Un viaggio nello spazio, un viaggio diviso

Di Sunny Reed, coreano adottato all'estero.

Gli adottati internazionali parlano spesso del ritorno al loro paese di nascita, un tempo definito dalla ricerca e dal ritrovamento. Il post recente di Lynelle mi ha fatto considerare il mio rapporto con la Corea, la terra che, oltre tre decenni fa, mi ha rilasciato in un paese fatto di sogni. Parliamo del “ritorno” come di un viaggio di guarigione, confronto e conflitto. Oggi condivido il mio punto di vista su cosa significhi per me "il ritorno" e su come questa frase sia contrapposta alla mia esperienza con l'adozione e ai miei genitori.

Un oceano e diversi continenti occupano la distanza tra me e un passato invisibile. Un passato che mi subisce la sua opacità ogni volta che sento la parola Corea.

Per molti anni, la Corea è stata una parolaccia, qualcosa sputato fuori, un sostantivo formato in fondo alla gola dove si raccoglieva il catarro. Era vergognoso. Era brutto. Era pieno di persone con facce piatte e occhi strabici e capelli scuri e ruvidi come me. Ma la Corea era il paese, la mia casa solo in senso metaforico, che mi era stato ordinato di abbracciare.

Molte famiglie incoraggiano gli adottati internazionali a torna indietro, per trovare il luogo che li ha lasciati andare, suggerire un viaggio di ritorno cancellerà il malcontento e l'alterità di un adottato e l'esperienza con il razzismo. Un viaggio in patria potrebbe sostituire a quei mali la soddisfazione di una curiosità soddisfatta. Forse questo aiuta alcuni adottati. Li sostengo sicuramente e spero che un viaggio serva a questi scopi e altro ancora. Lo ha fatto, per molti, e sono orgoglioso di loro. Ma non sono mai tornato, né per mancanza di denaro né per voglia. Ecco perché.

Sul letto di morte, mia madre mi ha esortato a Go in Corea. Aveva spinto per questo viaggio per tutta la vita, spingendomi a tornare mentre cose come Ti prenderò a calci gli occhi dritti e I cinesi non possono essere punk gareggiato per lo spazio nella mia immagine di sé in via di sviluppo. Mia madre mi ha spinto contro la Corea mentre la mia asiaticità diventava un peso, intrecciando la sua richiesta errata nel crescente divario della nostra relazione.

Un tardo pomeriggio, mia madre si sedette di fronte a me nella nostra cucina ventilata, appollaiata sul suo sgabello imbottito senza schienale mentre io facevo i compiti e mi lamentavo della vita da adolescente. In qualche modo sono emerse o l'adozione o la razza, argomenti per i quali rientravamo nei criteri ma sui quali noi stessi ci vantavamo di ignoranza. Ha fissato i suoi luminosi occhi azzurri su di me e in quella cucina spalancata ha chiesto Perché non ti piace la Corea? È perché ti ha rinunciato?

Raccolsi le mie cose e mi precipitai nella mia camera da letto. I suoi ritratti di famiglia appesi con cura tremarono quando sbattei la porta. Il mio io adolescente non riusciva ad articolare altro che rabbia in risposta alla sua domanda accusatoria. Oggi capisco la mia reazione.

Dal punto di vista di mia madre, la mia mancanza di curiosità era un difetto. È morta senza rendersi conto che non potevo accettare un paese non perché mi avesse “abbandonato” ma perché anni di condizionamenti esterni mi avevano insegnato a odiarlo.

Ma possiamo rimediare a questo danno. I genitori adottivi desiderosi di cambiare la narrativa unilaterale dell'adozione del pubblico possono supportare gli adottati che lottano per trovare il loro posto, per accettare quali frammenti di un patrimonio raccolgono come propri. Dobbiamo consentire agli adottati che la stanza cresca in qualunque cultura scelgano, o meno, di abitare. O forse un adottato abbraccerà la propria libertà di fluttuare liberamente tra i mondi, contento dell'indipendenza, traendo forza dall'ambiguità.

Alla fine, non importa. Finché l'adottato fa la scelta di visitare la propria terra, dobbiamo considerarlo degli esseri umani indipendenti. Possiamo operare separatamente dalle nostre adozioni, ritrovandoci su percorsi che finalmente ci siamo forgiati. Se questo accade con o senza una visita in patria, è perché l'adottato ha scelto quella strada.


Sunny J. Reed è uno scrittore con sede nel New Jersey. Il suo lavoro principale si concentra sull'adozione transrazziale, le relazioni razziali e la famiglia americana. Oltre a contribuire a Voci degli adottati internazionali e Cara adozione, Sunny utilizza la saggistica creativa per raggiungere un pubblico più ampio. Il suo primo flash memoir ("i fortunati") è stato pubblicato su Tilde: un diario letterario. Il suo secondo pezzo ("fantasma del parco giochi") uscirà entro Rivista letteraria del Parhelion nell'aprile 2018. Attualmente è al lavoro su un libro di memorie letterarie.

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%