Perché gli Intercountry Adoptees vogliono conoscere le loro origini?

Il desiderio di conoscere le mie origini è un bisogno umano innato e fondamentale (e giusto).

Il mio bisogno di conoscere le mie origini è simile al tuo bisogno di respirare l'aria che ti tiene in vita.

respiro d'aria di Tim Kakandar

Sappiamo che le nostre origini sono importanti solo quando non le abbiamo o non vi accediamo. Per chi come me, questa è la nostra esperienza quotidiana vissuta!

Come adottato all'estero, vivo tutta la mia vita cercando di scoprire da chi vengo e perché sono stato abbandonato/rubato.

È davvero difficile sapere come andare avanti nella vita se non so come e perché mi sono trovata in questa situazione innaturale. 

La mia vita non è iniziata con l'adozione! Ho una storia genetica, generazioni di persone prima di me che hanno contribuito a quello che sono.

Non possiamo fingere in questo mondo di adozione e formazione familiare che la genetica non abbia importanza, lo fa – in modo significativo; Non sono una tabula rasa su cui imprimere; ci sono conseguenze a questa pretesa e si vede nelle statistiche del nostro tassi più elevati di suicidi tra i giovani adottati!

Una delle esperienze più condivise tra gli adottati con cui mi connetto è il tema del "sentirsi soli", "come un alieno" e tuttavia gli esseri umani non sono fatti per essere isolati. Siamo esseri sociali che desiderano la connessione.

La separazione dalle mie origini naturali e la conoscenza di queste, mi ha lasciato disconnesso e perso in modo fondamentale.

La mia vita è stata spesa cercando di riconnettermi, prima con il mio io interiore, poi con il sé esteriore e con coloro che mi circondano, alla ricerca di un senso di appartenenza.

Come adottato, mi possono essere date tutte le cose materiali del mondo, ma non ha riparato il buco che sente la mia anima, quando non ha nessun posto e nessuno a cui appartenere, naturalmente.

La mia famiglia sostitutiva non equivaleva a un naturale senso di appartenenza.

Ho cercato le mie origini perché i miei sentimenti innati e l'esperienza di isolamento e perdita mi hanno spinto a scoprire da dove vengo e a dare un senso a come sono arrivato qui.

Questo è stato condiviso da Lynelle Long al webinar del 1 luglio: Il diritto del bambino all'identità nell'accoglienza eterofamiliare.

Una contabilità da un adottato

di Maria Cardara, adottato dalla Grecia negli USA; Professore Associato e Presidente del Dipartimento di Comunicazione presso la California State University East Bay.

Sono stati due anni incredibili ma, soprattutto, proprio nell'anno di una pandemia globale. È stato in quest'anno che ho trovato la mia voce come adottato. Sembrava che le stelle fossero allineate. Pensato per essere in questo momento, in questo spazio. Ho trovato persone, o forse sono loro che mi hanno trovato, che mi hanno portato alla mia comunità di compagni adottati, madri naturali, attivisti e sostenitori.

Tutto è iniziato dopo la morte di mia madre adottiva nel 2018. (Mio padre era morto 18 anni prima). La sua morte è stato uno dei momenti più tristi della mia vita. Di nuovo a sinistra, mi sono sentito. Lei e io eravamo cresciuti così vicini nel corso degli anni e avevamo trascorso molto tempo insieme, ma la sua partenza mi ha anche fornito lo spazio di cui avevo bisogno per considerare la vita davanti a lei. E lì era una vita prima di lei, per quanto breve possa essere stata. Anche il mio piccolo io aveva un passato. È stato sepolto, però. Oscurato. In molti modi, cancellato.

Che importava? Come potrebbe importare?

La mia adozione, che avevo messo da parte, era stata al centro e al centro di tutta la mia crescita da bambino e da adolescente. Non l'ho messo lì. Tutti gli altri l'hanno messo lì. Un'etichetta. Un tag. La mia identità è stata imposta. A volte mi ha stigmatizzato. E sicuramente mi ha reso un estraneo che guardava a una vita che ho vissuto, ma che non potevo veramente rivendicare. Come il mio. Da dove vengo in realtà.

Cosa mi ha portato fino ad oggi e qual è il motivo per cui ora posso scriverne?

Nel 2018, ho voluto avvicinarmi alle mie radici come adottato di origine greca. Mi sono iscritto a lezioni di lingua greca in una chiesa a Oakland, in California. Andavo a lezione tornando a casa a Sonoma ogni lunedì sera venendo dall'università dove insegnavo. Quelle lezioni mi hanno ricollegato alla mia cultura. È stata una gioia assoluta ascoltare la lingua, imparare a parlarla e divertirsi nella sua complessità con i miei compagni studenti tutti, almeno parzialmente greci, ma completamente greci nel loro amore per essa.

È stato durante questa lezione che mi è stato chiesto, από ου αι? Di dove sei? μαι α, potrei affermare con orgoglio con certezza. Sono un greco. α ? α. Sono nato ad Atene. οθετήθηκα. Sono stato adottato. io sono adottato. Come la recita di un mantra. Queste due cose mi identificano e sono le uniche due cose che so per certo, come ho notato prima nel mio scritto.

La mia compagna di classe, Kathy, ha detto: "Ho una cugina adottata, Mary, anche lei greca". Mi sono subito incuriosito. C'era qualcun altro che veniva da dov'ero io e che era marchiato come me?!

Adottato.

"Ha una storia incredibile, Mary", ha detto Kathy. “Devi incontrarla e, infatti, lo farai. Sta venendo a trovarci e la porterò in classe". Kathy mi ha raccontato la storia quel giorno e con ogni frase che ha pronunciato i miei occhi si sono allargati e ho continuato a ripetere le parole: No. Stai scherzando? Dio mio. Dio mio. Dio mio. Che cosa? Quella è incredibile!

Nel giro di una o due settimane da quando Kathy mi raccontava la sua storia poco plausibile, Dena Poulias venne in classe. Una donna graziosa, bionda, occhi azzurri, timida e tranquilla, è venuta con sua cugina per ascoltare la nostra lezione. Voleva partecipare, le ha chiesto l'insegnante? No, ha esitato. Era lì solo per ascoltarci e per incontrarci.  

Dopo la lezione mi sono presentata in modo più completo e le ho detto che avevo sentito la sua storia. Sono uno scrittore, dissi a Dena. Sarei onorato di scrivere la tua storia. Mi ha detto che desiderava scrivere la sua storia da anni, ma non ci era riuscita. Non era una scrittrice, disse. Le ho dato il mio numero e il mio indirizzo email. Penso di averla contattata una volta, ma non era pronta. La sua è stata una storia pesante e dolorosa. Non poteva essere successo, ho cercato di convincermi.

Settimane dopo, Dena ha scritto e ha detto che era pronta a parlare. Decise che voleva che raccontassi la sua storia e così nel corso di circa un anno, a intervalli di due giorni qui, una settimana là, il mese successivo avremmo parlato. Be', lei parlava e c'erano così tante cose che non riusciva a ricordare con esattezza. Ma suo marito era il suo ricordo. Così era sua cugina, Kathy. E sua sorella. E sua madre e suo padre. La storia, a differenza di qualsiasi altra cosa che avessi mai scritto, scorreva fuori da me. Sono un giornalista e quindi ho scritto notizie e documentari. Questo era diverso. Saggistica letteraria. Ricreavo scene e dialoghi raccontatimi da fonti in prima persona. Era di portata visiva. Molti che hanno letto le anteprime hanno detto che era cinematografico. Qualunque cosa fosse, era tutto vero. Dena, finalmente, stava raccontando la sua storia a qualcuno e sono stato ispirato dal fatto che finalmente l'abbia fatta uscire fuori.

Nel corso della scrittura, avevo bisogno di alcune informazioni importanti. Stavo per coinvolgere una rispettata organizzazione greca in alcune scandalose pratiche di adozione negli anni '50. Anche curiosare da solo sui social media e fare domande ha portato alcuni commenti online piuttosto odiosi. Quando ho contattato l'organizzazione stessa, prevedibilmente ha negato qualsiasi azione sbagliata. Il presidente ha letteralmente detto: "Non ho idea di cosa tu stia parlando". Vieni a dare un'occhiata ai nostri file a Washington, DC, disse. "Non abbiamo niente del genere e nessuna storia del genere."

Inserisci un Gonda Van Steen, uno dei più eminenti studiosi del mondo in studi greci moderni. Nella mia ricerca, mi ero imbattuta nel suo nuovo libro intitolato Adozione, memoria e guerra fredda Grecia: Kid Pro Quo? Le ho scritto di punto in bianco, mi sono presentato, le ho detto che ero un giornalista e le ho chiesto di questa particolare organizzazione. Lei lo sapeva? Era coinvolto nel commercio e, in alcuni casi, nella "vendita" di bambini?

L'organizzazione era effettivamente coinvolti in queste pratiche di adozione non etiche. Faceva sicuramente parte della storia di Dena. Gonda aveva detto, nel corso delle nostre conversazioni, che la storia che stavo scrivendo suonava terribilmente familiare. Infatti, Dena Poulias compare alle pagine 202 e 203 del suo libro ed era uno dei casi che aveva seguito e raccontato. Ha detto che era stata una delle storie più "commoventi" che aveva incontrato. Gonda ha iniziato a riempirmi la testa di storia e a contestualizzare la mia adozione.

ho continuato a scrivere.

All'inizio del 2021, più o meno quando ho finito la storia di Dena, ho letto un altro incredibile libro sull'adozione chiamato bambino americano, scritto dalla brillante autrice di best-seller, Gabrielle Glaser. Non riuscivo a metterlo giù e sono rimasto trafitto da un'altra incredibile, incredibile storia di adozione simile a quella di Dena. Questo libro è incentrato sulle adozioni domestiche, che sono state altrettanto orribili quanto ciò che stava accadendo sulla scena internazionale. La scrittura di Glaser mi ha spezzato il cuore e in qualche modo l'ha svegliato.

Ho deciso, dopo aver consultato Gonda, di raccogliere storie di adottati nati in Grecia e di metterle in un'antologia. Questo gruppo di adottati, "i bambini perduti della Grecia", non era mai stato sentito prima! Durante le conversazioni sull'avvicinamento agli autori, Gonda ha suggerito, sai, Mary, dovresti contattare Gabrielle Glaser e chiederle se avrebbe scritto The Forward. Da un lato, ho pensato che fosse un'idea folle. Voglio dire, giusto. Gabrielle Glaser?! Veramente? Poi ho pensato, beh, perché no? Le scrissi come avevo scritto a Gonda. Freddo. Ma lei era lì. Lei rispose. Era adorabile. E oggi siamo amici. Il suo libro mi ha anche fatto rivalutare l'adozione stessa. Compreso il mio.

Come ho spiegato in un recente forum online sull'adozione, mi sono sentito come il Leone che ha trovato il suo coraggio, lo Spaventapasseri, che ha trovato il suo cervello e l'Uomo di latta che ha trovato il suo cuore tutto in una volta. Dena mi ha dato coraggio. Gonda mi ha fatto pensare a quello che è successo a me ea migliaia come me. E Gabrielle mi ha aiutato a sentire il battito del mio cuore.

Attraverso di loro ho trovato la mia strada per Greg Luce e Lynelle Long e Shawna Hodgson e così tanti altri troppi da nominare. Ora sto con loro e con i nostri alleati, parlando e scrivendo e sostenendo i diritti degli adottati.

È così che sono arrivato a questo punto. Ma perché scrivo qui e ora?

La condivisione della mia storia di adozione ha suscitato sentimenti e pensieri in altri A proposito di me. Si chiedono. Perché e come mi sento come mi sento? Perché non ho condiviso prima? I miei sentimenti li rendono tristi. Pensavano che fossi felice. Semplicemente non capiscono. E tu sai cosa? Potrebbero mai. Comprendere. E va bene. Non posso e non voglio difendere i miei sentimenti, che sono reali, per quanto estranei e irragionevoli possano sembrare agli altri.

Non ho pensieri sul fatto che avrei dovuto essere adottato o meno. Non ho pensieri sul fatto che la mia vita in Grecia sarebbe stata migliore. Non biasimo nessuno per quello che mi è successo e per come è successo. Non posso tornare indietro e rimettermi in gioco con le persone che stavano facendo quello che stavano facendo. So che stavano prendendo decisioni che pensavano, in quel momento, fossero nel mio interesse.

Non si sono resi conto che mia madre naturale stava soffrendo. Che aveva una famiglia, che l'aveva abbandonata perché era una madre adolescente e nubile. È stata messa da parte ed è stata relegata senza importanza nella storia della mia vita. Come può essere? Io e lei una volta eravamo una cosa sola. Le era stato promesso da un delegato che nessuno l'avrebbe "disturbata" mai più. Si è mai ripresa dalla vergogna che le è stata imposta? E dalla nostra separazione? Aveva bisogno di sostegno e amore per prendere una decisione sobria riguardo al suo bambino, alla sua stessa carne e sangue. Non mi importa se aveva 14 o 24 anni. Aveva bisogno di aiuto.  

La regina Frederika di Grecia ha iniziato una casa trovatello ad Atene 1955

Ho appreso di recente il numero che mi è stato assegnato quando sono stato collocato nella Casa dei trovatelli di Atene l'11 gennaio 1955. È 44488. Ciò significa che migliaia di bambini sono venuti prima di me, tutti relegati ai numeri. Il numero, per quanto freddo, può sbloccare alcune informazioni che desidero e di cui ho bisogno. Ho controllato alcune vecchie lettere dell'agenzia di servizi sociali che si occupava del mio caso. Una lettera dice che ci sono due persone elencate sui giornali quando sono entrato in quell'orfanotrofio. Una madre e un padre. Ho il suo nome. voglio il suo. Chi sono? Da dove vengo? E cosa è successo? Fondamentale per l'integrità di ogni persona è la conoscenza del proprio passato.

Pensa a questo. Se non sei stato adottato, crescendo hai ascoltato la tua storia, forse ancora e ancora. È stato dolce e sentimentale mentre ascoltavi la storia della tua nascita e dei tuoi primi giorni. Sei stato concepito in una certa serie di circostanze. Sei nato in una certa serie di circostanze. I tuoi genitori ricordano quel giorno. Ti raccontano di quel giorno, cosa hai fatto, cosa hanno fatto loro, come eri, quanto pesavi, com'era quando ti hanno portato a casa, che tipo di bambino eri. Insomma, hai avuto una storia che le persone hanno condiviso con te. La mia storia è iniziata nel momento in cui sono entrato tra le braccia di un'altra famiglia che non era la mia. C'era qualcosa, per quanto breve, prima, e io non lo so. Questo è il punto.           

Sono stata collocata con meravigliosi genitori adottivi e in una grande e amorevole famiglia greco-americana. Non ho perso la mia lingua o la mia cultura. I miei genitori erano incredibilmente affettuosi e non posso descrivere la profondità del mio amore per loro e per i miei nonni. Apprezzo la vita che mi hanno dato. Apprezzo la mia famiglia e i miei amici. Ero un bambino felice e un adulto ancora più felice. Chi mi conosce probabilmente descriverebbe il mio amore per la vita e le risate e il mio livello di impegno per le cose e le persone a cui tengo.

MA questo non ha niente, niente a che fare con quello che è successo prima. Queste sono due cose separate. Gli adottati che conosco si sforzano di diventare esseri umani completi. Ciò significa che avevano un passato e hanno bisogno di conoscerlo appieno. Meritano atti di adozione aperti, certificati di nascita originali e cittadinanza di origine, se lo vogliono. Gli adottati hanno diritto a questi e anche noi abbiamo diritto ai nostri sentimenti e pensieri sulla nostra vita. Come ha spiegato di recente un'adottato, incontrare un genitore naturale ti consente di tagliare il cordone ombelicale emotivo. Invitiamo gli altri a fare domande perché si preoccupano di capirci, ma per favore non metterci sulla difensiva. Non dobbiamo spiegare. Siamo stanchi di spiegare. Stiamo solo pensando alle nostre esperienze personali, che sono tutte diverse.  

bramo la connessione. Connessione profonda e inconfondibile con gli altri. Lo sai quando lo provi con un altro essere umano. Forse lo senti così completamente che ti sembra di conoscerli da tutta la vita o in un'altra vita. Sai di cosa sto parlando. Per me, quella connessione è quasi qualcosa di divino. Corro verso la luce e tengo quella fiammella come un fiore prezioso e fragile. me ne occupo io. Coltivalo. Amo sentirmi come se appartenessi e a volte quella sensazione, così bella, è sfuggente nella mente e nel cuore di un adottato.

Anche questo adottato è gay. Quindi, ci sono due punti di differenza che ho dovuto navigare.

Sto con la stessa donna da quasi 30 anni. Circa quindici anni fa ho adottato i suoi figli da un precedente matrimonio. Non c'è un modo semplice per dirlo, ma il padre li ha abbandonati quando erano piccoli. Sono stato un genitore con lei da quando i ragazzi avevano 2 e 3 anni. Non avrebbero potuto essere più "i miei figli". I nostri amici hanno riconosciuto il mio posto nelle loro vite, ovviamente, ma c'erano altri che non avrebbero mai potuto e non l'hanno mai fatto.

Il mio compagno era il "vero" genitore. Quelli erano i "suoi" ragazzi, non miei, mai miei agli occhi di alcuni. Non facevo parte della loro famiglia, ma semplicemente un estraneo. Questo è stato incredibilmente doloroso. In effetti, proprio di recente i ragazzi (ora uomini) sono stati presentati come suoi figli mentre io ero proprio lì.

Che significato ha l'adozione? No, sono serio. Diavolo, non lo so nemmeno io e sono stato adottato e l'ho adottato!

Ho potuto ristabilire la mia cittadinanza greca anni fa e ne sono felice, grato.

Poter ottenerlo è stata l'eccezione alla regola, ho imparato. È stata, per molti versi, un'esperienza umiliante cercare di dimostrare più e più volte chi ero, dove sono nato ea chi. C'era il problema di un certificato di nascita alterato, cosa che non sarebbe mai dovuta accadere e di certo non ha aiutato, ma questa è un'altra storia.

Il mio partner è completamente greco (americano). I bambini sono completamente greci (americani). La mia compagna ha ottenuto la cittadinanza greca tramite i suoi genitori (nati in Grecia) e volevamo che anche i ragazzi avessero la cittadinanza greca nel caso in cui, in futuro, volessero un giorno lavorare in Grecia o all'interno dell'UE. Sarebbe stata una battaglia in salita per dimostrare la connessione greca attraverso i loro nonni materni e poi anche attraverso il loro padre greco e i suoi genitori, con i quali non sono più in contatto. Ma aspetta! Ero il loro genitore legale e anch'io nato greco. Un cittadino! Potrebbero ottenere la cittadinanza tramite me, un genitore legale. Non potrebbero? Facile, no? Ma tieni duro!

Questo non doveva essere. Poiché non ero un genitore naturale, in mancanza di quella connessione biologica, non era permesso. Le persone ottengono la cittadinanza greca attraverso genitori e nonni. Ad altri viene concessa la cittadinanza greca perché sono studiosi famosi o attori o autori, senza alcun legame biologico con la gente del paese. Ma io, un adottato di origine greca, che per caso ha adottato due ragazzi greco-americani, non ho potuto stabilire la cittadinanza per i miei figli. Sono meno miei figli perché non siamo biologicamente imparentati? Non sono affatto miei figli?

Adozione.

Vedi perché ci sentiamo come ci sentiamo. È complicato e spesso significa poco agli occhi di alcuni. Rimane uno stigma. C'è discriminazione. Ancora.

Il sangue non è acqua. Ti piace la compagnia di alcune famiglie quasi come un ospite d'onore, ma spesso non come un membro in buona fede. Sei fuori da qualcun altro, ma non completamente loro.

Non biasimo nessuno. Non sono arrabbiato. Ma questa è la mia realtà. Possiedo tutto e mi va bene. Devo essere. Ma per tutti gli amici e la famiglia degli adottati, vi preghiamo di comprendere che non solo abbiamo diritto a tutti i nostri record. Abbiamo anche diritto alle nostre esperienze e ai nostri sentimenti. Non riflettono su di te. Non riguardano te. Prendiamoli. Possediamo la nostra causa. E per favore, prova ad ascoltare prima. 

A proposito di Mary

Mary ha conseguito un dottorato di ricerca. in Public and International Affairs ed è Professore Associato e Presidente del Dipartimento di Comunicazione dove insegna Comunicazione Politica, Giornalismo e Film documentario alla California State University, East Bay. Mary sta attualmente compilando un'antologia di storie di adottati greci e ha 13 collaboratori per la raccolta con il titolo provvisorio "Voices of the Lost Children of Greece", che sarà pubblicata da Inno stampa nel 2022. Se desideri partecipare, contatta Maria.

Per altri articoli di Mary, leggi Riportateli indietro e Esigere ciò che ci appartiene: la nostra identità greca.

L'adottato inconsapevole

di Krishna Rao adottato dall'India negli Stati Uniti.

Il giorno in cui ho saputo di essere stato adottato, entrambe le mie famiglie sono morte. Quelli che mi hanno cresciuto, si sono rivelati una farsa. Quelli che non l'hanno fatto, si sono rivelati un enigma.

Nel giugno del 2019 a 34 anni ho saputo di essere stata adottata dopo aver fatto un test del DNA per gioco. Sicuramente sono state tante le emozioni che ho provato quando ho fatto questa scoperta. Dall'avere la mia identità in frantumi, al mettere in discussione tutto sul mio passato.

Per 34 anni ho creduto di essere il parente biologico dei genitori che mi hanno cresciuto, perché è quello che mi hanno detto. E sì, ho sempre sentito che qualcosa fosse strano, semplicemente non avevo la conoscenza cosciente per sapere cosa fosse.

Nei primi giorni in cui ho scoperto la mia adozione, mi sono imbattuto nel podcast di April Dinwoodie. In uno dei suoi podcast intervista Darryl McDaniels di Run DMC, che a quanto pare, è anche un adottante scoperto in ritardo e ha appreso della sua adozione a 35 anni. Darryl ha detto qualcosa che mi è rimasto davvero impresso. “Posso usare la mia storia non solo per migliorare la mia vita, ma posso aiutare tante altre persone che si trovano nella mia stessa situazione a capire meglio le loro vite”.

Quello che ha detto mi ha ispirato a iniziare a condividere la mia storia. Ho quindi iniziato a scrivere sul blog della mia esperienza. ho creato un Instagram pagina e condivido i miei pensieri su Twitter. Mi ha permesso di elaborare cosa significa essere adottato. Per tutta la mia vita fino a quel momento, sono stato cresciuto come un adottato, senza mai sapere consapevolmente di essere stato adottato.

Documentare i miei pensieri, emozioni ed esperienze è un modo per me di lavorarci sopra e guarire.

Da quel momento ho imparato molto. Ma in nessun modo, la forma o la forma fanno di me un esperto in adozione. Ho ancora molto da imparare e, soprattutto, molta guarigione.

Viviamo in un mondo in cui condividere è così facile ora. I miei pensieri hanno raggiunto persone provenienti da tutto il mondo. E così tanti altri. A tal proposito, è interessante leggere tutte le diverse opinioni che gli adottati hanno sull'adozione. Alcuni sono a favore, altri contro. Alcuni nel mezzo, e ci sono quelli che semplicemente non hanno affatto un'opinione.

Quando penso a dove mi trovo, mi sembra che non ci sia una risposta definitiva. Non sono in adozione. Non sono contrario all'adozione. Ad oggi, mi sento più come se fossi contrario alle cazzate su tutta la faccenda.

Non credo che l'adozione scomparirà nel corso della mia vita. non vedo come. È più che dare una casa a un bambino. In molti casi si tratta di dare a una persona l'opportunità di avere una vita. Non garantisce una vita migliore, solo una diversa.

Mi piacerebbe vedere più movimento nella conservazione della famiglia, ma come adottato all'estero, capisco che l'idea della conservazione della famiglia richiederà molto più lavoro. Come cambiamo la mentalità di intere società? In molti luoghi l'adozione è ancora profondamente stigmatizzata. Sono stato adottato dall'India negli Stati Uniti e anche se le persone adottano in India a livello nazionale, ho la sensazione che sia ancora un argomento tabù. I miei documenti dall'India affermano che sono stato abbandonato perché mia madre non era sposata. È come se l'unica opzione per una donna incinta non sposata fosse abbandonare suo figlio.

Tutti coloro che sono colpiti dall'adozione hanno le proprie opinioni e come persona che è entrata in questo spazio meno di due anni fa, sono stanco di vedere divisioni. Abbiamo tutti diritto a un'opinione. Siamo tutti autorizzati a dire le nostre menti. Per lo stesso motivo, ad altri è permesso non essere d'accordo.

So che non tutto ciò che dico o condivido è gradito ad alcune persone e per me va bene. Ma come prendiamo questo problema e lo trasformiamo in un approccio gradevole?

Personalmente penso che la definizione di adozione debba cambiare. Non si tratta solo di prendere un bambino e metterlo in una nuova famiglia dove perde tutto quello che aveva una volta. Lo vedo sempre in cui le persone parlano di ciò che è meglio per i bambini, dimenticando per tutto il tempo che questi bambini cresceranno, si formeranno opinioni lungo la strada e diventeranno adulti. L'ho fatto sicuramente.

Questi adulti non sono più bambini adottati. Non sono bambini periodo. E questi adulti hanno già una famiglia. Hanno già radici.

Ero qualcuno prima che l'adozione mi cambiasse. Non è tutto sole e arcobaleni, ma è ancora lì. Come qualcuno che non conosce la sua storia di origine, voglio la mia. Anche se è destino e oscurità.

Quando si parla di adozione, credo che le parole contino. La lingua inglese non è abbastanza complessa per aiutarci a definire i rapporti in adozione.

Per come la vedo io, i miei genitori sono le persone che mi hanno cresciuto. Non sono mia madre e mio padre. I miei adottanti sono figure materne e paterne, non sostituti. Mia madre e mio padre, quelli che ho già, non sono i miei genitori perché non mi hanno cresciuto. Comunque sia visto, o definito, posso ancora accettare entrambi i gruppi di persone come mia famiglia.

Posso prendere quella decisione anche se sembra che la società voglia che io separi i due e dica che appartengo a quelli che hanno speso tempo e risorse su di me. Spendere tempo e risorse non importa se la relazione è condizionata e, nel mio caso, quando è piena di inganni. Chiunque avrebbe potuto nutrirmi e proteggermi, ma ci vuole molto di più per dare una vita a qualcuno.

Detto questo, scelgo a chi appartengo. E in questo momento, nessuno di loro. Come mai? Perché non riesco ad apprezzare il fatto che altre persone abbiano fatto delle scelte per me. Scelte che hanno portato alla mia rinuncia e poi alla mia adozione.

Entrambi i set sono stati sottoposti a lavaggio del cervello in qualche forma o forma. Agli adottanti è stato probabilmente detto e hanno sentito che i bambini adottati sarebbero stati loro. Si sono spinti un po' troppo oltre, e come tali non mi hanno mai detto che ero stato adottato. E posso solo ipotizzare cosa abbia passato mia madre naturale. Mi viene detto che i figli di madri non sposate non sono degni di essere tenuti. Leggere la storia delle adozioni in India e come vengono trattate le donne non sposate quando si tratta di essere incinte non è stato molto positivo.

Il mio passato è fuori dal mio controllo e devo accettarlo. Ora sono io quello che deve spendere tempo e risorse per elaborare tutto questo da solo.

So che ci sono genitori adottivi decenti là fuori, che crescono i figli di altre persone e li sostengono come adottati. Ne conosco alcuni. Conosco e ho letto di coppie che riportano i loro adottati nei loro paesi di nascita. Vogliono davvero aiutarli a trovare le loro famiglie. È sorprendentemente illuminante e straziante per me perché so che era un'opzione che non ho mai avuto modo di sperimentare. Invece, questo ora è diventato un processo e un viaggio che faccio da solo.

Non so dove stavo andando con questo. È solo. Conosco la mia adozione da 20 mesi. Sono andato avanti a tutto vapore cercando di imparare e assorbire tutto ciò che potevo e ogni giorno la mia prospettiva cambia. Cerco di imparare da tutte le parti prima di formarmi un'opinione. E ci sono molti lati in questo.

L'adozione è un'esperienza complicata e traumatica.

Questo è il motivo per cui dico che sono contro le stronzate. Sono stanco della merda che non importa. Ci deve essere un modo per renderlo migliore.

Meglio per gli adottati perché qui sono in gioco le nostre vite e il nostro benessere!

Lettera di adozione Maori al Ministro della Giustizia neozelandese

di Bev Reweti, adottata transrazziale, portata con la forza dal suo Maori Whanau a una famiglia adottiva bianca in Nuova Zelanda ; attualmente in procinto di intentare un'azione legale contro lo stato della Nuova Zelanda per essere stata sfollata dalle sue origini.

Questa è la mia lettera al Ministro della Giustizia della Nuova Zelanda riguardo alla mia posizione sulla legislazione sulle adozioni che rimuove i bambini Maori dai loro whanau, hapu e iwi.

Hon Kris Faafoi
ministro della giustizia
giustizia.admin@parliament.govt.nz

12 marzo 2021

Caro signor Faafoi

Sono lieto di sapere che in questa legislatura porterete avanti la riforma della legge sulle adozioni.

Sono nato il 30 maggio 1956 a Wanganui da Robin Jean Oneroa e Reweti Mohi Reweti II, I whakapapa da Ngatiwai, Ngapuhi e Ngati Whatua.

Sono stato adottato il 25 giugno 1957 tramite la Pretura Patea da una coppia non Maori. Il mio nome è stato cambiato dal mio nome di nascita Mary Oneroa al mio nome adottivo.

Sono il ricorrente per Wai 2850, un reclamo per conto mio, e tamariki Maori che sono stati sfollati dai loro whanau, hapu e iwi (il mio reclamo), che è attualmente archiviato nell'indagine Wai 2575 Health Services and Outcomes Kaupapa (l'Health Inchiesta).

È mia posizione che tutta la legislazione che rimuove Maori Tamariki dal loro whanau, hapu e iwi costituisce una violazione dell'articolo 2 di te Tiriti o Waitangi / il Trattato di Waitangi (te Tiriti / il Trattato) che garantisce Maori tino rangatiratanga su tutti i nostri taonga, compresi Tamariki Maori e il loro benessere.

Sono coinvolto con il gruppo InterCountry Adoptee Voices (ICAV). ICAV è una piattaforma e una rete di supporto per gli adottati internazionali e per i problemi che affrontano crescendo in questo tipo di spazi, inclusa la rimozione forzata di Tamariki dal loro whanau.

Nel 2001, The Benevolent Society ha pubblicato un libro intitolato Il colore della differenza, di cui ho fatto parte e riguarda i viaggi degli adottati transrazziali. Ho anche fatto parte del suo sequel pubblicato nel 2017, un progetto di ICAV, chiamato Il colore del tempo che esplora gli impatti dell'adozione internazionale su un lungo periodo di tempo (16 anni dopo Il colore della differenza).

I Tamariki Maori che sono posti al di fuori del loro whanau o iwi, come me, hanno sperimentato una perdita della vera identità. Siamo posizionati tra le nostre famiglie di nascita e le famiglie scelte per prendersi cura di noi dallo Stato.

Spesso abbiamo comportamenti e sentimenti oltre patologizzati, mentre ci viene richiesto anche di integrare il trauma della rimozione dai nostri whanau, hapu e iwi, il tutto senza comprensione o supporto specialistico.

Da molto tempo partecipo attivamente a tutte le questioni relative allo sfollamento e all'adozione e chiedo giustizia per tutti coloro che sono stati colpiti dallo spostamento di tamariki Maori da whanau, in particolare quelli che sono portati sotto gli auspici di Oranga Tamariki e altre organizzazioni fornire cure.

È stato attraverso il mio coinvolgimento e la mia grande preoccupazione per i processi relativi alla rimozione forzata di Tamariki Maori dal loro whanau e ho incaricato i miei avvocati di esaminare questi processi ai fini dell'inchiesta sanitaria, che ha portato al monumentale caso Hastings e al tentativo di sollevare pepi appena nato da una giovane madre Maori.

Attendo ulteriori comunicazioni.

Naku noa na

Bev Wiltshire-Reweti

Il dolore sopportabile di essere adottati

di Kara Bos, nato in Corea del Sud e adottato negli Stati Uniti. Kara è diventata la prima adottata internazionale coreana a combattere legalmente e ad ottenere i diritti di paternità per suo padre coreano.

Quasi un anno fa è stato confermato che ? era mio padre. È la prima volta che condivido pubblicamente il nome di mio padre.

Mentre cammino sotto questi bellissimi fiori di ciliegio e apprezzo la loro bellezza, il mio cuore continua a tentare di riparare dopo essere stato frantumato in un milione di pezzi nel corso di un anno. La conferma nel DNA nel sapere chi era mio padre, ha portato un senso di vittoria quando ero costantemente di fronte all'incertezza e mi dicevano che mi sbagliavo. La continua mancanza di comunicazione, il trattamento disumano e il non permettermi di incontrare mio padre dalla sua famiglia mi hanno spinto a reagire e a rivendicare la mia identità.

Il 12 giugno 2020 ha segnato la data in cui sono stato riconosciuto dalla legge coreana che ? era mio padre, e sono stato aggiunto nel suo registro di famiglia come ?, che avrebbe dovuto essere fatto nel 1981, quando sono nato. Anche questa è stata una vittoria nel rivendicare ciò che era perduto, la giustizia rettificata. Non ero più un orfano, con genitori sconosciuti e nessuna identità. Tuttavia, il mio unico incontro sarà per sempre inciso nella mia memoria e nel mio cuore come un film dell'orrore. Uno pieno di rammarico e cosa succede se... come ho scoperto in seguito, da agosto è stato portato in ospedale e vi è rimasto fino alla sua morte, avvenuta il 3 dicembre 2020 (86 anni).

Se non avessi fatto causa a novembre 2019, ad aprile 2020 non avrei saputo che era mio padre, non l'avrei mai incontrato e non saprei ora che è morto.

Anche se questo cuore spezzato è stato immenso, almeno lo so... è questo che significa essere adottati.

#adoptee #coreanadoptee #reclaimedidentity #origin

Leggi l'altro post di Kara: La brutale agonia della calma dopo la tempesta.

Cosa ci vorrebbe per scegliere di farmi da genitore?

di Cam Lee Piccolo, adottato dalla Corea del Sud negli Stati Uniti, terapista presso TerapiaRiscattato.

Non tutti i bambini possono fare questa domanda prima di diventare adottati. E non tutte le future mamme hanno la possibilità di rispondere.

So che ci sono così tanti tipi di circostanze rappresentate nella nostra comunità, anche mentre stai leggendo questo e mentre contribuisci a questa comunità di adozione molto speciale a cui apparteniamo.

Questa domanda è sorta per me mentre mi chiedevo di mia madre di recente, ed è stata portata ulteriormente in superficie mentre guardavo alcuni clip da Il bambino del karate.

Gli adottanti sperimentano una perdita di scelta e di voce quando si tratta di una tale decisione, di fare da genitore al bambino o di rinunciare all'adozione... e TROPPI adottanti respingono i sentimenti dei loro figli a riguardo. Troppi.

Permettere. Figli. addolorarsi.

Non dire agli adottati che stanno facendo un grosso problema con una cosa così piccola. Chiedi perché le agenzie di adozione e i mediatori di potere all'interno di quelle istituzioni hanno fatto una tale fortuna interrompendo queste sacre relazioni.

Per favore lasciaci addolorarlo. E permettici di chiederci: "E se?" Anche se la risposta è irrisolvibile, quel qualcuno è qui per ascoltarla con noi, per riconoscerne il peso.

Perché di certo non dovevamo portarlo da soli. Possa il nostro messaggio reciproco essere: "Non devi".

#adoption #adoptionstory #adoptionjourney #adoptivefamily #trauma #traumarecovery #traumainformed #traumatherapy #transracialadoption #transracial #koreanadoptee #koreanadoptees #internationaladoption #adoptionblog #identity #resilience #adopteevoices #adopteerights #therapeutic #counselingpsychology #mentalhealthawareness #adoptionawareness #therapyredeemed

Sostengo #NotAthing

Fondatori di #NotAThing: Allison Park, Kara Bos, Brenna Kyeong McHugh, Cameron Lee, Kevin Omans, Patrick Armstrong e Richard Peterson. Le artiste dei media Valerie Reilly (Graphic Designer) e Sarah Monroe (Videographer) e la traduttrice coreana della petizione Jullie Kwon.

Non sono un adottato internazionale o nazionale coreano, ma sono un adottato internazionale e questo non è solo un problema di adozione coreano, è un problema globale per tutti coloro che sono interessati dall'adozione. Sto con gli adottati coreani che chiedono Presidente Moon scusarsi e incontrarli per discutere su come proteggere meglio i bambini vulnerabili.

Sono contro l'omicidio e l'abuso di qualsiasi bambino che viene inserito in una famiglia adottiva.

Anch'io sono contro qualsiasi retorica che minimizza ciò che è accaduto e tenta di scaricare la responsabilità sul bambino - come se fosse la causa, non abbastanza buona, e avesse bisogno di essere "scambiata" per vestito migliore le esigenze della famiglia adottiva.

È tempo che i governi del mondo, che partecipano, promuovono e guardano all'attuale sistema di adozione plenaria, siano sinceri e realistici riguardo agli svantaggi che questo sistema crea.

La mia prima argomentazione è che l'attuale sistema plenario di adozione non rispetta i diritti del bambino e diventa troppo facilmente una merce in un mercato in cui le famiglie adottive scelgono e scelgono il bambino di loro scelta. Le parole mal scelte del presidente Moon riflettere semplicemente questa realtà. Le sue parole ci dicono quello che già sappiamo: i bambini sono una merce nell'economia di oggi – abbinati teoricamente alle esigenze dei futuri genitori, e non viceversa! Se ci fosse una parvenza di uguaglianza in questo sistema, noi bambini potremmo liberarci più facilmente delle famiglie adottive quando le riteniamo ugualmente inadatte! Ma la realtà è che siamo bambini quando avviene l'adozione e come piccoli Jeong-In, non hanno potere o voce in capitolo su ciò che ci accade. Siamo adottati nella famiglia per la vita, i nostri diritti alle nostre origini di nascita irrevocabilmente negati, la nostra adozione, come scrive Pascal Huynh, “è come un matrimonio infantile combinato”. La maggior parte del mondo in qualche modo capisce quanto sia immorale un matrimonio precostituito, eppure parliamo ancora di adozione plenaria come se fosse il salvatore di un bambino.

Grazie alla recente pubblicità di Il caso di Netra Sommer, il pubblico di tutto il mondo si è recentemente reso conto di quanto sia difficile per noi adottati revocare le nostre adozioni. Netra ha impiegato più di 10 anni per poter annullare la sua adozione! Per quanto riguarda eventuali pari diritti nel sistema attuale, le madri ei padri della perdita ottengono anche meno di noi adottati. Sono scoraggiati dal cambiare idea se non desiderano più abbandonare il loro bambino, tuttavia il presidente Moon sta incoraggiando pubblicamente un processo che consenta ai genitori adottivi/potenziali di cambiare il loro. Questa è la natura unilaterale del sistema di adozione!

La morte di Jeong-In mette in luce alcuni altri problemi fondamentali che ho con il sistema di adozione plenaria:

  • La mancanza di follow-up, ricerche o statistiche a lungo termine sugli adottati dopo il periodo di adozione e post collocamento.
  • La selezione e la valutazione dei futuri genitori da parte dell'agenzia di adozione e la loro mancanza di responsabilità nel loro ruolo.
  • La cieca convinzione all'interno del sistema di assistenza all'infanzia, che un genitore adottivo non farebbe mai del male a un bambino. Ma con tutti gli indicatori mostrati in questo video del riconteggio da parte degli operatori di assistenza all'infanzia che hanno cercato più volte di segnalare che le cose non andavano bene per questo bambino, non è stata intrapresa alcuna azione per sospettare che i genitori adottivi abbiano fatto del male a questo bambino. Ciò riflette la visione unilaterale delle prime famiglie che sono demonizzate e viste come gli unici autori di violenze o abusi contro i loro figli. Al contrario, i genitori adottivi sono visti come salvatori/soccorritori, ma tuttavia molti adottati daranno prova del abusi che accadono troppo spesso all'interno delle famiglie adottive.
  • Il mancanza di diritti per qualsiasi prima famiglia/parente essere avvisato o in grado di accedere al corpo del bambino dopo la morte.

C'è da chiedersi come tale clemenza e quasi apparente empatia per i genitori adottivi, espressa nelle parole del presidente Moon, non possano essere ugualmente applicate alle prime famiglie in Corea. Nella grande maggioranza dei casi, le donne coreane devono rinunciare ai propri figli a causa di stato di maternità single e mancanza di sostegno – non a causa di una storia oscura, violenta e piena di droga.

Mi arrabbio ogni volta che un bambino vulnerabile come il piccolo Jeong In-Yi viene maltrattato e ferito dallo stesso sistema che dovrebbe proteggerlo e sostenerlo. Usiamo questa rabbia per chiedere un cambiamento che è atteso da tempo ma anche, non dimentichiamo la stessa Jeong-In perché, sebbene sia rimasta su questo pianeta solo per 16 mesi, ha avuto un impatto su molti di noi!

Il madri di KUMFA si sono alzati e si sono mobilitati per chiedere all'agenzia coinvolta, Holt Corea, essere ritenuti responsabili per il loro ruolo in questa morte. Gli adottati coreani nel mondo hanno creato questa campagna #nothing chiedere al presidente della Corea di incontrarli per ascoltare le loro voci. Abbiamo bisogno che il governo ci inviti al tavolo per discutere di opzioni diverse dall'adozione in plenaria.

Io e altri membri dell'ICAV abbiamo condiviso su alternative all'adozione plenaria ma mi chiedo se Jeong-In sarebbe ancora viva oggi se non fosse stata inserita nel sistema di adozione. L'ironia è senza dubbio che sarebbe stata molto più al sicuro con sua madre single e nubile!

La vergogna è sulla Corea per non fare di più come nazione del primo mondo per sostenere madri e bambini a rimanere insieme! Lo stesso vale per qualsiasi paese, in particolare le nazioni del primo mondo che hanno le risorse ma continuano a far adottare i propri figli attraverso il sistema di adozione plenaria. Negli USA c'è stata una situazione molto simile bambino assassinato all'interno della famiglia adottiva che rispecchia la Corea.

Questo non è un sistema a cui aspiro per i bambini vulnerabili del futuro!

In memoria di Jeong-In, morto a 16 mesi, ottobre 2020

voglio finire per onorare Jeong-In per l'enorme impatto e l'eredità che ha lasciato. Spero che non sia morta invano. Spero che il dolore estremo che deve aver sopportato non sia stato inutile! Spero che ogni volta che un adottato muore per mano della sua famiglia adottiva, la comunità mondiale si alzi e chieda che noi adottati siamo #NotAthing e che è necessario fare di più per rendere il nostro sistema più sicuro e più allineato ai bisogni e ai diritti di noi, per i quali tutto è pensato! Siamo quel bambino vulnerabile cresciuto, che non poteva parlare da solo e ha bisogno della nostra protezione e della nostra azione!

Si prega di prendere in considerazione la firma della petizione #NotAthing e trovare modi in cui è possibile agire, per chiedere ai governi e alle autorità di fare di più per apportare cambiamenti dall'attuale sistema di adozione plenaria a qualcosa di molto più rispettoso dei diritti e dei bisogni degli adottati e della prima famiglia.

#imscusajeongin
#nothing

Altre voci di adottati che condividono su #nothing

Kara Bos
Moses Farrow
Mila Komonos

Copertura mediatica

Gli adottati dicono “noi non siamo una cosa”

Ripristina la connessione degli adottati haitiani con i loro genitori biologici

di Sabine Isabelle adottato da Haiti a Canada.

Ripristinare i legami tra gli adottati di Haiti nati come genitori sconosciuti e i loro genitori biologici.

Il lato oscuro

Prima del 1 aprile 2014: data della firma della Convenzione dell'Aia ad Haiti. Migliaia di adottati senza identità sono stati adottati a livello internazionale con una menzione nata da madre e padre sconosciuti o talvolta il nome dell'unico genitore. Tra i suoi figli, molti sono stati purtroppo affidati alla non piena adozione attraverso tratta di esseri umani di ogni genere. Alcuni bambini vogliono semplicemente trovare la loro famiglia biologica perché sentono di non avere accesso alla loro storia medica, alla loro identità legittima.

Gli studi hanno dimostrato che molti bambini provenienti da adozioni vivono con traumi con impatti psicologici che vanno dal suicidio agli effetti sullo sviluppo neurologico dovuti alla loro adozione. Diversi sono stati affidati a famiglie adottive benevole ma poco preparate ad accogliere un bambino indebolito dalla ferita dell'abbandono, inoltre molti di questi hanno sperimentato un doppio abbandono dei propri genitori adottivi essendo inseriti in un centro di accoglienza o in una seconda famiglia adottiva.

Una piccola frazione di genitori biologici sta lentamente iniziando a trovare i propri figli biologici. Alcuni testimoniano di non aver consapevolmente dato in adozione i propri figli, ma di averne piuttosto affidato temporaneamente i beni e che al loro rientro in orfanotrofio il bambino fosse stato dato in adozione senza il loro consenso e senza alcuna possibilità di informazioni per trovare un contatto con questo bambini in altri casi di genitori biologici è stato detto che il genitore biologico era morto quando è falso e tante altre situazioni non a tutti nominate. Questo è un bambino che è stato adottato ha detto senza identità reali e / o senza identità dei loro 2 genitori biologici non era al di là di un ragionevole dubbio, adottabile. Indagini, tesi e numerose testimonianze mostrano inoltre che solo 10% di questi bambini erano in realtà davvero orfani. Poiché alcuni di noi sono ora abbastanza grandi da prendere provvedimenti per trovare le nostre famiglie biologiche, siamo stupiti di assistere a tutti questi difetti nascosti.

Un altro problema è all'orizzonte: fallimenti per essere aiutati dalle varie strutture come: orfanotrofio, ospedale che ci chiede di donare somme di denaro per ottenere le nostre informazioni legittime… Quindi eccoci nuovamente di fronte ai cosiddetti Buon Samaritani che ci offrono svolgere la nostra ricerca per loro anche una somma di denaro, un circolo destrutturato e corrotto che continua. È un richiamo alla malvagità. Come si fa a distinguere il buono dal cattivo samaritano straniero? Abbiamo e lasceremo una vuota eredità di identità che lasceremo ai nostri figli e alle nostre generazioni future. Come pionieri di questa generazione sperimentale sull'adozione internazionale ad Haiti, chiediamo il vostro sostegno in tutte le sue forme per ristabilire l'equilibrio.

Presentazione originale in francese

Rétablissont les liens entre les adoptés d'Haïti nés sous l'appellation de genitori inconnus et leurs genitori biologici.

Le côté cupe 

Avant le 1ehm avril 2014 : data della firma della convenzione de La Haye en Haïti .Des milliers adoptés sans identité ont été adoptés à l'international con una menzione nées d'une mère et d'un père inconnu ou parfois le prénom d'un seul genitore . Parmi ses enfants, plusieurs ont été confié malheureusement à l'adoption non plénière à travers un trafic d'humain de tout gender. Certains enfants veulent tout simplement retrouver leur famille biologique puisqu'ils estiment ne pas avoir accès à leur antecédents médicaux, leur identité légitime. 

Gli studi sui problemi relativi ai vantaggi per i bambini sulle adozioni vissute con i traumi sono gli impatti psicologici legati al suicidio e agli effetti neurologici sviluppati a causa dell'adozione del bambino. Plusieurs ont été confiés à des familles adoptives bienveillantes mais mal préparées à accueillir un enfant fragilisé par la blessure d'abandon, d'ailleurs nombreux de ceux-ci ont vécu un double abbandonare de leur genitori adottivi en étant placéeille dans uncueou unaccueou deuxième famiglia adottiva. 

Une infime partie de genitori biologici beginnt tranquillement à retrouver leur enfants biologique. Certain témoignent ne pas avoir données leur enfants à l'adoption en tout connaissance de cause mai plutôt les avoirs confiés temporairement et qu'à leur retour à l'orphelinat l'enfant avait été donné en decision sans cuneo consenso et sans information pour retrouver le contact avec cette enfants dans d'autres cas des genitori biologiques se sont fait dires que le parent biologique était mort alors que c'est faux et tant d'autres situazione pour ne pas tous les nommés. C'est enfant qui ont été adoptés dit sans réel identités et/ou sans identités de leurs 2 genitori biologici n'était pas hors de doute raisonnable, adottabile. Des enquêtes, thèse, et nombreux témoignages présentent également que seulement 10 % de ces enfants étaient en fait réellement orphelins. Può essere certo che de nous sommes maintenant assez âgés pour entreprendre des démarches de recherche pour retrouver leur famille biologica, nous assistons avec stupéfaction à tous ces vices cachés. 

Un altro problema è all'orizzonte ; fautes de se faire aider par les diverses établissement tel que ; orphelinat, hôpital qui nous demande de donné des sommes d'argent pour obtenir nos renseignements légitime… Nous voilà donc nouvellement confronté à de soi-disant bon samaritains qui nous offre d`effectuer nos recherche moyennant eux aussi une somme d'argent, une cercle sans structure et corrompus qui se perpétue. C'est un appel à la villigence .Comment distinguer le bon du mauvais samaritain étrangé ? Nous avons et nous laisseront un héritage identitaire vide que nous laisserons à nos enfants et nos futures générations. En tant que pionniers de cette génération expérimentale sur l'adoption internationale sur Haiti nous demandons votre soutien sous toutes ses formes afin de rétablir l'équilibre.

Annullare la mia adozione

di Netra Sommer nato in India, adottato in Danimarca; ufficialmente non più "adottato".
La storia di Netra è andata in onda in Danimarca il tv e in la stampa, novembre 2020.

Fin da quando potevo ricordare, da bambino non ero felice. Questo non era il mio posto. Questi non erano i miei genitori. Non potevo assomigliare a loro. Ero sempre diverso.

Non hanno mai parlato dell'India, non si sono mai interessati alle mie origini mentre io ero sempre molto curiosa della mia identità. Avevo così tante domande. Perché ero qui? Non sono danese. Non potrei mai essere quello che loro volevano che fossi.

Crescendo, ho capito che c'era una cosa che non andava nella mia vita: era la mia adozione. Tutto ciò a cui riuscivo a pensare era questa adozione e quanto fossi infelice. Sono cresciuto con molta violenza. Mi è sempre stato detto che non ero abbastanza bianco; Dovevo essere questo o quello per essere danese. Il messaggio che ricevevo sempre era che dovevo essere qualcos'altro che non ero io. La mia personalità era così diversa dalla loro: amavo i colori, amavo la musica. Non volevano niente di tutto questo per me. Tante cose mi hanno ricordato che sono sempre stata così diversa e non la figlia dei miei genitori.

Mi sono trasferito da casa in età molto giovane. Quando ero un giovane adulto all'età di 18 anni, ho scoperto che potevo annullare la mia adozione – tranne che in Danimarca, il problema era che avevo bisogno della firma dei miei genitori adottivi e loro non volevano darla. Ho detto loro che era l'unica cosa che volevo e poi non avrei mai chiesto nient'altro. Dissero: "No, abbiamo fatto così tanto per averti, vogliamo essere una famiglia. Pensiamo che tu sia malato di testa, quindi no. " Ogni anno chiedevo. Ho spinto e spinto. Hanno sempre detto di no. “Io e mamma siamo stanchi di te. Non possiamo più vivere così. Non possiamo occuparci di questo. Sei uno psicopatico che non ha pensato a noi e che impatto ha su di noi che tu annulli questa adozione”. Tutto questo è stato comunicato tramite sms ed e-mail poiché mi sono rifiutato di vederli.

Due anni fa ho conosciuto un giornalista. Era molto interessata alla mia vita. Sapeva che avevo parlato nella mia comunità di adozione. Le ho detto che volevo annullare l'adozione per essere di nuovo il figlio di mia madre. Questi danesi non erano i miei genitori – non c'è amore o comprensione, niente a cui aggrapparmi. Quando ha saputo di più sulla mia esperienza, ha capito che era un problema difficile senza il consenso dei miei genitori e si chiedeva come potesse essere risolto.

Ho provato e scritto di nuovo ai miei genitori. Questa volta mi hanno detto cosa volevano in cambio. Dovevo portare tutte le cose della mia infanzia da casa, il che significava che dovevo andarci. Avevano anche un elenco di domande a cui volevano che rispondessi. Ho risposto che no, non torno. Ho offerto a un mio amico di ritirare le mie scatole di effetti personali dell'infanzia. Hanno provato a coinvolgerla ma lei ha rifiutato. Hanno inviato una lettera piena di domande a cui volevano che rispondessi. Volevano una spiegazione per cose come come penso che questo abbia un impatto su mia sorella, perché non le stavo considerando, se le cose nella mia infanzia erano state così brutte, ecc. Non sentivo di dover giustificare ciò che volevo. Non li ho sentiti per molto tempo: erano arrabbiati perché non rispondevo alle loro domande, quindi si rifiutavano di collaborare con la mia richiesta.

Il giornalista voleva aiutarmi con la mia storia. Con l'aiuto della sua società di produzione, è stata filmata la storia della mia vita e di come volevo annullare la mia adozione. Non potevamo prevedere cosa sarebbe successo dopo. I miei genitori adottivi hanno creato un sacco di drammi e in molti punti ci siamo chiesti se le cose sarebbero mai accadute.

Improvvisamente hanno inviato un messaggio. “Abbiamo visto che non vuoi rispondere alle nostre domande, ma vogliamo annullare. Inviaci i documenti con la tua firma e la tua data”. Così sono andato a prendere i documenti, li ho firmati, li ho filmati e li ho spediti. Successivamente sono stato contattato da un avvocato tramite posta che mi ha detto che non avevo firmato i documenti. Tutti gli altri sapevano che li avevo firmati. Ero così esausto per combattere questo. Ogni volta c'era qualcosa di nuovo che facevano per giocare il loro gioco. Ero così stanco di loro. Ho scoperto che mi avrebbero comunicato solo tramite l'avvocato, quindi ho scoperto cosa voleva, ho fatto esattamente come aveva detto, ho firmato e inviato di nuovo i documenti. Stavano facendo un gioco di potere per mostrarmi chi aveva il controllo.

Improvvisamente un caldo giorno d'estate, mio zio chiamò. Disse: "C'è una lettera per te". Avevo incaricato loro di inviargli i documenti firmati. Adesso dovevo aspettare perché era via in vacanza ma tornava presto.

Il giorno del suo ritorno, mi sono seduto e ho aspettato sotto il sole cocente. La troupe televisiva era con me per filmare cosa sarebbe successo. Ci siamo seduti tutti in attesa. Mio zio ha aperto la lettera. Ero così silenzioso e la troupe del film mi ha chiesto come mi sentivo, posso spiegare? Ma non potrei. non avevo parole. Poi mio zio tirò fuori i 2 fogli e disse: "Ora sei libero!" Finalmente, dopo più di 10 anni di domande! Tutto quello a cui riuscivo a pensare era tornare a casa mia, la mia barca. Non conosco le parole per descrivere come mi sentivo.

Il giorno dopo ho inviato i documenti al governo che mi ha detto di aspettare un altro mese prima che la cancellazione fosse ufficiale. Ho organizzato una grande festa per festeggiare. Il giorno prima della mia grande festa, una signora mi ha chiamato. Era l'avvocato del governo. Ha detto: "Voglio solo essere sicuro che tu voglia annullare la tua adozione". Dopo che ho risposto, ha premuto il pulsante sul suo computer e ha detto: "Ora è cancellato".

La cancellazione ufficiale mi è arrivata come e-mail. Ho mostrato alla troupe televisiva. Ero così felice! Ho detto loro: “Non sono più adottato! Ho riavuto il mio nome indiano!” Poi abbiamo avuto modo di festeggiare. Penso che sia stato allora che ho capito per la prima volta che ero finalmente libero. Ma mi sono anche reso conto che ora non ho nessuno che sia mio parente. Se muoio, nessuno verrà avvisato. Secondo i miei documenti indiani, non ho parenti, genitori, sorelle. Era la prima volta che mi sentivo un po' spaventata se mi fosse successo qualcosa; e se volessi che qualcuno prendesse il controllo della mia barca? Avrei bisogno di organizzare un testamento e assicurarmi che le mie cose siano curate.

Secondo i miei documenti indiani, sono stato trovato da un poliziotto per le strade di Bombay, quindi non ho informazioni di identificazione vere. È stato stimato su due diversi documenti che avevo 1 anno o 3 mesi quando sono stato trovato. La mia adozione è stata fatta tramite un'agenzia di adozione danese che non esiste più. Ci sono così tante cose che voglio scoprire. Non sono tornato in India, ma voglio farlo il prima possibile. Ho bisogno di sapere cosa è successo, qual è la verità sulle mie origini. Voglio fare un altro documentario sul mio ritorno in India quando sarà passato il COVID.

Le uniche parole di esperienza che posso offrire agli altri adottati sono che se vuoi annullare la tua adozione, assicurati che questo sia ciò che vuoi veramente. Non c'è ritorno. Ci sono molti ostacoli per realizzarlo. La maggior parte dei genitori non vorrà essere d'accordo perché per loro è la perdita di un figlio. Ma credo davvero che sia importante che gli adottati abbiano la possibilità di scegliere. Mi auguro che in Danimarca o in qualsiasi altro paese, gli adottati possano annullare le adozioni senza bisogno del permesso dei genitori adottivi. Ci hanno acquistato da bambini: perché dovrebbero sempre decidere il nostro destino?

Molte persone giudicano e pensano che io non sia grato di essere in Danimarca. Mi dà fastidio che così tanti continuino a partecipare e a comprare un bambino. Penso che la maggior parte delle madri voglia il proprio figlio se avesse altre opzioni. Il risultato finale dell'annullamento della mia adozione è essere lasciato senza parenti, senza eredità, essere molto solo e, naturalmente, avere una famiglia adottiva molto triste e arrabbiata. Mi hanno maltrattato, ma la legge in Danimarca era difficile e non ha sostenuto i miei desideri a causa della prescrizione che ha significato per casi storici di abuso, non sono stato in grado di sporgere denuncia. Ho fatto tutto il possibile per essere libero. Per fortuna non mi è costato finanziariamente far annullare la mia adozione: non avevo bisogno di un avvocato e la società di media è stata un supporto straordinario, insieme ai miei amici e alla mia "famiglia" che sono lì per me.

un successivo intervista e articolo è stato condiviso sulla storia di Netra Sommer.

Priorità distorte

Non avere la cittadinanza in quanto adottato è come avere un Falso positivo.

È giunto alla mia attenzione che i membri del Senato e del Congresso degli Stati Uniti hanno recentemente inviato lettere per promuovere la loro agenda in materia di adozione internazionale. Il primo che allego qui al vicesegretario Carl Risch chiedendo attenzione a impegnarsi nuovamente in uno degli scopi dell'Intercountry Adoption Act, “migliorare la capacità del governo federale di assistere” le famiglie che cercano di adottare bambini provenienti da altri paesi.

Il secondo che allego qui al Segretario di Stato Michael Pompeo chiedendo risorse e focus per rivolgersi alle famiglie in attesa che vogliono portare a casa i propri figli con restrizioni COVID.

Mentre apprezzo i sentimenti dei membri del Senato e del Congresso di essere coinvolti ed evidenziare l'importanza di questi problemi, mi frustra che da un lato queste lettere siano scritte, usando tutto il potere tra di loro come collettivo, eppure non ho visto tali una lettera per spingere per il Legge sulla cittadinanza degli adottati 2019 (ACA). Negli ultimi 5 anni, conosco i nostri leader dedicati agli adottati internazionali: Joy Alessi di Campagna per i diritti degli adottati e Kristopher Larsen a Adottivi per la giustizia e le loro squadre hanno lavorato instancabilmente, cercando di convincere senatori e membri del Congresso a sostenere il tanto necessario e in ritardo Adotta la legge sulla cittadinanza 2019 (ACA). Abbiamo bisogno di un numero sufficiente di senatori e membri del Congresso per sostenere l'Adoptee Citizenship Act 2019 perché ci sono lacune rimaste dal Legge sulla cittadinanza dei bambini del 2000 che ha portato gli adottati internazionali prima del 1983 a essere lasciati senza cittadinanza automatica.

Devo fare la domanda ovvia qui: perché i politici americani non sostengono l'Adoptee Citizenship Act (ACA) ma useranno la loro forza politica per spingere per più adozioni? È lo stesso Legge sull'adozione internazionale del 2000 che viene citato da loro per ottenere il sostegno del governo federale per aiutare le nuove famiglie adottive desiderose di costruire le loro famiglie, ma ancora – per le famiglie storiche che una volta cercavano di adottare bambini, che si ritrovano decenni dopo, senza cittadinanza per i loro figli (ora adulti ) – non c'è permanenza e nessuna leadership politica per affrontare il problema. Non è piuttosto distorto che i poteri forti si concentreranno maggiormente sull'inserimento di nuovi bambini senza essersi assicurati che quelli già presenti abbiano stabilità, permanenza e cittadinanza? Che cos'è l'adozione se non per garantire la permanenza, che nell'adozione internazionale riguarda fondamentalmente la cittadinanza? Non dimentichiamo inoltre che ogni beneficiario dell'Atto sulla cittadinanza adoptee (ACA) è stato già controllato all'ingresso e ha promesso la cittadinanza. L'Adoptee Citizenship Act (ACA) mira a coprire gli adottati che sono entrati con visti di adozione (IR4) altrimenti noti come residenti permanenti legali.

Mi sento per i miei colleghi adottati che lavorano instancabilmente, spingendo quella che sembra una battaglia in salita per ottenere il supporto necessario per affrontare questo problema atteso da tempo. Perché lettere come questa non vengono scritte? GHIACCIO o USCIS e a tutti i funzionari di governo di alto livello, compreso il Presidente, che hanno i collegamenti per influenzare queste importanti decisioni?

Non ho le risposte alle mie domande, le chiedo semplicemente perché spero che lo siano anche gli altri. Abbiamo bisogno che senatori e membri del Congresso assumano una leadership sulla questione della cittadinanza automatica per le migliaia di adottati internazionali, ora adulti, che vivono in animazione sospesa. Questi adottati hanno chiesto ai leader americani di rappresentare la loro causa e aiutarli a superare quella che sembra una barriera insormontabile: essere considerati cittadini legittimi del loro paese adottivo. Questo diritto sembra essere ottenibile in ogni altro paese di adozione, ad eccezione degli Stati Uniti d'America!

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%