Venduto tramite adozione al mercato nero zingaro in Grecia

di Roula Maria rubato alla Grecia e adottato da una famiglia australiana.

Sorelle gemelle, separate dall'adozione del mercato nero in Grecia.

Mi chiamo Roula e sono nata in Grecia con la mia gemella e venduta separatamente al mercato nero nel luglio 1981. Ho appena trovato la mia gemella negli ultimi anni e spero di incontrarla di persona una volta che il COVID si sarà calmato. Questa è la mia storia.

Dei miei genitori

Dopo essere emigrati dalla Grecia nei primi anni '60, si stabilirono in una piccola cittadina di campagna fuori Adelaide, nell'Australia meridionale. C'erano anche altri immigrati che sono andati nella stessa città dopo essere venuti dalla Grecia.

I miei genitori non sono riusciti ad avere figli dopo molti tentativi e alla fine hanno deciso di farsi conoscere da una famiglia che aveva adottato una bambina dalla Grecia. Si scopre che la famiglia non ha effettivamente adottato la bambina, ma l'ha acquistata da un medico che produceva e vendeva bambini zingari in un istituto nel cuore di Atene. Hanno dato a mia madre i recapiti dell'ostetrica in Grecia.

I miei genitori si sono messi in contatto con l'ostetrica in Grecia e hanno fissato un appuntamento per recarsi in Grecia per parlare con il medico. Una volta arrivati, ha detto loro che c'erano molti bambini disponibili ma che avrebbero dovuto aspettare. Accettarono e tornarono in Australia.

Circa 6 mesi dopo, il telefono squillò con buone notizie e si recarono in Grecia entro la settimana. La richiesta di mia madre era che voleva una ragazza ma a quel tempo non c'erano ragazze disponibili, quindi sono rimaste in Grecia finché non ce n'era una. Indossava anche un cuscino sotto la pancia per mostrare che era incinta - le lunghezze a cui arrivavano i miei genitori erano fenomenali.

Poi sono arrivato io.

La mia adozione

Mio padre è andato nella città di Corinto per firmare i documenti. Sul mio atto di nascita c'era mia madre che mi ha comprato come mia madre naturale, quindi le autorità non avrebbero raccolto i documenti falsificati, poi mio padre è tornato all'ospedale in Grecia e mi è stato dato a lui. Nel 1981 pagavano $6000 euro, l'equivalente di circa $200.000 dollari australiani di allora.

Rimasero in Grecia per circa 40 giorni poiché la cultura afferma che un bambino deve essere benedetto intorno al suo 40° giorno di nascita. Mi hanno portato all'ambasciata australiana e mi hanno registrato come cittadino australiano sotto l'autorità dei genitori.

Poi la paura di essere scoperti giocò nelle loro menti. Sapevano dal momento dell'aeroporto fino al momento in cui l'aereo è decollato che erano in grave pericolo di essere scoperti. Una volta a bordo e l'aereo preso in volo, mia madre respirò per la prima volta.

Sono stato trasportato in Australia il 24 agosto 1981.

Sono cresciuto con due lati. Ero la bambina felice che amava la vita e tutto ciò che contiene, ma ero anche la bambina traumatizzata da intensi abusi sessuali e vittima di violenza domestica. La mia infanzia è stata piena di tristezza e anche di momenti felici in famiglia, è stato come se vivessi in una distorsione temporale tra due mondi, quello reale e quello nascosto.

Anche i bambini greci con cui sono cresciuto mi prendevano in giro per l'adozione e quando ho affrontato mia madre, ha negato tutte le accuse. Era una parte della mia vita quotidiana crescere con mia madre che non era sincera su tutto. Non è stato fino alla mia adolescenza che un cugino mi ha confermato la verità in uno stato di rabbia, poiché i comportamenti che stavo mostrando erano i comportamenti di un sopravvissuto agli abusi.

Nessuno conosceva il tumulto e il dolore che stavo affrontando mentre le tipiche famiglie greche non discutono i problemi e gli viene insegnato a reprimerli e non ne hanno mai parlato, specialmente con la generazione più anziana.

Non è stato fino al settimo anno della scuola elementare che ho finalmente parlato della mia vita, ma anche allora è stata ignorata e ignorata.

La mia famiglia ha venduto la sua terra e mi ha trasferito ad Adelaide pensando che mi avrebbe aiutato ad andare avanti con la mia vita, ma da quello che mi dicono psicologi e consulenti, correre non è un'opzione. I miei genitori pensavano che stessero facendo la cosa giusta, ma mi ha portato a un'adolescenza distruttiva piena di droghe, senzatetto, violenza, carceri e istituzioni.

Se solo le persone fossero state in grado di aiutarmi, ma a quel punto ero stato ferito e mi avevano mentito, troppe volte per volere l'aiuto di qualcuno.

All'età di 15 anni nel 1996, ho iniziato la mia ricerca, senzatetto e in biblioteca cercando di trovare informazioni su adozione del mercato nero dalla Grecia. Mi sono imbattuto in centinaia di articoli sulla vendita di bambini all'interno della comunità zingara in Grecia. Sono rimasto scioccato e incuriosito dalle informazioni disponibili. Ho pubblicato post nei forum affermando che stavo cercando mia madre naturale. Non avevo idea di cosa stessi scrivendo, ma ho provato di tutto.

Per qualche ragione, anche se sapevo di essere sulla strada giusta, qualcosa dentro di me sapeva cosa stavo facendo e dove stavo cercando era reale e mi portava al posto a cui appartenevo.

Dopo anni di traumi dovuti alla vita per strada e all'essere completamente tossicodipendente, nel 2003 sono andata in riabilitazione. Mi sono pulito e la mia vita ha iniziato a migliorare. Avevo ancora dei comportamenti molto dannosi, ma nel 2010 sono tornata in quel piccolo paese di campagna e ho trovato un grande psicologo che è ancora oggi una parte importante del mio percorso di guarigione.

Ho finito per sposare un uomo di quella città e ci siamo trasferiti per motivi di lavoro, poi nel 2015 ho avuto un figlio attraverso la fecondazione in vitro. Mio figlio ha avuto un'infanzia fantastica, ma ha anche avuto alcune sfide nella vita. Rispetto a quello che ho avuto, sono grato di essere riuscito a cambiare gli errori che molte famiglie greche hanno oggi e che comunichiamo!

Perché condivido la mia storia?

Condivido la mia storia perché ho partecipato alle prime fasi di Progetto di risorse video dell'ICAV e volevo contribuire.

Essere un prodotto dell'adozione e della vendita al mercato nero di bambini non è una vita facile. Noi bambini veniamo da ambienti diversi con malattie genetiche e sistemi sanitari familiari. Questi devono essere affrontati e non mi piaceva dover dire a un medico: "Non lo so, sono stato adottato", ogni volta che mi veniva chiesto quale fosse la mia storia di salute familiare. Sono sicuro che i miei sentimenti su questo devono essere molto comuni tra le persone adottate. Quando un medico sa che non sei il prodotto biologico della famiglia in cui ti trovi, all'adottato dovrebbero essere assegnati più esami, più cartelle cliniche e più informazioni, per aiutarlo a trovare le risposte sanitarie che meritiamo.

Se non fosse stato per la tecnologia del test del DNA, non avrei conosciuto la mia eredità o la mia cartella clinica. Sono così felice di poter ora andare dai dottori e dire che porto geneticamente questo, questo, questo e questo. È estremamente potente.

Con gli insegnanti e i consulenti scolastici, credo che i genitori adottivi debbano assumersi la responsabilità di garantire che le informazioni vengano fornite alla scuola, rivelando che il loro bambino è adottato. Non ci dovrebbero essere giudizi o ripercussioni in alcun modo quando i genitori lo rivelano. Gli insegnanti devono anche essere consapevoli che il bambino potrebbe trovarsi di fronte o sentirsi vuoto per non conoscere la propria identità né per capire perché potrebbe sentirsi in questo modo.

In questi giorni nelle scuole ci sono cliniche di mindfulness, discorsi sull'autostima, giornate antibullismo e corsi di benessere e hanno un curriculum diverso rispetto a quello che avevo negli anni '80. L'aggiunta di una casella per identificare al momento dell'iscrizione se adottati o meno, dovrebbe iniziare dalla cura della prima infanzia, fino all'università. Tutte le iscrizioni dovrebbero chiederci di identificare se siamo adottati o meno. Se lo studente non lo sa, i genitori dovrebbero essere informati con discrezione mantenendo la riservatezza, poiché alcuni genitori hanno scelto di aspettare che il loro bambino sia abbastanza grande per essere informato.

Suggerisco risorse di supporto come i social media, saltando nei forum online in cui altri adottati condividono la stessa voce. Gestisco 2 gruppi. Uno si chiama Adottivi nati in Grecia con 450 membri e l'altro si chiama greco venduto bambini zingari con 179 membri. Questo gruppo è per i bambini venduti e per i genitori zingari per aiutarli a ritrovarsi. Usiamo il test del DNA per abbinare i genitori e gli adottati venduti.

Grazie per il tuo tempo e spero che più persone si facciano avanti per le loro adozioni. Parlo per i figli greci nati e venduti della Grecia e so che siamo in migliaia. Qui in Australia ci sono circa 70 persone con cui vorrei entrare in contatto quando sono pronti perché abbiamo genitori zingari che vogliono incontrare i loro figli per la prima volta e hanno dato il permesso di essere trovati.

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%