Processo di adozione riveduto in Corea

di Jayme Hansen, Direttore Esecutivo di ICAV, Rappresentante ICAV USA, adottato dalla Corea negli USA.

A metà giugno di quest'anno, il Ministero coreano della salute e del benessere (MOHW) ha annunciato di aver rivisto il processo di adozione, forse accelerato dalla protesta pubblica per gli abusi e la morte del bambino Jeong-In per mano del suo genitore adottivo, ma credo più di un tentativo di rispettare Convenzione dell'Aia linee guida.

Plaudo agli sforzi della Corea del Sud per rivedere i propri processi di adozione

Credo che questo sia un piccolo passo nella giusta direzione. Le agenzie di adozione non dovrebbero essere le uniche responsabili del processo di abbandono del bambino o della consulenza delle madri naturali. Storicamente, numerose agenzie di adozione in tutto il mondo hanno utilizzato pratiche non etiche e hanno fatto pressioni sulle madri single vulnerabili affinché abbandonassero i propri figli. Un articolo dell'Huffington Post intitolato "Adozione criminalità e corruzione” ha esposto alcune delle pratiche abusive da parte delle agenzie di adozione, affermando:

Un altro grosso problema che la Convenzione dell'Aia sulle adozioni internazionali non affronta è la “tassa di ricerca” pagata dagli orfanotrofi stranieri. Queste tasse sono sufficienti per incentivare i criminali a rapire i bambini e ad affermare che sono stati trovati abbandonati. Spesso, i bambini che finiscono adottati attraverso le agenzie statunitensi vengono passati attraverso più mani in un processo noto come "riciclaggio di bambini“ rendendo impossibile anche alla più rispettabile agenzia di adozione americana di garantire le origini del bambino coinvolto in qualsiasi adozione internazionale. Il confine tra adozioni legali, etiche e attività criminali è sfocato nella migliore delle ipotesi.” 

Quest'ultima azione del governo coreano non ha avuto origine da Il caso di Jeon-In da sola, ma la sua vita e la sua morte hanno svolto un ruolo pubblico importante nell'evidenziare le pratiche illegali e abusive da parte delle agenzie di adozione che facilitano l'adozione e continuano a non subire conseguenze. Il rischio è sempre ridotto se ci liberiamo degli intermediari (agenzie di adozione) che hanno un interesse acquisito nei profitti o nella loro agenda per promuovere l'adozione prima di qualsiasi altra alternativa e non hanno nessuno che supervisiona le loro pratiche e procedure. È ora che la Corea si assuma maggiori responsabilità per i propri figli e tenti di implementare un modello di adozione rivisto che sembra essere in linea con le linee guida della Convenzione dell'Aia. Ci sono altri paesi come l'Australia che hanno implementato con successo un modello di adozione completamente centralizzato per molti anni e nonostante il prime discussioni sui rischi delle autorità centrali (governi) nell'assolvimento delle proprie responsabilità agli organismi accreditati (cfr. paragrafi 242-243), da allora non sono rimaste ricerche che discutono i pro ei contro di un modello di adozione da parte dei governi centralizzato rispetto a quello in outsourcing.

Naturalmente, come a tutti i cambiamenti, c'è sempre chi si oppone, soprattutto quando le tasche delle grandi organizzazioni (agenzie di adozione) rischiano di perdere il loro flusso di reddito! Sfido l'opposizione e faccio notare che non è economicamente saggio che la Corea continui nel commercio all'ingrosso dei suoi figli quando hanno la tasso di fertilità più basso del mondo con 0,84 nascite per ogni donna in Corea del Sud. Inoltre, questa è una questione coreana e le persone devono tenere a mente che la Corea non è stata istituita come democrazia fino al 1948. Il paese è stato letteralmente fatto a pezzi e distrutto durante i 35 anni di occupazione giapponese e la distruzione durante la guerra di Corea nel primi anni '50. Rispetto alla più lunga democrazia americana, i coreani stanno rapidamente stabilendo il proprio metodo di autogoverno, programmi sociali e crescita economica a un ritmo record.

Alcuni hanno espresso preoccupazione per il fatto che le madri vulnerabili non vorranno cercare l'aiuto del governo nei loro tempi di crisi. Penso che se il personale del governo si concentra sul miglior interesse della propria gente, è una buona cosa e presuppone un paese, classificato come il 10ns più grande economia del mondo (nel 2020) ha le capacità per risolvere i propri problemi. Inoltre, la Corea del Sud ha un numero sempre crescente di professionisti certificati lavoratori sociali che hanno aiutato la loro nazione attraverso numerose crisi nel corso degli anni aiutando i suoi cittadini attraverso un aumento dei suicidi adolescenziali, gli effetti del COVID-19 e numerosi altri impatti e problemi sociali.

Inoltre, non credo che questi cambiamenti comporteranno l'abbandono di più bambini nelle scatole per bambini, come affermano alcuni critici. In primo luogo, non ci sono prove che i bambini morissero in gran numero prima che fosse istituito il baby box. Inoltre, non vi è alcuna indicazione che questo cambiamento di politica comporterebbe un numero maggiore di questi problemi. Ho visitato e registrato migliaia di ore di volontariato in quasi una mezza dozzina di orfanotrofi in tutta la Corea del Sud e il governo ha reso relativamente facile per i genitori abbandonare i propri figli se non sono in grado di prendersi cura di loro. Ho incontrato numerose madri che sono venute a visitare i loro bambini negli orfanotrofi e li hanno collocati lì in modo che lo stato potesse nutrire e prendersi cura del bambino quando il genitore non era in grado. Metto in dubbio chiunque possa sostenere un programma come il baby box che permette alle donne di abbandonare i propri figli. Tali azioni nella maggior parte dei paesi sviluppati porterebbero ad arresti. Il problema con le cosiddette soluzioni come le scatole per bambini, dove i bambini vengono letteralmente lasciati come posta, è che consente alle persone di aggirare la responsabilità e di sottrarsi ai programmi stabiliti dal governo. Le scatole per bambini incoraggiano anche una violazione dei diritti umani fondamentali affinché il bambino abbia il suo identità documentata e protetto. 

Inoltre, non sminuiamo il problema di abuso di minori da parte di genitori adottivi. La piccola Jeon-Ing non è stata la prima o l'ultima figlia a morire per mano dei suoi genitori adottivi. La gravità del rischio per i bambini adottati non dovrebbe mai essere sottovalutata. Un articolo scritto da Richard Wexler evidenzia la sottosegnalazione di casi di abusi sui minori nel suo articolo “Abuso nell'affido: ricerca contro i fatti alternativi del sistema di assistenza all'infanzia“. La ricerca di Wexler è stata trovata sotto la segnalazione di abusi e negligenza in numerosi stati degli Stati Uniti. Uno studio dell'Oregon e dello stato di Washington ha rilevato che un terzo di tutti i bambini in affidamento sono stati abusati. Uno studio ad Atlanta ha rilevato che 34% dei bambini hanno subito abusi il cui obiettivo era assisterli nell'adozione. Il signor Wexler ha riassunto le sue scoperte affermando "in un sondaggio che risale a decenni fa, dal 25 percento fino al 40 percento dei bambini in affido riferisce di essere stato abusato o trascurato nelle cure”. La linea di fondo è che relativamente pochi bambini vengono adottati in Corea del Sud dai propri cittadini. In effetti, solo 260 bambini sono stati adottati all'interno del paese nel 2020. Se si confronta il numero di casi di abuso con il numero di bambini effettivamente adottati in Corea, le percentuali di abusi aumentano drasticamente. Un articolo scritto nel 2021 da Grace Moon afferma che “13.35% dei bambini adottati sono stati vittime di abusi, il doppio di quelli cresciuti dalle loro famiglie biologiche.” 

Per i critici che usano un linguaggio infiammatorio etichettando i cambiamenti come i segni di un "Sistema Socialista" - questo è un tentativo di alimentare seguaci conservatori senza riconoscere l'ipocrisia di tale appello. Anche i paesi più sviluppati, compresi gli Stati Uniti, hanno programmi finanziati dallo stato che sovrintendono alla protezione dei bambini. Negli Stati Uniti abbiamo un'agenzia governativa in ogni stato elencata sotto numerosi nomi come Child Protected Services (CPS), Department of Children and Family Services (DCFS) o Department of Social Services (DSS). Mi chiedo se dovremmo etichettare anche i nostri programmi americani nel benessere e nella protezione dei bambini come "socialisti"?

La Corea non è la sola a tentare la riforma nell'adozione. Numerosi altri paesi stanno riformando le leggi sull'adozione perché riconoscono che i bambini non vengono tenuti al sicuro e che l'attuale sistema di adozione plenaria ha molti difetti. Questo grazie anche al ruolo svolto dagli adulti adottati che hanno lavorato instancabilmente per difendere i nostri diritti e bisogni. Un numero crescente di paesi come Romania, Russia, Guatemala, Etiopia e Corea del Sud ha vietato o posto leggi che rendono quasi impossibile l'adozione a livello internazionale. Questi cambiamenti sono dovuti in gran parte alle pratiche senza scrupoli delle agenzie di adozione guidate dal profitto. Uno dei numerosi esempi è stato evidenziato dall'agenzia pro-adozione Associazione Famiglie Adottive di BC. Il articolo ha riassunto la questione affermando: “le terribili condizioni negli orfanotrofi rumeni dopo il rovesciamento del governo di Ceaucescu nel 1989, hanno spinto i genitori di molti paesi ad adottare migliaia di bambini abbandonati; ha anche generato una redditizia industria di adozione all'interno del paese. Con poche infrastrutture, il sistema era vulnerabile a pratiche non etiche”.

Le mie raccomandazioni al governo coreano di rivedere l'adozione

La mia prima raccomandazione sarebbe che il governo coreano cambi la sua legge sulla cittadinanza. A differenza degli Stati Uniti e della maggior parte dei paesi, la cittadinanza coreana non è determinata dall'essere nati all'interno del territorio coreano. La cittadinanza invece, viene conferita da jus sanguinis o attraverso il “diritto di stirpe” di un individuo. Questa legge significa che "I figli di donne cittadine coreane, che avevano un padre non coreano o nessun padre coreano noto (nessun uomo coreano ha rivendicato la paternità), non erano cittadini coreani, anche se nati in Corea.” L'esito di questa legge ha avuto affetti perversi: "pertanto, molte madri single hanno scelto di "abbandonare" il loro bambino "senza padre" in modo che il bambino avesse i diritti e l'accesso ai servizi, all'istruzione e al lavoro come cittadino coreano, piuttosto che registrare ufficialmente il loro bambino come non avere un coreano padre e quindi essere un non cittadino senza tali diritti.” 

Un altro problema è che il governo coreano fornisce quasi 10 volte il finanziamento per gli orfanotrofi rispetto a quello previsto per le madri single con bambini. Il governo dovrebbe stabilire riforme del benessere dei bambini in modo che le madri single abbiano le risorse per crescere i propri figli e abbiano l'opportunità di prosperare e diventare un membro positivo e attivo della società coreana. Attualmente l'unica opzione è che il bambino venga adottato o istituzionalizzato a vita. Non proprio una scelta! Conosciamo tutti il ricercato esiti dell'istituzionalizzazione, ad esempio ritardo nello sviluppo cognitivo ed emotivo del bambino, maggiore esposizione alla violenza e maggiore suscettibilità ai problemi di salute mentale.

Infine, raccomando che la Corea del Sud stabilisca politiche e leggi più forti per mantenimento dei figli per le madri single. Ciò include l'applicazione per ritenere i padri responsabili e garantire che siano responsabili per i figli che hanno generato. Il araldo coreano ha evidenziato questo problema affermando, “Nel 2012 l'83% di tutti i genitori single in Corea del Sud non ha mai ricevuto pagamenti per il mantenimento dei figli da genitori non affidatari. Solo il 4,6% di loro ha intentato causa. Anche tra coloro che hanno vinto le loro cause, il 77,34% ha dichiarato di non aver mai ricevuto denaro, nonostante gli ordini del tribunale”. 

Sono ottimista per un'era migliore in cui la Corea del Sud si ritenga più responsabile del benessere a lungo termine dei suoi figli piuttosto che esportarli in massa in altri paesi. Riprendersi la responsabilità attraverso la revisione dei processi di adozione è un ottimo punto di partenza!

Clic qui se vuoi leggere gli altri blog di Jayme all'ICAV.

Come mai?

Sono un cane, un gatto o un pesce che puoi restituire in un negozio di animali? 
Le tue azioni riflettono che sono meno di un animale
Dai colpi di affetto e commenti positivi ai tuoi animali domestici 
Poiché ricevo un castigo costante per le infrazioni che ho commesso
Sei sinceramente preoccupato quando il tuo animale domestico è malato o smarrito
Non sai niente di me e rimani all'oscuro dei problemi che affronto da solo
sono insignificante
non sono nessuno
Perché mi hai adottato?

Altre famiglie hanno l'abitudine di chiamarsi regolarmente
Ma non siamo come le altre famiglie, non ricevo chiamate da voi
La maggior parte delle famiglie si fa visita durante le vacanze
A meno che non vengo da te, non ricevo visite
La maggior parte delle famiglie conosce capitoli l'una dell'altra mentre interagiscono
Conosci a malapena un paragrafo della mia vita
Sono invisibile per te
non m'importa
Perché mi hai adottato?

Rimani vile, orgoglioso e restio ad aggrapparti ai rami d'ulivo che ho allungato
Con questo atteggiamento, come potrei sottomettervi i miei figli?
Sostieni che le mie verità sono semplici esagerazioni, bugie o storie inventate
Come possiamo parlare quando tutte le mie parole sono offensive per te?
Ho riflettuto su questa domanda così tante volte
Hai detto che mi sono meritato le cose orribili che mi hai fatto
sono una delusione
non sono degno
Perché mi hai adottato?

Non c'è risposta a questa domanda
Non sei abbastanza onesto da dirmi perché
Quando esamini la risposta, non ti piaci ancora di più
Quando ti trovi di fronte ai fatti, stringi la presa sulla negazione
Preferiresti portare con te le ragioni nella tomba
Che essere onesti con tuo figlio
non mi merito
io sono sotto di te
Perché mi hai adottato?

Di Jayme Hansen

Adozioni sudcoreane: un'analisi economica

La madre delle bugie

Diversi confronti hanno esaminato il clima sociale e i fattori economici per comprendere le motivazioni per cui il governo sudcoreano continua a esportare i suoi bambini attraverso l'adozione internazionale. Alcuni sostengono che sia dovuto alle condizioni di povertà dopo la guerra di Corea, ma trovo che questo sia fuorviante. L'America ha una lunga tradizione di lanciare un grido di battaglia dopo un grande disastro come il crollo di un'economia, la carestia o la guerra. L'adozione internazionale moderna è iniziata dalla Corea del Sud ed è rimasta popolare nel tempo. Altre nazioni sono diventate popolari paesi di invio negli ultimi anni, ad esempio la Cina. Tuttavia, la Corea del Sud regna ancora come quella con il maggior numero di bambini mandati via in un paese straniero tramite adozione internazionale.

Guerra di Corea il grido di battaglia ma non un contributore importante

Il grafico sopra mostra il numero di adozioni avvenute per anno. Il grido di battaglia per le adozioni sudcoreane potrebbe essere iniziato all'indomani della guerra di Corea e per 17 anni i bambini sono entrati in America. Il divario tra la guerra di Corea e l'inizio della prima ondata di adozioni coreane avvenuta negli anni '70 era quasi di un'intera generazione dopo la guerra di Corea. Pertanto, deve esserci un altro driver che ha motivato la Corea del Sud a esportare i suoi figli.

Se la tutela dei bambini dopo la guerra è stata un fattore importante per aiutare i bambini sudcoreani, allora ci si aspetterebbe di vedere aumentare il numero delle adozioni dopo la guerra. Tuttavia, l'aumento delle adozioni non si verificò fino a sedici o diciotto anni dopo la fine della guerra. Un argomento spesso usato ha a che fare con l'economia povera. Tuttavia, i due periodi di punta con il maggior numero di bambini venduti tramite l'adozione internazionale si sono verificati durante il più grande boom economico per la Corea. Pertanto, devono esistere altre ragioni che hanno motivato la Corea del Sud a vendere il suo bene più prezioso, i suoi figli.  

Questo saggio indagherà in profondità la motivazione sottostante al motivo per cui la Corea del Sud ha inviato così tanti bambini tramite l'adozione internazionale. Prenderò spunto sia dal mio background finanziario professionale sia come persona che ha vissuto questa esperienza di esportazione.

Tendenza o preferenza dell'adozione americana?

La maggior parte dei bambini adottati in America proveniva dall'Asia, dalla Russia e dai paesi dell'ex controllo sovietico. La selezione preferenziale basata sulla razza è stata citata più volte come la ragione principale di questa disparità tra la comunità caucasica che adotta la maggior parte dei bambini in America. L'articolo Scoraggiare le preferenze razziali nell'adozione di Solangel Maldonado ha riassunto bene questo contesto:

“Tracciando la storia dell'adozione transrazziale negli Stati Uniti, questo articolo sostiene che uno dei motivi per cui gli americani vanno all'estero per adottare è la razza. La gerarchia razziale nel mercato delle adozioni pone i bambini bianchi in cima, i bambini afroamericani in fondo e i bambini di altre razze nel mezzo, rendendo così i bambini asiatici o latinoamericani più desiderabili per i genitori adottivi rispetto ai bambini afroamericani”.

Se gli americani erano davvero preoccupati per i bambini coinvolti nei conflitti, allora ci sono enormi lacune nelle tendenze delle adozioni. Si potrebbe presumere che i bambini dei massacri del Ruanda, del Darfur e di altre guerre e disastri si riflettano nelle statistiche sulle adozioni, ma l'America preferisce adottare bambini provenienti da paesi dalla pelle chiara. L'Etiopia si trova nell'Africa settentrionale e l'Etiopia ha alcune delle tonalità più chiare del colore della pelle in Africa. La cultura è stata influenzata da influenze giudaiche e mediorientali. La realtà è che gli americani hanno una preferenza, vogliono il maggior numero possibile di bambini dalla pelle chiara. 

Riferimento per Mappa del colore della pelle

Domanda e offerta di adozione internazionale

In passato, mi è stato chiesto di parlare del lato commerciale dell'adozione. Le seguenti informazioni provengono inizialmente da un'intervista che ho fatto con Kevin Vollmers per un'intervista su Terra di Gazillion Adoptees. Ho trovato un'ottima spiegazione sulla domanda e sull'offerta e su come è correlata al business, per includere l'industria dell'adozione.

“L'offerta e la domanda sono forse uno dei concetti più fondamentali dell'economia ed è la spina dorsale di un'economia di mercato. La domanda si riferisce a quanto (quantità) di un prodotto o servizio è desiderato dagli acquirenti. La quantità domandata è la quantità di un prodotto che le persone sono disposte ad acquistare a un certo prezzo; la relazione tra prezzo e quantità domandata è detta rapporto di domanda. L'offerta rappresenta quanto il mercato può offrire. La quantità offerta si riferisce alla quantità di un certo bene che un produttore è disposto a fornire quando riceve un certo prezzo. La correlazione tra il prezzo e la quantità di un bene o servizio fornito al mercato è nota come rapporto di fornitura. Il prezzo, quindi, è un riflesso della domanda e dell'offerta.”

È stato evidenziato un focus sui fattori che influenzano il lato dell'offerta dell'equazione delle adozioni dalla Corea del Sud e mostra come le variazioni dei prezzi e l'uso dei sussidi abbiano reso l'adozione un business molto redditizio.

Lato della domanda in America per l'adozione internazionale

Alcuni individui sono molto ignoranti riguardo alla grande richiesta di bambini in America. Per la maggior parte, i futuri genitori stanno cercando di adottare bambini per consentire loro di sperimentare la genitorialità. Sono rimasta sorpresa dal numero di coppie incapaci di concepire e sebbene la tecnologia stia avanzando per aiutare il concepimento, le barriere all'uso di queste tecnologie sono a costi elevati e il costo che impone al corpo della donna rispetto ai compromessi del non concepire.

Le ultime informazioni dal Centri di controllo delle malattie (CDC) stima quanto segue:

“Circa 6% delle donne sposate di età compresa tra 15 e 44 anni in America non sono in grado di rimanere incinta dopo un anno di tentativi (infertilità). Inoltre, circa 12% delle donne di età compresa tra 15 e 44 anni in America hanno difficoltà a rimanere incinta oa portare a termine una gravidanza, indipendentemente dallo stato civile (diminuita fecondità)”.

Indagine nazionale sulla crescita familiare ha affermato che 7.5% di tutti gli uomini con esperienza sessuale ha riferito di aver ricevuto aiuto per avere un figlio in qualche momento della loro vita. Ciò equivale a 3,3-4,7 milioni di uomini in America. Degli uomini che hanno cercato aiuto, al 18.1% è stato diagnosticato un problema di infertilità maschile. Questi dati indicano che potrebbero esserci fino a 6,7-10,8 coppie che avranno problemi nel concepire figli e sono probabilmente candidate all'adozione. Questo non vuol dire che le coppie sterili siano le uniche a voler adottare. Ci sono prove che anche le famiglie senza problemi di fertilità e le famiglie con figli biologici hanno il desiderio di adottare.

In un recente sondaggio condotto dal Consiglio nazionale per l'adozione e la loro testimonianza davanti al Congresso sulla riforma del reclutamento dei genitori affidatari e adottivi; il loro sondaggio ha concluso quanto segue:

  • 25% considera seriamente di diventare un genitore affidatario/o adottare;
  • 63% credono che i leader religiosi dovrebbero fare di più per incoraggiare le persone a diventare genitori adottivi o ad adottare;
  • 76% supporta l'assunzione di più operatori del caso, anche se costa milioni di dollari.

Oltre al desiderio di allevare una famiglia da coppie sterili, l'industria delle adozioni è stata pesantemente influenzata dal movimento evangelico in America che abbraccia quasi un decennio. Durante questo periodo, le famiglie numerose e consolidate senza problemi di infertilità hanno adottato in numero elevato. Il movimento per l'adozione evangelica ha anche combattuto per fare pressione al Congresso per mantenere il credito d'imposta per l'adozione e ha vinto nel 2017 per estendere il disegno di legge per sostenere le famiglie evangeliche in crescita.

È estremamente difficile determinare quanto sia grande la domanda di adozione, è vero che non tutte le coppie sterili guarderanno all'adozione come parte del loro paniere di scelte e inoltre, ci sono grandi gruppi segmentati come gli evangelici che sono molto favorevoli all'adozione e anche questo è difficile da determinare, ma il potenziale dal lato della domanda potrebbe facilmente essere di milioni a due cifre. 

Lato della domanda in Corea del Sud

La Corea del Sud ha poca o nessuna richiesta di adozione all'interno dei propri confini. Si stima che la Corea del Sud accolga circa 4% dei propri figli indesiderati. Nonostante la vendita di 200.000 bambini, negli ultimi sei decenni ha registrato un aumento di quasi dieci volte nei loro orfanotrofi statali. Si stima che più di 2 milioni di bambini siano stati allevati dallo stato in Corea del Sud. Per la maggior parte, i coreani aderiscono ai principi confuciani e si conformano a rimanere all'interno delle proprie linee di sangue. Pertanto, il lato della domanda in Corea è quasi inesistente. Per comprendere le differenze culturali, L'economista pubblicò un articolo intitolato "Perché le adozioni sono così rare in Corea del Sud e ha dichiarato:

“Le nozioni tradizionali confuciane della famiglia di stirpe continuano a prevalere, così come gli aspetti della primogenitura. Le donne che non possono avere figli affrontano un forte stigma sociale, così come gli orfani e gli adottati, le cui possibilità di trovare un lavoro e di sposarsi sono limitate. Molte adozioni in Corea del Sud sono nascoste alla famiglia e agli amici e, in molti casi, al bambino adottato. I genitori si assicurano che il gruppo sanguigno del bambino corrisponda al proprio; alcune madri fingono addirittura la gravidanza. Tutto ciò invia il messaggio che l'adozione è vergognosa, a sua volta scoraggiandone di più. La segretezza spiega anche perché 95% dei neonati adottati in Corea del Sud hanno meno di un mese: abbastanza piccoli da essere spacciati per figli biologici. La maggioranza dei bambini adottati sono femmine per evitare difficoltà di eredità e di riti familiari ancestrali, che normalmente vengono svolti dai figli di stirpe”.

Lato dell'offerta in America per l'adozione domestica

Il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani produce ogni anno un rapporto sul numero di bambini in affidamento o bisognosi di una casa. Adoptionnetwork.com fornisce una pletora di statistiche sull'adozione per dare un'idea di quanto sia grande l'offerta in America. Il sito ha fornito i seguenti esempi:

  • 428.000 bambini sono in affidamento negli Stati Uniti;
  • 135.000 bambini vengono adottati negli Stati Uniti ogni anno;
  • Nel 2015, oltre 670.000 bambini hanno trascorso del tempo nel sistema di affidamento;
  • 2% degli americani lo ha effettivamente adottato, più di 1/3 lo ha considerato;
  • Vengono adottati circa 7 milioni di americani;
  • Le spese statali e federali per i costi amministrativi dell'affido (affidamento e monitoraggio dei bambini in affidamento) sono stati pari a $4,3 miliardi 

In America le cifre mostrano che la stragrande maggioranza dei bambini non viene adottata e il sistema è fortemente sovvenzionato da fondi federali e statali che si è trasformato in un business multimiliardario. 

Lato dell'offerta in Corea del Sud per eventuali adozioni

Il numero esatto di bambini disponibili per l'adozione ogni anno in Corea del Sud è sconosciuto ed è stato gonfiato artificialmente a causa di leggi e incentivi che incoraggiano l'abbandono. La matematica non mente, si stima che 4.2% dei 51,5 milioni di coreani siano stati allevati in istituzioni statali o mandati in adozione. I veri problemi vengono sorvolati quando le emozioni vengono usate sui fatti. Il motivo principale per cui le madri sudcoreane regalano i propri figli è perché non ci sono programmi di assistenza sociale né diritti civili che supportano i genitori single in Corea del Sud. Un genitore single riceve in media 70.000 won (US$84) per figlio al mese rispetto agli 1,1 milioni di won che vengono spesi per ogni bambino in un orfanotrofio e questa disparità aiuta a spingere le madri disperate ad abbandonare i propri figli. 

Se il sostegno andasse alla madre invece che alle istituzioni, il lato dell'offerta in Corea si prosciugherebbe da un giorno all'altro.

Nonostante queste leggi perverse, il numero di bambini nei centri di assistenza che ospitano gli orfani è diminuito notevolmente. Nel 2015, il numero di bambini assistiti dallo Stato è sceso a 12.821 da 17.517 nel 2006, ovvero un calo di 26,8%. Molte organizzazioni cercano di indicare il fatto che la Corea del Sud ha spedito 200.000 bambini in altri paesi come indicatore di una grande offerta di bambini disponibili per l'adozione, ma qualcuno mostra la ricerca per questo? No, perché così facendo capiremmo che non c'è una grande offerta in Corea del Sud.

Joel LA Peterson è il pluripremiato autore nazionale del romanzo, I sogni di mia madre e ha dichiarato in un articolo dell'Huffington Post nel 2015:

"Invece, la mia ricerca suggerisce che molti - forse la maggior parte o tutti - i bambini coreani "abbandonati" erano desiderati e le loro madri hanno attraversato un processo orribile e agonizzante per raggiungere una decisione che dimostrasse che le loro madri si preoccupavano del loro benessere e facevano l'unica cosa che potrebbero dare qualche vantaggio al loro bambino conferendo almeno la cittadinanza coreana”.

Spiega inoltre perché non esiste una curva di offerta in Corea del Sud affermando:

“Recenti sondaggi condotti in Corea indicano che oltre il 90% delle madri single desidera tenere il proprio figlio se le circostanze e la società lo hanno consentito. Sembrerebbe che, in effetti, le madri coreane non siano diverse dalle madri di tutto il mondo. Solo leggi coreane e il peso delle norme sociali coreane”.

Pratiche senza scrupoli riducono i costi di input

I costi delle agenzie di adozione sono molto più bassi per operare nei paesi in via di sviluppo più poveri. I costi operativi potrebbero essere molto più bassi: qualche migliaio di dollari per coprire una fornitura annuale di spese per vitto, alloggio e spese accessorie. Durante l'apice delle vendite di bambini in Corea del Sud c'era una grande disparità nel PIL pro capite tra America e Corea del Sud. Con i minori costi operativi in Corea durante questo periodo di tempo, ciò ha permesso al governo sudcoreano di realizzare maggiori profitti. Il costo potrebbe essere notevolmente inferiore se le pratiche senza scrupoli che sono state spinte dal mercato a portare bambini per l'adozione straniera. Altri vantaggi per l'agenzia di adozione e gli adottanti includono la mancanza di risorse per le famiglie povere per cercare il loro bambino o presentare una petizione al sistema legale se i genitori cambiano idea. 

Gli incentivi per l'adozione fanno crescere i profitti

L'incentivo fiscale americano gioca un ruolo negativo nell'aumentare i costi di adozione. Diversi economisti correlano l'aumento delle tasse universitarie con l'aumento delle sovvenzioni e dei sussidi federali. Ciò significa che per ogni dollaro che uno studente ha ricevuto in borse di studio e denaro gratuito: l'università ha aumentato i costi delle tasse scolastiche e l'importo del debito lo stesso per lo studente. I fondi forniti dal governo non hanno compensato i costi per lo studente. Invece, ciò che ha fatto il sistema è stato aumentare il costo totale delle tasse scolastiche. Non importa quanto questo possa essere sottolineato da economisti e legislatori intelligenti: le persone chiederanno di ottenere più fondi per la loro istruzione attraverso sovvenzioni e sussidi governativi invece di chiedere modi per ridurre i costi delle tasse scolastiche.

Lo stesso problema vale per chi vuole adottare. Il finanziamento è disponibile tramite cancellazioni fiscali, prestiti e sovvenzioni ai futuri genitori, incentivandoli ad adottare.

Non ci sono prove chiare che i costi di input siano aumentati o che i genitori vengano abbinati a bambini migliori a causa di ricerche o processi più estesi. Le spese di adozione specifiche come le spese di adozione, le spese processuali, le spese legali e le spese di viaggio vengono utilizzate come credito d'imposta. Ricorda che un credito d'imposta è un dollaro per dollaro di riduzione dell'imposta federale e non una riduzione del reddito imponibile. Inoltre, il credito d'imposta per l'adozione consente un credito d'imposta di US$13.460 per il bambino adottato. Quindi, c'è da chiedersi, dove vanno a finire questi soldi? Le agenzie di adozione rispondono affermando che gli aumenti dei costi sono causati da normative più severe, tempi di detenzione più lunghi e aumenti dei costi di input (cibo, alloggio, abbigliamento, ecc.).

Una valutazione è stata fatta ai dati finanziari di Holt International per determinare dove i fondi venivano distribuiti in tutto il sistema.

Holt International, così come numerosi siti di sostegno all'adozione, hanno utilizzato la cifra di US$40.000 come costo medio che una futura famiglia spende per ogni adozione. Utilizzando questo per il 2010 sul numero di bambini elaborati per l'adozione in America, l'importo totale delle entrate guadagnate è stato di US$29.560.000. Sottrarre le tasse di adozione Holt International a carico di ciascuna famiglia, la passività totale non registrata è di US$18.756.000, ovvero 63% del finanziamento non è stato contabilizzato.  

UN Washington Post L'articolo afferma che il costo maggiore al di fuori dei costi di agenzia (che sono separati) sono le spese legali che vanno da US$6,000 a $8,000. Gran parte di ciò che Holt e altre agenzie di adozione pubblicano è vago e i registri finanziari cambiano di anno in anno, rendendo difficile determinare dove vengono spesi i fondi e impedendo la trasparenza. Nel 2010, come ha fatto Holt a guadagnare un ulteriore valore di US$14 milioni di entrate quando metà delle entrate proveniva dalle tasse di adozione?

Adotta per tutti i bambini è un'altra agenzia di adozione americana e elencano una ripartizione più ampia dei loro costi. Collaborano con il Società di assistenza sociale orientale per mettere i bambini dalla Corea del Sud in America.

Pistola fumante
Un'altra agenzia di adozioni chiamata Nuovi inizi che si occupa delle adozioni sudcoreane dà un'idea dei maggiori dettagli della loro Costi del programma sudcoreano:

Costo del programma coreano Coordinamento del programma $6,500 per la sponsorizzazione e lo sviluppo del programma; lavorare con ESWS per identificare un bambino e organizzare un'adozione; ricevere un rinvio di un bambino che include lo studio di base del bambino; garantire le informazioni legali del bambino da presentare all'USCIS per l'approvazione dell'immigrazione; deposito dei documenti in Corea per l'approvazione del tribunale e il permesso di emigrazione, stabilendo gli itinerari mentre la famiglia è all'estero per l'udienza di adozione, il collocamento del bambino e il visto di viaggio del bambino. ($2.500 dovuto all'approvazione dello studio a casa; $1.500 dovuto all'accettazione; e $2.500 dovuto alla presentazione del permesso di emigrazione).”
Commissione di agenzia estera e "donazione" $19,500 Per le spese per l'assistenza all'infanzia prima dell'adozione, identificare un bambino disponibile per l'adozione, garantire la necessaria cessazione dei diritti genitoriali, fornire lo studio di base sul bambino, organizzare la finalizzazione dell'adozione e l'immigrazione del bambino (dovuta all'accettazione). 
Costo totale del programma coreano $26.000

Il documento fornito da New Beginnings mostra che gran parte dei costi di adozione viene restituita al governo della Corea del Sud. Non mi piace il termine che usano queste agenzie. Lo chiamano donazioni e questo significa che i fondi non sono stati contabilizzati. Le agenzie sudcoreane devono essere trasparenti sui fondi ricevuti e su come vengono spesi i fondi. Indipendentemente da ciò, questa è la quantità di finanziamento che avrebbe potuto contribuire all'economia coreana: pagare gli stipendi per l'elaborazione dei documenti, il costo delle cure per i bambini e altre spese. Farò riferimento a questi numeri durante lo studio come la tassa e la donazione dell'agenzia straniera.

Esempio di caso Holt
È quasi impossibile ottenere valutazioni reali dai rendiconti finanziari online di Holt. La maggior parte degli anni, Holt pubblicherà un numero totale di bambini adottati in America dividendo il numero tra adozioni fatte dal paese d'origine e adozioni nazionali. A causa dei dati limitati devo fare alcune ipotesi. Presumo che la maggior parte dei costi sarà trasferita alle famiglie americane e che la maggior parte dei costi sarebbe per i bambini nati all'estero, cioè le adozioni nazionali dovrebbero essere più economiche da elaborare.  

Nel 2007, Holt ha elencato le adozioni nazionali e internazionali in America separatamente e se togliamo la cipolla, i costi complessivi per le adozioni internazionali aumenterebbero se tagliassimo fuori dall'equazione le adozioni nazionali. Ho utilizzato i dati del 2007 per calcolare il nuovo costo: 59 adozioni nazionali e 561 estere e questo implica che circa 10% di tutte le adozioni Holt, per un anno medio, sono domestiche.  

Il Federal Adoption Tax Credit è stato emanato nel 1997. Non ho dati sufficienti per determinare se la legge ha aumentato questi costi. Avrei bisogno di guardare i rendiconti finanziari che risalgono ai primi anni '90 per fare una valutazione accurata, ma ciò non significa nemmeno che questi dati siano totalmente inutili. Innanzitutto, la quota di adozione per bambino internazionale è vicina a quanto riportato da altre fonti. L'aumento dei ricavi operativi totali suggerisce che i costi vengono trasferiti ai potenziali genitori, il numero di adozioni non sta aumentando in modo drammatico e i fondi operativi annuali sono aumentati di anno in anno, nel complesso. Ciò potrebbe essere dovuto all'inflazione di 2-3%. 

Le relazioni annuali elencano anche le aree in cui le agenzie di adozione stanno lavorando attivamente. Possiamo vedere numerose tendenze. In primo luogo, vanno costantemente in aree economicamente depresse per ottenere questi bambini. Vediamo dove stanno concentrando la loro attenzione e possibili modelli di abuso. Ad esempio, negli ultimi anni alle agenzie di adozione è stato vietato fare affari in Russia e Guatemala a causa di abusi percepiti o reali all'interno del processo di adozione. Nel complesso, si può presumere che la politica stia funzionando bene nell'incoraggiare gli individui ad adottare. Tuttavia, altre fonti sottolineano che il programma sostiene le adozioni straniere e non aiuta il sistema di affidamento domestico.   

Una recente ricerca di Child Trends utilizza i dati del 1999-2005 del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti per determinare chi beneficia maggiormente del credito. Nella sua sintesi del rapporto, l'autore Rob Geen rivela che:

  • La stragrande maggioranza dei beneficiari del credito d'imposta per l'adozione ha completato adozioni private o straniere piuttosto che adozioni da affidamento.
  • Il credito d'imposta sostiene in modo sproporzionato le famiglie a reddito più elevato.
  • Il credito d'imposta sostiene principalmente l'adozione dei bambini più piccoli.
  •  Quasi tutte le adozioni straniere sono state supportate dal … credito d'imposta, ma solo una su quattro l'adozione in affidamento.

Dimensione stimata del settore delle adozioni

Il processo di adozione non è diverso da altri programmi in cui l'assistenza federale aumenta la ricchezza di coloro che li gestiscono. Insieme alla crescente domanda di adozioni internazionali, l'assistenza federale agisce per gonfiare i costi e consente a coloro che gestiscono i programmi di diventare più ricchi. 

Sono andato all'Ufficio degli affari consolari del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti per ottenere il numero medio di adozioni internazionali all'anno. Il sito ha un database che elenca il numero totale di adozioni come 271.833 dal 1999-2017. Ho preso l'anno medio di circa 15.101 adozioni all'anno e l'ho moltiplicato per il costo medio di adozione internazionale di Adoption.com di US$35.000 per determinare la dimensione del mercato americano. è US$529 milioni di dollari all'anno. Ciò non tiene conto di spese legali, spese mediche, costi di consulenza e costi di immigrazione. Inoltre non tiene conto di tutti gli altri paesi sviluppati che adottano all'estero. Diversi siti stimano che il numero di adozioni in Europa e in tutti gli altri paesi sviluppati sia uguale a quello dell'America. Perciò, l'intero settore delle adozioni internazionali vale almeno un miliardo di dollari USA all'anno.

Ulteriori letture
Articolo di Harvard Law: Adozione internazionale, riflessioni sulla questione dei diritti umani
Sito di infertilità dei CDC
La Nuova Repubblica: il problema del movimento di adozione cristiana
Christian News Now: gli evangelici respingono i tagli al credito d'imposta per l'adozione e vincono
Adoptionnetwork.com Statistiche sull'adozione
Washington Post: perché è così costoso adottare un bambino?
Huffington Post: I fatti sorprendenti dietro l'abbandono dei bambini in Corea
Today Online: la Corea del Sud ha stabilito adozioni internazionali inverse di politiche vecchie di decenni
AAC (Agenzia per le adozioni) Costi per l'adozione coreana
New Beginnings (Agenzia per l'adozione) Riepilogo delle commissioni in Corea
Dipartimento di Stato degli Stati Uniti: Statistiche sulle adozioni internazionali
Wikipedia: costi di adozione

Le attuali motivazioni per le adozioni non hanno senso

In realtà ci sono stati due periodi di punta in cui i bambini sono stati adottati fuori dalla Corea del Sud e si sono verificati durante gli anni '70 e '80. Non vi era alcuna correlazione tra i tassi di adozione rispetto al PIL pro capite. Se questo fosse vero, allora ci si aspetterebbe che più bambini vengano esportati durante la crisi del FMI nella seconda parte degli anni '90, tuttavia ciò non si è mai verificato. Si potrebbe obiettare che il fattore chiave potrebbe essere stato la dimensione della famiglia. Questo si potrebbe dire per i bambini nati negli anni '70. La dimensione media della famiglia conteneva 4,53 bambini per famiglia.

Il tasso di natalità della Corea del Sud si stabilizza vicino al tasso attuale che è inferiore a 2 bambini per famiglia intorno al 1982. Tuttavia, un gran numero di bambini veniva ancora adottato per quasi 8 anni dopo che il tasso di natalità era sceso al di sotto di 2 per nucleo familiare.  

Una spiegazione migliore per le adozioni ha a che fare con il fatto che la Corea del Sud è una società patriarcale. Se una donna sudcoreana perde il sostegno del suo partner, viene evitata e ridicolizzata dalla società. Non ha un sistema di supporto a cui rivolgersi e le viene data una sola opzione per dare a suo figlio una possibilità di lotta: l'adozione.

Wikipedia afferma:
“Le statistiche dimostrano il successo dei programmi educativi nazionali della Corea del Sud. Nel 1945 il tasso di alfabetizzazione degli adulti era stimato al 22%; nel 1970 l'alfabetizzazione degli adulti era dell'87,6 percento[41]e, alla fine degli anni '80, le fonti lo stimavano intorno al 93 per cento”.  

In un periodo relativamente breve, la Corea del Sud ha notevolmente migliorato il proprio sistema educativo, il che ha significato che un numero maggiore di donne è entrato all'università. L'età in cui le donne hanno partorito negli anni '70-'80 era quella delle madri di 20-24 anni ed è da qui che proveniva un gran numero di bambini in adozione. Il numero di bambini nati in questo segmento è diminuito drasticamente dopo gli anni '80. Ciò era in gran parte dovuto a 2 fattori: in primo luogo, la uso della tecnologia ad ultrasuoni determinare il sesso del bambino ed eseguire aborti mirati su feti di sesso femminile; e in secondo luogo il aumento dell'uso di contraccettivi e aborto dalle donne in Corea del Sud.

Questo spiega anche l'alta percentuale di ragazze sudcoreane date in adozione durante questo periodo. Molto probabilmente, le donne più povere che non potevano permettersi di abortire o usare contraccettivi sono state costrette a rinunciare al loro bambino a causa delle pressioni sociali. 

“Gli squilibri nel rapporto tra i sessi alla nascita nel sud-est e nell'est asiatico sono aumentati soprattutto dopo la metà degli anni '80. Studiamo come la tecnologia ad ultrasuoni ha influenzato i rapporti tra i sessi alla nascita in Corea del Sud, un paese con una forte preferenza per i figli. Tra il 1985 e il 1995 gli screening fetali ei servizi per l'aborto erano ampiamente disponibili, sebbene non disponibili negli anni precedenti e vietati negli anni successivi”. (Fonte: Articolo NIH)

Come mezzo diretto per evitare nascite indesiderate, in particolare dopo il fallimento contraccettivo, l'aborto indotto è gradualmente aumentato in Corea del Sud, specialmente tra le donne urbane (Choe e Park, 2005Stefano, 2012). Nel 1970, l'aborto era diventato una pratica comune con più di 40% di donne che riferivano di aver avuto un aborto indotto per interrompere gravidanze indesiderate e questo tasso è salito a oltre 50% negli anni '80 (Chun e Das Gupta, 2009). Gli aborti erano facili da ottenere nelle cliniche di tutto il paese e le operazioni erano sicure, economiche e completate senza resistenza sociale nonostante l'illegalità della procedura (Tedesco, 1999).

Adozione utilizzata per evitare costi

Quale potrebbe essere un altro driver per la Corea del Sud per vendere i propri figli? Credo che dobbiamo davvero guardare agli incentivi economici. Il primo incentivo economico è l'elusione dei costi. La Corea del Sud ha perso i costi per crescere i bambini negli istituti dall'età in cui entrano nel sistema fino all'età adulta. Bisogna ricordare che la crescita economica in Corea del Sud è stata estremamente elevata e la crescita media tra il 1970 e il 1990 è stata di 18,7% ogni anno. Immaginate l'importo che il governo dovrebbe sostenere mentre i costi di salari, cibo e alloggio continuano ad aumentare di tale importo ogni anno? 

Ho misurato la crescita considerando il PIL pro capite come indicatore. Ho calcolato che il costo per ospitare, nutrire ed educare un bambino in un istituto sarebbe costato più di una famiglia, dato che i bambini hanno bisogno di cure 24 ore su 24. Ho usato il costo di 40% del PIL pro capite di un dato anno come costo per crescere il bambino per quell'anno. I costi potrebbero effettivamente aumentare se si tiene conto del maggior costo del lavoro per prendersi cura di neonati e bambini con bisogni speciali. Ho anche stimato che il bambino medio ha trascorso 16 anni all'interno dell'istituto. È stato ipotizzato che l'età media del bambino inviato alle istituzioni coreane fosse di 2 anni.

Il costo totale per il governo sudcoreano in termini di riduzione dei costi per soli 20 dei 62 anni in cui la Corea ha esportato bambini (1970-1990) è stimato intorno a US$6,4 miliardi!

Questa è la prova che la Corea del Sud aveva un motivo economico per svendere i suoi figli e supporta questa teoria dell'elusione dei costi. La Corea del Sud spende molto meno denaro in programmi di assistenza sociale rispetto ad altri paesi dell'OCSE, il che significa che ha più fondi per altri programmi come la ricerca e lo sviluppo e l'esercito. 

Nel suo libro del 2010, Kim Rasmussen ha detto: il causa ultima del numero di adozioni fuori dalla Corea del Sud nel 2010 è stato La mancanza di spesa della Corea del Sud per il suo sistema di assistenza sociale. Rasmussen ha anche condiviso che gli altri paesi OCSE-30 hanno speso in media 20,61 TP1T del loro PIL in prestazioni di assistenza sociale, mentre la Corea del Sud ha speso solo 6,9% del suo PIL in prestazioni di assistenza sociale. Rasmussen ritiene che la promozione delle adozioni domestiche da parte della Corea del Sud non affronti il cuore del problema e che la Corea del Sud dovrebbe aumentare la spesa per le prestazioni sociali.[50]

Adozione come generatore di entrate

Nei grafici seguenti, stimo il costo medio per la tassa e la donazione dell'agenzia straniera come stato stazionario (US$19.500 per bambino) volte il numero di adozioni all'anno in Corea del Sud. Confronto le entrate in termini di PIL pro capite e ho determinato che nel 2015, quando è stato scritto l'articolo, il costo è di circa 35% del PIL pro capite in America. Ho quindi preso quella percentuale e l'ho calcolata in base al PIL pro capite americano dichiarato per ogni anno corrispondente. Ho preso le informazioni e le ho confrontate con il costo e il numero di barili di petrolio utilizzati in Corea per determinare quanto l'adozione avrebbe potuto avere un impatto sull'economia sudcoreana (se presente). La tassa e il PIL della Corea del Sud sono stati confrontati per determinare la forza dell'economia e se ha avuto qualche effetto sul numero di adozioni. Non sembra esserci alcuna correlazione.

Il prezzo adeguato ai dollari odierni del programma di adozione totale dal 1970 al 1990 ha fruttato alla Corea del Sud un fatturato di US$3,1 miliardi, con una media di US$157 milioni all'anno.

Per comprenderne l'entità e l'impatto, l'equivalente di un programma in America che è più di 6 volte la dimensione della Corea del Sud, il reddito guadagnato svendendo i suoi figli sarebbe l'equivalente del costo della lotta all'AIDS in Africa. In quel programma l'America ha speso circa US$1 miliardi all'anno. Oppure potresti equiparare l'importo al cittadino americano Programma pranzo dopo scuola per l'intero paese che ha sfamato i bambini impoveriti affamati.

La linea gialla nel grafico (sopra) prende la tariffa e la donazione dell'agenzia straniera rettificate per il numero di bambini adottati ogni anno. La maggior parte dei fondi è andata al governo sudcoreano come profitto sopra la linea. Sono stati pubblicati articoli che affermano che il governo sudcoreano ha guadagnato denaro dall'adozione, come ad esempio Questo articolo sull'adozione internazionale dei bambini sudcoreani in Wikipedia.

Un articolo del 1988 originario di il progressista e ristampato in Eredità del cucciolo di libbra dice che il governo sudcoreano ha fatto quindici-venti milioni di dollari all'anno dall'adozione di orfani coreani in famiglie di altri paesi. L'articolo del 1988 dice anche che l'adozione di orfani fuori dalla Corea del Sud ha avuto tre effetti: ha risparmiato al governo sudcoreano i costi della cura degli orfani coreani; ha sollevato il governo sudcoreano dalla necessità di capire cosa fare con gli orfani e ha ridotto la popolazione.[5]

Penso che la quantità di entrate guadagnate dall'esportazione di bambini sudcoreani sia stata sottovalutata!

Ulteriori letture
Considerandoadoption.com: processo di adozione della Corea del Sud, costi, agenzie di adozione

Mancanza di trasparenza da parte delle agenzie di adozione

Confronto tra i salari degli Stati Uniti e il costo medio di adozione, utilizzando la regressione basata sui costi noti

A causa della mancanza di trasparenza, non esiste un metodo esatto per calcolare le entrate che il governo sudcoreano ha realizzato durante il processo di adozione. Holt e altre agenzie di adozione che operano fuori dalla Corea del Sud dichiarano i loro rendiconti finanziari su base annuale e se gli importi sono inferiori alla transazione di adozione media, si potrebbe presumere che la differenza sia data al governo sudcoreano. I problemi che rendono difficile la trasparenza sono che le agenzie di adozione come Holt cambiano i loro bilanci su base frequente e solo una frazione delle società di adozione condivide i loro bilanci con il pubblico.

Il grafico seguente mostra un confronto tra la crescita del PIL della Corea (linea grigia) rispetto al profitto realizzato dall'adozione (linea blu), i cambiamenti nell'uso del petrolio (arancione) e l'aumento delle entrate fiscali (gialla) nel tempo.

Si è confrontato il costo dei barili di petrolio utilizzati nel ventennio. La quantità di denaro realizzata nelle vendite di adozione rimane al di sopra, o al livello del petrolio utilizzato, quando si utilizza il numero di stato stazionario ($6000/adottato) e aumenta notevolmente quando si applica la commissione e la donazione dell'agenzia straniera ($19.500). La linea blu crescerebbe di tre volte. 

Ulteriori letture
L'uso storico del petrolio della Corea del Sud
Prezzi storici del petrolio

La Corea del Sud non aveva motivo di vendere i suoi figli

Svendere economicamente i bambini tramite l'adozione internazionale è stata una mossa suicida perché la popolazione alla fine è scesa al di sotto di 2,1 bambini per famiglia. Nei paesi sviluppati, la fertilità sub-sostitutiva è comunque inferiore a circa 2,1 bambini nati per donna, ma la soglia può arrivare fino a 3,4 in alcuni paesi in via di sviluppo a causa dei tassi di mortalità più elevati. Andare al di sotto di questo numero si tradurrà nella situazione attuale che la Corea del Sud deve affrontare e cioè un tasso di fertilità sub-sostitutivo.  Ciò si è verificato intorno all'inizio o alla fine del 1982.

Teorizzo che il rapido calo dei tassi di fertilità in Corea del Sud sia avvenuto per due motivi:

  1. Culturale: era inaccettabile per le donne avere figli se non erano sposate. Quel segmento è rapidamente scomparso (dai 20 ai 24 anni) a causa della contraccezione e dell'uso dell'aborto. Devo sovrapporlo per vedere se altri bambini vengono cresciuti negli orfanotrofi. La Corea del Sud rende troppo facile per i genitori scaricare i figli e scappare.
  2. Qualcuno (o il governo) stava guadagnando economicamente dalla vendita all'ingrosso di bambini: se facciamo la media del profitto negli anni di $5000 x 200.000 bambini il profitto sarebbe equivalente a US$1 miliardi di dollari.

Nel 1980 il PIL della Corea del Sud era di $68 miliardi, il che dimostra che la vendita all'ingrosso dei suoi figli avrebbe contribuito in modo significativo alla crescita economica del paese. Ci deve essere un documento sudcoreano da qualche parte equivalente a quello tedesco Soluzione finale. Invece dell'eradicazione, la Corea del Sud aveva un piano per l'esportazione di massa dei suoi figli.

Dopo il 1988, c'è stato un forte calo delle adozioni internazionali dopo le Olimpiadi di Seoul. Questa è una data importante, poiché molte nazioni stavano castigando la Corea del Sud per l'esportazione dei suoi figli. Sentendo questa pressione, la Corea del Sud ha immediatamente ridotto il numero di adozioni all'anno di 75%.  

Ulteriori letture
Ricerca sul tasso di fertilità sub-sostituzione in Corea del Sud

Cala il numero dei bambini istituzionalizzati e delle adozioni 

 Con il recente passaggio di leggi e severi requisiti per l'adozione, il numero di bambini esportati dalla Corea del Sud per l'adozione è diminuito drasticamente negli ultimi dieci anni. In numerosi studi, noto la statistica che L'America ha accolto quasi la metà delle adozioni in tutto il mondo.

Un diario online La conversazione articolo afferma che le adozioni internazionali sono diminuite del 72% dal 2005 e cita:

“Negli ultimi decenni anche Corea del Sud, Romania, Guatemala, Cina, Kazakistan e Russia – tutti ex leader nelle adozioni straniere – hanno vietato o ridotto i trasferimenti di affidamento internazionali. Nel 2005, quasi 46.000 bambini sono stati adottati oltre confine, di cui circa la metà si sono diretti a una nuova vita negli Stati Uniti. Nel 2015 le adozioni internazionali erano diminuite del 72%, a 12.000 in totale. Solo 5.500 di questi bambini sono finiti negli Usa, il resto in Italia e Spagna”.

Inoltre, è diminuito anche il numero di bambini inviati negli orfanotrofi in Corea. Guarda questo articolo che cita:

“Nel 2015, il numero di bambini che soggiornano nei centri di assistenza che si occupano principalmente di orfani è sceso del 26,8 per cento a 12.821, dai 17.517 del 2006”. 

I genitori adottati stanno morendo rapidamente

Durante i primi anni '70, i tassi di fertilità in Corea del Sud e il rapporto per le donne che partorivano erano un terzo nella fascia di età compresa tra la prima e la metà dei vent'anni, un terzo tra la metà e la fine degli anni '20 e un terzo tra i trent'anni o più. Con il progredire della Corea del Sud, il numero di donne nel segmento più giovane è diminuito notevolmente. Il mio grafico iniziale sopra mostrava potenziali linee di età e presumeva che il padre avesse in media un paio di anni più della madre.

Ho anche trovato un articolo sull'aspettativa di vita che è aumentata di quasi 20 anni dagli anni '70 a oggi. La linea rossa orizzontale tratteggiata nel grafico sopra rappresenta i cambiamenti nell'aspettativa di vita e si fonderà con l'età media dei genitori. L'aspettativa di vita è aumentata ed è rimasta di circa 84 anni dalla metà degli anni '80 ad oggi. Laddove la linea tratteggiata rossa verticale incontra la linea tratteggiata orizzontale mostra un'alta probabilità che i padri siano deceduti e dove la linea tratteggiata gialla e la prima linea tratteggiata rossa si incontrano, vale anche per le madri. Ho anche calcolato le età in base al numero di adottati adottati per gruppo di anni e stimato, utilizzando le attuali tabelle attuariali, che più di 2.000 genitori muoiono ogni annoCirca un terzo di tutti i genitori biologici degli adottati è già morto ed è fondamentale che gli adottati effettuino le ricerche il prima possibile se vogliono trovare i genitori vivi.

In conclusione

I soldi spesi per l'adozione internazionale dei bambini sudcoreani avrebbero fatto di più per sostenere le madri single, impedito la separazione dei bambini dall'ambiente circostante e impedito inutili esternalità negative sperimentate attraverso l'adozione. La Corea del Sud avrebbe potuto utilizzare i finanziamenti per avviare i suoi programmi di assistenza sociale come i programmi di formazione del Canada che insegnano alle madri come allevare i propri figli, affrontare lo stress e consentire loro di diventare genitori single produttivi.  

I problemi che devono affrontare molti 3rdi paesi del mondo non riguardano una cattiva genitorialità ma piuttosto una situazione di una mancanza di risorse. Se una madre non può permettersi di provvedere a suo figlio, farà di tutto per garantire che suo figlio abbia una vita migliore. Pochi individui vedono le azioni altruistiche di madri disperate. Queste madri sono disposte a regalare i propri figli per offrire loro una vita migliore. Inoltre, nessuno ha detronizzato i modi arcaici di fare affari e di gestione della governance in Corea del Sud. Diritti e leggi vanno a proteggere gli stessi uomini patriarcali che detengono le chiavi del potere in Corea del Sud. Nulla viene fatto per provvedere ai milioni di donne e bambini rimasti vulnerabili quando l'uomo decide di abbandonare la famiglia. Non viene fatto nulla per garantire il mantenimento dei figli e una rete di sicurezza sviluppata da un governo che sceglie di nascondere la testa sotto la sabbia, invece di affrontare i problemi che li affliggono da oltre 5 decenni.

“Sebbene le donne coreane stiano partecipando di più al mercato del lavoro rispetto agli anni precedenti, il divario nel livello di occupazione tra uomini e donne, indipendentemente dal loro livello di istruzione, è enorme. Infatti, il divario di genere è più ampio tra coloro che hanno un'istruzione terziaria rispetto a quelli con solo istruzione preprimaria e primaria; e la Corea del Sud è l'unico Paese OCSE che mostra un tale effetto”. (Fonte: OCSE)

Di Jayme

Caro Straniero

Una lettera che ho scritto al mio padre adottivo

L'ultima volta che ho chiamato a casa, mio padre adottivo mi ha chiesto di venire a trovarmi. Ho parlato con mia sorella biologica che è cresciuta con me e mi ha detto che l'ultima volta che è stata a casa, il nostro padre adottivo si è scusato con lei. Immagino che farà lo stesso quando tornerò a casa. A differenza di mia sorella, non posso accettare le sue scuse vuote e permettergli di vivere la sua vita come se nulla fosse accaduto. Voglio affrontare i maggiori torti che mi ha fatto, cose che ho sempre voluto sollevare ma che non ho mai avuto il coraggio di fare, fino ad ora.

Caro Straniero

Potresti essere ferito o turbato dal fatto che ti ho chiamato "straniero". Non è fatto intenzionalmente per evocare rabbia, risentimento o animosità. Tuttavia, uso questo termine di proposito. Per me sei un estraneo. Abbiamo avuto contatti minimi durante i 30 anni in cui sono stato da solo. Mi rifiuto di chiamarti padre perché sono un padre e conosco le gioie e i dolori dell'essere padre. Non ti meriti quel titolo. Non hai fatto nulla per costruire questa relazione e io non so nulla della tua vita. Come padre, ho messo al primo posto i bisogni dei miei figli, ho dato loro ogni opportunità di crescere e prosperare e li ho amati incondizionatamente. Sono loro padre e tutti quelli che conoscono i miei figli conoscono anche me.

La tua richiesta di espiazione?
Immagino che chiederai perdono. So che vuoi l'espiazione in cambio di un semplice "Mi dispiace". Come può una sola frase essere una riparazione per i torti che hai commesso, nel corso di molti anni? Non posso darti questo. C'è un detto che si può perdonare ma non dimenticare mai. Così è come mi sento. Quando scrivo di te e di quello che hai fatto – questo non è scagliarsi contro di te, non è fatto per screditarti, non è stato fatto per metterti in imbarazzo … è semplicemente la mia terapia su come vivere il trauma e il dolore che hai instillato in me come un bambino vulnerabile. Questo è ricordare solo una minima parte delle cose che hai fatto a me e mia sorella.

sei tossico ed ecco i motivi per cui so che sei tossico:

  1. Non sei riuscito a fornirmi affermazione e sicurezza
    Nella tua mente quello che hai fatto è stato un amore duro. Ho vissuto tutta la mia vita pensando di essere un fallito, non degno. Questo fallimento e rifiuto percepiti derivano dal tuo rifiuto tossico di fornirmi la giusta dose di sicurezza e affermazione durante i miei anni formativi. Mi sono picchiato abbastanza e non ho più bisogno di conferme da parte tua. So di essere un buon essere umano. So di essere abbastanza intelligente. La lunga lista di successi nella mia vita mi dà questa affermazione – non tu.
  2. Sei stato eccessivamente critico
    Hai disapprovato tutto quello che ho fatto. Non l'ho fatto bene, abbastanza velocemente, o l'ho fatto in modo errato. Hai criticato tutto. Credevi che dovessi imparare a fare le cose correttamente, ma questo mi ha reso un duro critico interiore, al punto che è diventato paralizzante. Mi ci è voluto molto tempo per smettere di essere eccessivamente critico con me stesso. Ricordi la volta che mi hai spinto la faccia in un mucchio di purè di patate perché non riuscivo a pronunciare la parola sugo? Perché è stato difficile per te capire che imparare una nuova lingua da bambino di quattro anni e mezzo era difficile? È stato più frustrante per me che per te.
  3. Mi hai sempre preso in giro
    Mi hai sempre chiamato "stupido" e "fiocco". Hai costantemente scherzato su di me e hai affermato che le mie azioni mi avrebbero condotto a una vita criminale. Non so perché un genitore dovrebbe dire cose così dannose. Non è mai stato divertente per me. Le tue parole sono state offensive.
  4. Hai costantemente giustificato le tue azioni e hai cercato di capire che ero io il problema
    Hai distorto il comportamento normale per renderlo sbagliato, per adattarlo ai tuoi pensieri e alle tue convinzioni. Ricordo tutte le volte che mi hai fatto leggere le scritture bibliche e mi hai dato lezioni sul perché le mie azioni erano sbagliate. Ero un ragazzo dannatamente bravo e non avevo ossa cattive o cattive nel mio corpo. Eppure, ai tuoi occhi, fare uno spuntino era rubare. Guardare la TV era malvagio. Ascoltare musica era malvagio. Come hai fatto ad avere una logica così contorta per due bambini piccoli affidati alle tue cure? Pensavi anche che fosse normale che altri bambini facessero le stesse cose che tu hai negato a noi.
  5. Non mi hai mai permesso di esprimere emozioni
    Se ho espresso un'opinione diversa, l'hai chiamata "rimpiazzamento" e spesso hai misurato una qualche forma di punizione. Non hai mai considerato i miei sentimenti o il modo in cui percepivo il mondo o la situazione. Ancora più dolorosi erano gli schiaffi che dovevo sopportare da tua moglie ogni volta che percepiva che stavo rispondendo. Ho dovuto sopprimere le cose che volevo condividere con te come mio genitore. Il bullismo che ho sopportato durante tutto il liceo e il razzismo che ho sentito dalla comunità in cui ho vissuto. Ho soppresso queste cose perché non volevi affrontare questi problemi. Quando si verificava il razzismo, il tuo consiglio era di "ignorarlo!"
  6. Hai usato il senso di colpa per manipolare
     Ricordo la lettera che hai condiviso con me che è stata scritta da Philip. Diceva che ero un bambino indisciplinato perché non mi sedevo fermo e ascoltavo le sue istruzioni. È incredibile per me che tu abbia preferito ricevere istruzioni da un uomo che non ha mai avuto figli suoi. Hai usato quella lettera per giustificare quello che hai fatto e hai usato manipolazioni come quella lettera per farmi sentire vergogna, colpevole e inutile. Hai usato le parole e la tua religione per farmi sentire in colpa per essere un bambino.
  7. Hai anteposto i tuoi bisogni e desideri ai miei
    Le tue priorità riguardavano sempre le attività che gestivi. Volevo fare sport, ma non mi era permesso partecipare. I boy scout e molte altre cose a cui volevo partecipare erano sempre accantonate. Ero visto solo come lavoro da schiavo e non mi era mai permesso di perseguire cose che mi interessavano.
  8. Non hai mai stabilito confini sani
    Non avevo spazi sicuri per essere la mia persona. La mia stanza era aperta per l'ispezione in qualsiasi momento. Le "trappole" che sono state tese per sorprendermi a fare qualcosa di "sbagliato" che qualsiasi altro genitore avrebbe ritenuto normale erano il tuo modo di dimostrare che ero un bambino cattivo. Le tattiche utilizzate erano le stesse tattiche usate dai nazisti per intrappolare e catturare gli ebrei durante la seconda guerra mondiale. Sentivi che ogni aspetto della mia vita era aperto al ridicolo e che non avevo un posto sicuro in cui prosperare. Ho sempre avuto paura da bambino. Ho vissuto nel timore di rappresaglie e non ho mai avuto alcuna privacy. Non sono mai stati fissati confini sani.
  9. Ci hai reso responsabili della tua stessa felicità
    Tua moglie mi ha costretto a pulire i bagni. Sono stato costretto a pulire la tua sporcizia. Mi è stato chiesto di massaggiare i piedi, la schiena e le spalle di tua moglie a sua completa disposizione. Mi è stato detto che le mie azioni erano le ragioni per cui eri infelice e infelice, perché non riuscivo a fare niente. Da bambino, non è mai stata mia responsabilità rendere felici te o tua moglie.
  10. Eri un maniaco del controllo
    Sono stato punito per aver giocato con altri bambini in palestra mentre tu giocavi a basket. Sono stato sgridato. Mi è stato detto di stare fermo e guardare la partita. Non mi era permesso avere un'opinione. Mi è stato detto: "I bambini dovevano essere visti e non ascoltati". Quando volevo una bibita, mi costringevi a bere latte ad ogni pasto. La maggior parte degli asiatici è intollerante al lattosio, ma a te non importava. Ci hai costretto a bere litri e litri di latte.
  11. Mi hai derubato della mia infanzia
    Quando mai mi è stato permesso di avere amici a casa? Quando mi è stato permesso di stare a casa dei miei amici? Dove erano i viaggi a Disneyland oi posti dove i bambini vogliono andare? Mi hai detto di crescere ed essere un adulto quando ero solo un bambino. Al mio dodicesimo compleanno, mi hai detto che "non ero più in grado di mangiare fuori dal menu dei bambini" e che dovevo iniziare a comportarmi come un adulto. Tutta la mia infanzia è stata piena di ricordi di alzarsi presto la mattina e andare al lavoro. Ballando il fieno sotto il caldo sole estivo fino allo sfinimento. Essere coperti dalla testa ai piedi di polvere sporca e lasciati fare la doccia solo una volta alla settimana. Dov'era l'infanzia spensierata e senza preoccupazioni? non ne avevo.
  12. Non sei mai stato il mio avvocato
    Un avvocato è una persona che sostiene o raccomanda pubblicamente una particolare causa o politica. Quello che ricordo è che mi hai minacciato. Hai affermato di avere una buona reputazione nella comunità e nessuno crederebbe a una persona come me. Hai detto queste cose quando ho minacciato di esporre le cose crudeli che hai fatto a me e a mia sorella. Quando volevo andare al college, in effetti mi hai detto di trovare un modo per farlo da solo. Non avevi alcun interesse a rendermi una persona migliore. Non sei mai stato presente a nessun traguardo o data importante della mia vita adulta. Non sei mai stato presente al mio matrimonio, alla nascita dei miei figli, alla laurea, al giuramento da ufficiale e alle dozzine di altre importanti pietre miliari della mia vita. Posso contare da una parte il numero di volte che mi hai chiamato nei trent'anni di età adulta. Il vero motivo per cui non hai mai chiamato è che non te ne importava.
  13. Ti mancava l'empatia
    La parola empatia significa che una persona ha la capacità di comprendere e condividere i sentimenti di un'altra. Quando il bullo mi ha scritto in faccia con un pennarello indelebile, cosa hai fatto per assicurarti che non fossi vittima di bullismo? Sono stato vittima di bullismo a causa della mia razza. Sono stato vittima di bullismo per tutto il liceo. Mi sedevo da solo ad ogni pasto nella sala da pranzo. Hai sempre pensato che fossi io il colpevole, che in qualche modo ho commesso un reato. In effetti, hai detto ad altri che sospettavi fossi drogato. Con quali soldi ho comprato la droga? Come avrei potuto procurarmi la droga quando ero isolato a scuola? Sei sempre stato pronto ad assumere il peggio di me. Se ci odiavi così tanto, perché hai adottato?

Riconosci che il tuo comportamento è stato emotivamente offensivo
Puoi riconoscere che hai urlato, chiamato per nome e sminuito? Questo di per sé non è un abuso emotivo. Il tuo tentativo di controllarmi usando l'emozione è comunque la definizione di abuso emotivo. La tua convinzione di saperlo meglio, le tue minacce, insulti, vergogna e critiche hanno danneggiato il mio spirito. Hai anche parlato di me ad altri familiari e vicini in modo negativo per distruggere la mia credibilità e isolarmi dall'essere in grado di raccontare la mia versione della storia. Questo è abuso. Hai permesso a tua moglie di fare continuamente giochi mentali con me e mia sorella: controllare se guardavamo la tv, aggiustare il contenitore del gelato per vedere se ne mangiavamo, la mancanza di privacy, il mettere i fratelli uno contro l'altro un altro. Questo era un abuso emotivo.

Riconosci che le tue azioni sono state fisicamente abusive
Mi hai fatto intenzionalmente avere paura di te. Sentivo che dovevo evitare certi argomenti e stavo camminando sulle uova a causa della tua rabbia. Credevi di avere l'autorità per essere offensivo. Nonostante il tuo esempio di gentilezza, gentilezza e comprensione simile a Cristo, hai scelto di mantenere la mentalità di "risparmiare la verga e viziare il bambino". In effetti, hai fatto riferimento a questo numerose volte quando hai esercitato punizioni corporali su di me e mia sorella. Spesso ci negavi il cibo quando eravamo “cattivi”. Hai usato tecniche di contenimento fisico per pizzicarci e afferrarci per il collo. Il tuo telaio prepotente che è di 6 piedi e quattro pollici era intimidatorio da solo, ma hai sentito il bisogno di usare la forza fisica su di noi frustando, sculacciando usando cinture e cinghie di rasoio. Ci hai incolpato per il tuo comportamento violento. Siamo stati puniti per ogni infrazione minore. Ho sofferto di ipoglicemia e uno dei sintomi è la fame estrema. Non capivo cosa stesse attraversando il mio corpo, ma quando ho mangiato un biscotto per aumentare la glicemia, l'hai considerato un furto. Più tardi, avrei mangiato interi pacchetti di biscotti e avrei gettato l'involucro nel bosco per evitare il ridicolo di essere un "ladro e peccatore" ai tuoi occhi. Infine, il pestaggio che mi hai dato davanti al tester del latte non era giustificato. Era imbarazzante. La tua violenza non è MAI stata giustificata.

Riconosci che mi hai trascurato (noi)
So che credi di volermi bene al meglio delle tue capacità, ma per me questo è il più lontano dalla verità. Hai rifiutato le cure mediche per me e mi hai fatto soffrire in numerose occasioni. Quando ho avuto l'appendicite, hai inventato una storia secondo cui avevo mal di stomaco per aver mangiato le mele dall'albero. Mangiare frutta da un albero in genere non induce vomito e forti dolori addominali, in cui una persona deve essere curva quando tenta di camminare. Hai ignorato la mia salute e mi ha portato a rimanere in ospedale per una settimana con antibiotici per via endovenosa. Quando ho preso la tigna, hai permesso al fungo di diffondersi tra le mie braccia, busto e glutei. È stato "trattato" da mia nonna spalmando un detergente forte sulla mia pelle. La tigna e il detergente hanno lasciato cicatrici sulla mia pelle. Inoltre, ti sei rifiutato di fornirmi vestiti e guanti sufficienti. Ho dovuto lavorare all'aperto a temperature sotto lo zero del Minnesota senza guanti e abbigliamento adeguato. Ho profonde fessure alle mani e le scarpe strette mi hanno causato dolore ai piedi. Quando il piede di un ragazzo fuoriesce dai fori indossati sulle dita dei piedi non è causato dalla negligenza del bambino! Succede perché il bambino ha superato le sue scarpe ed è negligenza da parte tua come genitore. Un bambino non dovrebbe dover chiedere l'elemosina per ricevere guanti per lavorare all'aperto né sopportare ferite sulla pelle perché non sono stati forniti guanti.

Riconoscere di aver rifiutato un bambino per la crescita personale e la realizzazione di sé
Non mi hai mai incoraggiato né circondato di positività. Non mi hai permesso di perseguire cose che mi interessavano. La musica che ascoltavo era "musica del diavolo". Non credo che molte persone chiamerebbero Madonna, The Commodores e Tiffany come "musica del diavolo". Gewirth osserva che “cercare una buona vita umana è cercare l'autorealizzazione”. Puoi onestamente dire che hai fornito una buona vita o infanzia a me e alla mia sorella biologica?

Riconosci che non c'è stata reciprocità
Quando i tuoi genitori avevano bisogno di cose, mandavo i soldi a casa. Ho fatto lo stesso per la madre di tua moglie. Mi hai mai chiesto se avevo bisogno di qualcosa? Quando sei stato ricoverato, sono volato a casa per assicurarmi che stessi bene. Non sei mai volato a casa per stare con me quando ho subito numerosi interventi chirurgici nella mia vita. Quando le persone importanti della tua vita passavano, ho fatto ogni sforzo per volare a casa per mostrare supporto. Ti sei perso tutti i punti importanti della mia vita. Soprattutto non hai mai ricambiato l'amore che ti ho dato da bambino. Ho lavorato duramente per condividere la mia vita. Ho viaggiato per vederti. Ho inviato numerose lettere e telefonate. Non hai. Ci siamo allontanati nel corso degli anni e non ti conosco affatto. Siamo diventati dei perfetti sconosciuti.

Riconosci che hai mentito
Le persone violente non si fermeranno davanti a nulla per assicurarsi di essere viste come la persona "bella". Lo fanno in modo da non dover ammettere le cose cattive che hanno fatto. Da bambino, ho visto la tua disponibilità ad aiutare gli altri. Eri disposto a toglierti la maglietta per aiutare chiunque. Mi stupisce che tu non abbia avuto lo stesso riguardo per me. Ora capisco perché. Hai mentito su di me. Mi hai dipinto come un mostro. Hai dato mezze verità su quello che hai fatto e le ragioni per cui hai fatto queste cose orribili. Ti sei convinto a credere alle tue bugie. Perché una persona dovrebbe dire cose del genere se ama qualcuno? È perché dovevi nascondere questa bugia agli altri.

Riconosci che il tuo fervore religioso è stato distruttivo
“La maggior parte delle principali religioni del nostro mondo presumono ciascuna che sia solo la loro fede la “verità assoluta” e rifiutano di ammettere che quelle tradizioni possano essere errate. Invece, scoprono modi per forzare le informazioni contrastanti ad adattarsi alla loro stessa dottrina”.
Tu, come molti altri aderenti religiosi, non hai problemi a capire l'irrazionalità delle altre religioni, eppure non sei stato in grado di applicare la stessa logica quando sei arrivato alla tua fede. La tua venerata Bibbia ha centinaia di versi in cui istruisce letteralmente le persone a uccidere bambini disobbedienti, uccidere donne disobbedienti, commettere genocidi, sottomettere e mettere a tacere le donne e ridurre in schiavitù le persone. Se uno commettesse uno dei reati oggi, verrebbe commesso, incarcerato e ritenuto malvagio. Hai usato questi messaggi per intrometterti, torturare e ferire me e mia sorella. Hai usato le tue scritture per soggiogare, giustificare la disuguaglianza e per controllare. Non posso credere in una fede così malvagia. Hai vissuto questo male invece dell'amore e dell'accettazione menzionati anche nelle stesse scritture.

È troppo tardi per scusarsi
Hai avuto una vita intera per offrirmi un ramoscello d'ulivo. Hai avuto la possibilità di visitare me e la mia famiglia. Hai avuto la tua occasione per chiamarmi. Non hai fatto nessuno sforzo per far parte della mia vita. È stato detto che “la nostra vita è la somma di tutte le decisioni che prendiamo ogni giorno, e quelle decisioni sono determinate dalle nostre priorità”. Detto questo, non sono mai stata una priorità per te. Da bambino ero ferito dalla tua mancanza di empatia. Da giovane adulto sono rimasto ferito dalla tua mancanza di interazione. Non mi aspettavo che mi facessi la tua priorità, speravo, tuttavia, che tu fossi lì quando avevo bisogno di te. Non è stato così e ho imparato che non ho bisogno di una persona che mi è stata estranea per tutta la vita. Il meglio che possiamo essere è... a parte.

A proposito di Jayme

La mia storia del DNA

DNA Breve Hansen Short 2018

Fare clic sul collegamento sopra. Ti verrà quindi chiesto di APRIRE o SALVARE il file. Se vuoi guardarlo, fai clic su APRI. Se vuoi conservare il file, fai clic su SALVA.

Questa è una presentazione di Microsoft PowerPoint con l'audio inserito nella maggior parte delle pagine.

Fare clic sul simbolo dell'altoparlante al centro della pagina e premere il pulsante di riproduzione.

Lo spettacolo in powerpoint riguarda la mia storia del DNA. Come sono diventato quello che sono oggi. Come ho ottenuto il gene britannico? Giapponese? Cinese? E coreano? È una coincidenza che il mio compleanno e il compleanno di mia sorella siano atterrati nelle festività coreane che celebrano il movimento di liberazione giapponese?

Uso il mio background in biologia e storia per spiegare come penso di essere diventato quello che sono oggi. Il download richiede circa 1-2 minuti. La dimensione del file è 39,5 MB.

Godetevi la presentazione!

Jayme Hansen

 

L'altra metà lasciata indietro

Molti adottati sono stati mandati negli orfanotrofi prima di essere adottati e molti non ricordano le esperienze vissute prima di essere mandati nelle loro case per sempre. Un tempo, noi adottati potremmo aver iniziato lo stesso viaggio nella vita di uno dei milioni di orfani collocati negli orfanotrofi. Tuttavia, una scelta fatta da qualcuno in tutto il mondo o per strada ha cambiato per sempre il corso delle nostre vite. Quello che era iniziato come lo stesso percorso nella vita si è biforcato in vite contrastanti.

Ogni anno, milioni di bambini in tutto il mondo rimangono negli orfanotrofi mentre 40.000 bambini vengono trasferiti tra più di 100 paesi attraverso l'adozione internazionale. Da bambini, le nostre vite sono intrecciate e da adulti, le nostre vite si dipanano in gruppi separati e non includiamo gli orfani che rimangono negli orfanotrofi quando parliamo del nostro viaggio. Quando parliamo di orfani che rimangono indietro, immaginiamo il peggio e supponiamo che saremmo stati molto peggio di come siamo ora, come persone adottate. Spero di discutere le possibilità di essere lasciati indietro rispetto al percorso che hanno preso le nostre vite come adottati.

Esistono cattivi orfanotrofi

Negli ultimi 25 anni, ho trascorso migliaia di ore come volontario all'interno di oltre una dozzina di orfanotrofi situati nei 5 continenti. Molti dei luoghi che ho visto erano deplorevoli e le prove mostrano che molti orfani soffriranno di cattive condizioni di salute, avranno cervelli sottosviluppati e sperimenteranno ritardi nello sviluppo e disturbi psicologici. I risultati sono negativi per molti di questi bambini perché avranno capacità intellettuali, comportamentali e sociali inferiori rispetto ai bambini che crescono all'interno di una famiglia. Questi problemi sembrano essere permanenti dopo i tre anni e quasi tutti gli orfanotrofi in cui ho intervistato il personale, l'orfanotrofio era sopraffatto e scarsamente attrezzato per dare l'attenzione individuale necessaria per promuovere lo sviluppo sociale e intellettuale per risultati positivi.

Esistono cattive adozioni

Se vuoi leggere casi di abuso, abbandono e omicidio di adottati, non devi far altro che dare un'occhiata al Eredità del cucciolo di libbra repository che contiene quasi 1.000 storie dell'orrore su abbandono e abusi. Il governo degli Stati Uniti fornisce una stima secondo cui 75% di bambini in affidamento sono stati abusati sessualmente, mentre solo l'8,4% delle indagini del pubblico in generale condotte dai servizi di protezione dell'infanzia degli Stati Uniti è risultato essere il risultato di abusi sessuali. I gruppi Facebook di adozione o la partecipazione a eventi per adottati ti offrono un'esperienza di apprendimento su più storie come la mia, di abbandono e abuso nelle famiglie adottive.

Grandi adozioni possono portare a risultati negativi

Anche quando gli adottati hanno famiglie amorevoli e nutrienti, possono comunque finire con esiti negativi. In un recente studio decennale pubblicato sulla rivista online Pediatria, il loro rapporto affermava che gli adottati avevano 4 volte più probabilità di tentare il suicidio rispetto ai bambini non adottati. Altri studi affermano che gli adottati hanno un tasso di incarcerazione più elevato e soffrono di maggiori problemi di salute mentale rispetto al pubblico in generale. Esistono studi preliminari in Canada e Svezia che mostrano che il danno avviene in utero e comporta conseguenze per tutta la vita con scarsi risultati sulla salute e persino cambiamenti permanenti ai geni.

Nonostante la popolarità dell'adozione, c'è una preoccupazione persistente che i bambini adottati possano essere maggiormente a rischio di problemi di salute mentale o di adattamento.
Margaret A. Keyes, Ph.D., della Università del Minnesotaa, Minneapolis

Esistono grandi orfanotrofi

Ho imparato che non si dovrebbe mai generalizzare alcun gruppo e questo vale anche per gli orfanotrofi. Nel mio viaggio di 2,5 anni come diplomatico in Kenya e come CFO per i laboratori di ricerca medica, mi sono imbattuto in una santa moderna di nome Suor Placida. Suor Placida è una suora scozzese che ha lavorato nella remota cittadina di Kericho, nel Kenya occidentale. Ha vissuto nella zona per oltre 40 anni e si è presa cura delle persone che muoiono di AIDS e ha dato loro sepolture adeguate prima che la malattia venisse identificata.

L'esito della malattia ha lasciato migliaia di bambini orfani e suor Placida ha trovato un programma che ha aiutato i membri della famiglia sopravvissuti a prendersi cura degli orfani. Più tardi, dopo che gli Stati Uniti avevano promesso di fornire miliardi di dollari di farmaci retrovirali gratuiti, ha avviato un orfanotrofio per fornire cibo, medicine e un ambiente educativo in modo che quei bambini di strada avessero le migliori possibilità di sopravvivenza.

Suor Placida ha ampliato il programma e offerto programmi di formazione per stimolare l'imprenditorialità nell'economia locale, nonché opportunità educative attraverso il Vivi con il Centro Speranza a Kerico.

Gli orfani possono avere risultati positivi

Essere adottati non significa necessariamente che la nostra vita sia stata risparmiata. Vedo che molti adottati si aggrappano a questa narrazione anche quando non sanno se questo è vero o no. Penso che molti adottati Sth Coreani avrebbero avuto una vita produttiva e significativa se fossero rimasti in Sth Corea invece di essere adottati. Il mio punto di vista deriva dai miei otto anni di esperienza vissuta nella penisola da adulto e dalle lunghe conversazioni che ho avuto con uno dei principali economisti della Corea del Sud mentre lavoravo con lui in Afghanistan.

L'economia della Corea del Sud è classificata come la quarta più grande in Asia e classificata come l'undicesima più grande del mondo. La Corea del Sud è entrata nelle industrie high-tech ed è diventata un produttore leader di navi, automobili, telefoni cellulari e altri prodotti elettronici di consumo. Attualmente, la Corea del Sud ha la connessione Internet media più veloce al mondo e gode di uno dei livelli di disoccupazione più bassi. Questo non vale solo per la Corea del Sud. Ho saputo di un orfano del Ruanda quando lavoravo in Kenya di nome Immanuel Simugomwa che è diventato milionario in un paese impoverito con l'aiuto di una ONG. Ho sentito numerose storie in tutto il mondo in cui gli orfani prosperavano nel loro stesso paese, nonostante la brutta mano che la vita aveva loro riservato.

Gli adottati possono avere esiti positivi

Uno dei vantaggi che ho nel lavorare per l'ONG per il test del DNA per abbinare gli adottati alle loro famiglie biologiche è incontrare migliaia di adottati in tutto il mondo. La comunità degli adottati è varia quanto il pubblico in generale. Qualcuno che lavora nella mia linea di lavoro è LTG Naja West. È l'attuale chirurgo generale dell'esercito, un generale a tre stelle e l'ufficiale di più alto grado nel dipartimento medico dell'esercito degli Stati Uniti. Anche LTG Naja West è un adottato.

LTG West è uno dei numerosi adottati di successo che ho incontrato. Altri sono musicisti professionisti, attori di spicco, artigiani e autori di fama mondiale, produttori cinematografici e uomini d'affari di successo che gestiscono un'azienda multimilionaria. Gli adottati di successo rappresentano uno spaccato variegato della vita e molti hanno successo nei propri diritti raggiungendo i propri obiettivi.

Non dovremmo impazzire per quello che sarebbe potuto succedere invece di essere adottati. La semplice risposta è che non lo sappiamo e ciò che pensiamo come verità potrebbe essere lontano dalla realtà. Le possibilità avrebbero potuto essere infinite e volevo ricordare ai miei compagni adottati che spesso trascuriamo ed escludiamo gli orfani dall'equazione quando parliamo. Spesso gravitiamo verso la rinuncia, l'adozione e i principali punti salienti dell'adozione.

Condivisione: La mia domanda è: dove ti trovavi prima di essere adottato? Ricordi gli altri bambini o hai qualche ricordo di loro? Dimentichiamo l'altra metà?

Con affetto a tutti i miei compagni adottati e orfani.

Jayme Hansen

Per ulteriori letture:

https://www.livescience.com/21778-early-neglect-alters-kids-brains.html

http://www.scmp.com/news/hong-kong/article/1649441/orphanages-damage-children-life-says-group-founder

https://www.medscape.com/viewarticle/810625

http://edition.cnn.com/2010/HEALTH/04/13/children.adoption.mental.health/index.html

https://www.sciencedaily.com/releases/2008/05/080505162858.htm

https://www.childwelfare.gov/pubPDFs/canstats.pdf#page=2&view=How quante denunce di maltrattamento sono state segnalate e indagate?

https://adoption.com/sexual-abuse

http://www.wvi.org/rwanda/article/vulnerable-orphan-millionaire

Neve Gialla

Sono cresciuto in un caseificio nelle zone rurali del Minnesota. Il Minnesota è uno stato, situato nella regione centro-settentrionale degli Stati Uniti e confina con il Canada. La maggior parte delle persone non sa che il punto più settentrionale dei 48 stati inferiori si trova nel Minnesota. Non dovrebbe sorprendere sapere che il Minnesota è tra i primi dieci stati per essere il più freddo e avere il maggior numero di nevicate. Gli inverni del Minnesota sono noti per scaricare pesanti coltri bagnati di neve effetto lago e le sue temperature gelide.

Se vivi in un clima nordico, ottieni esperienze che solo chi vive in quella regione può capire. Si impara a guardare il tempo la sera prima per sapere se si deve collegare la propria auto in modo che il radiatore non si congeli durante la notte. Impari a raggrupparti in strati sciolti per tenere fuori il freddo. Da bambini impari a non leccare le superfici metalliche quando è sotto zero, altrimenti ti congeli la lingua sull'oggetto leccato. Infine si impara a non mangiare mai neve gialla.

La macchia di paglia che risalta sullo sfondo bianco è la registrazione della presenza di un essere umano o di un animale mentre si liberano all'aria aperta. Questa macchia di senape che viola lo sfondo bianco simboleggia i rifiuti scartati e qualcosa di disgustoso. I rifiuti, ovviamente, vengono buttati perché non hanno valore. La spazzatura è brutta da vedere ed è un pugno nell'occhio per la bellezza che ci circonda. Ci impegniamo molto per nasconderci, buttare via e liberarci dalla spazzatura. Questo è il modo in cui mi sentivo durante la mia infanzia. Ho vissuto un'infanzia in cui mi è stato insegnato che non avevo importanza o valore. Ero il vero vivente che respirava il brutto anatroccolo. Peggio ancora, ero asiatico. Ho simboleggiato quella macchia gialla di urina nella neve.

Il consulente a scuola ha insistito perché facessi un test del QI e anche se ho verificato un paio di deviazioni al di sopra della norma, sono stato inserito in una classe "speciale". Nei 5 anni in cui sono stata costretta a frequentare questo corso, ho fatto amicizia con un ragazzo di nome Raymond. Il pubblico in generale sapeva che Raymond era intellettualmente disabile. Il viso del mio amico sembrava distorto, i suoi pantaloni sembravano ingombranti a causa del pannolino che indossava e la sua andatura potrebbe essere descritta come una camminata incespicante. Molti bambini si prendevano gioco del discorso di Raymond, le sue risposte semplici, lente e confuse erano il peso di molte battute. Mi sono rifiutato di prendere parte alle provocazioni perché ho appreso che Raymond era un essere umano e come me, aveva sentimenti e idee proprie.

Dopo aver trascorso lezioni "speciali" con lui per quasi 5 anni, siamo diventati grandi amici. Ho imparato che Raymond amava collezionare figurine del baseball e che portava in classe caramelle extra da condividere con me. Alcune persone mi hanno chiesto se frequentare questo programma speciale ostacola la mia crescita intellettuale. Forse sì, ma mi ha anche permesso di imparare una preziosa lezione di vita. Ho imparato ad avere compassione per tutte le persone. Nero, bianco, giallo, marrone chiaro, marrone… il colore delle persone non contava. Credo che le persone che hanno una forte rete di supporto possano fare qualsiasi cosa. Niente può limitare un individuo nell'ottenere i propri sogni e obiettivi. Non mi rendevo conto che Raymond e io avevamo molto di più in comune. Come Raymond, anch'io ho dovuto affrontare l'essere diverso, fissato ed etichettato come un estraneo dalla società.

C'era un bambino che mi tormentava sullo scuolabus. Lui era al liceo e io in prima elementare. È iniziato con minacce e poi si è trasformato in pugni allo stomaco. Mi odiava perché ero asiatico. Ho nascosto questa vergogna a me stesso ed è stata esposta quando ha preso un pennarello indelebile e l'ha usato per scrivere "gook" e "chink" sulla mia faccia. Il tormento fisico è continuato quando sono entrato al liceo. Ho sopportato un pugno occasionale, frustate da oratoria e la costante paura di essere picchiato. Un bambino di diversi gradi sotto di me distorcerebbe la mia piccola struttura in un pretzel durante il lungo viaggio sullo scuolabus giallo. Il mio telaio asiatico da 100 libbre di 16 anni sottile e waifish non poteva competere con il suo telaio da 6 piedi e 2 pollici. Era il figlio del contadino nutrito di mais che si divertiva a piegare il mio piccolo corpo in un pretzel nel retro dell'autobus. Sono stato costretto a provare la vergogna da solo. Mi sentivo impotente, evirato e umiliato.

Mi sono sentito ulteriormente castrato quando mi hanno insegnato che non ero databile. Non potevo competere con gli atleti. Erano forti e di bell'aspetto. Non appartenevo ai geek perché almeno erano intelligenti. Ero l'estraneo agli estranei. Essendo cresciuto in un caseificio significava che dovevo tirare il mio peso con le faccende. Dovevo trasportare pesanti ceste piene di mangime attraverso lotti di mangime ricoperti di letame e pulire i recinti dei vitelli ogni mattina. Ero il bersaglio dell'odio quando arrivavo a scuola con un distinto odore di feci di mucca. Ero il bambino puzzolente in classe perché i miei genitori adottivi non mi permettevano di fare la doccia prima di arrivare a scuola. Poi, per aggiungere al danno la beffa, sono stato anche il bersaglio di tutti gli scherzi sulla moda. Indossavo spesso vecchi "di seconda mano", svendita di garage e speciali KMART. Inutile dire che non ero popolare a scuola.

Non solo mi sentivo sminuito, ma mi sentivo anche stupido. Avevo voti bassi. Mi addormentavo spesso in classe e anche di notte quando facevo i compiti. I miei genitori non mi hanno mai aiutato con i compiti e senza un tutor o un compagno con cui studiare, non avevo nessuno da cui imparare. Molte notti fissavo le pagine bianche dei miei libri di testo e mi chiedevo il significato delle opere letterarie o delle semplici equazioni algebriche. Niente aveva senso per me.

La paura ha afferrato le profondità della mia anima. Paura dell'ignoto. Paura per il mio futuro. Più tardi, quando sono diventato adulto, ho imparato il nome proprio della paura che mi impediva di fare qualsiasi cosa. Questa cosa che aveva una stretta sulla mia vita si chiamava ansia. I miei genitori adottivi hanno descritto questo comportamento come debole.

Quando ho superato le mie paure, il mio comportamento potrebbe essere descritto come socialmente imbarazzante. Non sapevo come comportarmi con le persone perché avevo poche interazioni. Altre volte divagavo e restavo incollato a una persona perché ero così affamato di attenzioni. Non importa quale fosse lo scenario, mi sarei comportato in modo inappropriato e i miei genitori mi avrebbero poi rimproverato verbalmente per le mie mancanze. Non ho mai avuto la possibilità di essere un bambino o di fare cose semplici come andare al cinema, guardare programmi TV famosi o uscire con gli amici. Non è mai stata un'opzione. Mi mancavano le capacità personali perché ero isolato. Non avevo identità. Ero semplicemente un ragazzino solo in questo grande mondo.

I miei genitori adottivi non hanno mai pensato di insegnarmi la mia eredità coreana. Non hanno mai pensato di comprarmi un libro sulle mie origini etniche. Quando ho chiesto informazioni, si sono rifiutati di permettermi di guardare i miei documenti di adozione. Mi è stato ricordato che ero americano e mi è stato detto di essere grato. Mi è stato insegnato solo sulle loro radici scandinave. Le questioni razziali che ho sollevato sono state immediatamente respinte. È stata accolta con la domanda su cosa avrei potuto fare per provocare qualcuno o è stato risposto che questa era una parte della vita e dovevo indurire. Lo chiamavano "amore duro".

Quando mi hanno colpito il cane e hanno ululato dalle risate quando il cane ha strappato la mia carne, si suppone che sia stato fatto anche per amore. Non mi sono mai sentito loro figlio. Inoltre, la maggior parte dei genitori non fa queste cose ai propri figli. Inoltre, anche la società non ci considerava una famiglia. La mancata corrispondenza tra grandi e incombenti genitori caucasici e piccoli bambini asiatici sembrava la gigantesca signora barbuta e il nano in uno spettacolo da baraccone da circo. Mi sentivo a disagio a mostrare la mia faccia in pubblico. La gente ci guardava a bocca aperta quando entravamo nella stanza. La nostra stranezza ha dato a dei perfetti sconosciuti il coraggio di avvicinarsi e curiosare nella mia vita personale facendo domande come: "Ehi, ti sposi con la tua stessa specie? Sei cinese? Giapponese? Vietnamita?" Sono stato anche scambiato per nativo americano, messicano ed eschimese. Nessuno in Minnesota sembrava sapere dell'esistenza di un gruppo di persone chiamate coreani. Con tutti questi sguardi interrogativi e strani mi chiedevo da bambino se fossi l'unico coreano rimasto in vita sulla verde terra di Dio?

Un consulente di orientamento nel mio anno di liceo è stato schietto con me quando sono entrato nel suo ufficio per la visita obbligatoria. Ho risposto sinceramente quando mi ha chiesto cosa volevo fare dopo il liceo. Gli ho detto che volevo frequentare l'università e lavorare nel settore sanitario. L'uomo mi disse con voce severa che non facevo parte del college e che avrei rubato un'opportunità a qualcuno più meritevole. Mi chiedevo se avrebbe detto le stesse cose a un ragazzo caucasico con voti bassi? Ha preso in considerazione la mano che mi è stata data da bambino per essere stato vittima di bullismo, spinto al lavoro minorile e una persona a cui era stata tolta a pugni tutta l'autostima? Mi sono sempre chiesto perché non ha mai offerto alcun incoraggiamento. Non è questo che dovrebbero fare i consulenti di orientamento? Per dare agli individui la strada migliore verso gli obiettivi a cui miravano? Come il resto della comunità in cui sono cresciuto, non vedeva alcun valore in me. Ma ho ignorato tutta la negatività che ho affrontato durante la mia infanzia e mi sono concentrato sul raggiungimento di tutto ciò che si diceva impossibile.

Il modo migliore per spiegare la mia infanzia era paragonarla a una prigione. Una piccola, fredda e sporca prigione messicana. Ero isolato dalle persone. Non mi è stato permesso di perseguire cose di cui ero curioso. La mia vita era piena di duro lavoro manuale, miseria, abusi e sporcizia. Nonostante questi inizi e le probabilità statistiche di successo, ho perseverato. Ho seguito un corso di recupero e ho imparato da solo a scrivere frasi semplici. Ho studiato la sera e ho imparato la matematica che non conoscevo. Ho osservato le persone e ho imparato a liberarmi del mio imbarazzo sociale. Mi sono aperto alle possibilità e mi sono innamorato. Dopo diversi tentativi, mi sono sposata e ho avuto due figli meravigliosi. Ho conseguito cinque lauree e due erano lauree presso un'università rispettabile. Ho viaggiato in più di 40 paesi in tutto il mondo. Uno dei paesi che ho visitato è stato il mio paese di nascita e ho trovato la mia famiglia biologica. Ho cenato con presidenti e incontrato dignitari. Posso dire di aver avuto una vita fruttuosa e di aver intrapreso la professione di CFO degli ospedali.

Spero che nel raccontare la mia storia, posso incoraggiare gli altri a prendere provvedimenti per allontanare le loro paure. Ho sperimentato numerosi anni di condizionamento da parte di altri che dicevano che non ero abbastanza bravo, abbastanza forte o capace. Incoraggio tutti a liberarsi dalle catene della violenza, dell'odio e della rabbia. Ho provato tanto quanto loro a spezzarmi e ho raggiunto l'impossibile. Ce l'ho fatta nonostante le probabilità!

Ti incoraggio a dare una possibilità a te stesso. Vale la pena aspettare!

Killdeers coreani

Sono stato allevato in un piccolo caseificio che si trovava ai margini della Red River Valley sul lato del Minnesota. Sono cresciuto in una comunità agricola rurale che era piena di una lussureggiante foresta verde di mais, onde ambrate di grano e punti intermittenti di fattorie ricoperte da fitti alberi decidui. Su queste vaste pianure viveva un curioso uccellino, in termini scientifici, chiamato a Charadrius vociferous. Questi piccoli uccelli marroni insignificanti con zampe lunghe e sottili hanno fatto i loro nidi a terra nei campi e sulla costa in tutto il Nord America. La gente del posto, dove sono cresciuto, chiama questo uccello dal verso in falsetto che fa... uccidi cervi, uccidi cervi. Sono certo che se gli uccelli potessero parlare, prenderebbero in giro le gambe sottili come una matita e il corpo ossuto dell'assassino.

Ciò che rende memorabile questo benigno aspetto esteriore senza lucentezza sono le capacità recitative dell'uccello. Questo uccello finge di avere un'ala spezzata per attirare predatori e intrusi come un cane curioso o bambini piccoli lontano dalle loro preziose uova. È incredibile osservare questi uccelli urlare e sbattere le ali e poi sfrecciare via quando ti avvicini a loro. Gli uccelli meritano un Emmy Award per le loro performance drammatiche. Ho bei ricordi d'infanzia di inseguire questi piccoli amici piumati e sono stato indotto a credere che avessero bisogno di cure mediche. Non ho mai localizzato le uova degli uccelli, ma ricordo di aver visto pulcini piumati lanuginosi che sfrecciavano come un gruppo di scolari che si divertivano nei campi da gioco.

Durante i miei studi ho appreso che gli uccelli killer erano originari del Nord America, quindi sono rimasto sbalordito nel vedere simili buffonate durante i miei viaggi in Corea. All'inizio pensavo che i bambini che salutavano i soldati fossero i bambini normali mentre passavamo nei nostri veicoli cingolati blindati. Pochi istanti dopo, mi sono reso conto che questi mascherati erano in realtà dei professionisti che facevano una truffa. Questi bambini attori mi hanno ricordato i pretenziosi Killdeers feriti a casa nelle praterie del Minnesota. Come gli uccelli, giocavano feriti. Invece di ali spezzate, hanno recitato con lacrime di alligatore e facce imbronciate. Il familiare assassino, le grida di angoscia degli assassini furono sostituite da voci infantili che imploravano oggetti, "MRE, MRE", "GI gimme MRE!" I bambini chiedevano cibo preconfezionato dell'esercito chiamato Piatti pronti da mangiare o MRE in breve. Ho guardato i bambini con cautela e sono stato interrotto dal mio sguardo dal mio amico.

“Ehi, Hansen! Ho mangiato parte del mio pranzo durante il nostro viaggio e darò il resto del mio pasto. Watcha pensare?" "Non mi interessa", risposi. Ho riflettuto per un secondo e ho riportato a fuoco i bambini. "Hmmm, ad essere onesti, non credo davvero che vogliano i tuoi avanzi." Barrick è saltato giù dal veicolo prima che potessi finire la mia risposta. Barrick sembrava un gigante imponente rispetto alle due bambine ed era comico vederlo provare a parlare coreano con loro. Ho guardato con divertimento mentre le bambine rifiutavano il suo pacchetto MRE aperto. Hanno fatto segno che volevano interi pacchi MRE che giacevano sopra il mio veicolo blindato. Barrick ha insistito sul fatto che gli oggetti all'interno della familiare busta di plastica marrone erano ancora in buono stato. "Vedi", ha sostenuto mentre teneva i cracker sigillati in aria e faceva gesti facciali che gli articoli erano deliziosi.

Potrei dire che la ragazza più grande, che aveva circa 8 anni, si stava infastidendo. Ha sbuffato diverse volte e poi ha rifiutato sfacciatamente l'offerta agitando le mani affinché si perdesse. Quando ha fatto la sua ultima offerta, la ragazza più grande ha alzato il pugno in aria e ha dato a Barrick l'uccello!

Barrick si voltò verso di me scioccato e mi chiese incredulo: "Hai visto? Ha alzato il dito medio!» Barrick fece qualche passo indietro verso il veicolo della pista e si voltò ancora una volta per vedere la bambina che gli faceva la linguaccia. Scosse la testa incredulo e disse: "Solo pensare, mi dispiaceva per lei!"

Un altro soldato si avvicinò ai bambini piccoli e porse alla più piccola delle caramelle, sembrava avere circa 5 anni. Le piccole dita stringevano i pezzi di caramelle dure e lei iniziò a metterne un pezzo in bocca. Poi veloce come un fulmine, il figlio maggiore colpì il più piccolo con una caramella in faccia. Ha assestato un paio di colpi duri alle piccole guance con i palmi aperti. Il viso del figlio maggiore era pieno di rabbia. Poi, come punizione, la più grande delle ragazze ha tolto i guanti diradanti dalla più piccola e li ha infilati nelle tasche del cappotto.

Abbiamo tutti guardato la scena con orrore e incredulità. Ho chiesto al mio KATUSA (Corean Augmentee to the US Army), un soldato nazionale coreano che era assegnato alla nostra unità, di venire con me e tradurre per me. Mi sono inginocchiato nella neve e ho afferrato con cautela la ragazza più grande per le spalle e le ho chiesto perché stesse picchiando sua sorella. La ragazza si staccò da me e la riportò verso il mio viso. Mi alzai e camminai davanti a lei e mi inginocchiai. Questa volta le ho chiesto se amava sua sorella minore e se sì perché l'aveva colpita in faccia. Il KATUSA tradusse di nuovo il mio messaggio e, dopo alcuni minuti di interrogatorio, il forte sguardo freddo della ragazza maggiore si dissipò e lei iniziò a singhiozzare tra le mie braccia.

La ragazza piangente sbottò un fiume di parole e lasciò il mio abbraccio per abbracciare la sua sorellina. Dopo una breve conversazione, ho appreso che i bambini sono stati costretti a stare fuori a venti gradi sotto la temperatura per implorare MRE dai soldati statunitensi di passaggio che si sono addestrati vicino a casa sua. I suoi genitori erano contadini poveri e integrarono il loro magro reddito vendendo le razioni dell'esercito al mercato nero. Mentre ascoltavo la sua storia ho iniziato a vedere i segni rivelatori di abbandono. Ho notato che le dita esposte erano rosse e gonfie per il lieve congelamento e le guance screpolate dall'esposizione. I capelli erano arruffati e opachi fiocchi di forfora erano presenti nei loro capelli e gli abiti orribilmente attillati li tenevano a malapena caldi dai gelidi venti montuosi della Corea.

Tante domande riempiono la mia mente mentre racconto questa storia che è successa tanti anni fa. Chissà quale stronzo insegnerebbe a una ragazzina il significato del dito medio. Spero di aver avuto un impatto migliore su di lei e che abbia imparato ad amare e amare le sue sorelle, nonostante il fardello che i suoi genitori le hanno posto sulle spalle quando aveva 8 anni. Rivisito questa storia di tanto in tanto e rifletto su come sta questa ragazza. Sarebbe stata meglio adottata come me e soffrire come me, o sarebbe stato meglio essere tenuta con la sua povera famiglia in Corea? Il viaggio "una volta nella vita" per vedere la mia "patria" mi ha insegnato più su me stesso di quanto immaginassi possibile. Spero che questa ragazza sia diventata una donna forte e indipendente che non ha altro che felicità.

Chi sono?

Per molti di noi l'adozione è una croce che dobbiamo portare da soli. Le fitte profonde della solitudine, del vuoto e del dolore persistono, anche sullo sfondo perfetto di una vita piena di successo e ricchezza. Anche in mezzo alla folla, posso ancora essere solo.

Chi sono non è una domanda ma piuttosto un incubo ricorrente che mi perseguita quotidianamente. Non importa dove corro. Non importa come mi nascondo. Non importa cosa faccio. Rimane ancora. Non importa come io cambi... ha un modo per trovarmi. Mi ricorda che non mi adatto. Proietta ombre di insicurezza. Mi riempie anche di vergogna.

Sono quello strano puzzle che è stato messo nella scatola sbagliata. Sono fuori luogo. deforme. Non appartengo al mondo in cui sono stato costretto e straniero al mondo che cerco di trovare. La gente la chiama la mia terra natale, ma non mi sembra casa. Gli estranei mi guardano in modo strano come il posto dove sono cresciuto. Assomiglio a loro, ma l'aspetto non è tutto.

Sanno che sono diverso. Lingua diversa. Manierismi diversi. Odori diversi. Sanno che sono... diverso da loro. Mentre passo attraverso il loro spazio, è come se indossassi una lettera scarlatta. Durante la mia infanzia quella lettera ha la forma dei miei occhi a mandorla, carnagione gialla e capelli neri lucenti. Mi viene in mente la vergogna di chi sono ogni volta che fisso il mio riflesso. Un peccato essere diversi. Come ho detto. Chi sono? Chi sono? CHI SONO!

Trauma di transizione per gli anziani adottati

Sento da sempre più adulti adottati all'estero, adottati in età avanzata, di alcune delle loro esperienze traumatiche nella transizione dalla loro terra d'origine al loro paese adottivo. Riconosco che questo non è l'unico strato di trauma che sperimentiamo nella nostra adozione o rinuncia e che la transizione per gli adottati più giovani può essere altrettanto traumatica. La differenza fondamentale per gli adottati di età più giovane è che possono crescere non riuscendo a verbalizzare l'esperienza a causa della mancanza di sviluppo del linguaggio al momento della transizione.

Mi chiedo perché le agenzie di adozione e i governi non stiano investendo più risorse per garantire che queste importanti transizioni vengano eseguite meglio, soprattutto considerando che sono le adozioni di età avanzata la maggior parte delle adozioni internazionali fatte oggi in tutto il mondo.

I bambini più grandi e con competenze linguistiche devono avere una comprensione più chiara di cosa significhi essere adottati in un altro paese e famiglia, a parte gli esempi di "mucchi di giocattoli e cibo" che sono gli ovvi benefici materiali. Forse gli stessi orfanotrofi non hanno idea degli impatti e delle complicazioni sperimentate nell'adozione internazionale, quindi come potrebbero sapere come preparare meglio i bambini dal punto di vista emotivo? I governi di invio e di accoglienza che autorizzano le agenzie di adozione a facilitare le adozioni dovrebbero avere la responsabilità di preparare meglio i bambini e ridurre il trauma della transizione!

Alcuni suggerimenti:

  • Ai genitori adottivi potrebbe essere richiesto di visitare l'orfanotrofio e il bambino nel suo paese di nascita più volte, prima che il bambino sia trasportato in aereo all'estero. Fai alcune esperienze per legare e connettere insieme nel paese del bambino prima di essere espulso.
  • Ai genitori adottivi potrebbe essere richiesto di vivere per x mesi nella città del bambino dopo l'adozione prima di portare il bambino a casa per garantire che non si verifichino troppi cambiamenti in una volta e per consentire al bambino una certa continuità per rimanere in contatto con gli altri bambini o badanti dell'orfanotrofio. I genitori avrebbero poi conosciuto gli altri bambini che erano importanti per il loro bambino appena adottato.
  • Una persona che si prende cura del bambino, qualcuno che il bambino conosce e di cui si fida, potrebbe viaggiare con il bambino e rimanere con la famiglia per i primi mesi per ridurre il trauma. Ciò aiuterebbe il personale dell'orfanotrofio a diventare più consapevole della realtà della transizione per il bambino all'ingresso nel nuovo paese di adozione e un feedback per preparare meglio i futuri bambini.
  • L'educazione potrebbe essere data agli orfanotrofi sul trauma che la transizione crea, dagli stessi adulti adottati.
  • Ai genitori adottivi potrebbe essere richiesto di parlare fluentemente la lingua del bambino prima di accoglierlo. Ciò garantirebbe che un elemento della transizione che può potenzialmente creare traumi a causa dell'impossibilità di comunicare, non si aggiunga inutilmente all'insieme dell'essere un'esperienza travolgente.
  • Sia i governi di invio che quelli di accoglienza potrebbero ascoltare di più gli adulti adottati all'estero sull'esperienza della transizione e imparare dalle nostre opinioni.
  • Il bambino potrebbe essere valutato psicologicamente, da un punto di vista del benessere emotivo, per stabilire in che modo il trauma aggiuntivo della transizione e dello sradicamento da tutto ciò che sa, potrebbe avere un impatto su di lui - e quindi sviluppare un piano con un lasso di tempo ragionevole per il bambino benessere.

L'adozione non dovrebbe essere nell'"interesse del bambino"? Dobbiamo muoverci verso un modello che incorpori una visione dell'"intero viaggio" sugli interessi del bambino che cresce, non solo la posizione estremista della sopravvivenza immediata o mortale che sembra giustificare l'adozione internazionale e come viene condotta ancora oggi.

voglio condividere L'esperienza di Jayme per evidenziare i miei punti sopra. Jayme è un'adozione internazionale coreana, cresciuta negli Stati Uniti dall'età di 4,5 anni. La sua esperienza ci dice quanto siano forti i ricordi e il trauma della sua transizione dalla Corea agli Stati Uniti.

In precedenza ho condiviso un altro da Adottata thailandese Min e ha brevemente menzionato il trauma che ricordava nella sua transizione.

Spero che condividere queste esperienze serva a ricordarci come si vive l'adozione internazionale dal bambino. Si cresce e le nostre esperienze hanno bisogno di essere riconosciute. La politica e i processi di adozione internazionale da parte di governi e agenzie di tutto il mondo farebbero bene a garantire risultati migliori per coloro che seguono imparando da noi che li viviamo.

Italiano
%%piè di pagina%%