L'interpretazione di un adottato su "Crazy Rich Asians"

pazzi-ricchi-asiatici.jpg

Ci sono un sacco di opinioni e pezzi che circondano Pazzi e ricchi asiatici proprio adesso. Sto semplicemente aggiungendo al ritornello, ma da una prospettiva leggermente diversa come persona adottata internazionale cinese americana. Come un adottato che ha guardato Pazzi e ricchi asiatici, è difficile descrivere tutti i sentimenti che ho provato mentre ero seduto al cinema, ben due volte. È stato bello, divertente, intelligente e divertente. Naturalmente, il film sta ricevendo elogi extra a causa di un cast tutto asiatico e non solo il cast, ma anche la musica e la rappresentazione culturale. La rappresentazione conta ed è stato con un sorriso che mi sono avvicinato ai titoli di coda del film.

Come adottato, mi sono sentito orgoglioso di vedere persone che mi somigliavano sul grande schermo. Persone che avevano caratteristiche simili, presentate in diverse sfumature dove non tutti gli asiatici erano maestri di kung fu o supporto tecnico IT nerd. Il film è stato rinfrescante e francamente un'esperienza nuova, almeno nei principali film di Hollywood.

Ma... e questo è un grande ma. Mi sono sentito rappresentato dal mio aspetto, ma non necessariamente da come sono cresciuto. Come adottato mi metto a cavallo tra la cultura asiatica e quella bianca dove sembro asiatico ma sono cresciuto in una famiglia bianca. Ad essere sincero, non sono sicuro di aver capito ogni battuta in Pazzi e ricchi asiatici, e sicuramente non capivo ogni canzone. I miei genitori non praticavano necessariamente il rituale dell'onore/vergogna di incolpare i propri figli. L'ho riconosciuto e ho riso, ma a livello esperienziale non riuscivo a relazionarmi.

La mia storia di immigrato è un viaggio in solitaria passando da un povero orfanotrofio in Cina a una famiglia bianca della classe media in America. La mia storia di immigrato è arrivata senza scelta e con l'aspettativa di gratitudine, perché per alcuni non ho sofferto tanto quanto altre famiglie immigrate asiatiche. Questo è un argomento per una discussione diversa. Al punto, tuttavia, gli adottati asiatici e altri hanno faticato a identificarsi come asiatici americani o asiatici perché non siamo visti abbastanza come asiatici. Siamo chiamati "imbiancati" da altri asiatici americani e chiaramente non siamo bianchi, ma abbiamo familiarità con la cultura bianca perché non avevamo altra scelta che essere cresciuti in essa. Siamo esclusi perché non ci adattiamo a nessuna norma convenzionale. Siamo le vere banane.

C'era un articolo l'altro giorno delle attrici asiatiche miste e se fossero "abbastanza asiatiche" per il film. Questo tipo di dibattito mi fa solo grattare la testa. Per essere chiari, questo non è un colpo al film. Il film è stato un grande passo nella giusta direzione. Non sto chiedendo un film cino-americano tutto adottato. Ma se gli asiatici si lamentano del fatto che i bianchi li lasciano fuori da Hollywood e che ci deve essere più rappresentanza, allora sicuramente gli asiatici dovrebbero anche essere aperti a una rappresentazione asiatica più diversificata e cosa significa essere asiatici. Proprio come ci sono tutte le diverse sfumature di ciò che significa essere americano, in una certa misura possono esserci diverse sfumature di ciò che significa essere asiatico o asiatico americano. Capisco che gli asiatici siano per lo più omogenei all'interno delle loro culture e dei loro paesi, ma il mondo in cui viviamo sempre più è multirazziale e multietnico. Se gli asiatici vogliono più rappresentazione in uno spazio che occupano come la società, allora forse dovrebbero essere aperti ad altri che occupano uno spazio simile a loro.

Il cambiamento è lento. Capisco. Pazzi e ricchi asiatici è stato un passo monumentale nell'aprire la porta a un cast tutto asiatico e potenzialmente a una maggiore rappresentazione di minoranze di tutte le forme e dimensioni. Personalmente, però, non vedo l'ora di smettere di categorizzare le persone e di metterle in scatole solo perché è conveniente o perché è sempre stato così. Piuttosto, vorrei lasciare che le persone si accendano e aggiungano nuove categorie ed etichette in modo che possano essere se stesse. C'è molto da fare di sicuro, ma ciò non significa che non possiamo e non dobbiamo festeggiare quando è opportuno farlo. ho lasciato Pazzi e ricchi asiatici con un sorriso sul mio viso e la speranza nel mio cuore.

 

I diritti del bambino

I diritti del bambino
Le verità non dette
Le parole che si dicono
Sono tutti nella sua testa

Ma perché sono diverso?
Si sente piangere
Ma a sei anni
Non riesce a capire perché

Perché i suoi occhi non sono blu?
Come sua madre o suo padre
Perché le loro mani sono così leggere?
E lei è più buia della notte

lei si tiene stretta
Quindi non si spaventa
Del "bianco" che ha nell'occhio della mente
Il riflesso che combatte

Oh come vorrebbe
Che lei era la stessa
E la frase "Sei così fortunato"
Era solo un gioco

I diritti del bambino
Così persa in se stessa
Guarda il sorriso di sua madre
E continua a comporre

nella lotta
La lotta da vedere
Essere ascoltato,
Per deliziare la notte

Invece di
Ok si!
È un oh, NO!
Si è arresa
E non vale la pena combattere

Perché ero troppo scuro
Per poter restare
Tra le braccia di mia madre
Ed è stato regalato

Adozione che vedi
È così molto crudele
Ti perseguita costantemente
E non gioca secondo la regola

Il bambino che guarda
Al bel sorriso di sua madre
E poi al naso ebreo di suo padre
Poi sente il suo ed è tutto bloccato e chiuso

Ma perché ha chiesto?
Perché non abbino?
Neanche vicino
Non nelle dita delle mani o dei piedi

Eppure le autorità hanno scelto
Il mio destino il mio percorso
La mia vita
E tutto il mio cuore

All'età di sei anni quel giorno ho chiesto
E le risposte
Ha fatto diventare il mio cuore tutto buio
E freddo con tristezza

Le risposte mi hanno dato notizie
Che non ero abbastanza per restare
Ma abbastanza fortunato da
essere dato via

La mia pelle color caffè
Semplicemente non si adattava

Eppure ogni giorno sorriderò
dietro i denti stretti
Sorridi a un mondo
è semplicemente una prova
Di perdita di speranza, rifiuto e negazione

Negazione dell'esistenza del mio valore
e persistenza

continuerò a cercare
Per una ragione
Per non arrendersi
E scegli di amare, ridere e continuare a respirare

Mio bellissimo figlio
Tutta bionda e occhi azzurri
Mi ha fatto la mia domanda
Mamma perché sei diversa?

E ho dovuto ascoltare
Al mio cuore spezzarsi nel tempo
Mentre la mia storia si svolge
E cerco di spiegare

Perché i miei genitori sono bianchi?
Ancora e ancora
E le due mamme che ho adesso
Invece di uno solo
Ho due nonne delle tue due mamme?

Oh fanculo la confusione
Per quando avrai sei anni
Tutto è così reale
Ai diritti del bambino
È un grosso problema

E ora sto in piedi
a 43
Ancora deluso
Al mio albero genealogico

Dove lo metto
Cosa faccio
Con la conoscenza
proprio non lo farei

Quindi dico
Abbasso l'adozione
E avanti con il supporto
I diritti del bambino
Per favore non abortire

Le tue idee che una madre
Può essere supportato
Per stare in piedi con il suo bambino
Quindi vengono trasportati

Lontano da una vita piena
Di confusione e dolore
Una vita di "avrebbero potuto essere" ombre
E pioggia costante

Vorrei non riuscire a vedere la differenza tra
Mia madre e mio padre
E perché oh perché?
Semplicemente non mi adattavo

I diritti del bambino
non negherò mai
Il bisogno di essere ascoltati
Visto e osservato

Nella tua ricerca di informazioni
Se ora potessi vedere
Quel giovane di sei anni
Tienila stretta in modo che veda

È amata così com'è
Nonostante si sia perso
È amata così com'è
E il suo cuore potrebbe scongelarsi

Dal dolore che ha avuto
Per la passeggiata a venire
Per trovare il suo posto
Dove si può cantare la sua canzone

Per quelli che ora mi conoscono
Stai vicino al mio cuore
So di essere sgargiante e fiammeggiante
E privato e duro

Con la mia lingua
Che può farti a pezzi
Con la mia rabbia e il mio dolore
Per favore non guizzare

Dai diritti del bambino
non negherò mai
La verità prima di tutto
Verrà in superficie e piangerà

I diritti del bambino
E a tutti i vostri cuori
Vi amo tutti teneramente
Ma sono io da dove devo iniziare

Scritto da CVerite il 12 luglio 2018
un adottato transrazziale con sede nel Regno Unito

I fattori scatenanti dell'ansia

Ho avuto il mio primo attacco di panico quasi quindici anni fa. Avevo appena scoperto che la mia compagna di allora era incinta. Per quanto fossi felice per lei e per noi di avere un bambino, qualcosa dentro di me che avevo represso per tutta la vita, senza esserne consapevole fino ad allora, si è risvegliato. Il panico puro e il terrore assoluto mi hanno sopraffatto. Non riuscivo a mangiare o dormire. Vomitavo e sudavo notturno. Questo periodo intenso è durato due settimane. Ondate di panico e adrenalina mi attraversavano periodicamente durante il giorno. Ho dovuto prendermi una pausa dal lavoro. Mi alzavo la mattina e mi preparavo un bicchiere di sustagen ed è tutto ciò che riuscivo a mangiare per l'intera giornata. Ho perso 7 chili in due settimane. Temevo che un nuovo bambino mi avrebbe in qualche modo rimpiazzato, che non ci sarebbe più stato abbastanza spazio per me e per i miei bisogni. La paura originaria di essere abbandonati e rifiutati era riemersa. Avevo trent'anni.

Questo è successo di nuovo altre due volte nella mia vita. La seconda volta è arrivata quando io e il mio ex partner ci siamo lasciati dopo essere stati insieme per quindici anni. Era la stessa sensazione di essere abbandonato, sentirsi solo e non più degno di essere amato. Suona familiare? Ne derivò così più vomito e l'incapacità di dormire o mangiare. Ho anche sperimentato l'ideazione del suicidio. In realtà non volevo morire, semplicemente non volevo continuare a sentirmi così. Rimasi lì sdraiato immaginando cosa sarebbe successo se fossi uscito in mezzo alla strada trafficata in cui vivevo in quel momento. Un buon amico per fortuna una sera mi ha chiamato per chiedermi come stavo. Le ho parlato dei miei pensieri sulla strada trafficata e sui coltelli affilati in cucina.

Ha detto: "Domani devi andare dal tuo medico di famiglia". Ho risposto: “Continuerò a fare yoga e meditazione. Starò bene." Stavo meno che bene. Il mio medico non era disponibile, quindi ho visto un altro medico che mi ha prescritto un farmaco antidepressivo che aveva un effetto anti-ansia e un altro tipo di farmaco per l'ansia. Entrambi creavano una forte dipendenza. E sì, ne sono diventato dipendente. Mi ci è voluto quasi un anno per toglierli. La stessa bellissima amica che mi ha chiamato, mi ha spinto a stare con i miei genitori che vivono nella penisola di Bellarine vicino a Geelong, a un'ora e mezza da Melbourne. Sono arrivato un guscio di me stesso e i miei genitori mi hanno letteralmente raccolto come se fossi di nuovo un bambino e si sono presi cura di me fino a quando non sono stato abbastanza bene da tornare a casa.

La terza volta è arrivata di recente, quattro mesi fa, quando la mia ragazza ha rotto con me. Gli stessi sentimenti di essere rifiutato, non abbastanza buono, indegno e non amabile riaffiorarono. Questa volta, nonostante gli attacchi di panico, il vomito, la nausea e l'incapacità di mangiare, ero ancora in grado di funzionare al punto da poter continuare ad andare a lavorare e fare da genitore ai miei figli. Qualcosa era migliorato.

È solo ora che ho finalmente iniziato a lavorare sui problemi che circondano l'unica volta nella mia vita in cui sono stato effettivamente abbandonato, da neonato alle porte dell'orfanotrofio in Vietnam.

Ora ho una migliore comprensione di ciò che scatena la mia ansia e di cosa c'è al centro. Non è affatto ansia, è dolore. Ho un oceano di tristezza dentro di me che non ho mai affrontato completamente fino ad ora. Ho riunito un team di professionisti per circondarmi che mi stanno aiutando a superare questa profonda sensazione di non essere abbastanza bravo o amabile. So oggettivamente e razionalmente che lo sono, ma da qualche parte nel profondo, il bambino ferito non lo sa ……… ancora.

A proposito di Kate

 

Gli adottanti adotterebbero un orfano?

Ecco il nostro ultimo documento prospettico ICAV, una raccolta di risposte dei membri ICAV di tutto il mondo, che hanno voluto contribuire e fornire risposte alla domanda:

Adotteremmo o no, attraverso l'adozione internazionale o transrazziale?

Questa raccolta viene fornita a poco più di un decennio da quando l'ICAV ha compilato il nostro primo lotto di risposte a questa domanda. Mi ha incuriosito vedere se le nostre opinioni sono cambiate nel tempo mentre procediamo e maturiamo nella nostra comprensione dell'adozione.

Leggere le nostre opinioni ti dà alcuni pensieri da considerare su questa domanda da parte di coloro che hanno vissuto l'esperienza. Accogliamo con favore le tue opinioni e puoi farlo commentando questa pagina.

La genitorialità mi ha reso migliore

Uno dei momenti più memorabili, impresso per sempre nella mia memoria, è la nascita di mio figlio. Ricordo i mesi ansiosi in attesa del mio bellissimo figlio, che si sviluppava nel grembo di sua madre, sentendo il suo piccolo corpo scalciare e aspettare di nascere. Ricordo di aver guardato le immagini dell'ecografia e mi sono chiesto a chi sarebbe stato assomigliato. Mi somiglierebbe? Sua madre?

Ricordo di aver portato di corsa mia moglie in ospedale e il miracolo della nascita mentre metteva al mondo. Mi sentivo spaventato ed eccitato allo stesso tempo mentre stavo in sala parto, guardando l'infermiera che lo puliva e gli tagliava il cordone ombelicale. Ero in soggezione, meraviglia e stupore mentre succhiava il seno di sua madre. Ho assistito a un miracolo della vita e sono entrato nel regno della paternità. Volevo dare a mio figlio una vita che non ho mai avuto: dargli ricordi felici, una solida educazione e le cose migliori che potevo permettermi. Ma non mi rendevo conto che mio figlio mi avrebbe dato qualcosa in cambio, molto più di qualsiasi cosa io potessi fare per lui.

Solo anni dopo mi sono seduto con altri adottati e ho condiviso i ricordi della nascita di mio figlio e anche loro hanno condiviso come sono stati sopraffatti da un'ondata di amore profondo ed emozioni estreme alla nascita dei loro figli. Per molti di noi adottati, con i nostri continui problemi di abbandono e perdita, mi chiedo se la nascita di nostro figlio sia molto più significativa e prepotente rispetto alla persona non adottata. Credo che ci siano diversi motivi per cui penso che la nascita di nostro figlio sia più opprimente per noi:

Prima Famiglia

Per molti adottati all'estero, le possibilità di trovare una famiglia biologica sono letteralmente una su un milione. I nostri documenti di nascita sono spesso falsificati, smarriti o incompleti. La nascita di nostro figlio potrebbe essere la prima persona che incontriamo che è biologicamente imparentata con noi.

Genetica condivisa

Cresciamo sentendo estranei e familiari parlare di avere gli occhi, il naso o altre caratteristiche del corpo di un parente. Sono stata curiosa delle mie caratteristiche fisiche e da chi ho ereditato le mie. Non sono più geloso delle altre persone perché ora vedo i miei tratti trasmessi a un altro essere umano e posso sperimentare cosa significa condividere caratteristiche genetiche, gesti e tratti.

Un nuovo rispetto per mia madre naturale

Ho visto mia moglie soffrire di nausee mattutine, frequenti viaggi in bagno e stanchezza. La maternità cambia il corpo e gli ormoni: i calci del feto, il bisogno di mangiare cibi insoliti, le mille altre cose bizzarre che accadono a una donna durante la gravidanza. Non ho potuto fare a meno di immaginare quello che mia madre ha vissuto con me durante la sua gravidanza e rendermi conto che è un evento che cambia la vita che non si può dimenticare o ignorare.

Come Genitore, capire cosa significa Sacrificarsi

Per un numero schiacciante di adozioni, un gran numero di madri era single o la famiglia si trovava in una posizione finanziariamente precaria e costretta a rinunciare al figlio. Nonostante le difficoltà, la madre porta ancora il figlio a termine. Come padre, questa è stata la prima volta che ho dovuto mettere sistematicamente i bisogni di qualcun altro al di sopra dei miei. Ora capisco cosa significa sacrificarsi come genitore, anche se significa che la persona più piccola della famiglia ottiene l'ultimo biscotto.

La mia vita è diventata più piena

Avere un figlio ha cambiato radicalmente la mia vita sociale. Ho finito per portare piccole persone a lezioni, lezioni e club. Ho guadagnato un apprezzamento per il silenzio. Ho provato cose nuove che non avrei mai immaginato di fare. I bambini hanno messo alla prova la mia pazienza e hanno ampliato la mia capacità di accettare cose che prima non potevo tollerare. È grazie a queste esperienze che la mia vita è diventata più ricca e piena.

La prima volta che ho capito”Amore di lunga data

I greci credono che ci siano sei tipi di amore. Molti di loro li ho sentiti durante le mie prime relazioni. avevo sperimentato Eros, la passione sessuale. Anche, Philia, la profonda amicizia con coloro a cui siamo davvero legati. Ma la prima volta che mi sono sentito pragma, l'amore di lunga data, è stato quando ho avuto dei figli. pragma è dove sono disposto a dare amore piuttosto che semplicemente riceverlo. Se avessi chiesto a me stessa più giovane se mi piacerebbe sedermi sul divano a guardare Dora con mia figlia, divertirmi a giocare a tè o spendere centinaia di dollari per trovare una versione asiatica della bambola "American Girl" con abiti coordinati per lei - quella me più giovane sarebbe incredulo!

Chiusura e Pace

Una volta mi sentivo come se fossi un vaso vuoto. Relazioni, encomi e successi non potevano riempire questo vuoto. Ho lavorato sodo. Ho viaggiato in dozzine di paesi stranieri per riempire la mia mente di immagini e suoni. Ho passato migliaia di ore a cercare la mia famiglia biologica e ho cercato cose che potessero darmi una conclusione con la mia esperienza di adozione. Niente sembrava aiutarmi finché non ho avuto dei figli miei. Mi hanno dato l'amore e la soddisfazione per essere me stesso e ottenere la chiusura di cui avevo bisogno, per andare avanti con la mia vita.

Ho incontrato persone che si sono affrettate ad avere un figlio, pensando erroneamente che avrebbe risolto i problemi di relazione. Non lo consiglio affatto. Penso che sia un motivo sbagliato per avere un figlio e potrebbe effettivamente portare a ripetere quello che è successo alle nostre madri naturali che hanno perso il loro bambino in adozione. Questo è successo a mio fratello biologico che è cresciuto con me nella nostra famiglia adottiva. Purtroppo ha perso la custodia dei suoi figli. L'ho vista cadere nella disperazione e nel profondo abisso della depressione e della negazione.

Per me avere un figlio mi ha cambiato per sempre e mi ha aiutato a riconnettermi con il mondo e dare un senso alla mia vita. Potrei dire che mio figlio è stato il catalizzatore che mi ha aiutato a iniziare a vivere una vita migliore. Diventare genitore mi ha costretto a cambiare in meglio. È stato il catalizzatore per me nell'accettare il mio viaggio di adozione e mi ha aiutato a trovare la chiusura con i problemi che una volta mi davano fastidio.

Condivisione: Hai vissuto cose simili da adottato quando sei diventato genitore? Consiglieresti alle single adottate di rimanere incinte se decidono di rimanere single per sempre e vogliono un figlio? In che modo avere un figlio ti ha cambiato la vita?

Neve Gialla

Sono cresciuto in un caseificio nelle zone rurali del Minnesota. Il Minnesota è uno stato, situato nella regione centro-settentrionale degli Stati Uniti e confina con il Canada. La maggior parte delle persone non sa che il punto più settentrionale dei 48 stati inferiori si trova nel Minnesota. Non dovrebbe sorprendere sapere che il Minnesota è tra i primi dieci stati per essere il più freddo e avere il maggior numero di nevicate. Gli inverni del Minnesota sono noti per scaricare pesanti coltri bagnati di neve effetto lago e le sue temperature gelide.

Se vivi in un clima nordico, ottieni esperienze che solo chi vive in quella regione può capire. Si impara a guardare il tempo la sera prima per sapere se si deve collegare la propria auto in modo che il radiatore non si congeli durante la notte. Impari a raggrupparti in strati sciolti per tenere fuori il freddo. Da bambini impari a non leccare le superfici metalliche quando è sotto zero, altrimenti ti congeli la lingua sull'oggetto leccato. Infine si impara a non mangiare mai neve gialla.

La macchia di paglia che risalta sullo sfondo bianco è la registrazione della presenza di un essere umano o di un animale mentre si liberano all'aria aperta. Questa macchia di senape che viola lo sfondo bianco simboleggia i rifiuti scartati e qualcosa di disgustoso. I rifiuti, ovviamente, vengono buttati perché non hanno valore. La spazzatura è brutta da vedere ed è un pugno nell'occhio per la bellezza che ci circonda. Ci impegniamo molto per nasconderci, buttare via e liberarci dalla spazzatura. Questo è il modo in cui mi sentivo durante la mia infanzia. Ho vissuto un'infanzia in cui mi è stato insegnato che non avevo importanza o valore. Ero il vero vivente che respirava il brutto anatroccolo. Peggio ancora, ero asiatico. Ho simboleggiato quella macchia gialla di urina nella neve.

Il consulente a scuola ha insistito perché facessi un test del QI e anche se ho verificato un paio di deviazioni al di sopra della norma, sono stato inserito in una classe "speciale". Nei 5 anni in cui sono stata costretta a frequentare questo corso, ho fatto amicizia con un ragazzo di nome Raymond. Il pubblico in generale sapeva che Raymond era intellettualmente disabile. Il viso del mio amico sembrava distorto, i suoi pantaloni sembravano ingombranti a causa del pannolino che indossava e la sua andatura potrebbe essere descritta come una camminata incespicante. Molti bambini si prendevano gioco del discorso di Raymond, le sue risposte semplici, lente e confuse erano il peso di molte battute. Mi sono rifiutato di prendere parte alle provocazioni perché ho appreso che Raymond era un essere umano e come me, aveva sentimenti e idee proprie.

Dopo aver trascorso lezioni "speciali" con lui per quasi 5 anni, siamo diventati grandi amici. Ho imparato che Raymond amava collezionare figurine del baseball e che portava in classe caramelle extra da condividere con me. Alcune persone mi hanno chiesto se frequentare questo programma speciale ostacola la mia crescita intellettuale. Forse sì, ma mi ha anche permesso di imparare una preziosa lezione di vita. Ho imparato ad avere compassione per tutte le persone. Nero, bianco, giallo, marrone chiaro, marrone… il colore delle persone non contava. Credo che le persone che hanno una forte rete di supporto possano fare qualsiasi cosa. Niente può limitare un individuo nell'ottenere i propri sogni e obiettivi. Non mi rendevo conto che Raymond e io avevamo molto di più in comune. Come Raymond, anch'io ho dovuto affrontare l'essere diverso, fissato ed etichettato come un estraneo dalla società.

C'era un bambino che mi tormentava sullo scuolabus. Lui era al liceo e io in prima elementare. È iniziato con minacce e poi si è trasformato in pugni allo stomaco. Mi odiava perché ero asiatico. Ho nascosto questa vergogna a me stesso ed è stata esposta quando ha preso un pennarello indelebile e l'ha usato per scrivere "gook" e "chink" sulla mia faccia. Il tormento fisico è continuato quando sono entrato al liceo. Ho sopportato un pugno occasionale, frustate da oratoria e la costante paura di essere picchiato. Un bambino di diversi gradi sotto di me distorcerebbe la mia piccola struttura in un pretzel durante il lungo viaggio sullo scuolabus giallo. Il mio telaio asiatico da 100 libbre di 16 anni sottile e waifish non poteva competere con il suo telaio da 6 piedi e 2 pollici. Era il figlio del contadino nutrito di mais che si divertiva a piegare il mio piccolo corpo in un pretzel nel retro dell'autobus. Sono stato costretto a provare la vergogna da solo. Mi sentivo impotente, evirato e umiliato.

Mi sono sentito ulteriormente castrato quando mi hanno insegnato che non ero databile. Non potevo competere con gli atleti. Erano forti e di bell'aspetto. Non appartenevo ai geek perché almeno erano intelligenti. Ero l'estraneo agli estranei. Essendo cresciuto in un caseificio significava che dovevo tirare il mio peso con le faccende. Dovevo trasportare pesanti ceste piene di mangime attraverso lotti di mangime ricoperti di letame e pulire i recinti dei vitelli ogni mattina. Ero il bersaglio dell'odio quando arrivavo a scuola con un distinto odore di feci di mucca. Ero il bambino puzzolente in classe perché i miei genitori adottivi non mi permettevano di fare la doccia prima di arrivare a scuola. Poi, per aggiungere al danno la beffa, sono stato anche il bersaglio di tutti gli scherzi sulla moda. Indossavo spesso vecchi "di seconda mano", svendita di garage e speciali KMART. Inutile dire che non ero popolare a scuola.

Non solo mi sentivo sminuito, ma mi sentivo anche stupido. Avevo voti bassi. Mi addormentavo spesso in classe e anche di notte quando facevo i compiti. I miei genitori non mi hanno mai aiutato con i compiti e senza un tutor o un compagno con cui studiare, non avevo nessuno da cui imparare. Molte notti fissavo le pagine bianche dei miei libri di testo e mi chiedevo il significato delle opere letterarie o delle semplici equazioni algebriche. Niente aveva senso per me.

La paura ha afferrato le profondità della mia anima. Paura dell'ignoto. Paura per il mio futuro. Più tardi, quando sono diventato adulto, ho imparato il nome proprio della paura che mi impediva di fare qualsiasi cosa. Questa cosa che aveva una stretta sulla mia vita si chiamava ansia. I miei genitori adottivi hanno descritto questo comportamento come debole.

Quando ho superato le mie paure, il mio comportamento potrebbe essere descritto come socialmente imbarazzante. Non sapevo come comportarmi con le persone perché avevo poche interazioni. Altre volte divagavo e restavo incollato a una persona perché ero così affamato di attenzioni. Non importa quale fosse lo scenario, mi sarei comportato in modo inappropriato e i miei genitori mi avrebbero poi rimproverato verbalmente per le mie mancanze. Non ho mai avuto la possibilità di essere un bambino o di fare cose semplici come andare al cinema, guardare programmi TV famosi o uscire con gli amici. Non è mai stata un'opzione. Mi mancavano le capacità personali perché ero isolato. Non avevo identità. Ero semplicemente un ragazzino solo in questo grande mondo.

I miei genitori adottivi non hanno mai pensato di insegnarmi la mia eredità coreana. Non hanno mai pensato di comprarmi un libro sulle mie origini etniche. Quando ho chiesto informazioni, si sono rifiutati di permettermi di guardare i miei documenti di adozione. Mi è stato ricordato che ero americano e mi è stato detto di essere grato. Mi è stato insegnato solo sulle loro radici scandinave. Le questioni razziali che ho sollevato sono state immediatamente respinte. È stata accolta con la domanda su cosa avrei potuto fare per provocare qualcuno o è stato risposto che questa era una parte della vita e dovevo indurire. Lo chiamavano "amore duro".

Quando mi hanno colpito il cane e hanno ululato dalle risate quando il cane ha strappato la mia carne, si suppone che sia stato fatto anche per amore. Non mi sono mai sentito loro figlio. Inoltre, la maggior parte dei genitori non fa queste cose ai propri figli. Inoltre, anche la società non ci considerava una famiglia. La mancata corrispondenza tra grandi e incombenti genitori caucasici e piccoli bambini asiatici sembrava la gigantesca signora barbuta e il nano in uno spettacolo da baraccone da circo. Mi sentivo a disagio a mostrare la mia faccia in pubblico. La gente ci guardava a bocca aperta quando entravamo nella stanza. La nostra stranezza ha dato a dei perfetti sconosciuti il coraggio di avvicinarsi e curiosare nella mia vita personale facendo domande come: "Ehi, ti sposi con la tua stessa specie? Sei cinese? Giapponese? Vietnamita?" Sono stato anche scambiato per nativo americano, messicano ed eschimese. Nessuno in Minnesota sembrava sapere dell'esistenza di un gruppo di persone chiamate coreani. Con tutti questi sguardi interrogativi e strani mi chiedevo da bambino se fossi l'unico coreano rimasto in vita sulla verde terra di Dio?

Un consulente di orientamento nel mio anno di liceo è stato schietto con me quando sono entrato nel suo ufficio per la visita obbligatoria. Ho risposto sinceramente quando mi ha chiesto cosa volevo fare dopo il liceo. Gli ho detto che volevo frequentare l'università e lavorare nel settore sanitario. L'uomo mi disse con voce severa che non facevo parte del college e che avrei rubato un'opportunità a qualcuno più meritevole. Mi chiedevo se avrebbe detto le stesse cose a un ragazzo caucasico con voti bassi? Ha preso in considerazione la mano che mi è stata data da bambino per essere stato vittima di bullismo, spinto al lavoro minorile e una persona a cui era stata tolta a pugni tutta l'autostima? Mi sono sempre chiesto perché non ha mai offerto alcun incoraggiamento. Non è questo che dovrebbero fare i consulenti di orientamento? Per dare agli individui la strada migliore verso gli obiettivi a cui miravano? Come il resto della comunità in cui sono cresciuto, non vedeva alcun valore in me. Ma ho ignorato tutta la negatività che ho affrontato durante la mia infanzia e mi sono concentrato sul raggiungimento di tutto ciò che si diceva impossibile.

Il modo migliore per spiegare la mia infanzia era paragonarla a una prigione. Una piccola, fredda e sporca prigione messicana. Ero isolato dalle persone. Non mi è stato permesso di perseguire cose di cui ero curioso. La mia vita era piena di duro lavoro manuale, miseria, abusi e sporcizia. Nonostante questi inizi e le probabilità statistiche di successo, ho perseverato. Ho seguito un corso di recupero e ho imparato da solo a scrivere frasi semplici. Ho studiato la sera e ho imparato la matematica che non conoscevo. Ho osservato le persone e ho imparato a liberarmi del mio imbarazzo sociale. Mi sono aperto alle possibilità e mi sono innamorato. Dopo diversi tentativi, mi sono sposata e ho avuto due figli meravigliosi. Ho conseguito cinque lauree e due erano lauree presso un'università rispettabile. Ho viaggiato in più di 40 paesi in tutto il mondo. Uno dei paesi che ho visitato è stato il mio paese di nascita e ho trovato la mia famiglia biologica. Ho cenato con presidenti e incontrato dignitari. Posso dire di aver avuto una vita fruttuosa e di aver intrapreso la professione di CFO degli ospedali.

Spero che nel raccontare la mia storia, posso incoraggiare gli altri a prendere provvedimenti per allontanare le loro paure. Ho sperimentato numerosi anni di condizionamento da parte di altri che dicevano che non ero abbastanza bravo, abbastanza forte o capace. Incoraggio tutti a liberarsi dalle catene della violenza, dell'odio e della rabbia. Ho provato tanto quanto loro a spezzarmi e ho raggiunto l'impossibile. Ce l'ho fatta nonostante le probabilità!

Ti incoraggio a dare una possibilità a te stesso. Vale la pena aspettare!

Killdeers coreani

Sono stato allevato in un piccolo caseificio che si trovava ai margini della Red River Valley sul lato del Minnesota. Sono cresciuto in una comunità agricola rurale che era piena di una lussureggiante foresta verde di mais, onde ambrate di grano e punti intermittenti di fattorie ricoperte da fitti alberi decidui. Su queste vaste pianure viveva un curioso uccellino, in termini scientifici, chiamato a Charadrius vociferous. Questi piccoli uccelli marroni insignificanti con zampe lunghe e sottili hanno fatto i loro nidi a terra nei campi e sulla costa in tutto il Nord America. La gente del posto, dove sono cresciuto, chiama questo uccello dal verso in falsetto che fa... uccidi cervi, uccidi cervi. Sono certo che se gli uccelli potessero parlare, prenderebbero in giro le gambe sottili come una matita e il corpo ossuto dell'assassino.

Ciò che rende memorabile questo benigno aspetto esteriore senza lucentezza sono le capacità recitative dell'uccello. Questo uccello finge di avere un'ala spezzata per attirare predatori e intrusi come un cane curioso o bambini piccoli lontano dalle loro preziose uova. È incredibile osservare questi uccelli urlare e sbattere le ali e poi sfrecciare via quando ti avvicini a loro. Gli uccelli meritano un Emmy Award per le loro performance drammatiche. Ho bei ricordi d'infanzia di inseguire questi piccoli amici piumati e sono stato indotto a credere che avessero bisogno di cure mediche. Non ho mai localizzato le uova degli uccelli, ma ricordo di aver visto pulcini piumati lanuginosi che sfrecciavano come un gruppo di scolari che si divertivano nei campi da gioco.

Durante i miei studi ho appreso che gli uccelli killer erano originari del Nord America, quindi sono rimasto sbalordito nel vedere simili buffonate durante i miei viaggi in Corea. All'inizio pensavo che i bambini che salutavano i soldati fossero i bambini normali mentre passavamo nei nostri veicoli cingolati blindati. Pochi istanti dopo, mi sono reso conto che questi mascherati erano in realtà dei professionisti che facevano una truffa. Questi bambini attori mi hanno ricordato i pretenziosi Killdeers feriti a casa nelle praterie del Minnesota. Come gli uccelli, giocavano feriti. Invece di ali spezzate, hanno recitato con lacrime di alligatore e facce imbronciate. Il familiare assassino, le grida di angoscia degli assassini furono sostituite da voci infantili che imploravano oggetti, "MRE, MRE", "GI gimme MRE!" I bambini chiedevano cibo preconfezionato dell'esercito chiamato Piatti pronti da mangiare o MRE in breve. Ho guardato i bambini con cautela e sono stato interrotto dal mio sguardo dal mio amico.

“Ehi, Hansen! Ho mangiato parte del mio pranzo durante il nostro viaggio e darò il resto del mio pasto. Watcha pensare?" "Non mi interessa", risposi. Ho riflettuto per un secondo e ho riportato a fuoco i bambini. "Hmmm, ad essere onesti, non credo davvero che vogliano i tuoi avanzi." Barrick è saltato giù dal veicolo prima che potessi finire la mia risposta. Barrick sembrava un gigante imponente rispetto alle due bambine ed era comico vederlo provare a parlare coreano con loro. Ho guardato con divertimento mentre le bambine rifiutavano il suo pacchetto MRE aperto. Hanno fatto segno che volevano interi pacchi MRE che giacevano sopra il mio veicolo blindato. Barrick ha insistito sul fatto che gli oggetti all'interno della familiare busta di plastica marrone erano ancora in buono stato. "Vedi", ha sostenuto mentre teneva i cracker sigillati in aria e faceva gesti facciali che gli articoli erano deliziosi.

Potrei dire che la ragazza più grande, che aveva circa 8 anni, si stava infastidendo. Ha sbuffato diverse volte e poi ha rifiutato sfacciatamente l'offerta agitando le mani affinché si perdesse. Quando ha fatto la sua ultima offerta, la ragazza più grande ha alzato il pugno in aria e ha dato a Barrick l'uccello!

Barrick si voltò verso di me scioccato e mi chiese incredulo: "Hai visto? Ha alzato il dito medio!» Barrick fece qualche passo indietro verso il veicolo della pista e si voltò ancora una volta per vedere la bambina che gli faceva la linguaccia. Scosse la testa incredulo e disse: "Solo pensare, mi dispiaceva per lei!"

Un altro soldato si avvicinò ai bambini piccoli e porse alla più piccola delle caramelle, sembrava avere circa 5 anni. Le piccole dita stringevano i pezzi di caramelle dure e lei iniziò a metterne un pezzo in bocca. Poi veloce come un fulmine, il figlio maggiore colpì il più piccolo con una caramella in faccia. Ha assestato un paio di colpi duri alle piccole guance con i palmi aperti. Il viso del figlio maggiore era pieno di rabbia. Poi, come punizione, la più grande delle ragazze ha tolto i guanti diradanti dalla più piccola e li ha infilati nelle tasche del cappotto.

Abbiamo tutti guardato la scena con orrore e incredulità. Ho chiesto al mio KATUSA (Corean Augmentee to the US Army), un soldato nazionale coreano che era assegnato alla nostra unità, di venire con me e tradurre per me. Mi sono inginocchiato nella neve e ho afferrato con cautela la ragazza più grande per le spalle e le ho chiesto perché stesse picchiando sua sorella. La ragazza si staccò da me e la riportò verso il mio viso. Mi alzai e camminai davanti a lei e mi inginocchiai. Questa volta le ho chiesto se amava sua sorella minore e se sì perché l'aveva colpita in faccia. Il KATUSA tradusse di nuovo il mio messaggio e, dopo alcuni minuti di interrogatorio, il forte sguardo freddo della ragazza maggiore si dissipò e lei iniziò a singhiozzare tra le mie braccia.

La ragazza piangente sbottò un fiume di parole e lasciò il mio abbraccio per abbracciare la sua sorellina. Dopo una breve conversazione, ho appreso che i bambini sono stati costretti a stare fuori a venti gradi sotto la temperatura per implorare MRE dai soldati statunitensi di passaggio che si sono addestrati vicino a casa sua. I suoi genitori erano contadini poveri e integrarono il loro magro reddito vendendo le razioni dell'esercito al mercato nero. Mentre ascoltavo la sua storia ho iniziato a vedere i segni rivelatori di abbandono. Ho notato che le dita esposte erano rosse e gonfie per il lieve congelamento e le guance screpolate dall'esposizione. I capelli erano arruffati e opachi fiocchi di forfora erano presenti nei loro capelli e gli abiti orribilmente attillati li tenevano a malapena caldi dai gelidi venti montuosi della Corea.

Tante domande riempiono la mia mente mentre racconto questa storia che è successa tanti anni fa. Chissà quale stronzo insegnerebbe a una ragazzina il significato del dito medio. Spero di aver avuto un impatto migliore su di lei e che abbia imparato ad amare e amare le sue sorelle, nonostante il fardello che i suoi genitori le hanno posto sulle spalle quando aveva 8 anni. Rivisito questa storia di tanto in tanto e rifletto su come sta questa ragazza. Sarebbe stata meglio adottata come me e soffrire come me, o sarebbe stato meglio essere tenuta con la sua povera famiglia in Corea? Il viaggio "una volta nella vita" per vedere la mia "patria" mi ha insegnato più su me stesso di quanto immaginassi possibile. Spero che questa ragazza sia diventata una donna forte e indipendente che non ha altro che felicità.

Ricostruire identità e patrimonio

Ho fatto "Rose” da vecchie riviste in un momento della mia vita in cui mi sentivo perso. Strappavo e ritagliavo la carta velina da progetti artistici precedenti, da pagine di libri e fogli di album scartati. Ho assemblato la tecnica mista su supporto quadrato. La parola "eredità" era incollato sullo sfondo.

Le rose sono diventate il punto focale. Questi si sono rivelati più chiari e prominenti nel pezzo, che non era stato affatto pianificato.

Quando comincio a scrivere un blog per conto di questioni relative agli orfani e all'adozione internazionale, mi rendo conto che quest'arte che sto facendo ruota attorno all'avere un'identità orfana, che cercherò di affrontare con la mia prospettiva in questo post.

Nel complesso, ci sono molte cose difficili da affrontare con questa disposizione anche prima che possa iniziare la guarigione. Nella mia esperienza, ho dovuto confrontarmi con come sono nata, il che significava accettare la parte più difficile del passato che aveva subito il trauma di un grave dislocamento. Successivamente, ho dovuto riparare il trauma con continui sforzi personali di ricostruzione e il potere della fede.

Una risoluzione che ho trovato nell'avere un'identità orfana è la promessa di un nuovo giorno. Una promessa che il sole sorgerà. Che nel complesso panorama della nostra vita c'è una rosa che cresce in mezzo. E se ci concentriamo su ciò che sta sbocciando, potremmo essere in grado di tendere a questa nuova crescita.

A coloro che hanno un passato orfano, che hanno sperimentato lo spostamento definitivo dove non si può tornare indietro, posso riferirmi.

La mia sensazione su questo è che è qui che si può iniziare ad andare avanti.

Passo dopo passo, giorno dopo giorno, possiamo ricostruire le nostre vite e cosa significa il patrimonio per noi, oggi e con ogni nuovo giorno davanti a noi.

Immersione culturale del paese di nascita per adottanti internazionali

Di Sunny Reed, coreano adottato all'estero.

Quando sono stato adottato più di trent'anni fa, c'erano significativamente meno sbocchi per un genitore adottivo transrazziale (TRAp) per esporre il proprio figlio alla sua cultura di nascita. Libri, campi culturali (ai quali non ho mai partecipato), incontri sponsorizzati da agenzie e altri eventi passivi costituivano la maggior parte delle opzioni disponibili.

Oggi, nel nostro clima ricco di informazioni, leggere semplicemente articoli, guardare video e ascoltare musica conta solo come immersione superficiale per un adottato transrazziale (TRAd). I forum online e altri media forniscono un senso di comunità, ma nonostante ciò, la socializzazione si basa esclusivamente sugli sforzi concentrati dei genitori.

In questo post parlerò di un articolo del 2010 di M. Elizabeth Vonk, Jaegoo Lee e Josie Crolley-Simic sugli attuali sforzi di socializzazione culturale dei TRAps e la mia prospettiva sulla loro ricerca.

Pratiche di socializzazione culturale nell'adozione transrazziale domestica e internazionale
Vonk, Lee e Crolley-Simic

Riepilogo dell'articolo

Gli autori hanno cercato di scoprire l'impatto (se presente) della socializzazione culturale sulla relazione di un genitore adottivo transrazziale (TRAp) con il proprio figlio. Sono necessarie ulteriori ricerche per rispondere concretamente a questa domanda, ma i dati scoperti durante la loro indagine hanno contribuito a spunti affascinanti su come la razza abbia influenzato la decisione di un genitore di incorporare l'etnia del proprio figlio nella propria vita.

Punti chiave

  • L'aspetto può dettare quanta enfasi i genitori mettono sulla socializzazione culturale
  • Le TRAp sono raramente associate ad adulti dell'etnia del loro bambino e spesso vivevano in aree non diversificate
  • Gli sforzi di socializzazione culturale sono diminuiti con l'età del bambino

Discussione

La cosa interessante di questi risultati è come i genitori – tutti identificati come bianchi – gravitassero verso attività culturali superficiali. Cucinare cibo etnico, leggere libri e celebrare festività uniche erano le cose più comuni e suppongo che abbia a che fare con la novità e la facilità. Queste attività sono le meno minacciose per i genitori bianchi e possono essere intraprese nella privacy delle proprie case, senza critiche da fonti autentiche. In combinazione con i risultati che i genitori bianchi raramente socializzano con gli adulti della razza dei loro figli, questo ha senso.

Particolarmente grave è l'incapacità dei genitori di trasferire le loro famiglie in quartieri culturalmente diversi. La mia famiglia si stabilì in una comunità agricola bianca omogenea nel New Jersey e si rifiutava di riconoscere che i dati demografici avevano ripercussioni profondamente negative sul mio sviluppo. Anche dopo ripetuti episodi di razzismo scolastico (a tutti i livelli), non potevano o non volevano prendere in considerazione il passaggio a una scuola diversa.

Gli autori hanno anche scoperto – purtroppo – che i genitori di bambini europei si impegnavano in attività culturali meno frequentemente di quelli di bambini asiatici e neri. Trovo questo ironico, dal momento che il background condiviso dovrebbe renderlo meno estraneo ai genitori. Ma se la socializzazione è in gran parte basata sull'apparenza, allora la razza è senza dubbio un catalizzatore di quanto un genitore senta di dover essere coinvolto.

Gli autori sostengono che la socializzazione culturale mette in evidenza le ovvie differenze tra genitore e figlio, facendo sentire i caregiver "inadeguati". Si chiedono anche se le attività culturali li inducano a "rendere conto della loro responsabilità nei confronti dei loro figli e non sono sicuri di come procedere". Direi che sì, questo è probabilmente ciò che sta accadendo, dal momento che affrontare la realtà della loro complessa situazione potrebbe distruggere le loro aspettative originarie per l'adozione.

Le idee dei miei genitori di "far [mi] cultura" includevano, all'inizio, l'organizzazione di cacce alle uova coreane e l'andare alle feste di Natale coreane. Niente era unicamente coreano in questi eventi. Erano solo un gruppo di famiglie bianche che riunivano i loro bambini coreani adottati e celebravano le feste cristiane. Ironia della sorte, non abbiamo mai riconosciuto gli eventi coreani e, come suggerito dalla ricerca, queste attività si sono ridotte a zero dopo che tutti abbiamo iniziato la scuola elementare.

Sebbene le mie esperienze siano avvenute negli ultimi decenni, questo articolo relativamente recente mostra che, nonostante le risorse aggiuntive disponibili, sono stati compiuti pochi progressi reali nell'applicazione pratica della socializzazione culturale. Continueremo a parlarne nei prossimi post, poiché l'obiettivo è aiutare i TRAps ad assistere il loro bambino nello sviluppo di un'identità razziale sicura.

Il tuo turno!

Le tue esperienze sono in linea con i risultati di questo articolo? In caso contrario, cosa pensi che tu o i tuoi genitori abbiate fatto di diverso?

Non esitate a discutere nei commenti!

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%