Kris condivide su Adoptee Anger

Questa è una serie su Adoptee Anger dall'esperienza vissuta, per aiutare le persone a capire cosa c'è sotto la superficie e perché gli adottati a volte possono sembrare arrabbiati.

di Kris Rao, adottati dall'India negli Stati Uniti, hanno recentemente scoperto la loro adozione come adottati di Late Discovery.

Nel 2019, all'età di 34 anni, ho saputo di essere stata adottata. Da allora, ho acquisito una familiarità folle con il ciclo del lutto. In modo non lineare, ho sperimentato incessantemente tutte le emozioni associate al dolore. Di tutte le emozioni, la rabbia, tuttavia, è diventata l'unica emozione costante quando penso all'adozione.

Nel caso della mia esperienza, come adozione di una scoperta tardiva, sono arrabbiato per essere stato mentito per 34 anni. Mi sento ingannato. Imbrogliato. Imbrogliato. Qualunque sia la parola che mi viene in mente per descriverlo, alla fine per 34 anni sono stato manipolato nel credere di essere qualcuno che non sono. Manipolato in estranei credenti dove i miei parenti biologici e genetici. L'identità che mi è stata data non sembrava mai adattarsi alla persona che sapevo di essere, e mi sentivo come il pazzo per i miei pensieri.

Il problema della rabbia, però, è che viene percepita come un'emozione negativa. Per tutta la vita, crescendo, mi è stato insegnato a controllarlo. Per non lasciare che abbia la meglio su di me. Anche adesso, mentre scrivo per condividere la mia esperienza ed esprimere le mie opinioni sull'adozione di oggi, c'è chi mi dice di non essere così arrabbiato. Quella rabbia non è una buona cosa.

Per un bel po' dopo aver scoperto la verità, ho lottato con la rabbia. In un gruppo di adottati per la scoperta tardiva, una volta ho posto una domanda sulla rabbia. Più di 90% ha affermato di essere ancora arrabbiato o di lottare con la rabbia. Le risposte più utili sono state quelle che dicevano che andava bene essere arrabbiati. Un adottato ha persino risposto a qualcosa che ho scritto e ha detto che si trattava di una "rabbia giusta". E avevano ragione. La mia rabbia è giusta e giustificata per la mia esperienza. Va bene essere arrabbiati. Va bene sentirlo.

Come ha scritto Faith G. Harper nel suo libro Sfoggia la tua rabbia: usare la scienza per comprendere la frustrazione, la rabbia e il perdono:

"Se provare rabbia va bene, puoi essere arrabbiato e continuare a stare bene."

Guardando indietro, penso di aver lottato con la rabbia perché ho confuso i miei pensieri sulla rabbia con il modo in cui la gestiamo e agiamo di conseguenza. Non c'è niente di sbagliato nell'emozione stessa. La rabbia è una reazione normale a qualsiasi situazione negativa, ed è il modo in cui la affrontiamo che determina una reazione positiva o negativa. E questa è la cosa fondamentale, “La rabbia è una risposta a un'emozione più profonda. È un'emozione secondaria, nel senso che è reattiva. Non solo alle situazioni che incontriamo, ma anche ad altre emozioni".

Le emozioni negative vanno bene fintanto che le esprimiamo in modo sano.

Sono sempre stato frustrato crescendo per come sono stato cresciuto. Frustrato di non riuscire a capire perché mi sono sempre sentito diverso. Quella frustrazione si è trasformata in rabbia subito dopo aver scoperto di essere stata adottata. Sono arrabbiato perché mi hanno mentito. Sono arrabbiato per tutti gli abusi che ho subito e per essere stato spinto a credere che fosse per il mio bene. E mi addoloro per questo. È un sacco di negatività da affrontare tutto in una volta. Quando ho saputo di essere stata adottata, sono rimasta ferita. C'era dolore per quello che sembrava un enorme atto di tradimento. Quella ferita diventerebbe anche rabbia. Più cercavo di non provare tutte queste “emozioni negative”, più sentivo di diventare “negativo”.

Mark Manson ha scritto quanto segue sulle emozioni negative nel suo libro La sottile arte di non fregarsene:

“Il desiderio di un'esperienza più positiva è di per sé un'esperienza negativa. E, paradossalmente, l'accettazione della propria esperienza negativa è essa stessa un'esperienza positiva».

“Questa è una totale sciocchezza. Quindi ti darò un minuto per svelare il tuo cervello e forse leggerlo di nuovo: volere un'esperienza positiva è un'esperienza negativa; accettare l'esperienza negativa è un'esperienza positiva. È ciò che il filosofo Alan Watts chiamava "la legge all'indietro": l'idea che più perseguiti sentendoti sempre meglio, meno soddisfatto diventi, poiché perseguire qualcosa non fa che rafforzare il fatto che ti manca nel primo luogo."

È stato un sacco di lavoro, ma sto imparando a riformulare me stesso e come vedo la mia rabbia. Sto imparando ad accettare semplicemente ciò che è e ad usarlo per elaborare il mio dolore, il mio trauma. Accettare le esperienze negative della mia adozione. Permettendo a me stesso di sentire la mia rabbia, e non esserlo.

Mi sono imbattuto in questa citazione qualche tempo fa e mi è rimasta impressa riguardo al mio dolore.
"Nessuno nota la tua tristezza finché non si trasforma in rabbia, e poi sei la persona cattiva."

Non conosco le sue origini, ma sembra accurato. Semmai, voglio che la gente sappia che la mia rabbia non riguarda chi sono io come adottato. Non si tratta nemmeno di chi sono io come adozione di una scoperta tardiva. Riguarda ciò che provo come adottante.

Ancora più importante, vedo la mia rabbia come uno strumento, perché non solo mi ha permesso di stabilire e mantenere i limiti necessari per proteggermi, ma è ciò che mi spinge a scrivere per il cambiamento, condividere la mia esperienza e ripristinare tutto ciò che è stato portato via da me. Ho imparato a usare la mia rabbia per sostenere il cambiamento, per condividere la mia esperienza e la mia verità impenitente. Condivido la realtà dell'adozione scrivendo esattamente quello che provo e come lo sto affrontando.

La mia rabbia riguarda la richiesta di responsabilità da parte di coloro che non vogliono essere ritenuti responsabili. Si tratta di bonifica.

In un saggio sulla rabbia, Brian Wong ha scritto quanto segue:
"Sebbene la rabbia potrebbe non essere l'emozione più praticamente utile da avere in tutti i casi, la sua produttività epistemica e motivazionale la rende il candidato ideale per guidare le vittime verso richieste di risarcimento o riparazione appropriate. È la rabbia verso la perdita di ciò che conta che consente alle vittime di individuare le componenti più importanti del loro processo riparativo – ovviamente, potremmo non pensare che il restauro sia intrinsecamente più prezioso, ma questa critica non coglie il punto. La rabbia può svolgere un ruolo cruciale nel recupero dei beni perduti”.

Molto semplicemente, ecco cos'è la rabbia. Cosa può essere. 

Guarire dai miei traumi passati per me non significa lasciar andare il mio dolore o la mia rabbia. È così che lo gestisco e come utilizzo quella rabbia. Si tratta di usare la mia rabbia per un'esperienza positiva.

La rabbia come reazione a un'esperienza negativa può fornirci l'energia per il cambiamento. Può essere usato per aiutarci a mantenerci al sicuro e darci il coraggio di riprenderci ciò che abbiamo perso. E questa è una buona cosa!

Per ulteriori informazioni da Kris, segui su:
Kris-404:RootsNotFound
Twitter @adottatoindiano
Instagram @indianlatediscoveryadoptee

La mia prospettiva è importante?

di Dan R Moen, adottato dalle Filippine negli Stati Uniti. Questo è il secondo di un'opera d'arte in 3 parti di Dan che esplora l'essere adottati.

La mia prospettiva è importante?

Una delle cose chiave che mi ha aperto gli occhi è capire cosa è appropriato dire a qualcuno che sta soffrendo o sta soffrendo.

Non siamo riusciti a capirci e a utilizzare gli strumenti per coltivare la vera empatia, non la simpatia. Sfortunatamente, a causa di ciò, conversazioni difficili possono causare alienazione, vittimizzazione o gaslighting nell'individuo. Spesso vogliamo dare consigli o prospettive esterne, ma spesso è ingiustificato quando la persona sta attraversando il dolore in questo momento. Ciò è in gran parte dovuto al fatto che ci è stato insegnato che dare consigli equivale ad aiutare. Gli umani hanno un istinto naturale di voler riparare; l'idea che tutto ciò che non si adatta allo standard deve essere riparato e riparato rapidamente.

Tutto ciò che fa è alienare la persona e farle domandare se ha il diritto di provare emozioni umane. Senza farlo consapevolmente, questo può facilmente sembrare egoistico e si possono proiettare i propri modi di affrontare la vita aspettandosi che la persona in lutto soddisfi lo stesso standard, anche con le migliori intenzioni a cuore.

La chiave per aiutare davvero qualcuno che sta attraversando un lutto o dei problemi è ascoltare davvero e convalidare, convalidare, convalidare. Detto questo, quello sì non significa necessariamente d'accordo con la persona, ma è umanizzare la persona e permetterle di avere un posto dove piangere, sentire e vivere le emozioni necessarie per la crescita.

Sii consapevole di ciò che dici alle persone quando sembrano sopraffatte, affrontano l'ansia o attraversano una perdita. Devo ricordarmelo tutto il tempo. Scivolo anche io. Quello che dici loro può avere un profondo impatto positivo o, sfortunatamente, negativo. Non farlo su te stesso, e soprattutto…. NON dire loro come sentirsi. A volte, rimanere in silenzio, ma essere un ascoltatore attivo, aiuta enormemente l'altra persona e frasi come "grazie per la condivisione. Mi dispiace che tu stia attraversando questo. Per favore fammi sapere se c'è qualcosa che posso fare per aiutarli" li aiuterà e darà loro la sensazione che possono andare da te per il supporto.

Questi sono i motivi per cui noi adottati abbiamo, su una scala molto più ampia, così tanti problemi di salute mentale che purtroppo non vengono diagnosticati, non trattati e invalidati. Quando vediamo che accadono crimini c'è qualcosa di più profondo che non vediamo. I crimini nella società, dal furto all'omicidio, sono sintomi di bisogni più profondi e complessi dell'umanità.

Tieni a mente più cicatrici sono invisibili di quante siano visibili, questo significa che non sai cosa sta passando la persona. Potrebbe esserci molto di più dalla loro storia e dall'esperienza vissuta che potresti non sperimentare mai. Ciò a cui assistiamo quando qualcuno è in lutto può essere radicato in qualcosa di molto più profondo e storico nella propria esperienza vissuta. Allora perché dovremmo confrontare le nostre vite l'una con l'altra? La vita non è una corsa verso il basso, né una corsa verso l'alto. Dobbiamo essere in grado di essere come oggetti di vetro. I bicchieri da vino contengono ciò che possono contenere, i bicchieri da shot contengono ciò che possono contenere e le ciotole da punch possono contenere ciò che possono contenere. Non si può versare la stessa quantità di liquido da una ciotola di punch in un bicchierino; traboccherà. Tuttavia, le persone non sono statiche, possono sopportare la quantità di stress che può contenere un bicchierino e spostarsi lentamente fino a un punchbowl, e poi di nuovo giù.

Di recente ho avuto una conversazione con un mio meraviglioso amico che è indigeno, sulla comunità dei nativi americani e su come pensano di dare consigli:

Gli anziani non danno consigli o prospettive in ogni situazione in cui hanno l'opportunità. Capiscono invece che un giovane vivrà un'esperienza vissuta diversa da un anziano e per avere consigli bisogna scambiarsi fascine di tabacco. Il tabacco è sacro in molte tradizioni e culture dei nativi americani in quanto è una medicina usata per le preghiere, la comunicazione e i messaggi al mondo degli spiriti. Gli anziani daranno fascine di tabacco ai giovani se hanno bisogno di consigli e i giovani daranno tabacco agli anziani se hanno bisogno di consigli. Questo è visto come un dono di offerta. Lo ammiro assolutamente e vorrei che le persone mettessero in pratica questo concetto molto di più: anche in terapia ci sono codici di condotta sul dare consigli ingiustificati. Quando la frase "Cosa ne pensi? Cosa faresti? Hai un consiglio?" è pronunciato, questo è l'invito. Se chiedi: "Posso offrire una prospettiva, un consiglio?" e non lo vogliono. Non darlo. Lascia che la persona in lutto SIA UMANA.

Per la prima opera d'arte di Dan in questa serie, vedi Il lutto per il figlio del passato.
Per ulteriori informazioni su Dan, visita il suo sito web.

Il lutto per il figlio del passato

A novembre 2021, mi è stato chiesto dal Dipartimento australiano dei servizi sociali, per reperire opere d'arte di adottati all'estero che si adattassero alle loro opere d'arte per una revisione della letteratura che hanno finanziato rivedendo la ricerca disponibile su Adoption and Suicide.

L'ICAV ha contattato vari artisti adottati noti per il loro lavoro da ICAV e ha chiesto se desideravano presentare dei pezzi. Dan, un filippino adottato negli Stati Uniti, solo poche settimane prima si era unito alla rete ICAV e avevo visto le sue opere d'arte come parte della sua conoscenza. La sua opera d'arte mi ha sbalordito per la sua profondità e intensità. Quindi gli ho chiesto di condividerlo con tutti voi qui. L'opera d'arte è un mezzo così potente per ritrarre l'esperienza vissuta dell'adottato! Spero che ti piacciano i prossimi 3 blog in cui condividiamo l'incredibile talento di Dan, la sua opera d'arte e il significato dietro ogni pezzo. Ti presenta la sua serie in 3 parti, tutte relative all'essere un adottato internazionale filippino.

di Dan R Moen, adottato dalle Filippine negli USA.

Il lutto per il figlio del passato

Questo rappresenta sia il mio presente che il mio passato che attraversano simultaneamente un tumulto emotivo. Il bambino è suggerito di essere nudo in rappresentazione di essere completamente vulnerabile. Con entrambe le braccia che circondano la forma adulta di se stesso, il bambino non desidera altro che essere amato, protetto e... non sentirti orfano—un vero senso di appartenenza.

L'adulto, tuttavia, rappresenta il mio attuale io adulto. L'abbigliamento del vecchio mondo/Vittoriano/Edoardiano rappresenta una connessione con la storia; l'amore per lo studio e l'apprendimento dai nostri antenati e la passione per coloro che sono venuti prima, ignorando completamente il bambino nel presente. Il gilet rosso rappresenta l'amore ma è coperto e non svelato dalla redingote parzialmente chiusa. Sta distogliendo lo sguardo dal bambino suggerendo che c'è una disconnessione. Sta guardando verso l'oscurità sapendo che il mondo non è tutto splendente e glorioso. Anche lui è in lutto, ma non si connette completamente al bambino. Un braccio è avvolto attorno al bambino suggerendo che c'è una piccola connessione con il suo io passato, ma l'altra mano è completamente in tasca a suggerire che c'è un senso di distacco, inclusa la dissonanza cognitiva, il bisogno di crescere e andare avanti. Sta mostrando il tumulto interiore di accettare l'idea di "questa è solo la vita" - mentre, allo stesso tempo, non si concede il permesso di piangere completamente con il figlio passato.

Intorno a loro ci sono diversi colori che suggeriscono fuoco di significati. I verdi scuri rappresentano le foreste che ho visitato per tutto il 2020 e tutti i luoghi segreti in cui mi piace andare per guarire. Molti di questi luoghi erano fuori dai percorsi naturalistici e, per visitarli, avrebbero dovuto camminare in profondità nei boschi per trovare questi luoghi.

Il rosso rappresenta il sangue di chi è morto per mano della cattiva politica, della politica, del razzismo, dell'ignoranza e del Covid-19. Così come il bianco, che rappresenta gli innumerevoli spiriti e anime che sono passati nell'aldilà.

Il giallo rappresenta il fuoco con il caos e il cambiamento. Ci sono accenni di vernice metallizzata dorata che suggeriscono l'idea che ci sia guarigione all'interno del caos, ma dipende dalle prospettive individuali. Questo è rappresentato fisicamente dallo spettatore poiché l'angolo con cui stai guardando il dipinto determina la visibilità della vernice metallica. Quindi, quando più persone guardano il dipinto contemporaneamente, alcune vedranno la vernice metallica mentre altre non la vedranno, questo è il punto.

Molti di noi, da adulti, a volte dimenticano che le emozioni crude che proviamo sono umane, semplicemente umane. Non è necessaria alcuna logica nel momento del dolore. Molte delle nostre paure, dolori e profondi tumulti interiori provengono dal nostro passato e, a volte, piangiamo la nostra infanzia, poiché non ci siamo dati il permesso di addolorarci completamente e provare queste emozioni crude. Dobbiamo darci quel permesso; qualsiasi consiglio da altri o opinioni da altri non saranno soddisfatte se non ci permettiamo di senti prima e convalidare come sentirsi internamente.

Anche tu sei importante. Sei #1 nella vita; dalla nascita al prossimo mondo – impara a vivere insieme a te stesso, non da solo.

Prossimamente, la seconda opera d'arte di Dan La mia prospettiva è importante? nella sua serie in 3 parti.

Per saperne di più su Dan e sul suo lavoro, dai un'occhiata al suo sito web.

Rinuncia, adozione e dolore

di Bina Mirjam de Boer adottato dall'India ai Paesi Bassi, condiviso per il mese di sensibilizzazione sull'adozione di novembre a Bina Coaching.

Nel momento in cui gli adottati sperimentano di aver perso una parte di sé a causa della rinuncia e/o dell'adozione, entrano improvvisamente in un processo di lutto. Una sorta di lutto che loro stessi, ma anche l'ambiente circostante, spesso non riescono a comprendere o contenere.

Un evento speciale come una gravidanza, la nascita di un (nipote) o un matrimonio può improvvisamente perdere colore o brillare. Una morte, la perdita del lavoro o un trasloco possono diventare improvvisamente l'evento più drammatico e prevalente nella vita di un adottato.

Viene innescata la precedente perdita che fino a quel momento era assopita nell'inconscio. Improvvisamente l'inconscio si risveglia nel conscio e ributta l'adottato nel precedente trauma della perdita con il corrispondente cambiamento comportamentale. Le emozioni che ne derivano sembrano assorbire tutto, le strutture ei controlli scompaiono e il caos prevale.

Spesso gli adottati che in precedenza si consideravano “fortunatamente adottati” sentono improvvisamente il vuoto e cercano di riempirlo cercando se stessi, la propria identità e/o la propria madre. Ma il vuoto, la tristezza e la paura non si dissolvono durante questa ricerca o nella riunificazione. Rimane spesso la storia, i segreti, il senso di colpa e la vergogna tra entrambi.

A causa del fatto che questa forma di perdita e lutto non è riconosciuta nella nostra società, le persone adottate non hanno la possibilità (es. periodo di congedo) di piangere, dare un senso alla loro perdita o vivere un rituale di addio come un funerale dei loro genitori adottivi . E spesso non hanno ricordi dei loro primogeniti con cui consolarsi. Per questo spesso rimarrà una storia infinita e la ferita rimarrà aperta.

Una separazione tra madre e figlio provoca una perdita permanente, che portiamo nel nostro corpo fino alla fine della nostra vita e viene trasferita anche alle generazioni successive.

Ecco perché è importante aumentare la consapevolezza per la perdita e il trauma durante la rinuncia e l'adozione e l'impatto della mancanza dei dati sui nostri discendenti. Gli adottati dovrebbero avere tanto diritto al sostegno nel loro processo di lutto quanto quelli non adottati.

Per saperne di più su Bina, leggi i suoi altri blog ICAV:
Immagina di perdere i tuoi genitori due volte!
Dimentica il tuo passato

Sono come un cervo catturato dai fari

di Krem0076, un adottato internazionale coreano cresciuto negli Stati Uniti.

Krem0076 da bambino

Sono un adottato da un'adozione internazionale chiusa. Ho dei documenti, ma per molti di noi i nostri documenti sono spesso pieni di errori, bugie e discrepanze. Questa è una sfida: le mie informazioni sono accurate? Il mio nome di nascita? Il mio compleanno? La mia storia di origine se ne ho anche una? Qualcuno dei nomi nei miei documenti è reale o accurato?

Ho nomi sia per la mia b-mamma che per il mio b-papà e nel 2017 ho deciso di provare a cercare la mia b-mamma su Facebook. Ecco un'altra sfida: poiché sono stata adottata dalla Corea e non sono cresciuta leggendo o parlando la mia lingua, ho dovuto capire come tradurre la versione inglese del nome di mia b-mamma in Hangul e sperare che fosse accurata. Per fortuna ho un amico adottivo coreano che potrebbe farlo per me. Ho cercato e trovato una donna che ha dei tratti fisici così simili ai miei, è stato come guardare me stessa in uno specchio del futuro a circa 50 anni.

La sfida successiva è stata: le invio un messaggio? E se lo faccio, che diamine dico? “Ciao, non mi conosci davvero, ma potrei essere tua figlia che hai abbandonato nel 1987. Hai lasciato una bambina allora? Ti prometto che non sono pazzo e non provocherò problemi". Sì, non vedo che stia andando bene. La richiedo amica? Come posso avvicinarmi a lei senza spaventarla? E se fosse sposata e avesse altri figli? E se fossi un segreto? E se lei mi nega?

Questo è stato nel 2017 quando ho trovato per la prima volta la mia potenziale b-mamma, e dopo settimane di agonia e pietrificazione ma allo stesso tempo eccitata, le ho inviato un messaggio e una richiesta di amicizia. Ho aspettato giorni che si sono trasformati in settimane, che si sono trasformati in mesi e alla fine anni. Niente. Sono passato dall'essere eccitato e speranzoso all'essere nervoso e insicuro. Alla fine si è trasformato di nuovo in amarezza, frustrazione, rifiuto e perdita. Alla fine, mi sono intorpidito e l'ho spinto nella parte posteriore del mio cervello e ho cercato di dimenticare.

Avanti veloce a marzo del 2021. Di recente ero completamente uscito dalla nebbia delle adozioni, ho iniziato a riconnettermi con la mia cultura, la lingua, i cibi e le tradizioni coreane e ho fatto più amici coreani adottati. Ho deciso di cercarla di nuovo e vedere se c'era qualcosa di nuovo. Da quello che ho avuto come osservatore esterno, sembra sposata e ha 2 figlie adulte. Sembra anche che gestisca una fattoria di bacche. Ho deciso di scriverle di nuovo, questa volta in Hangul sperando che rispondesse meglio. Ho anche aggiornato il nome del mio profilo per includere il mio nome di nascita in Hangul, sperando che lo vedesse. Non ha mai letto il messaggio e non ho la possibilità di chiederle un'altra amicizia.

So che posso passare attraverso altri canali per trovare e contattare la mia b-mamma, ma sono un disastro. E se non riescono a trovarla? E se lo fanno e lei mi rifiuta? E se questa donna fosse lei e lei mi rifiutasse? E se fosse morta? Questa è un'altra sfida: l'assalto debilitante e paralizzante delle emozioni che mi impediscono di muovermi in entrambi i modi. Sono come un cervo catturato dai fari.

Per i genitori adottivi che leggono questo, vi incoraggio a promuovere adozioni aperte, se potete, non per i vostri bisogni e desideri, ma per i bisogni e i desideri futuri di voi bambini adottati. Cresceranno conoscendo le loro origini, la loro storia medica, la loro b-mamma o i genitori. Avranno un senso migliore della loro identità. Saranno in grado di porre domande e ricevere risposta. Ci saranno ancora traumi. Ci saranno ancora giorni ed emozioni difficili. Ma avranno una base più solida di quanto io non avrò mai. Ho 34 anni e un giorno sto annegando. Faccio fatica ad essere adottata e in questo momento, francamente, lo odio.

Muta forma

di Marie, una figlia persa per adozione dal padre cinese che ha condiviso la sua storia la scorsa settimana: Il peccato dell'amore

Metto la verità su un piedistallo, ma vedo anche come sia una mutaforma, la cui forma cambia a seconda di chi la tiene e del suo stato d'animo. Nei pochi mesi da quando ho trovato mio padre, credo che abbia capito il mio bisogno di verità e abbia cercato di offrirmela. Ma quella verità continua a cambiare poiché il mio arrivo nella sua vita è stato in parti uguali gioioso e traumatico.

Di fronte a me, la figlia perduta che tanto desiderava, anche lui rivive il passato. Un passato che ha soppresso perché era troppo doloroso, solo con i ricordi in una società che cancella i genitori naturali e il loro dolore, come se fosse qualcosa che avessero l'agenzia di prevenire. Non aveva un mentore saggio e nessuna sicurezza attraverso cui elaborare il suo dolore e la sua perdita, non solo di me ma del suo primo amore. Credo che la donna che amava sia morta per lui quando ha firmato i documenti per l'adozione. Pur riconoscendo che probabilmente non aveva scelta, non poteva riconciliare quella donna con la persona che amava eternamente. Quindi, sebbene avesse indizi su dove fosse, non l'ha mai cercata perché il suo amore doveva sicuramente essere andato - l'Agnese che amava non avrebbe potuto dare via la loro bambina; così facendo lo costrinse a firmare anche i documenti di adozione. Ha nascosto quel dolore ed è entrato in una vita in cui la perdita inconsciamente guidava le sue decisioni.

Anni dopo è diventato sonnambulo in un matrimonio. Un'altra gravidanza avrebbe portato il suo impegno verso sua moglie e un altro bambino che questa volta non poteva perdere. Ma Agnes era un'ospite silenziosa nel suo matrimonio e nella sua famiglia: lei non se ne sarebbe mai andata, e nemmeno io.

Da quando sono tornato, la verità si evolve e cambia. Agnes è stata inconsciamente un carnefice, una donna che ha rinunciato alla sua carne e al suo sangue e contemporaneamente vittima di una madre bigotta e controllante che ha alterato il destino di tutti e tre. Con il passare dei mesi dalla nostra riunione, mio padre è stato tormentato dal passato: il senso di colpa, la rabbia, la confusione e la perdita lo hanno afflitto con quella che chiama "immondizia fluttuante improvvisa". Nessuno di noi può chiedere ad Agnes cosa è successo dal suo punto di vista perché è morta nell'ottobre 2016. 4 anni prima che trovassi il suo necrologio e 5 prima che trovassi mio padre e confermassi che era lei. In sua assenza entrambi ci dimeniamo con ciò che sappiamo, cercando di mettere insieme i pezzi del puzzle che per me ha ancora più pezzi mancanti che stanno gradualmente trapelando dai ricordi a cui mio padre accede nei flashback e aumentando l'empatia per mia madre. Fissa, come faccio io, l'unica foto che abbiamo di lei, pubblicata sul suo necrologio. È giovane e sorridente e sebbene i suoi lineamenti individualmente non siano miei, in qualche modo il suo viso riecheggia il mio. Mi sono visto in lei, sapendo chi era non appena ho visto l'immagine.

Mentre si muove attraverso i ricordi ora con una lente alterata di compassione, e forse consapevole di come vedrei mia madre e di come lui vuole che io provi per lei, mio padre ha rivelato ricordi che spostano di nuovo la realtà e la verità. Con l'avvicinarsi del mio compleanno, le rivelazioni sembrano aumentare. Nei suoi ricordi, ora è felice e sorridente il giorno in cui sono nato. Mi hanno chiamato insieme e tutto sembra a posto quando lui la lascia quel giorno. Ma una settimana dopo viene chiamato a firmare i documenti per l'adozione e costretto da un giudice a farlo quando si rifiuta. Non avrebbe mai dato un senso alla decisione e non avrebbe mai più parlato con Agnes per disfare quello che era successo. La sua rabbia e la sua confusione l'avrebbero tenuta a distanza più efficacemente della sua assenza, fino a quando non sono arrivato inviando foto di me stesso in cui lei è sempre presente. Nell'ultima settimana è sembrato che avesse bisogno di condividere nuovi pezzi del puzzle, mentre li rimette insieme da solo. Ora crede di averle fatto un torto.

Nel suo stesso dolore non riusciva a comprendere quale perdita traumatica lei avesse subito. Ieri ha svelato un altro pezzo del puzzle. Quando finalmente cercò Agnes, trovò anche il suo necrologio, così cercò suo fratello, il suo amico, per scoprire come fosse morta. Quello che gli è stato detto lo ha portato a credere che si fosse tolta la vita. Questa notizia ha spostato di nuovo la realtà per me. Pur non sapendo nulla della sua vita, posso solo supporre che perdermi sia stato un evento devastante che ha avuto un impatto per sempre sul suo stato d'animo e sulla sua vita familiare.

Non posso fare a meno di correlare il mese della sua morte con l'anniversario della mia adozione. Sospetto che ogni anno il mio compleanno di agosto possa evocare un dolore silenzioso e forse indugiare fino all'autunno quando due mesi dopo sono tornato a casa con un'altra famiglia e nel giro di pochi mesi, sconosciuto ai miei genitori, in un altro paese. Non so se sapeva quando ho lasciato la madre e il bambino a casa. Non mi è chiaro se sono stato con lei per quei primi due mesi di vita o se vivessi nell'adiacente orfanotrofio affidato alle suore. Inesorabili nella loro visione di ciò che era meglio, le suore hanno mentito a mio padre quando ha viaggiato per sette ore da Taiping per portarmi a casa, dove sua madre aspettava, volendo darmi il benvenuto nella loro famiglia.

Ciò che la Chiesa ha detto a chiunque è in discussione e con Agnes andata via, forse solo i suoi fratelli potrebbero saperlo. È possibile che abbia condiviso qualcosa con la sua seconda figlia o il marito. Mentre penso a mia sorella materna, ora mi chiedo se la mia esistenza possa svelare un mistero anche per lei. Se non ha mai saputo di me, forse la sua perdita ha implicato anche un segreto traumatico perso nella morte e si è aggiunto al suo dolore. Rimango bloccato con ciò che verrà dopo nella mia ricerca – per ora solo felice di far parte della mia famiglia paterna e di tutte le realtà avvincenti di conoscere la famiglia e la cultura senza la quale ho vissuto per quasi 49 anni.

Implicazioni dell'espansione della politica del figlio unico in Cina

di Hannah, adottato dalla Cina al Canada.

Provincia di Guizhou: "Gli esseri umani hanno una sola terra, dobbiamo controllare la crescita della popolazione!" (Adam Secolo)

Nato in Cina

Sono nato in Cina. Questo è tutto, fine della storia delle origini. Questo è tutto quello che so. Probabilmente sono nato nella provincia di Jiangsu, ma anche questo non è certo. La prima testimonianza nota della mia esistenza è una visita medica quando si stima che avessi 20 giorni. Molti dei miei amici sanno dove sono nati, in quale ospedale, in che giorno, alcuni sanno anche il tempo fino al secondo e quanto tempo ci è voluto. Non so niente di tutto questo. Sanno chi era presente al momento della loro nascita, quali membri della famiglia hanno incontrato per primi. Non so niente di tutto questo. La mia data di nascita legale è stimata da quando sono stato trovato, non ho un registro di nascita originale. Il mio nome mi è stato dato dai funzionari dell'orfanotrofio. Non so come mi chiamassi o se i miei genitori biologici si fossero presi la briga di darmi un nome. Il record di dove sono stato trovato e quando sono stato perso o dimenticato. Mia madre (adottiva) ha scritto in un album di ritagli in quale contea è stato detto che sono stato trovato. Non ci sono registrazioni, non ho un certificato di abbandono come fanno alcuni adottati cinesi e non ho un annuncio di ritrovamento registrato. Per molti intenti e scopi, la mia vita è iniziata quando sono stato adottato da una coppia canadese bianca quando avevo meno di un anno. Sono uno delle migliaia di bambini cinesi adottati da stranieri dopo che la Cina ha aperto le sue porte all'adozione internazionale nel 1991.

Come la maggior parte degli adottati cinesi, sono stato adottato all'ombra della politica del figlio unico, introdotta per la prima volta nel 1979. La politica del figlio unico (il nome non ufficiale per la politica di restrizione alle nascite) dettava che alle coppie fosse permesso avere un solo figlio. Ci sono state eccezioni per le famiglie rurali e le minoranze etniche, ma la politica è stata attuata e applicata in modo diseguale in tutto il paese, con diversi livelli di violenza. La preferenza culturale per i figli maschi è ben pubblicizzata e si ritiene che sia la ragione per cui la maggior parte delle adozioni cinesi nell'ambito della politica del figlio unico erano femmine. È ampiamente noto e accettato tra la comunità degli adottati cinesi, la maggior parte di noi nati femmine, che siamo stati abbandonati (o rubati) a causa del nostro sesso alla nascita.

Le modifiche alle restrizioni sulle nascite in Cina

Il 31 maggio 2021, ho controllato le notizie e ho visto un articolo CBC che ha detto che la Cina aveva allentato le sue restrizioni alla nascita e ora avrebbe permesso alle coppie di avere fino a tre figli, invece dei due precedenti, che sono stati implementati nel 2016. Ricordo di aver letto un articolo di notizie simile nel 2015 quando è stato annunciato che la Cina stava rilassando il La politica del figlio unico per la prima volta da decenni per consentire due figli per coppia. All'epoca, non ci pensavo molto, ero felice che le restrizioni fossero state allentate e triste che stessero ancora controllando i diritti riproduttivi. Eppure, questa mattina, quando ho visto la notizia, mi sono sentito molto più forte. Forse è perché durante la pandemia, ho fatto uno sforzo per connettermi alla comunità degli adottati, unendomi ai gruppi Facebook online, gestiti da adottati per adottati. Ho iniziato a provare a (ri)imparare il mandarino, che avevo dimenticato da tempo, nonostante avessi preso lezioni di mandarino quando ero piccola. Forse è a causa dei riflettori puntati sul razzismo anti-nero e anti-asiatico a causa delle molteplici uccisioni di polizia di alto profilo di persone di colore, l'aumento dei crimini di odio asiatici a causa della retorica razzista sull'origine della pandemia, che mi ha costretto per esaminare più da vicino la mia identità razziale e culturale come adottato canadese, transrazziale, cinese, internazionale. Ma forse più di tutto, è perché ho due sorelle, anch'esse adottate dalla Cina, cosa che fino ad ora non era consentita in Cina per la maggior parte delle famiglie.  

Emozioni confuse

Per molte ragioni, leggere l'articolo sulla nuova politica rilassata della Cina, mi ha dato molti altri sentimenti contrastanti. Ancora una volta, la felicità per una politica rilassata e la tristezza e la delusione per il continuo controllo dei corpi delle donne e dei diritti riproduttivi. Ma questa volta è arrivato con un altro sentimento: rabbia. Sono arrabbiato. Sembra uno schiaffo in faccia per tutti gli adottati cinesi e le loro famiglie biologiche che sono state (forzatamente) separate in base alla politica del figlio unico. Sembra che non sia stato per niente, anche più di prima. Qual è stato il motivo per cui i miei genitori biologici mi hanno abbandonato (se è quello che è successo) se avessero solo cambiato la politica in seguito? Che senso ha creare la politica quando il tasso di natalità era già in calo, come avviene quando le donne hanno un maggiore accesso all'istruzione, alla carriera e ai contraccettivi, e ora vogliono aumentare di nuovo il tasso di natalità? Qual è stato lo scopo di spogliarmi del mio nome, del mio compleanno, della mia cultura, quando la forza trainante del mio abbandono è stata (semi-)invertita? Se ora alle coppie cinesi è permesso avere tre figli (lo stesso numero di me e delle mie sorelle), allora qual era il senso della politica che ha spinto migliaia di bambini, per lo più ragazze, ad essere abbandonati, abortiti e trafficati?

Emozioni miste di KwangHo Shin

Ora la politica è stata cambiata e allora? Sono ancora un cinese adottato, vivo a migliaia di chilometri dal mio paese di nascita, senza un modo semplice per collegarmi a parenti di sangue viventi, a meno che non voglia tentare una ricerca. Sono ancora un cinese adottato che non conosce il mio nome di nascita, compleanno o luogo di nascita. Gli adottati sudcoreani hanno combattuto e hanno fatto pressioni con successo sul governo sudcoreano per il riconoscimento e le riparazioni (limitate). Gli è stato dato un modo per recuperare la cittadinanza sudcoreana e ora possono richiedere il visto F-4 (patrimonio coreano). Durante la pandemia, il governo sudcoreano ha inviato mascherine gratuite agli adottati coreani. La Cina non riconosce la doppia cittadinanza, né fornisce agli adottati un visto speciale che consentirebbe loro un modo più semplice per tornare nel loro paese di nascita. La Cina non riconosce gli adottati internazionali o come le migliaia di bambini adottati a livello internazionale siano state conseguenze dirette della politica del figlio unico. La politica è stata allentata e ora le coppie cinesi possono avere fino a tre figli, come la mia famiglia in Canada. La politica che probabilmente ha guidato la mia adozione è stata allentata, eppure nulla è cambiato per me, e il governo cinese va avanti.

Cosa succede se?

Non mi piace pensare a cosa-se e cosa-potrebbe essere. Non mi piace immaginare come sarebbe potuta essere la mia vita se non fossi mai stata abbandonata (o rubata), se non fossi mai stata adottata, se invece fossi stata adottata da una coppia cinese ecc. Ma questo recente annuncio mi ha costretto a pensare al cosa-se. Nello specifico, "E se la mia famiglia naturale fosse stata in grado di tenermi perché non era limitata dalla politica del figlio unico?" Sono felice e soddisfatto della mia vita attuale. Nonostante i singhiozzi occasionali, le micro aggressioni razziste e le lotte per l'identità, non cambierei nulla. Ciò non significa che non posso e non piangerò la vita che mi è stata tolta a causa della politica del figlio unico. Mi dispiace di non sapere come mi hanno chiamato i miei genitori biologici (se lo hanno fatto). Mi dispiace di non conoscere la data, l'ora e il luogo in cui sono nato. Mi dispiace di non sapere, e forse non lo saprò mai, se assomiglio a qualcuno dei miei parenti biologici. Mi dispiace che probabilmente non conoscerò mai la storia completa dietro la mia adozione. Mi dispiace che come canadese, non mi sentirò mai completamente a mio agio in Cina e che come cinese adottato, non sarò mai visto come completamente canadese. E sono arrabbiato perché il governo cinese può cambiare la politica del figlio unico e andare avanti, mentre io e migliaia di altri ne sopporteremo le conseguenze per il resto delle nostre vite.

Affrontare la perdita del suicidio dell'adozione

di Lina Vanegas adottato dalla Colombia negli USA, RSU.

Opere di Adriana Alvarez

Ho perso due persone nella mia vita per suicidio, il padre dei miei figli che era anche il mio ex marito e mia madre. Il padre dei miei figli è stato adottato e mia madre è stata colpita dall'adozione perché ha perso me per l'adozione. Entrambi purtroppo corrispondono alle statistiche. Gli adottati hanno quattro volte più probabilità di tentare il suicidio. Direi che le mamme (prime madri, madri originali, mamme naturali) hanno anche alti tassi di tentativi di suicidio.

Sono un adottato transrazziale e internazionale che è stato adottato da Bogotà, in Colombia e ho vissuto la maggior parte della mia vita nel Michigan negli Stati Uniti. La perdita per suicidio è una morte come nessun'altra. Non è come un incidente d'auto, un infarto o un cancro in cui c'è una chiara spiegazione di come qualcuno è morto. Le persone che muoiono per suicidio stanno lottando immensamente. Non c'è chiusura con questa morte. Anche il suicidio è fortemente stigmatizzato, la gente non ne vuole parlare e molti giudicano la morte. La perdita per suicidio per noi adottati è ulteriormente aggravata e amplificata con tutta la perdita e il dolore che abbiamo già sperimentato e può innescare molti dei problemi di cui soffriamo in relazione all'adozione. 

Se stai leggendo questo e hai perso qualcuno per suicidio, voglio che tu sappia che non sei solo e che mi dispiace molto che tu stia vivendo questa perdita orrendamente dolorosa. Voglio anche che tu sappia che non è colpa tua. Non c'è niente che avresti potuto fare o avresti dovuto fare. La persona che è morta soffriva tanto. Potresti anche leggere questo e essere rimasto scioccato dalla morte della persona perché non avevi idea che stesse soffrendo e forse sembravano felici e come se tutto andasse bene. Non è ancora colpa tua. Per favore, non incolpare te stesso e non trattenere alcun senso di colpa. È estremamente doloroso sapere o apprendere che la persona amata stava soffrendo così tanto.

Una cosa che ho imparato è che alcuni giorni sono più difficili di altri. Mi ha aiutato a sapere che posso spezzare le mie giornate e posso prenderle momento per momento, minuto per minuto o ora per ora o un giorno alla volta come dice il famoso slogan degli Alcolisti Anonimi (AA). Il primo anno per me è stato completamente sfocato. Sembrava trascinarsi per sempre e avevo fretta di lasciarmi tutto alle spalle perché era così doloroso e difficile. Onestamente, non riesco a ricordare molto perché ero molto scioccato. Per favore, sii paziente, gentile e gentile con te stesso se hai subito una perdita suicida. La perdita per suicidio è una perdita così dolorosa e che cambia la vita. Il primo anno di perdita è stato davvero difficile perché tutto diventa un primo senza di loro. 

Alcuni dei giorni più difficili per me sono il compleanno della persona, l'anniversario della sua morte e le vacanze. Ho imparato a sedermi con le mie emozioni e a sentirle. Mi concedo il permesso di piangere e piangere se questo è ciò che deve accadere. Se qualcosa era troppo difficile, allora creavo una nuova tradizione o decidevo di non farlo. Poi ci sono momenti in cui crollo semplicemente perché qualcosa mi ha fatto scattare e sono tornato a sentire il mio dolore. Il dolore è un viaggio, fluisce e rifluisce. Non è lineare e non c'è una data di scadenza. Per favore, non permettere a nessuno di dirti diversamente o di spingerti a superarlo o a guarire in un certo lasso di tempo. Tutti soffriamo in modo diverso e il dolore non è un'esperienza unica. 

Opera di Nicholas Down

È stato un vero viaggio per me trovare modi per farcela e iniziare a guarire. La perdita per suicidio ha davvero cambiato il modo in cui ho visto la vita. Ora vedo che la vita è breve e fugace e che ogni giorno non è promesso. Ho scelto di usare la perdita di mia madre come slancio per aiutarmi a vivere la mia vita in onore di lei. Mi sforzo di trasformare il mio dolore in uno scopo, un percorso e potere. Ci sono stati molti modi che ho trovato per aiutarmi a farcela e che voglio condividere con voi.

Per me, sedermi con i miei sentimenti e sentirli veramente è stato molto utile. Piangere, urlare e letteralmente perdere il fiato, singhiozzare e avere quel profondo pianto dell'anima ha aiutato il mio dolore e il mio lutto. Anche per me la terapia è stata fondamentale. È davvero utile avere uno spazio sicuro e non giudicante che sia solo per me. È importante trovare un terapeuta che lavori esclusivamente con i traumi e idealmente qualcuno che sia competente per l'adozione. Molti terapeuti onestamente non hanno studiato l'adozione, quindi è difficile per loro capirci veramente.

Sono un avido lettore e per me leggere e ricercare mi ha dato risposte e mi ha aiutato a capire. Mi sono buttato nella lettura e nella ricerca del suicidio. Per me era importante capire il suicidio in modo da poter dare un senso alle cose. Ho letto molto di altri sopravvissuti alla perdita di suicidio, il che è stato davvero essenziale perché potevo relazionarmi con quello che stavano dicendo e potevo imparare come hanno affrontato e guarito. L'altro gruppo che era davvero importante leggere e ascoltare era quello dei sopravvissuti al tentativo di suicidio. Mi ha aiutato ad essere in grado di acquisire una comprensione più profonda del suicidio e delle lotte per la salute mentale. Mi ha anche dato un'idea di come posso aiutare le persone che soffrono di idee suicide.

 Mi sono unito a un gruppo di supporto al lutto e a un gruppo di supporto per le vittime di suicidio. Entrambi questi gruppi mi hanno permesso di connettermi con altre persone che stavano vivendo le mie stesse cose e non avevo bisogno di spiegarmi. Ho fatto amicizia, ho pianto, ho riso ma soprattutto ho capito che non ero solo e mi sono sentito visto, ascoltato e convalidato. Frequento anche un gruppo di adozione che è stato utile perché molti adottati hanno anche a che fare con la perdita dei suicidi. È stato utile parlare con altri adottati della perdita per suicidio. Puoi cercare un gruppo online e l'accessibilità dovrebbe essere più semplice ora che la maggior parte dei gruppi viene eseguita virtualmente. 

Anche partecipare a eventi come le passeggiate che raccolgono fondi per la prevenzione del suicidio o partecipare alla Giornata internazionale della perdita dei sopravvissuti al suicidio che si tiene a novembre è molto utile. Ancora una volta, sono stato in grado di rendermi conto che non sono solo e mi sono sentito parte di un pezzo più grande. È stimolante vedere che vengono raccolti fondi per aiutare a prevenire il suicidio, finanziare la ricerca e anche catartico. 

Anche movimenti come la corsa, la bicicletta, la camminata e lo yoga mi hanno aiutato a farcela perché sono uno sbocco in cui posso liberare e incanalare le mie emozioni. La meditazione è stata fantastica perché mi ha permesso di rallentare ed essere presente nel mio corpo. Il diario e la scrittura sono stati il mio sbocco creativo per elaborare e affrontare la perdita suicida. Anche assicurarmi di seguire una dieta equilibrata e di dormire a sufficienza è stato davvero utile. Il pezzo per la cura di sé è davvero importante e avrà un aspetto diverso per tutti. Per favore, fai qualcosa per te che ti piace fare. 

I social media sono anche un ottimo modo per entrare in contatto con altri sopravvissuti a un suicidio. Ci sono molti gruppi e organizzazioni a cui puoi unirti. Ci sono anche molti blog, podcast e articoli su problemi di salute mentale che discutono di suicidio che sono grandi risorse. 

Sono passati quasi 7 anni dalla mia prima perdita suicida e poco più di 2 dalla morte di mia madre, quindi è stato un periodo di tempo decente e non un lungo periodo di tempo. Sono in un luogo in cui voglio condividere la mia storia, sia che si tratti di uno contro uno, di un gruppo o attraverso la scrittura. Questo non è qualcosa che avrei potuto fare all'inizio perché era così doloroso e stavo ancora elaborando tutto. Ora scopro che condividere la mia storia mi ha davvero aiutato a far fronte e ad essere in grado di aiutare gli altri.

Ho fatto uno sforzo per incorporare le persone che si sono perse nella mia vita quotidiana. Ho acquistato ornamenti in loro onore per il mio albero di Natale, ho incorniciato loro foto per la mia casa, acquisto regolarmente fiori in onore di mia madre, accendo candele e preparo il loro cibo preferito durante le vacanze o in qualsiasi altro momento. Sto pensando di farmi un tatuaggio in onore di mia madre in modo che sia sempre simbolicamente lì con me. È stato rassicurante per me incorporarli nella mia vita quotidiana. Alcune altre idee a cui ho pensato sono, piantare un albero o una pianta per la persona, puoi mettere loro un posto a tavola, puoi comprare o creare qualche tipo di arte che possa essere in suo onore, puoi comprare o fare una sciarpa o qualcosa da indossare che li simbolizzi. 

Voglio che ricordi che il suicidio della persona amata non è colpa tua. Non sei il solo a perdere qualcuno per suicidio.

Per favore, abbi cura di te e ricorda che ci sono risorse per aiutarti a farcela. Sii gentile e gentile con te stesso.

Altre risorse sul suicidio degli adottati

Affrontare il suicidio dell'adottato
Pagina commemorativa dell'ICAV
Giornata della memoria degli adottati
È una settimana nera per gli adottati in Europa

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%