Adottare Paura e Vulnerabilità

di Oleg Lougheed, adottato dalla Russia negli USA. Fondatore di Superare le probabilità.

Mi è mancata la mia famiglia natale.

Volevo rivederli.

Ma non era più possibile.

Invece, dovevo accontentarmi di ciò che era.

Il telefono.

Io, ascoltando la loro voce mentre viaggiava per migliaia di miglia attraverso l'Oceano Atlantico.

Una voce piena di elementi di paura e amore.

Loro, sentendo la mia voce.

La rassicurazione di essere vivo e che le cose stavano andando bene.

L'attesa tra le chiamate è stata dura da gestire.

Ogni chiamata ha suscitato molte emozioni.

Emozioni che non ero preparato ad affrontare.

Non mi è stato insegnato come stare con le mie emozioni mentre vivevo in Russia.

Una parte di me voleva provare qualcosa di nuovo.

Mi sono rivolto ai miei genitori adottivi.

Eppure, ogni volta che giravo le spalle e aprivo la bocca, si chiudeva immediatamente.

Sentivo che condividere quelle emozioni con loro li avrebbe fatti sentire meno o come se avessero fatto qualcosa di sbagliato.

Quindi, li ho tenuti per me.

Nascosto, profondità sotto la superficie.

Invisibile.

Solo qualche tempo dopo ho potuto condividere quello che stavo passando.

La narrativa in cui credevo, facendo sentire i miei genitori meno o come se avessero fatto qualcosa di sbagliato, non mi serviva più.

Sono crollato mentre ero seduto nella mia camera da letto con la mia mamma adottiva al mio fianco.

Ripensandoci, ha giocato un ruolo enorme nell'aiutarmi a capire come provare e parlare di ciò che provavo.

La sua scelta di ascoltarmi mi ha fatto sentire al sicuro.

Le sue parole dopo che ho finito di condividere hanno fornito il conforto e la rassicurazione tanto necessari che andava bene per sentire come mi sentivo.

La sua curiosità per me e per me è diventata un trampolino di lancio per aiutarmi a sentire per gli anni a venire.

Per di più da Oleg, guarda il suo discorso su TedX, Superare le probabilità
Seguilo su Facebook, Instagram e LinkedIn @overcomingodds

L'adozione può essere una prigione psicologica

Come faccio a ricominciare?

La domanda risuona nella mia mente ogni giorno qui alle Hawaii, ora completamente lontana dalle relazioni della mia precedente vita adottiva.

Come faccio a vivere di nuovo come una sola persona in questo mondo?

Ho lasciato i miei legami di adozione che erano relazioni tecnicamente vincolate dal governo su cui non avevo alcun controllo da bambino orfano filippino intorno agli anni '80. Per me erano stati dei perfetti sconosciuti e non ho avuto alcuna supervisione o supporto nel post-adozione.

Col passare del tempo per me, non ho potuto avere la fortuna di conoscere la mia famiglia biologica poiché dopo la mia riunione nel 2012 nelle Filippine, ho deciso di andare per la mia strada una volta scoperte le nostre barriere linguistiche e la mia incapacità di confermare qualsiasi fatto su di loro.

Quindi sì, avanzo veloce ai tempi attuali ed è domenica, e ho rinunciato al legame dei miei legami adottivi per vari motivi, e non è stato facile ma per me era necessario.

Questa azione di pausa è stata mentale, emotivo e fisico. Sbattere verso il basso questa leva includeva prendere una distanza fisicamente strategica spostandomi molto, molto lontano da solo verso le isole del Pacifico nel 2019, ristabilire la doppia cittadinanza nel mio paese natale nelle Filippine nel 2021 e inviare civilmente un'e-mail scritta gentilmente al mio adottivo genitori quest'anno dopo che mio fratello adottivo è stridente e prematuro Morte.

Inoltre, i legami adottivi estesi che ho notato possono anche deteriorarsi naturalmente con il tempo stesso dopo anni di non comunicazione pacifica ma delicatamente intenzionale.

Cosa succede dopo che sei su questo percorso di annessione, ti chiedi?

Per me, sono arrivato a un incrocio interessante nella mia età adulta quando sono tornato a un precedente stato di orfanotrofio senza una vera posizione nella vita, senza legami, tutta la storia biologica, il patrimonio e lo stato economico sono di nuovo obsoleti.

Non suona così attraente, lo so! Parlamene.

Il vantaggio è che invece di essere una bambina vulnerabile, sono una donna di 36 anni vivere alle Hawaii. Ho dei diritti. Ho il controllo del mio benessere e del mio destino. Ho delle responsabilità. Guido la mia macchina, pago le bollette, ho i fondi; Ho un lavoro e non sono impotente.

Posso prendermi cura di me stesso. Quindi, per me, i vantaggi più grandi sono nell'essere in salute e nel rivendicare la mia vita, identità e sovranità necessarie sui miei bisogni e sul mio benessere.

Così rapidamente il legame adottato può trasformarsi in relazioni tossiche se i genitori sono narcisisti o emotivamente o fisicamente violenti.

Dopo la morte di mio fratello adottivo, che era anche lui un filippino americano adottato ed è morto per gravi problemi mentali e avvelenamento da alcol, ho avuto un chiaro risveglio di come queste relazioni con gli adottati stessero silenziosamente influenzando anche me.

E dovevo fare scelte migliori per me stesso, rischierei troppo se lo ignorassi.

È come uscire da una prigione psicologica, L'ho detto a Lynelle in un fine settimana di maggio.

Dopo qualche riflessione, mi sono reso conto che da bambino e dovendo creare attaccamenti strutturati dall'essere spostato, questo vincolo legale si consolida.

E come bambino sfollato e vulnerabile, penso che uno cada a conoscenza della co-dipendenza, il bisogno di una struttura familiare prevale anche sul bisogno di sicurezza per il proprio benessere, come se in questa casa domestica sorgano abusi.

Oppure altri aspetti potrebbero non nutrire l'adottato, come quando il bambino non viene nutrito culturalmente in base al paese di nascita.

Oppure quando i genitori oi familiari sono finanziariamente e socialmente accettabili per soddisfare i criteri di adozione, ma possiedono personalità narcisistiche che sono anche dannose per lo sviluppo personale, emotivo, psicologico e culturale del bambino.

Un bambino rimane incollato e psicologicamente devoto ai propri legami familiari attraverso le fasi di sviluppo e nell'età adulta passata perché il bisogno di attaccamenti fondamentali è fondamentale per la propria educazione psicologica e il successo.

E se questi legami sono in qualche modo negativi per l'adottato all'inizio, penso che queste relazioni che una volta erano salvatrici possano trasformarsi rapidamente in una prigione psicologica perché sei veramente legato a questi legami sociali finché non sei abbastanza forte da capire che hai una scelta.

E tu Potere rompere questo legame, questo legame stabilito dal governo, anche se forse in seguito da adulto. E, con una certa finezza.

Da adulto adottato, dalla mia esperienza i legami adottivi che si sviluppano in modo sano o disfunzionale, dopo un certo periodo di tempo entrambi i tipi passano alla permanenza in quello adottato. I legami adottivi si intrecciano e si fondono proprio come i legami biologici, una volta che hai passato così tanto tempo nel processo di sviluppo.

Questa relazione adottiva è assolutamente sorprendente quando è buona, come ogni buona relazione.

Il punto è che quando ci sono problemi che affliggono l'unità adottiva, che possono essere sottili, interagendo con la personalità e la cultura delle relazioni adottive, questi problemi possono essere completamente mascherati, non denunciati e possono essere tossici e gli affetti possono durare tutta la vita .

Per esperienza vedo che è perché il bambino adottato è vulnerabile e non sa come segnalare problemi nelle relazioni, perché l'opzione non gli è nemmeno concessa.

Nessuno è davvero lì per dare o dire al bambino adottato che ha questi diritti o opzioni. Quando si tratta di post-adozione, non c'è molta infrastruttura.

Purtroppo, se le dinamiche non supportano l'adottato, nel tempo può costare un adottato i legami culturali con il proprio paese di nascita o la perdita della propria lingua madre.

Può costare a un adottato la sanità mentale e la sanità mentale.

Può costare a un adottato la sua autostima, che tutto sanguina e ritorna nel mare sociale della sua collocazione o torna indietro in altri paesi.

E può costare la vita a un adottato.

Al rialzo, se il posizionamento è buono, può salvare anche la vita di una persona! E può permettere a questo adottato felicità e gioia per sempre.

Ogni lato della medaglia infonde entrambi il valore umano di un adottato e anche il pedaggio che il collocamento assume per ogni bambino che diventa adulto nella società è costoso, portando a un vantaggio esponenziale e al successo nella società, o potenziali burnout.

Per me, il mio collocamento adottivo alla fine è stato costoso. Tuttavia, ero ancora in grado di sopravvivere, lavorare e vivere. Per fortuna, mi sono preso cura di me materialmente.

Onestamente penso che molto sia stato dovuto alla mia stessa fede, immaginazione insolita e qualunque fortuna cieca con cui sono nato, tutto ciò mi ha portato attraverso questo.

Nel complesso, questo è stato un viaggio totale e il mio viaggio è stato molto lontano dall'incarnare la tradizionale storia di adozione da favola.

Quindi ora, è il momento di fare il duro lavoro, un mentore adottato oggi mi ha mandato un messaggio. Ma posso farcela, possiamo farcela tutti! Ci vogliono solo buone scelte e una manutenzione regolare.

Verso la fine di questo post, Condividerò con la mia comunità di adottati che abbiamo una scelta soprattutto una volta che saremo maggiorenni. Sono una specie di fiore di campo in generale, e una fioritura tardiva, quindi sto uscendo dalla nebbia e sto diventando consapevole ora che ho circa trentacinque anni.

Sì, abbiamo molto da crescere a seconda dello stato economico in cui ci troviamo senza i nostri legami di adozione. Ma come ha condiviso altri supporti tra pari adottati, non dovresti fare questo genere di cose da solo. Puoi avere strutture di supporto per tutto il tempo in questo.

E sì, è terrificante, perché dovrai ricostruire il tuo senso di identità quando lasci relazioni familiari tossiche. Come sì, può essere come ricostruire di nuovo la tua identità da quando la lasci e ricomincia da capo, come una persona sovrana che si è fatta da sé.

Da una scuola privata hawaiana in cui lavoro adesso, ho scoperto che la costruzione dell'identità culturale inizia nel presente e si basa su valori, storia, educazione e saggezza del passato. Ora che ho trovato una casa alle Hawaii, forse posso saperne di più.

Lavorerò anche su obiettivi settimanali che spero di condividere con la comunità mentre continuo in questo viaggio senza fine.

Insomma, se sei in una buona famiglia adottiva, Dio benedica la tua fortuna e ho tanto amore e felicità per te! Tuttavia, se hai bisogno di separarti dai legami, come se la tua adozione non fosse così salutare, sappi che non è impossibile.

Il supporto professionale e tra pari è qui per te, ogni giorno sulla tua strada verso la libertà. Puoi creare la tua sovranità, ci vorrà solo del lavoro.

Leggi il post precedente di Desiree su ICAV: Cosa ho perso quando sono stato adottato e seguila a Weebly o Instagram @starwoodletters.

America: hai reso difficile essere orgoglioso di essere asiatico-americano

by Mary Choi Robinson, adopted from South Korea to the USA

As I sit down to my laptop it is May 2, the second day of Asian American and Pacific Islander (AAPI) Heritage Awareness Month and I reflect on Alice Wu’s The Half of It I watched last night to commemorate the first day of AAPI month. Watching the movie with my daughter, I thought how I wished it or something like it had been available when I was a teenager or even in my early twenties. To see an entire film focused on the life of a young Asian woman on the cusp of self-discovery and adulthood would have made me feel seen and a part of the fabric of American identity. So while this month is meant to showcase AAPI heritage I am not in fact proud to be Asian-American…yet.

I am sure my previous statement will elicit reactions from disbelief, to shock, to anger, and everything in between from varying groups of identities. So let me explain why I am not proud yet, how America made it nearly impossible for me to be proud, and how I’m gaining pride in my Asianness. As a Korean adoptee, raised by white parents in predominately-white areas, I have always navigated two racial worlds that often oppose each other and forever contradict my identity. The whiteness of my parents did not insulate or protect me from racism and in fact would even appear at home. When I first arrived to the US, my sister, my parent’s biological child, took me in as her show and tell for school with our parents’ blessing. Her all white classmates and teacher were fascinated with me and some even touched my “beautiful silky shiny jet black” hair, something that would continue into my early thirties until I realized I did non have to allow people to touch my hair. Although I start with this story, this is not a piece about being a transracial, transnational adoptee—that is for another day, maybe in November for National Adoption Awareness Month—but to illustrate how my Asian identity exists in America.

As I grew up, I rarely saw other Asians let alone interacted with them. Instead, I lived in a white world full of Barbie, blonde hair and blue eyes in movies, television shows, magazines, and classrooms. The rare times I did see Asians in person were once a year at the Chinese restaurant to celebrate my adoption day or exaggerated or exocticized caricatures in movies and tv shows. Think Mickey Rooney in Breakfast at Tiffany’s, Long Duck Dong in Sixteen Candles, or Ling Ling the “exotic gem of the East” in Bewitched. Imagine instead an America where Wu’s film or To All the Boys I’ve Loved Before o Crazy Rich Asian o Fresh Off the Boat o Kim’s Convenience would have opened up for generations of Asian Americans. Rarely would I spot another Asian in the school halls. However, I could never form friendships with them, heavens no, they were real full Asians and society had taught me they were weird, ate strange smelly things, talked funny, and my inner adolescent warned me association with “them” would only make me more of an outsider, more Asian. In classrooms from K-12 and even in college, all eyes, often including the teacher, turned to me when anything about an Asian subject, regardless of whether it was about China, Vietnam, Korea, etc., as the expert to either verify or deny the material. I always dreaded when the material even had the mention of an Asian country or food or whatever and would immediately turn red-faced and hot while I rubbed my sweaty palms on my pant legs until the teacher moved on, hoping the entire time I would not be called on as an expert like so many times before.

My white family and white friends would lull me into a false sense of belonging and whiteness by association. That false sense of security would shatter when they so easily and spontaneously weaponized my Asianness against me with racial slurs during arguments. Of course, I was used to racist verbal attacks from complete strangers, I had grown up on a diet of it, but it especially pained me from friends and family. The intimacy of those relationships turned the racism into acts of betrayal. That was the blatant racism; the subtle subversive racism caused just as much damage to my sense of pride. As a young professional in my early twenties, a white colleague told me how beautiful I was “for an Asian girl.” A Latina student in one of my courses loudly and clearly stated, “The first day of class, I was so worried I wouldn’t be able to understand you and I’m so glad your English is so good!” And of course I regularly receive the always popular, “Where are you from? No, where are you really from?” Because Asian Americans, whether born here or not, are always seen as foreigners.

AAPI Awareness Month did not even become official until 1992. But anti-Asian sentiment in the US has a long history and was sealed in 1882 with the first national stance on anti-immigration that would be the catalyst for future immigration policies, better known as the Chinese Exclusion Act, coincidentally signed into law also in the month of May. In February 1942, the US rounded up and interned Japanese-Americans and Asian-Americans of non-Japanese decent after the bombing of Pearl Harbor. Now in 2020 amidst the global lockdown of Covid-19, anti-Asian attacks, both verbal and physical, have increased to startling numbers. As recently as April 28, NBC News reported Over 30 percent of Americans have witnessed COVID-19 bias against Asians. Think about that—this is Americans reporting this not Asian Americans. The attacks have been worldwide but this report shows what Asian Americans are dealing with alongside the stress of the pandemic situation in the US. Keep in mind the attacks on Asian Americans are not just from white folks, indeed we’re fair game for everyone as evidenced by Jose Gomez’s attempt to murder an Asian American family including a two-year old child in Midland, Texas in March. Let that sink in—a two-year old child simply because they are Asian! Asians are being spat on, sprayed, e worse by every racial group.

To help combat this current wave of American anti-Asian sentiment, highly visible leader and former presidential candidate, Andrew Yang advised Asian Americans in a Washington Post op-ed to:

“…embrace and show our American-ness in ways we never have before. We need to step up, help our neighbors, donate gear, vote, wear red white and blue, volunteer, fund aid organizations, and do everything in our power to accelerate the end of this crisis. We should show without a shadow of a doubt that we are Americans who will do our part for our country in this time of need.”

My reaction to Mr. Yang’s response bordered on anger at the implication for Asian Americans to continue the perpetuation of the model minority myth. The danger of which, besides reinforcing divides between racial and minority groups, extols the virtue of suffer in silence. Do not make waves, keep your head down, be a “good” American. Sorry Mr. Yang, I am finally gaining pride in my Asianess and I cannot and will not stay silent any longer.

It has taken me my whole life to gain nuggets of pride in my Asian identity. Now I appreciate the color of my tan skin and dark almond-shaped eyes and no longer compare my physical beauty to white women and the standards society has forced on us all. For the first time I actually see myself, and all Asian women and men, as beautiful because of and not in spite of being Asian. I no longer avoid other Asians and cherish friendships with those who look like me. I love to explore the diversity of Asian cuisines, cultures, and traditions and continue to learn about them since, remember, “Asian” is diverse and not a monolith of just one culture. Now I speak up without fear of rejection or lack of acceptance when I witness anti-Asian or any racist behavior and use those moments as teaching opportunities whenever I can. I no longer resent not being able to pass as white. I am becoming proud to be Asian.

Read Mary’s earlier blog My Adoption Day Is An Anniversary of Loss

La poesia riflette il mio mondo interiore

di Kevin Minh Allen, adottato dal Vietnam negli USA.

Sono arrivato alla poesia tardi, ma è emersa nella mia vita in un momento in cui ne avevo più bisogno. La poesia è sempre stata per me un mezzo per raccogliere, indagare e riflettere il mio mondo interiore, che è stato senza dubbio impresso con il segno indelebile dell'adozione. Le seguenti poesie non cercano risposte ma sollevano domande all'interno di chiunque stia ascoltando:

Puoi seguire altri lavori di Kevin sul sito web: Il sonno non è un comfort

Il giorno della mia adozione è l'anniversario della perdita

di Mary Choi Robinson, adottata dalla Corea del Sud negli Stati Uniti.

Questo è Choi Soon Kyu.

In questa foto ha circa 4 anni ed è recentemente rimasta orfana e malata a causa delle devastazioni della povertà.

Prima che questa foto fosse scattata, aveva una vita precedente ed era la figlia di qualcuno, la figlia di qualcuno con molto probabilmente un nome diverso.

Circa 8 mesi dopo questa foto, il 18 febbraio, verrà consegnata negli Stati Uniti, le sarà data una nuova identità e famiglia; una nuova vita che le è estranea, spaventosa e imposta. Il suo nome verrà cambiato e perderà la sua lingua e cultura in nuove.

Le sue tre identità, le sue tre vite, sono portate da traumi e perdite. Ora sono me e sopravvivo ogni giorno a tutto ciò che ha perso.

Non dirmi di essere grato o grato, o che ogni bambino merita una famiglia e una casa sicure e amorevoli.

Cerca invece di capire che mi porto dietro questo dolore e questa perdita insopportabili ogni giorno. Un dolore che non è peggiore, ma a differenza di altri lutti che non sempre si possono esprimere facilmente. Un dolore di cui non sono sicuro su come piangere e da cui molto probabilmente non mi riprenderò mai, che potrebbe avere conseguenze generazionali.

Certi giorni lotto più di altri, soprattutto quando inaspettatamente preso alla sprovvista dall'adozione.

Quindi oggi non è solo l'anniversario della mia adozione/arrivo negli Stati Uniti, ma anche l'anniversario della mia perdita. Ma sono ancora qui e sto facendo del mio meglio per ottenere il massimo da questa vita, quindi lo celebrerò.

Se desideri leggere di più da Mary, la sua tesi di Master è inclusa in Ricerca ICAV pagina - Vivere una vita parallela: memorie e ricerche di un adottato coreano transnazionale.

Condivisioni anonime su Adoptee Anger

Questa è una serie su Adoptee Anger dall'esperienza vissuta, per aiutare le persone a capire cosa c'è sotto la superficie e perché gli adottati a volte possono sembrare arrabbiati.

di Anonimo, adottato dalla Cina negli Stati Uniti.

Ho provato rabbia come adottato. Per me è successo tra la fine dell'adolescenza e l'inizio dei 20 anni in quel periodo di transizione tra il liceo e l'università. Ero arrabbiato con i miei genitori per avermi adottato e per non aver fatto sforzi per imparare o condividere la mia cultura di nascita, ero arrabbiato con i miei genitori naturali per avermi dato in adozione e per aver avuto un bambino di cui non potevano prendersi cura. Ero arrabbiato per i sistemi più ampi di povertà e disuguaglianza che mettono le persone in situazioni difficili. Ero così arrabbiato con le persone che mi dicevano che ero cinese o asiatico ma non avevo idea di cosa significasse.

Ero arrabbiato con i cinesi che ho incontrato che erano delusi dal fatto che non fossi più "cinese". Mi sono scagliato contro i miei genitori e ho detto loro cose molto offensive sull'adozione. Sfortunatamente, ho anche rivolto gran parte di questa rabbia e tossicità su me stesso e ha influenzato negativamente il modo in cui mi vedevo. Per me, la rabbia riguardava l'essere confrontati con la comprensione che l'adozione non solo mi ha dato una famiglia, ma significava anche che ne avevo una in periferia che forse non avrei mai conosciuto. Mi sentivo uno straniero nel mio stesso corpo, costantemente giudicato per la mia razza ma non rivendicando quell'identità. Non riuscivo a capire come venire a patti con gli effetti della povertà e dei sistemi più ampi che mi hanno portato ad essere adottato.

Ho sentito davvero rabbia come l'inizio del dolore.

Ora la rabbia è svanita e provo una tristezza profonda e complicata quando penso a questi argomenti. Ciò che mi ha aiutato di più è stato raggiungere e connettermi con gli altri adottati. Mi ha aiutato a canalizzare e convalidare i miei sentimenti sull'adozione, vedere più sfumature nel processo e ritrovare molta fiducia in me stesso e autostima.

Dato che sono stato coinvolto con le organizzazioni di adottati, ho trovato conforto, guarigione e gioia. I miei genitori, anche se avremo sempre delle differenze, mi amano e non si sono mai vendicati quando ho detto cose cattive sul processo di adozione o su di loro. Dagli amici intimi e dalla famiglia, sono stato trattato con compassione, amore, comprensione e comunità. Penso che sia ciò di cui ogni persona ha bisogno quando lavora su queste cose grandi e inspiegabili.

Il Papa che fa vergognare le persone ad adottare bambini

di Cameron Lee, adottato dalla Corea del Sud negli USA, terapeuta e fondatore di Terapia riscattata.

Siamo noi vergognarsi l'un l'altro di adottare bambini? Consideriamo l'impatto di quel tipo di messaggistica.

Per prima cosa, visita @patrickintheworld per un dialogo organizzato sull'umanità e su come Le parole di Francesco non riusciamo a riconoscere la nostra esperienza intrinseca di esso. Non hai bisogno di adottare un bambino per realizzare la tua umanità. E non tutti quelli che adottano un bambino sono altruisti.

Secondo, puoi immaginare di adottare un bambino perché ti sei sentito in colpa o egoista per non averlo adottato? Si prega di vedere il mio precedente Episodio dell'ora d'ufficio con il tuo terapeuta, "Il tuo matrimonio è pronto per l'adozione?"

Terzo, un animale domestico è molto diverso da un bambino. Vorrei fortemente metterli a confronto come se potessero essere sostituiti come parti di automobili. Esplora l'hashtag #nothing ed esaminare i frutti di una tale narrativa mercificante. Gli adottati, dall'infanzia a qualsiasi età, hanno bisogno di un tipo di cura premurosa e informata che vada oltre il modo in cui descriviamo cani e gatti.

Quarto, poiché questo messaggio proviene da un'autorità spirituale che lotta per affrontare in modo significativo l'importanza dei servizi post-adozione, ci esorto a continuare a sostenere le famiglie nella chiesa che hanno già adottato.

Nonostante le differenze nella visione del mondo, gli adottati (e le loro famiglie) devono sapere che non sono soli e hanno bisogno di aiuto per affrontare tutte le complessità che derivano dalla rinuncia, dal trasferimento dell'affidamento e oltre.

Non sto affatto dicendo che dovremmo scontare le famiglie al di fuori della chiesa. Ma temo che ci siano adottanti nelle comunità spirituali che sono entrati in questo viaggio per motivi disinformati (nessun giudizio da parte mia, so che non ne hai bisogno di più!), e si sono trovati in un disperato bisogno di risorse e speranza.

Infine, va da sé, continuiamo a interrogare le condizioni che minimizzano o simbolizzano gli sforzi per la conservazione della famiglia. Mi piacerebbe vedere più iniziative alimentate da Cristo per tenere i bambini con i loro genitori e parenti.

Sì, la conversazione va oltre lo scopo di questo singolo post. Sentiti libero di sfogliare il mio account per ulteriori pensieri relativi alla fede su #adoption, così come sulla miriade di voci di #adoptee dentro e fuori i social media che hanno parlato su questi temi di riforma e restaurazione.

Il dolore della perdita e la gioia di vederla riunita alla sua famiglia

di Jessica Davis, madre adottiva americana di una figlia ugandese, è tornata con successo dalla sua famiglia ugandese; co-fondatore di Kugatta che riunisce le famiglie colpite dall'adozione internazionale dell'Uganda.

Namata con i suoi fratelli

Ogni anno penso che non piangerò e non mi farà male così profondamente come una volta. Ma ogni volta che vedo tutto ciò che è stato quasi permanentemente sottratto a Namata, il dolore ritorna altrettanto profondo (se non più profondo) della prima volta in cui mi sono reso conto a cosa avevo partecipato e cosa doveva essere fatto. Ho ancora membri della famiglia allargata che si rifiutano di ammettere che riunirla con la sua famiglia ugandese fosse la cosa GIUSTA e GIUSTA da fare.

Ci sono molte persone che credono che sia giusto prendere bambini da famiglie LOVING se queste famiglie sono povere, vivono nel paese “sbagliato”, praticano la religione “sbagliata”, o per una serie di altri motivi irrazionali. È incredibile quanto denaro, tempo e risorse contribuiscano alla separazione delle famiglie che in primo luogo non dovrebbero mai essere separate.

Non smetterò mai di denunciare i torti che si perpetuano all'interno del sistema di adozione internazionale. Non smetterò di lottare per coloro che sono stati sfruttati da questo sistema e di certo non dimenticherò mai la fantastica bambina che è entrata nella mia vita e mi ha insegnato a fare meglio. Per quanto mi manchi, il mio dolore impallidisce in confronto alla gioia che provo vedendola a casa con la sua famiglia e prosperare.

Abbiamo fatto tutto “bene”. Abbiamo utilizzato un'agenzia di adozione molto apprezzata, seguito tutti i protocolli e le procedure corretti e segnalato tutto ciò che non andava quando lo abbiamo scoperto. Infatti, anche se è stato dimostrato che la nostra agenzia di adozione era corrotta, i documenti di Namata sono stati falsificati, il giudice ugandese è stato corrotto, l'intervista all'ambasciata ha mostrato che la madre di Namata non capiva cosa fosse l'adozione e all'epoca non ci è stato detto, la nostra adozione di Namata dall'Uganda era ed è tuttora considerato LEGALE. Cosa ti dice sull'adozione internazionale?

Namata non è riuscita a tornare a casa perché era la cosa giusta e giusta da fare. I diritti di Serena violati e il miglior interesse di Namata ignorati erano irrilevanti da parte di coloro che avrebbero dovuto preoccuparsene. Il motivo per cui Namata è andata a casa e si è riunita con la sua famiglia è perché Adam e io ci siamo rifiutati di accettare che tutto ciò andasse bene o "in meglio".

Innumerevoli famiglie sono state inutilmente fatte a pezzi attraverso l'adozione internazionale, proprio come quella di Namata.

Raramente sento qualcuno esprimere preoccupazione per queste ingiustizie o per ciò che è stato perso, piuttosto le persone usano buone intenzioni andate storte per ignorare queste realtà e andare avanti come se non fosse successo nulla di sbagliato. Se le persone non ascoltano o non riescono a capire il problema in questione, forse lo vedranno quando guarderanno questa famiglia e si renderanno conto che tutto ciò che era quasi perso e che non c'era letteralmente alcuna ragione per questo.

Namata e la sua famiglia

Leggi l'ultimo post di Jessica: Giustizia o responsabilità accadono nelle adozioni illecite?

Cosa ho perso quando sono stato adottato

Oggi mi guardo intorno e non ho una famiglia in vista. Ero lacerato alle radici quando sono nato nelle Filippine in condizioni di indigenza nel 1985, sono rimasto orfano alla nascita e adottato nel 1987.

In duplice modo, il mio processo di adozione internazionale aveva sistematicamente cancellato la mia intera eredità e la conoscenza dei miei antenati. Mentre mi legavo permanentemente a persone che non avevano alcun interesse a preservare o mantenere intatta la mia nazionalità e cultura di nascita.

Non so perché ciò sia dovuto accadere durante il processo di adozione.

Perché il passato doveva essere cancellato in modo così efficiente come se non fosse mai esistito.

Perché tutto questo doveva essere cancellato?

Le narrazioni dei miei nonni, le narrazioni dei miei bisnonni, le voci di tutta la carne e il sangue e le ossa che hanno fatto il mio DNA oggi.

Perché le loro storie hanno dovuto lasciarmi?

Era perché ero marrone?

È stato perché sono nato nelle Filippine, che nella storia è sempre stato un paese in via di sviluppo, emarginato con un passato colonizzato?

Era perché ero un bambino vulnerabile che non aveva voce in capitolo o diritti sulla mia stessa vita in quel momento? Era perché i miei ricordi e la mia identità non avevano importanza?

Ho dovuto essere separato dal mio paese di nascita e dalla lingua materna del mio paese di nascita per essere salvato da una famiglia più privilegiata?    

E perché le restanti informazioni biografiche erano così incredibilmente inutili e irrilevanti? E perché ho dovuto aspettare fino all'età di 18 anni per ricevere anche quelle informazioni, quali parti di esse, ho scoperto in seguito da una riunione con la mia madre naturale, non erano nemmeno vere.

Mi sto lamentando perché sono rimasta orfana?

O mi sto lamentando perché c'erano parti di questo processo di adozione che era sistematicamente disumano, inclusa l'adozione di me da una coppia caucasica del Midwest che non aveva mostrato alcun interesse a preservare la mia eredità culturale o a mantenermi in contatto con la lingua del mio paese natale. Come mostra, anche in quella documentazione di adozione, non avevano alcun interesse per la mia eredità.

Non sapevo che se avessi mantenuto questa connessione quando ero un bambino marrone vulnerabile e sostanzialmente acquistato da una famiglia bianca privilegiata, sarei stato in grado di tornare nelle Filippine nella mia età adulta, il mio paese natale, e avrei essere in grado di parlare fluentemente, il che mi avrebbe dato un percorso molto più semplice per rivendicare la mia cittadinanza.

Anche il mio nome di nascita, perché i miei genitori adottivi che non mi hanno mai conosciuto hanno improvvisamente avuto il diritto di cambiare il mio nome di nascita quando mi hanno adottato/acquistato?

Perché erano stati dati loro dei diritti?

Quali diritti mi sono stati sottratti in questo duplice processo?

Dove è andata a finire la mia cittadinanza nel mio paese natale quando sono stata adottata?

Perché tutto questo ha dovuto lasciarmi quando sono stato adottato?

Puoi leggere l'articolo di Desiree: Sulla strada del recupero, seguila a Weebly o Instagram @starwoodletters.

Una veglia per Christian Hall, 1 anno dopo

Il 30 dicembre 2021, dalle 19:00 alle 21:00 CST, ci siamo riuniti nell'applicazione dei social media, Clubhouse per partecipare a una veglia online, creata e guidata dall'adottato vietnamita Adam Chau. L'evento è stato organizzato in collaborazione con la famiglia di Christian Hall che ha creato le veglie fisiche di persona in varie città degli Stati Uniti. Lo scopo delle veglie era quello di onorare la vita di Christian, sensibilizzare e riunire le comunità colpite in solidarietà per cercare Giustizia per Christian Hall. Puoi leggere i loro ultimi articoli qui e qui.

Alcuni ospiti adottati sono stati invitati a condividere i nostri pensieri per la veglia online: Kev Minh Allen (Vietnamita americana adottata), Lynelle Long (Adottato australiano vietnamita), Kayla Zheng (adottato cinese americano), Lee Herrick (Coreano americano adottato).

Condivido con voi ciò di cui ho parlato in onore di Christian Hall.

Mi chiamo Lynelle Long, sono la fondatrice di Intercountry Adoptee Voices (ICAV). Vorrei ringraziare Adam Chau per aver organizzato questo evento online oggi in onore di Christian. Grazie Nicole, la cugina di Christian che è alla nostra chiamata, per averci permesso di partecipare a questa veglia. Mi dispiace tanto per la perdita della tua famiglia! È un privilegio poter parlare. Sono una persona con un'esperienza vissuta di adozione internazionale e, come Christian Hall, sono di origine cinese … tranne che sono nato in Vietnam e adottato in Australia, mentre lui è nato in Cina e adottato negli Stati Uniti.

Il filo conduttore che mi unisce a Christian Hall è che entrambi abbiamo vissuto l'abbandono da bambini. Non importa che età abbiamo, per un adottato, la perdita della nostra prima famiglia come abbandono/rinuncia è un'esperienza cruda e dolorosamente traumatica. Rimane con noi per tutta la vita sotto forma di sensazioni corporee e si attiva facilmente. Quando ciò accade, queste sensazioni inondano il nostro corpo come paura, panico, ansia.

Peggio ancora è che quando il nostro abbandono avviene da bambini, non abbiamo sviluppato un linguaggio come modo per comprendere la nostra esperienza. Rimaniamo semplicemente con i sentimenti pre-verbali (sensazioni corporee). Mi ci sono voluti più di 20 anni prima di leggere il primo libro, The Primal Wound di Nancy Verrier, che ha cambiato la mia vita in termini di comprensione dell'impatto che l'abbandono e l'adozione hanno avuto su di me. Quel libro è stato il primo ad aiutare a dare parole all'esperienza che avevo provato fino a quel momento, come un'esperienza del tutto somatica, come sensazioni sgradevoli nel mio corpo, che non avevo capito, da cui avevo passato la vita scappando ogni volta sono riemersi.

L'altro filo conduttore che mi unisce a Christian Hall è che entrambi abbiamo sperimentato ideazioni e tentativi suicidi. Per lui, significava tragicamente la fine della sua vita da parte degli agenti di polizia che non capivano i suoi traumi. Per me, dopo numerosi tentativi falliti e finire al pronto soccorso, ha significato un lungo processo di risveglio al trauma che avevo vissuto. Più di 20 anni dopo, ho trascorso la maggior parte di questo tempo ad aiutare a risvegliare la nostra società su cosa sia veramente l'adozione per noi, la persona adottata.

Essere adottati non ci lascia mai. Potremmo provare a scappare e fingere che non abbia alcun impatto, ma nel profondo del nostro nucleo, il nostro abbandono collega quasi ogni aspetto del nostro essere - soprattutto, come ci connettiamo o meno con gli altri intorno a noi e con noi stessi. Al centro, gli adottati internazionali sperimentano la perdita di identità, razza e cultura. A meno che non abbiamo intorno a noi supporti che ci comprendano e ci aiutino a superare presto il trauma dell'abbandono, inciampiamo nel buio, completamente inconsapevoli di come il nostro abbandono ci colpisce. Molti adottati lo chiamano "essere nella nebbia" fino a quando non ci svegliamo. Oggi, decenni dopo che Nancy Verrier ha scritto per la prima volta il suo fantastico libro, ora ne abbiamo molti, molti libri scritti da adottati chi sono gli esperti della nostra esperienza vissuta. Questi libri sono una testimonianza scritta delle complessità che viviamo attraverso l'adozione e dell'impatto che hanno su di noi.

Negli ultimi 2 mesi, ho lavorato con altri per parlare degli impatti dell'abbandono e del trauma dell'adozione e del collegamento diretto al rischio di suicidio. Riconosco che la famiglia di Christian non collega la sua tragica morte al suicidio, ma sospetto che i suoi sentimenti di abbandono siano stati innescati quando eventi chiave lo hanno portato a trovarsi sul ponte quel giorno. Spero che più famiglie adottive si istruiscano sulle complessità in cui viviamo come persone che si disconnettono dalle nostre origini tramite l'adozione internazionale. Siamo quasi 2 milioni in tutto il mondo e stiamo parlando in massa per aiutare il mondo a capire che non è un'esperienza di arcobaleni e unicorni. Abbiamo bisogno di supporto permanente da professionisti formati in materia di trauma e adozione. Solo in America ci sono centinaia di migliaia di adottati internazionali: l'America rimane il più grande paese ricevente al mondo. Troppi stanno lottando emotivamente ogni giorno, eppure negli Stati Uniti non esiste ancora un servizio di consulenza nazionale gratuito per gli adottati internazionali e le loro famiglie. Inoltre, negli Stati Uniti non esiste un centro nazionale di supporto post-adozione finanziato per aiutare gli adottati internazionali a crescere fino all'età adulta e oltre. Non è un enorme difetto il fatto che il più grande importatore di bambini al mondo non disponga di un sostegno permanente interamente finanziato, equo e liberamente accessibile? come può l'America aspettarsi risultati positivi per i bambini che sono tra i più vulnerabili se non finanziamo ciò che sai di cui hanno bisogno?

Non ho mai conosciuto Christian personalmente. L'ho scoperto solo attraverso la sua morte. Vorrei averlo conosciuto. Dai molti adottati internazionali con cui mi connetto, so che guadagniamo così tanto emotivamente dall'essere connessi ad altri proprio come noi. Essere in contatto con i nostri coetanei aiuta a ridurre quei sentimenti di isolamento, ci aiuta a capire che non siamo gli unici a vivere la vita in questo modo, ci aiuta a connetterci a fonti di supporto e convalida che sappiamo ha funzionato. Vorrei che Christian avesse incontrato la nostra comunità. Non saprò mai se avrebbe fatto la differenza che lui non fosse lì quel giorno su quel ponte. Come adottato, sospetto che Christian molto probabilmente volesse aiuto quel giorno, un aiuto per alleviare la sua anima addolorata, non la morte. 

Inoltre, prendiamoci un momento per ricordare la sua famiglia biologica in Cina. Se hanno mai avuto davvero una scelta nella sua rinuncia, probabilmente non lo sapremo mai, ma dalla mia conoscenza in questo campo, molto probabilmente non è così. L'adozione di Christian fu probabilmente il risultato del L'era della politica 1-Children in Cina dove migliaia di famiglie sono state costrette ad abbandonare i propri figli, molti dei quali sono finiti all'estero adottati come cristiani. Per favore, prenditi un momento per considerare che, attraverso l'adozione, la sua famiglia biologica non ha nemmeno il diritto di sapere che è morto. 

La parodia dell'adozione è che il trauma è vissuto da tutti nella triade (l'adottato, la famiglia adottiva, la famiglia biologica) ma i traumi continuano a non essere riconosciuti e non sono supportati sia nei nostri paesi adottivi che in quelli di nascita. Dobbiamo fare di meglio per prevenire l'inutile separazione delle famiglie e, dove è necessaria l'adozione, garantire che le famiglie intraprendano un'educazione all'adozione, conoscendone appieno le complessità e avendo accesso gratuito equo per tutta la vita ai supporti professionali necessari.

Il mio enorme ringraziamento alla sua famiglia allargata e immediata per essere stata coraggiosa e essersi aperta attraverso tutto questo trauma e aver permesso queste veglie in cui la sua vita e la sua morte possono essere onorate per il bene più grande. Onoro il dolore e la perdita che hanno vissuto e li ringrazio immensamente per aver permesso alla nostra comunità internazionale di adottati di unirsi a loro per sostenerli.

Grazie.

Se desideri sostenere la famiglia di Christian e la loro spinta per la giustizia, firma la petizione qui.

Se desideri comprendere meglio le complessità coinvolte nell'adozione internazionale vissuta dagli adottati, il nostro Risorsa video è un ottimo punto di partenza. Non sarebbe fantastico creare una risorsa come questa per aiutare a educare i primi soccorritori a comprendere meglio le crisi di salute mentale che vivono gli adottati.

Italiano
%%piè di pagina%%