L'adozione può essere una prigione psicologica

How do I start over?

The question echoes in my brain every day here in Hawaii, now totally away from the relations of my former adopted life.

How do I live anew as one person in this world?

I left my adoptee ties that were technically governmentally bonded relations that I had no control over as a Filipino orphaned child circa 1980’s. For me, they had been total strangers and I didn’t have any oversight or support in post-adoption.

As time went on for me, I wasn’t able to have the fortune to get to know my biological family as after my reunion in 2012 in the Philippines, I decided to go my own way once I discovered our language barriers and my inability to confirm any facts on them.

So yes, fast-forward to current times and it is Sunday, and I have relinquished my bond of my adoptive ties for various reasons, and it hasn’t been easy but for me, it was necessary.

This break action has been mental, emotional and physical. Slamming this lever down included making physically strategic distance by moving far, far away on my own to the Pacific islands in 2019, re-establishing dual citizenship to my birth country in the Philippines in 2021, and civilly sending a kindly written email to my adoptive parents this year after my adoptive brother’s jarring and untimely death.

Additionally, the extended adoptive ties I’ve noticed can also naturally deteriorate with time itself after years of peaceful but gently intentional non-communication.

What happens after you’re on this path of annexation, you wonder?

For me, I’ve arrived at an interesting intersection in my adulthood when I’ve sort of returned to a former state of orphanhood with no real station in life, no bonds, all biological history, heritage and economic status obsolete all over again.

Doesn’t sound that appealing, I know! Tell me about it.

The perk is that instead of being a vulnerable child, I am a 36-year-old woman living in Hawaii. I have rights. I am in control of my wellbeing and fate. I have responsibilities. I drive my own car, I pay bills, I have funds; I have a job and I am not helpless.

I can take care of myself. So to me, the biggest perks are in being healthy and reclaiming my life, identity and sovereignty needed over my own needs and wellbeing.

So quickly the adoptee bond can turn into toxic relations if the parents are narcissistic or emotionally or physically abusive.

After the death of my adopted brother, who was also a Filipino American adoptee and died of severe mental issues and alcohol poisoning, I had a stark wake-up call of how these adoptee relations were silently impacting me too.

And I had to make better choices for myself, I would be risking too much if I ignored this.

It is like leaving a psychological prison, I told Lynelle on a weekend in May.

After some reflection, I realized that as a child and having to make structured attachments from being displaced, this legal bond fastens.

And as a displaced, vulnerable child, I think one falls privy to co-dependency, the need for a family structure overrides even the need for safety for his or her own wellbeing, like if abuses arise in this domestic home.

Or other aspects might not nurture the adoptee, like when the child isn’t being culturally nurtured according to their birth country.

Or when the parents or family members are financially and socially acceptable as to meeting criteria of adoption, but possess narcissistic personalities which is also detrimental to the child’s personal, emotional, psychological and cultural development.

A child stays glued and psychologically devoted to their family ties through development stages and on past adulthood because the need for foundational attachments is paramount to one’s psychological upbringing and success.

And if these ties are in any way bad for the adoptee early on, I think these relations that were once saving can quickly turn into a psychological prison because you are truly bound to these social ties until you’re strong enough to realize that you have a choice.

And you Potere break out of this bond, this governmentally established bond, although possibly later on as an adult. And, with some finesse.

As an adult adoptee, from my experience adoptive ties that develop healthily or dysfunctionally, after a certain amount of time both types transitions into permanence to that adoptee. Adoptive ties mesh and fuse just the same as biological ties, once you’ve gone so long in the developmental process.

This adoptive relation is totally amazing when it’s good, like any good relationship.

The spin is that when there are issues plaguing the adoptive unit, which can be subtle, interplaying with the personality and culture of the adoptive relations, these issues can go totally disguised, unreported, and it can be toxic and the affects can last a lifetime.

From experience, I see that it is because the adoptee child is vulnerable and doesn’t know how to report issues in the relations, because the option isn’t even granted to them.

No one is really there to give or tell the adoptee child that they have these rights or options. When it comes to post-adoption, there isn’t much infrastructure.

Sadly, if dynamics are not supportive to the adoptee, in time, it can cost an adoptee the cultural bonds to their own birth country or the loss of their native language.

It can cost an adoptee their sanity and mental health.

It can cost an adoptee their self-esteem, which all bleeds and returns into the social sea of their placement or back out into other countries.

And, it can cost an adoptee their life.

On the upside, if the placement is good, it can save a person’s life as well! And it can allow this adoptee happiness and joy forevermore.

Each side of the coin both instills an adoptee’s human value and the toll the placement takes on every child who becomes an adult in society is also expensive, leading to exponential advantage and success in society, or potential burnouts.

For me, my adoptive placement was costly in the end. However, I was still able to survive, work and live. I was materialistically taken care of, thankfully.

I honestly think much was due to my own faith, offbeat imagination and whatever blind luck I was born with that all carried me through this.

Overall, this has been a total trip and my journey has been very far from embodying the traditional fairy tale adoption story.

So now, it’s time to do the hard work, an adoptee mentor messaged me today. But I can do it, we all can do it! It just takes good choices and regular upkeep.

Nearing the end of this post, I will share to my adoptee community that we have a choice especially once we’re of legal age. I’m sort of a wildflower in general, and a late bloomer, so I’m coming out of the fog and becoming aware now in my mid-thirties.

Yes, we have a lot to rear ourselves depending on the economic status we find ourselves in without our adoptee ties. But like other adoptee peer support has shared, you should not do this kind of thing by yourself. You can have support structures the whole time in this.

And yes, it is terrifying, because you will have to rebuild your sense of identity when leaving toxic family relations. As yes, it can be like rebuilding your identity all over again from when you leave them and start anew, as a now a self-made, sovereign person.

From a Hawaiian private school I work at now, I have come to find that cultural identity building begins in the present and it is built upon values, history, education and the wisdom of the past. Now that I have found a home in Hawaii, maybe I can learn more about it.

I will also be working on weekly goals that I hope to share to the community as I continue on this never-ending journey.

In conclusion, if you are in a good adoptive family, God bless your fortune and I have so much love and happiness for you! However, if you are needing to split away from the ties, like if your adoption wasn’t that healthy, then please know it isn’t impossible.

Professional and peer support is here for you, every day on your way to freedom. You can create your own sovereignty, it will just take work.

Read Desiree’s earlier post at ICAV: Cosa ho perso quando sono stato adottato and follow her at Weebly o Instagram @starwoodletters.

America: hai reso difficile essere orgoglioso di essere asiatico-americano

by Mary Choi Robinson, adopted from South Korea to the USA

As I sit down to my laptop it is May 2, the second day of Asian American and Pacific Islander (AAPI) Heritage Awareness Month and I reflect on Alice Wu’s The Half of It I watched last night to commemorate the first day of AAPI month. Watching the movie with my daughter, I thought how I wished it or something like it had been available when I was a teenager or even in my early twenties. To see an entire film focused on the life of a young Asian woman on the cusp of self-discovery and adulthood would have made me feel seen and a part of the fabric of American identity. So while this month is meant to showcase AAPI heritage I am not in fact proud to be Asian-American…yet.

I am sure my previous statement will elicit reactions from disbelief, to shock, to anger, and everything in between from varying groups of identities. So let me explain why I am not proud yet, how America made it nearly impossible for me to be proud, and how I’m gaining pride in my Asianness. As a Korean adoptee, raised by white parents in predominately-white areas, I have always navigated two racial worlds that often oppose each other and forever contradict my identity. The whiteness of my parents did not insulate or protect me from racism and in fact would even appear at home. When I first arrived to the US, my sister, my parent’s biological child, took me in as her show and tell for school with our parents’ blessing. Her all white classmates and teacher were fascinated with me and some even touched my “beautiful silky shiny jet black” hair, something that would continue into my early thirties until I realized I did non have to allow people to touch my hair. Although I start with this story, this is not a piece about being a transracial, transnational adoptee—that is for another day, maybe in November for National Adoption Awareness Month—but to illustrate how my Asian identity exists in America.

As I grew up, I rarely saw other Asians let alone interacted with them. Instead, I lived in a white world full of Barbie, blonde hair and blue eyes in movies, television shows, magazines, and classrooms. The rare times I did see Asians in person were once a year at the Chinese restaurant to celebrate my adoption day or exaggerated or exocticized caricatures in movies and tv shows. Think Mickey Rooney in Breakfast at Tiffany’s, Long Duck Dong in Sixteen Candles, or Ling Ling the “exotic gem of the East” in Bewitched. Imagine instead an America where Wu’s film or To All the Boys I’ve Loved Before o Crazy Rich Asian o Fresh Off the Boat o Kim’s Convenience would have opened up for generations of Asian Americans. Rarely would I spot another Asian in the school halls. However, I could never form friendships with them, heavens no, they were real full Asians and society had taught me they were weird, ate strange smelly things, talked funny, and my inner adolescent warned me association with “them” would only make me more of an outsider, more Asian. In classrooms from K-12 and even in college, all eyes, often including the teacher, turned to me when anything about an Asian subject, regardless of whether it was about China, Vietnam, Korea, etc., as the expert to either verify or deny the material. I always dreaded when the material even had the mention of an Asian country or food or whatever and would immediately turn red-faced and hot while I rubbed my sweaty palms on my pant legs until the teacher moved on, hoping the entire time I would not be called on as an expert like so many times before.

My white family and white friends would lull me into a false sense of belonging and whiteness by association. That false sense of security would shatter when they so easily and spontaneously weaponized my Asianness against me with racial slurs during arguments. Of course, I was used to racist verbal attacks from complete strangers, I had grown up on a diet of it, but it especially pained me from friends and family. The intimacy of those relationships turned the racism into acts of betrayal. That was the blatant racism; the subtle subversive racism caused just as much damage to my sense of pride. As a young professional in my early twenties, a white colleague told me how beautiful I was “for an Asian girl.” A Latina student in one of my courses loudly and clearly stated, “The first day of class, I was so worried I wouldn’t be able to understand you and I’m so glad your English is so good!” And of course I regularly receive the always popular, “Where are you from? No, where are you really from?” Because Asian Americans, whether born here or not, are always seen as foreigners.

AAPI Awareness Month did not even become official until 1992. But anti-Asian sentiment in the US has a long history and was sealed in 1882 with the first national stance on anti-immigration that would be the catalyst for future immigration policies, better known as the Chinese Exclusion Act, coincidentally signed into law also in the month of May. In February 1942, the US rounded up and interned Japanese-Americans and Asian-Americans of non-Japanese decent after the bombing of Pearl Harbor. Now in 2020 amidst the global lockdown of Covid-19, anti-Asian attacks, both verbal and physical, have increased to startling numbers. As recently as April 28, NBC News reported Over 30 percent of Americans have witnessed COVID-19 bias against Asians. Think about that—this is Americans reporting this not Asian Americans. The attacks have been worldwide but this report shows what Asian Americans are dealing with alongside the stress of the pandemic situation in the US. Keep in mind the attacks on Asian Americans are not just from white folks, indeed we’re fair game for everyone as evidenced by Jose Gomez’s attempt to murder an Asian American family including a two-year old child in Midland, Texas in March. Let that sink in—a two-year old child simply because they are Asian! Asians are being spat on, sprayed, e worse by every racial group.

To help combat this current wave of American anti-Asian sentiment, highly visible leader and former presidential candidate, Andrew Yang advised Asian Americans in a Washington Post op-ed to:

“…embrace and show our American-ness in ways we never have before. We need to step up, help our neighbors, donate gear, vote, wear red white and blue, volunteer, fund aid organizations, and do everything in our power to accelerate the end of this crisis. We should show without a shadow of a doubt that we are Americans who will do our part for our country in this time of need.”

My reaction to Mr. Yang’s response bordered on anger at the implication for Asian Americans to continue the perpetuation of the model minority myth. The danger of which, besides reinforcing divides between racial and minority groups, extols the virtue of suffer in silence. Do not make waves, keep your head down, be a “good” American. Sorry Mr. Yang, I am finally gaining pride in my Asianess and I cannot and will not stay silent any longer.

It has taken me my whole life to gain nuggets of pride in my Asian identity. Now I appreciate the color of my tan skin and dark almond-shaped eyes and no longer compare my physical beauty to white women and the standards society has forced on us all. For the first time I actually see myself, and all Asian women and men, as beautiful because of and not in spite of being Asian. I no longer avoid other Asians and cherish friendships with those who look like me. I love to explore the diversity of Asian cuisines, cultures, and traditions and continue to learn about them since, remember, “Asian” is diverse and not a monolith of just one culture. Now I speak up without fear of rejection or lack of acceptance when I witness anti-Asian or any racist behavior and use those moments as teaching opportunities whenever I can. I no longer resent not being able to pass as white. I am becoming proud to be Asian.

Read Mary’s earlier blog My Adoption Day Is An Anniversary of Loss

La poesia riflette il mio mondo interiore

di Kevin Minh Allen, adottato dal Vietnam negli USA.

Sono arrivato alla poesia tardi, ma è emersa nella mia vita in un momento in cui ne avevo più bisogno. La poesia è sempre stata per me un mezzo per raccogliere, indagare e riflettere il mio mondo interiore, che è stato senza dubbio impresso con il segno indelebile dell'adozione. Le seguenti poesie non cercano risposte ma sollevano domande all'interno di chiunque stia ascoltando:

Puoi seguire altri lavori di Kevin sul sito web: Il sonno non è un comfort

Il giorno della mia adozione è l'anniversario della perdita

di Mary Choi Robinson, adottata dalla Corea del Sud negli Stati Uniti.

Questo è Choi Soon Kyu.

In questa foto ha circa 4 anni ed è recentemente rimasta orfana e malata a causa delle devastazioni della povertà.

Prima che questa foto fosse scattata, aveva una vita precedente ed era la figlia di qualcuno, la figlia di qualcuno con molto probabilmente un nome diverso.

Circa 8 mesi dopo questa foto, il 18 febbraio, verrà consegnata negli Stati Uniti, le sarà data una nuova identità e famiglia; una nuova vita che le è estranea, spaventosa e imposta. Il suo nome verrà cambiato e perderà la sua lingua e cultura in nuove.

Le sue tre identità, le sue tre vite, sono portate da traumi e perdite. Ora sono me e sopravvivo ogni giorno a tutto ciò che ha perso.

Non dirmi di essere grato o grato, o che ogni bambino merita una famiglia e una casa sicure e amorevoli.

Cerca invece di capire che mi porto dietro questo dolore e questa perdita insopportabili ogni giorno. Un dolore che non è peggiore, ma a differenza di altri lutti che non sempre si possono esprimere facilmente. Un dolore di cui non sono sicuro su come piangere e da cui molto probabilmente non mi riprenderò mai, che potrebbe avere conseguenze generazionali.

Certi giorni lotto più di altri, soprattutto quando inaspettatamente preso alla sprovvista dall'adozione.

Quindi oggi non è solo l'anniversario della mia adozione/arrivo negli Stati Uniti, ma anche l'anniversario della mia perdita. Ma sono ancora qui e sto facendo del mio meglio per ottenere il massimo da questa vita, quindi lo celebrerò.

Se desideri leggere di più da Mary, la sua tesi di Master è inclusa in Ricerca ICAV pagina - Vivere una vita parallela: memorie e ricerche di un adottato coreano transnazionale.

Condivisioni anonime su Adoptee Anger

Questa è una serie su Adoptee Anger dall'esperienza vissuta, per aiutare le persone a capire cosa c'è sotto la superficie e perché gli adottati a volte possono sembrare arrabbiati.

di Anonimo, adottato dalla Cina negli Stati Uniti.

Ho provato rabbia come adottato. Per me è successo tra la fine dell'adolescenza e l'inizio dei 20 anni in quel periodo di transizione tra il liceo e l'università. Ero arrabbiato con i miei genitori per avermi adottato e per non aver fatto sforzi per imparare o condividere la mia cultura di nascita, ero arrabbiato con i miei genitori naturali per avermi dato in adozione e per aver avuto un bambino di cui non potevano prendersi cura. Ero arrabbiato per i sistemi più ampi di povertà e disuguaglianza che mettono le persone in situazioni difficili. Ero così arrabbiato con le persone che mi dicevano che ero cinese o asiatico ma non avevo idea di cosa significasse.

Ero arrabbiato con i cinesi che ho incontrato che erano delusi dal fatto che non fossi più "cinese". Mi sono scagliato contro i miei genitori e ho detto loro cose molto offensive sull'adozione. Sfortunatamente, ho anche rivolto gran parte di questa rabbia e tossicità su me stesso e ha influenzato negativamente il modo in cui mi vedevo. Per me, la rabbia riguardava l'essere confrontati con la comprensione che l'adozione non solo mi ha dato una famiglia, ma significava anche che ne avevo una in periferia che forse non avrei mai conosciuto. Mi sentivo uno straniero nel mio stesso corpo, costantemente giudicato per la mia razza ma non rivendicando quell'identità. Non riuscivo a capire come venire a patti con gli effetti della povertà e dei sistemi più ampi che mi hanno portato ad essere adottato.

Ho sentito davvero rabbia come l'inizio del dolore.

Ora la rabbia è svanita e provo una tristezza profonda e complicata quando penso a questi argomenti. Ciò che mi ha aiutato di più è stato raggiungere e connettermi con gli altri adottati. Mi ha aiutato a canalizzare e convalidare i miei sentimenti sull'adozione, vedere più sfumature nel processo e ritrovare molta fiducia in me stesso e autostima.

Dato che sono stato coinvolto con le organizzazioni di adottati, ho trovato conforto, guarigione e gioia. I miei genitori, anche se avremo sempre delle differenze, mi amano e non si sono mai vendicati quando ho detto cose cattive sul processo di adozione o su di loro. Dagli amici intimi e dalla famiglia, sono stato trattato con compassione, amore, comprensione e comunità. Penso che sia ciò di cui ogni persona ha bisogno quando lavora su queste cose grandi e inspiegabili.

Il Papa che fa vergognare le persone ad adottare bambini

di Cameron Lee, adottato dalla Corea del Sud negli USA, terapeuta e fondatore di Terapia riscattata.

Siamo noi vergognarsi l'un l'altro di adottare bambini? Consideriamo l'impatto di quel tipo di messaggistica.

Per prima cosa, visita @patrickintheworld per un dialogo organizzato sull'umanità e su come Le parole di Francesco non riusciamo a riconoscere la nostra esperienza intrinseca di esso. Non hai bisogno di adottare un bambino per realizzare la tua umanità. E non tutti quelli che adottano un bambino sono altruisti.

Secondo, puoi immaginare di adottare un bambino perché ti sei sentito in colpa o egoista per non averlo adottato? Si prega di vedere il mio precedente Episodio dell'ora d'ufficio con il tuo terapeuta, "Il tuo matrimonio è pronto per l'adozione?"

Terzo, un animale domestico è molto diverso da un bambino. Vorrei fortemente metterli a confronto come se potessero essere sostituiti come parti di automobili. Esplora l'hashtag #nothing ed esaminare i frutti di una tale narrativa mercificante. Gli adottati, dall'infanzia a qualsiasi età, hanno bisogno di un tipo di cura premurosa e informata che vada oltre il modo in cui descriviamo cani e gatti.

Quarto, poiché questo messaggio proviene da un'autorità spirituale che lotta per affrontare in modo significativo l'importanza dei servizi post-adozione, ci esorto a continuare a sostenere le famiglie nella chiesa che hanno già adottato.

Nonostante le differenze nella visione del mondo, gli adottati (e le loro famiglie) devono sapere che non sono soli e hanno bisogno di aiuto per affrontare tutte le complessità che derivano dalla rinuncia, dal trasferimento dell'affidamento e oltre.

Non sto affatto dicendo che dovremmo scontare le famiglie al di fuori della chiesa. Ma temo che ci siano adottanti nelle comunità spirituali che sono entrati in questo viaggio per motivi disinformati (nessun giudizio da parte mia, so che non ne hai bisogno di più!), e si sono trovati in un disperato bisogno di risorse e speranza.

Infine, va da sé, continuiamo a interrogare le condizioni che minimizzano o simbolizzano gli sforzi per la conservazione della famiglia. Mi piacerebbe vedere più iniziative alimentate da Cristo per tenere i bambini con i loro genitori e parenti.

Sì, la conversazione va oltre lo scopo di questo singolo post. Sentiti libero di sfogliare il mio account per ulteriori pensieri relativi alla fede su #adoption, così come sulla miriade di voci di #adoptee dentro e fuori i social media che hanno parlato su questi temi di riforma e restaurazione.

Il dolore della perdita e la gioia di vederla riunita alla sua famiglia

di Jessica Davis, madre adottiva americana di una figlia ugandese, è tornata con successo dalla sua famiglia ugandese; co-fondatore di Kugatta che riunisce le famiglie colpite dall'adozione internazionale dell'Uganda.

Namata con i suoi fratelli

Ogni anno penso che non piangerò e non mi farà male così profondamente come una volta. Ma ogni volta che vedo tutto ciò che è stato quasi permanentemente sottratto a Namata, il dolore ritorna altrettanto profondo (se non più profondo) della prima volta in cui mi sono reso conto a cosa avevo partecipato e cosa doveva essere fatto. Ho ancora membri della famiglia allargata che si rifiutano di ammettere che riunirla con la sua famiglia ugandese fosse la cosa GIUSTA e GIUSTA da fare.

Ci sono molte persone che credono che sia giusto prendere bambini da famiglie LOVING se queste famiglie sono povere, vivono nel paese “sbagliato”, praticano la religione “sbagliata”, o per una serie di altri motivi irrazionali. È incredibile quanto denaro, tempo e risorse contribuiscano alla separazione delle famiglie che in primo luogo non dovrebbero mai essere separate.

Non smetterò mai di denunciare i torti che si perpetuano all'interno del sistema di adozione internazionale. Non smetterò di lottare per coloro che sono stati sfruttati da questo sistema e di certo non dimenticherò mai la fantastica bambina che è entrata nella mia vita e mi ha insegnato a fare meglio. Per quanto mi manchi, il mio dolore impallidisce in confronto alla gioia che provo vedendola a casa con la sua famiglia e prosperare.

Abbiamo fatto tutto “bene”. Abbiamo utilizzato un'agenzia di adozione molto apprezzata, seguito tutti i protocolli e le procedure corretti e segnalato tutto ciò che non andava quando lo abbiamo scoperto. Infatti, anche se è stato dimostrato che la nostra agenzia di adozione era corrotta, i documenti di Namata sono stati falsificati, il giudice ugandese è stato corrotto, l'intervista all'ambasciata ha mostrato che la madre di Namata non capiva cosa fosse l'adozione e all'epoca non ci è stato detto, la nostra adozione di Namata dall'Uganda era ed è tuttora considerato LEGALE. Cosa ti dice sull'adozione internazionale?

Namata non è riuscita a tornare a casa perché era la cosa giusta e giusta da fare. I diritti di Serena violati e il miglior interesse di Namata ignorati erano irrilevanti da parte di coloro che avrebbero dovuto preoccuparsene. Il motivo per cui Namata è andata a casa e si è riunita con la sua famiglia è perché Adam e io ci siamo rifiutati di accettare che tutto ciò andasse bene o "in meglio".

Innumerevoli famiglie sono state inutilmente fatte a pezzi attraverso l'adozione internazionale, proprio come quella di Namata.

Raramente sento qualcuno esprimere preoccupazione per queste ingiustizie o per ciò che è stato perso, piuttosto le persone usano buone intenzioni andate storte per ignorare queste realtà e andare avanti come se non fosse successo nulla di sbagliato. Se le persone non ascoltano o non riescono a capire il problema in questione, forse lo vedranno quando guarderanno questa famiglia e si renderanno conto che tutto ciò che era quasi perso e che non c'era letteralmente alcuna ragione per questo.

Namata e la sua famiglia

Leggi l'ultimo post di Jessica: Giustizia o responsabilità accadono nelle adozioni illecite?

Cosa ho perso quando sono stato adottato

Oggi mi guardo intorno e non ho una famiglia in vista. Ero lacerato alle radici quando sono nato nelle Filippine in condizioni di indigenza nel 1985, sono rimasto orfano alla nascita e adottato nel 1987.

In duplice modo, il mio processo di adozione internazionale aveva sistematicamente cancellato la mia intera eredità e la conoscenza dei miei antenati. Mentre mi legavo permanentemente a persone che non avevano alcun interesse a preservare o mantenere intatta la mia nazionalità e cultura di nascita.

Non so perché ciò sia dovuto accadere durante il processo di adozione.

Perché il passato doveva essere cancellato in modo così efficiente come se non fosse mai esistito.

Perché tutto questo doveva essere cancellato?

Le narrazioni dei miei nonni, le narrazioni dei miei bisnonni, le voci di tutta la carne e il sangue e le ossa che hanno fatto il mio DNA oggi.

Perché le loro storie hanno dovuto lasciarmi?

Era perché ero marrone?

È stato perché sono nato nelle Filippine, che nella storia è sempre stato un paese in via di sviluppo, emarginato con un passato colonizzato?

Era perché ero un bambino vulnerabile che non aveva voce in capitolo o diritti sulla mia stessa vita in quel momento? Era perché i miei ricordi e la mia identità non avevano importanza?

Ho dovuto essere separato dal mio paese di nascita e dalla lingua materna del mio paese di nascita per essere salvato da una famiglia più privilegiata?    

E perché le restanti informazioni biografiche erano così incredibilmente inutili e irrilevanti? E perché ho dovuto aspettare fino all'età di 18 anni per ricevere anche quelle informazioni, quali parti di esse, ho scoperto in seguito da una riunione con la mia madre naturale, non erano nemmeno vere.

Mi sto lamentando perché sono rimasta orfana?

O mi sto lamentando perché c'erano parti di questo processo di adozione che era sistematicamente disumano, inclusa l'adozione di me da una coppia caucasica del Midwest che non aveva mostrato alcun interesse a preservare la mia eredità culturale o a mantenermi in contatto con la lingua del mio paese natale. Come mostra, anche in quella documentazione di adozione, non avevano alcun interesse per la mia eredità.

Non sapevo che se avessi mantenuto questa connessione quando ero un bambino marrone vulnerabile e sostanzialmente acquistato da una famiglia bianca privilegiata, sarei stato in grado di tornare nelle Filippine nella mia età adulta, il mio paese natale, e avrei essere in grado di parlare fluentemente, il che mi avrebbe dato un percorso molto più semplice per rivendicare la mia cittadinanza.

Anche il mio nome di nascita, perché i miei genitori adottivi che non mi hanno mai conosciuto hanno improvvisamente avuto il diritto di cambiare il mio nome di nascita quando mi hanno adottato/acquistato?

Perché erano stati dati loro dei diritti?

Quali diritti mi sono stati sottratti in questo duplice processo?

Dove è andata a finire la mia cittadinanza nel mio paese natale quando sono stata adottata?

Perché tutto questo ha dovuto lasciarmi quando sono stato adottato?

Puoi leggere l'articolo di Stephanie: Sulla strada del recupero, seguila a Weebly o Instagram @starwoodletters.

Una veglia per Christian Hall, 1 anno dopo

Il 30 dicembre 2021, dalle 19:00 alle 21:00 CST, ci siamo riuniti nell'applicazione dei social media, Clubhouse per partecipare a una veglia online, creata e guidata dall'adottato vietnamita Adam Chau. L'evento è stato organizzato in collaborazione con la famiglia di Christian Hall che ha creato le veglie fisiche di persona in varie città degli Stati Uniti. Lo scopo delle veglie era quello di onorare la vita di Christian, sensibilizzare e riunire le comunità colpite in solidarietà per cercare Giustizia per Christian Hall. Puoi leggere i loro ultimi articoli qui e qui.

Alcuni ospiti adottati sono stati invitati a condividere i nostri pensieri per la veglia online: Kev Minh Allen (Vietnamita americana adottata), Lynelle Long (Adottato australiano vietnamita), Kayla Zheng (adottato cinese americano), Lee Herrick (Coreano americano adottato).

Condivido con voi ciò di cui ho parlato in onore di Christian Hall.

Mi chiamo Lynelle Long, sono la fondatrice di Intercountry Adoptee Voices (ICAV). Vorrei ringraziare Adam Chau per aver organizzato questo evento online oggi in onore di Christian. Grazie Nicole, la cugina di Christian che è alla nostra chiamata, per averci permesso di partecipare a questa veglia. Mi dispiace tanto per la perdita della tua famiglia! È un privilegio poter parlare. Sono una persona con un'esperienza vissuta di adozione internazionale e, come Christian Hall, sono di origine cinese … tranne che sono nato in Vietnam e adottato in Australia, mentre lui è nato in Cina e adottato negli Stati Uniti.

Il filo conduttore che mi unisce a Christian Hall è che entrambi abbiamo vissuto l'abbandono da bambini. Non importa che età abbiamo, per un adottato, la perdita della nostra prima famiglia come abbandono/rinuncia è un'esperienza cruda e dolorosamente traumatica. Rimane con noi per tutta la vita sotto forma di sensazioni corporee e si attiva facilmente. Quando ciò accade, queste sensazioni inondano il nostro corpo come paura, panico, ansia.

Peggio ancora è che quando il nostro abbandono avviene da bambini, non abbiamo sviluppato un linguaggio come modo per comprendere la nostra esperienza. Rimaniamo semplicemente con i sentimenti pre-verbali (sensazioni corporee). Mi ci sono voluti più di 20 anni prima di leggere il primo libro, The Primal Wound di Nancy Verrier, che ha cambiato la mia vita in termini di comprensione dell'impatto che l'abbandono e l'adozione hanno avuto su di me. Quel libro è stato il primo ad aiutare a dare parole all'esperienza che avevo provato fino a quel momento, come un'esperienza del tutto somatica, come sensazioni sgradevoli nel mio corpo, che non avevo capito, da cui avevo passato la vita scappando ogni volta sono riemersi.

L'altro filo conduttore che mi unisce a Christian Hall è che entrambi abbiamo sperimentato ideazioni e tentativi suicidi. Per lui, significava tragicamente la fine della sua vita da parte degli agenti di polizia che non capivano i suoi traumi. Per me, dopo numerosi tentativi falliti e finire al pronto soccorso, ha significato un lungo processo di risveglio al trauma che avevo vissuto. Più di 20 anni dopo, ho trascorso la maggior parte di questo tempo ad aiutare a risvegliare la nostra società su cosa sia veramente l'adozione per noi, la persona adottata.

Essere adottati non ci lascia mai. Potremmo provare a scappare e fingere che non abbia alcun impatto, ma nel profondo del nostro nucleo, il nostro abbandono collega quasi ogni aspetto del nostro essere - soprattutto, come ci connettiamo o meno con gli altri intorno a noi e con noi stessi. Al centro, gli adottati internazionali sperimentano la perdita di identità, razza e cultura. A meno che non abbiamo intorno a noi supporti che ci comprendano e ci aiutino a superare presto il trauma dell'abbandono, inciampiamo nel buio, completamente inconsapevoli di come il nostro abbandono ci colpisce. Molti adottati lo chiamano "essere nella nebbia" fino a quando non ci svegliamo. Oggi, decenni dopo che Nancy Verrier ha scritto per la prima volta il suo fantastico libro, ora ne abbiamo molti, molti libri scritti da adottati chi sono gli esperti della nostra esperienza vissuta. Questi libri sono una testimonianza scritta delle complessità che viviamo attraverso l'adozione e dell'impatto che hanno su di noi.

Negli ultimi 2 mesi, ho lavorato con altri per parlare degli impatti dell'abbandono e del trauma dell'adozione e del collegamento diretto al rischio di suicidio. Riconosco che la famiglia di Christian non collega la sua tragica morte al suicidio, ma sospetto che i suoi sentimenti di abbandono siano stati innescati quando eventi chiave lo hanno portato a trovarsi sul ponte quel giorno. Spero che più famiglie adottive si istruiscano sulle complessità in cui viviamo come persone che si disconnettono dalle nostre origini tramite l'adozione internazionale. Siamo quasi 2 milioni in tutto il mondo e stiamo parlando in massa per aiutare il mondo a capire che non è un'esperienza di arcobaleni e unicorni. Abbiamo bisogno di supporto permanente da professionisti formati in materia di trauma e adozione. Solo in America ci sono centinaia di migliaia di adottati internazionali: l'America rimane il più grande paese ricevente al mondo. Troppi stanno lottando emotivamente ogni giorno, eppure negli Stati Uniti non esiste ancora un servizio di consulenza nazionale gratuito per gli adottati internazionali e le loro famiglie. Inoltre, negli Stati Uniti non esiste un centro nazionale di supporto post-adozione finanziato per aiutare gli adottati internazionali a crescere fino all'età adulta e oltre. Non è un enorme difetto il fatto che il più grande importatore di bambini al mondo non disponga di un sostegno permanente interamente finanziato, equo e liberamente accessibile? come può l'America aspettarsi risultati positivi per i bambini che sono tra i più vulnerabili se non finanziamo ciò che sai di cui hanno bisogno?

Non ho mai conosciuto Christian personalmente. L'ho scoperto solo attraverso la sua morte. Vorrei averlo conosciuto. Dai molti adottati internazionali con cui mi connetto, so che guadagniamo così tanto emotivamente dall'essere connessi ad altri proprio come noi. Essere in contatto con i nostri coetanei aiuta a ridurre quei sentimenti di isolamento, ci aiuta a capire che non siamo gli unici a vivere la vita in questo modo, ci aiuta a connetterci a fonti di supporto e convalida che sappiamo ha funzionato. Vorrei che Christian avesse incontrato la nostra comunità. Non saprò mai se avrebbe fatto la differenza che lui non fosse lì quel giorno su quel ponte. Come adottato, sospetto che Christian molto probabilmente volesse aiuto quel giorno, un aiuto per alleviare la sua anima addolorata, non la morte. 

Inoltre, prendiamoci un momento per ricordare la sua famiglia biologica in Cina. Se hanno mai avuto davvero una scelta nella sua rinuncia, probabilmente non lo sapremo mai, ma dalla mia conoscenza in questo campo, molto probabilmente non è così. L'adozione di Christian fu probabilmente il risultato del L'era della politica 1-Children in Cina dove migliaia di famiglie sono state costrette ad abbandonare i propri figli, molti dei quali sono finiti all'estero adottati come cristiani. Per favore, prenditi un momento per considerare che, attraverso l'adozione, la sua famiglia biologica non ha nemmeno il diritto di sapere che è morto. 

La parodia dell'adozione è che il trauma è vissuto da tutti nella triade (l'adottato, la famiglia adottiva, la famiglia biologica) ma i traumi continuano a non essere riconosciuti e non sono supportati sia nei nostri paesi adottivi che in quelli di nascita. Dobbiamo fare di meglio per prevenire l'inutile separazione delle famiglie e, dove è necessaria l'adozione, garantire che le famiglie intraprendano un'educazione all'adozione, conoscendone appieno le complessità e avendo accesso gratuito equo per tutta la vita ai supporti professionali necessari.

Il mio enorme ringraziamento alla sua famiglia allargata e immediata per essere stata coraggiosa e essersi aperta attraverso tutto questo trauma e aver permesso queste veglie in cui la sua vita e la sua morte possono essere onorate per il bene più grande. Onoro il dolore e la perdita che hanno vissuto e li ringrazio immensamente per aver permesso alla nostra comunità internazionale di adottati di unirsi a loro per sostenerli.

Grazie.

Se desideri sostenere la famiglia di Christian e la loro spinta per la giustizia, firma la petizione qui.

Se desideri comprendere meglio le complessità coinvolte nell'adozione internazionale vissuta dagli adottati, il nostro Risorsa video è un ottimo punto di partenza. Non sarebbe fantastico creare una risorsa come questa per aiutare a educare i primi soccorritori a comprendere meglio le crisi di salute mentale che vivono gli adottati.

Adozione: non un'impostazione predefinita

di Maria Cardaras, adottato dalla Grecia negli USA.

Il diritto legale all'aborto negli Stati Uniti pende ancora una volta precariamente sul precipizio verso il grande baratro oscuro. E ancora una volta, poiché questi dibattiti si intersecano e spesso sono accoppiati, l'adozione è tornata al punto di ebollizione nei circoli dei social media, sui giornali e in televisione. Questo perché il giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti Amy Coney Barrett, madre di sette figli, due dei quali adottati da Haiti, si è fatta strada nella questione dell'adozione mentre ascoltava un caso del Mississippi sull'aborto. Ha chiesto se “l'adozione piuttosto che l'aborto 'allevierebbe il peso della genitorialità'”. In questa domanda sembra aver rivelato pienamente la sua mano. È anche riuscita a suscitare grandi passioni nella comunità degli adottati, in lungo e in largo, per l'adozione stessa e il nostro rispetto per essa.

L'aborto è un'opzione legale per le donne e dovrebbe rimanere tale. Ma l'adozione non è un'impostazione predefinita per l'aborto. Né dovrebbe essere considerato come un'alternativa automatica, sicura e risolutiva a qualsiasi domanda su come assumersi la responsabilità per un bambino. Abbiamo bisogno di aggiustare in modo permanente ciò che affligge la pratica e la narrativa dell'adozione, che sembra essere molto.

La realtà è che l'adozione ha effettivamente danneggiato milioni di bambini per decenni perché i bambini sono stati trattati come merci ed esperimenti. Abbiamo infantilizzato i genitori naturali. Li abbiamo viziati in alcuni casi. E abbiamo deciso che l'establishment bianco, che lavora e gestisce la vita dei bambini nelle organizzazioni e negli ambienti istituzionali di tutto il mondo, che interessano numerose comunità etniche, razziali e indigene, sappia meglio. Non lo fanno.

Sappiamo; noi, la grande, vasta diaspora di adottati, me compreso, sappiamo che la vita dei bambini e il loro futuro sono ancora compromessi e maltrattati senza pensare sia al bambino che alla madre naturale. La madre è spesso resa "incapace". I bambini mancano di arbitrio. E quanto a coloro che credono che l'adozione sia sempre un gesto disinteressato, una soluzione a un problema indotta dall'amore, non hanno una chiara comprensione delle ripercussioni e delle conseguenze della decisione di rinunciare a un bambino. Grazie alla scrittrice Gabrielle Glaser e al suo libro rivoluzionario, bambino americano, per aver portato il lato nefasto dell'adozione, attraverso una storia straziante, dall'oscurità e dalla vergogna, alla luce del giorno. Quel libro e quell'autore hanno cambiato il discorso e dobbiamo continuare a parlare. 

“Oggi è solo un giorno in tutti i giorni che mai saranno. Ma quello che accadrà in tutti gli altri giorni che mai verranno può dipendere da quello che farai oggi". Questa citazione iconica di Ernest Hemingway da Per chi suona la campana mi taglia sul vivo mentre considero la mia stessa madre naturale adolescente proprio nel momento in cui ha preso la decisione che avrebbe cambiato per sempre la sua giovane vita e la mia. Con mano su carta e penna, mi ha firmato via, sia per incoraggiamento o forza o resa emotiva e puro esaurimento, non le è mai stata data la possibilità né alcuna conversazione onesta e aperta sulla sua scelta e quali potrebbero essere le conseguenze indesiderate della sua decisione.

Gli adottati hanno sentito più e più volte sia l'argomento "hai avuto una bella vita" sia il sentimento allegro "sei stato così fortunato". Entrambi questi possono essere veri per molti di noi, ma non hanno nulla a che fare con una madre che prende la decisione profonda e dolorosa di consegnare la sua carne e il suo sangue a degli estranei. E non hanno niente a che fare con un bambino adottato che cresce fino a diventare un adulto adottato e si sente in vari gradi, per ragioni diverse e in momenti diversi, separato dal proprio passato, per quanto breve possa essere stato, e di cui meritano di conoscere appieno. Da chi veniamo e perché è di vitale importanza e necessario per la nostra crescita, sviluppo e benessere psicologico a lungo termine.

Sono stato uno dei 4.000 adottati di origine greca che sono stati esportati dal nostro paese di origine tra il 1948 e il 1970. Alcuni di noi erano adozioni motivate politicamente. Alcune erano adozioni legali. Molti sono stati fatti per procura. Alcuni di noi erano bambini rubati. Alcuni di noi sono stati venduti e mercificati da medici, avvocati e sacerdoti che hanno agito da intermediari. Alcuni sono stati separati dai fratelli. Alcuni di noi sono stati strappati da gemelli e gemelli identici. Tutti noi siamo stati presi dalle nostre madri. Alcuni di noi sono stati presi da entrambi i genitori.

Nessuno ha mai pensato a noi, fino ad ora; su cosa ci è successo, perché ci è successo e cosa sentiamo e pensiamo a riguardo. Grazie a Gonda Van Steen e al suo libro Adozione, memoria e guerra fredda in Grecia: Kid pro Quo? per averci portato fuori dall'ombra. Questo libro sta creando increspature che si trasformeranno in onde di cambiamento in Grecia e forse per tutte le adozioni internazionali. 

Rispetto alle comunità di adottati provenienti da Cina, Corea del Sud, Vietnam, Guatemala e altri paesi del mondo, siamo stati tra le prime (probabilmente anche le primissime) e più antiche comunità etniche che fornivano bambini, in massa, a coppie senza figli; agli ebrei dopo la guerra, che non riuscivano a trovare bambini ebrei dopo l'Olocausto, ai greci che volevano bambini greci e ai non greci, che sapevano che c'era un eccesso di bambini in Grecia, dopo due guerre, da prendere.

Siamo un piccolo gruppo, ma ora un gruppo potente che sta invecchiando e sta diventando più vocale e mobilitato per quello che ci è successo. Nella maggior parte dei nostri casi, i nostri genitori adottivi sono morti. E ora il tempo sta finendo per noi; per le riunioni, per incontrare i genitori naturali e i familiari che si sono ricordati di noi, che ci hanno amato, a cui siamo mancati, che si sono ricordati di quello che è successo e possono raccontare le nostre storie. Cerchiamo giustizia riparativa in tutte le questioni di identità, il che significa accesso facile e aperto ai nostri certificati di nascita, a tutti i nostri registri, alle nostre storie personali e vogliamo che la nostra cittadinanza, nel nostro caso, in Grecia, venga ripristinata perché ci è stata tolta.

Anche noi siamo stati spogliati dalle nostre madri, dal loro abbraccio dopo essere usciti dal pozzo del loro essere, sotto i loro cuori, completamente dipendenti da loro per la vita stessa. E in un atto di crudeltà, siamo stati letteralmente strappati dai loro seni, spesso subito dopo la nascita, che sono stati riempiti con il latte caldo e dolce che è stato pensato e creato individualmente per ognuno di noi. Siamo stati svezzati troppo presto. Avremmo dovuto essere svezzati? E se sì, come?

Dopo settimane in cui ho parlato pubblicamente di adozione, e in televisione e nelle interviste stampate, scrivendone anche in Grecia, ho avuto modo di pensare a CJ, il mio bellissimo, amorevole e travagliato golden retriever. La "capisco". La capisco fino in fondo. È una delle mie migliori amiche e una compagna costante. Era ed è emotiva, era difficile da capire, ed è stata una lotta far crescere il mio cucciolo nel cane adulto più calmo e pacifico che è oggi.

L'ho scelta da una cucciolata di nove. Quando l'ho incontrata, era piccola, adorabile e grassoccia, come tendono ad essere i bambini dorati. Una palla di pelo, di poche settimane, ruzzolava su gambe tozze e minuscole, lottando come i suoi fratelli e sorelle per raggiungere i capezzoli della mamma. Avevano bisogno della loro madre. Avevano bisogno di lei per il sostentamento. Avevano bisogno che lei insegnasse loro il bene dal male mentre li portava in giro per la collottola, un ringhio basso e rimbombante quando uscivano dalla linea, uno schiocco contro di loro per zittire quando c'erano troppi piagnucolii e guaiti e pianto. Era lì per loro fino a quando non c'era più, tolta ai suoi cuccioli dopo appena cinque settimane.

CJ è stata svezzata troppo presto e ci sono voluti mesi per rimetterla a posto. Era incorreggibile. Difficile. Ostinato. Chiedi a chiunque abbia provato a lavorare con lei. Quando è stato svezzato questo cucciolo, mi ha chiesto uno dei migliori addestratori del nord della California? A cinque settimane, ho risposto. Troppo presto disse, scuotendo la testa. Non c'era da meravigliarsi che avesse lottato. Il nostro precedente golden, Sedona, è stato svezzato dopo tre mesi. Che differenza di disposizione e di fiducia!

Inoltre, mi viene in mente come trattiamo i cuccioli. Per coloro che adottano cani di razza, otteniamo i loro documenti. Sappiamo chi sono la loro madre e il loro padre. Conosciamo le loro disposizioni e se erano "campioni". Conosciamo il canile da cui provengono e le condizioni del canile. Conosciamo l'allevatore. In effetti, c'è una lunga intervista e discussione con loro. Ti intervistano sulla casa e poi c'è un questionario per sapere se sarai idoneo. Per un cane. Lo stesso vale per quegli animali che provengono dai rifugi. C'è un lungo processo e a volte il cane viene a "testare" la casa e altri animali con cui possono convivere. Se non funziona, non c'è posizionamento. Il punto è che c'è un'enorme considerazione per l'animale.

Non vedi che gestiamo la separazione degli animali dalle loro madri meglio di quanto facciamo con i bambini umani e le loro madri umane? I neonati tendono a essere immediatamente stanati dalla persona che li ha creati, dalla persona che li ha portati, nutriti prima ancora che posassero gli occhi su di loro, li tenesse? Com'è crudele togliere alla madre un piccolo essere umano che possa nutrire e coccolare teneramente la propria prole fino a quando ea meno che non ci sia una soluzione informata e non costretta, che viene dalla madre stessa, che può rendersi conto che deve fare qualcos'altro. E poi prepararlo, preparare il bambino per questo e consigliare a quel bambino mentre cresce da dove vengono, come sono nati e perché sono stati affidati a nuovi genitori. E non sarebbe fantastico se i genitori naturali fossero pienamente coinvolti in questo processo per dare al bambino le migliori possibilità di vita e di crescita per capire perché la loro vita è stata alterata? Questo non deve creare confusione e dobbiamo impiegare più tempo di quello che facciamo per risolvere il problema, lo stigma e spesso il dolore causato dall'adozione.

Ho spiegato, più e più volte, che la mia famiglia adottiva (che era meravigliosa tra l'altro) e la mia famiglia naturale non si escludono a vicenda. Sono separati, ma il continuum l'uno con l'altro ha compreso la mia identità, che non è ancora completamente formata, e io sono sulla sessantina. Lo saprò mai? Inoltre, ho appena saputo che mia madre biologica è morta l'anno scorso dopo che l'ho cercata per tutta la vita, desiderando una riunione di qualche tipo, principalmente solo per parlare, per ottenere risposte, per vedere per la prima volta da chi vengo e per finalmente conosci qualcuno che mi somiglia. La mia tristezza per questo è reale e non può essere sopravvalutata.

Lei, la mia madre naturale, merita la mia attenzione e cura, anche se non può vedermi o sentirmi. Mai. Come mai? Perché nel suo nome devo difendere quelle altre madri che verranno dopo di lei. L'aborto non poteva essere un'opzione per lei. L'adozione era la sua unica alternativa e poiché lo era, aveva bisogno di cure. Aveva bisogno di amore. Aveva bisogno di sostegno e di un posto dove lei e il suo bambino potessero capirlo. Alla fine, potrebbe aver preso la stessa decisione, ma la sua decisione potrebbe aver coinvolto gli estranei a cui stava andando il suo bambino. Non meritava di essere allontanata dalla sua prole in un momento critico in cui la sua prole aveva più bisogno di lei e in ogni modo.

Nel caso di mia madre, si è vergognata al punto da cambiare nome e identità. E quando sono nato, nessuno poteva sopportare di avere a che fare con una madre adolescente e suo figlio che era "esogamo”, nato al di fuori del matrimonio. Non sarebbe stata in grado di gestirlo, le dissero, e così lo stato avrebbe fatto, tranne che non lo fece.

La risposta a tante adozioni, come la mia, è stata quella di emarginare a vita la madre naturale, e di mandare via i bambini; spogliati della loro cultura, della loro lingua, della loro religione, delle loro identità e, in migliaia di casi, della loro razza. Questo è successo a milioni di noi. E le madri naturali e i loro figli non stanno necessariamente meglio per questo.

Quando si tratta di adozione, gli assistenti sociali, gli avvocati, i medici e coloro che gestiscono le agenzie che si occupano di madri e bambini hanno bisogno di prendere indicazioni da coloro che hanno vissuto l'esperienza e ne hanno gestito le conseguenze. Non è giusto che le dichiarazioni sull'adozione vengano dall'alto e dal basso a noi, i grandi non lavati. Ne abbiamo abbastanza di quelle persone "ben intenzionate" che vogliono prendere decisioni per noi perché si sentono meglio riguardo alla "risolvere un problema", di cui non sanno assolutamente nulla. L'adozione porta ancora uno stigma. Dobbiamo sia adattare la narrativa sull'adozione sia parlare delle persone che lo sono, in modo diverso.  

Come mai?

Perché quel giorno sarà solo un giorno in tutti i giorni che saranno mai. Ma cosa accadrà in tutti gli altri giorni che verranno, dipende da cosa faremo in quel giorno. Le vite di tante madri e dei loro figli meritano la saggezza di quel sentimento e il rispetto di un'opportunità combattiva per prendere decisioni che non nuocciono.

Mary Cardaras è una produttrice di documentari, scrittrice e an Professore Associato in Comunicazione presso la California State University, Baia Orientale. È una greca orgogliosa, una sostenitrice degli adottati e degli adottati che lotta per la giustizia riparatrice universale dell'identità per tutti gli adottati in tutto il mondo e per quei bambini nati attraverso donazioni di sperma anonime. È l'autrice di Strappato alla radice. Il suo prossimo libro, Voci dei bambini perduti della Grecia: storie orali di adozione internazionale, 1948-1964 sarà pubblicato da Anthem Press nel 2022.   

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%