month and I reflect on Alice Wu’s The Half of It I watched last night to commemorate the first day of AAPI month. Watching the movie with my daughter, I thought how I wished it or something like it had been available when I was a teenager or even in my early twenties. To see an entire film focused on the life of a young Asian woman on the cusp of self-discovery and adulthood would have made me feel seen and a part of the fabric of American identity. So while this month is meant to showcase AAPI heritage I am not in fact proud to be Asian-American…yet.

I am sure my previous statement will elicit reactions from disbelief, to shock, to anger, and everything in between from varying groups of identities. So let me explain why I am not proud yet, how America made it nearly impossible for me to be proud, and how I’m gaining pride in my Asianness. As a Korean adoptee, raised by white parents in predominately-white areas, I have always navigated two racial worlds that often oppose each other and forever contradict my identity. The whiteness of my parents did not insulate or protect me from racism and in fact would even appear at home. When I first arrived to the US, my sister, my parent’s biological child, took me in as her show and tell for school with our parents’ blessing. Her all white classmates and teacher were fascinated with me and some even touched my “beautiful silky shiny jet black” hair, something that would continue into my early thirties until I realized I did non have to allow people to touch my hair. Although I start with this story, this is not a piece about being a transracial, transnational adoptee—that is for another day, maybe in November for National Adoption Awareness Month—but to illustrate how my Asian identity exists in America.

As I grew up, I rarely saw other Asians let alone interacted with them. Instead, I lived in a white world full of Barbie, blonde hair and blue eyes in movies, television shows, magazines, and classrooms. The rare times I did see Asians in person were once a year at the Chinese restaurant to celebrate my adoption day or exaggerated or exocticized caricatures in movies and tv shows. Think Mickey Rooney in Breakfast at Tiffany’s, Long Duck Dong in Sixteen Candles, or Ling Ling the “exotic gem of the East” in Bewitched. Imagine instead an America where Wu’s film or To All the Boys I’ve Loved Before o Crazy Rich Asian o Fresh Off the Boat o Kim’s Convenience would have opened up for generations of Asian Americans. Rarely would I spot another Asian in the school halls. However, I could never form friendships with them, heavens no, they were real full Asians and society had taught me they were weird, ate strange smelly things, talked funny, and my inner adolescent warned me association with “them” would only make me more of an outsider, more Asian. In classrooms from K-12 and even in college, all eyes, often including the teacher, turned to me when anything about an Asian subject, regardless of whether it was about China, Vietnam, Korea, etc., as the expert to either verify or deny the material. I always dreaded when the material even had the mention of an Asian country or food or whatever and would immediately turn red-faced and hot while I rubbed my sweaty palms on my pant legs until the teacher moved on, hoping the entire time I would not be called on as an expert like so many times before.

My white family and white friends would lull me into a false sense of belonging and whiteness by association. That false sense of security would shatter when they so easily and spontaneously weaponized my Asianness against me with racial slurs during arguments. Of course, I was used to racist verbal attacks from complete strangers, I had grown up on a diet of it, but it especially pained me from friends and family. The intimacy of those relationships turned the racism into acts of betrayal. That was the blatant racism; the subtle subversive racism caused just as much damage to my sense of pride. As a young professional in my early twenties, a white colleague told me how beautiful I was “for an Asian girl.” A Latina student in one of my courses loudly and clearly stated, “The first day of class, I was so worried I wouldn’t be able to understand you and I’m so glad your English is so good!” And of course I regularly receive the always popular, “Where are you from? No, where are you really from?” Because Asian Americans, whether born here or not, are always seen as foreigners.

AAPI Awareness Month did not even become official until 1992. But anti-Asian sentiment in the US has a long history and was sealed in 1882 with the first national stance on anti-immigration that would be the catalyst for future immigration policies, better known as the Chinese Exclusion Act, coincidentally signed into law also in the month of May. In February 1942, the US rounded up and interned Japanese-Americans and Asian-Americans of non-Japanese decent after the bombing of Pearl Harbor. Now in 2020 amidst the global lockdown of Covid-19, anti-Asian attacks, both verbal and physical, have increased to startling numbers. As recently as April 28, NBC News reported Over 30 percent of Americans have witnessed COVID-19 bias against Asians. Think about that—this is Americans reporting this not Asian Americans. The attacks have been worldwide but this report shows what Asian Americans are dealing with alongside the stress of the pandemic situation in the US. Keep in mind the attacks on Asian Americans are not just from white folks, indeed we’re fair game for everyone as evidenced by Jose Gomez’s attempt to murder an Asian American family including a two-year old child in Midland, Texas in March. Let that sink in—a two-year old child simply because they are Asian! Asians are being spat on, sprayed, e worse by every racial group.

To help combat this current wave of American anti-Asian sentiment, highly visible leader and former presidential candidate, Andrew Yang advised Asian Americans in a Washington Post op-ed to:

“…embrace and show our American-ness in ways we never have before. We need to step up, help our neighbors, donate gear, vote, wear red white and blue, volunteer, fund aid organizations, and do everything in our power to accelerate the end of this crisis. We should show without a shadow of a doubt that we are Americans who will do our part for our country in this time of need.”

My reaction to Mr. Yang’s response bordered on anger at the implication for Asian Americans to continue the perpetuation of the model minority myth. The danger of which, besides reinforcing divides between racial and minority groups, extols the virtue of suffer in silence. Do not make waves, keep your head down, be a “good” American. Sorry Mr. Yang, I am finally gaining pride in my Asianess and I cannot and will not stay silent any longer.

It has taken me my whole life to gain nuggets of pride in my Asian identity. Now I appreciate the color of my tan skin and dark almond-shaped eyes and no longer compare my physical beauty to white women and the standards society has forced on us all. For the first time I actually see myself, and all Asian women and men, as beautiful because of and not in spite of being Asian. I no longer avoid other Asians and cherish friendships with those who look like me. I love to explore the diversity of Asian cuisines, cultures, and traditions and continue to learn about them since, remember, “Asian” is diverse and not a monolith of just one culture. Now I speak up without fear of rejection or lack of acceptance when I witness anti-Asian or any racist behavior and use those moments as teaching opportunities whenever I can. I no longer resent not being able to pass as white. I am becoming proud to be Asian.

Read Mary’s earlier blog My Adoption Day Is An Anniversary of Loss

Il razzismo nell'adozione internazionale

Non posso credere che nei 24 anni di gestione dell'ICAV, non ho scritto UN documento che riunisca la nostra esperienza vissuta di razzismo come adottati internazionali e transrazziali! Bene, finalmente ho affrontato questo! È atteso da tempo e ho avuto l'impulso di farlo grazie al lavoro in Australia della nostra Commissione per i diritti umani per creare un concetto Quadro nazionale contro il razzismo carta. Sono rimasto scioccato dall'azione quando ho letto il documento e mi sono reso conto che il nostro gruppo di minoranza non viene nemmeno menzionato come uno dei gruppi presi di mira per la consultazione. Volevo fare qualcosa al riguardo, per portare visibilità alla nostra comunità che da tempo condivide il razzismo e il suo impatto nel nostro forum privato per soli adottati. Dalle numerose conversazioni che ho avuto con altri adottati in tutto il mondo, il razzismo è uno dei problemi principali che sopportiamo, ma viene a malapena menzionato nella maggior parte della letteratura, della ricerca, delle politiche, della pratica o dell'istruzione sull'adozione. In ICAV miriamo a sensibilizzare sul razzismo e sull'intersezione con l'adozione internazionale e transrazziale.

Ecco il sottomissione abbiamo messo insieme per la Commissione australiana per i diritti umani ed ecco un documento supplementare, il nostro ultimo documento di prospettiva ICAV – Esperienza vissuta del razzismo nell'adozione internazionale. Il nostro documento fornisce una raccolta di input sull'esperienza vissuta per aiutare a educare sulla nostra esperienza di razzismo. Includiamo anche nelle nostre risposte ciò che suggeriamo di fare per supportare meglio gli adottati internazionali e transrazziali.

Per fornire ulteriore supporto e formazione ai professionisti e alle famiglie adottive, il mese prossimo, martedì 17 maggio alle 14:00 AEST, l'ICAV ospiterà un webinar Il razzismo vissuto dagli adottati internazionali per portarti le voci e le esperienze di persona. Se vuoi partecipare, puoi contatto ICAV così possiamo tenervi informati.

Insieme al nostro Perspective Paper e al prossimo webinar, spero che queste risorse aiuteranno ad avviare/continuare le conversazioni sul razzismo nell'adozione internazionale.

Gabbie Beckley sul razzismo

Il 3 aprile 2022, un gruppo di 19 adottati internazionali australiani ha partecipato a una consultazione dell'ICAV per la Commissione australiana per i diritti umani (AHRC) che hanno sviluppato un Carta concettuale per un Quadro nazionale contro il razzismo. Riteniamo che gli adottati internazionali/transrazziali siano sottorappresentati nelle discussioni razziali in quasi tutti i paesi adottivi e volevamo assicurarci di avere voce in capitolo. I prossimi blog saranno una selezione degli input degli adottati che hanno partecipato per dare una visione più sfumata della nostra esperienza vissuta di razzismo e dei nostri pensieri su ciò che deve essere fatto per sostenerci meglio.

di Gabbie Beckley, adottato dallo Sri Lanka in Australia, assistente sociale clinico.

Parlare contro il razzismo è responsabilità di tutti

Ho sperimentato molte e varie forme di razzismo nei miei 40 anni di vita, cammino e respiro in questo mondo. Mi ha colpito in così tanti modi, come faccio a scriverli tutti? Sono cresciuta navigando in questo mondo imbiancato come una donna orgogliosa di colore, tuttavia essere orgogliosa di chi sono e di ciò che sono diventata nella mia vita non si escludono a vicenda. Ci sono voluti molto duro lavoro, ricerca dell'anima e riflessione consapevole molte volte per diventare la persona più evoluta che sono fino ad oggi, e sono un costante lavoro in corso.

Ho molte storie familiari di razzismo, che ora possono essere viste per quello che erano, nel tempo, nel luogo e nel contesto generazionale dall'oratore, non un riflesso della mia famiglia nel suo insieme.

Uno dei primi ricordi che ho è che mi è stato detto che un membro della mia famiglia ha detto: "Nessun bambino nero porterà il mio nome!" Ma una volta che sono stato messo tra le braccia del mio familiare, tutte le cazzate razziste sono svanite e sono stato trattato come tutti gli altri. Crescendo, a mia volta ho avuto un grande amore e rispetto per questa persona, ho perdonato la loro ignoranza e mi sono concentrato sul nostro amore condiviso per il cricket e il footy!

Ho avuto esperienze durante gli anni della scuola primaria che posso ancora ricordare come se fosse ieri. Essere preso a calci negli stinchi per essermi opposto a me stesso, per essere entrato in alterchi fisici con bulli razzisti. Perché gli insegnanti mi dicono: "Mi vergogno di venire dal tuo stesso paese".

Sono stato chiamato con la parola N più volte di quante ne possa contare. Ho sperimentato razzismo palese, nascosto, intenzionale e non intenzionale per tutta la mia vita. Sono stato profilato razzialmente dalla polizia, sono stato seguito nei centri commerciali dalle guardie di sicurezza.

Ho lavorato in luoghi di lavoro in cui le persone mi hanno detto "da dove vieni" e che dire dei tuoi "veri genitori". Ho avuto persone che mi hanno detto: "Il tuo inglese è così buono per qualcuno che non è nato qui". Ho avuto un capo che non mi parlava per mesi a causa di qualcosa che percepiva che avevo fatto di sbagliato. Ma non era il caso, era solo uno stronzo razzista ed ero così felice di lasciare quel posto di lavoro ed entrare nel posto di lavoro dei miei sogni!

 Non mi sono state date opportunità per promuovere la mia carriera a causa degli atteggiamenti, dei risentimenti e della meschina gelosia delle persone, che in realtà si riducono al fatto che non vogliamo lavorare per una persona di colore.

Sono stato sottovalutato, licenziato, sottovalutato e non ho visto per tutta la mia vita, motivo per cui probabilmente sono attratto dal lavoro sociale e dalla lotta per i perdenti e dal tentativo di smantellare le disuguaglianze strutturali che rimangono così radicate nella nostra società.

Sono un combattente, sono un guerriero della giustizia sociale, credo fermamente nel potere di fare la differenza e un impatto positivo sulle azioni delle persone, credo nella gentilezza e nel dare alle persone un fair-go.

In che modo questo ha avuto un impatto su di me? Ebbene, mi considero una persona che pensa e riflette profondamente sulle mie azioni e decisioni. Ho avuto la conversazione "cosa fare se vieni fermato dalla polizia" con i miei figli, sulla scia degli omicidi ben pubblicati di George Floyd, Tamar Rice, Brianna Taylor, e per non dimenticare la tragica storia delle nostre prime nazioni le persone con il più alto tasso di carcerazione per i giovani e tutte le morti nere in custodia di cui nessuno è o è stato responsabile. Sono triste, sono arrabbiato, sono costernato dal fatto che questo sia lo stato attuale delle cose in cui io e i miei figli viviamo. Eppure ho speranza, speranza che possiamo costruire una comunità che porti al cambiamento, che lavori con simili... persone di mentalità che condividono la mia passione e guidano per un cambiamento positivo.

Le mie esperienze di razzismo hanno plasmato la persona che sono, il genitore che sono e l'assistente sociale che sono. Ha un impatto sui miei pensieri, azioni e azioni. Sono consapevole di come le persone mi vedono, rispettoso di fronte ai maiali razzisti e mi rifiuto di essere attratto al loro livello. Penso che abbia avuto un impatto sulla mia salute mentale quando ero più giovane, ha causato molti dubbi su me stesso e la ricerca del mio posto in questo mondo.

Penso che una delle mie grazie salvifiche sia stata la riconnessione con la mia famiglia e cultura d'origine. Conoscerli è conoscere me stesso! Ho passato gli ultimi 22 anni a conoscere, crescere e amare la mia famiglia e sono grato ogni giorno di trovarmi in una posizione unica in cui faccio parte di due mondi e posso sedermi comodamente in entrambi. 

Cosa suggerirei di fare per affrontare meglio il razzismo sperimentato dagli adottati internazionali/transrazziali?

Credo che l'adozione non debba essere la prima risorsa. Credo che tenere unita la famiglia nei loro paesi di nascita con il supporto tramite sponsorizzazione/istruzione/attività generatrici di reddito sarebbe vantaggioso per gli adottati in generale, ma in particolare in termini di salute mentale e connessione con le loro radici e culture. Se le adozioni devono avvenire, mantenere un rapporto con la famiglia è un imperativo! Ciò include genitori naturali, zie, zii, cugini, nonni e fratelli.

Ci deve essere una maggiore enfasi sui pensieri e sui sentimenti dell'adottante in relazione all'adozione di un bambino di colore. Immergiti nella loro storia e nelle loro esperienze, invitali a seguire corsi annuali sull'impatto del razzismo e su come essere un alleato/difensore dell'antirazzismo. Chiedi loro di guardare i loro circoli di amicizia, è diverso? Rappresenta un'ampia gamma di persone culturalmente appropriate, socioeconomiche e di genere diverso?

Penso che dovremmo provare collettivamente a condividere le nostre storie ed esperienze, nella speranza che da una grande conoscenza derivano grandi responsabilità – e questo è affare di tutti!

Per ulteriori informazioni su Gabbie, leggi il suo articolo condiviso anni fa e incluso nel nostro Ricerca pagina: Diritti umani e giustizia sociale nell'adozione internazionale

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%