Rinuncia, adozione e dolore

di Bina Mirjam de Boer adottato dall'India ai Paesi Bassi, condiviso per il mese di sensibilizzazione sull'adozione di novembre a Bina Coaching.

Nel momento in cui gli adottati sperimentano di aver perso una parte di sé a causa della rinuncia e/o dell'adozione, entrano improvvisamente in un processo di lutto. Una sorta di lutto che loro stessi, ma anche l'ambiente circostante, spesso non riescono a comprendere o contenere.

Un evento speciale come una gravidanza, la nascita di un (nipote) o un matrimonio può improvvisamente perdere colore o brillare. Una morte, la perdita del lavoro o un trasloco possono diventare improvvisamente l'evento più drammatico e prevalente nella vita di un adottato.

Viene innescata la precedente perdita che fino a quel momento era assopita nell'inconscio. Improvvisamente l'inconscio si risveglia nel conscio e ributta l'adottato nel precedente trauma della perdita con il corrispondente cambiamento comportamentale. Le emozioni che ne derivano sembrano assorbire tutto, le strutture ei controlli scompaiono e il caos prevale.

Spesso gli adottati che in precedenza si consideravano “fortunatamente adottati” sentono improvvisamente il vuoto e cercano di riempirlo cercando se stessi, la propria identità e/o la propria madre. Ma il vuoto, la tristezza e la paura non si dissolvono durante questa ricerca o nella riunificazione. Rimane spesso la storia, i segreti, il senso di colpa e la vergogna tra entrambi.

A causa del fatto che questa forma di perdita e lutto non è riconosciuta nella nostra società, le persone adottate non hanno la possibilità (es. periodo di congedo) di piangere, dare un senso alla loro perdita o vivere un rituale di addio come un funerale dei loro genitori adottivi . E spesso non hanno ricordi dei loro primogeniti con cui consolarsi. Per questo spesso rimarrà una storia infinita e la ferita rimarrà aperta.

Una separazione tra madre e figlio provoca una perdita permanente, che portiamo nel nostro corpo fino alla fine della nostra vita e viene trasferita anche alle generazioni successive.

Ecco perché è importante aumentare la consapevolezza per la perdita e il trauma durante la rinuncia e l'adozione e l'impatto della mancanza dei dati sui nostri discendenti. Gli adottati dovrebbero avere tanto diritto al sostegno nel loro processo di lutto quanto quelli non adottati.

Per saperne di più su Bina, leggi i suoi altri blog ICAV:
Immagina di perdere i tuoi genitori due volte!
Dimentica il tuo passato

Desiderio (Someday) di Luke McQueen

di Luke McQueen adottato dalla Corea del Sud negli Stati Uniti. di Luca desiderio (un giorno) è uno dei 6 brani musicali creati da un adottato internazionale per essere presenti in ICAVs Risorsa video per professionisti.

A proposito di me

Alcune persone si chiedono perché ho una risposta così vaga a "Qual è il tuo segno?" Ecco perché. Sono nato da qualche parte in Corea del Sud, probabilmente vicino a Jecheon intorno al 1972. Sono stato in un orfanotrofio a Jecheon per circa 1 anno e sono stato adottato nel 1977 da una famiglia amorevole a Longmont, in Colorado, negli Stati Uniti. Come molti orfani e adottati, non ho idea di quando sia il mio compleanno, quindi qualsiasi segno zodiacale andrà bene. Ma per quanto riguarda l'anno dello zodiaco cinese, o sono un topo, un maiale o un bue.

Il mio viaggio musicale

I miei primi ricordi musicali, amorevolmente catturati dalla mia famiglia su cassetta (i ragazzi vanno avanti e DuckDuckGo), includono un registrazione di canzoni Ho imparato all'orfanotrofio. Intorno ai 6 o 7 anni cantavo regolarmente nella mia chiesa dove mio padre era il pastore e l'ho fatto fino al liceo. Ho imparato un po' di pianoforte classico (più o meno l'estensione della mia formazione formale) intorno agli 8 anni e ho iniziato a comporre dei semplici lavori originali intorno ai 10 o 11 anni. Verso i 12 o 13 anni, mi è stato regalato un sintetizzatore da un amico di famiglia e nel giro di un paio d'anni sono stato in grado di passare a un vero synth (l'Ensoniq SQ80) con i soldi del mio lavoro cartaceo. Ho cercato di impressionare le ragazze ma con scarso successo (in realtà, non tanto però perché non riuscivo a superare le mie insicurezze e l'acne piuttosto grave). In quei giorni ho prodotto alcune creazioni amatoriali di synthpop degli anni '80 (meglio conosciuti come "musica" durante gli anni '80). A proposito, devo riportare alcune di quelle canzoni uno di questi giorni!

Un momento cruciale nella mia vita musicale è arrivato a metà degli anni '80 quando ho partecipato a un concorso per talenti e ho vinto sulla base di una composizione abbastanza semplice. Ho battuto un musicista di grande talento che suonava il "L'intrattenitore.” Questo ha fatto emergere l'intuizione che la musica nuova e creata è molto diversa da alcune delle più complesse musiche suonate/coperte. È stato dopo questo che mi sono impegnato a fare la mia musica, ma ci sarebbero voluti molti anni prima che avessi la maturità per ascoltare gli altri, giudicarmi correttamente e avere una mentalità di apprendimento per essere in grado di modellare una canzone adeguata.

Mi sono unito al coro jazz al liceo e ho finito per scrivere la canzone del diploma di maturità. Era chiamato "I cambiamenti” ed era quasi banale come sembra, ma continua a leggere e vedrai perché! Comunque, per il mio appuntamento del ballo di fine anno, è uscito il mio fidato SQ80 con candele e torta di pantaloni fantasia, e ho cantato a squarciagola. Il mio appuntamento è rifiutato quando le ho chiesto di uscire di nuovo, quindi ti lascio decidere come è andata o cosa significava :).

Quando mi sono diplomato al liceo sono andato in un piccolo Christian College a Lincoln, nell'Illinois, dove mi sono unito a un gruppo musicale e ho anche formato una band cristiana chiamata "Andando 2 Rock U.” E proprio così, il formaggio aumenta! Ci sono stati alcuni momenti di orgoglio per la creazione di canzoni, ma nessuna produzione finita o rifinita di nulla per il pubblico. Ricordo che avevo una canzone che aveva testi cristiani con un'atmosfera Babyface. Onestamente, non sapevo come creare canzoni decenti, ma pensavo di essere molto migliore di quello che ero, quindi non ho preso bene nessuna guida o critica, per quanto ben intenzionata.

Tuttavia, nel 1996, come studente di CU-Boulder, ho fatto un provino per "" di Dave Grusin.Una storia del Westside” con la jazz band CU dove ho avuto un assaggio di artisti di livello mondiale e ho visto possibilità nella musica. [stridio di record] Tuttavia, ho prontamente scelto la sicurezza di una carriera di consulente tecnologico e ho rimandato questo sogno musicale per altri 17 anni. Nel 2013, mi sono trasferito in Corea per cercare la mia famiglia d'origine e ho anche deciso di provare la musica. Da studente, ho seguito un paio di corsi Berklee Online in orchestrazione e improvvisazione jazz per affinare le mie abilità e poi ho iniziato a esibirmi a Seoul in varie band, ho formato la mia band e alla fine sono diventato un artista solista. Per tutto il tempo, ho imparato a suonare dal vivo e a scrivere un sacco di canzoni, alcune delle quali saranno nel mio disco questo novembre. Per sbarcare il lunario, ho svolto vari lavori in una compagnia musicale e mi sono state date altre opportunità di eseguire la mia musica. Una grande opportunità è arrivata nel 2020, quando sono diventato un artista in una compagnia di intrattenimento indipendente a Seoul. È vero quando dicono "non puoi farcela da solo". Quindi faccio umilmente dei passi in avanti, con molto aiuto da amici, musicisti, fan e professionisti del settore, per costruire una carriera duratura come artista solista.

Cosa ha ispirato desiderio (un giorno)?

Anche se ho fatto musica da quando ero alle medie, non ho avuto nessuna canzone che fossi pronta a dire con orgoglio "questa è la mia canzone". Ma finalmente nel 2013, dopo aver visitato la Corea per la prima volta, ho deciso di scrivere una canzone sul desiderio di trovare la mia famiglia naturale, in particolare la mia madre biologica. Non ho ricordi della Corea da bambino, quindi ho immaginato di vagare per le strade da bambino e di provare la sensazione perduta di voler tornare a casa. Ho attinto alla mia crisi di mezza età in cui sentivo che la mia vita era paralizzata e cadeva a pezzi in così tanti modi, nelle mie relazioni e nel lavoro, e quindi la sensazione di fuggire da quella e il desiderio per l'ignoto hanno aiutato a creare i testi. Ho provato variazioni di "oohs" melodici, decidendo il ritornello attuale e la canzone è nata.

Una Sesh Terapia Veloce

Come adottato, sono stato una combinazione di camaleonte, incantatore, artista della fuga e un assassino sotto il tappeto. Da bambino, ero bravo a cercare di far ridere le persone e spesso a cercare di essere divertente, il che credo fosse cercare di nascondere o deviare dalla mia insicurezza e dal disperato bisogno di accettazione. Qualsiasi sentimento negativo è stato evitato, non affrontato e rimasto dormiente per molti anni fino a quando improvvisamente, durante la mezza età, la mia protezione/schermo dal mio passato sconosciuto e dai sentimenti non elaborati è tornata, e non c'era più modo di nascondermi da loro. Ho anche visto come, non affrontando questi problemi, il mio autosabotaggio e la mia natura critica stessero consumando ogni opportunità e possibilità di avere successo nella musica. Sono stato certamente un disastro che ha influenzato molte decisioni, essendo in relazioni sbagliate e prendendo molte decisioni sbagliate per la mia vita. Inoltre, ho avuto una cecità perpetua nei confronti della mia natura egoista, segno dell'immaturità del mio carattere. Fortunatamente, tuttavia, con i veri amici, la mia famiglia amorevole e per la grazia di Dio, sono uscito da tutto questo ambiente un essere umano più forte e più fiducioso. E con la realizzazione della mia natura egoista, sono in grado di trovare meglio la via della compassione, della gentilezza e della pace dalla mia vera natura amorevole. Sebbene sarà continuamente un viaggio di apprendimento, credo di essere più resiliente che mai e ora sono pronto a vivere di nuovo, anche durante questi tempi difficili di virus, paura e blocchi.

La mia prospettiva della canzone è cambiata da quando l'ho scritta?

Dalla scrittura originale della canzone nel 2013, la cosa principale che è cambiata è la mia prospettiva sulla sostanza del desiderio. Prima pensavo che desideravo solo la mia famiglia naturale, ma ora mi rendo conto che quello che provavo era un desiderio ancora più profondo. E nel 2019, questo desiderio di connettersi è stato veramente soddisfatto solo quando mi sono ricollegato con il genitore biologico definitivo, Dio, quando sono diventato di nuovo un seguace di Gesù.

Feedback che ho ricevuto per desiderio (un giorno)

In generale, ho avuto solo feedback positivi, ma proprio come la variegata esperienza degli adottati, è probabilmente più complessa... per molti che non hanno cercato la loro famiglia d'origine, la canzone può suscitare emozioni che hanno rinchiuso per molti anni. Per coloro che hanno trovato famiglie naturali, il desiderio può ancora esistere, poiché le aspettative non realistiche non vengono soddisfatte o peggio. In generale, ho avuto solo feedback positivi, tuttavia capirei completamente un'avversione per desiderio (un giorno) per alcuni adottati che evitano completamente gli argomenti relativi all'adozione. Ho sentito da coloro al di fuori dell'esperienza dell'adozione che questa canzone ricorda loro i propri cari che sono morti o da cui potrebbero essere alienati. Sono fortunato di essere stato in grado di produrre la canzone e di averla ascoltata da molti tra il tuo pubblico. Spero che i testi e la musica tocchino i loro cuori tanto quanto toccano il mio.

Qualche nuova musica relativa alla mia esperienza di adozione?

desiderio (un giorno) è l'unica canzone veramente legata agli adottati che ho scritto. Ho un duetto che ho scritto insieme a un altro adottato che è un poeta meraviglioso e si chiama "The Other Side". Potrei pubblicarlo come singolo in futuro, ma non è ancora pronto per la produzione. Ho anche inserito della musica in un documentario inedito chiamato "la mia umma” ma non sono sicuro che pubblicherò la musica per questo. Tuttavia, ho una canzone che sarà nel mio album di debutto a novembre chiamata "scomparendo” che ho scritto dal punto di vista di una famiglia naturale sperando che il loro figlio adottivo torni a casa, ma con il passare del tempo la prospettiva reale di una riunione diminuisce. Ora che scrivo questo, questo suona certamente deprimente. Hmm, forse è per questo che ho così tante canzoni divertenti e allegre per compensare e bilanciare queste canzoni!

Al momento ho pubblicato un EP di 5 canzoni e pubblicherò il mio album di debutto di 12 canzoni il 23 novembre 2021. Se sei interessato, dai un'occhiata alla mia musica, che è un mix di melodie divertenti, groovy e soul insieme con ballate come desiderio (un giorno).

Quindi forse non ho un "segno" specifico che posso darti, ma invece ti darò una "canzone". spero ti piaccia desiderio (un giorno).

Come trovare Luke McQueen?

Recensione di Fare i conti con la ferita primordiale

Rebecca e Jill

Fare i conti con la ferita primordiale è un film condotto da adottati creato da Rebecca Autumn Sansom e sua madre naturale Jill. Insieme esplorano ciò che Ferita Primordiale è e come ha influenzato le loro vite.

Questo film parla davvero del viaggio di Rebecca per venire a patti con chi è; dare un senso all'essere adottati; comprendere il profondo dolore e la perdita che ha provato nella sua vita; esplorando come non sia solo il suo viaggio ma anche molti altri adottati; venire a patti con l'ascolto del viaggio della sua madre naturale e la comprensione che questa esperienza ha temi universali.

Penso che sia una fantastica esplorazione degli impatti profondi creati quando si separano una madre e un bambino; ascoltare e vedere l'esperienza vissuta da entrambi i lati: l'adottato e la sua madre naturale. È anche perspicace nel dimostrare la realtà comune di come i genitori adottivi facciano fatica a comprendere il significato e a venire a patti con il trauma da cui hanno costruito la loro famiglia. 

Spesso durante la riunione noi adottati siamo presi nel mezzo di problemi emotivi in competizione e a volte possiamo assumerci troppa responsabilità di tenere lo spazio per tutti. Personalmente ho sentito che il film di Rebecca è un modo così potente per mantenere lo spazio per se stessa e raccontare la sua storia, bravo!

Amo la gamma di esperti all'interno di questo documentario, in particolare tutta l'esperienza vissuta e il modo in cui i professionisti si intrecciano tra le storie personali. È così importante capire l'enorme rete di persone interconnesse in adozione, i ruoli che svolgono, come siamo tutti influenzati. È stato particolarmente toccante vedere il viaggio longitudinale di riconnessione facilitato dall'assistente sociale di Jill, a cui chiaramente importava molto.

Alla fine questo film mi ha colpito per la sua verità e convalida per tutti gli adottati che non possono semplicemente "andare avanti" e agire come se la separazione dalle nostre madri naturali non avesse alcun impatto su di noi. Nel complesso, il messaggio per me suona vero: che affinché avvenga una guarigione profonda nell'adozione, è necessario che ci sia un profondo calcolo degli impatti causati dalla separazione di una madre dal bambino e il riconoscimento che questi sono per tutta la vita.

Per saperne di più sul documentario, puoi visitare Rebecca's sito web.

ICAV è in esecuzione adottato eventi online questo settembre, dove gli adottati avranno accesso per vedere il documentario e successivamente partecipare a un gruppo online per una discussione post film.

Sono come un cervo catturato dai fari

di Krem0076, un adottato internazionale coreano cresciuto negli Stati Uniti.

Krem0076 da bambino

Sono un adottato da un'adozione internazionale chiusa. Ho dei documenti, ma per molti di noi i nostri documenti sono spesso pieni di errori, bugie e discrepanze. Questa è una sfida: le mie informazioni sono accurate? Il mio nome di nascita? Il mio compleanno? La mia storia di origine se ne ho anche una? Qualcuno dei nomi nei miei documenti è reale o accurato?

Ho nomi sia per la mia b-mamma che per il mio b-papà e nel 2017 ho deciso di provare a cercare la mia b-mamma su Facebook. Ecco un'altra sfida: poiché sono stata adottata dalla Corea e non sono cresciuta leggendo o parlando la mia lingua, ho dovuto capire come tradurre la versione inglese del nome di mia b-mamma in Hangul e sperare che fosse accurata. Per fortuna ho un amico adottivo coreano che potrebbe farlo per me. Ho cercato e trovato una donna che ha dei tratti fisici così simili ai miei, è stato come guardare me stessa in uno specchio del futuro a circa 50 anni.

La sfida successiva è stata: le invio un messaggio? E se lo faccio, che diamine dico? “Ciao, non mi conosci davvero, ma potrei essere tua figlia che hai abbandonato nel 1987. Hai lasciato una bambina allora? Ti prometto che non sono pazzo e non provocherò problemi". Sì, non vedo che stia andando bene. La richiedo amica? Come posso avvicinarmi a lei senza spaventarla? E se fosse sposata e avesse altri figli? E se fossi un segreto? E se lei mi nega?

Questo è stato nel 2017 quando ho trovato per la prima volta la mia potenziale b-mamma, e dopo settimane di agonia e pietrificazione ma allo stesso tempo eccitata, le ho inviato un messaggio e una richiesta di amicizia. Ho aspettato giorni che si sono trasformati in settimane, che si sono trasformati in mesi e alla fine anni. Niente. Sono passato dall'essere eccitato e speranzoso all'essere nervoso e insicuro. Alla fine si è trasformato di nuovo in amarezza, frustrazione, rifiuto e perdita. Alla fine, mi sono intorpidito e l'ho spinto nella parte posteriore del mio cervello e ho cercato di dimenticare.

Avanti veloce a marzo del 2021. Di recente ero completamente uscito dalla nebbia delle adozioni, ho iniziato a riconnettermi con la mia cultura, la lingua, i cibi e le tradizioni coreane e ho fatto più amici coreani adottati. Ho deciso di cercarla di nuovo e vedere se c'era qualcosa di nuovo. Da quello che ho avuto come osservatore esterno, sembra sposata e ha 2 figlie adulte. Sembra anche che gestisca una fattoria di bacche. Ho deciso di scriverle di nuovo, questa volta in Hangul sperando che rispondesse meglio. Ho anche aggiornato il nome del mio profilo per includere il mio nome di nascita in Hangul, sperando che lo vedesse. Non ha mai letto il messaggio e non ho la possibilità di chiederle un'altra amicizia.

So che posso passare attraverso altri canali per trovare e contattare la mia b-mamma, ma sono un disastro. E se non riescono a trovarla? E se lo fanno e lei mi rifiuta? E se questa donna fosse lei e lei mi rifiutasse? E se fosse morta? Questa è un'altra sfida: l'assalto debilitante e paralizzante delle emozioni che mi impediscono di muovermi in entrambi i modi. Sono come un cervo catturato dai fari.

Per i genitori adottivi che leggono questo, vi incoraggio a promuovere adozioni aperte, se potete, non per i vostri bisogni e desideri, ma per i bisogni e i desideri futuri di voi bambini adottati. Cresceranno conoscendo le loro origini, la loro storia medica, la loro b-mamma o i genitori. Avranno un senso migliore della loro identità. Saranno in grado di porre domande e ricevere risposta. Ci saranno ancora traumi. Ci saranno ancora giorni ed emozioni difficili. Ma avranno una base più solida di quanto io non avrò mai. Ho 34 anni e un giorno sto annegando. Faccio fatica ad essere adottata e in questo momento, francamente, lo odio.

Venduto tramite adozione al mercato nero zingaro in Grecia

di Roula Maria rubato alla Grecia e adottato da una famiglia australiana.

Sorelle gemelle, separate dall'adozione del mercato nero in Grecia.

Mi chiamo Roula e sono nata in Grecia con la mia gemella e venduta separatamente al mercato nero nel luglio 1981. Ho appena trovato la mia gemella negli ultimi anni e spero di incontrarla di persona una volta che il COVID si sarà calmato. Questa è la mia storia.

Dei miei genitori

Dopo essere emigrati dalla Grecia nei primi anni '60, si stabilirono in una piccola cittadina di campagna fuori Adelaide, nell'Australia meridionale. C'erano anche altri immigrati che sono andati nella stessa città dopo essere venuti dalla Grecia.

I miei genitori non sono riusciti ad avere figli dopo molti tentativi e alla fine hanno deciso di farsi conoscere da una famiglia che aveva adottato una bambina dalla Grecia. Si scopre che la famiglia non ha effettivamente adottato la bambina, ma l'ha acquistata da un medico che produceva e vendeva bambini zingari in un istituto nel cuore di Atene. Hanno dato a mia madre i recapiti dell'ostetrica in Grecia.

I miei genitori si sono messi in contatto con l'ostetrica in Grecia e hanno fissato un appuntamento per recarsi in Grecia per parlare con il medico. Una volta arrivati, ha detto loro che c'erano molti bambini disponibili ma che avrebbero dovuto aspettare. Accettarono e tornarono in Australia.

Circa 6 mesi dopo, il telefono squillò con buone notizie e si recarono in Grecia entro la settimana. La richiesta di mia madre era che voleva una ragazza ma a quel tempo non c'erano ragazze disponibili, quindi sono rimaste in Grecia finché non ce n'era una. Indossava anche un cuscino sotto la pancia per mostrare che era incinta - le lunghezze a cui arrivavano i miei genitori erano fenomenali.

Poi sono arrivato io.

La mia adozione

Mio padre è andato nella città di Corinto per firmare i documenti. Sul mio atto di nascita c'era mia madre che mi ha comprato come mia madre naturale, quindi le autorità non avrebbero raccolto i documenti falsificati, poi mio padre è tornato all'ospedale in Grecia e mi è stato dato a lui. Nel 1981 pagavano $6000 euro, l'equivalente di circa $200.000 dollari australiani di allora.

Rimasero in Grecia per circa 40 giorni poiché la cultura afferma che un bambino deve essere benedetto intorno al suo 40° giorno di nascita. Mi hanno portato all'ambasciata australiana e mi hanno registrato come cittadino australiano sotto l'autorità dei genitori.

Poi la paura di essere scoperti giocò nelle loro menti. Sapevano dal momento dell'aeroporto fino al momento in cui l'aereo è decollato che erano in grave pericolo di essere scoperti. Una volta a bordo e l'aereo preso in volo, mia madre respirò per la prima volta.

Sono stato trasportato in Australia il 24 agosto 1981.

Sono cresciuto con due lati. Ero la bambina felice che amava la vita e tutto ciò che contiene, ma ero anche la bambina traumatizzata da intensi abusi sessuali e vittima di violenza domestica. La mia infanzia è stata piena di tristezza e anche di momenti felici in famiglia, è stato come se vivessi in una distorsione temporale tra due mondi, quello reale e quello nascosto.

Anche i bambini greci con cui sono cresciuto mi prendevano in giro per l'adozione e quando ho affrontato mia madre, ha negato tutte le accuse. Era una parte della mia vita quotidiana crescere con mia madre che non era sincera su tutto. Non è stato fino alla mia adolescenza che un cugino mi ha confermato la verità in uno stato di rabbia, poiché i comportamenti che stavo mostrando erano i comportamenti di un sopravvissuto agli abusi.

Nessuno conosceva il tumulto e il dolore che stavo affrontando mentre le tipiche famiglie greche non discutono i problemi e gli viene insegnato a reprimerli e non ne hanno mai parlato, specialmente con la generazione più anziana.

Non è stato fino al settimo anno della scuola elementare che ho finalmente parlato della mia vita, ma anche allora è stata ignorata e ignorata.

La mia famiglia ha venduto la sua terra e mi ha trasferito ad Adelaide pensando che mi avrebbe aiutato ad andare avanti con la mia vita, ma da quello che mi dicono psicologi e consulenti, correre non è un'opzione. I miei genitori pensavano che stessero facendo la cosa giusta, ma mi ha portato a un'adolescenza distruttiva piena di droghe, senzatetto, violenza, carceri e istituzioni.

Se solo le persone fossero state in grado di aiutarmi, ma a quel punto ero stato ferito e mi avevano mentito, troppe volte per volere l'aiuto di qualcuno.

All'età di 15 anni nel 1996, ho iniziato la mia ricerca, senzatetto e in biblioteca cercando di trovare informazioni su adozione del mercato nero dalla Grecia. Mi sono imbattuto in centinaia di articoli sulla vendita di bambini all'interno della comunità zingara in Grecia. Sono rimasto scioccato e incuriosito dalle informazioni disponibili. Ho pubblicato post nei forum affermando che stavo cercando mia madre naturale. Non avevo idea di cosa stessi scrivendo, ma ho provato di tutto.

Per qualche ragione, anche se sapevo di essere sulla strada giusta, qualcosa dentro di me sapeva cosa stavo facendo e dove stavo cercando era reale e mi portava al posto a cui appartenevo.

Dopo anni di traumi dovuti alla vita per strada e all'essere completamente tossicodipendente, nel 2003 sono andata in riabilitazione. Mi sono pulito e la mia vita ha iniziato a migliorare. Avevo ancora dei comportamenti molto dannosi, ma nel 2010 sono tornata in quel piccolo paese di campagna e ho trovato un grande psicologo che è ancora oggi una parte importante del mio percorso di guarigione.

Ho finito per sposare un uomo di quella città e ci siamo trasferiti per motivi di lavoro, poi nel 2015 ho avuto un figlio attraverso la fecondazione in vitro. Mio figlio ha avuto un'infanzia fantastica, ma ha anche avuto alcune sfide nella vita. Rispetto a quello che ho avuto, sono grato di essere riuscito a cambiare gli errori che molte famiglie greche hanno oggi e che comunichiamo!

Perché condivido la mia storia?

Condivido la mia storia perché ho partecipato alle prime fasi di Progetto di risorse video dell'ICAV e volevo contribuire.

Essere un prodotto dell'adozione e della vendita al mercato nero di bambini non è una vita facile. Noi bambini veniamo da ambienti diversi con malattie genetiche e sistemi sanitari familiari. Questi devono essere affrontati e non mi piaceva dover dire a un medico: "Non lo so, sono stato adottato", ogni volta che mi veniva chiesto quale fosse la mia storia di salute familiare. Sono sicuro che i miei sentimenti su questo devono essere molto comuni tra le persone adottate. Quando un medico sa che non sei il prodotto biologico della famiglia in cui ti trovi, all'adottato dovrebbero essere assegnati più esami, più cartelle cliniche e più informazioni, per aiutarlo a trovare le risposte sanitarie che meritiamo.

Se non fosse stato per la tecnologia del test del DNA, non avrei conosciuto la mia eredità o la mia cartella clinica. Sono così felice di poter ora andare dai dottori e dire che porto geneticamente questo, questo, questo e questo. È estremamente potente.

Con gli insegnanti e i consulenti scolastici, credo che i genitori adottivi debbano assumersi la responsabilità di garantire che le informazioni vengano fornite alla scuola, rivelando che il loro bambino è adottato. Non ci dovrebbero essere giudizi o ripercussioni in alcun modo quando i genitori lo rivelano. Gli insegnanti devono anche essere consapevoli che il bambino potrebbe trovarsi di fronte o sentirsi vuoto per non conoscere la propria identità né per capire perché potrebbe sentirsi in questo modo.

In questi giorni nelle scuole ci sono cliniche di mindfulness, discorsi sull'autostima, giornate antibullismo e corsi di benessere e hanno un curriculum diverso rispetto a quello che avevo negli anni '80. L'aggiunta di una casella per identificare al momento dell'iscrizione se adottati o meno, dovrebbe iniziare dalla cura della prima infanzia, fino all'università. Tutte le iscrizioni dovrebbero chiederci di identificare se siamo adottati o meno. Se lo studente non lo sa, i genitori dovrebbero essere informati con discrezione mantenendo la riservatezza, poiché alcuni genitori hanno scelto di aspettare che il loro bambino sia abbastanza grande per essere informato.

Suggerisco risorse di supporto come i social media, saltando nei forum online in cui altri adottati condividono la stessa voce. Gestisco 2 gruppi. Uno si chiama Adottivi nati in Grecia con 450 membri e l'altro si chiama greco venduto bambini zingari con 179 membri. Questo gruppo è per i bambini venduti e per i genitori zingari per aiutarli a ritrovarsi. Usiamo il test del DNA per abbinare i genitori e gli adottati venduti.

Grazie per il tuo tempo e spero che più persone si facciano avanti per le loro adozioni. Parlo per i figli greci nati e venduti della Grecia e so che siamo in migliaia. Qui in Australia ci sono circa 70 persone con cui vorrei entrare in contatto quando sono pronti perché abbiamo genitori zingari che vogliono incontrare i loro figli per la prima volta e hanno dato il permesso di essere trovati.

Impatti per tutta la vita della perdita di identità

Il 1 luglio, mi è stato chiesto di parlare nell'ambito di un panel di webinar per il Transforming Children's Care Webinar Series #4: Il diritto all'identità del bambino nell'accoglienza eterofamiliare. Abbiamo avuto un fantastico panel di esperti, moderato da Maud de Boer-Buquicchio, presidente di Protezione dell'identità del bambino (CHIP), e ospitato dal Rete di assistenza migliore in collaborazione con CHIP.

Mi è stato chiesto di parlare del impatti permanenti della perdita di identità. Quindi ho condiviso la mia storia e alcune dichiarazioni di altri adottati per evidenziare la nostra esperienza.

La mia storia

 Io sono uno di questi bambini che non ha protetto la mia identità. I bambini come me, crescono. Non restiamo bambini per sempre e possiamo avere opinioni e pensieri sulle strutture, i processi, le politiche e le legislazioni che hanno un impatto su di noi e creano le nostre vite. Sono onorato di essere chiamato a rappresentare solo un piccolo gruppo di noi con esperienza vissuta, che il forum rappresenta come "bambini provenienti da opzioni di accoglienza eterofamiliare".

Sono stato adottato dal Vietnam durante la guerra nel 1973. La guerra è finita nell'aprile 1975. Mio padre adottivo è volato nel paese mentre era ancora in guerra e mi ha portato via quando ero un bambino di 5 mesi. I miei documenti avrebbero dovuto seguire ma non sono mai arrivati e la mia adozione non è stata finalizzata.

Ho vissuto per quasi 17 anni in Australia senza identità. Era lo scherzo di famiglia che facevo la spia perfetta perché non esistevo. Ero profondamente consapevole di non esistere e di non avere scartoffie: mi faceva sentire insicura, insignificante, invisibile.

Gli effetti pratici di non avere documenti di identità per 17 anni sono stati che non potevo richiedere un passaporto e viaggiare al di fuori dell'Australia, non potevo ottenere la mia patente di guida, non potevo richiedere nulla come un conto bancario e, cosa più importante, ho non è stato seguito da quando è arrivato nel paese da alcuna autorità di assistenza all'infanzia né dall'agenzia di adozione. 

Alla fine, quando avevo 16 anni, volevo ottenere la mia patente di guida, così i miei genitori adottivi furono finalmente spinti ad agire. Hanno affrontato di nuovo il processo di adozione, questa volta attraverso lo Stato, non un'agenzia privata, e la mia adozione è stata formalizzata poco prima che compissi 17 anni.

Mi è stata data una nuova identità australiana. Non afferma la mia identità vietnamita, riconosce solo il paese in cui sono nato, il Vietnam.

Attraverso questo processo di adozione internazionale in ritardo di 17 anni, c'è stato un controllo ufficiale per i miei documenti di identità in Vietnam? O un assegno per confermare la mia adottabilità o rinuncia? Queste domande rimangono per me senza risposta. Certamente non mi sono mai state offerte altre opzioni come avere un aiuto per cercare le mie origini in Vietnam.. Mi è stato solo detto che essere adottata era LA soluzione per poter esistere e avere una sorta di identità. 

Tra i 20 ei 30 anni, ho passato più di un decennio a cercare di ottenere i miei documenti d'identità e di adozione dal Vietnam. Tramite la mia rete ICAV, mi sono imbattuto in un ex poliziotto che aveva aiutato alcuni altri adottati vietnamiti. In qualche modo ha trovato quello che sembra essere un certificato di nascita vietnamita, ha scattato una foto sfocata e me l'ha inviata.

Quando sono andato in Vietnam nel 2019, sono andato nel luogo in cui si diceva fosse conservato quel documento, solo per sentirmi raccontare la solita storia: un'alluvione o un disastro naturale ha distrutto TUTTI i documenti di quell'intero anno. Non hanno niente per me. Ho visitato l'ospedale dove apparentemente sono nato, solo per sentirmi dire che non potevo accedere al file di mia madre senza il suo permesso – che circolo vizioso! Ho visitato il distretto della stazione di polizia dove si trova il timbro sul certificato di nascita, solo per sentirmi anche dire che non mi avrebbero aiutato. Ho chiesto aiuto durante la mia visita all'autorità centrale del Vietnam e mi è stato detto di compilare un modulo tramite il sito Web — che è in vietnamita, che non posso leggere o scrivere. Ci sono così tante barriere per poter accedere la mia identità. La lingua è ENORME!

Da allora ho fatto alcuni test del DNA e mi sono fatto aiutare dai genealogisti, ma neanche questo ha avuto molto successo. 

Questa lotta per trovare la nostra identità è molto comune per un adottato internazionale come me ed è decisamente peggiore per quelli di noi che sono stati adottati da un paese lacerato dalla guerra o pieno di crisi. Nella fretta di aiutare a "salvare" i bambini come me, i processi vengono aggirati o accelerati e le informazioni vitali vengono perse.

La nostra Comunità ICAV

Sentendomi isolato per la maggior parte della mia infanzia, a metà degli anni '20 ho fondato la nostra rete internazionale ICAV che fornisce supporto tra pari agli adottati internazionali come me che lottano proprio come me. Ma io sono solo una voce tra centinaia di migliaia in tutto il mondo, quindi è importante che tu ascolti più della mia voce! 

Ho chiesto alla comunità dell'ICAV di condividere con voi quali sono gli impatti della perdita di identità per tutta la vita. Condividerò con voi solo 8 delle 50 risposte per evidenziare alcune delle loro esperienze:

Mille grazie a quegli adottati che hanno voluto condividere!

All'interno della nostra comunità ICAV, potremmo scriverne alcuni libri sugli impatti permanenti della perdita di identità, molti lo hanno già fatto. Ci sono così tante altre complessità di cui non ho parlato, come i gemelli che vengono intenzionalmente separati per l'adozione (non viene detto loro che sono gemelli e gli strati extra di impatto per loro della perdita di identità); Adottati di seconda generazione (figli di adottati) e il loro mancato accesso legislativo alla loro identità ereditata; ecc. Spero che il mio breve intervento abbia aiutato ad espandere la tua mente dall'esperienza teorica all'esperienza vissuta che parla così forte dell'importanza dei diritti di identità per comunità come la mia.

Puoi guardare il webinar completo qui.

Il dolore per la madre dura per sempre

di Melanie Kleintz adottato dal Perù in Germania.

Tra il 24 dicembre 2020 e il 1 gennaio 2021, un totale di 6 adottati dall'Europa si sono tolti la vita, a Settimana nera in Europa per gli adottati. Il numero di casi non denunciati è decisamente più alto. Tutti non riuscivano a chiarire le loro origini, il loro dolore era troppo forte e non trovavano altro modo per rendere sopportabile il dolore.

È così infinitamente triste, doloroso e insopportabile sentirne parlare. Lavoro con genitori adottivi e futuri genitori adottivi da 10 anni e ho tenuto conferenze sull'argomento. Evito anche abbastanza felicemente l'argomento di quanto gli adottati siano vicini alla morte, anche se ne so meglio.

Quante volte negli ultimi anni ho sentito dire che gli adottati dovrebbero essere contenti di essere stati salvati. Negli ultimi mesi una bambina mi ha fatto capire quanto sia importante lavorare con gli adottati, i bambini in affido e il sistema che li circonda. All'esterno tutto sembra così semplice. Il bambino ha nuovi genitori e “è buono“.

Il dolore dei bambini non è permesso dal mondo esterno per tutta la vita. Il dolore per la loro prima “madre” dura tutta la vita. I bambini che conoscono la loro nuova mamma non possono capire il loro dolore. Ieri mio figlio l'ha spiegato bene. Questi bambini hanno un “vuoto nel cuore e anche se ridono, sono sempre tristi”.

C'è ancora molto lavoro educativo da fare con gli adottati traumatizzati e i bambini in affido. Il lavoro di prevenzione e i servizi post adozione sono per me le caratteristiche più importanti!

Se avessi un desiderio, vorrei che ogni adottato potesse chiarire le proprie origini e che nessun ostacolo fosse posto sulla loro strada. I documenti per l'adozione sarebbero stati completi e i genitori adottivi avrebbero sempre offerto supporto in tutto.

Sono così infinitamente triste che questi 6 non abbiano trovato altra via d'uscita e spero solo che gli adottati, i genitori adottivi o altre persone vicine agli adottati, cerchino aiuto e sostegno in una fase iniziale.

Noi adottati possiamo sostenere questo problema all'interno dei nostri gruppi. Il “più caro” della vita ci è stato tolto e chi non capisce quanto ci manca la nostra prima madre, ha bisogno di capire un po' di più il desiderio di chi è stato adottato.

Non possiamo impedire agli adottati di prendere le loro decisioni. L'hanno pianificato. È stata una loro decisione, con la speranza che la loro situazione fosse tollerabile.

Conosco un tedesco adottato che si è tolto la vita a Natale qualche anno fa. Ci è stato detto che è morto e non importa dove è stato detto, tutti i suoi coetanei sapevano che si era suicidato. Tutti sapevano della sua situazione ma nessuno poteva aiutarlo perché non sapevano come.

Sono così orgoglioso dei membri dei miei gruppi. Ci scambiamo idee, impariamo a parlare della propria adozione e ci sosteniamo a vicenda. Negli ultimi mesi del 2020, ho sentito davvero una bella unione nel gruppo. Sensibile e attento! Gli incontri online sono andati allo stesso modo. Vorrei mantenerlo e mantenerlo.

Cari amici adottati, siete persone forti e coraggiose. Non vedo l'ora che arrivi il prossimo incontro che potremo trascorrere insieme.

Adottato dall'India al Belgio

di Annick Boosten, adottato dall'India al Belgio, co-fondatore di Adotta Schakel.
Molte grazie a Maureen Welscher e Jean Repplier per il testo originale e la traduzione.

A proposito di me

Annick Boosten

Sono stato adottato dall'India all'età di quattro anni. I miei genitori avevano già un figlio David, che ha quattro anni più di me. C'era un altro figlio ma sfortunatamente aveva una malattia metabolica che lo uccise quando aveva otto mesi. Poiché la malattia era ereditaria (anche David sembrava averla, solo in misura minore) i miei genitori decisero di adottare un bambino. I miei genitori sono persone laboriose che sono sempre occupate, il tipo che dice sempre: "Non lamentarti, vai avanti e basta". È così che mi hanno cresciuto.

Mia madre ha lavorato furiosamente per insegnarmi la lingua olandese in modo che potessi andare a scuola il prima possibile perché sono venuta da loro a dicembre e poi a gennaio dovevo andare a scuola. Quando obiettavo e dicevo: "Sono sicuro che lo fanno in modo molto diverso in India", mia madre ha risposto: "Non sei in India, sei in Belgio ed è così che facciamo qui". Sono molto felice con i miei genitori ma a volte mi sarebbe piaciuto che mi conoscessero un po' meglio, che fossero un po' più empatici. Da bambino ero sovraccaricato di vestiti costosi e tutti i tipi di giocattoli elettronici come compenso perché i miei genitori lavoravano così duramente. Durante le vacanze, sono stato mandato in tutti i tipi di campi in modo che i miei genitori non dovessero allontanarsi dal lavoro. Avrei preferito di gran lunga se fossimo stati coinvolti da vicino come famiglia e i miei genitori avessero trovato il tempo per noi di fare cose divertenti insieme. Avrei preferito una giornata in spiaggia piuttosto che una X-box o una Playstation.

Ora che ho un figlio mio, gli do un bacio ogni giorno e gli dico quanto sono felice con lui. Lo faccio anche in quei momenti in cui potrei essere un po' arrabbiato perché lui non vuole dormire. Mi mancava quel tipo di interazione con i miei genitori.

Annick e suo figlio

Pensieri sull'essere adottato

Quando sono entrato nella nostra famiglia, ai miei genitori era già stato detto dall'orfanotrofio: “Farai meglio a stare attento, ricorda un sacco di cose”. Ho raccontato a mia madre storie intere su una casa blu, su una signora che si prendeva cura di me, che c'erano stanze con altri bambini piccoli. L'ho raccontato in modo così dettagliato che mia madre ha deciso di scriverlo. Quando ho visitato la casa dei bambini nel 2018, le pareti si sono rivelate dipinte di blu. La donna nei miei ricordi era probabilmente la mia madre biologica. La dichiarazione ufficiale è che entrambi i miei genitori biologici erano morti e che quindi ero idoneo per l'adozione.

All'età di vent'anni, ogni tipo di scandalo è stato rivelato sugli abusi nelle adozioni indiane. Avevo già sentito queste storie da altri adottati indiani, ma i miei genitori erano infastiditi se iniziavo a parlarne. Non riuscivano proprio a credere che qualcosa di così nobile come l'adozione potesse essere fraudolento. I miei genitori sono cattolici rigorosi e avevano voluto fare qualcosa di buono adottando. Queste storie non si adattavano alla loro visione delle cose. Quando l'associazione di adozione responsabile dell'accompagnamento dei bambini indiani in Belgio, De Vreugdezaaiers, è stata sciolta, non hanno più potuto chiudere gli occhi sugli abusi delle adozioni indiane. Da bambino andavo sempre alle giornate in famiglia che organizzavano per i bambini adottivi indiani e i loro genitori. Ho quindi deciso di stabilire l'Adoption Link. Adotta Schakel significa connettere le persone e metterle in contatto tra loro. In tal modo, ci concentriamo principalmente sul mondo delle adozioni in cui ci sforziamo di rafforzare il legame tra gli adottati e tra i genitori naturali. Aiutiamo anche gli adottati che cercano i loro genitori biologici attraverso la ricerca del DNA.

Non ero mai stato così preoccupato delle mie origini prima. Per anni ho avuto una relazione con un ragazzo che non era per niente disponibile. Pensava che non avesse senso andare alla ricerca delle mie radici. Dovevo continuare a costruire la mia vita qui e lasciarmi il passato alle spalle, o almeno così pensava. Quindi non mi sentivo davvero supportato. Quando quella relazione è finita, sono stata coinvolta con Ionut. È un adottato rumeno, cosa che non sapevo all'inizio della nostra relazione. Dopo due settimane l'ho scoperto. Avevo già notato che si abbronzava molto rapidamente al sole, mentre tutti gli uomini belgi erano ancora pallidi durante l'estate. Poi mi ha detto che era a causa dei suoi geni rumeni. Ero geloso del legame che aveva con la sua famiglia rumena. Ogni anno andava in vacanza lì. A un certo punto ho pensato: “Questo è quello che voglio anch'io! Forse posso anche trovare nuovi contatti all'interno della mia famiglia biologica”.

Avere una famiglia tutta mia

Quella sensazione mi ha davvero preso quando ho voluto fondare la mia famiglia. Ho fatto un test del DNA e, con mia grande sorpresa, sono apparse numerose corrispondenze. Sembra che molti della mia famiglia biologica fossero stati dati in adozione. Il nonno di mio padre aveva sette figli e tutti li diedero in adozione. Ho contatti con alcuni di loro in America tramite Facebook. Risultò anche che mio padre non era morto. Attraverso suo fratello, sono entrato in contatto con lui e ho deciso di visitarlo nel 2018. È stata un'esperienza terribile. Ero incinta di appena tre mesi e mi sentivo terribilmente male. Anche mio padre si rivelò malato di una specie di malattia contagiosa. Era in quarantena e ho avuto contatti con lui attraverso un buco nel muro. Non mi è stato permesso di avvicinarmi di più. Il tassista indiano ha tradotto le mie domande e le risposte di mio padre, cosa che ha richiesto un'eternità. Avevo scritto molte domande, ma alla fine mi sono dimenticato di farle. Ad ogni modo, ho fatto la domanda più importante: "Perché sono stato dato in adozione?" E la fredda risposta è stata: "Quando tua madre è morta, ho dato a mio fratello i soldi per portarti in un orfanotrofio. In questo modo potrei andare avanti con la mia vita e sposare una nuova donna". Mio padre pensava che non fosse affatto da biasimare. In India era proprio così. Sono rimasto stupito. Non aveva alcun rimorso e non è mai andato a cercarmi. Aveva appena continuato la sua vita, coinvolto con un'altra donna con la quale aveva concepito dei figli. Ha osato chiedermi se mi sarebbe piaciuto incontrarli. Gli ho detto: "Grazie, ma no grazie. Non sono affatto interessato ai fratellastri o alle sorelle». Ho anche detto che avrei preferito suicidarmi piuttosto che dare via mio figlio, cosa che secondo lui era molto strana. Quando l'ho salutato, gli ho detto che non volevo ulteriori contatti e sembrava che gli andasse bene. Tuttavia, mi ha dato un nome della famiglia di mia madre. Mi ha detto che veniva dallo Sri Lanka e che dovevo cercare la sua famiglia lì. Un giorno lo farò, ma ora non ne ho voglia. Lo farò quando James sarà abbastanza grande da rendersi conto di cosa significa per me cercare una famiglia biologica, forse quando avrà circa otto o dieci anni.

Quando gli adottati mi hanno chiesto: "Devo cercare o no?" Rispondevo sempre: "Sì". Continuo a pensare che sia bello sapere da dove vieni. Non è sempre facile affrontare una brutta esperienza. Conosco persone a cui ho consigliato di farlo e che, dopo essere tornate a casa, sono rimaste molto turbate perché l'incontro non era quello che avevano sperato. Mi sento in colpa per questo. Anch'io ho avuto un brutto incontro ma preferisco condividere la mia opinione e le mie esperienze. La scelta poi spetta a loro. Fortunatamente posso guardarlo e pensare: "È proprio così". Mi sarebbe piaciuto che fosse stato diverso, ma è così che va. Il cinquanta per cento dei miei geni sono comunque suoi. Quindi tutte le cattive qualità che ho, posso attribuirle a mio padre, ahah. Quando sono di cattivo umore, grido: "Scusa, sono i geni di mio padre!"

Essere in una relazione con un altro adottato

Avere una relazione con qualcuno che è anche adottato è molto bello. Ionut e io ci capiamo davvero. Ad esempio, capire cosa significa essere lontani dalla propria cultura biologica e dai propri genitori, doversi adattare in un paese adottivo, la sensazione di essere un estraneo. Le aree in cui non ci capiamo possono essere un ostacolo perché entrambi abbiamo storie di adozione molto diverse e il nostro "bagaglio". A questo proposito, la nostra storia di adozione è completamente diversa.

Annick & Ionut

Non avevo mai realizzato quanto fosse importante per me avere un mio figlio biologico, qualcosa di così strettamente connesso a me che porta il mio DNA. Ho tenuto James tra le braccia e ho visto come mi assomigliava e quanto mi faceva sentire felice. James è chiaramente un prodotto mio e di Ionut. Mi piace vedere in lui delle somiglianze con me stesso, che non mi sarei mai aspettato mi avrebbero reso così felice. Come genitori, entrambi vogliamo trascorrere più tempo con nostro figlio rispetto ai miei genitori. Il legame familiare è molto importante per entrambi. Dico sempre: "Tuo figlio è il tuo cimelio, non la tua proprietà". Vogliamo dargli calore, amore, affetto e fiducia e, soprattutto, gli è permesso di essere se stesso.

Adottato in Spagna

di Andrea Pelaez Castro adottato dalla Colombia alla Spagna. Andrea ha scritto a tesi di master che indaga sulle adozioni in Spagna con un focus su come prevenire la rottura/fallimento delle adozioni. Puoi seguire il suo blogspot Decostruzione dell'adozione.

ADOZIONE INTERNAZIONALE IN SPAGNA: DESTRUTTURA DI UN ANACRONISMO

Alcuni potrebbero pensare quanto sono fortunato perché non ho perso la mia lingua madre, né le mie sorelle biologiche e il fatto che ci siamo mischiati con i nostri genitori. In questi anni, molte persone hanno osato dirmi che dovremmo ringraziare chiunque sia responsabile di questo mondo che non eravamo per strada a drogarci o prostituirci. Sono stati i miei genitori a mettere quell'idea nel nostro cervello molle in primo luogo. Quelle parole hanno segnato tutta la mia infanzia, ma ho sempre sentito che qualcosa non andava. Non mi sentivo grato per tutte quelle cose che avrei dovuto essere. Al contrario, continuavo a chiedermi perché eravamo in un paese che non era il nostro, perché eravamo trattati in modo diverso dagli altri bambini e perché non potevamo reclamare nostra madre (cosa che abbiamo smesso di fare a causa della punizione che abbiamo ricevuto ). Questa lotta costante tra ciò che avrei dovuto provare e ciò che sentivo si è rivelato essere, è stato il periodo più lungo di odio e bassa autostima che abbia mai sperimentato. Non potevo sopportare la rabbia e la solitudine che accompagnano ciò che mi è stato detto: mia madre ci ha abbandonato perché non ci amava. Ripetuta parola dopo parola come un mantra, ho abbracciato quell'idea per sopravvivere ed essere accettata. Tuttavia, essendo consapevole della situazione che stavo vivendo, alla fine ho raggiunto la svolta quando ho lasciato il nido.

La mia vita stava per cambiare di nuovo grazie alla mia determinazione a conoscere la verità, per quanto spaventosa potesse essere. Nel 2015 ho vissuto un anno a Londra, la mia prima esperienza indipendente che mi ha permesso di pensare alle mie origini e a mia madre. Quando sono tornato in Spagna, il mio paese di adozione, ho deciso di iniziare il mio percorso insieme alla mia carriera professionale di avvocato. Per capire perché mi trattengo così tanti anni e perché i miei genitori non volevano parlare di adozione, ho iniziato i miei studi in diritto di famiglia e infanzia a Barcellona. Ho divorato ogni libro e articolo su adozione, regolazione emotiva, rinuncia, trauma, ADHD, disturbo dell'attaccamento e prime famiglie che mi sono capitate tra le mani. Sono diventata una spugna assorbendo ogni piccola conoscenza che potesse aiutarmi a comprendere questo scambio di bambini che avviene in tutto il mondo. Ho intitolato la mia tesi finale “Adozione in Spagna: valutazione e supporto per prevenire le interruzioni”. Infine, è emerso un pensiero critico sull'adozione per rispondere a tutte le mie domande relative ai miei genitori e al modo in cui sono stato educato.

Quando siamo arrivati a Madrid, in Spagna, dopo il lungo viaggio dalla Colombia, mi sono meravigliato della grande città, della nostra nuova casa e della gentilezza di quegli estranei. Quello che non avrei mai potuto immaginare era la solitudine e la mancanza di accettazione delle persone che avrebbero dovuto prendersi cura di noi. Quello che sto per dire non l'ho mai condiviso prima (a parte la mia famiglia prescelta). I nostri primi dieci anni con i nostri genitori si possono riassumere con una parola: isolamento. Conoscevamo solo dolore fisico ed emotivo, trattati come se fossimo selvaggi o da 'la guerrilla' (membri delle FARC), insulti che usavano chiamarci. Con continue minacce di essere di nuovo abbandonati e ricordandoci i loro rimpianti per l'adozione. L'intero edificio ha sentito i nostri pianti e le nostre urla. L'abbiamo detto ad alcuni adulti, ma tutti hanno guardato dall'altra parte. Questo abuso sui nostri corpi e le nostre menti ci ha lasciato senza speranza e si è sviluppato in un disturbo dell'attaccamento, paura del contatto fisico ma desiderio di qualsiasi tipo di segno d'amore.

Isolamento da George Papadimitriou

Potevamo solo capire cosa stava succedendo essendo giovani adulti. Abbiamo mirato al loro riconoscimento del trauma che hanno causato, cercando di capire perché non hanno cercato aiuto o aiuto psicologico. Tuttavia, ho fatto uno sforzo dopo aver finito e condiviso la mia tesi con loro in modo che potessero capire l'adozione internazionale e gli effetti del legame affettivo rotto in primo luogo. Ma ogni tentativo è stato vano. In quel momento percepii le cause della loro stessa angoscia e del loro dolore, come il lutto incompiuto dell'infertilità o l'assenza di cure e attaccamenti da parte delle proprie famiglie. Sono cresciuti in condizioni di violenza e privazione, quindi questo è l'unico tipo di amore che abbiamo conosciuto da loro. Tuttavia, pur consapevole di ciò, non accettavo del tutto la situazione attuale e mi ostinavo a sistemare la mia famiglia, anelando a un legame che non è mai esistito.

Mentre mi specializzavo in minori, diritto di famiglia e adozioni, ho iniziato a sbucciare il primo strato: la ricerca delle mie origini e di mia madre. A tal fine, il passo principale è stato quello di istruirmi e decostruire il motivo per cui sono finito qui. Sono stato adottato in Spagna dove l'adozione è un costrutto legale che ha lo scopo di proteggere i bambini che non hanno famiglia o quando i loro parenti non possono provvedere a loro, ma ho capito che invece l'adozione è preservare i privilegi e gli interessi degli altri, ereditati da famiglie privilegiate grazie al colonialismo e al cattolicesimo. I primi movimenti di adozione si sono verificati dopo la guerra civile nel 1936-1939, lasciando la parte sconfitta soggiogata sotto una dittatura, che ha governato il paese fino al 1975. Conosciamo tutti questo periodo come il tempo dei "bebes robados" (bambini rubati). Le famiglie avversarie furono sminuite e punite dal governo, mandando uomini e donne in prigione e prendendo ogni bambino che potevano per metterli in case "adatte". Questa impresa è stata possibile grazie alla collaborazione tra la stessa dittatura e la Chiesa cattolica. Il personale ospedaliero e le case di maternità (gestite da suore) erano collegate e istruite per l'iscrizione e la consegna dei bambini, i pagamenti precedenti erano effettuati dal parroco del villaggio o del distretto. Questa vasta rete è andata avanti fino agli anni '90. Le associazioni stimano che 300.000 bambini siano stati rapiti nel 1940-1990 in Spagna dopo che la giustizia è stata servita per la prima volta nel 2018. La maggior parte di quegli adulti e delle loro madri che rivendicavano i propri diritti non erano in grado di conoscere la verità considerando quei crimini erano storici e non c'era nessuno vivo che si assumesse responsabilità né documenti che lo provassero.

Da questa prospettiva e dalla concezione generalizzata della famiglia nucleare (una madre-un padre), ma anche una visione morale ristretta che incoraggia il sessismo e mina la maternità single, l'adozione era ed è stata assimilata alla filiazione biologica. Ho sentito tante volte una frase di persone che vogliono adottare: 'Perché dobbiamo ottenere una valutazione delle nostre capacità di genitori e tuttavia una ragazza di 17 anni non ne ha bisogno per essere incinta?' Ne viene fuori un altro: "E se il bambino ha dei problemi?" E la miniera d'oro: 'Le adozioni internazionali non dovrebbero essere consentite senza restrizioni? Quei bambini hanno bisogno di essere salvati'. Queste affermazioni sono di gente comune, istruita, con risorse economiche e anche emotive. Nonostante questi sentimenti, c'è così tanto da insegnare e imparare sull'adozione e sugli adottati. Le nostre voci e le nostre storie devono essere ascoltate in modo da non essere più rappresentati come "bambini per sempre", il che ci impedisce di riconoscere la nostra esperienza come un viaggio lungo tutta la vita.

Vorrei affrontare e commentare queste frasi:

  • Innanzitutto, i privilegi dei paesi prosperi e la povertà o la mancanza di risorse delle prime famiglie sono la ragione per cui qualcuno può permettersi di crescere un bambino adottato. Pertanto, se i paesi impoveriti potessero ricevere quei fondi stanziati per l'adozione, i bambini potrebbero essere cresciuti dai genitori e rimarrebbero nelle loro comunità. Inoltre, quando un bambino nasce da altri genitori il legame affettivo non cresce magicamente o nelle stesse condizioni di quello biologico perché le sue radici sono dichiarate, quindi i futuri genitori avranno sempre bisogno di imparare da zero cosa deve crescere senza conoscere il nostro inizio.
  • L'adozione nasce da un trauma, considerando la ferita emotiva lasciata e portata dentro di noi, causata dalla privazione della protezione primaria, del nutrimento e dell'affetto di nostra madre e talvolta di chi si prende cura di orfanotrofi/istituti o famiglie affidatarie. Principalmente, il problema non è il bambino, ma l'adulto che vuole adottare pensando a se stesso, a come le cose o gli eventi avrebbero effetto su uno quando lo scopo non è altro che la persona separata dalla sua origine. Non siamo fatti per essere adatti alle famiglie adottive, è pensato per essere il contrario.
  •  Infine, ma non meno importante, l'adozione internazionale è un acquisto velato e corrotto e non abbiamo bisogno di essere salvati dal nostro luogo di nascita. Le nostre famiglie potrebbero avere meno o essere in una crisi temporanea, ma ciò non significa che queste circostanze possano essere utilizzate come vantaggio dalle famiglie privilegiate. È un circolo vizioso ampiamente conosciuto, in cui un bambino può essere preso dalle autorità o rapito dalle organizzazioni. Ci sono storie in cui anche una famiglia povera potrebbe aver ricevuto minacce e/o denaro per rinunciare al proprio figlio in modo che gli altri possano essere nutriti. Insisto, quelle risorse potrebbero essere esattamente gli aiuti necessari, ma i salvatori bianchi e il debito colonialista trovano comunque la loro via d'uscita. È un peso che i nostri paesi continuano a soffrire. Inoltre, l'adozione internazionale crea uno shock psicologico e un dolore. Significa che il nostro dolore e il nostro dolore vengono solo spostati in un altro luogo, che non sono accettati perché quei sentimenti sono stati negati nei nostri paesi adottivi poiché "siamo stati salvati e quindi dobbiamo essere eternamente grati".

In Spagna, e in altri paesi, a volte le persone che si avvicinano all'adozione come un modo per formare una famiglia non si rendono conto e/o non sono nemmeno interessate a decostruire i propri desideri e le conseguenze. Sì, qui si parla di adozione, c'è notizia in TV, ci sono associazioni di genitori adottivi e adottati, ma non basta. Ciò di cui occorre prestare attenzione è la visione critica su questo argomento. Non possiamo più ignorare che questo sistema non protegge i bambini né li salva. Soprattutto l'adozione plenaria, che è il contratto più obsoleto mai esistito. Sì, è un contratto in cui si firma e si paga per dare il proprio nome a un bambino e acquisire diritti su un'altra persona in modo che possa essere cresciuto da qualcun altro e in un altro paese. Detto ciò:

PERCHÉ DOBBIAMO PERDERE LA NOSTRA PRIMA FAMIGLIA PER ESSERE PROTETTI O CRESCE DAGLI ALTRI? PERCHÉ DEVE ESSERE ROTTO IL LEGAME AFFETTIVO? COS'E' QUELLA PAURA CHE CI IMPEDISCE DI RIMANERE CONNESSI CON LE NOSTRE ORIGINI?

IL LEGAME AFFETTIVO

L'adozione internazionale è un successo proprio per questo motivo: le persone hanno paura di perdere qualcuno che non è loro, tanto per cominciare. Che concetto arcaico! Tornando all'assimilazione dell'adozione come filiazione naturale. Il legame affettivo non può crescere se le nostre radici e il nostro passato vengono rifiutati. Esiste ancora un tipo di film all'interno del genere del terrore che parla di questa paura, dove i figli adottivi si ribellano alla famiglia o la prima madre torna a rivendicare ciò che è suo. La paura e il rifiuto non possono essere il seme di nessuna famiglia. Questo è il motivo per cui la mia tesi non era molto apprezzata in quel momento, perché affrontavo un argomento importante e indicavo una paura con cui eravamo nati (non essere accettati). Questo concetto di rottura netta all'interno dell'adozione plenaria è obsoleto e deve essere rimosso dalle nostre comunità. La società potrebbe non essere pronta ad abolire questa cifra a causa di problemi economici, di fertilità e di salute mentale, ma non dovrebbero essere gli adottati a subire le scelte degli altri. L'adozione deve provenire da un luogo di stabilità e di accettazione dei propri limiti, altrimenti le generazioni vengono ferite e si crea angoscia per questioni che non è nostro dovere risolvere o di cui non siamo responsabili.

Ora che ho trovato la mia famiglia e ho compreso le circostanze che mi hanno portato qui, posso iniziare il mio processo di guarigione, che non significa essere statico, ma andare avanti attraverso il dolore e tutti i tipi di dolore. Il livello successivo con cui sto cercando di convivere e che non ho accettato alla fine della mia ricerca è che non c'è alcun legame affettivo o un concetto di famiglia nella mia adozione. Ad un certo punto ho dovuto sopportare il dolore che ne deriva, ma alla fine mi ha liberato. Nelle parole di Lynelle Long, il mio contratto con loro è finito. Leggere quelle parole e relazionarsi con esse in questo momento, è l'inizio di un periodo cruciale della mia vita. Consiglio vivamente ad altri di iniziare la ricerca delle nostre origini, solo una nuova saggezza può essere diffusa in noi stessi, e inoltre non abbiate paura di condividere la vostra storia. Non negare te stesso o le tue ferite. Sono solo un promemoria che siamo ancora vivi e che possiamo guarire insieme.

QUESTA È LA MIA STORIA

Ho 32 anni e sono stata adottata all'età di 7 anni, insieme alle mie due sorelline (5 e 3 anni) da genitori spagnoli nel 1995 in Colombia. La nostra mamma colombiana aveva 20 anni quando nostro padre colombiano morì nel 1993. La sua morte era collegata a un'organizzazione paramilitare/droga. Questo evento ha cambiato tutta la nostra vita. Sono stato in queste fasi di dolore, negazione e odio, ma ora penso di essere nella fase di negoziazione della perdita della mia famiglia, di mia madre e di questa vita completamente diversa che avrei potuto vivere se le cose fossero state distinte, anche solo una cosa. A causa di questa violenza, i membri maschi della famiglia di mio padre furono spazzati via in caso di possibile vendetta. In questo modo, mia madre ha perso il contatto con la sua famiglia, quindi non poteva prendersi cura di noi mentre cercava di provvedere a noi. L'ICBF (l'autorità centrale colombiana che protegge i bambini) è venuta a conoscenza di questa situazione ed è intervenuta. Mia madre colombiana non aveva alcun sostegno economico o emotivo (almeno a nessuno importava abbastanza da cercare il resto della nostra famiglia), quindi ha dovuto prendere una decisione con entrambe le mani legate.

Due anni dopo, ci siamo trasferiti a Madrid, in Spagna. I nostri genitori adottivi erano antiquati non solo nel loro pensiero sull'istruzione, ma anche nella loro intelligenza emotiva. Non si sono davvero immedesimati in noi o hanno accettato il nostro passato e le nostre origini. Di conseguenza non parlerebbero di adozione. Fino a quando non ho lasciato il nido, non ero in grado di pensare alla mia prima madre o alla mia famiglia. Era troppo doloroso e volevo essere accettato con ogni mezzo. Non mi sono mai sentito vicino ai miei genitori adottivi, ma si sono presi cura di noi tre bambini e non abbiamo mai saputo cosa significa essere separati l'uno dall'altro. Nel 2016 ho deciso che era abbastanza e ho iniziato questo viaggio spaventoso. Le mie sorelle non si sono mai sentite preparate a farlo con me, ma sono state al mio fianco guardandomi alle spalle e, come amano dire: questa è come una telenovela (telenovela). Tuttavia, ho fatto le mie ricerche e sono diventato il mio investigatore privato. Avevo solo bisogno della nostra pratica di adozione per ottenere il suo numero identificativo, e con un piccolo aiuto dai contatti in Colombia, l'ho trovata nel 2018. Non ero pronto a prendere contatto all'inizio, ma ho superato questa difficoltà scrivendo una lettera con le mie sorelle. Poi, a dicembre 2020, ho trovato la famiglia di mio padre su Facebook. Mancava un nome di cui mi parlava mia madre, ma era la chiave per sbloccare ciò che mi stava trattenendo dal conoscere veramente la mia famiglia.

Mi rendo conto, soprattutto leggendo le esperienze di altri adottati, quanto sono fortunato. Sono consapevole delle conseguenze dell'adozione, dei suoi traumi e delle sue ferite, delle cicatrici con cui dobbiamo imparare a convivere; la decostruzione delle mie origini e della mia stessa personalità, le necessità e le difese necessarie per sopravvivere. L'intero processo mi ha insegnato qualcosa di più prezioso che non avrei mai potuto immaginare: accettare me stesso e gli altri. Ho sempre avuto con me le mie sorelle, che stanno imparando da questa crescita con la mente aperta, sapendo che non è facile e non sono pronte a vivere le mie stesse fasi, ma sono disposte ad ascoltare e camminare con me come per quanto possono. Riconoscere e capire che questo non era possibile con i nostri genitori è stato il passo più doloroso, ma siamo riusciti a prendere il controllo delle nostre vite e delle nostre scelte. Ora mi sto preparando per questo viaggio, fisicamente ed emotivamente. In questo momento sto leggendo 'Colombia: una concisa storia contemporanea' per conoscere finalmente il mio Paese, che per tanti anni ho ignorato. Grazie alla mia mamma colombiana, ho scoperto di essere davvero nata a Muzo, Boyaca.

La mia città natale, Muzo, Boyaca in Colombia

Versione originale spagnola di questo articolo qui.

Verità profonde

di Anonimo, un seguito di Il mio punto di svolta.

Nota: l'ICAV non tollera l'uso di sostanze illegali. Questo post è condiviso nello spirito di evidenziare come ognuno trova percorsi diversi per la guarigione e le profondità del trauma nell'abbandono.

Annotare i miei pensieri immediati dopo quella prima esperienza con la psilocibina era puramente quello di aderire allo stesso processo sviluppato per gli studi clinici alla John Hopkins. Ci sono state davvero cose che ho vissuto durante quel viaggio che sono state rivelatrici e articolare quelle esperienze sulla carta è stata una parte importante del processo di integrazione.

Immagino che fossero la proverbiale pala che ha portato alla luce alcune verità profonde che, se non le avessi scritte, avrebbero facilmente perso la loro profondità nel tempo. A quel tempo, anche se non c'era alcuna intenzione che altri leggessero della mia esperienza psichedelica, anche se capisco che potrebbe essere utile per altri che esplorano opzioni di trattamento per situazioni simili, quindi scrivo questi pensieri aggiuntivi tenendo presente che anche altri potrebbero leggere questo.

Il periodo di mesi successivo al primo viaggio era di immenso contrasto con la vita prima di quel giorno. Ma come sono passati alcuni anni, posso vedere che il livello di contrasto era relativo a quel particolare momento.

Il mio primo viaggio ha rivelato il dolore, il dolore causato dalla separazione, e come il peso di quel dolore abbia creato la propria risacca di sofferenza per decenni. Guardando indietro negli anni e attraverso la discussione con i professionisti della salute, posso vedere modelli di pensiero, comportamenti e sentimenti che risalgono fino alla mia adolescenza che mostrano segni di depressione, stress post trauma, solitudine e dolore.

Avere queste cose rivelate a me, è stato il primo angolo girato che mi ha dato un po' di chiarezza sui miei "problemi". Quando giri per la prima volta un angolo, è quando il contrasto è così evidente perché è ancora dietro di te mentre la nuova linea di vista rivela una prospettiva diversa. C'è un certo sollievo nel vedere per la prima volta un punto di vista diverso.

Non mi illudevo che un viaggio con i funghi fosse l'unico proiettile d'argento di cui avevo bisogno. Come professionista della salute da molti anni, non avevo aspettative che ulteriori progressi sarebbero stati coerenti e lineari, nonostante questo inizio apparentemente epocale. Ho cercato di applicare un po' di fiducia nel processo di guarigione, e speravo che questo angolo girato fosse il primo passo in quel processo. Sapevo che dovevo essere paziente. Sapevo di non avere altra scelta che essere paziente, ma la scelta di provare speranza per la prima volta sembrava qualcosa su cui in realtà avevo un po' di controllo per la prima volta.

Di grande aiuto in questo processo è stato condividere questa prima esperienza con amici e familiari selezionati che hanno mostrato curiosità, cura e sostegno. Decenni di relazioni con queste persone, osservando l'evoluzione della mia vita e i suoi difetti, sono stati l'esposizione perfetta che ha permesso loro di comprendere il significato di un'esperienza e dei proclami di morte dell'ego psichedelico.

Tuttavia, in contrasto con questo era mia madre adottiva. Dopo aver subito la perdita del marito di cinquant'anni per Alzheimer pochi anni prima, e ancora quella che sembrava vivere una vita di lutto, ero ancora estremamente delusa e ferita dalla sua mancanza di curiosità, apertura mentale e simpatia. Forse le mie aspettative erano troppo ottimistiche per una vedova in lutto, fondamentalista cristiano per tutta la vita ed esperto conservatore anti-droga. Molti tentativi di conversazione per essere aperti e condividere me stesso con lei sulla mia salute mentale e sull'efficacia degli psichedelici generalmente hanno portato al silenzio o a un'osservazione superficiale e benevola come: "Beh, purché ti abbia aiutato e ti senti meglio ora". Inquadratura così banale. Avrebbe potuto benissimo essere un'osservazione in relazione all'avere mal di testa e all'assunzione di Panadol.

Questo mi ha fatto capire alcune dure verità su di lei. Sì, ho tutti i ringraziamenti e la gratitudine per la vita che mi ha dato. Ma ora non ha più niente da darmi, sia per limitate capacità emotive e mentali, virtù religiose, o semplice mancanza di obblighi. Devo accettarlo. Mi dice che mi ama come suo figlio. Ma sembra un amore sentimentale per qualcuno che non esiste più. Era comunque una persona fittizia. Non mi aveva mai conosciuto davvero tutti quegli anni prima. Ora non mi conoscerà mai, dannazione. Potrebbe ancora amarmi a modo suo, ma non l'amore che hai con qualcuno che deriva dalla condivisione di uno dei percorsi della vita insieme in cui discuterete e litigare, ridere e piangere, o vi perderete l'un l'altro. Io e mia madre non condividiamo più nessun percorso. Sembra davvero un rifiuto. Un secondo rifiuto da parte della seconda madre. Le mie conversazioni con lei ora sono superficiali come con il barista della caffetteria locale. Se mi chiede come sto, non le dico la verità. Non è interessata. Parlando di questo con uno psicologo e disfacendo la storia pre-adozione di mia madre, abbiamo dedotto che ero una sorta di figlio sostitutivo per un primogenito perso a causa di complicazioni post-partum. Se poi aggiungi un'inquadratura religiosa fondamentalista, come essere salvato da un paese devastato dalla guerra era tutto il piano di Dio, allora ci si può rendere conto di quanto questo sia de-validante e di come abbia ritardato il disimballaggio e l'elaborazione dell'intera esperienza di adozione.

I mesi successivi al primo viaggio con i funghi mi hanno sensibilizzato molto di più alle situazioni emotive. I miei anni precedenti di lavoro in emergenza sanitaria, avevano sviluppato una capacità di disimpegnarsi emotivamente da situazioni difficili che era un meccanismo protettivo comune sviluppato da molti paramedici. Ma ora vedevo e sentivo tutto, in particolare la sofferenza e il dolore. Guardare cose come una donna al telegiornale piangere per la morte di suo figlio, o un soldato che fa una smorfia di dolore, alle prese con esercizi di riabilitazione è diventato inguardabile per me. Quel dolore e quell'angoscia profondi e genuini mi collegarono istantaneamente al dolore che ora viveva dentro di me. Ho iniziato a provare compassione per il mondo e per me stesso. Ho visto così tanto dolore e sofferenza nel mondo. Sembrava quello di cui era fatto il mondo. Ho sempre trovato i bambini belli e affascinanti, ma anche adesso c'era qualcosa di triste nello stare con loro. Forse era vederli con i propri genitori. Vedendo quello sguardo di collegamento che fanno con le loro madri e che viene restituito in natura. Quella connessione e comunicazione non verbale primordiale. Vedere madri e bambini amorevoli fare questo, mi schiaccia dentro.

Per la prima volta ho provato rabbia nei confronti di mia madre naturale e in seguito di mia madre adottiva. Nel corso degli anni c'erano stati tentativi di localizzare mia madre naturale attraverso programmi di ricerca e connessioni personali. Avevo visto molti documentari su genitori e figli che si riunivano dopo molti anni di ricerche e spesso non era un finale da favola. Intellettualmente potrei entrare in empatia con una giovane madre disperata in un terzo mondo o in un paese dilaniato dalla guerra, che dà il figlio in adozione. Ma le cose adesso erano diverse. Ho pensato spesso a come sarebbero andate le cose se ci fossimo trovati ora, che tipo di relazione avremmo avuto o vorremmo avere. So che la cultura e la tradizione familiare di solito dettano il modo in cui opera una relazione genitore-figlio. Ma le cose ora sono diverse e sarebbero diverse. Posso quasi sentire l'aggressività dentro di me mentre mi rilasso contro le aspettative di una persona e di una situazione che potrebbero non verificarsi mai. Una futura relazione sarebbe alle mie condizioni, a quelle di nessun altro. Certamente non qualcuno che mi ha lasciato senza niente. Ma è tutto ipotetico. Ora sono più grande, quindi probabilmente è morta comunque. Penso di poterlo lasciare andare. Ma ci vorrà del tempo.

Per quanto riguarda mia madre adottiva, la sua indifferenza e i suoi giudizi mi restano nel collo ogni volta che ci impegniamo in una conversazione educata e superficiale. Conosco la sofferenza che ha attraversato allattando il suo unico compagno di vita, mio padre, durante il lungo addio, ma questo è il ciclo della vita. La sua vita da manuale. Aveva tutto quello che io non avrò mai. La vita che non avrò mai. Per una che professa di vivere nella speranza di promesse e miti religiosi, non ha molto senso per me la visione del mondo egocentrica che ha ora, la mancanza di gioia nella sua vita e l'allontanamento dalla sua stessa famiglia.

Penso di essere sempre stata una persona disciplinata quando si tratta di fare le cose che devo fare. Sapevo che cose come l'esercizio fisico, il sonno, il mangiare bene, contribuiscono tutti a una buona salute mentale. Leggendo James Gordon's "La trasformazione: guarire dal trauma per diventare di nuovo integri” mi ha incoraggiato ad aggiungere la meditazione alla mia routine di auto-mantenimento. Accoppiato con la lettura di Sam Harris "Spiritualità senza religione“Sono stato in grado di avvicinarmi alla meditazione come uno strumento di auto-creazione e consapevolezza senza inutili riempitivi religiosi o esoterici. Qui ho scoperto come trovare il piacere nel solo respirare. Respiriamo costantemente ma non ci accorgiamo mai di come questa semplice funzione automatica possa semplicemente far star bene. La meditazione mi ha anche permesso di ridiscendere profondamente nel subconscio in numerose occasioni come un mini viaggio psichedelico. Con i giusti schemi di respirazione e l'ambiente, potrei raggiungere quel luogo ed esplorare ulteriormente le profondità della mia coscienza. Spesso mi ha portato più lacrime, dolore e nuove intuizioni su me stesso, ma mi ha anche permesso di isolare il mio dolore in uno spazio fisicamente definibile. Prima del viaggio con i funghi, era diffuso, sotto la superficie, trascinandomi sempre verso il basso. Come calpestare le acque dell'oceano con la distesa nera appena sotto i tuoi piedi, aspettando che ti stanchi e sprofondi nelle oscure profondità. Da allora, con più meditazione, ora è molto più evidente ed esplicito, come un pesante mattone conficcato nel mio petto ogni volta che ricordo lo spazio in cui la mediazione o le sostanze psichedeliche mi permettono di andare. Non mi afferra più dal basso. È qui con me ora, portata stretta nel mio petto – pesante.

Continuo ad essere paziente. Riporre fede nei poteri curativi del corpo e della mente. Ma le cose sembrano durare per sempre. È come essere in uno schema di mantenimento del volo. So dove voglio andare ma non riesco ad atterrare, quindi continuo a girare in tondo, sperando che il carburante non finisca.

Ho iniziato le arti marziali Brazilian Jiu-Jitsu che si sono rivelate una grande fonte di distrazione e terapia mentale, inoltre è più terapeutico cercare di strangolare qualcuno che parlare con uno psicologo dei miei sentimenti per un'ora. Essere così stanco e dolorante dopo l'allenamento significa che crollo nel sonno completamente esausto, senza energia per la mente per iniziare stupide conversazioni con se stessa. Ma come attestano le mie articolazioni e le mie membra doloranti, l'età sta iniziando a farsi sentire. Sembra che il corpo non possa sempre incassare gli assegni che la mente vuole emettere.

Prima del viaggio dei funghi, il mio sollievo era il pensiero di avere il controllo per porre fine alle cose ogni volta che lo desideravo. Che lo facessi o meno non era il punto, era la sensazione che potevo. Dopo il viaggio, non riuscivo a localizzare quella sensazione. Sembrava che quella capacità dentro di me fosse sparita. Sembrava una buona cosa in quel momento. Ma ora alcuni giorni non ne sono così sicuro. Pensare di non avere la capacità di liberarmi, significa che sono intrappolato qui. L'unica speranza che avevo prima, l'idea che mi dava sollievo, è svanita. Alcuni giorni sono indeciso se rimpiangere o meno il viaggio, poiché mi ha tolto l'unica speranza che avevo che mi ha portato in questi ultimi decenni.

Rifarei i funghi o li consiglierei? Decisamente. Mi ha dato una diagnosi. È arrivato al nocciolo del mio problema. Ma dopo alcuni anni, avevo bisogno di rivalutare la mia posizione. Avevo bisogno di una prognosi della situazione perché sembrava che le cose si fossero fermate, o forse regredite un po' dal contrasto che avevo visto per la prima volta.

Ho programmato un altro giorno per un viaggio con la psilocibina. Ma dopo venti minuti passati a guardare la dose secca macinata sul banco della cucina, non riuscivo a farlo di nuovo. L'ultima volta è stata così straziante.

Avevo una piccola pastiglia di LSD nel congelatore, come faccio io, e ho deciso di prenderne mezza compressa e fare un po' di meditazione. L'LSD ha lo stesso effetto sulla mente della psilocibina. Ho preso solo la metà perché non volevo un viaggio pesante come l'ultima volta. Quanto basta per spegnere la rete in modalità predefinita e farmi valutare le cose.

Penso di aver dimenticato la concentrazione delle pastiglie perché l'effetto è stato lo stesso dei funghi, più forte di quanto mi aspettassi. Forse l'equivalente di circa ¾ della dose originale. Potevo sentirmi scivolare nella mia mente come prima, non così in profondità, ma abbastanza per vedermi.

Questa volta c'era una casa e io ci stavo seduto da solo al buio. Non c'era nessuna sensazione di angoscia, urgenza di fuga. Solo rassegnazione. Questa casa ero io. Una rappresentazione di me stesso e della mia vita, ma era fuori controllo e pericolosa. Ho dovuto costruire questa casa da solo senza alcun aiuto e senza gli strumenti giusti. Sono ancora riuscito a mettere insieme qualcosa che sembrava una casa. Ma sapevo che era incompleto e aveva le basi mancanti. Da lontano sembrava a posto, ma quando mi sono avvicinato e dentro, ho potuto vedere che non era giusto. Nessuno vorrebbe restare qui. È troppo tardi per demolire tutto e ricominciare.

Che prognosi deludente. Forse mi sono sopravvalutato e mi sono aspettato troppo e troppo presto, quindi sono tornato al lavoro come al solito. Continua a fare le cose che gli esperti dicono che devo fare. Non ho scelta davvero. Posso succhiarlo ancora per un po', anche se mi sembra di voler solo tornare a casa. È così che mi sento adesso, come se stessi aspettando di tornare a casa ovunque sia, in questa vita o nella prossima. Voglio solo andare a casa. Non vedo l'ora di tornare a casa.

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%