Nome

ti do un nome

ti chiamo mia mamma

Ti aspetti che ti raggiunga

Ti aspetti che chiami

Il titolo che ti do

È uno che non hai guadagnato?

Non mi hai partorito

Non eri il primo

Sono così arrabbiato con te

Non sono il tuo mini-me

Non sono il bambino che volevi

Ma faccio finta di essere

Il mio cuore infuria contro di te

Come un uragano contro gli alberi

Hai oltrepassato i miei confini

Tagliandomi in ginocchio

Mi hai abbandonato e

Oh come pungono le tue parole 

No, non sei mia madre

Sei la donna che mi ha cresciuto

Giochiamo a questo gioco

La mia mossa, poi la tua

Ping pong il nostro rapporto

Avanti e indietro, avanti e indietro

Sconosciuti, io e te

Conoscenti al meglio

Ma tu credi che siamo più vicini

Ogni conversazione come un test

Quindi balliamo con molta attenzione

Intorno agli elefanti nella stanza

Paura di toccarli

Paura che si muovano

Divento ansioso e nervoso

Ogni volta che ci incontriamo

La maschera che indosso intorno a te

Mi fa sentire sei piedi di profondità

Tu dici "ti amo"

Ma non sono sicuro che tu lo faccia

Alla domanda su cosa ami di me

Hai risposto "Beh, so che ti amo". 

Affogo nelle tue aspettative

Critichi ogni mia mossa

Dici: "Tieni a cuore la tua famiglia". 

Come se fosse qualcosa che devo dimostrare

Non sai chi sono adesso

Ed è come se fossimo estraniati

Perché più si parla di niente

Più vedo quanto sono cambiato

Non ti chiamo più mamma

Perché non ti comporti più così

Il nome che ti do è il tuo nome

Quello che ti è stato dato quando sei nato

 
Da anonimo

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%