Abby Forero-Hilty alla Commissione speciale dell'Aia

di Abby Forero Hilty, adopted from Colombia to the USA; Co-founder of Colombian Raíces; author of Decodificare le nostre origini
Speech for Day 3, Session 1: Introductory Post Adoption Matters Panel

Artwork by Renée S. Gutiérrez, co-author of Decoding Our Origins

Top 3 Areas of Concern based on the Post-Adoption Services Discussion Paper with excerpts in italics.

1. (2.4.2. Raising awareness of post-adoption services)

Points to Consider:

The best way to ensure that adopted people are receiving relevant, targeted, and high-quality post-adoption services is by having trauma- and adoption-informed adult intercountry adoptees working with the adoptee community to compile a list of such services. These adult adoptees would be PAID for their services. Intercountry adoptees, especially those who are trauma- and adoption-informed, are the only true experts in the needs of intercountry adoptees. Their expertise must be recognised, financially compensated, and required in the provision of any and all post-adoption services. We recognise the paucity in the number of trained, licensed, and qualified intercountry adoptee providers and therefore acknowledge that qualified non-intercountry adoptee providers can also be beneficial (with significant trauma- and adoption-informed training).

Recommendations:

  • All post-adoption services should be provided free of charge to the adopted person (and family of birth) throughout their lifetime, recognising that each adopted person is different and that some individuals may request/require support starting early in life, while others might only start on this journey decades after their adoption.
  • Adoptive families should be assigned a trained, trauma and adoption-informed intercountry adoptee who can serve as a single point of contact for the adopted person, to ensure they have confidential access to these services when they need them.
    – The State should ensure that the adopted person knows how to – and is able to – access this person
  • Access to full birth records and identifying information on the adopted person’s mother and father
    – Birth records must be easy and confidential for the adopted person to access at any point in their lifetime
  • Assistance in translating and understanding the birth records and other associated adoption paperwork (as each country is different, this must be country-specific assistance)
  • Preparation and education on race and racism (in cases of transracial adoption, the White adoptive parents cannot equitably provide the necessary social and cultural preparedness to adopted children of colour as they are not members of the adopted child’s racial and cultural community. White adoptive parents in White dominated spaces do not have lived experiences of being targets of micro-aggressions and racism.
  • Reculturation, or the process by which intercountry adoptees reclaim their original cultural heritage, should be supported through education and immersive experiences such as birth country trips to their country of origin.
  • DNA testing and databases are models of adoptee support in several countries with problematic adoption practices. DNA testing and country sponsored databases should be promoted, supported, and maintained at no cost to adoptees or first family members.
  • Citizenship (country of birth) re-acquisition support and processes should be offered to adoptees who desire to become dual or full citizens of their countries of birth.

Psychological, emotional, and mental health support via psychotherapy and counselling modality/modalities as chosen by the adopted person and offered by trauma and adoption-informed providers.

2. The right of the adoptee to obtain information about their origins is well established in international law, in particular in the United Nations Convention on the Rights of the Child (UNCRC, Arts 7 and 8) as well as in the 1993 Adoption Convention (Art. 30).

Questions:

  • How is the collection of true and accurate information on the identities of the natural mother and father ensured?
  • When and by whom is that information checked and confirmed in both the sending and receiving countries?
  • What procedure is in place to absolutely ensure that that information is preserved and can be given directly to the adopted person – without having to go through the adoptive parents?

Recommendations:

  • There should be no barriers in place (such as minimum age requirement, consent of birth and/or adoptive parents, etc.) in order for the adopted person to easily and confidentially access their own familial information.
    – Some central authorities require adoptees to provide a psychological referral and proof of ongoing counselling (presumably paid for by the adoptee) when the adoptee contacts the central authority for birth family information and search. This practice is unfair and must end.
  • The desire for confidentiality on the identity of the birth parents, either by the birth family or adoptive family, should never be a reason to deny the adopted person their identity. They have the right to their identity. That right should supersede any other party’s desire for secrecy. The secrecy in adoption must end.
  • Central Authority websites must have a clearly marked section for adoptees of all ages to access information on birth family search and reunion:
    – There must be a transparent and simple procedure for accessing this information that is clearly presented on the website;
    – This information must be presented not only in the language of the country of origin, which most transnational adoptees will not be able to read and understand, but also in a language the adoptees themselves can read and understand, e.g., English or German;
    – This information must be made accessible to adoptees with vision and/or hearing impairments
  • What is truly in the “best interest” of the adopted person must be prioritized.
    – Denying someone the truth of their identity is never in anyone’s best interest.

3. Regarding the professionals involved in the post-adoption services, some States arrange for the same professionals to prepare prospective adoptive parents (PAPs) and provide post-adoption services, 30 while in other States the professionals are different ones. 31 For other States, the professionals involved depend on the region and / or the case at hand

Questions:

  • What qualifications do “professionals” have?
  • Who determines who a “professional” is?
  • There is a major conflict of interest when the “professional” is “preparing” the Prospective Adoptive Parents AND providing post-adoption services to those displaced by adoption.
    – How can the “professional” who is responsible for facilitation adoptions also be providing adoptees with post-adoption services? There is substantial mistrust in the adoptee community of “adoption professionals” who facilitate adoptions – and rightfully so.

Recommendations:

  • In some instances, professionals who both facilitate adoptions and also provide post adoption services may be engaged in dual roles with adoptees and their adoptive families, creating an ethical dilemma. Hence post-adoption services should be provided by separate parties and entities than the adoption service providers.
  • Intercountry adoptees, who are often transracial as well, who have undergone training in the social service field and or are licensed mental health providers, are poised to be in the best position to lead and guide post-adoption services given their lived experiences and extensive training. Ideally, post adoption service providers will represent a broad array of birth/first countries to better serve adoptees from various sending countries.
  • Although we strongly recommend that qualified intercountry adoptees are at the frontlines of facilitating and providing direct post-adoption services, we recognise the need for quality post-adoption services exceeds the potential numbers of professionally trained intercountry adoptees available. Therefore, we would be supportive of non-intercountry adoptee post-adoption service providers if they are licensed mental health providers, have evidence of adoption-informed training to include significant education and understanding of culturally responsive strategies as they apply to intercountry adoptees.

Read our previous post: Adottivi presso la Commissione speciale dell'Aia

Un viaggio nella ridefinizione della mia identità

di Maya Fleischmann, un adottato transrazziale nato a Hong Kong, adottato in una famiglia adottiva russa ebrea. Autore del libro di fantasia Alla ricerca di Ching Ha, un romanzo.

“Più conosci te stesso, più chiarezza c'è. La conoscenza di sé non ha fine: non si arriva a un risultato, non si arriva a una conclusione. È un fiume infinito».

Jiddu Krishnamurti

Il viaggio alla scoperta di sé

Questa ricerca per scoprire chi siamo veramente sono è la materia di cui sono fatti i romanzi e i film. Sebbene la nostra percezione di sé si trasformi con il tempo, gli eventi, le impostazioni sociali e fisiche che alterano la nostra connessione con persone, gruppi e luoghi diversi, le fondamenta su cui costruiamo la nostra identità rimangono le stesse (sebbene la percezione degli eventi storici possa cambiare) . Come adottato interculturale, i miei inizi sconosciuti sono stati un fondamento instabile nelle esplorazioni della mia identità.

Chi sono? Nel 1972, sono stato adottato da una coppia di espatriati ebrei russi che vivevano a Hong Kong. Avevo tre, o forse quattro anni (i miei genitori adottivi mi avevano detto entrambe le età, quindi vado dal mio falso certificato di nascita che è stato rilasciato quattro anni dopo la mia data di nascita, anch'esso riportato sullo stesso certificato). Sono cresciuto in una famiglia che osservava le tradizioni ebraiche e le festività cinesi e russe, come il capodanno cinese, la Pasqua e il Natale russi. Abbiamo anche celebrato le festività, come il Santo Stefano e il compleanno della regina, che erano osservate dalla mia scuola britannica e dall'allora colonia della corona britannica di Hong Kong. I ricordi dei miei anni prima delle quattro sono una macchia confusa di incubi e sogni, ricordi e fantasie. Non sono più sicuro di quale sia quale, motivo per cui ho scritto Trovare Ching Ha, il mio romanzo su una ragazza cinese che viene adottata da una coppia ebrea russa, come finzione. 

Da dove vengo?

Ricordo di aver fatto questa domanda ai miei genitori una, forse due volte, nella loro vita. Ricordo il modo in cui mi guardavano, gli occhi grandi, i denti che affondavano nelle labbra, le dita che giocherellavano con lo sporco immaginario sotto le unghie, e loro distoglievano lo sguardo. Evocava un imbarazzo e un'angoscia, come se li avessi sorpresi a fare sesso, il fatto di non affrontare di nuovo l'argomento dei miei antenati cinesi con loro. Non ho chiesto, e non mi hanno mai detto, cosa o se sapevano del mio passato. 

Sebbene il mio background multiculturale sia stato un inizio di conversazione per tutto il tempo che posso ricordare; la mia mancanza di fondamento, e le mie insicurezze sulle mie origini sconosciute, mi rendevano difficile rispondere alle domande e ai commenti che incontravo. Sono sempre stato sconcertato dalle percezioni e dai giudizi espressi dalle persone che negavano i miei inizi, la mia storia, la mia vita. "Oh, non sei ebreo se non sei stato bat mitzvah." "Tu non sei veramente Cinese se non parli cinese.” "La storia russa dei tuoi genitori adottivi non è la tua eredità, perché loro non sono tuoi vero genitori." "Non sei una ragazzina fortunata ad essere stata adottata?" "Chi sa qual è il tuo background?" E ogni commento sulla mia identità mi veniva fatto con nonchalance, come se mi stessero consigliando una voce di menu: “Oh, non ordinare la zuppa. Non ti piacerà".

Crescere con tutte queste dichiarazioni mi ha fatto interrogare sulla mia identità o sulla sua mancanza. Se non avevo diritto alla mia eredità cinese perché ne ero stato adottato, e non avevo diritto a partecipare a nessuna proprietà della storia dei miei genitori perché non ci sono nato, allora chi ero esattamente? Dove appartenevo? Anche l'identità britannica (anche se Hong Kong British) che ho abbracciato di più da bambino, è scomparsa nel 1997 durante il passaggio di Hong Kong dalla Gran Bretagna alla Cina. 

In tenera età, la risposta è stata per me rinnegare il mio background cinese. Notavo sempre di più la mia faccia cinese nella sinagoga, e nei circoli sociali pieni di occidentali, o alle feste dove tutti quelli che mi somigliavano servivano da mangiare o lavavano i piatti. E, con questa consapevolezza, è arrivata la seccatura e la vergogna di essere cinese, non adattandosi al paese della mia nascita, né alla casa della mia nuova famiglia. Anche da adulto, ho evitato le organizzazioni basate sulla mia etnia, per timore che mi chiedessero "come puoi essere nato e cresciuto a Hong Kong, essere cinese e non parlare cantonese?" Invece, mi sono unito a gruppi e ho fatto amicizia sulla base di interessi comuni come leggere, scrivere o essere genitori. 

Man mano che la base dell'esperienza nella vita cresceva, mi sentivo più a mio agio nel mio senso di sé, così come nel soggetto del mio sé mancante. Insieme a Trovare Ching Ha, Ho faticato a trasmettere come Ching Ha si fosse assimilata alle diverse culture della sua nuova vita. Scrivere questo mi ha fatto capire che la mia vergogna infantile e il dubbio su me stessa, i fattori scatenanti di emozioni non identificabili e la mia angoscia nel trovare un'identità nel mosaico delle culture, erano reali e stimolanti. Scrivere il romanzo mi ha aiutato a dare un senso alle mie emozioni crescendo e a venire a patti con alcune di queste complessità. 

Chi sono oggi?

Sono sulla cinquantina adesso. La sensazione di non essere radicata è svanita. Ho creato una storia familiare con mio marito e i miei figli. La mia famiglia feng-shui è intrisa di tradizioni e storie della cultura russa e cinese, delle tradizioni ebraiche e di una spolverata di intuizioni buddiste e stoiche per buona misura. Tuttavia, in una cultura piena di conversazioni controverse sulla razza, dove i confini sono così chiaramente definiti, anche quando ci sono molte persone di razza mista, mi ritrovo ancora a interrogarmi sul mio passato, specialmente quando compilo moduli medici che chiedono informazioni sulla storia familiare. Quindi, una settimana fa, ho deciso di fare un test del DNA. Forse posso conoscere il mio corredo genetico e raccogliere informazioni sulle condizioni mediche attuali e future, o ottenere conferma che sono cinese 100%. In definitiva, il mio profondo desiderio è trovare qualcuno, o qualcosa, che possa placare il sogno e la voce che si chiede se c'è qualcuno che mi sta cercando.

Se tra due settimane i risultati del DNA non rivelano nulla di nuovo, non sarò troppo deluso perché ho trovato familiarità nelle domande senza risposta. Anche se non ci sarà nessuno a raccontarmi la storia delle mie origini, il mio viaggio alla scoperta di me stesso continuerà, perché sono lo scrittore per il resto della mia storia. 

Dalla stesura di questo articolo, Maya ha ricevuto i risultati del suo DNA. Clicca qui per leggere il suo post sul blog e scoprire cosa ha scoperto: https://findingchingha.com/blog/finding-family/

Nata e cresciuta a Hong Kong, Maya Fleischmann è una scrittrice freelance e autrice di Trovare Ching Ha e Se dai un minuto a una mamma. Le sue recensioni di libri sono pubblicate su riviste di settore, come Foreword Magazine, Publishers Weekly, BookPage e Audiofile Magazine. Le sue storie e i suoi articoli sono apparsi su riviste e libri di viaggio e culturali, tra cui Peril e Zuppa di pollo per l'anima della mamma lavoratrice. Puoi scoprire di più su Maya su mayafleischmann.com e findchingha.com. Trovare Ching Ha: Un romanzo, è disponibile in paperback e ebook su Amazon, Mela, Barnes and Noble e Kobo e altre importanti librerie.

Venduto tramite adozione al mercato nero zingaro in Grecia

di Roula Maria rubato alla Grecia e adottato da una famiglia australiana.

Sorelle gemelle, separate dall'adozione del mercato nero in Grecia.

Mi chiamo Roula e sono nata in Grecia con la mia gemella e venduta separatamente al mercato nero nel luglio 1981. Ho appena trovato la mia gemella negli ultimi anni e spero di incontrarla di persona una volta che il COVID si sarà calmato. Questa è la mia storia.

Dei miei genitori

Dopo essere emigrati dalla Grecia nei primi anni '60, si stabilirono in una piccola cittadina di campagna fuori Adelaide, nell'Australia meridionale. C'erano anche altri immigrati che sono andati nella stessa città dopo essere venuti dalla Grecia.

I miei genitori non sono riusciti ad avere figli dopo molti tentativi e alla fine hanno deciso di farsi conoscere da una famiglia che aveva adottato una bambina dalla Grecia. Si scopre che la famiglia non ha effettivamente adottato la bambina, ma l'ha acquistata da un medico che produceva e vendeva bambini zingari in un istituto nel cuore di Atene. Hanno dato a mia madre i recapiti dell'ostetrica in Grecia.

I miei genitori si sono messi in contatto con l'ostetrica in Grecia e hanno fissato un appuntamento per recarsi in Grecia per parlare con il medico. Una volta arrivati, ha detto loro che c'erano molti bambini disponibili ma che avrebbero dovuto aspettare. Accettarono e tornarono in Australia.

Circa 6 mesi dopo, il telefono squillò con buone notizie e si recarono in Grecia entro la settimana. La richiesta di mia madre era che voleva una ragazza ma a quel tempo non c'erano ragazze disponibili, quindi sono rimaste in Grecia finché non ce n'era una. Indossava anche un cuscino sotto la pancia per mostrare che era incinta - le lunghezze a cui arrivavano i miei genitori erano fenomenali.

Poi sono arrivato io.

La mia adozione

Mio padre è andato nella città di Corinto per firmare i documenti. Sul mio atto di nascita c'era mia madre che mi ha comprato come mia madre naturale, quindi le autorità non avrebbero raccolto i documenti falsificati, poi mio padre è tornato all'ospedale in Grecia e mi è stato dato a lui. Nel 1981 pagavano $6000 euro, l'equivalente di circa $200.000 dollari australiani di allora.

Rimasero in Grecia per circa 40 giorni poiché la cultura afferma che un bambino deve essere benedetto intorno al suo 40° giorno di nascita. Mi hanno portato all'ambasciata australiana e mi hanno registrato come cittadino australiano sotto l'autorità dei genitori.

Poi la paura di essere scoperti giocò nelle loro menti. Sapevano dal momento dell'aeroporto fino al momento in cui l'aereo è decollato che erano in grave pericolo di essere scoperti. Una volta a bordo e l'aereo preso in volo, mia madre respirò per la prima volta.

Sono stato trasportato in Australia il 24 agosto 1981.

Sono cresciuto con due lati. Ero la bambina felice che amava la vita e tutto ciò che contiene, ma ero anche la bambina traumatizzata da intensi abusi sessuali e vittima di violenza domestica. La mia infanzia è stata piena di tristezza e anche di momenti felici in famiglia, è stato come se vivessi in una distorsione temporale tra due mondi, quello reale e quello nascosto.

Anche i bambini greci con cui sono cresciuto mi prendevano in giro per l'adozione e quando ho affrontato mia madre, ha negato tutte le accuse. Era una parte della mia vita quotidiana crescere con mia madre che non era sincera su tutto. Non è stato fino alla mia adolescenza che un cugino mi ha confermato la verità in uno stato di rabbia, poiché i comportamenti che stavo mostrando erano i comportamenti di un sopravvissuto agli abusi.

Nessuno conosceva il tumulto e il dolore che stavo affrontando mentre le tipiche famiglie greche non discutono i problemi e gli viene insegnato a reprimerli e non ne hanno mai parlato, specialmente con la generazione più anziana.

Non è stato fino al settimo anno della scuola elementare che ho finalmente parlato della mia vita, ma anche allora è stata ignorata e ignorata.

La mia famiglia ha venduto la sua terra e mi ha trasferito ad Adelaide pensando che mi avrebbe aiutato ad andare avanti con la mia vita, ma da quello che mi dicono psicologi e consulenti, correre non è un'opzione. I miei genitori pensavano che stessero facendo la cosa giusta, ma mi ha portato a un'adolescenza distruttiva piena di droghe, senzatetto, violenza, carceri e istituzioni.

Se solo le persone fossero state in grado di aiutarmi, ma a quel punto ero stato ferito e mi avevano mentito, troppe volte per volere l'aiuto di qualcuno.

All'età di 15 anni nel 1996, ho iniziato la mia ricerca, senzatetto e in biblioteca cercando di trovare informazioni su adozione del mercato nero dalla Grecia. Mi sono imbattuto in centinaia di articoli sulla vendita di bambini all'interno della comunità zingara in Grecia. Sono rimasto scioccato e incuriosito dalle informazioni disponibili. Ho pubblicato post nei forum affermando che stavo cercando mia madre naturale. Non avevo idea di cosa stessi scrivendo, ma ho provato di tutto.

Per qualche ragione, anche se sapevo di essere sulla strada giusta, qualcosa dentro di me sapeva cosa stavo facendo e dove stavo cercando era reale e mi portava al posto a cui appartenevo.

Dopo anni di traumi dovuti alla vita per strada e all'essere completamente tossicodipendente, nel 2003 sono andata in riabilitazione. Mi sono pulito e la mia vita ha iniziato a migliorare. Avevo ancora dei comportamenti molto dannosi, ma nel 2010 sono tornata in quel piccolo paese di campagna e ho trovato un grande psicologo che è ancora oggi una parte importante del mio percorso di guarigione.

Ho finito per sposare un uomo di quella città e ci siamo trasferiti per motivi di lavoro, poi nel 2015 ho avuto un figlio attraverso la fecondazione in vitro. Mio figlio ha avuto un'infanzia fantastica, ma ha anche avuto alcune sfide nella vita. Rispetto a quello che ho avuto, sono grato di essere riuscito a cambiare gli errori che molte famiglie greche hanno oggi e che comunichiamo!

Perché condivido la mia storia?

Condivido la mia storia perché ho partecipato alle prime fasi di Progetto di risorse video dell'ICAV e volevo contribuire.

Essere un prodotto dell'adozione e della vendita al mercato nero di bambini non è una vita facile. Noi bambini veniamo da ambienti diversi con malattie genetiche e sistemi sanitari familiari. Questi devono essere affrontati e non mi piaceva dover dire a un medico: "Non lo so, sono stato adottato", ogni volta che mi veniva chiesto quale fosse la mia storia di salute familiare. Sono sicuro che i miei sentimenti su questo devono essere molto comuni tra le persone adottate. Quando un medico sa che non sei il prodotto biologico della famiglia in cui ti trovi, all'adottato dovrebbero essere assegnati più esami, più cartelle cliniche e più informazioni, per aiutarlo a trovare le risposte sanitarie che meritiamo.

Se non fosse stato per la tecnologia del test del DNA, non avrei conosciuto la mia eredità o la mia cartella clinica. Sono così felice di poter ora andare dai dottori e dire che porto geneticamente questo, questo, questo e questo. È estremamente potente.

Con gli insegnanti e i consulenti scolastici, credo che i genitori adottivi debbano assumersi la responsabilità di garantire che le informazioni vengano fornite alla scuola, rivelando che il loro bambino è adottato. Non ci dovrebbero essere giudizi o ripercussioni in alcun modo quando i genitori lo rivelano. Gli insegnanti devono anche essere consapevoli che il bambino potrebbe trovarsi di fronte o sentirsi vuoto per non conoscere la propria identità né per capire perché potrebbe sentirsi in questo modo.

In questi giorni nelle scuole ci sono cliniche di mindfulness, discorsi sull'autostima, giornate antibullismo e corsi di benessere e hanno un curriculum diverso rispetto a quello che avevo negli anni '80. L'aggiunta di una casella per identificare al momento dell'iscrizione se adottati o meno, dovrebbe iniziare dalla cura della prima infanzia, fino all'università. Tutte le iscrizioni dovrebbero chiederci di identificare se siamo adottati o meno. Se lo studente non lo sa, i genitori dovrebbero essere informati con discrezione mantenendo la riservatezza, poiché alcuni genitori hanno scelto di aspettare che il loro bambino sia abbastanza grande per essere informato.

Suggerisco risorse di supporto come i social media, saltando nei forum online in cui altri adottati condividono la stessa voce. Gestisco 2 gruppi. Uno si chiama Adottivi nati in Grecia con 450 membri e l'altro si chiama greco venduto bambini zingari con 179 membri. Questo gruppo è per i bambini venduti e per i genitori zingari per aiutarli a ritrovarsi. Usiamo il test del DNA per abbinare i genitori e gli adottati venduti.

Grazie per il tuo tempo e spero che più persone si facciano avanti per le loro adozioni. Parlo per i figli greci nati e venduti della Grecia e so che siamo in migliaia. Qui in Australia ci sono circa 70 persone con cui vorrei entrare in contatto quando sono pronti perché abbiamo genitori zingari che vogliono incontrare i loro figli per la prima volta e hanno dato il permesso di essere trovati.

L'adottato inconsapevole

di Krishna Rao adottato dall'India negli Stati Uniti.

Il giorno in cui ho saputo di essere stato adottato, entrambe le mie famiglie sono morte. Quelli che mi hanno cresciuto, si sono rivelati una farsa. Quelli che non l'hanno fatto, si sono rivelati un enigma.

Nel giugno del 2019 a 34 anni ho saputo di essere stata adottata dopo aver fatto un test del DNA per gioco. Sicuramente sono state tante le emozioni che ho provato quando ho fatto questa scoperta. Dall'avere la mia identità in frantumi, al mettere in discussione tutto sul mio passato.

Per 34 anni ho creduto di essere il parente biologico dei genitori che mi hanno cresciuto, perché è quello che mi hanno detto. E sì, ho sempre sentito che qualcosa fosse strano, semplicemente non avevo la conoscenza cosciente per sapere cosa fosse.

Nei primi giorni in cui ho scoperto la mia adozione, mi sono imbattuto nel podcast di April Dinwoodie. In uno dei suoi podcast intervista Darryl McDaniels di Run DMC, che a quanto pare, è anche un adottante scoperto in ritardo e ha appreso della sua adozione a 35 anni. Darryl ha detto qualcosa che mi è rimasto davvero impresso. “Posso usare la mia storia non solo per migliorare la mia vita, ma posso aiutare tante altre persone che si trovano nella mia stessa situazione a capire meglio le loro vite”.

Quello che ha detto mi ha ispirato a iniziare a condividere la mia storia. Ho quindi iniziato a scrivere sul blog della mia esperienza. ho creato un Instagram pagina e condivido i miei pensieri su Twitter. Mi ha permesso di elaborare cosa significa essere adottato. Per tutta la mia vita fino a quel momento, sono stato cresciuto come un adottato, senza mai sapere consapevolmente di essere stato adottato.

Documentare i miei pensieri, emozioni ed esperienze è un modo per me di lavorarci sopra e guarire.

Da quel momento ho imparato molto. Ma in nessun modo, la forma o la forma fanno di me un esperto in adozione. Ho ancora molto da imparare e, soprattutto, molta guarigione.

Viviamo in un mondo in cui condividere è così facile ora. I miei pensieri hanno raggiunto persone provenienti da tutto il mondo. E così tanti altri. A tal proposito, è interessante leggere tutte le diverse opinioni che gli adottati hanno sull'adozione. Alcuni sono a favore, altri contro. Alcuni nel mezzo, e ci sono quelli che semplicemente non hanno affatto un'opinione.

Quando penso a dove mi trovo, mi sembra che non ci sia una risposta definitiva. Non sono in adozione. Non sono contrario all'adozione. Ad oggi, mi sento più come se fossi contrario alle cazzate su tutta la faccenda.

Non credo che l'adozione scomparirà nel corso della mia vita. non vedo come. È più che dare una casa a un bambino. In molti casi si tratta di dare a una persona l'opportunità di avere una vita. Non garantisce una vita migliore, solo una diversa.

Mi piacerebbe vedere più movimento nella conservazione della famiglia, ma come adottato all'estero, capisco che l'idea della conservazione della famiglia richiederà molto più lavoro. Come cambiamo la mentalità di intere società? In molti luoghi l'adozione è ancora profondamente stigmatizzata. Sono stato adottato dall'India negli Stati Uniti e anche se le persone adottano in India a livello nazionale, ho la sensazione che sia ancora un argomento tabù. I miei documenti dall'India affermano che sono stato abbandonato perché mia madre non era sposata. È come se l'unica opzione per una donna incinta non sposata fosse abbandonare suo figlio.

Tutti coloro che sono colpiti dall'adozione hanno le proprie opinioni e come persona che è entrata in questo spazio meno di due anni fa, sono stanco di vedere divisioni. Abbiamo tutti diritto a un'opinione. Siamo tutti autorizzati a dire le nostre menti. Per lo stesso motivo, ad altri è permesso non essere d'accordo.

So che non tutto ciò che dico o condivido è gradito ad alcune persone e per me va bene. Ma come prendiamo questo problema e lo trasformiamo in un approccio gradevole?

Personalmente penso che la definizione di adozione debba cambiare. Non si tratta solo di prendere un bambino e metterlo in una nuova famiglia dove perde tutto quello che aveva una volta. Lo vedo sempre in cui le persone parlano di ciò che è meglio per i bambini, dimenticando per tutto il tempo che questi bambini cresceranno, si formeranno opinioni lungo la strada e diventeranno adulti. L'ho fatto sicuramente.

Questi adulti non sono più bambini adottati. Non sono bambini periodo. E questi adulti hanno già una famiglia. Hanno già radici.

Ero qualcuno prima che l'adozione mi cambiasse. Non è tutto sole e arcobaleni, ma è ancora lì. Come qualcuno che non conosce la sua storia di origine, voglio la mia. Anche se è destino e oscurità.

Quando si parla di adozione, credo che le parole contino. La lingua inglese non è abbastanza complessa per aiutarci a definire i rapporti in adozione.

Per come la vedo io, i miei genitori sono le persone che mi hanno cresciuto. Non sono mia madre e mio padre. I miei adottanti sono figure materne e paterne, non sostituti. Mia madre e mio padre, quelli che ho già, non sono i miei genitori perché non mi hanno cresciuto. Comunque sia visto, o definito, posso ancora accettare entrambi i gruppi di persone come mia famiglia.

Posso prendere quella decisione anche se sembra che la società voglia che io separi i due e dica che appartengo a quelli che hanno speso tempo e risorse su di me. Spendere tempo e risorse non importa se la relazione è condizionata e, nel mio caso, quando è piena di inganni. Chiunque avrebbe potuto nutrirmi e proteggermi, ma ci vuole molto di più per dare una vita a qualcuno.

Detto questo, scelgo a chi appartengo. E in questo momento, nessuno di loro. Come mai? Perché non riesco ad apprezzare il fatto che altre persone abbiano fatto delle scelte per me. Scelte che hanno portato alla mia rinuncia e poi alla mia adozione.

Entrambi i set sono stati sottoposti a lavaggio del cervello in qualche forma o forma. Agli adottanti è stato probabilmente detto e hanno sentito che i bambini adottati sarebbero stati loro. Si sono spinti un po' troppo oltre, e come tali non mi hanno mai detto che ero stato adottato. E posso solo ipotizzare cosa abbia passato mia madre naturale. Mi viene detto che i figli di madri non sposate non sono degni di essere tenuti. Leggere la storia delle adozioni in India e come vengono trattate le donne non sposate quando si tratta di essere incinte non è stato molto positivo.

Il mio passato è fuori dal mio controllo e devo accettarlo. Ora sono io quello che deve spendere tempo e risorse per elaborare tutto questo da solo.

So che ci sono genitori adottivi decenti là fuori, che crescono i figli di altre persone e li sostengono come adottati. Ne conosco alcuni. Conosco e ho letto di coppie che riportano i loro adottati nei loro paesi di nascita. Vogliono davvero aiutarli a trovare le loro famiglie. È sorprendentemente illuminante e straziante per me perché so che era un'opzione che non ho mai avuto modo di sperimentare. Invece, questo ora è diventato un processo e un viaggio che faccio da solo.

Non so dove stavo andando con questo. È solo. Conosco la mia adozione da 20 mesi. Sono andato avanti a tutto vapore cercando di imparare e assorbire tutto ciò che potevo e ogni giorno la mia prospettiva cambia. Cerco di imparare da tutte le parti prima di formarmi un'opinione. E ci sono molti lati in questo.

L'adozione è un'esperienza complicata e traumatica.

Questo è il motivo per cui dico che sono contro le stronzate. Sono stanco della merda che non importa. Ci deve essere un modo per renderlo migliore.

Meglio per gli adottati perché qui sono in gioco le nostre vite e il nostro benessere!

Più strano della finzione

In terza elementare, ero nella classe della signora Peterson e mi è stato assegnato l'incarico di fare un progetto di storia familiare. Ho chiesto ai miei genitori adottivi informazioni sul progetto e hanno affermato che mia zia Eirene aveva lavorato all'albero genealogico e risale a diverse centinaia di anni fa. La mia famiglia ha automaticamente saltato il fatto che la mia famiglia biologica esistesse e non fosse inclusa. Sono stata adottata all'età di quattro anni e mezzo. Avevo molti ricordi residui della mia infanzia, ma non capivo le cose che potevo ricordare. Mi è stato detto che avevo un'immaginazione iperattiva e che sognavo ad occhi aperti molto. Più tardi, da adulto, ho incontrato numerosi altri adottati e molti di loro avevano fantasie sulle loro famiglie biologiche. Alcuni adottati avevano sognato che le loro famiglie biologiche fossero reali, altri che le loro famiglie biologiche fossero ricche e le stessero cercando.

Di recente ho incontrato un gruppo di adottati. Uno ha condiviso l'identificazione con un podcast in cui un maschio adottato fantasticava che i suoi genitori fossero reali e lo stessero cercando. Durante la conversazione è stato affermato "Chissà, uno di noi potrebbe essere un re!"

Il giorno dell'assegnazione dell'albero genealogico mi sono alzato in piedi davanti alla classe e ho parlato del fatto che mio padre biologico era molto vecchio e che ha combattuto nella guerra di Corea. Ho anche parlato di uomini dell'esercito che marciavano davanti al nostro villaggio e vedevano i loro carri armati e le mitragliatrici. Stavo ricordando gli eventi come meglio potevo dalla memoria. È vero che è altamente improbabile che mio padre fosse sulla quarantina o all'inizio dei cinquant'anni quando ebbe figli. Un semplice calcolo dell'età della maggior parte dei soldati combattenti durante la guerra di Corea rientrerebbe in un ristretto intervallo di età. Era altamente improbabile che mio padre fosse così vecchio. La città in cui avevo vissuto si trovava diverse ore a sud di Seoul e non era così pesantemente sorvegliata come il confine coreano o le città costiere. Un'impressione iniziale potrebbe considerare che ero sul punto di raccontare grandi storie. In effetti, gli insegnanti hanno raccontato preoccupati ai miei genitori adottivi ciò che ricordavo in classe e hanno detto che avevo un maggiore senso di immaginazione. Sono stato rimproverato dai miei genitori adottivi per aver mentito.

Poco più che ventenne, mi sono arruolato nell'esercito e ho scelto di prestare servizio in Corea. Mentre ero lì, ho appreso che la costruzione della superstrada numero 1 della Corea è iniziata nel 1968 ed è stata completata nell'estate del 1970. Il tratto di autostrada di 660 miglia è diventato l'arteria principale che spostava il commercio dai porti di Pusan attraverso la capitale Seoul e fino al confine nordcoreano. Questa autostrada principale è la seconda più antica e più trafficata della Corea. Non dovrebbe sorprendere sapere che questo corridoio era anche la via principale per il movimento delle truppe e dell'equipaggiamento militare. Accade così che l'autostrada passi lungo la periferia di Cheong-Ju, la città in cui sono cresciuto. I ricordi di vedere soldati che camminavano lungo la strada oltre il mio villaggio sono molto probabili. Quanto a mio padre, perché era vecchio, ero confuso al riguardo. Negli anni della mia formazione, vivevo con mio nonno perché mio padre era lontano da casa. Ho scambiato mio nonno per mio padre. Ho ricordi di essere stato ridicolizzato e di aver detto che stavo mentendo. Questi ricordi inondano la mia mente mentre scrivo questo. Non ho mai avuto intenzione di mentire, tutto quello che ho fatto da bambino è stato fare del mio meglio per spiegare ciò che ricordavo.

Il test del DNA con 325Kamra mi ha portato in tutto il mondo e, di conseguenza, sono stato in grado di incontrare migliaia di adottati internazionali. Durante questi viaggi, ho sentito numerose storie che erano spesso più strane della finzione. La prima storia parla di uno dei pochi bambini caucasici adottati da una famiglia coreana. Entrambe le famiglie hanno lavorato insieme in canali diplomatici ei genitori del ragazzo sono stati entrambi uccisi in un incidente automobilistico. La famiglia coreana ha accolto immediatamente il ragazzo orfano e l'ha cresciuto come suo. Ho incontrato questa persona durante il mio primo tour in Corea quando eravamo entrambi di stanza a Tong-du-chon a metà degli anni '90.

In Europa ho incontrato un uomo coreano adottato da una famiglia coreana e una ragazza coreana cresciuta da una famiglia giamaicana. Da tutte le storie che sono state condivise con me, circa 99.9% di tutti gli adottati coreani sono stati adottati in famiglie caucasiche. Le storie di adozione uniche si sono verificate anche negli Stati Uniti. All'inizio degli anni novanta, la mia vicina di casa era un'adottata coreana ed è stata effettivamente trovata dal suo padre biologico. Suo padre ha lavorato duramente nel settore edile ed è diventato milionario. Ha assunto un investigatore privato per trovare sua figlia in America e l'ha inondata di regali. Ha pagato il suo mutuo e le spese per ristrutturare la sua casa. Ha anche buttato dentro i biglietti per far volare l'intera famiglia a fargli visita in Corea.

Al college, ho avviato il primo club multiculturale per la diversità nel mio campus universitario. Come presidente, sono stato invitato a visitare altri campus in tutto lo stato e ho incontrato gruppi di studenti coreani a Cornell, NYU e varie università sulla costa orientale. A una conferenza studentesca ho incontrato un'adottata coreana cresciuta in una famiglia ebrea. Era in grado di recitare parte della Torah e leggere l'ebraico. Quello che ho imparato da queste interazioni è che la vita degli adottati è variata dalle famiglie che li adottano. Le cose che gli adottati potrebbero sognare, possono effettivamente accadere.

Penso che sia una pratica comune per gli adottati fantasticare o sognare chi sono i loro genitori. Quello che ho trovato interessante è che le fantasie riguardano raramente individui comuni di tutti i giorni. Non ho mai sentito un adottato dirmi che crede che i suoi genitori fossero bibliotecari o fornai. Per lo più ho sentito cose come "Penso che la mia famiglia fosse reale" o l'estremo opposto dello spettro e credo che la loro madre fosse una prostituta. Penso che molti adottati abbiano un senso o affrontino la loro adozione inventando storie. Penso che questo sia un evento normale e le famiglie e gli amici non dovrebbero liquidare tutto ciò che gli adottati potrebbero condividere come ricordi. Come nella mia storia, sono stato in grado di verificare tutto con la mia famiglia biologica dopo averli trovati. Per quanto riguarda la ricerca di una principessa... ho trovato un'adottata coreana che è stata in grado di far risalire la sua famiglia all'ultima principessa della Corea. L'ho incontrata in Germania – molto calzante, visto che è la terra dei mille castelli!

La mia raccomandazione per gli adottati che credono nelle storie che ti vengono raccontate o che hai creato per affrontare la vita è: non si sa mai, forse sarai il prossimo adottato il cui la vita è più strana della finzione!

Test del DNA: rischi e benefici

Tra il Black Friday e il Cyber Monday, 1,5 milioni di kit di DNA sono stati venduti online da AncestryDNA, una società di test del DNA con sede negli Stati Uniti. L'improvviso aumento dei test del DNA potrebbe essere dovuto alla grande quantità di storie emotive di YouTube e Facebook sui risultati del test del DNA. Due video di YouTube che mi colpiscono sono: “Viaggio nel DNA” serie di Momondo in cui gli individui sono scioccati nell'apprendere di avere il DNA di gruppi che non conoscevano; e Canale di storia's video in cui un uomo controlla ripetutamente la sua casella di posta per i risultati dei test: apprende di una piccola quantità di geni vichinghi e celebra questa eredità con le sue figlie, vestendosi con abiti tradizionali vichinghi sul suo prato.

I video sono stati emotivi e popolari e hanno ricevuto circa 4 milioni di recensioni ciascuno. Non avevo bisogno di queste storie per motivarmi a fare un test del DNA. Avevo già una laurea in biologia e stavo setacciando Internet alla ricerca di test del DNA a prezzi ragionevoli e sono stata una delle prime persone a testare con 23&Me. La motivazione per me è stata la curiosità. Speravo di ottenere alcune informazioni dettagliate su di me che non conoscevo già. Insieme alla maggior parte degli adottati, ho fatto un test del DNA per numerosi motivi:

  • Salute: Alcuni adottati sono preoccupati per la loro salute e non hanno nulla per determinare il loro rischio. I test del DNA possono fornire ampie informazioni relative alla salute.
  • Curioso: Molti adottati hanno una curiosità su chi sono e vorrebbero saperne di più sul loro corredo genetico.
  • Ricerca: Numerosi adottati vogliono cercare le loro famiglie. Esistono diverse banche dati che consentono alle persone di condividere i propri dati sul DNA per essere incrociati con i parenti
  • Convalidare: Alcuni individui potrebbero aver trovato persone potenzialmente imparentate con loro. Il modo più sicuro per determinare se gli individui sono imparentati è fare un test del DNA per confermare.

Il mio background

Per me è frustrante ascoltare persone che hanno poca o nessuna comprensione della scienza di base, o la cortesia di contattare esperti nel campo, prima di esprimere un giudizio sul test del DNA. Molte persone possono essere scettiche e ignoranti riguardo alla scienza dietro le nuove ricerche e tecnologie. Ho affrontato questo mentre working presso l'Unità di ricerca medica dell'esercito degli Stati Uniti in Kenya (USAMRU-K) mentre era assegnato all'ambasciata degli Stati Uniti in Kenya, Africa. I nostri laboratori hanno impiegato più di 600 medici, ricercatori e infermieri per lavorare su ricerche all'avanguardia per combattere la malaria, l'HIV e la leishmaniosi.

Ho iniziato il test del DNA in Europa con un'organizzazione senza scopo di lucro (NPO) 325kamra. La loro missione era quella di regalare kit gratuiti per il test del DNA (meno una piccola tassa di spedizione e amministrativa) agli adottati coreani che vivevano al di fuori degli Stati Uniti e di rinunciare ai genitori. L'obiettivo era facilitare la ricerca di correlazioni biologiche. Si era diffusa una falsa voce secondo cui 325kamra stava traendo profitto dallo scambio di informazioni genetiche con i laboratori.

Paure del test del DNA

Qualcosa può sempre andare storto nella vita e le persone hanno paure per il DNA che non sono diverse da qualsiasi altra cosa nella vita. Nella mia esperienza, questo settore è altamente regolamentato e seguito da numerosi osservatori in tutto il mondo. Negli Stati Uniti la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti ha previsto problemi e ha approvato il Genetic Information Nondiscrimination Act (GINA) nel 2008. La legge vieta l'uso di informazioni genetiche per l'uso da parte delle compagnie di assicurazione sanitaria e per l'occupazione. Tuttavia, leggo ancora articoli di giornale che usano tattiche intimidatorie e sensazionalismo per indurre la paura. Un recente articolo che circola su Facebook afferma che la polizia può usare il tuo test del DNA contro di te in tribunale. Lo trovo altamente improbabile, prendo questa decisione con più di 20 anni di esperienza lavorativa negli ospedali come CFO, infermiere e paramedico. I motivi per cui penso che questo sia impossibile dipendono dalla conferma del test sulla sua accuratezza. Il campione potrebbe essere stato contaminato, gli individui potrebbero aver scambiato le fiale, potrebbero essere utilizzati alias e, cosa più importante, non vi è alcun chain custodia che dimostra che il DNA è stato contabilizzato durante la raccolta, durante la spedizione e come è arrivato per essere testato all'interno dei laboratori. Inoltre, c'è anche un problema di varianza all'interno del settore.

Le aziende eseguono algoritmi diversi per determinare i loro risultati. Ogni laboratorio ha i propri standard e politiche: tutto ciò produce variazioni. Come ogni garanzia standard, è possibile ottenere prove da utilizzare contro qualcuno sospettato di aver commesso un reato. Tuttavia, è altamente improbabile che la polizia richieda o utilizzi campioni di DNA da una società di test del DNA. Inoltre, è molto più facile ottenere un mandato di perquisizione per ottenere campioni di DNA dall'individuo o dal suo domicilio. Tutti lasciamo tracce del nostro DNA ovunque mentre tocchiamo le superfici delle cose. Le tracce di saliva lasciate sullo spazzolino, le tracce di sputo sulle forchette lasciate nei nostri mucchi di piatti sporchi e i follicoli piliferi che cadono sul pavimento del bagno dopo aver spazzolato i nostri capelli.

Differenze nei risultati del test

Ci sono state alcune critiche da parte delle persone perché hanno riscontrato differenze nei risultati del loro DNA quando si effettuano più test da aziende concorrenti o quando si trovano variazioni nei test contro un parente stretto. Le persone devono ricordare che il test del DNA è relativamente nuovo e le aziende incorporano i risultati a velocità diverse. L'ho visto nel mio test del DNA. Quando ho letto per la prima volta la mia composizione del DNA nel 2007, 23&Me ha dichiarato che ero 100% coreano. Oggi, quando ho letto il rapporto, l'azienda ha aggiornato le informazioni sull'aplogruppo e ora ha identificato 4 etnie distintive nel mio DNA. Questi non sono necessariamente errori da parte di una società di test del DNA.

Alcuni dei motivi per cui otteniamo risultati di test diversi da diversi laboratori includono:

  • Differenze tra fratelli: È vero che i bambini ricevono 50% della loro eredità genetica dalla madre e l'altro 50% dal padre. Tuttavia, i segmenti condivisi dai genitori sono casuali. Questo è il motivo per cui un bambino è più alto, ha i capelli più scuri o è più intelligente degli altri fratelli degli stessi genitori. Quando i fratelli fanno un test del DNA, i risultati saranno diversi a causa della distribuzione casuale dei geni. Le aziende produttrici di DNA prevedono una relazione tra due persone in parte osservando la quantità di DNA che condividono ed è misurata in un'unità chiamata centimorgan (cM). Le relazioni più strette condivideranno con te più centimorgani di DNA.
  • Identità sbagliata: Mi è stato chiesto da persone in numerose occasioni di fare un test del DNA su qualcuno perché hanno trovato qualcuno che sembra stranamente simile a loro o hanno trovato qualcuno che aveva tratti simili. Consiglio di guardare il video di YouTube sul test del DNA su una serie di doppelganger in cui è stato riscontrato che gli individui non avevano alcuna relazione genetica, nonostante il fatto che sembravano identici!
  •  Ma la mia famiglia ha detto: Potresti essere uno dei pochi fortunati che hanno già trovato i tuoi genitori biologici e ti hanno detto che eri per metà italiano o 100% coreano, ma il tuo test del DNA mostra che sei molto meno del previsto. Le famiglie spesso nascondono fatti imbarazzanti, tracciano solo un lato dell'albero genealogico o semplicemente non conoscono la verità: conoscono solo gli eventi più recenti. I test genetici possono risalire a oltre 1.000 anni e possono mostrarti entro un intervallo di certezza di quando i geni sono stati trasmessi.
  • Solo per uomini: Le tre grandi società di test del DNA negli Stati Uniti (FTDNA, AncestryDNA e 23&Me) utilizzano il test autosomico e sia gli uomini che le donne vengono testati allo stesso modo. Esiste un altro test chiamato cromosoma Y, noto anche come test del DNA mitocondriale che riflette la relazione diretta padre-figlio. Il test mitocondriale può guardare più in profondità nel tuo albero genealogico e ottenere risultati risalenti a 10.000-50.000 anni, rispetto ai test tradizionali che si concentrano da poche centinaia a mille anni.

In chiusura, gli individui devono rendersi conto che i processi utilizzati per eseguire il test del DNA sono diversi tra le aziende. Una società esamina specificamente le posizioni programmate per valori specifici, altre società offrono una scansione completa di tutte le 16.569 posizioni durante un test mitocondriale completo. Ogni anno vengono trovati nuovi aplogruppi e i risultati cambiano nel tempo man mano che più persone partecipano al test del DNA.

La scienza alla base della tecnologia del test del DNA sta avanzando rapidamente e superando la legge di Moore nell'abbassare i costi e aumentare la velocità dei test. Andrà solo meglio nel tempo. Consiglio alle persone di mantenere una mente aperta sui test del DNA. Speriamo che i risultati forniscano alcune risposte a domande senza risposta in precedenza .. e chissà, potresti trovare un cugino o due, forse anche 1.000 di loro!

Domanda: Hai fatto il test del DNA e sei rimasto sorpreso dai risultati? Consiglieresti di fare un test del DNA e perché?

Per ulteriori letture:

Test del DNA tra i grandi 3: http://thednageek.com/the-pros-and-cons-of-the-main-autosomal-dna-testing-companies/
Record di vendite del DNA: https://www.wired.com/story/ancestrys-genetic-testing-kits-are-heading-for-your-stocking-this-year/
325KAMRA: http://www.325kamra.org
USAMRU-K: https://www.youtube.com/watch?v=5U7n8KDz7HA
Fatti del test del DNA: https://www.youtube.com/watch?v=UhQoYYHcHRE
Stima dell'etnia del DNA di origine: https://www.youtube.com/watch?v=MjZiT6YDbgI
Test del DNA doppelganger: https://www.youtube.com/watch?v=_370DhsvQGI
Canale di storia: https://www.facebook.com/HISTORY/videos/1398297886941748/
Viaggio nel DNA: https://www.youtube.com/watch?v=Fw7FhU-G1_Q


Italiano
%%piè di pagina%%