Il qui e ora

Una delle mie spiagge locali alle Hawaii

È passato un po' di tempo dall'ultima volta che ho scritto su ICAV e sono successe molte cose. Ma sto bene. Adesso vivo in un piccolo monolocale di fronte alla spiaggia. In una città costiera vicino a Honolulu. Dopo un anno scolastico pandemico di insegnamento supplente alle Kamehameha Schools, insegnando fotografia digitale e creando un annuario per l'ottavo anno, ora sono un giudice a tempo pieno presso lo Stato delle Hawaii, aiutando l'arretrato dei sinistri che si è verificato a causa di Covid. È un lavoro condizionato, dovrebbe finire a dicembre, ma c'è la possibilità che venga esteso per altri 6 mesi. Ho dovuto prendere quello che potevo poiché il campo della supplenza ovunque semplicemente non è più stabile.

Sono single da poco anche se non so da quanto tempo ho già incontrato qualcuno che mi fa ridere, il che è fantastico. Di recente ho rotto con la mia ex fidanzata con cui stavo alle Hawaii da circa due anni. È stato bello per me separarmi da lui anche se è difficile, è sempre difficile lasciare andare qualcuno che una volta amavo anche se non mi trattava bene. Penso che sia stata la pandemia e tutte le variabili inaspettate a far emergere modelli comportamentali che non sapeva di avere. Immagino di non poter giustificare il fatto che non mi tratti bene. Dovevo solo andarmene e non parlo più con lui.

La vita è piena dei suoni dell'autostrada, della vista di un oceano scintillante, delle spiagge, di Aloha Aina. Il mio gattino, Pualani, è stato la mia roccia e la corda che mi ha collegato a questa terra come un filippino-americano adottato di 35 anni. Il mio studio è pieno di piante, diario spazzatura, lettere di penna, infradito, beni di prima necessità. Ho alcune pietre e cristalli che mantengono la mia energia radicata, bilanciando il cosmo caotico all'interno.

La vita in questi giorni è stata un capitolo completamente nuovo, lavorare a tempo pieno, sbarcare il lunario alle Hawaii da solo. Ho iniziato a giocare a Dungeons and Dragons il lunedì sera e Fallout 76 con il mio nuovo vicino di casa con cui sono uscito quasi tutti i giorni. Mi ha invitato fuori e mi ha reso produttivo, incontrando persone, esplorando le Hawaii, andando in spiaggia e sostenendo i miei hobby segreti da nerd contemporaneamente. Non posso ringraziarlo abbastanza per essere riuscito a tirarmi fuori dal mio guscio anche solo un po', il che è miracoloso.

A volte mi chiedo dove sia andata a finire la mia vita. A volte mi sento come un tentativo fallito di diventare un adulto normale perché a quest'ora dovrei essere sposato con figli. Avrei dovuto possedere una casa, andare alle riunioni degli insegnanti dei genitori, avrei dovuto trovare un posto a cui appartenere ormai, ma non l'ho fatto. Sopravvivo alle Hawaii con tutti questi libri non scritti dentro di me, in attesa di essere rilasciati. Non ho ancora trovato quel lavoro in cui crescere per il resto dei miei anni a venire, ma lo voglio. È un conflitto costante qui alle Hawaii perché è troppo costoso possedere una casa. Ma è un posto bellissimo che è costantemente in movimento con tutti i giusti tipi di elementi che mi tengono sulle spine ogni giorno. Mi fa provare, tutti i giorni.

La città è impressionante. L'oceano, un mistero costante e compagno delle infinite ricerche della mia anima. La cultura hawaiana è quella che rispetto e con cui mi connetto a un livello intrinseco e non detto. Adoro vivere vicino a un'autostrada dove la biblioteca è raggiungibile a piedi e così anche una spiaggia. Vedo la spiaggia ogni giorno ora, svegliandomi. È magnifico. Dandomi un profondo senso di sollievo ogni giorno.

Alle Hawaii, il mio passato di adottato incombe sempre presente come un mondo di perdita silenzioso e disincantato che vive nel mio cuore, non importa quanto sia bella la giornata. Ma, sempre di più, sento di poter fare i conti con il mio passato qui fuori. In qualche modo, lo sto solo facendo, forse muovendomi attraverso di esso, senza sapere perché o come. In qualche modo, mi sono ritrovato qui, a vivere da solo e a stare bene, nonostante il dolore.

Una risposta a "The Here and Now"

  1. Un altro adottato qui alle Hawaii (Kauai). Adottato coreano-americano. Sono d'accordo con molto di quello che hai scritto sul collegamento alla terra, all'oceano e alla cultura!

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%