Accettazione della responsabilità come facilitatore dell'adozione

di Jessica Davis, madre adottiva americana di una figlia ugandese, è tornata con successo dalla sua famiglia ugandese; co-fondatore di Kugatta che riunisce le famiglie colpite dall'adozione internazionale dell'Uganda.

La scorsa settimana, Margaret Cole, la donna che possedeva l'agenzia di adozione che ha trafficato Namata dalla sua famiglia, ha cambiato la sua dichiarazione di colpevolezza.

Sebbene le accuse di cui si è dichiarata colpevole non rappresentino pienamente la profondità dello sfruttamento e dell'ingiustizia che è stata perpetuata contro innumerevoli famiglie a seguito delle sue azioni, è sicuramente un passo nella giusta direzione vederla accettare QUALCHE responsabilità. Tanti bambini sono stati danneggiati a causa della sua avidità. Margaret Cole ha accumulato più di $200 milioni attraverso il sangue e le lacrime letterali di alcuni dei bambini e delle famiglie più vulnerabili del mondo.

Oggi, mentre l'ho vista cambiare la sua dichiarazione di colpevolezza, ha chiesto un ulteriore "perdono" in modo da contrattare punti sulla sua condanna poiché stava "accettando la responsabilità". L'accusa ha detto assolutamente di no, ha avuto tutto il tempo per assumersi la responsabilità delle sue azioni, ma ha aspettato fino a una settimana prima del processo e solo un giorno dopo aver visto il caso che era stato avviato contro di lei.

Così tante persone hanno lavorato duramente per assicurare alla giustizia le persone coinvolte in questo programma di adozione. Non posso ringraziare ciascuno di loro abbastanza!

Leggi i primi pensieri di Jessica quest'anno: Dolore per la perdita e gioia nel vederla riunita alla sua famiglia

Leggi Il blog di Lynelle che include una rapida occhiata a come sono stati condannati gli autori.

risorse

L'ex direttore esecutivo dell'Agenzia per l'adozione internazionale si dichiara colpevole di un programma di adozione fraudolenta

Texas Mom rimane libera senza vincoli dopo aver comprato a suo figlio una bambina "adottata" di quattro anni dalla Polonia

La difesa ammette che il loro cliente, Margaret Cole Hughes, Direttore di European Adoption Consultants (EAC) ha guadagnato $200m da 8000 adozioni in tre decenni

Proprietario dell'agenzia Strongsville, dipendenti accusati di cospirazione in casi di adozione straniera

Bambini in vendita: "Mia mamma è stata ingannata"

Il dolore della perdita e la gioia di vederla riunita alla sua famiglia

di Jessica Davis, madre adottiva americana di una figlia ugandese, è tornata con successo dalla sua famiglia ugandese; co-fondatore di Kugatta che riunisce le famiglie colpite dall'adozione internazionale dell'Uganda.

Namata con i suoi fratelli

Ogni anno penso che non piangerò e non mi farà male così profondamente come una volta. Ma ogni volta che vedo tutto ciò che è stato quasi permanentemente sottratto a Namata, il dolore ritorna altrettanto profondo (se non più profondo) della prima volta in cui mi sono reso conto a cosa avevo partecipato e cosa doveva essere fatto. Ho ancora membri della famiglia allargata che si rifiutano di ammettere che riunirla con la sua famiglia ugandese fosse la cosa GIUSTA e GIUSTA da fare.

Ci sono molte persone che credono che sia giusto prendere bambini da famiglie LOVING se queste famiglie sono povere, vivono nel paese “sbagliato”, praticano la religione “sbagliata”, o per una serie di altri motivi irrazionali. È incredibile quanto denaro, tempo e risorse contribuiscano alla separazione delle famiglie che in primo luogo non dovrebbero mai essere separate.

Non smetterò mai di denunciare i torti che si perpetuano all'interno del sistema di adozione internazionale. Non smetterò di lottare per coloro che sono stati sfruttati da questo sistema e di certo non dimenticherò mai la fantastica bambina che è entrata nella mia vita e mi ha insegnato a fare meglio. Per quanto mi manchi, il mio dolore impallidisce in confronto alla gioia che provo vedendola a casa con la sua famiglia e prosperare.

Abbiamo fatto tutto “bene”. Abbiamo utilizzato un'agenzia di adozione molto apprezzata, seguito tutti i protocolli e le procedure corretti e segnalato tutto ciò che non andava quando lo abbiamo scoperto. Infatti, anche se è stato dimostrato che la nostra agenzia di adozione era corrotta, i documenti di Namata sono stati falsificati, il giudice ugandese è stato corrotto, l'intervista all'ambasciata ha mostrato che la madre di Namata non capiva cosa fosse l'adozione e all'epoca non ci è stato detto, la nostra adozione di Namata dall'Uganda era ed è tuttora considerato LEGALE. Cosa ti dice sull'adozione internazionale?

Namata non è riuscita a tornare a casa perché era la cosa giusta e giusta da fare. I diritti di Serena violati e il miglior interesse di Namata ignorati erano irrilevanti da parte di coloro che avrebbero dovuto preoccuparsene. Il motivo per cui Namata è andata a casa e si è riunita con la sua famiglia è perché Adam e io ci siamo rifiutati di accettare che tutto ciò andasse bene o "in meglio".

Innumerevoli famiglie sono state inutilmente fatte a pezzi attraverso l'adozione internazionale, proprio come quella di Namata.

Raramente sento qualcuno esprimere preoccupazione per queste ingiustizie o per ciò che è stato perso, piuttosto le persone usano buone intenzioni andate storte per ignorare queste realtà e andare avanti come se non fosse successo nulla di sbagliato. Se le persone non ascoltano o non riescono a capire il problema in questione, forse lo vedranno quando guarderanno questa famiglia e si renderanno conto che tutto ciò che era quasi perso e che non c'era letteralmente alcuna ragione per questo.

Namata e la sua famiglia

Leggi l'ultimo post di Jessica: Giustizia o responsabilità accadono nelle adozioni illecite?

Giustizia o responsabilità accadono nelle adozioni illecite?

di Jessica Davis, mamma adottiva americana che ha restituito il figlio ugandese alla madre biologica in Uganda. Jessica ha scritto questo post in risposta alla recente dichiarazione "colpevole" del personale che lavora presso l'agenzia di adozioni European Adoption Consultants (Ohio) che ha facilitato l'adozione illecita di adottati ugandesi dalla famiglia Davis. Articolo sui media qui.

Sono passati molti anni da quando abbiamo scoperto l'orribile verità che la bambina che abbiamo adottato dall'Uganda era stata illegalmente separata dalla sua famiglia. Da quando ha riunito Namata con sua madre, ho aspettato una parvenza di giustizia e responsabilità, specialmente quando si trattava di questo particolare individuo.

Oggi, Debra Parris, uno dei criminali coinvolti nel traffico di Namata, ha cambiato la sua dichiarazione di colpevolezza su ogni atto d'accusa federale di cui è stata accusata. Debra ha partecipato volentieri alla tratta di bambini dall'Uganda attraverso l'adozione internazionale. Ha causato danni irreparabili a Namata, sua madre ugandese e ha reso le nostre vite infelici per anni mentre cercavamo di smascherare lei e i suoi co-cospiratori. Ha inflitto enormi quantità di danni a MOLTI bambini vulnerabili dell'Uganda e alle loro famiglie (e ne sono certo in molti altri paesi).

Il solo sentire la sua voce oggi è stato travolgente, figuriamoci sentirla finalmente ammettere la colpa. Dal momento che mi sono reso conto di ciò che è accaduto all'interno della nostra adozione non è stato un caso unico, ho preso l'impegno di non perdere mai l'opportunità di lavorare per cambiare la narrativa quando si tratta di adozione internazionale. Questo momento non sarà diverso.

A coloro che scelgono di credere che quello che è successo a Namata ea sua madre sia il risultato di una sola “mela marcia”, vi prego di smetterla. Lavoro con le famiglie ugandesi da oltre 5 anni e posso dirvi che quello che è successo a Namata e alla sua famiglia non è l'eccezione, piuttosto è la regola nell'adozione internazionale. Ogni famiglia ugandese che ho incontrato, anche le famiglie che hanno utilizzato altre agenzie di adozione, hanno avuto esperienze simili da condividere. Nessuna delle famiglie di origine ha capito veramente l'adozione, tutte stavano attraversando un momento difficile e avevano solo bisogno di sostegno. Quasi tutti pensavano di avere accesso all'istruzione o alle cure mediche per la persona amata. Non sto dicendo che non ci siano eccezioni, ma devo ancora incontrare una famiglia ugandese che abbia veramente capito l'adozione.

Come genitore adottivo, scegliere di guardare dall'altra parte o rimanere in silenzio quando si tratta di queste ingiustizie ti rende parte del problema. Quando ho capito cosa stava succedendo con la nostra agenzia di adozioni, ho subito iniziato a parlare con altri genitori adottivi che li avevano usati anche loro. Mi è stato detto più e più volte che stavo reagendo in modo eccessivo, che questo non poteva essere vero, o che almeno non poteva essere così "cattivo" come sostenevo. Ho la sensazione che anche con questa ammissione di colpa, molte famiglie adottive continueranno a dire che non è vero nella loro situazione (che potrebbe benissimo essere vera) e andranno avanti con le loro vite, come se niente fosse.

Questa agenzia di adozione ha facilitato le adozioni di oltre 30 bambini ugandesi. Oggi Debra Parris ha ammesso di aver corrotto agenti di custodia, cancellieri e giudici in Uganda. Ha ammesso di aver presentato consapevolmente informazioni fraudolente al Dipartimento di Stato degli Stati Uniti nel tentativo di facilitare le adozioni illecite. Assumere che ciò non stesse accadendo in altre adozioni non è solo ingenuo, ma è un grave errore giudiziario.

Quante famiglie naturali e adottati adulti hanno condiviso esperienze simili? Quando inizieremo ad ascoltare? Quando saranno state divise inutilmente abbastanza famiglie finché non saremo disposti a fare qualcosa? Quando saranno importanti per noi la vita e il benessere di questi "orfani" al di là della loro adozione?

Mentre oggi mi sono rallegrato di questo piccolo passo verso la responsabilità per i torti perpetrati contro molti dei bambini e delle famiglie più vulnerabili nel nostro mondo, non ho potuto fare a meno di pensare a tutte le famiglie ugandesi (e famiglie in tutto il mondo) che questo ha successo a. Famiglie che probabilmente non vedranno mai giustizia o riparazioni, per non parlare della persona amata da cui sono state separate. Non ho potuto fare a meno di pensare a tutti gli adottati che sono stati scambiati tra famiglie come carte collezionabili. Adottivi che vengono messi a tacere e ignorati quando parlano delle loro esperienze con l'adozione. Non posso fare a meno di pensare a tutto il danno che è stato inutilmente inflitto agli adottati e alle famiglie naturali perché questo sistema sembra troppo facile da sfruttare e corrompere.

Quando è abbastanza, abbastanza?

Per saperne di più su Jessica e suo marito Adam, guarda la loro intervista con 1MillionHome Amore audace

Per saperne di più su Jessica, leggi i suoi blog:
Adozione: ordinata e ordinata? Non così tanto!
La bugia che amiamo
Non è un'attrazione turistica
Non c'è una crisi orfana, è una crisi di separazione familiare

Esperienza vissuta di adozione illegale e illecita

L'adozione internazionale è regolamentata dal 1993 Convenzione dell'Aia sulla protezione dei minori e la cooperazione in materia di adozione internazionale. Questa convenzione è stata progettata per proteggere l'interesse superiore del bambino nell'adozione internazionale e prevenire il rapimento, la tratta o la vendita di bambini a fini di adozione internazionale.

Sebbene sia impossibile calcolare esattamente quante adozioni illegali e illecite si siano verificate in Australia, sappiamo di avere qui coorti specifiche di adottati da vari paesi. Etiopia e India sono stati i paesi più recenti in cui i nostri programmi sono stati chiusi a causa di irregolarità. La nostra prima storia negli anni '80 include gli adottati trafficati da Taiwan, dove Julie Chu è stata condannata per falsificazione di documenti e condannata al carcere per il suo ruolo di leader del giro del traffico di Taiwan.

A livello globale, nel febbraio di quest'anno i Paesi Bassi hanno sospeso il loro programma di adozione internazionale a causa delle sue storiche adozioni illegali e illecite. Altri paesi europei come la Svizzera, la Svezia e il Belgio hanno tutti preso provvedimenti per esaminare attentamente le loro adozioni storiche.

Quale sarà la risposta dell'Australia alla nostra storia di adozioni internazionali illecite e illegali? I responsabili politici australiani sono attualmente alle prese con questa domanda e le implicazioni. A tal fine, ISS Australia e InterCountry Adoptee Voices (ICAV) sono lieti di presentare il nostro webinar gratuito su questo argomento delicato e complesso con un focus sulle voci di coloro che hanno esperienza vissuta. Speriamo di aiutare a istruire sull'esperienza dalla prospettiva vissuta, su come influisce e su cosa le persone interessate vogliono che i responsabili politici e i professionisti prendano in considerazione.

Questo webinar si è svolto il 10 novembre 2021 dal titolo Esperienza vissuta di adozione illegale e illecita. Ti offriamo un'esperienza vissuta specifica australiana, tuttavia, questa può essere estrapolata all'arena globale.

Un enorme grazie ai nostri relatori: Professor David Smolin, Kimbra Butterworth-Smith, Annita Pring, Clement Lam (come letto da sua figlia, Marie Gardom).

  • Professor David Smolin è professore di diritto presso Cumberland School of Lawin Birmingham, Alabama. È anche la cattedra Harwell G. Davis in diritto costituzionale e direttore per il Centro per l'infanzia, la legge e l'etica. Il professor Smolin è uno dei massimi esperti mondiali di illegalità e illecito adozione internazionale e ha scritto e parlato ampiamente su questo argomento. È stato anche personalmente colpito da adozioni internazionali illegali e illecite.
  • Kimbra Butterworth-Smith ha esperienza di lavoro in ONG umanitarie in Australia e all'estero. È anche un'adulta internazionale adottata da Taiwan la cui adozione è stata facilitata illegalmente da Julie Chu.
  • Annita Pring è una madre adottiva australiana di un figlio thailandese.
  • Clement Lam Swee Seng è un consulente in pensione nel ministero del matrimonio, della gioventù e della tossicodipendenza in Malesia. È anche un padre cinese di una figlia che è stata mandata all'estero e adottata in una famiglia adottiva britannica. Clement si è riunito solo di recente con sua figlia.

Molte grazie ai miei co-relatori di ISS Australia, il CEO Peter van Vliet e il vice CEO Damon Martin.

Il riferimento all'indagine che altri paesi hanno già fatto, può essere trovato nell'elenco delle risorse per questo blog passato: I governi finalmente riconoscono le pratiche di adozione illecite e illegali.

Venduto tramite adozione al mercato nero zingaro in Grecia

di Roula Maria rubato alla Grecia e adottato da una famiglia australiana.

Sorelle gemelle, separate dall'adozione del mercato nero in Grecia.

Mi chiamo Roula e sono nata in Grecia con la mia gemella e venduta separatamente al mercato nero nel luglio 1981. Ho appena trovato la mia gemella negli ultimi anni e spero di incontrarla di persona una volta che il COVID si sarà calmato. Questa è la mia storia.

Dei miei genitori

Dopo essere emigrati dalla Grecia nei primi anni '60, si stabilirono in una piccola cittadina di campagna fuori Adelaide, nell'Australia meridionale. C'erano anche altri immigrati che sono andati nella stessa città dopo essere venuti dalla Grecia.

I miei genitori non sono riusciti ad avere figli dopo molti tentativi e alla fine hanno deciso di farsi conoscere da una famiglia che aveva adottato una bambina dalla Grecia. Si scopre che la famiglia non ha effettivamente adottato la bambina, ma l'ha acquistata da un medico che produceva e vendeva bambini zingari in un istituto nel cuore di Atene. Hanno dato a mia madre i recapiti dell'ostetrica in Grecia.

I miei genitori si sono messi in contatto con l'ostetrica in Grecia e hanno fissato un appuntamento per recarsi in Grecia per parlare con il medico. Una volta arrivati, ha detto loro che c'erano molti bambini disponibili ma che avrebbero dovuto aspettare. Accettarono e tornarono in Australia.

Circa 6 mesi dopo, il telefono squillò con buone notizie e si recarono in Grecia entro la settimana. La richiesta di mia madre era che voleva una ragazza ma a quel tempo non c'erano ragazze disponibili, quindi sono rimaste in Grecia finché non ce n'era una. Indossava anche un cuscino sotto la pancia per mostrare che era incinta - le lunghezze a cui arrivavano i miei genitori erano fenomenali.

Poi sono arrivato io.

La mia adozione

Mio padre è andato nella città di Corinto per firmare i documenti. Sul mio atto di nascita c'era mia madre che mi ha comprato come mia madre naturale, quindi le autorità non avrebbero raccolto i documenti falsificati, poi mio padre è tornato all'ospedale in Grecia e mi è stato dato a lui. Nel 1981 pagavano $6000 euro, l'equivalente di circa $200.000 dollari australiani di allora.

Rimasero in Grecia per circa 40 giorni poiché la cultura afferma che un bambino deve essere benedetto intorno al suo 40° giorno di nascita. Mi hanno portato all'ambasciata australiana e mi hanno registrato come cittadino australiano sotto l'autorità dei genitori.

Poi la paura di essere scoperti giocò nelle loro menti. Sapevano dal momento dell'aeroporto fino al momento in cui l'aereo è decollato che erano in grave pericolo di essere scoperti. Una volta a bordo e l'aereo preso in volo, mia madre respirò per la prima volta.

Sono stato trasportato in Australia il 24 agosto 1981.

Sono cresciuto con due lati. Ero la bambina felice che amava la vita e tutto ciò che contiene, ma ero anche la bambina traumatizzata da intensi abusi sessuali e vittima di violenza domestica. La mia infanzia è stata piena di tristezza e anche di momenti felici in famiglia, è stato come se vivessi in una distorsione temporale tra due mondi, quello reale e quello nascosto.

Anche i bambini greci con cui sono cresciuto mi prendevano in giro per l'adozione e quando ho affrontato mia madre, ha negato tutte le accuse. Era una parte della mia vita quotidiana crescere con mia madre che non era sincera su tutto. Non è stato fino alla mia adolescenza che un cugino mi ha confermato la verità in uno stato di rabbia, poiché i comportamenti che stavo mostrando erano i comportamenti di un sopravvissuto agli abusi.

Nessuno conosceva il tumulto e il dolore che stavo affrontando mentre le tipiche famiglie greche non discutono i problemi e gli viene insegnato a reprimerli e non ne hanno mai parlato, specialmente con la generazione più anziana.

Non è stato fino al settimo anno della scuola elementare che ho finalmente parlato della mia vita, ma anche allora è stata ignorata e ignorata.

La mia famiglia ha venduto la sua terra e mi ha trasferito ad Adelaide pensando che mi avrebbe aiutato ad andare avanti con la mia vita, ma da quello che mi dicono psicologi e consulenti, correre non è un'opzione. I miei genitori pensavano che stessero facendo la cosa giusta, ma mi ha portato a un'adolescenza distruttiva piena di droghe, senzatetto, violenza, carceri e istituzioni.

Se solo le persone fossero state in grado di aiutarmi, ma a quel punto ero stato ferito e mi avevano mentito, troppe volte per volere l'aiuto di qualcuno.

All'età di 15 anni nel 1996, ho iniziato la mia ricerca, senzatetto e in biblioteca cercando di trovare informazioni su adozione del mercato nero dalla Grecia. Mi sono imbattuto in centinaia di articoli sulla vendita di bambini all'interno della comunità zingara in Grecia. Sono rimasto scioccato e incuriosito dalle informazioni disponibili. Ho pubblicato post nei forum affermando che stavo cercando mia madre naturale. Non avevo idea di cosa stessi scrivendo, ma ho provato di tutto.

Per qualche ragione, anche se sapevo di essere sulla strada giusta, qualcosa dentro di me sapeva cosa stavo facendo e dove stavo cercando era reale e mi portava al posto a cui appartenevo.

Dopo anni di traumi dovuti alla vita per strada e all'essere completamente tossicodipendente, nel 2003 sono andata in riabilitazione. Mi sono pulito e la mia vita ha iniziato a migliorare. Avevo ancora dei comportamenti molto dannosi, ma nel 2010 sono tornata in quel piccolo paese di campagna e ho trovato un grande psicologo che è ancora oggi una parte importante del mio percorso di guarigione.

Ho finito per sposare un uomo di quella città e ci siamo trasferiti per motivi di lavoro, poi nel 2015 ho avuto un figlio attraverso la fecondazione in vitro. Mio figlio ha avuto un'infanzia fantastica, ma ha anche avuto alcune sfide nella vita. Rispetto a quello che ho avuto, sono grato di essere riuscito a cambiare gli errori che molte famiglie greche hanno oggi e che comunichiamo!

Perché condivido la mia storia?

Condivido la mia storia perché ho partecipato alle prime fasi di Progetto di risorse video dell'ICAV e volevo contribuire.

Essere un prodotto dell'adozione e della vendita al mercato nero di bambini non è una vita facile. Noi bambini veniamo da ambienti diversi con malattie genetiche e sistemi sanitari familiari. Questi devono essere affrontati e non mi piaceva dover dire a un medico: "Non lo so, sono stato adottato", ogni volta che mi veniva chiesto quale fosse la mia storia di salute familiare. Sono sicuro che i miei sentimenti su questo devono essere molto comuni tra le persone adottate. Quando un medico sa che non sei il prodotto biologico della famiglia in cui ti trovi, all'adottato dovrebbero essere assegnati più esami, più cartelle cliniche e più informazioni, per aiutarlo a trovare le risposte sanitarie che meritiamo.

Se non fosse stato per la tecnologia del test del DNA, non avrei conosciuto la mia eredità o la mia cartella clinica. Sono così felice di poter ora andare dai dottori e dire che porto geneticamente questo, questo, questo e questo. È estremamente potente.

Con gli insegnanti e i consulenti scolastici, credo che i genitori adottivi debbano assumersi la responsabilità di garantire che le informazioni vengano fornite alla scuola, rivelando che il loro bambino è adottato. Non ci dovrebbero essere giudizi o ripercussioni in alcun modo quando i genitori lo rivelano. Gli insegnanti devono anche essere consapevoli che il bambino potrebbe trovarsi di fronte o sentirsi vuoto per non conoscere la propria identità né per capire perché potrebbe sentirsi in questo modo.

In questi giorni nelle scuole ci sono cliniche di mindfulness, discorsi sull'autostima, giornate antibullismo e corsi di benessere e hanno un curriculum diverso rispetto a quello che avevo negli anni '80. L'aggiunta di una casella per identificare al momento dell'iscrizione se adottati o meno, dovrebbe iniziare dalla cura della prima infanzia, fino all'università. Tutte le iscrizioni dovrebbero chiederci di identificare se siamo adottati o meno. Se lo studente non lo sa, i genitori dovrebbero essere informati con discrezione mantenendo la riservatezza, poiché alcuni genitori hanno scelto di aspettare che il loro bambino sia abbastanza grande per essere informato.

Suggerisco risorse di supporto come i social media, saltando nei forum online in cui altri adottati condividono la stessa voce. Gestisco 2 gruppi. Uno si chiama Adottivi nati in Grecia con 450 membri e l'altro si chiama greco venduto bambini zingari con 179 membri. Questo gruppo è per i bambini venduti e per i genitori zingari per aiutarli a ritrovarsi. Usiamo il test del DNA per abbinare i genitori e gli adottati venduti.

Grazie per il tuo tempo e spero che più persone si facciano avanti per le loro adozioni. Parlo per i figli greci nati e venduti della Grecia e so che siamo in migliaia. Qui in Australia ci sono circa 70 persone con cui vorrei entrare in contatto quando sono pronti perché abbiamo genitori zingari che vogliono incontrare i loro figli per la prima volta e hanno dato il permesso di essere trovati.

La bugia che amiamo

di Jessica Davis, madre adottiva negli USA che ha adottato dall'Uganda e co-fondato Kugatta, un'organizzazione che ricollega le famiglie ugandesi ai loro figli, rimossi tramite adozione internazionale.

La bugia che amiamo. Adozione.

Ho sentito dire che l'adozione è uno dei più grandi atti d'amore, ma è così? Forse ciò che è ed è stata l'adozione per la maggior parte delle persone non è davvero così "grande" come è stato descritto.

Invece di concentrarci sull'immaginario fiabesco della nuova "famiglia per sempre" che viene creata attraverso l'adozione, dovremmo concentrarci su come l'adozione significhi la fine di una famiglia; l'assoluta devastazione del mondo di un bambino con conseguente separazione da tutti e da tutto ciò che gli è familiare. Quando l'attenzione è fuori luogo, non siamo in grado di aiutare veramente il bambino e, di conseguenza, spesso riponiamo su di lui aspettative non realistiche. Aspettative di gratitudine, legame, assimilazione e persino aspettarsi che "passino avanti" dalle loro storie.

Quindi quale motivo è abbastanza accettabile per separare definitivamente una famiglia? Povertà? Se una famiglia è povera va bene prendere il proprio figlio? O non sarebbe più amorevole e più utile investire tempo e risorse nel potenziamento economico della famiglia in modo che possano stare insieme?

Se un bambino ha bisogni medici che la famiglia sta lottando per soddisfare, va bene prendere il loro bambino OPPURE è un atto di amore e decenza umana più grande assistere quella famiglia in modo che possano soddisfare i bisogni del loro bambino e rimanere insieme?

Se una famiglia è caduta in disgrazia, va bene prendere il proprio figlio? OPPURE dovremmo stringerci intorno alla famiglia e aiutarli nei momenti difficili in modo che possano rimanere insieme?

Che dire di un bambino che ha perso entrambi i genitori? Allora va bene adottare il bambino? O sarebbe un atto d'amore più grande assicurarsi prima che il bambino viva con i suoi parenti biologici, la sua famiglia? Perché è meglio creare una nuova famiglia con estranei quando ci sono parenti biologici estesi?

E se un bambino vive in un paese in via di sviluppo? Allora è meglio prendere un figlio dalla propria famiglia per dargli accesso a più “cose” e “opportunità”? Per dare loro una “vita migliore”? È anche possibile vivere una “vita migliore” separati dalla propria famiglia? OPPURE sarebbe un atto d'amore più grande sostenere quella famiglia in modo che il loro bambino possa avere accesso a più cose e opportunità all'interno del proprio paese? Per costruire il futuro di quel paese, investendo e sostenendo quel bambino in modo che possa diventare il meglio che può. In che modo aiuta un paese in via di sviluppo se continuiamo a portare via inutilmente i loro futuri medici, insegnanti, assistenti sociali, dipendenti dei servizi pubblici, ecc.?

Non so molto sull'adozione domestica, ma so molto sull'adozione internazionale e queste sono alcune delle tante ragioni che sento ripetutamente come convalida per la separazione permanente di un bambino dalla famiglia, dai parenti biologici e dal paese di origine.

Ai genitori e alla famiglia allargata non è stata data alcuna opzione (a parte l'adozione) quando cercavano aiuto/assistenza. Che scelta c'è quando c'è solo un'opzione data? Non solo alla maggior parte di queste famiglie non viene data alcuna opzione, ma spesso viene detto che il loro bambino starà "meglio" senza di loro e che tenere il proprio figlio impedisce loro di queste "grandi opportunità". Questa mentalità è sbagliata e dannosa per il loro bambino.

Gran parte della narrativa sull'adozione è costruita attorno alla necessità di "salvare" un bambino impoverito fornendo una "famiglia per sempre" ma 70%-90% di bambini adottati all'estero HANNO FAMIGLIE. Quali altre cose continuiamo a fare in adozione sapendo 4 volte su 5 che stiamo sbagliando?

Alcuni dicono che il più grande atto d'amore è l'adozione, io dico che il più grande atto d'amore è fare tutto ciò che è in proprio potere per tenere unite le famiglie.

Ho intitolato questo post La bugia che amiamo perché sembra che tanti di noi amino l'ADOZIONE (e la fiaba spesso da essa perpetuata) più di quanto amiamo IL BAMBINO stesso. Ciò è dimostrato ogni volta che un bambino viene inutilmente spogliato della sua famiglia e della sua cultura, il tutto mentre noi, come società, incoraggiamo e promuoviamo un tale processo. Questo accade quando prima non siamo disposti a fare il duro compito di porre le domande difficili; quando preferiamo ignorare la realtà a portata di mano e vivere la “favola” che qualche problema è stato risolto adottando un bambino che aveva già una famiglia amorevole.

Un giorno, spero che le cose siano diverse: che sempre più persone capiranno che non c'è una crisi orfana, ma piuttosto c'è un crisi di separazione familiare accade nel nostro mondo e l'adozione non è la risposta, anzi è parte del problema. L'adozione internazionale è diventata un'attività con enormi quantità di denaro da guadagnare e poche o nessuna protezione per i più vulnerabili perché la maggior parte di noi si siede nei nostri comodi primi mondi ed è felice con la favola. L'adozione è davvero la menzogna che amiamo!

Per saperne di più da Jessica, lei e il marito Adam sono stati recentemente intervistati in questo forse Dio podcast : Ogni orfano ha bisogno di essere adottato?.

Guarda l'altro di Jessica articolo all'ICAV e lei Buon problema podcast insieme a Lynelle e Laura come una serie in 3 parti di Leigh Matthews.

Le adozioni finlandesi sono simili a quelle olandesi.

di Sabina Söderlund-Myllyharju, adottato da Taiwan alla Finlandia.
Traduzione di Fiona Chow. Post originale qui in svedese.

Recentemente il mio feed di notizie di Facebook è stato inondato di importanti notizie provenienti da luoghi come Paesi Bassi, Svizzera e Svezia. I Paesi Bassi hanno sospeso tutte le adozioni dall'estero dopo che un'indagine ha rivelato abusi sistematici e adozioni illegali. Un'indagine simile è stata avviata in Svizzera. In Svezia, gli adulti adottati dal Cile, insieme a quelli di altre nazioni, stanno lottando per un'indagine a livello nazionale da attuare il prima possibile. 

Questo accumulo di vapore nel mondo delle adozioni ha iniziato a suscitare sentimenti dentro di me. Da molto tempo osservo una forte opposizione all'adozione da parte di adulti adottati negli ambienti internazionali in cui sono coinvolto sui social media. Ma fermare completamente tutte le adozioni? Mi suonava estraneo. Molti anni fa, la pensavo allo stesso modo, ma da allora mi sono reso conto che questo modo di pensare è un po' troppo radicale. Almeno, non finché ci sono bambini là fuori senza genitori.

L'altra sera, ho ascoltato una discussione in cui un genitore adottivo svedese si è apertamente intrattenuto con i bambini adottati illegalmente che ora chiedono alla Svezia di assumersi la responsabilità. Li ha sostenuti con tutto il cuore, anche se il suo fidanzamento rischia di portare conseguenze negative nella sua stessa vita. Mi ha scaldato il cuore che lei, come genitore adottivo, sia disposta a fare tutto ciò che è in suo potere in modo che i suoi figli in futuro non abbiano bisogno di mettere in discussione il sistema di adozione allo stesso modo dei bambini rubati di oggi.

La mia adozione non è andata come avrebbe dovuto, e questa è stata la fonte di una miriade di emozioni diverse dentro di me. Questi hanno spaziato dalla tristezza di non essere cresciuto con la mia famiglia biologica, alla vera rabbia per un sistema pieno di inadeguatezze. Com'è possibile che io sia stato trasportato da un continente all'altro con l'aiuto di documenti falsificati? Che i colpevoli siano stati ora processati e puniti è ovviamente giusto e giusto, ma perché non c'è mai stato alcun tentativo di riunire me e dozzine di altri bambini con le loro famiglie originali?

Allo stesso tempo, ho provato enormi sensi di colpa anche solo per aver pensato in questo modo, dato che ho avuto una bella vita qui in Finlandia. Chi sono davvero per lamentarmi? In realtà, non si tratta di non essere grati. Sono davvero grato per molte cose, non ultima delle quali ci sono i miei tre figli che stanno crescendo in un paese fantastico come la Finlandia. Tuttavia, sono grato di essere stato separato dalla mia madre biologica? Posso anche smettere di chiedermi perché i miei documenti di identità sono stati falsificati al momento dell'adozione? Sono stato venduto? È questo che voleva davvero mia madre biologica?

Sono passati molti anni dalla mia adozione e all'epoca gli accordi sono stati presi in privato, senza l'aiuto di un'agenzia di adozione, né la protezione che tale agenzia avrebbe fornito. Sono felice che le adozioni finlandesi di oggi siano regolamentate in modo completamente diverso, in modo che possiamo essere certi che le cose siano fatte in modo legale e corretto quando affidiamo i bambini all'adozione internazionale. Questo è il modo in cui è, non è vero? Sicuramente la nostra attenzione è su ciò che è meglio per il bambino, proprio come richiede la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia (UNCRC)? Sicuramente scegliamo di agire senza indugio quando sorgono attività sospette nel campo delle adozioni?

La mia speranza è che gli adottati, i genitori adottivi e gli adottanti possano essere certi che tutti coloro che lavorano con l'adozione in Finlandia siano, con buona coscienza, in grado di dire che tutto funziona come dovrebbe. Spero sinceramente che le agenzie di adozione come Interpedia, Save the Children e la città di Helsinki siano state silenziose per così tanto tempo perché non hanno assolutamente nulla da nascondere. 

Allo stesso tempo, difficilmente posso essere l'unica persona a pensare che un'indagine statale indipendente sia attesa da tempo, anche in un paese come la Finlandia.  

Il problema del discorso sull'adozione occidentale

di Hilbrand Westra, adottato dalla Corea del Sud ai Paesi Bassi; fondatore di Adoptee Foster Coaching (AFC); assegnato il Ordine di Orange-Nassau per i suoi contributi alla comunità degli adottati dei Paesi Bassi. Il testo originale in olandese qui.

#AL'adozione non è un diritto universale, ma è un diritto occidentale.

Se l'adozione è veramente ed essenzialmente buona, allora dobbiamo consentire le adozioni in e da tutti i paesi. I principi per l'adozione dei bambini (sociali, economici, medici, ideologici, psicologici, (post)cristiani, scientifici e politici, ecc.) devono poi essere applicabili e giuridicamente validi per tutti. L'adozione deve quindi diventare parte di un diritto universale ovunque e per chiunque nel mondo.

Quindi tutti i futuri genitori adottivi possono ricevere sostegno finanziario e fiscale da tutti i governi dei loro paesi. Come per anni i costi di adozione erano fiscalmente deducibili nei Paesi Bassi e negli USA dove esistono i cosiddetti prestiti per l'adozione. Alcuni nei Paesi Bassi hanno ottenuto un prestito privato dalle banche o sono stati sponsorizzati finanziariamente dai membri della famiglia per poter adottare bambini da madri in difficoltà finanziarie.

Torna alla consulenza internazionale. Possiamo classificare al meglio le adozioni come parte delle relazioni estere. Possiamo quindi finalmente vedere l'adozione come una forma esclusiva di cooperazione allo sviluppo e come una forma esclusiva di migrazione, ovviamente senza i genitori dei bambini. Quindi potrà finalmente essere trasferito ai ministeri degli affari esteri, ma ci arriverò tra un momento.

Forse un fatto divertente, l'adozione in Corea del Sud era gestita dal Ministero del Commercio. Sì, sì sapevano già di cosa si trattava allora.

CONFINI APERTI

Se c'è accordo sul fatto che si tratta di un diritto universale, allora i Paesi Bassi devono anche spalancare le porte alle adozioni ad altri paesi da e per i bambini meno fortunati nei Paesi Bassi, ad esempio i bambini che non trovano un affidamento, vivono al di sotto della soglia di povertà, figli di genitori single, figli privi di assicurazione sanitaria, figli di rifugiati, figli espulsi dall'autorità genitoriale o figli di genitori in conflitto, figli che ricevono un'istruzione migliore altrove o opportunità che altrimenti non avrebbero Paesi Bassi.

Ciò significa che dobbiamo accettare agenzie di adozione da Stati Uniti, Canada, Australia e altri paesi europei, nonché da Cina, Arabia Saudita, India e Russia e tutti gli altri paesi in cui l'economia sta riprendendo. Dovrebbero Tutti avere diritto alla fornitura di bambini nei Paesi Bassi.

ACCORDI COMMERCIALI INTERNAZIONALI

Perché non un accordo commerciale transatlantico di adozione su questo argomento. È già stato classificato come Child Industrial Complex nelle scienze sociali (Cheney et al). In realtà, non stiamo giocando in modo completamente corretto ora. Abbiamo accesso, in particolare ai paesi non occidentali, ma non viceversa.

Se davvero crediamo che le attuali argomentazioni a favore dell'adozione siano universalmente legittime, allora dovremmo essere in grado di applicarle anche a uno scambio reciproco di bambini con altri Paesi. Quella che chiamiamo la situazione di dentro e fuori nel gergo delle adozioni come negli Stati Uniti.

La conseguenza è che la Convenzione dell'Aia sull'adozione deve essere abbandonata, non che i Paesi Bassi se ne preoccupino affatto, anche se la sede permanente è nei Paesi Bassi, ignora già il principio di sussidiarietà (prendetevi cura dei vostri figli prima di poter adottare dentro e fuori) . Occorre quindi creare una cosiddetta parità di condizioni. Gioco libero e libera scelta dei bambini per tutti.

POTENZIALI GENITORI CINESI NEI PAESI BASSI

Me lo immagino già, orde di coppie e single cinesi senza figli che si recano nei quartieri svantaggiati di Amsterdam, Rotterdam, Utrecht e L'Aia per selezionare i bambini. Oppure i più furbi vanno in provincia, alla ricerca di giovani madri nubili senza sostegno familiare. Questi vengono poi inseriti in un database in modo che anche altri futuri genitori adottivi in Cina possano scegliere dal catalogo online l'analisi di età, sesso, colore, salute, background, valore del DNA e costi-benefici (a partire da € 25.000). Qualcosa che ora è permesso nei paesi non occidentali.

ISCRIZIONI ARGENTO E ORO

E ci sarà un elenco di fornitori preferiti per i paesi che pagano di più e hanno più interessi politici. Possono scegliere prima! O che dire dei paesi islamici che usano i soldi del petrolio per comprare bambini per conquistare anime nelle regioni della cintura biblica. Almeno lo stesso numero di bambini che hanno adottato in queste regioni dovrebbe quindi essere disponibile dal lato olandese per le regioni musulmane. Sono diverse migliaia. Sembra una grande idea per una solida base negoziale per la pace e il commercio con le superpotenze islamiche. Le prove di tali compromessi ci sono già.

POLITICA E BUSINESS COME AL SOLITO

Che dire dell'adozione di bambini per servizi politici/imprenditoriali come l'ex cancelliere federale Schröder (allora 60 anni) che più o meno ha ricevuto un bambino da Putin nel 2004. In segno di ringraziamento, una delegazione di affari è venuta a conoscere la Russia. Tutta questa vicenda dell'adozione è stata minimizzata e nascosta dal governo tedesco, ma nel frattempo ai servizi segreti tedeschi e russi è stato ordinato di mantenere la "trasmissione del n. 4" nella giusta direzione.

A COSA NON SERVE LA DIFESA?

E che dire dei parlamentari belgi che hanno usato aerei militari belgi per tenere adozioni private dietro le quinte o per cooperare a "evacuazioni" su larga scala dei cosiddetti bambini indifesi dal Congo. Come lo sappiamo di nuovo? Oh, le operazioni Babylift in Vietnam da parte dell'aviazione USA.

In altre parole, ci sono buoni affari da fare con e per i bambini, certamente a livello internazionale.

Una condizione è che non ci possa essere una prima scelta segreta per la classe media benestante dei Paesi Bassi da adottare a livello nazionale. Dopotutto, il gruppo olandese per bambini entrerà improvvisamente a far parte del mercato internazionale dei bambini (M. Riben).

PARI AUGURI PARI OPPORTUNITÀ

Cosa ne pensate della proposta di cui sopra?

Ai futuri genitori adottivi dei Paesi Bassi viene data carta bianca e possono scegliere ciò che vogliono (sono proprio come gli animali che i bambini, come descrive la madre adottiva Karen Gregory nelle sue parole sul giornale Trouw) ma anche altri aspiranti genitori adottivi non occidentali possono scegliere e consegnare nello stesso modo in cui si fa nei Paesi Bassi. Sembra un ottimo piano considerando che offrirà pari opportunità a tutti.

O si. Forse un'opportunità per aziende come Thuisbezorgd e Deliveroo di attingere a un mercato nuovo e internazionale? Il margine di guadagno è enorme. Nelle ore di punta, una media di $ 2,5 miliardi all'anno sono stati spesi in adozioni internazionali.

Se questo mercato aperto esiste, è solo questione di tempo che una star del cinema o una celebrità americana presenti una causa contro i Paesi Bassi per non aver ottenuto ciò che ha ordinato...

E c'è una buona probabilità che i multimilionari stranieri escogitino determinati sussidi sui progetti in modo che possano acquistare e riscattare la fornitura preferita per anni. Tutto sembra un buon piano ora che l'economia olandese può sfruttare una spinta in questo periodo di COVID.

VALORE DI MERCATO IN CALO

Sfortunatamente, il piano di cui sopra in realtà non ha alcun impatto a lungo termine. Viene rilevato da un nuovo mercato. Vale a dire quello della maternità surrogata commerciale e dei bambini firmati che puoi mettere insieme con il materiale del DNA come desideri. Chi vuole allora un figlio di seconda mano?

NUOVI TRATTATI CON LE STESSE SCAPOLE

Ma come sembra ora, quel mercato ha scoperto le scappatoie dell'adozione internazionale e vuole un trattato simile alla Convenzione dell'Aia per l'adozione. Ne abbiamo già discusso a livello internazionale nel 2016. I più intelligenti tra gli avvocati, molte giovani donne bianche che dicono di prendersi cura di altre donne nel mondo (o ciò che conta per loro, il controllo delle madri surrogate per un periodo di gestazione sano) hanno visto la loro possibilità . La solidarietà con le altre donne cessa improvvisamente quando si tratta di bambini. Quindi vengono rilasciati gli "istinti animali", per usare ancora le parole di Gregory.

In fondo sulla carta sembra tutto regolato eticamente, ma tutto subdolo è possibile perché appena c'è un trattato nessuno può e non ha più bisogno di controllarsi a vicenda, e tutto è possibile. Lunga vita alle leggi sui trattati internazionali.

CONSUMATORI DI SCHIZOFRENE

Nel frattempo, sono state raccolte più di 9.000 firme per revocare lo stop temporaneo alle adozioni internazionali nei Paesi Bassi. Tuttavia, questo gruppo di petizioni non vuole approfondire i retroscena dell'argomento in cui sono impegnati in quanto consumatori. Forse Benjamin Barber ha ragione nel suo libro, The Infantile Consumer.

Introduce quello che chiama "l'ethos infantilista": l'ideologia capitalista che riduce i cittadini responsabili a consumatori docili e sostituisce il bene pubblico con la proprietà privata. Barber mostra come i consumatori adulti si infantilizzano in un'economia globale che genera una massiccia sovrapproduzione di beni e si concentra principalmente sul bambino come consumatore. Analizza acutamente le conseguenze di questo sviluppo per i nostri figli, la nostra libertà, cittadinanza e democrazia.con

EDONISMO 2021

Molto tempo fa, quando ho letto il libro di Aldous Huxley, "A Brave New World", ho avuto i brividi che questo potesse essere vero. Ed ecco, è già qui. Se questo è corretto, allora è vero anche il teorema di Hannah Arendt. Peggio ancora, la storia lo ha già dimostrato. Il mostro umano risulta avere un volto ordinario di 'uomo o donna normale' che non è servito da un No. Cerca l'immediata soddisfazione dei bisogni individuali e del divertimento. Possibilmente a spese di altri. Questo si chiama edonismo.

FINE DEL FEMMINISMO 3.0

Anche il femminismo sembra fermarsi ai confini del mondo occidentale, e le donne di colore sembrano rimanere ansiosamente silenziose su questo argomento. Dopotutto, vogliono tutto ciò che hanno anche le donne bianche dominanti: libertà, bellezza, potere, prestigio e anche figli di un altro, se conviene. Anche se costa una perdita esistenziale per i diretti interessati; genitori e figli.

LA SAGA DI HOLLYWOOD

Nel frattempo, Hollywood e Walt Disney prendono in dono il tema dell'orfano e dell'adozione e non mettono più in discussione la sofferenza di Dombo, Bambi, Superman e tanti altri esempi. Dopotutto, la gente ricorda principalmente il lieto fine di Annie (The Musical), per esempio, ma non quello che l'ha preceduto. Dopotutto, il consumatore vuole il prodotto finale ma non la responsabilità del processo in anticipo.

PORNO DI ADOZIONE

Da allora, sembra esistere qualcosa come #adoptionporn. Orde di olandesi siedono ogni settimana davanti alla TV con i fazzoletti pronti a farsi bene con il programma 'come Spoorloos ed. indirettamente permette in questo modo. Il prezzo? Esposizione nazionale della sofferenza.

FINALMENTE

Ma chi paga davvero per quella sofferenza? Di solito non i consumatori. Sono solo utenti finali.

Termino con una citazione del Dr. Jordan Peterson.

"I tuoi diritti, diventano la mia responsabilità."

In altre parole, il tuo diritto diventa una mia responsabilità. Ciò che rivendichi come diritto deve quindi essere fornito e protetto da altri. La domanda è e rimane, a che prezzo?

Ripristina la connessione degli adottati haitiani con i loro genitori biologici

di Sabine Isabelle adottato da Haiti a Canada.

Ripristinare i legami tra gli adottati di Haiti nati come genitori sconosciuti e i loro genitori biologici.

Il lato oscuro

Prima del 1 aprile 2014: data della firma della Convenzione dell'Aia ad Haiti. Migliaia di adottati senza identità sono stati adottati a livello internazionale con una menzione nata da madre e padre sconosciuti o talvolta il nome dell'unico genitore. Tra i suoi figli, molti sono stati purtroppo affidati alla non piena adozione attraverso tratta di esseri umani di ogni genere. Alcuni bambini vogliono semplicemente trovare la loro famiglia biologica perché sentono di non avere accesso alla loro storia medica, alla loro identità legittima.

Gli studi hanno dimostrato che molti bambini provenienti da adozioni vivono con traumi con impatti psicologici che vanno dal suicidio agli effetti sullo sviluppo neurologico dovuti alla loro adozione. Diversi sono stati affidati a famiglie adottive benevole ma poco preparate ad accogliere un bambino indebolito dalla ferita dell'abbandono, inoltre molti di questi hanno sperimentato un doppio abbandono dei propri genitori adottivi essendo inseriti in un centro di accoglienza o in una seconda famiglia adottiva.

Una piccola frazione di genitori biologici sta lentamente iniziando a trovare i propri figli biologici. Alcuni testimoniano di non aver consapevolmente dato in adozione i propri figli, ma di averne piuttosto affidato temporaneamente i beni e che al loro rientro in orfanotrofio il bambino fosse stato dato in adozione senza il loro consenso e senza alcuna possibilità di informazioni per trovare un contatto con questo bambini in altri casi di genitori biologici è stato detto che il genitore biologico era morto quando è falso e tante altre situazioni non a tutti nominate. Questo è un bambino che è stato adottato ha detto senza identità reali e / o senza identità dei loro 2 genitori biologici non era al di là di un ragionevole dubbio, adottabile. Indagini, tesi e numerose testimonianze mostrano inoltre che solo 10% di questi bambini erano in realtà davvero orfani. Poiché alcuni di noi sono ora abbastanza grandi da prendere provvedimenti per trovare le nostre famiglie biologiche, siamo stupiti di assistere a tutti questi difetti nascosti.

Un altro problema è all'orizzonte: fallimenti per essere aiutati dalle varie strutture come: orfanotrofio, ospedale che ci chiede di donare somme di denaro per ottenere le nostre informazioni legittime… Quindi eccoci nuovamente di fronte ai cosiddetti Buon Samaritani che ci offrono svolgere la nostra ricerca per loro anche una somma di denaro, un circolo destrutturato e corrotto che continua. È un richiamo alla malvagità. Come si fa a distinguere il buono dal cattivo samaritano straniero? Abbiamo e lasceremo una vuota eredità di identità che lasceremo ai nostri figli e alle nostre generazioni future. Come pionieri di questa generazione sperimentale sull'adozione internazionale ad Haiti, chiediamo il vostro sostegno in tutte le sue forme per ristabilire l'equilibrio.

Presentazione originale in francese

Rétablissont les liens entre les adoptés d'Haïti nés sous l'appellation de genitori inconnus et leurs genitori biologici.

Le côté cupe 

Avant le 1ehm avril 2014 : data della firma della convenzione de La Haye en Haïti .Des milliers adoptés sans identité ont été adoptés à l'international con una menzione nées d'une mère et d'un père inconnu ou parfois le prénom d'un seul genitore . Parmi ses enfants, plusieurs ont été confié malheureusement à l'adoption non plénière à travers un trafic d'humain de tout gender. Certains enfants veulent tout simplement retrouver leur famille biologique puisqu'ils estiment ne pas avoir accès à leur antecédents médicaux, leur identité légitime. 

Gli studi sui problemi relativi ai vantaggi per i bambini sulle adozioni vissute con i traumi sono gli impatti psicologici legati al suicidio e agli effetti neurologici sviluppati a causa dell'adozione del bambino. Plusieurs ont été confiés à des familles adoptives bienveillantes mais mal préparées à accueillir un enfant fragilisé par la blessure d'abandon, d'ailleurs nombreux de ceux-ci ont vécu un double abbandonare de leur genitori adottivi en étant placéeille dans uncueou unaccueou deuxième famiglia adottiva. 

Une infime partie de genitori biologici beginnt tranquillement à retrouver leur enfants biologique. Certain témoignent ne pas avoir données leur enfants à l'adoption en tout connaissance de cause mai plutôt les avoirs confiés temporairement et qu'à leur retour à l'orphelinat l'enfant avait été donné en decision sans cuneo consenso et sans information pour retrouver le contact avec cette enfants dans d'autres cas des genitori biologiques se sont fait dires que le parent biologique était mort alors que c'est faux et tant d'autres situazione pour ne pas tous les nommés. C'est enfant qui ont été adoptés dit sans réel identités et/ou sans identités de leurs 2 genitori biologici n'était pas hors de doute raisonnable, adottabile. Des enquêtes, thèse, et nombreux témoignages présentent également que seulement 10 % de ces enfants étaient en fait réellement orphelins. Può essere certo che de nous sommes maintenant assez âgés pour entreprendre des démarches de recherche pour retrouver leur famille biologica, nous assistons avec stupéfaction à tous ces vices cachés. 

Un altro problema è all'orizzonte ; fautes de se faire aider par les diverses établissement tel que ; orphelinat, hôpital qui nous demande de donné des sommes d'argent pour obtenir nos renseignements légitime… Nous voilà donc nouvellement confronté à de soi-disant bon samaritains qui nous offre d`effectuer nos recherche moyennant eux aussi une somme d'argent, une cercle sans structure et corrompus qui se perpétue. C'est un appel à la villigence .Comment distinguer le bon du mauvais samaritain étrangé ? Nous avons et nous laisseront un héritage identitaire vide que nous laisserons à nos enfants et nos futures générations. En tant que pionniers de cette génération expérimentale sur l'adoption internationale sur Haiti nous demandons votre soutien sous toutes ses formes afin de rétablir l'équilibre.

Italiano
%%piè di pagina%%