Abby Forero-Hilty alla Commissione speciale dell'Aia

di Abby Forero Hilty, adopted from Colombia to the USA; Co-founder of Colombian Raíces; author of Decodificare le nostre origini
Speech for Day 3, Session 1: Introductory Post Adoption Matters Panel

Artwork by Renée S. Gutiérrez, co-author of Decoding Our Origins

Top 3 Areas of Concern based on the Post-Adoption Services Discussion Paper with excerpts in italics.

1. (2.4.2. Raising awareness of post-adoption services)

Points to Consider:

The best way to ensure that adopted people are receiving relevant, targeted, and high-quality post-adoption services is by having trauma- and adoption-informed adult intercountry adoptees working with the adoptee community to compile a list of such services. These adult adoptees would be PAID for their services. Intercountry adoptees, especially those who are trauma- and adoption-informed, are the only true experts in the needs of intercountry adoptees. Their expertise must be recognised, financially compensated, and required in the provision of any and all post-adoption services. We recognise the paucity in the number of trained, licensed, and qualified intercountry adoptee providers and therefore acknowledge that qualified non-intercountry adoptee providers can also be beneficial (with significant trauma- and adoption-informed training).

Recommendations:

  • All post-adoption services should be provided free of charge to the adopted person (and family of birth) throughout their lifetime, recognising that each adopted person is different and that some individuals may request/require support starting early in life, while others might only start on this journey decades after their adoption.
  • Adoptive families should be assigned a trained, trauma and adoption-informed intercountry adoptee who can serve as a single point of contact for the adopted person, to ensure they have confidential access to these services when they need them.
    – The State should ensure that the adopted person knows how to – and is able to – access this person
  • Access to full birth records and identifying information on the adopted person’s mother and father
    – Birth records must be easy and confidential for the adopted person to access at any point in their lifetime
  • Assistance in translating and understanding the birth records and other associated adoption paperwork (as each country is different, this must be country-specific assistance)
  • Preparation and education on race and racism (in cases of transracial adoption, the White adoptive parents cannot equitably provide the necessary social and cultural preparedness to adopted children of colour as they are not members of the adopted child’s racial and cultural community. White adoptive parents in White dominated spaces do not have lived experiences of being targets of micro-aggressions and racism.
  • Reculturation, or the process by which intercountry adoptees reclaim their original cultural heritage, should be supported through education and immersive experiences such as birth country trips to their country of origin.
  • DNA testing and databases are models of adoptee support in several countries with problematic adoption practices. DNA testing and country sponsored databases should be promoted, supported, and maintained at no cost to adoptees or first family members.
  • Citizenship (country of birth) re-acquisition support and processes should be offered to adoptees who desire to become dual or full citizens of their countries of birth.

Psychological, emotional, and mental health support via psychotherapy and counselling modality/modalities as chosen by the adopted person and offered by trauma and adoption-informed providers.

2. The right of the adoptee to obtain information about their origins is well established in international law, in particular in the United Nations Convention on the Rights of the Child (UNCRC, Arts 7 and 8) as well as in the 1993 Adoption Convention (Art. 30).

Questions:

  • How is the collection of true and accurate information on the identities of the natural mother and father ensured?
  • When and by whom is that information checked and confirmed in both the sending and receiving countries?
  • What procedure is in place to absolutely ensure that that information is preserved and can be given directly to the adopted person – without having to go through the adoptive parents?

Recommendations:

  • There should be no barriers in place (such as minimum age requirement, consent of birth and/or adoptive parents, etc.) in order for the adopted person to easily and confidentially access their own familial information.
    – Some central authorities require adoptees to provide a psychological referral and proof of ongoing counselling (presumably paid for by the adoptee) when the adoptee contacts the central authority for birth family information and search. This practice is unfair and must end.
  • The desire for confidentiality on the identity of the birth parents, either by the birth family or adoptive family, should never be a reason to deny the adopted person their identity. They have the right to their identity. That right should supersede any other party’s desire for secrecy. The secrecy in adoption must end.
  • Central Authority websites must have a clearly marked section for adoptees of all ages to access information on birth family search and reunion:
    – There must be a transparent and simple procedure for accessing this information that is clearly presented on the website;
    – This information must be presented not only in the language of the country of origin, which most transnational adoptees will not be able to read and understand, but also in a language the adoptees themselves can read and understand, e.g., English or German;
    – This information must be made accessible to adoptees with vision and/or hearing impairments
  • What is truly in the “best interest” of the adopted person must be prioritized.
    – Denying someone the truth of their identity is never in anyone’s best interest.

3. Regarding the professionals involved in the post-adoption services, some States arrange for the same professionals to prepare prospective adoptive parents (PAPs) and provide post-adoption services, 30 while in other States the professionals are different ones. 31 For other States, the professionals involved depend on the region and / or the case at hand

Questions:

  • What qualifications do “professionals” have?
  • Who determines who a “professional” is?
  • There is a major conflict of interest when the “professional” is “preparing” the Prospective Adoptive Parents AND providing post-adoption services to those displaced by adoption.
    – How can the “professional” who is responsible for facilitation adoptions also be providing adoptees with post-adoption services? There is substantial mistrust in the adoptee community of “adoption professionals” who facilitate adoptions – and rightfully so.

Recommendations:

  • In some instances, professionals who both facilitate adoptions and also provide post adoption services may be engaged in dual roles with adoptees and their adoptive families, creating an ethical dilemma. Hence post-adoption services should be provided by separate parties and entities than the adoption service providers.
  • Intercountry adoptees, who are often transracial as well, who have undergone training in the social service field and or are licensed mental health providers, are poised to be in the best position to lead and guide post-adoption services given their lived experiences and extensive training. Ideally, post adoption service providers will represent a broad array of birth/first countries to better serve adoptees from various sending countries.
  • Although we strongly recommend that qualified intercountry adoptees are at the frontlines of facilitating and providing direct post-adoption services, we recognise the need for quality post-adoption services exceeds the potential numbers of professionally trained intercountry adoptees available. Therefore, we would be supportive of non-intercountry adoptee post-adoption service providers if they are licensed mental health providers, have evidence of adoption-informed training to include significant education and understanding of culturally responsive strategies as they apply to intercountry adoptees.

Read our previous post: Adottivi presso la Commissione speciale dell'Aia

Adottivi presso la Commissione speciale dell'Aia

La prossima settimana, dal 4 all'8 luglio, i 104 paesi firmatari del Convenzione del 29 maggio 1993 sulla protezione dei bambini e la cooperazione in materia di adozione internazionale si riuniranno online al Riunione speciale della Commissione discutere Dopo l'adozione e Adozione illecita/illegale importa. È un evento significativo che accade di solito ogni 5 anni e questo segna la prima volta che ci sarà ampio rappresentanza degli adottati internazionali presenti come Osservatori. Storicamente dal 2005, International Korea Adoptee Association (IKAA), la rete che rappresenta gli interessi degli adottati coreani è stata la solo organizzazione adottata a partecipare. Nel 2015, Brasile Baby Affair (BBA) è stata la seconda organizzazione guidata dagli adottati a partecipare con IKAA. A causa del COVID, l'attuale riunione della Commissione speciale è stata posticipata e negli ultimi anni posso dire con orgoglio di aver contribuito a diffondere la conoscenza tra le organizzazioni guidate dagli adottati su COME applicare e incoraggiato organizzazioni di esperienza vissuta come KUMFA (l'organizzazione delle madri coreane) a rappresentarsi. Quest'anno, ce l'abbiamo con orgoglio 6 organizzazioni guidate dagli adottati che rappresentano se stessi e le loro comunità. Siamo progrediti!

Nel 2015 ho scritto il blog intitolato Perché è importante avere voci adottive internazionali su questo sito. Molte volte nel corso degli anni ho sostenuto l'importanza di includere le nostre voci ai più alti livelli delle discussioni di governo. Quindi ripeto, le nostre voci sono estremamente importanti a questi livelli più alti di politiche di adozione, pratiche e discussioni legislative.

Alcuni critici potrebbero dire che non cambiamo nulla nell'adozione internazionale partecipando a questi incontri, tuttavia, vorrei suggerire che il semplice vederci rappresentare i nostri sé adulti in numero aiuta i governi e le autorità a realizzare alcuni punti chiave:

  • Cresciamo! Non rimaniamo bambini perpetui.
  • Vogliamo avere voce in capitolo su ciò che accadrà ai futuri bambini come noi.
  • Aiutiamo a tenerli concentrati su "chi" siamo veramente! Non siamo numeri e statistiche senza nome. Siamo persone vive con sentimenti, pensieri e una miriade di esperienze reali. Le loro decisioni contano e hanno un impatto su di noi per la vita e le nostre generazioni future!
  • Li aiutiamo a imparare le lezioni del passato per migliorare le cose per il futuro e rimediare ai torti storici.
  • Siamo gli esperti della nostra esperienza vissuta e loro possono sfruttare il nostro contributo per ottenere informazioni per svolgere meglio i loro ruoli e migliorare il modo in cui vengono accuditi i bambini vulnerabili.

Uno dei vantaggi del quadro della Convenzione dell'Aia è che crea opportunità come la prossima Commissione speciale in cui gli adottati possono avere visibilità e accesso alle strutture di potere e alle autorità che definiscono e creano l'adozione internazionale. Gli adottati domestici mancano di questo quadro su scala globale e sono svantaggiati nell'avere opportunità che li uniscono per accedere alle informazioni e alle persone che è importante nel lavoro di advocacy.

Sono davvero orgoglioso del nostro team di 8 persone che rappresenterà l'ICAV alla riunione di quest'anno. Mi sono assicurato che copriamo una vasta gamma di paesi adottivi e di nascita perché è così importante avere questa diversità nelle esperienze. Sì, c'è ancora spazio per migliorare, ma sono stato limitato dalla disponibilità delle persone e da altri impegni dato che tutti facciamo questo lavoro come volontari. Non siamo pagati come governo o la maggior parte delle ONG partecipanti a questo prossimo incontro. Ci impegniamo perché siamo appassionati nel cercare di migliorare le cose per le nostre comunità! È essenziale dotarsi di conoscenze sulle strutture di potere che definiscono la nostra esperienza.

Un enorme ringraziamento a questi adottati che stanno offrendo volontari 5 giorni/notti del loro tempo e dei loro sforzi per rappresentare la nostra comunità globale!

  • Abby Forero Hilty (adottato negli USA, attualmente in Canada, nato in Colombia; Autore dell'antologia colombiana adottata Decodificare le nostre origini, co-fondatore di Colombian Raíces; Rappresentante internazionale ICAV)
  • Ama Asha Bolton (adottato negli USA, nato in India, Presidente di Persone per la riforma dell'adozione etica PEAR; Rappresentante ICAV USA)
  • Colin Cadier (adottato in Francia, nato in Brasile, Presidente di La Voix Des adotta LVDA)
  • Jeannie Glienna (adottato negli USA, nato nelle Filippine, co-fondatore di Adotta Kwento Kwento)
  • Judith Alexis Augustine Craig (adottato in Canada, nato ad Haiti; co-fondatore di Rete di adozione per adulti Ontario)
  • Kayla Zheng (adottato negli USA, nato in Cina; Rappresentante ICAV USA)
  • Luda Merino (adottato in Spagna, nato in Russia)
  • Me stesso, Lynelle Long (adottato in Australia, nato in Vietnam; Fondatore di ICAV)

Ci rappresentiamo insieme ai nostri colleghi adottati che rappresentano le proprie organizzazioni guidate dagli adottati come Osservatori:

Non mi aspetto grandi cambiamenti o eventi monumentali in questo prossimo incontro, ma sono le connessioni che creiamo che contano, sia che siano tra noi adottati e/o con i vari governi e organizzazioni di ONG rappresentate. Il cambiamento in questo spazio richiede decenni ma spero che le piccole connessioni che crescono nel tempo si accumulino e diventino un'influenza positiva.

I prossimi post condivideranno alcuni dei messaggi chiave che alcuni membri del nostro team hanno messo insieme in preparazione per questa riunione della Commissione speciale dell'Aia sul supporto post-adozione e ciò che la comunità attraverso questi leader desidera condividere. Rimani sintonizzato!

Advocacy dell'adozione internazionale greca

Logo dell'organizzazione, The Eftychia Project for Greek Intercountry Adoptees

Essendo una delle prime coorti di adottati internazionali, la comunità greca di adottati internazionali è rappresentata dallo straordinario lavoro che Linda Carrol Forrest Trottatore fa sotto la sua organizzazione Il progetto Eftychia. Sono stato in contatto con Linda negli ultimi 5 anni e amo quello che ha fatto in advocacy per portare la sua comunità all'attenzione del governo greco. È meraviglioso quando gli adottati si difendono da soli!

Questo è stato uno degli incontri che Linda ha avuto con il governo greco alla fine dell'anno scorso. Ci scusiamo per aver postato così tardi, ma è utile per altri gruppi e leader adottati vedere cosa stanno facendo alcuni leader adottati in tutto il mondo per difendere la loro comunità.

Ecco quello di Linda lettera formale che ha fornito al governo greco durante la sua riunione. Grazie per aver condiviso Linda!

Ottimo lavoro e speriamo che il governo greco si faccia avanti e fornisca supporti, servizi e diritti tanto necessari alla comunità greca di adozione, come richiesto nella lettera di Linda. Questi diritti e richieste devono essere riconosciuti come elementi essenziali di base da cui essere forniti ogni paese da cui veniamo adottati.

Per ulteriori informazioni Advocacy dell'adozione, vedi l'elenco completo di blog di ICAV su alcuni dei lavori che abbiamo svolto in tutto il mondo.

Risorsa educativa per professionisti

Giorno di lancio

Sono orgoglioso di lanciare il nostro nuovo sistema educativo guidato dagli adottati risorsa video per professionisti progettato per aiutare medici, insegnanti e professionisti della salute mentale a comprendere meglio la nostra esperienza vissuta come adottati all'estero.

Questo progetto è stato un enorme sforzo negli ultimi 6 mesi in Australia per raccogliere le voci degli adulti adottati internazionali e condividere ciò che vorremmo far sapere ai professionisti dell'istruzione e della salute, in modo che possano supportarci meglio nel nostro complesso percorso di vita.

Nel complesso il nostro progetto includeva un team di produzione di 6 persone, input diretto nelle sceneggiature del film da 18 adottati che hanno fatto l'audizione, riprese di 8 adottati, fornitura di musica da 5 adottati, un team di feedback/revisione di 10 professionisti, supporto alla traduzione da 3 adottati e supporto emotivo durante tutto il progetto ai partecipanti al film di Relationship Matters – Gianna Mazzone. Questa è stata davvero una collaborazione comunitaria!

Non vedo l'ora di sentire feedback su quello che pensi dopo aver dato un'occhiata. Apprezzerei anche che condividessi il collegamento alla risorsa con qualsiasi medico, insegnante e professionista della salute mentale che ritieni possa trarre vantaggio da questa risorsa.

Un enorme ringraziamento ai nostri finanziatori del progetto:

Questioni di relazione che negli ultimi 5 anni terminati a giugno 2021, ha svolto un lavoro incredibile nel fornire alla nostra comunità un servizio di consulenza gratuito basato sulla psicologia della salute mentale per gli adottati internazionali e le nostre famiglie nell'ambito del finanziamento federale ICAFSS servizio (attualmente assegnato a Relazioni Australia per i prossimi 5 anni);

Comitato del NSW per l'adozione e l'assistenza permanente  che riunisce agenzie governative e non governative, gruppi di supporto e individui interessati, coinvolti o interessati dall'adozione e dall'assistenza permanente o aspetti correlati dell'assistenza fuori casa nel Nuovo Galles del Sud (NSW);

e supportato da Dipartimento dei servizi sociali del governo australiano, Autorità centrale australiana per l'adozione internazionale.

I governi finalmente riconoscono le pratiche di adozione internazionale illecite e illegali

Questo è uno scenario comune, non copre i bambini apertamente rubati dagli ospedali e molti altri modi

Sono un adottato e sono fiducioso

Sono molto emozionato e pieno di speranza dopo aver ascoltato il recente Belgio notizia, che il loro ministro ha annunciato la sua intenzione di chiedere al Parlamento di sospendere tutte le adozioni per i prossimi 2 anni a seguito della loro indagine sulle adozioni internazionali.

Circondato da incredibili leader adottati in tutto il mondo, so quanti sforzi sono stati fatti per ottenere i diritti degli adottati internazionali dove siamo oggi. Notizie come questa non risolvono in alcun modo o risolvono i problemi che affrontiamo, ma sono almeno l'inizio del riconoscimento dei torti commessi, con governi e autorità che si fanno avanti per affrontare la verità di cui abbiamo parlato per decenni. Il riconoscimento è il primo passo di molti!

Il Belgio non è il primo paese adottivo a farlo. I Paesi Bassi hanno annunciato la loro moratoria su tutte le adozioni internazionali all'inizio di quest'anno a febbraio e ha pubblicato il loro rapporto. La Svizzera ha annunciato la sua rapporto dall'indagine sulle pratiche passate relative alle adozioni dello Sri Lanka e sono esortati a fornire riparazione alle vittime. Anche la Svezia ha annunciato la sua intenzione di indagare loro adozioni internazionali illegali. E ieri il ministro belga ha annunciato che le sue raccomandazioni saranno esaminate dal Parlamento. Puoi leggere qui il rapporto completo del gruppo di esperti.

Ma per alcuni paesi abbiamo ancora del lavoro da fare

Sembra che finalmente alcuni governi stiano ascoltando la nostra esperienza vissuta e abbiano deciso di non chiudere più un occhio. Ma anche se questi 4 hanno ascoltato, voglio anche ricordarvi che c'è stato molto lavoro e anni di sforzi fatti in altri paesi che ancora non sono venuti al "tavolo di riconoscimento". In Francia, gli adottati hanno avuto un enorme sostegno nella loro petizione che il parlamento francese conduca un'indagine sulle loro storiche adozioni internazionali. In Danimarca, il adottati dal Cile hanno lavorato con il governo per indagare sulle loro adozioni.

Nel mio paese adottivo, l'Australia, ho parlato e sostenuto per molti anni il sostegno agli adottati e alle famiglie colpite e il riconoscimento degli abusi in Australia. In effetti, è già passato più di un decennio e ricordo che nei miei primi anni rappresentavo gli adottati al NICAAG dove Julia Rollings (mamma adottiva) e io abbiamo presentato questo problema all'inizio del 2008 e abbiamo chiesto che fosse affrontato il problema. Più recentemente, ho anche presentato un piccolo gruppo di 8 adottati colpiti per incontrare i nostri Autorità centrale, DSS nel 2017 chiedendo supporti molto specifici. Tuttavia, fino ad oggi, quegli adottati sono stati ancora ignorati e licenziati. Nonostante ci siano casi molto chiari di attività illegale in cui gli autori sono stati condannati e incarcerati (ad esempio, la coorte di Julie Chu nell'immagine qui sotto da Taiwan), non è stato offerto nulla agli adottati o alle loro famiglie per aiutarli ad affrontare le complessità extra del loro adozioni illegali. È come se questi adottati colpiti non esistessero e l'Australia spera che il problema svanisca mentre devono affrontare questioni molto più importanti, come il COVID-19 o le imminenti elezioni.

È tempo che le autorità di tutto il mondo si facciano avanti e si assumano la responsabilità dei processi e delle strutture che hanno distrutto le nostre vite attraverso l'adozione, nel bene e nel male. 

L'adozione internazionale ha seguito la strada dell'adozione nazionale

Nell'adozione internazionale, stiamo assistendo allo stesso schema in cui, paese dopo paese, i governi riconoscono gli errori nelle loro domestico adozioni. Il Canada apre la strada fornendo compensazione finanziaria alle loro vittime dello Scoop degli anni Sessanta. L'Australia ha già fornito a scuse formali per le donne e i bambini che sono stati colpiti durante l'era dell'adozione forzata, ma a cui non è ancora stata offerta alcuna forma di risarcimento. Anche l'Australia ha appena annunciato il loro compensazione per gli aborigeni indigeni che furono allontanati con la forza e collocati in famiglie bianche sotto la generazione rubata. È interessante che il governo australiano possa riconoscere queste pratiche passate ma non riconosca le somiglianze molto strette con le nostre storiche adozioni internazionali. L'Irlanda come governo ha riconosciuto solo quest'anno i torti e ha fornito a scuse formali alle madri e ai bambini che nelle Case dei Bambini hanno subito adozioni forzate. L'Irlanda è anche esitando a offrire un risarcimento.

E i nostri paesi di nascita?

Pochissimi dei nostri paesi di nascita coinvolti nelle nostre adozioni illecite e illegali hanno intrapreso alcuna azione. Guatemala, Etiopia e Russia sono i principali che mi vengono in mente in cui hanno interrotto tutte le adozioni internazionali a causa di irregolarità, ma anche loro non sono riusciti a fornire agli adottati colpiti servizi o risarcimenti per riconoscere i torti loro arrecati. Alcuni di loro hanno condannato i colpevoli, ma raramente la loro condanna corrisponde alla profondità del loro crimine.

Diamo una rapida panoramica di come gli autori sono stati condannati fino ad oggi:

Il più recente è il prima frase per il politico locale americano coinvolto con le donne dell'isola di Marshall che hanno ricevuto solo 6 anni di reclusione. Lauryn Galindo, leader del giro di adozioni cambogiano, è stata condannata a 18 mesi di carcere, il suo crimine era solo frode sui visti e riciclaggio di denaro. Il Gli autori della truffa dell'adozione samoana sono stati condannati a soli 5 anni di libertà vigilata, per favoreggiamento all'ingresso abusivo di uno straniero. Siamo ancora in attesa della sentenza del autori coinvolti negli schemi ugandesi e polacchi per aver organizzato adozioni attraverso corruzione e frode.

In Vietnam, il capobanda condannato a 4,5 anni per falsificazione di documenti. Taiwan condannato Julie Chu e le sue coorti all'ergastolo per aver ideato un sindacato di esportazione di bambini, ma se l'è cavata con leggerezza dopo aver fatto appello e ha scontato solo 6 anni. In Cina, i trafficanti di bambini che rapiscono e vendono bambini vengono giustiziati. Questa risposta rimane la più dura che abbia mai visto, ma l'ergastolo sembra ragionevole dato che le loro azioni hanno un impatto su di noi per tutta la vita.

Il fatto che la maggior parte degli autori di adozioni internazionali la faccia franca con condanne blande dimostra la mancanza di un quadro giuridico che ci protegga. E nonostante il fatto che pochissimi autori di adozioni internazionali vengano mai catturati, figuriamoci condannati, c'è ancora da chiedersi, dov'è il sostegno per le vittime?

L'americano Trust di restituzione degli adottati samoani è l'UNICO programma di giustizia riparativa in cui mi sono imbattuto, che istituisce un fondo fornito dai perpetratori per facilitare il collegamento con la famiglia di origine e il paese. Ma i fondi forniti sono stati estremamente limitanti considerando quante persone sono colpite e tra gli adottati colpiti, solo uno è stato autorizzato a tornare alla propria famiglia naturale. I governi hanno anche considerato se gli adottati internazionali desiderano essere rimpatriati nel loro paese di nascita?

Quale livello di responsabilità dovrebbero assumersi i governi?

Molti articoli sono stati scritti sui problemi dell'adozione internazionale attraverso le irregolarità nel processarci per l'adozione internazionale, ma la questione più critica a cui i governi devono rispondere è la nostra diritto all'identità.

Un recente rapporto (vedi Sezione 4) di Protezione dell'identità del bambino (CHIP), mette in evidenza il livello di responsabilità degli Stati dovrebbe giocare nell'aiutarci a trovare le nostre identità originali ea cercare un risarcimento.

“L'articolo 8 della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo (CRC) rileva che un bambino ha diritto all'identità, inclusi un nome, una nazionalità e relazioni familiari. Ogni volta che un bambino viene privato di uno di questi elementi, gli Stati hanno l'obbligo di ripristinare rapidamente l'identità del bambino. Al centro di ogni adozione internazionale (ICA) c'è la modifica dell'identità di un bambino data alla nascita”. - PATATA FRITTA

Vorrei chiedere a tutti i governi firmatari di Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo e il Convenzione dell'Aia sull'adozione internazionale, cosa stanno facendo per "ripristinare rapidamente la nostra identità originale”? Tutte queste indagini nei paesi europei sono una parte necessaria del processo per rivedere e approfondire ciò che è successo. Ma.. i provvedimenti presi per fermare le adozioni non forniscono alcuna dolcezza a noi vittime. Ci sono centinaia e migliaia di noi in tutto il mondo. Cosa vogliamo? Tutto quello che devi fare è leggere la nostra raccolta di risposte che ho distribuito a Gruppo di lavoro dell'Aia sulla prevenzione e il contrasto delle pratiche illecite in materia di adozione, poco più di 1 anno fa.

In sintesi, il nostro rapporto spiega cosa vuole la maggior parte di noi. Ognuno di noi ha presentato indipendentemente i propri pensieri senza sapere cosa stesse presentando l'altro. Ecco i primi 3 suggerimenti che abbiamo raccolto:

  • Una modifica alle leggi sull'adozione internazionale per garantire l'esistenza di un quadro giuridico per il quale le pratiche illecite possono essere perseguite. Attualmente non c'è nessuno.
  • Un organismo investigativo indipendente, quindi non ci aspettiamo che i governi e le autorità per le adozioni "indaghino" da soli. Attualmente è quello che succede.
  • Servizi di supporto interamente finanziati per le vittime. Attualmente ci sono enormi lacune nei supporti generali post-adozione per non parlare dei supporti specifici per essere trafficati. Nessun paese al mondo attualmente fornisce alcun tipo di supporto alla tratta per gli adottati o le loro famiglie, sia adottive che naturali, ma soprattutto per le famiglie naturali che raramente hanno voce nell'arena globale.

Osservo i Paesi Bassi che stanno ancora lavorando al loro Centro Nazionale di Competenza potrebbe includere servizi di supporto specifici per le vittime della tratta, così sembra anche dal Belgio rapporto stanno provando. Ma il supporto per le vittime della tratta deve essere completo, non solo un DNA o un servizio di consulenza generale. Nella nostra relazione, elenchiamo per intero ciò che questo supporto deve includere: assistenza legale; Consulenza; aiuto finanziario; gruppi di sostegno per esperienze vissute finanziate; ricerca della famiglia; Test del DNA e servizi di genealogia professionale; supporto di viaggio; lezioni di lingua; servizi di traduzione; servizi di mediazione; sostegno alla cultura e al patrimonio.

Perché l'adozione non può essere una storia da "vissero felici e contenti"?

La gente pensa erroneamente che gli adottati internazionali debbano essere infelici nella loro adozione per voler combattere per la giustizia. Non è vero.

Possiamo essere felici nella nostra vita adottiva e nel nostro paese, ma anche essere infelici con come le nostre adozioni sono state condotte e ci aspettiamo giustamente che tutto sia fatto per ripristinare le nostre identità originali e aiutarci a riconnetterci con le nostre famiglie naturali che ci hanno perso a causa dell'adozione internazionale.

Le nostre voci lottano da decenni per il nostro diritto alle origini, per fare ammenda della nostra identità perduta, per far riconoscere le adozioni internazionali illecite e illegali per quello che sono: la mercificazione dei bambini. Abbiamo bisogno che questo folle sistema si fermi, va avanti da troppo tempo. Non siamo un piccolo numero, le stime variano ma sicuramente siamo nel centinaia di migliaia globalmente e forse qualche milione.

È tempo per la verità e, si spera, a lungo termine, potremmo vedere una giustizia riparatrice e riparatrice per noi e le nostre famiglie. Nel frattempo, io e gli altri leader adottati continuiamo a lavorare sodo per le nostre comunità a livello globale! Avanti e in alto! Spero un giorno di poter scrivere della nostra storia del "vissero felici e contenti", una volta che avremo giustizia e riconoscimento per i torti commessi.

Altre risorse

Campagna di sensibilizzazione all'impatto (video) condotto da Adozioni critiche dall'Europa (CAFE), Belgio

Alla ricerca dell'umanità podcast Separati: l'etica dell'adozione

Patrick Noordoven: Adozione internazionale e diritto all'identità

David Smolin: Il caso della moratoria sulle adozioni internazionali

Per tradurre automaticamente una delle seguenti risorse, apri nel browser Google Chrome.

Olanda

Nessuna nuova adozione dall'estero per il momento
I Paesi Bassi bloccano tutte le adozioni all'estero con effetto immediato
Il ministro Dekker sospende l'adozione internazionale con effetto immediato
L'olandese blocca le adozioni internazionali dopo la scoperta degli abusi
Rapporto olandese (inglese)

Svizzera

Rapporto sulle adozioni internazionali (francese, tedesco, italiano)
Adozioni dallo Sri Lanka: il Consiglio federale si rammarica della negligenza delle autorità
Conferenza stampa del Ministro (Tedesco)
Comunicato stampa dell'organizzazione degli adottati dello Sri Lanka Ritorno alle origini (inglese) in francese
Bambini dello Sri Lanka rapiti adottati in Svizzera

Belgio

Wouter Beke sostiene una pausa per l'adozione generale, ma riceve immediatamente critiche
Il ministro Beke vuole l'interruzione dell'adozione per rivedere a fondo il settore
Il ministro Beke vuole una pausa per l'adozione generale a causa di "errori" e "malcostume": cosa sta succedendo?
Le Fiandre pianificano "almeno 2 anni di pausa" dalle adozioni internazionali
Il rapporto del gruppo di esperti è pronto
Rapporto finale del gruppo di esperti

L'adottato inconsapevole

di Krishna Rao adottato dall'India negli Stati Uniti.

Il giorno in cui ho saputo di essere stato adottato, entrambe le mie famiglie sono morte. Quelli che mi hanno cresciuto, si sono rivelati una farsa. Quelli che non l'hanno fatto, si sono rivelati un enigma.

Nel giugno del 2019 a 34 anni ho saputo di essere stata adottata dopo aver fatto un test del DNA per gioco. Sicuramente sono state tante le emozioni che ho provato quando ho fatto questa scoperta. Dall'avere la mia identità in frantumi, al mettere in discussione tutto sul mio passato.

Per 34 anni ho creduto di essere il parente biologico dei genitori che mi hanno cresciuto, perché è quello che mi hanno detto. E sì, ho sempre sentito che qualcosa fosse strano, semplicemente non avevo la conoscenza cosciente per sapere cosa fosse.

Nei primi giorni in cui ho scoperto la mia adozione, mi sono imbattuto nel podcast di April Dinwoodie. In uno dei suoi podcast intervista Darryl McDaniels di Run DMC, che a quanto pare, è anche un adottante scoperto in ritardo e ha appreso della sua adozione a 35 anni. Darryl ha detto qualcosa che mi è rimasto davvero impresso. “Posso usare la mia storia non solo per migliorare la mia vita, ma posso aiutare tante altre persone che si trovano nella mia stessa situazione a capire meglio le loro vite”.

Quello che ha detto mi ha ispirato a iniziare a condividere la mia storia. Ho quindi iniziato a scrivere sul blog della mia esperienza. ho creato un Instagram pagina e condivido i miei pensieri su Twitter. Mi ha permesso di elaborare cosa significa essere adottato. Per tutta la mia vita fino a quel momento, sono stato cresciuto come un adottato, senza mai sapere consapevolmente di essere stato adottato.

Documentare i miei pensieri, emozioni ed esperienze è un modo per me di lavorarci sopra e guarire.

Da quel momento ho imparato molto. Ma in nessun modo, la forma o la forma fanno di me un esperto in adozione. Ho ancora molto da imparare e, soprattutto, molta guarigione.

Viviamo in un mondo in cui condividere è così facile ora. I miei pensieri hanno raggiunto persone provenienti da tutto il mondo. E così tanti altri. A tal proposito, è interessante leggere tutte le diverse opinioni che gli adottati hanno sull'adozione. Alcuni sono a favore, altri contro. Alcuni nel mezzo, e ci sono quelli che semplicemente non hanno affatto un'opinione.

Quando penso a dove mi trovo, mi sembra che non ci sia una risposta definitiva. Non sono in adozione. Non sono contrario all'adozione. Ad oggi, mi sento più come se fossi contrario alle cazzate su tutta la faccenda.

Non credo che l'adozione scomparirà nel corso della mia vita. non vedo come. È più che dare una casa a un bambino. In molti casi si tratta di dare a una persona l'opportunità di avere una vita. Non garantisce una vita migliore, solo una diversa.

Mi piacerebbe vedere più movimento nella conservazione della famiglia, ma come adottato all'estero, capisco che l'idea della conservazione della famiglia richiederà molto più lavoro. Come cambiamo la mentalità di intere società? In molti luoghi l'adozione è ancora profondamente stigmatizzata. Sono stato adottato dall'India negli Stati Uniti e anche se le persone adottano in India a livello nazionale, ho la sensazione che sia ancora un argomento tabù. I miei documenti dall'India affermano che sono stato abbandonato perché mia madre non era sposata. È come se l'unica opzione per una donna incinta non sposata fosse abbandonare suo figlio.

Tutti coloro che sono colpiti dall'adozione hanno le proprie opinioni e come persona che è entrata in questo spazio meno di due anni fa, sono stanco di vedere divisioni. Abbiamo tutti diritto a un'opinione. Siamo tutti autorizzati a dire le nostre menti. Per lo stesso motivo, ad altri è permesso non essere d'accordo.

So che non tutto ciò che dico o condivido è gradito ad alcune persone e per me va bene. Ma come prendiamo questo problema e lo trasformiamo in un approccio gradevole?

Personalmente penso che la definizione di adozione debba cambiare. Non si tratta solo di prendere un bambino e metterlo in una nuova famiglia dove perde tutto quello che aveva una volta. Lo vedo sempre in cui le persone parlano di ciò che è meglio per i bambini, dimenticando per tutto il tempo che questi bambini cresceranno, si formeranno opinioni lungo la strada e diventeranno adulti. L'ho fatto sicuramente.

Questi adulti non sono più bambini adottati. Non sono bambini periodo. E questi adulti hanno già una famiglia. Hanno già radici.

Ero qualcuno prima che l'adozione mi cambiasse. Non è tutto sole e arcobaleni, ma è ancora lì. Come qualcuno che non conosce la sua storia di origine, voglio la mia. Anche se è destino e oscurità.

Quando si parla di adozione, credo che le parole contino. La lingua inglese non è abbastanza complessa per aiutarci a definire i rapporti in adozione.

Per come la vedo io, i miei genitori sono le persone che mi hanno cresciuto. Non sono mia madre e mio padre. I miei adottanti sono figure materne e paterne, non sostituti. Mia madre e mio padre, quelli che ho già, non sono i miei genitori perché non mi hanno cresciuto. Comunque sia visto, o definito, posso ancora accettare entrambi i gruppi di persone come mia famiglia.

Posso prendere quella decisione anche se sembra che la società voglia che io separi i due e dica che appartengo a quelli che hanno speso tempo e risorse su di me. Spendere tempo e risorse non importa se la relazione è condizionata e, nel mio caso, quando è piena di inganni. Chiunque avrebbe potuto nutrirmi e proteggermi, ma ci vuole molto di più per dare una vita a qualcuno.

Detto questo, scelgo a chi appartengo. E in questo momento, nessuno di loro. Come mai? Perché non riesco ad apprezzare il fatto che altre persone abbiano fatto delle scelte per me. Scelte che hanno portato alla mia rinuncia e poi alla mia adozione.

Entrambi i set sono stati sottoposti a lavaggio del cervello in qualche forma o forma. Agli adottanti è stato probabilmente detto e hanno sentito che i bambini adottati sarebbero stati loro. Si sono spinti un po' troppo oltre, e come tali non mi hanno mai detto che ero stato adottato. E posso solo ipotizzare cosa abbia passato mia madre naturale. Mi viene detto che i figli di madri non sposate non sono degni di essere tenuti. Leggere la storia delle adozioni in India e come vengono trattate le donne non sposate quando si tratta di essere incinte non è stato molto positivo.

Il mio passato è fuori dal mio controllo e devo accettarlo. Ora sono io quello che deve spendere tempo e risorse per elaborare tutto questo da solo.

So che ci sono genitori adottivi decenti là fuori, che crescono i figli di altre persone e li sostengono come adottati. Ne conosco alcuni. Conosco e ho letto di coppie che riportano i loro adottati nei loro paesi di nascita. Vogliono davvero aiutarli a trovare le loro famiglie. È sorprendentemente illuminante e straziante per me perché so che era un'opzione che non ho mai avuto modo di sperimentare. Invece, questo ora è diventato un processo e un viaggio che faccio da solo.

Non so dove stavo andando con questo. È solo. Conosco la mia adozione da 20 mesi. Sono andato avanti a tutto vapore cercando di imparare e assorbire tutto ciò che potevo e ogni giorno la mia prospettiva cambia. Cerco di imparare da tutte le parti prima di formarmi un'opinione. E ci sono molti lati in questo.

L'adozione è un'esperienza complicata e traumatica.

Questo è il motivo per cui dico che sono contro le stronzate. Sono stanco della merda che non importa. Ci deve essere un modo per renderlo migliore.

Meglio per gli adottati perché qui sono in gioco le nostre vite e il nostro benessere!

Resa

di Marijane Buck Huang, adottato da Taiwan negli USA.

Mateo e Marijane

Un'esperienza di psicoterapia assistita da equini focalizzata sul trauma

Ieri ho incontrato Linda per un'altra sessione di psicoterapia assistita da cavalli (EAP). Non avevo programmato di richiedere una sessione, ma Alice, che mi ha "aiutato" ad imparare e ad esercitarmi con Mateo, è fuori città questa settimana e ho sentito il bisogno di elaborare la mia ultima sessione di pratica con Mateo, che Alice ha registrato video per il mio incarico video di formazione intensiva Natural Lifemanship (NL). Mateo è un Mustang di 20 anni che è stato arrestato dal Bureau of Land Management (BLM) e per i primi 10 anni della sua vita ha avuto una varietà di esperienze di formazione. È stato poi adottato ma non ha avuto molta interazione umana. Di conseguenza, è tornato a uno stato in qualche modo selvaggio ed è diventato molto diffidente nei confronti degli umani. È stato poi adottato da un altro individuo che ha fornito guida, pazienza e molti rinforzi positivi, e si sta godendo la vita di più in relazione con la sua mandria di cavalli e umani. Alice è uno specialista equino qualificato e Linda è una psicoterapeuta facilitata dagli equini. Linda è anche formata in NL. I terapisti e gli specialisti equini, o professionisti equini come vengono chiamati in NL, collaborano per facilitare la terapia ed entrambi hanno competenze uniche. uno porta a clinico prospettiva e l'altro, a cavallo prospettiva del processo terapeutico. La formazione intensiva in cui mi trovo attualmente è di livello due della certificazione NL. È molto diverso dal corso sui Fondamenti di Livello Uno che ho appena completato, che ho... notevolmente apprezzato e imparato così tanto da. 

È così bello entrare nella sessione di terapia di questa mattina con Linda sapendo che c'è no aspettativa, tranne quella di lasciarsi andare e avere assolutamente nessun programma con il cavallo. Non ho bisogno di fare altro che essere. È una giornata calda, ma non così calda come la mia precedente sessione di prove con Mateo e Alice quando c'erano 91 gradi fuori, insolitamente caldo per il sud della California e ancora più caldo sotto il sole diretto. Il mio telefono si è surriscaldato per il bene di Pete mentre stavamo registrando. Prima che inizi la mia sessione di terapia, mi sintonizzo sul canto degli uccelli, il tono del loro canto fluttua leggermente. Faccio del mio meglio per sintonizzarmi con il mio corpo e ciò che mi circonda. Mi sento radicato e presente in questo momento. Sento calore nell'intestino e nel petto, e questo calore si estende alle mie estremità. Come suggerito da uno dei miei trainer NL, espando volutamente la mia circonferenza visiva come un modo per rimanere connesso al mio corpo... per essere presente e per coinvolgere il mio cervello intero. Osservo gli alberi intorno a me, tutti i diversi cavalli mentre passo davanti alle loro stalle, i loro colori e i loro segni, il suono di soffici nitriti e nitriti, il dolce odore del fieno misto a odori di cavallo, che posso quasi sentire. Mi godo la brezza calma e gentile che mi accarezza il viso e le braccia. Mi viene in mente che io sono il cliente oggi, non il terapeuta in questo momento. Ciò che traspare in terapia è importante per me da catturare e ricordare non solo nella mia mente, ma anche nel corpo.

È bello vedere Linda. La nostra ultima sessione è stata circa un mese fa. Abbiamo costruito un ottimo rapporto terapeutico e oggi mi sento più a mio agio ea mio agio in sua presenza. Penso fugacemente alla mia storia traumatica, a come ho vissuto principalmente nelle regioni inferiori del mio cervello, la parte della sopravvivenza, per qualche tempo, iper-vigile, timoroso. I percorsi neurali qui sono stati "rinforzati" nel corso degli anni, causando la disconnessione tra le regioni superiore e inferiore del mio cervello. Il risultato: paura, allarme, insicurezza, vergogna, difficoltà a regolare il mio corpo a volte. Ne sono diventato sempre più consapevole durante la mia formazione in NL. Riconosco che posso essere facilmente innescato all'accenno di stress o ansia, non importa la situazione, come ricordano il cervello e il corpo, ma in particolare durante le situazioni di conflitto interpersonale. 

Condivido con Linda la profonda delusione che ho provato dopo aver registrato in video il mio incarico con Mateo. Le ricordo come ero arrivato alla sessione sentendomi ansioso, preoccupato e sotto pressione per girare il video, poiché avevo solo un'ora per "ottenere ciò di cui avevo bisogno" per il mio compito. Davvero, non era abbastanza tempo. Il caldo era soffocante quel pomeriggio e Mateo è stato spaventato da un grosso rimorchio argentato parcheggiato a destra del recinto rotondo, un oggetto sconosciuto che ha fatto aumentare il suo sistema di eccitazione. Questo ha fatto aumentare anche il mio sistema di eccitazione. Non mi è piaciuto particolarmente lavorare con la penna più grande. Preferisco la penna rotonda più piccola, che offre un po' di privacy e si sente più intima, ma era in costruzione. In poche parole, internamente, ero dappertutto e Mateo, che è abbastanza sensibile alla pressione e alle aspettative, se ne è accorto immediatamente. I cavalli, poiché sono animali da preda, sono estremamente in sintonia con il loro ambiente, iper-vigilanti. Sono cablati in questo modo per sicurezza. Si affidano ai loro compagni di branco per la sicurezza e la connessione. Sono animali sociali e possono costruire relazioni profonde e connesse con i loro compagni di branco, proprio come le relazioni umane. Sono estremamente sensibili a ciò che accade negli esseri umani internamente, uno dei motivi per cui sono così meravigliosi partner terapeutici.

Alice ha continuato a istruirmi mentre registrava il mio video. "Girati da questa parte e vedi se ti segue..." ecc. Mi sentivo rigida e imbarazzata. Quando qualcuno è disregolato, si verifica una disconnessione tra il cervello e il corpo. Dare istruzioni o segnali verbali può indurre l'individuo a tentativo rimanere nella loro neocorteccia (pensante/parte superiore del cervello); tuttavia, provoca solo ulteriore disconnessione e disregolazione. Il cervello ha difficoltà a elaborare tutti gli stimoli. Abbiamo bisogno di comunicare con la parte del cervello che aiuterà quella persona a calmarsi. avevo bisogno regolazione dal basso verso l'alto, o movimento e input sensoriali che si rivolgerebbero alle regioni inferiori del mio cervello (cervello primitivo). Non importa quello che ho provato, non riuscivo a regolarmi, e sebbene stesse solo cercando di aiutare, Alice inconsapevolmente ha aumentato la disconnessione tra il mio cervello e il mio corpo con i suoi segnali verbali. Quando ho rivisto il mio video in seguito, sono rimasto stupito di come aritmico i miei movimenti apparivano mentre lavoravo con Mateo. Facevo fatica a prendere lezioni mentre cercavo di regolare il mio corpo e connettermi con Mateo.

Spiego a Linda che Mateo ha passato la maggior parte della sessione di pratica resistendo alle mie richieste di connessione. Non doveva biasimarlo. Nemmeno io avrei voluto starmi vicino. Alice mi informa più tardi che quando un cavallo raccoglie tutta quella roba interna disordinata, gli umani possono effettivamente apparire sfocati per loro, il che per un cavallo è pericoloso e imprevedibile. Alcuni cavalli ci evitano quando ciò accade. Questa è un'informazione vitale di cui un terapeuta deve essere consapevole durante una sessione di terapia, poiché il cavallo sta capendo cosa sta succedendo nel corpo del cliente. A volte, il cliente è così disconnesso dal proprio corpo che le sensazioni corporee sono al di fuori della sua consapevolezza cosciente, in particolare quando si trova in uno stato dissociativo. Ogni cavallo risponde in modo diverso in base alla propria storia, personalità, finestra di tolleranza, ecc. Guardando indietro, girare quel primo video incarico è stata un'esperienza di apprendimento così ricca, come i sentimenti di frustrazione, impotenza, disregolazione e ansia che ho sentito saranno sicuramente sperimentato dai clienti con cui collaborerò in futuro. Fa parte del ruolo del terapeuta aiutare il cliente a elaborare il modo in cui il cavallo risponde a lei e iniziare a sintonizzarsi con le sue sensazioni corporee. Sono così felice che Mateo abbia avuto l'opportunità di resistere... ha avuto un scelta. In questo approccio, non vogliamo costringere un cavallo a fare qualcosa che non vuole. Piuttosto, lavoriamo per costruire fiducia e connessione attraverso il lavoro di attaccamento e distacco. Vogliamo il consenso del cavallo, non il rispetto o la sottomissione. Sebbene sia stato piuttosto frustrante in questo momento, sono grato di aver imparato di più su me stesso e Mateo e di riconoscere quanta ansia porto dentro.

Alla fine della sessione, mentre stavo parlando con Alice, Mateo si è avvicinato a me e mi ha toccato la spalla con il naso finché non l'ho riconosciuto. Ho strofinato sotto il suo labbro inferiore per diversi minuti, quella zona morbida e vellutata che amo, che di solito non gli piace molto. Quei momenti sono stati così teneri, ma piuttosto che concentrarmi su quello, ero così preoccupato del mio senso di "fallimento". Alice ha detto: "Vede il tuo "io autentico" ora, non quello con aspettativa. io amore quello sui cavalli. Eppure, questo era molto da elaborare.

Oggi, la mia sessione di terapia inizia nella stalla di Mateo. Mi controllo con me stesso prima di entrare, mettendomi una mano sul cuore. "Inspirare ed espirare. Ascolta il canto degli uccelli. Osserva gli altri cavalli nelle stalle accanto nella mia visione periferica. Entro nella stalla di Mateo e mi reco da lui. Rimango lì per qualche minuto a guardarlo mangiare il fieno dal suo sacco di fieno. Mi chiedo quante riparazioni potrei avere a che fare con lui a causa dello stress che ha provato nella nostra ultima sessione di prove. Linda poi si avvicina. Lei è in piedi appena fuori dalla sua bancarella. Mi avvicino a Mateo e comincio ad accarezzargli dolcemente il collo, sintonizzandomi con le mie sensazioni corporee. “Stai calmo, Mj. Inspirare ed espirare." Osservo Mateo masticare, ritmicamente. Adora il suo cibo. È bello accarezzare il collo di Mateo. Mi sposto per impiccarlo, mostrandogli prima la cavezza, poi drappo delicatamente la corda di piombo sul suo collo molto alto. Abbassa il naso per consentire la cavezza. Oh bene! Ero preoccupato che avrebbe cercato di evitarmi. Dopo aver bloccato Mateo e aver camminato fuori dal suo box, quasi inciampa sui suoi piedi. Linda e io notiamo che zoppica, e mentre lo accompagno fuori e poi in giro per le bancarelle, diventa più evidente. Povero ragazzo!!! Lo riconduco al suo box, perché non vogliamo peggiorare quello che sta succedendo. Spero non sia niente di grave. Linda mi chiede se mi piacerebbe lavorare con un altro cavallo e io scelgo Journey. Sono così felice di aver avuto l'opportunità di lavorare con Journey! Linda mi chiede quali differenze noto tra Mateo e Journey mentre mi presento nel suo box, accarezzandogli il naso e il viso. Noto subito che Journey ha un temperamento più dolce, forse anche più tollerante. Passiamo qualche minuto insieme mentre continuo ad accarezzargli il collo e il muso. Mi permette di impiccarlo, abbassando la testa mentre porto la cavezza verso il suo naso. Mentre camminiamo in mezzo alle bancarelle verso il recinto rotondo, lui non cerca di mangiare il fieno steso per terra come fa sempre Mateo. Si ferma al grande recinto rotondo, quello in cui non mi piace lavorare, perché è qui che di solito viene fuori. Ma poi, quando gli chiedo di venire con me, alla fine mi segue. Il colpo secco dei suoi zoccoli sul marciapiede è rilassante. Entriamo nel recinto rotondo appena rinnovato. Il recinto sembra più piccolo di prima, e lo sporco per terra è diverso, più sabbioso. Mi sento leggermente infastidito da questo, ma cerca di essere più curioso.

Diamo a Journey diversi minuti per ambientarsi. Alla fine fa un rollio, le gambe anteriori che si piegano mentre si abbassa a terra. Affinché i cavalli possano farlo, devono sentirsi al sicuro, quindi è un buon segno! Adoro il suono che fanno i cavalli quando rotolano e come si scrollano di dosso dopo. Linda e io iniziamo con un po' di EMDR all'inizio della sessione. Sento vibrazioni nelle mani mentre prendo i cicalini. Il ronzio si alterna da una mano all'altra. Onestamente non riesco a ricordare completamente quale fosse l'obiettivo iniziale...Penso che fosse sull'ansia che stavo provando con Mateo e poi cosa provavo nel presente con Journey, ma di solito cambia in base a ciò che viene fuori. Journey è in piedi a una certa distanza da noi mentre sto elaborando, ma il mio sguardo è dolcemente su di lui. A volte distolgo lo sguardo, per togliergli la pressione – questa è una cosa per me, non voglio mettere troppa pressione sul cavallo. Linda mi chiede più volte cosa mi sta succedendo nel mio corpo. Per lo più, mi sento calmo, forse leggermente dentro e fuori un po' di ansia legata a come Journey si sente a stare con me. Eccolo…troppi pensieri… Journey è un veterano nello stare con i clienti mentre fanno EMDR, mi dice Linda. Quello che noto di più è che mi sento più calmo e al sicuro con Journey. Sembra solo più amichevole e aperto di Mateo, e ne sono attratto. Si sente un amico e il mio co-regolatore. Lo faccio notare a Linda. È come "Sono qui per te". In confronto, Mateo mi evita quando avverto una maggiore ansia. 

Mentre la sessione si sta avvicinando alla fine, Linda chiede se c'è qualcos'altro che vorrei dai Journey, come avvicinarmi a lui. Sono titubante perché sono preoccupato di come potrebbe rispondere. Faccio dei respiri profondi e mi avvicino. Poi allungo lentamente la mano e lui la tocca con il naso. Comincio ad accarezzare il lato della testa di Journey e mi avvicino ancora di più finché non sono così vicino da poterlo abbracciare. A differenza di Mateo, Journey sembra a posto con il tocco e non muove di scatto la testa. 

Poi mi faccio coraggio e chiedo se posso lavorare sull'attaccamento con la connessione con Journey. Linda si sposta fuori dal recinto. All'inizio, sperimento "farfalle", mentre ricordo quanto sia stato difficile con Mateo nella mia ultima sessione di prove. Faccio dei respiri più profondi. Muovo il mio corpo per esercitare pressione sul suo fianco posteriore, concentrando lì l'energia del mio corpo e inizio a fare clic. Journey non collabora subito. È in piedi, distoglie lo sguardo o sfiora il terreno. Aumento la pressione perché mi sta ignorando schioccando le dita, chiamando il nome di Journey, battendo le mani, muovendo le braccia su e giù, emettendo più ticchettii mantenendo la pressione sul suo fianco posteriore. "Penso di sentirmi timido nel chiedere a Journey una connessione", dico. Dopo un altro paio di minuti, Linda chiede: "Cosa pensi possa impedirti di fare davvero la richiesta?" Improvvisamente mi viene in mente che non lo sono impegnato alla richiesta. Sono curioso, perché? Io non credere Posso chiedere! devo raccogliere di più Intenzione, e poi Journey collabora! Si trasforma in me, e mentre mi muovo, mi segue, e camminiamo insieme, fianco a fianco, intorno alla penna, con calma, ritmicamente. Quando Journey sospira, io sospiro. Quando emette un suono di lampone, lo faccio anch'io. Si distrae un po', quindi chiedo di riconnettersi, e si trasforma di nuovo in me per seguirlo. La nostra sessione finisce presto. Lavorando con Linda, mi rendo conto che è molto difficile per me chiedere agli altri ciò di cui ho bisogno. ho paura di essere respinto. faccio le cose da solo per evitare chiedendo. Discutiamo di come ci vuole vulnerabilità per chiedere che le nostre esigenze siano soddisfatte. Posso facilmente aiutare gli altri, sottomettermi agli altri o obbedire, ma raramente chiedo cosa ho bisogno.

Linda mi dice che ha visto il momento esatto in cui qualcosa in me spostato come ho chiesto il collegamento da Journey, ed è stato allora che si è girato e mi ha notato, quindi ha collaborato. Un sottile, ma intenzionale cambiamento nell'energia del mio corpo - I impegnato alla domanda, internamente. ho chiesto cosa? Avevo bisogno. Avevo bisogno di connessione. Linda ha anche notato che quando Journey si è distratto e ho chiesto di ricollegarmi, Journey ha collaborato molto più rapidamente. Quindi, qualcosa che sto osservando nel mio lavoro sia con Mateo che con Journey è che entrambi i cavalli si distraggono e si disconnettono. Sono curioso di sapere se c'è qualcosa in me che sta causando questo... sono io disconnettersi, forse spostandosi nella mia neocorteccia e disconnettendosi dal mio corpo? Troppi pensieri? Molto probabilmente. Penso che mi preoccupo che il cavallo si disconnetta invece di confidare che il mio cavallo rimarrà con me. La disconnessione dal cavallo è simile al rifiuto (per me). Ho paura che il cavallo mi rifiuterà, proprio come nei rapporti umani. E il rifiuto fa male... l'abbandono fa male. Qualcosa da esplorare mentre continuo il mio lavoro personale e la mia pratica.

Quel momento di connessione con Journey è stato così dolce e memorabile, come lo è stato con Mateo. Poiché ho sperimentato quella connessione con Mateo in precedenza, è stata dura quando mi ha evitato durante la mia ultima sessione di prove. E che il mio compito video sia apparso così irregolare agli altri quando so di avere in me il collegamento con un cavallo è stato difficile. Devo ricordare a me stesso che si tratta di processi, non la perfezione. Ho appena iniziato a lavorare con i cavalli per la prima volta a marzo durante l'allenamento sui Fondamenti, che è durato 10 settimane. Non avevo letteralmente alcuna esperienza con i cavalli prima. Imparerò da questi momenti.

Desidero davvero possedere o affittare il mio cavallo in modo da avere accesso alla pratica più liberamente e senza costi. Pago Alice settimanalmente per il suo tempo con uno qualsiasi dei cavalli. Ho dovuto essere creativo nel trovare modi per farlo accadere. È piuttosto costoso possedere e prendersi cura di un cavallo in modo appropriato e le cose potrebbero accadere in qualsiasi momento per quanto riguarda la loro salute. Le bollette veterinarie di grandi dimensioni sono una preoccupazione. Nonostante questi ostacoli, la mia speranza e il mio sogno è avere uno studio privato che faciliti la psicoterapia assistita da equini incentrata sul trauma (TF-EAP) e lavorare specificamente con gli adottati. Come questo potrebbe portare tale guarigione, connessione e crescita. Il mio lavoro personale nella terapia facilitata dagli equini è stato quello di guarire in un modo molto diverso rispetto alla terapia tradizionale. Ha fornito una maggiore autoconsapevolezza e comprensione delle mie sensazioni corporee, una maggiore connessione con me stesso, una comprensione di come lavorare con gli equini aiuta a costruire migliori relazioni umane e ha portato gioia profonda, sentimenti di sicurezza e connessione con i cavalli. Sto imparando modi per autoregolarmi meglio e questo lavoro sta aiutando a costruire nuovi percorsi neurali nel mio cervello. Tutto richiede tempo. Il mio viaggio di guarigione continua.

Sebbene ottenere l'accesso al lavoro e alla pratica con un cavallo sia impegnativo, continuo. Non è facile. Quando comincio a dubitare di me stesso, il mio ex supervisore clinico, che è anche formato in NL e pratica TF-EAP, mi incoraggia a non arrendermi. Mi ricorda che sono stato attratto da questo lavoro per un motivo. Forse è una chiamata. Questa non è la fine della storia.

*I nomi degli umani sono stati modificati per proteggere la privacy.

ICAV (c) 2021. Questo articolo non può essere copiato o condiviso senza il permesso diretto di Marijane.

Gli adottati hanno bisogno di servizi di salute mentale

di Christina Soo Ja Massey, ovvero YooNett adottato dalla Corea del Sud negli Stati Uniti.

Mi sono rasato i capelli per due motivi:
Il prossimo festival scozzese della salute mentale e delle arti nel maggio 2021.
Il mio attuale stato di salute mentale in declino.

Le lacrime del trauma Ho pianto da orfano indifeso in passato, piango da adulto per tutta la mia vita.

Sono un adottante coreano d'oltremare.
L'adozione non è mai stata felice dopo che alcuni potrebbero provare a far credere.

Un senzatetto adottivo coreano all'estero, che racconta di una famiglia adottiva che non discute nulla a che fare con la sua adozione e precedenti precedenti. Perdere un altro adottante coreano d'oltremare attraverso il suicidio. Molti adottati coreani d'oltremare a cui è stato mentito sul loro passato, presente e futuro. Molti soffrono ulteriore negligenza o più abuso di tutte le forme per mano dei loro adottanti.
Considera solo che abbiamo già sperimentato traumi perdendo i genitori naturali in primo luogo.

Negli anni '70 e '80 la Corea è stata accusata di traffico di bambini a causa del numero crescente di bambini coreani inviati all'estero per l'adozione.

L'immagine che i miei adottanti hanno ricevuto dalla Corea era di un bambino con i capelli rasati. Ho sofferto di un'eruzione cutanea sulla testa causata dall'eczema atopico. L'eczema atopico permane per tutta la vita raccontando la storia di ogni aspetto dello stress vissuto dal corpo.
Così fa lo stress post traumatico.

Potresti pensare ad altre persone famose o meno che si sono rasate la testa in uno stato di disagio mentale. Sinead O'Connor, Britney Spears, Amy Winehouse... qualunque sia il loro motivo.

La rasatura della testa è riconosciuta come un sintomo che può manifestarsi in relazione alla malattia mentale, ma non a una specifica forma di malattia mentale. I sofferenti hanno spesso continuato a sperimentare un crollo mentale subito dopo, forse in uno stato di Mania... Un tentativo di riprendere il controllo o un segno di perdita di controllo.

Ci sono numerosi contributi sui social media online di persone che si radono i capelli durante il blocco di questa pandemia di Covid-19.

Abbiamo urgente bisogno di affrontare le carenze nei servizi di salute mentale. Abbiamo bisogno di un ambiente sicuro e dotato di risorse in cui i professionisti della salute mentale possano continuare a lavorare. Migliore accesso a tecnologie avanzate e social media. Più diversità. Terapie più olistiche e personalizzate. Solo per elencarne alcuni.

Finché i problemi di salute mentale continueranno a essere inascoltati e invisibili, c'è poca speranza per ulteriori risorse.

Partecipa e sensibilizza. Grazie.

#salute mentale
#la salute mentale è importante
# malattia mentale
# consapevolezza della malattia mentale
# sopravvissuto
#seeme
#orte
1TP3Crostataesalutementale
1TP3Crostateefestival della salute mentale
#coreano
#asiano
#tedesco
#asianlivesmatter
#internazionale
#adoptee
1TP3Adozione all'estero
#suicidio
#atopiceczema
#orphan
#ptsd
#bpd
#gravedepressione
1TP3 Ideazione suicidaria
1TP3Disturbo di personalità instabile emotivo
#ambivalente attacco
#trustissues
#relazioni difficili
#violenza domestica
#abuso sessuale
#tratta di esseri umani

Lavorare attraverso il difficile processo come Adottato

di JoYi Rhyss adottato dalla Corea negli USA che lavora come terapista finanziato dallo Stato delle Hawaii per facilitare Workshop e formazione sul perdono consapevole e sulla guarigione attitudinale.

Questa è l'ultima foto della mia famiglia intatta: presto mio fratello è stato mandato via e alla fine sono finita in un orfanotrofio. Sono stato adottato dalla Corea all'età di 9 anni da una famiglia luterana bianca a Spring Grove, Minnesota, la più grande comunità norvegese negli Stati Uniti a quel tempo. La mia famiglia adottiva si è trasferita parecchio, rendendo ancora più difficile per me trovare connessioni. Ero una bambina triste, arrabbiata, sola, spaventata, piena di paura e poi donna e madre. Ho trovato mia madre e mio fratello biologici nel 2008 pensando che mi avrebbero guarito: è stata una riunione terribile e il mio dolore si è aggravato. Quando sono entrato nei miei 40 anni, ero esausto, sopraffatto e il mio desiderio di vivere era vicino allo 0 – come tante storie di adottati, ho pensato al suicidio. il. tempo.

Allo stesso tempo e decisamente ipocritamente, stavo lavorando nei servizi sociali in particolare con i giovani ad alto rischio parlando loro attraverso gli stessi sentimenti difficili che non riuscivo a gestire dentro di me. Ho avuto diversi momenti di resa dei conti che mi hanno portato a cercare la vera guarigione e la pace interiore. Non è un caso che mi sia trasferito alle Hawaii dove la legge "Aloha Spirit" è entrata in vigore nel 1986. Attraverso quella legge e la mia ricerca mirata, ora sono finanziato dallo Stato per fornire formazione per discutere di traumi e ridurre la sofferenza attraverso la consapevolezza, il perdono e la guarigione attitudinale. Ho lavorato con persone in tutti i settori della vita e questi corsi di formazione sono stati utili per molte persone incluso me.

Nulla è cambiato veramente nella mia vita tranne che ora sono in grado di sentirmi più connesso con me stesso e la mia comunità, mi sento più a mio agio e amore in un modo che non avevo mai capito prima - non è sicuramente una cura, ma avere abilità concrete per gestire il mio dolore è cambiato Tutto per me.

Uno dei problemi più grandi per me crescendo è stato sentirmi come se non avessi una voce, non avessi il diritto di provare rabbia o tristezza per la mia situazione - dover sempre essere grato con un sorriso ingessato, non importa quanto terribile fosse il mio famiglia adottiva era. Condividere la mia storia, lavorare attraverso il difficile processo e sentire pienamente è ciò che funziona per me e per molte persone e questo è ciò che offro agli altri.

Se desideri avere uno spazio per parlare della tua storia, apprendere nuove abilità per gestirti meglio, crescere in connessione con te stesso e gli altri per guarire, quindi contattami se hai domande per favore.

Aperture gratuite dei workshop zoom per gennaio 2021, contattami se sei interessato: https://forms.gle/stFXmtosY6ihFUMA6

Molti adottati come me sono qui fuori a combattere con le nostre ultime gocce di energia per il cambiamento: dobbiamo ricordarci di prenderci un momento per ricaricarci, riposarci, ricaricarci di energia in modo da non implodere. Spero di servirti in questo modo.

Recensione: One Child Nation

Una nazione figlia un documentario di Nanfu Wang è stato profondamente emozionante ma molto istruttivo per me che sono stata adottata all'estero! Ho appreso della storia collettiva dolorosa e traumatica che la Cina ha subito nel tentativo di tenere sotto controllo la propria popolazione. Capisco che come paese intero, è necessario mantenerli tutti a uno standard sano, ma allo stesso tempo, attuare una politica così duramente, ignorando le emozioni individuali nella misura mostrata nel documentario, sembrava andare troppo lontano a mio parere. Riconosco di vederlo da una lente bianca poiché è tutto ciò che so, essendo cresciuto in un paese ricco di bianchi. 

Sono in stretto contatto con molti adottati internazionali in tutto il mondo che hanno sperimentato adozioni illecite e illegali. Ho trovato illuminante osservare e ascoltare i punti di vista di così tante persone diverse in vari ruoli (madri, nonne, padri, fratelli, trafficanti, operatori sanitari, dipendenti pubblici, creativi), tutte colpite dall'uccisione dei bambini cinesi, abbandonati per adozione o sterilizzazione forzata della madre. Guardando questo documentario mi sono chiesto se la parola "rinuncia” è persino applicabile legalmente per le migliaia di adottati inviati all'estero dalla Cina durante il periodo di tempo della politica del figlio unico. Penso che la parola "abbandono forzato” sarebbe più appropriato, così come i tanti aborti e sterilizzazioni sono stati molto “forzati” alle donne. Rinuncia nei contesti di adozione internazionale, idealisticamente si riferisce a una decisione ben ponderata di consenso da parte dei genitori genetici - ma dopo aver visto Una nazione figlia, penso che gli unici a dare davvero il consenso in questo caso, sia stato il partito di governo. La frase ripetuta più volte dagli intervistati diceva: “Cosa potrei fare?” Nessuno di loro sentiva di avere autonomia o potere per prendere una vera decisione informata. Le conseguenze di non farlo furono così dure che tolsero ogni senso di scelta. 

Guardare come i bambini cinesi sono stati incanalati in modo efficiente nel sistema dell'orfanotrofio per essere dati a genitori stranieri mi fa dubitare del motivo per cui solo i trafficanti sono stati mandati in prigione. In realtà, anche i leader di partito e i ministri del governo cinese avrebbero dovuto essere mandati in prigione per i loro ruoli. È stato loro crimine imporre questa politica alle famiglie in modo così duro. Perché ritenere responsabili solo gli intermediari quando in realtà è stato l'intero partito di governo a creare l'ambiente, gli incentivi, a chiedere l'abbandono forzato e poi un numero schiacciante di bambini per i quali l'adozione sembrava un'ottima soluzione? Il governo ha costretto le famiglie a rinunciare ai propri figli, gli orfanotrofi hanno dato via i bambini a famiglie straniere per ingenti somme di denaro! Se assumiamo che la maggioranza dei bambini sia andata negli Stati Uniti da soli e calcoliamo la somma totale di denaro guadagnata nel commercio, è un US$10.4b business (US $40.000 per bambino in media per circa 260.000 bambini). Secondo stime più prudenti, se tutti i bambini fossero stati adottati in Australia, il governo cinese avrebbe guadagnato AUS$780M (AUS $3000 per bambino). Qualcuno, da qualche parte, ha guadagnato un sacco di soldi adottando bambini cinesi! Quanto di quel denaro è stato restituito alle famiglie e alla comunità per aiutare ad alleviare le loro sofferenze in forme di servizi di supporto? Ad oggi, sembra che non ci sia stato alcun riconoscimento della perdita e del dolore della gente, per non parlare delle perdite per tutta la vita di cultura, persone, razza, luogo, famiglie, patrimonio e lingua per le migliaia di adottati mandati via. È come se i cinesi adottati all'estero fossero invisibili al governo cinese. Con l'allontanamento, questi bambini adottati (molti dei quali ora sono adulti) sono scomparsi e i cinesi considerano la loro lavagna pulita. Noi che lo viviamo sappiamo che non funziona così semplice. Cresciamo per avere domande e dobbiamo in qualche modo dare un senso al perché il nostro Paese ha scelto di mandarci via e dimenticarci, comportandoci come se non fossimo mai esistiti.

Mi chiedo anche come la Cina possa ritenersi di seguire le linee guida delineate come firmataria della Convenzione dell'Aia per l'adozione internazionale. Comprendendo le linee guida della Convenzione dell'Aia, molti aspetti del programma di adozione internazionale della Cina di quest'epoca sono discutibili. Ad esempio, dov'era il consenso informato e la rinuncia legale dei bambini, dove sono i documenti di identità veritieri e come possono giustificare i guadagni finanziari ma con poca o nessuna fornitura di servizi post adozione?

Spero che tutti gli adottati cinesi guarderanno questo documentario mentre invecchiano e maturano. Li aiuterà a fare i conti con come la loro vita è diventata così radicalmente sfollata. È molto normale che noi adottati all'estero ci interroghiamo su come siamo arrivati a vivere in un paese non di nostra nascita. Questo documentario è una potente cattura di ciò che è realmente accaduto nella più ampia arena sociale, politica ed economica, insieme a uno sguardo sulle molte storie individuali che molti cinesi adottati all'estero possono rispecchiare dall'altra parte.

Mi chiedo se la Cina un giorno sarà come l'Australia e il Canada, i due paesi che hanno riconosciuto la loro storia di adozioni forzate, tranne per il fatto che le loro erano nazionali. Entrambi questi paesi da allora hanno riconosciuto i torti storici in termini di diritti individuali e impatto e ora si sono scusati, ma solo il Canada ha fornito un risarcimento finanziario. Il governo cinese un giorno si scuserà con le migliaia di cinesi adottati all'estero per averli intenzionalmente inviati all'estero? E cosa significherebbero le scuse in azione? Credo che dovrebbe essere una fornitura di servizi ben finanziati per aiutarli ad affrontare le conseguenze per tutta la vita. Mi è rimasta una forte impressione del crepacuore che le famiglie in lutto e tristi sperimentano in Cina. Meritano di sapere cosa è successo ai bambini che hanno partorito e hanno dovuto abbandonare. Per gli stessi adottati, molti di loro stanno crescendo in paesi come America, Paesi Bassi, Australia, Canada e Regno Unito. Potrebbero essere felici e non avere alcun desiderio di trovare le loro famiglie. O potrebbero essere come Johanne Zhangjia adottata in Norvegia e uccisa dal fratellastro razzista. Alcune adozioni internazionali funzionano, altre no. Tra questi due estremi ci sono tutte le vie di mezzo. Questi sono individui reali, migliaia, ognuno con le proprie domande e pensieri. Tutti i cinesi adottati all'estero e le loro famiglie originarie meritano di conoscere la verità e di essere supportati per riconnettersi se mai lo desiderano.

Mi chiedo come la Cina stia implementando la sua nuova politica sui due figli. È così duro? Sono state apprese lezioni? I bambini rimasti vengono ancora abbandonati con la forza e dati in adozione internazionale? In che modo i governi ospitanti oi futuri genitori possono considerare etica questa offerta di bambini, in termini di standard dell'Aia per l'adozione?

Non ci sono ancora state troppe recensioni di Una nazione figlia documentario di adulti cinesi adottati perché la maggior parte è ancora impegnata a crescere e a trovare la propria voce. Uno dei pochi che ha iniziato a dar voce alle sue opinioni è André-Anne – sta facendo esattamente la stessa domanda che ho io, nel suo articolo.

*Aggiunto nell'agosto 2021 con i pensieri di Shelley Rottenberg sul documentario, con i ringraziamenti a Progetti CCI.

Quando il governo cinese riconoscerà le migliaia di adottati internazionali cinesi in tutto il mondo e fornirà loro i servizi di supporto post adozione tanto necessari? Per quanto tempo il governo potrà rimanere volontariamente escluso dalle proprie responsabilità nei confronti dei propri figli abbandonati con la forza?

Le immagini sopra dei bambini, secondo quanto riferito, "persi/abbandonati" sono un simbolo delle centinaia di migliaia di cinesi adottati all'estero che crescono in tutto il mondo, cresciuti con una mentalità democratica. Un giorno saranno una forza con cui fare i conti!

Spero che il governo cinese sarà pronto a rispondere alle loro domande e ad essere onesto su ciò che è successo che ha causato loro la perdita della loro identità, della loro cultura, della loro gente e delle loro case. Forse sperano che questi bambini rimarranno invisibili e tranquilli per sempre come lo sono le persone che vivono in Cina, ma il governo cinese non ha visto i modelli degli adottati internazionali in tutto il mondo. Noi adottati non sediamo tutti in silenzio e scompariamo. Molti di noi crescono ammucchiano e trovano le nostre voci. Attendo con ansia il giorno in cui sentiremo ad alta voce cosa pensano i cinesi adottati all'estero della politica del figlio unico e dei suoi impatti.

Italiano
%%piè di pagina%%