Cultura Pop e Gente di Colore

di Benjamin Kelleher, nato in Brasile di origini africane e adottato in Australia.

La cultura pop e la sete di TV americanizzata e la visione dei media hanno mascherato, diluito o interferito con il processo di adozione transrazziale che si collega alla loro storia biologica?

Ciò che ha acceso il mio interrogatorio sul colosso dei media è stato il recente passaggio di una data importante nella mia stessa eredità. 13 maggio 2022 ha segnato il 134° anniversario del giorno in cui il Brasile ha ufficialmente abolito la schiavitù. Essendo un afro-brasiliano adottato dall'estero, puoi immaginare il mio interesse per il movimento per i diritti civili, il movimento Black Lives Matter (BLM) e qualsiasi argomento che copra la storia moderna della grande diaspora africana e questa data in particolare.

Ma potresti chiedere, perché la mia domanda iniziale? Ebbene, quello che alcuni potrebbero non sapere, è il fatto che mentre le stime variano da fonte a fonte, circa 40% degli africani sono stati rimossi e ricollocati con la forza ai nuovi mondi durante la tratta degli schiavi transatlantica finito in Brasile al contrario del 10% ricevuto dagli Stati Uniti. Un altro fatto è che mentre la Gran Bretagna ha messo fuori legge la schiavitù nel 1807, gli Stati Uniti nel 1865, il Brasile è stato ufficialmente l'ultimo del mondo occidentale ad abolire la schiavitù nel 1888. Quindi, in sostanza, mentre il presidente Lincoln stava liberando gli schiavi negli Stati Uniti, il Brasile ha avuto altri 23 anni di tagli economici, sulle spalle degli africani.

Con la morte di George Floyd e il movimento BLM che ha colpito TV, telefoni e qualsiasi cosa con uno schermo nel 2020, la difficile situazione dell'uomo di colore è stata nuovamente portata nella visione del mondo e un punto di discussione per molti in tutto il mondo. Molti hanno nuovamente guardato agli Stati Uniti con le sopracciglia alzate per quanto riguarda il trattamento istituzionalizzato delle persone di colore (POC). Nel corso dell'anno successivo il movimento BLM ha preso forma in molti paesi. Quello su cui certamente non ricordo di aver visto alcun rapporto, era il fatto che nel 2021, secondo il Washington Post, 56% della popolazione brasiliana erano neri ma costituivano 79% di morti per mano della polizia nello stesso anno. Il 2021 ha visto anche 67% della popolazione carceraria indicati come neri.

Essendo stato adottato in Australia, a volte sono alquanto perplesso che possiamo avere una tale pletora di film, libri, documentari, blog e podcast che alimenteranno il bisogno di conoscenza su questo argomento quando si parla specificamente della storia americana. Tuttavia, per trovare lo stesso livello di informazioni su paesi come il Brasile, o anche la storia australiana di come abbiamo trattato i nostri indigeni e POC, bisogna essere disposti a scavare un po' di più e lavorare sulle gambe.

Parlando da una prospettiva di adozione transrazziale, posso vedere come ciò non influirebbe in modo significativo sui miei coetanei di carnagione anglosassone. Tuttavia, per quelli di noi, che a volte possono aver lottato o trovato difficile stabilire connessioni con la nostra storia biologica e in una certa misura l'identità, questo sembra costituire un altro ostacolo sulla strada delle complessità che possono essere l'esperienza vissuta dell'adozione internazionale.

Quindi, ancora una volta, concludo il mio sfogo chiedendo, stiamo perdendo un maggiore senso della storia mondiale e restringendo il nostro campo di vista quando si tratta della storia di una moltitudine di etnie e POC nel tentativo di continuare a divorare la cultura pop americana attraverso i media e come sottoprodotto, sono le viste storiche?

Puoi seguire Benjamin @ Insta su il_tranquillo_adottato o controlla la sua breve intervista un giro Risorsa video.

risorse

Africa ridotta in schiavitù

Sue-Yen Bylund sul razzismo

Il 3 aprile 2022, un gruppo di 19 adottati internazionali australiani ha partecipato a una consultazione dell'ICAV per la Commissione australiana per i diritti umani (AHRC) che hanno sviluppato un Carta concettuale per un Quadro nazionale contro il razzismo. Riteniamo che gli adottati internazionali/transrazziali siano sottorappresentati nelle discussioni razziali in quasi tutti i paesi adottivi e volevamo assicurarci di avere voce in capitolo. I prossimi blog saranno una selezione degli input degli adottati che hanno partecipato per dare una visione più sfumata della nostra esperienza vissuta di razzismo e dei nostri pensieri su ciò che deve essere fatto per sostenerci meglio.

di Sue-Yen Bylund, adopted from Vietnam to Australia, ICAV VIC Representative

Racism is here to stay. It is enmeshed in the very fabric of society, at every level. It manifests within us as individuals, at a systemic level pervading our policies and practices, reflected in our interpersonal behaviours and is accumulated and compounded in the base structures of our history, culture and ideology.

In order to mitigate the harm caused by racism we must be actively anti-racist. It is not enough to merely be “not racist”, as this, often results in a passive racism, which is as equally toxic as overt racism. Tolerance is a poor substitute for acceptance. Tolerance offers tokenism and indifference. Acceptance offers a place for all voices, a public validation as individuals and a genuine place at the table to self-determination.

Every person carries their racial biases differently. Acknowledgment of these biases on a personal individual level is important, however being open to listening, validating and accepting the experiences of others takes courage. 

My expectation within this forum, is to offer to an opportunity to broaden the discussion of anti-racism to embrace all forms and manifestations of racism within Australian society today. To offer encouragement to address the complex “grey” zones of racism. Through this broadening a more mature collective and inclusive voice will evolve, which I believe Australia is ready to share with the world.

The foundations of my identity lie amongst the chaos of war time Vietnam 1974. Within the first 3 weeks of my life, I experienced my initiation into the full audio and aromatic reality of war, surrounded by screaming and traumatised children and adults. Racial identity did not protect any of us from the horrors, what we all absorbed would remain forever with us as visceral burdens to tame. War and terror are the greatest levellers in stripping even the bravest to the very foundations of humanity. And then in one swift spin of the planet I would find myself a world away in the eerie quiet and calmness of Perth, Western Australia. This journey would also mark the beginning of a life’s self-education of racial fluidity. Being one heart and soul, but a chameleon of racial identities. Born of one culture, raised in another, looking as though I belong to one group, but in at my core, I belong to another, the duplicity and fluidity is complex and exhausting.

The need to feel safe, accepted, understood and validated seems to be a naturally human pursuit. As an intercountry adoptee the journey is complex and confusing. We slip into the cracks of racial stereotypes offering up apologetically a reason for inclusion or explanation for exclusion. Either way no matter where we are in our communities we are an anomaly. We are constantly offered up as a reminder that a book shouldn’t be judged by its cover and if you care to listen carefully, you will hear the simple request for safety and acceptance.

My childhood cultural identity was shaped through the lens of middle class suburban 1970’s Australia. It was fortunate that the primary school I went to attracted a good proportion of Asian immigrant families. This enabled me, at a young age to observe the “other” type of Asian. The Asian person who spoke the language, ate the food, complied with the Asian cultural norms, while they themselves were carving out the unique existence in post “White Australia Policy” era. It was clear to me from the very beginning that I was an “Asian variant”. I was to experience racial prejudice from all sides. My immediate family comprised of a white Australian adoptive mother, a white Dutch (first generation migrant) adoptive father and their two biological white sons. Straddling my home and school environments I began to acknowledge the fragmented racial identity which was uniquely mine.

I would learn to instinctively navigate the pros and cons of racial profiling expressed by adults and classmates. At times it afforded me a shield to hide behind, at other times it just bewildered me at how ignorant and entitled people could be. 

Teachers would regard me with the marginalising stereotype of female Asian student, this meant that no matter what I did, or didn’t do, I was considered polite, conscientious and studious. This enabled me to glide through my studies relatively smoothly. Where this backfired was when I would be herded together with all the Asian “look-a-likes” to be given special instructions in Chinese/Cambodian/Vietnamese. There were always a few of us that would simply shrug our shoulders, knowing it was too hard to explain to the teachers that English was in fact our only language. 

Classmate interactions were more complex. While they seemed to want to flex their insecurities through bullying behaviours, I suspect they would often leave these bullying interactions more confused and with increased insecurities about themselves. They would corner me and spit out racial slurs “Ching Chong!”, “Go back to where you came from!”, “Asians out!” with the standard accompanying slanted eye gesture. I learnt very early to lean into the bullying. To not turn away in shame or embarrassment, I summoned the  airs of entitlement I learnt from my white Australian family. It was an educational opportunity. I would not show weakness. So armed with a vocabulary not generally associated with a small Asian female of 11 years I would lean in and say with a perfect Aussie twang, “Get f***ed you immature ignorant bigot!” While they processed the response in stunned silence, I was already half down the hall or across the oval. When I think back to those times, I know in my heart I still hold a deep resentment toward those who racially vilified me. The fact I could still name those individuals today shows how deeply it affected me. I built a wall to protect myself, a tough persona that would later in life be softened with self-depreciating humour. 

Humour has become one of the most powerful tools for disarming awkwardness though it should be noted that humour can only be genuinely offered by me (the vilified) otherwise it can have the effect of adding insult or increasing alienation.

Australian society in general is getting better at navigating racially blended families. However, there have been times where an awkward visual double take or racial slur has been reconsidered once formal introductions have concluded. 

For example, my adoptive mother is the personified “white saviour” heroine and therefore in this narrative, I embody the role of a grateful saved soul. There is no place in this narrative version for reality and it only serves to perpetuate the stereotypes. This distilled classification of our relationship as an adoptive mother and daughter has resulted in a chasm of empathy where my experience of racial prejudice and marginalisation cannot be reconciled with my adoptive mother’s version of my lived experience. She cannot/will not acknowledge that I have/do experience any racial prejudice. It’s unfathomable and therefore remains a taboo subject between us. I would suggest a classic case of “colour blindness” which is the most common manifestation of passive racism. Let me strongly suggest that racial “colour blindness” is not a positive construct to build a relationship in. I don’t advocate for a monochrome world. It cancels out important conversations that need to be had to build empathy and understanding. It bypasses the integral act of individual and collective validation.

A typical interaction in a social setting with my white husband, would start with a few awkward glances while people assessed my proficiency in English. Once the conversation has warmed up a little, the question is always asked “How did you two meet each other?” At this point all newbies begin listening in the hope to hear some spectacular Tinder dating app story with me gaining Australian citizenship when we married. Sad to say the story takes an epic sad tone when it is revealed I was a baby from the Viet Nam war. The conversation moves very quickly from one set of stereotypes to another. The chameleon game is afoot. We have now moved into the Viet Nam war genre and to be honest the racial stereotypes are just as nauseating. As the conversation peters out, I am left with a very uncomfortable feeling that I might be the daughter of a B-Grade war romance story of a soldier and prostitute but on the positive side, I have ruled out that I am a “mail order bride” from Asia desperate to get my claws into a rich white “sugar daddy”. Either way, I always leave these gatherings feeling like I have shared way too much about myself, simply to justify my equal status at the table of white Australians. Needless to say, it’s exhausting and incredibly invasive. At times my inner evil chameleon just wants to re-enforce the stereotypes rather than use my life as an education case study. In the end I see curiosity is better than fear and putting examples forward and building knowledge is a slow continuous but necessary journey.

With regards to my children, I am conscious that they physically are racially ambiguous. They could have genetic origins from various backgrounds, but once I stand next to them then it becomes evident their dark features come from me and they are of Asian origins. My daughter has experienced racial slurs from having an Asian looking mother. It wasn’t until she spent her gap year in Viet Nam that she developed her own understanding of her origins. She has in fact spent more time in Viet Nam than me. 

School parent social groups are an interesting micro society and navigating them is a full-time job. In the private school my children attended I had two very distinct social groups that I interacted with. One was a group of Asian looking mothers where I felt like an honouree member. I learnt Asian cultural things and etiquette that I didn’t get elsewhere. I did a lot of listening. The other group were all Anglo-Saxon looking mothers and I was dubbed the “token” Asian (humorous chameleon!) These girlfriends understood how I saw the world. It’s in these situations that I reflect on the sophistication of my chameleon gift and in a positive moment reflect on the bridges I can construct between the groups just through listening and sharing.

There is a niche and powerful position that intercountry adoptees have in the conversation around racism and prejudice. It’s borne from the hybrid and fluid nature of our self-identities. We exist in the space between cultures and races. The triumphal story of our survival is in fact a narrative of weaving together of cultures, racial identity, tolerance and acceptance. Intercountry adoptees must reconcile the disparity between the physical and internal nature of racial identity, because at every turn we are challenging the stereotypes and presumptions. As an Asian in white Australia, we challenge the mainstream colonial stereotypes, as an Asian in Asia, we find ourselves challenging the long-held stereotypes in our birth culture. We belong to both yet neither wholly. 

If I was to consider the future of racism in context of Australia, I would continue to raise the challenge to government and individuals to embrace the complexity. Find the words, create the platforms, lead with optimism. Systemic racism embedded in the policies and practices by government and institutions needs to be constantly questioned and reviewed to ensure it leads in activating change. Structural racism that unpins mainstream think-tanks needs to be shaken loose. It is an uncomfortable and confronting task, but I believe Australia is mature enough to take this task on. Interpersonal racism is very difficult to navigate as an intercountry adoptee, but the freedom to express an alternate reality from the stereotypes is a good platform to build upon. Internalised racism is insipid and so very damaging. We want to move from passive tolerance to active validation of individuals. 

Ongoing political bi-partisan support for research and consultation is an essential investment to engage in effective societal change. A firm commitment to reviewing and evaluating key milestones is required for accountability and integrity.  Educational resources coupled with public awareness and youth engagement are core to developing a more mature future for all Australians.

For more from Sue-Yen, read her Riflessioni sull'ANZAC Day, her contribution to Cosa c'è in un nome? and advocacy with Green’s Senator meeting.

Risorsa

Read ICAVs small collation on Color blindness in Adoption

Gabbie Beckley sul razzismo

Il 3 aprile 2022, un gruppo di 19 adottati internazionali australiani ha partecipato a una consultazione dell'ICAV per la Commissione australiana per i diritti umani (AHRC) che hanno sviluppato un Carta concettuale per un Quadro nazionale contro il razzismo. Riteniamo che gli adottati internazionali/transrazziali siano sottorappresentati nelle discussioni razziali in quasi tutti i paesi adottivi e volevamo assicurarci di avere voce in capitolo. I prossimi blog saranno una selezione degli input degli adottati che hanno partecipato per dare una visione più sfumata della nostra esperienza vissuta di razzismo e dei nostri pensieri su ciò che deve essere fatto per sostenerci meglio.

di Gabbie Beckley, adottato dallo Sri Lanka in Australia, assistente sociale clinico.

Parlare contro il razzismo è responsabilità di tutti

Ho sperimentato molte e varie forme di razzismo nei miei 40 anni di vita, cammino e respiro in questo mondo. Mi ha colpito in così tanti modi, come faccio a scriverli tutti? Sono cresciuta navigando in questo mondo imbiancato come una donna orgogliosa di colore, tuttavia essere orgogliosa di chi sono e di ciò che sono diventata nella mia vita non si escludono a vicenda. Ci sono voluti molto duro lavoro, ricerca dell'anima e riflessione consapevole molte volte per diventare la persona più evoluta che sono fino ad oggi, e sono un costante lavoro in corso.

Ho molte storie familiari di razzismo, che ora possono essere viste per quello che erano, nel tempo, nel luogo e nel contesto generazionale dall'oratore, non un riflesso della mia famiglia nel suo insieme.

Uno dei primi ricordi che ho è che mi è stato detto che un membro della mia famiglia ha detto: "Nessun bambino nero porterà il mio nome!" Ma una volta che sono stato messo tra le braccia del mio familiare, tutte le cazzate razziste sono svanite e sono stato trattato come tutti gli altri. Crescendo, a mia volta ho avuto un grande amore e rispetto per questa persona, ho perdonato la loro ignoranza e mi sono concentrato sul nostro amore condiviso per il cricket e il footy!

Ho avuto esperienze durante gli anni della scuola primaria che posso ancora ricordare come se fosse ieri. Essere preso a calci negli stinchi per essermi opposto a me stesso, per essere entrato in alterchi fisici con bulli razzisti. Perché gli insegnanti mi dicono: "Mi vergogno di venire dal tuo stesso paese".

Sono stato chiamato con la parola N più volte di quante ne possa contare. Ho sperimentato razzismo palese, nascosto, intenzionale e non intenzionale per tutta la mia vita. Sono stato profilato razzialmente dalla polizia, sono stato seguito nei centri commerciali dalle guardie di sicurezza.

Ho lavorato in luoghi di lavoro in cui le persone mi hanno detto "da dove vieni" e che dire dei tuoi "veri genitori". Ho avuto persone che mi hanno detto: "Il tuo inglese è così buono per qualcuno che non è nato qui". Ho avuto un capo che non mi parlava per mesi a causa di qualcosa che percepiva che avevo fatto di sbagliato. Ma non era il caso, era solo uno stronzo razzista ed ero così felice di lasciare quel posto di lavoro ed entrare nel posto di lavoro dei miei sogni!

 Non mi sono state date opportunità per promuovere la mia carriera a causa degli atteggiamenti, dei risentimenti e della meschina gelosia delle persone, che in realtà si riducono al fatto che non vogliamo lavorare per una persona di colore.

Sono stato sottovalutato, licenziato, sottovalutato e non ho visto per tutta la mia vita, motivo per cui probabilmente sono attratto dal lavoro sociale e dalla lotta per i perdenti e dal tentativo di smantellare le disuguaglianze strutturali che rimangono così radicate nella nostra società.

Sono un combattente, sono un guerriero della giustizia sociale, credo fermamente nel potere di fare la differenza e un impatto positivo sulle azioni delle persone, credo nella gentilezza e nel dare alle persone un fair-go.

In che modo questo ha avuto un impatto su di me? Ebbene, mi considero una persona che pensa e riflette profondamente sulle mie azioni e decisioni. Ho avuto la conversazione "cosa fare se vieni fermato dalla polizia" con i miei figli, sulla scia degli omicidi ben pubblicati di George Floyd, Tamar Rice, Brianna Taylor, e per non dimenticare la tragica storia delle nostre prime nazioni le persone con il più alto tasso di carcerazione per i giovani e tutte le morti nere in custodia di cui nessuno è o è stato responsabile. Sono triste, sono arrabbiato, sono costernato dal fatto che questo sia lo stato attuale delle cose in cui io e i miei figli viviamo. Eppure ho speranza, speranza che possiamo costruire una comunità che porti al cambiamento, che lavori con simili... persone di mentalità che condividono la mia passione e guidano per un cambiamento positivo.

Le mie esperienze di razzismo hanno plasmato la persona che sono, il genitore che sono e l'assistente sociale che sono. Ha un impatto sui miei pensieri, azioni e azioni. Sono consapevole di come le persone mi vedono, rispettoso di fronte ai maiali razzisti e mi rifiuto di essere attratto al loro livello. Penso che abbia avuto un impatto sulla mia salute mentale quando ero più giovane, ha causato molti dubbi su me stesso e la ricerca del mio posto in questo mondo.

Penso che una delle mie grazie salvifiche sia stata la riconnessione con la mia famiglia e cultura d'origine. Conoscerli è conoscere me stesso! Ho passato gli ultimi 22 anni a conoscere, crescere e amare la mia famiglia e sono grato ogni giorno di trovarmi in una posizione unica in cui faccio parte di due mondi e posso sedermi comodamente in entrambi. 

Cosa suggerirei di fare per affrontare meglio il razzismo sperimentato dagli adottati internazionali/transrazziali?

Credo che l'adozione non debba essere la prima risorsa. Credo che tenere unita la famiglia nei loro paesi di nascita con il supporto tramite sponsorizzazione/istruzione/attività generatrici di reddito sarebbe vantaggioso per gli adottati in generale, ma in particolare in termini di salute mentale e connessione con le loro radici e culture. Se le adozioni devono avvenire, mantenere un rapporto con la famiglia è un imperativo! Ciò include genitori naturali, zie, zii, cugini, nonni e fratelli.

Ci deve essere una maggiore enfasi sui pensieri e sui sentimenti dell'adottante in relazione all'adozione di un bambino di colore. Immergiti nella loro storia e nelle loro esperienze, invitali a seguire corsi annuali sull'impatto del razzismo e su come essere un alleato/difensore dell'antirazzismo. Chiedi loro di guardare i loro circoli di amicizia, è diverso? Rappresenta un'ampia gamma di persone culturalmente appropriate, socioeconomiche e di genere diverso?

Penso che dovremmo provare collettivamente a condividere le nostre storie ed esperienze, nella speranza che da una grande conoscenza derivano grandi responsabilità – e questo è affare di tutti!

Per ulteriori informazioni su Gabbie, leggi il suo articolo condiviso anni fa e incluso nel nostro Ricerca pagina: Diritti umani e giustizia sociale nell'adozione internazionale

Il significato degli occhi adottati

di Alexis Bartlett, adottato dalla Corea del Sud all'Australia; il loro progetto artistico adottato può essere trovato su Arte di Alexis Bartlett.

Gli occhi di YoungHee di Alexis Bartlett

Continuando con i miei ritratti adottati e disegnando molti occhi ultimamente, mi ha fatto pensare alla mia storia e alla mia storia, gli occhi che giocano un ruolo strano.

Ho sempre odiato i miei occhi mentre crescevo. Parte della difficoltà di crescere come adottati è che vogliamo solo essere come quelli che ci circondano. Mi ha sempre deluso quando mi guardavo allo specchio e vedevo questi occhi marroni e coreani che mi fissavano perché non erano niente come quelli intorno a me, o quelli che dovevano essere la mia famiglia. Attraverso ancora periodi in cui voglio davvero fare il famigerato intervento chirurgico all'occhio coreano (per farmi una doppia palpebra, e quindi l'illusione di occhi più grandi e meno asiatici) perché penso che ci sarà sempre una parte di me che posso Non abbracciare completamente per quello che sono. Ma ora ho un ragazzino che mi guarda come una mamma; un ragazzino che voglio che cresca amandosi così com'è. E sento che sarebbe solo contraddittorio per me alterare me stesso dicendogli che dovrebbe amarsi per come è.

È così difficile, ma l'amore per se stessi è così importante. Ed è così difficile da avere quando vieni adottato perché non solo sai (da un'età MOLTO giovane) che c'era qualche ragione per cui non eri voluto, ma cresciamo con persone che non somigliano per niente a noi. Può sembrare banale, ma credetemi, non lo è. La rappresentazione è importante, in particolare provenienti da coloro che dovrebbero essere più vicini a te. Comunque, YoungHee qui, ha degli occhi fantastici.

Per vedere altri ritratti degli adottati di Alexis, dai un'occhiata, fai clic su ciascuna immagine.

Per coloro che non accedono a Facebook, ecco alcuni di ciò che Alexis ha condiviso per questi ritratti come riflesso del suo viaggio:

“È bello dipingere persone che sono “come me”. Sto solo venendo a patti con... me stesso, in molti modi. Per tutta la vita ho cercato di concentrarmi sul trauma dell'adozione; qualcosa che si è manifestato in vari modi nel corso degli anni. Ero un ragazzo terrorizzato e solo (anche se, per essere onesti, amo la solitudine) che voleva essere accettato ma non poteva esserlo perché non avrei mai potuto accettarmi ed essere semplicemente me stesso".

“Molte persone non vogliono ascoltare le esperienze degli adottati; si stanno confrontando troppo, troppo sfidando gli ideali felici con cui le persone vengono adottate. Molti di noi sono arrabbiati per l'incomprensione, essendo stati messi a tacere dal lato felice dell'adozione in cui le persone vogliono credere".

“Ero un bambino molto solo. Ho sempre trovato difficile, se non impossibile, stringere amicizie genuine con le persone e ho sempre saputo di essere diverso dalla mia famiglia adottiva; molti dei quali mi escludevano dalle cose, comunque. L'arte era tutto ciò che avevo, per la maggior parte del tempo.

“Per me appartenere è sempre stata una lotta. Ora ho la mia piccola famiglia dove finalmente ho un vero senso di appartenenza, ma a parte questo, è piuttosto scarso. Recentemente sono stato reso molto consapevole del fatto che non apparterrò mai o non mi adatterò mai alla mia famiglia biologica, e non mi sono mai nemmeno adattato veramente alla mia famiglia adottiva. Trovare la comunità coreana degli adottati è stato immensamente importante per me e mi sento molto onorato di poter condividere le esperienze e le storie dei miei compagni adottati. Grazie ragazzi."

Anniversario della morte di mio padre

di Il mio Huong Le adottato dal Viet Nam in Australia (che vive in Viet Nam); Co-fondatore di Ricerca per famiglie in Vietnam; direttore di Nhà Xã Hôi Long Hài.

Il padre di mio Huong, Elbert

Ho iniziato la ricerca della verità della mia vita quando ero un adolescente. Nonostante mi fosse stato detto che mia madre era morta, ho inviato una lettera a un indirizzo in Vietnam quando avevo 16 anni e, sorprendentemente, ho ricevuto una risposta. Mi ha raccontato della mia infanzia e mi ha dato informazioni su chi fosse mio padre.

Nel 1989, ho cercato quest'uomo che era stato un soldato australiano in Vietnam, ma purtroppo era già morto. Ho fatto un test del DNA con potenziali fratelli, ma non è stato decisivo perché il test del DNA 30 anni fa non aveva la precisione che ha oggi. Tuttavia, li ho accettati come una famiglia e negli anni ho avuto modo di conoscerli bene e di amarli teneramente.

Nel 2004 sono tornato in Vietnam. Avendo da tempo perso il contatto scritto, ho cercato mia madre e mi sono riunito con lei. 14 anni dopo, ho ricevuto un messaggio di testo con i dettagli di un'altra donna che sarebbe stata la mia madre naturale. Questo era per svelare tutto ciò in cui avevo creduto e mi ha mandato su un ottovolante emotivo.

Quel giorno dopo, fu la prima volta in 47 anni che abbracciai la mia vera madre. Mi ha accarezzato i capelli e attraverso le lacrime agli occhi mi ha detto che tutto ciò che voleva era vedermi prima di morire.

La madre di mio Huong in onore di Elbert

Quello stesso giorno, quando ho mostrato a mia madre una foto di chi pensavo fosse mio padre, lei ha detto che non lo era. Si scopre che mentre mia madre giaceva priva di sensi dopo aver avuto una grave emorragia dopo il parto, due amici della città sono venuti a trovarmi. Uno di loro ha detto a mia nonna che mi avrebbe portato a Can Tho e si sarebbe presa cura di me mentre mia madre era malata. Mia nonna aveva a casa i miei due fratellastri, due dei suoi figli e con mia madre gravemente malata, ha acconsentito. Sei settimane dopo che mia madre si è ripresa, è andata a Can Tho a trovare la sua amica per riportarmi a casa, ma questa signora era scomparsa. Mia madre ha passato anni invano a cercarmi.

La finta donna mi ha rapito, dicendo al suo ragazzo che era lui il padre, per convincerlo a restare con lei. Mi fece portare nella sua città natale per essere curata dai suoi genitori, con tutti che credevano che mi avesse dato alla luce in città. Nessuno era il più saggio. Come qualcuno possa essere così crudele e ingannevole, tramando uno schema così malvagio è incomprensibile.

Mia Huong e sua madre festeggiano l'anniversario della morte di suo padre

Avendo nuove informazioni da mia madre, ho deciso di cercare mio padre naturale. Nell'ottobre 2019, attraverso il test del DNA degli antenati, ho avuto diverse corrispondenze con i parenti e ho appreso che mio padre era già morto. Dato che aveva 20 anni più di mia madre non ero sorpreso. La cosa tragica è che sono morti anche 6 fratelli. La mia sorella maggiore è morta quattro mesi prima che trovassi la famiglia e il resto è morto troppo giovane. Sono fortunato che una sorella, Joy, sia ancora viva.

Sono molto fortunato ad essere ora in contatto con cugini, nipoti, nipoti e i loro figli. Una settimana fa ho parlato con mia zia Gloria. Quello che ha detto mi ha toccato profondamente e dopo mi sono riempita di molta emozione e ho pianto lacrime di gioia e dolore.

Potrei chiedermi perché, perché, perché per sempre, ma a cosa servirebbe. La falsa rete di bugie delle donne ha causato profonde ferite. Tutto quello che voleva era un guadagno finanziario. L'ho sempre perdonata e sostenuta, credendo che fosse mia madre, ma non è altro che una bugiarda, ingannatrice e manipolatrice e non ha rimorsi o riguardo per nessuno. Come risultato delle sue azioni, sono stato derubato di così tanto tempo che avrei potuto trascorrere con la mia vera madre e avrei potuto trovare prima il lato paterno della famiglia.

So però che ora devo concentrarmi sul presente e sono ogni giorno grato a Dio. Ha spostato le montagne della mia vita, ha rivelato la verità, e soprattutto la mia dolce mamma vive con me. Sono circondato da una grande famiglia amorevole in Vietnam e sto costruendo rapporti con la famiglia negli Stati Uniti che mi ha sempre accettato. Spero che l'anno prossimo sarà possibile recarsi lì per incontrarli di persona.

Comunque, mia zia Gloria ha 89 anni ed è l'unica sorella rimasta di mio padre. Attraverso tutti i miei nuovi parenti sto imparando di quelli che non ho mai incontrato, mio padre, fratelli, nonni, zie e zii. Mi sono state regalate molte foto e articoli che sono doni inestimabili.

Elbert, in basso a destra con suo fratello gemello Albert accanto a lui e due fratelli dietro di loro.

Mio padre proviene da una famiglia eccezionale di 11 figli. 9 ragazzi e 2 ragazze. Mia nonna nel 1947 è stata eletta "Madre dell'anno" dalla Naval Air Station poiché tutti i suoi 9 figli hanno prestato servizio militare ad un certo punto. Mio padre si arruolò in marina nel 1941 e si trovava a Pearl Harbor quando fu bombardata. Ha servito 5 anni in marina poi arruolato nell'esercito. Mio padre ha servito in WW 11, Giappone, Corea e Vietnam.

Secondo mia madre, mio padre era un uomo molto gentile e di bell'aspetto. Più di ogni altra cosa, le ha fatto il dono più grande, quello di una figlia. Oggi su insistenza di mia madre e secondo la cultura vietnamita abbiamo celebrato l'anniversario della sua morte. In vietnamita questo è noto come đám giỗ.

Ho sempre cercato di vivere una vita che sia gradita a Dio e che onori i miei genitori.

Oggi onoro mio padre nel suo trentesimo anniversario della morte. Ho anche detto una preghiera speciale per i miei fratelli.

Leggi gli altri blog di My Huong all'ICAV:
Mia madre
Evacuazione dal Vietnam il 20 aprile

Venduto tramite adozione al mercato nero zingaro in Grecia

di Roula Maria rubato alla Grecia e adottato da una famiglia australiana.

Sorelle gemelle, separate dall'adozione del mercato nero in Grecia.

Mi chiamo Roula e sono nata in Grecia con la mia gemella e venduta separatamente al mercato nero nel luglio 1981. Ho appena trovato la mia gemella negli ultimi anni e spero di incontrarla di persona una volta che il COVID si sarà calmato. Questa è la mia storia.

Dei miei genitori

Dopo essere emigrati dalla Grecia nei primi anni '60, si stabilirono in una piccola cittadina di campagna fuori Adelaide, nell'Australia meridionale. C'erano anche altri immigrati che sono andati nella stessa città dopo essere venuti dalla Grecia.

I miei genitori non sono riusciti ad avere figli dopo molti tentativi e alla fine hanno deciso di farsi conoscere da una famiglia che aveva adottato una bambina dalla Grecia. Si scopre che la famiglia non ha effettivamente adottato la bambina, ma l'ha acquistata da un medico che produceva e vendeva bambini zingari in un istituto nel cuore di Atene. Hanno dato a mia madre i recapiti dell'ostetrica in Grecia.

I miei genitori si sono messi in contatto con l'ostetrica in Grecia e hanno fissato un appuntamento per recarsi in Grecia per parlare con il medico. Una volta arrivati, ha detto loro che c'erano molti bambini disponibili ma che avrebbero dovuto aspettare. Accettarono e tornarono in Australia.

Circa 6 mesi dopo, il telefono squillò con buone notizie e si recarono in Grecia entro la settimana. La richiesta di mia madre era che voleva una ragazza ma a quel tempo non c'erano ragazze disponibili, quindi sono rimaste in Grecia finché non ce n'era una. Indossava anche un cuscino sotto la pancia per mostrare che era incinta - le lunghezze a cui arrivavano i miei genitori erano fenomenali.

Poi sono arrivato io.

La mia adozione

Mio padre è andato nella città di Corinto per firmare i documenti. Sul mio atto di nascita c'era mia madre che mi ha comprato come mia madre naturale, quindi le autorità non avrebbero raccolto i documenti falsificati, poi mio padre è tornato all'ospedale in Grecia e mi è stato dato a lui. Nel 1981 pagavano $6000 euro, l'equivalente di circa $200.000 dollari australiani di allora.

Rimasero in Grecia per circa 40 giorni poiché la cultura afferma che un bambino deve essere benedetto intorno al suo 40° giorno di nascita. Mi hanno portato all'ambasciata australiana e mi hanno registrato come cittadino australiano sotto l'autorità dei genitori.

Poi la paura di essere scoperti giocò nelle loro menti. Sapevano dal momento dell'aeroporto fino al momento in cui l'aereo è decollato che erano in grave pericolo di essere scoperti. Una volta a bordo e l'aereo preso in volo, mia madre respirò per la prima volta.

Sono stato trasportato in Australia il 24 agosto 1981.

Sono cresciuto con due lati. Ero la bambina felice che amava la vita e tutto ciò che contiene, ma ero anche la bambina traumatizzata da intensi abusi sessuali e vittima di violenza domestica. La mia infanzia è stata piena di tristezza e anche di momenti felici in famiglia, è stato come se vivessi in una distorsione temporale tra due mondi, quello reale e quello nascosto.

Anche i bambini greci con cui sono cresciuto mi prendevano in giro per l'adozione e quando ho affrontato mia madre, ha negato tutte le accuse. Era una parte della mia vita quotidiana crescere con mia madre che non era sincera su tutto. Non è stato fino alla mia adolescenza che un cugino mi ha confermato la verità in uno stato di rabbia, poiché i comportamenti che stavo mostrando erano i comportamenti di un sopravvissuto agli abusi.

Nessuno conosceva il tumulto e il dolore che stavo affrontando mentre le tipiche famiglie greche non discutono i problemi e gli viene insegnato a reprimerli e non ne hanno mai parlato, specialmente con la generazione più anziana.

Non è stato fino al settimo anno della scuola elementare che ho finalmente parlato della mia vita, ma anche allora è stata ignorata e ignorata.

La mia famiglia ha venduto la sua terra e mi ha trasferito ad Adelaide pensando che mi avrebbe aiutato ad andare avanti con la mia vita, ma da quello che mi dicono psicologi e consulenti, correre non è un'opzione. I miei genitori pensavano che stessero facendo la cosa giusta, ma mi ha portato a un'adolescenza distruttiva piena di droghe, senzatetto, violenza, carceri e istituzioni.

Se solo le persone fossero state in grado di aiutarmi, ma a quel punto ero stato ferito e mi avevano mentito, troppe volte per volere l'aiuto di qualcuno.

All'età di 15 anni nel 1996, ho iniziato la mia ricerca, senzatetto e in biblioteca cercando di trovare informazioni su adozione del mercato nero dalla Grecia. Mi sono imbattuto in centinaia di articoli sulla vendita di bambini all'interno della comunità zingara in Grecia. Sono rimasto scioccato e incuriosito dalle informazioni disponibili. Ho pubblicato post nei forum affermando che stavo cercando mia madre naturale. Non avevo idea di cosa stessi scrivendo, ma ho provato di tutto.

Per qualche ragione, anche se sapevo di essere sulla strada giusta, qualcosa dentro di me sapeva cosa stavo facendo e dove stavo cercando era reale e mi portava al posto a cui appartenevo.

Dopo anni di traumi dovuti alla vita per strada e all'essere completamente tossicodipendente, nel 2003 sono andata in riabilitazione. Mi sono pulito e la mia vita ha iniziato a migliorare. Avevo ancora dei comportamenti molto dannosi, ma nel 2010 sono tornata in quel piccolo paese di campagna e ho trovato un grande psicologo che è ancora oggi una parte importante del mio percorso di guarigione.

Ho finito per sposare un uomo di quella città e ci siamo trasferiti per motivi di lavoro, poi nel 2015 ho avuto un figlio attraverso la fecondazione in vitro. Mio figlio ha avuto un'infanzia fantastica, ma ha anche avuto alcune sfide nella vita. Rispetto a quello che ho avuto, sono grato di essere riuscito a cambiare gli errori che molte famiglie greche hanno oggi e che comunichiamo!

Perché condivido la mia storia?

Condivido la mia storia perché ho partecipato alle prime fasi di Progetto di risorse video dell'ICAV e volevo contribuire.

Essere un prodotto dell'adozione e della vendita al mercato nero di bambini non è una vita facile. Noi bambini veniamo da ambienti diversi con malattie genetiche e sistemi sanitari familiari. Questi devono essere affrontati e non mi piaceva dover dire a un medico: "Non lo so, sono stato adottato", ogni volta che mi veniva chiesto quale fosse la mia storia di salute familiare. Sono sicuro che i miei sentimenti su questo devono essere molto comuni tra le persone adottate. Quando un medico sa che non sei il prodotto biologico della famiglia in cui ti trovi, all'adottato dovrebbero essere assegnati più esami, più cartelle cliniche e più informazioni, per aiutarlo a trovare le risposte sanitarie che meritiamo.

Se non fosse stato per la tecnologia del test del DNA, non avrei conosciuto la mia eredità o la mia cartella clinica. Sono così felice di poter ora andare dai dottori e dire che porto geneticamente questo, questo, questo e questo. È estremamente potente.

Con gli insegnanti e i consulenti scolastici, credo che i genitori adottivi debbano assumersi la responsabilità di garantire che le informazioni vengano fornite alla scuola, rivelando che il loro bambino è adottato. Non ci dovrebbero essere giudizi o ripercussioni in alcun modo quando i genitori lo rivelano. Gli insegnanti devono anche essere consapevoli che il bambino potrebbe trovarsi di fronte o sentirsi vuoto per non conoscere la propria identità né per capire perché potrebbe sentirsi in questo modo.

In questi giorni nelle scuole ci sono cliniche di mindfulness, discorsi sull'autostima, giornate antibullismo e corsi di benessere e hanno un curriculum diverso rispetto a quello che avevo negli anni '80. L'aggiunta di una casella per identificare al momento dell'iscrizione se adottati o meno, dovrebbe iniziare dalla cura della prima infanzia, fino all'università. Tutte le iscrizioni dovrebbero chiederci di identificare se siamo adottati o meno. Se lo studente non lo sa, i genitori dovrebbero essere informati con discrezione mantenendo la riservatezza, poiché alcuni genitori hanno scelto di aspettare che il loro bambino sia abbastanza grande per essere informato.

Suggerisco risorse di supporto come i social media, saltando nei forum online in cui altri adottati condividono la stessa voce. Gestisco 2 gruppi. Uno si chiama Adottivi nati in Grecia con 450 membri e l'altro si chiama greco venduto bambini zingari con 179 membri. Questo gruppo è per i bambini venduti e per i genitori zingari per aiutarli a ritrovarsi. Usiamo il test del DNA per abbinare i genitori e gli adottati venduti.

Grazie per il tuo tempo e spero che più persone si facciano avanti per le loro adozioni. Parlo per i figli greci nati e venduti della Grecia e so che siamo in migliaia. Qui in Australia ci sono circa 70 persone con cui vorrei entrare in contatto quando sono pronti perché abbiamo genitori zingari che vogliono incontrare i loro figli per la prima volta e hanno dato il permesso di essere trovati.

Ho perso mia madre due volte

di Linzi Ibrahim adottato dallo Sri Lanka in Australia, fondatore di Adozioni dello Sri Lanka.

Mi manchi ogni giorno ma soprattutto oggi.
Il dolore non svanisce mai.
Mi sei stato tolto due volte, ti ho addolorato due volte.
Hai vissuto la vita più dura e sei comunque riuscito a essere l'essere umano più incredibile.
Sei stato gentile, amorevole, divertente, sicuro di te e un cuoco incredibile!
Dal momento in cui sono tornato, sei stata immediatamente una madre amorevole nei miei confronti, riprendendo da dove avevamo lasciato.
Mi sentivo come a casa, mi sono sentito completamente rilassato per la prima volta.
Amma, ho potuto vedere il dolore e il trauma nei tuoi occhi.
So che è stato difficile vedermi e ricordare tutto il trauma che hai provato molti anni fa.
L'avevo sempre sentito anch'io.
Mi manchi!

Linzi e la sua Amma, nata sordomuta. Linzi le è stata rubata e data in adozione.

#amma #adopteevoices #adopteestories #adopteemovement #srilanka #intercountryadoction #interracialadoption

Evacuazione dal Vietnam il 20 aprile

di My Huong Lé, adottato vietnamita cresciuto in Australia, vivendo in Vietnam. Co-fondatore di Vietnam Family Search, un'organizzazione guidata da adottati dedicata ad aiutare a riunire le famiglie in Vietnam.

Il 20 aprile ricorre il 46° anniversario da quando sono stato evacuato su un volo della RAAF in partenza dal Vietnam. Quel giorno ha cambiato il corso della mia vita e i suoi ricordi rimarranno per sempre impressi nella mia mente.

Aprile in generale è un mese significativo per molti adottati vietnamiti in quanto è il mese in cui sono stati evacuati anche oltre 3000 neonati/bambini. Come me, questi bambini sono saliti a bordo di aerei da trasporto militari destinati ad essere adottati da famiglie americane, canadesi, europee e australiane.

I pro ei contro di averlo fatto sono stati discussi. Vorrei dire che non si poteva dire cosa sarebbe stato della mia vita se fossi rimasto, né si poteva dire cosa sarebbe stato della mia vita se fossi stato rimosso. Resta il fatto che sono stato allontanato a 5 anni da una famiglia che conoscevo e collocato in un paese straniero. Questa esperienza è stata molto traumatica e ho perso la mia identità, la lingua, la cultura e tutto ciò che mi era familiare. In Australia ho sperimentato una forma di disagio e difficoltà diversa da quella che avrei vissuto se fossi rimasto.

Fortunatamente, molti che hanno lasciato il Vietnam sono stati adottati in famiglie straniere amorevoli. Non mi è stato concesso questo diritto e sono stato adottato in una famiglia abusiva e disfunzionale. Indipendentemente da quella famiglia che mi ha vestito, nutrito e fornito una buona educazione e sarò sempre loro grato per questo. L'Australia è davvero un paese privilegiato che offre infinite opportunità ed essendo stato rimosso dal Vietnam lacerato dalla guerra come tutti gli adottati ho avuto la possibilità di farmi una vita migliore.

Quello che è successo non posso cambiare, ma quello che ho il potere di cambiare è il mio atteggiamento e il modo in cui reagisco e affronto in tutte le circostanze. So di essere la persona che sono oggi grazie a tutto quello che ho vissuto. Mi ha reso più forte, più indulgente, più comprensivo e più amorevole. Per questo sono grato.

Quello che ho passato è anche in parte ciò che mi ha spinto 17 anni fa a tornare in Vietnam per trovare mia madre naturale e lavorare con bambini orfani e svantaggiati. Senza dubbio la mano di Dio è stata sulla mia vita. Mi ha guidato, protetto, aperto porte e messo delle persone fantastiche nella mia vita. La gratitudine riempie il mio cuore per tutti coloro che hanno avuto un impatto sulla mia vita nel corso degli anni.

In questo mese di anniversario per gli adottati, anche il mio pensiero è molto rivolto alle madri naturali. Molte madri naturali sono tornate negli orfanotrofi per raccogliere i loro figli e se ne erano andate. Questa volta significa una perdita permanente per loro. Ho abbracciato alcune di queste madri e ho visto le loro lacrime. Poiché le lacrime di mia madre sono state asciugate, anch'io spero che queste madri possano riconnettersi con i loro figli.

Leggi l'articolo precedente di My Huong Mia madre.

Lettera al presidente Moon

di Michelle YK Piper adottato dalla Corea del Sud in Australia.

Presidente Luna,

Per te, potrei essere solo una statistica.

Un numero.

Nome: 86c-1335.

Nato: "bastardo"

Abbandonato da: Bio Madre

Queste sono le parole inchiostrate nelle fragili pagine che “catalogano” la mia nascita, 4 mesi e mezzo prima di essere separato da mia madre, esiliato dalla mia madrepatria, venduto e mandato oltremare attraverso il processo di "adozione".

Per 34 anni ho portato il peso della vergogna e dell'umiliazione per decisioni sulle quali non avevo alcun controllo o voce.

Per 34 anni, la società e il mondo in generale si aspettavano da me che fossi "grato" per essere adottato; per non essere "abortito" o lasciati a languire nella povertà, allevati da una madre single e ostracizzati da una società che non accetta un'esistenza così disonorevole e vergognosa.

Dovrebbe essere "grato" essere stato "scelto" per andare a "meglio vita".

Dimmi, presidente Moon, quanti adottati coreani sono andati in realtà a "vita migliore", sai?

Quanti di noi sono stati controllati o seguiti negli anni dopo la nostra adozione?

Qualunque..?

Hai QUALUNQUE conoscenza o comprensione della sofferenza e del trauma a cui molti dei bambini della tua nazione sono stati esposti dopo aver vissuto una vita "migliore"?

Sei consapevole del fatto che siamo 4 volte più a rischio di suicidio rispetto alla persona media, solo a causa del trauma della rinuncia? Sapete quanti adottati da allora hanno perso la vita per suicidio?

Se la nostra stessa gente, le persone che governano la nostra nazione, continuano a dipingerci come prodotti usa e getta, per l'esportazione, come pensi che il resto del mondo ci percepisca? Per valorizzarci?

Per sapere chi siamo e da dove veniamo, per essere trattati con il STESSO decenza e rispetto come qualsiasi altro essere, per NOSTRO vive per contare, per importare, per essere valutato per qualcosa di più del semplice prezzo corrente del miglior offerente; puoi onestamente sostenere che questa sia una richiesta così immensa o irragionevole?

Perché noi adottati continuiamo a pagare il prezzo degli errori e dei fallimenti delle élite che hanno governato le generazioni prima di noi?

Perché i bambini delle nostre nazioni continuano a pagare il prezzo di un sistema profondamente imperfetto e fallito? Un sistema messo in atto per “proteggere” e “curare”, per salvaguardare i più vulnerabili e indifesi della società, per proteggere chi non è in grado di difendersi o di far conoscere la propria sofferenza.

Un sistema che ha catastroficamente mancato di adempiere al suo dovere di diligenza più e più volte, un sistema che catastroficamente NON RIUSCITO nel suo dovere di proteggere Jeong-In di 16 mesi.

Il mio status in Corea di bambino nato fuori dal matrimonio da una madre single senza il consenso o l'approvazione degli anziani della nostra famiglia, senza l'approvazione della società, significava che dal giorno in cui sono nato, la mia vita non aveva più valore per la nostra nazione ma per il profitto monetario che si potrebbe ricavare dall'operazione di vendita della mia adozione.

Per te, io sono una statistica senza volto.

Solo un altro numero su un pezzo di carta; un'immissione di dati nel sistema governativo, un facile creatore di denaro utilizzato dalla Corea nella sua determinazione di elevarsi alla potenza economica avanzata che è oggi.

Per te, sono un niente, un nessuno, un ripugnante sottoprodotto del più alto tradimento a una nazione le cui strutture sociali, politiche e legali continuano ad essere governate dai principi del confucianesimo.

Per te, potrei essere solo un numero, ma sono uno che rappresenta oltre 200.000 dei tuoi figli sfollati in tutto il mondo.

Sigilli i nostri registri, ci neghi le basi dei diritti umani.

Hai cercato di tenerci senza volto, di impedire che le nostre voci venissero ascoltate.

Hai guardato con reticenza come siamo stati venduti, trafficati, maltrattati e assassinati.

Hai seppellito le nostre verità e messo a tacere le nostre voci.

Ha tentato di censurare la conoscenza e la prova della nostra esistenza con la stessa facilità con cui sei riuscito a cancellare il nostro passato.

Cerchi di placarci con parole vuote e scuse generali, eppure più e più volte la Corea ha CHIARAMENTE ha stabilito quanto poco valore dia veramente al benessere e alla vita dei suoi figli.

Non solo attraverso le decine di migliaia di adottati sparsi in tutto il mondo, ma attraverso il 250 studenti ha lasciato morire a bordo del Sewol Ferry che affonda.

250 bambini chi Potevo sono stati salvati, non lo erano.

Per il modo in cui obbedienza e perfezione sono PREVISTO e RICHIESTO di ogni bambino; accademicamente, socialmente, anche fisicamente, spingendo i tassi di suicidio coreani in alcuni dei più alti al mondo e la principale causa di morte a livello nazionale da secoli 9-24 anni

Questi sono i TUOI bambini!!!

Il futuro della nostra nazione!

Se deve avere un futuro.

Sembra che tu mostri poco o nessun riguardo per la vita dei giovani, eppure i tassi di mortalità ora superano i tassi di natalità, lasciando la domanda per quanto tempo resisterà la nostra gente?

Quanto tempo manca alla nostra gara?

L'immagine della Corea, proiettata con tanta cura sulla scena mondiale, non è altro che una farsa.

Una nazione consumata dall'orgoglio, dall'avidità e dall'ambizione che si crogiola nei suoi progressi tecnologici ed economici, mentre continua la sua lunga e profonda storia di abuso dei diritti umani. Godersi il fenomeno globale del K-pop, dei K-drama e della chirurgia plastica impeccabile che trasforma i cittadini in bambole anime realistiche, il che non equivale a nient'altro che distrazioni plastiche, carine, luccicanti e superficiali; cerotti realizzati per tagli minori, ma con cui la Corea usa nel tentativo di nascondere le ferite estese, critiche e ineffabili appena "nascoste" sotto la superficie.

Rimodellare deliberatamente l'immagine della Corea per la realizzazione e la pacificazione per l'arena globale pur rimanendo saldi e fedeli a un sistema fondamentalmente imperfetto, corrotto e rotto che continua a estorcere e trarre profitto dalla separazione, dalla sofferenza e dall'abuso della sua gente rende coloro che governano il sud niente di meglio della dittatura tirannica che opprime il nostro popolo nel nord.

Per te, potremmo essere solo statistiche.

Ma non siamo più senza voce, e non saremo più messi a tacere!

Noi siamo oltre 200.000 forti, ognuno con un volto, un nome e una storia.

Avevamo madri e padri, fratelli e sorelle, nonni, zie, zii e cugini.

Non importa quanto tu possa provare a disumanizzarci, te lo posso promettere, in questo tu non deve avere successo.

Non sarò più messo a tacere. Non rimarrò più senza volto, perché NON sono una cosa.

Sono nato a Haeundae, Busan.

Figlia di- Kim, Yeo Kyeong (madre) e Jang, Hyeon Soo (padre).

Ho subito razzismo, abusi sessuali su minori e stupro in due diverse occasioni nella mia vita "migliore" finora.

Ho combattuto con un disturbo alimentare per 21 anni, ho fatto innumerevoli tentativi di porre fine alla mia vita, da cui sono stato riportato indietro.

Le mie braccia porteranno per sempre le cicatrici permanenti, grottesche e sfiguranti da cui il sangue della mia vita è così spesso liberamente fluito, solo per essere sostituito, di volta in volta, nei disperati tentativi di salvare una vita che ai tuoi occhi sembra poco o niente valore e non vale assolutamente la pena di essere risparmiato.

Dimmi presidente Moon, cosa farai quando non ci sarà più una popolazione per sostenere la nostra razza?

Quando voi e le persone che continuano a governare la nostra nazione ammetterete la vostra colpevolezza, vi assumerete la responsabilità del loro dovere di salvaguardare il nostro popolo, di proteggere i vulnerabili e i senza voce?

Per proteggere, proteggere e preservare il futuro della nostra nazione e il futuro dei suoi figli.

NON siamo oggetti!

NON siamo irrilevanti!

NOI siamo i TUOI figli!!!

NON SIAMO MERCE!!!

NON siamo un prodotto da etichettare e confezionare per la vendita!

NON siamo beni sostituibili, scambiabili e rimborsabili per l'esportazione, non importa quanto tu abbia cercato di disumanizzarci.

Presidente Moon, NON siamo COSE!!!

(madre)

Eomeoni

di Michelle YK Piper adottato dalla Corea del Sud in Australia.

Opera di Michelle Piper, 2021

Due anni oggi mi hanno detto che eri morto.

15 anni dal giorno in cui ho compiuto 18 anni fino al giorno in cui ho iniziato ufficialmente quel temuto, esasperante, disumanizzante, doloroso processo di tentativo di rintracciarti; 15 anni di costante conflitto interno, una feroce guerra che infuria all'interno.

Rimani fedele alla famiglia, alla società, alla cultura e al paese a cui ero stato abbandonato; rimanere obbediente al processo di assimilazione forzata, senza mai mettere in discussione o chiedere perché? (almeno mai ad alta voce) e SEMPRE “grati” per il privilegio di essere vivi e di vivere in uno dei più grandi paesi del mondo (Australia); continuare a ignorare la consapevolezza sempre più profonda dell'angosciante tumulto e del dolore che consumano la mia anima nata dal vuoto, senza radici del mio passato cancellato.

O…
Affronta ciò che ho sempre così disperatamente evitato.

Domande…
Tutte quelle domande.
Tante, tante domande.
Impossibile dar voce anche a me stesso in segreto e in solitudine, ma impossibile silenzio entro le mura confinate della mia Psiche.

15 anni per accumulare abbastanza coraggio per cercarti; Ho cercato, e un anno dopo ho ricevuto "la chiamata". Una chiamata che aspettavo costantemente, un anno in cui controllavo ripetutamente le mie e-mail e il telefono. Veniva da uno sconosciuto in un ufficio governativo, che era appena stato trasferito al mio caso. Un trasferimento di cui non mi è stato chiesto né informato.

Sul 2ns Gennaio 2019, una voce strana e sconosciuta ha spiegato chi era e perché stava chiamando.
Eri morto.
Sei morto Esattamente 2 mesi dopo il mio 23rd Compleanno.
Sei morto il 6ns luglio 2009.
2009, ero in ritardo di 10 anni.
Mio padre non poteva o non voleva essere trovato.
Era così.

Per oltre 30 anni essere adottata non significava nulla, o almeno mi dicevo che non significava nulla. Solo una parola per spiegare gli inevitabili sussurri di confusione quando le persone ci hanno incrociato.
“L'hanno appena chiamata mamma?”, “Forse il papà è asiatico…? Però non sembrano metà/metà.”
Ero abituato a questi commenti, tutta la mia vita è stata costellata di razzismo, alcuni per ignoranza, altri senza dubbio intenzionali.
Ma essere adottato non era qualcosa su cui soffermarsi, semplicemente un fatto; accettato e riconosciuto solo quando inevitabile.
Ma l'inevitabile è diventato impossibile.

Quella chiamata, quella dannata chiamata; per quanto ferocemente avessi reagito, avrei demolito le fondamenta di ogni muro che avevo stabilito; una miriade di muri che formavano l'incomprensibile e impenetrabile labirinto di protezione in cui mi ero completamente circondato e mi ero perso.

15 anni per trovare il coraggio di cercarti, ma una vita intera a chiederti...

Sono mai stato nei tuoi pensieri?
Hai mai pensato a me?
Il giorno della mia nascita? Quando quella data inevitabile è tornata al punto di partenza, una data che segnerà per sempre ogni anno che abbiamo trascorso separati.
Un altro anno è andato; un altro anno di vita perso. Un altro anno di quella che è stata una vita di separazione.
Mi hai pensato a Natale?
In momenti di feste familiari, culturali e tradizionali, quando si sarebbero dovuti raggiungere dei traguardi. Quando ricette, segreti e le storie dei nostri antenati sarebbero dovute passare di Madre in Figlia.
Ti sei mai chiesto come faccio adesso se o quanto ci somigliamo e siamo simili?

Ti ha consumato lo stesso irrevocabile vuoto, solitudine, dolore e disprezzo di te stesso?
…..Ho significato qualcosa per te?

Tu, il giorno in cui hai partorito, ti sei semplicemente allontanato e non ti sei mai voltato indietro? Cancellando ogni ricordo, ogni momento, ogni emozione. Cancellandomi.
Mi hai rifiutato dal momento in cui abbiamo smesso di essere una cosa sola, rifiutando di riconoscere la vita che avevi portato così dolorosamente in questo mondo?
Anche una volta mi hai tenuto tra le tue braccia?
La mia esistenza è sempre stata una vergogna?
Una corruzione nel flusso e nella purezza delle stirpi. Il prodotto del peggior tipo di offesa che si possa commettere contro una cultura e un popolo i cui sistemi sociali, etici, politici e legali sono fondamentalmente radicati nei principi del Confucianesimo.
Sono sempre stato percepito come un abominio?
Un'ignominia, una conseguenza ripugnante di sfidare ciò che è così veementemente indottrinato nel nostro popolo dalla nascita, così fieramente apprezzato e atteso da ogni bambino di ogni generazione.
Obbedienza. Rispetto.
Rispetto del tuo anziano e assoluta obbedienza nel seguire le direttive. Conosci il tuo posto, nella famiglia, nella casa e nella società, nella cultura e nel paese. non rispettare; uscire dalle norme sociali ed essere condannati a una vita contaminata per sempre dalla vergogna, dal rifiuto e dal disonore.

Oppure, il giorno in cui hai partorito, il tuo sguardo è caduto su di me, disperato di memorizzare ogni dettaglio che il tempo avrebbe permesso?
Le tue braccia mi hanno trovato, abbracciandomi, stringendo il tuo abbraccio? Hai memorizzato il mio profumo, quel meraviglioso, dolce profumo di bambino mentre la tua mente ha iniziato un assalto; ricordi vividi dei 9 mesi trascorsi?
Il dolore, il terrore, l'amore, lo smarrimento e la confusione. La lotta interna di una decisione impossibile da prendere ma impossibile da ignorare.
La tua mente ti ha imposto i ricordi dei miei primi movimenti che hai sentito dentro? Prova innegabile della vita che cresce dentro?
Ti ricordi tutte le volte che ti sei ritrovato a maledirmi per la nausea mattutina, o quando è diventato impossibile muoverti liberamente?

Ricordi tutte le volte che mi avevi parlato e mi avevi consolato? Accarezzandoti lo stomaco e sorridendo con gioia e contentezza quando la mia irrequietezza cessò al suono della tua voce?
Ti sei ricordato di tutte le conversazioni unilaterali che hai avuto con me, ammonendomi per il tuo aumento di peso, le caviglie gonfie, il bisogno costante di fare pipì e il disagio generale?
Ti ricordi di aver pensato che nessuna di queste cose aveva importanza quando finalmente hai visto il volto di tua figlia appena nata di fronte a te?
Ricordi e conservi questi momenti preziosi con la stessa disperazione che ho fatto io il giorno in cui è nata mia figlia?
Sono rimasto figlio unico? O c'erano bambini futuri che erano ritenuti "degni" di mantenere?

Hai lasciato infinite domande senza risposte definitive, nemmeno nella morte.
L'agenzia che mi ha venduto insiste che tu sia morto, mentre il governo stesso non sembra confermarlo.

Cosa dovrei fare con quello? Per favore , dimmi.

Mi aggrappo alla speranza che in qualche modo tu sia ancora vivo..?
Aggrappati disperatamente al sogno infantile e ingenuo che FORSE, solo forse, sei?
che forse sei not morto, ma cercando me, forse io era uno di quei bambini che non si è mai arreso di sua spontanea volontà.
O prendere la parola dell'agenzia che mi ha trafficato, mandato all'estero e accettare che te ne sei andato?

Sarà mai possibile guarire se mi dico che sei morto?
Come dovrei piangerti?
Come si piange per un volto che non si ricorda?
Come posso liberarmi di qualcuno che, non importa quanto tempo e distanza è stato posto tra di noi, è ancora tutto ciò che sono, eppure tutto ciò che non so?
Come posso essere libero quando la tua forma senza volto perseguita i miei sogni? Quando ogni giorno sono colpito da una rinnovata ondata di dolorosa comprensione di tutto ciò che è stato rubato. Tutto ciò che è stato perso. Per tutto ciò che è stato cancellato.
Per i miei genitori che rimarranno per sempre degli estranei senza volto, genitori che non avrò mai l'opportunità di conoscere o incontrare. Per i fratelli e le sorelle non lo saprò mai. Per la zia e gli zii, i cugini e i nonni.
Per la storia del mio popolo, sono rimasto così ignorante fino ad ora; per la storia straziante e brutale del nostro Paese; ancora in guerra dopo 70 anni, divisa, letteralmente lacerata in due, avvelenata dalla corruzione politica, dai colpi di stato militari e dalla schiavitù. Di bambini trafficati, The Forgotten Generation; una generazione che ha combattuto, è morta e ha ricostruito il nostro Paese, che ora languisce nella povertà spinta ai margini della società che vive nell'isolamento e nello squallore, timorosa di chiedere aiuto per paura di “gravare” il Paese che hanno combattuto e sono morti per proteggere. Per il conforto delle donne schiavizzate, violentate, torturate e uccise dai giapponesi. Per la tragedia del traghetto Sewol, che ha iniziato ad affondare la mattina del 16ns aprile 2014, dove 304 dei 476 passeggeri a bordo, di cui 250 studenti, sono morti; intrappolato su un traghetto che affonda, mentre il capitano e l'equipaggio sono fuggiti, dicendo ai passeggeri a bordo di rimanere dov'erano. Obbedendo agli anziani (quel pregiato attributo radicato fin dalla nascita), gli studenti riponevano la loro fiducia negli ordini impartiti, restavano dov'erano, in attesa di essere soccorsi. Un salvataggio che non è mai stato tentato, un salvataggio che non è mai arrivato.
Genitori, famiglia, insegnanti, compagni di classe e sopravvissuti allo stesso modo isterici, bloccati sulla battigia, ancora ricevendo messaggi dagli studenti rimasti intrappolati all'interno che erano ancora vivi in quella che era una nave quasi completamente sommersa. I genitori non possono fare altro che guardare mentre l'ultima sezione visibile della nave è affondata davanti a loro.
E poi niente.
Silenzio, mentre iniziava lo shock e l'ampiezza della tragedia che si era appena svolta davanti a loro.
Un momento di silenzio incredulo davanti alle grida gutturali e raccapriccianti che solo un genitore che ha appena perso il figlio può fare.
Filmati successivamente rilasciati, hanno rivelato al mondo gli ultimi 20 minuti di alcuni studenti intrappolati all'interno. I cui ricordi mi perseguiteranno per sempre, volti che non dimenticherò mai. Messaggi d'amore e scuse ai propri cari, che producono ancora dolore fisico da ascoltare.

Guardare la mia gente soffrire, morire nei modi più orribili, sentire l'indignazione travolgente e il dolore insopportabile che hanno consumato la nostra nazione più e più volte, ma non essere in grado di essere lì con loro, di soffrire con loro; non hai mai considerato quanto sarebbero stati dolorosi questi momenti?
Hai mai immaginato quanta agonia provocherebbe solo osservare la mia lingua madre? Quando tutto appare, suona e sembra così naturale, finché non lo ricordi, niente di tutto ciò ha senso per te. Non puoi decifrarlo. Non lo capisci. Non puoi parlarlo.
Hai mai considerato quanto alto avrebbe pagato la tua bambina, per quella vita "migliore" che eri così sicuro che avrebbe fatto?
Se tu, mia Madre, non riuscivi a trovarmi in te stessa per allevarmi, sia per la vergogna, il disonore, o solo per essere un "bastardo" (SI, i miei documenti di adozione usano proprio questa parola!), se hai temuto per me, per il pregiudizio, la discriminazione e lo stigma che avrei sopportato se fossimo rimasti insieme in Corea, come potresti pensare che gettarmi in un mondo di bianchi dove sono stato forse uno dei 5 asiatici per oltre 18 anni della mia vita sarebbe stato a mio vantaggio ? Pensavi onestamente che quelli del mondo occidentale non mi avrebbero rifiutato? Umiliarmi, usare il mio status di adottato coreano contro di me nei modi più umilianti e degradanti concepibili? Se tu; mia madre, la mia famiglia, la mia gente e il mio paese mi consideravano nient'altro che un prodotto da esportare, perché avrebbe dovuto farlo qualcun altro?

Se sei effettivamente morto nel 2009, sei morto all'età di 46 anni.

So che non mi hai mai cercato, non hai mai provato a scoprire dove fossi.
E ora te ne sei andato, (forse), non lo so.
Il fatto di non sapere mi fa infuriare, mi consuma con una disperata disperazione e disperazione.
Ma, se te ne sei andato...
Come hai potuto andartene e non dire mai addio?
Come hai potuto andartene senza mai allungare la mano, senza nemmeno cercare di trovarmi?
Non ti importava come stavo o dove sono finito?
Come hai potuto lasciarmi con così tante domande senza risposta?
Nessuna foto per me per ricordarti, per studiare il tuo viso, per memorizzare.
Nessuna ultima parola di saggezza o consiglio.
Nessuna lettera di spiegazione.
Niente.
Solo un infinito, vuoto silenzio.

E così, dentro l'ormai adulta, rimane ancora la bambina spaventata, confusa, respinta, abbandonata, che non crescerà mai. Chi non saprà mai perché non l'hai voluta, perché non l'hai tenuta? Quello che hai visto in lei che ti ha tanto ripugnato l'hai gettata da parte e attraverso i mari; mantenendo l'esistenza della bambina che hai portato tanti anni fa come un vergognoso segreto, hai letteralmente portato con te nella tomba.

Michelle ha pubblicato altri articoli sulla sua esperienza come adottata internazionale coreana su trimestrale coreano.

Italiano
%%piè di pagina%%