Adottato da 32 anni e ora GRATIS!

di Lynelle Long, Vietnamese ex-adoptee raised in Australia, Founder of ICAV

I can officially now say, “I WAS adopted” as in, it is of the past. Now, my identity changes once again and I am no longer legally plenary adopted. I am my own person having made a clear and cognitive adult age decision that I want to be legally free of the people who looked after me since 5 months old. Mostly, I wanted to be legally recognised as my biological mother’s child and for the truth to be on my birth certificate and flowing into all my identity documents for the future. This also impacts my children and their future generations to ensure they do not have to live the lie of adoption either, but are entitled to their genetic truth of whom they are born to, multi generationally.

The biggest lie of plenary adoption is that we are “as if born to our adoptive parents”. My Australian birth certificate reflects this lie. I grew tired of the untruths of adoption so I decided to take matters into my own hands and empower myself. Nine months later, on 13 December 2022, I was officially discharged from my adoption order which had been made when I was 17 years old. Previous to this, I had been flown into Australia by my adoptive father at the age of 5 months old in December 1973 and the family kept me with them for 17 years without legally completing my adoption. So technically, I was legally under the care of the Lutheran Victorian adoption agency and Immigration Minister’s care as my guardians until my adoption got completed in April 1990. These institutions however didn’t seem to followup on me nor did they create a State Ward file on me. It is still a mystery to this day how I was barely followed up on, given they knew quite clearly that my adoption had not been finalised.

My case is very unusual in that most adoptive parents want to quickly complete the adoption so they can be officially regarded as the child’s “legal guardians”. I have no idea why my adoptive parents took so long and what baffles me is how they managed to pass as my “parents” at schools, hospitals, or any places where there should be a question around “who is this child’s parents” when they had nothing formal on paper to prove their “parenthood”. It’s quite obvious I can’t be their “born to” child when I am Asian and they are white caucasians. We look nothing alike and they raised me in rural areas where I was often the only non-white, non-Aboriginal looking person.

So as this year closes, I can celebrate that my year of 2022 has been a year of empowerment in so many ways. On November 2022, I was also recognised for my years of suffering by being offered the maximum compensation, counselling and a direct personal response under the Royal Commission for Institutional Sexual Abuse Redress Scheme by the two entities responsible for me – the Lutheran Church (the Victorian adoption agency) and the Department of Home Affairs (Australian Immigration). The past 5 years I’ve spent talking to countless lawyers, trying to find a way to hold institutions accountable for my placement with a family who should never have received any vulnerable child. Finally, in some small way, I am able to hold these institutions somewhat accountable and be granted a face to face meeting as a direct personal response via the Redress Scheme. What I want them to recognise is the significant responsibility they hold to keep children safe. It is still hard to fathom how any country can allow children in with parents who look nothing like them, clearly having no biological connections, no paperwork, yet not take all precautions to ensure these children are not being trafficked. I am yet to finish with that larger issue of being highly suspicious that my adoption was an illegal one, if not highly illicit. Our governments need to be on higher alert, looking out for all signs of trafficking in children and ensuring that these children are followed up on and that they have indeed been relinquished by their parents before being allowed into another country with people who are nothing alike.

My case in the Redress Scheme also highlights the many failings of the child protection system that is supposed to protect vulnerable children like me. If I’d been adopted by the family as they should have done, I would never have been allowed this compensation or acknowledgement through the Redress Scheme. It is a significant failing of the system that those who are deemed legally “adopted” are not considered to be under “institutional care” when these very institutions are the ones who place us and deem our adoptive families eligible to care for us. io wrote about this some years ago when I was frustrated that I hadn’t been able to participate in the Royal Commission for Institutional Sexual Abuse. Thankfully, a kind lawyer and fellow sufferer as a former foster child, Peter Kelso was the one who gave me free legal advice and indicated the way through the Royal Commission labyrinth. He helped me understand my true legal status as “not adopted” at the time of my sexual abuse and it is this truth that helped my case for redress via the free legal services of Knowmore. So it’s a bitter sweet outcome for me as I know of too many fellow adoptees who have suffered sexual abuse at the hands of their adoptive families. Most will never receive any sense of recognition for their suffering and the pathway to hold individuals criminally accountable is also tough if not impossible, depending on the country and laws. In most other countries except Australia, the statute of limitations prevents most victims of sexual abuse from seeking justice. I know from personal experience that it can take survivors 40 plus years to get to the stage of being strong enough to take this route of fighting for justice. More so for an adoptee who lives their life being expected to be “grateful” for adoption and being afraid of further abandonment and rejection should they speak their truth. For some, they never ever talk about their truth as the trauma is just too great and they are busy just surviving. I know of others where the abuse played a major role in their decision to suicide.

I am 2 years into the midst of criminal proceedings against my adoptive family. Next year begins the court contested hearings and who knows what the outcome of that will be nor how long it will go for. I talk about this only to encourage other victims to empower themselves, fight for that inner child who had no-one to protect them! For me, this is what it is all about. I spent years in therapy talking about how none of the adults in my life protected me and even after I exposed the abuse, none of those in professions where child protection is part of their training and industry standard, offered to help me report the perpetrators or take any action to hold them accountable. I finally realised the only one who would ever stand up for myself, was myself. Yes, it has meant I end the relationship with that family, but what type of relationship was it anyway? They were more interested in keeping things quiet and protecting themselves then protecting or creating a safe space for me. I eventually realised I could no longer continue to live the multiple lies both adoption and sexual abuse within that family required. Eventually, I had to chose to live my truth which ultimately meant holding them responsible for the life they’d chosen and created for themselves and me.

I hope one day to also hold institutions accountable for the illegal and illicit aspects of my adoption and once I’m done with that, then I’ll feel like I’ve truly liberated myself from adoption.

Until then, I continue to fight with the rest of my community for this last truth of mine. So many of us should never have been separated from our people, country, culture, language. We lose so much and there is absolutely no guarantee we get placed with families who love, nurture, and uphold us and our original identities. 

The legal concept of adozione plenaria is truly an outdated mode of care for a vulnerable child and its premise and legal concept needs to be heavily scrutinised in an era of human and child’s rights awareness. I agree there will always be the need to care for vulnerable children, children who can’t be with their families, but it is time we walk into future learning from the harms of the past and making it better for the children in the future. My lifelong goal is always for this because adoptees are the ones who spend so many of our years having no voice, having no independent people checking up on us. Adopted children are so vulnerable! Too often the assumption is made that adoption is a great benefit for us and this oversight impedes a serious deep dive into the risks to our well being and safety. In my case and too many others, it isn’t until we are well into our 40s and onwards that we find our critical thinking voices and allow ourselves to say what we truly know without fear of rejection and abandonment. Plenary adoption needs to be outlawed and semplice adozione should only be a temporary solution for a temporary problem. Any form of adoption should always be the choice of the adoptee to have their adoption undone and allowed to return to be legally connected to their original families, if that is what they want.

May we continue to bring awareness and much needed change to our world so that vulnerable children will be given a better chance in the future and to empower our community of adoptee survivors!

I wish for all in my community that 2023 will be a year of empowerment, truth and justice!

risorse

Discharge / Annulment / Undoing your Adoption

In Australia, each State and Territory has its own process to discharge:
VIC, QLD, NSW, WA, SA
This process includes costs that vary between States. All Australian intercountry adoptees can seek the Bursary amount of $500 from our ICAFSS Small Grants and Bursaries to contribute to the costs of their discharge. Domestic adoptees might also access Small Grants and Bursaries via their local equivalent Relationships Australia program too.

Adoptee Rights Australia has extra info on Discharging your Adoption and what it means legally, plus a quick run down on the main points of difference between the States of Australia

Australian domestic adoptee, Katrina Kelly has a FB group Adoption Reversal for adoptees needing help with their adoption discharge

Australian domestic adoptee, Darryl Nelson has a book about annulling his adoption in QLD: A timeline of the injustice of adoption law. He also participated in an SBS Insight program with this article: How I rediscovered my birth family and annulled my adoption

Australian domestic adoptee, William Hammersley’s Last Wish: Give me back my true identity, says adopted man

Danimarca intercountry adoptee Netra Sommer: Annullare la mia adozione

Danimarca e Olanda: 3 Ethiopian Adoptions Annulled – a wake up call

UK adoptee activist Paul Rabz’s FB group for Adoption Annulment Group for Adoptee Activists (note, in the UK it’s legally not possible yet to annul your adoption as an adoptee)

Stati Uniti d'America

Adoptees United: Examining the Right to end your own Adoption (seminario web)

Can you Reverse an Adoption? Reversing an Adoption: Adopted child returned to birth parents (historically, legislation in countries to discharge / reverse an adoption was included to allow adoptive parents the right to undo the adoption if they felt it wasn’t working out)

HCCH – Hague Intercountry Adoption Convention : information collected from Central Authorities to summarise countries that allow annulment and revocation of adoption

Plenary and Simple Adoption

Adoption law should be reformed to give children legal connections to both of their families – here’s why

Sexual Abuse in Adoption

Lifelong impacts of Abuse in Adoption (Chamila)

L'eredità e gli effetti degli abusi nell'adozione (3 part series)

Rotto

Venduto tramite adozione al mercato nero zingaro in Grecia

ti taglia in profondità

Aspettative di gratitudine nell'adozione

Cura di sé e guarigione

Ricerca: Child Sexual Abuse by Caretakers

Sexual Abuse Support

Professional Support: Relationships Australia – Child Sexual Abuse Counselling

Peer Support: Me Too Survivor Healing

Sexual Abuse Lawsuits

USA: Sexual Abuse Lawsuits – Your Legal Questions Answered (parts 1 – 3, podcast)

Disabilità di navigazione e condizioni mediche rare come adottato internazionale

Webinar, documento prospettico e risorse

Il 23 novembre, l'ICAV ha tenuto un webinar con 6 straordinari relatori che hanno condiviso l'esperienza vissuta come adottati internazionali con disabilità e condizioni mediche rare.

Ci è voluto del tempo per modificare questo webinar e spero che ti prendi il tempo per ascoltarlo. Gli adottati con disabilità e condizioni mediche sono spesso invisibili nella comunità di adottati internazionali e il nostro obiettivo era elevarli e contribuire a sensibilizzare sulle complessità extra che sperimentano.

Codice temporale video webinar

Per coloro che hanno poco tempo, ho fornito a codice orario così puoi vedere esattamente le parti che desideri ascoltare.

00:00:25 Benvenuta – Lynelle Long

00:03:51 Riconoscimento del Paese – Mallika Macleod

00:05:15 Introduzione dei relatori

00:05:31 Maddy Ullmann

00:07:07 Wes Liu

00:09:32 Farnad Darnell

00:11:08 Emma Pham

00:12:07 Daniel N Prezzo

00:13:19 Mallika Macleod

00:15:19 La definizione mutevole di disabilità – Farnad Darnell

00:17:58 Riformulare come possono essere visti gli adottati con disabilità – Mallika Macleod

00:20:39 Elaborazione della vergogna e della rottura spesso associate all'adozione e alla convivenza con la disabilità - Wes Liu

00:23:34 Affrontare le reazioni e le aspettative delle persone – Maddy Ullman

00:28:44 Senso di appartenenza e come è stato influenzato - Emma Pham

00:30:14 Navigare nel sistema sanitario – Daniel N Price

00:31:58 Cosa ha aiutato a venire a patti con la convivenza con la disabilità – Mallika Macleod

00:35:58 In che modo la disabilità potrebbe aggiungere qualche ulteriore complessità alla riunione - Maddy Ullman

00:39:44 Le dinamiche tra genitori adottivi e ciò che è ideale – Wes Liu

00:42:48 Prevenire il rischio di suicidio – Daniel N Price

00:44:26 Bambini inviati all'estero tramite adozioni internazionali a causa della loro disabilità – Farnad Darnell

00:47:09 Cosa devono considerare le persone quando iniziano ad adottare un bambino con disabilità con "buone intenzioni" - Emma Pham

00:50:13 Come è cambiata nel tempo l'esperienza di sentirsi isolati – Wes Liu

00:53:25 Il ruolo della genetica nelle sue condizioni – Maddy Ullman

00:56:35 Cosa ha funzionato quando si affrontavano sfide occupazionali – Mallika Macleod

00:59:11 Diventare autosufficienti e indipendenti – Emma Pham

01:02:42 Suggerimenti per i genitori adottivi – Daniel N Price

01:03:48 Suggerimenti per i professionisti dell'adozione per preparare meglio i genitori adottivi – Farnad Darnell

01:06:20 In che modo le famiglie adottive possono discutere al meglio se la disabilità sia stata la ragione dell'abbandono – Farnad Darnell

Riepilogo dei messaggi chiave del webinar

Clic qui per un documento pdf che delinea i messaggi chiave di ciascun relatore e il timecode del video webinar corrispondente.

Documento Prospettico ICAV

Per coloro che vogliono approfondire ed esplorare ulteriormente questo argomento, abbiamo anche compilato il nostro ultimo Documento Prospettico ICAV che puoi leggere qui. È una raccolta di prospettive di esperienze vissute che offrono una visione rara delle vite di una dozzina di adottati internazionali che vivono con disabilità e condizioni mediche rare. Insieme, queste risorse del webinar e del documento prospettico colmano un'enorme lacuna nella conoscenza di questo sottoinsieme all'interno della comunità internazionale di adottati. Spero che questo istighi l'inizio di ulteriori discussioni e forum progettati per aiutare a sensibilizzare e creare migliori supporti per e all'interno della comunità.

Voglio richiamare l'attenzione sul fatto che, all'interno della condivisione approfondita del nostro documento di prospettiva e del webinar, coloro che hanno contribuito hanno reso numerosi menzioni dell'elevato rischio di suicidio, depressione e isolamento. Dobbiamo fare di più per supportare meglio i nostri compagni adottati che sono i più vulnerabili che vivono con disabilità e condizioni mediche.

Fotografia per gentile concessione di Maddy Ullman e Wes Liu

Se disponi di risorse aggiuntive che possono aiutarti a costruire su ciò che abbiamo iniziato, per favore contattare ICAV o aggiungi il tuo commento a questo post, così posso continuare a far crescere questo elenco qui sotto.

Risorse addizionali

Malattia rara

#Rareis : Incontra Daniel N Price – sostenitore delle malattie rare e adottato all'estero

Con Amore Agosto (adottato internazionale August Rocha, un uomo trans disabile con una malattia rara)

Odissee diagnostiche con August Roche (disabile adottato transnazionale con malattia rara)

Once Upon a Gene – Adozione internazionale di una malattia rara con Josh e Monica Poynter (podcast)

#Rareis: la casa per sempre di Nora – un adottante domestico affetto da una malattia rara

Il podcast sui disturbi rari

Raro in Comune (documentario sulle persone affette da malattie rare)

Internazionale Malattie Rare

Enola : una domanda di Intelligenza medica uno che aiuta a diagnosticare le Malattie Rare, usufruirne gratuitamente

One Rare – Giovani adulti colpiti da malattie rare e passaggio all'età adulta

Rete di ricerca clinica sulle malattie rare

Geni globali: alleati nelle malattie rare

Disabilità

Adottati con disabilità (gruppo FB)

Adottati internazionali con disabilità (gruppo FB)

Adottato neurodivergente (Pagina FB dell'adottato internazionale Jodi Gibson Moore)

Tutti abbiamo il potere – Marusha Rowe (sostenitrice della paralisi cerebrale e adottata internazionale)

Violenza, abuso, abbandono e sfruttamento degli adottati con disabilità : Commissione reale australiana per la disabilità presentata dall'ICAV

Invisibilità(e) Sessione Cinque (video, guidato dall'adottata domestica Nicole Rademacher che intervista gli artisti adottati Anu Annam, Jessica Oler e Caleb Yee esplorando come la loro arte si collega alla loro disabilità)

Un manuale sulla disabilità: recupero, immaginazione, creazione di cambiamento (Registrazione della conferenza, novembre 2022)

Non fissato – condividere le storie di coloro che vivono con malattie croniche e disabilità

Cronicamente capace – per persone in cerca di lavoro con malattie croniche e disabilità

Transizioni di cura - Neurologia infantile (aiutandoti a passare dall'assistenza pediatrica a quella per adulti)

La serie del caregiver (video, per genitori adottivi)

Cantami una storia (Storie e canzoni per bambini bisognosi)

DNA spartiacque (supporto e guida per aiutare coloro a comprendere i loro risultati del DNA)

Sfida del film sulla disabilità di Easterseals (cambiando il modo in cui il mondo vede e definisce la disabilità)

Ripristino della mia cittadinanza coreana

di Stephanie Don Hee Kim, adottato dalla Corea del Sud nei Paesi Bassi.

Domanda per il ripristino della cittadinanza coreana

Oltre a ripristinare legalmente il mio cognome di nascita, ho speso parecchie energie per completare la mia domanda per il ripristino della mia cittadinanza coreana.

Il governo coreano consente la doppia cittadinanza dal 2011, principalmente per gli adottati. Era obbligatorio presentare la domanda in loco in Corea presso l'ufficio immigrazione di Seoul. Si pensa che questo sia stato un grosso ostacolo per molti adottati, dal momento che viaggiare in Corea non è economico né molto facile da organizzare.

Dal 2021 la procedura è cambiata e ora è consentito presentare la domanda presso l'Ambasciata coreana nel Paese di cui si è cittadini. Un compagno coreano adottato lo ha fatto per la prima volta l'anno scorso e molti altri hanno seguito il suo esempio.

Non è una strada facile da percorrere, ma almeno il governo coreano ci concede questa opportunità. Si spera che sarà un primo passo per garantire e sostenere i diritti degli adottati: il diritto di bilanciare sia i nostri diritti di nascita che i diritti che abbiamo acquisito come persona adottata nei paesi che ci hanno nutrito.

Sono molto grato per il sostegno dei miei buoni amici e compagni di adozione e anche per la pazienza e l'aiuto del mio traduttore. Mi sento fortunato e grato per la mia fantastica famiglia coreana che mi ha accettato come uno di loro, nonostante il mio strano comportamento europeo e le mie abitudini sconosciute. Mi hanno sostenuto nel mio viaggio per far fluire più forte il mio sangue coreano.

E soprattutto, sono così felice con il mio #ncym 'blije ei' (mi dispiace, non riesco a pensare a una corretta traduzione in inglese) Willem, che non mi giudica né dubita mai dei miei sentimenti, desideri e desideri. Che salta con me sugli aeroplani per incontrare la mia famiglia e si gode il cibo della mia patria.

Sarà sicuramente una strada rocciosa da percorrere, poiché ci saranno senza dubbio molti più ostacoli burocratici lungo il percorso.

Spero di poter essere reinserito nell'anagrafe di famiglia di mia mamma, 4° in fila dopo le mie 3 sorelle e sopra il nostro fratello-Benjamin. Se tutto va bene, vedere il mio nome inserito nel suo registro guarirà un po' di senso di colpa e rimpianto nel cuore di mia madre.

Mi sembra strano che probabilmente riceverò la mia cittadinanza coreana prima che il governo olandese mi permetta di cambiare il mio cognome. C'è sempre qualche sistema burocratico che ne supera un altro, giusto?

Una domanda per le agenzie di adozione

di Cameron Lee, adottato dalla Corea del Sud negli USA, terapeuta e fondatore di Terapia riscattata

Cosa autorizza un'agenzia di adozione a continuare a operare? Il numero di bambini collocati al mese? La quantità più bassa di discontinuità di adozione all'anno? Le credenziali del regista? La loro apparizione in una produzione mediatica esclusiva?

Se faticano a incorporare una vasta gamma di testimonianze degli adottati nel modo in cui forniscono efficacemente servizi di assistenza all'infanzia, comprese iniziative per mantenere intatte le famiglie, cosa stanno facendo dentro e verso le nostre comunità?

Una domanda che i genitori adottivi possono porre è: “In che modo le testimonianze di adulti adottati hanno cambiato le tue procedure operative standard negli ultimi cinque anni? Puoi mostrare almeno tre esempi di come il tuo programma è cambiato o si è evoluto sulla base della ricerca e della letteratura guidate dagli adottati?"

A meno che non siano disposti a mostrarvi il loro contributo ai bacini curativi del servizio che affermano di fornire, va bene chiedersi quante persone e famiglie siano state trattenute dall'accesso alle loro strutture di acqua viva.

In altre parole, mostraci il cuore della tua agenzia. Se c'è un'abbondanza di non adottati che parlano e insegnano, ci deve essere qualcos'altro che ci mostri che stai lavorando nel migliore interesse dell'adottato, non solo all'età in cui è "adottabile", ma per tutta la durata della nostra vita.

Vogliamo collaborare con te! Ma per favore, riduci al minimo l'idea che il nostro attivismo sia dannoso per gli affari. La voce dell'adottato non dovrebbe essere una minaccia per coloro desiderosi di imparare a servire meglio gli adottati. Molti di noi vogliono aiutarti a realizzare le tue promesse. Grazie per averci ascoltato in questo modo e per averlo reso una "migliore pratica" di solidarietà.

Leggi l'altro blog di Cameron su ICAV, Il Papa che fa vergognare le persone ad adottare bambini

Ryan alla serata di acquisizione di K-Box adotta

Venerdì 9 settembre, ho co-ospitato con Ra Chapman (adottato e drammaturgo internazionale coreano) un evento di artisti adottati a Melbourne, Victoria, presso il Teatro Maltese. Questo evento ha seguito l'esibizione dell'incredibile commedia di Ra, K-Box che è la storia di Lucy (un'adozione internazionale coreana) che è un'adozione coreana di oltre 30 anni che porta un po' di umorismo e dure verità a tavola.

Sono stato onorato di essere alla lettura dell'opera teatrale di Ra's l'anno scorso, quando le è stato assegnato il premio 2020 Premio Patrick White per i drammaturghi a Sydney per questo lavoro.

Dopo lo spettacolo, alcuni dei nostri talentuosi artisti internazionali adottati hanno presentato un piccolo segmento di 10 minuti sulle loro opere d'arte.

I prossimi blog ti porteranno un paio di questi artisti adottati nelle loro presentazioni, seguiti da alcune delle opere d'arte che abbiamo catturato per ZINE, una piccola rivista che mostra le loro opere come ricordo da portare a casa della nostra serata.

Per me, il momento clou della serata è stata una lettura di un coreano adottato che è un accademico, uno scrittore e co-conduttore di podcast Sentimenti adottati, Ryan Gustafsson. Ryan è uno scrittore, ricercatore e podcaster. La loro pubblicazione più recente è "Whole Bodies", che appare nell'antologia di Liminal Contro la scomparsa: saggi sulla memoria (Pantera Press, 2022). Ryan è anche co-facilitatore del Rete di ricerca sull'adozione degli adottati coreani (KARN).

La presentazione di Ryan è stata potente, eloquente e toccante e presentata con una tale onestà cruda, ha risuonato nella mia anima poiché ho potuto relazionarmi a così tanto di ciò che hanno condiviso su come possiamo provare per la nostra prima madre.

Ryan Gustafsson e Lynelle Long

Ascolta la lettura di Ryan da un estratto del loro scritto intitolato – Ci siamo conosciuti con nomi diversi.

risorse

Puoi seguire Ryan su:
sito web: http://www.ryangustafsson.com
IG: @crewneckgreen

Dai un'occhiata al nostro Album di foto della sera.

Prossimamente è la presentazione di Ebony della serata.

Essere adottato illegalmente e una riunione forzata

La maggior parte delle persone presume che le nostre adozioni siano tutte legali e legittime. La maggior parte delle persone presume che gli adottati vogliano incontrare le loro prime madri. La storia di Aimee mette in evidenza la dura realtà che non tutte le adozioni sono legali e che il coinvolgimento dei media non è sempre utile o gentile con l'adottato che potrebbe non volere, né essere pronto, a riunirsi.

La parte peggiore della storia di Aimee che non è condivisa in questo video, è che anche se il governo taiwanese ha perseguito i trafficanti responsabili della sua adozione illegale, fino ad oggi, né il governo taiwanese né quello australiano hanno offerto nulla per aiutare Aimee in alcun modo. modo specifico nell'affrontare le continue ripercussioni dell'adozione illegale. C'è un'intera coorte di adottati taiwanesi in Australia con Aimee che erano il risultato del giro di trafficanti di Julie Chu a Taiwan che è stato perseguito. Nessuno ha seguito questi adottati per verificarli, per far loro sapere come è avvenuta la loro adozione, né per far conoscere loro eventuali supporti specifici.

Com'è etico che l'Australia e Taiwan possano ancora continuare a facilitare le adozioni internazionali oggi, senza alcun riconoscimento dei torti passati né un tentativo di affrontare gli impatti su queste vittime? QUESTA è un'adozione internazionale con una completa mancanza di dovere di diligenza nei confronti della persona più colpita, nel peggiore dei casi.

Clicca sulla foto di Aimee per ascoltare la sua condivisione.

Aimee

risorse

Webinar sull'esperienza vissuta di adozioni illegali e illecite che include un altro degli adottati trafficati taiwanesi, Kimbra Butterworth-Smith

Giustizia e responsabilità si verificano nelle adozioni illegali?

L'esperienza vissuta dell'adozione illegale internazionale

Voci contro le adozioni illegali parlano alle Nazioni Unite

Documento prospettico dell'ICAV: Suggerimenti di esperienze vissute per le risposte alle adozioni illegali e illecite in francese e inglese

I governi finalmente riconoscono le pratiche di adozione illecite e illegali

La sensazione di non appartenere a nessun luogo

Michelle è una delle nostre più eloquenti adottate nel serie di video. È così aperta e onesta riguardo alle sfide e adoro il suo coraggio nel parlare degli argomenti più nascosti nell'adozione: disturbi alimentari, tentativi di suicidio e ciò che sta alla base di questi; e la lotta per trovare un posto a cui appartenere e il bisogno di conoscere la verità delle nostre origini.

Clicca sull'immagine di Michelle per ascoltare il suo video.

Michelle

risorse

Leggi gli altri blog di Michelle: Madre e Lettera al presidente Moon.

Famiglie adottive e recupero dai disturbi alimentari

Rischio di disturbi alimentari negli adottati internazionali: uno studio di coorte che utilizza i registri nazionali svedesi della popolazione

Disturbi del comportamento alimentare nei bambini adottati

Ho disturbi alimentari?

Sintomi comportamentali dei disturbi alimentari tra adolescenti e giovani adulti adottati negli Stati Uniti: risultati del sondaggio Add Health

Il legame tra trauma infantile e disturbi alimentari

Adozione e disturbi alimentari: un gruppo ad alto rischio?

Problemi in allegato che possono contribuire ai disturbi alimentari

Identificazione con i nostri specchi genetici

Le persone che non vengono adottate troppo facilmente dimenticano che la biologia è importante: vedere la nostra biologia rispecchiata intorno a noi, ci radica nella formazione della nostra identità e del nostro senso di sé.

In questo breve intervento del ns serie di video, adoro i commenti di Ben sul guardare negli occhi del suo bambino e vedersi riflesso per la prima volta e l'impatto che ha avuto su di lui. Posso certamente relazionarmi anche con questo perché è stato solo quando ho avuto i miei figli che ho sentito un senso di sicurezza più profondo dentro di me – un senso di appartenenza che non avevo mai avuto prima.

Clicca sull'immagine di Ben per vedere il suo video.

Beniamino

Risorse che parlano dell'importanza degli specchi genetici:

Pensieri per genitori adottivi
Libero come un uccello

Video: Mirroring genetico: cos'è, come influisce sulle persone adottate e cosa puoi fare al riguardo (di Jeanette Yoffe, adottata dall'estero colombiano)

Puoi seguire Ben @ Insta su il_tranquillo_adottato

Una vita è stata vissuta prima dell'adozione

Adoro davvero il messaggio che Meseret condivide come un altro anziano adottato internazionale nel nostro serie di video. Fornisce un messaggio per i futuri genitori di essere rispettosi delle esperienze e della vita prima che un bambino torni a casa nella nuova famiglia adottiva e nel paese. Ci ricorda quanto sia difficile aspettarsi che un adottato si “fidi” della loro nuova famiglia, soprattutto quando la lingua è una barriera. Ci aiuta a essere realistici su ciò di cui ha bisogno una famiglia quando intraprende adozioni in età avanzata.

Clicca sull'immagine di Meseret per ascoltarne la condivisione.

Meseret

risorse

Trauma di transizione per gli anziani adottati

The Walk: una storia vera di Meseret Cohen

Recensione del libro antologico adottato dalla Bolivia

Sono stato davvero entusiasta quando ho sentito che c'era un libro creato da una rete globale di adottati boliviani! AMO che ci sentiamo da loro perché, sebbene non siano così numerosi come le coorti colombiane o cilene di adottati internazionali, fanno parte del gran numero che è stato mandato fuori dal Sud America da bambini. La loro voce, come tutti i gruppi di adottati internazionali, è davvero importante!

Mi è piaciuto molto leggere Storie comunali di sfollamento e adozione. Copre un'ampia gamma di 20 esperienze di adozione boliviane inviate in paesi in Europa (Italia, Svizzera, Germania, Belgio, Francia, Paesi Bassi, Norvegia), Stati Uniti e Canada. Ciò a cui ho immediatamente risposto è stata la bellissima opera d'arte che ti attira visivamente, fornendo un senso del colorato e vibrante cuore e anima boliviana all'interno di queste vite, nonostante gli effetti dello spostamento e dell'adozione.

Sento che la scelta della parola “spostamento” nel titolo è molto progressiva, un riflesso del più ampio percorso di risveglio dell'adottato. Ci sono voluti molti decenni alla comunità globale degli adottati per venire a patti e trovare la nostra voce sull'essere i prodotti dell'adozione forzata, cioè essere rimossi dai nostri paesi senza scelta. L'adozione è qualcosa che ci accade, non abbiamo voce in capitolo e non sempre nel nostro migliore interesse, come alcuni di noi attestano a distanza di decenni, e alcune di queste voci includono questo sentimento in questo libro.

Ciò che mi piace anche è che questo libro è finanziato dal Centro di supporto per l'adozione del Belgio – Steunpunt adotta, un'organizzazione senza scopo di lucro sovvenzionata dal governo belga. Sono principalmente responsabili dei servizi post-adozione e negli ultimi anni supportano gli adottati attraverso il loro bando annuale per progetti guidati dagli adottati. La Rete degli adottati boliviani ha ricevuto due finanziamenti: per la prima riunione degli adottati boliviani a Bruxelles nel 2019; e poi per il libro nel 2020. Speriamo che questo incoraggi altri paesi del mondo a fornire finanziamenti per progetti guidati dagli adottati come questa antologia!

Il libro è una piacevole lettura breve (98 pagine) con un'ampia gamma di stili di scrittura. Se hai una o due ore libere e vuoi capire meglio l'esperienza vissuta delle voci degli adottati boliviani, ti consiglio vivamente di prenderne una copia!

Puoi acquistare il libro a questo collegamento.

risorse

Gruppo Facebook per Rete di adottati boliviani

Risorsa correlata: Recensione del libro dell'antologia degli adottati colombiani

Italiano
%%piè di pagina%%