I governi finalmente riconoscono le pratiche di adozione internazionale illecite e illegali

Questo è uno scenario comune, non copre i bambini apertamente rubati dagli ospedali e molti altri modi

Sono un adottato e sono fiducioso

Sono molto emozionato e pieno di speranza dopo aver ascoltato il recente Belgio notizia, che il loro ministro ha annunciato la sua intenzione di chiedere al Parlamento di sospendere tutte le adozioni per i prossimi 2 anni a seguito della loro indagine sulle adozioni internazionali.

Circondato da incredibili leader adottati in tutto il mondo, so quanti sforzi sono stati fatti per ottenere i diritti degli adottati internazionali dove siamo oggi. Notizie come questa non risolvono in alcun modo o risolvono i problemi che affrontiamo, ma sono almeno l'inizio del riconoscimento dei torti commessi, con governi e autorità che si fanno avanti per affrontare la verità di cui abbiamo parlato per decenni. Il riconoscimento è il primo passo di molti!

Il Belgio non è il primo paese adottivo a farlo. I Paesi Bassi hanno annunciato la loro moratoria su tutte le adozioni internazionali all'inizio di quest'anno a febbraio e ha pubblicato il loro rapporto. La Svizzera ha annunciato la sua rapporto dall'indagine sulle pratiche passate relative alle adozioni dello Sri Lanka e sono esortati a fornire riparazione alle vittime. Anche la Svezia ha annunciato la sua intenzione di indagare loro adozioni internazionali illegali. E ieri il ministro belga ha annunciato che le sue raccomandazioni saranno esaminate dal Parlamento. Puoi leggere qui il rapporto completo del gruppo di esperti.

Ma per alcuni paesi abbiamo ancora del lavoro da fare

Sembra che finalmente alcuni governi stiano ascoltando la nostra esperienza vissuta e abbiano deciso di non chiudere più un occhio. Ma anche se questi 4 hanno ascoltato, voglio anche ricordarvi che c'è stato molto lavoro e anni di sforzi fatti in altri paesi che ancora non sono venuti al "tavolo di riconoscimento". In Francia, gli adottati hanno avuto un enorme sostegno nella loro petizione che il parlamento francese conduca un'indagine sulle loro storiche adozioni internazionali. In Danimarca, il adottati dal Cile hanno lavorato con il governo per indagare sulle loro adozioni.

Nel mio paese adottivo, l'Australia, ho parlato e sostenuto per molti anni il sostegno agli adottati e alle famiglie colpite e il riconoscimento degli abusi in Australia. In effetti, è già passato più di un decennio e ricordo che nei miei primi anni rappresentavo gli adottati al NICAAG dove Julia Rollings (mamma adottiva) e io abbiamo presentato questo problema all'inizio del 2008 e abbiamo chiesto che fosse affrontato il problema. Più recentemente, ho anche presentato un piccolo gruppo di 8 adottati colpiti per incontrare i nostri Autorità centrale, DSS nel 2017 chiedendo supporti molto specifici. Tuttavia, fino ad oggi, quegli adottati sono stati ancora ignorati e licenziati. Nonostante ci siano casi molto chiari di attività illegale in cui gli autori sono stati condannati e incarcerati (ad esempio, la coorte di Julie Chu nell'immagine qui sotto da Taiwan), non è stato offerto nulla agli adottati o alle loro famiglie per aiutarli ad affrontare le complessità extra del loro adozioni illegali. È come se questi adottati colpiti non esistessero e l'Australia spera che il problema svanisca mentre devono affrontare questioni molto più importanti, come il COVID-19 o le imminenti elezioni.

È tempo che le autorità di tutto il mondo si facciano avanti e si assumano la responsabilità dei processi e delle strutture che hanno distrutto le nostre vite attraverso l'adozione, nel bene e nel male. 

L'adozione internazionale ha seguito la strada dell'adozione nazionale

Nell'adozione internazionale, stiamo assistendo allo stesso schema in cui, paese dopo paese, i governi riconoscono gli errori nelle loro domestico adozioni. Il Canada apre la strada fornendo compensazione finanziaria alle loro vittime dello Scoop degli anni Sessanta. L'Australia ha già fornito a scuse formali per le donne e i bambini che sono stati colpiti durante l'era dell'adozione forzata, ma a cui non è ancora stata offerta alcuna forma di risarcimento. Anche l'Australia ha appena annunciato il loro compensazione per gli aborigeni indigeni che furono allontanati con la forza e collocati in famiglie bianche sotto la generazione rubata. È interessante che il governo australiano possa riconoscere queste pratiche passate ma non riconosca le somiglianze molto strette con le nostre storiche adozioni internazionali. L'Irlanda come governo ha riconosciuto solo quest'anno i torti e ha fornito a scuse formali alle madri e ai bambini che nelle Case dei Bambini hanno subito adozioni forzate. L'Irlanda è anche esitando a offrire un risarcimento.

E i nostri paesi di nascita?

Pochissimi dei nostri paesi di nascita coinvolti nelle nostre adozioni illecite e illegali hanno intrapreso alcuna azione. Guatemala, Etiopia e Russia sono i principali che mi vengono in mente in cui hanno interrotto tutte le adozioni internazionali a causa di irregolarità, ma anche loro non sono riusciti a fornire agli adottati colpiti servizi o risarcimenti per riconoscere i torti loro arrecati. Alcuni di loro hanno condannato i colpevoli, ma raramente la loro condanna corrisponde alla profondità del loro crimine.

Diamo una rapida panoramica di come gli autori sono stati condannati fino ad oggi:

Il più recente è il prima frase per il politico locale americano coinvolto con le donne dell'isola di Marshall che hanno ricevuto solo 6 anni di reclusione. Lauryn Galindo, leader del giro di adozioni cambogiano, è stata condannata a 18 mesi di carcere, il suo crimine era solo frode sui visti e riciclaggio di denaro. Il Gli autori della truffa dell'adozione samoana sono stati condannati a soli 5 anni di libertà vigilata, per favoreggiamento all'ingresso abusivo di uno straniero. Siamo ancora in attesa della sentenza del autori coinvolti negli schemi ugandesi e polacchi per aver organizzato adozioni attraverso corruzione e frode.

In Vietnam, il capobanda condannato a 4,5 anni per falsificazione di documenti. Taiwan condannato Julie Chu e le sue coorti all'ergastolo per aver ideato un sindacato di esportazione di bambini, ma se l'è cavata con leggerezza dopo aver fatto appello e ha scontato solo 6 anni. In Cina, i trafficanti di bambini che rapiscono e vendono bambini vengono giustiziati. Questa risposta rimane la più dura che abbia mai visto, ma l'ergastolo sembra ragionevole dato che le loro azioni hanno un impatto su di noi per tutta la vita.

Il fatto che la maggior parte degli autori di adozioni internazionali la faccia franca con condanne blande dimostra la mancanza di un quadro giuridico che ci protegga. E nonostante il fatto che pochissimi autori di adozioni internazionali vengano mai catturati, figuriamoci condannati, c'è ancora da chiedersi, dov'è il sostegno per le vittime?

L'americano Trust di restituzione degli adottati samoani è l'UNICO programma di giustizia riparativa in cui mi sono imbattuto, che istituisce un fondo fornito dai perpetratori per facilitare il collegamento con la famiglia di origine e il paese. Ma i fondi forniti sono stati estremamente limitanti considerando quante persone sono colpite e tra gli adottati colpiti, solo uno è stato autorizzato a tornare alla propria famiglia naturale. I governi hanno anche considerato se gli adottati internazionali desiderano essere rimpatriati nel loro paese di nascita?

Quale livello di responsabilità dovrebbero assumersi i governi?

Molti articoli sono stati scritti sui problemi dell'adozione internazionale attraverso le irregolarità nel processarci per l'adozione internazionale, ma la questione più critica a cui i governi devono rispondere è la nostra diritto all'identità.

Un recente rapporto (vedi Sezione 4) di Protezione dell'identità del bambino (CHIP), mette in evidenza il livello di responsabilità degli Stati dovrebbe giocare nell'aiutarci a trovare le nostre identità originali ea cercare un risarcimento.

“L'articolo 8 della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo (CRC) rileva che un bambino ha diritto all'identità, inclusi un nome, una nazionalità e relazioni familiari. Ogni volta che un bambino viene privato di uno di questi elementi, gli Stati hanno l'obbligo di ripristinare rapidamente l'identità del bambino. Al centro di ogni adozione internazionale (ICA) c'è la modifica dell'identità di un bambino data alla nascita”. - PATATA FRITTA

Vorrei chiedere a tutti i governi firmatari di Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo e il Convenzione dell'Aia sull'adozione internazionale, cosa stanno facendo per "ripristinare rapidamente la nostra identità originale”? Tutte queste indagini nei paesi europei sono una parte necessaria del processo per rivedere e approfondire ciò che è successo. Ma.. i provvedimenti presi per fermare le adozioni non forniscono alcuna dolcezza a noi vittime. Ci sono centinaia e migliaia di noi in tutto il mondo. Cosa vogliamo? Tutto quello che devi fare è leggere la nostra raccolta di risposte che ho distribuito a Gruppo di lavoro dell'Aia sulla prevenzione e il contrasto delle pratiche illecite in materia di adozione, poco più di 1 anno fa.

In sintesi, il nostro rapporto spiega cosa vuole la maggior parte di noi. Ognuno di noi ha presentato indipendentemente i propri pensieri senza sapere cosa stesse presentando l'altro. Ecco i primi 3 suggerimenti che abbiamo raccolto:

  • Una modifica alle leggi sull'adozione internazionale per garantire l'esistenza di un quadro giuridico per il quale le pratiche illecite possono essere perseguite. Attualmente non c'è nessuno.
  • Un organismo investigativo indipendente, quindi non ci aspettiamo che i governi e le autorità per le adozioni "indaghino" da soli. Attualmente è quello che succede.
  • Servizi di supporto interamente finanziati per le vittime. Attualmente ci sono enormi lacune nei supporti generali post-adozione per non parlare dei supporti specifici per essere trafficati. Nessun paese al mondo attualmente fornisce alcun tipo di supporto alla tratta per gli adottati o le loro famiglie, sia adottive che naturali, ma soprattutto per le famiglie naturali che raramente hanno voce nell'arena globale.

Osservo i Paesi Bassi che stanno ancora lavorando al loro Centro Nazionale di Competenza potrebbe includere servizi di supporto specifici per le vittime della tratta, così sembra anche dal Belgio rapporto stanno provando. Ma il supporto per le vittime della tratta deve essere completo, non solo un DNA o un servizio di consulenza generale. Nella nostra relazione, elenchiamo per intero ciò che questo supporto deve includere: assistenza legale; Consulenza; aiuto finanziario; gruppi di sostegno per esperienze vissute finanziate; ricerca della famiglia; Test del DNA e servizi di genealogia professionale; supporto di viaggio; lezioni di lingua; servizi di traduzione; servizi di mediazione; sostegno alla cultura e al patrimonio.

Perché l'adozione non può essere una storia da "vissero felici e contenti"?

La gente pensa erroneamente che gli adottati internazionali debbano essere infelici nella loro adozione per voler combattere per la giustizia. Non è vero.

Possiamo essere felici nella nostra vita adottiva e nel nostro paese, ma anche essere infelici con come le nostre adozioni sono state condotte e ci aspettiamo giustamente che tutto sia fatto per ripristinare le nostre identità originali e aiutarci a riconnetterci con le nostre famiglie naturali che ci hanno perso a causa dell'adozione internazionale.

Le nostre voci lottano da decenni per il nostro diritto alle origini, per fare ammenda della nostra identità perduta, per far riconoscere le adozioni internazionali illecite e illegali per quello che sono: la mercificazione dei bambini. Abbiamo bisogno che questo folle sistema si fermi, va avanti da troppo tempo. Non siamo un piccolo numero, le stime variano ma sicuramente siamo nel centinaia di migliaia globalmente e forse qualche milione.

È tempo per la verità e, si spera, a lungo termine, potremmo vedere una giustizia riparatrice e riparatrice per noi e le nostre famiglie. Nel frattempo, io e gli altri leader adottati continuiamo a lavorare sodo per le nostre comunità a livello globale! Avanti e in alto! Spero un giorno di poter scrivere della nostra storia del "vissero felici e contenti", una volta che avremo giustizia e riconoscimento per i torti commessi.

Altre risorse

Campagna di sensibilizzazione all'impatto (video) condotto da Adozioni critiche dall'Europa (CAFE), Belgio

Alla ricerca dell'umanità podcast Separati: l'etica dell'adozione

Patrick Noordoven: Adozione internazionale e diritto all'identità

David Smolin: Il caso della moratoria sulle adozioni internazionali

Per tradurre automaticamente una delle seguenti risorse, apri nel browser Google Chrome.

Olanda

Nessuna nuova adozione dall'estero per il momento
I Paesi Bassi bloccano tutte le adozioni all'estero con effetto immediato
Il ministro Dekker sospende l'adozione internazionale con effetto immediato
L'olandese blocca le adozioni internazionali dopo la scoperta degli abusi
Rapporto olandese (inglese)

Svizzera

Rapporto sulle adozioni internazionali (francese, tedesco, italiano)
Adozioni dallo Sri Lanka: il Consiglio federale si rammarica della negligenza delle autorità
Conferenza stampa del Ministro (Tedesco)
Comunicato stampa dell'organizzazione degli adottati dello Sri Lanka Ritorno alle origini (inglese) in francese
Bambini dello Sri Lanka rapiti adottati in Svizzera

Belgio

Wouter Beke sostiene una pausa per l'adozione generale, ma riceve immediatamente critiche
Il ministro Beke vuole l'interruzione dell'adozione per rivedere a fondo il settore
Il ministro Beke vuole una pausa per l'adozione generale a causa di "errori" e "malcostume": cosa sta succedendo?
Le Fiandre pianificano "almeno 2 anni di pausa" dalle adozioni internazionali
Il rapporto del gruppo di esperti è pronto
Rapporto finale del gruppo di esperti

2 Risponde a “Governments Finally Recognising Illicit and Illegal Intercountry Adoption Practices”

lascia un commento cancella risposta

Italiano
%%piè di pagina%%