Intercountry adottato nella stessa famiglia razziale

Schermata 09-07-2016 alle 7.05.29 am.png

Molti nei circoli delle adozioni e nel grande pubblico ritengono erroneamente che un bambino orfano e abbandonato possa essere adottato tramite adozione internazionale in una famiglia della stessa razza: i problemi dell'identità razziale, dei sentimenti di appartenenza e delle intese culturali non sarebbero così difficili da affrontare con il crescere.

Di recente ho intervistato Prema, un'adozione internazionale, adottata in una famiglia della stessa razza, che ha sperimentato tante difficoltà quanto quelli di noi, come me, adottati in una famiglia adottiva di diversa origine razziale. Non è la prima volta che sento un'adottata esprimere questo. Immagino che sia simile all'esperienza che gli adottati nazionali hanno nel paese, adottati in famiglie della stessa razza, dove alcuni di loro mi hanno espresso che almeno per noi adottati internazionali di razza diversa dalle nostre famiglie adottive! "Le persone non possono fare a meno di notare" la differenza, mentre per coloro che appartengono alla stessa famiglia razziale, è più difficile che queste complessità siano visibili e, quindi, più difficile per gli adottati ricevere la necessaria convalida delle loro esperienze.

Per gli adottati della stessa razza, gli estranei non hanno la pelle e l'aspetto fisico a confronto per farli riflettere e porre domande, graditi o meno.

Qui è di Prema storia in modo che possa raccontarti da sola, che l'adozione internazionale è piena di altrettante complessità quando viene adottata in una famiglia adottiva della stessa razza.

L'adozione è un caleidoscopio di esperienze: dobbiamo onorare e convalidare tutte queste storie ed esperienze per ottenere una comprensione più profonda degli impatti su coloro che ne sono affetti.

lascia un commento cancella risposta

Italiano
%%piè di pagina%%