Il discorso di SueYen

Primo raduno di adulti adottivi internazionali a Perth, nell'Australia occidentale

dicembre 2001

Ricordo che da bambino partecipavo alle cerimonie dell'ANZAC e del Giorno della Memoria. Credevo di avere una solida comprensione di coloro che conoscevo nella mia famiglia adottiva che avevano combattuto nelle grandi guerre come tutti i miei compagni di classe, e mi sentivo a mio agio nel rendere loro omaggio. Da adolescente ho cominciato a prendere coscienza dei miei più stretti legami personali con la guerra. I miei pensieri e le mie emozioni avrebbero iniziato a scontrarsi mentre cercavo di conciliare i problemi di vivere ora nel paese che aveva combattuto e/o affiancato la gente del mio paese natale. Il paese in cui ora vivevo e che riconoscevo come l'unico paese con cui mi identificavo veramente. Questa ovviamente era l'Australia. Avevo sempre sentito che il mio aspetto fisico offriva una visione ingannevole di ciò che sentivo nel mio cuore. Non potevo fare a meno di chiedermi se stavo partecipando a queste cerimonie in ricordo di quelle vittime che mi avevano dato la vita o di quei soldati che avevano combattuto per salvarmi. Per me da adulto queste domande sembrano un po' meno sconcertanti poiché sento di essere più sicuro di me come individuo e accetto che alcuni problemi non saranno mai completamente risolti. Come adottati una prima realtà è stata che dobbiamo imparare che non importa quante porte scegliamo di aprire nella vita, ce ne sono alcune che potrebbero rimanere chiuse, non importa quanto ci sforziamo o vorremmo che le cose fossero diverse.

Ho 27 anni, la guerra da cui provengo è cessata ufficialmente più di un quarto di secolo fa e quest'anno ha segnato il 25° anniversario della caduta di Saigon. Per alcune persone c'era motivo di festeggiare, per altri serve come tragico ricordo, per me, orfano di guerra dal 1974, ha suscitato le molte questioni inquiete e irrisolte che nutrivo sulla mia identità e sul mio rapporto con il mio paese natale. Anche se sono nato in Vietnam, sapevo molto poco del popolo vietnamita e della cultura. Durante la guerra sono diventato orfano e durante la guerra mi è stata data una possibilità privilegiata di vita che molti spesso sognano. L'ironia che questo rapporto di dolore e perdita contro gioia e speranza ha giocato nella mia vita, ha aperto le porte alla pazienza, alla tenacia e alla compassione. Ho imparato presto che a volte non bastava solo trovare il coraggio di aprire le porte nella vita, spesso ci sentiamo anche in dovere di attraversarle anche se non abbiamo garanzie se la strada davanti a noi sia chiara, fangosa, accidentata o inesistente.

Ci sono sempre nuove paure che affronto anche adesso a causa della mia storia spezzata. Ad esempio, non posso mai inoltrare una storia medica di famiglia ai medici. Da adolescente è stato divertente vedere lo sguardo stupito sui volti dei medici, ma da adulta, specialmente durante la gravidanza, ho sentito l'urgenza di queste domande senza risposta. Per me erano come i suoni di pugni che bussano all'interno di una di quelle porte chiuse. Come l'inspiegabile eruzione cutanea che ho avuto per tutta la vita, possiamo solo chiederci l'origine di questi disturbi insieme alle domande dei vietnamiti locali, dei veterani di guerra e dei loro familiari colpiti. Fortunatamente nostra figlia è bella e sana.

C'erano 16 bambini vietnamiti che sono stati approvati per il collocamento presso famiglie dell'Australia occidentale. Questi adottati divennero noti come parte di un gruppo globale chiamato Prima generazione di adottati vietnamiti. Questo gruppo ormai adulto è diventato un importante punto di feedback per un'ampia gamma di persone. Poiché le adozioni internazionali rimangono un'opzione per i bambini che affrontano un futuro tetro nel loro paese di nascita, la comunicazione con gli adulti adottati internazionali e le potenziali famiglie adottive sta diventando una parte importante del processo di adozione. Lentamente si stanno aprendo le porte nell'area degli studi sociali e psicologici sugli effetti a lungo termine delle adozioni internazionali, passando finalmente dai modelli teorici. Spero di poter affermare con sicurezza a nome di alcuni adulti adottati che, anche se comprendiamo il ruolo fondamentale che possiamo svolgere per essere in grado di assistere nella comprensione degli effetti dell'adozione internazionale. Non necessariamente rende più facile il compito di conciliare le questioni dell'adozione e della separazione dalla loro eredità di nascita. Dobbiamo cercare di ricordare che essere adottati non ci rende automaticamente esperti in questioni di adozione.

È estremamente difficile venire a patti con la sensazione che la tua vita di adottati sia costantemente sotto controllo. Non solo da coloro con cui ti associ direttamente, ma anche da quelli di altre aree come organizzazioni governative, agenzie private, assistenti sociali, psicologi fino allo sconosciuto che passa per strada. Ora capisco che, come in ogni relazione figlio-genitore, ci sono aspettative che vengono poste dai genitori e riposte sul bambino, questo è del tutto naturale. Che siano naturali, adottivi o adottivi. La mia preoccupazione risiede nel punto in cui la costante analisi critica che riceve un adottato, e comprendo perfettamente che questo possa derivare dalla naturale intenzione di amare e nutrire un bambino, prende una piega negativa. Ho scoperto che la mia esperienza di adolescente ribelle "adottato" era diversa da quella di adolescente ribelle "standard". Non solo stavo cercando l'espressione personale e le libertà individuali dai miei genitori adottivi, stavo anche cercando un posto dove cercare di risolvere le basi di chi ero. Nella mia ricerca ho scoperto di aver costruito nella mia vita una barriera negativa allarmantemente solida e sorprendentemente alta contro il mondo in una fase molto precoce della vita. Immagino che le basi di questi siano state gettate molto prima che fossi consapevole dei problemi che lo formavano. 

Ho avuto una grande famiglia adottiva e quindi è stata una sorpresa che avessi formato barriere così negative e distruttive. Credo che sia iniziato per me non appena ho capito di essere diverso. La barriera mi dava la solitudine dalla sensazione inquieta che non c'era posto dove ripararsi dagli sguardi scrutatori degli altri. Mi ha anche protetto dalla pressione in cui c'era l'aspettativa dagli altri che i miei risultati o aspirazioni personali sarebbero stati un riflesso diretto sulla mia capacità di essere grato o grato per essere stato adottato. Quello che credo mi abbia permesso di superare queste barriere personali è stata la costante rassicurazione da parte della mia famiglia adottiva che 'diverso' era buono e per la mia 'individualità' mi amavano di più. Sarà comunque sempre difficile esprimermi sul tema dell'adozione agli altri. C'è una linea sottile tra dire alle persone cosa vogliono sentire e raccontare qual è la realtà. Noi adottati saremo per sempre grati di aver avuto la possibilità di una vita diversa. Credo anche che la maggior parte delle persone sia intrinsecamente compassionevole per natura e abbia una comprensione di base di quanto sia preziosa la vita. Noi come adottati non siamo diversi. Eppure ci sono questioni e preoccupazioni che devono essere affrontate e discusse apertamente nelle varie fasi della vita degli adottati che possono portare a periodi di esclusione o inclusione. Questo non va mai confuso con la misura o la sincerità d'amore che l'adottato ha nei confronti della famiglia adottiva, poiché questo rapporto rientra nel merito dei suoi parametri. 

Come persone, siamo tutti di natura così diversa, tutti possediamo punti di forza in aree diverse, dobbiamo essere realistici nelle nostre aspettative come adottati e genitori adottivi e accettare che non possiamo essere tutto l'uno per l'altro. Entrare in contatto con gli altri, siano essi legami con la famiglia di nascita, la cultura della nascita o altri adottati, può solo ampliare le basi della vera felicità. Soprattutto, però, deve esserci una base di sicurezza e comprensione da cui l'adottato, da adulto, può quindi esplorare le proprie origini a qualunque capacità scelga. Non credo che come adottati ci aspettiamo di avere le risposte che ci vengono appena date, ma cerchiamo semplicemente l'opportunità di chiederglielo, o in alcuni casi di no, e di avere la possibilità di esplorare liberamente le ripercussioni nella nostra vita dei possibili esiti. Come ho accennato in precedenza, diventa importante per un adottato imparare ad accettare che alcune domande rimarranno un mistero e che questo non è affatto un riflesso della persona che è oggi.

Parlando con Graeme Edwards mi è apparso evidente che alcuni dei problemi che affliggevano gli adottati erano molto simili a quelli che i veterani di guerra spesso affrontavano in misura minore o maggiore. È stato stabilito un terreno comune su questioni di isolamento sociale e accettazione, comprensione dei problemi personali ed effetti psicologici. Penso che a un certo punto devi smettere di cercare qualcuno da incolpare e invece trovare quelli disposti a capire. È stato inestimabile ampliare la mia comprensione degli altri coinvolti nella guerra, siano essi soldati, operatori umanitari o individui che hanno fornito rifornimenti e supporto dall'estero. Vorrei solo conoscere le storie vere di coloro che erano coinvolti in quel momento. Quando non hai una storia personale della tua famiglia natale, queste storie diventano molto importanti per aiutare a stabilire una comprensione della tua identità. Non ci sono alberi genealogici, cugini o parenti a cui chiedere della tua vita prima dell'adozione. Una porta chiusa.

Sono giunto alla rivelazione che la mia storia riguarda il successo dello spirito umano. Quello della mia madre naturale; per avermi portato a termine, poi per avermi nutrito nella speranza affidandomi alle cure dell'orfanotrofio; quella delle badanti dell'orfanotrofio che hanno nutrito, pulito e hanno continuato a nutrire la speranza per il nostro futuro, combattendo instancabilmente con le finanze, la politica e il dibattito pubblico per garantire un futuro a quanti più bambini possibile; e coloro che hanno sostenuto il lavoro delle badanti in Vietnam con cibo, vestiti e medicine. C'erano migliaia di genitori in Australia che hanno chiesto l'adozione o l'affidamento di orfani vietnamiti durante la guerra. A molti è stata negata l'approvazione o semplicemente ma tragicamente il tempo è scaduto quando Saigon è caduta a nord. Queste persone devono anche essere ricordate insieme a quei genitori che sono riusciti ad adottare un bambino. Tutte queste persone sono state in qualche modo responsabili della nostra esistenza e sopravvivenza oggi.

Il ritorno in Vietnam per me è stato un passo nel processo di riconciliazione con se stessi. Per altri potrebbe non essere così. Dobbiamo stare molto attenti ad evitare le generalizzazioni come abbiamo fatto in passato con problemi di adozione poiché inevitabilmente causano più danni che benefici. Quello che credo che le persone nella mia situazione abbiano bisogno di sentire è che hanno il diritto di trovare il tempo, lo spazio, l'amore e il sostegno per se stessi per ascoltare il proprio cuore su come riconciliare quello che è essenzialmente un dilemma di identità.

Non si tratta solo di me in quanto sono solo una voce tra le tante. La mia speranza è che la mia storia incoraggi semplicemente gli altri a seguire qualsiasi percorso ritengano necessario per garantire la propria felicità. Allo stesso modo, spero di incoraggiare coloro che amano e si prendono cura di queste persone a continuare nel loro sostegno, comprensione e pazienza mentre imparano a trovare la propria strada.

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%