Dal tokenismo alla giustizia sociale

di Marie Gardom, adottato dalla Malesia nel Regno Unito.

Mi è diventato sempre più chiaro che non solo la diversità da sola non funziona, ma in realtà è una tattica utilizzata per immunizzare le organizzazioni contro l'accusa di razzismo o emarginazione. Qui nel Regno Unito, i politici conservatori che guidano le politiche più anti-immigrazione sono persone di colore. Non rappresentano i gruppi da cui provengono, invece si rannicchiano al potere recitando i vecchi tropi Tory, forse struggendosi di appartenere al gruppo da cui sono sempre stati al di fuori, e sempre lo saranno perché hanno scelto un intollerante nel gruppo. 

Lo vediamo più e più volte, un singolo gruppo di minoranza è rappresentato e additato come un esempio del perché non c'è razzismo/ablismo/sessismo ecc. Convenientemente fanno proselitismo la voce dello status quo con passione e convinzione inebriante. Quando il gruppo dominante è accusato di iniquità, si tira fuori uno o due di detto gruppo di minoranza come un modo per negare l'accusa e tornare a prendere decisioni a svantaggio delle minoranze.
Nel corso dei decenni una crescente consapevolezza e richiesta di rappresentanza ha portato organizzazioni, Hollywood e governi a creare un'illusione di diversità senza inclusione, senza affrontare in modo significativo le dinamiche di potere dei gruppi di maggioranza e delle gerarchie sociali, in modo che il potere rimanga saldamente nelle stesse mani. Siamo spesso rappresentati come un gruppo omogeneo se c'è una persona di colore, o un uomo bianco gay, una casella potrebbe essere stata barrata ma non è stata raggiunta una rappresentazione significativa.

Lo vedo nel modo in cui noi adottati lavoriamo come sostenitori. C'è una consapevolezza nella società, ma una mancanza di conforto con l'idea che gli adottati siano gli esperti. In quanto tale, c'è una performance di inclusione, gli adottati sono spesso in prima linea nelle campagne promozionali per l'adozione se sposano quanto sia bello. Anche se parlano della complessità delle nostre esperienze rimangono voci di conforto per chi vede nell'adozione un bene e l'unico modo per risolvere le crisi familiari in cui un bambino ha bisogno di sostegno.

Ho notato che raramente sono invitato a dare la mia opinione in materia di politiche o buone pratiche all'interno di organizzazioni che potrebbero riformarla. E quando lo sono, il conforto del gruppo di maggioranza è stato notevolmente favorito. La rappresentazione non ci dà potere se siamo in inferiorità numerica, sul territorio di qualcun altro e in fondo alla gerarchia. Credo che questo sia in gran parte inconscio, ma sempre sfruttato. Quelli nella maggioranza raramente devono considerare i fattori che creano equità di potere o più regolarmente iniquità.  

Gli adottati hanno pochissima rappresentanza in tutto il mondo. Nel solo Regno Unito, non c'è un solo gruppo guidato dagli adottati, che copra l'ampia gamma di esperienze degli adottati qui. Invece siamo disparati gruppi di mutuo soccorso non finanziati che cercano di aiutarsi l'un l'altro e noi stessi come possiamo. Ho osservato i modi frequenti in cui molti adottati si esauriscono nel difendere. Essendo stati invitati a conferenze ed eventi politici, molti sono scomparsi dalla vista a causa della natura traumatica di quegli eventi. Sono traumatici perché come minoranza le nostre voci sono svalutate, negate, discusse e spesso messe a tacere in modo aggressivo. Questo gruppo è in gran parte lì a quei tavoli perché siamo così vulnerabili e quindi bisognosi di cambiamento, la nostra comunità ha alti livelli di suicidio, depressione, dipendenza e altro ancora. 

Se ho intenzione di continuare il mio lavoro di avvocato, devo impostare me stesso e gli altri adottati per il successo in questi spazi in cui possiamo trovarci a sopportare pericolosi livelli di stress. Quindi penso che sia importante dare un nome alle dinamiche di potere in gioco in modo da poter essere sicuri di poter affrontare questi problemi nel modo in cui stabiliamo i nostri confini e avere il linguaggio per nominare i problemi quando si verificano. Quindi ho creato una semplice infografica che nomina le dinamiche di potere e offre soluzioni per coloro che sono sinceramente interessati alla giustizia sociale.

Vedi l'altro post recente di Marie in ICAV: Dalla carità alla giustizia

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%