Trovare la pace dopo l'adozione

Non posso credere che sia passato poco più di un anno da quando ho filmato 8 persone straordinarie che hanno condiviso apertamente la loro esperienza e la loro visione della vita come adottati internazionali. Nelle prossime settimane voglio mettere in evidenza i singoli video del ns serie di video, che aiutano a condividere le complessità dell'essere adottati.

Ecco Jonas che racconta il suo viaggio per trovare la sua pace interiore, facendo i conti con le perdite, le lotte e i guadagni derivanti dall'essere adottato in età avanzata da Haiti in Australia. Vale la pena condividere soprattutto per i giovani maschi adottati di colore che spesso lottano in silenzio con pochissimi modelli di ruolo o specchi razziali. Essere adottati non significa sempre una lotta senza fine. Jonas parla di, non importa quanto sia difficile il viaggio, è possibile raggiungere un luogo di accettazione e pace quando ci si impegna a fondo per esplorare i nostri inizi, venire a patti con le nostre realtà e trovare una strada.

Ascolta la condivisione di Jonas nel video facendo clic sull'immagine qui sotto.

Jonas

risorse

Corsa e Trauma risorse specifiche per l'adozione internazionale

Haitiano del mese: Jonas Désir

Speranza per Haiti: Viaggio di speranza

Adottato dall'India al Belgio

di Annick Boosten, adottato dall'India al Belgio, co-fondatore di Adotta Schakel.
Molte grazie a Maureen Welscher e Jean Repplier per il testo originale e la traduzione.

A proposito di me

Annick Boosten

Sono stato adottato dall'India all'età di quattro anni. I miei genitori avevano già un figlio David, che ha quattro anni più di me. C'era un altro figlio ma sfortunatamente aveva una malattia metabolica che lo uccise quando aveva otto mesi. Poiché la malattia era ereditaria (anche David sembrava averla, solo in misura minore) i miei genitori decisero di adottare un bambino. I miei genitori sono persone laboriose che sono sempre occupate, il tipo che dice sempre: "Non lamentarti, vai avanti e basta". È così che mi hanno cresciuto.

Mia madre ha lavorato furiosamente per insegnarmi la lingua olandese in modo che potessi andare a scuola il prima possibile perché sono venuta da loro a dicembre e poi a gennaio dovevo andare a scuola. Quando obiettavo e dicevo: "Sono sicuro che lo fanno in modo molto diverso in India", mia madre ha risposto: "Non sei in India, sei in Belgio ed è così che facciamo qui". Sono molto felice con i miei genitori ma a volte mi sarebbe piaciuto che mi conoscessero un po' meglio, che fossero un po' più empatici. Da bambino ero sovraccaricato di vestiti costosi e tutti i tipi di giocattoli elettronici come compenso perché i miei genitori lavoravano così duramente. Durante le vacanze, sono stato mandato in tutti i tipi di campi in modo che i miei genitori non dovessero allontanarsi dal lavoro. Avrei preferito di gran lunga se fossimo stati coinvolti da vicino come famiglia e i miei genitori avessero trovato il tempo per noi di fare cose divertenti insieme. Avrei preferito una giornata in spiaggia piuttosto che una X-box o una Playstation.

Ora che ho un figlio mio, gli do un bacio ogni giorno e gli dico quanto sono felice con lui. Lo faccio anche in quei momenti in cui potrei essere un po' arrabbiato perché lui non vuole dormire. Mi mancava quel tipo di interazione con i miei genitori.

Annick e suo figlio

Pensieri sull'essere adottato

Quando sono entrato nella nostra famiglia, ai miei genitori era già stato detto dall'orfanotrofio: “Farai meglio a stare attento, ricorda un sacco di cose”. Ho raccontato a mia madre storie intere su una casa blu, su una signora che si prendeva cura di me, che c'erano stanze con altri bambini piccoli. L'ho raccontato in modo così dettagliato che mia madre ha deciso di scriverlo. Quando ho visitato la casa dei bambini nel 2018, le pareti si sono rivelate dipinte di blu. La donna nei miei ricordi era probabilmente la mia madre biologica. La dichiarazione ufficiale è che entrambi i miei genitori biologici erano morti e che quindi ero idoneo per l'adozione.

All'età di vent'anni, ogni tipo di scandalo è stato rivelato sugli abusi nelle adozioni indiane. Avevo già sentito queste storie da altri adottati indiani, ma i miei genitori erano infastiditi se iniziavo a parlarne. Non riuscivano proprio a credere che qualcosa di così nobile come l'adozione potesse essere fraudolento. I miei genitori sono cattolici rigorosi e avevano voluto fare qualcosa di buono adottando. Queste storie non si adattavano alla loro visione delle cose. Quando l'associazione di adozione responsabile dell'accompagnamento dei bambini indiani in Belgio, De Vreugdezaaiers, è stata sciolta, non hanno più potuto chiudere gli occhi sugli abusi delle adozioni indiane. Da bambino andavo sempre alle giornate in famiglia che organizzavano per i bambini adottivi indiani e i loro genitori. Ho quindi deciso di stabilire l'Adoption Link. Adotta Schakel significa connettere le persone e metterle in contatto tra loro. In tal modo, ci concentriamo principalmente sul mondo delle adozioni in cui ci sforziamo di rafforzare il legame tra gli adottati e tra i genitori naturali. Aiutiamo anche gli adottati che cercano i loro genitori biologici attraverso la ricerca del DNA.

Non ero mai stato così preoccupato delle mie origini prima. Per anni ho avuto una relazione con un ragazzo che non era per niente disponibile. Pensava che non avesse senso andare alla ricerca delle mie radici. Dovevo continuare a costruire la mia vita qui e lasciarmi il passato alle spalle, o almeno così pensava. Quindi non mi sentivo davvero supportato. Quando quella relazione è finita, sono stata coinvolta con Ionut. È un adottato rumeno, cosa che non sapevo all'inizio della nostra relazione. Dopo due settimane l'ho scoperto. Avevo già notato che si abbronzava molto rapidamente al sole, mentre tutti gli uomini belgi erano ancora pallidi durante l'estate. Poi mi ha detto che era a causa dei suoi geni rumeni. Ero geloso del legame che aveva con la sua famiglia rumena. Ogni anno andava in vacanza lì. A un certo punto ho pensato: “Questo è quello che voglio anch'io! Forse posso anche trovare nuovi contatti all'interno della mia famiglia biologica”.

Avere una famiglia tutta mia

Quella sensazione mi ha davvero preso quando ho voluto fondare la mia famiglia. Ho fatto un test del DNA e, con mia grande sorpresa, sono apparse numerose corrispondenze. Sembra che molti della mia famiglia biologica fossero stati dati in adozione. Il nonno di mio padre aveva sette figli e tutti li diedero in adozione. Ho contatti con alcuni di loro in America tramite Facebook. Risultò anche che mio padre non era morto. Attraverso suo fratello, sono entrato in contatto con lui e ho deciso di visitarlo nel 2018. È stata un'esperienza terribile. Ero incinta di appena tre mesi e mi sentivo terribilmente male. Anche mio padre si rivelò malato di una specie di malattia contagiosa. Era in quarantena e ho avuto contatti con lui attraverso un buco nel muro. Non mi è stato permesso di avvicinarmi di più. Il tassista indiano ha tradotto le mie domande e le risposte di mio padre, cosa che ha richiesto un'eternità. Avevo scritto molte domande, ma alla fine mi sono dimenticato di farle. Ad ogni modo, ho fatto la domanda più importante: "Perché sono stato dato in adozione?" E la fredda risposta è stata: "Quando tua madre è morta, ho dato a mio fratello i soldi per portarti in un orfanotrofio. In questo modo potrei andare avanti con la mia vita e sposare una nuova donna". Mio padre pensava che non fosse affatto da biasimare. In India era proprio così. Sono rimasto stupito. Non aveva alcun rimorso e non è mai andato a cercarmi. Aveva appena continuato la sua vita, coinvolto con un'altra donna con la quale aveva concepito dei figli. Ha osato chiedermi se mi sarebbe piaciuto incontrarli. Gli ho detto: "Grazie, ma no grazie. Non sono affatto interessato ai fratellastri o alle sorelle». Ho anche detto che avrei preferito suicidarmi piuttosto che dare via mio figlio, cosa che secondo lui era molto strana. Quando l'ho salutato, gli ho detto che non volevo ulteriori contatti e sembrava che gli andasse bene. Tuttavia, mi ha dato un nome della famiglia di mia madre. Mi ha detto che veniva dallo Sri Lanka e che dovevo cercare la sua famiglia lì. Un giorno lo farò, ma ora non ne ho voglia. Lo farò quando James sarà abbastanza grande da rendersi conto di cosa significa per me cercare una famiglia biologica, forse quando avrà circa otto o dieci anni.

Quando gli adottati mi hanno chiesto: "Devo cercare o no?" Rispondevo sempre: "Sì". Continuo a pensare che sia bello sapere da dove vieni. Non è sempre facile affrontare una brutta esperienza. Conosco persone a cui ho consigliato di farlo e che, dopo essere tornate a casa, sono rimaste molto turbate perché l'incontro non era quello che avevano sperato. Mi sento in colpa per questo. Anch'io ho avuto un brutto incontro ma preferisco condividere la mia opinione e le mie esperienze. La scelta poi spetta a loro. Fortunatamente posso guardarlo e pensare: "È proprio così". Mi sarebbe piaciuto che fosse stato diverso, ma è così che va. Il cinquanta per cento dei miei geni sono comunque suoi. Quindi tutte le cattive qualità che ho, posso attribuirle a mio padre, ahah. Quando sono di cattivo umore, grido: "Scusa, sono i geni di mio padre!"

Essere in una relazione con un altro adottato

Avere una relazione con qualcuno che è anche adottato è molto bello. Ionut e io ci capiamo davvero. Ad esempio, capire cosa significa essere lontani dalla propria cultura biologica e dai propri genitori, doversi adattare in un paese adottivo, la sensazione di essere un estraneo. Le aree in cui non ci capiamo possono essere un ostacolo perché entrambi abbiamo storie di adozione molto diverse e il nostro "bagaglio". A questo proposito, la nostra storia di adozione è completamente diversa.

Annick & Ionut

Non avevo mai realizzato quanto fosse importante per me avere un mio figlio biologico, qualcosa di così strettamente connesso a me che porta il mio DNA. Ho tenuto James tra le braccia e ho visto come mi assomigliava e quanto mi faceva sentire felice. James è chiaramente un prodotto mio e di Ionut. Mi piace vedere in lui delle somiglianze con me stesso, che non mi sarei mai aspettato mi avrebbero reso così felice. Come genitori, entrambi vogliamo trascorrere più tempo con nostro figlio rispetto ai miei genitori. Il legame familiare è molto importante per entrambi. Dico sempre: "Tuo figlio è il tuo cimelio, non la tua proprietà". Vogliamo dargli calore, amore, affetto e fiducia e, soprattutto, gli è permesso di essere se stesso.

Trauma di transizione per gli anziani adottati

Sento da sempre più adulti adottati all'estero, adottati in età avanzata, di alcune delle loro esperienze traumatiche nella transizione dalla loro terra d'origine al loro paese adottivo. Riconosco che questo non è l'unico strato di trauma che sperimentiamo nella nostra adozione o rinuncia e che la transizione per gli adottati più giovani può essere altrettanto traumatica. La differenza fondamentale per gli adottati di età più giovane è che possono crescere non riuscendo a verbalizzare l'esperienza a causa della mancanza di sviluppo del linguaggio al momento della transizione.

Mi chiedo perché le agenzie di adozione e i governi non stiano investendo più risorse per garantire che queste importanti transizioni vengano eseguite meglio, soprattutto considerando che sono le adozioni di età avanzata la maggior parte delle adozioni internazionali fatte oggi in tutto il mondo.

I bambini più grandi e con competenze linguistiche devono avere una comprensione più chiara di cosa significhi essere adottati in un altro paese e famiglia, a parte gli esempi di "mucchi di giocattoli e cibo" che sono gli ovvi benefici materiali. Forse gli stessi orfanotrofi non hanno idea degli impatti e delle complicazioni sperimentate nell'adozione internazionale, quindi come potrebbero sapere come preparare meglio i bambini dal punto di vista emotivo? I governi di invio e di accoglienza che autorizzano le agenzie di adozione a facilitare le adozioni dovrebbero avere la responsabilità di preparare meglio i bambini e ridurre il trauma della transizione!

Alcuni suggerimenti:

  • Ai genitori adottivi potrebbe essere richiesto di visitare l'orfanotrofio e il bambino nel suo paese di nascita più volte, prima che il bambino sia trasportato in aereo all'estero. Fai alcune esperienze per legare e connettere insieme nel paese del bambino prima di essere espulso.
  • Ai genitori adottivi potrebbe essere richiesto di vivere per x mesi nella città del bambino dopo l'adozione prima di portare il bambino a casa per garantire che non si verifichino troppi cambiamenti in una volta e per consentire al bambino una certa continuità per rimanere in contatto con gli altri bambini o badanti dell'orfanotrofio. I genitori avrebbero poi conosciuto gli altri bambini che erano importanti per il loro bambino appena adottato.
  • Una persona che si prende cura del bambino, qualcuno che il bambino conosce e di cui si fida, potrebbe viaggiare con il bambino e rimanere con la famiglia per i primi mesi per ridurre il trauma. Ciò aiuterebbe il personale dell'orfanotrofio a diventare più consapevole della realtà della transizione per il bambino all'ingresso nel nuovo paese di adozione e un feedback per preparare meglio i futuri bambini.
  • L'educazione potrebbe essere data agli orfanotrofi sul trauma che la transizione crea, dagli stessi adulti adottati.
  • Ai genitori adottivi potrebbe essere richiesto di parlare fluentemente la lingua del bambino prima di accoglierlo. Ciò garantirebbe che un elemento della transizione che può potenzialmente creare traumi a causa dell'impossibilità di comunicare, non si aggiunga inutilmente all'insieme dell'essere un'esperienza travolgente.
  • Sia i governi di invio che quelli di accoglienza potrebbero ascoltare di più gli adulti adottati all'estero sull'esperienza della transizione e imparare dalle nostre opinioni.
  • Il bambino potrebbe essere valutato psicologicamente, da un punto di vista del benessere emotivo, per stabilire in che modo il trauma aggiuntivo della transizione e dello sradicamento da tutto ciò che sa, potrebbe avere un impatto su di lui - e quindi sviluppare un piano con un lasso di tempo ragionevole per il bambino benessere.

L'adozione non dovrebbe essere nell'"interesse del bambino"? Dobbiamo muoverci verso un modello che incorpori una visione dell'"intero viaggio" sugli interessi del bambino che cresce, non solo la posizione estremista della sopravvivenza immediata o mortale che sembra giustificare l'adozione internazionale e come viene condotta ancora oggi.

voglio condividere L'esperienza di Jayme per evidenziare i miei punti sopra. Jayme è un'adozione internazionale coreana, cresciuta negli Stati Uniti dall'età di 4,5 anni. La sua esperienza ci dice quanto siano forti i ricordi e il trauma della sua transizione dalla Corea agli Stati Uniti.

In precedenza ho condiviso un altro da Adottata thailandese Min e ha brevemente menzionato il trauma che ricordava nella sua transizione.

Spero che condividere queste esperienze serva a ricordarci come si vive l'adozione internazionale dal bambino. Si cresce e le nostre esperienze hanno bisogno di essere riconosciute. La politica e i processi di adozione internazionale da parte di governi e agenzie di tutto il mondo farebbero bene a garantire risultati migliori per coloro che seguono imparando da noi che li viviamo.

Italiano
%%piè di pagina%%