Riflessioni su come far parte del gruppo di lavoro sulle pratiche illecite dell'Aia

L'ho scritto un paio di settimane dopo il mio ritorno dall'Aia. Ho avuto un po' di tempo per riprendermi dal jet lag e raccogliere i miei pensieri e le mie impressioni dopo essere stato coinvolto nel gruppo di lavoro dell'HCCH per la prevenzione e la gestione delle pratiche illecite nell'adozione internazionale.

Clic qui per leggere il comunicato ufficiale.

Mi sento privilegiato per essere stato invitato a rappresentare gli adottati e riconosco di essere solo un adottato, ed è impossibile catturare le diverse opinioni di tutti su un argomento così emozionante. Non rappresento tutti gli adottati, ma ho fatto del mio meglio per garantire che le opinioni che ho condiviso non fossero solo le mie individualmente, ma rappresentassero gli anni di conversazioni e discussioni che ho avuto con molti adottati internazionali e leader adottati che si sono collegati alla rete ICAV sin dai suoi inizi nel 1998.

Una delle più grandi intuizioni che ho avuto partecipando, è stata l'enorme compito che consiste nel cercare di riunire vari paesi e farli "concordare e cooperare" su un argomento così complesso, comprese tutte le sfumature all'interno. Prima di partecipare, ho avuto un'idea utopica di ciò che accade a livello dell'Aia. Seduto nella realtà e ascoltando i vari punti di vista dei rappresentanti del paese, a volte molto diversi, ho capito l'importante ruolo che hanno Ufficio Permanente la squadra gioca a fare il “facilitatore”! Il loro ruolo è quello di ricordare ai paesi i quadri di riferimento (la UNCRC e il Convenzione dell'Aia per l'adozione internazionale), formulare proposte in linea con questi quadri e garantire che i rappresentanti dei governi possano parlare ed essere ascoltati in modo equo ed equo.

Non si può negare che l'UNCRC e la Convenzione dell'Aia per l'ACI siano tutt'altro che strumenti perfetti, ma almeno creano un forum come questo, in cui i paesi cooperanti si riuniscono per discutere questioni importanti. È inoltre emerso chiaramente che esistono differenze, da paese a paese, nell'interpretazione delle modalità di attuazione del quadro, delle risorse disponibili per farlo e dei limiti della legislazione esistente. Il pensiero che più mi ha colpito è stato: come affrontiamo noi adottati le adozioni illecite da paesi che non hanno aderito alla Convenzione dell'Aia? Dov'è il forum per questo? A chi andiamo per essere ascoltati? La risposta è che non ce n'è. Dobbiamo rivolgerci a ciascun paese non dell'Aia separatamente attraverso il loro governo. Potrebbero non avere un dipartimento governativo che ha autorità in quest'area o potrebbero esserci più dipartimenti.

Ora capisco che la Convenzione dell'Aia per l'ACI si è evoluta con l'UNCRC. Entrambi sono stati negoziati nello stesso periodo da quasi gli stessi paesi. Insieme riflettono storicamente il percorso di comprensione nell'adozione internazionale a livello di governo. Allora, nella sua infanzia, la Convenzione dell'Aia per l'ACI era il minimo che si potesse concordare. Da allora e attraverso forum come il Gruppo di lavoro, gli Stati sono incoraggiati ad aumentare le loro tutele dove possono. Siamo rimasti con la realtà che questo gruppo di lavoro sulle pratiche illecite è vincolato dalle limitazioni incluse nella Convenzione dell'Aia per l'ICA.

Credo sia positivo comprendere le differenze tra l'UNCRC e la Convenzione dell'Aia per l'ACI, ma non sprecare le nostre energie a litigare su cosa sia meglio o peggio. Sono pragmatico e per come la vedo io, non se ne andranno presto. Dobbiamo convivere con quello che abbiamo. Non c'è nessun altro governo internazionale concordato su un forum che permetta di discutere questi problemi specifici nell'adozione internazionale. Non preferiremmo essere coinvolti nella discussione di queste cose piuttosto che non esserci affatto? Nel partecipare a questo incontro, non dice che perdono le insidie di entrambi i framework, ma dice che mi impegno a ottenere una migliore comprensione, costruire relazioni dove posso e cercare di influenzare in ogni modo possibile, per migliorare le cose per i miei compagni adottati.

Giugno 2019 Gruppo di lavoro per la prevenzione e il contrasto delle pratiche illecite nell'adozione internazionale

I governi variano nella loro esperienza nell'attuazione di politiche e pratiche di adozione internazionale. Alcuni paesi hanno aderito molto presto alla Convenzione dell'Aia, altri hanno appena aderito e altri sono ancora in fase di elaborazione. Mi chiedo cosa ci vorrebbe perché la Convenzione dell'Aia nell'ACI sia in grado di "maturare", cioè cambiare o essere superata per garantire un migliore monitoraggio e attuazione? È possibile? Succede in altre Convenzioni? Da quello che ho capito, non era mai successo prima. Tutti i paesi dovrebbero essere d'accordo e ci vorrebbe un processo speciale chiamato Sessione Diplomatica creato per negoziare una nuova convenzione per sostituire quella esistente. Aspettarsi che la maggior parte dei 101 paesi della Convenzione nel clima politico odierno accettino di perfezionare ulteriormente la Convenzione esistente è un'utopia! Storicamente, convenzioni e trattati di questa natura cambiano solo quando il mondo attraversa una grande guerra. Gli Stati parti della Convenzione si incontrano ogni 5 anni (si chiama Commissione Speciale) per discutere il funzionamento pratico della Convenzione. Tuttavia, sebbene gli Stati siano incoraggiati ad applicare le decisioni prese durante queste riunioni, queste non sono vincolanti perché è vincolante solo il testo della Convenzione. Quindi non sto dicendo che sia impossibile, ma sottolineando quanto lavoro dobbiamo fare se questo è ciò che vogliamo ottenere.

La realtà di quanto sia davvero difficile aspettarsi che i governi affrontino il tema delle pratiche illecite nell'adozione è diventata cristallina durante questo viaggio. In primo luogo, a questo livello, per ottenere ogni paese firmatario riconoscere l'esistenza di pratiche illecite è un compito enorme e con questo gruppo di lavoro siamo già a metà strada. Poi per metterli d'accordo come rispondere, anche solo in teoria e solo per le adozioni dell'Aia, è un'impresa colossale. La politica coinvolta, le legislazioni che vincolano, i limiti.. Capisco perché ci vorrà del tempo perché il cambiamento avvenga e non è mai “abbastanza veloce” per gli adottati e le famiglie che lo vivono! Ma allo stesso tempo, sono stato incoraggiato a vedere che c'erano più di 20 paesi impegnati a partecipare all'incontro e dare all'argomento tempo, denaro, pensiero e impegno ben ponderati. Nella terra degli adottati, è facile per noi rappresentare i governi in un modo stereotipato: "disinteressato", "non desideroso di aiutare" o saltare alle conclusioni perché non è la risposta che vogliamo/abbiamo bisogno di sentire!

Credo che abbiamo bisogno di costruire più relazioni con i nostri governi laddove corrisponda, ad esempio, se non viene intrapresa un'azione legale contro di loro e dove mostrano la volontà di comprendere veramente la nostra prospettiva. Possiamo cercare di capire le barriere che devono affrontare, essere aperti a capire che potrebbero volere fare qualcosa per le passate pratiche illecite storiche nell'adozione, ma capire che non è un compito semplice: la legislazione e la politica possono spesso essere le loro barriere. Sono solo un braccio nell'enorme macchina governativa di ogni paese. Spero che i leader adottati in tutto il mondo, se non l'hai già fatto, chiameranno le tue autorità centrali: prova a costruire un rapporto con loro e aiutali a imparare dalla tua esperienza vissuta sulle sfide e sui problemi che affronti.

Sono uscito dall'incontro con una dura pila di realtà per quanto sia grande il compito di far affrontare e riconoscere le pratiche illecite nell'adozione, in particolare le adozioni storiche prima dell'UNCRC e della Convenzione dell'Aia sull'ICA. Ma resto positivo. Molti dei partecipanti mi hanno parlato di quanto hanno guadagnato ascoltando il punto di vista di un adottato. Ho comunicato che alcuni di noi sono disposti a essere coinvolti per aiutarli a capire le sfumature dal nostro punto di vista e parlare con i partecipanti mi ha ricordato quanto sia importante, non solo costruire punti in comune tra gli adottati, ma tra tutti i giocatori che hanno una chiave ruolo nell'attuazione del cambiamento.

lascia un commento

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%