Rinuncia, adozione e dolore

di Bina Mirjam de Boer adottato dall'India ai Paesi Bassi, condiviso per il mese di sensibilizzazione sull'adozione di novembre a Bina Coaching.

Nel momento in cui gli adottati sperimentano di aver perso una parte di sé a causa della rinuncia e/o dell'adozione, entrano improvvisamente in un processo di lutto. Una sorta di lutto che loro stessi, ma anche l'ambiente circostante, spesso non riescono a comprendere o contenere.

Un evento speciale come una gravidanza, la nascita di un (nipote) o un matrimonio può improvvisamente perdere colore o brillare. Una morte, la perdita del lavoro o un trasloco possono diventare improvvisamente l'evento più drammatico e prevalente nella vita di un adottato.

Viene innescata la precedente perdita che fino a quel momento era assopita nell'inconscio. Improvvisamente l'inconscio si risveglia nel conscio e ributta l'adottato nel precedente trauma della perdita con il corrispondente cambiamento comportamentale. Le emozioni che ne derivano sembrano assorbire tutto, le strutture ei controlli scompaiono e il caos prevale.

Spesso gli adottati che in precedenza si consideravano “fortunatamente adottati” sentono improvvisamente il vuoto e cercano di riempirlo cercando se stessi, la propria identità e/o la propria madre. Ma il vuoto, la tristezza e la paura non si dissolvono durante questa ricerca o nella riunificazione. Rimane spesso la storia, i segreti, il senso di colpa e la vergogna tra entrambi.

A causa del fatto che questa forma di perdita e lutto non è riconosciuta nella nostra società, le persone adottate non hanno la possibilità (es. periodo di congedo) di piangere, dare un senso alla loro perdita o vivere un rituale di addio come un funerale dei loro genitori adottivi . E spesso non hanno ricordi dei loro primogeniti con cui consolarsi. Per questo spesso rimarrà una storia infinita e la ferita rimarrà aperta.

Una separazione tra madre e figlio provoca una perdita permanente, che portiamo nel nostro corpo fino alla fine della nostra vita e viene trasferita anche alle generazioni successive.

Ecco perché è importante aumentare la consapevolezza per la perdita e il trauma durante la rinuncia e l'adozione e l'impatto della mancanza dei dati sui nostri discendenti. Gli adottati dovrebbero avere tanto diritto al sostegno nel loro processo di lutto quanto quelli non adottati.

Per saperne di più su Bina, leggi i suoi altri blog ICAV:
Immagina di perdere i tuoi genitori due volte!
Dimentica il tuo passato

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%