Neve Gialla

neve gialla

Sono cresciuto in un caseificio nelle zone rurali del Minnesota. Il Minnesota è uno stato, situato nella regione centro-settentrionale degli Stati Uniti e confina con il Canada. La maggior parte delle persone non sa che il punto più settentrionale dei 48 stati inferiori si trova nel Minnesota. Non dovrebbe sorprendere sapere che il Minnesota è tra i primi dieci stati per essere il più freddo e avere il maggior numero di nevicate. Gli inverni del Minnesota sono noti per scaricare pesanti coltri bagnati di neve effetto lago e le sue temperature gelide.

Se vivi in un clima nordico, ottieni esperienze che solo chi vive in quella regione può capire. Si impara a guardare il tempo la sera prima per sapere se si deve collegare la propria auto in modo che il radiatore non si congeli durante la notte. Impari a raggrupparti in strati sciolti per tenere fuori il freddo. Da bambini impari a non leccare le superfici metalliche quando è sotto zero, altrimenti ti congeli la lingua sull'oggetto leccato. Infine si impara a non mangiare mai neve gialla.

La macchia di paglia che risalta sullo sfondo bianco è la registrazione della presenza di un essere umano o di un animale mentre si liberano all'aria aperta. Questa macchia di senape che viola lo sfondo bianco simboleggia i rifiuti scartati e qualcosa di disgustoso. I rifiuti, ovviamente, vengono buttati perché non hanno valore. La spazzatura è brutta da vedere ed è un pugno nell'occhio per la bellezza che ci circonda. Ci impegniamo molto per nasconderci, buttare via e liberarci dalla spazzatura. Questo è il modo in cui mi sentivo durante la mia infanzia. Ho vissuto un'infanzia in cui mi è stato insegnato che non avevo importanza o valore. Ero il vero vivente che respirava il brutto anatroccolo. Peggio ancora, ero asiatico. Ho simboleggiato quella macchia gialla di urina nella neve.

Il consulente a scuola ha insistito perché facessi un test del QI e anche se ho verificato un paio di deviazioni al di sopra della norma, sono stato inserito in una classe "speciale". Nei 5 anni in cui sono stata costretta a frequentare questo corso, ho fatto amicizia con un ragazzo di nome Raymond. Il pubblico in generale sapeva che Raymond era intellettualmente disabile. Il viso del mio amico sembrava distorto, i suoi pantaloni sembravano ingombranti a causa del pannolino che indossava e la sua andatura potrebbe essere descritta come una camminata incespicante. Molti bambini si prendevano gioco del discorso di Raymond, le sue risposte semplici, lente e confuse erano il peso di molte battute. Mi sono rifiutato di prendere parte alle provocazioni perché ho appreso che Raymond era un essere umano e come me, aveva sentimenti e idee proprie.

Dopo aver trascorso lezioni "speciali" con lui per quasi 5 anni, siamo diventati grandi amici. Ho imparato che Raymond amava collezionare figurine del baseball e che portava in classe caramelle extra da condividere con me. Alcune persone mi hanno chiesto se frequentare questo programma speciale ostacola la mia crescita intellettuale. Forse sì, ma mi ha anche permesso di imparare una preziosa lezione di vita. Ho imparato ad avere compassione per tutte le persone. Nero, bianco, giallo, marrone chiaro, marrone… il colore delle persone non contava. Credo che le persone che hanno una forte rete di supporto possano fare qualsiasi cosa. Niente può limitare un individuo nell'ottenere i propri sogni e obiettivi. Non mi rendevo conto che Raymond e io avevamo molto di più in comune. Come Raymond, anch'io ho dovuto affrontare l'essere diverso, fissato ed etichettato come un estraneo dalla società.

C'era un bambino che mi tormentava sullo scuolabus. Lui era al liceo e io in prima elementare. È iniziato con minacce e poi si è trasformato in pugni allo stomaco. Mi odiava perché ero asiatico. Ho nascosto questa vergogna a me stesso ed è stata esposta quando ha preso un pennarello indelebile e l'ha usato per scrivere "gook" e "chink" sulla mia faccia. Il tormento fisico è continuato quando sono entrato al liceo. Ho sopportato un pugno occasionale, frustate da oratoria e la costante paura di essere picchiato. Un bambino di diversi gradi sotto di me distorcerebbe la mia piccola struttura in un pretzel durante il lungo viaggio sullo scuolabus giallo. Il mio telaio asiatico da 100 libbre di 16 anni sottile e waifish non poteva competere con il suo telaio da 6 piedi e 2 pollici. Era il figlio del contadino nutrito di mais che si divertiva a piegare il mio piccolo corpo in un pretzel nel retro dell'autobus. Sono stato costretto a provare la vergogna da solo. Mi sentivo impotente, evirato e umiliato.

Mi sono sentito ulteriormente castrato quando mi hanno insegnato che non ero databile. Non potevo competere con gli atleti. Erano forti e di bell'aspetto. Non appartenevo ai geek perché almeno erano intelligenti. Ero l'estraneo agli estranei. Essendo cresciuto in un caseificio significava che dovevo tirare il mio peso con le faccende. Dovevo trasportare pesanti ceste piene di mangime attraverso lotti di mangime ricoperti di letame e pulire i recinti dei vitelli ogni mattina. Ero il bersaglio dell'odio quando arrivavo a scuola con un distinto odore di feci di mucca. Ero il bambino puzzolente in classe perché i miei genitori adottivi non mi permettevano di fare la doccia prima di arrivare a scuola. Poi, per aggiungere al danno la beffa, sono stato anche il bersaglio di tutti gli scherzi sulla moda. Indossavo spesso vecchi "di seconda mano", svendita di garage e speciali KMART. Inutile dire che non ero popolare a scuola.

Non solo mi sentivo sminuito, ma mi sentivo anche stupido. Avevo voti bassi. Mi addormentavo spesso in classe e anche di notte quando facevo i compiti. I miei genitori non mi hanno mai aiutato con i compiti e senza un tutor o un compagno con cui studiare, non avevo nessuno da cui imparare. Molte notti fissavo le pagine bianche dei miei libri di testo e mi chiedevo il significato delle opere letterarie o delle semplici equazioni algebriche. Niente aveva senso per me.

La paura ha afferrato le profondità della mia anima. Paura dell'ignoto. Paura per il mio futuro. Più tardi, quando sono diventato adulto, ho imparato il nome proprio della paura che mi impediva di fare qualsiasi cosa. Questa cosa che aveva una stretta sulla mia vita si chiamava ansia. I miei genitori adottivi hanno descritto questo comportamento come debole.

Quando ho superato le mie paure, il mio comportamento potrebbe essere descritto come socialmente imbarazzante. Non sapevo come comportarmi con le persone perché avevo poche interazioni. Altre volte divagavo e restavo incollato a una persona perché ero così affamato di attenzioni. Non importa quale fosse lo scenario, mi sarei comportato in modo inappropriato e i miei genitori mi avrebbero poi rimproverato verbalmente per le mie mancanze. Non ho mai avuto la possibilità di essere un bambino o di fare cose semplici come andare al cinema, guardare programmi TV famosi o uscire con gli amici. Non è mai stata un'opzione. Mi mancavano le capacità personali perché ero isolato. Non avevo identità. Ero semplicemente un ragazzino solo in questo grande mondo.

I miei genitori adottivi non hanno mai pensato di insegnarmi la mia eredità coreana. Non hanno mai pensato di comprarmi un libro sulle mie origini etniche. Quando ho chiesto informazioni, si sono rifiutati di permettermi di guardare i miei documenti di adozione. Mi è stato ricordato che ero americano e mi è stato detto di essere grato. Mi è stato insegnato solo sulle loro radici scandinave. Le questioni razziali che ho sollevato sono state immediatamente respinte. È stata accolta con la domanda su cosa avrei potuto fare per provocare qualcuno o è stato risposto che questa era una parte della vita e dovevo indurire. Lo chiamavano "amore duro".

Quando mi hanno colpito il cane e hanno ululato dalle risate quando il cane ha strappato la mia carne, si suppone che sia stato fatto anche per amore. Non mi sono mai sentito loro figlio. Inoltre, la maggior parte dei genitori non fa queste cose ai propri figli. Inoltre, anche la società non ci considerava una famiglia. La mancata corrispondenza tra grandi e incombenti genitori caucasici e piccoli bambini asiatici sembrava la gigantesca signora barbuta e il nano in uno spettacolo da baraccone da circo. Mi sentivo a disagio a mostrare la mia faccia in pubblico. La gente ci guardava a bocca aperta quando entravamo nella stanza. La nostra stranezza ha dato a dei perfetti sconosciuti il coraggio di avvicinarsi e curiosare nella mia vita personale facendo domande come: "Ehi, ti sposi con la tua stessa specie? Sei cinese? Giapponese? Vietnamita?" Sono stato anche scambiato per nativo americano, messicano ed eschimese. Nessuno in Minnesota sembrava sapere dell'esistenza di un gruppo di persone chiamate coreani. Con tutti questi sguardi interrogativi e strani mi chiedevo da bambino se fossi l'unico coreano rimasto in vita sulla verde terra di Dio?

Un consulente di orientamento nel mio anno di liceo è stato schietto con me quando sono entrato nel suo ufficio per la visita obbligatoria. Ho risposto sinceramente quando mi ha chiesto cosa volevo fare dopo il liceo. Gli ho detto che volevo frequentare l'università e lavorare nel settore sanitario. L'uomo mi disse con voce severa che non facevo parte del college e che avrei rubato un'opportunità a qualcuno più meritevole. Mi chiedevo se avrebbe detto le stesse cose a un ragazzo caucasico con voti bassi? Ha preso in considerazione la mano che mi è stata data da bambino per essere stato vittima di bullismo, spinto al lavoro minorile e una persona a cui era stata tolta a pugni tutta l'autostima? Mi sono sempre chiesto perché non ha mai offerto alcun incoraggiamento. Non è questo che dovrebbero fare i consulenti di orientamento? Per dare agli individui la strada migliore verso gli obiettivi a cui miravano? Come il resto della comunità in cui sono cresciuto, non vedeva alcun valore in me. Ma ho ignorato tutta la negatività che ho affrontato durante la mia infanzia e mi sono concentrato sul raggiungimento di tutto ciò che si diceva impossibile.

Il modo migliore per spiegare la mia infanzia era paragonarla a una prigione. Una piccola, fredda e sporca prigione messicana. Ero isolato dalle persone. Non mi è stato permesso di perseguire cose di cui ero curioso. La mia vita era piena di duro lavoro manuale, miseria, abusi e sporcizia. Nonostante questi inizi e le probabilità statistiche di successo, ho perseverato. Ho seguito un corso di recupero e ho imparato da solo a scrivere frasi semplici. Ho studiato la sera e ho imparato la matematica che non conoscevo. Ho osservato le persone e ho imparato a liberarmi del mio imbarazzo sociale. Mi sono aperto alle possibilità e mi sono innamorato. Dopo diversi tentativi, mi sono sposata e ho avuto due figli meravigliosi. Ho conseguito cinque lauree e due erano lauree presso un'università rispettabile. Ho viaggiato in più di 40 paesi in tutto il mondo. Uno dei paesi che ho visitato è stato il mio paese di nascita e ho trovato la mia famiglia biologica. Ho cenato con presidenti e incontrato dignitari. Posso dire di aver avuto una vita fruttuosa e di aver intrapreso la professione di CFO degli ospedali.

Spero che nel raccontare la mia storia, posso incoraggiare gli altri a prendere provvedimenti per allontanare le loro paure. Ho sperimentato numerosi anni di condizionamento da parte di altri che dicevano che non ero abbastanza bravo, abbastanza forte o capace. Incoraggio tutti a liberarsi dalle catene della violenza, dell'odio e della rabbia. Ho provato tanto quanto loro a spezzarmi e ho raggiunto l'impossibile. Ce l'ho fatta nonostante le probabilità!

Ti incoraggio a dare una possibilità a te stesso. Vale la pena aspettare!

8 Risponde a “Yellow Snow”

  1. Mirah Riben - Autore di "fare luce su...The Dark Side of Adoption" (1988) e "The Stork Market: America's Multi-Billion Dollar Unregulated Adoption Industry" (2007). http://mirahriben.blogspot.com
    familyadvocate ha detto:

    Le parole non possono esprimere l'ammirazione che provo per te e la tristezza e la vergogna che provo per come sei stata trattata. L'adozione fa schifo. L'adozione internazionale e interrazziale è particolarmente difficile, soprattutto quando i bambini vengono adottati in comunità di soli bianchi. Ti sei alzato al di sopra di tutto! Hai perseverato e sei riuscito a dimostrare che tanti si sbagliavano. Ma continua ancora oggi ed è SBAGLIATO!

    Mirah Riben, autrice, THE STORK MARKET: l'industria americana delle adozioni non regolamentate multimiliardaria

  2. Che triste, bellissimo commento. Sono stato adottato ma sra e somigliavo abbastanza alle mie scimmie. Non mi sono mai state date molte informazioni sulla famiglia di nascita e sul messaggio silenzioso da non chiedere. In hs non avevo amici. Quando vai al college, ora puoi prendere il controllo della tua vita.
    Mi è stato detto da un consulente Hs che mia figlia non era materiale universitario anche se avevo una laurea e mio marito aveva un BA. Suo padre era appena morto di cancro ed eravamo solo noi due in questa città. Mia figlia ha poi ottenuto un BA e un MEd! Lei è un direttore esecutivo di un'organizzazione no-profit!
    Gran parte di ciò che siamo non è il QI, ma il modo in cui vediamo noi stessi e il modo in cui perseveriamo.
    Hai scritto una bellissima biografia. Grazie. Sallie Jameson

  3. jaymekyopo (Jayme Hansen / Yoon Dong Jin) - marito padre amico adottato LTC nell'esercito degli Stati Uniti amante della vita nave di un buon viaggiatore del mondo anni '80 amante della musica cattivo ballerino scrittore schiavo di 2 bambini di pelliccia
    Jayme hansen ha detto:

    Da bambino mi chiedevo spesso se meritavo amore e qualcosa di buono. Quello che ho fatto è stato così brutto per aver ricevuto tutto questo dolore e sofferenza. Ho promesso a me stessa di sforzarmi di essere il meglio che potevo essere e di ottenere il più possibile per porre fine alla sofferenza degli altri come ho fatto io. Posso dire che sono benedetto e ho vissuto una vita piena. Amore a tutti, c'è un arcobaleno dopo la tempesta, ma ci vuole duro lavoro e fatica per costruire quel rifugio che ti tiene al riparo dai venti di chi dice di no e dalle piogge del male

  4. Questo è tristemente comune e fortunatamente c'è una ricchezza di ricerche per spiegare perché questo accade. Odio che sia successo a te – è successo anche a me, e mi chiedo perché, perché qualcuno dovrebbe portare un bambino in questo ambiente? Qual era lo scopo e si sono semplicemente arresi quando si sono resi conto di quanto sarebbe stato difficile?

    Sono felice di vedere che sei andato avanti; non tutti sono così fortunati! Grande condivisione, Jayme.

    Soleggiato

lascia un commento

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%