Abby Forero-Hilty alla Commissione speciale dell'Aia

di Abby Forero Hilty, adopted from Colombia to the USA; Co-founder of Colombian Raíces; author of Decodificare le nostre origini
Speech for Day 3, Session 1: Introductory Post Adoption Matters Panel

Artwork by Renée S. Gutiérrez, co-author of Decoding Our Origins

Top 3 Areas of Concern based on the Post-Adoption Services Discussion Paper with excerpts in italics.

1. (2.4.2. Raising awareness of post-adoption services)

Points to Consider:

The best way to ensure that adopted people are receiving relevant, targeted, and high-quality post-adoption services is by having trauma- and adoption-informed adult intercountry adoptees working with the adoptee community to compile a list of such services. These adult adoptees would be PAID for their services. Intercountry adoptees, especially those who are trauma- and adoption-informed, are the only true experts in the needs of intercountry adoptees. Their expertise must be recognised, financially compensated, and required in the provision of any and all post-adoption services. We recognise the paucity in the number of trained, licensed, and qualified intercountry adoptee providers and therefore acknowledge that qualified non-intercountry adoptee providers can also be beneficial (with significant trauma- and adoption-informed training).

Recommendations:

  • All post-adoption services should be provided free of charge to the adopted person (and family of birth) throughout their lifetime, recognising that each adopted person is different and that some individuals may request/require support starting early in life, while others might only start on this journey decades after their adoption.
  • Adoptive families should be assigned a trained, trauma and adoption-informed intercountry adoptee who can serve as a single point of contact for the adopted person, to ensure they have confidential access to these services when they need them.
    – The State should ensure that the adopted person knows how to – and is able to – access this person
  • Access to full birth records and identifying information on the adopted person’s mother and father
    – Birth records must be easy and confidential for the adopted person to access at any point in their lifetime
  • Assistance in translating and understanding the birth records and other associated adoption paperwork (as each country is different, this must be country-specific assistance)
  • Preparation and education on race and racism (in cases of transracial adoption, the White adoptive parents cannot equitably provide the necessary social and cultural preparedness to adopted children of colour as they are not members of the adopted child’s racial and cultural community. White adoptive parents in White dominated spaces do not have lived experiences of being targets of micro-aggressions and racism.
  • Reculturation, or the process by which intercountry adoptees reclaim their original cultural heritage, should be supported through education and immersive experiences such as birth country trips to their country of origin.
  • DNA testing and databases are models of adoptee support in several countries with problematic adoption practices. DNA testing and country sponsored databases should be promoted, supported, and maintained at no cost to adoptees or first family members.
  • Citizenship (country of birth) re-acquisition support and processes should be offered to adoptees who desire to become dual or full citizens of their countries of birth.

Psychological, emotional, and mental health support via psychotherapy and counselling modality/modalities as chosen by the adopted person and offered by trauma and adoption-informed providers.

2. The right of the adoptee to obtain information about their origins is well established in international law, in particular in the United Nations Convention on the Rights of the Child (UNCRC, Arts 7 and 8) as well as in the 1993 Adoption Convention (Art. 30).

Questions:

  • How is the collection of true and accurate information on the identities of the natural mother and father ensured?
  • When and by whom is that information checked and confirmed in both the sending and receiving countries?
  • What procedure is in place to absolutely ensure that that information is preserved and can be given directly to the adopted person – without having to go through the adoptive parents?

Recommendations:

  • There should be no barriers in place (such as minimum age requirement, consent of birth and/or adoptive parents, etc.) in order for the adopted person to easily and confidentially access their own familial information.
    – Some central authorities require adoptees to provide a psychological referral and proof of ongoing counselling (presumably paid for by the adoptee) when the adoptee contacts the central authority for birth family information and search. This practice is unfair and must end.
  • The desire for confidentiality on the identity of the birth parents, either by the birth family or adoptive family, should never be a reason to deny the adopted person their identity. They have the right to their identity. That right should supersede any other party’s desire for secrecy. The secrecy in adoption must end.
  • Central Authority websites must have a clearly marked section for adoptees of all ages to access information on birth family search and reunion:
    – There must be a transparent and simple procedure for accessing this information that is clearly presented on the website;
    – This information must be presented not only in the language of the country of origin, which most transnational adoptees will not be able to read and understand, but also in a language the adoptees themselves can read and understand, e.g., English or German;
    – This information must be made accessible to adoptees with vision and/or hearing impairments
  • What is truly in the “best interest” of the adopted person must be prioritized.
    – Denying someone the truth of their identity is never in anyone’s best interest.

3. Regarding the professionals involved in the post-adoption services, some States arrange for the same professionals to prepare prospective adoptive parents (PAPs) and provide post-adoption services, 30 while in other States the professionals are different ones. 31 For other States, the professionals involved depend on the region and / or the case at hand

Questions:

  • What qualifications do “professionals” have?
  • Who determines who a “professional” is?
  • There is a major conflict of interest when the “professional” is “preparing” the Prospective Adoptive Parents AND providing post-adoption services to those displaced by adoption.
    – How can the “professional” who is responsible for facilitation adoptions also be providing adoptees with post-adoption services? There is substantial mistrust in the adoptee community of “adoption professionals” who facilitate adoptions – and rightfully so.

Recommendations:

  • In some instances, professionals who both facilitate adoptions and also provide post adoption services may be engaged in dual roles with adoptees and their adoptive families, creating an ethical dilemma. Hence post-adoption services should be provided by separate parties and entities than the adoption service providers.
  • Intercountry adoptees, who are often transracial as well, who have undergone training in the social service field and or are licensed mental health providers, are poised to be in the best position to lead and guide post-adoption services given their lived experiences and extensive training. Ideally, post adoption service providers will represent a broad array of birth/first countries to better serve adoptees from various sending countries.
  • Although we strongly recommend that qualified intercountry adoptees are at the frontlines of facilitating and providing direct post-adoption services, we recognise the need for quality post-adoption services exceeds the potential numbers of professionally trained intercountry adoptees available. Therefore, we would be supportive of non-intercountry adoptee post-adoption service providers if they are licensed mental health providers, have evidence of adoption-informed training to include significant education and understanding of culturally responsive strategies as they apply to intercountry adoptees.

Read our previous post: Adottivi presso la Commissione speciale dell'Aia

Dualità Adottate

di Abby Hilty, nato in Colombia adottato negli USA, attualmente residente in Canada.
Ha scritto e condiviso questo su di lei Facebook muro per Mese nazionale di sensibilizzazione sull'adozione.

Gli adottati sono costantemente alle prese con una vita piena di complesse dualità.

Sono figlia unica, ma ho almeno 4 fratelli.

Ho un certificato di nascita di 2 paesi diversi.

Ho dovuto perdere la mia famiglia per poterne creare un'altra.

Sono cresciuto in una famiglia della classe media, ma ho perso la mia famiglia originale perché sono nato in povertà.

Sono molto legato al nome Abby, ma so di aver preso il nome dall'antenato di qualcun altro.

A volte mi viene detto che assomiglio a mia madre, ma non condividiamo la stessa genetica, gruppo razziale o etnia.

Amo la mia famiglia adottiva, ma avevo bisogno di cercare la mia famiglia originale.

Mi ricongiungo con mi mamá, ma non siamo più legalmente imparentati.

Sono la figlia di mia madre, ma sono anche la figlia di mi mamá.

Ho amato e perso mio padre, ma non so chi sia mio padre.

Sono basso nel mio paese di destinazione, ma sono alto nel mio paese di origine.

Sono marrone, ma sono cresciuto con un candore interiorizzato.

Sono un immigrato nel mio paese di accoglienza, ma sono un gringa nella mia patria.

Vivo nell'emisfero nord da quando avevo 3 mesi, ma il mio corpo lotta ancora al freddo.

Parlo fluentemente l'inglese, ma il mio corpo risponde allo spagnolo in modo viscerale.

Ho sempre festeggiato il mio compleanno, la festa della mamma e la festa del papà, ma non sono mai stati giorni facili per me.

So quanto sia importante per gli adottati (transrazziali, internazionali) condividere le loro esperienze vissute, ma il costo emotivo è alto per ogni post NAAM, ogni panel, ogni intervista podcast, e soprattutto per ogni discussione in cui i miei compagni adottati o io personalmente ottenere respingimenti da persone non adottate che vogliono sfidare le nostre esperienze vissute.

E, credetemi, questo accade OGNI GIORNO in vari gruppi di adozione. Quindi, se una persona adottata che conosci e ami è lenta a rispondere ai tuoi messaggi o e-mail o se a volte sembra perdersi in un sogno ad occhi aperti o non presta attenzione, potrebbe essere solo perché molte delle nostre decisioni quotidiane devono essere attraversato da molteplici – e spesso in competizione – pensieri e persino sistemi familiari.

interrogare

Miss Chi-Cosa-Quando-Dove-Come-Perché-Guardaamacallit

Questo era uno dei soprannomi che mio padre mi chiamava quando ero un bambino. Come tutti i bambini, avevo una naturale curiosità per la vita. Ma come adottato transrazziale internazionale, era più di una semplice curiosità. Oltre a un'innata, umana spinta all'apprendimento, mettere in discussione tutto era diventata un'abitudine.

Quando un bambino nasce, riconosce immediatamente il viso della madre e il suo odore. Ma cosa succede se a un bambino viene negata sua madre?
Quando nasce un bambino, il corpo della madre è preparato e pronto a fornire al neonato latte ricco di sostanze nutritive e anticorpi. Ma cosa succede se a una neomamma viene negato il bambino?
Come può andare bene portare via un bambino da sua madre nel momento in cui è nato? È?
Come mai non possiamo adottare un gattino dal canile fino a quando non ha almeno 2-3 mesi?

Perché la scimmietta sceglie sempre di aggrapparsi al morbido pupazzo che sembra una scimmia invece di quello di filo metallico? E perché continuano a fare questo test alle scimmiette e alle madri? Non li rende tristi?

Da dove vengo DAVVERO? Perché non mi “sento” americano? Qual è la mia cultura?
Come posso definirmi colombiano o latina quando la mia padronanza verbale dello spagnolo non va oltre i tempi presenti e una discreta padronanza del vocabolario di base?
Cosa significa per me la nazionalità?
Come mi identifico?

Può essere etica qualsiasi adozione che comporti uno scambio di denaro?
Come può la società accettare la povertà come motivo per suggerire l'adozione come soluzione a una donna incinta in cerca di aiuto?

Come posso guarire dalle mie perdite e dai traumi?

Faccio troppe domande?
Cosa succede se "noi" come collettivo smettiamo di mettere in discussione le cose?
Cosa posso fare per restituire alla comunità degli adottati che mi hanno insegnato e sostenuto così tanto?

Alcuni anni fa, quando è emerso il tema del razzismo istituzionalizzato, una donna mi ha detto che non aveva bisogno di pensare o mettere in discussione lo status quo perché quelle sono questioni "che non hanno nulla a che fare con me". Mi ha inoltre consigliato: "Cerca di sorridere alla vita..." e
"... prendilo con leggerezza e risate", invece di fare domande difficili e parlare di un argomento così "doloroso".

Ora, chiunque mi conosca sa che amo ridere e vivere la vita facendo. Ma metto anche in dubbio quasi tutto, comprese le mie convinzioni. Non credo assolutamente che si escludano a vicenda aspettarsi che queste due cose vadano insieme: godersi la vita e ridere E mettere in discussione le cose, in particolare i sistemi che feriscono o svantaggiano le persone (spesso persone che sono già svantaggiate in qualche modo). Entrambi fanno molto per creare individui sani e, a loro volta, società sane.

Di Abby Hilty

Identità, smarrito e ritrovato

Non è stato fino ai 40 anni (sì, hai letto bene), che ho iniziato a fare amicizia con donne latine. Con questo intendo donne latine cresciute all'interno delle loro famiglie, lingua e cultura latine. Donne latine non adottate. 

Come mai? Perché mi ci è voluto così tanto tempo per essere in grado di stabilire connessioni con altre donne latine? Perché dal momento della mia adozione all'età di 2,5 mesi, la mia identità e il mio ambiente latina sono stati sostituiti da uno bianco, ebreo. Ora, non c'è niente di sbagliato nell'avere un'identità bianca ed ebraica, se sei bianco ed ebreo. Ma cosa succede se non lo sei?

Sono cresciuto con così tante persone e cose davvero meravigliose intorno a me. Ci sono stati sicuramente momenti difficili, ma c'era sempre amore, amicizia, famiglia, opportunità educative, vacanze, calore, cibo, riparo, ecc. Tutti sentimenti e cose che nessuno può o dovrebbe dare per scontato. 

Eppure, mancava ancora qualcosa. Non solo l'invenzione di mi mami in Colombia, ma me stesso. La mia identità di latina che ero nata per essere, grazie a tutto ciò che era accaduto nella vita dei miei antenati.

È follemente difficile dire queste cose, dire che mi sono fatto male anche se sono stato cresciuto da persone che mi amavano, che avevano le migliori intenzioni, ma che volevano che fossi - e a cui è stato erroneamente detto che potevo essere - il prodotto di i loro antenati e non i miei. 

Di nuovo, tutto riconduce ai punti di vista dannosi e maggioritari che hanno dominato il sistema di adozione dalla fine degli anni '50.
Dire ai genitori adottivi che non hanno bisogno di vedere il colore, che dovrebbero assimilare completamente il loro bambino transrazziale adottato nella loro famiglia, insieme al cambio di nome, nuova lingua, nuova religione, nuovo ambiente, è dire ai genitori adottivi di non vedere tutto del loro figlio adottivo. È così che veniva fatto nei primi giorni dell'adozione transrazziale internazionale e, purtroppo, gran parte di questo continua oggi anche se gli esperti - gli adottati che hanno vissuto questo imbiancamento - hanno iniziato a parlare di come l'impatto sia stato dannoso nonostante l'intento essere buono.

Non parlo per essere offensivo ma che, si spera, tutori, genitori adottivi e genitori adottivi di bambini di razza ed etnia diversa dalla loro possano capire e imparare a fare le cose in un modo che aiuti a crescere individui razzialmente a proprio agio e competenti.

Mi ci sono voluti decenni per iniziare ad abbattere il mio candore interiorizzato. Ed è un processo continuo. È iniziato con il recupero legale del mio cognome originale, Forero, circa 20 anni fa. Questo NON è stato fatto per negare o mancare di rispetto ai miei genitori (adottivi). Assolutamente no. È stato fatto per rispettare me stesso. Riconoscere che sono sempre stato qui, che sono sempre stato colombiano, che ho sempre fatto parte di un'altra famiglia oltre che della mia famiglia adottiva, e che ho sempre avuto valore così come ero e sono sempre stato. 

La mia pelle marrone chiaro non è mai stata bianca. E va bene. 
I miei occhi castano scuro non sono mai stati blu. E va bene.
Lo spagnolo ha riempito il mio cervello dall'interno dell'utero. E va bene.
I miei antenati non venivano dall'Europa dell'Est. E va bene. 
Ero razzialmente incompetente. E questo NON va bene.
Sono ancora sorpreso quando guardo le mie foto e vedo una donna latina indigena. E quella sorpresa NON va bene.

Riconoscere le differenze tra le persone non è problematico. Ciò che è problematico è discriminare le persone sulla base di differenze visibili e invisibili. Il problema è fingere di non vedere le persone completamente. Quando mettiamo i nostri paraocchi agli altri, li mettiamo anche a noi stessi. Ogni bambino, ogni donna, ogni uomo ha una storia che è portata nei loro geni. Nessuno è meno di chiunque altro. Tutti meritano di essere visti. 

Oggi dedico non mi muovo, da Des'ree ai miei compagni adottati transrazziali. Possiate tutti camminare con dignità e orgoglio.

(Originariamente pubblicato sul mio feed di Facebook durante NAAM2019)

"Il tempo è troppo breve per vivere la vita di qualcun altro."

Scavando nella sporcizia

#NotMyNAAM

Se vuoi che cresca un giardino, devi preparare il terreno e curare la terra. La rimozione delle erbacce è un lavoro essenziale di preparazione e manutenzione. Senza diserbo e fertilizzazione, i tuoi fiori e le tue verdure non possono crescere correttamente.

Se vuoi che una ferita guarisca, devi pulirla prima di cucirla o fasciarla. Se lasci detriti all'interno della ferita, diventerà dolorosa e infetta. E dovrà essere riaperto, pulito e ulteriormente trattato.

A volte, quando dico alle persone che frequento un gruppo di supporto per adottati e prime mamme, mi chiedono perché vorrei stare con persone che si siedono lì e parlano delle loro storie tristi. Non stiamo tutti solo rimuginando ed essendo noiosi? La mia risposta è un forte No. I momenti della mia vita in cui mi sono sentito il più basso sono stati i momenti in cui ero completamente solo nel mio trauma, prima di trovare un terapista competente per il trauma dell'adozione, prima di trovare un gruppo di supporto locale, prima di Internet e della creazione di gruppi FB, prima di diventare attivo nella comunità delle adozioni internazionali e transrazziali. Avere una comunità intorno a me di persone che condividono la stessa ferita primaria e che imparano e lavorano insieme per andare avanti in modo sano, è molto salutare, anche se può essere doloroso.

A rischio di sembrare un record rotto, i servizi post-adozione sono fondamentali per tutte le persone adottate. E sto parlando della fornitura GRATUITA di terapie basate sul trauma dell'adozione; gruppi di supporto locali gestiti da adottati; accesso a OBC e test del DNA; budget di viaggio stanziato per i viaggi di ritorno nel paese di origine; lezioni di lingua e servizi di traduzione per adottati internazionali. Senza servizi pre e post adozione adeguati, disponibili e competenti, ci aspettiamo che giardini rigogliosi crescano su terreni non preparati. Ci aspettiamo che le ferite guariscano senza prima aver contribuito a ripulirle, o peggio, senza nemmeno riconoscerle in primo luogo.

A tutti i miei compagni adottati che sono là fuori, si sporcano e si sporcano nelle trincee, strappando quelle erbacce e piantando nuovi semi, dedico Scavando nella terra, di Peter Gabriel.

Di Abby Hilty

Leadership nella comunità internazionale degli adottati

…La nostra capacità di distruggerci a vicenda è pari alla nostra capacità di guarirci a vicenda. Ripristinare le relazioni e la comunità è fondamentale per ripristinare il benessere... possiamo cambiare le condizioni sociali per creare ambienti in cui bambini e adulti possano sentirsi al sicuro e dove possano prosperare.
Van Der Kolk, B. (2014) Il corpo tiene il punteggio. Vichingo, New York

"Anche se potresti non avere rapporti diretti che lavorano sotto di te, sei TUTTO leader nei tuoi team di progetto", ci è stato detto di recente a un seminario di ricerca e costruzione dei punti di forza relativi al lavoro. Questo mi ha fatto pensare a come appare la leadership nella nostra comunità di adottati internazionali e transrazziali (ICA/TRA). Ogni giorno vedo colleghi ICA/TRA che lavorano per portare cambiamenti in aree come l'intersezionalità dell'adozione, del trauma, della razza e della perdita; conservazione della famiglia; riunificazione familiare; e raccogliere consapevolezza e persino fondi per servizi post-adozione permanenti per le persone adottate (così come altri nella costellazione dell'adozione). Se il tutto è veramente più grande della somma delle sue parti, allora la nostra comunità sarà meglio servita se possiamo collaborare gli uni con gli altri, come leader uniti. Pertanto, invito tutti gli ICA/TRA a porsi alcune domande fondamentali sulla leadership: cosa sono i leader? Chi stanno guidando? Stanno guidando o stanno servendo? Se stanno servendo, chi stanno servendo? In che modo i leader possono influenzare in assenza di un'autorità diretta?

Come persona adottata, i leader nella mia vita che hanno risuonato di più con me sono quelli che hanno ascoltato, convalidato, sentito tutti i "sentimenti" e che hanno lavorato diligentemente e delicatamente per aiutare gli altri a crescere e imparare, mettendoli sulla strada a diventare loro stessi leader un giorno. Credo che tutti noi siamo, o abbiamo il potenziale per essere, leader premurosi, di impatto e di servizio nelle nostre impostazioni familiari, professionali e comunitarie.

Il capo-servo è prima di tutto un servo. Comincia con la sensazione naturale che si vuole servire. Quindi la scelta consapevole porta ad aspirare a guidare. La prova migliore è: i serviti crescono come persone: essi, mentre vengono serviti, diventano più sani, più saggi, più liberi, più autonomi, più propensi a diventare essi stessi servi? E qual è l'effetto sui meno privilegiati della società; ne trarranno beneficio o, almeno, non saranno ulteriormente privati?
Greenleaf, RK (1977) Servant Leadership: un viaggio nella natura del potere e della grandezza legittimi. Paulist Press, New York

Il concetto di leadership del servitore, in cui l'obiettivo principale del leader è servire, è stato delineato per la prima volta da Robert K. Greenleaf. Sebbene uno sguardo approfondito alla leadership dei servitori sia al di fuori dello scopo di questo blog, spero che la breve citazione sopra parlerà a molti nella comunità ICA/TRA. Certamente mi parla come qualcuno che empatizza con coloro che sono danneggiati dal differenziale di potere inerente all'adozione moderna: donne e bambini vulnerabili.

Seguendo le orme delle precedenti generazioni di adottati vocali, come Betty Jean Lifton e Sherrie Eldridge, che sostenevano la riforma dell'adozione, alcuni membri della comunità ICA/TRA nati e adottati tra la fine degli anni '60 e l'inizio degli anni '90 hanno pubblicato libri , diventare terapisti del dolore e del trauma incentrati sugli adottati, creare gruppi di supporto locali e avviare programmi DNA per adottati e prime famiglie, tra gli altri progetti degni di nota. Tuttavia, a differenza dei nostri predecessori pionieristici, che erano quasi esclusivamente bianchi adottati domestici della stessa razza, siamo quelli che aprono la strada al pensiero critico sulle pratiche di adozione internazionale e transrazziale.

Inoltre, la nostra comunità si trova nella posizione davvero unica di essere la prima generazione di persone adulte internazionali e transrazziali che hanno avuto tempo per pensare e guarire E che sono connesse a livello globale, grazie a Internet, E che hanno accesso a test del DNA a prezzi accessibili E le cui voci iniziano ad essere ascoltate dagli organi di governo locali e internazionali. Negli ultimi anni abbiamo iniziato a sfruttare tutte queste risorse e opportunità e, così facendo, molti membri della comunità ICA/TRA stanno ora dedicando il loro tempo e le loro energie al servizio degli adottati e dei primi membri della famiglia. Che ce ne rendiamo conto o no, siamo già praticanti di leadership di servizio.

Il modello di business tradizionale della leadership riguardava l'aumento del potere e dei margini di profitto facendo in modo che le persone facessero ciò che desideravi esercitando la tua autorità. Questo modello non è solo in declino nel mondo degli affari, ma è del tutto inappropriato nella comunità ICA/TRA: non abbiamo né margini di profitto da aumentare né autorità da esercitare. Pertanto, una leadership efficace nella nostra comunità, vale a dire una leadership che educa, autorizza, supporta e influenza anche senza potere o autorità diretti, credo, troverà i suoi punti di forza nell'empatia, nei valori di verità e giustizia e nel desiderio e capacità di conoscenza- condividere che molti ICA/TRA hanno sviluppato come risultato delle loro esperienze vissute uniche.

Eravamo impotenti da neonati e bambini quando siamo stati rimossi dalle nostre famiglie e inviati in tutto il mondo per crescere in famiglie adottive, spesso senza alcun legame con il nostro sé originale o le nostre famiglie. Di conseguenza, molti di noi hanno lottato con la nostra identità e il senso di autostima. Abbiamo pagato un prezzo molto alto per qualcosa a cui non abbiamo mai dato il nostro consenso in primo luogo. Tuttavia, il rovescio della medaglia di tutto il dolore che molti ICA/TRA hanno sopportato durante la crescita, e spesso continuano a sopportare fino all'età adulta, è che spesso abbiamo conoscenze specialistiche acquisite solo attraverso l'esperienza vissuta. Molti di noi sentono anche un intenso desiderio di restituire alla nostra comunità condividendo quella conoscenza (tra loro, con i genitori adottivi e con i responsabili politici) per aiutare a garantire che le cose vengano fatte meglio per le generazioni attuali e future di famiglie vulnerabili e adottati le persone. Per me, questa è sicuramente una parte importante della leadership.

Infine, non è difficile vedere riflesse nella comunità ICA/TRA la maggior parte, se non tutte, le dieci caratteristiche di Larry C. Spears di leader efficaci e premurosi (Character and Servant Leadership: Ten Features of Effective, Caring Leaders. Journal of Virtues & Leadership, Vol. 1, Edizione 1, 2010, pagine 25-30):

Ascoltando
Empatia
Guarigione
Consapevolezza
Persuasione
Concettualizzazione
lungimiranza
amministrazione
Impegno per la crescita delle persone
Costruire comunità

Essere un membro di un gruppo di individui che mostrano tali caratteristiche è molto potente e davvero molto potente. Se la nostra comunità globale ICA/TRA può sfruttare i benefici della leadership dei servitori possedendo ed esercitando pienamente tutti i nostri punti di forza innati e quelle caratteristiche che abbiamo acquisito attraverso le nostre esperienze vissute, credo che non solo ci aiutiamo a guarire l'un l'altro, ma possiamo anche plasmare politiche governative a favore della conservazione della famiglia e del sostegno post-adozione. Mentre avanziamo come comunità e come leader nel campo dell'adozione internazionale e transrazziale, spero che continueremo a crescere, a imparare e a ritenerci reciprocamente responsabili come leader che servono con gentilezza e senza aspettative di gloria in cambio .

Italiano
%%piè di pagina%%