Cosa c'è in un nome?

di Stephanie Dong Hee Kim, adottato dalla Corea del Sud nei Paesi Bassi.

Un nome è solo "ma" un nome?

Il significato delle parole e del linguaggio è molto più di una raccolta di lettere, segni o suoni.

Parole e suoni hanno un significato, questi sono simboli, riflettono sentimenti e pensieri. Un nome esprime la tua identità: chi sei, da dove vieni e chi e dove appartieni (a)?

Domande che non hanno una risposta ovvia per molti adottati e per ogni persona che sta cercando entrambi o uno dei loro genitori naturali.

Sono stata concepita e cresciuta fino a diventare un essere umano nel grembo di mia madre coreana, come quarta figlia della famiglia Kim (김), ei miei genitori mi hanno chiamato Dong-Hee (동희) dopo la mia nascita.

Sono stato adottato da una famiglia olandese e ho avuto un nuovo nome e anche un nuovo cognome. Ultimamente, per me questo ha iniziato a sembrare come "sovrascrivere" la mia identità e non mi sento più senang per questo.

Mi vedo sempre più come una donna coreana cresciuta nei Paesi Bassi e di nazionalità olandese. La mia identità coreana è il mio background e costituisce una parte importante di ciò che sono, anche se non sono cresciuto in quella cultura.

C'è una leggera differenza tra come mi sento riguardo al mio nome e come mi sento per il mio cognome.

Sono grato che i miei genitori adottivi non mi abbiano mai portato via 동희 e abbiano appena aggiunto Stephanie in modo che la mia vita qui fosse più facile. Al giorno d'oggi è ancora più facile avere un nome occidentale, dal momento che la discriminazione non è scomparsa nel corso degli anni.

Sento sempre di più che la mia parentela e il mio background coreano sono dove voglio che il mio cognome si riferisca, sono orgoglioso di essere un membro della famiglia 김.

Sento meno legame con il cognome olandese, perché non condivido alcuna storia familiare culturale e biologica con questo nome e le persone che lo portano. Inoltre, non ci sono mai stati molti contatti o legami con nessuno di quei membri della famiglia, a parte il mio padre adottivo ei miei fratelli.

Ecco perché ho deciso di abituarmi a cosa vuol dire farmi conoscere con i miei nomi coreani, a cominciare dai social. Solo per sperimentare cosa mi fa, se mi fa sentire più me stesso e al suo posto.

Vorrei che le persone iniziassero a sentirsi a proprio agio nel chiamarmi con uno dei miei nomi. Penso che mi aiuterà a capire quali nomi mi ricordano di più chi sono veramente, mi fanno sentire a casa. Forse è uno di loro, forse sono entrambi. Sto bene con tutti i risultati.

È in qualche modo scomodo per me perché mi sembra di togliermi una giacca e con ciò sono un po' esposto e vulnerabile.

Ma va bene, dal momento che mi identifico con i miei nomi olandesi da più di 42 anni.

Questo è stato originariamente pubblicato su Instagram e redatto per la pubblicazione su ICAV.

risorse

Cosa c'è in un nome? Identità, rispetto, proprietà?

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%