Aspettative di gratitudine nell'adozione

gratitudine

Recentemente sono stato contattato da un amico adottato che sta cercando opinioni ed esperienze di adottati dove gratitudine è previsto e come ci sentiamo al riguardo. Ho risposto immediatamente perché la gratitudine nell'adozione è un argomento così inespresso, in particolare dal punto di vista dell'adottato. Per me è stato sicuramente un peso che ho sentito durante la crescita e che porto ancora oggi. È interessante notare che poco è stato scritto su questo argomento specifico dell'adozione internazionale perché le nostre adozioni sono così ricche di connotazioni di essere salvato dalla povertà, dalla guerra, dai bassifondi e dalle strade. Queste connotazioni arrivano anche con la stessa aspettativa che noi fiorire nei nostri paesi adottivi bianchi occidentali e nelle famiglie per le quali dovremmo essere grato per.

Si presume che, in qualche modo, magicamente, le nostre perdite nell'abbandono dovrebbero essere annullate dai guadagni nell'adozione.

Posso capire come la maggior parte delle persone che pensano alla parola adozione non lo equivarrebbe necessariamente a vivere un'esperienza di ci si aspetta di essere grati. Ma, dalla mia esperienza di vita, la parola "grato”, “grato”, “siate felici", o "fortunato” compare regolarmente nella conversazione sull'adozione. Le persone che non sono interessate dall'adozione si aspettano che siamo grati per il ricchezza materiale e istruzione guadagniamo nella vita essendo stati adottati. Come adottato, non solo ho sperimentato le supposizioni delle persone su come fortunato Sono ai loro occhi da adottare, ho anche sperimentato l'attesa di gratitudine detta ad alta voce dal mio genitore adottivo durante la mia infanzia. Mi è stato detto una o due volte, ma il modo in cui sono stato trattato per la maggior parte della mia infanzia fino a quando sono diventato indipendente e mi sono trasferito da uno stato all'altro, mi ha detto senza parole che era il fondamento della mia adozione.

Col senno di poi, sapendo ora che mio padre adottivo non si sentiva a suo agio nell'adottare un bambino non suo, proveniente da un paese straniero, è andato contro il suo istinto e ha chiaramente ceduto il passo al desiderio di sua moglie di salvare un bambino dalla guerra del Vietnam. Da cosa mi hanno salvato, non lo saprò mai a meno che non trovi la mia prima famiglia. Se sono stato davvero salvato, chi lo sa. Sono grato? Se ho risposto no, la gente naturalmente si ritraeva e mi guardava inorridita, sbalordita. Come oso essere ingrato per la mia vita in un paese ricco con agi materiali, un'istruzione e la vita a cui aspirano tutti i poveri.

Ma, naturalmente, sono grato in molti modi! Senza scegliere di essere grato, il mio benessere emotivo sarebbe fatto di insoddisfazione, depressione, disagio e desiderio di essere morto.

Io ci sono stato! Per molti anni! E ho dovuto combattere per trovare una via d'uscita.

Scelgo attivamente di essere consapevolmente grato, di concentrarmi e di trascorrere la mia vita trasformandola in qualcosa di positivo. Ed è molto più bello essere in una fase della vita in cui posso scegliere di essere grato in generale, invece di essere costretto a sentirmi in debito per essere salvato tramite adozione.

Sono una donna adottiva nata in Vietnam, volata da bambina in Australia all'inizio degli anni '70. Ho raccontato la mia storia personale migliaia di volte, ma nessuno si è mai chiesto com'era portare quell'aspettativa per essere grata della mia esistenza nella mia famiglia adottiva.

La mia adozione non è stata legalmente facilitata fino all'età di 17 anni ed è ancora un mistero se i miei documenti per l'adozione legale esistano da qualche parte in Vietnam. Non ero davvero arrivato a riconoscere o capire il vero significato di questo fino agli ultimi 6 mesi. È illuminante osservare come la mia storia di adozione e rinuncia sia cambiata nel tempo man mano che sono diventato più pienamente consapevole delle verità, percepite e reali. Devo costantemente ripensare a ciò che mi è stato detto crescendo e confrontandolo con le verità che trovo oggi e chi sono diventato.

Non avendo un'identità sulla carta da 17 anni, ovviamente sento l'aspettativa di essere grata al mio paese adottivo Australia nel darmi un certificato di nascita e quindi avermi permesso un'identità. Ma a quale costo? L'aspettativa di essere grati in questi giorni è oscurata dalle domande che ho sul perché non sembra essere stato messo in discussione se avessi un'identità in Vietnam o come preservarla o rispettarla legalmente.

Le parole "gratitudine" o "grato" sono come un campanello d'allarme che suona dentro di me. Mi dà sui nervi e dentro di me sento un sussulto. Per me arriva con tanti ricordi negativi. Anche cercare su Google un'immagine per questo blog e vedere le immagini, ha creato sensazioni di disagio e disagio nel mio corpo. Se riesci a relazionarti con me come adottato, dicendo, vedendo o leggendo la parola “gratitudine” in relazione all'adozione è un innesco con cui devo fare i conti tutto il tempo.

La mia infanzia adottiva l'ho trascorsa lavorando come un ragazzo schiavo nel caseificio di famiglia. Essere lanciato il "ysei in debito con questa famiglia perché ti abbiamo adottato” La linea perché stavo difendendo me stesso, è stato uno dei momenti più difficili che ricordo. È stata una di quelle rare volte in cui stavo cercando di difendermi per non voler essere costretto a farlo aiuto con la mungitura delle mucche. Gli altri bambini potevano dormire sonni tranquilli ogni mattina. Il mio senso di infanzia giustizia era forte. Perché sono stato costantemente scelto per essere costretto a lavorare in fattoria con mio padre adottivo che mi ha toccato in modo inappropriato mentre ero nella latteria o nella mia camera da letto? Non aveva alcun senso di rispetto per la mia privacy mentre il mio corpo si sviluppava nei primi anni dell'adolescenza. Ricordo che alcune volte mi ha svegliato con le sue mani fredde che mi scorrevano sul petto e sullo stomaco nudi, poi mi ha trascinato fuori dal letto per le gambe, la camicia da notte che mi si è alzata sopra la testa esponendo il mio corpo nudo, ridendo di come "divertente" doveva essere trascinato lungo l'erba coperta di brina in una fredda mattina vittoriana. Questo sarebbe accaduto solo alla luce del giorno prima ancora che il sole sorgesse. Nessun altro era sveglio. Il mio odio è aumentato ulteriormente quando una volta ho rimosso la chiave esterna dalla serratura della mia porta, ma mi è stato detto in modo autorevole come oso provare a chiuderlo fuori. Tutto della mia vita dipendeva da lui e non mi veniva dato alcun senso di privacy, rispetto o controllo.

Ho iniziato a risentirmi del mio padre adottivo durante la mia infanzia, ma ancora mi struggevo per mostrare un po' di amore. io non lo ero grato per questa esistenza e certamente ho odiato che la mia mancanza di parente di sangue status significava che sembrava dargli la licenza di lavorarmi come uno schiavo e toccarmi nel modo in cui nessun padre dovrebbe. Gli altri suoi figli bio sono stati lasciati a fare quello che volevano. Non erano costretti a lavorare come me su compiti fisici pesanti; tagliare carriole carichi di legno duro, mungere le mucche giorno e notte, cucinare e pulire in cucina, essere costretto a correre fuori al buio e chiudere i polli ogni notte (ero terrorizzata dal buio), ecc. Sembrava un lavoro da schiavi senza alcuna empatia per i miei sentimenti. Certamente non è stata un'infanzia piena di amore, sicurezza o comprensione. Né c'era spazio per alcuna compassione o supporto su ciò che avrei potuto provare dall'essere separato dalla mia famiglia biologica e dal chiedermi perché.

L'aspettativa, verbalizzata ad alta voce, di essere grata di essere stata adottata era un fardello pesante da portare.. e lo è ancora. Sono stato costretto a giustificare il motivo per cui avevo bisogno di balsamo per capelli e shampoo (avevo i capelli lunghi fino alla vita) e lui avrebbe fornito solo sapone perché era abbastanza buono per tutti gli altri che avevano i capelli corti o piccoli. Mi è stato fatto sentire che l'acquisto di uno spazzolino da denti era troppo e come osavo aver bisogno o chiedere qualcosa. Mi hanno fatto sentire e mi è stato detto molte volte che ero un "pignolo”, “difficile"bambino, sempre"dicendo bugie" e "rubare“.

A tutt'oggi il “dovresti essere grato perché ti abbiamo adottato“Il mantra è ciò che mi ha impedito di parlare apertamente dell'abuso emotivo e sessuale che ho subito dalla prima infanzia all'adolescenza. A nessun adottato dovrebbe mai essere gettata quella linea di sentimento che abbiamo un debito di gratitudine verso le nostre famiglie adottive. Anche quando non si verificano abusi. Che si parli o meno, noi adottati NON dobbiamo alle nostre famiglie. Adottano per le proprie ragioni di autosoddisfazione. Non avevo altra scelta che sopravvivere alla famiglia adottiva in cui mi trovavo.

Probabilmente puoi sentire la rabbia che provo ancora per l'ingiustizia di sentirmi in debito con la mia famiglia adottiva per essere stato salvato/salvato. Porta conseguenze per tutta la vita dell'essere fieramente indipendenti e non permettere facilmente a nessuno di farlo aiuto me. Sospetto che altri adottati possano relazionarsi. Per me, essere aiutato, ricevere qualcosa che non chiedo, di solito viene con la paura del prezzo non detto a cui viene fornito quell'aiuto. Quindi, preferirei farlo da solo. L'attesa della gratitudine per essere stati salvati dalla famiglia adottiva e dalla società in generale è un fardello pesante.

Questo fardello della gratitudine attesa nell'essere adottati è rafforzato dagli elementi religiosi intrecciati in gran parte della moderna difesa dell'adozione.

Le ferventi organizzazioni religiose e gli individui che volontariamente promuovono e facilitano l'adozione e il salvataggio dei bambini aggiungono un altro strato di attesa gratitudine su di noi. Le persone che credono che l'adozione sia un'azione ordinata da Dio, che stanno seguendo il suo comando di aiutare un orfano, rende difficile per gli adottati condividere le lotte per essere adottati e abbandonati.

Raramente sento parlare di adottati che si alzino volentieri in una chiesa o in un istituto religioso e condividano la loro esperienza di adozione con tutte le sue complessità. Per me, questo sarebbe il peggior pubblico di sempre! Non riesco a immaginare di ricevere conferme o empatia. Invece, sospetto che riceverei consigli non richiesti per essere grato e grato a Dio di trovarmi in una un posto migliore e che ora va tutto bene. Il noto detto di "Contare le tue benedizioni!” dalle persone religiose in risposta alle avversità è uno che trovo difficile da digerire.

Google per te la parola gratitudine e vedrai le tante immagini religiose e spirituali legate a questo concetto. Le nostre lotte come adottati non sono convalidate e non sono supportate a causa del cieco pregiudizio che in qualche modo l'adozione sia inteso ad essere, ordinato da Dio. Come si può mettere in dubbio il tacito presupposto che dovremmo essere grati per la nostra adozione, quando questa è la credenza religiosa e spirituale di lunga data?

Per fortuna, la mia famiglia adottiva e altri si sono scusati negli ultimi anni per le azioni sbagliate della mia infanzia e ho scelto di essere grato per questo e per andare avanti. È interessante come, scusandomi, ora mi senta più libero di essere aperto sulla mia vita. È come se mi fosse stato tolto un peso dalle spalle. Non porto più il peso della responsabilità per i segreti di famiglia e la vergogna, cercando di proteggerli dalle conseguenze. Per molti anni sono stato fedele a me stesso e non permetterò all'aspettativa di gratitudine di sopraffare le mie verità.

Ho concentrato le mie energie sulla ricostruzione dei rapporti con la famiglia adottiva in quanto sono i miei una sola famiglia Lo so, per allevarmi e darmi un'identità. Per questo io sono veramente grato, ma questo non vuol dire che il viaggio non sia stato una lotta ea molti costi.

La gratitudine nell'adozione non dovrebbe mai essere un'aspettativa. Dovrebbe essere una scelta che siamo liberi di fare riguardo alla vita in generale, dopo che siamo venuti a patti con, e siamo stati supportati, nel comprendere le nostre perdite e i guadagni derivanti dall'abbandono e dall'adozione.

Non buono abbastanza

Ero un bambino artistico e passavo molto del mio tempo libero a disegnare quando ero bambino. Ho disegnato la mia interpretazione di Star Wars. Non mi è stato permesso di guardare il film perché i miei genitori religiosi credevano che fosse malvagio cercare di interpretare il futuro. Il nostro bracciante ha trovato i miei disegni nella spazzatura e li ha tirati fuori e li ha incorniciati. Sono rimasto scioccato nel vedere il mio disegno appeso alle sue pareti. L'uomo mi ha incoraggiato e mi ha detto che erano alcuni dei migliori disegni che avesse mai visto.

Alcuni mesi dopo, quando avevo 12 anni, vinsi un concorso artistico del pool di scuole locali e vinsi cento dollari per il miglior disegno di Natale della zona. La mia foto è stata pubblicata sul giornale locale e quando sono corso a casa per raccontare ai miei genitori i miei successi, la loro risposta è stata: "Non va bene vantarsi!”

Avevo 18 anni e sono tornato a casa da Desert Storm. Mi è stato chiesto di rimanere in servizio attivo per aiutare a processare i soldati di ritorno dalla guerra. Ho lavorato molto duramente e sono rimasto sveglio fino a tardi per elaborare i documenti. Ho chiamato il Pentagono per avere risposte per il mio capo. Ho lavorato molte notti tardi, migliorando i vecchi documenti per acquisire i dati di cui avevamo bisogno e sono diventato amico intimo di tutti quelli con cui ho lavorato. Volevo servire le persone che sono tornate dalla guerra e il mio capo è rimasto colpito dalla mia etica del lavoro. Mi ha sorpreso con un premio. I miei genitori vivevano a circa un'ora e mezza di distanza. Il mio capo mi ha consigliato di invitarli perché era un risultato significativo. È stato abbastanza premuroso da estendere l'invito ai miei genitori per partecipare alla cerimonia di premiazione.

Alla cerimonia, è stato spiegato che un giovane soldato come me raramente riceveva questa distinzione. L'unico commento che ho ricevuto dai miei genitori è stato: "Sono contento che tu non ti sia messo nei guai!”

Ripenso alla mia giovinezza e ricordo vividamente il tentativo di ottenere accettazione, di trovare un luogo di appartenenza e il desiderio di amore da parte di persone che non potevano darlo. Da adulto più maturo, mi rendo conto che durante tutta la mia vita adulta ho lavorato di più e fatto di più per compensare i messaggi interiorizzati che ho ricevuto (verbali o meno) di "non essere mai abbastanza bravo”.

Ho visto altri adottati come me che hanno dato il loro meglio, hanno lavorato al di sopra e al di là dei loro coetanei, provando così duramente.. ma ancora non si sono mai dati il merito che meritano. Se riesci a relazionarti... potresti soffrire come ho fatto io, dall'essere condizionato a credere di non essere mai abbastanza bravo. Questa sensazione persiste nella nostra testa e ci spinge a lavorare così duramente da danneggiare le nostre relazioni. Questa realtà contorta può anche avere effetti negativi sulla nostra salute.

Ho letto alcuni articoli perspicaci che mi hanno permesso di elaborare queste convinzioni personali negative.

Non possiamo odiarci in una versione di noi stessi che possiamo amare".
Lori Deschene

Karl McBride è un terapeuta che ha lavorato con famiglie disfunzionali per più di 3 decenni. Crede che gli individui che interiorizzano non sono abbastanza buoni spesso provengono da famiglie narcisistiche e violente. Queste famiglie potrebbero essere genitori alcolizzati che inviano segnali contrastanti mentre oscillano avanti e indietro tra l'essere sobri e l'ubriachezza. Per i bambini con genitori narcisistici, facciamo fatica a comprendere che i nostri genitori sono incapaci di amarci.

Di seguito sono riportati due modi in cui noi bambini rispondiamo a questi falsi messaggi che non siamo amabili:

il riparatore

Tutti i bambini vogliono sentirsi accettati e amati dai loro genitori. Un bambino cercherà inconsciamente di risolvere qualunque sia il problema percepito, al fine di ottenere l'accettazione dei genitori. Il bambino può avere un dialogo interno come mezzo per cercare di risolvere la situazione. Potrebbe apparire come segue:

"Se solo fossi un bambino migliore, questo non accadrebbe".
"Se andassi meglio a scuola, i miei genitori non litigavano".
"Se ascolto i problemi dei miei genitori, forse saranno meno stressati".
"Se faccio più lavori domestici, forse mia madre non sarà così triste."
"Se divento bravo nello sport, forse mio padre non berrà così tanto e vorrà venire alle mie partite".

Questo tipo di bambino finisce per superare i risultati.

la frusta

I bambini non abbastanza buoni oscillano avanti e indietro dall'essere il Fixer o possono fare l'opposto e agire, cioè diventano The Lasher. Scagliarsi con rabbia, confusione e frustrazione cercando di attirare l'attenzione dei genitori.

Indipendentemente dal modo in cui i bambini rispondono al fatto di non essere amati, i bambini interiorizzano il falso messaggio e alla fine si rendono conto che non possono risolvere i problemi dei loro genitori.

poi c'è Il gioco della colpa in cui non è raro per i genitori violenti incolpare i propri figli per i propri fallimenti e problemi genitoriali.

Con i narcisisti, è sempre colpa di qualcun altro. Alcuni dei segnali di avvertimento che il tuo genitore potrebbe essere narcisista sono:
I tuoi genitori devono sempre fare le cose a modo loro?
Sono sempre critici nei tuoi confronti?
I tuoi genitori sono gelosi di te?
Quando parli dei problemi della tua vita, i tuoi genitori deviano la discussione per parlare dei loro problemi?
Ti senti schiavo dei tuoi genitori?
Se hai risposto sì alla maggior parte di queste domande, è molto probabile che il tuo genitore fosse un narcisista.

Allora perché noi bambini adottati rispondiamo così? Molti di noi da bambini sono stati condizionati a credere di essere noi la colpa. Diciamo a noi stessi: "devo essere io.” Si presume che gli adulti siano più istruiti, esperti e in controllo, quindi è facile per i bambini adottati che si sentono vulnerabili pensare, "Dev'essere colpa mia se i miei genitori sono cattivi con me o non possono amarmi”.

McBride crede che il bambino finisca per portare il bagaglio emotivo della famiglia e si faccia carico del fardello. Il bambino pensa: "Se solo potessi fare di più” per sistemare le cose.

Se ti ritrovi sempre stanco, sempre in estensione, cercando sempre di ottenere di più, allora ti consiglierei di fare un passo indietro e chiederti perché stai facendo queste cose. Potresti compensare per superare quelle convinzioni infantili che hai portato nella tua vita adulta.

So che lotto con questo. Mi è stato detto da molti capi che lavoro troppo e presumo che dovrei fare di più per migliorarmi. È come una ricerca infinita per essere "abbastanza buono“. Penso che in tutte le cose della vita, la moderazione sia l'obiettivo. Ora mi costringo a fare un passo indietro, a prendere le vacanze e a non rispondere alle chiamate nei fine settimana. Mi ci sono voluti 45 anni per ricondizionarmi dallo sforzo eccessivo e dall'estendere me stesso per rendermi conto che ho l'abitudine di essere così. Ora devo assicurarmi di sviluppare strategie per prevenire il burn out e imparare a rilassarmi.


Domande aggiuntive:
Senti di non essere abbastanza bravo? Come affronti questi sentimenti? Pensi che sia qualcos'altro che fa scattare questi sentimenti?

Più lettura:
https://www.facebook.com/DrKarylMcBride
https://www.willieverbegoodenough.com/narcissistic-mother-survey/

Re e viceré: problemi di coppia interrazziale

Ricordo di aver appreso delle farfalle monarca al college come specializzazione in biologia. Gli uccelli e altri predatori si rifiutavano di mangiare i monarchi perché avevano un cattivo sapore a causa del loro consumo di piante da asclepiade. A causa dei bassi tassi di predazione, altre farfalle ne hanno approfittato e hanno imparato a imitare la colorazione e il design di Monarch. Il più famoso di questi imitatori di un monarca è la farfalla del viceré. Ad un occhio inesperto sembrano identici, ma oggi sappiamo che sono una specie diversa.

Questo tipo di mimetismo in cui un animale commestibile è protetto per la sua somiglianza con un'altra specie evitata dai predatori è chiamato mimetismo batesiano. Solo nella specie umana troviamo il rovesciamento del mimetismo batesiano dove le specie sono le stesse ma la cultura, la logica, il pensiero e il comportamento sono totalmente differenti. Questo è ciò che accade quando un adottato si sposa o diventa partner a lungo termine con una persona dello stesso paese di nascita.

Sono un'adottato coreano e sono cresciuto in un caseificio nel cuore di una piccola cittadina scandinava situata nel Minnesota centro-settentrionale. Ho incontrato mia moglie quando ero di stanza in Corea del Sud come giovane tenente nell'esercito degli Stati Uniti. Ho vissuto in Corea del Sud per quasi 8 anni e ricordo di aver avuto conversazioni con altri membri del servizio che avevano spose coreane e sono stati coinvolti in matrimoni interrazziali e ho pensato tra me e me: "Wow, posso davvero relazionarmi con i problemi che hanno". Gli uomini con cui ho avuto conversazioni davano per scontato che il mio matrimonio fosse più facile perché io e mia moglie siamo etnicamente uguali. Eppure, ho avuto molti degli stessi problemi e problemi di cui parlavano questi uomini.

Questi uomini presumevano che la relazione tra me e mia moglie fosse più facile della loro perché ci assomigliavamo, così come il monarca e il viceré. Tuttavia, come sappiamo, queste due farfalle erano specie diverse, biologicamente diverse l'una dall'altra. Anche io e mia moglie abbiamo lo stesso aspetto razziale, ma la nostra cultura, logica, pensiero e comportamenti sono totalmente diversi. Questo è il motivo per cui classifico il mio matrimonio come un matrimonio interrazziale anche se tecnicamente siamo entrambi di origine coreana.

Ecco un esempio di alcuni dei problemi che affrontiamo come coppia interrazziale:

Figli: Mia moglie è la classica mamma Tiger. È feroce quando si tratta degli studi dei miei figli. Aleggia su di loro mentre fanno le lezioni di francese, pianoforte e matematica. Li guida a karate, boy scout, girl scout e numerose altre attività extrascolastiche. Devo gestire le nostre gite in famiglia intorno alla scuola e le attività scolastiche programmate. Vedo i miei figli seduti a tavola per ore e ore e devo intervenire come voce della ragione e permettere loro di fare delle pause e andare a letto. È diverso dal modo in cui sono stato cresciuto e dobbiamo scendere a compromessi su come devono essere cresciuti.

Vacanze: Era marzo e mia moglie era contenta di eccitazione e mi ha chiesto di venire a tavola. Mi sono seduto e ho scoperto eccitato il coperchio per vedere cosa c'era dentro e con mio orrore, c'era una pentola di caldo viscido verde e fango viscoso. Continua dicendomi che è Myong-gook, o zuppa di alghe tradizionale coreana, che veniva servita dopo il parto delle donne e in occasioni speciali. È capitato che fosse il mio compleanno e mi hanno nutrito con questo speciale pasto mentre, all'epoca, preferivo di gran lunga uscire e mangiare KFC o tailandese. Ci sono feste duplicate che celebriamo come Choo-suk, noto anche come Ringraziamento coreano, e ci sono modifiche al menu tradizionale. Non è insolito per noi servire il cavolo piccante fermentato e puzzolente chiamato Kimchi insieme al purè di patate e al sugo.

Valori: Sento che mia moglie è ossessionata dal risparmio di denaro. In passato, ha restituito i regali che le ho comprato per il suo compleanno, Natale e occasioni speciali. Mi dice di non comprare fiori, cioccolatini, gioielli o altro perché crede che spendere soldi per oggetti lussuosi sia uno spreco. Preferirebbe vedere i soldi accumularsi nei nostri conti pensionistici e farne di meno. D'altra parte, credo che la vita riguardi l'equilibrio. Vivi un po' e goditi i frutti del nostro lavoro mentre invecchiamo. Spesso parliamo di soldi e arriviamo a un compromesso. Le mostro gli estratti conto del nostro conto pensione prima di chiederle di pianificare un viaggio di famiglia.

Fili incrociati: Spesso la comunicazione può sfociare in un conflitto. Parlerò con mia moglie di qualcosa al lavoro e lei mi interromperà per parlare di qualcosa con i bambini. Per lei questo è più importante. Non aveva idea di avermi interrotto a metà frase.

Un altro esempio è quando mi chiede se c'è qualcosa che può prendere per me mentre è al supermercato, posso fermarmi qualche secondo a riflettere e tornare da lei con la mia lista. Potrei rispondere mezzo minuto dopo e chiederle di portarmi il mio snack preferito e lei mi guarda con uno sguardo perso negli occhi. Devo convincerla a tornare alla conversazione che abbiamo avuto in precedenza. Nella sua mente, non volevo niente e stavo già pensando a qualcos'altro.

I modelli di comunicazione sono diversi e ho imparato a ripetermi più e più volte. Inoltre, perde le parole per errore mentre traduce le cose nella sua testa.
"Ehi, ricordati di portare il gatto dal veterinario" quando intendeva davvero dire: "Ehi, prendi del cibo per gatti quando sei fuori". I fili incrociati avvengono nella sua testa mentre traduce e lo stesso accade in altre conversazioni normali.

Cambio di nome: Ricevo molte domande e sguardi interrogativi quando mi presento come Mr Hansen. Il mio nome non corrisponde al mio aspetto e mi aspetto che qualcuno della US Airlines mi tiri fuori dal mio volo uno di questi giorni per aver impersonato un americano. Mia moglie ha un problema simile e molte persone pensano che sia sposata con una caucasica a causa del nome che ha preso dopo che ci siamo sposati. Abbiamo pensato di cambiare il nostro nome con il mio cognome coreano, ma cambiare tutti i miei documenti con un nuovo nome sembrava esauriente e abbiamo deciso di mantenere il nome per ora.

Altre coppie: Odio andare a casa di un'altra coppia coreana quando hanno difficoltà a comunicare in inglese. Ho finito le cose di cui parlare dopo 5 minuti di conversazione che esauriscono anche tutte le 7 parole che posso pronunciare in coreano. Molti coreani mi tengono a distanza di un braccio perché non sono un "vero" coreano. Mi sento come se fossi l'estraneo che guarda dentro. Questo vale anche per mia moglie. Odia frequentare grandi gruppi e lezioni intellettualmente stimolanti. Si sente come se il mondo intero fosse concentrato su di lei e quando accidentalmente scivola con la parola inglese sbagliata, la gente la prenderà in giro. Ricaricare le batterie stando in mezzo alle persone e adoro immergermi in conversazioni profonde.


La vita può essere estremamente stressante, complessa ed estenuante a volte quando si è sposati con qualcuno di una cultura diversa. Quello che ho scoperto è che è sia gratificante che difficile, proprio come qualsiasi altra cosa che valga la pena perseguire. Nelle mie attività educative, ad esempio, è stata dura e ci sono stati momenti in cui mi sono chiesto perché stavo perseguendo i gradi che avevo scelto. Tuttavia, gli inseguimenti hanno finito per valere i dolori e i sacrifici che ho fatto. Alcuni dei momenti più belli che ho avuto sono stati nei dormitori del college e le amicizie di tutta la vita fatte lì, sono significative come sempre.

Lo stesso vale per un matrimonio o per le unioni a lungo termine. Ho riscontrato problemi diversi in un matrimonio interrazziale rispetto a quello che avrei potuto sperimentare se avessi sposato qualcuno della mia cultura e del mio paese adottivi. Ma ho imparato a non fare supposizioni sulla mia partner in base alla sua cultura. Mi rendo anche conto che la nostra relazione è quella in cui entrambi insegniamo e impariamo per sempre gli uni dagli altri. Come tutte le relazioni a lungo termine, dovrò sempre scendere a compromessi e imparare ad adattarmi ai cambiamenti.

Considerazioni aggiuntive: Quali differenze e problemi hai visto nel tuo matrimonio o unione interrazziale? Pensi che sia corretto chiamare la mia relazione "interrazziale" quando siamo etnicamente uguali?

Ulteriori letture: Monarca contro Viceré: https://www.learner.org/jnorth/tm/monarch/Viceroy1.html

Di cosa hanno bisogno gli adottanti internazionali

All'interno del gruppo privato dell'ICAV per adulti adottati internazionali ho recentemente posto la domanda: “Se vivessimo in un mondo ideale, data la tua esperienza di adozione così com'è, di cosa avresti bisogno per essere in pace con tutto questo?"Ho chiarito che potevamo discutere e fornire risposte che fossero sia possibilità realistiche che fantasie idealistiche.

La discussione che ne è seguita è stata forte e mi piacerebbe condividere alcune delle risposte a tema che mettono in evidenza ciò che manca ancora nell'adozione internazionale per farla davvero “i bisogni del bambino”. Vedrai da alcune delle risposte alla mia domanda, cresciamo e continuiamo ad avere bisogni in corso che continuano ad essere umet tramite l'adozione internazionale. Spesso sembra che l'adozione internazionale crei Di più bisogni rispetto a quelli con cui abbiamo iniziato come bambini vulnerabili, il che mi fa chiedere quale scopo ha raggiunto la nostra adozione internazionale per noi adottati?

Verità e risposte

Molti di noi hanno documenti di adozione che contengono dettagli totalmente errati o alquanto discutibili e sfumature intermedie. Il peggio che posso citare come esempio di totalmente scorretto, è un'adozione internazionale haitiana a cui è stata data l'identità di una persona già morta, una madre falsa elencata sui documenti di adozione e successivamente ha scoperto la verità anni dopo, che la sua madre biologica non ha mai dato il consenso . Un esempio delle informazioni discutibili e mutevoli fornite sono le esperienze di innumerevoli adottati sudcoreani che ricevono informazioni diverse ogni volta che si rivolgono alla loro agenzia di adozione coreana chiedendo dettagli, rinchiusi nei file della loro agenzia.

Questa mancanza di conoscenza della verità o di avere un accesso trasparente alle informazioni sulla nostra rinuncia e successiva adozione, può ulteriormente traumatizzarci nel ricreare un altro evento in cui siamo completamente impotenti a conoscere le nostre informazioni di identità di base e aggrava la nostra già fragile capacità di fidarci degli altri. Come Christine ha condiviso,

“Dovendo dubitare che quello che ho sempre pensato fosse mio la storia ora potrebbe non essere vera, è difficile”.

Come altri che hanno condiviso su questo tema, Chaitra ha elencato la ricerca del Verità come sua prima risposta, insieme ad altri:

  1. Conoscere la verità sulle circostanze che hanno portato alla mia adozione.
  2. Incontrare e avere una relazione con la mia famiglia d'origine.
  3. Essere completamente immerso nella cultura indiana da bambino in modo che avrei avuto conoscenza del cibo, della lingua, delle feste, delle tradizioni, ecc. Così come degli specchi razziali.
  4. Avere genitori adottivi che comunicavano apertamente con me sull'adozione e sulla razza.

Chaitra non aveva nessuna di queste cose nella sua vita.

Il desiderio di trovare una famiglia biologica

Per alcuni che si riuniscono, incontrare finalmente la famiglia biologica ha dato loro un senso di comprensione di chi erano a livello di attributi fisici e personalità che erano sempre diversi da quelli della loro famiglia adottiva. Ad esempio, Thomas lo ha condiviso in questo modo:

Incontrare la mia famiglia d'origine mi ha aiutato molto. Ho conosciuto la parte della famiglia di mia nonna e sono tutti uguali a me con occhi enormi, pelle chiara e capelli ricci. Sono anche tutti molto timidi e tendono a non dire molto a meno che non gli si parli, come me. Mi ha davvero aiutato a rispondere ad alcune domande su da dove vengo“.

Per altri, come Chaitra sopra che non sono ancora riusciti a riunirsi con la famiglia biologica, c'è ancora il desiderio e il pensiero che SE potessero incontrarsi, aiuterebbe a mettere insieme i pezzi del puzzle che costituisce chi siamo fondamentalmente . Domenico lo ha espresso bene, “Il solo sapere di avere dei parenti mi darebbe un senso di pace. Sicuramente non potevano essere morti tutti nelle guerre del Vietnam!"

Quando agli adottati viene impedito di conoscere le risposte e di trovare la famiglia biologica, ci resta una vita di incertezza. Le nostre domande fondamentali sull'identità rimangono senza risposta.

Nessuna adozione

Questo è stato un tema ricorrente per alcuni adottati che hanno espresso l'auspicio che l'adozione non sia una necessità e abbia creato una risposta sociale ai bambini vulnerabili. Come Parvati saggiamente interroga,

Solo se il bambino non ha genitori e si sente a disagio nel suo paese, dovrebbe avere l'opportunità di trasferirsi. Perché un bambino che ha perso i genitori dovrebbe perdere anche il suo paese?

Sunitha ha anche detto: "Penso che l'intero sistema della società e l'umanità avrebbero dovuto essere diversi dall'inizio dei tempi! Che cos'è l'adozione internazionale se non una nuova via colonialista? Riflette solo le disuguaglianze del mondo attraverso la copertura della buona volontà e dei sentimenti umanitari. Un altro modo di vederlo, sono solo i ricchi che hanno bisogno di bambini, che comprano bambini dai paesi poveri e li allevano nella loro cultura che dovrebbe essere superiore a quella originale.”

Attraverso la nostra esperienza di adozione internazionale, finiamo inevitabilmente per mettere in discussione il sistema che ha creato la nostra realtà. Non siamo ingenui nel credere che l'adozione internazionale riguardi solo la povertà perché chiaramente non lo è, come dimostrano paesi d'origine come la Corea del Sud e gli Stati Uniti. Kim lo spiega bene:

Quando l'internazionale è fatto in entrambe le direzioni, non sembra nemmeno nel migliore interesse dei bambini. Sembra solo un commercio equo di bambini, un affare di import-export, fatto in entrambe le direzioni. Gli Stati Uniti esportano già i loro figli (per lo più bambini neri) in Europa, perché quei bambini non vengono adottati nel loro paese prima di essere adottati in altri paesi?

Come ha condiviso Tamieka, il mondo ha bisogno di creare più servizi che si concentrino sulle prime famiglie e “aiutandoli a mantenere e mantenere le loro famiglie e i loro figli.” Se ciò accadesse con un reddito così grande come quello che l'adozione internazionale genera in tutto il mondo, mi chiedo se ci sarebbe bisogno di un'adozione internazionale.

Giustizia quando l'adozione è sbagliata

Per coloro che si chiedono se la loro adozione sia stata legittima o meno, siamo fin troppo consapevoli della dura realtà che c'è poco o quasi nulla che si fa, o si può fare, per prevenire ulteriori ingiustizie o per punire coloro che creano queste situazioni. Tamieka lo ha espresso eloquentemente come: "Il mondo ha bisogno di fornire organizzazioni che considerino coloro che sono responsabili della corruzione nelle adozioni, responsabili di lacerare le famiglie e la vita delle persone, di essere ritenuti responsabili delle loro azioni e di essere assicurati alla giustizia.”

Se l'adozione internazionale continua a essere praticata o meno, c'è la questione di dov'è la giustizia per coloro che sono già colpiti?? Purtroppo, il nostro desiderio di giustizia riparativa per gli adottati che subiscono un torto tramite l'adozione internazionale è attualmente un'utopia. Questa è la dura realtà, ma non ci impedirà di parlare contro questo e di evidenziare quanto sia immorale la pratica senza alcun meccanismo per cercare giustizia.

Fine al dolore in corso

Purtroppo, per molti la conseguenza non detta dell'abbandono sul bambino vulnerabile, è un percorso di dolore psicologico che dura tutta la vita nell'essere stati abbandonati dai nostri genitori biologici. Seguendo l'adozione internazionale, la nostra esperienza può diventare un abbandono secondario, questa volta dal nostro paese di nascita. Attraverso l'adozione internazionale perdiamo per sempre il nostro diritto alla nostra famiglia d'origine e al nostro paese e non ci viene data la possibilità di mantenere la nostra identità, cultura, patrimonio o cittadinanza. Il dolore dell'abbandono da parte dei genitori biologici e del paese di nascita ha un effetto continuo che può durare tutta la vita. Se questo non viene supportato dalla maggior parte dei paesi adottivi che offrono pochi o nessun servizio di supporto post-adozione, possiamo rimanere con una quantità infinita di dolore psicologico interno.

Per gli adottati che sentono intensamente questo dolore, desiderano la fine delle loro lotte e, a volte, possono vedere la morte come l'unica via d'uscita. Non c'è da stupirsi che gli adottati siano riportati nella ricerca come soggetti a tassi più elevati di suicidio, tentativi di suicidio, problemi di salute mentale e si riflettano in proporzione maggiore rispetto alla popolazione non adottata, nelle carceri o nei servizi di riabilitazione da droga e alcol. Il dolore della rinuncia è reale e deve essere riconosciuto. L'adozione è spesso descritta come una soluzione vantaggiosa per tutti, ma sorvola sul vero dolore che gli adottati possono provare, sia che siano apertamente condivisi o meno.

Kim lo ha condiviso molto chiaramente:

“La morte mi darebbe pace. Penso che solo la morte possa farmi smettere di ricordare lei, il Me prima dell'adozione. Solo la morte può togliermi quel tipo di dolore, solitudine e nostalgia che l'adozione mi ha iniettato nell'anima”.

Per fortuna, all'interno di gruppi di supporto come ICAV, non minimizziamo o sminuiamo le nostre realtà a volte dolorose. Parliamo e condividiamo apertamente, che è così importante per la guarigione.

Paolo ha eloquentemente riassunto: “Questa è una domanda così difficile. Onestamente, penso a questo con così tanto iperrealismo che è difficile raggiungere uno stato mentale perfetto per me, qualsiasi desiderio per ciò che potrebbe essere diverso. Il mio vero padre è morto. Mia madre adottiva è morta. Mia madre naturale, chi lo sa? E cosa significa? Eppure sono qui. E ci sono amici, familiari e sconosciuti e _____. Quella bellezza. Ma c'è ancora l'Ignoto, la tensione, la contraddizione; la complessità della storia; le nostre assurde circostanze socio-politiche globali; ecc. Cosa mi aiuta in tutto questo? Questo. La nostra condivisione. Le nostre storie. Il potenziale per momenti di connessione e comprensione, anche in tutta la loro imperfezione. Le nostre varie amare realtà. La tua domanda. Le nostre voci. La realizzazione di esperienze e circostanze condivise, non identità, ma condivisione. Questo aiuta. Grazie."

È incredibile vedere il potere della condivisione e della connessione di gruppi di pari e come facilita il nostro viaggio di crescita come adulti adottati all'estero. Leggi di Stephanie espressione di ciò che ha guadagnato dalla stessa discussione di gruppo.

Gradi di essere trafficati nell'adozione internazionale

Da adulto adottato internazionale, essendo stato schietto ormai da 20 anni in ICAV, mi sono spesso chiesto se la mia adozione internazionale fosse legittima o meno. Ciò significa porsi domande del tipo: i miei genitori vietnamiti hanno davvero capito il concetto legale di "adozione" e rinuncia? Sono stati offerti altri tipi di supporto per tenermi? Dato che sono uscito dal Vietnam lacerato dalla guerra, il mio status di vero orfano era davvero senza genitori o famiglia sopravvissuti? È stato tentato il ricongiungimento familiare e parentale anche prima che venissi adottato in Australia? E per quanto riguarda i tentativi di mettermi prima nel mio paese d'origine? Un giorno spero di trovare le risposte a queste domande se avrò la fortuna di ricongiungermi con la mia famiglia biologica.

Sono sicuro che altri compagni adottati all'estero si pongono domande simili a un certo punto della loro vita. Queste sono le realtà che affrontiamo quando invecchiamo, maturiamo nella nostra comprensione delle complessità dell'adozione internazionale e ci sforziamo per integrare le nostre realtà con la politica mondiale che ha creato le nostre vite, come le conosciamo oggi.

Considerarsi trafficati come adottati all'estero è una sfida a causa della definizione legale che ci esclude e non consente alcun ambito legale per agire contro gli autori.

Tratta di esseri umani è il movimento illegale di persone, all'interno dei confini nazionali o internazionali, allo scopo di sfruttamento sotto forma di sesso a scopo di lucro, servizi domestici o lavoro manuale.

La tratta di adozioni internazionali esiste certamente, ma non possiamo intraprendere azioni legali a causa del fatto che non esiste alcuna legge o quadro internazionale che ci permetta di essere legalmente considerati "trafficati" a meno che non dimostriamo di soddisfare i criteri di "sfruttamento per sesso o lavoro" .

Tuttavia, all'interno delle adozioni internazionali, i livelli in cui possiamo essere oggetto di tratta possono variare enormemente. C'è chi ha:

  • falsificazione totale della documentazione e sono stati rubati alle loro famiglie di origine, venduti in adozione internazionale a scopo di lucro, dove è stata avviata un'azione legale contro coloro che hanno profittato ed è stato dimostrato in tribunale che era trapelato il torto.
  • documentazione che potrebbe apparire sospetta ma al momento non ulteriormente messa in discussione; dimostrato anni dopo essere incoerente o scorretto.
  • scartoffie che appaiono legittime, ma al ricongiungimento decenni dopo, la storia dei genitori naturali non corrisponde in alcun modo alla documentazione fornita dall'agenzia di adozione / facilitatore.
  • non esistono documenti di identità a causa dell'essere stato un bambino "perso" e con pochi tentativi di ricongiungimento con la famiglia, siamo stati venduti/trattati tramite adozione internazionale.

Dove inizia o dove finisce lo spettro di essere stati "trattati per adozione internazionale"? Difficile da discutere quando il concetto non può esistere in diritto. Anche gli insegnamenti delle migliori pratiche di ISS International da questi tipi di scenari non lo etichettano come "traffico", ma lo chiamano "adozioni illegali” nel loro Manuale. E al di fuori delle conclusioni e raccomandazioni in quel manuale, bisogna chiedersi quanti dei firmatari dell'Aia hanno un processo per consentire alla famiglia biologica, ai genitori adottivi o agli adulti adottati che sospettano pratiche illecite (ad es. di supporto o processo – finanziariamente, legalmente o emotivamente?

Il 7 dicembre 2017, l'ICAV ha facilitato un piccolo gruppo di 7 adottati internazionali in rappresentanza di India, Taiwan e Sri Lanka per richiedere al governo federale australiano, tramite il Dipartimento dei servizi sociali (DSS), di considerare di fornire un sostegno finanziario a coloro che sono stati vittime di tratta vari gradi. Per questi adottati, nessuna somma di denaro potrà mai compensare le perdite e i traumi causati direttamente dal grado di traffico che hanno subito. Per non parlare della loro famiglia biologica! Ma possiamo almeno chiedere che alcune forme di giustizia riparativa siano fornite dai poteri forti che facilitano le adozioni e le permettono di continuare.

Non c'è modo di risolvere definitivamente il dilemma causato dal traffico di adozioni internazionali perché l'adozione è legalmente vincolante, nonostante l'esistenza di casi di successo del procedimento contro coloro che hanno falsificato i documenti.

Purtroppo, l'unico caso legale che può essere fatto in caso di adozione internazionale per traffico noto è per falsificazione di documenti. I colpevoli ricevono uno schiaffo sul polso, un po' di carcere e una piccola multa (rispetto a quanto hanno guadagnato). In confronto, cosa ottiene l'adottato o la famiglia biologica? Niente. Nemmeno i servizi per aiutarli a superare e superare questo trauma non necessario.

Voglio aumentare la consapevolezza degli impatti che la tratta ha su quegli adottati che devono viverla, per sempre. Le loro voci sono inascoltate e sminuite da coloro che sostengono l'adozione. Le loro esperienze trascorrono senza che noi impariamo dagli errori e mettiamo in atto processi e leggi internazionali tanto necessari per prevenire ulteriori ingiustizie come le loro. Per loro, anche quando l'autore è punito dalla legge, in quanto adottati sono lasciati a vivere le conseguenze senza alcun riconoscimento di ciò che hanno dovuto sopportare. Non c'è giustizia per loro.

Si prega di leggere La storia di Roopali. Il suo è un esempio di come vivere le conseguenze per tutta la vita di un'adozione in cui sembra che i suoi primi genitori non abbiano acconsentito volontariamente, né fosse una vera orfana, ed era abbastanza grande per essere ascoltata e data una scelta. La sua storia dà voce alle sfide extra subite direttamente a causa dell'essere stata "trafficata" in una certa misura. È stata abbastanza coraggiosa da condividere la sua storia con il governo australiano con l'ICAV nel 2015, quando abbiamo incontrato i Senior Advisor del Primo Ministro. Non c'era un solo occhio secco nella stanza, eravamo tutti così colpiti dall'evidente trauma che lei sopporta giorno per giorno. Il traffico di bambini vulnerabili tramite l'adozione internazionale deve cessare!

Spero che la storia di Roopali incoraggi gli altri a parlare ea chiedere ai loro governi che sia necessaria un'azione verso il riconoscimento legale della "tratta" attraverso l'adozione internazionale E la giustizia riparativa.

Processo decisionale dei genitori adottivi nell'adozione internazionale

Di Sunny Reed

Con la popolarità di Questi siamo noi e la storia del New York Times su il bambino nero ha scambiato per uno bianco, è utile dare un'occhiata alla rappresentazione dell'adozione nei media popolari.

Sia nel mio work-in-progress che nel mio blog, do uno sguardo retrospettivo alla scarsità di risorse per l'adozione, sia professionali che generali, per dipingere un quadro più ampio di ciò che ha portato le persone ad adottare un bambino al di fuori della loro razza e paese. L'articolo di oggi si concentra su come le rappresentazioni della Russia e della Cina nei media hanno influenzato la decisione di un genitore adottivo di adottare.

Framing Adozione:_I media e il processo decisionale dei genitori
Heather Jacobson

Riepilogo dell'articolo

I futuri genitori eseguono ricerche durante il processo di adozione, spesso sulla base di articoli pubblicati dai media popolari. Jacobson ha rivelato le reazioni dei potenziali genitori a questi articoli e come le notizie hanno influito sulla loro decisione di adottare.

Punti chiave

  • Le storie dei mass media russi sono descritte in modo più negativo di quelle cinesi
  • L'adozione russa è segnalata più frequentemente di quella cinese
  • Le storie di adozione cinesi negative si sono concentrate più sulla logistica che sui potenziali problemi di salute mentale del bambino
  • Poiché i futuri genitori intervistati per lo studio di Jacobson stavano venendo in adozione dopo una situazione di infertilità rischiosa, hanno mostrato il desiderio di evitare ulteriori rischi

Discussione

Una certa dose di scetticismo è salutare quando ci si avvicina alla decisione di adottare un bambino non tuo; dopotutto, è una decisione enorme, che ha un impatto sulla vita di un bambino che non aveva scelta. L'autrice ha scoperto che, indipendentemente dal tono generale di ogni articolo di notizie, la conclusione generale che ha tratto è stata che adottare un bambino in una casa amorevole va bene, ma i potenziali genitori potrebbero calpestare un pericoloso terreno politico.

Quando l'adozione diventa politicizzata, c'è una tendenza a disumanizzare il bambino. Il bambino non è una pedina politica, un povero trovatello portato di nascosto da un paese devastato dalla guerra in una casa amorevole. Quando gli articoli dei media descrivono l'adozione in questo modo, l'identità in via di sviluppo del bambino è influenzata negativamente da questi pregiudizi. Non solo i genitori adottivi, nonostante i loro migliori sforzi, possono assorbire questi punti di vista dannosi, ma inevitabilmente le persone meno coinvolte emotivamente nell'adottato utilizzeranno senza dubbio, senza alcun altro quadro di riferimento, questi articoli come un modo per formulare opinioni sul tema dell'adozione .

I genitori adottivi hanno riferito di essere stati influenzati da questi articoli, alcuni menzionando i rapporti secondo cui i bambini russi hanno più problemi di attaccamento rispetto ai cinesi che li hanno portati ad adottare un bambino cinese. Questo è inquietante, perché si nota che molti adottati hanno problemi di attaccamento; non è un fenomeno nazionale. Come sottolinea Jacobson, "la maggior parte degli adottati sia dalla Cina che dalla Russia ha sperimentato un'istituzionalizzazione che può avere gravi conseguenze per i risultati dei bambini". Molti di noi adulti adottati all'estero, leggendo questo articolo, possono confermare questa realtà.

Altri genitori adottivi internazionali hanno utilizzato gli articoli che hanno letto come giustificazione contro l'adozione nazionale e preferendo l'adozione internazionale. Leggevano storie di genitori biologici locali che cercavano i loro figli e li rivolevano indietro. Come riportato nella ricerca, nelle loro menti come genitori adottivi, questo sarebbe intollerabile poiché molti hanno sperimentato la propria sofferenza attraverso l'infertilità o i nati morti.

Le opinioni espresse nella ricerca di Jacobson riflettono la natura dell'adozione incentrata sul genitore adottivo; i genitori adottivi consumano i media, i genitori adottivi prendono la decisione finale di adottare. Ovviamente i genitori adottivi hanno bisogno di un modo per informare le loro decisioni, ma un po' preoccupante è che le caratteristiche razziali prevalgano sui rischi di adozione russa. I genitori adottivi hanno perseverato nelle adozioni russe nonostante gli avvertimenti, perché erano desiderosi di ottenere un bambino che avesse una somiglianza razziale più stretta con il loro. Dobbiamo mettere in discussione questa decisione, perché l'apparenza non può prevedere il futuro esito di un bambino.

Come adottati transrazziali e internazionali, è nostro dovere rimanere vigili su questi articoli di notizie e assicurarci che i mass media rappresentino in modo equo le nostre lotte e la nostra rappresentazione politica. Se non lo fanno, è nostra responsabilità tagliare il pregiudizio emotivamente guidato verso l'adozione producendo articoli che forniscono resoconti equilibrati.

Neve Gialla

Sono cresciuto in un caseificio nelle zone rurali del Minnesota. Il Minnesota è uno stato, situato nella regione centro-settentrionale degli Stati Uniti e confina con il Canada. La maggior parte delle persone non sa che il punto più settentrionale dei 48 stati inferiori si trova nel Minnesota. Non dovrebbe sorprendere sapere che il Minnesota è tra i primi dieci stati per essere il più freddo e avere il maggior numero di nevicate. Gli inverni del Minnesota sono noti per scaricare pesanti coltri bagnati di neve effetto lago e le sue temperature gelide.

Se vivi in un clima nordico, ottieni esperienze che solo chi vive in quella regione può capire. Si impara a guardare il tempo la sera prima per sapere se si deve collegare la propria auto in modo che il radiatore non si congeli durante la notte. Impari a raggrupparti in strati sciolti per tenere fuori il freddo. Da bambini impari a non leccare le superfici metalliche quando è sotto zero, altrimenti ti congeli la lingua sull'oggetto leccato. Infine si impara a non mangiare mai neve gialla.

La macchia di paglia che risalta sullo sfondo bianco è la registrazione della presenza di un essere umano o di un animale mentre si liberano all'aria aperta. Questa macchia di senape che viola lo sfondo bianco simboleggia i rifiuti scartati e qualcosa di disgustoso. I rifiuti, ovviamente, vengono buttati perché non hanno valore. La spazzatura è brutta da vedere ed è un pugno nell'occhio per la bellezza che ci circonda. Ci impegniamo molto per nasconderci, buttare via e liberarci dalla spazzatura. Questo è il modo in cui mi sentivo durante la mia infanzia. Ho vissuto un'infanzia in cui mi è stato insegnato che non avevo importanza o valore. Ero il vero vivente che respirava il brutto anatroccolo. Peggio ancora, ero asiatico. Ho simboleggiato quella macchia gialla di urina nella neve.

Il consulente a scuola ha insistito perché facessi un test del QI e anche se ho verificato un paio di deviazioni al di sopra della norma, sono stato inserito in una classe "speciale". Nei 5 anni in cui sono stata costretta a frequentare questo corso, ho fatto amicizia con un ragazzo di nome Raymond. Il pubblico in generale sapeva che Raymond era intellettualmente disabile. Il viso del mio amico sembrava distorto, i suoi pantaloni sembravano ingombranti a causa del pannolino che indossava e la sua andatura potrebbe essere descritta come una camminata incespicante. Molti bambini si prendevano gioco del discorso di Raymond, le sue risposte semplici, lente e confuse erano il peso di molte battute. Mi sono rifiutato di prendere parte alle provocazioni perché ho appreso che Raymond era un essere umano e come me, aveva sentimenti e idee proprie.

Dopo aver trascorso lezioni "speciali" con lui per quasi 5 anni, siamo diventati grandi amici. Ho imparato che Raymond amava collezionare figurine del baseball e che portava in classe caramelle extra da condividere con me. Alcune persone mi hanno chiesto se frequentare questo programma speciale ostacola la mia crescita intellettuale. Forse sì, ma mi ha anche permesso di imparare una preziosa lezione di vita. Ho imparato ad avere compassione per tutte le persone. Nero, bianco, giallo, marrone chiaro, marrone… il colore delle persone non contava. Credo che le persone che hanno una forte rete di supporto possano fare qualsiasi cosa. Niente può limitare un individuo nell'ottenere i propri sogni e obiettivi. Non mi rendevo conto che Raymond e io avevamo molto di più in comune. Come Raymond, anch'io ho dovuto affrontare l'essere diverso, fissato ed etichettato come un estraneo dalla società.

C'era un bambino che mi tormentava sullo scuolabus. Lui era al liceo e io in prima elementare. È iniziato con minacce e poi si è trasformato in pugni allo stomaco. Mi odiava perché ero asiatico. Ho nascosto questa vergogna a me stesso ed è stata esposta quando ha preso un pennarello indelebile e l'ha usato per scrivere "gook" e "chink" sulla mia faccia. Il tormento fisico è continuato quando sono entrato al liceo. Ho sopportato un pugno occasionale, frustate da oratoria e la costante paura di essere picchiato. Un bambino di diversi gradi sotto di me distorcerebbe la mia piccola struttura in un pretzel durante il lungo viaggio sullo scuolabus giallo. Il mio telaio asiatico da 100 libbre di 16 anni sottile e waifish non poteva competere con il suo telaio da 6 piedi e 2 pollici. Era il figlio del contadino nutrito di mais che si divertiva a piegare il mio piccolo corpo in un pretzel nel retro dell'autobus. Sono stato costretto a provare la vergogna da solo. Mi sentivo impotente, evirato e umiliato.

Mi sono sentito ulteriormente castrato quando mi hanno insegnato che non ero databile. Non potevo competere con gli atleti. Erano forti e di bell'aspetto. Non appartenevo ai geek perché almeno erano intelligenti. Ero l'estraneo agli estranei. Essendo cresciuto in un caseificio significava che dovevo tirare il mio peso con le faccende. Dovevo trasportare pesanti ceste piene di mangime attraverso lotti di mangime ricoperti di letame e pulire i recinti dei vitelli ogni mattina. Ero il bersaglio dell'odio quando arrivavo a scuola con un distinto odore di feci di mucca. Ero il bambino puzzolente in classe perché i miei genitori adottivi non mi permettevano di fare la doccia prima di arrivare a scuola. Poi, per aggiungere al danno la beffa, sono stato anche il bersaglio di tutti gli scherzi sulla moda. Indossavo spesso vecchi "di seconda mano", svendita di garage e speciali KMART. Inutile dire che non ero popolare a scuola.

Non solo mi sentivo sminuito, ma mi sentivo anche stupido. Avevo voti bassi. Mi addormentavo spesso in classe e anche di notte quando facevo i compiti. I miei genitori non mi hanno mai aiutato con i compiti e senza un tutor o un compagno con cui studiare, non avevo nessuno da cui imparare. Molte notti fissavo le pagine bianche dei miei libri di testo e mi chiedevo il significato delle opere letterarie o delle semplici equazioni algebriche. Niente aveva senso per me.

La paura ha afferrato le profondità della mia anima. Paura dell'ignoto. Paura per il mio futuro. Più tardi, quando sono diventato adulto, ho imparato il nome proprio della paura che mi impediva di fare qualsiasi cosa. Questa cosa che aveva una stretta sulla mia vita si chiamava ansia. I miei genitori adottivi hanno descritto questo comportamento come debole.

Quando ho superato le mie paure, il mio comportamento potrebbe essere descritto come socialmente imbarazzante. Non sapevo come comportarmi con le persone perché avevo poche interazioni. Altre volte divagavo e restavo incollato a una persona perché ero così affamato di attenzioni. Non importa quale fosse lo scenario, mi sarei comportato in modo inappropriato e i miei genitori mi avrebbero poi rimproverato verbalmente per le mie mancanze. Non ho mai avuto la possibilità di essere un bambino o di fare cose semplici come andare al cinema, guardare programmi TV famosi o uscire con gli amici. Non è mai stata un'opzione. Mi mancavano le capacità personali perché ero isolato. Non avevo identità. Ero semplicemente un ragazzino solo in questo grande mondo.

I miei genitori adottivi non hanno mai pensato di insegnarmi la mia eredità coreana. Non hanno mai pensato di comprarmi un libro sulle mie origini etniche. Quando ho chiesto informazioni, si sono rifiutati di permettermi di guardare i miei documenti di adozione. Mi è stato ricordato che ero americano e mi è stato detto di essere grato. Mi è stato insegnato solo sulle loro radici scandinave. Le questioni razziali che ho sollevato sono state immediatamente respinte. È stata accolta con la domanda su cosa avrei potuto fare per provocare qualcuno o è stato risposto che questa era una parte della vita e dovevo indurire. Lo chiamavano "amore duro".

Quando mi hanno colpito il cane e hanno ululato dalle risate quando il cane ha strappato la mia carne, si suppone che sia stato fatto anche per amore. Non mi sono mai sentito loro figlio. Inoltre, la maggior parte dei genitori non fa queste cose ai propri figli. Inoltre, anche la società non ci considerava una famiglia. La mancata corrispondenza tra grandi e incombenti genitori caucasici e piccoli bambini asiatici sembrava la gigantesca signora barbuta e il nano in uno spettacolo da baraccone da circo. Mi sentivo a disagio a mostrare la mia faccia in pubblico. La gente ci guardava a bocca aperta quando entravamo nella stanza. La nostra stranezza ha dato a dei perfetti sconosciuti il coraggio di avvicinarsi e curiosare nella mia vita personale facendo domande come: "Ehi, ti sposi con la tua stessa specie? Sei cinese? Giapponese? Vietnamita?" Sono stato anche scambiato per nativo americano, messicano ed eschimese. Nessuno in Minnesota sembrava sapere dell'esistenza di un gruppo di persone chiamate coreani. Con tutti questi sguardi interrogativi e strani mi chiedevo da bambino se fossi l'unico coreano rimasto in vita sulla verde terra di Dio?

Un consulente di orientamento nel mio anno di liceo è stato schietto con me quando sono entrato nel suo ufficio per la visita obbligatoria. Ho risposto sinceramente quando mi ha chiesto cosa volevo fare dopo il liceo. Gli ho detto che volevo frequentare l'università e lavorare nel settore sanitario. L'uomo mi disse con voce severa che non facevo parte del college e che avrei rubato un'opportunità a qualcuno più meritevole. Mi chiedevo se avrebbe detto le stesse cose a un ragazzo caucasico con voti bassi? Ha preso in considerazione la mano che mi è stata data da bambino per essere stato vittima di bullismo, spinto al lavoro minorile e una persona a cui era stata tolta a pugni tutta l'autostima? Mi sono sempre chiesto perché non ha mai offerto alcun incoraggiamento. Non è questo che dovrebbero fare i consulenti di orientamento? Per dare agli individui la strada migliore verso gli obiettivi a cui miravano? Come il resto della comunità in cui sono cresciuto, non vedeva alcun valore in me. Ma ho ignorato tutta la negatività che ho affrontato durante la mia infanzia e mi sono concentrato sul raggiungimento di tutto ciò che si diceva impossibile.

Il modo migliore per spiegare la mia infanzia era paragonarla a una prigione. Una piccola, fredda e sporca prigione messicana. Ero isolato dalle persone. Non mi è stato permesso di perseguire cose di cui ero curioso. La mia vita era piena di duro lavoro manuale, miseria, abusi e sporcizia. Nonostante questi inizi e le probabilità statistiche di successo, ho perseverato. Ho seguito un corso di recupero e ho imparato da solo a scrivere frasi semplici. Ho studiato la sera e ho imparato la matematica che non conoscevo. Ho osservato le persone e ho imparato a liberarmi del mio imbarazzo sociale. Mi sono aperto alle possibilità e mi sono innamorato. Dopo diversi tentativi, mi sono sposata e ho avuto due figli meravigliosi. Ho conseguito cinque lauree e due erano lauree presso un'università rispettabile. Ho viaggiato in più di 40 paesi in tutto il mondo. Uno dei paesi che ho visitato è stato il mio paese di nascita e ho trovato la mia famiglia biologica. Ho cenato con presidenti e incontrato dignitari. Posso dire di aver avuto una vita fruttuosa e di aver intrapreso la professione di CFO degli ospedali.

Spero che nel raccontare la mia storia, posso incoraggiare gli altri a prendere provvedimenti per allontanare le loro paure. Ho sperimentato numerosi anni di condizionamento da parte di altri che dicevano che non ero abbastanza bravo, abbastanza forte o capace. Incoraggio tutti a liberarsi dalle catene della violenza, dell'odio e della rabbia. Ho provato tanto quanto loro a spezzarmi e ho raggiunto l'impossibile. Ce l'ho fatta nonostante le probabilità!

Ti incoraggio a dare una possibilità a te stesso. Vale la pena aspettare!

Killdeers coreani

Sono stato allevato in un piccolo caseificio che si trovava ai margini della Red River Valley sul lato del Minnesota. Sono cresciuto in una comunità agricola rurale che era piena di una lussureggiante foresta verde di mais, onde ambrate di grano e punti intermittenti di fattorie ricoperte da fitti alberi decidui. Su queste vaste pianure viveva un curioso uccellino, in termini scientifici, chiamato a Charadrius vociferous. Questi piccoli uccelli marroni insignificanti con zampe lunghe e sottili hanno fatto i loro nidi a terra nei campi e sulla costa in tutto il Nord America. La gente del posto, dove sono cresciuto, chiama questo uccello dal verso in falsetto che fa... uccidi cervi, uccidi cervi. Sono certo che se gli uccelli potessero parlare, prenderebbero in giro le gambe sottili come una matita e il corpo ossuto dell'assassino.

Ciò che rende memorabile questo benigno aspetto esteriore senza lucentezza sono le capacità recitative dell'uccello. Questo uccello finge di avere un'ala spezzata per attirare predatori e intrusi come un cane curioso o bambini piccoli lontano dalle loro preziose uova. È incredibile osservare questi uccelli urlare e sbattere le ali e poi sfrecciare via quando ti avvicini a loro. Gli uccelli meritano un Emmy Award per le loro performance drammatiche. Ho bei ricordi d'infanzia di inseguire questi piccoli amici piumati e sono stato indotto a credere che avessero bisogno di cure mediche. Non ho mai localizzato le uova degli uccelli, ma ricordo di aver visto pulcini piumati lanuginosi che sfrecciavano come un gruppo di scolari che si divertivano nei campi da gioco.

Durante i miei studi ho appreso che gli uccelli killer erano originari del Nord America, quindi sono rimasto sbalordito nel vedere simili buffonate durante i miei viaggi in Corea. All'inizio pensavo che i bambini che salutavano i soldati fossero i bambini normali mentre passavamo nei nostri veicoli cingolati blindati. Pochi istanti dopo, mi sono reso conto che questi mascherati erano in realtà dei professionisti che facevano una truffa. Questi bambini attori mi hanno ricordato i pretenziosi Killdeers feriti a casa nelle praterie del Minnesota. Come gli uccelli, giocavano feriti. Invece di ali spezzate, hanno recitato con lacrime di alligatore e facce imbronciate. Il familiare assassino, le grida di angoscia degli assassini furono sostituite da voci infantili che imploravano oggetti, "MRE, MRE", "GI gimme MRE!" I bambini chiedevano cibo preconfezionato dell'esercito chiamato Piatti pronti da mangiare o MRE in breve. Ho guardato i bambini con cautela e sono stato interrotto dal mio sguardo dal mio amico.

“Ehi, Hansen! Ho mangiato parte del mio pranzo durante il nostro viaggio e darò il resto del mio pasto. Watcha pensare?" "Non mi interessa", risposi. Ho riflettuto per un secondo e ho riportato a fuoco i bambini. "Hmmm, ad essere onesti, non credo davvero che vogliano i tuoi avanzi." Barrick è saltato giù dal veicolo prima che potessi finire la mia risposta. Barrick sembrava un gigante imponente rispetto alle due bambine ed era comico vederlo provare a parlare coreano con loro. Ho guardato con divertimento mentre le bambine rifiutavano il suo pacchetto MRE aperto. Hanno fatto segno che volevano interi pacchi MRE che giacevano sopra il mio veicolo blindato. Barrick ha insistito sul fatto che gli oggetti all'interno della familiare busta di plastica marrone erano ancora in buono stato. "Vedi", ha sostenuto mentre teneva i cracker sigillati in aria e faceva gesti facciali che gli articoli erano deliziosi.

Potrei dire che la ragazza più grande, che aveva circa 8 anni, si stava infastidendo. Ha sbuffato diverse volte e poi ha rifiutato sfacciatamente l'offerta agitando le mani affinché si perdesse. Quando ha fatto la sua ultima offerta, la ragazza più grande ha alzato il pugno in aria e ha dato a Barrick l'uccello!

Barrick si voltò verso di me scioccato e mi chiese incredulo: "Hai visto? Ha alzato il dito medio!» Barrick fece qualche passo indietro verso il veicolo della pista e si voltò ancora una volta per vedere la bambina che gli faceva la linguaccia. Scosse la testa incredulo e disse: "Solo pensare, mi dispiaceva per lei!"

Un altro soldato si avvicinò ai bambini piccoli e porse alla più piccola delle caramelle, sembrava avere circa 5 anni. Le piccole dita stringevano i pezzi di caramelle dure e lei iniziò a metterne un pezzo in bocca. Poi veloce come un fulmine, il figlio maggiore colpì il più piccolo con una caramella in faccia. Ha assestato un paio di colpi duri alle piccole guance con i palmi aperti. Il viso del figlio maggiore era pieno di rabbia. Poi, come punizione, la più grande delle ragazze ha tolto i guanti diradanti dalla più piccola e li ha infilati nelle tasche del cappotto.

Abbiamo tutti guardato la scena con orrore e incredulità. Ho chiesto al mio KATUSA (Corean Augmentee to the US Army), un soldato nazionale coreano che era assegnato alla nostra unità, di venire con me e tradurre per me. Mi sono inginocchiato nella neve e ho afferrato con cautela la ragazza più grande per le spalle e le ho chiesto perché stesse picchiando sua sorella. La ragazza si staccò da me e la riportò verso il mio viso. Mi alzai e camminai davanti a lei e mi inginocchiai. Questa volta le ho chiesto se amava sua sorella minore e se sì perché l'aveva colpita in faccia. Il KATUSA tradusse di nuovo il mio messaggio e, dopo alcuni minuti di interrogatorio, il forte sguardo freddo della ragazza maggiore si dissipò e lei iniziò a singhiozzare tra le mie braccia.

La ragazza piangente sbottò un fiume di parole e lasciò il mio abbraccio per abbracciare la sua sorellina. Dopo una breve conversazione, ho appreso che i bambini sono stati costretti a stare fuori a venti gradi sotto la temperatura per implorare MRE dai soldati statunitensi di passaggio che si sono addestrati vicino a casa sua. I suoi genitori erano contadini poveri e integrarono il loro magro reddito vendendo le razioni dell'esercito al mercato nero. Mentre ascoltavo la sua storia ho iniziato a vedere i segni rivelatori di abbandono. Ho notato che le dita esposte erano rosse e gonfie per il lieve congelamento e le guance screpolate dall'esposizione. I capelli erano arruffati e opachi fiocchi di forfora erano presenti nei loro capelli e gli abiti orribilmente attillati li tenevano a malapena caldi dai gelidi venti montuosi della Corea.

Tante domande riempiono la mia mente mentre racconto questa storia che è successa tanti anni fa. Chissà quale stronzo insegnerebbe a una ragazzina il significato del dito medio. Spero di aver avuto un impatto migliore su di lei e che abbia imparato ad amare e amare le sue sorelle, nonostante il fardello che i suoi genitori le hanno posto sulle spalle quando aveva 8 anni. Rivisito questa storia di tanto in tanto e rifletto su come sta questa ragazza. Sarebbe stata meglio adottata come me e soffrire come me, o sarebbe stato meglio essere tenuta con la sua povera famiglia in Corea? Il viaggio "una volta nella vita" per vedere la mia "patria" mi ha insegnato più su me stesso di quanto immaginassi possibile. Spero che questa ragazza sia diventata una donna forte e indipendente che non ha altro che felicità.

Recensione CUORE DI LEONE

Non avevo idea di avere un profondo bisogno di vedere i miei figli sentirsi felici. Mi rendo conto ora di quanto ho visto negativamente la rabbia e la frustrazione. Non mi ero reso conto che quando ho deciso di adottare un bambino, in parte si trattava di riparare un bambino rotto. Avevo così tanto amore da dare e pensavo di poter amare un bambino finché non fosse di nuovo intero. p94

LIONHEART: La guida alla vita reale per le famiglie adottive è un libro scritto da quello che definirei incredibilmente accesi genitori adottivi. Se tutti i genitori adottivi abbracciassero i nostri inizi traumatici come queste 3 coppie, con gli sforzi che hanno chiaramente fatto per affrontare le complessità coinvolte, la mia ipotesi è - vedremmo risultati molto meno tragici e negativi dall'adozione internazionale in tutto il mondo.

Questo libro deve essere letto dai futuri genitori adottivi in ogni paese di accoglienza! Solo in America, questo libro farebbe un ENORME impatto sull'educazione necessaria e veritiera che dovrebbe essere fornita ai futuri genitori sulla realtà del compito che stanno assumendo attraverso l'adozione internazionale.

Questo libro è il miglior manuale pratico che abbia letto e che fornisce ai genitori potenziali e adottivi una guida pertinente per gestire le sfide che inevitabilmente portiamo come persone adottate. Fin dall'inizio, gli autori chiariscono che questo non è un libro per deboli di cuore, da qui il titolo Cuor di Leone. Gli autori delineano la realtà che ho sperimentato anche come adottato all'estero, cresciuto nello stesso tipo di famiglia rappresentato nel loro libro, ovvero l'essere un bambino adottato all'estero tra i figli biologici di un genitore adottivo.

Mi sono relazionato a questo libro su alcuni livelli. In primo luogo, come adulto adottato all'estero, ho visto me stesso attraverso il viaggio dei loro figli adottati: lottare per sentirsi al sicuro, comportarsi in molti degli stessi modi durante l'infanzia, desiderare di sviluppare fiducia ma ha paura, affrontare molte delle stesse sfide, ecc.

"... fare da genitore a un bambino che era sia disperatamente malato che emotivamente segnato è diverso in molti modi. Sono un genitore biologico e adottivo, e posso dirvi per esperienza diretta che non sono la stessa cosa". p90

In secondo luogo, come genitore di mio figlio biologico con bisogni aggiuntivi, questo libro è stato un riflesso della mia genitorialità negli ultimi 11 anni! Potrei relazionarmi totalmente con i problemi sensoriali, i comportamenti impegnativi, la ricerca di risposte e terapie, l'esaurimento di cercare disperatamente di trovare qualcosa che funzioni e le differenze nell'essere genitori di un bambino senza bisogni aggiuntivi rispetto a uno con molti, ecc. gli autori fanno correttamente il collegamento, che adottare un bambino è letteralmente lo stesso che avere un bambino con bisogni aggiuntivi.

Gran parte dei consigli standard per genitori di bambini con una malattia mentale si applica alle famiglie adottive. p102

In terzo luogo, queste 3 famiglie si sono unite per formare la propria rete di sostegno perché si sono rese conto di trovarsi in una situazione unica e che il sostegno era cruciale per la loro sopravvivenza nell'adozione. Questo libro è nato dalla loro amicizia, dal sostenersi a vicenda e dalla consapevolezza che le lezioni apprese potrebbero essere preziose per gli altri. Allo stesso modo, ho costruito una rete di supporto con i miei compagni adulti adottati all'estero e abbiamo prodotto molti ottimi documenti, libri e risorse che sono utili per gli altri.

L'unica area che questo libro non copre affatto, che consiglierei a tutti i futuri genitori adottivi di indagare, è il quadro generale delle questioni e dei dilemmi etici, politici, sociali e dei diritti umani all'interno dell'adozione internazionale. Il mio percorso di adozione personale dura tutta la vita e quello che ho notato in particolare dopo aver avuto figli miei, è che ho lentamente aperto gli occhi al quadro più ampio dell'adozione internazionale. Questa fase include porre domande che i miei genitori adottivi non hanno mai fatto, ma che si trovano nel profondo e alla fine salgono in superficie.

Domande come: la mia rinuncia e quindi l'adozione è legittima, è stato scambiato denaro ed è stato equivalente a quanto costerebbe elaborare l'adozione o è stato ricavato denaro dalla transazione, chi ha guadagnato da quel denaro, quanti bambini sono stati inviati dalla mia nascita paese ogni anno e perché, cosa succede per le famiglie naturali e come affrontano la perdita del figlio, e se non dovessero perdere il figlio e come possiamo potenziare questa opzione?

Domande sui diritti umani come: cosa ha fatto il mio paese di nascita per cercare di aiutarmi a mantenermi con la mia famiglia, la mia famiglia allargata, la mia comunità, il mio paese, prima che venissi adottato all'estero? In che modo i miei genitori adottivi hanno partecipato a questo commercio/attività? Era volontariamente o ciecamente? Fa qualche differenza? L'adozione internazionale è in bianco e nero come generalmente viene descritta dai media? Ci sono stati altri risultati che avrei potuto vivere come adottato, se non fossi stato adottato in un'industria delle adozioni alimentata dal denaro?

Maturando nella mia comprensione dell'adozione, mi sono reso conto che non è ciò che appare a prima vista e che dobbiamo preparare i bambini adottati in fasi adeguate all'età per le domande del quadro generale. Il libro aveva un paio di incroci in cui questo avrebbe potuto essere esplorato ma non lo era. Ad esempio, la morte di un bambino assegnato a una famiglia adottiva e in seguito a causa del dolore e dei sentimenti di perdita, i genitori hanno cambiato paese e agenzia da cui adottare. Poi, in un altro capitolo, un bambino adottato chiede (quello che viene definito un "strano” domanda), “puoi comprare un bambino?” Ho riflettuto su come è possibile che noi adottati vediamo chiaramente la connessione ma non i genitori adottivi. Nella nostra visione semplice, se scegli e selezioni un bambino da qualsiasi paese desideri, o cambi perché non ti va più bene, paghi dei soldi per elaborare la transazione, come non è simile allo shopping, ad esempio, l'acquisto di un bambino? La domanda è davvero così strana? È una realtà potente che alla fine mettiamo in discussione gli adottati e riflette solo un aspetto delle complessità socio-politiche-economiche di genere che tutti i genitori adottivi farebbero bene a considerare e discutere apertamente man mano che i bambini adottati crescono.

All'interno dell'ICAV, posso garantire che pensiamo e discutiamo di queste questioni complesse di livello superiore. Scriviamo anche ampiamente su come è facilitata l'adozione internazionale, da chi, se il ciclo è perpetuato dalla domanda (potenziali genitori) e perché non abbiamo diritti legali - chiaramente evidente quando le nostre adozioni falliscono, siamo oggetto di tratta o abbiamo documenti falsificati, o subire abusi o deportazione.

Forse gli autori del libro devono ancora raggiungere questo stadio con i loro figli e questo potrebbe spiegare perché è assente. Se è così, mi piacerebbe vederli scrivere negli anni a venire, un libro longitudinale che copre le fasi successive della genitorialità adottiva man mano che i loro figli crescono fino alla mia età e oltre.

Indipendentemente dall'omissione di domande di grande respiro, consiglio vivamente questo libro a tutti i futuri genitori perché è sicuramente un enorme vantaggio per l'aiuto ricevuto dai genitori adottivi della mia generazione.

Questo libro fornisce un resoconto onesto e senza pretese di ciò che DAVVERO accade quando si adotta un bambino da un paese straniero. La premessa del consiglio genitoriale deriva da a trauma informato e genitorialità attaccata prospettiva. A mio parere, in quanto adottato all'estero, questo è un vero resoconto del bagaglio emotivo che portiamo con noi, indipendentemente dal fatto che veniamo adottati da neonati o meno. ho scritto prima non siamo tabula rasa. Se i futuri genitori NON sono preparati ad affrontare le realtà presentate in questa straordinaria risorsa scritta da genitori adottivi esperti, allora suggerisco che l'adozione internazionale di un bambino potrebbe non essere adatta a te. Ma se sono disposti ad abbracciare ciò che questo libro ha da offrire, oltre a essere aperti a discutere il quadro più ampio dell'adozione internazionale, credo che questo consentirà alla tua famiglia, le migliori possibilità di risultati migliori.

Visita il loro sito Web per i dettagli su come acquista Cuor di Leone.

Ricostruire identità e patrimonio

Ho fatto "Rose” da vecchie riviste in un momento della mia vita in cui mi sentivo perso. Strappavo e ritagliavo la carta velina da progetti artistici precedenti, da pagine di libri e fogli di album scartati. Ho assemblato la tecnica mista su supporto quadrato. La parola "eredità" era incollato sullo sfondo.

Le rose sono diventate il punto focale. Questi si sono rivelati più chiari e prominenti nel pezzo, che non era stato affatto pianificato.

Quando comincio a scrivere un blog per conto di questioni relative agli orfani e all'adozione internazionale, mi rendo conto che quest'arte che sto facendo ruota attorno all'avere un'identità orfana, che cercherò di affrontare con la mia prospettiva in questo post.

Nel complesso, ci sono molte cose difficili da affrontare con questa disposizione anche prima che possa iniziare la guarigione. Nella mia esperienza, ho dovuto confrontarmi con come sono nata, il che significava accettare la parte più difficile del passato che aveva subito il trauma di un grave dislocamento. Successivamente, ho dovuto riparare il trauma con continui sforzi personali di ricostruzione e il potere della fede.

Una risoluzione che ho trovato nell'avere un'identità orfana è la promessa di un nuovo giorno. Una promessa che il sole sorgerà. Che nel complesso panorama della nostra vita c'è una rosa che cresce in mezzo. E se ci concentriamo su ciò che sta sbocciando, potremmo essere in grado di tendere a questa nuova crescita.

A coloro che hanno un passato orfano, che hanno sperimentato lo spostamento definitivo dove non si può tornare indietro, posso riferirmi.

La mia sensazione su questo è che è qui che si può iniziare ad andare avanti.

Passo dopo passo, giorno dopo giorno, possiamo ricostruire le nostre vite e cosa significa il patrimonio per noi, oggi e con ogni nuovo giorno davanti a noi.

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%