Tanta perdita nell'adozione

di Maars, portato dalle Filippine al Canada. Puoi seguire Maars @BlackSheepMaars

Ho ricercato le mie radici negli ultimi 3,5 anni. Quando ho iniziato questo viaggio per la prima volta, non avevo altro che scarabocchiato ricordi di momenti che fornivano luoghi e nomi. Principalmente da cose che ho sentito crescere quando la mia famiglia parlava di me e del mio ingresso nella loro famiglia. C'erano molte informazioni non confermate e la maggior parte sono supposizioni e persino inventate.

Mi sono seduto sul divano e ho scritto ogni briciolo di memoria nel mio cervello di ciò che è stato detto, ciò che è stato menzionato, ciò che è stato spettegolato, ciò che mi è stato urlato.

Non avevo informazioni reali per iniziare questo viaggio, e anche quando chiedevo informazioni e chiamavo in giro per fare domande. Nessuno era particolarmente desideroso di dire qualcosa. Sembrava un segreto che non dovevo scoprire. Ma sono andato avanti comunque, e il primo anno mi ha tolto molto, anche scambiando una donna in America per mia madre naturale.

Non avevo aspettative tangibili, direzioni o idea di dove sarebbe finito questo viaggio. Tuttavia, dopo aver trovato la mia madre naturale, avevo un solo obiettivo. Per mettere insieme la nostra piccola famiglia, per guarire il cuore spezzato di mia madre naturale per aver dovuto rinunciare ai suoi primi due figli.

Volevo trovare il mio fratello pieno biologico, in modo che almeno potesse guarire dalla sua colpa e dalla sua vergogna prima di lasciare questa vita. Ma non potevo farlo. Ero troppo tardi, non l'ho trovato fino a 5 mesi dopo la sua morte.

Crescere come figlio unico, crescere sentendomi solo al mondo, estraneo alla mia stessa specie, alle mie radici, alla mia eredità, alla mia tradizione ancestrale – tutto ciò di cui sono fatto, mi sarebbe rimasta una sola persona su questo pianeta, quella condivide le mie stesse ferite per via dell'adozione. Eppure, il trauma dell'adozione nelle nostre vite alla fine ci porterebbe a separarci di nuovo, per la seconda volta.

C'È TANTA PERDITA IN ADOZIONE!

Cerco ancora di lavorare attraverso il mio lato paterno, sperando in qualcosa, indizi, ma l'inevitabile è cercare qualcuno/qualcosa che non sapevi nemmeno esistesse, è un'impresa da esplorare.

#adoptee #adopted #adoption #reunion #searching #familyresearch #biologyresearch #ancetry #mystory #myviaggio #mysearch #biologymatters #findingmyroots #brokenbranch

Le complessità dell'adozione

di 백현숙 (Baek Hyun Sook) adottato dalla Corea del Sud al Belgio.

Io e i miei fratelli

11 gennaio 1984

Eravamo lì, 38 anni fa! 3 piccoli coreani con uno zaino – dove è stata lanciata la prima pietra, senza ancora rendersi conto che lo zaino sarebbe stato pieno di molte domande, insicurezze e un pasticcio di sentimenti!

Ogni anno di nuovo, intorno al periodo dell'11 gennaio, sono sopraffatta da molte emozioni.

Sto cercando di sentire cosa provavano le mie sorelle allora, come si sentivano gli altri compagni di lutto. A 1 anno non ricordo nulla di tutto questo. Ma posso immaginare quanto questo debba essere stato terrificante e traumatico per gli altri adottati che erano più grandi.

Ma troppo spesso l'adozione è considerata una cosa bella, una felicità, nuove opportunità. E troppo spesso si dimentica cosa questo significhi per gli stessi adottati. Per me, questa è diventata una lunga e difficile ricerca del perché? Chi sono? E ha gravemente danneggiato la mia autostima e fiducia. Posso dire che questo ha avuto un impatto su tutta la mia vita.

Trovare i miei genitori coreani 5 anni fa non ha cambiato nulla. Imparare che i miei genitori non sapevano nulla della nostra adozione e dell'impatto che ha su di loro per il resto della loro vita, mi dà una sensazione ancora più irrequieta. Non solo in termini di storia dell'adozione, ma anche in termini di molti miei coetanei che stanno ancora cercando. La consapevolezza che molti dei miei compagni adottati avevano una storia simile. Rendendoci conto che spesso abbiamo un inizio non così kosher verso l'adozione. Tuttavia, sono anche felice e grata di aver avuto l'opportunità di crescere con le mie 2 sorelle che sono il mio sostegno!

Comprato e venduto, questa è adozione!

di Lina Vanegas adottato dalla Colombia negli Stati Uniti. Puoi seguire Lina su Instagram @linaleadswithlove o su Twitter @LinaLeadsWLove

Quando si parla di adozione è importante essere onesti e trasparenti ed evitare di ricoprire di zucchero le cose o inserire positività tossica o propaganda di adozione.

La realtà è che molte persone non capiscono veramente l'adozione, cosa comporta, cos'è e gli impatti, il trauma, il dolore e la perdita.

Per scomporlo, sono stato comprato e venduto nel 1976. Ho perso tutto e la mia identità è stata cancellata. Questo è straziante e devastante per me. È difficile avvolgerci la testa. Sinceramente non riesco a capire come sia potuto succedere. La cosa tragica è che io sono uno dei milioni. Sì MILIONI DI S. Ci sono circa 7 milioni di adottati e sfollati e il numero è in crescita. 2 milioni di noi sono adottati all'estero.

Ho appena visto un commento su Facebook ieri sera che elogiava un genitore adottivo bianco per aver condiviso una storia adottiva positiva e hanno anche affermato che abbiamo bisogno di storie di adozione più positive. Se quello che vuoi è positivo, allora l'adozione non è l'argomento da equiparare ad esso. C'è sempre trauma, dolore e perdita con l'adozione, indipendentemente dalle circostanze. Questo è un dato e una garanzia. Quando parliamo di adozione, dobbiamo essere onesti su ciò che comporta. Non è bello, una favola, arcobaleni, confettini e unicorni.

Sono stato comprato e venduto nel 1976. Questa è la mia esperienza vissuta.

Puoi leggere gli altri articoli di Lina condivisi qui su ICAV:
Demistificare la stigmatizzazione di Adoptee Suicide

Adozioni e suicidio a Natale e Capodanno

Natale e Capodanno sono un periodo in cui di solito ci riuniamo come famiglie, festeggiamo e ci ritroviamo. Per alcuni adottati, questo è un periodo dell'anno particolarmente difficile perché non tutti siamo strettamente legati alle nostre famiglie (di nascita o di adozione). Spesso è questo periodo dell'anno che può essere il più difficile perché fa emergere sentimenti dolorosi di non essere strettamente collegati .. a nessuno. Può ricordarci come non "ci adattiamo", come siamo per sempre negli spazi intermedi, o quanto poco siamo capiti dalle stesse persone che ci hanno cresciuto o ci hanno fatto nascere.

Lutto per il figlio del passato di Dan R Moen (adottato filippino)

L'adozione si basa fortemente sulla perdita: la perdita delle nostre origini, la perdita di sapere da chi veniamo e perché, la perdita della nostra cultura e delle tradizioni a cui siamo nati, la perdita delle nostre famiglie allargate. E l'adozione non sempre sostituisce tutto ciò che abbiamo perso. Anche l'adozione è fortemente basata sul trauma: è il trauma che le nostre generazioni hanno attraversato che spesso ci portano ad essere abbandonati per qualsiasi motivo. Oppure può essere il trauma che ha attraversato il nostro Paese, conseguenza di guerre, carestie, disastri naturali, ecc. Noi adottati portiamo queste perdite e traumi dentro di noi, spesso non siamo consapevoli di portarli, finché non facciamo un tuffo profondo nelle nostre origini e riconnetterci ad alcuni dei nostri sentimenti più primordiali di abbandono e dolore.

In questo periodo di Natale e Capodanno, spero che possiamo essere consapevoli dei nostri compagni adottati per i quali questo può essere un periodo dell'anno particolarmente stimolante. L'anno scorso in Europa il team di adottati che sono terapisti presso AFC sapeva almeno 6 adottati dai loro circoli immediati che si sono suicidati tra Natale e Capodanno. Quest'anno, a livello globale chissà quali saranno i nostri numeri, perché abbiamo anche vissuto un altro anno difficile con COVID-19 e questo ha ulteriormente aumentato il senso di isolamento per molti, adottati o meno.

Ho appena finito di partecipare a due eventi importanti quest'anno per aumentare la consapevolezza della connessione tra l'essere adottati e l'esperienza di sentimenti o azioni suicidari. Il primo è stato un webinar con un'esperienza vissuta in cui abbiamo condiviso apertamente. Puoi vederlo qui:

Il secondo, che ha seguito il nostro primo, è stato un evento su Twitter in cui molti di noi hanno condiviso la nostra esperienza vissuta e i pensieri che puoi leggere qui come riassunto sveglia.

Un enorme ringraziamento all'organizzazione sponsor Sopravvissuti Uniti e madre adottiva internazionale Maureen McCauley a Storie della luce del giorno, che ha organizzato questi 2 eventi incredibilmente potenti e tanto necessari.

Volevo condividere le mie risposte alla domanda 4 che ci chiedeva, per i compagni adottati che stanno lottando, cosa direi? La mia risposta è:

Non sei solo! Molti di noi sono stati in quello spazio, so quanto sia difficile trovare una via d'uscita, ma è possibile. Rivolgiti ai tuoi spazi di supporto tra pari: ce ne sono così tanti. Se hai bisogno di aiuto per trovarli, ICAV ha un elenco di organizzazioni guidate da adottati internazionali Intorno al mondo.

Inoltre, non abbiate paura di cercare di trovare un professionista della salute mentale. Può fare un'enorme differenza essere supportati da qualcuno formato per comprendere la nostra esperienza vissuta. Se hai bisogno di aiuto per trovarli, ICAV ha un elenco globale di supporti post adozione come un ottimo punto di partenza.

L'adozione inizia con i traumi e la maggior parte della nostra vita la passiamo a disfare le valigie e a dare un senso alla nostra vita, chi siamo, come siamo arrivati qui. Ma una volta che ci circondiamo di sostegno e ci impegniamo a lavorare su quelle parti dolorose, la nostra vita può cambiare e POSSIAMO trovare guarigione e connessione.

Inizia con noi stessi, ritrovando la connessione con noi stessi – chi siamo nati per essere, non necessariamente chi siamo adottati per essere.

La nostra vita come adottati non deve essere controllata per sempre dai nostri inizi, ma è così importante non negare e ignorare il dolore, ma offrire al tuo bambino ferito interiore uno spazio in cui il suo dolore può essere ascoltato e dove può iniziare la guarigione.

Il mio messaggio per le famiglie adottive e i professionisti che faticano a capire come/perché gli adottati possono sentirsi suicidi, consiglio vivamente di guardare il nostro serie di video che copre i temi universali che ho osservato, riflessi attraverso le storie che molti adottati hanno condiviso con me negli ultimi 20 anni. È COS importante che gli adottati si sentano ascoltati, convalidati e abbiano lo spazio per condividere dai nostri cuori, senza giudizio o aspettativa.

Parte della visione che ho creato e che ho ancora per ICAV rimane molto vera in questo periodo dell'anno:

Un mondo in cui gli adottati internazionali esistenti non sono isolati o ignorati, ma supportati dalla comunità, dal governo, dalle organizzazioni e dalla famiglia durante l'intero percorso di adozione.

Tossicità e dolore

di Dan R Moen, adottato dalle Filippine negli USA.

La terza parte di questa serie si concentra sulla tossicità e sul suo impatto con il dolore. Le forme nere a forma di vite rappresentano la tossicità e il modo in cui si manifesta dentro e intorno a tutti noi. È raffigurato come una bestia incontrollabile e ha completamente inghiottito un individuo. Cresce e prospera quando il dolore non viene affrontato, le risorse per la guarigione non sono disponibili o utilizzate e quando si ha voglia di arrendersi. La creatura simile a una vite si avvolge attorno all'altro gentiluomo e sta cercando di tirarlo giù insieme all'altra persona. Sta cercando disperatamente di afferrare il frutto appeso, che rappresenta la speranza. Liberamente ispirato alla mitologia di Tantalo, è appena fuori dalla portata del frutto, ma la tossicità lo sta allontanando. Intrecciati nelle viti ci sono vari fattori di stress che danno alla creatura simile a una vite il suo potere. Frasi come Covid-19, Trump, violenza armata, Biden, divorzio e altre frasi alimentano questa creatura e, quando non vengono affrontate, le permettono di diventare più forte.

A sinistra, il braccio rappresenta il suicidio; raffigurante come tutti questi fattori di stress possono manifestarsi nella tossicità della creatura simile a una liana e come ora gli sono cresciuti i barbi. Avvolgendosi attorno al braccio del gentiluomo, taglia in profondità e crea un dolore ultraterreno. Il sangue gocciola e alimenta i fattori di stress sul terreno, accendendo ancora una volta il ciclo e il potere della creatura simile alla vite.

Dai un'occhiata agli altri due dipinti di Dan all'interno di questa serie Il lutto per il figlio del passato e La mia prospettiva è importante?

Per saperne di più su Dan e sul suo lavoro, dai un'occhiata al suo sito web.

La mia prospettiva è importante?

di Dan R Moen, adottato dalle Filippine negli Stati Uniti. Questo è il secondo di un'opera d'arte in 3 parti di Dan che esplora l'essere adottati.

La mia prospettiva è importante?

Una delle cose chiave che mi ha aperto gli occhi è capire cosa è appropriato dire a qualcuno che sta soffrendo o sta soffrendo.

Non siamo riusciti a capirci e a utilizzare gli strumenti per coltivare la vera empatia, non la simpatia. Sfortunatamente, a causa di ciò, conversazioni difficili possono causare alienazione, vittimizzazione o gaslighting nell'individuo. Spesso vogliamo dare consigli o prospettive esterne, ma spesso è ingiustificato quando la persona sta attraversando il dolore in questo momento. Ciò è in gran parte dovuto al fatto che ci è stato insegnato che dare consigli equivale ad aiutare. Gli umani hanno un istinto naturale di voler riparare; l'idea che tutto ciò che non si adatta allo standard deve essere riparato e riparato rapidamente.

Tutto ciò che fa è alienare la persona e farle domandare se ha il diritto di provare emozioni umane. Senza farlo consapevolmente, questo può facilmente sembrare egoistico e si possono proiettare i propri modi di affrontare la vita aspettandosi che la persona in lutto soddisfi lo stesso standard, anche con le migliori intenzioni a cuore.

La chiave per aiutare davvero qualcuno che sta attraversando un lutto o dei problemi è ascoltare davvero e convalidare, convalidare, convalidare. Detto questo, quello sì non significa necessariamente d'accordo con la persona, ma è umanizzare la persona e permetterle di avere un posto dove piangere, sentire e vivere le emozioni necessarie per la crescita.

Sii consapevole di ciò che dici alle persone quando sembrano sopraffatte, affrontano l'ansia o attraversano una perdita. Devo ricordarmelo tutto il tempo. Scivolo anche io. Quello che dici loro può avere un profondo impatto positivo o, sfortunatamente, negativo. Non farlo su te stesso, e soprattutto…. NON dire loro come sentirsi. A volte, rimanere in silenzio, ma essere un ascoltatore attivo, aiuta enormemente l'altra persona e frasi come "grazie per la condivisione. Mi dispiace che tu stia attraversando questo. Per favore fammi sapere se c'è qualcosa che posso fare per aiutarli" li aiuterà e darà loro la sensazione che possono andare da te per il supporto.

Questi sono i motivi per cui noi adottati abbiamo, su una scala molto più ampia, così tanti problemi di salute mentale che purtroppo non vengono diagnosticati, non trattati e invalidati. Quando vediamo che accadono crimini c'è qualcosa di più profondo che non vediamo. I crimini nella società, dal furto all'omicidio, sono sintomi di bisogni più profondi e complessi dell'umanità.

Tieni a mente più cicatrici sono invisibili di quante siano visibili, questo significa che non sai cosa sta passando la persona. Potrebbe esserci molto di più dalla loro storia e dall'esperienza vissuta che potresti non sperimentare mai. Ciò a cui assistiamo quando qualcuno è in lutto può essere radicato in qualcosa di molto più profondo e storico nella propria esperienza vissuta. Allora perché dovremmo confrontare le nostre vite l'una con l'altra? La vita non è una corsa verso il basso, né una corsa verso l'alto. Dobbiamo essere in grado di essere come oggetti di vetro. I bicchieri da vino contengono ciò che possono contenere, i bicchieri da shot contengono ciò che possono contenere e le ciotole da punch possono contenere ciò che possono contenere. Non si può versare la stessa quantità di liquido da una ciotola di punch in un bicchierino; traboccherà. Tuttavia, le persone non sono statiche, possono sopportare la quantità di stress che può contenere un bicchierino e spostarsi lentamente fino a un punchbowl, e poi di nuovo giù.

Di recente ho avuto una conversazione con un mio meraviglioso amico che è indigeno, sulla comunità dei nativi americani e su come pensano di dare consigli:

Gli anziani non danno consigli o prospettive in ogni situazione in cui hanno l'opportunità. Capiscono invece che un giovane vivrà un'esperienza vissuta diversa da un anziano e per avere consigli bisogna scambiarsi fascine di tabacco. Il tabacco è sacro in molte tradizioni e culture dei nativi americani in quanto è una medicina usata per le preghiere, la comunicazione e i messaggi al mondo degli spiriti. Gli anziani daranno fascine di tabacco ai giovani se hanno bisogno di consigli e i giovani daranno tabacco agli anziani se hanno bisogno di consigli. Questo è visto come un dono di offerta. Lo ammiro assolutamente e vorrei che le persone mettessero in pratica questo concetto molto di più: anche in terapia ci sono codici di condotta sul dare consigli ingiustificati. Quando la frase "Cosa ne pensi? Cosa faresti? Hai un consiglio?" è pronunciato, questo è l'invito. Se chiedi: "Posso offrire una prospettiva, un consiglio?" e non lo vogliono. Non darlo. Lascia che la persona in lutto SIA UMANA.

Per la prima opera d'arte di Dan in questa serie, vedi Il lutto per il figlio del passato.
Per ulteriori informazioni su Dan, visita il suo sito web.

Il lutto per il figlio del passato

A novembre 2021, mi è stato chiesto dal Dipartimento australiano dei servizi sociali, per reperire opere d'arte di adottati all'estero che si adattassero alle loro opere d'arte per una revisione della letteratura che hanno finanziato rivedendo la ricerca disponibile su Adoption and Suicide.

L'ICAV ha contattato vari artisti adottati noti per il loro lavoro da ICAV e ha chiesto se desideravano presentare dei pezzi. Dan, un filippino adottato negli Stati Uniti, solo poche settimane prima si era unito alla rete ICAV e avevo visto le sue opere d'arte come parte della sua conoscenza. La sua opera d'arte mi ha sbalordito per la sua profondità e intensità. Quindi gli ho chiesto di condividerlo con tutti voi qui. L'opera d'arte è un mezzo così potente per ritrarre l'esperienza vissuta dell'adottato! Spero che ti piacciano i prossimi 3 blog in cui condividiamo l'incredibile talento di Dan, la sua opera d'arte e il significato dietro ogni pezzo. Ti presenta la sua serie in 3 parti, tutte relative all'essere un adottato internazionale filippino.

di Dan R Moen, adottato dalle Filippine negli USA.

Il lutto per il figlio del passato

Questo rappresenta sia il mio presente che il mio passato che attraversano simultaneamente un tumulto emotivo. Il bambino è suggerito di essere nudo in rappresentazione di essere completamente vulnerabile. Con entrambe le braccia che circondano la forma adulta di se stesso, il bambino non desidera altro che essere amato, protetto e... non sentirti orfano—un vero senso di appartenenza.

L'adulto, tuttavia, rappresenta il mio attuale io adulto. L'abbigliamento del vecchio mondo/Vittoriano/Edoardiano rappresenta una connessione con la storia; l'amore per lo studio e l'apprendimento dai nostri antenati e la passione per coloro che sono venuti prima, ignorando completamente il bambino nel presente. Il gilet rosso rappresenta l'amore ma è coperto e non svelato dalla redingote parzialmente chiusa. Sta distogliendo lo sguardo dal bambino suggerendo che c'è una disconnessione. Sta guardando verso l'oscurità sapendo che il mondo non è tutto splendente e glorioso. Anche lui è in lutto, ma non si connette completamente al bambino. Un braccio è avvolto attorno al bambino suggerendo che c'è una piccola connessione con il suo io passato, ma l'altra mano è completamente in tasca a suggerire che c'è un senso di distacco, inclusa la dissonanza cognitiva, il bisogno di crescere e andare avanti. Sta mostrando il tumulto interiore di accettare l'idea di "questa è solo la vita" - mentre, allo stesso tempo, non si concede il permesso di piangere completamente con il figlio passato.

Intorno a loro ci sono diversi colori che suggeriscono fuoco di significati. I verdi scuri rappresentano le foreste che ho visitato per tutto il 2020 e tutti i luoghi segreti in cui mi piace andare per guarire. Molti di questi luoghi erano fuori dai percorsi naturalistici e, per visitarli, avrebbero dovuto camminare in profondità nei boschi per trovare questi luoghi.

Il rosso rappresenta il sangue di chi è morto per mano della cattiva politica, della politica, del razzismo, dell'ignoranza e del Covid-19. Così come il bianco, che rappresenta gli innumerevoli spiriti e anime che sono passati nell'aldilà.

Il giallo rappresenta il fuoco con il caos e il cambiamento. Ci sono accenni di vernice metallizzata dorata che suggeriscono l'idea che ci sia guarigione all'interno del caos, ma dipende dalle prospettive individuali. Questo è rappresentato fisicamente dallo spettatore poiché l'angolo con cui stai guardando il dipinto determina la visibilità della vernice metallica. Quindi, quando più persone guardano il dipinto contemporaneamente, alcune vedranno la vernice metallica mentre altre non la vedranno, questo è il punto.

Molti di noi, da adulti, a volte dimenticano che le emozioni crude che proviamo sono umane, semplicemente umane. Non è necessaria alcuna logica nel momento del dolore. Molte delle nostre paure, dolori e profondi tumulti interiori provengono dal nostro passato e, a volte, piangiamo la nostra infanzia, poiché non ci siamo dati il permesso di addolorarci completamente e provare queste emozioni crude. Dobbiamo darci quel permesso; qualsiasi consiglio da altri o opinioni da altri non saranno soddisfatte se non ci permettiamo di senti prima e convalidare come sentirsi internamente.

Anche tu sei importante. Sei #1 nella vita; dalla nascita al prossimo mondo – impara a vivere insieme a te stesso, non da solo.

Prossimamente, la seconda opera d'arte di Dan La mia prospettiva è importante? nella sua serie in 3 parti.

Per saperne di più su Dan e sul suo lavoro, dai un'occhiata al suo sito web.

Rinuncia, adozione e dolore

di Bina Mirjam de Boer adottato dall'India ai Paesi Bassi, condiviso per il mese di sensibilizzazione sull'adozione di novembre a Bina Coaching.

Nel momento in cui gli adottati sperimentano di aver perso una parte di sé a causa della rinuncia e/o dell'adozione, entrano improvvisamente in un processo di lutto. Una sorta di lutto che loro stessi, ma anche l'ambiente circostante, spesso non riescono a comprendere o contenere.

Un evento speciale come una gravidanza, la nascita di un (nipote) o un matrimonio può improvvisamente perdere colore o brillare. Una morte, la perdita del lavoro o un trasloco possono diventare improvvisamente l'evento più drammatico e prevalente nella vita di un adottato.

Viene innescata la precedente perdita che fino a quel momento era assopita nell'inconscio. Improvvisamente l'inconscio si risveglia nel conscio e ributta l'adottato nel precedente trauma della perdita con il corrispondente cambiamento comportamentale. Le emozioni che ne derivano sembrano assorbire tutto, le strutture ei controlli scompaiono e il caos prevale.

Spesso gli adottati che in precedenza si consideravano “fortunatamente adottati” sentono improvvisamente il vuoto e cercano di riempirlo cercando se stessi, la propria identità e/o la propria madre. Ma il vuoto, la tristezza e la paura non si dissolvono durante questa ricerca o nella riunificazione. Rimane spesso la storia, i segreti, il senso di colpa e la vergogna tra entrambi.

A causa del fatto che questa forma di perdita e lutto non è riconosciuta nella nostra società, le persone adottate non hanno la possibilità (es. periodo di congedo) di piangere, dare un senso alla loro perdita o vivere un rituale di addio come un funerale dei loro genitori adottivi . E spesso non hanno ricordi dei loro primogeniti con cui consolarsi. Per questo spesso rimarrà una storia infinita e la ferita rimarrà aperta.

Una separazione tra madre e figlio provoca una perdita permanente, che portiamo nel nostro corpo fino alla fine della nostra vita e viene trasferita anche alle generazioni successive.

Ecco perché è importante aumentare la consapevolezza per la perdita e il trauma durante la rinuncia e l'adozione e l'impatto della mancanza dei dati sui nostri discendenti. Gli adottati dovrebbero avere tanto diritto al sostegno nel loro processo di lutto quanto quelli non adottati.

Per saperne di più su Bina, leggi i suoi altri blog ICAV:
Immagina di perdere i tuoi genitori due volte!
Dimentica il tuo passato

Un'immagine trasmette mille emozioni

di Sara Jones/Yoon Hyun Kyung, adottato dalla Corea del Sud negli Stati Uniti.

Non ho foto di me stesso prima dei 3 anni. Ho alcune foto dopo quell'età scattate all'orfanotrofio. I membri dello staff hanno scattato foto dei bambini da inviare a sponsor o potenziali genitori adottivi. In una delle foto indosso un hanbok coreano ma non sorrido in nessuna delle foto dell'orfanotrofio.

Una delle foto del mio orfanotrofio

Qualche mese fa mi sono imbattuta in una foto (non mia) che mi ha fatto letteralmente sentire come se fossi tornato indietro nel tempo. La foto è stata scattata nel 1954 in un pozzo. Il pozzo ha pareti alte in cemento e un sistema di carrucole. Fusti di metallo arrugginito si trovano nelle vicinanze. Due ragazzini stanno attingendo acqua mentre una bambina è in piedi vicino a loro. La foto del 1954 mi ha aiutato a visualizzare come sarebbe stata la mia vita a Jeonju, in Corea del Sud. 

Ecco cosa vedo quando ho guardato quella foto del 1954: vedo un fratello maggiore, di circa 8 anni, un fratello minore di quasi 6 anni, e la loro sorellina di 2 anni. Sono poveri, ma in realtà non sanno niente di diverso. Vivono con la nonna e il padre in un villaggio rurale della Corea del Sud. Il loro padre è il maggiore di molti figli e alcune delle loro zie e zii sono ancora piuttosto giovani. Stanno tutti lottando per la crisi economica che si è verificata nel loro paese. Il loro padre ha lavorato nel lavoro manuale ed è stato ferito. Così i ragazzi aiutano il padre e vegliano sulla sorellina. La sorellina è abituata a stare vicino ai suoi fratelli. A volte i bambini vanno all'asilo ei ragazzi rubano alla sorellina degli snack extra di mais. I suoi fratelli sono i suoi protettori.

I bambini non sanno che il padre sta prendendo una decisione straziante. Il padre non può più provvedere a loro e pensa che la sua unica scelta sia mandarli al centro di assistenza per i bambini. La bambina non ha idea che sarà separata da suo padre e nemmeno dai suoi fratelli. I bambini inoltre non sanno che presto il padre li porterà a un pozzo e farà loro un tatuaggio sul braccio, usando ago, inchiostro e filo. È preoccupato che non vedrà mai più i suoi figli. Nella foto del 1954, i bambini sono solo fratelli, inviati al pozzo per l'acqua del giorno.

I bambini potrebbero essersi chiesti perché il padre li stesse portando al pozzo il giorno in cui ha fatto loro i tatuaggi. Il figlio maggiore piange mentre suo padre gli fa il tatuaggio. Mentre il padre fa il tatuaggio al figlio maggiore, gli dice: "Tornerò per te". Prima che il padre dia alla sua piccola figlia il suo tatuaggio, l'abbracciò.

Sono passati 3 lunghi anni da quando ho incontrato la mia famiglia natale coreana. La distanza dagli Stati Uniti alla Corea del Sud sembra più lunga e più difficile con la pandemia. La barriera linguistica mi pesa costantemente. Come potrò mai comunicare con loro?  

Alcune cose non hanno bisogno di parole. Come questo momento 3 anni fa della mia famiglia coreana e io al pozzo di Jeonju, dove mio padre ci ha fatto i nostri tatuaggi. Guarda il video qui.

Per ascoltare di più sulla condivisione di Sara, guarda il suo discorso su Ted qui che ha oltre 2 milioni di visualizzazioni
Leggi l'altro post ICAV di Sara La favola dell'adozione

Integrazione delle parti in adozione

di Bina Mirjam de Boer, adottato dall'India ai Paesi Bassi, allenatore di adozione presso Bina Coaching. Bina ha scritto questo e lo ha condiviso originariamente su Bina Coaching.

“Un adolescente adottato una volta mi ha detto: “Sento che ci sono due me adolescenti. L'io che è nato ma non è vissuto. E il me che non sono nato, ma ho vissuto la vita che ho oggi". Senza capire stava esprimendo la scissione nel sé che tanti adottati fanno per sopravvivere...”. – Betty Jean Lifton, scrittrice, adottata e sostenitrice della riforma dell'adozione.

Molti adottati si rendono conto ad un certo punto della loro vita che chi sono nel presente non è la stessa persona che erano in passato. Spesso gli adottati non sono stati in grado di costruirsi un'identità o di continuare a vivere prima di essere separati.

A causa della rinuncia, la maggior parte degli adottati si divide in parti e vive in questo modo per sopravvivere. Per poterlo fare, si alienano dal loro sé originale e lasciano il loro corpo. Inoltre, la loro identità originale è stata persa o cancellata dall'adozione.

Questo fa sì che gli adottati provino una sensazione di vuoto intenso o addirittura un bisogno di morte. Si rendono conto che il sé originale che è nato non è vissuto e che l'attuale parte di sopravvivenza che non è nata, sta vivendo la loro vita. Sopravvivono invece di vivere.

Questa coscienza apre il processo di lutto che è sempre stato presente in loro ma che non ha mai avuto un posto.

Il dolore nascosto diventa liquido e guardando questa tristezza, finalmente rivela il sé originale.

Olandese originale

Veel geadopteerden worden zich open een gegeven moment in hun leven bewust dat wie ze in het heden zijn niet dezelfde persoon is anche degene die ze in het verleden waren. Vaak hebben geadopteerden geen identiteit op kunnen bouwen of kunnen doorleven voordat zij zijn afgestaan.

Door afstand zijn de meeste geadopteerden opgesplitst in delen en leven zij vanuit hun overlevingsdeel. Omdit te kunnen doen zijn ze vervreemd van hun oorspronkelijke zelf en hebben zij hun lichaam verlaten. Daarnaast è la porta d'adozione hun oorspronkelijke identiteit verloren gegaan di uitgewist.

Dit maakt dat geadopteerden een gevoel van intense leegte of zelfs een drang naar de dood ervaren. Zij worden zich bewust dat het oorspronkelijke zelf dat geboren is niet heeft geleefd en dat het huidige (overlevings) deel dat niet is geboren is hun leven left. Zij overleven in plaats van leven.

Dit bewustzijn brengt het rouwproces opgang dat altijd al in hun aanwezig was maar nooit een plek mocht hebben.

Het gestolde verdriet wordt vloeibaar en door dit verdriet aan te kijken wordt het oorspronkelijke zelf eindelijk zichtbaar.

Per leggere alcuni degli altri post di Bina:
Bilanciare amore e perdita
Dimentica il tuo passato
Immagina di perdere i tuoi genitori due volte

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%