Integrazione delle parti in adozione

di Bina Mirjam de Boer, adottato dall'India ai Paesi Bassi, allenatore di adozione presso Bina Coaching. Bina ha scritto questo e lo ha condiviso originariamente su Bina Coaching.

“Un adolescente adottato una volta mi ha detto: “Sento che ci sono due me adolescenti. L'io che è nato ma non è vissuto. E il me che non sono nato, ma ho vissuto la vita che ho oggi". Senza capire stava esprimendo la scissione nel sé che tanti adottati fanno per sopravvivere...”. – Betty Jean Lifton, scrittrice, adottata e sostenitrice della riforma dell'adozione.

Molti adottati si rendono conto ad un certo punto della loro vita che chi sono nel presente non è la stessa persona che erano in passato. Spesso gli adottati non sono stati in grado di costruirsi un'identità o di continuare a vivere prima di essere separati.

A causa della rinuncia, la maggior parte degli adottati si divide in parti e vive in questo modo per sopravvivere. Per poterlo fare, si alienano dal loro sé originale e lasciano il loro corpo. Inoltre, la loro identità originale è stata persa o cancellata dall'adozione.

Questo fa sì che gli adottati provino una sensazione di vuoto intenso o addirittura un bisogno di morte. Si rendono conto che il sé originale che è nato non è vissuto e che l'attuale parte di sopravvivenza che non è nata, sta vivendo la loro vita. Sopravvivono invece di vivere.

Questa coscienza apre il processo di lutto che è sempre stato presente in loro ma che non ha mai avuto un posto.

Il dolore nascosto diventa liquido e guardando questa tristezza, finalmente rivela il sé originale.

Olandese originale

Veel geadopteerden worden zich open een gegeven moment in hun leven bewust dat wie ze in het heden zijn niet dezelfde persoon is anche degene die ze in het verleden waren. Vaak hebben geadopteerden geen identiteit op kunnen bouwen of kunnen doorleven voordat zij zijn afgestaan.

Door afstand zijn de meeste geadopteerden opgesplitst in delen en leven zij vanuit hun overlevingsdeel. Omdit te kunnen doen zijn ze vervreemd van hun oorspronkelijke zelf en hebben zij hun lichaam verlaten. Daarnaast è la porta d'adozione hun oorspronkelijke identiteit verloren gegaan di uitgewist.

Dit maakt dat geadopteerden een gevoel van intense leegte of zelfs een drang naar de dood ervaren. Zij worden zich bewust dat het oorspronkelijke zelf dat geboren is niet heeft geleefd en dat het huidige (overlevings) deel dat niet is geboren is hun leven left. Zij overleven in plaats van leven.

Dit bewustzijn brengt het rouwproces opgang dat altijd al in hun aanwezig was maar nooit een plek mocht hebben.

Het gestolde verdriet wordt vloeibaar en door dit verdriet aan te kijken wordt het oorspronkelijke zelf eindelijk zichtbaar.

Per leggere alcuni degli altri post di Bina:
Bilanciare amore e perdita
Dimentica il tuo passato
Immagina di perdere i tuoi genitori due volte

Recensione di Fare i conti con la ferita primordiale

Rebecca e Jill

Fare i conti con la ferita primordiale è un film condotto da adottati creato da Rebecca Autumn Sansom e sua madre naturale Jill. Insieme esplorano ciò che Ferita Primordiale è e come ha influenzato le loro vite.

Questo film parla davvero del viaggio di Rebecca per venire a patti con chi è; dare un senso all'essere adottati; comprendere il profondo dolore e la perdita che ha provato nella sua vita; esplorando come non sia solo il suo viaggio ma anche molti altri adottati; venire a patti con l'ascolto del viaggio della sua madre naturale e la comprensione che questa esperienza ha temi universali.

Penso che sia una fantastica esplorazione degli impatti profondi creati quando si separano una madre e un bambino; ascoltare e vedere l'esperienza vissuta da entrambi i lati: l'adottato e la sua madre naturale. È anche perspicace nel dimostrare la realtà comune di come i genitori adottivi facciano fatica a comprendere il significato e a venire a patti con il trauma da cui hanno costruito la loro famiglia. 

Spesso durante la riunione noi adottati siamo presi nel mezzo di problemi emotivi in competizione e a volte possiamo assumerci troppa responsabilità di tenere lo spazio per tutti. Personalmente ho sentito che il film di Rebecca è un modo così potente per mantenere lo spazio per se stessa e raccontare la sua storia, bravo!

Amo la gamma di esperti all'interno di questo documentario, in particolare tutta l'esperienza vissuta e il modo in cui i professionisti si intrecciano tra le storie personali. È così importante capire l'enorme rete di persone interconnesse in adozione, i ruoli che svolgono, come siamo tutti influenzati. È stato particolarmente toccante vedere il viaggio longitudinale di riconnessione facilitato dall'assistente sociale di Jill, a cui chiaramente importava molto.

Alla fine questo film mi ha colpito per la sua verità e convalida per tutti gli adottati che non possono semplicemente "andare avanti" e agire come se la separazione dalle nostre madri naturali non avesse alcun impatto su di noi. Nel complesso, il messaggio per me suona vero: che affinché avvenga una guarigione profonda nell'adozione, è necessario che ci sia un profondo calcolo degli impatti causati dalla separazione di una madre dal bambino e il riconoscimento che questi sono per tutta la vita.

Per saperne di più sul documentario, puoi visitare Rebecca's sito web.

ICAV è in esecuzione adottato eventi online questo settembre, dove gli adottati avranno accesso per vedere il documentario e successivamente partecipare a un gruppo online per una discussione post film.

Le origini contano

di Mimi Larose, adottato di origini haitiane cresciuto in Canada.

Hai adottato bambini haitiani? I miei genitori adottivi non mi hanno ancora parlato del terremoto che è appena successo. Nel 2010, quando si è verificato quel terremoto, mi hanno accusato di essere troppo emotivo per la devastazione e l'incredibile perdita di vite che ne è derivata.

Ogni volta che non dicono nulla o non sembrano preoccupati, il divario tra noi si approfondisce.

Genitori adottivi, dovreste controllare i vostri figli e concedere loro lo spazio per il lutto. Potrebbero pensare ai loro genitori, pensando di aver perso l'opportunità di incontrarli. Potrebbero soffrire in silenzio perché sentono che non ti importa quando rimani in silenzio.

Implicazioni dell'espansione della politica del figlio unico in Cina

di Hannah, adottato dalla Cina al Canada.

Provincia di Guizhou: "Gli esseri umani hanno una sola terra, dobbiamo controllare la crescita della popolazione!" (Adam Secolo)

Nato in Cina

Sono nato in Cina. Questo è tutto, fine della storia delle origini. Questo è tutto quello che so. Probabilmente sono nato nella provincia di Jiangsu, ma anche questo non è certo. La prima testimonianza nota della mia esistenza è una visita medica quando si stima che avessi 20 giorni. Molti dei miei amici sanno dove sono nati, in quale ospedale, in che giorno, alcuni sanno anche il tempo fino al secondo e quanto tempo ci è voluto. Non so niente di tutto questo. Sanno chi era presente al momento della loro nascita, quali membri della famiglia hanno incontrato per primi. Non so niente di tutto questo. La mia data di nascita legale è stimata da quando sono stato trovato, non ho un registro di nascita originale. Il mio nome mi è stato dato dai funzionari dell'orfanotrofio. Non so come mi chiamassi o se i miei genitori biologici si fossero presi la briga di darmi un nome. Il record di dove sono stato trovato e quando sono stato perso o dimenticato. Mia madre (adottiva) ha scritto in un album di ritagli in quale contea è stato detto che sono stato trovato. Non ci sono registrazioni, non ho un certificato di abbandono come fanno alcuni adottati cinesi e non ho un annuncio di ritrovamento registrato. Per molti intenti e scopi, la mia vita è iniziata quando sono stato adottato da una coppia canadese bianca quando avevo meno di un anno. Sono uno delle migliaia di bambini cinesi adottati da stranieri dopo che la Cina ha aperto le sue porte all'adozione internazionale nel 1991.

Come la maggior parte degli adottati cinesi, sono stato adottato all'ombra della politica del figlio unico, introdotta per la prima volta nel 1979. La politica del figlio unico (il nome non ufficiale per la politica di restrizione alle nascite) dettava che alle coppie fosse permesso avere un solo figlio. Ci sono state eccezioni per le famiglie rurali e le minoranze etniche, ma la politica è stata attuata e applicata in modo diseguale in tutto il paese, con diversi livelli di violenza. La preferenza culturale per i figli maschi è ben pubblicizzata e si ritiene che sia la ragione per cui la maggior parte delle adozioni cinesi nell'ambito della politica del figlio unico erano femmine. È ampiamente noto e accettato tra la comunità degli adottati cinesi, la maggior parte di noi nati femmine, che siamo stati abbandonati (o rubati) a causa del nostro sesso alla nascita.

Le modifiche alle restrizioni sulle nascite in Cina

Il 31 maggio 2021, ho controllato le notizie e ho visto un articolo CBC che ha detto che la Cina aveva allentato le sue restrizioni alla nascita e ora avrebbe permesso alle coppie di avere fino a tre figli, invece dei due precedenti, che sono stati implementati nel 2016. Ricordo di aver letto un articolo di notizie simile nel 2015 quando è stato annunciato che la Cina stava rilassando il La politica del figlio unico per la prima volta da decenni per consentire due figli per coppia. All'epoca, non ci pensavo molto, ero felice che le restrizioni fossero state allentate e triste che stessero ancora controllando i diritti riproduttivi. Eppure, questa mattina, quando ho visto la notizia, mi sono sentito molto più forte. Forse è perché durante la pandemia, ho fatto uno sforzo per connettermi alla comunità degli adottati, unendomi ai gruppi Facebook online, gestiti da adottati per adottati. Ho iniziato a provare a (ri)imparare il mandarino, che avevo dimenticato da tempo, nonostante avessi preso lezioni di mandarino quando ero piccola. Forse è a causa dei riflettori puntati sul razzismo anti-nero e anti-asiatico a causa delle molteplici uccisioni di polizia di alto profilo di persone di colore, l'aumento dei crimini di odio asiatici a causa della retorica razzista sull'origine della pandemia, che mi ha costretto per esaminare più da vicino la mia identità razziale e culturale come adottato canadese, transrazziale, cinese, internazionale. Ma forse più di tutto, è perché ho due sorelle, anch'esse adottate dalla Cina, cosa che fino ad ora non era consentita in Cina per la maggior parte delle famiglie.  

Emozioni confuse

Per molte ragioni, leggere l'articolo sulla nuova politica rilassata della Cina, mi ha dato molti altri sentimenti contrastanti. Ancora una volta, la felicità per una politica rilassata e la tristezza e la delusione per il continuo controllo dei corpi delle donne e dei diritti riproduttivi. Ma questa volta è arrivato con un altro sentimento: rabbia. Sono arrabbiato. Sembra uno schiaffo in faccia per tutti gli adottati cinesi e le loro famiglie biologiche che sono state (forzatamente) separate in base alla politica del figlio unico. Sembra che non sia stato per niente, anche più di prima. Qual è stato il motivo per cui i miei genitori biologici mi hanno abbandonato (se è quello che è successo) se avessero solo cambiato la politica in seguito? Che senso ha creare la politica quando il tasso di natalità era già in calo, come avviene quando le donne hanno un maggiore accesso all'istruzione, alla carriera e ai contraccettivi, e ora vogliono aumentare di nuovo il tasso di natalità? Qual è stato lo scopo di spogliarmi del mio nome, del mio compleanno, della mia cultura, quando la forza trainante del mio abbandono è stata (semi-)invertita? Se ora alle coppie cinesi è permesso avere tre figli (lo stesso numero di me e delle mie sorelle), allora qual era il senso della politica che ha spinto migliaia di bambini, per lo più ragazze, ad essere abbandonati, abortiti e trafficati?

Emozioni miste di KwangHo Shin

Ora la politica è stata cambiata e allora? Sono ancora un cinese adottato, vivo a migliaia di chilometri dal mio paese di nascita, senza un modo semplice per collegarmi a parenti di sangue viventi, a meno che non voglia tentare una ricerca. Sono ancora un cinese adottato che non conosce il mio nome di nascita, compleanno o luogo di nascita. Gli adottati sudcoreani hanno combattuto e hanno fatto pressioni con successo sul governo sudcoreano per il riconoscimento e le riparazioni (limitate). Gli è stato dato un modo per recuperare la cittadinanza sudcoreana e ora possono richiedere il visto F-4 (patrimonio coreano). Durante la pandemia, il governo sudcoreano ha inviato mascherine gratuite agli adottati coreani. La Cina non riconosce la doppia cittadinanza, né fornisce agli adottati un visto speciale che consentirebbe loro un modo più semplice per tornare nel loro paese di nascita. La Cina non riconosce gli adottati internazionali o come le migliaia di bambini adottati a livello internazionale siano state conseguenze dirette della politica del figlio unico. La politica è stata allentata e ora le coppie cinesi possono avere fino a tre figli, come la mia famiglia in Canada. La politica che probabilmente ha guidato la mia adozione è stata allentata, eppure nulla è cambiato per me, e il governo cinese va avanti.

Cosa succede se?

Non mi piace pensare a cosa-se e cosa-potrebbe essere. Non mi piace immaginare come sarebbe potuta essere la mia vita se non fossi mai stata abbandonata (o rubata), se non fossi mai stata adottata, se invece fossi stata adottata da una coppia cinese ecc. Ma questo recente annuncio mi ha costretto a pensare al cosa-se. Nello specifico, "E se la mia famiglia naturale fosse stata in grado di tenermi perché non era limitata dalla politica del figlio unico?" Sono felice e soddisfatto della mia vita attuale. Nonostante i singhiozzi occasionali, le micro aggressioni razziste e le lotte per l'identità, non cambierei nulla. Ciò non significa che non posso e non piangerò la vita che mi è stata tolta a causa della politica del figlio unico. Mi dispiace di non sapere come mi hanno chiamato i miei genitori biologici (se lo hanno fatto). Mi dispiace di non conoscere la data, l'ora e il luogo in cui sono nato. Mi dispiace di non sapere, e forse non lo saprò mai, se assomiglio a qualcuno dei miei parenti biologici. Mi dispiace che probabilmente non conoscerò mai la storia completa dietro la mia adozione. Mi dispiace che come canadese, non mi sentirò mai completamente a mio agio in Cina e che come cinese adottato, non sarò mai visto come completamente canadese. E sono arrabbiato perché il governo cinese può cambiare la politica del figlio unico e andare avanti, mentre io e migliaia di altri ne sopporteremo le conseguenze per il resto delle nostre vite.

Il dolore sopportabile di essere adottati

di Kara Bos, nato in Corea del Sud e adottato negli Stati Uniti. Kara è diventata la prima adottata internazionale coreana a combattere legalmente e ad ottenere i diritti di paternità per suo padre coreano.

Quasi un anno fa è stato confermato che ? era mio padre. È la prima volta che condivido pubblicamente il nome di mio padre.

Mentre cammino sotto questi bellissimi fiori di ciliegio e apprezzo la loro bellezza, il mio cuore continua a tentare di riparare dopo essere stato frantumato in un milione di pezzi nel corso di un anno. La conferma nel DNA nel sapere chi era mio padre, ha portato un senso di vittoria quando ero costantemente di fronte all'incertezza e mi dicevano che mi sbagliavo. La continua mancanza di comunicazione, il trattamento disumano e il non permettermi di incontrare mio padre dalla sua famiglia mi hanno spinto a reagire e a rivendicare la mia identità.

Il 12 giugno 2020 ha segnato la data in cui sono stato riconosciuto dalla legge coreana che ? era mio padre, e sono stato aggiunto nel suo registro di famiglia come ?, che avrebbe dovuto essere fatto nel 1981, quando sono nato. Anche questa è stata una vittoria nel rivendicare ciò che era perduto, la giustizia rettificata. Non ero più un orfano, con genitori sconosciuti e nessuna identità. Tuttavia, il mio unico incontro sarà per sempre inciso nella mia memoria e nel mio cuore come un film dell'orrore. Uno pieno di rammarico e cosa succede se... come ho scoperto in seguito, da agosto è stato portato in ospedale e vi è rimasto fino alla sua morte, avvenuta il 3 dicembre 2020 (86 anni).

Se non avessi fatto causa a novembre 2019, ad aprile 2020 non avrei saputo che era mio padre, non l'avrei mai incontrato e non saprei ora che è morto.

Anche se questo cuore spezzato è stato immenso, almeno lo so... è questo che significa essere adottati.

#adoptee #coreanadoptee #reclaimedidentity #origin

Leggi l'altro post di Kara: La brutale agonia della calma dopo la tempesta.

Il dolore per la madre dura per sempre

di Melanie Kleintz adottato dal Perù in Germania.

Tra il 24 dicembre 2020 e il 1 gennaio 2021, un totale di 6 adottati dall'Europa si sono tolti la vita, a Settimana nera in Europa per gli adottati. Il numero di casi non denunciati è decisamente più alto. Tutti non riuscivano a chiarire le loro origini, il loro dolore era troppo forte e non trovavano altro modo per rendere sopportabile il dolore.

È così infinitamente triste, doloroso e insopportabile sentirne parlare. Lavoro con genitori adottivi e futuri genitori adottivi da 10 anni e ho tenuto conferenze sull'argomento. Evito anche abbastanza felicemente l'argomento di quanto gli adottati siano vicini alla morte, anche se ne so meglio.

Quante volte negli ultimi anni ho sentito dire che gli adottati dovrebbero essere contenti di essere stati salvati. Negli ultimi mesi una bambina mi ha fatto capire quanto sia importante lavorare con gli adottati, i bambini in affido e il sistema che li circonda. All'esterno tutto sembra così semplice. Il bambino ha nuovi genitori e “è buono“.

Il dolore dei bambini non è permesso dal mondo esterno per tutta la vita. Il dolore per la loro prima “madre” dura tutta la vita. I bambini che conoscono la loro nuova mamma non possono capire il loro dolore. Ieri mio figlio l'ha spiegato bene. Questi bambini hanno un “vuoto nel cuore e anche se ridono, sono sempre tristi”.

C'è ancora molto lavoro educativo da fare con gli adottati traumatizzati e i bambini in affido. Il lavoro di prevenzione e i servizi post adozione sono per me le caratteristiche più importanti!

Se avessi un desiderio, vorrei che ogni adottato potesse chiarire le proprie origini e che nessun ostacolo fosse posto sulla loro strada. I documenti per l'adozione sarebbero stati completi e i genitori adottivi avrebbero sempre offerto supporto in tutto.

Sono così infinitamente triste che questi 6 non abbiano trovato altra via d'uscita e spero solo che gli adottati, i genitori adottivi o altre persone vicine agli adottati, cerchino aiuto e sostegno in una fase iniziale.

Noi adottati possiamo sostenere questo problema all'interno dei nostri gruppi. Il “più caro” della vita ci è stato tolto e chi non capisce quanto ci manca la nostra prima madre, ha bisogno di capire un po' di più il desiderio di chi è stato adottato.

Non possiamo impedire agli adottati di prendere le loro decisioni. L'hanno pianificato. È stata una loro decisione, con la speranza che la loro situazione fosse tollerabile.

Conosco un tedesco adottato che si è tolto la vita a Natale qualche anno fa. Ci è stato detto che è morto e non importa dove è stato detto, tutti i suoi coetanei sapevano che si era suicidato. Tutti sapevano della sua situazione ma nessuno poteva aiutarlo perché non sapevano come.

Sono così orgoglioso dei membri dei miei gruppi. Ci scambiamo idee, impariamo a parlare della propria adozione e ci sosteniamo a vicenda. Negli ultimi mesi del 2020, ho sentito davvero una bella unione nel gruppo. Sensibile e attento! Gli incontri online sono andati allo stesso modo. Vorrei mantenerlo e mantenerlo.

Cari amici adottati, siete persone forti e coraggiose. Non vedo l'ora che arrivi il prossimo incontro che potremo trascorrere insieme.

Lettera al presidente Moon

di Michelle YK Piper adottato dalla Corea del Sud in Australia.

Presidente Luna,

Per te, potrei essere solo una statistica.

Un numero.

Nome: 86c-1335.

Nato: "bastardo"

Abbandonato da: Bio Madre

Queste sono le parole inchiostrate nelle fragili pagine che “catalogano” la mia nascita, 4 mesi e mezzo prima di essere separato da mia madre, esiliato dalla mia madrepatria, venduto e mandato oltremare attraverso il processo di "adozione".

Per 34 anni ho portato il peso della vergogna e dell'umiliazione per decisioni sulle quali non avevo alcun controllo o voce.

Per 34 anni, la società e il mondo in generale si aspettavano da me che fossi "grato" per essere adottato; per non essere "abortito" o lasciati a languire nella povertà, allevati da una madre single e ostracizzati da una società che non accetta un'esistenza così disonorevole e vergognosa.

Dovrebbe essere "grato" essere stato "scelto" per andare a "meglio vita".

Dimmi, presidente Moon, quanti adottati coreani sono andati in realtà a "vita migliore", sai?

Quanti di noi sono stati controllati o seguiti negli anni dopo la nostra adozione?

Qualunque..?

Hai QUALUNQUE conoscenza o comprensione della sofferenza e del trauma a cui molti dei bambini della tua nazione sono stati esposti dopo aver vissuto una vita "migliore"?

Sei consapevole del fatto che siamo 4 volte più a rischio di suicidio rispetto alla persona media, solo a causa del trauma della rinuncia? Sapete quanti adottati da allora hanno perso la vita per suicidio?

Se la nostra stessa gente, le persone che governano la nostra nazione, continuano a dipingerci come prodotti usa e getta, per l'esportazione, come pensi che il resto del mondo ci percepisca? Per valorizzarci?

Per sapere chi siamo e da dove veniamo, per essere trattati con il STESSO decenza e rispetto come qualsiasi altro essere, per NOSTRO vive per contare, per importare, per essere valutato per qualcosa di più del semplice prezzo corrente del miglior offerente; puoi onestamente sostenere che questa sia una richiesta così immensa o irragionevole?

Perché noi adottati continuiamo a pagare il prezzo degli errori e dei fallimenti delle élite che hanno governato le generazioni prima di noi?

Perché i bambini delle nostre nazioni continuano a pagare il prezzo di un sistema profondamente imperfetto e fallito? Un sistema messo in atto per “proteggere” e “curare”, per salvaguardare i più vulnerabili e indifesi della società, per proteggere chi non è in grado di difendersi o di far conoscere la propria sofferenza.

Un sistema che ha catastroficamente mancato di adempiere al suo dovere di diligenza più e più volte, un sistema che catastroficamente NON RIUSCITO nel suo dovere di proteggere Jeong-In di 16 mesi.

Il mio status in Corea di bambino nato fuori dal matrimonio da una madre single senza il consenso o l'approvazione degli anziani della nostra famiglia, senza l'approvazione della società, significava che dal giorno in cui sono nato, la mia vita non aveva più valore per la nostra nazione ma per il profitto monetario che si potrebbe ricavare dall'operazione di vendita della mia adozione.

Per te, io sono una statistica senza volto.

Solo un altro numero su un pezzo di carta; un'immissione di dati nel sistema governativo, un facile creatore di denaro utilizzato dalla Corea nella sua determinazione di elevarsi alla potenza economica avanzata che è oggi.

Per te, sono un niente, un nessuno, un ripugnante sottoprodotto del più alto tradimento a una nazione le cui strutture sociali, politiche e legali continuano ad essere governate dai principi del confucianesimo.

Per te, potrei essere solo un numero, ma sono uno che rappresenta oltre 200.000 dei tuoi figli sfollati in tutto il mondo.

Sigilli i nostri registri, ci neghi le basi dei diritti umani.

Hai cercato di tenerci senza volto, di impedire che le nostre voci venissero ascoltate.

Hai guardato con reticenza come siamo stati venduti, trafficati, maltrattati e assassinati.

Hai seppellito le nostre verità e messo a tacere le nostre voci.

Ha tentato di censurare la conoscenza e la prova della nostra esistenza con la stessa facilità con cui sei riuscito a cancellare il nostro passato.

Cerchi di placarci con parole vuote e scuse generali, eppure più e più volte la Corea ha CHIARAMENTE ha stabilito quanto poco valore dia veramente al benessere e alla vita dei suoi figli.

Non solo attraverso le decine di migliaia di adottati sparsi in tutto il mondo, ma attraverso il 250 studenti ha lasciato morire a bordo del Sewol Ferry che affonda.

250 bambini chi Potevo sono stati salvati, non lo erano.

Per il modo in cui obbedienza e perfezione sono PREVISTO e RICHIESTO di ogni bambino; accademicamente, socialmente, anche fisicamente, spingendo i tassi di suicidio coreani in alcuni dei più alti al mondo e la principale causa di morte a livello nazionale da secoli 9-24 anni

Questi sono i TUOI bambini!!!

Il futuro della nostra nazione!

Se deve avere un futuro.

Sembra che tu mostri poco o nessun riguardo per la vita dei giovani, eppure i tassi di mortalità ora superano i tassi di natalità, lasciando la domanda per quanto tempo resisterà la nostra gente?

Quanto tempo manca alla nostra gara?

L'immagine della Corea, proiettata con tanta cura sulla scena mondiale, non è altro che una farsa.

Una nazione consumata dall'orgoglio, dall'avidità e dall'ambizione che si crogiola nei suoi progressi tecnologici ed economici, mentre continua la sua lunga e profonda storia di abuso dei diritti umani. Godersi il fenomeno globale del K-pop, dei K-drama e della chirurgia plastica impeccabile che trasforma i cittadini in bambole anime realistiche, il che non equivale a nient'altro che distrazioni plastiche, carine, luccicanti e superficiali; cerotti realizzati per tagli minori, ma con cui la Corea usa nel tentativo di nascondere le ferite estese, critiche e ineffabili appena "nascoste" sotto la superficie.

Rimodellare deliberatamente l'immagine della Corea per la realizzazione e la pacificazione per l'arena globale pur rimanendo saldi e fedeli a un sistema fondamentalmente imperfetto, corrotto e rotto che continua a estorcere e trarre profitto dalla separazione, dalla sofferenza e dall'abuso della sua gente rende coloro che governano il sud niente di meglio della dittatura tirannica che opprime il nostro popolo nel nord.

Per te, potremmo essere solo statistiche.

Ma non siamo più senza voce, e non saremo più messi a tacere!

Noi siamo oltre 200.000 forti, ognuno con un volto, un nome e una storia.

Avevamo madri e padri, fratelli e sorelle, nonni, zie, zii e cugini.

Non importa quanto tu possa provare a disumanizzarci, te lo posso promettere, in questo tu non deve avere successo.

Non sarò più messo a tacere. Non rimarrò più senza volto, perché NON sono una cosa.

Sono nato a Haeundae, Busan.

Figlia di- Kim, Yeo Kyeong (madre) e Jang, Hyeon Soo (padre).

Ho subito razzismo, abusi sessuali su minori e stupro in due diverse occasioni nella mia vita "migliore" finora.

Ho combattuto con un disturbo alimentare per 21 anni, ho fatto innumerevoli tentativi di porre fine alla mia vita, da cui sono stato riportato indietro.

Le mie braccia porteranno per sempre le cicatrici permanenti, grottesche e sfiguranti da cui il sangue della mia vita è così spesso liberamente fluito, solo per essere sostituito, di volta in volta, nei disperati tentativi di salvare una vita che ai tuoi occhi sembra poco o niente valore e non vale assolutamente la pena di essere risparmiato.

Dimmi presidente Moon, cosa farai quando non ci sarà più una popolazione per sostenere la nostra razza?

Quando voi e le persone che continuano a governare la nostra nazione ammetterete la vostra colpevolezza, vi assumerete la responsabilità del loro dovere di salvaguardare il nostro popolo, di proteggere i vulnerabili e i senza voce?

Per proteggere, proteggere e preservare il futuro della nostra nazione e il futuro dei suoi figli.

NON siamo oggetti!

NON siamo irrilevanti!

NOI siamo i TUOI figli!!!

NON SIAMO MERCE!!!

NON siamo un prodotto da etichettare e confezionare per la vendita!

NON siamo beni sostituibili, scambiabili e rimborsabili per l'esportazione, non importa quanto tu abbia cercato di disumanizzarci.

Presidente Moon, NON siamo COSE!!!

Cosa ci vorrebbe per scegliere di farmi da genitore?

di Cam Lee Piccolo, adottato dalla Corea del Sud negli Stati Uniti, terapista presso TerapiaRiscattato.

Non tutti i bambini possono fare questa domanda prima di diventare adottati. E non tutte le future mamme hanno la possibilità di rispondere.

So che ci sono così tanti tipi di circostanze rappresentate nella nostra comunità, anche mentre stai leggendo questo e mentre contribuisci a questa comunità di adozione molto speciale a cui apparteniamo.

Questa domanda è sorta per me mentre mi chiedevo di mia madre di recente, ed è stata portata ulteriormente in superficie mentre guardavo alcuni clip da Il bambino del karate.

Gli adottanti sperimentano una perdita di scelta e di voce quando si tratta di una tale decisione, di fare da genitore al bambino o di rinunciare all'adozione... e TROPPI adottanti respingono i sentimenti dei loro figli a riguardo. Troppi.

Permettere. Figli. addolorarsi.

Non dire agli adottati che stanno facendo un grosso problema con una cosa così piccola. Chiedi perché le agenzie di adozione e i mediatori di potere all'interno di quelle istituzioni hanno fatto una tale fortuna interrompendo queste sacre relazioni.

Per favore lasciaci addolorarlo. E permettici di chiederci: "E se?" Anche se la risposta è irrisolvibile, quel qualcuno è qui per ascoltarla con noi, per riconoscerne il peso.

Perché di certo non dovevamo portarlo da soli. Possa il nostro messaggio reciproco essere: "Non devi".

#adoption #adoptionstory #adoptionjourney #adoptivefamily #trauma #traumarecovery #traumainformed #traumatherapy #transracialadoption #transracial #koreanadoptee #koreanadoptees #internationaladoption #adoptionblog #identity #resilience #adopteevoices #adopteerights #therapeutic #counselingpsychology #mentalhealthawareness #adoptionawareness #therapyredeemed

Verità profonde

di Anonimo, un seguito di Il mio punto di svolta.

Nota: l'ICAV non tollera l'uso di sostanze illegali. Questo post è condiviso nello spirito di evidenziare come ognuno trova percorsi diversi per la guarigione e le profondità del trauma nell'abbandono.

Annotare i miei pensieri immediati dopo quella prima esperienza con la psilocibina era puramente quello di aderire allo stesso processo sviluppato per gli studi clinici alla John Hopkins. Ci sono state davvero cose che ho vissuto durante quel viaggio che sono state rivelatrici e articolare quelle esperienze sulla carta è stata una parte importante del processo di integrazione.

Immagino che fossero la proverbiale pala che ha portato alla luce alcune verità profonde che, se non le avessi scritte, avrebbero facilmente perso la loro profondità nel tempo. A quel tempo, anche se non c'era alcuna intenzione che altri leggessero della mia esperienza psichedelica, anche se capisco che potrebbe essere utile per altri che esplorano opzioni di trattamento per situazioni simili, quindi scrivo questi pensieri aggiuntivi tenendo presente che anche altri potrebbero leggere questo.

Il periodo di mesi successivo al primo viaggio era di immenso contrasto con la vita prima di quel giorno. Ma come sono passati alcuni anni, posso vedere che il livello di contrasto era relativo a quel particolare momento.

Il mio primo viaggio ha rivelato il dolore, il dolore causato dalla separazione, e come il peso di quel dolore abbia creato la propria risacca di sofferenza per decenni. Guardando indietro negli anni e attraverso la discussione con i professionisti della salute, posso vedere modelli di pensiero, comportamenti e sentimenti che risalgono fino alla mia adolescenza che mostrano segni di depressione, stress post trauma, solitudine e dolore.

Avere queste cose rivelate a me, è stato il primo angolo girato che mi ha dato un po' di chiarezza sui miei "problemi". Quando giri per la prima volta un angolo, è quando il contrasto è così evidente perché è ancora dietro di te mentre la nuova linea di vista rivela una prospettiva diversa. C'è un certo sollievo nel vedere per la prima volta un punto di vista diverso.

Non mi illudevo che un viaggio con i funghi fosse l'unico proiettile d'argento di cui avevo bisogno. Come professionista della salute da molti anni, non avevo aspettative che ulteriori progressi sarebbero stati coerenti e lineari, nonostante questo inizio apparentemente epocale. Ho cercato di applicare un po' di fiducia nel processo di guarigione, e speravo che questo angolo girato fosse il primo passo in quel processo. Sapevo che dovevo essere paziente. Sapevo di non avere altra scelta che essere paziente, ma la scelta di provare speranza per la prima volta sembrava qualcosa su cui in realtà avevo un po' di controllo per la prima volta.

Di grande aiuto in questo processo è stato condividere questa prima esperienza con amici e familiari selezionati che hanno mostrato curiosità, cura e sostegno. Decenni di relazioni con queste persone, osservando l'evoluzione della mia vita e i suoi difetti, sono stati l'esposizione perfetta che ha permesso loro di comprendere il significato di un'esperienza e dei proclami di morte dell'ego psichedelico.

Tuttavia, in contrasto con questo era mia madre adottiva. Dopo aver subito la perdita del marito di cinquant'anni per Alzheimer pochi anni prima, e ancora quella che sembrava vivere una vita di lutto, ero ancora estremamente delusa e ferita dalla sua mancanza di curiosità, apertura mentale e simpatia. Forse le mie aspettative erano troppo ottimistiche per una vedova in lutto, fondamentalista cristiano per tutta la vita ed esperto conservatore anti-droga. Molti tentativi di conversazione per essere aperti e condividere me stesso con lei sulla mia salute mentale e sull'efficacia degli psichedelici generalmente hanno portato al silenzio o a un'osservazione superficiale e benevola come: "Beh, purché ti abbia aiutato e ti senti meglio ora". Inquadratura così banale. Avrebbe potuto benissimo essere un'osservazione in relazione all'avere mal di testa e all'assunzione di Panadol.

Questo mi ha fatto capire alcune dure verità su di lei. Sì, ho tutti i ringraziamenti e la gratitudine per la vita che mi ha dato. Ma ora non ha più niente da darmi, sia per limitate capacità emotive e mentali, virtù religiose, o semplice mancanza di obblighi. Devo accettarlo. Mi dice che mi ama come suo figlio. Ma sembra un amore sentimentale per qualcuno che non esiste più. Era comunque una persona fittizia. Non mi aveva mai conosciuto davvero tutti quegli anni prima. Ora non mi conoscerà mai, dannazione. Potrebbe ancora amarmi a modo suo, ma non l'amore che hai con qualcuno che deriva dalla condivisione di uno dei percorsi della vita insieme in cui discuterete e litigare, ridere e piangere, o vi perderete l'un l'altro. Io e mia madre non condividiamo più nessun percorso. Sembra davvero un rifiuto. Un secondo rifiuto da parte della seconda madre. Le mie conversazioni con lei ora sono superficiali come con il barista della caffetteria locale. Se mi chiede come sto, non le dico la verità. Non è interessata. Parlando di questo con uno psicologo e disfacendo la storia pre-adozione di mia madre, abbiamo dedotto che ero una sorta di figlio sostitutivo per un primogenito perso a causa di complicazioni post-partum. Se poi aggiungi un'inquadratura religiosa fondamentalista, come essere salvato da un paese devastato dalla guerra era tutto il piano di Dio, allora ci si può rendere conto di quanto questo sia de-validante e di come abbia ritardato il disimballaggio e l'elaborazione dell'intera esperienza di adozione.

I mesi successivi al primo viaggio con i funghi mi hanno sensibilizzato molto di più alle situazioni emotive. I miei anni precedenti di lavoro in emergenza sanitaria, avevano sviluppato una capacità di disimpegnarsi emotivamente da situazioni difficili che era un meccanismo protettivo comune sviluppato da molti paramedici. Ma ora vedevo e sentivo tutto, in particolare la sofferenza e il dolore. Guardare cose come una donna al telegiornale piangere per la morte di suo figlio, o un soldato che fa una smorfia di dolore, alle prese con esercizi di riabilitazione è diventato inguardabile per me. Quel dolore e quell'angoscia profondi e genuini mi collegarono istantaneamente al dolore che ora viveva dentro di me. Ho iniziato a provare compassione per il mondo e per me stesso. Ho visto così tanto dolore e sofferenza nel mondo. Sembrava quello di cui era fatto il mondo. Ho sempre trovato i bambini belli e affascinanti, ma anche adesso c'era qualcosa di triste nello stare con loro. Forse era vederli con i propri genitori. Vedendo quello sguardo di collegamento che fanno con le loro madri e che viene restituito in natura. Quella connessione e comunicazione non verbale primordiale. Vedere madri e bambini amorevoli fare questo, mi schiaccia dentro.

Per la prima volta ho provato rabbia nei confronti di mia madre naturale e in seguito di mia madre adottiva. Nel corso degli anni c'erano stati tentativi di localizzare mia madre naturale attraverso programmi di ricerca e connessioni personali. Avevo visto molti documentari su genitori e figli che si riunivano dopo molti anni di ricerche e spesso non era un finale da favola. Intellettualmente potrei entrare in empatia con una giovane madre disperata in un terzo mondo o in un paese dilaniato dalla guerra, che dà il figlio in adozione. Ma le cose adesso erano diverse. Ho pensato spesso a come sarebbero andate le cose se ci fossimo trovati ora, che tipo di relazione avremmo avuto o vorremmo avere. So che la cultura e la tradizione familiare di solito dettano il modo in cui opera una relazione genitore-figlio. Ma le cose ora sono diverse e sarebbero diverse. Posso quasi sentire l'aggressività dentro di me mentre mi rilasso contro le aspettative di una persona e di una situazione che potrebbero non verificarsi mai. Una futura relazione sarebbe alle mie condizioni, a quelle di nessun altro. Certamente non qualcuno che mi ha lasciato senza niente. Ma è tutto ipotetico. Ora sono più grande, quindi probabilmente è morta comunque. Penso di poterlo lasciare andare. Ma ci vorrà del tempo.

Per quanto riguarda mia madre adottiva, la sua indifferenza e i suoi giudizi mi restano nel collo ogni volta che ci impegniamo in una conversazione educata e superficiale. Conosco la sofferenza che ha attraversato allattando il suo unico compagno di vita, mio padre, durante il lungo addio, ma questo è il ciclo della vita. La sua vita da manuale. Aveva tutto quello che io non avrò mai. La vita che non avrò mai. Per una che professa di vivere nella speranza di promesse e miti religiosi, non ha molto senso per me la visione del mondo egocentrica che ha ora, la mancanza di gioia nella sua vita e l'allontanamento dalla sua stessa famiglia.

Penso di essere sempre stata una persona disciplinata quando si tratta di fare le cose che devo fare. Sapevo che cose come l'esercizio fisico, il sonno, il mangiare bene, contribuiscono tutti a una buona salute mentale. Leggendo James Gordon's "La trasformazione: guarire dal trauma per diventare di nuovo integri” mi ha incoraggiato ad aggiungere la meditazione alla mia routine di auto-mantenimento. Accoppiato con la lettura di Sam Harris "Spiritualità senza religione“Sono stato in grado di avvicinarmi alla meditazione come uno strumento di auto-creazione e consapevolezza senza inutili riempitivi religiosi o esoterici. Qui ho scoperto come trovare il piacere nel solo respirare. Respiriamo costantemente ma non ci accorgiamo mai di come questa semplice funzione automatica possa semplicemente far star bene. La meditazione mi ha anche permesso di ridiscendere profondamente nel subconscio in numerose occasioni come un mini viaggio psichedelico. Con i giusti schemi di respirazione e l'ambiente, potrei raggiungere quel luogo ed esplorare ulteriormente le profondità della mia coscienza. Spesso mi ha portato più lacrime, dolore e nuove intuizioni su me stesso, ma mi ha anche permesso di isolare il mio dolore in uno spazio fisicamente definibile. Prima del viaggio con i funghi, era diffuso, sotto la superficie, trascinandomi sempre verso il basso. Come calpestare le acque dell'oceano con la distesa nera appena sotto i tuoi piedi, aspettando che ti stanchi e sprofondi nelle oscure profondità. Da allora, con più meditazione, ora è molto più evidente ed esplicito, come un pesante mattone conficcato nel mio petto ogni volta che ricordo lo spazio in cui la mediazione o le sostanze psichedeliche mi permettono di andare. Non mi afferra più dal basso. È qui con me ora, portata stretta nel mio petto – pesante.

Continuo ad essere paziente. Riporre fede nei poteri curativi del corpo e della mente. Ma le cose sembrano durare per sempre. È come essere in uno schema di mantenimento del volo. So dove voglio andare ma non riesco ad atterrare, quindi continuo a girare in tondo, sperando che il carburante non finisca.

Ho iniziato le arti marziali Brazilian Jiu-Jitsu che si sono rivelate una grande fonte di distrazione e terapia mentale, inoltre è più terapeutico cercare di strangolare qualcuno che parlare con uno psicologo dei miei sentimenti per un'ora. Essere così stanco e dolorante dopo l'allenamento significa che crollo nel sonno completamente esausto, senza energia per la mente per iniziare stupide conversazioni con se stessa. Ma come attestano le mie articolazioni e le mie membra doloranti, l'età sta iniziando a farsi sentire. Sembra che il corpo non possa sempre incassare gli assegni che la mente vuole emettere.

Prima del viaggio dei funghi, il mio sollievo era il pensiero di avere il controllo per porre fine alle cose ogni volta che lo desideravo. Che lo facessi o meno non era il punto, era la sensazione che potevo. Dopo il viaggio, non riuscivo a localizzare quella sensazione. Sembrava che quella capacità dentro di me fosse sparita. Sembrava una buona cosa in quel momento. Ma ora alcuni giorni non ne sono così sicuro. Pensare di non avere la capacità di liberarmi, significa che sono intrappolato qui. L'unica speranza che avevo prima, l'idea che mi dava sollievo, è svanita. Alcuni giorni sono indeciso se rimpiangere o meno il viaggio, poiché mi ha tolto l'unica speranza che avevo che mi ha portato in questi ultimi decenni.

Rifarei i funghi o li consiglierei? Decisamente. Mi ha dato una diagnosi. È arrivato al nocciolo del mio problema. Ma dopo alcuni anni, avevo bisogno di rivalutare la mia posizione. Avevo bisogno di una prognosi della situazione perché sembrava che le cose si fossero fermate, o forse regredite un po' dal contrasto che avevo visto per la prima volta.

Ho programmato un altro giorno per un viaggio con la psilocibina. Ma dopo venti minuti passati a guardare la dose secca macinata sul banco della cucina, non riuscivo a farlo di nuovo. L'ultima volta è stata così straziante.

Avevo una piccola pastiglia di LSD nel congelatore, come faccio io, e ho deciso di prenderne mezza compressa e fare un po' di meditazione. L'LSD ha lo stesso effetto sulla mente della psilocibina. Ho preso solo la metà perché non volevo un viaggio pesante come l'ultima volta. Quanto basta per spegnere la rete in modalità predefinita e farmi valutare le cose.

Penso di aver dimenticato la concentrazione delle pastiglie perché l'effetto è stato lo stesso dei funghi, più forte di quanto mi aspettassi. Forse l'equivalente di circa ¾ della dose originale. Potevo sentirmi scivolare nella mia mente come prima, non così in profondità, ma abbastanza per vedermi.

Questa volta c'era una casa e io ci stavo seduto da solo al buio. Non c'era nessuna sensazione di angoscia, urgenza di fuga. Solo rassegnazione. Questa casa ero io. Una rappresentazione di me stesso e della mia vita, ma era fuori controllo e pericolosa. Ho dovuto costruire questa casa da solo senza alcun aiuto e senza gli strumenti giusti. Sono ancora riuscito a mettere insieme qualcosa che sembrava una casa. Ma sapevo che era incompleto e aveva le basi mancanti. Da lontano sembrava a posto, ma quando mi sono avvicinato e dentro, ho potuto vedere che non era giusto. Nessuno vorrebbe restare qui. È troppo tardi per demolire tutto e ricominciare.

Che prognosi deludente. Forse mi sono sopravvalutato e mi sono aspettato troppo e troppo presto, quindi sono tornato al lavoro come al solito. Continua a fare le cose che gli esperti dicono che devo fare. Non ho scelta davvero. Posso succhiarlo ancora per un po', anche se mi sembra di voler solo tornare a casa. È così che mi sento adesso, come se stessi aspettando di tornare a casa ovunque sia, in questa vita o nella prossima. Voglio solo andare a casa. Non vedo l'ora di tornare a casa.

È una settimana nera per gli adottati in Europa

di Soorien Zeldenrust e Dong-Mi Engels che scrivono questo articolo per conto del Coaching adottato e adottivo (AFC) squadra, Paesi Bassi.

Immagine: Charlie Mackesy

Stare fermi con l'oggi, con la vita, sopravvivere e arrendersi. Sei stanco e non vuoi più sentirti. Desideri trovare un percorso, lontano dal dolore e dalla tristezza.

Un giorno in cui 6 denunce di suicidio di adottati internazionali, avvenuti tutti intorno al capodanno, sono ora arrivate ai nostri colleghi di Adoptee & Foster Coaching (AFC). Uno dall'India, due dalla Corea, tutti e 3 adottati nei Paesi Bassi; uno dall'India, uno dal Cile, entrambi adottati in Belgio; uno dal Cile adottato in Germania.

Rendere sopportabile l'insopportabile

Il tuo corpo si è spezzato nel momento in cui sei stato separato dal tuo impegno più grande: tua madre e le tue origini. Una volta in una nuova famiglia e in un altro paese sarai obbligato ad attaccarti a questo. Non solo dall'ambiente, ma anche da te stesso per sopravvivere. Da bambino puoi stare con te stesso solo adattandoti. Quando i "problemi" arrivano in seguito, verranno minimizzati o l'ambiente circostante cercherà di "risolvere il problema". Dopotutto, eri così ben sistemato (leggi: devastato).

Stai invecchiando, la sensazione indimenticabile e l'essere diversi da ciò che ti circonda rimane presente nel profondo e lentamente sale in superficie. Presto si arriva al punto che non si possono più ignorare problemi relazionali (ricorrenti), problemi sul posto di lavoro o problemi di salute. Dove dovresti cercarlo e con chi dovresti stare? C'è qualcuno che può davvero capire cosa stai passando e cosa provi? Di solito non nelle tue immediate vicinanze e nemmeno dai professionisti regolari. Eppure vuoi porre fine al dolore intenso, alla tristezza non elaborata e al (doppio) dolore. Desideri la fine del desiderio di una casa o di un luogo, quel desiderio di hiraeth, una profonda nostalgia.

Alcuni di noi raggiungono un punto in cui non vogliono più sentire tutto questo e non possono più sopportare il confronto. Si sentono anche in colpa nei confronti dei loro genitori adottivi perché non riescono a sopportare la pressione di essere "felici". Sono finiti.

Condividendo questi pensieri senza speranza e le più grandi paure con persone che la pensano allo stesso modo, puoi sfondare questo e sentirai che non sei più solo. Va davvero meglio. Puoi gestire questo dolore e imparare ad abbracciarlo perché lo capirai e non dovrai mai più indossarlo da solo.

Noi allenatori dell'AFC purtroppo non possiamo impedire quello che è successo lo scorso capodanno. Ci sono persone adottate che non vedono via d'uscita. Tutto quello che possiamo fare è essere lì per te quando sei pronto per raggiungere e chiedere supporto. Dando riconoscimento e condivisione, vogliamo farti sapere che non sei solo e che c'è un posto dove imparare ed essere te stesso, con tutte le tue domande, tristezza, paure e pensieri. Fatti conoscere e fatti ascoltare. Forniamo un orecchio che ascolta, la corretta assistenza post-vendita e la necessaria consapevolezza nel mondo esterno.

Contattaci al AFC o qualsiasi professionista adottato situati in tutto il mondo se desideri supporto.

Puoi contribuire ad aumentare la consapevolezza dell'aumento del rischio di suicidio tra gli adottati condividendo il nostro post. Vedi anche il Memoriali internazionali degli adottati ICAV pagina.

In tutto il mondo, gli adottati internazionali si suicidano 4-5 volte di più rispetto alla media dei non adottati. Ciò si verifica soprattutto quando gli adottati non riescono a trovare i loro primi genitori e parenti e sono molto vulnerabili durante le festività natalizie.

Per le migliaia di compagni adottati che non sono più in mezzo a noi, condividiamo Doppio concerto di Bach in re minore 2° movimento in loro onore.

Hilbrand Westra, fondatore dell'AFC

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%